Ascrizioni di credenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ascrizioni di credenza"

Transcript

1 Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni come (1) sono in larga misura gli stessi che pongono gli enunciati in (2): (2) a. Maria sa che Giorgione è un filosofo. b. Maria dice che Giorgione è un filosofo. c. Maria teme che Giorgione sia un filosofo. d. Maria spera che Giorgione sia un filosofo. e.... Gli enunciati in (1)-(2) sono detti ascrizioni di atteggiamenti proposizionali (o report di atteggiamenti preposizionali). S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 1 S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 2 Perché sono interessanti? La letteratura sulle ascrizioni di credenza è vasta. In filosofia del linguaggio, la discussione, per quanto ne so, inizia con Frege (1892), Russell (1905, 1912), prosegue con Carnap (1947), Quine (1956), Davidson (1968), Kaplan (1969), Kripke (1979) e altri, fino ad arrivare, in tempi più recenti, a Soames (1987, 2002), Richard (1990), Higginbotham (1991), Crimmins (1992), King (2007), e altri. Perché i filosofi del linguaggio sono così ossessionati dalle ascrizioni di credenza? Più in generale, perché un filosofo dovrebbe perdere del tempo a riflettere su di esse? Ascrizioni di credenza e significato Se Maria asserisce sinceramente (3), evidentemente (1) è vero: (3) Giorgione è un filosofo. Dunque, il contenuto di un asserzione è qualcosa che un parlante competente che compie l asserzione con sincerità crede. Quindi, l analisi della nozione di contenuto di credenza, che è uno dei goal dell indagine sulle ascrizioni di credenza, promette di far luce sulla nozione di contenuto di un asserzione. Chiaramente, il contenuto di un asserzione che un parlante compie in determinate circostanze dipende dal significato dell enunciato che il parlante asserisce. Dunque, l indagine sulle ascrizioni di credenza è in stretta relazione con l indagine sulla nozione di significato. Lo studio delle ascrizioni di credenza è una chiave di accesso per rispondere a una domanda fondamentale per un filosofo del linguaggio: cos è il significato? S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 3 S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 4

2 L analisi relazionale delle ascrizioni di credenza Una tesi largamente condivisa riguardo alle ascrizioni di credenza è questa: esse asseriscono che l individuo a cui si riferisce il soggetto sta nella relazione di credere con ciò che è designato dalla frase di complemento che. Per esempio, (1) asserisce che Maria sta nella relazione di credere con ciò che designa il complemento che Giorgione sia un filosofo : Secondo questa analisi, la struttura logica di (1) è simile a quella dell enunciato (4), in quanto entrambi asseriscono l esistenza di una relazione tra l individuo a cui si riferisce il soggetto e l entità a cui si riferisce il complemento: (4) Maria vede Lia. S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 5 Un inferenza valida L analisi relazionale di (4) spiega perché l argomento in rosso è valido (ovvero perché la conclusione segue necessariamente dalle premesse): (4) Maria vede Lia. Premessa uno: Gianni vede ogni cosa che Maria vede. Premessa due: Maria vede Lia. Conclusione: Dunque, Gianni vede Lia. Infatti, secondo l analisi relazionale di (4), l argomento ha questa forma: Premessa uno: per ogni x, se m R x, g R x Premessa due: m R a Conclusione: g R a In qualsiasi argomento di questa forma, la conclusione segue necessariamente dalle premesse: quali che siano i nomi che sostituiamo a m, g, e a e il predicato che sostituiamo a R, otterremo sempre un argomento valido. In altre parole, secondo l analisi relazionale di (4), la conclusione segue necessariamente dalle premesse nell argomento in rosso, in quanto è la forma stessa dell argomento a garantire questo. S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 6 Evidenza per l analisi relazionale delle ascrizioni di credenza In modo analogo, l analisi relazionale delle ascrizioni di credenza spiega perché l argomento in blu è valido: Premessa uno: Gianni crede ogni cosa che Maria crede. Premessa due: Maria crede che Giorgione sia un filosofo. Conclusione: Dunque, Gianni crede che Giorgione sia un filosofo. Infatti, secondo l analisi relazionale delle ascrizioni di credenza, l argomento ha di nuovo la forma: Premessa uno: per ogni x, se m R x, g R x Premessa due: m R a Conclusione: g R a Dunque, la conclusione segue necessariamente dalle premesse, in quanto è la forma stessa dell argomento in blu a garantire questo. I termini della relazione di credenza Supponiamo di accettare l analisi relazionale delle ascrizioni di credenza. Secondo questa analisi, (1) asserisce che Maria sta nella relazione di credere con ciò che designa il complemento che Giorgione sia un filosofo : Ma cosa designa il complemento che Giorgione sia un filosofo? Se uno dei termini della relazione di credenza è un individuo, cos è l altro termine? S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 7 S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 8

3 Relazione tra individui e proposizioni Una posizione dominante (ma non universalmente condivisa) nella letteratura è che (1) asserisce che Maria sta nella relazione di credere con una proposizione: Secondo questa posizione credere in (1) designa una relazione tra individui e proposizioni. Ma cosa sono le proposizioni? Il ruolo delle proposizioni La domanda cosa sono le proposizioni? è prematura. Dopotutto, se le ascrizioni di credenza asseriscono l esistenza di una relazione tra individui e proposizioni, lo studio delle ascrizioni di credenza dovrebbe far luce, tra le altre cose, esattamente sulla natura delle proposizioni. Invece di cercare di rispondere subito alla domanda cosa sono le proposizioni?, è più utile in questa fase chiedersi quale sia il ruolo delle proposizioni per i teorici che credono nella loro esistenza. Oltre a provvedere uno dei termini delle relazioni espresse nei report di atteggiamenti preposizionali, le proposizioni vengono invocate per queste ragioni: le proposizioni sono i contenuti espressi dagli enunciati quando vengono proferiti in un contesto, le proposizioni sono i portatori primari della verità e della falsità, le proposizioni sono i possessori degli attributi modali. Esaminiamo ciascuna di queste ragioni S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 9 S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 10 Contenuti in un contesto Si considerino gli enunciati seguenti: (5) a. Io sono un filosofo (proferito da Leo). b. Lui è un filosofo (proferito da Lia indicando Leo). c. Leo è un filosofo. d. Leo is a philosopher. e. Leo ist ein Philosoph. Questi enunciati sono tutti diversi tra loro. Eppure si potrebbe dire che nei contesti che abbiamo considerato, questi enunciati diversi dicono tutti la stessa cosa, ovvero che Leo è un filosofo. La proposizione espressa da un enunciato in un contesto è ciò che l enunciato dice se proferito in quel contesto. Gli enunciati in (5) sono diversi, ma esprimono la stessa proposizione nel contesto indicato. Invocare le proposizioni permette di catturare l intuizione che enunciati diversi possano esprimere lo stesso contenuto. Portatori primari di valori di verità Si consideri l enunciato (6): (6) Ich bin ein Philosoph. Non ha senso chiedersi se questo enunciato sia vero o falso. Ad essere vero o falso è ciò che l enunciato dice se proferito in un determinato contesto. Se (6) viene proferito da Kant, quel che (6) dice è vero; se (6) viene proferito da Merkel, quel che (6) dice in è falso. Queste considerazioni suggeriscono che ad essere veri o falsi in primo luogo non sono gli enunciati, ma ciò che essi esprimono in un contesto. Le proposizioni, essendo ciò che gli enunciati esprimono in un contesto, svolgono appunto il ruolo di portatori primari dei valori di verità. S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 11 S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 12

4 Possessori di attributi modali Se siamo inclini ad accettare la tesi che le proposizioni sono i portatori primari dei valori di verità dovremmo essere inclini ad assumere che sono anche i possessori di attributi modali, ovvero delle proprietà espresse da è necessariamente vero che, è possibilmente vero che, è necessario che, è possibile che, necessariamente, ecc. Non ha senso di un enunciato come (5)a che è necessario o possibile: (5) a. Io sono un filosofo Ciò che è necessario o possibile è quello che l enunciato esprime se proferito in un determinato contesto. Frege sul pensiero Le considerazioni precedenti mostrano le ragioni che hanno indotto alcuni filosofi a invocare l esistenza delle proposizioni. Alcune di queste ragioni sono state addotte da Frege ( ). Ciò che Frege chiama pensiero, ovvero il senso di un enunciato, gioca un ruolo simile a quello svolto dalle proposizioni nella terminologia più recente. Per Frege, il pensiero espresso da un enunciato in un contesto è il portatore primario dei valori di verità; inoltre le ascrizioni di credenza per Frege esprimono relazioni tra individui e pensieri. Si noti che la nozione di pensiero per Frege non ha connotazioni psicologiche. L esistenza dei pensieri non dipende dall esistenza di esseri umani che li esprimano o che siano in grado di afferrarli. Infatti, per Frege sono i pensieri ad essere veri o falsi. Ma ciò che è vero lo sarebbe anche se noi non esistessimo: sarebbe vero che la terra ha un solo satellite anche se non esistessero esseri umani. Dunque, l esistenza dei pensieri (nel senso inteso da Frege) non dipende dalla nostra esistenza. S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 13 S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 14 Considerazione delle alternative Analisi non relazionali Torniamo alle ascrizioni di credenza. Prima di considerare teorie specifiche delle ascrizioni di credenza che formulano ipotesi particolari sulla natura degli oggetti di credenza, ovvero delle proposizioni, consideriamo alcune alternative possibili alla tesi che le ascrizioni di credenza asseriscono una relazione tra individui e proposizioni. Una possibilità è negare che le ascrizioni di credenza siano relazionali. Un altra possibilità è (a) accettare che siano relazionali, ma (b) negare che asseriscano una relazione tra individui e proposizioni (nel senso delle entità che giocano il ruolo che si è detto). Quine (1956, 1960) ha proposto che le ascrizioni di credenza non siano relazionali. Secondo l idea considerata da Quine, (1) non esprime affatto una relazione tra Maria e qualcos altro: Quine suggerisce invece che crede che Giorgione sia un filosofo sia un predicato privo di struttura semantica interna. S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 15 S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 16

5 Un problema per l analisi non relazionale di Quine Un problema per la tesi di Quine è che la validità dell argomento in rosso e la validità dell argomento in blu non sono più riconducibili alla stessa ragione: Premessa uno: Gianni vede ogni cosa che Maria vede. Premessa due: Maria vede Lia. Conclusione: Dunque, Gianni vede Lia. Premessa uno: Gianni crede ogni cosa che Maria crede. Premessa due: Maria crede che Giorgione sia un filosofo. Conclusione: Dunque, Gianni crede che Giorgione sia un filosofo. Se credere non esprime una relazione, l argomento in rosso e l argomento in blu non hanno più la stessa forma. Un altro problema per l analisi non relazionale di Quine Secondo Quine, le parti in rosso nelle frasi seguenti sono tutte predicati privi di struttura semantica interna: (7) Maria crede che Giorgione sia un pittore. (8) Maria crede che Lia crede che Giorgione sia un pittore. (9) Maria crede che Lia crede che Maria crede che Giorgione sia un pittore. In linea di principio, in italiano ci sono infiniti predicati di questo tipo che siamo in grado di comprendere. Questa capacità che hanno i parlanti dell italiano di comprendere un numero infinito di predicati si spiega assumendo che siano in grado di comprendere i significati delle parti che compongono i predicati e abbiano disposizione delle regole per computare i significati dei predicati complessi a partire dai significati delle loro parti. Tuttavia, se i predicati in rosso non avessero struttura semantica interna, non sarebbe possible computare il loro significato a partire dal significato delle loro parti, in quanto questi predicati non avrebbero parti dotate di significato! Dunque, se le ascrizioni di credenza non sono relazionali, diventa un mistero come possiamo comprendere i predicati in (1), (7)-(8). S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 17 S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 18 Enunciati come oggetti di credenza Come abbiamo osservato, un altra alternativa possibile alla tesi che le ascrizioni di credenza asseriscono una relazione tra individui e proposizioni è questa: (a) accettare che siano relazionali, (b) negare che asseriscano una relazione tra individui e proposizioni. Ma se le ascrizioni di credenza sono relazionali e non asseriscono una relazione tra individui e proposizioni, che tipo di relazione è credere? È una relazione tra individui e cosa? Una risposta possibile è che le ascrizioni di credenza asseriscono una relazione tra individui ed enunciati (o proferimenti di enunciati). Chiameremo le teorie di quest ultimo tipo teorie citazionali. Il piano Nelle prossime lezioni, esamineremo alcune teorie citazionali. Esamineremo inoltre alcune teorie secondo le quali le ascrizioni di credenza asseriscono una relazione tra individui e proposizioni. S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 19 S. Zucchi: Laboratorio sulle ascrizioni di credenza - Introduzione 20

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Logica del primo ordine

Logica del primo ordine Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A7_4 V1.3 Logica del primo ordine Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. Universitá di Bologna

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. <sacerdot@cs.unibo.it> Universitá di Bologna Linguaggi 18: Semantica della logica del prim ordine Universitá di Bologna 11/04/2011 Outline Semantica della logica del prim ordine 1 Semantica della logica del prim ordine Semantica

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

In che cosa consiste far finta

In che cosa consiste far finta rivista on-line del Seminario Permanente di Estetica anno II, numero 2 In che cosa consiste far finta Alberto Voltolini 1. La teoria illocutoria della finzione Com è ben noto, da un frammento di linguaggio

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

Che cosa abbiamo fatto fin ora. Perché? Agente basato su conoscenza. Introduzione alla rappresentazione della conoscenza

Che cosa abbiamo fatto fin ora. Perché? Agente basato su conoscenza. Introduzione alla rappresentazione della conoscenza Che cosa abbiamo fatto fin ora Introduzione alla rappresentazione della conoscenza ovvero Come costruire agenti basati su conoscenza e dotati di capacità di ragionamento Maria Simi, 2014/2015 Abbiamo trattato:

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

Esercitazioni per il corso di Logica Matematica

Esercitazioni per il corso di Logica Matematica Esercitazioni per il corso di Logica Matematica Luca Motto Ros 14 marzo 2005 Nota importante. Queste pagine contengono appunti personali dell esercitatore e sono messe a disposizione nel caso possano risultare

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati Tipologie di pianificatori Pianificazione Intelligenza Artificiale e Agenti II modulo Pianificazione a ordinamento parziale (POP) (HTN) pianificazione logica (SatPlan) Pianificazione come ricerca su grafi

Dettagli

1.1 La verità come corrispondenza

1.1 La verità come corrispondenza Che cosa si intende per verità? Qual è il rapporto tra verità, realtà e conoscenza? Che tipi di verità ci sono e come ci si arriva? Quali sono i limiti delle nostre conoscenze? 1.1 La verità come corrispondenza

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Linguaggi del I ordine - semantica. Per dare significato ad una formula del I ordine bisogna specificare

Linguaggi del I ordine - semantica. Per dare significato ad una formula del I ordine bisogna specificare Linguaggi del I ordine - semantica Per dare significato ad una formula del I ordine bisogna specificare Un dominio Un interpretazione Un assegnamento 1 Linguaggi del I ordine - semantica (ctnd.1) Un modello

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

La natura e l identità degli oggetti materiali

La natura e l identità degli oggetti materiali La natura e l identità degli oggetti materiali Achille C. Varzi [Pubblicato in Filosofia analitica. Temi e problemi, a cura di Annalisa Coliva, Roma, Carocci, 2007, pp. 17 56] Quali siano le entità che

Dettagli

OGNI SPAZIO VETTORIALE HA BASE

OGNI SPAZIO VETTORIALE HA BASE 1 Mimmo Arezzo OGNI SPAZIO VETTORIALE HA BASE CONVERSAZIONE CON ALCUNI STUDENTI DI FISICA 19 DICEMBRE 2006 2 1 Preliminari Definizione 1.0.1 Un ordinamento parziale (o una relazione d ordine parziale)

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia?

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Danilo Pelusi 1 Gianpiero Centorame 2 Sunto: Il seguente articolo illustra le possibili analogie e differenze tra il calcolo delle

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa Giuliano Broggini 1 Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa L essenza proviene dall essere; non è quindi immediatamente in sé e per sé, ma è un risultato di quel movimento 2. E questa la spiegazione

Dettagli

Albero semantico. Albero che mette in corrispondenza ogni formula con tutte le sue possibili interpretazioni.

Albero semantico. Albero che mette in corrispondenza ogni formula con tutte le sue possibili interpretazioni. Albero semantico Albero che mette in corrispondenza ogni formula con tutte le sue possibili interpretazioni. A differenza dell albero sintattico (che analizza la formula da un punto di vista puramente

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Desidero riflettere sul tema della matematica come conoscenza,

Desidero riflettere sul tema della matematica come conoscenza, CHE COS È LA MATEMATICA OVVERO PERCHÉ LA MATEMATICA PUÒ PIACERE di Marco Bramanti* La matematica è una scienza? È una filosofia? O cos'altro? Quali sono le caratteristiche del sapere matematico, sia nella

Dettagli

Passo N 1 dell argomento.!

Passo N 1 dell argomento.! Un diagramma Venn per aiutarvi a trarre le vostre proprie conclusioni Passo N 1 dell argomento. Nel diagramma Venn qui sotto, il cerchio contrassegnato denota l insieme di tutte le cose che in qualsiasi

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo 5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo X m a (mod n ) Oggetto di questo paragrafo è lo studio della risolubilità di congruenze del tipo: X m a (mod n) con m, n, a Z ed m, n > 0. Per l effettiva

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

E possibile costruire una mentalità matematica?

E possibile costruire una mentalità matematica? E possibile costruire una mentalità matematica? Prof. F. A. Costabile 1. Introduzione La matematica è più di una tecnica. Apprendere la matematica significa conquistare l attitudine ad un comportamento

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

Si basano sul seguente Teorema: S = A sse S { A} è insoddisfacibile.

Si basano sul seguente Teorema: S = A sse S { A} è insoddisfacibile. Deduzione automatica La maggior parte dei metodi di deduzione automatica sono metodi di refutazione: anziché dimostrare direttamente che S A, si dimostra che S { A} è un insieme insoddisfacibile (cioè

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

questa scienza? La sua natura e i suoi metodi

questa scienza? La sua natura e i suoi metodi Che cos è questa scienza? La sua natura e i suoi metodi di Alan F Chalmers Marisa Michelini Storia per la didattica scientifica Itinerario storico nella didattica Argomentazione critica di ipotesi alternative

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Morale e Linguaggio in Wittgenstein. Il riscatto della Metafisica. Vera Fisogni A Parte Rei 16

Morale e Linguaggio in Wittgenstein. Il riscatto della Metafisica. Vera Fisogni A Parte Rei 16 Morale e linguaggio in Wittgenstein. Il riscatto della metafisica Vera Fisogni La filosofia come sapere autonomo esce con le ossa rotte dal Tractatus logicophilosophicus. Attività, non dottrina, può servire

Dettagli

Logica predicativa del prim ordine

Logica predicativa del prim ordine Logica predicativa del prim ordine Eugenio G. Omodeo Anno accademico 2007/ 08 Contents 1 Linguaggi per la logica predicativa del prim ordine 5 1.1 Sintassi di un linguaggio predicativo........................

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Andrea Bonomi LO SPIRITO DELLA NARRAZIONE. Bompiani

Andrea Bonomi LO SPIRITO DELLA NARRAZIONE. Bompiani Andrea Bonomi LO SPIRITO DELLA NARRAZIONE Bompiani INDICE PREMESSA 1 1. A proposito di una citazione 1 2. Gli strumenti del mestiere 3 3. Una visione d insieme 5 4. Storie di libri 7 PARTE PRIMA: LE COSE

Dettagli

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof )

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof ) Centro nazionale per r la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dipartimento

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Note sull utilizzo del PC-DMIS

Note sull utilizzo del PC-DMIS Note sull utilizzo del PC-DMIS Sommario 1. Definizione e qualifica di tastatori a stella (esempio su configurazione con attacco M2)...3 2. Dimensione Angolo...4 3. Nascondere componenti della configurazione

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Esistono ancora moltissimi malintesi circa cos è un kahuna hawaiano. Scrivo questo articolo per

Dettagli

Essere (categoricamente) e poter essere e non essere Andrea Borghini (College of the Holy Cross, Mass., USA)

Essere (categoricamente) e poter essere e non essere Andrea Borghini (College of the Holy Cross, Mass., USA) Essere (categoricamente) e poter essere e non essere Andrea Borghini (College of the Holy Cross, Mass., USA) In queste poche pagine vorrei azzardare una proposta un po provocatoria, per la quale nutro

Dettagli

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)).

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)). Calcolo differenziale Il teorema di Rolle TEOREMA DI ROLLE Ipotesi f continua su [a, b] f derivabile per lo meno su (a,b) f(a) = f(b) Tesi Esiste almeno un punto c in (a, b) tale che Giustificazione con

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

I rapporti tra i fondamenti della matematica e della fisica: dialogo 1.

I rapporti tra i fondamenti della matematica e della fisica: dialogo 1. I rapporti tra i fondamenti della matematica e della fisica: dialogo 1. Francis Bailly Fisica, CNRS, Meudon Bailly@crns-bellevue.fr Giuseppe Longo LIENS, CNRs-ENS et CREA, Parigi http://www.di,ens.fr/users/longo

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni)

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni) DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA (in particolare gli ottonioni) Gruppo B. Riemann Michele Nardelli, Francesco Di Noto *Gruppo amatoriale per la ricerca matematica sui numeri primi, sulle loro congetture

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

Lingue creole e lingue segniche

Lingue creole e lingue segniche S. Zucchi - Lingua dei segni e teoria linguistica 1 Lingue creole e lingue segniche Alcuni linguisti (tra cui Fischer 1978; Edwards e Ladd 1984) hanno notato certe affinità tra lingue creole e lingue segniche.

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile di funzioni reali di una variabile Corso di Analisi Matematica - capitolo VI Facoltà di Economia, UER Maria Caterina Bramati Université Libre de Bruxelles ECARES 22 Novembre 2006 Intuizione di ite di funzione

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV...

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV... TEST D INGRESSO DI ITALIANO Cognome...Nome...Classe IV... PUNTEGGIO FINALE.../50 VOTO ORTOGRAFIA Scegli l'alternativa corretta tra quelle proposte, barrando la lettera corrispondente. (1 punto in meno

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS La LEADERSHIP nei piccoli gruppi Uno degli aspetti più studiati nella dinamica di gruppo è, probabilmente, la leadership, vale a dire l esercizio del comando, la funzione di guida che una persona assume

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli