Titolo del progetto: L;LT ISOPROSTANI COIITE POSSIBILI MEDIATORI DI FIBROSI EPATICA E POLMONARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Titolo del progetto: L;LT ISOPROSTANI COIITE POSSIBILI MEDIATORI DI FIBROSI EPATICA E POLMONARE"

Transcript

1 $eheda di pr.esentazione del pt'ogetfo Titolo del progetto: L;LT ISOPROSTANI COIITE POSSIBILI MEDIATORI DI FIBROSI EPATICA E POLMONARE Obiettivi del Progeflo: Il progetto si inquadra nelle tematiche mirate a chiarire il ruolo dgli isoprostani nell-rnsorgenza e progressione della fibrosi ln partrcolare. i principali rtsultati attesi sono i I Àumentati Iivelli cli isoprostani plasmatici e urinan in alcune forme di epatopatie acute (soprattutto su base tossicai e croniche (soprattutto le epatopatie alcoliche). 2) Individuazlone di recettori per gli F.,jisoprostanr sui miofibroblasti epaticí La presenza di tali recettori aprirebbe la strada a dei reali tentatir i terapeuticr 3) Aumenìati li'elli di g-epi-pgf:a ed 8-epi-PGE2 nel liquido di lavaggio bronchiale (BAL) di rattt intossicari con bleomicina ed eventuale correlazione fra rsoprostani nel BAL e contenuto di collagene poirnonare. 4) lncremento della sintesi di collagene da parte dei fibroblasti polmonari stimolati con lsoprostanr' 5) presenza di isoprostani nell'espiratr: sondensato in varie patologie poltnonart dell'uomo. Tali risultati, se rttggiunti, ptltrehhero p{n"tùt"e un nr;tevolc contribulo olla tnnytrensione dei nteccant,sntr Txttogenìi,t'ici ttalli.lihrtxi fuitirztsi tpariut a.fihutsi gtolnu;nurai, e.varehherts cli grattda.riginalita e nleirrnzct, perchè chiarirehher() verafiîenle i! rappt;rlo lrú slre.t"s tts.siclalivrt e.fihrosi. Responsabite del raggiungimento degli obiettivi del progetto: DOTT,SSA CONCETTA GARDI Descrizione elel progetto di ricerca (per il quale è necessaria loattivazione della presente richiesta) in termini di: l) impano su altre linee di ricerca; 2) impatto sulle strutture organizzative coinvolte nel progetto. E, noto che un'aumentata deposizione di collagene e di altre proteine della matrrce extraceliulare è una caratteristica di molte affeziàni croniche che interessano il fegato, il polmone" le arterie ed il srstema nervoso. La connessione fra stress ossidativo (SO) e rperproduzione di collagene è largamente documentata in letteratura (l-3) ed è ormai noto che prodotlr della perossidazione lipidica quah maloniidialdeide (MDA) e 4-idrossinonenale (HNE) stimolano la produzione di collagen e di nrna per ^Uno il collagene alfa'l(i'). dei próblemi che per molti anni non ha perrnesso I'applicazione nella patoiogia umana. almeno su larga scala. della valutazione dello So è stata la nrancanza di un metodo affidabiie e non invastvo per -oìito.up ia perossrdazione lipiclica in vir,, con il solo uso del sangue e delle urine. lnfatti tutti I metodi usad (dieni coniugati, lipoperossidi ed aldeidi) sono assai poco affrdabili quando eseguiti nel piasrna 14), data l'estfema reattività e fugucità delle specie mcrlecolari uhe si devono dosare, oppufe implicano'l'utilizzo di tessuto e quindi di{frcil*ente praticabili nell'uomo. Questo problema e suto,up"ruto con la scoperra (5, 6) degli F-isoprostani. Alcuni anni fa infatti il gruppo di Morrow- e Róberts If (5,7) ha dinrostratc la forrnazione cli tutta una serie di composti simili aile prostagianciine Fz' chiamati Fr-isoprostanr. che si originano in t,iíro ed in vit'o dalla perossidazione dell'acido

2 2 arachidonico der fosfolipidi cti membrana, perossidazione non catah,zzata dalla via della cicloossigenasi, ma rnnescata dar radrcali liberi. Poichè gli isoprostani sono rilasciatin circolo e sono assai meno reaîfivi di altri prodotti di perossidazione (lipoperossidi e aldeidi)' essr possono essere ritrovati assai piir agevolmente nel plasma e nelle urine Perciei oggi essi sono consideratl collìè i ntarker.g piu attendiélti. non invasivi di SO (perossidazione lipidica) e possono essere usati per valutare lo stato ossrdativo in molte patologie umane. Elevati livelli di isoprostani sono stati rilevati in varie malattie (8) Oltre che rnorker.s di SO, gli F2-isoprostani si sono dimostrati essele mediatori di importantt effetti biologici: il primo acl essere rrvelato è stato l'effetto vasocostrittore sulle ar-teriole glomeruiarr renali. comsdimostrato direttamente (8,10) dall'intusione nell'arteria renale di 8-epi-PGF2,, (l'isomero piu rappresentato di tutta la serie). Esso agirebbe attraverso l'attivazione di recettori analoghi a quelli del trombossano A2 (TxA2r) (10) Questo effeno è assai importante per la spiegazione de11a slndrome Epato,Renale {11), nella quale si avrebbe ia prociuzione di F:-isoprostani nel fegato, i quali nel rene' attraverso I'effetto u*o"ort.ittore. darebbero il quadro conclamato di insufficienza renale. Altri effettr biologici importanti esercitati <tall'8-epi-pgf:r, sono quelli sulle cellule muscolari vascolari (sempre artraverso recettori simili al TxA2r) nelle quali stimcla la sintesi dr DNA e la prolifetazione cellulare' queili sulle cellule endotehali nelle quali stimola la produzione di Endotelina l, la srntesi del DNA e la proliferazione cellulare (12,13)* quétlisuivasr retinici nei quah induce vasocostrizione. produzione dr Endotelina 1 e di TxA2 (14). Infine l'8-epi-pgf2,, sembra rnediare l'aumetrtata produzione di TGIBI in cellule mesangrali e glomerulari esposte ad un elevato ambiente di glucosio (15). come nel diabels da streptozotocina. ii nostro gruppo, che 4a vari decenni studia lo $O (16). ha acclutsito larga esperienza esperienza sullir gu, di massa. e in particolare nel dosaggio degll F2-isoprostani (17' l8) ira i "ro.utogiafia-spettrometria principali obiettivi. il programma si propone quindr di studiare: A) Gii F2-isoprostani come nwrkers di SO in varie parologie umane nelle quali qussto processo è stato chiamato ln causa" senza ancora risultati definitivi In particolare, nelle epatopatie acute e croniche (forme croniche attrve in particolare ed epatopatie alcoliche) per vedere se I'eventuale presenza di isoprostani plasmatici (urinari) sra da ricollegarsi ad un incipiente sviluppo dl cinosi. Un certo numero di casi sono stati studrati nel noslro laboratorio con eslto assat prometîente- ma per arere informaztonl su quesro possible colleganrento dobbiamo aumentare fortemente il numero di casi studiati. E' da aggiungere anche che in ratti intossicati acutamente con alùool etilico il livello di F2-isoprostanr piasmaiici aumenta di 4.5 volte rispetto ai controlli {Comporti et al. risultatr non pubblicati), confermando cosi i nostn vecchi rt,rdi indi"unti che la per$ssidazicne lipidica è un fattore cruciaie nella epatotossicità da etanolo ( l9i. B) Gli F2-lsoprostani come possibili mediatori cl fenomeni che conseguono a danni verosimilmente eiovuti a SO ed in par-ticolare fibrosr poichè, come sopfa riferito, è stato rrportato che prodotti aldeidici di perossidazione inducono processl iii elpression e sintesi di collagen., ubbi*rno voluto vedere se effetti analoghi vengono ottenuti con gli F2-isàprostani. Da un punto di vista speculatrvo il vantaggio degli isoprostani sulle aldeidi e rappresentato dal t'atto che gli isoprostani presentano recettori che possono mettere in moto ben prectse vie di trasduzione del segnale, mentre le aldeidi possono interagire con macromolecole cellulari solo eon processi di addizion e condensíìzlone. RecÀntemente. abbiamo dimostrato (20) che il livello di isoprostanr plasmatici (che è drammatrcamente aumentato (18" 2l) nell"intossicazione acuta con CCl"r ) sr nrantien eievato tn un modello di intossicazione cronica con CCll portante a chiara fibrosi e cirrosi- e si correla all,incremento di collagene epatico. In studi paralleli, abbianro dinrostrato (20) che l'aggiunta di rsoprosrani a colure di Cellule stellate epatiche (CSE) attivate al fenotipo m-v-tt/íhrtthlast-íike (positivita all'cr-actina del muscolo liscio, a,-sma) induce un marcato aumento della proliferazione cellulare

3 -i (misurata come incorporazrorre di timidina triziata) e della sintesi del collagene (mtsurata come incorporazione di prolina tnziata). Parimenti e aumentato il contenuto netto dt collagene nella colturu (valutata con il "sirius Red") 1",econcentrazioni attive in yilrtt sono tra l0-8 e 10"M. esattan'ìente uguali a quelle riffovate nel plasmanell'intossicazione vivrt. Alla luce dr questi risultati, i successivl studi si propongono di studiare: 1) la presenza di recettori per 1"8-epi-PGF:" nelle CSE (e in particolare se vengono coinvolti recettori simili a quelli del TxA2), mediante studi di hinjing, e utiliazando agonrsti e antaqonisti del recetîore per il TxA2. l) le,rie di trasduzione del segnale messe in moto dal legame dell'8-epi-pgflu con il suo recettore' C) per quanto rrguarda il pùmone. Janssen e Tazzeo (23) hanno esaminato la risposta a differentr isoprostani della serre dei'lli-ring' e"l--rin{'in arteriole polmonari umane e canine. I piu effrcienti composti si sono dimostrati essere 1'e-epi-nGEr e 8-epr-PGF:,,, che evosano az'ionl vasosostrittrici attraverso la via dr trasduzione del segnale indotto dalla tirosina chinasi e dalla Rho/Rho kinase' L' g-epi-pge: è rrsultato essere i1 più potente effettore di tutti gli isoprostanr nel1e arleriole polmonari umane e l'g-epi-pge: ed il 8-epi-PGF2(r sono ugualmentefficacinelle venule polmonart. Da quanto sopra detto sembrerebbe che i markit'"s piu specifici di stress ossldativo polmonare siano gh Fr-rsoprostanr e soprattutto gli H1-isoprostani. Pertanto ci proponiamo di valutare l'8-epi-pgf:o e l'8- epi-pgez prima nel plasma, nelle urlne e soprattutto nel hqurdo di lavaggio bronchiale (BAL) dr animali sperimentalmente intossicati con bleomrcina (che induse una fibrosi pr.rlmonare) e poi in soggetti eiposti ad ambienti di lavoro ricchi dl partrcolato con patologie poimonarr Sarà inoltre valutata la eventuale correlazione fra isoprostani e collagene polmonare, misurato sia come conrenuro di idrossiprolina, sia come sintesi (mrna con Northen blotting o con RT-PCR) precedenti studi hanno dimostrato che la fibrosi pelnronare e assai spesso carattertzzata, nel'l'ambito delle popolazioni dr fibroblasti polmonan" da un aumento di nun'lero e di volume di cellule che presenta;o frlamenti contrattili (2't-26). Queste cellule. chiamate miofibrohlasti. sono anche presenîr nella riparazione delle ferite (27-29) nella fibrosi polmonare idiopatica (30) e nella fibrosi polmonare indotta sperimentalmente cla bleomicina (26,31). ln quest'ultima si osserv'ano (26) due tipi di cellule miofibroblastiche: uno che esprime SlvfA e desmina e I'altro esprimente solo SMA" entrambi i tipi esprimono il mrna per il procollagene. Senrbra che queste cellule, che esprimono anche il mrna per il TGFB, siano da co"siderare come le principali sorgenti dell'iperproduzrone dr collagene. Quello che ancora non è chraro e Io stimolo capace ai ar scattare la differenziazione dei fibroblasti a celluie miofibroblastiche, che in condizioni normali non sono pfaticamente visibili. l) A questo proposito, saranno condotti studi ir virro su colture di fibroblasti polmonarl trattatl con isoprostani. I frbroblasti saranno isolati dal polrnone cli ratto con le metodiche già in atto nel nostro laboratorio (32). Una parte clelle colture verranno trattate con gh F2-isoprostani nei primi giomi dr coltura per vedere se gli isoprostani siano in grado di intervenire sulla eventuale trasformazione dei fibroblasti al fenotrpo"mioflibroblastico. Tale fenotipo sarà evidenzrato dalla comparsa dei classici marcatori dl attivazione, e cioè u.-sma e/o desmina. Se non sarà possibile osservare tale tiasformazione fenotipica parîendo da frbroblastinormali, allora si partirà da fibroblasti ottenuti da ratti trattati con bleomicina. neì quali, come si e detto sopra, sono visibili gia ai primr giomi di trattamento miofibroblastr esprrmenti SMA e desmrna. Fotremo allora vedere se gli isoprostani accelerino ia trasformazione fenotipica e I'espressione del rnrllia per il procollagene' 2) I fibroblasti in coltura alía conflu enza verranno trattati con F2-isoprostani' nel range delle concentrazioni rrtrovate in virtt nelf intossrcazione da bleomicina, per vedere se tale trattamento influisca. a) sulla sintesi del DNA (rncorporazione di timrdina triziata); b) sulla sintesr di coliagene (incorporazione della prolina traiata nélle proteine collageniche" tenendo owiamente in conlo!'incorporazrone nelle prcltsrne non collageniche); c) sulla sintesi netta del collagene. d) sulia del mrna per il procollagene; e) sulla espressione del mrna per il TGFB' "rpr.rrion"

4 J L'attivazione della presente richiesta e la disponibilita di un tecnrco con provata espertenza nel campo delle colture cellulari e delle princrpafi tecnrche di biochimica e necessaria nelle varie fasi del progetto' La clisponibilita dr tale unrtà dr personale avrà sonlunque un rmpatto importante sulle altre lineee cli ricerca attualmenîe condotte dai docenti proponenti che prevedono 1'r-rtilizzo delle suddette tecniche per lo studio del ruolo dello stress ossidativo nelie patologle epatiche e polmonan. REFERENZE l) cholkier ct al.l linl Cheni lr)l{g.2(r;l:l(rt}57 2)i:lcrtossa ct al. llqratologv 19911"19:12(rl 3l }Jenciletti ct al' lìiochim Iìiophvs Acta l-9g(),(rl(ì:21{i 4i l:s{erbaucr et ul. t;ree Ilacl iliol Mcd 199 l"ll:81 5l N,{orrou et rl. N'lethocls }lnzlmol 199;t.233:16.j ól M*rrou ct rl!'r"rr,-r Nutl Ar:ad Sci tlsa l9u)2-89 1{)7:l 7) N'1,.rmrn et ll. Anal }ilochem l990-18'l l li) lìoherlsiletal. lnl.rcclìailchcmlliolmed Yoshikarvacral eds.2()0().p329 9)Morror.rctal l)rtrcnatlacadsci usa igi)0.g7:g3g3. l0) Irrkahashict al.t clin lnr.esr () l3lr lir Ib]t et al Kiduer kit 1999"55:271 12'l"ukunaga et al,\mjphvsitl1l9()3.2l.l.cl6tql1}[jirt;r'urugacrl1jcltrc1irrvaxc,plriìmraqil1l()(}5^2iis51l,1ìi","rhare.,et 1!)9tJ..13:l40(l,l5)Mtlntcrtlctal-Kldnerlnt2(X){).58:19ti3,[ri}Llonrptlt1ir.ltaiu'l.<trtcoltlgrtr1.thcI,ircreris.199tt.p22I.I7)stgntrrinietal.llvitssSpcctnlltt2(X)j.38'l{kiT,llrlLìrrrrrptrrtre[alI.tr:cRad.lliolMed.20 19) Comptrrli ct al. l,ah ìrrr'est l(x.7.1{i:ól(; ](ìl Corrrptldi ct al [,atn' ìnr.cst 2(Xì'i.85: Ijt{l 2'll Mtlrrtru ct al 'I (.lin kr'cst ;1)jtt2.22i lrhlhsm.l.ilqrarol l9li8. ó fl.2-l).lansscn t'lirtt,ctt Arrl.i l)hrsiol.ung Cell Mol PhYsiol g0:1.10(t7 Z1')Aillerctal Am.ilrhrrol9l{l,l()2:,127 25}Zhar.getal.Arn.lt}habl 199'1'l'-15:ll'1 26)Zhangetal A'r.Tphar.l l995.l47:1527t l)nrbr er rrl!.*b lnvest ll)9(.i.íì3:21 28) Wclch ct al.l['cll]iol 199() ) singeret al JCclllliol 198.tr.91{:209i -ì{})kiihiieeul Ani.ll)lrarcl;1rQl 13t{ X25731)Mrtchcl!ctal l.rhlnves{ ii)ft1l-6():6{l 32) Gardi e1 al. ljiochem Phatmacol ì:tó51) Altri Descrizione Comunità Scientifica Industrie fannaceutiche Azienda Ospedaliera Individuazione di meccanismi patogenetici legati al danno epatico e polmonare da stress ossidativo i lnoltre ci potrebbe essere una base di partenza per i allargare gli studi alle fibrosi che si ritrovano in i affuzioni del sisterna lìervoso, come la sclerosl I multipla, o la sclerosi laterale amiotrofica. I Le ncadute rn camp$ farmaceutico potrebbero i essere cfavvero rilevanti. basti pensare alla sintesi luna volta rndividrrata la struttura rnolecolare del recettore) dr prodotti capaci di bloccare il recettore stesso e di controbilanciare cosi I'effetto profibrogenico dei prodotti di ossidazrone linrdica tl ptogett" p*"ede la collaboraziotre con Cliniche i Universitarie per 1e analrsi su esplrato condensato ed altri liqurdi biologicr Termini previsti per la rta\izzations d l progett$ Data inrzio i 5/08/2007 Data ultimazione /2012 Durata del progetto...5 annt

5 l Quadro l; risorse umane! strumentali e servizi coinvolti Le persone presenti nel Dipartimento dr Fisiopatologia, Medicina Sperimentale e Sanità Pubblica" e coinvolte nella ricerca rn questrorìe sono rappi*r*ntote da n" 3 unità di personale docente, 2 dottoraiidi di ricerca in Biologia e Fiiiopatologia Cellulare (con sede ammrnístrativa nel Dipartimento). I1 personale docente afferente Oip".tl*ento e coinvolto in tale ricerca nella realizzazione ditale "t progetto e per la sua intera durata Ò rappreserrtato dal Fnrof. h4ario Compor-ti (Professore ordinario). bott.ssa Concetta Cìardi (Ricercatore Confermato) e dalla Dott.ssa Cinzia Signorini (Ricercatore Confermato). I beni utrlizzatt sono patrimonro del Dipartrmento di Fisiopatologra, X,lsdig:ina Sperimentale Sanità pubblica e parte integrante dei 3 laboratori destinati a tale ricerca (Laboratorio di Colture Cellulari, Laboratorio di Biochlrnica per lo studio della Matrrce Extrac.ellulare. Laboraîorio di Spenrometria di massa) e di laboraton ad uso comune che contengono strumentazione di base. e non, trthzzafe dai vat't gr.,ppiscientifici operanti nel Dipartimento. Il valore complessivo di tali strumentazrone si aggira sr'ri trecentocrnqualtamila euro e comprende tra I'altro: Spettrofotometri, Fluorinretrí. Ultracentrifuga e Centlfughepreparative, Microscopio a Fluorescenza, HPLC, lettore dr piastre ELISA, apparato per Real TiÀe pcr" citocentrifuga, microtomi, ed apparati per elettroforesi mono e bidimensionale" e tutti 'Ira gli apparati relarivi al trattamento sperimentale deglr animali di laboratorio. i servizi utilizzati di purtr"àtur" rilievo è lo Stabilirnento di Allevamento e Stabulazione il cui personale è direttamente gestito dal Dipartimento di Fisiopatologia, l\4edicina Sperimentale SaniÈ Pubbhca. Quadro 2. Risorse umane coinvolte piotesrùnaiita inoioiouata scientifica con esperlenza. tn colture cellulari e tecniche di biochimrcappl icate alla patologia epatica e Polnionare. E' richresta inoltre una buona conoscenza della lingua inglese I ritoro di studio I Atti"ite aa srroigere aii'irile.no àer piogetto Diploma Llniversitario Prelievo di organi e allestimento di colture primarie e secondarie biochimici per studi metabolicr - Dosaggio di isoprosani nei media di coltura e in fluidi biologici medrante gas cromatografi a-spettrometria dr massa Quadro 3. Programmnzione pluriennate delle attività fasi e sottoftrsi del Progetto Data prevista Data prevista iniztu attir.ità FASE I r 5i a) ldentificazione di recettori per isoprostani, in Particolare Per PGF:".. Note lsoprostant sul mrofibroblasti epattct La presenza di tali recetlori aprirebbe la strada a dei reali

6 tentattvterapeutlcl. b) Studio delle vre dr trasduzione del segnale messe in moto dal legame dell'8- epi-pgf con il suo recettore c) Valutazione dei livelli di isoprostanl plasmatici e urinari in soggetti affetti da epatopatie acute (soprattutto su base tossica) e croniche (soprattutto [e epatopatie alcoliche) FASE TI Messa punto di unl modello di fibrosi polmouare da bleomicina nel ratto. b) lsolamento e allestimento dr colture dr fibroblasti da polmoni di ratto. Dopo trattamento con isoprostani, nel Iotlgc delle concentrazioni ritrovate in vit'tt nelf intossi caziane da bleomicina' saranno valutati princrpali parametri fibrotici. c) Valutazione dei livelli di isoprostant nell'espirato condensato di soggettr affetti da varie patologie polmonari (COPD" asma, ARDSì -ft.s7o:t1o Individuazrone delle vie di trasduzione del segnale Aumentati livelli di isoprostan t plasmatici e urinari in alcune j forme di epatopatie. ln I collaborazione con la J sojlqpjl-slllnl t4l08i2012 I Aumentati livellidi isoprostani nel BAL di rattr intossicati con bleomicina. Eventuale correlaztone tra isoprostani nel BAL e contenuto di collagene polmonare. lncremento della sintesi di collagene da parte dei fibroblasti polmonari stimolati con isoprostani. Presenza di isoprostani nell'espirato condensato ln varle patologie polmonari dell'uomo. ln collaborazione con la Dott.ssa Sicnorini

7 Il Responsabile del Progetto Dott.ssa So.4cetta Gardi U {;"'--'(' 1 l Il Direttore del Dipartimento /Wa*+--t.\-.--.:: i,",;l /'- "ì\ -\. i-- : i- " l \'- \ i t \i. '{.', ' 'i ''.' t',i,." / "i.1 ".r,'...'

ir ; ji'''.: ,, ii Scheda di presentazione del progetto

ir ; ji'''.: ,, ii Scheda di presentazione del progetto * )'{z \ t_ ir ; - i4i Y.- z $jit,r i.,,, ii ji'''.: UNtvt'RSII A t)t,(ìt.t S ttint DI StfrNA DIPARTIMENTO di FISIOPATOLOGIA. MEDICINA SPERIMENTALE e SANITA PUBBLICA Vr,r Ar.o

Dettagli

Progetto di Ricerca. 1) la capacità dei cheratinociti umani di internalizzare il nanoparticolato

Progetto di Ricerca. 1) la capacità dei cheratinociti umani di internalizzare il nanoparticolato Progetto di Ricerca Studio del potenziale pro-infiammatorio e pro-fibrotico del particolato ambientale (nanoparticelle da gas di scarico di motori diesel) nella Sclerosi Sistemica *Silvana Fiorito, *Felice

Dettagli

CURRICULUM VITAE DI MARINA MOLA

CURRICULUM VITAE DI MARINA MOLA CURRICULUM VITAE DI MARINA MOLA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Mola Marina Data di nascita 15/09/1979 ESPERIENZE LAVORATIVE Nome e indirizzo datore di lavoro Laboratorio Analisi dell Azienda Ospedaliera Universitaria

Dettagli

un passo avanti nelle epatopatie croniche STEATOEPATITE STEATOSI EPATOCARCINOMA CIRROSI FIBROSI

un passo avanti nelle epatopatie croniche STEATOEPATITE STEATOSI EPATOCARCINOMA CIRROSI FIBROSI A base di SILIBINA COMPLESSATA STEATOSI STEATOEPATITE EPATOCARCINOMA CIRROSI FIBROSI un passo avanti nelle epatopatie croniche STEATOEPATITE NON ALCOLICA (NASH) è una patologia emergente (1) colpisce circa

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

ETIOPATOGENESI DELLA CARDIOMIOPATIA DIABETICA PROF. GIANCARLO DE MATTIA Dipartimento di Medicina Interna

ETIOPATOGENESI DELLA CARDIOMIOPATIA DIABETICA PROF. GIANCARLO DE MATTIA Dipartimento di Medicina Interna ETIOPATOGENESI DELLA CARDIOMIOPATIA DIABETICA PROF. GIANCARLO DE MATTIA Dipartimento di Medicina Interna La cardiopatia ischemica è una delle principali cause di morbilità e mortalità nei pazienti diabetici

Dettagli

FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO

FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO DENOMINAZIONE del Dipartimento Medicina molecolare e dello sviluppo PROGETTO SCIENTIFICO E DIDATTICO che abbia una sostenibilità al 31.12.2016 Il Dipartimento

Dettagli

DIABETE diabete tipo 1 (DM1)

DIABETE diabete tipo 1 (DM1) DIABETE In questo ambito le attività di ricerca attualmente in corso nel Dipartimento sono finalizzate allo studio dei meccanismi eziopatogenetici alla base della malattia diabetica che rappresenta sempre

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome/Nome Indirizzo La Porta Mariarita Via Goffredo Mameli 32, Misterbianco (CT) Telefono +39 320 8472566 E-mail laporta_@hotmail.it Cittadinanza Italiana

Dettagli

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company La cellula Gli organismi contengono organi, gli organi sono costituiti da tessuti, i tessuti sono composti da cellule e le cellule sono formate da molecole Evoluzione molecolare L evoluzione è un processo

Dettagli

ETANOLO. Tuttavia influenza sia positivamente che negativamente diverse funzioni fisiologiche.

ETANOLO. Tuttavia influenza sia positivamente che negativamente diverse funzioni fisiologiche. L etanolo, nonostante l elevato valore energetico, non può essere considerato un nutriente poiché: non svolge una funzione plastica non è essenziale. Tuttavia influenza sia positivamente che negativamente

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

Patologia Clinica. Lezione 4. Dott.ssa Samantha Messina

Patologia Clinica. Lezione 4. Dott.ssa Samantha Messina Patologia Clinica Lezione 4 Dott.ssa Samantha Messina Modulo: Patologia clinica Anno accademico 2011/2012 II anno, I semestre CdL Infermieristica, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi

Dettagli

Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione cellulare

Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione cellulare UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Anatomia e Fisiologia Umana Department of Human Anatomy and Physiology Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione

Dettagli

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 Titolo del progetto Studio dell'interazione tra le cellule del midollo osseo e le cellule tumorali del cancro alla mammella in piattaforme tridimensionali

Dettagli

CLEARANCE. Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli.

CLEARANCE. Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli. CLEARANCE Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli. Clearance of a bridge CLEARANCE La funzione glomerulare

Dettagli

Alterazioni processo infiammatorio

Alterazioni processo infiammatorio Obesità Ipertensione Aterosclerosi Malattie cardiovascolari Alterazioni processo infiammatorio Cancro MAMMELLA, COLON, ENDOMETRIO, PANCREAS, PROSTATA I lipidi influenzano le varie tappe della cancerogenesi

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo VENDEMIALE GIANLUIGI VIA ELIA DEL RE, 4/D 70125 BARI Telefono 0805019031 Fax 0882410255 E-mail

Dettagli

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s Metodo adeguato di valutazione, valorizzazione e gestione della complessità??

Dettagli

L alunno dovrà: Comprendere le principali caratteristiche del carbonio;

L alunno dovrà: Comprendere le principali caratteristiche del carbonio; Obiettivi minimi di apprendimento, area chimico biologica, da raggiungere al termine dell'a.s. da parte degli alunni per l'ammissione alla classe successiva L alunno dovrà: Comprendere le principali caratteristiche

Dettagli

Breve presentazione dei momenti più interessanti e significativi che hanno caratterizzato questa esperienza.

Breve presentazione dei momenti più interessanti e significativi che hanno caratterizzato questa esperienza. Nell ambito del progetto GENETICA e DNA sono stati studiati gli aspetti della medicina rigenerativa in riferimento alle cellule staminali. Il 24 aprile 2012 ci siamo recati presso il Dipartimento di Istologia

Dettagli

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO CORSO CORSO OSS DISCIPLINA: OSS DISCIPLINA: ANATOMIA PRIMO E FISIO-PATOLOGIA SOCCORSO MASSIMO MASSIMO FRANZIN FRANZIN COSTITUITO DA: DUE RENI DUE URETERI

Dettagli

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti I tessuti studio dei tessuti: è compito dell I STOLOGIA (dal greco istos, tela e logos, discorso). I tessuti UN TESSUTO: è formato

Dettagli

CORSO DI MASTER IN TECNOLOGIE PER LA SALUTE STATUTO - BANDO. Articolo 1 - Istituzione, finalità, sbocchi occupazionali

CORSO DI MASTER IN TECNOLOGIE PER LA SALUTE STATUTO - BANDO. Articolo 1 - Istituzione, finalità, sbocchi occupazionali CORSO DI MASTER IN TECNOLOGIE PER LA SALUTE STATUTO - BANDO Articolo 1 - Istituzione, finalità, sbocchi occupazionali A. Per l anno di Studi 2016 l Istituto Euro Mediterraneo di Scienza e Tecnologia (I.E.ME.S.T.)

Dettagli

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza Cellule staminali dal tuo tessuto adiposo Crea la tua riserva di cellule staminali adulte non espanse per Salute Benessere Bellezza inal GmbH persona per la quale è previsto l utilizzo in non espanse,

Dettagli

Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo

Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo La regolazione dei livelli plasmatici di calcio è un evento critico per una normale funzione cellulare, per la trasmissione nervosa,

Dettagli

Studio di marcatori molecolari di ipertensione essenziale ed eventi cardiovascolari associati

Studio di marcatori molecolari di ipertensione essenziale ed eventi cardiovascolari associati IDENTIFICAZIONE DEL CASO INDICE (MALATO/PROPOSITO) / FAMILIARE (campo obbligatorio, barrare se non interessa) Nome: Data di nascita: - Sesso: M F; Etnia e provenienza: -del proposito ; - della Madre, -

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA RICERCA DI BASE

IL CONTRIBUTO DELLA RICERCA DI BASE IL CONTRIBUTO DELLA RICERCA DI BASE Barbara Begni Centro di Referenza Nazionale per il Benessere Animale - IZSLER - BRESCIA CONVEGNO PROBLEMATICHE ATTUALI DI RICERCA E STUDIO SUL BENESSERE ANIMALE MILANO

Dettagli

Ricerca farmacologica priclinica e clinica

Ricerca farmacologica priclinica e clinica Ricerca farmacologica priclinica e clinica SPERIMENTAZIONE PRECLINICA DURATA MEDIA?? ANNI Consente di isolare, dalle migliaia di sostanze sottoposte al primo screening di base farmacologico e biochimico,

Dettagli

Ossigeno Ozono Terapia in Pazienti con Insufficienza Respiratoria Cronica: studio pilota

Ossigeno Ozono Terapia in Pazienti con Insufficienza Respiratoria Cronica: studio pilota Ossigeno Ozono Terapia in Pazienti con Insufficienza Respiratoria Cronica: studio pilota N. Dardes MD FCCP, V. Covi, M.F. Vaccaro, G. Tabaracci Istituto di Ricerca Clinica San Biagio - Roma PAZIENTI N

Dettagli

ANTIAGING PROFILE. Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST

ANTIAGING PROFILE. Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST Cod. ID: Data: Paziente: ANTIAGING PROFILE Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST LO STRESS OSSIDATIVO NOME COGNOME Cod. ID 215xxxxx

Dettagli

AFFIDABILITA DEI METODI DI RILEVAZIONE:RUOLO DEL LABORATORIO NELL INDAGINE TOSSICOLOGICA

AFFIDABILITA DEI METODI DI RILEVAZIONE:RUOLO DEL LABORATORIO NELL INDAGINE TOSSICOLOGICA AFFIDABILITA DEI METODI DI RILEVAZIONE:RUOLO DEL LABORATORIO NELL INDAGINE TOSSICOLOGICA Valeria Crespi, Ursula Andreotta Laboratorio di Tossicologia UO Medicina del Lavoro e Preventiva AO Ospedale di

Dettagli

Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un

Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un 1 Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un rischio di sviluppare una malattia renale cronica di

Dettagli

Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Tiroide: tiroide e follicoli tiroidei Biosintesi, meccanismi cellulari, iodio tiroideo, trasporto

Dettagli

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione Antidiabetici ANTIDIABETICI Totale: 33 ANTIDIABETICI 427 441 518 586 651 668 718 942 952 1072 1082 1092 1102 1112 1122

Dettagli

Effetti delle LDL ossidate sull uptake del glucosio in cellule adipocitarie mature

Effetti delle LDL ossidate sull uptake del glucosio in cellule adipocitarie mature Effetti delle LDL ossidate sull uptake del glucosio in cellule adipocitarie mature Beatrice Scazzocchio Centro Nazionale per la Qualità degli Alimenti e per i Rischi Alimentari Istituto Superiore di Sanità

Dettagli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli Legami chimici Covalente Legami deboli Legame fosfodiesterico Legami deboli Legami idrogeno Interazioni idrofobiche Attrazioni di Van der Waals Legami ionici Studio delle macromolecole Lipidi

Dettagli

Dr.ssa CRISTINA BIANCHI. A.) Curriculum vitae et studiorum B.) Curriculum attività didattica C.) Curriculum attività scientifica

Dr.ssa CRISTINA BIANCHI. A.) Curriculum vitae et studiorum B.) Curriculum attività didattica C.) Curriculum attività scientifica Dr.ssa CRISTINA BIANCHI A.) Curriculum vitae et studiorum B.) Curriculum attività didattica C.) Curriculum attività scientifica A. CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Nome: Cristina Bianchi Luogo e data di nascita:

Dettagli

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015 Servizi di Ricerca a Terzi Luglio 2015 Chi siamo Vera Salus Ricerca S.r.l. (VSR) è una target discovery biotech company che mette a disposizione le proprie competenze e la propria strumentazione in qualità

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera MALORI IMPROVVISI PERDITE DI SENSI MALORI DOVUTI A DISTURBI DEL S.N. MALORI PER CAUSE AMBIENTALI 1. Perdite di coscienza transitorie Lipotimia (debolezza con o senza perdita coscienza) Sincope (improvvisa

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

ECOMIOGRAFIA FUNZIONALE DEL MUSCOLO DENERVATO: RISULTATI PRELIMINARI

ECOMIOGRAFIA FUNZIONALE DEL MUSCOLO DENERVATO: RISULTATI PRELIMINARI Dipartimento di Scienze Medico Diagnostiche e Terapie Speciali Istituto di Radiologia Università di Padova ECOMIOGRAFIA FUNZIONALE DEL MUSCOLO DENERVATO: RISULTATI PRELIMINARI Riccardo Zanato Roberto Stramare

Dettagli

Relazione dell attività svolta durante il 1 anno del corso di Dottorato in Neuroscienze. anno accademico 2009-2010 XXV Ciclo.

Relazione dell attività svolta durante il 1 anno del corso di Dottorato in Neuroscienze. anno accademico 2009-2010 XXV Ciclo. Relazione dell attività svolta durante il 1 anno del corso di Dottorato in Neuroscienze anno accademico 2009-2010 XXV Ciclo Laura Buizza PROFILO OSSIDATIVO DI p53 IN LINFOCITI IMMORTALIZZATI DI PAZIENTI

Dettagli

GLUCOSIO E INVECCHIAMENTO

GLUCOSIO E INVECCHIAMENTO GLUCOSIO E INVECCHIAMENTO Numerose sono le teorie per spiegare l eziopatogenesi dell invecchiamento La reazione di Maillard potrebbe contribuire al declino dei tessuti e delle cellule connesso all età

Dettagli

La teoria del nefrone intatto di Bricker ha aperto la via alla comprensione del meccanismo di progressione del danno renale. La base strutturale

La teoria del nefrone intatto di Bricker ha aperto la via alla comprensione del meccanismo di progressione del danno renale. La base strutturale 1 La teoria del nefrone intatto di Bricker ha aperto la via alla comprensione del meccanismo di progressione del danno renale. La base strutturale della natura progressiva del danno renale poggia sul riscontro

Dettagli

- AXXAM Spa Milano - DOMPÈ PHA.R.MA Spa L Aquila - ISTITUTO CLINICO HUMANITAS Spa Rozzano (MI) - BIOXELL Spa Milano

- AXXAM Spa Milano - DOMPÈ PHA.R.MA Spa L Aquila - ISTITUTO CLINICO HUMANITAS Spa Rozzano (MI) - BIOXELL Spa Milano SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI AXXAM - AXXAM Spa Milano - DOMPÈ PHA.R.MA Spa L Aquila - ISTITUTO CLINICO HUMANITAS Spa Rozzano (MI) - BIOXELL Spa Milano ID69/2005 PROGETTO R&S Piattaforma integrata

Dettagli

DIFFERENZIAMENTO DELLE CELLULE MUSCOLARI

DIFFERENZIAMENTO DELLE CELLULE MUSCOLARI DIFFERENZIAMENTO DELLE CELLULE MUSCOLARI Testi di riferimento: Alberts B. et al. Biologia molecolare della cellula - Ed. Zanichelli Gilbert S.F. Biologia dello sviluppo - Ed. Zanichelli COS E UNA CELLULA

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono (+39) 0828952171 Mobile (+39) 3391016708 E-mail Nazionalità Data di nascita 25 Gennaio

Dettagli

STRESS OSSIDATIVO. Le specie reattive all ossigeno si formano continuamente nell organismo in seguito ai normali processi metabolici.

STRESS OSSIDATIVO. Le specie reattive all ossigeno si formano continuamente nell organismo in seguito ai normali processi metabolici. STRESS OSSIDATIVO I lipidi, così come del resto altre macromolecole quali proteine, carboidrati e acidi nucleici, possono andare incontro a reazioni di ossidazione. L ossidazione è un processo estremamente

Dettagli

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 Data: 10/01/2011 Paziente: ROSSI MARIO ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA Glicemia Insulinemia Indice HOMA ANALITA DESCRIZIONE

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

Corso di Laurea in Ortottica ed Assistenza Oftalmologica PROGRAMMA. C.I Scienze Biologiche e Biochimiche

Corso di Laurea in Ortottica ed Assistenza Oftalmologica PROGRAMMA. C.I Scienze Biologiche e Biochimiche Corso di Laurea in Ortottica ed Assistenza Oftalmologica PROGRAMMA C.I Scienze Biologiche e Biochimiche Insegnamento: BIOCHIMICA Docente: Prof.ssa Grosso Atomo e particelle sub-atomiche Numero atomico

Dettagli

Mario Rossi 25/04/2019. www.trapiantocapelli.info

Mario Rossi 25/04/2019. www.trapiantocapelli.info Mario Rossi 25/04/2019 www.trapiantocapelli.info L alopecia androgenetica è la principale causa di calvizie che colpisce circa l 70% degli uomini e il 35% delle donne giovani (percentuale che sale al 50%

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine Il flusso dell informazione genetica DNA -->RNA-->Proteine Abbiamo visto i principali esperimenti che hanno dimostrato che il DNA è la molecola depositaria dell informazione genetica nella maggior parte

Dettagli

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati Durante l invecchiamento L invecchiamento è l incapacità di organi, tessuti, cellule e molecole a mantenere la propria integrità funzionale e strutturale perturbata

Dettagli

Il muscolo liscio vascolare

Il muscolo liscio vascolare Il muscolo liscio vascolare La cellula muscolare liscia Giorgio Gabella, professor of histology University College, London La cellula muscolare liscia Eccitabilita : potenziale d azione o potenziali graduati

Dettagli

Competenze Laboratori (Med-CHHAB)

Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Asse Portante Tematiche Campi d azione Servizi offerti Applicazioni Polimeri Biocompatibili Preparazione e caratterizzazione chimicofisica di materiali polimerici biocompatibili

Dettagli

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche Rigenerazione del Sistema Nervoso Biotecnologie Farmaceutiche Concetti Generali Il Sistema Nervoso Centrale (CNS) è resistente a fenomeni rigenerativi Le cellule staminali del CNS sono Presenti in piccolo

Dettagli

un problema prioritario di Sanità Pubblica per i costi sociali che comporta

un problema prioritario di Sanità Pubblica per i costi sociali che comporta I problemi alcolcorrelati: diagnostica ed intervento Conoscere e collaborare con i Club degli Alcolisti in trattamento Diagnostica dell intossicazione acuta e cronica Luigi Carlo Bottaro Dipartimento InterAziendale

Dettagli

Bilancio Sodio e Potassio

Bilancio Sodio e Potassio Bilancio Sodio e Potassio Sodio E l elemento fondamentale per: Controllo osmolalità Mantenimento volume del LEC Mantenimento Pressione arteriosa L introduzione giornaliera di sodio con la dieta (200 meq/l)

Dettagli

GLUCOSIO E INVECCHIAMENTO

GLUCOSIO E INVECCHIAMENTO GLUCOSIO E INVECCHIAMENTO EZIOPATOGENESI DELL INVECCHIAMENTO Numerose sono le teorie per spiegare l eziopatogenesi dell invecchiamento. La reazione di Maillard potrebbe contribuire al declino dei tessuti

Dettagli

CORSO DI MASTER IN BIOTECNOLOGIE PER LA SALUTE STATUTO - BANDO

CORSO DI MASTER IN BIOTECNOLOGIE PER LA SALUTE STATUTO - BANDO CORSO DI MASTER IN BIOTECNOLOGIE PER LA SALUTE STATUTO - BANDO Articolo 1 Istituzione, finalità, sbocchi occupazionali Per l anno di Studi 2013-2014 l (di seguito denominato IEMEST ) e la Libera Università

Dettagli

FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE

FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE ACIDO = molecola contenente atomi di idrogeno capaci di rilasciare in soluzione ioni idrogeno (H( + ) BASE = ione o molecola che può accettare uno ione idrogeno

Dettagli

c CANDIDATO: Antonietta Anna Melchini La Dott.ssa Antonietta Anna Melchini presenta i seguenti titoli che sono considerati per la valutazione comparativa: Laurea Specialistica in Farmacia (2005); Dottorato

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz FARMACODINAMICA La farmacodinamica può essere definita come lo studio degli effetti biochimici e fisiologici dei farmaci e dei loro meccanismi d azione. Gli obiettivi dell analisi

Dettagli

METODICHE NEL LABORATORIO CHIMICO-CLINICO

METODICHE NEL LABORATORIO CHIMICO-CLINICO METODICHE NEL LABORATORIO CHIMICO-CLINICO SPETTROFOTOMETRIA DI ASSORBIMENTO TURBIDIMETRIA/NEFELOMETRIA FLUORIMETRIA SPETTROFOTOMETRIA DI ASSORBIMENTO ATOMICO FOTOMETRIA DI EMISSIONE A FIAMMA RIFLETTANZA

Dettagli

Il dr. Alessandro Rizzi dichiara di NON aver ricevuto negli ultimi due anni compensi o finanziamenti da Aziende Farmaceutiche e/o Diagnostiche

Il dr. Alessandro Rizzi dichiara di NON aver ricevuto negli ultimi due anni compensi o finanziamenti da Aziende Farmaceutiche e/o Diagnostiche Il dr. Alessandro Rizzi dichiara di NON aver ricevuto negli ultimi due anni compensi o finanziamenti da Aziende Farmaceutiche e/o Diagnostiche CINETICA DEL TROMBOSSANO E ALTRI ASPETTI DELLA FUNZIONALITA

Dettagli

Trattamento con Tecarterapia nell edema secondario del ginocchio e recupero funzionale

Trattamento con Tecarterapia nell edema secondario del ginocchio e recupero funzionale Trattamento con Tecarterapia nell edema secondario del ginocchio e recupero funzionale Tecnologia Human Tecar. Un nuovo modo di trattare il tessuto biologico. Strumento in grado di far reagire il corpo

Dettagli

centrale (CNS) causata dall infezione litica degli oligodendrociti da parte del Polyomavirus JC (JCPyV). Ad

centrale (CNS) causata dall infezione litica degli oligodendrociti da parte del Polyomavirus JC (JCPyV). Ad RESOCONTO ATTIVITÀ DI RICERCA ANNO 2013 Studio dell espressione di fattori virali e cellulari implicati nella replicazione del Polyomavirus umano JC Responsabile scientifico: Dr. Simone Giannecchini, Dipartimento

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Piattaforma per studi su larga scala di eventi molecolari associati a patologie umane: applicazioni per la scoperta di nuovi farmaci

Piattaforma per studi su larga scala di eventi molecolari associati a patologie umane: applicazioni per la scoperta di nuovi farmaci Piattaforma per studi su larga scala di eventi molecolari associati a patologie umane: applicazioni per la scoperta di nuovi farmaci Roberto Ravazzolo Direttore Nicoletta Pedemonte Dirigente Biologo U.O.C.

Dettagli

La trasduzione del segnale intracellulare

La trasduzione del segnale intracellulare La trasduzione del segnale intracellulare Chemical signaling mechanisms Amplification in signal transduction pathways Un aspetto importante è il controllo temporale del comportamento cellulare: il trasferimento

Dettagli

LAUREA TRIENNALE IN TECNICHE DI NEUROFISIOPATOLOGIA AUDIOMETRICHE E AUDIOPROTESICHE. Anno accademico 2007-2008 C.I. SCIENZE BIOMEDICHE II

LAUREA TRIENNALE IN TECNICHE DI NEUROFISIOPATOLOGIA AUDIOMETRICHE E AUDIOPROTESICHE. Anno accademico 2007-2008 C.I. SCIENZE BIOMEDICHE II LAUREA TRIENNALE IN TECNICHE DI NEUROFISIOPATOLOGIA AUDIOMETRICHE E AUDIOPROTESICHE Anno accademico 2007-2008 C.I. SCIENZE BIOMEDICHE II PATOLOGIA GENERALE Prof. Lina Matera Lezione 7 L infiammazione cronica

Dettagli

1. TITOLO DELLA INFRASTRUTTURA DI RICERCA (titolo esteso e acronimo)

1. TITOLO DELLA INFRASTRUTTURA DI RICERCA (titolo esteso e acronimo) Page 1 of 9 Scheda per la segnalazione di Infrastrutture di Ricerca (IR) per la Roadmap Italiana 1. TITOLO DELLA INFRASTRUTTURA DI RICERCA (titolo esteso e acronimo) TITOLO ESTESO ACRONIMO INFRASTRUTTURA

Dettagli

ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo

ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo INTRODUZIONE Acidi nucleici Gli acidi nucleici sono una famiglia eterogenea di macromolecole distribuite all interno di tutte le cellule

Dettagli

FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO

FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO DENOMINAZIONE del Dipartimento SCIENZE DELLA VITA PROGETTO SCIENTIFICO E DIDATTICO che abbia una sostenibilità al 31.12.2016 Il Dipartimento di Scienze della Vita

Dettagli

Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K

Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K Università di Roma Tor Vergata Scienze della Nutrizione umana Biochimica della nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano A.A. 2009-2010 Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K VITAMINA D FONTI dieta: necessita

Dettagli

Attivitá e cinetica enzimatica

Attivitá e cinetica enzimatica Attivitá e cinetica enzimatica PAS : Classe di insegnamento A60 Biologia e scienze A.A. 2013/2014 09/05/2014 Cinetica Enzimatica La cinetica enzimatica è misurata come velocità di conversione del substrato

Dettagli

Argomenti di Patologia Clinica Esami della funzione renale Rene e laboratorio Perché esaminare la funzionalità renale? Per identificare le disfunzioni renali Per diagnosticare le patologie renali Per monitorare

Dettagli

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici MORTE CELLULARE Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici Omeostasi tissutale (di tessuti dinamici) Sviluppo embrionale Eliminazione di strutture corporee inutili - Fasi di scultura/rimodellamento

Dettagli

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto RIZA Sommario Capitolo 1 Le vitamine, sostanze indispensabili al corpo 7 Capitolo 2 La vitamina C: formula, storia

Dettagli

Organi Cellule Molecole

Organi Cellule Molecole Organi Cellule Molecole Il presupposto tradizionale delle scienze bio-mediche consiste nel fatto che se si conoscono tutti gli elementi costitutivi fondamentali delle cellule (le molecole) si e' allora

Dettagli

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza ITI ENRICO MEDI Programmazione Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza L insegnamento di Igiene, Anatomia, Fisiologia e Patologia, in particolare, vuol far acquisire agli alunni:

Dettagli

La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare.

La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare. FOSFATIDILSERINA La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare. I Fosfolipidi sono dei grassi simili ai trigliceridi, hanno quindi una struttura di glicerolo

Dettagli

ATTIVITA DI RICERCA 1

ATTIVITA DI RICERCA 1 ATTIVITA DI RICERCA 1 A) RELAZIONE TRA PROFILO PRESSORIO E NAFLD IN PAZIENTI IPERTESI Premesse. E noto come la mancata caduta notturna della pressione arteriosa sia un indice prognostico indipendente,

Dettagli

Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale NEUROFISIOLOGIA capitolo 1 Cellule nervose capitolo 2 Recettori cellulari

Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale NEUROFISIOLOGIA capitolo 1 Cellule nervose capitolo 2 Recettori cellulari Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale Membrana plasmatica: struttura e funzione Reticolo endoplasmatico Citoscheletro Proteine di membrana Proteine di membrana e segnali Strutture di contatto

Dettagli

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale Comunicazione fra le cellule Le cellule comunicano e interagiscono tra loro tramite il fenomeno della segnalazione cellulare Una cellula segnalatrice produce

Dettagli

CHE COS E E COME SI SVILUPPA L ATEROSCLEROSI

CHE COS E E COME SI SVILUPPA L ATEROSCLEROSI Lega Friulana per il Cuore CHE COS E E COME SI SVILUPPA L ATEROSCLEROSI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

NOVITA DALLA ESC.UNA NUOVA MOLECOLA ALLA RIBALTA!

NOVITA DALLA ESC.UNA NUOVA MOLECOLA ALLA RIBALTA! NOVITA DALLA ESC.UNA NUOVA MOLECOLA ALLA RIBALTA! M.Lettino In occasione dell ultimo congresso della Societa Europea di Cardiologia, che si e tenuto a Barcellona a fine estate, sono stati comunicati i

Dettagli

Adattamenti del muscolo scheletrico all allenamento aerobico: ruolo dei radicali

Adattamenti del muscolo scheletrico all allenamento aerobico: ruolo dei radicali Adattamenti del muscolo scheletrico all allenamento aerobico: ruolo dei radicali Marina Marini Dipartimento di Medicina Specialistica, Diagnostica e Sperimentale Cosa sono i radicali? I radicali liberi

Dettagli

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse.

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 7 PANCREAS Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. Isole del Langherans Contengono da poche centinaia

Dettagli

In fucsia evidenziato le modifiche apportate rispetto all a.a. 2014/15 ALMALAUREA - SCHEDA DI RILEVAZIONE

In fucsia evidenziato le modifiche apportate rispetto all a.a. 2014/15 ALMALAUREA - SCHEDA DI RILEVAZIONE In fucsia evidenziato le modifiche apportate rispetto all a.a. 2014/15 ALMALAUREA - SCHEDA DI RILEVAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE MEDICHE CLASSE LM-9 Avvertenze per la compilazione:

Dettagli

Indice. Introduzione alle metodologie biochimiche 1 (Martino Luigi Di Salvo, Roberto Contestabile)

Indice. Introduzione alle metodologie biochimiche 1 (Martino Luigi Di Salvo, Roberto Contestabile) VII Indice Prefazione XII Capitolo 1 Introduzione alle metodologie biochimiche 1 (Martino Luigi Di Salvo, Roberto Contestabile) 1.1 La Biochimica, una scienza sperimentale 1 1.2 Come si progetta, si esegue

Dettagli

che è caratteristico degli alcoli (es CH 3 -CH 2 -OH etanolo) gruppo carbonilico che si trova in composti detti chetoni;

che è caratteristico degli alcoli (es CH 3 -CH 2 -OH etanolo) gruppo carbonilico che si trova in composti detti chetoni; LE BIOMOLECOLE 1. IL CARBONIO E I SUOI COMPOSTI Il carbonio è l'elemento base del mondo vivente. Ciò si deve alla sua particolare capacità di formare 4 legami covalenti, in genere molto forti, o con altri

Dettagli

SISMME SISN GENCLI. Diagnosi di laboratorio delle malattie metaboliche ereditarie L'analisi dei metaboliti

SISMME SISN GENCLI. Diagnosi di laboratorio delle malattie metaboliche ereditarie L'analisi dei metaboliti SISMME SISN GENCLI Congresso congiunto Pesaro 11-13 Ottobre 2006 Strategie diagnostiche ed assistenziali come garanzia di qualità Sessione aggiornamento e formazione Diagnosi di laboratorio delle malattie

Dettagli

Cellule staminali e ricostruzione d'organo

Cellule staminali e ricostruzione d'organo Cellule staminali e ricostruzione d'organo Marina Morigi, Barbara Imberti Laboratorio Biologia Cellulare e Xenotrapianto, NegriBergamo Il trapianto d organo spesso rappresenta l unica scelta terapeutica

Dettagli

Costanzo Moretti. Dipartimento di Medicina di Sistemi Università di Roma TorVergata. L anziano fragile con disturbi della sessualità

Costanzo Moretti. Dipartimento di Medicina di Sistemi Università di Roma TorVergata. L anziano fragile con disturbi della sessualità Costanzo Moretti Dipartimento di Medicina di Sistemi Università di Roma TorVergata L anziano fragile con disturbi della sessualità Durata della vita Condizione Condizione Funzione fisica mentale Qualità

Dettagli