CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE COSENZA, LABOCCETTA, PAGLIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE COSENZA, LABOCCETTA, PAGLIA"

Transcript

1 Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI COSENZA, LABOCCETTA, PAGLIA Disposizioni per la tutela culturale e ambientale e per la valorizzazione turistica dei Campi Flegrei Presentata il 26 febbraio 2010 ONOREVOLI COLLEGHI! L area dei Campi Flegrei comprendente i territori di Pozzuoli, Bacoli, Monte di Procida, Quarto Flegreo, dei quartieri di Napoli di Posillipo, Fuorigrotta e Agnano e delle frazioni di Napoli, Pianura, Pisani e Soccavo è contraddistinta dalla presenza di un patrimonio archeologico, paesaggistico, naturalistico, geologico e rurale tra i più belli e significativi del Paese. La storia dei Campi Flegrei ha un enorme valore. Fu qui, infatti, che nel VII secolo avanti Cristo nacque la città di Cuma, celebre centro della Magna Graecia, da cui poi sarebbe nata l attuale città di Napoli. In epoca imperiale romana, i Campi Flegrei costituirono il secondo sistema urbano-territoriale del mondo comprendendo il porto e la città commerciale di Puteoli, i porti militari di Lucrino e di Miseno, il sistema delle ville imperiali e termali di Baia-Bauli e, appunto, Cuma. Dopo un parziale periodo di decadenza in epoca medievale, i Campi Flegrei risorsero come importante luogo di soggiorno termale. Quindi divennero meta ambita del Grand-Tour europeo tra la fine del settecento e l inizio dell ottocento grazie alla voga con cui, allora, si guardava alla mitologia che voleva proprio i Campi Flegrei tra i teatri delle gesta di Ulisse e di Enea e alla celebrità portata dall afflusso di importanti pittori che li privilegiavano come soggetti dei loro quadri. Tale imponente carico di storia si riflette sulle straordinarie bellezze archeologiche dei

2 Atti Parlamentari 2 Camera dei Deputati 3257 Campi Flegrei, che figurano al quarto posto in Europa per il tasso di concentrazione di attrattive storiche rispetto all estensione territoriale. Basti pensare allo splendido complesso termale del Parco archeologico di Bacoli, considerato dagli storici come il modello in base al quale sarebbero successivamente sorti, a Roma, monumenti celeberrimi come il Pantheon, o allo stupefacente parco archeologico sommerso di Baia. Inoltre i Campi Flegrei sono, dal punto di vista geologico-scientifico, uno dei territori vulcanici più importanti d Europa grazie alla presenza di crateri che datano migliaia di anni e che sono una testimonianza preziosa del formarsi della zona intorno a Napoli. Più nello specifico, nella zona sono tuttora riconoscibili almeno ventiquattro tra crateri ed edifici vulcanici, alcuni dei quali presentano manifestazioni gassose effusive e idrotermali che sono causa del fenomeno del bradisismo, il quale consiste in un periodico abbassamento o innalzamento del livello del suolo relativamente lento sulla scala dei tempi umani, ma molto veloce rispetto ai tempi geologici. Esso non è avvertibile in se stesso, ma è riconoscibile visivamente lungo la riva del mare, mostrando la progressiva emersione o sommersione di edifici, coste e territori. I Campi Flegrei i quali soffrono di gravi problemi di inquinamento ambientale, di incuria nella tutela del loro straordinario patrimonio naturale e paesaggistico, di cementificazione selvaggia e di degrado urbanistico hanno un potenziale turistico importante e necessario da ben utilizzare soprattutto in un periodo di contrazione dell economia che colpisce in modo pesante il già dissestato sistema produttivo meridionale. Purtroppo la bellezza culturale e paesaggistica dei Campi Flegrei è inversamente proporzionale rispetto al livello di manutenzione, preservazione e presentazione al pubblico di tale stupefacente patrimonio. Basti citare alcuni esempi. Da tempo il Sacello degli Augustali è inaccessibile ai visitatori; una cabina elettrica fulminata tiene ancora al buio cinquantaquattro delle cinquantacinque sezioni del Castello di Baia e un catastrofico incendio di quarantasei anni fa ha lasciato la comunità dei fedeli di Pozzuoli orfana del Duomo del Rione Terra, ristrutturato ma chiuso. Il percorso dei beni culturali e archeologici negati ai turisti e ai visitatori dei Campi Flegrei è lungo. Almeno quanto le polemiche e gli scambi di accuse che si trascinano da anni. Nemmeno i soldi dell Unione europea hanno potuto risolvere la situazione. Il Grand-Tour negato parte dal Duomocattedrale di Pozzuoli: lavori ultimati, ma sito chiuso al culto e al turismo per vie di fuga inadeguate, canonica e campanile da ultimare e per un nuovo percorso pedonale da aprire. Dall acropoli di Pozzuoli il viaggiatore del passato poteva scorgere il Castello aragonese di Baia, oggi museo archeologico dei Campi Flegrei, custode dei reperti provenienti dal Rione Terra, dall antica Puteoli, da Misenum e da Liternum. Cinquantacinque stanze inaugurate dal Capo dello Stato, che ospitano altrettante sezioni: oggi tutte chiuse tranne una, per colpa di lavori in corso e per una querelle burocraticoamministrativa tra regione Campania e Ministero per i beni e le attività culturali in materia di gestione del personale di custodia. Il «Viaggiatore con il cannocchiale» di sir William Hamilton è stato scelto dalla regione come simbolo dell itinerario Re-tour nei Campi Flegrei, ma nel tour dei siti negati il cannocchiale serve a cercare i custodi privati delle chiavi per visitare le Cento Camerelle, note anche con il nome di «Prigioni di Nerone», oppure la Grotta della dragonara o la Piscina Mirabilis. Custodi che si tramandano di generazione in generazione le chiavi di accesso a un mondo antico. Affascinante per i visitatori e per i turisti, ma solo per coloro che hanno la fortuna di sapere a quale «porta» bussare. Per tutti gli altri mistero fitto. Inaccessibile, poi, anche la necropoli imperiale tra Misenum e Cuma: primo cimitero dei marinai della flotta imperiale, con urne cinerarie di ufficiali e di sottufficiali adornate dagli affreschi di una

3 Atti Parlamentari 3 Camera dei Deputati 3257 menade danzante e della dea Selene, restaurate con euro dei programmi operativi regionali e mostrate ai bacolesi nel giorno dell Epifania. Stime ufficiali non ce ne sono, ma almeno il 40 per cento dei siti dei Campi Flegrei resta chiuso. Un miraggio. Come la Casina vanvitelliana del Fusaro: riserva di caccia e di pesca dei Borbone, luogo amato da Luigi Einaudi nel suo settennato al Quirinale e sala da affittare a 240 euro per i matrimoni civili, ma solo fino al 31 maggio Da allora è stato tutto chiuso per restauro, completato quasi un anno fa, e la gestione passata al Consorzio ittico-campano, un ente pubblico. Dei turisti nemmeno l ombra, così come dei promessi sposi: serve una delibera, mentre circola la voce che il costo dell affitto della splendida sala sia lievitato a 500 euro per una cerimonia nuziale della durata di mezz ora. È chiusa al pubblico anche la Fescina, monumento funerario tra Quarto e Pozzuoli: ennesima tappa del tour negato. Questo quadro deprimente, che è anche un esempio eloquente di quanto nel Mezzogiorno vengano dilapidate straordinarie opportunità, spiega bene perché la richiesta da parte del comune di Pozzuoli per l inserimento dei Campi Flegrei nell elenco dei beni patrimonio dell umanità dell UNESCO non abbia avuto successo. Non a caso, in una comunicazione ufficiale del 26 marzo 2009, il Ministero per i beni e le attività culturali affermava che il sito «non dimostra di possedere tutti i requisiti richiesti dall UNESCO (...) ed in particolare si fa riferimento al requisito dell integrità e della autenticità, dell eccellenza rispetto allo stato di conservazione del bene e della sua presentazione al pubblico». Non vi è inoltre dubbio sul fatto che a rovinare la bellezza del patrimonio culturale e ambientale dei Campi Flegrei siano anche gli effetti nefasti prodotti dal processo di cementificazione selvaggia e senza regole sviluppatosi nel corso dei decenni con il risultato che oggi, in presenza oltretutto di un patrimonio edilizio di bassa qualità e scarsamente sicuro, vi è una densità abitativa eccessiva e perciò pericolosa in un territorio che è a rischio idrogeologico. Uno studio pubblicato già nell ormai lontano 1994 da parte dell università Roma Tre, infatti, classificava come ad altissimo rischio, sul piano della sicurezza idrogeologica, gli insediamenti urbani nell area flegrea di Napoli affermando: «I Campi Flegrei, al pari dell area vesuviana, rappresentano una situazione paradossale in quanto le scelte urbanistiche finora adottate non hanno assolutamente tenuto conto delle caratteristiche dell ambiente naturale». Finora gli interventi per lo sviluppo dei Campi Flegrei, come peraltro avvenuto in molte altre aree del Mezzogiorno ricche di potenzialità turistiche rimaste tristemente inespresse, sono stati caratterizzati da approssimazione e da mancanza totale di programmazione. In altre parole, non sono stati inseriti in un quadro organico di iniziative finalizzate alla conservazione ambientale, alla preservazione culturale e allo sviluppo turistico del territorio: per esempio si è intervenuti sul restauro dei monumenti, ma non sulle infrastrutture necessarie a raggiungerli; oppure sul livello qualitativo di alberghi e spiagge, ma senza pensare al mancato funzionamento dei depuratori che sta letteralmente devastando il mare di fronte ai Campi Flegrei e facendo quindi fuggire i turisti; oppure, ancora, si è investito sullo sviluppo dell enogastronomia mentre nelle strade crescevano i cumuli di rifiuti. Ovviamente questi sono solo alcuni esempi, ma se ne potrebbero fare molti altri per dimostrare quanto sia necessario invertire questa dannosa tendenza. È ora necessaria una nuova politica per il governo del territorio dei Campi Flegrei così da affermare una cultura della pianificazione, della manutenzione e della conservazione culturale, ambientale e urbanistica finalmente in grado di superare il meccanismo degli interventi straordinari e decontestualizzati finora usati nel Mezzogiorno. Alla luce di questo quadro che rappresenta in pieno il fallimento delle politiche finora attuate nei Campi Flegrei, la presente proposta di legge prevede un

4 Atti Parlamentari 4 Camera dei Deputati 3257 meccanismo di concertazione tra tutte le istituzioni interessate, sia a livello nazionale che a livello locale, volto a salvaguardare e a sviluppare un territorio che rappresenta una risorsa per l intero Paese. In tal modo si intendono mettere in moto iniziative sinergiche e compatibili per rendere il «prodotto Campi Flegrei» pronto, sotto tutti i punti di vista (da quello culturale a quello ambientale, fino a quello enogastronomico), ad essere un innovativo prototipo di «distretto turistico» da estendere anche al resto del Mezzogiorno.

5 Atti Parlamentari 5 Camera dei Deputati 3257 PROPOSTA DI LEGGE ART Lo Stato, nell ambito delle finalità di tutela dell ambiente, dell ecosistema e dei beni culturali del Paese ad esso attribuite in via esclusiva dall articolo 117, secondo comma, lettera s), della Costituzione, riconosce il territorio dei Campi Flegrei quale risorsa culturale e ambientale di notevole interesse pubblico. 2. È istituito un tavolo tecnico sul territorio dei Campi Flegrei composto dai rappresentanti dei Ministeri competenti che, in collaborazione con gli enti locali interessati, individua i progetti e le opere, con i relativi stanziamenti, necessari al fine di raggiungere i seguenti obiettivi: a) salvaguardare e, ove necessario, restaurare i beni archeologici e storicoarchitettonici assicurandone la buona gestione e la piena fruibilità al pubblico allo scopo di sviluppare l industria del turismo; b) proteggere il mare, il suolo e l ambiente in generale quali componenti indispensabili per la buona qualità della vita degli abitanti e per lo sviluppo del turismo; c) pianificare un azione complessiva volta a delocalizzare le attività industriali a maggiore tasso di inquinamento situate lungo le coste; d) intervenire sulle situazioni urbanistiche a elevato rischio idrogeologico valutando ogni misura necessaria a delocalizzare gli edifici che sorgono in zone di pericolo e densamente abitate, in particolare attraverso tre fasi: monitoraggio del patrimonio abitativo dismesso o sottoutilizzato; avvio di forme innovative di pianificazione urbanistica che favoriscano l utilizzo delle fonti energetiche non inquinanti; rottamazione degli immobili

6 Atti Parlamentari 6 Camera dei Deputati 3257 privi di adeguati criteri qualitativi e ambientali; e) garantire un rapporto equilibrato tra il tasso di densità della popolazione residente e la presenza di aree verdi; f) assicurare forme di controllo sul fenomeno dell abusivismo edilizio; g) introdurre aliquote di vantaggio per l imposta comunale sugli immobili e per l imposta sul reddito delle persone fisiche, in favore dei proprietari di immobili, situati nelle aree a maggiore densità abitativa, che risultano abbandonati o privi di adeguata manutenzione; h) proteggere l integrità delle aree agricole attraverso l introduzione di vincoli per gli interventi edilizi sui fabbricati rurali; i) sviluppare le attività agricole, agrituristiche ed enogastronomiche; l) utilizzare le fonti geotermiche per la produzione di energia pulita prevedendo, tenuto conto della sicurezza e della tutela ambientali, che un adeguata quota di tale energia sia destinata all utilizzo da parte dei residenti nell area; m) adeguare le reti infrastrutturali; n) potenziare l offerta turistica del territorio dei Campi Flegrei anche utilizzando gli strumenti previsti dalla legge 29 marzo 2001, n. 135; o) promuovere l inserimento del territorio dei Campi Flegrei nella Lista del patrimonio mondiale dell UNESCO. 3. Le attività del tavolo tecnico sul territorio dei Campi Flegrei non comportano nuovi o maggiori oneri per il bilancio dello Stato e sono effettuate con le risorse umane, finanziarie e strumentali dei Ministri competenti, di cui al comma 1, disponibili a legislazione vigente.

7 PAGINA BIANCA

8 1,00 *16PDL * *16PDL *

Re-tour nei Campi Flegrei.

Re-tour nei Campi Flegrei. nei Campi Flegrei. un Itinerario in cantiere IDEA FORZA: 1) Strutturazione di un itinerario di visita architettonico - archeologico - paesistico di valenza internazionale, costituito da alcuni grandi poli

Dettagli

Grande Attrattore Culturale Campi Flegrei

Grande Attrattore Culturale Campi Flegrei Grande Attrattore Culturale Campi Flegrei Infrastrutture Numero Denominazione Beneficiario Altre risorse Identificativo intervento Misura Risorse POR pubbliche Risorse private Costo totale I BCL BCL 001

Dettagli

SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA

SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA INFRASTRUTTURE SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA 010 (CF.03) Tempio di Serapide (restauro delle strutture archeologiche e sistemazione percorso di visita (nell' ambito della riqualificazione e valorizzazione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1656 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore LAURO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 LUGLIO 2002 Progetto di valorizzazione dell area flegrea TIPOGRAFIA DEL

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BOCCI, GINOBLE, GRASSI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BOCCI, GINOBLE, GRASSI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 602 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BOCCI, GINOBLE, GRASSI Disposizioni per la riqualificazione e la rivitalizzazione dei centri

Dettagli

Sito del Patrimonio Mondiale UNESCO I Sassi e il Parco delle Chiese rupestri di Matera - Proposta di estensione a Gravina in Puglia.

Sito del Patrimonio Mondiale UNESCO I Sassi e il Parco delle Chiese rupestri di Matera - Proposta di estensione a Gravina in Puglia. Sito del Patrimonio Mondiale UNESCO I Sassi e il Parco delle Chiese rupestri di Matera - Proposta di estensione a Gravina in Puglia. Protocollo di Intesa (BOZZA) tra MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 706

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 706 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 706 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori FLERES e FERRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 28 MAGGIO 2008 Interventi per lo sviluppo delle attività economiche

Dettagli

Linee di intervento, azioni e stato di attuazione

Linee di intervento, azioni e stato di attuazione Newsletter n.70 Dicembre 2009 Approfondimento_11 FESR PUGLIA 2007-2013 ASSE IV - VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE NATURALI E CULTURALI PER L ATTRATTIVITÀ E LO SVILUPPO Linee di intervento, azioni e stato di

Dettagli

DUEMILA INTERVENTI, UN AGENDA.

DUEMILA INTERVENTI, UN AGENDA. DUEMILA INTERVENTI, UN AGENDA. I NUMERI DEL BANDO PERIFERIE 120 PROGETTI 22.913.218 cittadini residenti nei Comuni coinvolti 445 Comuni interessati di cui 348 nelle 13 Città Metropolitane Di questi ultimi,

Dettagli

Preambolo. Visto l articolo 117, terzo e quarto comma della Costituzione;

Preambolo. Visto l articolo 117, terzo e quarto comma della Costituzione; Proposta di legge: Disposizioni per il recupero del patrimonio edilizio esistente situato nel territorio rurale. Modifiche alla legge regionale 10 novembre 2014, n.65 (Norme per il governo del territorio).

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 582 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI IANNUZZI, REALACCI, TOMMASO FOTI, BOCCI, LUPI, STRADELLA, BOFFA, BONAVITACOLA, BOSSA, CESARIO,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1873 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SODANO Tommaso, MALABARBA e TOGNI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 DICEMBRE 2002 Interventi per l istituzione del

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 869 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori STRANO, ALLEGRINI, BATTAGLIA Antonio, BORNACIN, BUTTI, CORONELLA, CURSI, LOSURDO, MENARDI, MORSELLI, SAIA, RAMPONI

Dettagli

D Iniziativa del Senatore DI GIORGI

D Iniziativa del Senatore DI GIORGI DISEGNO DI LEGGE Misure per tutela e fruizione dei siti italiani di interesse culturale, paesaggistico e ambientale, inseriti nella «lista del patrimonio mondiale», posti sotto la tutela dell'unesco D

Dettagli

OGLIASTRA COMUNE DI TORTOLÌ PROVINCIA DELL OGLIASTRA BANDO PROGETTI DI QUALITÀ 2005/2006 MISURA 5.1 TORTOLÌ PORTA DELL OGLIASTRA

OGLIASTRA COMUNE DI TORTOLÌ PROVINCIA DELL OGLIASTRA BANDO PROGETTI DI QUALITÀ 2005/2006 MISURA 5.1 TORTOLÌ PORTA DELL OGLIASTRA COMUNE DI TORTOLÌ PROVINCIA DELL OGLIASTRA BANDO PROGETTI DI QUALITÀ 2005/2006 MISURA 5.1 OGLIASTRA QUADRO TERRITORIALE URBANO DI RIFERIMENTO CONTESTO URBANO E STRATEGICO DEL PROGETTO PLANIMETRIE GENERALI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE DELL ISOLA PALMARIA MINISTERO DELLA DIFESA REGIONE LIGURIA COMUNE DI PORTO VENERE AGENZIA DEL DEMANIO

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE DELL ISOLA PALMARIA MINISTERO DELLA DIFESA REGIONE LIGURIA COMUNE DI PORTO VENERE AGENZIA DEL DEMANIO PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE DELL ISOLA PALMARIA tra MINISTERO DELLA DIFESA REGIONE LIGURIA COMUNE DI PORTO VENERE AGENZIA DEL DEMANIO PREMESSO CHE - l articolo 307, del decreto legislativo

Dettagli

1. LA STORIA DEI CAMPI FLEGREI

1. LA STORIA DEI CAMPI FLEGREI 1. LA STORIA DEI CAMPI FLEGREI L area di intervento è localizzata nel comune di Monte di Procida, situato a nord ovest della Campania, uno dei comuni che rientrano nel sistema territoriale dei Campi Flegrei,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LODOLINI, LUCIANO AGOSTINI, MARCHETTI, PETRINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LODOLINI, LUCIANO AGOSTINI, MARCHETTI, PETRINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1867 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LODOLINI, LUCIANO AGOSTINI, MARCHETTI, PETRINI Disposizioni per il contrasto del fenomeno

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VACCARO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VACCARO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 461 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VACCARO Istituzione dell Agenzia speciale per la salvaguardia e la tutela del sito archeologico

Dettagli

Studi di storia ed archeologia dei Campi Flegrei

Studi di storia ed archeologia dei Campi Flegrei UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI L ORIENTALE PUTEOLI Studi di storia ed archeologia dei Campi Flegrei a cura di Giuseppe Camodeca - Marco Giglio NAPOLI 2016 2 Indice Lo stadio di Cuma 3 UNIVERSITÀ DEGLI

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d'iniziativa del deputato MINARDO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d'iniziativa del deputato MINARDO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3751 PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa del deputato MINARDO Disposizioni per il recupero

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N Disposizioni a sostegno del turismo religioso

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N Disposizioni a sostegno del turismo religioso Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3148 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori FLERES e BURGARETTA APARO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 14 FEBBRAIO 2012 Disposizioni a sostegno del turismo religioso

Dettagli

Appunti per un programma di Urbanistica della Città di Napoli. di Maurizio Russo

Appunti per un programma di Urbanistica della Città di Napoli. di Maurizio Russo Appunti per un programma di Urbanistica della Città di Napoli di Maurizio Russo Cercheremo di rispondere a due domande: QUAL È LA SITUAZIONE ATTUALE DELLA CITTÀ DI NAPOLI? CHE COSA POSSIAMO FARE NOI PER

Dettagli

PROGETTO EDEN 3 DESTINAZIONI EUROPEE DI ECCELLENZA TURISMO E AREE PROTETTE SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA SOGGETTO PROPONENTE

PROGETTO EDEN 3 DESTINAZIONI EUROPEE DI ECCELLENZA TURISMO E AREE PROTETTE SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA SOGGETTO PROPONENTE PROGETTO EDEN 3 DESTINAZIONI EUROPEE DI ECCELLENZA TURISMO E AREE PROTETTE SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA SOGGETTO PROPONENTE.......... CONTATTO: TEL. FAX MAIL:.. SITO INTERNET. La destinazione

Dettagli

Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio

Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016 DEFINIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 analisi territoriale e analisi SWOT esperienze delle precedenti programmazioni coinvolgimento degli stakeholder Strategia:

Dettagli

Un nuovo Management Plan per il sistema territoriale Archeologico Vesuviano

Un nuovo Management Plan per il sistema territoriale Archeologico Vesuviano Unione degli Industriali di Napoli Centro Studi Un nuovo Management Plan per il sistema territoriale Archeologico Vesuviano ( Concept presentato all Unesco, Parigi, il 27 maggio 2011 ) Sito Archeologico

Dettagli

1. Assetto del territorio

1. Assetto del territorio 1. Assetto del territorio Il Parco dei Castelli Romani, secondo la suddivisione in montagna, collina e pianura stabilita dall ISTAT, ha una prevalenza di comuni collinari, ovvero con caratteri altimetrici

Dettagli

Le fasi di formazione della pianificazione comunale. Legge del 1865 «Sulle espropriazioni per pubblica utilità»

Le fasi di formazione della pianificazione comunale. Legge del 1865 «Sulle espropriazioni per pubblica utilità» Le fasi di formazione della pianificazione comunale Legge del 1865 «Sulle espropriazioni per pubblica utilità» Piano regolatore del nucleo urbano esistente; piano regolatore di ampliamento; norme per l

Dettagli

Il decentramento delle competenze in materia di governo del territorio

Il decentramento delle competenze in materia di governo del territorio Il decentramento delle competenze in materia di governo del territorio Tre fasi principali: L istituzione delle regioni a statuto speciali e delle province autonome (1946) L istituzione delle regioni a

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. Legge regionale n. 19 del 28 dicembre 2009

REGIONE CAMPANIA. Legge regionale n. 19 del 28 dicembre 2009 REGIONE CAMPANIA Legge regionale n. 19 del 28 dicembre 2009 v. anche legge regionale n. 1 del 5 gennaio 2011; DGR n. 145 del 12 aprile 2011 (Linee guida per la valutazione della sostenibilità energetica

Dettagli

d iniziativa dei senatori IURLARO, D ANNA, DE SIANO, FALANGA, GALIMBERTI, Eva LONGO, MILO, PICCINELLI, PICCOLI, SCOMA, SOLLO, TARQUINIO e ZIZZA

d iniziativa dei senatori IURLARO, D ANNA, DE SIANO, FALANGA, GALIMBERTI, Eva LONGO, MILO, PICCINELLI, PICCOLI, SCOMA, SOLLO, TARQUINIO e ZIZZA Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1272 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori IURLARO, D ANNA, DE SIANO, FALANGA, GALIMBERTI, Eva LONGO, MILO, PICCINELLI, PICCOLI, SCOMA, SOLLO, TARQUINIO

Dettagli

Visita Bici + Auto Campi Flegrei Maggio 2013

Visita Bici + Auto Campi Flegrei Maggio 2013 Visita Bici + Auto Campi Flegrei 10-11-12 Maggio 2013 Il gruppo dei partecipanti al lago di Bacoli di fronte alla Villa disegnata da Vanvitelli Ecco la nostra avventura fuori Roma: ci rechiamo in auto

Dettagli

Il nuovo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze: verso un documento condiviso. Comune di Firenze Direzione Cultura e Turismo Ufficio UNESCO

Il nuovo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze: verso un documento condiviso. Comune di Firenze Direzione Cultura e Turismo Ufficio UNESCO Il nuovo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze: verso un documento condiviso Comune di Firenze Direzione Cultura e Turismo Ufficio UNESCO Cos è il Piano di Gestione Obbligo principale di un sito

Dettagli

Fonte: Commissione Europea Sesto rapporto sulla Coesione economica, sociale e territoriale (Luglio 2014)

Fonte: Commissione Europea Sesto rapporto sulla Coesione economica, sociale e territoriale (Luglio 2014) Ambrogio Prezioso Fonte: Commissione Europea Sesto rapporto sulla Coesione economica, sociale e territoriale (Luglio 2014) Gli ultimi siti inclusi 2013 Ville medicee 2013 Monte Etna 2014 Paesaggi

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 3059 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore FUSILLO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 11 FEBBRAIO 1998 Norme per l incentivazione

Dettagli

PIA RURALE BASSO PIAVE:

PIA RURALE BASSO PIAVE: Misura 341 - Animazione e acquisizione di competenze finalizzate a strategie di sviluppo locale PIA RURALE BASSO PIAVE: Percorsi storici di terra e acqua: un paesaggio rurale da salvaguardare PROGETTO

Dettagli

SEMINARIO «IL TURISMO NELLE AREE INTERNE» - L AQUILA, 31 MAGGIO 1 GIUGNO 2016 FABIO POLLICE

SEMINARIO «IL TURISMO NELLE AREE INTERNE» - L AQUILA, 31 MAGGIO 1 GIUGNO 2016 FABIO POLLICE FABIO POLLICE L AGGETTIVO «RURALE» VIENE TUTTORA UTILIZZATO PER DESIGNARE AREE CARATTERIZZATE DA UNA BASSA DENSITÀ DEMOGRAFICA La metodologia per l individuazione delle aree rurali (non urbane) introdotta

Dettagli

7 Bollettino PSR Pag. 1

7 Bollettino PSR Pag. 1 7 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 7. Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali SOTTOMISURA 7.2. INVESTIMENTI FINALIZZATI ALLA CREAZIONE, AL MIGLIORAMENTO E ALL ESPANSIONE DI OGNI TIPO

Dettagli

MISURA 4.14 SUPPORTO ALLA COMPETITIVITA, ALL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE E DEI SISTEMI DI IMPRESE TURISTICHE.

MISURA 4.14 SUPPORTO ALLA COMPETITIVITA, ALL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE E DEI SISTEMI DI IMPRESE TURISTICHE. MISURA 4.14 SUPPORTO ALLA COMPETITIVITA, ALL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE E DEI SISTEMI DI IMPRESE TURISTICHE. Programma di riferimento: POR Puglia 2000-2006 area obiettivo 1. Ambito di intervento: Sviluppo

Dettagli

Atti della Regione. CONSTATATO - che il predetto progetto sperimentale Itinerari Re Tour nei Campi Flegrei, realizzato nel periodo lu-

Atti della Regione. CONSTATATO - che il predetto progetto sperimentale Itinerari Re Tour nei Campi Flegrei, realizzato nel periodo lu- A.G.C. 13 - Turismo e Beni Culturali - Deliberazione n. 773 del 23 aprile 2009 - Legge 135/2001. Progetto Interregionale Itinerari di Qualità II fase "Retour nei Campi Flegrei edizione 2009". Approvazione.

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 nel nuovo ciclo di programmazione 2007-2013: quali opportunità? Il Programma Operativo FESR dott.ssa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MINARDO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MINARDO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3258 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MINARDO Disciplina dell attività

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 444

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 444 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 444 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore COSTA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 8 MAGGIO 2008 Agevolazioni finalizzate alla ristrutturazione di unità abitative

Dettagli

Programma Operativo Regionale Campania FESR Carlo Neri

Programma Operativo Regionale Campania FESR Carlo Neri Programma Operativo Regionale Campania FESR 2007-2013 Carlo Neri Il Programma Operativo FESR si articola in: 7 Assi di intervento (di cui 5 settoriali, 1 territoriale e 1 di assistenza tecnica) 17 Obiettivi

Dettagli

ALLEGATO C2-3 - SETTORE LAVORI PUBBLICI PROGRAMMA 1 SVILUPPO DEL TERRITORIO

ALLEGATO C2-3 - SETTORE LAVORI PUBBLICI PROGRAMMA 1 SVILUPPO DEL TERRITORIO ALLEGATO C2-3 - SETTORE PROGRAMMA 1 SVILUPPO DEL TERRITORIO Progetto 1 - Edilizia scolastica Progetto 2 - Edilizia sportiva Progetto 3 - Parco urbano Progetto 4 - Recupero e valorizzazione Centro storico

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII^ LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa dei Senatori FABBRI ed altri Misure per favorire la riconversione e la riqualificazione delle aree industriali dismesse RELAZIONE

Dettagli

proposta di legge n. 79

proposta di legge n. 79 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 79 a iniziativa dei Consiglieri Minardi, Busilacchi, Giancarli, Traversini, Urbinati, Giacinti, Rapa, Talè, Marconi presentata in data 10 agosto

Dettagli

Il benessere equo e sostenibile in Emilia-Romagna: un confronto temporale con l Italia. Paesaggio e patrimonio culturale

Il benessere equo e sostenibile in Emilia-Romagna: un confronto temporale con l Italia. Paesaggio e patrimonio culturale Il benessere equo e sostenibile in : un confronto temporale con l Paesaggio e patrimonio culturale Settembre 216 N.B. Per agevolare la lettura, nei casi in cui il grafico presenti indicatori chiaramente

Dettagli

L'UNESCO e i beni culturali: i criteri per la definizione di Bene Culturale e la Normativa.

L'UNESCO e i beni culturali: i criteri per la definizione di Bene Culturale e la Normativa. Camilla Serreli (matricola 20/45/65002) L'UNESCO e i beni culturali: i criteri per la definizione di Bene Culturale e la Normativa. L'UNESCO è una associazione promulgata dalle Nazioni Unite che ha lo

Dettagli

PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (PAR FSC) (DGR 1251 del 28/07/2008)

PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (PAR FSC) (DGR 1251 del 28/07/2008) PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (PAR FSC) 2007-2013 (DGR 1251 del 28/07/2008) Aggiornamento delle tabelle finanziarie a seguito delle decisioni adottate dal Comitato di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MINARDO. Norme per favorire il ricambio generazionale nelle imprese artigiane

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MINARDO. Norme per favorire il ricambio generazionale nelle imprese artigiane Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3668 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MINARDO Norme per favorire il ricambio

Dettagli

Ripartizione indicativa per categoria di spesa (importi in euro)

Ripartizione indicativa per categoria di spesa (importi in euro) Allegato 4 nota prot. n. 4642 del 2 marzo 2007 Ripartizione indicativa per categoria di spesa (importi in euro) Temi prioritari 01 Attività di R&ST nei centri di ricerca 0,25% 8.174.506 02 Infrastrutture

Dettagli

IL TURISMO ARCHEOLOGICO SUBACQUEO 2 UNA NUOVA FRONTIERA NELLA DIDATTICA DELLA GEOGRAFIA. Dott.ssa A. Giglio AIIG Giovani - sez.

IL TURISMO ARCHEOLOGICO SUBACQUEO 2 UNA NUOVA FRONTIERA NELLA DIDATTICA DELLA GEOGRAFIA. Dott.ssa A. Giglio AIIG Giovani - sez. IL TURISMO ARCHEOLOGICO SUBACQUEO 2 UNA NUOVA FRONTIERA NELLA DIDATTICA DELLA GEOGRAFIA Dott.ssa A. Giglio AIIG Giovani sez. Campania Progetto extracurricolare studenti del 1 biennio, 2 anno Liceo delle

Dettagli

RECUPERO URBANO E ATTRATTIVITA TERRITORIALE

RECUPERO URBANO E ATTRATTIVITA TERRITORIALE RECUPERO URBANO E ATTRATTIVITA TERRITORIALE Building Healthy Communities Costruzione Comunità Salutari Sala Conferenze Ex Conservatorio S. Anna Lecce, 22 febbraio 2011 Criticità di contesto Il P.O. F.E.S.R.

Dettagli

La Bottega delle idee. Circolo PD Cattolica

La Bottega delle idee. Circolo PD Cattolica La Bottega delle idee Circolo PD Cattolica L obbiettivo del lavoro è costruire attraverso un gruppo aperto dove tutti i tesserati possono dare un contributo per la Cattolica del futuro. Vogliamo raccontare

Dettagli

DUE NUOVE CITTÀ DI BOLOGNA DA COSTRUIRE IN EMILIA-ROMAGNA

DUE NUOVE CITTÀ DI BOLOGNA DA COSTRUIRE IN EMILIA-ROMAGNA 10% utilizzo urbano di suolo (2.280 km 2 ) 23% dispersione urbanistica (Insediamenti situati al di fuori di contesti urbani) Previsti 250 km 2 di espansione urbanistica DUE NUOVE CITTÀ DI BOLOGNA DA COSTRUIRE

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 10 settembre 2010. Linee guida per l autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili. IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA

Dettagli

(1 parte) Analisi delle trasformazioni del territorio veneto

(1 parte) Analisi delle trasformazioni del territorio veneto FESTIVAL DEMOCRATICO MIRANESE 2014 S. Maria di Sala 24.02.14 Tiziano Tempesta Dipartimento Territorio e Sistemi Agroforestali Università di Padova (1 parte) Analisi delle trasformazioni del territorio

Dettagli

PROGRAMMA DI BONIFICA E RIGENERAZIONE URBANA. Cabina di Regia Prefettura di Napoli

PROGRAMMA DI BONIFICA E RIGENERAZIONE URBANA. Cabina di Regia Prefettura di Napoli PROGRAMMA DI BONIFICA E RIGENERAZIONE URBANA Cabina di Regia Prefettura di Napoli 06.04.2016 1 COME È Dopo 23 anni dalla chiusura della fabbrica e 300 milioni di euro spesi per bonifiche mai completate

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ; ; Revisione di metà periodo

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ; ; Revisione di metà periodo - UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIIONE CALABRIIA Fondii Sttrrutttturrallii 2000 -- 2006 Programma Operativo Regionale NN 11 99 99 99 I TT 11 66 11 PP OO 00 00 66 DD e c i i s i

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N Disciplina dei musei del mare. d iniziativa dei senatori SCILIPOTI ISGRÒ e SCOMA XVII LEGISLATURA

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N Disciplina dei musei del mare. d iniziativa dei senatori SCILIPOTI ISGRÒ e SCOMA XVII LEGISLATURA Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1220 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SCILIPOTI ISGRÒ e SCOMA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 20 DICEMBRE 2013 Disciplina dei musei del mare TIPOGRAFIA

Dettagli

Gal Terre Astigiane nelle Colline patrimonio dell Umanità Programmazione Leader

Gal Terre Astigiane nelle Colline patrimonio dell Umanità Programmazione Leader Gal Terre Astigiane nelle Colline patrimonio dell Umanità Programmazione Leader 2014-2020 Costigliole d Asti, Calamandrana 23 marzo 2016 I contenuti del PSL 2014-2020 POPOLAZIONE Popolazione ammissibile:

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE FVG: LE MISURE A FAVORE DELL AGRICOLTURA SOCIALE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE FVG: LE MISURE A FAVORE DELL AGRICOLTURA SOCIALE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-2020 DELLA REGIONE FVG: LE MISURE A FAVORE DELL AGRICOLTURA SOCIALE Adottato con decisione della Commissione C(2015) 6589 final del 24 settembre 2015 Convegno Lo sviluppo

Dettagli

LA CATTEDRALE SOTTERRANEA VISITA ALLA PISCINA MIRABILIS

LA CATTEDRALE SOTTERRANEA VISITA ALLA PISCINA MIRABILIS LA CATTEDRALE SOTTERRANEA VISITA ALLA PISCINA MIRABILIS Domenica 10 marzo h 10:30 Villa Comunale di Bacoli - presso Ristorante Garum ex Caliendo in via Miseno n. 17 Bacoli, Na 5,00 / 4,00 enti convenzionati

Dettagli

Riqualificazione e valorizzazione del sistema dei tratturi e del patrimonio naturalistico e culturale delle aree rurali

Riqualificazione e valorizzazione del sistema dei tratturi e del patrimonio naturalistico e culturale delle aree rurali 7.6.1 - Riqualificazione e valorizzazione del sistema dei tratturi e del patrimonio naturalistico e culturale delle aree rurali Sottomisura: 7.6 - sostegno per studi/investimenti relativi alla manutenzione,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4354 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Modifica all articolo 15 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto

Dettagli

CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE REPUBBLICA ITALIANA

CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE REPUBBLICA ITALIANA CONFERENZA INTERNAZIONALE SPOPOLAMENTO E RIPOPOLAMENTO NELLE AREE DEL MEDITERRANEO. ESPERIENZE A CONFRONTO. UNA STRATEGIA PER CONTRASTARE L ABBANDONO DEI COMUNI INTERNI 26-27 marzo 2009, Cosenza IL CONTRASTO

Dettagli

Un territorio che funziona bene, nel quale si vive bene, è attrattivo per un turista

Un territorio che funziona bene, nel quale si vive bene, è attrattivo per un turista Un territorio che funziona bene, nel quale si vive bene, è attrattivo per un turista Centralità nel turismo: ACCOGLIENZA FATTORE AL QUALE IL TURISTA DA MAGGIORE IMPORTANZA MA CHE SPESSO VIENE SOTTOVALUTATO

Dettagli

VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO URBANO & SOCIALE:

VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO URBANO & SOCIALE: PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2016 PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2016 Il contesto di riferimento del progetto RIONE SANITÀ Napoli 32.000 ABITANTI 2 km SUPERFICIE 43% TASSO DISOCCUPAZIONE

Dettagli

Mario Catania. Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Mario Catania. Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Mario Catania Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Perdita di terreni agricoli SAU: - 28% tra 1971 e 2010 (pari a Lombardia, Liguria ed Emilia Romagna) Ogni giorno si cementificano

Dettagli

1. Collegamenti fra i siti d'interesse presenti nel parco e nelle vicinanze

1. Collegamenti fra i siti d'interesse presenti nel parco e nelle vicinanze 1. Collegamenti fra i siti d'interesse presenti nel parco e nelle vicinanze Referente o soggetto esecutore: Enti pubblici, associazioni Turismo, sport e servizi; Innovazione nella gestione delle risorse

Dettagli

L IMPORTANZA DI ESSERE EUROPA 28 STATI, UNA REALTÀ

L IMPORTANZA DI ESSERE EUROPA 28 STATI, UNA REALTÀ L IMPORTANZA DI ESSERE EUROPA 28 STATI, UNA REALTÀ POLITICA DI COESIONE STORIA L Unione europea (UE) comprende 28 Stati membri che costituiscono una comunità e un mercato unico di 503 milioni di cittadini.

Dettagli

LE AREE PROTETTE, LUOGHI DI TURISMO SOSTENIBILE

LE AREE PROTETTE, LUOGHI DI TURISMO SOSTENIBILE LE AREE PROTETTE, LUOGHI DI TURISMO SOSTENIBILE Strategie e opportunità nell Anno internazionale del turismo sostenibile per lo sviluppo 27 Giugno 2017 - Roma Edo Ronchi Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile

Dettagli

La Variante al Piano Territoriale Regionale e i nuovi compiti del piano comunale

La Variante al Piano Territoriale Regionale e i nuovi compiti del piano comunale La Variante al Piano Territoriale Regionale e i nuovi compiti del piano comunale I nuovi capisaldi della pianificazione comunale La carta del consumo di suolo È un elaborato già richiesto da diversi piani

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 4 maggio 2017

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 4 maggio 2017 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2810 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo (FRANCESCHINI) di concerto con il Ministro dell istruzione, dell

Dettagli

_il Piano Strategico di Fabriano. 1

_il Piano Strategico di Fabriano. 1 _il Piano Strategico di Fabriano 1 terzo forum pubblico F a b r i a n o 18_novembre_2006 Contenuti _il metodo _la sintesi dei risultati: il quadro sinottico _le 10 Vocazioni _le 10 Linee Strategiche _Azioni,

Dettagli

PROGRAMMA INTEGRATO PER LA RIGENERAZIONE URBANA Ambito 1 art. 4, Legge Regionale 20 luglio 2008, n. 21 ELENCO ELABORATI PROGRAMMA URBANISTICO

PROGRAMMA INTEGRATO PER LA RIGENERAZIONE URBANA Ambito 1 art. 4, Legge Regionale 20 luglio 2008, n. 21 ELENCO ELABORATI PROGRAMMA URBANISTICO COMUNE DI BISCEGLIE PROVINCIA DI BT PROGRAMMA INTEGRATO PER LA RIGENERAZIONE URBANA Ambito 1 art. 4, Legge Regionale 20 luglio 2008, n. 21 ELENCO ELABORATI PROGRAMMA URBANISTICO Elaborati amministrativi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GALLINELLA, GAGNARLI, L ABBATE, NESCI, SIBILIA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GALLINELLA, GAGNARLI, L ABBATE, NESCI, SIBILIA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 4669 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GALLINELLA, GAGNARLI, L ABBATE, NESCI,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato COSENZA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato COSENZA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3454 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato COSENZA Modifiche al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e disposizioni concernenti

Dettagli

La pianificazione urbanistica in Toscana: il Piano territoriale di coordinamento PTC

La pianificazione urbanistica in Toscana: il Piano territoriale di coordinamento PTC Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I La pianificazione urbanistica in Toscana: il Piano territoriale

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 33/ 20 DEL

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 33/ 20 DEL DELIBERAZIONE N. 33/ 20 DEL 5.9.2007 Oggetto: Deliberazione CIPE n. 3 del 22 marzo 2006 - Individuazione interventi. Il Presidente ricorda che, con la deliberazione della Giunta Regionale n. 41/1 del 30

Dettagli

Piano della città pubblica

Piano della città pubblica La Legge Regionale n 12/2005 Legge per il governo del territorio. I temi e le esperienze Politecnico di Milano Polo Regionale di Mantova Aula Magna - Via Scarsellini, 15 Mantova 30 novembre 2006 Studi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DONATO BRUNO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DONATO BRUNO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4641 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato DONATO BRUNO Norme per la conservazione ed il recupero dei trulli di Alberobello e della

Dettagli

CALEO, COLLINA, CUCCA, DEL BARBA, DI GIORGI, LEPRI, LUCHERINI,

CALEO, COLLINA, CUCCA, DEL BARBA, DI GIORGI, LEPRI, LUCHERINI, Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2617 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori MOSCARDELLI, CALEO, COLLINA, CUCCA, DEL BARBA, DI GIORGI, LEPRI, LUCHERINI, Mauro Maria MARINO, ORRÙ, RANUCCI,

Dettagli

UN PROGETTO CULTURALE INTEGRATO PER LA CITTA DI PORTICI

UN PROGETTO CULTURALE INTEGRATO PER LA CITTA DI PORTICI UN PROGETTO CULTURALE INTEGRATO PER LA CITTA DI PORTICI Il 3 ottobre 1839 con la cerimonia di inaugurazione della linea Napoli-Portici iniziava, in Italia, la storia delle ferrovie. 174 anni di storia

Dettagli

Protocollo d intesa tra

Protocollo d intesa tra Ministero per Culturali Dipartimento i Beni e le Attività per i Beni Culturali e Paesaggistici Regione Autonoma della Sardegna Protocollo d intesa tra MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI DIPARTIMENTO

Dettagli

Cosa fare di San Calogero. Lipari

Cosa fare di San Calogero. Lipari Cosa fare di San Calogero Lipari Breve racconto Vendo Non vendo regalo 24.04.2002 il consiglio comunale di Lipari delibera la costituzione di una società per la Trasformazione Urbana (STU) dell area di

Dettagli

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE Forum - 4 incontro CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE Parco Nazionale dell Aspromonte 26.10.2016 Il percorso di costruzione del Piano Valutazione della situazione attuale Patrimonio naturale, storico

Dettagli

BRESCIA E PROVINCIA La provincia di Brescia si trova in Lombardia, ai piedi delle Alpi, tra il lago di Garda e il lago di Iseo. La città ha una popolazione di 190.000 abitanti, che la rendono la seconda

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MARINELLO, VINCENZO ANTONIO FONTANA, MISURACA, PAGANO. Disposizioni per la tutela dell ambiente marino

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MARINELLO, VINCENZO ANTONIO FONTANA, MISURACA, PAGANO. Disposizioni per la tutela dell ambiente marino Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 913 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MARINELLO, VINCENZO ANTONIO FONTANA, MISURACA, PAGANO Disposizioni per la tutela dell ambiente

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Istituzione del Consorzio Valgrande N d iniziativa del deputato ZACCHERA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Istituzione del Consorzio Valgrande N d iniziativa del deputato ZACCHERA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 772 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ZACCHERA Istituzione del Consorzio Valgrande Presentata il 17 maggio 2006 ONOREVOLI COLLEGHI!

Dettagli

Corso di Fondamenti di Urbanistica a.a. 2013/14

Corso di Fondamenti di Urbanistica a.a. 2013/14 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura CdL in Scienze dell Architettura Corso di Fondamenti di Urbanistica a.a. 2013/14 Prof. Giuseppe De Luca I vincoli nel Governo del territorio Vincoli

Dettagli

LA CATTEDRALE SOTTERRANEA VISITA ALLA PISCINA MIRABILIS

LA CATTEDRALE SOTTERRANEA VISITA ALLA PISCINA MIRABILIS LA CATTEDRALE SOTTERRANEA VISITA ALLA PISCINA MIRABILIS _sabato 13 ottobre h 16:30 _domenica 11 novembre h 10:30 Villa Comunale di Bacoli - vicino al Ristorante Garum ex Caliendo in via Miseno n. 17 Bacoli,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTI PER LO SVILUPPO DELLE ISOLE PONTINE. Art. 1 (Oggetto e finalità)

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTI PER LO SVILUPPO DELLE ISOLE PONTINE. Art. 1 (Oggetto e finalità) PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTI PER LO SVILUPPO DELLE ISOLE PONTINE Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione, nel riconoscere le peculiarità geografiche, storiche e culturali

Dettagli

LEGGE REGIONALE 13 agosto 1996, n. 69

LEGGE REGIONALE 13 agosto 1996, n. 69 LEGGE REGIONALE 13 agosto 1996, n. 69 Disciplina delle strade del vino in Toscana. Finalità Finalità Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Finalità e definizione di "Strada

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 12 Luglio :33 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 13 Luglio :12

Scritto da Administrator Martedì 12 Luglio :33 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 13 Luglio :12 CASERTAVECCHIA Casertavecchia (frazione di Caserta) è un borgo medievale che sorge alle pendici dei monti Tifatini a 10 km di distanza in direzione nord-est da Caserta. In epoca medievale costituì il centro

Dettagli

Regione Siciliana PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE DELLA REGIONE SICILIANA MONITORAGGIO. (Misure adottate in merito al monitoraggio art.

Regione Siciliana PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE DELLA REGIONE SICILIANA MONITORAGGIO. (Misure adottate in merito al monitoraggio art. PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE DELLA REGIONE SICILIANA MONITORAGGIO (Misure adottate in merito al monitoraggio art. 10) VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (Dir. 42/2001/CE) 1 SISTEMA DI MONITORAGGIO

Dettagli

Art. 1 (Principi e finalità)

Art. 1 (Principi e finalità) L.R. 21 Ottobre 2008, n. 16 Iniziative ed interventi regionali in favore della promozione del libro, della lettura e delle piccole e medie imprese editoriali del Lazio (1) Art. 1 (Principi e finalità)

Dettagli

declino delle forme di agricoltura tradizionale valorizzazione delle tipicità produttive e delle produzioni biologicamente controllate

declino delle forme di agricoltura tradizionale valorizzazione delle tipicità produttive e delle produzioni biologicamente controllate Il concetto di sviluppo rurale declino delle forme di agricoltura tradizionale valorizzazione delle tipicità produttive e delle produzioni biologicamente controllate necessità/opportunità di integrare

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 25 DEL 5 GIUGNO 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 25 DEL 5 GIUGNO 2006 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 25 DEL 5 GIUGNO 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 12 maggio 2006 - Deliberazione N. 583 - Area Generale di Coordinamento N. 13 - Sviluppo

Dettagli