T E S I D I L A U R E A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "T E S I D I L A U R E A"

Transcript

1 U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E F A C O L T À D I I N G E G N E R I A Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile T E S I D I L A U R E A PROGETTO DI UN ALBERGO, UN AUDITORIUM E UNA SALA ESPOSITIVA IN PIAZZA GUIDO GUERRA A EMPOLI. Relatori: Prof. Arch. Ettore Guglielmi Prof. Ing. Maurizio Orlando Prof. Ing. Claudio Borri Prof. Ing. Marco Pio Lauriola Candidato: Gianni Borgioli Anno Accademico 2009/2010

2 I N D I C E Introduzione... 3 L area dell intervento... 4 Individuazione dell area... 4 Lo sviluppo storico di Empoli... 6 L area di Piazza Guido Guerra La situazione urbanistica Il piano attuativo Il project financing Il progetto L auiditorium Acustica e architettura L evoluzione degli spazi per lo spettacolo La flessibilità dello spazio Il progetto L albergo Evoluzione dell ospitalità Il settore turistico Gli spazi dell albergo Normative Il progetto Il progetto strutturale dell auditorium Le strutture degli auditorium La struttura Definizione delle azioni sulla costruzione

3 Criteri di modellazione della struttura Azione sismica Definizione degli spettri di progetto Verifica stato limite di danno Sollecitazioni stato limite ultimo La copertura dell auditorium Verifica della trave in legno lamellare Verifica trave in fase Verifica trave in fase Verifica dei connettori Verifica trave in fase Verifica sismica Le travi in calcestruzzo armato Verifiche travi Verifica mensole tozze Il solaio del piano terra I pilastri in calcestruzzo armato Verifiche pilastri Le pareti in calcestruzzo armato Verifica del setto Conclusioni Bibliografia

4 S I N T E S I D E L L A T E S I I N T R O D U Z I O N E Il presente lavoro è nato dalla volontà di concludere il percorso universitario di studi con un esperienza progettuale che coinvolgesse le discipline studiate in questi anni. La selezione del tema si è quindi orientata verso la ricerca di un area su cui progettare un intervento. La scelta è caduta su Piazza Guido Guerra ad Empoli ed è stata ispirata dalla scheda del regolamento edilizio del Comune di Empoli riguardante il recupero di quest area, comunemente nota agli empolesi come il Piaggione. L interesse è determinato dalla varietà e l ampiezza delle richieste, dalla posizione dell area a ridosso del centro storico e dalla sua storia particolare. Il progetto si è evoluto partendo dallo studio dell area, del suo sviluppo storico e delle previsioni di piano. Il regolamento urbanistico richiede che nell area venga realizzato un auditorium ed una sala espositiva, con il meccanismo del project financing, lasciando la possibilità di sfruttare la restante superficie edificabile. Una volta definito il nuovo assetto dell area sono stati progettati gli edifici che maggiormente la caratterizzano: l albergo, la sala espositiva e l auditorium. La progettazione dell auditorium si è spinta fino al progetto esecutivo.

5 I N D I V I D U A Z I O N E D E L L A R E A Fig. 1 Individuazione dell area sulla cartografia regionale. La zona in oggetto di progettazione si trova ad Empoli (FI) ed è situata tra il centro storico e la sponda sinistra dell Arno e più precisamente delimitata da viale Petrarca (S.S. 67), viale Cesare Battisti e da piazza Guido Guerra. L area, di proprietà dell Amministrazione Comunale, ha una superficie di oltre m 2 ed è attualmente occupata dal Palazzo delle Esposizioni e da parcheggi di superficie. Il Regolamento Urbanistico del Comune di Empoli, in vigore dal 2005, prevede per tale area un Piano Attuativo, di cui tratteremo più avanti. Fig. 2 Area d intervento, immagine aerea. 2

6 L A S I T U A Z I O N E U R B A N I S T I C A L area in esame è rappresentata nella tavola 12 del regolamento urbanistico. La zona è perimetrata da una linea tratteggiata rossa che indica che l area è soggetta a piano attuativo, la sigla PUA 1.1 fa riferimento alla scheda norma 1.1. La campitura a righe oblique bianche e gialle, indica la zona di recupero. La campitura a quadri verdi nella zona inferiore, rappresenta una destinazione a verde pubblico. Inoltre sono presenti, con linee nere gli allineamenti obbligati. E prescritta la realizzazione di uno spazio espositivo di m 2 e di un auditorium di almeno 600 posti. Sono ammesse destinazioni di tipo: commerciale, direzionale, turistico ricettiva, alberghiera ed extra alberghiera, residenziale, pubbliche o d interesse pubblico. L attuazione è prevista tramite project financing. 3

7 I L P R O G E T T O Fig. 3 Planimetria generale L area è in una posizione ottimale dal punto di vista dell accessibilità, da un lato è adiacente al centro storico, dall altro è lungo la strada statale tosco-romagnola, che attraversa Empoli in direzione est-ovest, ed è a ridosso del ponte che collega Empoli con Sovigliana. L intervento va a spostare il baricentro del centro città verso l Arno e quindi verso i quartieri aldilà del fiume, del comune di Vinci, andando così a consolidare l idea di città su due rive. Le maggiori problematiche dell area sono rappresentate dal collegamento pedonale con via Ridolfi e dall altra parte la strada statale n. 67 Tosco-Romagnola che la separa dall Arno. Il Piaggione rappresentava per i cittadini un luogo pubblico, una funzione sociale di svago e di rapporto con il fiume, la presenza della statale, una strada a scorrimento veloce che si è interposta tra l Arno e il margine urbano, provocando un 4

8 forte abbassamento della qualità urbana dovuta alla presenza di traffico congestionato in alcune ore della giornata e troppo veloce in altre. Questa situazione può migliorare con la realizzazione di una nuova rete stradale, per il passaggio est-ovest della città, che dovrebbe assorbire il traffico passante e permettere la trasformazione in strada urbana della statale, consentendo l uso di parte della sede stradale per pedoni e ciclisti. Attualmente il tratto lungo l area in esame non presenta neppure i marciapiedi. L avvio del progetto presuppone la scelta di demolire l attuale palazzo delle esposizioni, le motivazioni sono varie: Il cambiamento delle condizioni socioeconomiche ha annullato le necessità per cui era sorto, l utilizzo attuale è saltuario e per le più svariate necessità a cui viene adattato con risultati scadenti. Per la sua riconvenzione occorre un radicale intervento sia dal punto di vista distributivo che strutturale e impiantistico. La struttura necessita di una manutenzione urgente, in molti punti i ferri d armatura affiorano in superficie a causa del degrado, inoltre la sua destinazione ne fa un edificio rischio elevato e, pur non essendo imposto dalla normativa, un adeguamento sismico sarebbe auspicabile. L edificio non ha particolare valenza architettonica, è stato concepito come un oggetto a se stante e risulta alieno all intorno. Inoltre la posizione al centro del lotto non è favorevole, in quando va separare la parte più vicina al centro storico dalla zona della pineta. Il progetto prevede la creazione di una piazza su cui si affacciano tutti gli edifici, collegata direttamente ad un giardino. Questo è ricavato dall area occupata dal parcheggio dove sono già presenti numerosi grandi pini. Al centro della piazza si posiziona l auditorium, l elemento principale del progetto. Il porticato presente sotto le due stecche di edifici con piano terra dedicato a negozi e primo ad abitazioni, è il naturale prolungamento del percorso pedonale proveniente dal centro storico, attraverso via Ridolfi. Gli edifici prevedono aperture che permettono il passaggio verso la piazza e il giardino. L albergo è su un piano rialzato di due metri rispetto alla piazza e va a chiudere il lato nord, in modo da proteggere la piazza dal traffico. Tutta la parte ovest della piazza è occupata dal parcheggio interrato 5

9 superficie volume spazio espositivo ed auditorium m m 3 albergo m m 3 negozi e abitazioni m m 3 totale m m 3 parcheggi superficie posti parcheggio interrato m parcheggio albergo m parcheggi superficie 654 m 2 45 totale m Fig. 4 viste dell intervento in progetto. 6

10 L A U I D I T O R I U M A cu st ica e ar ch itettura Un tempo di riverberazione alto da un effetto di pienezza del suono che va a discapito della chiarezza del suono, gli stili musicali sono nati anche in relazione a tipi particolari di sala, in relazione all ambiente acustico. Per cantanti, musicisti e ascoltatori non è solo importante il tempo di riverberazione (determinato dal volume dello spazio interno e dall'assorbimento totale del materiale delle superficie) ma piuttosto il momento dell'inizio della vibrazione dello spazio, il processo dello sviluppo graduale della risonanza, ovverosia la questione da dove, a quale distanza temporale e in quale quantità le riflessioni sonore giungano ad un possibile ascoltatore da una determinata posizione della fonte sonora. Esistono molti criteri di valutazione acustica nella letteratura specializzata e in particolare nella norma ISO 3382, inoltre si possono eseguire simulazioni al calcolatore di acustica architettonica, tramite un modello tridimensionale alle cui superfici viene assegnato un coefficiente di assorbimento e uno di diffusione per ogni frequenza. Fig. 5 Tempi di riverberazione per tipologia di sala. 7

11 Valori di volume per posto a sedere adatti ad ottenere un adeguata risonanza: sala conferenze 4-6 m 3 teatro di prosa 4-6 m 3 spazio polifunzionale (musica e prosa) 6-9 m 3 musica sinfonica m 3 chiese >10 m 3 sale prova m 3 L a f le ssibilità dell o sp azio La flessibilità dello spazio ovvero la capacità di adattamento alle diverse situazioni (spettacolari) o esigenze (acustiche) mediante la convertibilità delle caratteristiche, è obiettivo perseguito dai progettisti di luoghi dello spettacolo, a partire dagli anni 60, con ricerche incentrate sulla flessibilità acustica. È necessario poter variare la sonorità degli ambienti per rappresentare spettacoli di un repertorio molto vasto e di epoche diverse, con esigenze foniche diverse, dagli spazi ampliamente riverberanti per gli organi romantici agli spazi secchi per le composizioni barocche. Occorre quindi un luogo capace di variare la forma, la dimensione, la sonorità, la funzionalità. Solo i centri maggiori e le aree metropolitane, vale a dire dove è possibile un sicuro riscontro economico dovuto alla consistente massa di pubblico, possono concedersi il lusso di realizzare teatri e auditorium. Questo esclude la parte più cospicua del territorio, caratterizzata da centri medio piccoli come Empoli, da una diffusa partecipazione agli eventi artistici. La non economicità delle sale monouso, specifiche per una tipologia di spettacolo, spinge verso la scelta della sala flessibile pluriuso, con possibilità di alternare esibizioni appartenenti a tipi dissimili e promuovere l uso della struttura durante l intera giornata alfine di coinvolgere il maggior numero di utenti. La sala deve consentire rilevanti livelli di variabilità, sia dimensionale che acustica, modificando la posizione di alcuni elementi, attraverso lo spostamento del soffitto oppure elementi verticali per ottenere dimensioni ridotte. Le condizioni di acustica ambientale sono adattabili nel momento in cui le superfici, di preferenza delle pareti, siano acusticamente modificabili. Il caso più semplice è rappresentato da rivestimento con tendaggio delle pareti fono riflettenti o dalla movimentazione di tende a rullo fono assorbenti, motorizzate. Il successo delle misure acustiche variabili è determinato dalla facilità di utilizzo e adattamento da parte dell utenza finale. 8

12 I L P R O G E T T O Fig. 6 Viste dell auditorium e sala espositiva. La possibilità di un territorio urbano di competere con altre realtà e porsi come polo di attrazione non dipende esclusivamente dall adeguatezza e dalla qualità delle sue infrastrutture tradizionalmente a supporto dello sviluppo di insediamenti produttivi. Dipende anche dalla sua capacità di offrire e strutture per tutte le attività che migliorano la qualità della vita e dell ambiente, attività che a loro volta creano e attirano nuove figure imprenditoriali. È all interno di questo tipo di considerazioni che si è collocato il progetto per un auditorium, luogo per la musica, ma pensato strutturalmente flessibile per rispondere ad un complesso di funzioni. Una struttura in grado di aumentare la competitività del sistema urbano. La forma quadrangolare di molte sale sinfoniche storiche appare la più adatta per doti acustiche e di duttilità. Il volume dell edificio è dimensionato su quello di una sala da concerto di musica classica: 600 spettatori, per ottenere un tempo di riverberazione accettabile occorre 10 m 3 per spettatore, quindi 6000 m 3. Valutando in prima approssimazione un metro quadro per spettatore, occorre una sala di 600 m 2 e un altezza di 10 m. Per adattare la sala ad utilizzazioni che necessitano di tempi di riverberazione bassi il soffitto è dotato di pannelli mobili che permettono di diminuire l altezza della sala fino a 6 m ottenendo così 6 m 3 per spettatore, volume ottimale per 9

13 sale conferenze e teatri di prosa. L ingombro delle poltrone è di 60 cm di larghezza e 110 cm di lunghezza considerando anche lo spazio antistante. La sala è divisa in due settori di 10 file, ogni fila ha 30 poltroncine. Ogni fila è divisa in tre parti dai corridoi, il maggior spazio è dato alla zona centrale con 14 poltrone (numero che è preferibile non superare per ragioni di accesso), le due parti laterali sono costituite da 8 poltrone. i corridoi sono di 1,5 metri. Entrambi i settori sono costituiti da gradoni sfalsati di 15 cm in modo garantire a tutti la visibilità del palco. Per variare l uso della sala occorre, oltre che cambiare il volume, mutare le superfici assorbenti o riflettenti secondo l impiego. Sopra al palco è previsto un panello riflettente che il compito di indirizzare il suono dell orchestra sulla sala, durante usi diversi il pannello viene alzato, la parete di fondo è rivestita in materiale assorbente per evitare echi fastidiosi per ogni uso. Le pareti laterali fono riflettenti garantiscono un comportamento ottimale per i concerti di musica classica, ma pessimo per quanto riguarda l uso come sala conferenze, teatro di prosa o per concerti con musica amplificata. Per risolvere questo problema le pareti sono rivestite da pannelli ad assorbimento variabile, trasformando in questa maniera una sala musicale molto sonora in un ambiente con una migliore intelligibilità verbale. Inoltre gli altoparlanti utilizzati dovranno essere particolarmente direttivi, vale a dire che irradino esclusivamente verso il pubblico. Per ottenere le giuste prestazioni acustiche occorre uno studio opportuno, che esula dal contenuto di questa tesi. Il progetto prevede accorpare l auditorium e la sala espositiva ih modo da sfruttare in comune alcuni spazzi, come l ingresso, il guardaroba, il bar. La sala espositiva è di 1178 m 2 ed è frazionabile in due. L auditorium ha una sala da 600 posti posiziona al centro dell edifico, sul fronte e sul retro trovano posto gli uffici, le sale prova nonché il deposito e i locali tecnici. L ingresso si volge verso il centro storico ed è l elemento che si evidenzia arrivando sull area da via Ridolfi. La copertura della sala espositiva è realizzata con degli shed in modo da avere illuminazione dall alto su tutta la superficie. È stata considerata una maglia strutturale regolare di 8,40 x 8,40 m in modo da favorire la prefabbricazione degli elementi strutturali. La maglia scelta risulta ottima per le esigenze del parcheggio, che si estende sotto l auditorium, la sala espositiva e la piazza. Il parcheggio è di circa m 2 ed ha 251 posti, è diviso in due compartimenti dotati di rampa di uscita, le 10

14 uscite pedonali sono due dotate di ascensore e una di sola emergenza. Le due parti dell edificio si differenzia tramite i rivestimenti utilizzati: per la sala espositiva è stata scelta la pietra Santafiora tipo Leopard levigato; l Auditorium è semplicemente intonacato fino alla quota di 5,6 m (che corrisponde all altezza della sala espositiva), mentre al di sopra è applicato un rivestimento in doge in cotto Sannini T-type. Queste hanno la funzione di elementi frangisole e evidenziano la parte superiore dell auditorium come un volume omogeneo che appare sospesero sulla piazza. Fig. 7 Santafiora tipo Leopard levigato Fig. 8 doghe in cotto Sannini T-type 11

15 Fig. 9 sezione dell auditorium. Fig. 10 pianta del piano terra dell auditorium e sala espositiva. 12

16 Fig. 11 pianta del piano primo dell auditorium Fig. 12 Pianta piano interrato. 13

17 L A L B E R G O Gli s pazi dell alber go Gli elementi che costituiscono l albergo variano con la destinazione della struttura e delle sue dimensioni. In termini di superficie e di attenzione progettuale richiesta la zona camere costituisce la parte più importante della struttura, occupa una percentuale che in genere varia fra il 70 e l 80 del totale. Gli alberghi di alto livello presentano una percentuale minore di area totale riservata alle camere, in quanto devono tener conto di una gamma di servizi ausiliari quali l area dedicata a varie tipologie di ristorazione, l area dedicata alle conferenze, quella per il tempo libero, palestra piuttosto, centro benessere ecc.. L area di ricevimento rappresenta lo spazio più caratteristico della struttura. Tramite l ingresso, si accede all atrio dove sono presenti i servizi di accettazione, portineria e segreteria. Tutto il pacchetto è detto front office e ha una relativa zona di attesa e di sosta. L area di ricevimento comprende anche locali sussidiari destinati ad uffici, depositi bagagli, sevizi igienici e quant altro. L atrio costituisce la zona di circolazione, di controllo e d incontro più importante dell organismo ricettivo, da qui accede alla zona ascensori e alle zona accessorie, come bar e ristoranti. La zona camere deve rispondere ad esigenze di fruizione, comfort, sicurezza, benessere e privacy. La tipologia di camera più comune è quella doppia, rappresenta il 75% negli gli alberghi di tipo business, mentre in quelli di tipo leisure c è uguale richiesta di camere doppie e triple, circa il 40% ciascuno. Le camere con letto singolo sono richieste soprattutto nell attività business, circa il 15%, altra tipologia da considerare è la camera suite, che indica un piccolo appartamento costituito da ingresso, salotto, una o più camere contigue e bagno. Le scelte del progetto sono orientate verso due sole dimensioni delle camere, una per le camere doppie e per le singole ed una per le triple, e le suite. 14

18 I L P R O G E T T O Fig. 13 Viste dell albergo. L ipotesi di questo insediamento alberghiero ha come obiettivo un tipo di clientela business e di turismo itinerante per far fronte alla numerosa richiesta di posti letto che normalmente si crea nelle zone a turismo diffuso e nelle realtà industriali evolute. Il comune di Empoli non dispone di nessuna struttura alberghiera a quattro stelle di carattere commerciale/congressuale ed anche i comuni del Circondario e quelli del comprensorio del Cuoio non risultano sufficientemente attrezzati. Il possibile bacino d utenza di un insediamento di questo tipo è riferito non solo al territorio del comune di Empoli, ma anche al distretto economico dell Empolese Val d Elsa ed al distretto conciario di Santa Croce sull Arno. Inoltre dobbiamo considerare la crescita delle attività in ambito turistico - rurale, che coinvolge soprattutto una parte del circondario (ad esempio Vinci, Certaldo, Castelfiorentino, Montaione, Gambassi), ma che può avere 15

19 ricadute importanti sull intera area. Si tratta di un ulteriore direttrice di sviluppo, a complemento della posizione centrale dell area rispetto al triangolo Firenze, Pisa, Siena. L hotel in progetto è di categoria 4 stelle e dispone di 108 camere. Come servizi propone un ristorante per 150 persone, un tetto attrezzato a giardino con piscina e bar, una sala convegni da 182 posti frazionabile in due da 70 posti, e da una sala riunioni, inoltre l attività congressuale è collegata con l auditorium da 600 posti adiacente. Sotto l èdificio è presente un parcheggio con 120 posti auto, oltre ad uno spazio per soste brevi di fronte all albergo in grado di accogliere anche pullman. L edificio è costituito da cinque piani, quello interrato è occupato dal parcheggio, al piano terra sono posizionati gli spazzi comuni e gli altri tre sono occupati da camere. Nella zona centrale del piano terra troviamo la reception, il bar e gli uffici per la gestione dell albergo, l accesso avviene sia dal lato lungo l Arno che dalla piazza. Nella parte est del piano terra si trova il ristorante, accessibile sia dal lato Arno che dalla piazza, oppure direttamente dalla reception per i clienti dell albergo. La progettazione dell albergo è iniziata cercando una maglia strutturale che ben si adattasse alla distribuzione delle camere e del parcheggio sotterraneo. La maglia strutturale quadrata di 8,4 x 8,4 m si adatta bene alle esigenze. Le camere si basano su due dimensioni una di circa 23 m 2 ed una di circa 33 m 2 quella più piccola può essere usata come camera matrimoniale standard o come singola, quella più grande è utilizzabile come camera tripla o matrimoniale superiore, denominata comunemente junior-suite, la camera suite è composta da due camere piccole. Limitando a solo due dimensioni di camere è stato possibile soddisfare tutte le richieste tipologiche. Fig. 14 Pianta del piano interrato 16

20 Fig. 15 Pianta del paino terra. Fig. 16 Pianta del piano tipo. Fig. 17 Pianta del piano copertura Fig. 18 Le camere tipo. 17

21 I L P R O G E T T O S T R U T T U R A L E D E L L A U D I T O R I U M Le st rutture de gli au ditoriu m Le strutture degli auditorium sono le più varie, la soluzione adottata dipende dalla forma e dalle prestazioni richieste. Nella maggior parte dei progetti, soprattutto se le strutture sono nascoste alla vista sia all interno che all esterno, vengono proposte soluzioni tradizionali, in particolari reticolari in acciaio. Non mancano le soluzioni strutturali particolari. Gli edifici con forme più complesse sono, in genere, risolti con strutture in acciaio, che meglio si prestano a soluzioni speciali. Anche se le coperture sono spesso con capriate in acciaio, sono in aumentando le soluzioni in legno lamellare. Non mancano neppure le strutture miste: acciaio-calcestruzzo, legno-calcestruzzo e capriate in legno e acciaio. Le strutture con soletta collaborante risultano particolarmente indicate per migliorare l isolamento acustico, il suono trasmesso per via aerea è abbattuto maggiormente da strutture pesanti. L a s t r u t t u r a La struttura è costituita da telai in calcestruzzo armato su fondazione a platea. La maglia dei pilastri è quadrata con luci di 8,4 m. In corrispondenza della sala la maglia si interrompe e la luce in direzione trasversale arriva a 25,2 m. la copertura della sala è realizzata con travi in legno lamellare collaboranti con la soletta in calcestruzzo. I solai sono alveolari per il piano terra mentre per gli altri piani dove il carico è minore sono di tipo predalle. Fig. 19 Immagine della struttura 18

22 Fig. 20 Immagine della struttura Definizione delle azioni su ll a cost ruzione Le azioni sono definite nel DM infrastrutture 14 gennaio 2008 e nella circolare applicativa n. 617 del 2 febbraio Vita nominale la costruzione rientra nel tipo 2 della tabella 2.4.I, Opere ordinarie, ponti, opere infrastrutturali e dighe di dimensioni contenute o di importanza normale. V N 50 anni Classe d uso L auditorium prevede affollamenti significativi. Classe III Il valore del coefficiente d uso C U è definito, al variare della classe d uso, secondo Tabella 2.4.II. C U = 1,5 Periodo di riferimento per l azione sismica Le azioni sismiche su ciascuna costruzione vengono valutate in relazione ad un periodo di riferimento VR che si ricava, per ciascun tipo di costruzione, moltiplicandone la vita nominale V N per il coefficiente d uso C U : V R = V N C U = 75 anni 19

23 Fig. 21 Pianta primo solaio 20

24 Fig. 22 Pianta secondo e terzo solaio. 21

25 Fig. 23 Pianta copertura. 22

26 C riteri di modell azione dell a st ruttura Il DM 14 Gennaio 2008 richiede che il modello della struttura sia tridimensionale e rappresentare in modo adeguato le effettive distribuzioni spaziali di massa, rigidezza e resistenza, con particolare attenzione alle situazioni nelle quali componenti orizzontali dell azione sismica possono produrre forze d inerzia verticali (travi di grande luce, sbalzi significativi, etc.). Nella definizione del modello alcuni elementi strutturali, considerati secondari, e gli elementi non strutturali autoportanti (tamponature e tramezzi), possono essere rappresentati unicamente in termini di massa, considerando il loro contributo alla rigidezza e alla resistenza del sistema strutturale solo qualora essi possiedano rigidezza e resistenza tali da modificare significativamente il comportamento del modello. Gli orizzontamenti della struttura possono essere considerati infinitamente rigidi nel loro piano, in quanto dotati di soletta in cemento armato di almeno 40 mm di spessore, il solaio di copertura della sala è dotato di soletta di 50 mm di spessore collegata da connettori a taglio. Fig. 24 Modello SAP2000 Il modello della struttura è dettato da condizioni geometriche ed ipotesi progettuali. I pilastri e le travi sono stati inseriti come elemeti frame, mentre i settui e gli ascensori come elementi shell. Per verificare la bontà della meshiatura degli elementi shell è stata infittita in un altro modello, una volta verificato che i risultati erano coerenti è stato considerato valido questo modello, da un punto di vista computazionale più leggero, e su di esso sono state svolte le successive analisi. I primi modi di vibrazione riguardano le travi della copertura. Questi sono tutti modi verticali che non influenzano l analisi perché l azione verticale non è considerata. Essendo la trave di luce maggiore di 20 m l effetto dell azione sismica verticale deve 23

27 essere considerata, questo è stato fatto separatamente. I risultati dell anali evidenziano il buon comportamento dell edificio, i primi due modi sono di sola traslazione e solo i terzo presenta rotazione. Fig. 25 Forma modale n 13, periodo 0,5196 s. Fig. 26 Forma modale n 17, periodo 0,4938 s. Fig. 27 Forma modale n 18, periodo 0,4235 s. 24

28 Fig. 28 Spettri di risposta elastici per i diversi Stati Limite Fig. 29 Spettri di risposta SLV Fig. 30 Spettri di risposta SLD 25

29 Solle citazioni st at o li mite u lti mo Nell edificio possiamo distinguere tre tipi di telaio: Telaio 1 Telaio 2 Telaio 3 Riporto di seguito i grafici delle sollecitazioni delle tre tipologie di telai e dei due telai laterali, nella combinazione inviluppo slu. La parte rossa corrisponde alla combinazione SLV che considera l azione sismica combinata con gli altri carichi. La parte blu corrisponde alla combinazione fondamentale SLU, che considera i carichi statici amplificati. Fig. 31 Telaio 1. Fig. 32 Telaio 2. 26

30 Fig. 33 Telaio 3, momento flettente. Fig. 34 Telaio lato setto, momento flettente. Fig. 35 Telaio lato setto, taglio Fig. 36 Telaio lato setto, sforzo normale. 27

31 L A C O P E R T U R A D E L L A U D I T O R I U M Fig. 37 Pianta della copertura. Fig. 38 Sezione trasversale sala auditorium. La copertura è costituita da travi in legno lamellare collaboranti con la soletta in calcestruzzo. Questa soluzione garantisce elevata rigidezza del solaio nel proprio piano, stabilizza le travi impedendone lo svergolamento e permette la diminuzione della freccia di inflessione rispetto alle sole travi in legno, inoltre la massa del calcestruzzo garantisce un adeguato isolamento acustico della sala. L idea originale di far collaborare calcestruzzo e legno risale al 1956 ad opera di Möhler, le prime importanti realizzazioni con elementi strutturali composti in legnocalcestruzzo sono apparse in Svezia a partire dagli anni Settanta ed hanno avuto 28

32 un espansione industriale in Norvegia ed in Finlandia. La prima tecnica italiana di rinforzo dei solai lignei è la Turrini-Piazza nel 1983 e appartiene alla famiglia dei connettori a spinotti. Tale metodo è stato ideato fondamentalmente per interventi di recupero strutturale di solai in legno riferiti alla casistica tipica italiana. Fig. 39 Sezione longitudinale del sistema Turrini-Piazza. Per la trasmissione delle forze di taglio si usano come spinotti dei tondini ad aderenza migliorata impiegati normalmente per il C.A., piegati a forma di L e infissi tramite resina epossidica nei fori creati nella trave. I migliori risultati si ottengono evitando una forte concentrazione di sforzi di connessione in pochi punti, realizzando in altre parole un collegamento tra legno e cls relativamente continuo, effettuato con connettori di diametro non elevato e posti a distanza non eccessiva. La distanza tra gli spinotti a taglio nelle zone di massimo sforzo non deve essere inferiore ad otto volte il diametro stesso dello spinotto. Tale sistema di connessione risulta deformabile per la presenza di scorrimenti non trascurabili sulla superficie di contatto tra gli elementi connessi, dovuta alla deformazione del connettore e a fenomeni di rifollamento del legno dovuto alle caratteristiche fisiche del materiale, che subisce notevoli plasticizzazioni nelle zone compresse dal connettore. Tale tensione deve essere adeguatamente distribuita su una buona superficie di contatto aumentando il numero di connettori o aumentando la dimensione di contatto del connettore (il diametro). Le CNR-DT 206/2007 al punto 8.2 stabiliscono che la verifica a taglio delle sezioni terminali di travi con intagli deve essere svolta tenendo conto dello stato tensionale causato dall intaglio, con riferimento all altezza effettiva ridotta (h ef ) della sezione trasversale. 29

33 Nel caso in cui siano presenti tensioni di trazione in corrispondenza dell intaglio purché la lunghezza del tratto rastremato sia non inferiore a 10 volte (h-h ef ) ed h ef sia non minore di h/2, si deve verificare quindi la seguente condizione: valida per travi a sezione trasversale rettangolare con fibratura parallela all asse longitudinale della trave stessa. E sconsigliabile l uso di travi con intagli senza rastremazione o con lunghezza del tratto rastremato inferiore a 10 volte (h-h ef ) senza che siano presi opportuni provvedimenti per contrastare l apertura delle fessure del materiale in zona tesa. Per evitare tensioni perpendicolari alla fibratura in zona tesa, oltre a rispettare le limitazioni imposte, la parte dritta e inclinata della trave sono raccordate con una curva e vengono incollate due lamelle lungo tutta la parte inferiore della trave. In questo modo nella parte inclinata le tensioni sono parallele alla fibratura dalle due lamelle. Ve rifica dell a t r ave in le gn o l amell are La trave è stata verificata in tre fasi: Fase 0 La trave è posizionata sulla copertura e viene gettata la soletta in calcestruzzo. Prima di collaborare con il calcestruzzo la trave in legno assorbe tutto il carico, le tensioni che il carico permanente generano nella trave resteranno per tutta la vita della struttura, non andranno mai sulla parte in calcestruzzo. Fase 1 In questa fase il calcestruzzo e il legno collaborano e la trave deve essere verificata con i carichi aggiunti alla fase 0. La tensione sul legno della fase 0 va sottratta alla resistenza del legno. Fase è necessario verificare sul lungo tempo a causa delle deformazioni viscose dei materiali. Queste generano maggiori deformazioni e una migrazione delle tensioni dal calcestruzzo al legno. inoltre sono state effettuate le verifiche in caso d incendio e sisma. 30

34 Fig. 40 Sezione trasversale della trave. Caratteristiche geometriche: luce trave 24,70 m luce di carico 2,1 m spessore tavolato 4,5 cm distanza baricentri 88,5 cm larghezza trave 24 cm altezza trave 160 cm area trave 3840 cm 2 momento d'inerzia cm 4 modulo di resistenza cm 3 altezza trave agli appoggi 80 cm larghezza efficace soletta 210 cm altezza soletta 8 cm area soletta 1680 cm 2 momento d'inerzia soletta 8960 cm 4 31

35 Fig. 41 Particolare dell appoggio sulla trave in cls. Fig. 42 Particolare della trave. 32

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione.

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Nuovo sistema di interconnessione più calcestruzzi strutturali Leca. L unione fa il rinforzo.

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. RICCARDO

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

Solaio. Analisi di solai in laterocemento. La definizione del solaio. Newsoft Centro Metropolis, Rende 0984 463798 463884 www.newsoft-eng.

Solaio. Analisi di solai in laterocemento. La definizione del solaio. Newsoft Centro Metropolis, Rende 0984 463798 463884 www.newsoft-eng. Newsoft SOLAIO Scheda Tecnica Solaio Analisi di solai in laterocemento Solaio è un programma per la progettazione di solai continui in latero-cemento a nervature parallele, gettate in opera o realizzate

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore)

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Novembre 2009 Laurea Specialistica Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Tema N.1. Complesso residenziale

Dettagli

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue 1 Pali di fondazione Si possono avere: a) pali in legno: oggi quasi totalmente abbandonati e impiegati solo per modeste costruzioni che trasmettono carichi limitati, per lo più in zone con abbondante legname,

Dettagli

SETTI O PARETI IN C.A.

SETTI O PARETI IN C.A. SETTI O PARETI IN C.A. Parete Pareti accoppiate SETTI O PARETI IN C.A. Na 20% Fh i i h i Na/M tot >=0.2 SETTI O PARETI IN C.A. IL FATTORE DI STRUTTURA VERIFICHE SETTI O PARETI IN C.A. SOLLECITAZIONI -FLESSIONE

Dettagli

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Il controllo della progettazione: i compiti del collaudatore. Forum della Tecnica delle

Dettagli

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio LABORATORIO DI COSTRUZIONE DELL ARCHITETTURA 2A prof. Renato Giannini Relazione ed elaborati di progetto per il solaio (arch. Lorena Sguerri) Relazione di calcolo Predimensionamento e analisi dei carichi

Dettagli

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail:

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail: RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DELL EDIFICIO MUNICIPALE DI AZZANO SANPAOLO BG- Curno, Novembre 2013 Tecnico incaricato Dott. Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI Descrizione dello stato di fatto II fabbricato

Dettagli

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto.

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. Il progetto prevede: la realizzazione di un nuovo intervento strutturale:

Dettagli

Criteri per la scelta dell intervento

Criteri per la scelta dell intervento Edifici esistenti in c.a.: Esempi di intervento Giovanni Plizzari Università di Brescia plizzari@ing.unibs.it L Accademia del Costruire Gussago, 23 Marzo 2012 1/86 Criteri per la scelta dell intervento

Dettagli

PROGRAMMA COSTRUZIONI PROGETTAZIONE IMPIANTI CLASSE 4B PROF. ABELLO SERENA A.S. 2013-2014

PROGRAMMA COSTRUZIONI PROGETTAZIONE IMPIANTI CLASSE 4B PROF. ABELLO SERENA A.S. 2013-2014 - CLASSE 4B PROF. ABELLO SERENA A.S. 2013-2014 Per una maggiore chiarezza e trasparenza sui contenuti del corso svolti durante l anno scolastico si allega il programma che segue. I libri di testo a cui

Dettagli

Verifica sismica degli edifici in muratura attraverso il software di calcolo 3Muri

Verifica sismica degli edifici in muratura attraverso il software di calcolo 3Muri Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Verifica sismica degli edifici in muratura attraverso il software

Dettagli

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente !"# Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Vantaggi vs. svantaggi Struttura prefabbricata: assemblaggio di elementi (pilastri, travi, tegoli) prodotti in appositi stabilimenti, trasportati in

Dettagli

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M.

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. Il patrimonio storico in Italia è largamente costituito da fabbricati e monumenti in muratura. Le tipologie costruttive e i materiali utilizzati sono i più vari (pietrame

Dettagli

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI INTERNAZIONAL AIRPORT NAPOLI CAPODICHINO NEW TERMINAL PASSENGER DESIGN OF STEEL

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

Le strutture di FONDAZIONE

Le strutture di FONDAZIONE Le strutture di FONDAZIONE Laboratorio di Tecnologia dell Architettura Prof.ssa Paola Gallo A.A. 2012-2013 Strutture di fondazione Le fondazioni sono elementi strutturali che trasferiscono i carichi delle

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CONSOLIDAMENTO DI SOLAI IN LEGNO (1) Chiodi in numero eccessivo ed allineati: soluzione scorretta. Tavole connesse

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

versus strutture intelaiate in c.a.

versus strutture intelaiate in c.a. Costruire oggi: muratura portante versus strutture intelaiate in c.a. DI M. Boscolo Bielo Godega di S. Urbano (TV) L analisi dei costi per la realizzazione di un edificio per il terziario a Godega di S.

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Indice ANALISI E VERIFICA DI SISTEMI DI GIUNZIONE INNOVATIVI PER EDIFICI DI LEGNO. Vantaggi di un edificio in legno

Indice ANALISI E VERIFICA DI SISTEMI DI GIUNZIONE INNOVATIVI PER EDIFICI DI LEGNO. Vantaggi di un edificio in legno Indice ANALISI E VERIFICA DI SISTEMI DI GIUNZIONE INNOVATIVI PER EDIFICI DI LEGNO Vantaggi di un edificio in legno Tipologia di giunzioni per edifici di legno Esigenza statica di un edificio in X-Lam Tipologia

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai 1. - Premessa In genere nei solai la zona in prossimità degli appoggi risulta particolarmente critica in quanto le sollecitazioni in gioco sono molto

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN

LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN MURATURA PORTANTE ORDINARIA E ARMATA SECONDO LE NTC 2008 Come progettare edifici prestazionali in laterizio Modena - 15 Febbraio 2013 Sommario Brevi cenni sull evoluzione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI 1.144 CASSETTONI LUNGO IL MURO DI CINTA AD OVEST DELLA ZONA DI AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE. RELAZIONE TECNICA GENERALE 1 - PREMESSE L Amministrazione Comunale

Dettagli

www.tecnaria.com RINFORZO DEI SOLAI IN LEGNO Sistema di calcolo aggiornato NTC2008 Connettori a piolo e ramponi

www.tecnaria.com RINFORZO DEI SOLAI IN LEGNO Sistema di calcolo aggiornato NTC2008 Connettori a piolo e ramponi www.tecnaria.com RINFORZO DEI SOLAI IN LEGNO Sistema di calcolo aggiornato NTC200 Connettori a piolo e ramponi TECNARIA SISTEMI MODERNI DI RINFORZO LA SOLUZIONE DI UN PROBLEMA x I vecchi solai in legno

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO PREMESSA DELLO STUDIO ESEGUITO L edificio oggetto d intervento (fig.1) è situato nel Comune di Vittoria in Provincia di Ragusa. Si tratta di un edificio esistente con struttura portante mista, telai in

Dettagli

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO SPECIALISTICA OPERE INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE

Dettagli

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Introduzione Il progetto del tratto autostradale in esame prevede interventi relativi alle seguenti opere strutturali maggiori. Raddoppio

Dettagli

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo Mettere figura 1 Cinematica delle strutture Produzione di profilati e lamiere in acciaieria Trasformazione in elementi strutturali e preassemblaggi Trasporto

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE EDIFICI IN MURATURA PORTANTE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE 1 - ZONE NON SISMICHE Riferimenti: D.M. LLPP 20.11.1987 Il calcolo strutturale degli edifici in muratura portante, secondo

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Università di Pisa DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Danneggiamento e riparazione di elementi strutturali

Dettagli

Auditorium. Parco della musica - Roma. Il progetto. Renzo Piano Building Workshop. Prospetti metallici

Auditorium. Parco della musica - Roma. Il progetto. Renzo Piano Building Workshop. Prospetti metallici Auditorium Parco della musica - Roma Renzo Piano Building Workshop Il progetto L auditorium di Roma è un complesso multifunzionale dedicato alla musica caratterizzato da tre scatole musicali che sembrano

Dettagli

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI Le lastre Ytong, sono elementi armati autoportanti che permettono di realizzare solai e tetti di edifici residenziali, con una velocità di posa insuperabile rispetto

Dettagli

BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE. Footer Text

BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE. Footer Text ARGOMENTI: MATERIALI E PRODOTTI DA COSTRUZIONE TIPOLOGIE STRUTTURALI E DETTAGLI COSTRUTTIVI AZIONI SULLE COSTRUZIONI RISPOSTA SISMICA E CRITERI DI PROGETTAZIONE BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE

Dettagli

ussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì EDIFICI IN X AGGIORNAMENTO 25/04/2014

ussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì EDIFICI IN X AGGIORNAMENTO 25/04/2014 Sussidi ussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì EDIFICI IN X X-LAM I AGGIORNAMENTO 25/04/2014 Il sistema costruttivo per gli edifici e case in

Dettagli

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino.

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino. OGGETTO DELL INTERVENTO: DESCRIZIONE L intervento consiste nella costruzione di un padiglione prevalentemente in legno, dalle forme barocche, la cui funzione ludica è esplicitata tanto nell estetica quanto

Dettagli

Il viadotto S.Anna Principi informatori della progettazione esecutiva

Il viadotto S.Anna Principi informatori della progettazione esecutiva Il viadotto S.Anna Principi informatori della progettazione esecutiva Il viadotto in sistema misto S.Anna è situato sulla strada di collegamento della vallata del Vibrata con la vallata del Tordino all

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria PRIMA PROVA SCRITTA DEL 23 NOVEMBRE 2011 Tema n. 1 Il candidato illustri i tipi edilizi residenziali. Si discutano inoltre le principali relazioni tra tipologie edilizie e morfologie urbane. Si richiede,

Dettagli

EX LIBRIS RELAZIONE ILLUSTRATIVA

EX LIBRIS RELAZIONE ILLUSTRATIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN MARANELLO RELAZIONE ILLUSTRATIVA I vincoli dati dai confini e l esigenza di evitare costi eccessivi, ci hanno indotto a scelte il

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Tecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Tecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 IL PROGETTO STRUTTURALE...2 3.1 I criteri di progettazione...2 3.2 L organismo strutturale...3 3.3 Le strutture di fondazione...3

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO Interventi urgenti finalizzati alla messa in sicurezza, alla prevenzione e alla riduzione del rischio connesso

Dettagli

Il ritorno di interesse per la muratura portante è ulteriormente

Il ritorno di interesse per la muratura portante è ulteriormente Normativa Flavio Mosele*, Lorenzo Bari* Strutture miste e fondazioni negli edifici in muratura portante L entrata in vigore del Dm 14/01/2008, «Norme tecniche per le costruzioni» (Ntc 2008), ha portato

Dettagli

SCUOLA DI INGEGNERIA. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Edile. Tesi di Laurea:

SCUOLA DI INGEGNERIA. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Edile. Tesi di Laurea: SCUOLA DI INGEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Edile Anno Accademico 2014/2015 Tesi di Laurea: PROGETTO DI PARZIALE RICOSTRUZIONE E RECUPERO STRUTTURALE DI PALAZZO VITALE AD AQUILONIA (AV)

Dettagli

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA Comune di Taranto 10^ Direzione Lavori Pubblici SCHEDA DI VULNERABILITÀ SMICA OGGETTO: Lavori di riqualificazione edilizia ed impiantistica della scuola media C. COLOMBO Via Medaglie D Oro n. 117 - Taranto

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

Realizzazione di un edificio unifamiliare in muratura armata POROTON

Realizzazione di un edificio unifamiliare in muratura armata POROTON Consorzio POROTON Italia Via Gobetti 9-37138 VERONA Tel 045.572697 Fax 045.572430 www.poroton.it - info@poroton.it News - Realizzazioni 15 giugno 2004 Realizzazione di un edificio unifamiliare in muratura

Dettagli

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio SCALE / nomenclatura SCALE / segni convenzionali. TIPOLOGIE DI SCALE. Problemi geometrici fra rampe successive. SCALE / RAPPRESENTAZIONE elementi di completamento. SCHEMI STRUTTURALI COMPARATIVI PER SCALE

Dettagli

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno-

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CONSOLIDAMENTO DEL LEGNO BIODEGRADATO Prima che il legno affetto da degrado

Dettagli

RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a

RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a servizio delle attività svolte all interno dell edificio

Dettagli

Strutture per coperture inclinate

Strutture per coperture inclinate Le strutture per coperture inclinate sono costituite da elementi o parti strutturali disposti secondo piani differenti da quello orizzontale (definiti falde), destinati a svolgere la funzione di copertura

Dettagli

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio 1 Cenni introduttivi ed Analisi dei carichi.... 2 1.1 Descrizione Tipologica...2 1.2 Schematizzazione strutturale...4 1.3 Analisi

Dettagli

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 Indice Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 A1.1 Relazione generale illustrativa dell opera... 2 A1.2 Normativa di riferimento... 3 A1.3 Descrizione del modello strutturale... 4 A1.4 Valutazione

Dettagli

Università degli studi di Firenze Facoltà di Ingegneria Tesi di laurea specialistica in Ingegneria Civile

Università degli studi di Firenze Facoltà di Ingegneria Tesi di laurea specialistica in Ingegneria Civile Università degli studi di Firenze Facoltà di Ingegneria Tesi di laurea specialistica in Ingegneria Civile Valutazione prestazionale di edificio scolastico esistente mediante analisi non lineare a plasticità

Dettagli

Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI INDICE

Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI INDICE Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI Convenzione di ricerca con Fixolite-Isobloc Prove di laboratorio tipologia prova 3a - spess=14cm INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PROGRAMMA DI PROVA E DETTAGLI COSTRUTTIVI

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Appoggi per l edilizia Kilcher

Appoggi per l edilizia Kilcher Appoggi per l edilizia Kilcher Deforma Limitgliss Teflon Con l installazione degli appoggi Kilcher è possibile evitare la formazione di crepe nelle costruzioni dovute a deformazioni e torsioni angolari

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di adeguamento alle norme di igiene e sicurezza e realizzazione di dotazioni impiantistiche presso il Sant

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Immagine 1_Piano_IM.01 "Mobilità"

RELAZIONE TECNICA. Immagine 1_Piano_IM.01 Mobilità RELAZIONE TECNICA L area di progetto insiste su una porzione del settore Nord-Est di Sesto San Giovanni, Comune confinante a Sud-Ovest con il capoluogo lombardo. L area in oggetto si trova in un punto

Dettagli

6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo

6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo 6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo Si supponga di volere determinare lo schema di carico per il calcolo all SLV delle sollecitazioni in direzione del telaio riportato nella Pfigura 1, con ordinata

Dettagli

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA In collaborazione con: COMUNE DI BOLOGNA GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA IL TOTAL LOOK DEGLI EDIFICI Bologna 15 aprile 2015 In partnership con: PRESUPPOSTI

Dettagli

Il terremoto de L'aquila: comportamento delle strutture in cemento armato

Il terremoto de L'aquila: comportamento delle strutture in cemento armato Il terremoto de L'aquila: comportamento delle strutture in cemento armato Gaetano Manfredi gaetano.manfredi@unina.it Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università degli Studi di Napoli Federico II

Dettagli

Interventi di consolidamento utilizzando elementi di nuova costruzione

Interventi di consolidamento utilizzando elementi di nuova costruzione Interventi di consolidamento utilizzando elementi di nuova costruzione 1. Introduzione Il consolidamento degli edifici esistenti è una problematica alla quale possono essere applicate diverse soluzioni.

Dettagli

INDICE. 1. Premesse e schema di calcolo della struttura pag. 2. 2. Regime normativo pag. 5

INDICE. 1. Premesse e schema di calcolo della struttura pag. 2. 2. Regime normativo pag. 5 INDICE 1. Premesse e schema di calcolo della struttura pag. 2 2. Regime normativo pag. 5 3. Vita nominale, classi d uso e periodo di riferimento pag. 6 4. Determinazione dell azione sismica secondo pag.

Dettagli

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO E LEGNO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi PONTI under construction Sbalzi

Dettagli

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno COMUNE DI SIGNA Provincia di Firenze Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno Cassa di espansione dei Renai I LOTTO PROGETTO DEFINITIVO Opere civili e viabilità di accesso

Dettagli

CHIUSURE ORIZZONTALI I S OLAI SOLAI

CHIUSURE ORIZZONTALI I S OLAI SOLAI CHIUSURE ORIZZONTALI ISOLAI CHIUSURA ORIZZONTALE Unità tecnologica costituita dall insieme degli elementi tecnici orizzontali e suborizzontali aventi la funzione di individuare e delimitare spazi interni

Dettagli

Pescia, 15 Marzo 2014

Pescia, 15 Marzo 2014 Adeguamento sismico di edificio con struttura portante in cemento armato mediante la tecnologia dell isolamento sismico: il caso dell ex Pretura di Pescia Pescia, 15 Marzo 2014 Prof. Ing. Enrico Mangoni

Dettagli

TECNICA DELLE COSTRUZIONI: PROGETTO DI STRUTTURE LE FONDAZIONI

TECNICA DELLE COSTRUZIONI: PROGETTO DI STRUTTURE LE FONDAZIONI LE FONDAZIONI Generalità sulle fondazioni Fondazioni dirette Plinti isolati Trave rovescia Esecutivi di strutture di fondazione Generalità Le opere di fondazione hanno il compito di trasferire le sollecitazioni

Dettagli

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE Gli elementi di comunicazione verticale hanno il compito di consentire a persone e cose di superare un dislivello, internamente o

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE

MANUALE D USO E MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE MANUALE D USO E MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE Cap. 10.1 del D.M. 14 gennaio 2008 e cap. C10.1 par. 4.1 della Circ. n. 617/2009 1. PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE PREMESSA Ai sensi del C10.1 punto

Dettagli

AL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVINCIALE DEL GENIO CIVILE DI

AL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVINCIALE DEL GENIO CIVILE DI AL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVINCIALE DEL GENIO CIVILE DI D E N U N C I A D I L A V O R I P E R A U T O R I Z Z A Z I O N E S I S M I C A (art. 2 L.R. 7/1/83 n. 9 s.m.i., artt. 93 e 65 D.P.R. 6/6/2001 n.

Dettagli

REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM

REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM 1 1. Premessa La presente relazione ha per oggetto lo studio delle strutture in cemento armato in cui il rinforzo interno, anzichè

Dettagli

S. Secchi, Università degli Studi di Firenze, Dip. di Tecnologie dell Architettura e Design (TAeD)

S. Secchi, Università degli Studi di Firenze, Dip. di Tecnologie dell Architettura e Design (TAeD) Isolamento acustico di facciata: effetto delle connessioni rigide nelle pareti doppie S. Secchi, Università degli Studi di Firenze, Dip. di Tecnologie dell Architettura e Design (TAeD) Nella realizzazione

Dettagli

Cantieri complessi nelle metropoli: il nuovo edificio di Via Cambi a Milano

Cantieri complessi nelle metropoli: il nuovo edificio di Via Cambi a Milano Cantieri complessi nelle metropoli: il nuovo edificio di Via Cambi a Milano Ing. Danilo Campagna, danilo.campagna@mscassociati.it Ing. Alessandro Aronica, alessandro.aronica@mscassociati.it Se in passato

Dettagli

I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec.

I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec. MARTA MATTIOLO CHIARA ROTA MARIA CRIPPA -PROGETTO 21- I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec. Negli ultimi anni numerosi sono stati gli interventi architettonici all' interno della città di Lecco. Alcuni di questi

Dettagli

ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI

ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI: DIAGNOSI E CONSOLIDAMENTO ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI ing. Giacomo Iannis (TECNOCHEM ITALIANA SpA) 210 210.000 compressive strength

Dettagli

COMUNE DI MONTE SAN VITO

COMUNE DI MONTE SAN VITO COMUNE DI MONTE SAN VITO PROGETTO DEFINITIVO DEL NUOVO COLOMBARIO CIMITERIALE IN AMPLIAMENTO DELL ESISTENTE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE RELAZIONE GENERALE SITO EDIFICIO: Monte San Vito presso il Cimitero

Dettagli

29/10/2013. FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai):

29/10/2013. FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai): FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai): 1) riportare i carichi verticali agenti ai piani agli elementi strutturali verticali che a loro volta li trasmettono alle fondazioni; 2) garantire

Dettagli

Fondazioni a platea e su cordolo

Fondazioni a platea e su cordolo Fondazioni a platea e su cordolo Fondazione a platea massiccia Una volta normalmente impiegata per svariate tipologie di edifici, oggi la fondazione a platea massiccia viene quasi esclusivamente adottata

Dettagli

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Gli interventi sulle strutture ad arco o a volta possono essere realizzati

Dettagli

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4.1 Introduzione In questo capitolo sono riportati alcuni risultati, ottenuti con modelli semplificati, delle

Dettagli

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations Technical Advisory Analysis and Structural investigations Dalla gestione del rischio alla creazione di valore Analysis and Structural investigations Testing, Diagnosi, Analisi Valueconsult svolge un servizio

Dettagli

CAPPOTTO ESTERNO E ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA. PARETI DI TAMPONAMENTO IN ZONE SISMICHE. 1. INTRODUZIONE. Tecnologia delle costruzioni

CAPPOTTO ESTERNO E ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA. PARETI DI TAMPONAMENTO IN ZONE SISMICHE. 1. INTRODUZIONE. Tecnologia delle costruzioni CAPPOTTO ESTERNO E ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA. PARETI DI TAMPONAMENTO IN ZONE SISMICHE. Isolamento acustico di facciata su pareti con isolamento a cappotto in polistirene espanso. ANALISI DEL COMPORTAMENTO

Dettagli

Restauro e ricostruzione del Convento di San Francesco alle Scale come biblioteca comunale. Progetto definitivo

Restauro e ricostruzione del Convento di San Francesco alle Scale come biblioteca comunale. Progetto definitivo Restauro e ricostruzione del Convento di San Francesco alle Scale come biblioteca comunale Progetto definitivo Ancona 1995-1999 Massimo e Gabriella Carmassi Il progetto si propone di ricostruire la parte

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE ABITAZIONI PERMANENTI URBANE C RESIDENZE COLLETTIVE: residence,

Dettagli

SOLAIO A TRAVETTI TRALICCIATI PREFABBRICATI

SOLAIO A TRAVETTI TRALICCIATI PREFABBRICATI SOLAIO A TRAVETTI TRALICCIATI PREFABBRICATI Il solaio a travetti tralicciati, noto anche come solaio bausta, è costituito da travetti tralicciati e da elementi di alleggerimento in laterizio. I travetti

Dettagli

Indice. R.07.a Relazione tecnica e di calcolo Illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto. NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo

Indice. R.07.a Relazione tecnica e di calcolo Illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto. NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo 1 Indice ILLUSTRAZIONE SINTETICA DEGLI ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 2 a) Contesto edilizio e caratteristiche del sito... 2 b) Descrizione generale della struttura e della tipologia d

Dettagli