SCHEDA PROGETTO ALLEGATO ALL ACCORDO TERRITORIALE DI GENERE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA PROGETTO ALLEGATO ALL ACCORDO TERRITORIALE DI GENERE"

Transcript

1 Pag 1 di 10 Provincia Progetto n. 1 Siena DATI DI SINTESI Titolo progetto : Relazioni di genere: dall infanzia all adolescenza 3 Acronimo: ReGen 3 Durata progetto: Anno scolastico 2013/2014 Costo complessivo ,00 Allegato all accordo territoriale di genere sottoscritto in data 26 settembre 2013 Soggetto attuatore del progetto Ovvero colui che gestisce la spesa Soggetto/i partner/s del progetto Unione dei Comuni Amiata Val d Orcia Eurobic Toscana Sud Atelier Vantaggio Donna Judo Kwai Amiatino Scuole del territorio Amiata Val d Orcia

2 Pag 2 di 10 PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Parte 1 - Identificazione e descrizione del progetto 1a Tipologia progettuale Indicare la tipologia progettuale del progetto fra quelle indicate nel documento di attuazione 2013 (DGR 407/2013) 1 [X] Azioni di formazione nelle scuole volte alla lotta agli stereotipi di genere e in particolare a favorire l equa distribuzione delle responsabilità familiari uomo-donna 2 [ ] Azioni di valorizzazione della figura femminile nelle professionalità e nella condizione socio economica 3 [ ] Interventi specifici nei tempi ed orari della città volti alla conciliazione vita-lavoro con riferimento ai servizi scolastici integrativi (pre-post scuola centri estivi ecc) 4 [ ] Interventi specifici di politiche family friendly che le aziende private/pubbliche possono offrire ai loro dipendenti con riferimento all attivazione o implementazione (in termini di posti disponibili o orario di servizio) di asili nido aziendali pubblici e privati (escludendo le spese di investimento) e all attivazione di formule organizzative facilitanti la conciliazione vita lavoro (flessibilità oraria, telelavoro). 1b - Ambito di realizzazione del progetto Indicare l ambito territoriale in cui si realizza il progetto Tutti i comuni che gestiscono in forma associata tramite l Unione dei Comuni il servizio Pari Opportunità e nello specifico Abbadia San Salvatore, Castiglione d Orcia, Montalcino, Piancastagnaio, Pienza, Radicofani e San Quirico d Orcia. 1c - Sintesi del progetto Fornire una breve descrizione del progetto indicando l oggetto, gli obiettivi, le finalità e i bisogni cui si intende rispondere Il progetto per l anno scolastico 2013/2014 si pone in continuità con il lavoro già condotto negli anni scolastici 2010/2011, 2011/2012 e 2012/2013 con l obiettivo di consolidare le azioni volte al superamento degli stereotipi di genere, nelle scuole dell infanzia, primaria, secondaria di primo e secondo grado dei comuni dell area Amiata Val d Orcia. Trattandosi di un progetto alla quarta annualità, terza di finanziamento, abbiamo avuto modo di riscontrare l interesse delle scuole verso la tematica a conferma che è sentita da genitori ed insegnati la percezione che azioni volte al superamento degli stereotipi possono dare risultati tangibili solo nel lungo periodo e se sono attuate e finanziate con continuità. Pertanto le scuole del nostro territorio intendono concretamente perseguire il superamento degli stereotipi di genere partecipando attivamente. Il percorso sviluppato nelle scuole negli anni precedenti ha permesso anche di avviare un confronto costante con il Centro Antiviolenza operante nell Amiata Val d Orcia. Importante per il territorio dell Amiata Val d Orcia anche il corso di formazione per operatrici del Centro Antiviolenza che si è svolto tra ottobre 2012 e maggio Tale corso ci ha permesso di qualificare gli operatori già attivi e di formarne di nuovi. Le tematiche del femminicidio, dello stalking, del mobbing ed in generale della violenza contro le donne sono di drammatica attualità, e l alta partecipazione ai corsi di formazione per adulti e l adesione da parte degli istituti scolastici testimonia l interesse della società civile locale a comprendere meglio e porre un argine ai comportamenti discriminanti tra i generi maschile e femminile. Nell ambiente scolastico le differenze di genere emergono quotidianamente in ogni situazione pratica: nella

3 Pag 3 di 10 gestione dei giochi, nella suddivisione dei compiti vengono solitamente sottolineate la presenza di differenze e la loro difficoltà ad affrontarle. Inoltre, alcuni insegnanti hanno sottolineato come sarebbe opportuno allargare la riflessione per mostrare agli alunni come i meccanismi su cui si basa la discriminazione di genere siano paragonabili a quelli presenti in altre forme di discriminazione, individuando tutte quelle dinamiche per cui un gruppo è identificato come dotato di minore dignità rispetto ad altri. Quest anno intendiamo, inoltre, affiancare ai moduli di carattere psicologico anche un modulo destinato alla psicomotricità, riservato agli alunni della scuola primaria. Il gioco, infatti, riveste un ruolo determinante nella formazione e maturazione del bambino e desta curiosità ed interesse. Nell arco di cinque incontri verranno sviluppati: 1) esercizi fisici tipicamente femminili nell immaginario comune; 2) esercizi fisici tipicamente maschili sempre nell immaginario collettivo; 3) presentazione di una disciplina sportiva paritetica per i generi maschile e femminile, come la judo; 4) lezione di judo a coppie miste con esercizi a terra; 5) lezione di judo a coppie miste con esercizi in piedi. L obiettivo è quello di costruire una visione non stereotipata delle abilità anche fisiche che il genere maschile e quello femminile possono acquisire. Sul piano dei moduli di carattere psicologico, invece, gli alunni delle scuole dell infanzia e primaria saranno coinvolti in attività aventi l obiettivo di individuare gli stereotipi di genere, attraverso l identificazione di atteggiamenti e comportamenti rigidi attribuiti agli appartenenti ad un dato gruppo riconosciuto come altro rispetto a quello di appartenenza. Gli alunni delle scuole medie inferiori e superiori, invece, saranno coinvolti in attività aventi l obiettivo di saper leggere criticamente la strutturazione dei ruoli di genere e le relative asimmetrie. Le azioni rivolte agli alunni della scuola dell infanzia e della primaria saranno articolate all interno di un piano organico con i seguenti obiettivi: offrire temi di analisi, di riflessione e di confronto alle e agli insegnanti perché abbiano strumenti sempre più sofisticati per affrontare il problema e poter continuare in classe la sperimentazione avviata dai/le facilitatici; condurre una sperimentazione sostenuta da facilitatori/trici, esperti/e, preferibilmente nelle classi materne, elementari e medie, basata sulle possibili modalità di fuoriuscita dal congelamento di senso rappresentato dagli stereotipi; coinvolgere i genitori, madri e padri, in una elaborazione dei propri stereotipi e dei propri comportamenti ed atteggiamenti nella relazione che stabiliscono tra loro e con i loro figli/e. Le azioni rivolte alla scuola secondaria di primo grado, invece, avranno i seguenti obiettivi: favorire nei ragazzi e nelle ragazze la capacità di leggere criticamente l attuale strutturazione dei ruoli di genere e le relative asimmetrie, così da avere un ruolo attivo nella costruzione di una diversa cultura di genere; sostenere la loro capacità di valorizzare sé stessi e le proprie scelte anche se poco in linea con gli stereotipi di genere; sostenere il processo di costruzione dell identità di genere e valorizzare la sua influenza nella scelta del percorso di apprendimento e nella costruzione del successo scolastico, così come nella realizzazione professionale e personale e nelle relazioni interpersonali; condurre ognuno a riconoscere in sé i bisogni di affetto, di vicinanza e accudimento e ad esprimerli come momenti che non sottraggono autorevolezza e forza ma che portano ad essere modelli credibili e positivi di uomini e di donne. Gli elementi propri degli stereotipi di genere, secondo i quali le donne e gli uomini presentano naturalmente determinati elementi caratteriali, specifiche attitudini e competenze in quanto donne e in quanto uomini, influiscono in modo significativo nelle scelte che ragazzi e ragazze compiranno nel corso della loro vita. Diventa quindi funzionale allo sviluppo individuare soluzioni mirate ad un riequilibrio della composizione di genere e lo si può fare proponendo una messa in discussione di quei modelli stereotipati che agiscono in profondità nell immaginario e nel percorso identitario di ragazze e ragazzi. Invece, le azioni rivolte ai ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado si proporranno di: far scoprire ai ragazzi e alle ragazze quali sono le differenze tra una relazione interpersonale sana e una relazione condizionata dagli stereotipi;

4 Pag 4 di 10 aiutare i ragazzi e le ragazze ad andare oltre gli stereotipi che creano disagio nelle loro relazioni; riconoscere la responsabilità di chi personalmente o collettivamente alimenta stereotipi di genere; promuovere il ruolo attivo dei ragazzi e delle ragazze nel contrasto agli stereotipi; sensibilizzare i ragazzi e le ragazze sulle conseguenze che possono avere gli stereotipi sul loro benessere e le loro scelte. Decostruire gli stereotipi sessisti è un investimento a lungo termine volto a favorire uno sviluppo sostenibile per i generi e le generazioni, ma è anche un investimento a breve termine se intercettiamo i ragazzi e le ragazze nel momento in cui vanno sperimentando le loro prime relazioni amorose. Il tema della differenza di genere in fase adolescenziale è strategico nella costruzione di relazioni amorose sane. Scoprire come lo stereotipo agisce, si materializza nei flirt, nei primi approcci, nelle prime storie d amore e nelle prime esperienze sessuali diventa un modo concreto per affiancare gli adolescenti nei loro percorsi di vita. Il presente progetto punta anche a costruire una palestra dove i ragazzi e le ragazze si possono esercitare a immaginare altro, figurarsi cosa succede quando maschile e femminile si liberano da modelli rigidi, si riconoscono, si valorizzano, si nutrono di reciprocità empatica e si integrano. Le attività legate al progetto ReGen3 saranno realizzate all interno dei gruppi-classe, al fine di promuovere la riflessione individuale e di gruppo, l elaborazione di un pensiero critico verso le relazioni in cui viene esercitato/subito il controllo, e lo sviluppo di emozioni proprie, nel qui ed ora, in relazione al tema oggetto di lavoro. Il progetto coinvolge gli alunni delle scuole dell Amiata Val d Orcia, dalla scuola dell infanzia alle scuole secondarie di secondo grado. Le attività previste si svilupperanno in una serie di incontri, durante l intero anno scolastico 2013/2014, tenuti da personale qualificato, specializzato in relazioni di genere, presso i singoli istituti scolastici. 1d Indicare se il progetto fa parte di un progetto più ampio Descrivere in che modo il progetto si inserisce in uno più ampio Il progetto ReGen3 si inserisce nell ambito delle attività realizzate dall Ufficio Associato Pari Opportunità dell Unione dei Comuni Amiata Val d Orcia. Infatti, nell ambito delle strategie elaborare dal Centro Pari Opportunità per gli anni è stato attivato, all interno dell Assemblea delle Pari Opportunità, un gruppo di lavoro con l obiettivo di affrontare le tematiche previste dalla Legge sulla Cittadinanza di genere. Il gruppo di lavoro Sostegno alla conciliazione tra attività professionale e vita privata e familiare sia delle donne che degli uomini ha, infatti, tra i propri obiettivi: l adozione di misure di conciliazione, cioè di tutte quelle azioni che promuovono o sostengono la combinazione di lavoro e responsabilità di cura e tutte quelle strategie finalizzate a realizzare una migliore qualità della vita sociale e lavorativa, rendendo meno drammatico il conflitto sul tempo nella vita quotidiana; la realizzazione di una mappa dei servizi esistenti sul territorio (servizi per l infanzia, di assistenza agli anziani, attività di volontariato, ecc..) e l individuazione di azioni di conciliazione tra vita privata e attività lavorativa; la predisposizione di percorsi da parte del Centro per capire quali siamo le azioni concrete per coordinare e supportare tutti i soggetti che si impegnano su questa tematica; realizzazione di corsi di formazione anche per adulti: Corso per operatrici del Centro Antiviolenza e Corso di difesa personale. Inoltre il progetto ReGen3 si inserisce nell ambito delle macro azioni dell Accordo territoriale di genere, rappresentandone un esplicitazione, sia in termini di obiettivi, che di contenuti, che di risultati attesi. 1e Il progetto è inserito in un Piano di Azione Indicare se il progetto è inserito in un Piano di Azione redatto e adottato dagli enti sottoscrittori della carta europea per l uguaglianza di donne e uomini. Nel caso indicare anche gli enti coinvolti.

5 Pag 5 di 10 1f - Attività del progetto e tempi di attuazione Descrivere le attività previste dal progetto, la loro articolazione ed i relativi tempi di attuazione Nella presente sezione le attività previste dal progetto con la relativa articolazione, metodologia e tempistica verranno analizzate nell ambito di ciascuno dei moduli in cui si articola il progetto stesso. MODULI DI CARATTERE PSICOLOGICO Modulo destinato ai ragazzi della scuola dell infanzia e della scuola primaria. A che genere di gioco giochiamo: Super Mario diventa Maria Il progetto, condotto da animatrici della società Eurobic Toscana Sud, verterà per lo più sullo scambio dei ruoli. Le attività si pongono in continuità con l azione precedentemente svolta nelle scuole materne ed elementari negli a. s. 2011/ /2013, con l obiettivo di continuare a lavorare sulle immagini profonde che i bambini e le bambine hanno rispetto all identità di genere. Il titolo è particolarmente evocativo, ed è stato scelto poiché, a trentuno anni dalla nascita del noto videogioco Super Mario, il suo creatore Michael J. Mika su richiesta della figlia (di tre anni) si è trovato ad elaborare un nuovo gioco dove Mario è sostituito da Pauline che da semplice fidanzata è diventata la vera eroina del gioco. Insomma, il programmatore californiano, grazie al rapporto con le donne della sua vita è andato ad esplorare le differenze di genere, ed adesso Pauline, passo dopo passo, può liberare il suo Mario. Ed è proprio sullo scambio di ruoli che sarà improntata l attività. Partendo da una favola e/o da un cartone animato esistente verrà creata una nuova storia copione in cui vengono a mancare i ruoli stereotipati ed attraverso la drammatizzazione verrà sperimentato lo scambio degli stessi: inversione del ruolo stereotipato. Articolazione del modulo: 1. costituzione di un Comitato di pilotaggio del progetto formato dai rappresentanti dell Ente Promotore, dei dirigenti scolastici, dei rappresentanti dei genitori e insegnanti; 2. n.2 Laboratori di preparazione con i docenti coinvolti (uno per area: Amiata e Val D Orcia); 3. laboratorio di preparazione con gli animatori. La formazione con le animatrici sarà finalizzata a trasformare in unità didattiche l idea progettuale in modo da calarla in maniera personalizzata all interno di ciascun gruppo classe. Il focus sarà incentrato sulla rappresentazione dello cambio dei ruoli. 4. Laboratori (6 ore per ogni classe) nelle classi coinvolte. I laboratori sono condotti attraverso una metodologia di lavoro che privilegia l ascolto, il confronto, il gioco di ruolo e di gruppo. I ragazzi/e saranno coinvolti in giochi di interazione e creatività, di comunicazione ed improvvisazione proprie del linguaggio teatrale. Dal momento che l attività viene svolta con bambine e bambini, anche in età prescolare, lo strumento del gioco e le condotte simboliche ( far per finta, narrazione fantastica, drammatizzazione ludica) costituiscano il terreno privilegiato degli alunni in età evolutiva, in modo da accompagnarli nel loro percorso di crescita. Il gioco, in particolare il gioco di finzione, costituisce un area dell esperienza infantile produttiva ai fini dello sviluppo. E un attività costruttiva e ricostruttiva, che consente di sperimentare, interpretare e/o reinterpretare il mondo, di fare ipotesi su se stessi, di attribuire nuovi significati. Il gioco, nella sua forma sociale, è un esercizio di scambio di significati, un esercizio raffinato di forme comunicative e meta comunicative. L aspetto ludico, regolato o spontaneo, della scuola dell Infanzia permette ai bambini di esprimersi e di imparare divertendosi, mentre nella scuola primaria permette di veicolare concetti astratti calandoli in un contesto vicino e tangibile. 5. N. 2 laboratori per i genitori. Si tratta di laboratori serali, paralleli a quelli dei figli. I laboratori saranno condotti dalla referente di genere animatori teatrali consulenti (uno per area : Amiata e Val D Orcia) Modulo destinato ai ragazzi della scuola media inferiore ABBASSA LO STEREO/tipo. La metodologia, agita in tutte le fasi del modulo, sarà quella di coniugare il piano esperienziale e soggettivo di

6 Pag 6 di 10 riflessione sull identità di genere di ciascun alunno/a con una riflessione più ampia e generale sulla costruzione sociale e culturale dei ruoli determinata dagli stereotipi di genere. È fondamentale, infatti, contestualizzare riflessioni ed interventi non su un piano astratto e teorico, ma riportandoli costantemente sul piano dell esperienza e della quotidianità. Momenti di interazione alternati a proiezioni di brevi filmati e di slides forniscono ai ragazzi e alle ragazze elementi immediati per scoprire ed analizzare criticamente gli stereotipi sia maschili che femminili, dando loro la possibilità di non accettarli in base alle aspettative sociali, ma di decostruirli attraverso il riconoscimento delle proprie attitudini e dei propri desideri. Articolazione del modulo condotto da esperte dell Associazione Atelier Vantaggio Donna: 1. Raccordo con i soggetti coordinatori del progetto per l individuazione delle classi destinatarie; 2. Contatto con insegnanti di ogni classe/ target per raccogliere informazioni sul gruppo/classe; 3. Lavoro di animazione nella classe della durata di 2 ore continuative; 4. Contatto con insegnanti per evidenziare gli elementi emersi nel gruppo/classe; 5. Condivisione e diffusione dei risultati durante l evento di restituzione del/dei progetti. Modulo destinato ragazzi della scuola media superiore Io Tarzan, tu Jane. S tratta di un attività di animazione che prevede un pre-contatto con i ragazzi e le ragazze sull argomento proposto, una definizione condivisa del tema, la ricerca di esempi che lo attualizzino. Nel pre-contatto sarà definito un patto d aula che favorisca un buon andamento dell incontro attraverso la creazione di un clima cooperativo, non giudicante e di protezione della privacy di ciascun/a partecipante. Nella fase di contatto i ragazzi e le ragazze vengono avviati/e ad un lavoro in sotto gruppi di messa in situazione con storie/tipo predisposte dalle animatrici. Segue una fase di contatto pieno durante la quale il lavoro di ciascun gruppo viene messo in comune e analizzato al fine di aiutare i/le partecipanti a produrre un pensiero critico verso relazioni appesantite da agiti stereotipici. I contenuti emersi vengono sintetizzati nella fase conclusiva dell incontro anche attraverso la distribuzione di schede di supporto che rimangono ai ragazzi e alle ragazze. Articolazione del modulo condotto da esperte dell Associazione Atelier Vantaggio Donna: 1. Raccordo con i soggetti coordinatori del progetto per l individuazione delle classi destinatarie; 2. Contatto con insegnanti di ogni classe/ target per raccogliere informazioni sul gruppo/classe; 3. Lavoro di animazione nella classe della durata di 3 ore continuative; 4. Contatto con insegnanti per evidenziare gli elementi emersi nel gruppo/classe; 5. Condivisione e diffusione dei risultati durante l evento di restituzione del/dei progetti. MODULO DI PSICOMOTRICITA Modulo destinato agli alunni della Scuola Primaria L attività psicomotoria di tipo ludico viene impiegata per la prevenzione ed il superamento degli stereotipi di genere. Al fine del buon raggiungimento degli obiettivi è fondamentale il supporto ed il coordinamento con i docenti di classe per la raccolta di dati e la loro rielaborazione (testi, grafici, disegni, etc). Il modulo è svolto da un istruttore C.A.S. (Centro Avviamento allo Sport) e da un insegnante tecnico di judo e difesa personale. Durata del modulo: una lezione di presentazione ai docenti della durata di un ora e cinque lezioni di un ora ciascuna con cadenza quindicinale rivolte agli alunni. Tempo di realizzazione Anno scolastico g - Destinatari Descrivere e quantificare tutti i destinatari del progetto specificando se si tratta di un coinvolgimento diretto o indiretto

7 Pag 7 di 10 I destinatari diretti del progetto sono gli alunni delle scuole di infanzia, scuole primarie, elementari, medie e superiori, i genitori e gli insegnanti dei Comuni di Abbadia San Salvatore, Castiglione d Orcia, Montalcino, Piancastagnaio, Pienza, Radicofani e San Quirico d Orcia. Il destinatario indiretto è rappresentato dalla società nel suo insieme, dal momento che il miglioramento delle relazioni uomo-donna e lo sviluppo di modelli di interazione sani, rappresenta un patrimonio per l intera collettività. 1h - Effetti Descrivere gli effetti attesi/potenziali (contesto, destinatari ecc ) Il progetto ReGen3 ha l obiettivo di rendere bambini e ragazzi consapevoli del potere degli stereotipi e delle immagini generalizzate che si attuano sia sul piano degli atteggiamenti maggiormente legati alla fisicità, come la pratica sportiva, sia sul piano della relazione interpersonale. Saranno impiegati i giochi di ruolo, la decostruzione di atteggiamenti e comportamenti ed il modo in cui i due generi si pongono nell uso della forza fisica per aiutare i ragazzi nell individuazione di nuovi modelli relazionali non viziati da immagini cristallizzate e stereotipiche. È di fondamentale importanza lavorare sugli stereotipi in un momento di crisi economica poiché è proprio nei momenti di incertezza che l affermazione di stereotipi può essere particolarmente forte per creare delle ancore in risposta all incapacità di gestire la complessità e la precarietà. 1i Indicatori di risultato Descrivere gli indicatori di risultato utilizzati per il monitoraggio dell efficacia del progetto, tenendo conto di quanto previsto al paragrafo 2.1 del documento di attuazione per l anno 2013 del Piano regionale per la cittadinanza di genere (DGR 407/2013). Numero iniziative inserite nel POF. Numero scuole, numero studenti, numero insegnanti coinvolti 1l Trasferibilità dei risultati Indicare il grado di trasferibilità atteso per il progetto, utilità e costi con cui potrà essere trasferito sul territorio regionale, nonché gli elementi di replicabilità e di promozione delle buone prassi La trasferibilità del progetto sul territorio è garantita dalla partecipazione all'azione dei soggetti che sono coinvolti nell educazione di ragazzi e ragazze: gli insegnanti ed i genitori, oltre che gli alunni stessi delle scuole presenti nel territorio dell Amiata Val d Orcia. Lo schema adottato potrà essere utilizzato, in quanto format replicabile in altri contesti territoriali con le eventuali variazioni del caso. L iniziativa può contare sul coinvolgimento di un ampia rete di soggetti pubblici che, essendo rappresentativi del contesto locale, sono interessati a condividere l esperienza, in termini di metodologia e risultati conseguiti. Ci riferiamo ad Associazioni come Judo Kwai Amiatino, che ha deciso di presentare un proprio progetto formativo anche in considerazione delle pregresse e positive esperienze realizzate nella formazione con adulti per quanto concerne la difesa personale o all Associazione Donna Amiata Val d Orcia, che gestisce il Centro Antiviolenza, che da sempre guarda con favore ad azioni di prevenzione e sensibilizzazione.

8 Pag 8 di 10 Parte 2. Referenti progetto 2a Dati relativi al responsabile amministrativo della Provincia per il progetto Nome ROBERTA Cognome GUERRI Qualifica ESPERTA SERVIZI AMMINISTRATIVI/CONTABILI Settore/ufficio PARI OPPORTUNITA Indirizzo Piazza Amendola, 29 CAP Città SIENA (Prov. SI) Telefono 0577/ Fax 0577/ b Responsabile tecnico del progetto se diverso da sopra Nome Daniele Cognome Visconti Qualifica Segretario Settore/ufficio Servizio 1 Area Amministrativa Indirizzo Via Grossetana n. 209 CAP Città Piancastagnaio (Prov.SI) Fax Telefono

9 Pag 9 di 10 PARTE 3 Piano finanziario QUADRO FINANZIARIO DEL PROGETTO Fonte Normativa di riferimento Totale Risorse proprie 2.000,00 Di cui a valorizzazione: 1.500,00 Risorse altri soggetti Risorse comunitarie Risorse nazionali Risorse regionali 8.500,00 Altro (specificare:..) TOTALE RISORSE ,00 QUADRO ECONOMICO DI PREVISIONE Voce di spesa Attività di progettazione, coordinamento e rendicontazione Quantità (In termini di n. dei destinatari e/o ore/uomo) ,00 Spese generali 500,00 Costo totale Modulo A che genere di gioco giochiamo? : Super Mario diventa Maria. Laboratori con animatori 4 500,00 Laboratori in classe ,00 Laboratori con genitori 4 500,00 Laboratori con insegnanti 4 500,00 Modulo di psicomotricità Laboratori con insegnanti 5 125,00 Laboratori in classe ,00

10 Pag 10 di 10 Modulo ABBASSA LO STEREO/tipo. Incontri con coordinatori 3 180,00 Laboratori in classe 6 360,00 Laboratori con insegnanti 6 360,00 Modulo Io Tarzan, tu Jane. Incontri con coordinatori 2 135,00 Laboratori in classe ,00 Laboratori con insegnanti ,00 TOTALE SPESE ,00

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Servizio Politiche Giovanili Sociali e Sportive. Politiche di Genere Approvato con Delibera di G.P: n 39/2015 del 19/03/2015 BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Allegato A) Il progetto Educare alle differenze-

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 UN PO DI STORIA Nel corso degli ultimi anni, in un numero crescente di scuole medie superiori

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli