Studio di Impatto Ambientale QUADRO PROGETTUALE INDICE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio di Impatto Ambientale QUADRO PROGETTUALE INDICE"

Transcript

1

2 INDICE QUADRO PROGETTUALE PREMESSA COMMITTENTE GRUPPO DI LAVORO ELENCO ELABORATI INQUADRAMENTO CARTOGRAFICO, GEOLOGICO, CATASTALE INQUADRAMENTO CARTOGRAFICO CARATTERI GEOLOGICI E IDROGEOLOGICI LOCALI INQUADRAMENTO CATASTALE VIABILITÀ E INFRASTRUTTURE INFRASTRUTTURE DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE DEL PROGETTO MINERALE ESTRATTO E SUO UTILIZZO CARATTERISTICHE GENERALI DEL PROGETTO OPERE PROPEDEUTICHE ALL ATTIVITÀ DI CANTIERE FASI DI COLTIVAZIONE QUANTIFICAZIONE DELLA MOVIMENTAZIONE DEL MATERIALE RISISTEMAZIONE AMBIENTALE Modalità di risistemazione ambientale Modalità di accumulo e conservazione del terreno di scortico Rimodellamento morfologico del sito estrattivo RINATURALIZZAZIONE DELL AREA Opere a verde Cure post impianto Alternative progettuali Alternative territoriali Alternative modalità di coltivazione Alternativa di non realizzazione del progetto: OPZIONE ZERO ALLEGATO A FIGURE... 16

3 QUADRO PROGETTUALE Il presente documento costituisce l elaborato denominato SIA_01 - QUADRO PROGETTUALE e contiene quanto previsto dall'allegato VII alla Parte II del D. Lgs. 152/2006 e s.m.i. :. 1. Descrizione del progetto, comprese in particolare: a. una descrizione delle caratteristiche fisiche dell'insieme del progetto e delle esigenze di utilizzazione del suolo durante le fasi di costruzione e di funzionamento; b. una descrizione delle principali caratteristiche dei processi produttivi, con l'indicazione, per esempio, della natura e delle quantità dei materiali impiegati; c. una valutazione del tipo e della quantità' dei residui e delle emissioni previsti (inquinamento dell'acqua, dell'aria e del suolo, rumore, vibrazione, luce, calore, radiazione, eccetera) risultanti dall'attività' del progetto proposto; d. la descrizione della tecnica prescelta, con riferimento alle migliori tecniche disponibili a costi non eccessivi, e delle altre tecniche previste per prevenire le emissioni degli impianti e per ridurre l'utilizzo delle risorse naturali, confrontando le tecniche prescelte con le migliori tecniche disponibili. 2. Una descrizione delle principali alternative prese in esame dal proponente, compresa l'alternativa zero, con indicazione delle principali ragioni della scelta, sotto il profilo dell'impatto ambientale, e la motivazione della scelta progettuale, sotto il profilo dell'impatto ambientale, con una descrizione delle alternative prese in esame e loro comparazione con il progetto presentato. Si è fatto inoltre riferimento a quanto previsto nella Legge Regionale 7 settembre 1990, n. 43, che all art. 11 Disposizioni in ordine alla redazione degli studi di impatto ambientale recita: 2. Lo studio di impatto ambientale deve contenere i seguenti elementi: b) la descrizione delle finalità dell opera e dei motivi della localizzazione prescelta rispetto ad eventuali alternative; c) la descrizione del progetto con particolare riferimento: 1) alle caratteristiche fisiche del suo insieme; 2) alle principali caratteristiche dei processi produttivi, con l'indicazione della natura e quantità dei materiali impiegati e del suolo occupato durante le fasi di costruzione ed esercizio; 3) alla qualità e quantità dei residui ed emissioni previsti, nel rispetto della normativa vigente, relativamente all'inquinamento delle acque, dell'aria, del suolo, da rumore, vibrazioni, luce, calore, radiazioni, rischio di incendi, risultanti dall'opera progettata; 4) alla qualità e quantità dei materiali in ingresso e in uscita dagli impianti e alla specificazione dei mezzi di trasporto previsti; 5) ai tempi di realizzazione dell'opera; d) la descrizione, stima e valutazione delle principali alternative progettuali, con indicazione delle determinanti ragioni della scelta sotto il profilo dell' impatto ambientale; Infine si è fatto riferimento a quanto previsto nel Regolamento di esecuzione delle norme della Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia in materia di valutazione di impatto ambientale (L.R. 43/1990) - Decreto del Presidente della Giunta 8 luglio 1996, n. 0245/Pres. L art. 6 Criteri e metodologie per l'elaborazione dello studio di impatto ambientale prevede: 1. Lo studio di impatto, predisposto a cura e spese del committente o dell'autorità proponente, è redatto con approccio interdisciplinare, diretto ad assicurare l'uso integrato delle conoscenze che inseriscono a ciascun tipo di progetto e viene sottoscritto dai tecnici e dagli esperti intervenuti. Lo studio ha il fine di identificare gli impatti temporanei c definitivi sull'ambiente naturale e antropico derivanti dalle opere proposte, e inoltre illustrare in modo dettagliato gli eventuali interventi di mitigazione degli impatti al fine di consentire un esame tecnico improntato a criteri oggettivi di scientificità e un giudizio di compatibilità da parte dell'autorità competente che sia consapevole ed informato. 2. Lo studio indica le corrispondenze tra l'opera o l'intervento e gli strumenti vigenti di programmazione e quelli di pianificazione territoriale generale o di attuazione; indica inoltre i vincoli di qualunque natura che possano interessare l'opera o l'intervento. 3. Nella descrizione dell'opera e dell'intervento lo studio viene formulato tenendo conto in relazione al livello di approfondimento necessario per la tipologia proposta delle indicazioni e dei criteri stabiliti dall'articolo 4 del D.P.C.M. 27 dicembre 1988, integrate inoltre dalla stima della durata dell'intervento e da una descrizione delle misure di eventuale smantellamento e di ripristino finale del luogo. Pagina 2 di 20

4 4. Ai fini dell'identificazione, analisi e stima degli impatti in riferimento al contesto ambientale, sono utilizzate le indicazioni metodologiche di cui all'articolo 5 e all'allegato II del D.P.C.M. 27 dicembre Possono essere utilizzate metodiche standardizzate o riconosciute valide a livello internazionale, purché assicurino sistemi di indagine e di analisi almeno equivalenti a quelli stabiliti dalla citata normativa statale. In ogni caso viene descritto e giustificato il tipo di metodologia scelta e utilizzata dal committente o dalla autorità proponente nell'elaborazione dello studio. 5. Fermo restando guanto stabilito dall'articolo 2, comma 3 della legge regionale 43/1990, nelle indagini e nelle stime in nessun caso potranno essere superati i parametri e gli standard stabiliti dalle normative vigenti. 6. Lo studio espone le eventuali alternative considerate, sia tecnologiche sia localizzative. In tal caso, le alternative sono illustrate in ragione del livello di approfondimento necessario per la tipologia di intervento proposto, prendendo in considerazione anche le conseguenze derivanti dalla mancata realizzazione dell'opera. 7. Nei casi di opere o interventi pubblici o di interesse pubblico deve essere dedicata particolare attenzione alla analisi del rapporto fra costi e benefici, e dei risultati attesi. Pagina 3 di 20

5 1. PREMESSA La ditta Sira s.a.s, con sede in via Michelangelo 6, Cavaione Veronese (VR), ha presentato, in data 9 giugno 2014 la domanda per l'attivazione della procedura di verifica di assoggettabiiità alla VIA di cui all'art. 20 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i. (punto 8 - lettera I dell Allegato IV del DLgs 152/2006 e s.m.i. - punto i) cave e torbiere) per il progetto di Riattivazione e risistemazione ambientale di una cava dismessa di pietra ornamentale in località Plan di Zermula in Comune di Paularo (UD). Con Decreto n dell 8 ottobre 2014 il Servizio Valutazioni Ambientali della Direzione Centrale Ambiente ed Enengia della Regione Friuli Venezia Giulia, ha ritenuto di assoggettare il progetto alla procedura di Valutazione di Impatto Ambientale di cui alla LR 43/1990 e D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. integrata dalla Valutazione di Incidenza ai sensi del D.P.R. 357/1997, con le seguenti motivazioni: 1. la localizzazione dell'opera si inserisce in un'area poco antropizzata, fruita per la maggior parte da turisti e saltuariamente da taglialegna per la gestione del bosco; 2. poiché la strada Paularo - Plan di Zermula è caratterizzata da scarsa larghezza della carreggiata lungo tutto il percorso con pochi punti di scambio e presenza di strettoie il passaggio dei camion potrebbe risultare problematico nei periodi di attività della cava che parzialmente si sovrappongono al periodo turistico estivo ed al periodo di trasporto del legname derivanti dalla gestione del bosco e per i lavori connessi alla gestione delle malghe e dei rifugi presenti nel circondario; 3. attualmente I'area non è percepibile visivamente né dalla strada provinciale né dai sentieri in zona in quanto vi è una schermatura derivante dalla presenza di alberi e vegetazione ma la cava riattivata rappresenta un elemento paesaggistico che diminuisce il valore ciel contesto per la fruibilità in generale, 4. il disturbo derivante dall'aumento della pressione sonora nell'area influenzerà principalmente la fauna presente; 5. sono emerse criticità su alcune specie di interesse comunitario presenti nella zona in relazione al fatto che il periodo di attività di cantiere ed il periodo riproduttivo di diverse specie tutelate si sovrappongono, ed in particolare il Servizio tutela del paesaggio e biodiversità ha rilevato che I'area risulta idonea alla nidificazione di diverse specie incluse nell'allegato 1 della Direttiva Uccelli (galliformi aspini, picchi e rapaci notturni) ed ha segnalato che nelle immediate vicinanze della cava è stata riscontrato il francolino di monte nel periodo riproduttivo; 6. vi è un potenziale rischio per gli anfibi che possono sfruttare le zone umide poste in prossimità della cava. Alla luce di quanto previsto dal Decreto n dell 8 ottobre 2014 la ditta Sira s.a.s. ha incaricato all architetto Antonio Fabiani il compito di coordinatore per la predisposizione degli elaborati tecnici necessari per la procedura di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) inerente al progetto di Riattivazione e risistemazione ambientale di una cava dismessa di pietra ornamentale in località Plan di Zermula in Comune di Paularo (UD). 1.1 Committente Ragione sociale: Sira s.a.s Sede legale: Via Michelangelo n Cavaion Veronese (VR) C.F e P.Iva Tel (+39) Fax (+39) E mail: Pec: Pagina 4 di 20

6 1.2 Gruppo di lavoro L architetto Antonio Fabiani ha ottemperato all incarico individuando il seguente gruppo interdisciplinare di professionisti esperti nelle materie di competenza per la redazione della documentazione progettuale e ambientale: PROFESSIONISTA Arch. Antonio Fabiani Per. Min. Martino.dott. Dell Osbel Geol. Danilo Simonetti Dott. For. Marco Vlaich Dott. Agr. Mariotti Monica Ing. Emanuele Albrigi Ing. Michele Andrighetti Geom.Pietro Pellegrini ATTIVITÀ Coordinatore Aspetti pianificatori Progettista Geologia, idrogeologia, geomeccanica Aspetti vegetazionali e faunistici V.Inc.A Indagini ambientali Progetto Risistemazione ambientale Modellazione emissioni in atmosfera Relazione previsionale acustica Rilievo topografico Pagina 5 di 20

7 2. ELENCO ELABORATI La Valutazione di Impatto Ambientale ha comportato la predisposizione di una serie di elaborati tecnici e grafici, elencati nella Tabella 1, i cui contenuti risultano conformi a quanto richiesto dall Allegato VII alla Parte II del D. Lgs. 152/2006 e s.m.i. N serie Cod. elab. Titolo elaborato DOCUMENTAZIONE STUDIO IMPATTO AMBIENTALE SIA 01 QUADRO PROGETTUALE SIA 02 QUADRO PROGRAMMATICO SIA 03 QUADRO AMBIENTALE SIA 04 STIMA DEGLI IMPATTI E PROPOSTE DI MITIGAZIONE SIA 05 SINTESI NON TECNICA SIA 06 ANALISI DELLA VIABILITA STUDI SPECIALISTICI VIN 01 VALUTAZIONE D INCIDENZA Tabella 1: Documenti relativi alla Valutazione di Impatto Ambientale Gli elaborati tecnici e grafici costituenti il PROGETTO DI RIATTIVAZIONE E RISISTEMAZIONE AMBIENTALE sono elencati nella Tabella 2 e contengono, tra gli altri, un rilievo planoaltimetrico dell area oggetto dell intervento aggiornato al N serie Cod. elab. Titolo elaborato DOCUMENTAZIONE DI INQUADRAMENTO P01 01 RELAZIONE TECNICA GENERALE - P01 02 RELAZIONE E COMPUTO METRICO DEL RECUPERO AMBIENTALE - P01 03 RELAZIONE FOTOGRAFICA - P01 04 RELAZIONE GEOLOGICA - CARTOGRAFIA DI INQUADRAMENTO P02 01 COROGRAFIA 1: P02 02 LOCALIZZAZIONE SU CARTA TECNICA REGIONALE 1:5.000 P02 03 CARTA GEOLOGICA 1:500 P02 04 INQUADRAMENTO CATASTALE 1:2.000 P02 05 PIANO REGOLATORE DEL COMUNE DI PAULARO 1:5.000 P02 06 CARTA DEI VINCOLI SU BASE CTR 1:5.000 PROGETTO DI COLTIVAZIONE P03 01 PLANIMETRIA STATO DI FATTO AL :500 P03 02 PLANIMETRIA AREE DI SCAVO - VIABILITÀ DI SERVIZIO - AREA DI SERVIZIO 1:500 P03 03 PLANIMETRIA STATO DI PROGETTO 1:500 P03 04 SOVRAPPOSIZIONE SEZIONI - STATO ATTUALE STATO DI PROGETTO 1-4 1:500 P03 05 SOVRAPPOSIZIONE SEZIONI - STATO ATTUALE STATO DI PROGETTO 5-8 1:500 P03 06 PLANIMETRIA STATO FINALE 1:500 P03 07 SEZIONI STATO FINALE 1-4 1:500 P03 08 SEZIONI STATO FINALE 5 8 E SEZIONE DI RIPRISTINO Tabella 2 Elenco degli elaborati di progetto Scala Pagina 6 di 20

8 3. INQUADRAMENTO CARTOGRAFICO, GEOLOGICO, CATASTALE 3.1 Inquadramento cartografico Il sito in esame è ubicato in località Plan di Zermula in Comune di Paularo (UD) a circa 1063 m di quota nell Alta Val Chiarsò, a nord dell abitato di Paularo (ALLEGATO A - Figura n 1). Il sito è raggiungibile attraverso la strada comunale Paularo Passo Lanza, che sale in direzione Nord lungo le pendici del Monte Zermula (2.143 m s.l.m.) fino alla località Stua Ramaz. All altezza del Plan di Zermula si stacca verso sud un tracciato forestale che scende nel sottostante piano della ex cava. A ovest si eleva una modesta culminazione rocciosa arrotondata che raggiunge i m s.l.m. di altezza; il versante precipita per oltre 200 m nella forra del torrente Chiarsò in loc. Las Callas. In sponda destra del torrente il rilievo sale a Ovest in direzione di Cima Cravostes (1.662 m s.l.m.) del Gruppo del Dimon Paularo. Il territorio è chiuso a nord dalla catena di confine delle Alpi Carniche, le cui maggiori vette sono Cuestalta (2.198 m s.l.m.), Lodin (2.015 m s.l.m.), Creta di Aip (2.379 m s.l.m.). La quasi totalità del territorio comunale di Paularo ricade nel bacino idrografico del torrente Chiarsò, tributario sinistro del Torrente But. Solo nella valle a est del Passo di Cason di Lanza, il Torrente Pontebbana confluisce nel bacino idrografico del Fiume Fella, all altezza di Pontebba La Tavola P02 01 (Corografia) indica il posizionamento su area vasta dell area d intervento. Il sito di intervento ricade al foglio n Cresta Cravostes della Carta Tecnica Regionale scala 1:5000, le coordinate geografiche del sito sono: - Latitudine 46,56570 N - Longitudine 13,11220 E La Tavola P02 02 (Localizzazione su Carta Tecnica Regionale) riporta sulla Carta Tecnica Regionale l ubicazione dell area d intervento. La topografia di dettaglio dell area presa come stato attuale per il progetto preliminare si basa su un rilievo georeferenziato aggiornato al eseguito con stazione totale Topcon GPT9005A. L utilizzo di un programma di modellazione tridimensionale (DISCAV) dell area di cava ha permesso di effettuare le elaborazioni cartografiche e la determinazione dei volumi relativi alla coltivazione del giacimento e alla risistemazione ambientale. 3.2 Caratteri geologici e idrogeologici locali 1 Il sito in esame è a circa 1050 m s.l.m. al margine settentrionale di una vallecola che divide un rilievo roccioso arrotondato dove affiorano calcari devonici definiti in letteratura come Calcari a goniatiti e climenie stratificati, entro cui è presente un banco carbonatico dello spessore di circa 4 5 metri, già coltivato fra gli anni 60 e i primi anni 70 del secolo scorso. Dal punto di vista geologico, il territorio posto sul fianco occidentale del Monte Zermula è caratterizzato dall affioramento di rocce prevalentemente terrigene di origine torbiditica paleozoiche (Formazione del Hochwipfel, Formazione del Dimon Carbonifero), cui si associano locali eventi vulcanici effusivi sottomarini. In subordine, procedendo verso nord a partire dalla loc. Las Callas, si rilevano in affioramento litotipi carbonatici, la cui origine è ascrivibile a depositi di piattaforma di età devonica. In particolare, lungo una stretta fascia orientata NW-SE si rilevano in affioramento i Calcari a Goniatiti e Climene (Devoniano sup. Carbonifero inf.) ed i Calcari a Tentaculiti (Devoniano inf. e medio). Le morfologie del territorio sono generalmente aspre, con frequenti pareti rocciose sub verticali elevate alternate a pendici molto acclivi solcate da impluvi e rii secondari dal decorso molto accidentato. Depositi di copertura grossolani di origine detritica ed eluvio-colluviali più fini celano il substrato lapideo abbastanza diffusamente lungo le pendici del rilievo su cui sorge l ex cava. L ammasso roccioso presenta un grado di fatturazione modesto, con famiglie di discontinuità continue con piani scabri privi di riempimenti argillitici e un grado di alterazione nullo o moderato. Il rilievo carbonatico sede dell ex cava mostra una forma allungata secondo la direttrice NW SE con una morfologia tipica delle rocce montonate, cioè completamente sepolte ed esalate dal ghiacciaio nel movimento verso valle. 1 Relazione Geologica per il progetto Riattivazione di una cava dimessa in località Plan di Zermula in Comune di Paularo (UD) Dott. Geol. Danilo Simonetti Pagina 7 di 20

9 Gli affioramenti carbonatici devonici sono troncati ad oriente da una faglia subverticale orientata NNW SSE impostata nella vallecola esistente fra le località Cason dal Nelut e la cava dismessa. Dal punto di vista idrogeologico l area interessata dal progetto proposto presenta un reticolo superficiale poco sviluppato con la presenza di due modesti impluvi che dai pascoli della Casera Zermula scendono in direzione della vallecola ubicata a valle del Plan di Zermula. Le portate di questi due impluvi sono modeste, con trasporto solido trascurabile e non danno luogo a fenomeni esondativi. Relativamente alla falda freatica, in zona è da ritenersi assente. I due impluvi confluiscono in un inghiottitoio carsico, impostato lungo gli specchi di faglia esistenti. Nell area dell ex cava, dove le acqua incanalate provenienti dal vicini impluvio divagano su terreni posti in debole pendio si nota la saturazione dei terreni superficiali sciolti in funzione della mancata presenza di un sistema di raccolta e allontanamento delle acque. Relativamente alla falda freatica, in zona è da ritenersi assente. I terreni di copertura, rappresentati da detrito di falda grossolano di tipo carbonatico (massi, ciottoli, ghiaie). Gli spessori dei terreni di copertura, anche in funzione della pregressa attività estrattiva, sono variabili, modesti e compresi tra i 20 cm e 1-2 mt con variazioni laterali significative sulla breve distanza". La relazione geologica allegata, evidenzia le direzioni, le immersioni e l'inclinazione dei banchi presenti nell area interessata dal progetto proposto Le operazioni di coltivazione saranno condotte quindi sulle bancate in funzione della loro giacitura, in questo caso operando anche in funzione della salvaguardia del giacimento e dell'ottimizzazione dei tagli. La Tavola P02 03 (Carta Geologica) illustra gli aspetti geologici del sito interessato dal progetto proposto. 3.3 Inquadramento catastale La Tavola P02 04 (Inquadramento catastale), riporta un estratto di mappa catastale che evidenzia come l intervento interessi solo il mappale n.1 del Foglio 8 del Comune di Paularo. La visura storica dell immobile (ALLEGATO A - Figura n 2) indica che la particella in parola è di proprietà del Comune di Paularo, ha una superficie totale di m 2 ed una qualità di classe definita come Bosco alto. 3.4 Viabilità e infrastrutture Il sito di intervento si trova, in loc. Plan di Zermula, a nord dell abitato di Paularo, a circa m di quota nell Alta Val Chiarsò. E raggiungibile attraverso la strada comunale Paularo Passo Lanza, che sale in direzione Nord lungo le pendici del Monte Zermula (2.143 m s.l.m.) fino alla località Stua Ramaz. All altezza del Plan di Zermula si stacca verso sud un tracciato forestale che scende nel sottostante piano presso la ex cava. Il materiale pronto per la commercializzazione verrà successivamente portato allo stabilimento di lavorazione ubicato nella zona artigianale di Paularo. Il materiale trasformato verrà quindi spedito attraverso la viabilità provinciale (S.P. 23 e S.P. 111), fino a raggiungere il casello autostradale della A23 di Carnia (ALLEGATO A - Figura n 3). All interno dell area di cava, per le lavorazioni connesse allo sviluppo della coltivazione, si utilizzeranno delle piste di servizio adatte per i mezzi d opera. 3.5 Infrastrutture All interno dell area di coltivazione non sono attualmente presenti infrastrutture di alcun genere Pagina 8 di 20

10 4. DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE DEL PROGETTO L area d intervento per il progetto Riattivazione e risistemazione ambientale di una cava dismessa di pietra ornamentale in località Plan di Zermula in Comune di Paularo (UD) si sviluppa in una zona ove fino alla fine degli anni settanta era attiva una cava di pietra ornamentale denominata Grigio Carnico. 4.1 Minerale estratto e suo utilizzo 2 Il Grigio Carnico è composto da calcare devonico leggermente metamorfosato compatto ben cristallizzato. Il colore di base è il grigio (ora chiaro, ora scuro) intersecato da un fittissimo reticolo di vene più scure e talora quasi nere. Le linee di sutura sono perfettamente obliterate e si presentano con orientazione sub parallela. Rare plaghe e vene calcistiche quasi bianche. Alcune varietà hanno un reticolo più o meno bianco, più o meno accentuato e ramificato. Viene utilizzato per pavimentazioni e rivestimenti di pareti, sia interne sia esterne. La pietra Grigio Carnico è composta da roccia sedimentaria molto compatta e resistente, molto adatta alla lucidatura. Si possono ricavare lastre fino ad uno spessore di 3 centimetri, che riduce sia il peso del prodotto sia lo spazio necessario per l applicazione. I diversi tagli permettono di disporre le pietre mantenendo una naturale casualità cromatica. 4.2 Caratteristiche generali del progetto Il progetto di Riattivazione e risistemazione ambientale di una cava dismessa di pietra ornamentale in località Plan di Zermula prevede la coltivazione di un banco di pietra ornamentale Grigio Carnico all interno dell area richiesta con un ampliamento ed un approfondimento del pianoro esistente e con la coltivazione della bancate di marmo presenti sulla parete a SW del pianoro stesso fino alla quota di mt s.l.m.. La Tavola P03 01 (Stato di fatto al ) riporta il rilevo topografico georeferenziato dell area interessata dai lavori estrattivi. L ingresso all'area di cava avverrà attraverso la strada forestale esistente, che opportunamente sistemata consentirà il raccordo con la viabilita' ordinaria, mentre l accesso alla parte alta del sito estrattivo sarà garantito dalla strada di arroccamento appositamente realizzata. Oltre all area di cantiere minerario il progetto prevede l utilizzo di una superficie al servizio dell attività estrattiva ove verranno depositati temporaneamente i materiali estratti in attesa di essere trasportati presso lo stabilimento di lavorazione di Paularo, i materiali di risulta delle lavorazioni che saranno utilizzati per la risistemazione ambientale e per il posizionamento delle dotazioni di cantiere necessarie per l attività estrattiva. L estensione della superficie complessivamente interessata dai lavori di coltivazione mineraria (area di cantiere estrattivo e di servizio) sarà in pianta di circa di circa m 2 di cui circa 700 m 2 per area a servizio di cantiere e m 2 per l area di coltivazione. La volumetria del materiale movimentato, comprensiva di quello derivante dalla preparazione dell area a servizio dell attività, sarà di circa m 3 di cui circa m 3 di materiale commercialmente utile e circa m 3 di materiale da riutilizzare per il ripristino ambientale. Si prevede di valorizzare la risorsa mineraria in un periodo di 10 anni movimentando in questo modo circa m 3 /anno. Per la coltivazione del materiale roccioso si utilizzeranno le seguenti attrezzature: 1 Tagliatrice per marmo a catena. 1 Macchina a filo diamantato. 1 Escavatore cingolato. 1 Generatore. 1 Compressore. 1 Camion. Per la logistica invece si provvederà a posizionare nell area a servizio dell attività estrattiva le seguenti infrastrutture: Baracca adibita a piccolo magazzino e deposito degli utensili. Serbatoio gasolio. Servizi igienici (bagno chimico). 2 Pagina 9 di 20

11 4.3 Opere propedeutiche all attività di cantiere Al fine di predisporre la superficie interessata dalle attività di coltivazione previste, verranno predisposte le seguenti opere propedeutiche quali: Sistemazione della strada forestale che attualmente consente l accesso all area di progetto e realizzazione di di un tornante a quota mt s.l.m. e di un tratto di nuova viabilità che consenta l innesto sulla strada comunale Paularo Passo Lanza senza pregiudizio per la circolazione di altri mezzi. Predisposizione dell area a servizio dell attività di coltivazione a SE dell area estrattiva alla quota di mt s.l.m.. Preparazione della strada di arroccamento, fino alla quota massima di mt s.l.m., sul versante SW dell area di coltivazione ove iniziare le operazioni di sbancamento e coltivazione del banco di Grigio Carnico. La Tavola P03 02 (Planimetria - aree di scavo - viabilità di servizio - area di servizio) riporta l ubicazione delle opere propedeutiche all attività di cantiere. 4.4 Fasi di coltivazione Il cantiere estrattivo sarà suddiviso in due aree: Area del versante a SW del vecchio sito estrattivo per lo sfruttamento del banco che si sviluppa dalla quota di mt s.l.m. fino al pianoro esistente su cui si è esercita in passato la coltivazione del banco di Grigio Carnico. Dopo la realizzazione della strada di arroccamento fino alla quota massima di mt s.l.m. si procederà con preventiva asportazione del materiale di copertura con lo scopo di mettere in sicurezza il fronte di cava. Il materiale asportato verrà provvisoriamente stoccato nell apposita area a servizi del cantiere estrattivo per il riutilizzo nella fase di sistemazione finale. In questa fase le operazioni di sbancamento e asportazione del materiale di copertura saranno eseguite con l escavatore cingolato e il camion. Terminate le operazioni di preparazione del banco di Grigio Carnico si procederà alla sua coltivazione con il metodo a gradoni discendenti realizzando successivi terrazzamenti caratterizzati da alternanze di alzate aventi un altezza massima di 3 metri e pedate sub orizzontali aventi larghezza variabile (minimo 5 metri). L attività di preparazione non dovrà mai interferire con l'attività di coltivazione ma dovrà essere sospesa ogni qualvolta possa esserci la possibilità di creare un pericolo alla sicurezza degli operatori in coltivazione. Taglio primario della roccia, attraverso l utilizzo della tagliatrice a catena o della macchina a filo diamantato isolando in questo modo una bancata di materiale. Nel caso si utilizzi la macchina a filo diamantato si renderà necessaria la perforazione, da effettuarsi con sonde portatili, di due fori intersecatesi entro ai quali il filo viene fatto passare, per poi essere chiuso ad anello. Dopo l isolamento si procederà con il sezionamento della bancata in elementi di forma idonea fette per essere ribaltati sul piazzale di cava. Prima di eseguire il ribaltamento sarà necessario predisporre il "letto", costituito da materiale di scarto di piccola e media pezzatura, in modo tale da evitare rotture nelle bancate in corso di ribaltamento. In questo modo si potranno evidenziare le fratture nascoste, le venature i difetti etc. della massa rocciosa. Durante queste operazioni si dovrà porre particolare attenzione al metodo, sia per motivi di sicurezza che per modalità pratica di coltivazione, in base alle caratteristiche geomorfologiche esistenti. Al Taglio primario seguirà la fase di ritaglio e riquadratura, effettuata con la macchina a filo diamantato al fine di selezionare le porzioni utili delle fette e la loro riduzione in blocchi di dimensioni commerciali. Area del pianoro realizzato con la vecchia attività estrattiva per lo sfruttamento dell ammasso roccioso che si sviluppa dalla quota minima di mt s.l.m. fino alla quota di mt s.l.m. L attività estrattiva sul pianoro, frutto della passata attività di cava di cava avverrà con il metodo a gradino basso con un approfondimento del piano campagna secondo l andamento del banco di Grigio Carnico. Con questa metodologia è possibile ricavare dei blocchi di dimensione finale direttamente dall ammasso roccioso senza dover ricorre a procedure di divisioni successive. In questo caso sarà possibile operare con la tagliatrice a catena per i tagli orizzontali e con la macchina a fili diamantato per quelli verticali. L altezza del gradino corrisponde ad una delle dimensioni del blocco da ritagliare e riquadrare. Al fine di evitare la produzione di polvere, sia sul versante che sul pianoro, durante le operazioni di taglio si provvederà a bagnate l area di taglio e a mantenere umide le vie di carreggio. Pagina 10 di 20

12 Dopo il ritaglio e la riquadratura i blocchi verranno trasportati per mezzo di camion alla segheria e laboratorio in zona artigianale di Paularo dove saranno sottoposti a successivi trattamenti. La Tavola P03 03 (Planimetria stato di progetto), la Tavola P03 04 (Sovrapposizione sezioni - stato attuale stato di progetto 1-4) e la Tavola P03 05 (Sovrapposizione sezioni - stato attuale stato di progetto 5 6) illustrano lo stato finale al termine dei lavori estrattivi evidenziando: Il rimodellamento del versante SW con la realizzazione di una pendice che a partire dalla quota di mt s.l.m. scende fino alla quota minima di scavo a mt s.l.m.. L approfondimento medio di 5 metri del pianoro esistente fino partendo da nord alla quota minima di mt s.l.m. fino alla quota di mt s.l.m. con uno spessore massimo di 8 metri rispetto al piano campagna. In nessuna fase è previsto l uso di esplosivo. 4.5 Quantificazione della movimentazione del materiale In fase di preparazione e di esercizio è prevista la movimentazione di circa m 3 di cui circa m 3 di materiale commercialmente utile e circa m 3 di materiale da riutilizzare per il ripristino ambientale provenienti da: operazioni di preparazione nuova viabilità e piazzale a servizio del cantiere estrattivo (circa m 3 ); scortico medio di 10 cm del versante avente superficie inclinata di m 2 (circa m 3 ); copertura del detrito di falda posto alla base del versante e sfridi di lavorazione in cava (4.500 m 3 ). Tale quantità risulta sufficiente a completare le operazioni di ripristino ambientale previste e quindi non sarà necessario l apporto di materiale inerte e terroso proveniente dall esterno. 4.6 Risistemazione ambientale Modalità di risistemazione ambientale La coltivazione per gradoni discendenti farà sì che, sul versante posto a SW il recupero ambientale avvenga in modo contestuale con la valorizzazione del banco di Grigio Carnico mentre il pianoro esistente, frutto della passata attività di cava, e coltivato con il metodo a gradino basso verrà ritombato al termine dell attività. Il progetto di risistemazione ambientale, la cui esecuzione sarà graduale e congiunta, per quanto possibile, con i lavori estrattivi, interesserà tutta la superficie di progetto, comprendendo quindi sia l area di sfruttamento del banco di marmo che quella dell area a servizio dell attività estrattiva. La risistemazione ambientale intende conferire all area interessata dal progetto un assetto paesaggistico, vegetazionale ed ecologico che ne permetta il corretto reinserimento sul territorio attraverso la realizzazione di un ampia superficie inerbita creando una radura all interno di una zona boscata. Gli obiettivi prioritari perseguiti nella progettazione sono stati i seguenti: Mitigare nel più breve tempo possibile l impatto che i lavori di escavazione produrranno sul paesaggio. Controllare ed eventualmente limitare l erosione superficiale del versante ripristinato dovuta allo scorrimento superficiale delle acque meteoriche. Accelerare e favorire i processi naturali di ricolonizzazione erbacea. Ripristinare le condizioni ambientali favorevoli alla riattivazione dei flussi biologici e trofici dell ecosistema. La progettazione delle opere a verde ha privilegiato, tra l altro, i seguenti criteri: Scelta delle specie in sintonia con i caratteri ecologici della stazione forestale. Scelta delle specie predisposte alla funzione richiesta. Diversità flogistica. Bassa manutenzione. La tempistica degli interventi avverrà secondo le seguenti fasi: Interventi di recupero contemporanei alla coltivazione (versante SW). Interventi di recupero al termine della coltivazione (pianoro ex cava, piazzale di servizio e viabilità ad uso attività estrattiva). Interventi di manutenzione Modalità di accumulo e conservazione del terreno di scortico Il terreno vegetale autoctono, frutto di lenti e complessi processi pedogenetici, dovrà essere accumulato per l utilizzo durante le fasi di ricomposizione ambientale. Pagina 11 di 20

13 Per prima cosa si dovrà preparare l area in cui accumulare il materiale di scotico movimentato avendo l attenzione di posizionare i cumuli al riparo di eventuali vie di sgrondo delle acque superficiali e sotterranee, da movimenti franosi, da erosione, da possibili inquinamenti esterni (idrocarburi,rifiuti, ecc). La movimentazione del terreno vegetale, da effettuarsi con l escavatore, non dovrà essere eseguita nei periodi di forte umidità, al fine di evitare la lisciviazione ed il dilavamento della sostanza organica. Il materiale dovrà essere stoccato temporaneamente all interno dell area autorizzata. I cumuli di terreno vegetale dovranno avere un altezza inferiore ai 3 metri al fine di evitare il dilavamento e l insorgere di alterazioni fisiche, chimiche e biologiche del terreno stesso. Il materiale di copertura derivante dalle operazioni di scortico e da quelle estrattive all interno delle aree di cantiere richiesta nel progetto proposto ammonta a circa m 3. Circa m 3 di materiale deriveranno dalle operazioni di preparazione della nuova viabilità e del piazzale a servizio del cantiere estrattivo, m 3 dal materiale di scortico (considerando uno spessore medio di 10 cm sul versante per una superficie inclinata di m 2 ) e altri m 3 derivanti dalla copertura del detrito di falda posto alla base del versante e agli sfridi di lavorazione in cava Rimodellamento morfologico del sito estrattivo Area del versante a SW Il rimodellamento della pendice, effettuato al termine dello sfruttamento del banco di Grigio Carnico avverrà tramite lo scoronamento della testa dei gradoni con il graduale riempimento degli stessi. Le pendici derivanti da questa operazione avranno una pendenza variabile fra i 26 e i 33 simile all inclinazione delle scarpate naturali di contorno e si raccorderanno con il piazzale di cava. Alla quota di circa mt s.l.m. verrà ricavata una pista di manutenzione, avente larghezza di circa 2 metri, con funzione anche di riduzione dello scorrimento superficiale delle acque meteoriche lungo il versante seppur caratterizzato da una bassa pendenza. Si prevede, inoltre, di ricavare delle microbanchette realizzate diagonalmente rispetto all andamento del versante e con una pendenza adeguata (10 15 circa) per favorire il convogliamento delle acque verso la canaletta posta nel fondo cava. In questo modo le acque provenienti dalle scarpate verranno intercettate in corrispondenza di ciascuna microbanchetta e recapitate direttamente alla canaletta, evitando di farle scorrere sino al piazzale di fondo con il rischio che il ruscellamento determini dilavamento ed erosione. Tale funzione è fondamentale ai fini del ripristino vegetazionale, poiché, limitando l erosione superficiale del terreno, si favorirà l affermazione dello strato erbaceo Al di sopra del materiale di riempimento verrà steso uno stato di terreno vegetale, precedentemente accumulato nell area a servizio del cantiere, avente uno spessore di circa 10 cm su cui verranno eseguite le operazioni di rinverdimento Operativamente si avanzerà dall alto verso il basso, con l utilizzo di un escavatore cingolato che progredirà lungo la trancia di coltivazione e procederà al riempimento dei gradoni ed al posizionamento del terreno vegetale sulla superficie del pendio. Tutte le operazioni per la sistemazione del terreno di riporto dovranno essere eseguite in periodi di tempo asciutto riducendo quindi il rischio di dilavamento con conseguente degrado delle caratteristiche agronomiche e strutturali dello stesso. A tutto il versante verrà conferito un assetto simile a quello dei versanti vicini e delle superfici sovrastanti la cava, avendo cura di non creare brusche variazioni fra l area interessata dal progetto e quelle limitrofe. provvedendo, anche in questo caso alla stesa nella parte sommitale di uno strato di circa 10 cm di terreno vegetale su cui effettuare l idrosemina per il rinverdimento. Area del pianoro Area del pianoro derivante dalla vecchia attività estrattiva verrà riempita con il materiale di risulta per la realizzazione di una superficie avente una limitata pendenza longitudinale (max 10 ) al fine di ragguagliare la superficie rimodellata con la morfologia circostante posizionando, anche in questo caso alla stesa nella parte sommitale di uno strato di circa 10 cm di terreno vegetale su cui effettuare l idrosemina per il rinverdimento. Pagina 12 di 20

14 3.4.3 Regimazione delle acque Terminate le operazioni di rimodellamento delle superfici si concluderà la sistemazione morfologica delle aree non più soggette ad attività estrattiva con la realizzazione della rete scolante che permetterà di far confluire le acque meteoriche verso le naturali vie di deflusso garantendo la continuità con la rete idrografica preesistente. 4.7 Rinaturalizzazione dell area Opere a verde L'inerbimento, finalizzato all'ottenimento di una copertura erbacea in grado di limitare l'erosione idrica, sarà effettuato utilizzando miscugli di semina composti da specie erbacee, caratterizzate cioè da insediamento rapido, perennità o moltiplicazione naturale sufficiente, copertura sufficiente, sistema radicale profondo e colonizzatore, nonché adatte alle locali condizioni climatiche. Il miscuglio utilizzato sarà composto per il 65% da graminacee che presentano un apparato radicale esteso e fascicolato che consente a queste specie di esplorare il terreno in ogni sua particella migliorandone la struttura e facilitando l ancoraggio delle piante su di esso; per il 30% di leguminose che arricchiscono il terreno in sostanza organica e azoto e per il 5% da altre specie. L attività di idrosemina consiste nell'aspersione in un unica soluzione, con speciali macchine irroratrici a forte pressione (idroseminatrici): La Tabella 3 riporta i componenti della miscela da utilizzare per l idrosemina. Prodotto Dosaggio Acqua Miscuglio per semina Sementi di specie erbacee selezionate ed idonee al sito: 30 g / m 2 Collante organico per semina Stabilizzatore tridimensionale ecologico del suolo, biodegradabile e anallergico che elimina l erosione idrica ed eolica, riduce del 40% la diminuzione di germinabilità 30 g / m 2 Concime per semina Organico minerale. 200g / m 2 Tabella 3 : Miscela intervento di idrosemina In questo modo si potrà creare un letto di germinazione e attecchimento favorendo la crescita del manto erboso con una probabilità e velocità superiori rispetto ad altri metodi di rinverdimento. La Tabella 4 riporta le specie da utilizzare per l idrosemina. Specie Festuca varia 30% Bromus erectus 15% Poa alpina 10% Koeleria piramidata 10% Trifolium pratense subsp. nivale 15% Trifolium alpinum 15% Achillea millefolium 2,5% Dosaggio Anthyllis vulneraria 2,5% Tabella 4: Specie da miscelare per realizzare il miscuglio Le operazioni di idrosemina dovranno essere effettuate nei mesi primaverili (marzo - maggio) o in quelli autunnali (settembre - novembre) evitando quindi i periodi invernali (freddi) e quelli estivi (siccitosi). Il materiale da impiegare per l inerbimento dovrà essere munito di certificazione d identità e autenticità, con l indicazione del grado di purezza e di germinabilità e della data di scadenza stabilita dalle leggi vigenti. Le tavole P03 06 (Planimetria stato finale) e la Tavola P03 07 (Planimetria stato finale particolari sezioni di ripristino) illustrano lo stato dell area al termine dei lavori di risistemazione. Pagina 13 di 20

15 4.7.2 Cure post impianto Eventuali chiarie nella copertura erbacea che si dovessero presentare negli anni successivi alla prima idrosemina dovranno essere risarcite nelle prima stagione utile al fine di mantenere, sulle superfici rimodellate morfologicamente, una copertura adeguata Alternative progettuali In questo capitolo vengono prese in esame le alternative territoriali e progettuali possibili, al fine di motivare la scelta fatta sia dal punto di vista economico e sociale, che della sensibilità ambientale e territoriale Alternative territoriali Il sito di interesse è già stato in funzione nel passato per l estrazione di materiale denominato Grigio Carnico ed è potenzialmente ed economicamente ancora sfruttabile, grazie a tecnologie e mezzi più avanzati e all esperienza di qualità dell azienda che ne propone la coltivazione. Alternative territoriali che permettano la riattivazione di cave per l estrazione di un materiale avente pari caratteristiche stratigrafiche non sono presenti in ambito comunale, come si può anche dedurre dalla (ALLEGATO A - Figura n 4) e sono limitate ad altri due siti estrattivi in provincia di Udine all interno del territorio del comune di Paluzza. Si escludono altre diverse localizzazioni, anche in considerazione che lo scopo finale è quello di concludere lo sfruttamento di un giacimento di pietra ornamentale oggetto in passato di coltivazione mineraria e di con la contestuale ricomposizione ambientale del sito Alternative modalità di coltivazione In fase di progettazione sono state analizzate varie alternative riguardo la metodologia e la tecnica di scavo, al fine di giungere ad un progetto di valorizzazione della risorsa ottimale, che tenga conto di tutti gli aspetti e le problematiche più significativi che questo comporta. Gli elementi posti alla base delle alternative progettuali sono i seguenti: le caratteristiche chimico-fisiche e meccaniche del materiale da estrarre; le caratteristiche geologiche e geomorfologiche dell area di intervento; la configurazione della cava durante e dopo i lavori, soprattutto in relazione alla ricomposizione ambientale dell area. All interno delle varie alternative possibili si è ricercata la soluzione più adatta, in grado di soddisfare al meglio le esigenze di compatibilità ambientale e la convenienza dell intervento estrattivo proposto. Il progetto di coltivazione poteva contemplare due opzioni principali: avanzamento dello scavo in galleria; avanzamento del fronte di scavo già aperto, con contemporaneo ripristino a fine escavazione. Allo stato delle conoscenze sulle caratteristiche geologiche del sito, la scelta di operare in galleria non risulta supportata da sufficienti certezze circa la sufficiente potenza ( metri) dei corpi minerari esistenti e le adatte caratteristiche geo-meccaniche dell ammasso roccioso, presupposti fondamentali per operare in sicurezza e per rendere l operazione sostenibile anche da un punto di vista di investimenti. La coltivazione in sotterraneo appare pertanto non applicabile al progetto in studio. Inoltre l obiettivo del progetto è da sempre mirato sì alla riattivazione della cava, ma anche alla sua risistemazione ambientale. L avanzamento del fronte di scavo già aperto, con contemporaneo ripristino a fine escavazione, è risultata da subito la metodologia migliore per soddisfare tale obiettivo. Tale soluzione comporta un minor impatto visivo, soprattutto al termine dell attività di coltivazione, ed un cambiamento morfologico più facilmente assorbibile dal contesto, ricomponendo il precedente fronte di scavo Alternativa di non realizzazione del progetto: OPZIONE ZERO L opzione zero è quella che prevede la mancata realizzazione dell intervento estrattivo proposto. Le principali conseguenze di questa eventualità sono le seguenti: Mancata occasione di operare una risistemazione ambientale dell attuale fronte di cava lasciato aperto; negare una risorsa economica locale importante; non utilizzare una risorsa locale disponibile nel territorio ed estraibile nel rispetto delle condizioni di Pagina 14 di 20

16 compatibilità ambientale; non rispondere direttamente alla domanda del mercato riguardante i prodotti in cui viene impiegato il grigio carnico; perdere la possibilità di impiegare professionalità sul territorio e di coinvolgete il livello occupazionale diretto ed indotto. Pagina 15 di 20

17 ALLEGATO A FIGURE Pagina 16 di 20

18 Figura n 1 Carta fisica della Regione Friuli Venezia Giulia Pagina 17 di 20

19 Figura n 2 Visura catastale del mappale 1, foglio 8 del Comune di Paularo Pagina 18 di 20

20 Figura n 3 - Localizzazione del sito di intervento rispetto alla principale rete di viabilità provinciale (Google Maps) Pagina 19 di 20

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

RAPPORTO INTERDISCIPLINARE. Lucca, 21 Novembre 2008

RAPPORTO INTERDISCIPLINARE. Lucca, 21 Novembre 2008 !!"#$ RAPPORTO INTERDISCIPLINARE SULL IMPATTO AMBIENTALE DEL PROGETTO ai sensi dell art. 16 comma 1 della L.R. 3 novembre 1998, n. 79 Norme per l applicazione della valutazione di impatto ambientale Lucca,

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

1.1 RIFERIMENTI PROGETTUALI E ASPETTI PRESCRITTIVI 5 2. PROGETTO DI COLLOCAZIONE A DEPOSITO DEI MATERIALI 11

1.1 RIFERIMENTI PROGETTUALI E ASPETTI PRESCRITTIVI 5 2. PROGETTO DI COLLOCAZIONE A DEPOSITO DEI MATERIALI 11 INDICE DEI CONTENUTI 1. PREMESSA 2 1.1 RIFERIMENTI PROGETTUALI E ASPETTI PRESCRITTIVI 5 2. PROGETTO DI COLLOCAZIONE A DEPOSITO DEI MATERIALI 11 3. TIPOLOGIA DEI MATERIALI DA COLLOCARE NEL SITO 14 4. IMPATTO

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(*" ))*))( *!* %*& ($,0$. *%

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(* ))*))( *!* %*& ($,0$. *% !" " //(*%(*" ))*))( *!* *(*/-*%(*2,&2 %*&!" #$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) %,%,-.%*" ($)&*$/% ')( ($,0$. *% ($,1% 2 ...4 #$%...4 &...5...6...7...8 Le aree estrattive provinciali... 8 Il contesto territoriale...

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

1. DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROGETTO DEFINITIVO (Quadro di riferimento progettuale)

1. DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROGETTO DEFINITIVO (Quadro di riferimento progettuale) Allegato 3 CONTENUTI DELLO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE La Giunta regionale con Del. n. 2002/1238 del 15/7/2002 ha approvato la 'Direttiva generale sull'attuazione della disciplina procedura valutazione

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da

Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da CAPITOLO 20 Il recupero delle aree percorse dal fuoco con tecniche di Ingegneria Naturalistica U. Bruschini, P. Cornelini 20.1 Introduzione Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da tempo una drammatica

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Pagina 1. Dott.ssa Vera Persico

Pagina 1. Dott.ssa Vera Persico LE ATTIVITÀ ESTRATTIVE RECUPERATE COME ELEMENTI FUNZIONALI DELLA RETE ECOLOGICA: DEFINIZIONE, IN COLLABORAZIONE CON L UFFICIO CAVE, DELLE BUONE PRATICHE PER IL RECUPERO AMBIENTALE DEI SITI ESTRATTIVI SETTORE

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE - Figura 2 Scoping SIA e contenuti della documentazione per la valutazione di incidenza, quando necessaria deposito presso l Ufficio VIA e gli EELL

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 186 del d.lgs.152/06 indica le condizioni alle quali è consentito

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

MELFI. Città di Melfi

MELFI. Città di Melfi Comune di REGIONE BASILICATA PROVINCIA DI POTENZA MELFI Progetto per la realizzazione di una discarica per rifiuti speciali non pericolosi ed annesso impianto di trattamento da ubicarsi nel Comune di Melfi

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

IMPIANTO EOLICO DI MONTE MESA, COMUNE DI RIVOLI VERONESE (VR) Studio di Impatto Ambientale

IMPIANTO EOLICO DI MONTE MESA, COMUNE DI RIVOLI VERONESE (VR) Studio di Impatto Ambientale AGSM SPA - VERONA IMPIANTO EOLICO DI MONTE MESA, COMUNE DI RIVOLI VERONESE (VR) Studio di Impatto Ambientale RIASSUNTO NON TECNICO AI SENSI DEL PUNTO C DEL DPR 12 APRILE 1996 (Art. 9, c. 4, L.R. Veneto

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli