didattici laboratori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "didattici laboratori"

Transcript

1 laboratori didattici

2

3 INDICE Premessa... 1 Note tecniche importanti... 2 LABORATORI SULL'ACQUA Acqua...scioglie, acqua...impasta... 4 Acqua, un bene prezioso... 5 Acqua in gioco... 6 Acqua e vita... 7 Sperimentando l'acqua, un giorno da scienziati... 8 Acqua del rubinetto o acque minerali?... 9 Acqua, risorsa illimitata o bene da tutelare? Il decalogo per il risparmio idrico Rifugiati ambientali Acqua come diritto LABORATORI SULL'ALIMENTAZIONE Io, il cibo e il territorio stagioni, 1000 frutti Merenda o merendina??? Scelgo ciò che non (ci) inquina Dall'orto al mondo equo e solidale Un'avventura equosolidale In una tazza di buona cioccolata LABORATORI SULL'ENERGIA Entriamo nel mondo delle energie rinnovabili L'energia coi materiali poveri LABORATORI SULLA MOBILITÀ SOSTENIBILE Ciclo e riciclo LABORATORI SUI RIFIUTI Musica coi materiali poveri In viaggio con i rifiuti ovvero "Il pianeta immondizia" Dove lo metto Materiali poveri Riutilizzo imballaggi Compost Arcimboldi Carta riciclata Un sacco di Pensa differenziato Quando i rifiuti diventano arte LABORATORI SULLA SOSTENIBILITÀ Ecofficina d'arte Sostenibilandia Il ciclo di vita dei prodotti Scheda di adesione... 41

4

5 PREMESSA Informambiente propone ogni anno alle scuole di Padova un'ampia gamma di progetti didattici inerenti l'educazione ambientale. Le tematiche affrontate sono molteplici: acqua, aria, rifiuti, energia. L'obiettivo è quello di rendere consapevoli gli allievi delle complesse relazioni che legano l'uomo e la natura, al fine di provocare delle modificazioni profonde nei loro comportamenti. I progetti didattici vengono messi a punto con gli insegnanti, tenendo conto delle particolari situazioni di ogni singola classe/scuola. Ad integrazione dei percorsi proposti, Informambiente offre laboratori, lezioni frontali, spettacoli ed esperienze. In particolare gli approfondimenti intendono: affrontare la tematica dell'acqua come bene comune dell'umanità e come diritto con l'analisi dei conflitti esistenti nel mondo per l'acqua. sviluppare una capacità critica di approccio ai consumi alimentari; sensibilizzare all'uso critico delle risorse naturali non rinnovabili e alla crisi ambientale; avvicinare i partecipanti alla natura ed aumentare il rispetto dell'ambiente in modo da promuovere comportamenti responsabili e sostenibili; i n t r o d u z i o n e I laboratori sono gratuiti. Il costo del trasporto per le eventuali visite è a carico della scuola. Gli insegnanti possono richiedere i laboratori anche senza aver aderito ai progetti didattici; occorre però tenere presente che l'offerta formativa risulta più completa se i laboratori sono intesi come completamento di un percorso più ampio, e che pertanto verrà data precedenza alle classi aderenti ai progetti di Informambiente. I laboratori sono garantiti fino ad esaurimento dei fondi disponibili. Le attività didattiche riguardanti la gestione dei rifiuti urbani, a nostro avviso uno dei temi più complessi e importanti dell'educazione ambientale, sono proposte in collaborazione con l'ente Bacino Padova Due. 1

6 Note tecniche importanti Ogni insegnante può effettuare per le proprie classi al massimo una scelta tra le proposte qui presentate. La priorità verrà data alle classi che partecipano ai progetti didattici di Informambiente; successivamente le richieste verranno soddisfatte in ordine di prenotazione. La prenotazione va fatta esclusivamente utilizzando la scheda allegata, che va restituita in originale o spedita via fax o via mail agli indirizzi in calce. Nella scheda va indicato con chiarezza il nome dell'insegnante referente per ogni classe per cui si richiede un laboratorio. Per un coordinamento efficace, chiediamo ai referenti i recapiti personali, sia telefonici sia di posta elettronica, che verranno trattati a termini di legge, esclusivamente per attività inerenti le attività didattiche. In ogni caso sarà possibile per i docenti richiedere la modifica dei dati o la loro cancellazione dai nostri data base. Si informano gli insegnanti che, allo scopo di monitorare e migliorare costantemente il nostro servizio, verranno distribuiti questionari di valutazione dell'intervento da somministrare ai partecipanti e restituire ad Informambiente. La mancata consegna dei questionari debitamente compilati comporterà l'impossibilità di richiedere laboratori didattici per l'anno scolastico successivo. L'insegnante è, a livello di comunità scolastica, il primo esempio per il bambino e per il ragazzo: la partecipazione attiva del docente avalla e rinforza il messaggio educativo portato dai nostri laboratori mentre, al contrario, la sua assenza durante le attività comunica agli studenti che l'intervento non è importante, rendendolo poco efficace. Si richiede pertanto la costante presenza dei docenti durante le ore dei laboratori, salvo diversi, motivati ed espliciti accordi con gli operatori, per precise finalità educative. Ciò deve avvenire per tutti i docenti coinvolti nell'avvicendarsi delle ore del laboratorio. A tal fine e a discrezione degli educatori, viene richiesto un incontro preliminare di coordinamento tra tutti gli insegnanti le cui ore di lezione saranno interessate dagli interventi. L'ultima formalità riguarda la richiesta agli insegnanti di informare per tempo il personale non docente dell'attività e dell'aula in cui essa si svolgerà, in modo da facilitare l'ingresso e l'accoglienza degli educatori. 2

7 l a b o r a t o r i s u l l 'A C Q U A i p r o g e t t i d i d a t t i c i

8 ACQUA...SCIOGLIE, ACQUA...IMPASTA Questo laboratorio di manualità e animazione è pensato per far accostare anche i bambini più piccoli al delicato tema dell'acqua. Attraverso il personaggio della Nuvola Celestina i bambini vengono accompagnati alla scoperta delle proprietà, degli usi e dell'importanza dell'acqua. Il personaggio fantastico presenterà le magie compiute dalla goccia d'acqua arricchendo la narrazione con l'ausilio di letture animate e eventualmente accompagnate da canzoni. Il progetto si conclude con un laboratorio di manualità o di pittura ripercorrendo le fasi descritte nella storia. Lo sfondo integratore della Nuvola Celestina potrà essere usato per ulteriori proposte operative dedicate all'acqua nel corso dell'anno scolastico. Scuole dell'infanzia. Attività di una mattina, in classe. 4

9 ACQUA, UN BENE PREZIOSO Il laboratorio si propone come un'esperienza destinata ai più piccoli per sensibilizzarli nei confronti dell'acqua, permettendo loro di acquisire maggiore consapevolezza sulla risorsa idrica e su come averne cura. Particolare rilevanza viene attribuita ai fenomeni naturali trattati nell'ottica nuova di regali preziosi da rispettare e non di eventi catastrofici da temere. Attraverso brainstorming, narrazioni, giochi di gruppo, attività di coordinazione motoria, drammatizzazioni, si affronteranno le seguenti tematiche: la risorsa acqua e i suoi diversi utilizzi; l'importanza della risorsa acqua; gli abitanti del mare, l'origine dei fiumi; la pioggia, i semi, le piante; acqua inquinata/acqua pulita. Obiettivi Approfondire la conoscenza della risorsa acqua; scoprire l'importanza della risorsa acqua per la vita sul pianeta; acquisire il concetto di salvaguardia della natura e il concetto di inquinamento; promuovere il protagonismo personale e di gruppo nella salvaguardia dell'ambiente. l a b o r a t o r i s u l l ' a c q u a Scuole dell'infanzia e primarie. Due incontri di due ore, in classe. 5

10 ACQUA IN GIOCO Partendo dalle caratteristiche dell'acqua, il laboratorio intende mettere in risalto l'importanza di tale risorsa naturale di cui tutti abbiamo esperienza diretta, ma che spesso sottovalutiamo e sprechiamo dimenticando la ricchezza di cui è invece portatrice. Con una metodologia di tipo attivo, cooperativo e collaborativo, tramite semplici giochi, gli operatori coinvolgeranno i bambini nella sperimentazione di questo bene comune, importante per la vita dell'uomo e dell'ambiente. Obiettivi Conoscere le caratteristiche dell'acqua; capire l'importanza della risorsa acqua per la vita dell'uomo e dell'ambiente; condurre ad un comportamento più sensibile e attento a questa risorsa primaria. Scuole primarie. Un incontro di due ore, in classe. Note Viene richiesta la disponibilità di materiale base di cartoleria. 6

11 ACQUA E VITA Il laboratorio offre una valida integrazione all'attività di educazione scientifica e ambientale, promuovendo una maggiore conoscenza dell'acqua, fonte di vita e quindi bene comune da preservare, e delle sue relazioni con le forme di vita vegetale e animale. Le tappe del percorso, che affronta il tema delle forme di vita acquatiche (microfite e microinvertebrati) e le loro relazioni ecologiche nei diversi biotopi, sono le seguenti: a) prime istruzioni per l'uso e le applicazioni del microscopio; b) forme di vita acquatica e il loro primo riconoscimento; c) forme di vita e relazioni ecologiche intercorrenti, influenza dell'uomo negli ecosistemi acquatici; d) concetto di ciclo biologico. Viene fornita l'attrezzatura di laboratorio necessaria a condurre l'esperienza proposta: vetreria, materiali di consumo, 13 microscopi e stereoscopi, completi di corredo, videoteca didattica, postazione docente. Quest'ultima si compone di microscopio e stereomicroscopio professionale connessi con videocamera, le cui immagini sono proiettabili su schermo. Il laboratorio verrà allestito da un operatore specializzato purché la scuola disponga di spazi adeguati. l a b o r a t o r i s u l l ' a c q u a Obiettivi Coinvolgere gli allievi nell'osservazione e nell'esecuzione di un complesso di esperienze di carattere scientifico, propedeutiche e/o di completamento dell'attività di classe, aventi per oggetto l'acqua. A partire dal secondo ciclo delle scuole primarie. Due ore, in classe. 7

12 SPERIMENTANDO L'ACQUA, UN GIORNO DA SCIENZIATI Questo laboratorio permette di esplorare le proprietà dell'acqua utilizzando il metodo scientifico, e di sviluppare le capacità di formulazione e verifica sperimentale di ipotesi. Temi affrontati: le proprietà fisiche dell'acqua; le proprietà chimiche dell'acqua; l'acqua e l'ambiente: cicli naturali, falde, inquinamento, depurazione, ricostruzione del ciclo idrico integrato. Partendo da quesiti sulle proprietà dell'acqua e sui processi che quotidianamente si osservano senza cercare spiegazioni, verranno proposti alcuni esperimenti, da svolgere con l'utilizzo di materiali comunemente reperibili (bacinelle, liquidi colorati, ecc). I ragazzi verranno stimolati a formulare delle ipotesi, a proporre soluzioni sperimentali per la verifica delle stesse, ad analizzare i dati raccolti ed elaborare una teoria per la soluzione dei quesiti iniziali. Obiettivi L'obiettivo principale dell'attività è la promozione fra gli alunni della conoscenza delle proprietà dell'acqua partendo da osservazioni sperimentali per giungere alla definizione della teoria. Scuole primarie, secondarie di primo e di secondo grado. Numero massimo di alunni: 28. Due ore. Note Per lo svolgimento del laboratorio servirà materiale di cancelleria. Le lezioni si terranno presso la scuola in un'aula con possibilità di accesso all'acqua. 8

13 ACQUA DEL RUBINETTO O ACQUE MINERALI? L'Italia è il primo consumatore al mondo di acque minerali... L'attività viene introdotta analizzando i processi e le normative che stanno alla base della produzione delle acque minerali e dell'acqua di rubinetto (ciclo idrico integrato). Analizzando i dati su consumi, costi di produzione, trasporto e smaltimento dell'acqua in bottiglia, verranno messe in evidenza le conseguenze economiche e ambientali delle nostre scelte. Analizzeremo le opinioni diffuse sui due tipi d'acqua e, con l'ausilio di filmati e pubblicità, indagheremo sulle cause della nostra reale o presunta esigenza di bere acqua in bottiglia, verificando poi con esperienze pratiche (titolazioni, degustazioni) le reali differenze e la nostra capacità di distinguere i diversi tipi d'acqua. Il percorso si concluderà mettendo in evidenza le diverse caratteristiche di acqua di rubinetto e acqua minerale. Obiettivi Riflettere sull'uso e sulla provenienza dell'acqua utilizzata quotidianamente; saper leggere le etichette delle diverse acque minerali; conoscere le proprietà e gli effetti delle sostanze disciolte nell'acqua; distinguere tra acqua potabile e minerale; considerare le conseguenze per l'ambiente dell'uso/abuso dell'acqua in bottiglia di plastica; invitare i ragazzi a considerare i bisogni naturali e quelli indotti dalla pubblicità riguardo all'acqua da bere; evidenziare la figura del consumatore quale operatore ambientale che può fare scelte consapevoli di acquisto; informare sulla necessità di scelte gestionali più rispettose dell'ambiente per salvaguardare l'acqua come risorsa. l a b o r a t o r i s u l l ' a c q u a Scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado. Due ore circa, per un massimo di 28 partecipanti. Note La lezione si svolgerà in una stanza oscurabile per permettere la proiezione di immagini, dotata di un telo o una superficie adatta alla proiezione, di un videoproiettore e di un pc portatile. Serviranno inoltre bicchieri, caraffe e bottiglie d'acqua di diverso tipo, nonché cartelloni bianchi, colori, colla. 9

14 ACQUA, RISORSA ILLIMITATA O BENE DA TUTELARE? IL DECALOGO PER IL RISPARMIO IDRICO Questo laboratorio è pensato per sensibilizzare i partecipanti alle problematiche ambientali e di tutela dell'acqua e per diffondere comportamenti responsabili nell'uso di questa risorsa in ambito domestico e nel territorio. Per attuare forme di risparmio e riuso, si deve partire dalla conoscenza della fragilità e dalla necessità di tutela del ciclo idrico naturale. Temi affrontati: il mondo e il bene acqua: tra emergenza idrica e siccità; il mondo per l'acqua: documenti, norme e forum internazionali; i comportamenti quotidiani: come non sprecare l'acqua. Obiettivi Introdurre i partecipanti alla conoscenza dell'acqua come risorsa vitale e preziosa; riflettere sulla provenienza dell'acqua, sull'uso che ne viene fatto, sulla sua disponibilità; elaborare con i partecipanti strategie per il risparmio idrico e nuove abitudini rispettose della risorsa; fornire agli studenti un quadro generale sulla situazione del patrimonio idrico disponibile sul pianeta; informare sulle problematiche relative alla disponibilità idrica nel Veneto e sulla situazione dei fiumi limitrofi al territorio scolastico. Scuole dell'infanzia, primarie, secondarie di primo e secondo grado. Due ore circa, per un massimo di 28 alunni. Note Materiale richiesto: un telo o una superficie adatta alla proiezione, acqua, caraffe, secchi, bicchieri, ghiaia e sabbia. 10

15 RIFUGIATI AMBIENTALI La violazione dei diritti ambientali è una delle principali cause dei conflitti territoriali nel mondo e solo negli ultimi anni la comunità internazionale si sta rendendo conto che è divenuto prioritario agire sulle cause che generano migrazioni forzate di milioni di persone nel mondo. I fenomeni di degrado ambientale e i disastri ecologici hanno portato nel tempo a nuove "migrazioni": chi sono i rifugiati ambientali e cos'è l'esodo ambientale? Quali sono i principali fattori ambientali che costringono le persone a migrare? Giochi di ruolo, proiezioni in power point, supporti video e dispense permetteranno un approccio educativo partecipato che condurrà a discussioni e ad una restituzione finale del percorso effettuato, il quale toccherà i seguenti punti: 1 incontro: I rifugiati senza riconoscimento: "Esodo ambientale e rifugiati ambientali". Presentazione della mostra fotografica "Exodus" di Salgado. 2 incontro: I rifugiati ambientali: chi sono e quanti; la mancanza di una qualche forma di riconoscimento ufficiale a livello internazionale. Quali sono le cause dell'esodo ambientale: i principali fattori ambientali che costringono le persone a migrare. 3 incontro: Gioco di ruolo: introduzione al gioco, svolgimento e debriefing finale. 4 incontro: La desertificazione. La desertificazione e il bacino del Mediterraneo; quali sono le cause della desertificazione: i casi del Lago Aral e del Lago Chad. l a b o r a t o r i s u l l ' a c q u a Obiettivi Gli alunni acquisiranno consapevolezza del fatto che molte delle attuali migrazioni sono causate da fattori ambientali avversi, rifletteranno sul fenomeno di esodo ambientale e sulle sue cause. Si rifletterà anche sulla problematica dell'abbandono della propria "casa" per mancanza di mezzi di sussistenza e con poche speranze di un possibile ritorno. Infine si ragionerà insieme sulla mancanza di un riconoscimento giuridico internazionale di "rifugiato ambientale". Scuole primarie e secondarie di primo grado. È previsto un incontro preliminare di presentazione del laboratorio tra il formatore e il docente; con i ragazzi, il laboratorio si articola in 4 incontri di due ore ciascuno, per un totale di 8 ore. 11

16 ACQUA COME DIRITTO È importante capire come l'acqua stia diventando una risorsa sempre più rara in alcune zone della Terra e come essa influenzi gli aspetti economico e sociale di un paese, nonché la vita di popolazioni intere. Il diritto all'acqua diventa il paradigma per un cammino educativo sullo sviluppo sostenibile, sull'educazione ambientale, sulla mondialità. Tramite giochi di ruolo, giochi di simulazione, l'utilizzo di cd-rom e dvd sull'acqua, e con la restituzione finale del percorso effettuato, i partecipanti affronteranno i seguenti punti: 1 incontro: Il nostro pianeta Acqua: quanta acqua c'è e com'è distribuita; acqua ed attività umane: uso agricolo, industriale e civile. Le cause che possono determinare la scarsità idrica. Presentazione della mostra fotografica "Acqua fonte di vita". 2 incontro: Acqua come bisogno o come diritto? Le convenzioni internazionali. L'acqua c'è ma scarseggia: la disuguale distribuzione idrica a livello mondiale e le sue conseguenze; la questione delle grandi dighe. 3 incontro: Gioco di ruolo sull'acqua: introduzione, svolgimento e debriefing. 4 incontro: L'acqua in Italia: usi e consumi; la mercificazione dell'acqua: la questione delle acque minerali in Italia. Obiettivi Gli alunni acquisiranno consapevolezza dell'importanza dell'acqua nei processi vitali, rifletteranno sulle diverse modalità di utilizzo della risorsa idrica, con particolare attenzione all'uso agricolo e all'acqua come sicurezza alimentare. Infine gli studenti rifletteranno su un consumo critico e consapevole dell'acqua, ragionando sui nostri usi e consumi quotidiani. Scuole secondarie di secondo grado. I laboratori verranno differenziati per il biennio e per il triennio. È previsto un incontro preliminare di presentazione del laboratorio tra il formatore e il docente; con i ragazzi, il laboratorio si articola in 4 incontri di due ore ciascuno, per un totale di 8 ore. 12

17 l a b o r a t o r i sull'alimentazione

18 IO, IL CIBO E IL TERRITORIO La metodologia del laboratorio varia a seconda del destinatario, prediligendo di volta in volta modalità di tipo cooperativo all'interno di attività di laboratorio o momenti di confronto e di riflessione funzionali all'apprendimento dei contenuti proposti. A seconda dell'età dei partecipanti, i temi affrontati verteranno sul riconoscimento dei cibi e delle preferenze personali, sul legame tra cibo e sentimento, sulle pubblicità seduttive, sulle provenienze degli alimenti, sul loro confezionamento e l'etichettatura, sulle proprietà nutrizionali e la piramide alimentare, sull'agricoltura biologica e gli OGM. Obiettivi Gli obiettivi, variabili a seconda dell'età dei partecipanti, si riassumono in: favorire l'acquisizione delle basilari norme comportamentali che caratterizzano una corretta alimentazione; riconoscere e verbalizzare in modo adeguato gli alimenti; sviluppare la capacità di individuare sapori e sensazioni; riconoscere la qualità degli alimenti e la loro provenienza, valutarne la composizione nutritiva; favorire la capacità di comunicare i propri sentimenti in relazione al cibo ; incoraggiare la riflessione e l'analisi sulle proprietà degli alimenti e sulla loro provenienza; introdurre il concetto di OGM e di agricoltura biologica; imparare a leggere le confezioni dei prodotti alimentari. Scuole dell'infanzia, dai 4/5 anni; scuole primarie e scuole secondarie di primo grado. Due incontri da due ore ciascuno, in classe. 14

19 4 STAGIONI, 1000 FRUTTI Di ciascuna stagione verranno valorizzate in primo luogo la ricchezza e le varietà dei frutti della terra. Verrà promosso il "gusto" per il rispetto della stagionalità dei prodotti, primo e imprescindibile passo per comportamenti rispettosi dell'ambiente e dell'uomo. Si prediligeranno metodologie di tipo cooperativo in attività laboratoriali che prevedono la sperimentazione e manipolazione di materiali ed oggetti, funzionali ad una conoscenza dei contenuti proposti che sia il più possibile diretta e personalmente sperimentata. Obiettivi Il laboratorio si differenzia negli obiettivi e nei contenuti a seconda dei destinatari: Scuole d'infanzia Valorizzare il rispetto della stagionalità dei prodotti alimentari come pratica di tutela ambientale; familiarizzare con il ciclo delle stagioni; conoscere e riconoscere i profumi, i colori e i sapori delle quattro stagioni; imparare a conoscere la stagionalità dei prodotti della terra. Scuole primarie Promuovere il rispetto della stagionalità dei prodotti alimentari come pratica di tutela ambientale; riconoscere e apprezzare i profumi, i colori e i sapori delle quattro stagioni; considerare i danni di tipo ambientale generati dal consumo e dalla produzione di cibi "fuori stagione" ; ogni stagione ha i suoi frutti, belli o brutti e di tutti i gusti; e se le stagioni vanno in tilt?!? ; per salvare le stagioni mangio usando un po' di informazioni. l a b o r a t o r i s u l l ' a l i m e n t a z i o n e Scuole dell'infanzia e primarie. Due incontri da due ore, in classe. 15

20 MERENDA O MERENDINA??? SCELGO CIÒ CHE NON (CI) INQUINA Alternando momenti di lezione frontale ad attività di tipo laboratoriale, si faciliteranno relazioni di tipo cooperativo tra gli alunni, funzionali all'apprendimento dei contenuti della proposta. I due incontri toccheranno i seguenti temi: le confezioni degli snacks: tra immagine e informazione; comprendere per poter scegliere: tutte le informazioni che stanno sull'etichetta; confezioni e imballaggi: la grande fatica dello smaltimento. Obiettivi Imparare a leggere le informazione contenute nelle confezioni alimentari, in particolare di snacks e merendine ; comprendere il valore (o il disvalore) nutrizionale di questi prodotti alimentari, per poter scegliere indipendentemente dai messaggi pubblicitari; considerare l'impatto ambientale determinato dallo smaltimento di confezioni ed imballaggi. Secondo ciclo delle scuole primarie e scuole secondarie di primo grado. Due incontri da due ore ciascuno, in classe. 16

21 DALL'ORTO AL MONDO EQUO E SOLIDALE Con questi incontri si intende avvicinare i partecipanti alle tematiche del commercio equo e solidale e farli riflettere sulla necessità di farsi carico "l'uno dell'altro" per favorire l'assunzione di comportamenti di cittadinanza attiva e di consumo responsabile e critico, acquisendo consapevolezza anche della componente socioeconomica della sostenibilità. Con un gioco teatrale, il laboratorio coinvolge i ragazzi in problematiche riguardanti il Sud del mondo e, per maggior efficacia, verrà utilizzata una tecnica di animazione a carattere interattivo, sollecitando i partecipanti ad impegnarsi in prima persona nell'analisi e nella possibile risoluzione dei problemi affrontati. Gli alunni saranno stimolati a riflettere sulla necessità della conservazione delle risorse naturali e delle radici culturali; inoltre al rispetto degli altri e dei prodotti agricoli, considerando il tema su scala mondiale. Particolare attenzione può essere data al ruolo svolto dal commercio equo e solidale. La decisone messa in campo dal gioco teatrale sulla vendita di un terreno diventa quindi una scelta a molti livelli, che permette agli alunni di percepire che la loro scelta è in grado di cambiare il futuro di tutti. Scuole primarie e scuole secondarie di primo grado. I percorsi sono differenziati in base all'età e alle diverse dinamiche di apprendimento. Un incontro facoltativo con gli insegnanti coinvolti nel percorso per sviluppare metodologie e contenuti da elaborare con la classe; due incontri di due ore ciascuno con la presenza di due attori-educatori. l a b o r a t o r i s u l l ' a l i m e n t a z i o n e 17

22 UN'AVVENTURA EQUOSOLIDALE Questo spettacolo teatrale nasce dall'esperienza didattica di due attori che hanno lavorato a laboratori didattici per la promozione del commercio equo e degli aspetti socio-economici della sostenibilità. La rappresentazione propone il problema di un personaggio del Sud del mondo diviso tra la possibilità di vendere un terreno per mantenere un certo tenore di vita (macchina nuova, vacanze costose, ecc.) o conservarlo e fare scelte molto diverse (vivere in campagna, dedicare un certo tempo alla cura della terra, permettere al vecchio padre di vivere lì). Nel corso dell'avventura, i protagonisti intraprenderanno un onirico viaggio verso Sud alla ricerca dei frutti magici che fanno vedere la realtà con occhi più "puri", e si confronteranno con un raccoglitore di banane e con un mediatore di una multinazionale della frutta, venendo a conoscenza delle terribili condizioni di sfruttamento del continente africano. A chiusura della rappresentazione è previsto uno spazio per l'interazione con i bambini sui temi del commercio equo. Lo spettacolo è adatto per le scuole primarie. La rappresentazione dura 1 ora. Note Lo spettacolo viene realizzato con l'adesione di due classi (almeno 40 persone) ed esclusivamente nelle scuole che hanno uno spazio adeguato alle rappresentazioni teatrali. 18

23 IN UNA TAZZA DI BUONA CIOCCOLATA Il laboratorio è incentrato sui concetti cardine del consumo critico. In particolare, attraverso gli ingredienti che compongono una tazza di cioccolata si farà un viaggio attraverso alcuni paesi del Sud del mondo. Nel percorso verranno utilizzate sia metodologie di tipo frontale per la trasmissione di informazioni sugli argomenti trattati, sia metodologie di tipo laboratoriale e cooperativo per una partecipazione quanto più possibile attiva da parte dei bambini. Nel corso delle attività si affronteranno i seguenti temi: il cacao dalla pianta alla tazza: ci si soffermerà sulla conoscenza della pianta e dei processi di lavorazione del prodotto; il cacao e la sua storia: miti, leggende e vicende attuali di un prodotto che arriva fino a noi da molto lontano, nel tempo e nello spazio. Il commercio equo per il rispetto dell'uomo e dell'ambiente; latte e farina nella cioccolata: l'agricoltura biologica per i BUONI prodotti. Obiettivi Avvicinamento alle tematiche legate al consumo critico; conoscenza del commercio equo e solidale e del "buon" cioccolato; conoscenza dell'agricoltura biologica come strumento di tutela e valorizzazione ambientale. Scuole primarie e secondarie di primo grado. Due incontri da due ore ciascuno, in classe. l a b o r a t o r i s u l l ' a l i m e n t a z i o n e 19

24

25 l a b o r a t o r i s u l l ' E N E R G I A

26 ENTRIAMO NEL MONDO DELLE ENERGIE RINNOVABILI Un percorso interattivo alla scoperta dei più moderni strumenti tecnologici e delle principali fonti e forme di energia alternativa, attraverso la visita guidata al Parco tematico sulle energie rinnovabili. L'attività prevede l'approfondimento di uno a scelta dei tre percorsi di seguito presentati, un'attività ludico-didattica ed una passeggiata nel Parco per la visita agli impianti tecnologici. 1) L'energia solare Osservando un campo di pannelli fotovoltaici, si analizzeranno diverse concezioni costruttive, in particolare i meccanismi ad inseguimento solare e delle microapplicazioni per alimentare l'illuminazione, la sorveglianza, le pompe del parco. Obiettivi generali stimolare la curiosità verso le nuove forme di energia; far capire cosa sia l'energia alternativa; familiarizzare con le macchine che producono energia dal sole. 2) L'energia eolica La posa e messa in funzione di tre pale mini-eoliche di diversa concezione ingegneristica permetterà ai ragazzi di osservare un vero e proprio campo microeolico. Obiettivi generali scoprire il vento come possibile generatore di energia; far conoscere i principali inventori dell'eolico; far capire cosa sia l'energia alternativa del vento; creare curiosità verso le macchine eoliche. 3) L'energia idroelettrica Il fiume Roncajette lambisce il Parco delle Energie rinnovabili ed attiva, con il suo scorrimento, una microturbina per la produzione di energia elettrica. Obiettivi generali scoprire l'acqua come un modo diverso di pensare l'energia; far capire cosa sia l'energia alternativa dall'acqua; gli inventori dell'idroelettrico; far conoscere le macchine che producono energia dall'acqua. Scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado. Il percorso si differenzia a seconda del ciclo scolastico. Un incontro di 3,5 ore. Note La classe può partecipare ad un solo percorso, e l'insegnante dovrà indicare quello prescelto nella scheda di adesione. Il laboratorio si svolge presso il Parco Fenice di Padova (lungargine Rovetta). Il Parco è accessibile ai disabili. 22

27 L'ENERGIA COI MATERIALI POVERI Questo laboratorio coinvolge gli alunni in una serie di piccoli esperimenti attivi per verificare come l'energia cambi da una forma all'altra, da potenziale a cinetica, da elettrica a termica, ecc. Le attività sono condotte in modo divertente con materiali di facile reperibilità, rifiuti e scarti, come vecchi cassetti, cartoni per la pizza, pezzi di carta, vecchie dinamo, con coerenza tra i messaggi che si vogliono dare e gli strumenti e i metodi utilizzati per farlo. Durante l'attività i ragazzi avranno la possibilità di apprezzare, riflettere e dibattere sui diversi tipi di energia e sulle sue trasformazioni, utilizzando o costruendo in piccoli gruppi alcuni semplici apparati come una rudimentale turbina fatta di carta o di plastica, un fornetto solare, un isolamento termico, un pannello solare fatto di materiali di recupero, ecc. Durante le attività, gli educatori coinvolgeranno i partecipanti in riflessioni sui temi delle energie rinnovabili e sul consumo delle risorse, anche con esperimenti che dimostrano l'effetto serra dell'anidride carbonica. Obiettivi Gli alunni saranno in grado di riconoscere varie forme di energia e sperimenteranno personalmente modi originali di trasformarle l'una nell'altra. Sapranno distinguere tra fonti di energia rinnovabili e non rinnovabili, rifletteranno su quali siano comportamenti quotidiani energeticamente sostenibili e quali no, con particolare riferimento all'utilizzo dell'energia per la mobilità e per il riscaldamento; in particolare, l'obiettivo è quello di far adottare buone pratiche per la gestione energetica volta a diminuirne gli sprechi sia domestici sia scolastici. l a b o r a t o r i s u l l ' e n e r g i a Secondo ciclo delle scuole primarie. Un incontro da due ore, in classe o nel giardino scolastico. Note Alcuni esperimenti, basandosi sull'energia solare, danno il loro massimo risultato nelle giornate di sole. In caso di tempo non sereno, le esercitazioni andranno svolte in classe, approfondendo maggiormente gli esperimenti di trasformazione dell'energia e, in modo più ludico, gli aspetti relativi alle energie rinnovabili. 23

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La salute vien mangiando

La salute vien mangiando La salute vien mangiando Progetto di Arricchimento dell Offerta Formativa Curricolo Verticale di Scienze Classi II A II B Scuola Primaria L. Illuminati a. s. 2013/2014 Insegnanti Leopardi Anna F., Moffa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ALLA SCOPERTA DEL CIBO E DELLE ABITUDINI ALIMENTARI, IN PARTICOLARE SULLA COLAZIONE DEI BAMBINI IN ETA' SCOLARE

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COSTRUISCI UN FORNO SOLARE

COSTRUISCI UN FORNO SOLARE COSTRUISCI UN FORNO SOLARE Obiettivi: Realizzare un semplice forno solare al fine di mostrare come il sole può essere una fonte di energia rinnovabile. Illustrare l'effetto serra Descrizione generale:

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli