EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la"

Transcript

1 Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne (strade, rampe, viadotti, scalinate, accessi per disabili ecc.) che, durante il periodo invernale, può costituire fonte di pericolo per l utenza. L impianto è costituito da cavi scaldanti resistivi oppure da tappeti preassemblati e dai relativi sistemi di controllo automatici. Il sistema lavora ottimamente con i più comuni materiali di rivestimento quali cemento, asfalto, beole, porfido, autobloccanti ecc. EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la formazione del ghiaccio varia dai 125 ai 150 watt a seconda delle condizioni di ventilazione, temperatura minima, grado di umidità, presenza di beole, mattonelle, ecc. EFFETTO ANTINEVE: In questo caso per garantire la protezione dal ghiaccio e da un leggero strato nevoso la potenza necessaria è molto elevata e può raggiungere in alcuni casi valori di 400/500watt/mq (Russia), mediamente in Italia sono sufficienti 200/270watt/mq. In considerazione di quanto sopra, per risparmiare sia nell acquisto del cavo che della sua posa in opera e della relativa spesa di energia elettrica, generalmente si preferisce riscaldare solo i passiruota di larghezza 40/50cm ed interasse 150cm. Note: I luoghi come ponti o rampe di carico sospese sono soggetti anche all influsso delle condizioni atmosferiche e dal vento sia da sopra che da sotto. In questi luoghi, quindi, la potenza installata dovrebbe essere aumentata fino al 50% per compensare la quantità supplementare di freddo. Quindi è indispensabile utilizzare del materiale termoriflettente adatto (es. TRISO-SOLS) al fine di evitare le dispersioni di calore verso il basso. Se tale operazione non fosse possibile, si consiglia di installare una potenza minima pari a 350w/mq. Le potenze nominali tipiche sono riportate nella tabella a pagina seguente. Circuito SC serie Ramp Tappeto SCM serie Mat Ramp 1

2 Zona Parcheggi Passaggi pedonali Rampe Piazzali Gradini Ponti isolati Ponti non isolati Rampe sospese non isolate Potenza in Italia con clima temperato w/mq375w/mq w/mq375w/mq Potenza in Russia (Italia con clima rigido) w/mq w/mq Si riportano di seguito le direttive generali per scegliere la potenza da installare (finitura superficie esterna in cemento) Temperatura esterna rilevata -5 C -10 C -15 C -20 C -25 C -30 C -35 C -40 C Potenza da installare 200w/mq 225w/mq 270w/mq 300w/mq 350w/mq 400w/mq 450w/mq 500w/mq Potenza da installare in ponti e rampe sospese non isolate 230w/mq 270w/mq 300w/mq 350w/mq 400w/mq 450w/mq 500w/mq 550w/mq La potenza installata dovrebbe essere più elevata se: 1) L impianto è posto in una zona con frequente vento in inverno. Una velocità del vento pari a 10m/sec porta ad un ulteriore calo della temperatura rilevata di circa 5 C. Più la velocità del vento sarà elevata, maggiore sarà il calo della temperatura. 2) L impianto è ubicato in una zona geografica elevata. Si consiglia di aggiungere 50w/mq ogni 1000mt sul livello del mare (escludendo i primi 1000mt). 3) Se si riscontrano abbondanti nevicate, si consiglia di aggiungere 50w/mq. 4) Se la superficie da proteggere non è in cemento. In questo caso seguire quanto riportato alla pagina seguente. 2

3 Condizioni di finitura differenti dal cemento Porfido o pietra di spessore <5cm Porfido o pietra di spessore >5cm Autobloccante a secco nella sabbia Pianura, bassa collina clima temperato 270w/mq 300w/mq 300w/mq Alta collina, montagna clima rigido 300w/mq 375w/mq 375w/mq Alta montagna, clima estremamente rigido 375w/mq 450w/mq 450w/mq Note: : Nel caso in cui la superficie da proteggere avesse una copertura in autobloccante, porfido o pietra in genere è fondamentale utilizzare un tappeto di materiale termoriflettente da porre sotto al cavo scaldante al fine di evitare dispersioni di calore verso il basso e per velocizzare il processo di riscaldamento. Installazione sotto calcestruzzo La posa dei cavi scaldanti o delle matasse avviene tramite fissaggio con fascette in nylon da cablaggio sulla rete elettrosaldata, posta ad una profondità massima di 5cm dal piano finito. E importante che i cavi siano ben fissati sulla rete sottostante in modo che essi non si muovano durante il getto di calcestruzzo. IL calcestruzzo dovrà ricoprire interamente i cavi senza lasciare sacche d aria ed avendo cura di non inserire pietre acuminate nella miscela poiché potrebbero danneggiare i cavi o le matasse scaldanti. Infine, il calcestruzzo deve essere lasciato indurire per almeno 30giorni prima di accendere l impianto di riscaldamento ed in caso di attraversamento di giunti di dilatazione termica il cavo scaldante dovrà essere appositamente protetto. Installazione sotto autobloccante, porfido e pietra in genere In questo caso i cavi scaldanti devono necessariamente essere posizionati il più vicino possibile al rivestimento avendo cura di ricoprirli con un leggero strato di cemento al fine di garantire una trasmissione del calore che sia il più uniforme possibile. Sotto al cavo deve essere posizionato il materiale termoriflettente avendo cura di utilizzare un prodotto che sia idrorepellente (ad. es. 10/15000 TRISO-SOLS) Installazione sotto asfalto Esistono due metodi principali d installazione per l asfalto: 1. I cavi vengono ricoperti di calcestruzzo prima di stendere l asfalto Prima di stendere l asfalto si ricopre la parte alta dei cavi scaldanti con uno strato di almeno 3cm di calcestruzzo al fine di proteggerli dall elevato calore. Far raffreddare l asfalto ad una temperatura di 130 C 140 C prima di stenderlo. 2. L asfalto viene steso direttamente sui cavi scaldanti o sulle matasse In questo caso si consiglia l utilizzo dei cavi SMCT-FE o delle matasse SMMT-FE poiché sono in grado di resistere ad una temperatura di 240 C per breve tempo. Questi modelli, quindi, non necessitano di essere ricoperti con il calcestruzzo. Ciò riduce i tempi e quindi il costo di installazione. Per non danneggiare i cavi, non si devono utilizzare macchinari pesanti quali rulli compressori o asfaltatrici. L asfalto, infine, dovrebbe avere uno spessore minimo di 5cm. 3

4 CIRCUITI SCALDANTI RESISTIVI serie Ramp I circuiti resistivi sono cavi scaldanti a potenza costante e circuito serie, costituiti da due conduttori adeguatamente isolati e rivestiti da una schermatura in alluminio estrusa su tutta la lunghezza del circuito. Il cavo d alimentazione è giuntato direttamente in linea ed è protetto da un rivestimento esterno in PVC che ricopre interamente il circuito garantendo il massimo della tenuta e dell impermeabilità. CARATTERISTICHE - Potenza lineare: 30w/mt - Alimentazione: 230V.a.c - Lunghezza cavo d alimentazione: 10mt - Lunghezze disponibili: come da tabella seguente - Massima temperatura: 105 C Modello Codice Lunghezza (Mt) Potenza (W) Assorbimento (A) SC750 17/ ,26 SC /10100 SC /10200 SC /10300 SC /10400 SC /10500 Determinare il passo spirale di posa P = ( Q X 100 ) / W Dove: P = Passo spirale di posa (cm) Q = Potenza lineare erogata dal cavo (30 w/mt) W = Potenza da installare (w/mq) Esempio: Posa di un circuito scaldante resistivo da 30w/mt, potenza da installare 270w/mq: P= (30w/mt x 100) / 270w/mq = 11,11cm , , , , ,87 Determinare la lunghezza di cavo scaldante necessario L = [(( P + S) / P ] * X Dove: L = Lunghezza del cavo scaldante necessario (mt) P = Passo spirale di posa (cm) S = Larghezza della superficie da proteggere (cm) X = Lunghezza della superficie da proteggere (mt) Esempio: Si deve installare un impianto di protezione da ghiaccio e neve in una rampa in cemento di lunghezza 10mt che necessita di una potenza specifica pari a 270w/mq. Si decide di proteggere solo due fasce di larghezza 50cm/cad. (passiruota): L = [(( ) / 11 ] * 10 = 55,5mt Il modello disponibile più prossimo è da 57mt e ne verranno installati due, uno per ogni passoruota. 4

5 TAPPETO SCALDANTE RESISTIVO serie Mat Ramp In alternativa ai circuiti resistivi, è possibile fornire i tappeti scaldanti SCM costituiti da un cavo scaldante a potenza costante già fissato con nastro in PVC, facilmente e velocemente stendibile sulla superficie da scaldare. La larghezza fissa 40cm (con una protezione effettiva di 50cm) è sufficiente a proteggere un passoruota carrabile e la potenza massima di 350w/mq. garantisce il perfetto funzionamento in qualunque situazione. CARATTERISTICHE - Potenza specifica: 225, 270, 300 o 350w/mq - Alimentazione 230V.a.c - Lunghezza cavo d alimentazione: 10mt - Lunghezze disponibili come da tabella seguente - Larghezza: 40cm per passaggio veicolare leggero - Larghezza: 80cm per passaggio veicolare pesante - Massima temperatura: 105 C TAPPETI SCALDANTI PER PASSAGGIO VEICOLARE LEGGERO Potenza specifica: 225w/mq SCM / ,3 x 0, ,26 SCM / ,6 x 0, ,56 SCM / x 0, ,87 SCM / ,9 x 0, ,82 SCM / ,6 x 0, ,48 SCM / ,7 x 0, ,87 Potenza specifica: 270w/mq SCM / ,9 x 0, ,26 SCM / ,7 x 0, ,56 SCM / ,5 x 0, ,87 SCM / ,7 x 0, ,82 SCM / x 0, ,48 SCM / ,1 x 0, ,87 Potenza specifica: 300w/mq SCM / ,2 x 0, ,26 SCM / ,7 x 0, ,56 SCM / ,2 x 0, ,87 SCM / ,2 x 0, ,82 SCM / ,2 x 0, ,48 SCM / ,8 x 0, ,87 Potenza specifica: 350w/mq SCM / ,4 x 0, ,26 SCM / ,5 x 0, ,56 SCM / ,6 x 0, ,87 SCM / ,1 x 0, ,82 SCM / ,9 x 0, ,48 SCM / ,9 x 0, ,87 5

6 TAPPETI SCALDANTI PER PASSAGGIO VEICOLARE PESANTE Potenza specifica: 225w/mq SCM750-P / ,16 x 0, ,26 SCM1050-P / ,83 x 0, ,56 SCM1350-P / ,5 x 0, ,87 SCM1700-P / ,4 x 0, ,82 SCM1950-P / ,8 x 0, ,48 SCM2500-P / ,8 x 0, ,87 Potenza specifica: 270w/mq SCM750-P / ,5 x 0, ,26 SCM1050-P / ,9 x 0, ,56 SCM1350-P / ,2 x 0, ,87 SCM1700-P / ,9 x 0, ,82 SCM1950-P / x 0, ,48 SCM2500-P / ,6 x 0, ,87 Potenza specifica: 300w/mq SCM750-P / ,1 x 0, ,26 SCM1050-P / ,4 x 0, ,56 SCM1350-P / ,6 x 0, ,87 SCM1700-P / ,1 x 0, ,82 SCM1950-P / ,1 x 0, ,48 SCM2500-P / ,4 x 0, ,87 Potenza specifica: 350w/mq SCM750-P / ,7 x 0, ,26 SCM1050-P / ,8 x 0, ,56 SCM1350-P / ,8 x 0, ,87 SCM1700-P / ,1 x 0, ,82 SCM1950-P / x 0, ,48 SCM2500-P / ,9 x 0, ,87 Installazione (valido per tutte le tipologie di tappeti) Stendere i tappeti lungo tutta la rampa (normalmente in corrispondenza delle sole fasce carrabili) Fissare i tappeti alla rete elettrosaldata mediante l impiego di fascette in Nylon (ogni metro) Eventuali parti in eccesso vanno ripiegate a 90 tagliando il nastro in PVC di supporto Le parti ripiegate vanno anch esse fissate alla rete elettrosaldata mediante fascette in Nylon Taglio a 90 Taglio a 180 6

7 Particolare di installazione circuiti SC Rampa ad unico senso di marcia con protezione dei soli passiruota 50mm E' sempre consigliato l'impiego di appositi additivi per migliorare la conducibilità termica del calcestruzzo Come da progetto 150cm Cemento Superamento giunti termici Nel caso in cui fossero presenti dei giunti termici lungo la superficie da scaldare è consigliabile eseguire una mappa con la loro esatta ubicazione. In prossimità degli stessi il cavo andrà inserito all'interno di apposito tubo corrugato di lunghezza 30cm circa, sigillato alle estremità con silicone e riempito con sabbia e terra Cavo scaldante Magrone Alla cassetta di derivazione Particolare di installazione tappeti SCM Rampa ad unico senso di marcia con protezione dei soli passiruota Avvertenze Durante la posa evitare di: - Tirare, tagliare o incidere il cavo - Sovrapporre gli elementi scaldanti Sensore carrabile SC-1 Alla cassetta di derivazione E' sempre consigliato l'impiego di appositi additivi per migliorare la conducibilità termica del calcestruzzo 50cm 50cm 150cm Cemento Matassa scaldante Magrone 7

8 Particolare di installazione circuiti SC Tracciamento di gradini La posa del cavo scaldante viene generalmente effettuata su rete elettrosaldata normalmente utilizzata in edilizia secondo gli schemi di posa di seguito illustrati. Il fissaggio avviene con normali fascette in nylon avendo cura di mantenere una distanza tra una passata e l altra come indicato nella tabella di seguito riportata. Pianura, bassa collina clima temperato Alta collina, montagna clima rigido Alta montagna, clima estremamente rigido Finitura cemento 13cm 12cm 10cm Finitura marmo 10cm 9cm 7cm Esempio 1 Finitura in cemento e gradino di profondità 20cm - clima temperato Due passate di cavo scaldante ogni gradino con distanza pari a 13cm. Per i pianerottoli, invece, il numero di passate sarà maggiore ed in funzione della dimensione di essi. Esempio 2 Finitura in marmo e gradino di profondità 25cm - clima rigido Tre passate di cavo scaldante ogni gradino con distanza pari a 9cm. Per i pianerottoli, invece, il numero di passate sarà maggiore ed in funzione della dimensione di essi. Esempio 3 Esempio 3 Finitura in marmo e gradino di profondità 30cm -clima estremamente rigido Quattro passate di cavo scaldante ogni gradino con distanza pari a 7cm. Per i pianerottoli, invece, il numero di passate sarà maggiore ed in funzione della dimensione di essi. 8

9 Determinare il numero di passate di cavo scaldante necessario Numero di passate = Profondità gradino (cm) Distanza tra una passata e l altra di cavo scaldante (cm) Determinare la lunghezza di cavo scaldante necessario Q = [(Nr X L) + (Nr X 0,2) + H] X N Dove: Q = Quantità di cavo scaldante necessario (mt) L = Lunghezza gradino (mt) Nr = Numero di passate H = Altezza del gradino N = Numero di gradini da proteggere Note: A tale quantità andranno aggiunti i metri di cavo necessario per proteggere eventuali pianerottoli. In questo caso la quantità necessaria viene calcolata nella seguente maniera: L = [(( P + S) / P ] * X Dove: L = Lunghezza del cavo scaldante necessario (mt) P = Passo spirale di posa (cm) S = Larghezza della superficie da proteggere (cm) X = Lunghezza della superficie da proteggere (mt) Determinare il numero di circuiti necessari Numero circuiti = Quantità di cavo scaldante necessario (mt) Lunghezza del circuito SC più prossimo alla quantità necessaria (mt) Sezioni di posa Finitura in cemento Sensore SC-1 Cemento Cavo scaldante 50mm Rete elettrosaldata Base Sezioni di posa Finitura in marmo o similare Sensore SC-1 Marmo Cavo scaldante Cemento Rete elettrosaldata Base 25mm 30mm 9

10 Sistema di controllo automatico dell impianto Secondo delle statistiche ricavate negli anni, la necessità di un intervento del sistema di prevenzione della formazione del ghiaccio è pari a circa 1500ore l anno mentre la necessità di un sistema di prevenzione del manto nevoso è pari a sole circa 150/200ore l anno. E quindi conveniente installare un sistema di rilevamento della temperatura e dell umidità in modo da inserire i circuiti scaldanti solo quando necessario Sensore carrabile SC-1 Studiato e costruito per misurare l umidità e la temperatura e di conseguenza segnalare la presenza di neve o ghiaccio sul fondo stradale o di qualsiasi superficie all aperto. La misura dell umidità si ottiene misurando la conducibilità superficiale del sensore; di conseguenza, per poter rilevare la presenza di neve, che è un materiale isolante, si deve prima sciogliere la stessa con un opportuna resistenza inserita nel sensore. Questa resistenza è alimentata a 24Vc.c. direttamente dalla centralina. Centralina analogica CR-1 Questa unità, opportunamente collegata all apposito sensore SC-1, rileva il grado di umidità e la temperatura e di conseguenza la presenza di neve o ghiaccio sulla superficie che si desidera proteggere e comanda l inserimento dei circuiti scaldanti solo ed esclusivamente se questi valori rilevati non corrispondono a quelli impostati e quindi c è il reale pericolo di presenza di ghiaccio o di accumulo di neve. Questo sistema consente, inoltre, un reale e notevole risparmio di energia, un più accurato controllo dell impianto ed una vita più lunga dei circuiti scaldanti. L unità analogica, infine, è di semplice installazione e collegamento. Centralina digitale SDD-1 Fornita in alternativa alla centralina CR-1, questa unità di ultima generazione presenta diverse caratteristiche innovative: - Lettura della temperatura al suolo -Funzione risparmio energetico con la quale i circuiti scaldanti vengono attivati alternativamente in modo da dimezzare la potenza impegnata - Controllo separato di due sensori SC-1 - Collegamento diretto fino a 3 carichi - Possibilità di operare in modo AUTOMATICO o MANUALE - Possibilità di calibrare a valori desiderati di temperatura e umidità - Selezione del tempo di ritardo fino a 999minuti - Possibilità di effettuare la diagnostica 10

11 Sensore carrabile SC-1 Caratteristiche tecniche Funzione Dimensioni Grado di protezione Rilevamento umidità e temperatura al suolo H 32mm Diametro 60mm IP68 Temperatura ambiente C Cavo di collegamento Massima distanza sensore/centralina 6 X 1,5mmq di lunghezza 10mt 150mt Codice di ordinazione 08/20100 Centralina CR-1 Caratteristiche tecniche Tensione d alimentazione 230Va.c. +/-10% - 50/60Hz Uscita N. 01 relè libero da tensione di portata 16A - 230Va.c. Grado di protezione IP20 Dimensioni 71x91x62mm Differenziale ON/OFF 0,4 C Range di regolazione della temperatura C Temperatura di intervento consigliata 4 C Consumo 3VA Temperatura ambiente C Codice di ordinazione 08/60100 Centralina SDD-1 Caratteristiche tecniche Tensione d alimentazione 230Va.c. +/-10% - 50/60Hz Trasformatore incorporato Uscita Grado di protezione Dimensioni 24Vc.c. 6VA N. 03 relè liberi da tensione di portata 16A - 230Va.c. IP20 Differenziale ON/OFF 0,4 C Range di regolazione della temperatura Temperatura di intervento consigliata 4 C Consumo Temperatura ambiente Contatto di abilitazione Transistor per comando SCR Fusibile di protezione centralina 90x157x91mm 0 +5 C 3VA C 1 NA 2 x 24Vc.c. 1x100mA Codice di ordinazione 08/

EDILIZIA RISCALDAMENTO PER ESTERNI

EDILIZIA RISCALDAMENTO PER ESTERNI RISCALDAMENTO RADIANTE ELETTRICO IN FIBRA DI CARBONIO EDILIZIA RISCALDAMENTO PER ESTERNI Thermoeasy srl via Bonsignora 4-21052 Busto Arsizio (VA) T_0331 632354 info@thermoeasy.it www.thermoeasy.it TIPOLOGIE:

Dettagli

cavi scaldanti Come funziona il cavo scaldante autoregolante? Vantaggi della tecnologia autoregolante e del circuito parallelo

cavi scaldanti Come funziona il cavo scaldante autoregolante? Vantaggi della tecnologia autoregolante e del circuito parallelo 1 Sfruttando un particolare principio fisico, i cavi scaldanti autoregolanti consentono di mantenere sgelati o in temperatura tubazioni, sili e serbatoi, impianti antincendio, gradinate, rampe, marciapiedi

Dettagli

TecnoLario Service S.r.l.

TecnoLario Service S.r.l. TecnoLario Service S.r.l. Ice Stop MANUALE DI INSTALLAZIONE PER CAVI SCALDANTI AUTOREGOLANTI Data di emissione: 27.05.2010 - Rev.1 1 IMBALLO E TRASPORTO Cavi scaldanti I cavi scaldanti sono normalmente

Dettagli

Principio di funzionamento dei cavi scaldanti autoregolanti

Principio di funzionamento dei cavi scaldanti autoregolanti 1 Principio di funzionamento dei cavi scaldanti autoregolanti Sfruttando un particolare principio fisico, i cavi scaldanti autoregolanti consentono di mantenere sgelati o in temperatura tubazioni, sili

Dettagli

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non 2 Soluzioni Antigelo Ensto, niente ghiaccio anche in caso di temperature molto basse. I sistemi elettrici Ensto per la protezione dal

Dettagli

KIT di TERMINAZIONE STANDARD con componenti in gomma al silicone

KIT di TERMINAZIONE STANDARD con componenti in gomma al silicone ISTRUZIONI I I PER LE TERMINAZIONI I N I DEI CAVI SCALDANTI AUTOREGOLANTI I cavi scaldanti autoregolanti, a matrice semiconduttiva, possono essere tagliati a misura, giuntati e terminati direttamente in

Dettagli

Heating Cables For Your Security

Heating Cables For Your Security Heating Cables For Your Security Cavi Scaldanti serie FGG EVITATE SPIACEVOLI SITUAZIONI PREVENGONO LA FORMAZIONE DI GHIACCIO E NEVE... Principali applicazioni: Rampe Scale e accessi pedonali Zone scarico

Dettagli

Temperatura di mantenimento. Temperatura ambiente minima. Potenza. Modello cavo

Temperatura di mantenimento. Temperatura ambiente minima. Potenza. Modello cavo Sistema scaldante autoregolante per acqua calda sanitaria Gli impianti tradizionali di acqua calda centralizzata sono costituiti da una tubazione di mandata, una di ritorno (ricircolo) e un gruppo pompa

Dettagli

S s i tem a sca c lda nte e re r s e is i tiv i o v o per e r il i l ri r s i ca c ld l amen e to o a pa p vi v m e to o

S s i tem a sca c lda nte e re r s e is i tiv i o v o per e r il i l ri r s i ca c ld l amen e to o a pa p vi v m e to o Sistema scaldante resistivo per il riscaldamento a pavimento di ambienti interni Gli impianti di riscaldamento di tipo elettrico resistivo consistono in circuiti da stendere su rete elettrosaldata oppure

Dettagli

ESEMPI DI APPLICAZIONI

ESEMPI DI APPLICAZIONI RISCALDAMENTO IN FIBRA DI CARBONIO ESEMPI DI APPLICAZIONI MATERASSINO SOTTO IL MASSETTO E PAVIMENTO L installazione sotto il massetto, grazie all inerzia termica dello stesso, consente di mantenere la

Dettagli

Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane

Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane Il Sistema Evolution Modì è la nuova soluzione per la realizzazione di vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane,

Dettagli

Carbon heating Technologies PRODUCTS DATA SHEETS

Carbon heating Technologies PRODUCTS DATA SHEETS Carbon heating Technologies PRODUCTS DATA SHEETS TERMOCOPERTE pag. 04 Termocoperta per cisternette...pag. 04 Termocoperta per bidoni e fusti... pag. 05 Termocoperta gas... pag. 06 Termocoperte speciali...

Dettagli

mflor e il riscaldamento a pavimento

mflor e il riscaldamento a pavimento mflor e il riscaldamento a pavimento Gli impianti di riscaldamento a pavimento stanno acquistando sempre più popolarità, poiché oltre ad elevati livelli di comfort offrono numerosi altri vantaggi. Questo

Dettagli

SUPPORTO IN FASE DI PREVENTIVI DIMENSIONAMENTO SUPPORTO IN FASE DI INSTALLAZIONE (VISITA IN CANTIERE) STOCK DI MAGAZZINO VELOCITA DI CONSEGNA

SUPPORTO IN FASE DI PREVENTIVI DIMENSIONAMENTO SUPPORTO IN FASE DI INSTALLAZIONE (VISITA IN CANTIERE) STOCK DI MAGAZZINO VELOCITA DI CONSEGNA I S E R V I Z I SUPPORTO IN FASE DI PREVENTIVI DIMENSIONAMENTO SUPPORTO IN FASE DI INSTALLAZIONE (VISITA IN CANTIERE) STOCK DI MAGAZZINO VELOCITA DI CONSEGNA ASSISTENZA POST VENDITA 1 MAT SYSTEM Elimina

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

SISTEMI DI RISCALDAMENTO/ RAFFRESCAMENTO RADIANTE. Garanzia di comfort e risparmio per i vostri clienti. Fino al 20 %

SISTEMI DI RISCALDAMENTO/ RAFFRESCAMENTO RADIANTE. Garanzia di comfort e risparmio per i vostri clienti. Fino al 20 % SISTEMI DI RISCALDAMENTO/ RAFFRESCAMENTO RADIANTE Garanzia di comfort e risparmio per i vostri clienti Fino al 20 % di risparmio sui costi di riscaldamento COMFORT, RISPARMIO E BENESSERE I motivi per scegliere

Dettagli

DISSUASORE DI SICUREZZA FAAC J355 HA M30- P1 DESCRIZIONE DI CAPITOLATO

DISSUASORE DI SICUREZZA FAAC J355 HA M30- P1 DESCRIZIONE DI CAPITOLATO DISSUASORE DI SICUREZZA FAAC J355 HA M30- P1 DESCRIZIONE DI CAPITOLATO Dissuasore di sicurezza retraibile automatico (Hydraulic Automatic) M30 (prima K4) per utilizzo intensivo, certificato e testato secondo

Dettagli

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv 1 L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv La Norma CEI EN 50107 ( entrata in vigore nel settembre del 1999 e classificata come 34-86) fornisce i criteri

Dettagli

Riscaldatori a cartuccia

Riscaldatori a cartuccia Riscaldatori a cartuccia Cartuccia Pg01 di 14 2011-01 E.M.P. Srl - Italy - www.emp.it Riscaldatori a cartuccia HD Alta densità di potenza Descrizione La tecnologia costruttiva dei riscaldatori a cartuccia

Dettagli

Locali contenenti riscaldatori per saune Norme di installazione

Locali contenenti riscaldatori per saune Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti e indiretti Interruzione automatica dell alimentazione mediante interruttore differenziale con I dn non superiore a 30 ma. Norma CEI 64-8 sezione 703 - Art. 703.412.5

Dettagli

SL 27-IM Sensore di livello piezoresistivo INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE

SL 27-IM Sensore di livello piezoresistivo INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE SL 27-IM Sensore di livello piezoresistivo INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE DESCRIZIONE... 3 Generalità... 3 Principio di misura... 3 Tipologia del sensore... 3 INSTALLAZIONE... 4 Aerazione... 4 Montaggio

Dettagli

protezione antighiaccio di tubi e valvole soluzioni individuali cavi riscaldanti a resistenza costante cavi riscaldanti autoregolanti termostati

protezione antighiaccio di tubi e valvole soluzioni individuali cavi riscaldanti a resistenza costante cavi riscaldanti autoregolanti termostati protezione antighiaccio di tubi e valvole cavi riscaldanti a resistenza costante soluzioni individuali cavi riscaldanti autoregolanti termostati Il sistema di riscaldamento protegge tubi, valvole, attuatori

Dettagli

Riscaldamento elettrico in Fibra di Carbonio

Riscaldamento elettrico in Fibra di Carbonio Riscaldamento elettrico in Fibra di Carbonio Riscalda la casa Risparmia energia Migliora la vita Il riscaldamento elettrico in Fibra di Carbonio Economico - Evoluto - Ecologico Thermal Technology dal 2001

Dettagli

RISCALDAMENTO ELETTRICO A PAVIMENTO

RISCALDAMENTO ELETTRICO A PAVIMENTO a secco a umido RISCALDAMENTO ELETTRICO A PAVIMENTO TENERE CLASSIC Serpentine riscaldanti per pavimenti a umido a umido TENERE CLASSIC è un cavo riscaldante posto già a serpentina su un tappetino di rete

Dettagli

!! Linee!guida!per!la!realizzazione!di!impianti!geotermici!

!! Linee!guida!per!la!realizzazione!di!impianti!geotermici! Lineeguidaperlarealizzazionediimpiantigeotermici Durante la perforazione dovrà essere evitata qualsiasi conseguenza negativa per il suolo e sottosuolo. Dovranno essere implementate misure di sicurezza

Dettagli

CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE

CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE 1. GENERALITÀ...2 1.1. Messa a livello...2 1.2. Sollecitazioni...2 1.3. Saldature elettriche...2 1.4. Fulmini...2 1.5. Influenze meccaniche esterne...3 2.

Dettagli

Accessori funzionali Linea Ventilazione

Accessori funzionali Linea Ventilazione Accessori funzionali Linea Ventilazione FATTORI CARATTERISTICI Per una corretta progettazione ed esecuzione copertura occorre controllare i seguenti fattori: - la tipologia e la sovrapposizione degli elementi

Dettagli

DS1108i INSTALLAZIONE ISTRUZIONI

DS1108i INSTALLAZIONE ISTRUZIONI DS1108i IT INSTALLAZIONE ISTRUZIONI DS303E-ITA INSTALLAZIONE EN 2 Specifiche DS1108i Alimentazione del rilevatore: Uscita di allarme: Uscita di tamper: Range di temperatura per Funzionamento: da 9 a 15

Dettagli

Sun&Glass. trasparenze che scaldano M.P.M M.P.M. R a d i at o r i i n v e t r o a d i n e r z i a

Sun&Glass. trasparenze che scaldano M.P.M M.P.M. R a d i at o r i i n v e t r o a d i n e r z i a R a d i a t o r i i n v e t r o a d i n e r z i a R a d i at o r i i n v e t r o a d i n e r z i a è una linea di pannelli radianti in vetro prodotti dalla MPM trasparenze che scaldano M.P.M Via Rivarolo

Dettagli

SPACE NUOVI SISTEMI RADIANTI. space

SPACE NUOVI SISTEMI RADIANTI. space SPACE NUOVI SISTEMI RADIANTI space SPACE Il sistema di riscaldamento radiante a pavimento LOEX SPACE, è studiato e progettato appositamente per l ottenimento del massimo comfort in stabilimenti produttivi,

Dettagli

Valutazione energetica dei fabbricati

Valutazione energetica dei fabbricati Valutazione energetica dei fabbricati Calcolo della trasmittanza U Quanti sono i consumi energetici L innalzamento degli standard abitativi richiesti ha per conseguenza l aumento della richiesta energetica

Dettagli

di superficii all aperto carrabili e pedonali

di superficii all aperto carrabili e pedonali Protezionee antigelo di superficii all aperto carrabili e pedonali 12 Sistema scaldante autorego olante per superfici esterne Il sistema scaldante autoregolante ha lo scopo di evitare la formazione di

Dettagli

Porto turistico (Darsena) (Norme di Installazione)

Porto turistico (Darsena) (Norme di Installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori a portata

Dettagli

Sistemi di Protezione e Coordinamento. Impianti Elettrici in BT. Qualunque linea elettrica è caratterizzata da tre caratteristiche principali:

Sistemi di Protezione e Coordinamento. Impianti Elettrici in BT. Qualunque linea elettrica è caratterizzata da tre caratteristiche principali: Sistemi di Protezione e Coordinamento Impianti Elettrici in BT Qualunque linea elettrica è caratterizzata da tre caratteristiche principali: 1. carico elettrico da alimentare; 2. protezione (interruttore

Dettagli

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista In genere si ricorre a forniture monofase nei cantieri di limitata potenza e gli scaglioni sono 1,5; 3; 4,5; 6 KW, mentre per cantieri più grandi si usano delle forniture trifase con potenze pari a 6;

Dettagli

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio ATOMO 1 I PONTI TERMICI Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni dell edificio elementi opachi elementi vetrati PONTI TERMICI I ponti termici

Dettagli

eurothex ThermoPlus HI-performance Sistema Sistema ad alta efficienza energetica

eurothex ThermoPlus HI-performance Sistema Sistema ad alta efficienza energetica eurothex HI-performance ad alta efficienza energetica Un sistema di riscaldamento e raffrescamento ad alta efficenza energetica Thermoplus è un sistema di riscaldamento e raffrescamento a pavimento ad

Dettagli

ANALISI TERMOGRAFICHE. in ambito +elettrico +edile + idraulico + riscaldamento

ANALISI TERMOGRAFICHE. in ambito +elettrico +edile + idraulico + riscaldamento + riscaldamento ANALISI ++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++ TERMOGRAFICHE Sono lieto di presentarvi i miei servizi di supporto tecnologico indispensabile per la manutenzione utilizzando un metodo

Dettagli

Uno stimolo al lavoro

Uno stimolo al lavoro Un investimento edilizio si basa principalmente su considerazioni di ordine economico, tra cui i costi d esercizio e di manutenzione delle varie infrastrutture. Vanno considerati senz altro i consumi energetici,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REALIZZAZZIONE DEL PALO E DELLE FONDAMENTA

ISTRUZIONI PER LA REALIZZAZZIONE DEL PALO E DELLE FONDAMENTA ISTRUZIONI PER LA REALIZZAZZIONE DEL PALO E DELLE FONDAMENTA La lunghezza standard per il palo della turbina da 3kw per installazione a terra varia da un minimo di 2mt ad un massimo di 6mt; per installazione

Dettagli

CHRYSO Flexò la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico

CHRYSO Flexò la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico CHRYSO Flexò: la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico IL SISTEMA, COPERTO DA BREVETTO INTERNAZIONALE, PER OTTIMIZZARE LA PRESTAZIONE TERMICA

Dettagli

Sistemi di distribuzione a MT e BT

Sistemi di distribuzione a MT e BT Sistemi di distribuzione a MT e BT La posizione ottima in cui porre la cabina di trasformazione coincide con il baricentro elettrico, che il punto in cui si pu supporre concentrata la potenza assorbita

Dettagli

I cappotti ad elevato spessore: la corretta posa in opera. CONVEGNO AIPE - MADE 2011 6 Ottobre 2011

I cappotti ad elevato spessore: la corretta posa in opera. CONVEGNO AIPE - MADE 2011 6 Ottobre 2011 I cappotti ad elevato spessore: la corretta posa in opera. CONVEGNO AIPE - MADE 2011 6 Ottobre 2011 Che cosa vuol dire IPERISOLAMENTO DISPERSIONI TERMICHE DELL INVOLUCRO minime unbeheizt unbeheizt WSVO

Dettagli

Air Conditioning Division

Air Conditioning Division Air Conditioning Division ARGOMENTI TRATTATI PAG Caratteristiche salienti 2 Tipologia unità interne collegabili 3 Caratteristiche tecniche 4 Tavole di configurazione 5 Fattori di correzione (capacità)

Dettagli

PARTE TERZA INSTALLAZIONE

PARTE TERZA INSTALLAZIONE PARTE TERZA INSTALLAZIONE 57 58 Lo scopo della presente sezione è di fornire una guida generale all installazione dei cavi elettrici energia ad isolamento minerale; i sistemi d installazione, i materiali

Dettagli

HENCO SOFFITTO RAPID-ALU

HENCO SOFFITTO RAPID-ALU HENCO SOFFITTO RAPID-ALU PSH-RAC Descrizione: Il sistema di riscaldamento e raffrescamento a parete o a soffitto RAPID-ALU è costituito da un pannello in cartongesso, avente spessore 15 mm, il pannello

Dettagli

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende:

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: - tre piani fuori terra con una scala interna; - tre appartamenti per piano aventi rispettivamente una superficie di circa 50 m 2, 100

Dettagli

PAVIMENTO SOPRAELEVATO RADIANTE. Tech

PAVIMENTO SOPRAELEVATO RADIANTE. Tech PAVIMENTO SOPRAELEVATO RADIANTE Tech I sistemi radianti a secco non necessitano di massetto cementizio per la distribuzione del calore. Sono leggeri, veloci da posare, immediatamente calpestabili e hanno

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO VANTAGGI Gli impianti di riscaldamento a pannelli radianti sono caratterizzati da un particolare meccanismo di scambio termico, l irraggiamento,

Dettagli

Materassino e rete per interni modulare e su misura

Materassino e rete per interni modulare e su misura Materassino e rete per interni modulare e su misura Materassino - PVMI Il riscaldamento elettrico a pavimento in Fibra di Carbonio è un sistema brevettato, dallo spessore di soli mm che può essere prodotto

Dettagli

92 94 96 98 99 100 101 Componenti ed accessori per sistemi. 102 Collettori premontati - senza cassetta per impianti di riscaldamento

92 94 96 98 99 100 101 Componenti ed accessori per sistemi. 102 Collettori premontati - senza cassetta per impianti di riscaldamento Sistemi di posa - comfort e risparmio energetico Sistemi di posa - Sistema Easy Sistemi di posa - Sistema Easy Tech ribassato Easy 50 - Pannello isolante Easy Tech 50R - Pannello isolante ribassato Tubo

Dettagli

La Piattaforma con piano traslabile

La Piattaforma con piano traslabile Superare con eleganza pochi gradini senza creare ingombro sulla scala dopo l uso. Massima sicurezza e minimo impatto. La Piattaforma con piano traslabile L utile a scomparsa Sistema semplice e sicuro per

Dettagli

EDILIZIA RISCALDAMENTO A SOFFITTO E PARETE

EDILIZIA RISCALDAMENTO A SOFFITTO E PARETE RISCALDAMENTO RADIANTE ELETTRICO IN FIBRA DI CARBONIO EDILIZIA RISCALDAMENTO A SOFFITTO E PARETE LASTRE IN FIBROGESSO PANNELLO SOTTOCARTONGESSO RETE SOTTOINTONACO Thermoeasy srl via Bonsignora 4-21052

Dettagli

Aria condizionata. Condizionatori 84 91. www.dometic.it www.waeco.it 82 83

Aria condizionata. Condizionatori 84 91. www.dometic.it www.waeco.it 82 83 Aria condizionata 84 91 www.dometic.it www.waeco.it 82 8 Informazioni sul prodotto per retrofit Pagine 86 91 È tutto incluso nel kit: MCS 5 e MCS 15 sono condizionatori autonomi, con i componenti A/C montati

Dettagli

well-built for better living gruppo attiva MANUALE DI POSA LITHOTHERM ITALIANO

well-built for better living gruppo attiva MANUALE DI POSA LITHOTHERM ITALIANO well-built for better living gruppo attiva MANUALE DI POSA LITHOTHERM ITALIANO DI COSA SI TRATTA LITHOTHERM è un sistema radiante a pavimento a bassa temperatura con un breve tempo di reazione: questo

Dettagli

condizioni per la posa su massetto riscaldante

condizioni per la posa su massetto riscaldante condizioni per la posa su massetto riscaldante Parchettificio Toscano s.r.l. - 56024 Corazzano - S. Miniato (PI) Italia - Tel. (0039) 0571 46.29.26 Fax (0039) 0571 46.29.39 info@parchettificiotoscano.it

Dettagli

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili Gli impianti elettrici nei cantieri edili Agli impianti elettrici nei cantieri si applicano la Sezione 704 della norma CEI 64-8 (VI Ediz.) (cantieri di costruzione e di demolizione) e la guida CEI 64-17

Dettagli

Il nuovo orizzonte del legno ISTRUZIONI DI POSA REV. 1_10-15 RIVESTIMENTO SCALE CON SISTEMA NOVOWOOD

Il nuovo orizzonte del legno ISTRUZIONI DI POSA REV. 1_10-15 RIVESTIMENTO SCALE CON SISTEMA NOVOWOOD Il nuovo orizzonte del legno ISTRUZIONI DI POSA REV. 1_10-15 RIVESTIMENTO SCALE CON SISTEMA NOVOWOOD ELENCO DEI MATERIALI DA IMPIEGARE Doghe alveolari 145x22x2200mm cod. 145H22 Disponibili nei colori Wood,

Dettagli

DISSUASORE FAAC J200 F DESCRIZIONE DI CAPITOLATO

DISSUASORE FAAC J200 F DESCRIZIONE DI CAPITOLATO DISSUASORE FAAC J200 F DESCRIZIONE DI CAPITOLATO Dissuasore di traffico Fisso (Fixed) J200. APPLICAZIONI: Delimitazioni permanenti di aree pedonali, parcheggi riservati, parcheggi per uffici, aree residenziali,

Dettagli

PRODOTTI CHIMICI E SILICONI STORM

PRODOTTI CHIMICI E SILICONI STORM 25 PRODOTTI CHIMICI E SILICONI STORM 47 48 25 PRODOTTI CHIMICI E SILICONI PRODOTTI CHIMICI E SILICONI 25 SALE IN PASTIGLIE STORM PER ADDOLCITORI ST4280 sale in pastiglie sacco da kg 25 kg 25 prezzo al

Dettagli

Descrizione del funzionamento

Descrizione del funzionamento Descrizione del funzionamento Laddomat 21 ha la funzione di......all accensione, fare raggiungere velocemente alla caldaia una temperatura di funzionamento elevata....durante il riempimento, preriscaldare

Dettagli

MATERASSINO E RETE PER INTERNI: MODULARE E SU MISURA

MATERASSINO E RETE PER INTERNI: MODULARE E SU MISURA MATERASSINO E RETE PER INTERNI: MODULARE E SU MISURA Sistema di riscaldamento elettrico brevettato, dallo spessore di soli 4 mm che può essere prodotto su misura (sia per potenza che per forma geometrica

Dettagli

Istruzioni per la posa di mflorcontact

Istruzioni per la posa di mflorcontact Istruzioni per la posa di mflorcontact Ispezione e pre-trattamento del sottofondo Verifiche Il sottofondo deve essere mantenuto asciutto, in piano e pulito, come stabilito dalla norma DIN 18365. Deve essere

Dettagli

AVVOLGICAVO serie 1700

AVVOLGICAVO serie 1700 AVVOLGICAVO serie 1700 Costruiti in conformità alle Norme EN 61242 EN 60335-1 110 Prodotti conformi ai requisiti delle Direttive 2006/95/CE 2006/42/CE 2002/95/CE Legge 626: OK! INFORMAZIONI GENERALI SUGLI

Dettagli

IMPIEGO FUNZIONAMENTO

IMPIEGO FUNZIONAMENTO FANTINI COSMI S.p.A. Via dell Osio, 6 20090 Caleppio di Settala, Milano - ITALY Tel. +39 02 956821 Fax +39 02 95307006 info@fantinicosmi.it SUPPORTO TECNICO Tel. +39 02 95682225 supportotecnico@fantinicosmi.it

Dettagli

Impianti Elettrici. di Balsamo Salvatore & C. SAS ANALISI TERMOGRAFICHE

Impianti Elettrici. di Balsamo Salvatore & C. SAS ANALISI TERMOGRAFICHE + ANALISI TERMOGRAFICHE Impianti elettrici La nostra società è Lieta di presentare i nostri servizi di supporto tecnologico indispensabile per la manutenzione utilizzando un metodo sicuro ed efficace basato

Dettagli

Manuale d Uso e Manutenzione Scala Telescopica 4+4 COD. ABUNIALURED

Manuale d Uso e Manutenzione Scala Telescopica 4+4 COD. ABUNIALURED Manuale d Uso e Manutenzione Scala Telescopica 4+4 COD. ABUNIALURED O ABUNIALURED TELESCOPICA 4+4 CONFORME A: D.LGS. 81/08 ART. 113 EDIZIONE SETTEMBRE 2014 R1 1 MANUALE D USO E MANUTENZIONE Il presente

Dettagli

faac city Dissuasori mobili per il controllo accessi veicolari ed il traffico urbano

faac city Dissuasori mobili per il controllo accessi veicolari ed il traffico urbano faac city Dissuasori mobili per il controllo accessi veicolari ed il traffico urbano faac city soluzioni mobili per il controllo accessi ED il traffico urbano. FAAC City è un cilindro metallico, ad altissima

Dettagli

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 INDICE pag. 1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 2.1 PREMESSA... 2 2.2 CABINA MT/BT... 2 2.3 IMPIANTO DI TERRA... 3 2.4 QUADRI ELETTRICI... 3 2.5 DISTRIBUZIONE ELETTRICA... 5 2.6 APPARECCHI DI

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi.

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. Negli ultimi anni, il concetto di risparmio energetico sta diventando di fondamentale

Dettagli

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

5.1 Terminazioni per Media Tensione

5.1 Terminazioni per Media Tensione 5 In questo capitolo sono rappresentate le Soluzioni 3M per la Terminazione dei cavi di Media Tensione fino a 52 kv. La tecnologia impiegata per queste applicazioni è di tipo Autorestringente con isolatori

Dettagli

La società si riserva il diritto di modificare le caratteristiche tecniche dei prodotti senza preavviso.

La società si riserva il diritto di modificare le caratteristiche tecniche dei prodotti senza preavviso. 1 PUNTO unita' di calore decentralizzata Il Punto è un recuperatore di calore che consente di realizzare la Ventilazione Meccanica Controllata ad alta prestazione senza la necessita' di realizzare un impianto

Dettagli

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica (Seconda parte) Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Concluso l esame a vista, secondo quanto

Dettagli

Switch Sensor da incasso con tecnologia PIR

Switch Sensor da incasso con tecnologia PIR Switch Sensor da incasso con tecnologia PIR BMSA101 Descrizione Dispositivo di controllo e comando dotato di differenti sensori che grazie alla combinazione dei quali è in grado di gestire l illuminazione

Dettagli

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Se progettate di rinnovare o costruire un nuovo bagno, una cucina o un

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA Città di Spinea CASA DELL ACQUA Predisposizione area impianti Progetto preliminare Elaborato UNICO Spinea, 11.10.2013 Piazza del Municipio 1 30038 Spinea (VE) Tel.

Dettagli

VIII. CELLE FRIGORIFERE - Protezione del sottosuolo dal gelo

VIII. CELLE FRIGORIFERE - Protezione del sottosuolo dal gelo VIII. CELLE FRIGORIFERE - Protezione del sottosuolo dal gelo All interno delle celle frigorifere devono essere mantenute temperature notevolmente inferiori a 0 C; pertanto si verificano delle perdite di

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI a cura di Marialuisa Diodato SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

Hybrid Technology by Solar Ter. Eccellenza nei sistemi tecnologici per l edilizia

Hybrid Technology by Solar Ter. Eccellenza nei sistemi tecnologici per l edilizia Hybrid Technology by Solar Ter Eccellenza nei sistemi tecnologici per l edilizia 1 Edilizia «4» passaggi per la nuova costruzione o ristrutturazione Isolamento: primo importante intervento per ridurre

Dettagli

Climatizzatori. Dati Tecnici. Applicazione monosplit EEDIT11-100 RXS-J

Climatizzatori. Dati Tecnici. Applicazione monosplit EEDIT11-100 RXS-J Climatizzatori Dati Tecnici Applicazione monosplit EEDIT11-100 RXS-J Climatizzatori Dati Tecnici Applicazione monosplit EEDIT11-100 RXS-J INDICE RXS-J 1 Caratteristiche......................................................

Dettagli

Pacchetto Termodinamica

Pacchetto Termodinamica La Scienza del millennio Il kit è realizzato in modo tale da permettere agli insegnanti di poter eseguire una serie di semplici ma efficaci esperienze atte ad introdurre vari argomenti di Termodinamica.

Dettagli

Parapetti. come protezione di accessi fissi ad impianti e macchinari

Parapetti. come protezione di accessi fissi ad impianti e macchinari Parapetti come protezione di accessi fissi ad impianti e macchinari Questo opuscolo descrive le regole tecniche da osservare nella costruzione di parapetti posti a protezione di macchinari e impianti.

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali 28111.03 www.caleffi.com Regolatore digitale SOLCAL 1 Copyright 2012 Caleffi Serie 257 MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE Funzione 1 Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici 3 Caratteristiche

Dettagli

Manuale di posa e installazione 24807470/12-11-2014

Manuale di posa e installazione 24807470/12-11-2014 24807470/12-11-2014 Manuale di posa e installazione 1. CARATTERISTICHE Ogni singolo fascio è formato da due raggi paralleli distanti 4 cm, questo sistema consente di eliminare tutti i falsi allarmi dovuti

Dettagli

Sonde antigelo Da utilizzare sul lato aria

Sonde antigelo Da utilizzare sul lato aria 1 821 1821P01 Sonde antigelo Da utilizzare sul lato aria Sonda attiva con capillare per la misura della temperatura minima nel campo d impiego 0 15 C Alimentazione 24 V AC Segnale d uscita 0...10 V DC

Dettagli

Sistema di riscaldamento brevettato e realizzato con un polimero autoregolante che si riscalda al passaggio della corrente elettrica.

Sistema di riscaldamento brevettato e realizzato con un polimero autoregolante che si riscalda al passaggio della corrente elettrica. Sistema di riscaldamento brevettato e realizzato con un polimero autoregolante che si riscalda al passaggio della corrente elettrica. Può essere applicato: sottopavimento, sotto intonaco a parete e a soffitto.

Dettagli

Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic

Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic Pag. 1 di 6 Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic CEE 0426 DIRETTICTIVA 93/42 DISPOSITIVI MEDICI Pag. 2 di 6 INDICE Numero Titolo Pagina 1 Avvertenze 3 2 Introduzione 3 2.1 Riferimenti Normativi 3

Dettagli

Guida all uso e all istallazione

Guida all uso e all istallazione Made in Italy Solar Control SC100/3 Il Termostato SC100/3 è una apparecchiatura elettronica nata dall esperienza pluriennale della BOLDRIN S.r.l. nel settore del controllo termico. Questa apparecchiatura

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Fondaline. per una efficace protezione delle opere sottoterra

Fondaline. per una efficace protezione delle opere sottoterra Fondaline per una efficace protezione delle opere sottoterra FONDALINE è una membrana bugnata in Polietilene ad Alta Densità (HDPE) resistente agli urti, che permette di proteggere facilmente le strutture

Dettagli

STILIS. armatura stradale a LED

STILIS. armatura stradale a LED armatura stradale a LED Informazioni Generali Lo STILIS è un apparecchio brevettato innovativo e d eccezionale potenza caratterizzato da un fascio luminoso generato da led sapientemente orientati (sistema

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE OGGETTO Variante al piano attuativo di iniziativa privata ai sensi della L.R. 11/2005 autorizzato con delibera del C.C. n. 125 del 21/12/2005 S. Angelo di Celle - Deruta (Perugia) COMMITTENTE Novatecno

Dettagli

L LSS-1, trasduttore StructureScan e la sua staffa di montaggio

L LSS-1, trasduttore StructureScan e la sua staffa di montaggio DRAFT III Installazione dello StructureScan Hardware La vostra scatola StructureScan viene fornita con un Cavo di alimentazione, il trasduttore StructureScan ed una staffa di montaggio. Al trasduttore

Dettagli

2. TIPOLOGIA DI ALLACCIO DELL IMPIANTO FV ALLA UTENZA

2. TIPOLOGIA DI ALLACCIO DELL IMPIANTO FV ALLA UTENZA 1. OGGETTO La presente relazione tecnica ha per oggetto il progetto relativo alla realizzazione di un impianto fotovoltaico. Tale impianto ha lo scopo di generare energia elettrica mediante la conversione

Dettagli

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Impianto fotovoltaico L impianto fotovoltaico, posto sulla copertura dell edificio, permette di trasformare l energia solare in energia

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE. Dimensioni della custodia 108x70x72mm. Grado di protezione IP65

CARATTERISTICHE TECNICHE. Dimensioni della custodia 108x70x72mm. Grado di protezione IP65 DBET 23 / AT-A TERMOSTATO AMBIENTE CH6201 DBET 23 DBET 23 è un termostato ambiente a capillare idoneo per installazione in aree sicure e per il comando di inserimento e disinserimento dei circuiti scaldanti.

Dettagli

Buono Microclima confortevole

Buono Microclima confortevole Temperatura superficiale della parete radiante 45 40 35 30 25 Comfort termico mediante convezione e irradiazione (secondo Dr. Ledwina). Tratto dal materiale didattico del Corso di Architettura Bioecologica

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio Istruzioni di montaggio I Gli elementi riscaldanti piatti sono certificati VDE secondo norme DIN EN60335-1 e DIN EN60335-2-96. Leggere attentamente le presenti istruzioni prima di intraprendere il montaggio.

Dettagli