Ascrizioni di credenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ascrizioni di credenza"

Transcript

1 Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni come (1) sono in larga misura gli stessi che pongono gli enunciati in (2): (2) a. Maria sa che Giorgione è un filosofo. b. Maria dice che Giorgione è un filosofo. c. Maria teme che Giorgione sia un filosofo. d. Maria spera che Giorgione sia un filosofo. e.... Gli enunciati in (1)-(2) sono detti ascrizioni di atteggiamenti proposizionali (o report di atteggiamenti preposizionali). S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 1 S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 2 Perché sono interessanti? La letteratura sulle ascrizioni di credenza è vasta. In filosofia del linguaggio, la discussione, per quanto ne so, inizia con Frege (1892), Russell (1905, 1912), prosegue con Carnap (1947), Quine (1956), Davidson (1968), Kaplan (1969), Kripke (1979) e altri, fino ad arrivare, in tempi più recenti, a Soames (1987, 2002), Richard (1990), Higginbotham (1991), Crimmins (1992), King (2007), e altri. Perché i filosofi del linguaggio sono così ossessionati dalle ascrizioni di credenza? Più in generale, perché un filosofo dovrebbe perdere del tempo a riflettere su di esse? Ascrizioni di credenza e significato Se Maria asserisce sinceramente (3), evidentemente (1) è vero: (3) Giorgione è un filosofo. Dunque, il contenuto di un asserzione è qualcosa che un parlante competente che compie l asserzione con sincerità crede. Quindi, l analisi della nozione di contenuto di credenza, che è uno dei goal dell indagine sulle ascrizioni di credenza, promette di far luce sulla nozione di contenuto di un asserzione. Chiaramente, il contenuto di un asserzione che un parlante compie in determinate circostanze dipende dal significato dell enunciato che il parlante asserisce. Dunque, l indagine sulle ascrizioni di credenza è in stretta relazione con l indagine sulla nozione di significato. Lo studio delle ascrizioni di credenza è una chiave di accesso per rispondere a una domanda fondamentale per un filosofo del linguaggio: cos è il significato? S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 3 S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 4

2 L analisi relazionale delle ascrizioni di credenza Una tesi largamente condivisa riguardo alle ascrizioni di credenza è questa: esse asseriscono che l individuo a cui si riferisce il soggetto sta nella relazione di credere con ciò che è designato dalla frase di complemento che. Per esempio, (1) asserisce che Maria sta nella relazione di credere con ciò che designa il complemento che Giorgione sia un filosofo : Secondo questa analisi, la struttura logica di (1) è simile a quella dell enunciato (4), in quanto entrambi asseriscono l esistenza di una relazione tra l individuo a cui si riferisce il soggetto e l entità a cui si riferisce il complemento: (4) Maria vede Lia. S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 5 Un inferenza valida L analisi relazionale di (4) spiega perché l argomento in rosso è valido (ovvero perché la conclusione segue necessariamente dalle premesse): (4) Maria vede Lia. Premessa uno: Gianni vede ogni cosa che Maria vede. Premessa due: Maria vede Lia. Conclusione: Dunque, Gianni vede Lia. Infatti, secondo l analisi relazionale di (4), l argomento ha questa forma: Premessa uno: per ogni x, se m R x, g R x Premessa due: m R a Conclusione: g R a In qualsiasi argomento di questa forma, la conclusione segue necessariamente dalle premesse: quali che siano i nomi che sostituiamo a m, g, e a e il predicato che sostituiamo a R, otterremo sempre un argomento valido. In altre parole, secondo l analisi relazionale di (4), la conclusione segue necessariamente dalle premesse nell argomento in rosso, in quanto è la forma stessa dell argomento a garantire questo. S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 6 Evidenza per l analisi relazionale delle ascrizioni di credenza In modo analogo, l analisi relazionale delle ascrizioni di credenza spiega perché l argomento in blu è valido: Premessa uno: Gianni crede ogni cosa che Maria crede. Premessa due: Maria crede che Giorgione sia un filosofo. Conclusione: Dunque, Gianni crede che Giorgione sia un filosofo. Infatti, secondo l analisi relazionale delle ascrizioni di credenza, l argomento ha di nuovo la forma: Premessa uno: per ogni x, se m R x, g R x Premessa due: m R a Conclusione: g R a Dunque, la conclusione segue necessariamente dalle premesse, in quanto è la forma stessa dell argomento in blu a garantire questo. I termini della relazione di credenza Supponiamo di accettare l analisi relazionale delle ascrizioni di credenza. Secondo questa analisi, (1) asserisce che Maria sta nella relazione di credere con ciò che designa il complemento che Giorgione sia un filosofo : Ma cosa designa il complemento che Giorgione sia un filosofo? Se uno dei termini della relazione di credenza è un individuo, cos è l altro termine? S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 7 S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 8

3 Relazione tra individui e proposizioni Una posizione dominante (ma non universalmente condivisa) nella letteratura è che (1) asserisce che Maria sta nella relazione di credere con una proposizione: Secondo questa posizione credere in (1) designa una relazione tra individui e proposizioni. Ma cosa sono le proposizioni? Il ruolo delle proposizioni La domanda cosa sono le proposizioni? è prematura. Dopotutto, se le ascrizioni di credenza asseriscono l esistenza di una relazione tra individui e proposizioni, lo studio delle ascrizioni di credenza dovrebbe far luce, tra le altre cose, esattamente sulla natura delle proposizioni. Invece di cercare di rispondere subito alla domanda cosa sono le proposizioni?, è più utile in questa fase chiedersi quale sia il ruolo delle proposizioni per i teorici che credono nella loro esistenza. Oltre a provvedere uno dei termini delle relazioni espresse nei report di atteggiamenti preposizionali, le proposizioni vengono invocate per queste ragioni: le proposizioni sono i contenuti espressi dagli enunciati quando vengono proferiti in un contesto, le proposizioni sono i portatori primari della verità e della falsità, le proposizioni sono i possessori degli attributi modali. Esaminiamo ciascuna di queste ragioni S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 9 S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 10 Contenuti in un contesto Si considerino gli enunciati seguenti: (5) a. Io sono un filosofo (proferito da Leo). b. Lui è un filosofo (proferito da Lia indicando Leo). c. Leo è un filosofo. d. Leo is a philosopher. e. Leo ist ein Philosoph. Questi enunciati sono tutti diversi tra loro. Eppure si potrebbe dire che nei contesti che abbiamo considerato, questi enunciati diversi dicono tutti la stessa cosa, ovvero che Leo è un filosofo. La proposizione espressa da un enunciato in un contesto è ciò che l enunciato dice se proferito in quel contesto. Gli enunciati in (5) sono diversi, ma esprimono la stessa proposizione nel contesto indicato. Invocare le proposizioni permette di catturare l intuizione che enunciati diversi possano esprimere lo stesso contenuto. Portatori primari di valori di verità Si consideri l enunciato (6): (6) Ich bin ein Philosoph. Non ha senso chiedersi se questo enunciato sia vero o falso. Ad essere vero o falso è ciò che l enunciato dice se proferito in un determinato contesto. Se (6) viene proferito da Kant, quel che (6) dice è vero; se (6) viene proferito da Merkel, quel che (6) dice in è falso. Queste considerazioni suggeriscono che ad essere veri o falsi in primo luogo non sono gli enunciati, ma ciò che essi esprimono in un contesto. Le proposizioni, essendo ciò che gli enunciati esprimono in un contesto, svolgono appunto il ruolo di portatori primari dei valori di verità. S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 11 S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 12

4 Possessori di attributi modali Se siamo inclini ad accettare la tesi che le proposizioni sono i portatori primari dei valori di verità dovremmo essere inclini ad assumere che sono anche i possessori di attributi modali, ovvero delle proprietà espresse da è necessariamente vero che, è possibilmente vero che, è necessario che, è possibile che, necessariamente, ecc. Non ha senso di un enunciato come (5)a che è necessario o possibile: (5) a. Io sono un filosofo Ciò che è necessario o possibile è quello che l enunciato esprime se proferito in un determinato contesto. Frege sul pensiero Le considerazioni precedenti mostrano le ragioni che hanno indotto alcuni filosofi a invocare l esistenza delle proposizioni. Alcune di queste ragioni sono state addotte da Frege ( ). Ciò che Frege chiama pensiero, ovvero il senso di un enunciato, gioca un ruolo simile a quello svolto dalle proposizioni nella terminologia più recente. Per Frege, il pensiero espresso da un enunciato in un contesto è il portatore primario dei valori di verità; inoltre le ascrizioni di credenza per Frege esprimono relazioni tra individui e pensieri. Si noti che la nozione di pensiero per Frege non ha connotazioni psicologiche. L esistenza dei pensieri non dipende dall esistenza di esseri umani che li esprimano o che siano in grado di afferrarli. Infatti, per Frege sono i pensieri ad essere veri o falsi. Ma ciò che è vero lo sarebbe anche se noi non esistessimo: sarebbe vero che la terra ha un solo satellite anche se non esistessero esseri umani. Dunque, l esistenza dei pensieri (nel senso inteso da Frege) non dipende dalla nostra esistenza. S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 13 S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 14 Considerazione delle alternative Analisi non relazionali Torniamo alle ascrizioni di credenza. Prima di considerare teorie specifiche delle ascrizioni di credenza che formulano ipotesi particolari sulla natura degli oggetti di credenza, ovvero delle proposizioni, consideriamo alcune alternative possibili alla tesi che le ascrizioni di credenza asseriscono una relazione tra individui e proposizioni. Una possibilità è negare che le ascrizioni di credenza siano relazionali. Un altra possibilità è (a) accettare che siano relazionali, ma (b) negare che asseriscano una relazione tra individui e proposizioni (nel senso delle entità che giocano il ruolo che si è detto). Quine (1956, 1960) ha proposto che le ascrizioni di credenza non siano relazionali. Secondo l idea considerata da Quine, (1) non esprime affatto una relazione tra Maria e qualcos altro: Quine suggerisce invece che crede che Giorgione sia un filosofo sia un predicato privo di struttura semantica interna. S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 15 S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 16

5 Un problema per l analisi non relazionale di Quine Un problema per la tesi di Quine è che la validità dell argomento in rosso e la validità dell argomento in blu non sono più riconducibili alla stessa ragione: Premessa uno: Gianni vede ogni cosa che Maria vede. Premessa due: Maria vede Lia. Conclusione: Dunque, Gianni vede Lia. Premessa uno: Gianni crede ogni cosa che Maria crede. Premessa due: Maria crede che Giorgione sia un filosofo. Conclusione: Dunque, Gianni crede che Giorgione sia un filosofo. Se credere non esprime una relazione, l argomento in rosso e l argomento in blu non hanno più la stessa forma. Un altro problema per l analisi non relazionale di Quine Secondo Quine, le parti in rosso nelle frasi seguenti sono tutte predicati privi di struttura semantica interna: (7) Maria crede che Giorgione sia un pittore. (8) Maria crede che Lia crede che Giorgione sia un pittore. (9) Maria crede che Lia crede che Maria crede che Giorgione sia un pittore. In linea di principio, in italiano ci sono infiniti predicati di questo tipo che siamo in grado di comprendere. Questa capacità che hanno i parlanti dell italiano di comprendere un numero infinito di predicati si spiega assumendo che siano in grado di comprendere i significati delle parti che compongono i predicati e abbiano disposizione delle regole per computare i significati dei predicati complessi a partire dai significati delle loro parti. Tuttavia, se i predicati in rosso non avessero struttura semantica interna, non sarebbe possible computare il loro significato a partire dal significato delle loro parti, in quanto questi predicati non avrebbero parti dotate di significato! Dunque, se le ascrizioni di credenza non sono relazionali, diventa un mistero come possiamo comprendere i predicati in (1), (7)-(8). S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 17 S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 18 Enunciati come oggetti di credenza Come abbiamo osservato, un altra alternativa possibile alla tesi che le ascrizioni di credenza asseriscono una relazione tra individui e proposizioni è questa: (a) accettare che siano relazionali, (b) negare che asseriscano una relazione tra individui e proposizioni. Ma se le ascrizioni di credenza sono relazionali e non asseriscono una relazione tra individui e proposizioni, che tipo di relazione è credere? È una relazione tra individui e cosa? Una risposta possibile è che le ascrizioni di credenza asseriscono una relazione tra individui ed enunciati (o proferimenti di enunciati). Chiameremo le teorie di quest ultimo tipo teorie citazionali. Il piano Nelle prossime lezioni, esamineremo alcune teorie citazionali. Esamineremo inoltre alcune teorie secondo le quali le ascrizioni di credenza asseriscono una relazione tra individui e proposizioni. S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 19 S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 20

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo EpiLog 16 XII 2013 Marco Volpe Sainsbury &Tye, Seven Puzzles of Thought Cap. VI The Methaphysics of Thought La concezione ortodossa riguardo il pensiero è che pensare che p significa essere in un appropriato

Dettagli

Frege. I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918)

Frege. I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918) Frege I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918) Frege 1892 (A) Aristotele è il maestro di Alessandro Magno (B) Aristotele

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Elisa Paganini. LA PROSPETTIVA DEL PARLANTE Dispense per il corso di Filosofia del linguaggio A. A. 2014-15 Aggiornate il 29.5.

Elisa Paganini. LA PROSPETTIVA DEL PARLANTE Dispense per il corso di Filosofia del linguaggio A. A. 2014-15 Aggiornate il 29.5. Elisa Paganini LA PROSPETTIVA DEL PARLANTE Dispense per il corso di Filosofia del linguaggio A. A. 2014-15 Aggiornate il 29.5.2015 INDICALI E DIMOSTRATIVI: LA TEORIA DI KAPLAN 1. David Kaplan Demonstratives

Dettagli

Nomi di finzione. Il riferimento dei nomi di finzione. Oggetti inesistenti. Un passo indietro

Nomi di finzione. Il riferimento dei nomi di finzione. Oggetti inesistenti. Un passo indietro Il riferimento dei nomi di finzione Nomi di finzione Sandro Zucchi 2013-14 Ora che ci siamo chiariti le idee sul funzionamento dei nomi propri, siamo pronti per tornare alle domande che ci eravamo posti

Dettagli

Austin propone di chiamare: Gli enunciati descrittivi enunciati constativi Gli enunciati che servono per compiere un atto enunciati performativi

Austin propone di chiamare: Gli enunciati descrittivi enunciati constativi Gli enunciati che servono per compiere un atto enunciati performativi Atti linguistici Per i filosofi del linguaggio ideale: la funzione principale del linguaggio è quella di descrivere stati di cose (descrivere come sarebbe il mondo se l enunciato proferito fosse vero)

Dettagli

Logica del primo ordine

Logica del primo ordine Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A7_4 V1.3 Logica del primo ordine Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Algebra e Logica Matematica. Calcolo delle proposizioni Logica del primo ordine

Algebra e Logica Matematica. Calcolo delle proposizioni Logica del primo ordine Università di Bergamo Anno accademico 2006 2007 Ingegneria Informatica Foglio Algebra e Logica Matematica Calcolo delle proposizioni Logica del primo ordine Esercizio.. Costruire le tavole di verità per

Dettagli

Autismo e teoria della mente

Autismo e teoria della mente Spiegare l autismo Università degli Studi di Milano Autismo e teoria della mente Sandro Zucchi All inizio degli anni 80, Baron-Cohen, Leslie e Frith hanno condotto un esperimento per determinare il meccanismo

Dettagli

2. Semantica proposizionale classica

2. Semantica proposizionale classica 20 1. LINGUAGGIO E SEMANTICA 2. Semantica proposizionale classica Ritorniamo un passo indietro all insieme dei connettivi proposizionali che abbiamo utilizzato nella definizione degli enunciati di L. L

Dettagli

J.L. Austin. J.L. Austin. Come fare cose con le parole. performativi vs constativi. performativi vs constativi. performativi vs constativi

J.L. Austin. J.L. Austin. Come fare cose con le parole. performativi vs constativi. performativi vs constativi. performativi vs constativi J.L. Austin J.L. Austin, Come fare cose con le parole cap. VII, VIII, IX, XI J.L. Austin e la teoria degli atti linguistici Le lezioni di Austin intitolate How to do things with words sono state tenute

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

Modelli della competenza linguistica. Modelli e dati empirici. Il segno saussuriano. Modelli basati su inventari

Modelli della competenza linguistica. Modelli e dati empirici. Il segno saussuriano. Modelli basati su inventari Modelli e dati empirici Modelli della competenza linguistica Il linguaggio è suono con significato Quindi, sapere una lingua vuol dire avere la capacità di - rappresentarsi internamente i suoni; - rappresentarsi

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II. Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Napoli Federico II. Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica Anno Accademico 2009/2010 Appunti di Calcolabilità e Complessità Lezione 9: Introduzione alle logiche

Dettagli

Psicologia sociale delle religioni

Psicologia sociale delle religioni Psicologia sociale delle religioni 0-Presentazione del corso (secondo semestre) vers. 0.2 (3 marzo 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

T E M I DESCRIZIONI DEFINITE

T E M I DESCRIZIONI DEFINITE APhEx 8, 2013 (ed. Vera Tripodi) Ricevuto il: 05/03/2013 Accettato il: 31/05/2013 Redattore: Vera Tripodi N 8 GIUGNO 2013 T E M I DESCRIZIONI DEFINITE di Massimiliano Vignolo ABSTRACT - Questo tema è una

Dettagli

Cognizione, linguaggio e diritti degli animali Introduzione

Cognizione, linguaggio e diritti degli animali Introduzione Guardate queste immagini Università degli Studi di Milano Cognizione, linguaggio e diritti degli animali Introduzione Sandro Zucchi 2012-13 S. Zucchi: Cognizione, linguaggio e diritti degli animali 12-13

Dettagli

ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI

ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI Università di Salerno Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Corso B Docente: Ing. Giovanni Secondulfo Anno Accademico 2010-2011 ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI Fondamenti di Informatica Algebra

Dettagli

20 ottobre 2014 Le Ricerche filosofiche I, 80-100 Le Ricerche filosofiche 101-133: regole e confini, la filosofia come attività e 21 ottobre 2014

20 ottobre 2014 Le Ricerche filosofiche I, 80-100 Le Ricerche filosofiche 101-133: regole e confini, la filosofia come attività e 21 ottobre 2014 Università di Bologna Dipartimento di Filosofia e comunicazione Corso di Filosofia del linguaggio LM 2014/15 l ultima foto di Ludwig Wittgenstein 3ª settimana per i corsi di laurea in Semiotica (6 o 12

Dettagli

Non sono necessarie Supponiamo che io dica Oggi piove Senza sapere che giorno è oggi (questo non mi impedisce di riferirmi al 11.1.

Non sono necessarie Supponiamo che io dica Oggi piove Senza sapere che giorno è oggi (questo non mi impedisce di riferirmi al 11.1. Indicali 1. Il metodo delle coordinate multiple il significato di un enunciato (indicale o non indicale) è una funzione da coordinate multiple a valori di verità 2. La distinzione fra carattere e contenuto

Dettagli

Predicati e Quantificatori

Predicati e Quantificatori Predicati e Quantificatori Limitazioni della logica proposizionale! Logica proposizionale: il mondo è descritto attraverso proposizioni elementari e loro combinazioni logiche! I singoli oggetti cui si

Dettagli

Algoritmi e Complessità

Algoritmi e Complessità Algoritmi e Complessità Università di Camerino Corso di Laurea in Informatica (tecnologie informatiche) III periodo didattico Docente: Emanuela Merelli Email:emanuela.merelli@unicam.it Lezione 2 Teoria

Dettagli

La competenza semantica La semantica frasale

La competenza semantica La semantica frasale La competenza semantica La semantica frasale (1) Gianni è arrivato ieri mattina! (2) Gianni è arrivato ieri (implicazione) Linguistica generale, Parte a.a. 2007-2008 (1 ') Nessuno studente è arrivato ieri

Dettagli

Esercitazione. Proposizioni. April 16, 2015. Esercizi presi dal libro di Rosen (useremo 0 per False e 1 per True). Problema 15, sezione 1.1.

Esercitazione. Proposizioni. April 16, 2015. Esercizi presi dal libro di Rosen (useremo 0 per False e 1 per True). Problema 15, sezione 1.1. Esercitazione Proposizioni April 16, 2015 Esercizi presi dal libro di Rosen (useremo 0 per False e 1 per True). Problema 15, sezione 1.1. 1. Consideriamo le proposizioni: - p : Gli orsi grizzly sono stati

Dettagli

L ipnosi come comunicazione

L ipnosi come comunicazione 1 Corso di Ipnosi Online - Lezione 2 L ipnosi come comunicazione La cosa più giusta che possiamo dire è che l'ipnosi è comunicazione, e che la comunicazione è ipnosi. La misura della comunicazione è l'effetto

Dettagli

1.300 2.500 10.000 5.000

1.300 2.500 10.000 5.000 ORDINE DEI PREZZI RITAGLIA I CARTELLINI DEI PREZZI E INCOLLALI NEL QUADERNO METTENDO I NUMERI IN ORDINE DAL PIÙ PICCOLO AL PIÙ GRANDE. SPIEGA COME HAI FATTO A DECIDERE QUALE NUMERO ANDAVA PRIMA E QUALE

Dettagli

Conclusioni. Conclusioni

Conclusioni. Conclusioni Conclusioni Chi a cogliere i tuoi frutti ama l ombre calanti, i luoghi oscuri, lento cammina, va rasente i muri, non vede quello che vedono tutti, e quello che nessuno vede adora. Umberto Saba, La malinconia

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano Breve introduzione storica Nel 1854, il prof. Boole pubblica un trattato ormai famosissimo: Le leggi del pensiero. Obiettivo finale del trattato è di far nascere la matematica dell intelletto umano, un

Dettagli

CORSO DI STUDI: SCIENZE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE A.A. 2010/2011. TEORIA DEI LINGUAGGI modulo 2 DOCENTE: MARILENA ANDRONICO

CORSO DI STUDI: SCIENZE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE A.A. 2010/2011. TEORIA DEI LINGUAGGI modulo 2 DOCENTE: MARILENA ANDRONICO CORSO DI STUDI: SCIENZE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE A.A. 2010/2011 Un po di semantica Riflessioni generali sul significato TEORIA DEI LINGUAGGI modulo 2 DOCENTE: MARILENA ANDRONICO Se consideriamo

Dettagli

x u v(p(x, fx) q(u, v)), e poi

x u v(p(x, fx) q(u, v)), e poi 0.1. Skolemizzazione. Ogni enunciato F (o insieme di enunciati Γ) è equisoddisfacibile ad un enunciato universale (o insieme di enunciati universali) in un linguaggio estensione del linguaggio di F (di

Dettagli

KIM E IL RIDUZIONISMO. LETTERA A GIANNOLI.

KIM E IL RIDUZIONISMO. LETTERA A GIANNOLI. Caro Gianni, KIM E IL RIDUZIONISMO. LETTERA A GIANNOLI. rispondo al tuo e-mail con l attach su Kim. Sono contento che il tuo giusto orgoglio di fisico abbia prevalso sugli spleen taglia-gambe. Non credo

Dettagli

Giocando con le parole: auto-referenza e logica matematica

Giocando con le parole: auto-referenza e logica matematica Giocando con le parole: auto-referenza e logica matematica Claudio Bernardi (Sapienza, Università di Roma) autoreferente qualcosa che parla di se stesso o che si riferisce a se stesso un'autoreferenza

Dettagli

LOGICA DEI PREDICATI. Introduzione. Predicati e termini individuali. Termini individuali semplici e composti

LOGICA DEI PREDICATI. Introduzione. Predicati e termini individuali. Termini individuali semplici e composti Introduzione LOGICA DEI PREDICATI Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Prof. Ing. Fabio Roli La logica dei predicati, o logica del primo ordine (LPO) considera schemi proposizionali composti

Dettagli

Corso di LOGICA II: indagini semantiche su modalità e quantificazione. Uno studio di logica della necessità e della possibilità

Corso di LOGICA II: indagini semantiche su modalità e quantificazione. Uno studio di logica della necessità e della possibilità Corso di LOGICA II: indagini semantiche su modalità e quantificazione. Uno studio di logica della necessità e della possibilità Luisa Bortolotti Trento, 30.04.04 Lezione 26 : IL SISTEMA K-G (3) 2. MODALITA

Dettagli

L IDENTITÀ NEGATA Le disabilità nelle rappresentazioni sociali.

L IDENTITÀ NEGATA Le disabilità nelle rappresentazioni sociali. L IDENTITÀ NEGATA Le disabilità nelle rappresentazioni sociali. Elementi da una ricerca Giuseppe Vadalà Università degli Studi di Bergamo giuseppe.vadala@unibg.it 1 IDENTITÀ NEGATA Noi normali sviluppiamo

Dettagli

Logica dei predicati

Logica dei predicati IV Logica dei predicati 14. FORMULE PREDICATIVE E QUANTIFICATORI 14.1. Dalla segnatura alle formule predicative Il simbolo (x).ϕ(x) [per ogni x, ϕ(x) è vera] denota una proposizione definita, e non c è

Dettagli

La Comunicazione Formativa a Scuola

La Comunicazione Formativa a Scuola Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Scienze dell'educazione e dei Processi Culturali e Formativi La Comunicazione Formativa a Scuola Vanna Boffo Aspetti

Dettagli

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole)

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole) 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY La Logica Proposizionale (Algebra di Boole) Prof. G. Ciaschetti 1. Cenni storici Sin dagli antichi greci, la logica è intesa come lo studio del logos, che in greco

Dettagli

SEMIOTICA DEI NUOVI MEDIA L IMPLICITO

SEMIOTICA DEI NUOVI MEDIA L IMPLICITO SEMIOTICA DEI NUOVI MEDIA L IMPLICITO Per definizione implicito è ciò che viene comunicato, senza venir asserito esplicitamente. La maggior parte della nostra comunicazione si basa su processi e contenuti

Dettagli

risulta (x) = 1 se x < 0.

risulta (x) = 1 se x < 0. Questo file si pone come obiettivo quello di mostrarvi come lo studio di una funzione reale di una variabile reale, nella cui espressione compare un qualche valore assoluto, possa essere svolto senza necessariamente

Dettagli

PILLOLE DI LOGICA. Piccolo manuale per affrontare gli esercizi di logica delle Olimpiadi di Matematica. Liceo Scientifico A.

PILLOLE DI LOGICA. Piccolo manuale per affrontare gli esercizi di logica delle Olimpiadi di Matematica. Liceo Scientifico A. PILLOLE DI LOGICA Piccolo manuale per affrontare gli esercizi di logica delle Olimpiadi di Matematica Liceo Scientifico A.Righi Cesena Le basi della logica formale La logica formale è un indagine sul ragionare

Dettagli

Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5

Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5 Anno scolastico 2014/2015 Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5 Gli alunni stranieri per i quali si prevedere la progettazione di un Piano Didattico Personalizzato sono quelli non ancora

Dettagli

OSSERVAZIONI TEORICHE Lezione n. 4

OSSERVAZIONI TEORICHE Lezione n. 4 OSSERVAZIONI TEORICHE Lezione n. 4 Finalità: Sistematizzare concetti e definizioni. Verificare l apprendimento. Metodo: Lettura delle OSSERVAZIONI e risoluzione della scheda di verifica delle conoscenze

Dettagli

Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N.R.D. Bologna

Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N.R.D. Bologna Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N..D. Bologna Questo articolo è stato oggetto di pubblicazione in: Marazzani I. (2002). Educare al pensiero probabilistico a scuola. In. D Amore

Dettagli

Sintassi 1. (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse.

Sintassi 1. (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse. LINGUISTICA GENERALE, Linguistica di base D, a.a 2010/11, Ada alentini Mat. 8 Sintassi 1 (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse. A. Il livello

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

Teorie Etiche - Kant

Teorie Etiche - Kant Teorie Etiche - Kant Gianluigi Bellin January 27, 2014 Tratto dalla Stanford Encyclopedia of Philosophy online alle voce Kant s Moral Philosophy. La filosofia morale di Immanuel Kant Immanuel Kant, visse

Dettagli

Introduzione alla pragmatica del linguaggio La svolta linguistica

Introduzione alla pragmatica del linguaggio La svolta linguistica Argomenti trattati nel primo modulo Introduzione alla pragmatica del linguaggio del corso di Filosofia del Linguaggio (laurea triennale) 2007-08 - prof. Marina Sbisà NB. Schemi riguardanti Austin, Come

Dettagli

SIGNIFICATO DELL ENUNCIATO E INTENZIONE DEL PARLANTE

SIGNIFICATO DELL ENUNCIATO E INTENZIONE DEL PARLANTE SIGNIFICATO DELL ENUNCIATO E INTENZIONE DEL PARLANTE SCOPO Capire come analizzare la singola frase non solo considerando gli elementi che compongono la frase e i rapporti tra essi, ma interpretando l enunciato

Dettagli

INDIRIZZO DI SCIENZE UMANE. CLASSE A036 n.2 FILOSOFIA, PSICOLOGIA E SCIENZE DELL EDUCAZIONE

INDIRIZZO DI SCIENZE UMANE. CLASSE A036 n.2 FILOSOFIA, PSICOLOGIA E SCIENZE DELL EDUCAZIONE INDIRIZZO DI SCIENZE UMANE CLASSE A036 n.2 FILOSOFIA, PSICOLOGIA E SCIENZE DELL EDUCAZIONE 1. L essere è e non può non essere, mentre il non essere non è e non può essere. Quale filosofo antico ha sostenuto

Dettagli

Semantica. Come funziona il linguaggio SEMANTICA

Semantica. Come funziona il linguaggio SEMANTICA Come funziona il linguaggio SEMANTICA Semantica Studio del significato Semantica linguistica Studio di come il significato viene espresso attraverso: Parole Sintagmi Frasi Semantica linguistica Significato

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

b) Costruire direttamente le relazioni e poi correggere quelle che presentano anomalie

b) Costruire direttamente le relazioni e poi correggere quelle che presentano anomalie TEORIA RELAZIONALE: INTRODUZIONE 1 Tre metodi per produrre uno schema relazionale: a) Partire da un buon schema a oggetti e tradurlo b) Costruire direttamente le relazioni e poi correggere quelle che presentano

Dettagli

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica Piacenza 21 22 ottobre 2011 Philosophy for children Esperienze di dialogo e pratica filosofica Scuola dell infanzia statale Barbattini ( Roveleto di Cadeo ) Anni scolastici: 2007 2011 Insegnanti facilitatori:

Dettagli

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma)

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) DISF WORKING GROUP - SEMINARIO PERMANENTE 12 dicembre 2009 La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) Problem solving per il

Dettagli

Manuale. Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons

Manuale. Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons Manuale Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons Premessa Gestione Biblioteca scolastica è un software che permette di gestire in maniera sufficientemente

Dettagli

Lezione 8. La macchina universale

Lezione 8. La macchina universale Lezione 8 Algoritmi La macchina universale Un elaboratore o computer è una macchina digitale, elettronica, automatica capace di effettuare trasformazioni o elaborazioni su i dati digitale= l informazione

Dettagli

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 Risoluzione Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 1 Risoluzione Introdurremo ora un metodo per capire se un insieme di formule è soddisfacibile o meno. Lo vedremo prima per insiemi

Dettagli

LINGUAGGIO SCIENTIFICO E ORIZZONTE DELL'INTERO. S. Galvan UCSC

LINGUAGGIO SCIENTIFICO E ORIZZONTE DELL'INTERO. S. Galvan UCSC LINGUAGGIO SCIENTIFICO E ORIZZONTE DELL'INTERO S. Galvan UCSC - Il linguaggio della Matematica e i linguaggi formali, forma e semantica. - Il linguaggio della Fisica e delle altre scienze della natura,

Dettagli

Progetto Finale: Modelli semantici dei dati in domini applicativi specifici

Progetto Finale: Modelli semantici dei dati in domini applicativi specifici Progetto Finale: Modelli semantici dei dati in domini applicativi specifici Roberto Basili, Marco Pennacchiotti Corso di Fondamenti di Informatica a.a. 2003-2004 Definizioni Generali e Regole d esame Il

Dettagli

Keywords: presupposizione pragmatica, common ground, asserzione, accomodamento, aggiornamento del contesto

Keywords: presupposizione pragmatica, common ground, asserzione, accomodamento, aggiornamento del contesto 1 SEMANTICA 2009 LEZIONE 15 Keywords: presupposizione pragmatica, common ground, asserzione, accomodamento, aggiornamento del contesto 1. Introduzione Il contesto kaplaniano (lezione 14) è piuttosto ristretto;

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello V. M. Abrusci 12 ottobre 2015 0.1 Problemi logici basilari sulle classi Le classi sono uno dei temi della logica. Esponiamo in questa

Dettagli

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti Il procedimento di mediazione, oggi disciplinato dal DLgs n 28/2010, introduce nel nostro sistema una nuova figura professionale, quella appunto del mediatore che deve necessariamente possedere competenze

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Esame dell 8 settembre 2012

Esame dell 8 settembre 2012 Basi di Dati e Sistemi Informativi Errori ricorrenti nella progettazione concettuale Questo documento ha, come scopo, presentare alcuni gravi errori che ricorrono spesso nella progettazione concettuale

Dettagli

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione PAOLO CANGIANO DISCIPLINE DELLA RICERCA PSICOLOGICO SOCIALE (Nettuno) Matricola nr 710756 RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione Aprile 2012 Indice 1. Introduzione p. 2 2. Procedura di raccolta dati

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

Dalla progettazione concettuale alla modellazione di dominio

Dalla progettazione concettuale alla modellazione di dominio Luca Cabibbo A P S Analisi e Progettazione del Software Dalla progettazione concettuale alla modellazione di dominio Capitolo 91 marzo 2015 Se qualcuno vi avvicinasse in un vicolo buio dicendo psst, vuoi

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

TEOREMI SULLA PROBABILITÀ

TEOREMI SULLA PROBABILITÀ TEOREMI SULLA PROBABILITÀ o Probabilità totale oprobabilità contraria oprobabilità condizionata odipendenza stocastica oprobabilità composta oformula di Bayes oproblemi di riepilogo Probabilità di eventi

Dettagli

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM Sex: the Teen App! IL NOSTRO TEAM Sono una psicologa di 33 anni, lavoro nel campo della formazione sia con adulti che con minori. Mi interesso inoltre di benessere sessuale, lavorando in questo ambito

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Luca Barlassina. Questioni di dettaglio Una critica non concettualista alla filosofia della percezione di McDowell

Luca Barlassina. Questioni di dettaglio Una critica non concettualista alla filosofia della percezione di McDowell Luca Barlassina Questioni di dettaglio Una critica non concettualista alla filosofia della percezione di McDowell 2 Il dodecaedro Collana diretta da Giovanni Piana e Paolo Spinicci 3 4 Luca Barlassina

Dettagli

Saluti e presentazione iniziale

Saluti e presentazione iniziale PEER EDUCATORS e DATA CLASSE N alunni Saluti e presentazione iniziale Chi siamo cos è la peer education Presentare il tema dell incontro: la cannabis (scelto perché ci siamo accorti che esistono luoghi

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

Alcune nozioni di base di Logica Matematica

Alcune nozioni di base di Logica Matematica Alcune nozioni di base di Logica Matematica Ad uso del corsi di Programmazione I e II Nicola Galesi Dipartimento di Informatica Sapienza Universitá Roma November 1, 2007 Questa é una breve raccolta di

Dettagli

Dispense per il laboratorio di rappresentazione e algoritmi

Dispense per il laboratorio di rappresentazione e algoritmi Dispense per il laboratorio di rappresentazione e algoritmi 1. Introduzione All interno di un elaboratore esistono diversi livelli di descrizione delle informazioni. Il livello più basso è rappresentato

Dettagli

Fondamenti e tecniche di comunicazione verbale

Fondamenti e tecniche di comunicazione verbale Fondamenti e di comunicazione non verbale Fondamenti e di comunicazione verbale Rivolto agli infermieri Professionali Comunicare meglio: aiutare gli infermieri a aiutare. Abstract Ogni cosa che impariamo

Dettagli

La Presupposizione (versione provvisoria della voce pubblicata su Linguipedia)

La Presupposizione (versione provvisoria della voce pubblicata su Linguipedia) Jacopo Torregrossa Scuola Normale Superiore La Presupposizione (versione provvisoria della voce pubblicata su Linguipedia) Per presupposizione si intende un tipo di relazione semantica che si instaura

Dettagli

Che cos è l intelligenza e come funzionano i test del Q.I.

Che cos è l intelligenza e come funzionano i test del Q.I. Che cos è l intelligenza e come funzionano i test del Q.I. Non esiste, al giorno d oggi, un parere unanime della comunità scientifica sulla definizione di intelligenza. In generale, potremmo dire che è

Dettagli

Componenti di un sistema KNOWLEDGE-BASED

Componenti di un sistema KNOWLEDGE-BASED Componenti di un sistema KNOWLEDGE-BASED DYNAMIC DATABASE PROBLEM FORMALIZATION CONTROL STRATEGY IL DATABASE DESCRIVE LA SITUAZIONE CORRENTE NELLA DETERMINAZIONE DELLA SOLUZIONE AL PROBLEMA. LA FORMALIZZAZIONE

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

Fate clic per aggiungere testo

Fate clic per aggiungere testo Fate clic per aggiungere testo UN PESCE IN CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Sandro Pertini Vernio Fate clic per PRATO aggiungere testo Scuola dell Infanzia Collocazione del percorso effettuato nel curricolo

Dettagli

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next La decisione Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05 Contents 1 Dimensioni della decisione................................... 3 2 Modalità della

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

Il primo teorema di incompletezza di Gödel

Il primo teorema di incompletezza di Gödel Il primo teorema di incompletezza di Gödel Stefano Nasini Dept. of Statistics and Operations Research Universitat Politécnica de Catalunya 1. Introduzione Questo documento vuole essere una spiegazione

Dettagli

Associazione Messianica d'italia

Associazione Messianica d'italia Associazione Messianica d'italia PRATICA DEL SONEN Testo esplicativo Il gabinetto della Presidenza della Chiesa Messianica Mondiale del Brasile ha ricevuto molti e-mails da membri che chiedevano il testo

Dettagli

Anno 1. Definizione di Logica e operazioni logiche

Anno 1. Definizione di Logica e operazioni logiche Anno 1 Definizione di Logica e operazioni logiche 1 Introduzione In questa lezione ci occuperemo di descrivere la definizione di logica matematica e di operazioni logiche. Che cos è la logica matematica?

Dettagli

Insegnare italiano L2: la sintassi

Insegnare italiano L2: la sintassi L apprendimento dell italiano L2 Insegnare italiano L2: la sintassi Cecilia Andorno Una domanda preliminare, anzi due Che cosa bisogna insegnare? ovvero: 1. Che cosa c è da imparare? 2. Che cosa sa (già)

Dettagli

JOB RECRUITMENT. www.puntoservice.org

JOB RECRUITMENT. www.puntoservice.org JOB RECRUITMENT www.puntoservice.org CHI SIAMO CERCHIAMO Punto Service è operatore leader in Italia nel settore dei servizi alla persona, dedicati in particolare alla terza età ed all infanzia, con un

Dettagli

TEORIE ECONOMICHE, SISTEMI ASSIOMATICI FORMALI, MODELLI: UNA NOTA ESPLICATIVA

TEORIE ECONOMICHE, SISTEMI ASSIOMATICI FORMALI, MODELLI: UNA NOTA ESPLICATIVA TEORIE ECONOMICHE, SISTEMI ASSIOMATICI FORMALI, MODELLI: UNA NOTA ESPLICATIVA Alberto Giacomin Dipartimento di Scienze Economiche Università Ca Foscari di Venezia 1. Introduzione La teoria economica moderna

Dettagli