SPAZI-PROGETTO AUTOGESTITI.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPAZI-PROGETTO AUTOGESTITI."

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI SCIENZE UMANISTICHE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN STORIA DELL ARTE Tesi di laurea SPAZI-PROGETTO AUTOGESTITI. ISOLA ART CENTER, LA GÉNÉRALE EN MANUFACTURE E MAINS D ŒUVRES. ESPERIENZE DI AUTOGESTIONE DI CENTRI PER L ARTE CONTEMPORANEA. RELATORE Prof. Claudio ZAMBIANCHI CORRELATORE Prof.ssa Carla SUBRIZI LAUREANDA Michela SACCHETTO Matricola Anno Accademico

2 INDICE Introduzione p. 3 1.Tre progetti e tre luoghi. Spazi progetto: Isola Art Center, Mains d Œuvres, La Générale en Manufacture...p Isola Art Center...p Come nasce IDA-Isola Art Center p Sperimentare e creare il Centro per l Arte e il quartiere. p. 20 Scheda 1. L OCCUPAZIONE DELLA BROWN BOVERI MILANO. VERSO LA METÁ ANNI p La Générale en Manufacture p La Générale: da Belleville a Sèvres.....p Sperimentare e creare La Générale en Manufacture.....p. 35 Scheda 2. SQUAT ARTISTICI A PARIGI..... p Mains d Œuvres...p Lo sviluppo del progetto di Mains d Œuvres...p Sperimentare e creare Mains d Œuvres...p. 45 Scheda 3. TEH-TRANSEUROPEHALLES...p. 50 Scheda 4. USINES EPHEMERES...p. 52 Scheda 5. CONFORT MODERNE-LE FRICHES ARTISTIQUES...p Il processo di istituzionalizzazione degli spazi-progetto. Politiche culturali e casi concreti a confronto Isola Art Center e La Générale en Manufacture...p Introdurre la questione..p Cosa si intende per processo di istituzionalizzazione e a quali livelli esso si manifesta p Isola Art Center e La Générale en Manufacture - l attuazione di una politica di istituzionalizzazione. Casi specifici a confronto...p La politica culturale francese-attraverso i programmi ministeriali e le I

3 manifestazioni di dissenso-e la politica culturale italiana?...p I Nouveaux Territoires de l art -dal Rapport Lextrait al Rapport Padillae i CSOA Milano dall esperienza di dialogo mancato con il Leoncavallo negli anni 90 alle recenti tensioni con la Stecca degli Artigiani...p L Istituzionalizzazione di realtà indipendenti nate sotto il vessillo dell autogestione come forma di pacificazione sociale. Limiti e sviluppi della situazione attuale...p L azione nello spazio pubblico e le dinamiche relazionali. Isola Art Center e Mains d Œuvres a confronto...p Gli spazi-progetto nella città......p Il fondamento spaziale: i vuoti urbani... p Il Dirty Cube e il Cubo esploso.p Il fondamento territoriale: lo spazio pubblico - l arte come costruzione sociale?..p Mains d Œuvres - Incubatore di opere dell immaginazione artistica...p Isola Art Center lo spazio-progetto col quartiere come alternativa all arte relazionale di istituzione..... p. 135 Appendice.....p Interviste Isola Art Center A. INTERVISTA A BERT THEIS e MARIETTE SHILTZ.p. 143 B- INTERVISTA CON ALBERTO PESAVENTO.. p Intervista La Généralle en Manufacture A- INTERVISTA A OLIVIER NOURISSON.. p Intervista Mains d Œuvres. A- INTERVISTA A FAZETTE BORDAGE....p. 154 Bibliografia....p. 160 II

4 Introduzione L ossessione attuale è lo spazio. afferma Foucault e lo dimostrano le numerose ricerche urbanistiche, sociologiche, antropologiche e artistiche sui temi dell abitare e del riformulare lo spazio pubblico. Sempre Foucault sostiene: Viviamo nell epoca del simultaneo, della giustapposizione, nell epoca del vicino e del lontano. Il mondo si sperimenta più come un reticolo che come un percorso che si sviluppa nel tempo. 1 L aspetto rizomatico assunto dal territorio urbano delle attuali megalopoli è da anni un campo di ricerca privilegiato per le pratiche artistiche interessate a relazionarsi direttamente con la questione dello spazio e del suo plasmarsi. Il fenomeno urbano e la riflessione sullo spazio cittadino oltretutto vanno di pari passo con il delicato sviluppo del legame sociale. Il dissolvimento delle relazioni tradizionali, l indebolimento dei rapporti personali diretti, il regresso degli incontri non finalizzati al raggiungimento di uno scopo e l ampliamento su scala internazionale, globale della sfera degli interessi, creano da un lato un isolamento senza precedenti, dall altro una nuova socializzazione che si configura sul modello di una rete di collegamenti e si sostanzia nell affermazione di un desiderio di riconquista di un identità persa. In queste dinamiche si inseriscono le pratiche che si sviluppano nell ambito di progetti artistici autonomi e che si vogliono sempre più votate al sociale, in quanto inscritte nello spazio pubblico e quindi esercitanti un ruolo sociale, anche al di là dell'intenzione definita dall artista. Attualmente centri e associazioni indipendenti per le arti contemporanee proliferano 1 M. Foucault, Eterotopia Luoghi e non-luoghi metropolitani, Milano, Mimesis, 1997, p

5 nello spazio urbano, creando un dispositivo di ricerca, sperimentazione e progettazione di nuovi modelli di socialità che non lavorano tanto alla definizione di un territorio proprio, quanto allo stimolo di attività e modi di fare creativi che vogliono essere collettivi. Il carattere evenemenziale delle tattiche di autogestione attiva molteplici tipi di interventi contestualizzati entro spazi definiti indipendentemente dalle istituzioni. Affermando la propria libertà questi luoghi indipendenti non si chiudono su se stessi, ma al contrario rendono pubblico anche ciò che solitamente non lo è, come la pratica creativa quotidiana. Come l arte contemporanea può interagire con lo spazio, rendendolo un territorio pubblico? Quali processi artistici concorrono a plasmare lo spazio rendendolo un ricettacolo di bisogni collettivi, di partecipazione attiva e interrelazione? Come l autogestione di un progetto permette di mantenere la necessaria autonomia dalle politiche culturali ufficiali affinché l attività sia politicamente, artisticamente e culturalmente svincolata da obiettivi a essa estranei o da strumentalizzazioni esterne? Nell ambito del presente testo, tenteremo un analisi comparativa di tre esperienze associative autogestite indirizzate alle arti contemporanee, nate negli ultimi nove anni, per rispondere a esigenze specifiche che vanno oltre la semplice volontà di usare lo spazio come luogo di lavoro privato o di esposizione. La scelta di porre il confronto tra un progetto italiano e due progetti francesi è dettata dalla volontà di sottolineare la diversità, in relazione al rapporto con lo spazio pubblico, tra esperienze sorte nell ambito di due sistemi culturali simili, ma tuttavia distinti da un trascorso politico e sociale specifico. I tre centri sono diversamente riconducibili alla definizione di spazio-progetto Chiariamo innanzitutto la scelta della definizione. Le diversità contestuali e operative implicate nei tre centri e il loro carattere sperimentale sono tanto significativi da porre in questione la possibilità e la legittimità 4

6 di trovare un nome che li contenga. Tuttavia i tre spazi sono partecipi di una comune dinamica di relazione con lo spazio pubblico e agiscono come strumenti che definiscono traiettorie proprie a partire da uno stesso nucleo, che è la necessità di gestire in autonomia la pratica artistica e culturale e porla in relazione diretta con la realtà dei fatti. Per parlare di qualcosa inoltre la prassi analitica prevede la ricerca di una denominazione che la definisca, che non sia fuorviante o limitativa, ma tenga conto della complessità reale. Una pluralità di appellativi sono stati creati dagli stessi protagonisti per definire i propri progetti e il fenomeno della loro emergenza: Friches artistiques 2, fabbriche dell immaginazione, squat artistici, luoghi effimeri per l arte e la cultura contemporanea, laboratori, centri d arte contemporanea precari e inediti. Un ampia categoria di aggettivi qualificativi interviene per sottolineare caratteri specifici, riferiti allo spazio occupato o alla natura dell autogestione: intermediari, interstiziali, imprevedibili, alternativi, indipendenti, aperti, nuovi. È frequente la scelta di fare riferimento direttamente al luogo di installazione, evocando la storia precedente dell edificio o del quartiere in cui operano. Alain Lefebvre afferma: Oggi gli spazi alternativi recentemente installatisi nelle Friches scelgono di chiamarsi fabbriche, consumando così il passato industriale del luogo in cui lavorano. [ ] Queste fabbriche costituiscono un evento urbano che può partecipare alla costituzione dello spazio pubblico, ovvero della città. 3 Una pluralità di attori culturali lavora al loro interno: collettivi di artisti, operatori culturali, curatori, architetti, associazioni locali. Dai documenti consultati e dai discorsi 2 Friche, letteralmente dismissione, è il nome comunemente utilizzato in Francia per indicare gli edifici abbandonati precedentemente occupati da attività industriali. Il movimento spontaneo e informale di occupazione, legale o illegale, di questi spazi inutilizzati da parte di associazioni, attori culturali o collettivi di artisti, sorge in Francia all inizio degli anni 80 e negli anni 70 in Inghilterra, Germania e Paesi Bassi. M. Vanhamme e P. Loubon, Arts en friches, Usines Dèsaffectées: fabriques de l imaginaires, Editions Alternatives, Parigi, A. Lefebvre, in Actes du colloque «Autrement, autres part, comment : repenser la place de la culture et de l art dans la citè», Parigi, Palais de Luxembourg, 6 febbraio

7 di ciascuno degli operanti emerge l attenzione al linguaggio utilizzato per qualificare il proprio progetto e conferirgli l eco mediatico indispensabile al suo sviluppo. Il legame imprescindibile e innovativo tra questi centri e il contesto urbano e sociale in cui si sviluppano ha portato sociologi e attori culturali a mettere in gioco la polisemica nozione di territorio. Il sociologo Fabrice Raffin negli ultimi studi dedicati alle Friches artistiques francesi ha concentrato la propria riflessione sulla nozione di territorializzazione delle pratiche culturali legata alla produzione di spazi urbani 4, prendendo in analisi gli elementi delle pratiche e dei progetti che definiscono lo spazio, il rapporto con il territorio, l immagine e i legami personali instaurati all interno dei centri studiati. Nel 2001 il Ministero della Cultura francese ha promosso l utilizzo della sigla Nouveaux Territoires de l art (NTA) per definire la molteplice natura dei progetti indipendenti moltiplicatisi negli anni 90 in Francia. Il termine NTA è riconosciuto e utilizzato in ambito ufficiale e burocratico, ma l accento posto sul concetto di territorio lascia perplessi numerosi attori implicati nelle esperienze artistiche prese in considerazione 5. I sociologi Philippe Henry e Fabrice Raffin hanno invece parlato recentemente di spazi-progetto artistici che partecipano alla ricostruzione e allo sviluppo di spazitempo di prossimità a valenza artistica F Raffin, Territorialisation de projets culturels en Ile-de-France, rapport final, Parigi, Sea Europe, Il concetto di territorializzazione, introdotto da Gilles Deleuze e Felix Guattari, viene ripreso da Raffin e applicato alla definizione della rete di relazioni che vengono a crearsi tra i centri e il contesto territoriale. Per Deleuze e Guattari la territorializzazione e la riterritorializzazione sono la forma dell interpretazione e della decodifica operate dal pensiero umano. Sono inoltre concetti insiti nell organizzazione spaziale capitalistica del sistema mondo. Raffin opera un riadattamento del termine 5 Camille Dumas, coordinatrice di Mains d Œuvres, testimonia : NTA è una missione, non è un label. Noi non utilizziamo questa denominazione per Mains d Œuvres. Serve per permettere alle autorità di riconoscere e di avvicinarsi a realtà autonome e alternative.. Dichiarazione rilasciata durante l intervista avvenuta a Mains d Œuvres, il 28 gennaio Stéphanie Lefebvre, presidentessa della Générale testimonia: Quando lavoro con i bambini pongo spesso in questione il concetto di territorio, a cui sono legate le nozioni di limite, di confine. È un concetto di cui oggi si abusa, quello di territorio. Certo è una concettualizzazione, ma io preferisco la pratica di uno spazio dai confini porosi. Noi lavoriamo con altri collettivi, con altri squat, così come con il ministero, con altre istituzioni della città. Siamo aperti, i nostri confini non sono stabiliti. Dichiarazione rilasciata durante l intervista avvenuta a La Générale en Manufacture, il 15 febbraio Il concetto di spazio-progetto è utilizzato dal sociologo Philippe Henry Jeudy in Les espaces-projets artistiques-une utopie concrète?, testo della conferenza Nouveuax espaces, nouvelles formes, Barcellona, 6

8 L appellativo spazio-progetto racchiude la natura spaziale e processuale di questi luoghi e può soddisfare il bisogno di denotare le esperienze analizzate. Questo dando al termine spazio un accezione complessa che racchiude, oltre al luogo fisico in cui si sviluppano le attività e la vita dei centri, i concetti di: territorio relazionale, portatore di identità e storia in senso antropologico, come definito da Marc Augé 7, di realtà urbana non omogenea con cui tali progetti interagiscono in qualità di crocevia di pratiche artistiche, sociali e politiche e infine di territorio della creazione artistica e cittadina, dinamico, aperto e non circoscrivibile. Introduciamo brevemente i tre spazi-progetto. Isola Art Center è un progetto associativo installato nel quartiere Isola a Milano, che attraverso progressive trasformazioni, ha inaugurato nel 2003 come Centro d arte contemporanea precario e inedito 8, prima che lo spazio occupato all interno dell edificio della Stecca degli artigiani venisse recuperato dal Comune e abbattuto per esigenze di politica urbanistica. Privata di un unico luogo espositivo di riferimento, l associazione lavora tuttora come progetto a carattere rizomatico e estende il proprio campo d azione su tutto il quartiere Isola. Bert Theis, uno degli artisti fondatori dell associazione, preferisce parlare di un progetto con il quartiere, indipendente e autogestito 9, senza porre l accento sulla natura spaziale di Isola Art Center. Mains d Œuvres a Saint Ouen è un centro indipendente che si definisce luogo per l immaginazione artistica e sociale. 10 La coordinatrice Fazette Bordage dice di aver voluto creare una scatola di strumenti a uso di artisti e cittadini che abbiano bisogno di accompagnamento, manodopera e sostegno. 11 È un centro nato grazie alle MIRA!Sitges Teatre International, luglio 2003 e da Fabrice Raffin in Friches industrielles, un monde culturel européen en mutation, Parigi, Harmattan, M.Augé, Non luoghi, introduzione a una antropologia della surmodernità, Eleuthera, Milano, Vedi il sito 9 Vedi l intervista rilasciata il 10 marzo 2009, riportata in appendice. 10 Journal d activités 2007, Saint-Ouen, Association Le Lieu Mains d Œuvres. 11 F.Lextrait, F. Kahn (a cura di), Nouveaux territoires de l art, Parigi, Edition Sujet/Objet, 2005, p

9 precedenti esperienze degli attori culturali che lo hanno fondato e vive sul sistema delle residenze artistiche. Gli occupanti di La Générale en Manufacture a Sèvres parlano del loro progetto come di un luogo di lavoro, organizzato come un semi-squat e regolarizzato tramite convenzione con il Ministero della Cultura francese. Il progetto è nato per rispondere alle esigenze di un collettivo di artisti e nonostante il cambiamento di statuto, il funzionamento interno, a livello di gestione e utilizzo degli spazi e dei tempi, mantiene notevoli affinità con la precedente realtà di squat artistico. Isola Art Center è assunto come fulcro dell analisi, per il suo intenso legame con lo spazio pubblico urbano e per la natura di esperimento artistico e sociale inserito nelle dinamiche cittadine di un contesto specifico. Il confronto con i due spazi-progetto francesi è basato su due tematiche fondanti la specificità delle esperienze autogestite, che permettono inoltre di allargare il discorso alla questione più generale del rapporto tra arte e spazio pubblico. Entrambe le tematiche vengono affrontate ponendo il parallelo con uno solo dei centri francesi, alternativamente scelto perché esemplare di un determinato modo di affrontare la relativa questione. Il primo dei due termini di paragone è il fenomeno di istituzionalizzazione, che si configura come dialogo tra realtà autogestita e istituita. Viene analizzato il rapporto con lo spazio urbano attraverso i modi e i termini in cui si realizza il dialogo tra spaziprogetto e istituzioni, tradizionalmente incaricate di garantire l ordine pubblico e nello specifico gestire la posizione assunta dalle pratiche artistiche all interno della società attuale. Il fatto che il fenomeno di istituzionalizzazione assuma modelli di attuazione e riflessioni teoriche diverse in Francia e in Italia è determinato da una diversa politica culturale e di conseguenza da un diverso interessamento agli spazi-progetto. Fermo restando che il fenomeno può declinare la propria realizzazione a seconda del contesto 8

10 preciso, essendo l analisi estesa a un livello più generale e in seguito applicata a due casi specifici, risulta chiaro che le diverse politiche statali abbiano un influenza non trascurabile. Sono infatti diverse, come vedremo, le condizioni e i contesti di rapporto con le istituzioni in cui sono emerse Isola Art Center e La Générale en Manufacture. Mains d Œuvres è nato grazie a una concertazione iniziale tra i fondatori e il Comune di Saint-Ouen e non si sono registrati particolari sviluppi nei rapporti con l amministrazione locale. In tal senso esemplifica una condizione di istituzionalizzazione che risulta meno interessante nell analisi dell evoluzione del processo. Il secondo tema è quello del rapporto tra le pratiche artistiche partecipative promosse da Isola Art Center e Mains d Œuvres e lo spazio urbano. I due progetti mettono in atto due modi diversi di concepire lo spazio d azione. Inoltre differiscono nell impegno politico, che trascende l ambito specifico dell arte e del ruolo dell artista all interno dello spazio urbano, nelle dimensioni in cui il progetto coinvolge gli abitanti e i non professionisti e nel livello di fusione tra attività artistica e vita quotidiana, che si completa in un azione unica e coerente per Isola Art Center mentre si attua a sostegno di azioni originatesi esternamente nel caso di Mains d Œuvres. La Générale en Manufacture, come configuratasi nell attuale esperienza a Sèvres, non ha sviluppato una relazione costruttiva con il territorio circostante. Le pratiche artistiche degli occupanti tessono continui e percettibili legami con i processi urbani, ma lo spazio-progetto nel suo insieme risulta meno interessante dal punto di vista del discorso sulle pratiche artistiche relazionali. L istituzionalizzazione e il rapporto tra forme d arte partecipativa e tessuto urbano, guidano l analisi delle dinamiche di funzionamento e sviluppo degli spazi-progetto in questione. Confluiscono poi nel discorso più generale relativo alla problematizzazione 9

11 del ruolo sociale dell arte e la relazione tra questo e la politica culturale istituzionale, che attraversa entrambe le tematiche e in misure diverse coinvolge i tre spazi-progetto. È stato indispensabile il dialogo diretto con i protagonisti, attori culturali e artisti, dato che le discussioni attorno ai significati e le posizioni teoriche e storico-contestuali che tali realtà assumono nascono da e in funzione di situazioni concrete. Penetrare nelle dinamiche quotidiane dei tre spazi progetto, in primis Isola Art Center, ha permesso di rivelare un modello operativo ricco di sfaccettature e complessità e motore di partecipazione collettiva e energia solidale. 10

12 1. Tre progetti e tre luoghi. Spazi-progetto: Isola Art Center, Mains d Œuvres, La Générale en Manufacture. 1. Isola Art Center Così nasce il progetto di Q Art, un laboratorio permanente fra quartiere e arte che agisca nel sociale, pensato e gestito da cittadini in associazione, e con professionisti di livello internazionale. La proposta si basa su anni di mostre e progetti artistici organizzati dall Associazione Isola dell Arte, su anni di lavoro con bambini, adolescenti e famiglie dell Associazione Genitori F. Confalonieri e su anni di lavoro di aggregazione civica svolto dal Comitato I Mille. Un appello al Comune affinché non chiuda Isola Art Center e realizzi il Laboratorio per l Arte ed il Quartiere nei giardini dell Isola sarà firmato da molte personalità del mondo dell Arte e della Cultura in Italia e all estero. Facciamo a tutti i milanesi un appello dicendo: - manteniamo e riqualifichiamo i giardini di via Confalonieri - ristrutturiamo la Stecca degli Artigiani - spostiamo l area commerciale verso il Garibaldi-Repubblica, perché i negozi di prossimità sono un presidio reale per la sicurezza e, essendo sotto casa, riducono di fatto l utilizzo delle auto da parte dei privati - manteniamo l attuale viabilità - diciamo sì a ogni forma di mezzi pubblici - apriamo, negli spazi demaniali esistenti, botteghe artigiane che sono la storia e un ulteriore possibilità di lavoro qualificato Come nasce IDA-Isola Art Center Parlare di Isola dell Arte e di Isola Art Center significa parlare di un progetto artistico, urbanistico e cittadino vasto e molteplice, un soggetto collettivo immaginifico e 12 Dall Appello del Forum Isola, pubblicato nell aprile testo integrale disponibile sul sito 11

13 multiforme la cui storia e attività hanno un legame intrinseco col quartiere Isola a Milano e le vicende politiche e urbanistiche che lo riguardano. Nella presentazione del progetto si legge: [IDA] è una specie di utopia concreta, quasi un miracolo forse, dimostrazione viva e coerente di quanto e come l arte abbia una sua funzione sociale, rispondente a necessità che si trasformano in qualcosa di utile quanto duraturo, perché ormai facente parte di un immaginario collettivo, del modo di pensare e di agire di una comunità, testimonianza tangibile di volontà aggregative e costruttive, di una politica che parte dal basso, e che quando ben gestita, come in questo caso, riesce ad assumere una rilevanza molto maggiore della politica che parte dall alto, specie se, sempre come in questo caso, diviene imposizione di un modus operandi talmente estraneo al contesto, da volerlo eliminare completamente per sostituirlo con un altro. 13 È importante introdurre brevemente la storia del quartiere, dei giardini di Via Confalonieri e della Stecca degli Artigiani, per quattro anni centro espositivo e organizzativo del progetto Isola Art Center. Isola è situato alle spalle della stazione Garibaldi e tuttora mantiene particolarità sociali, una popolazione mista, ma solidale e specificità urbane, caseggiati bassi e irregolari e piazze animate da mercati settimanali e piccole botteghe, che lo distinguono dalle zone commerciali limitrofe, avvicinandolo a una realtà di paese. Come suggerisce il nome è chiuso tra i binari della stazione, il primo scalo ferroviario commerciale di Milano aperto a fine 800, e il Naviglio. Per decenni quartiere a forte concentrazione operaia, rifugio fino a pochi anni fa della malavita milanese, installata e bene o male integrata nelle dinamiche cittadine della zona, è noto per essere stato centro delle lotte antifasciste e partigiane a Milano. Dopo la seconda guerra mondiale molte famiglie si sono trasferite nel quartiere per lavorare all industria di componenti meccaniche per locomotive e motori marini Brown Boveri, integrandosi con gli abitanti locali, artigiani e piccoli commercianti. In seguito alla chiusura della fabbrica negli anni 60, contraccolpo dovuto all inizio della crisi del settore industriale e delle politiche di decentramento, Isola ha continuato a vivere come 13 Dal sito Virgolette dell autore. 12

14 quartiere popolare e dinamico, accogliendo comunità di immigrati, famiglie di operai e studenti che giungevano, all inizio degli anni 70, per appoggiare le manifestazioni del movimento di contestazione post-sessantottino organizzate nel quartiere (nel 1964, in Via Volturno, Togliatti inaugura la storica sede del PCI, coinvolta nel sostegno delle rivendicazioni sindacali e studentesche). Proprio negli anni 70 vicino ai giardini di Via Confalonieri, che nasceranno più tardi in seguito all abbattimento di parte degli edifici della fabbrica Brown Boveri, un gruppo di giovani occupa per qualche anno la sede di un ex-convento, facendone un polo politicosociale della sinistra antagonista, assai importante in quel periodo a Milano. A questo primo centro sociale seguiranno altre occupazioni, intensificatesi negli anni 90: Sant Antonio Rock Squat 14 che si approprierà degli spazi dell ex-cinema Zara, poi sede dell associazione culturale Punto Rosso 15 e l ostello autogestito Metropolix, oggi sgomberati; poco distante nel 1990 aprirà La Pergola, storico centro sociale del quartiere che, dopo aver ottenuto un contratto d affitto, è ora in attesa dell espulsione, imminente in ragione dei nuovi piani urbanistici che prevedono la sistemazione di Isola per accogliere la Città della Moda. È interessante tornare agli anni 80 e alla zona intorno ai giardini di Via Confalonieri. Nell inverno tra il 1984 ed il 1985 un gruppo di giovani, molti dei quali studenti d architettura, penetra illegalmente in uno degli edifici dell ex-brown-boveri per farne un temporaneo spazio di libera espressione, un rave party visivo, invece che sonoro, realizzato da intraprendenti e colti dilettanti 16. Nel contesto di quegli anni milanesi 17, 14 Vedi il sito 15 Vedi il sito Punto Rosso attualmente in Via Guglielmo Pepe nel quartiere dell Isola è uno degli spazi che ospita saltuariamente le riunioni e le attività di Isola Art Center dopo la chiusura della Stecca degli Artigiani. È un associazione che ha per scopo la promozione della ricerca culturale e l alimentazione del dibattito intorno alla costituzione di una nuova cultura critica e antagonistica a partire dalla rifondazione teorica del marxismo, per un comunismo nuovo e moderno. Esterna alla logica dei partiti, si fonda sul rifiuto della società capitalistica e promuove un modello di società comunitario, egualitario e solidale, rispettoso nei confronti dell'ambiente. 16 G. Ciavoiello, Dagli anni 80 in poi, il mondo dell arte contemporanea in Italia, Torino, Artshow Edizioni-Juliet editrice, catalogo mostra al Castello di rivoli, settembre-febbraio 2005, 2005, p

15 caratterizzati dall entusiasmo e la creatività di una nuova generazione di artisti, questa manifestazione volontariamente indipendente dai circuiti artistici tradizionali, assume il ruolo di evento pivot di un nuovo modo di investire lo spazio, che avvicina la città alle esperienze vissute a New York, Londra e Berlino. Bert Theis, fondatore e animatore di Isola Art Center, racconta brevemente cosa è successo prima del suo arrivo all Isola a metà anni 90: Gli anni 80 erano anche il momento in cui l installazione diventava un modo di lavorare nello spazio che si sostituiva alla scultura, ma il legame con il quartiere non c era. L edificio era chiuso e loro entrarono. Il quartiere non ne sapeva nulla. I proprietari, la Brown Boveri, hanno in seguito deciso di distruggere la fabbrica e hanno riempito le cantine con le macerie, per questo oggi devono fare le bonifiche. Hanno chiuso il terreno con delle palizzate. Sono cresciuti degli alberi. Sono arrivate alcune famiglie rom e hanno occupato questo spazio entro le palizzate, creando una sorta di ghetto. Tutti lo sapevano e lo vedevano, ma non c era conflitto. Era una cosa separata, un altro cosmo, tollerato dal quartiere. In seguito c è stato un incendio, dovuto a quanto pare allo scoppio di una bombola del gas e la gente del quartiere presa dalla paura, ha chiesto l intervento del comune, che ha evacuato il ghetto. Così sono nati i giardini, cui hanno lavorato gli stessi abitanti del quartiere, riuniti nell associazione Compagnia del Parco. 18 Dell intero complesso Brown-Boveri l unica cosa salvatasi dalle demolizioni degli anni 80 è la stecca adiacente a una delle vie esterne del quartiere, che viene recuperata dal comune di Milano: due edifici, memoria del passato industriale del quartiere, che si affacciano su una strada interna in prossimità dei giardini. Gli spazi vengono assegnati liberamente agli artigiani e da qui nasce il nome di Stecca degli artigiani. Il pittore Francesco Magli 19 apre un laboratorio artistico, dove lavora e insegna a un gruppo di giovani allievi. Dopo la metà degli anni 90 alcuni degli occupanti lasciano i laboratori a causa dell aumento dei prezzi degli affitti e della sempre più pressante politica di riqualificazione del quartiere, che il comune vuole intraprendere ormai da anni. Negli spazi disponibili subentrano alcune associazioni, come ATHLA, che organizza attività 17 Vedi scheda 2. L occupazione della Brown Boveri-Milano verso la metà degli anni 80, a pp del presente testo. 18 Vedi l intervista rilasciata il 10 marzo 2009, riportata in appendice. 19 Francesco Magli, pittore, vive all Isola dagli anni 60 e è tra i primi a giungere alla Stecca degli Artigiani negli anni 80, dopo una formazione presso l Accademia degli Artefici di Brera. 14

16 per il tempo libero di ragazzi disabili e Apolidia che tiene corsi di italiano per stranieri e fornisce servizi di assistenza legale agli extracomunitari. In breve tempo la Stecca degli Artigiani diventa luogo di riferimento e sede di molte associazioni di aggregazione spontanea attive nel quartiere, che mettono in atto una riqualificazione partecipata del primo piano dell edificio e delle cantine. Due esempi sono il collettivo di giovani artisti e designer Controprogetto o l associazione culturale Cantieri Isola. Il luogo, insieme ai giardini, è vissuto e usato come punto di ritrovo e coinvolge non soltanto la gente del quartiere, ma un pubblico vasto e vario, attirato dalla possibilità di usufruire di attività di animazione e di ristorazione, di ascoltare concerti, come di partecipare a laboratori creativi o ricevere vario tipo di assistenza. 20 La Stecca 21 diventa anche rifugio per famiglie di immigrati senegalesi che, per necessità abitative e di aggregazione, abitano alcuni spazi liberi dell edificio. L esperienza dell associazione Isola dell arte si sviluppa nel contesto eterogeneo del quartiere Isola e nell ambito di una situazione politica conflittuale originata dai piani urbanistici previsti dal comune di Milano per la zona della Stecca degli Artigiani e gli adiacenti giardini di via Confalonieri (facenti parte del progetto di riqualificazione dell area Garibaldi-Repubblica che, come vedremo in seguito, ha avuto un peso notevole nel determinare le iniziative e le azioni coordinate dall associazione). Il progetto ha inizio nel 2001, quando alcuni artisti e curatori si incontrano per discutere e organizzare piccoli eventi che si focalizzano sullo spazio pubblico del quartiere: Bert Theis e Stefano Boccalini, abitanti di Isola dalla metà degli anni 90 e coscienti delle 20 L associazione Cantieri Isola organizza il mercatino biologico nei giardini di via Confalonieri e crea un archivio storico ricco di documenti sul quartiere e sui piani urbanistici del Comune, oltre che gestire uno dei due bar della Stecca, il baretto (l altro è gestito dal collettivo Controprogetto); vengono attivati una camera oscura (la prima pubblica e a prezzi popolari a Milano), una sala prove e uno spazio per proiezioni; prende il via la Jazz Jam Session, punto di riferimento per gli autodidatti e gli studenti più giovani e brillanti della scuola Civica e del Conservatorio; nasce Isola TV, la TV di quartiere, che da voce ai giovani videomaker; AcKme mette a disposizione postazioni internet per la navigazione libera, organizza seminari e lezioni sui temi dell informatica e gestisce un laboratorio di sperimentazione legato all elettronica; viene aperta +BC, la ciclofficina di Critical mass presso cui è possibile imparare ad aggiustare la propria bicicletta; nasce infine il Ristorantino alla Stecca. 21 Così viene comunemente nominato il luogo la Stecca degli Artigiani. 15

17 tensioni locali, gli architetti del Gruppo A12 e i curatori Roberto Pinto, Marco Scotini e Emanuela De Cecco. Lo spazio d azione e d interesse è centrato sulla situazione dell Isola e sulla collaborazione con gli abitanti, che nel frattempo iniziano ad organizzarsi in un comitato di quartiere il Comitato dei Mille e in un associazione spontanea di genitori, l Associazione dei Genitori di F. Gonfalonieri, ufficialmente fondate l anno successivo. Isola Art Project studia e attua interventi site specific 22 che sostengono la polemica degli abitanti di Isola, coinvolgendo gli spazi no - profit Care Of e Via Farini 23 e invitando gli artisti Marjetica Potrc, Thomas Hirschhorn e Stalker. In questa fase iniziale il progetto non ha ancora uno spazio all interno della Stecca degli Artigiani, ma collabora con Cantieri Isola, associazione di giovani architetti che porta avanti una ricerca sulle trasformazioni in atto nella zona. Nel 2002, per sostenere le attività del movimento degli abitanti e degli artisti, viene aperto OUT (la sigla sta per Office for Urban Transformation) 24, ufficio che da subito svolge il ruolo di catalizzatore per le energie e le proposte dei comitati di quartiere e degli artisti e da strumento per coordinare le volontà e i sogni degli abitanti coi progetti degli architetti di Cantieri Isola e degli stessi membri di OUT. Le tre parole d ordine del lavoro di OUT sono: analizzare e studiare situazioni urbane e sociali (le esigenze della gente) sognare (insieme alla gente) e prendere iniziative per trasformare le situazioni. Il nucleo iniziale, che occupa una stanza al primo piano della Stecca, è composto da Bert Theis, Mariette Shiltz, Alessandro di Giampietro, Marco Velieri e l architetto messicano Lorenzo Rocha Cito. 22 Il primo intervento Untitled consiste nella realizzazione di una palizzata bianca, eretta in collaborazione con una trentina di volontari, e simbolicamente posta come blocco ai progetti urbanistici. 23 Vedi scheda 2. L occupazione della Brown Boveri-Milano verso la metà degli anni 80, a pp del presente testo. 24 Vedi il sito OUT è attualmente attivo in tre città: Milano, Bilbao e Città del Messico DF: nel 2004 apre un ufficio nel quartiere Santa Maria La Ribera a Città del Messico DF, coordinato da Lorenzo Rocha Cito; nel 2008 Lorenzo Rocha Cita apre un ufficio a Bilbao, negli spazi della Fundacìon Bilbao Arte. Inoltre OUT collabora con Luis Miguel Selvelli a Istambul e Renaud Codron a Parigi. Attualmente Out è composto da Alberto Pesavento, Alice Pintus, Mariette Schiltz, Bert,Theis, Rafaela Trevisan, Marco Vaglieri (Milano) Luis Miguel Selvelli (Istanbul), Renaud Codron (Parigi), Lorenzo Rocha Cito (Città del Messico e Bilbao). 16

18 L associazione Isola dell Arte (IDA) viene creata nel febbraio 2003 con l allargamento del gruppo a una trentina di artisti, critici, curatori, editori e direttori di museo milanesi e italiani. L associazione si riunisce nei locali di OUT e organizza una serie di eventi artistici accompagnati da discussioni, dibattiti, attività collettive e laboratori. Dal 2003 IDA organizza una serie di eventi artistici di una giornata, Le mille e una notte, il cui titolo propone l arte contemporanea in termini di racconto sullo spazio e il futuro dell Isola. 25 Contemporaneamente alla prima di queste giornate si organizza un convegno con partecipazione internazionale sul tema: Quali spazi per l arte contemporanea?. Nello stesso anno IDA partecipa alla mostra Fragments d un discours italien al Mamco di Ginevra, durante la quale viene presentato il progetto di creazione di un centro per l arte, Isola Art Center, all interno della Stecca. Dall inizio dell anno un documento firmato da tutte le associazioni del quartiere Isola per proporre la creazione di un centro per l arte viene inoltrato all Amministrazione Comunale, al Consiglio di Zona e a tutti i consiglieri comunali. Prendono avvio anche i lavori per rendere agibile il secondo piano della Stecca, un open space di 1500 m² che già dopo pochi mesi diventa lo spazio di riferimento, espositivo e organizzativo, di una piattaforma di sperimentazione interdisciplinare, in cui sono coinvolti l ufficio OUT, artisti e curatori di Isola dell arte e diverse altre associazioni e progetti culturali e sociali. Il centro, frutto di due anni di lavoro, viene inaugurato ufficialmente nel 2005 dall Assessore alla Cultura della Provincia di Milano Daniela Benelli. Gli eventi artistici non si limitano più a eventi di un giorno o conferenze, ma quasi ogni mese sono programmate mostre che durano più settimane. 25 In occasione della prima edizione di Mille e una notte, nell aprile del 2003, sono realizzati interventi di: A12, Mario Airò, Stefano Arienti, Stefano Boccalini, Gabriele Di Matteo, Eva Marisaldi, Liliana Moro, Adrian Paci, Luca Pancrazzi, Bert Theis, Grazia Toderi, Undo.net, Cesare Viel, Luca Vitone. Il gruppo Park Fiction di Amburgo aderisce al progetto con la versione in lingua italiana del film I sogni lasciano le case e scendono in piazza presentato a Documenta XI. 17

19 Nel 2006 il lavoro con le associazioni del quartiere porta all elaborazione di un concetto inedito: il sogno di un centro per l arte e la comunità, inizialmente denominato Isola Art & Community Center. Come spiega Alberto Pesavento, membro di OUT e di Isola Art Center: Abbiamo proposto il progetto di un Centro per l arte e per il quartiere, che inizialmente si chiamava Art and Comunity Center. In seguito a riflessioni teoriche e a considerazioni sul modo in cui veniva usata la parola Comunità a livello di comunicazione, ci era sembrato di far tendere il discorso verso un Comunity Center per l Isola, che era la proposta degli immobiliaristi e era altro da ciò che avremmo voluto proporre. Da qui la decisione di usare la denominazione quartiere e la creazione della sigla Q art. Il modello prevedeva degli spazi che non sarebbero mai stati destinati in modo univoco a finalità espositive e artistiche o associative e pubbliche, ma che avrebbero unito entrambe le cose, congiunto i bisogni 26. La proposta intende porsi come alternativa, possibile e sperabile per gli abitanti e gli artisti di Isola Art Center, all abbattimento della Stecca degli Artigiani e la chiusura dei giardini, previsti dal piano urbanistico PII Isola-De Castillia. Nel 2006 insieme all Associazione Genitori e il Comitato dei Mille, Isola Art Center crea il Forum Isola. Dice Alberto Pesavento: Il Forum Isola è stato forse il momento in cui siamo emersi come figura rappresentativa del quartiere. Nel momento in cui c è stato il primo scontro diretto con la nuova proprietà immobiliare Hines, il Forum era la forma con la quale ci presentavamo agli incontri, anche quelli ufficiali, con le autorità per sistemare la vicenda. Poi all interno ognuno manteneva la propria indipendenza, ma la forma di aggregazione che era nata con Forum era la forma ideale per combattere per la causa. 27 Nonostante la resistenza attuata dal Forum Isola e i continui ricorsi al T.A.R., nell aprile del 2007 la polizia comunica lo sfratto agli artigiani, alle associazioni e agli altri occupanti dalla Stecca, al fine di consegnare il terreno nelle mani della multinazionale edilizia texana Hines. Il pretesto ufficiale e morale per l operazione, come trapela anche dalle dichiarazioni rilasciate dal sindaco Letizia Moratti e dagli articoli pubblicati in quei giorni su Il 26 Vedi l intervista rilasciata il 10 marzo 2009, riportata in appendice. 27 Vedi l intervista rilasciata il 10 marzo 2009, riportata in appendice. 18

20 Corriere della Sera e La Sestina 28, è la presenza di spacciatori nell edificio. Il 17 aprile la polizia e la Dicos, senza il mandato per lo sgombero del secondo piano, secondo quanto testimoniano i membri dell associazione, irrompono e forzano gli occupanti a lasciare gli spazi 29. Lo sgombero trova la resistenza di alcuni artigiani, che ottengono dal comune diritto all usufrutto degli spazi per uso capione, rinunciandovi però dopo pochi giorni, dietro la pressione dello stesso comune di Milano. Isola Art Center fino all ultimo presidia il secondo piano della Stecca con l appoggio di consiglieri comunali, regionali e provinciali di Rifondazione comunista, che ha una sezione al primo piano dell edificio e degli ambientalisti Milly Moratti e Carlo Monguzzi. La lotta degli occupanti trova la solidarietà di Vittorio Sgarbi: Chiedo a Bertinotti di andare a verificare la sezione di Rifondazione comunista di cui è pur sempre il leader. Non dico che dovrebbe impedire l abbattimento, ma almeno aprire un dibattito per valutare se non sarebbe bene conservare la Stecca come rappresentanza di architettura antropologica 30. Il leader di Rifondazione Comunista incontrerà di lì a pochi giorni i comitati del quartiere e Isola Art Center, riconoscendo la legittimità della loro resistenza. 31 In quel momento le ruspe hanno già abbattuto la metà dell edificio. Nella demolizione dell ex fabbrica molte opere d arte vengono danneggiate, ma una forte protesta politica ferma la totale distruzione dell edificio, affinché sia possibile il 28 Vedi gli articoli Stecca degli artigiani, blitz all alba, Corriere della Sera, 18 aprile 2007; La stecca degli artigiani in allarme: teme lo sfratto dalla "città della moda, lasestina, 16 marzo 2007; 29 Vedi il film Isola Nostra di Mariette Shiltz. Il video, proiettato per la prima volta alla Biennale di Istambul nel 2007, è un documento fondamentale per la conoscenza del progetto e del quartiere. Il film suddiviso in sei capitoli, documenta lo sviluppo di Isola Art Center, la storia del centro all interno del quartiere, la polemica con l assessore all urbanistica della città di Milano, gli architetti Boeri e Catella, la multinazionale Hines per difendere la Stecca e i giardini di Via Gonfalonieri, l abbattimento dell edificio e l epilogo dell avventura della Stecca, la continuazione delle attività di Isola Art Center nello spazio pubblico del quartiere. Il capitolo sei documenta gli ultimi giorni di attività alla Stecca, la resistenza e la difesa attuata dagli occupanti e da personaggi politici solidali, tra cui Milly Moratti, Carlo Monguzzi, Vittorio Sgarbi, Fausto Bertinotti. Il video è disponibile al sito 30 Vedi articolo Le ruspe in azione-via la demolizione della Stecca, in La Repubblica, 26 aprile Vedi il quarto capitolo del film Isola Nostra di Mariette Shiltz, Il video è disponibile al sito 19

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

PROGRAMMA DELLE ATTIVITA. Venerdì 4 novembre

PROGRAMMA DELLE ATTIVITA. Venerdì 4 novembre PROGRAMMA DELLE ATTIVITA Venerdì 4 novembre IL TEATRO DELLE COSE A CURA DEL DIPARTIMENTO EDUCAZIONE DELLA FONDAZIONE MERZ CON LA PARTECIPAZIONE DEL GRUPPO DI LAVORO E DEL PUBBLICO DELLA FIERA Restituzione

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

La Filosofia dello Urban Center Una delegazione bresciana in viaggio a Torino

La Filosofia dello Urban Center Una delegazione bresciana in viaggio a Torino Brescia, 6 Ottobre 2008 COMUNICATO STAMPA La Filosofia dello Urban Center Una delegazione bresciana in viaggio a Torino Mercoledì 8 ottobre, una delegazione bresciana si recherà a Torino per incontrare

Dettagli

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi.

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. Obiettivi generali Obiettivi specifici 5. Target: chi può partecipare 6. Progetto Pianifica T.U.:

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

XIV edizione. 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA

XIV edizione. 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA XIV edizione 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA Il programma può subire delle variazioni, si consiglia pertanto di consultare periodicamente il sito www.orientasud.it MARTEDI

Dettagli

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21 a cura di Roberto Catania L istituzione di nella Provincia di Lecco ha avuto inizio nel 2003 seguendo un percorso che si potrebbe definire tradizionale. Dall istituzione del Forum generale si è passati

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

Il Direttore Generale. Loredana Gulino

Il Direttore Generale. Loredana Gulino PICCOLI E GRANDI INVENTORI CRESCONO: UN LUNGO VIAGGIO NELLE SCUOLE ITALIANE PER PROMUOVERE LA CULTURA BREVETTUALE PREMESSA Quando, nel 2008, ho assunto la direzione della Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality La vita è un continuo movimento e cambiamento, e la forma è una specie di sistema sociale, di legge esterna, in cui l'uomo cerca di fermare e di fissare la vita; per questo l'uomo è prigioniero di queste

Dettagli

Abbiamo cercato di costruire una rete significativa di riferimenti con il mondo al quale la nostra scuola appartiene.

Abbiamo cercato di costruire una rete significativa di riferimenti con il mondo al quale la nostra scuola appartiene. Tracce d opera Esserci insieme Scuola d Infanzia comunale Marc Chagall di Via Cecchi, 2 in collaborazione con la Redazione del Centro Multimediale di Documentazione Pedagogica della Città di Torino Introduzione

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell informazione, della comunicazione e dell editoria TESI DI LAUREA IN Sociologia della

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Piano di studio Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Stato del documento: Approvato dalla Direzione DFA il 15 giugno 2011 Introduzione Il

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO

LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO La percezione del cambiamento della città negli ultimi vent anni IDENTITÀ GRAFICA: NOODLES Copertina: Ottobre 2015 Un progetto a cura di: Indagine realizzata da:

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI SEGRETERIA NAZIONALE Stazione di Roma Termini Via Marsala 65 00185 Roma Italia Po Box 2376 Roma 158 Tel. +39 0647826360 / 4 Fax +39 0648907864 redazione@onds.it direzione@onds.it

Dettagli

VISION a Casa del Volontariato VOCE

VISION a Casa del Volontariato VOCE Un oasi di solidarietà, nel cuore della città. VISION a Casa del Volontariato VOCE LVolontari al Centro è il luogo che racchiude in modo nuovo la dimensione comunitaria della vita a Milano e nella sua

Dettagli

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica La Scuola di Volontariato La Scuola di Volontariato è promossa dal Coge Emilia Romagna e dal Coordinamento Centri di Servizio per il Volontariato Emilia Romagna con l intento di stimolare riflessioni sugli

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

La nostra storia e il nostro impegno

La nostra storia e il nostro impegno Associazione di Volontariato La nostra storia e il nostro impegno Milano Via Antonio Mosca, 185 Ottobre 2005 Associazione di Volontariato Cous Cous Clan Il Cous Cous Clan (per brevità CCC) è un Associazione

Dettagli

CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR

CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR MASTER 2013 Tecnologie digitali e metodologie sullo spettacolo direttore scientifico da Antonella Ottai Il Centro Teatro Ateneo, insieme con il Dipartimento

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA Deliberazione della GIUNTA COMUNALE n 107 Seduta del 11/06/2012 All. 1 OGGETTO:

Dettagli

I PROTAGONOSTI DI ARTEPASSANTE

I PROTAGONOSTI DI ARTEPASSANTE I PROTAGONOSTI DI ARTEPASSANTE Partecipano al progetto Artepassante numerose realtà artistiche, culturali e civiche di Milano. Capofila del Progetto è l'associazione le Belle Arti del Liceo Artistico di

Dettagli

Abadir si trova a Sant Agata Li Battiati, comune situato a circa 10 km da Catania, in un antica villa che ha assunto l attuale aspetto tra la fine

Abadir si trova a Sant Agata Li Battiati, comune situato a circa 10 km da Catania, in un antica villa che ha assunto l attuale aspetto tra la fine Abadir si trova a Sant Agata Li Battiati, comune situato a circa 10 km da Catania, in un antica villa che ha assunto l attuale aspetto tra la fine del 700 e il 1840. La villa è un antico caseggiato costruito

Dettagli

100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza

100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza 100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza 1. PREMESSA Per la prima volta nella storia delle Esposizioni Universali, Milano ha ospitato un padiglione

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

SOGNO VERDE. Comune di Bergamo Assessorato all ecologia e all ambiente Assessorato all urbanistica Assessorato alle politiche giovanili

SOGNO VERDE. Comune di Bergamo Assessorato all ecologia e all ambiente Assessorato all urbanistica Assessorato alle politiche giovanili SOGNO VERDE Provincia di Bergamo Assessorato all agricoltura Comune di Bergamo Assessorato all ecologia e all ambiente Assessorato all urbanistica Assessorato alle politiche giovanili SOGNO VERDE micro

Dettagli

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca MUSEO STORICO DELLA RESISTENZA Sant Anna di Stazzema COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca PARCO NAZIONALE DELL A PACE Parco nazion Alla cortese attenzione di: Dirigenti

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO

PROGETTO ORIENTAMENTO PROGETTO Istituto Comprensivo F. De Andrè San Frediano a Settimo ANNO SCOLASTICO 2015 2016 REFERENTE Prof. Maurizio Anna Maria PROGETTO CLASSI PRIME a. s. 2015/2016 REFERENTE: Prof.ssa Maurizio DESTINATARI

Dettagli

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni Milano, 9 novembre 2013 Vincenzo Saturni 1 La carta etica: perché e per chi? Avis opera da 86 anni per diffondere una cultura solidale tra i cittadini su tutto il territorio nazionale. E sin dal momento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840.

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. PENSIERO DI LENIN Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. Articolo datato 6 gennaio 1923 e pubblicato sulla «Pravda» del 27 gennaio 1923. ******

Dettagli

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA PROGETTO IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA Anno 2010 1 Progetto In-Contro Nuovi spazi di comunicazione. Percorsi di partecipazione giovanile

Dettagli

Laboratorio di Scultura: Ascoltare lo spazio Progettazione e realizzazione di un opere d arte attraverso un intervento site specific

Laboratorio di Scultura: Ascoltare lo spazio Progettazione e realizzazione di un opere d arte attraverso un intervento site specific Laboratorio di Scultura: Ascoltare lo spazio Progettazione e realizzazione di un opere d arte attraverso un intervento site specific Docente: Simone Cametti cell 328 1546195 email simonecametti@hotmail.it

Dettagli

Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO

Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO Associazione per lo sviluppo dell alta cultura in Milano, Ricordo della posa della prima pietra per le nuove sedi

Dettagli

Wenext, associazione culturale presenta

Wenext, associazione culturale presenta Wenext, associazione culturale presenta un progetto di valorizzazione del manifesto creatività + innovazione = lavoro proposto in due sessioni: 9/12 maggio e 18/21 ottobre 2012 Firenze Firenze 9/12 maggio

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

un percorso culturale, pedagogico e progettuale che condurrà alla riqualificazione di due scuole torinesi

un percorso culturale, pedagogico e progettuale che condurrà alla riqualificazione di due scuole torinesi conferenza stampa TORINO fa SCUOLA Urban Center Metropolitano, 27 maggio 2015 un percorso culturale, pedagogico e progettuale che condurrà alla riqualificazione di due scuole torinesi Il rinnovamento della

Dettagli

L ARCHITETTURA E UN PRODOTTO SOCIALMENTE UTILE?

L ARCHITETTURA E UN PRODOTTO SOCIALMENTE UTILE? L ARCHITETTURA concept Cosa hanno da dire i docenti di progettazione ad un paese la cui forma fisica pare imprigionata nelle gabbie delle procedure burocratiche, nelle impasse delle decisioni politiche,

Dettagli

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana)

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) FICTION DI PROTOTIPI Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) Le location ed i poli produttivi della serialità televisiva in Italia: un sistema romanocentrico

Dettagli

OPPORTUNITÀ DI COLLABORAZIONE

OPPORTUNITÀ DI COLLABORAZIONE OPPORTUNITÀ DI COLLABORAZIONE Perché diventare Partner de il Circolo dei lettori Nato a Torino nell ottobre del 2006, il Circolo dei lettori è il primo spazio pubblico italiano dedicato ai lettori e alla

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Una immagine emergente, un futuro aperto Il territorio che abbiamo

Dettagli

Fondazione per l Università a Brindisi

Fondazione per l Università a Brindisi Fondazione per l Università a Brindisi Una Fondazione gestita dagli Enti pubblici e privati del territorio brindisino per il coordinamento e la promozione dell offerta formativa universitaria che altre

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

ISTITUTO TECNICO NAUTICO STATALE BUCCARI 09125 Cagliari Viale Colombo, 60 Tel +39/070-300303/301793 Fax +39/070-340742 E-Mail: mail@itnbuccari.

ISTITUTO TECNICO NAUTICO STATALE BUCCARI 09125 Cagliari Viale Colombo, 60 Tel +39/070-300303/301793 Fax +39/070-340742 E-Mail: mail@itnbuccari. ISTITUTO TECNICO NAUTICO STATALE BUCCARI 09125 Cagliari Viale Colombo, 60 Tel +39/070-300303/301793 Fax +39/070-340742 E-Mail: mail@itnbuccari.it ISTITUTO TECNICO NAUTICO STATALE BUCCARI CAGLIARI & LICEO

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

LA SCUOLA MONTESSORI NEI PRIMI PROGETTI DI HERMANN HERTZBERGER: I TEMI CHIAVE DELLO SPAZIO PER L APPRENDIMENTO

LA SCUOLA MONTESSORI NEI PRIMI PROGETTI DI HERMANN HERTZBERGER: I TEMI CHIAVE DELLO SPAZIO PER L APPRENDIMENTO LA SCUOLA MONTESSORI NEI PRIMI PROGETTI DI HERMANN HERTZBERGER: I TEMI CHIAVE DELLO SPAZIO PER L APPRENDIMENTO Arch. Simona Martino Urbino, 13 marzo 2014 1 Hermann Hertzberger, architetto, vive in Olanda

Dettagli

Presentazione attività

Presentazione attività Il re dei Confini - a cura di Alessandro Carboni L'arte, il paesaggio e l'architettura per bambini Presentazione attività Il Re dei confini è un progetto che promuove attività per bambini sull arte, l

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un Milano, 23 ottobre 2014 Avvio di un percorso di ascolto attivo e di partecipazione della cittadinanza PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI Gentili, Con la presente si comunica, nell intento

Dettagli

Comprendere e vivere il patrimonio in chiave interculturale, da eredità ricevuta a risorsa condivisa

Comprendere e vivere il patrimonio in chiave interculturale, da eredità ricevuta a risorsa condivisa Comprendere e vivere il patrimonio in chiave interculturale, da eredità ricevuta a risorsa condivisa Simona Bodo Convegno Il patrimonio risorsa per l educazione interculturale. La scuola, il museo, il

Dettagli

PROGETTO: TEATRO FORUM

PROGETTO: TEATRO FORUM 24 5 PROGETTO: TEATRO FORUM (per Oratori sensibili) Che cos è Il Teatro forum è un metodo e percorso formativo utilizzato spesso in situazioni di disagio socio-culturale e si propone come strumento per

Dettagli

a. Il museo Madre Alimentazione: fondo del bilancio ordinario regionale, fondi di origine europea, ricavi propri, sponsorizzazioni e partenariati

a. Il museo Madre Alimentazione: fondo del bilancio ordinario regionale, fondi di origine europea, ricavi propri, sponsorizzazioni e partenariati I CINQUE CERCHI Indirizzi strategici della Fondazione Donnaregina 2012-2014 Cerchio 1. STRATEGIA SU DIMENSIONE METROPOLITANA a. Il museo Madre Alimentazione: fondo del bilancio ordinario regionale, fondi

Dettagli

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016)

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Premessa La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine

Dettagli

Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006

Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006 Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006 Le nuove sfide della scuola Walter Moro Il mio contributo in questo

Dettagli

Per un nuovo modello organizzativo: la Fondazione Arché

Per un nuovo modello organizzativo: la Fondazione Arché Assemblea Associazione Arché Venerdì 13 aprile 2012 Per un nuovo modello organizzativo: la Fondazione Arché Si inizia con la video presentazione della mission e dello spot 5xmille Cari Soci, Volontari,

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

foto di Eliana Masoero

foto di Eliana Masoero foto di Eliana Masoero CACCIA ALL ARTISTA Residenza MAKING ARTS Bando ETRE di Fondazione Cariplo Progetto 2010>2012 Caccia all artista è un progetto ideato per tutti coloro che sono attratti dall arte,

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 PROGETTI DELL AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO

Dettagli

Che cos è AIESEC? Cambiare il mondo tramite l educazione

Che cos è AIESEC? Cambiare il mondo tramite l educazione AIESEC Italia Che cos è AIESEC? Nata nel 1948, AIESEC è una piattaforma che mira allo sviluppo della leadership nei giovani, offrendo loro l opportunità di partecipare a stage internazionali con l obiettivo

Dettagli

World café con i professori

World café con i professori World café con i professori Il 29 aprile al pomeriggio, circa 40 docenti dell Istituto hanno partecipato all incontro loro riservato in questa prima fase di ascolto del percorso La scuola capovolta. L

Dettagli

Comune di Reggio Emilia Assessorato Cultura Assessorato Città Storica Biblioteca Panizzi Musei Civici. Settimana della fotografia europea

Comune di Reggio Emilia Assessorato Cultura Assessorato Città Storica Biblioteca Panizzi Musei Civici. Settimana della fotografia europea Comune di Reggio Emilia Assessorato Cultura Assessorato Città Storica Biblioteca Panizzi Musei Civici Settimana della fotografia europea La Settimana della fotografia europea è un progetto del Comune di

Dettagli

Università degli studi di Genova. Corso di Laurea Magistrale interateneo in Progettazione delle Aree Verdi e del Paesaggio COMUNICATO STAMPA

Università degli studi di Genova. Corso di Laurea Magistrale interateneo in Progettazione delle Aree Verdi e del Paesaggio COMUNICATO STAMPA Università degli studi di Milano Università degli studi di Genova Politecnico di Torino Università degli studi di Torino Corso di Laurea Magistrale interateneo in Progettazione delle Aree Verdi e del Paesaggio

Dettagli

PROPOSTA DI PROGRAMMA QUADRIENNIO 2014-2018

PROPOSTA DI PROGRAMMA QUADRIENNIO 2014-2018 PROPOSTA DI PROGRAMMA QUADRIENNIO 2014-2018 Il comitato di condotta ha individuato gli obiettivi principali da raggiungere nei prossimi quattro anni in relazione alle indicazioni dei programmi portati

Dettagli

Dal volontariato al progetto

Dal volontariato al progetto Dal volontariato al progetto 10 anni di storia dell Auser in sintesi 9 Dagli inizi al consolidamento dell organizzazione (1989/1995) 1.a Le motivazioni di una nuova organizzazione L Auser nasce nell 89,

Dettagli

www.cittainvisibili.org

www.cittainvisibili.org Iniziativa realizzata in collaborazione con Vice Presidenza e Assessorato alla Cultura Regione del Veneto www.cittainvisibili.org Presentazione «Vola solo chi osa farlo» Luis Sepúlveda Città Invisibili

Dettagli

AMBITO SOCIALE DI ZONA ALTO AGRI. Regolamento Centri Laboratori per la Comunità

AMBITO SOCIALE DI ZONA ALTO AGRI. Regolamento Centri Laboratori per la Comunità All.B3 R.A/LAB REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE AMBITO SOCIALE DI ZONA ALTO AGRI Regolamento Centri Laboratori per la Comunità Art. 1 Definizione I centri laboratori si propongono

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE www.istvap.it 1 ISTVAP ha quattro anni di vita ISTVAP sta per compiere quattro anni di vita. Anni di attività che hanno portato alla scoperta dell importanza del concetto di

Dettagli

Discipline di indirizzo: progettazione esecutiva e illustrazione

Discipline di indirizzo: progettazione esecutiva e illustrazione CORSO DI FOTOGRAFIA PROF.SSA DIRCE IERVOLINO Obbiettivi del corso Il corso ha l obiettivo di introdurre gli allievi ai principi, alle tecniche e alla produzione e post-produzione delle immagini fotografiche

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

Videoproiezioni: Studio Materia sta sviluppando un circuito di videoproiezioni su alcuni muri significativi della città.

Videoproiezioni: Studio Materia sta sviluppando un circuito di videoproiezioni su alcuni muri significativi della città. Milano, novembre 2005 Chi Siamo Studio Materia è un agenzia di comunicazione urbana che nasce con l obiettivo di sviluppare un sistema di comunicazione specifico per il contesto urbano milanese. Per raggiungere

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Workcare synergies. Il progetto in Italia. Social care and work-care balance

Workcare synergies. Il progetto in Italia. Social care and work-care balance Workcare synergies Il progetto in Italia Social care and work-care balance Newsletter n. 1 del 1/05/2011 Il progetto Gli obiettivi del progetto WORKCARE SYNERGIES è un progetto di supporto per diffondere

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Chi siamo. L organizzazione

Chi siamo. L organizzazione Chi siamo Il Forum Giovani di Marigliano nasce con lo scopo di raccogliere idee, sogni e domande dei giovani cittadini. È uno strumento di partecipazione attiva per incidere sul territorio, fornendo occasioni

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

disegno di Simonetta Capecchi

disegno di Simonetta Capecchi disegno di Simonetta Capecchi ..Forum Tarsia, Mammamà, ScalzaBanda, Archintorno, AltraDefinizione, DuoMimatto, Ramblas e Medici Senza Frontiere sono la rete di associazioni che lavorano all interno

Dettagli

INTEGRAZIONE E COMUNITA LOCALE CENTRO PROFESSIONALE COMUNALE CORSI PROPEDEUTICI: FALEGNAMERIA E IMPIANTI ELETTRICI

INTEGRAZIONE E COMUNITA LOCALE CENTRO PROFESSIONALE COMUNALE CORSI PROPEDEUTICI: FALEGNAMERIA E IMPIANTI ELETTRICI INTEGRAZIONE E COMUNITA LOCALE CENTRO PROFESSIONALE COMUNALE CORSI PROPEDEUTICI: FALEGNAMERIA E IMPIANTI ELETTRICI DESCRIZIONE DEL PROGETTO La presenza nel territorio di centri per il recupero scolastico

Dettagli

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISIS Carducci-Dante Trieste INDIRIZZI NUOVO ORDINAMENTO Liceo delle scienze umane Liceo delle scienze umane opzione economico-sociale Liceo classico Liceo linguistico Liceo musicale

Dettagli

A relazione dell'assessore Parigi: Premesso che:

A relazione dell'assessore Parigi: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU13 02/04/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 marzo 2015, n. 27-1124 Protocollo d'intesa fra la Regione Piemonte e la Citta' di Collegno per lo sviluppo di un centro di residenza,

Dettagli

Oggetto: Protocollo d intesa MIUR-ADMO (Associazione donatori midollo osseo).

Oggetto: Protocollo d intesa MIUR-ADMO (Associazione donatori midollo osseo). Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione Ufficio 6 Prot.n.2854-15/04/2010

Dettagli