Mariangela Ravaioli CNR ISMAR Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mariangela Ravaioli CNR ISMAR Bologna"

Transcript

1 Systematic collection, in the VECTOR project, of available hydrological and biogeochemical data from the North-Central Adriatic Sea to define the physical and biological processes affecting the C cycle. CNR ISMAR Bologna Autori: M. Ravaioli 1, G. Catalano 2, S. Fonda-Umani 5, C. Solidoro 6, M.Giani 7,6, P. Focaccia 1, L. Langone 1, S. Miserocchi 1, M. Frignani 1, G. Socal 3, A. Boldrin 3, M. Marini 4, F. Spagnoli 4, A., E. Paschini4, A. Russo8, M. Zavatarelli9, Cataletto 6, S. Cozzi 2, V. Saggiomo 10, V. Cardin6, A.Pugnetti 3, M.Bastianini 3, V.Kovaèeviæ 6, 1 Istituto di Scienze Marine, Sede di Bologna, CNR 2 Istituto di Scienze Marine, Sede di Trieste, CNR 3 Istituto di Scienze Marine, Sede di Venezia, CNR 4 Istituto di Scienze Marine, Sede di Ancona 5 Dipartimento di Biologia, Università degli Studi di Trieste 6 Dipartimento Oceanografia, INOGS 7 ISPRA, l Istituto di Ricerca per la Protezione Ambientale, già ICRAM 8 Dipartimento di Scienze del Mare, Univ. Politecnica delle Marche 9 Univ. di Bologna, Centro Interdipartimentale di Ricerca sulle Scienze Ambien 10 Stazione Zoologica Anton Dohrn Napoli, Villa Comunale Napoli

2 Introduzione Solo recentemente è stato considerato il ruolo delle piattaforme continentali nel ciclo del carbonio oceanico (continental shelf pump), oltre alla pompa fisica, biologica e carbonatica. A tal proposito, il progetto Vector, con la sub-attività 6.1 intende stimare l efficienza dell uptake di CO2 nel Nord Adriatico, quale area di intensa attività biologica e cicli biogeochemici complessi. Questa relazione illustrerà i principali risultati di questa attività particolarmente in relazione a: la valutazione di processi dinamici, il grado di produzione primaria, la produzione e mineralizzazione di carbonio particolato, la distribuzione di carbonio particolato e dissolto, stock di nutrienti e tasso di seppellimento. Saranno presentati i dati disponibili relativi ai flussi di C all interfaccia acqua-sedimento, i dati idrologici e biogeochimici della colonna d acqua nonché i dati meteorologici e fluviali. I dati raccolti serviranno alla stima della variabilità stagionale del ciclo del C nell Adriatico centro-settentrionale.

3 Attività 6.1 Variabilità del ciclo del C piattaforma Adriatica dai dati esistenti (scala stagionale) Resp. Fonda Umani (CONISMA) 1,1 Raccolta dati idrologici (T, S, O2, N, P, Si, ph, Alk, Chl, DIC, DOC, POC) OGS: Kovacevic/Cataletto - CONISMA: Fonda Umani - ISMAR:Socal - ICRAM:Giani -SZN: Saggiomo 1,2 Raccolta dati meteorologici, calcolo forzanti OGS: Cardin - CONISMA:Russo - ISMAR: Crisciani 1,3 Raccolta dati apporti fluviali, carico di nutrienti ICRAM: Giani - ISMAR: Cozzi - CONISMA: Fonda Umani 1,4 Flussi di carbonio acqua-sedimento ISMAR: Spagnoli - ENEA:Schirone - ICRAM: Giani 1,5 Scenari meteo-marini, sistemi frontali, calc.flussi OGS: Cardin - CONISMA: Russo - ISMAR: Paschini 1,6 Strutture mesoscala, efficienza pompa fisica OGS: Kovacevic - ISMAR: Paschini 1,7 Tassi trasformazione, efficienza pompa biologica ISMAR: Pugnetti - CONSIMA:Fonda Umani OGS:Cataletto - SZN: Saggiomo 1,8 Quantificazione C trasportato e/o depositato ISMAR:Ravaioli - OGS: Manca - CONISMA: Danovaro - ENEA: Delfanti 1,9 Integrazione dei risultati ottenuti CONISMA:Fonda Umani - ENEA: Delfanti - ICRAM: Giani - ISMAR:Boldrin - OGS: Manca -SZN: Saggiomo

4 Progetti considerati (parziale)dal 1990 ad oggi Progetti Internazionali n.22 Europei, interreg, trans-frontalieri, OENAR Progetti Nazionali n. 12 Firb, Fisr, Ministeri, ecc Progetti Regionali n. 13 Regioni, Arpa, Enti locali, ecc Progetti Industria n. 4 Eni, Agip. ecc ALPE ADRIA CONVENZIONE ISTITUTO BIOLOGIA DEL MARE ARPA VENETO Progetto Tossicità da alghe nei mitili nel Golfo di Trieste Effetti dello scarico in mare dei fluidi e solidi di perforazione di pozzi per lo sfruttamento di gas naturale nell Adriatico Progetto di ricerca sulla produzione di essudati gelatinosi da diatomee in condizioni controllate Studio della produttività primaria e della produzione secondaria di barriere artificiali in prossimità di effluenze sottomarine per la difesa delle condotte (Lignano - Grado) sottoprogetti "Oceanografia descrittiva e dinamica dell'adriatico e Cicli biogeochimici ed indagini ecofisiologiche"; PALOMA EUROMARGE-AS Progetto di ricerca PRISMA Progetto per un prototipo di una carta delle biocenosi bentoniche dell'adriatico settentrionale Influence of Vibrio parahaemolyticus in the Diarrhetic Shellfish Poisoning Progetto di ricerca sulla struttura ed ultrastruttura di Alexandrium, specie potenzialmente produttrice di tossine PSP, nel Golfo di Trieste.

5 Progetti considerati Sperimentazione tossicologica su mitili e spigole MATER PRISMA Studio dell'impatto delle mitilicolture sull'ambiente marino JADRAN Progetto DiCANN Analisi batteriologiche e biotossicologiche su campioni di acqua marina, sedimento e molluschi prelevati nell area ricadente nel territorio di competenza dell Azienda per i Servizi Sanitari n. 5 Bassa Friulana INTERREGII Italia Slovenia ENI-MISM PROGETTO MAT Effetto degli effluenti della condotta a mare della centrale elettrica di Servola EuroSTRATAFORM NEMO SINAPSI PIT AGEM Regional Collaboration in Environmental Monitoring and Forecasting in the Northern Adriatic

6 Progetti considerati 2001 Progetto Sigma DOLCEVITA ADRICOSM PROGRAMMA DI COLLABORAZIONE ISMAR- STAZIONE ZOOLOGICA NAPOLI (NADIR) SIT EURODELTA EUROSTRATAFORM CIPE DART Intervento 72 - Campo Sperimentale in Mare RIVERINE CARBON (ONR-EuroSTRATAFORM) INTERREGIII Sviluppo sostenibile dell ambiente e del territorio, VECTOR ANOCSIA EMMA ADRICOSM-EXT REQUISITE-INTERREG SESAME Adricosm-STAR

7 Dalla climatologia allo studio dei processi Andamento mensile della colonna d acqua mescolata in tutto il sottobacino ~15000 In dic-gen-feb lo strato mescolato raggiunge mediamente il 60 % della colonna d acqua in tutto il sottobacino (l intervallo della deviazione standard %) Climatologia ~30 anni Celle delle dimensioni 12 x 12 Kovacevic, Burca, Manca, OGS-OGA

8 Dalla climatologia allo studio dei processi (mesi invernali: Nov-Feb) Progetti:MAT, INTERREG II, A01, LBM N C S A1/(A1 +A2) x 100 % Andamento dell area mescolata/area totale lungo la sezione N (nord) in funzione degli apporti dell acqua dolce e degli eventi di bora con > 9 m/s Kovacevic, Burca, Manca, OGS-OGA

9 OLTRE 25 ANNI DI OSSERVAZIONI OCEANOGRAFICHE (fisiche e chimiche): esempio sulle SEZIONI DI SENIGALLIA-SUSAK E DI PESCARA-SEBENICO CNR-ISMAR sede di Ancona, (Marini et al.) Parte 5st Sezione Senigallia-Susak Flussi di nutrienti nel transetto Vieste-spalato depth (m) Orthosilicate Flux (mm/s) Orthophosphate Flux (mm/s) distance (km) Parte 4 st 1980Fossa occidentale 1998 Transetto completo 2008 Pescara Sezione Pescara-Sebenico telesenigallia NO2+NO3 Flux (mm/s) Area occidentale Transetto completo Area occ. Senigallia Progetti: ADRICOSM; DART; DOLCEVITA; MATER; MAT; SINAPSI; VECTOR stazioni CTD archiviate nel periodo da ISMAR Ancona distance (km) distance (km)

10 INFLUENZA DELLA VARIABILITA STAGIONALE E DELLE PORTATE DEL PO SULLE PROPRIETA BIOCHIMICHE LUNGO IL VERSANTE OCCIDENTALE DELL ADRIATICO Mauro Marini, CNR-ISMAR sede di Ancona, Progetto: DOLCEVITA Inverno 2003 Primavera/estate 2003 (a) temperature; (b) salinity, (c) DIN (mm); (d) orthosilicate (mm); and (e) orthophosphate (mm), (f) Rectangles indicate the Po (A) and Pesaro (B) transects.

11 Masse d acqua intermedie e profonde NAdDW North Adriatic Deep Water -, sono acque che si formano localmente con una marcata variabilità interannuale nel nord Adriatico, in un ambiente marino caratterizzato da un fondale di piattaforma continentale molto basso (< 50 m). Esse generano correnti di densità che le trasportano più a sud lungo il fondale. MAdDW Middle Adriatic Deep Water -, possono formarsi sia localmente nel Medio Adriatico (area delle depressioni del Pomo), che risultare dalla rielaborazione delle acque dense del Nord, le quali possono migrare nel Medio Adriatico mescolandosi con acque locali. Una parte consistente di queste acque tende ad occupare stabilmente gli strati più profondi delle depressioni del Pomo. MLIW Modified Levantine Intermediate Water -, forma modificata delle acque Levantina che si originano nel bacino di levante del Mediterraneo, e da li fluiscono in senso antiorario raggiungendo lo Ionio, dove biforcano il loro percorso, proseguendo da una parte verso il canale di Sicilia e dall altra in Adriatico attraverso il canale d Otranto. NO 2 +NO Silicate 173 Phosphate 5 Aprile 2006 Luglio 2006 MAdDW NAdDW MAdDW NAdDW NAdDW 200m MAdDW GS8 GS7 GS6 GS5 GS4 GS3 GS2 GS1 Cape Gargano 98 7 GS12 GS11 GS10 GS9 Split 100m 50m 100m MLIW MLIW Marini, Grilli et al. Calcolo dei flussi di nutrienti (mol/s) nelle varie masse d acqua 200m 500m 1000m

12 Produzione primaria (progetti MAT e INTERREG 2) Socal et al. Distribuzione superficiale di nitrati (a sinistra) e clorofilla-a (a destra) in diversi periodi, in corrispondenza alle portate maggiori del fiume Po (febbraio-maggio 2004) rispetto ai valori medi.

13 Produzione primaria: progetto MATER Budget di Carbonio nell Adriatico Da progetto Mater Primary Production (g C m -2 y -1 ) Northern Basin off Po delta South of Po delta Off-shore sands Middle Basin Pomo Pit South Adriatic Pit La stima di produzione primaria come previsto mostra chiaramente dei gradienti oligotrofici da Nord a Sud e dalla costa verso il mare aperto (Giordani et al., 2002)

14 Produzione primaria: progetto MATER Giordani, Miserocchi et al. Carbon Rain verso il fondo (g C m -2 y -1 ) Northern Basin off Po delta Carbon rain % di P.P Efficienza di seppellimento % South of Po delta Off-shore sands 25 8 Middle Basin Pomo Pit South Adriatic Pit Respired Carbon Buried Carbon Il carbon rain verso i sedimenti, è stato calcolato come la somma della respirazione bentica e del flusso del seppellimento di carbonio su scale annuale. Sia l ammontare del carbonio respirato che seppellito sono funzione della profondità.

15 Flussi bentici misurati e calcolati nell Adriatico settentrionale Progetto PRISMA 1 NH3 (mmol*m-2*d-1) Pore Waters Benthic Chambers Incubation Cores O2 mg/l Oct. AA1- (8) Oct. 13- (8) Oct. 17- (8) Oct. 18- (8) 6-'88 (11) 7-'88 (11) 24- '92 (10) E1- '94 (2) E1- (6) 4-'88 (11) Oct. 28- (8) E2- '94 (2) E2- (6) June '88 4-'82 (11) (1) June '88 4-'82 (11) (1) E3- '94 (2) E4- '94 (2) O2 mg/l NH4 PO4 (mmol*m-2*d-1) Pore Waters Benthic Chambers Incubation Cores O2 mg/l Oct. AA1- (8) Oct. 13- (8) Oct. 17- (8) Oct. 18- (8) 6-'88 7-'88 (11) (11) 24- '92 (10) E1- '94 (2) E1- (6) 4-'88 (11) Oct. 28- (8) E2- '94 (2) E2- (6) June June ' '88 4-'82 (11) 4-'82 (11) (1) (1) E3- '94 (2) E4- '94 (2) O2 mg/l PO4 Si(OH)4 (mmol*m-2*d-1) Pore Waters Benthic Chambers Incubation Cores O2 mg/l Oct. AA1- (8) Oct. 13- (8) Oct. 17- (8) Oct. 18- (8) 6-'88 (11) 7-'88 (11) 24- '92 (10) E1- '94 (2) E1- (6) 4-'88 (11) Oct. 28- (8) E2- '94 (2) E2- (6) June June ' '88 4-'82 (1) (11) 4-'82 (1) (11) July E3- '94 (2) E4- '94 (2) O2 mg/l Si(OH)4 (1) Giordani & Hammond, 1985; (2) Giordani et al., 1994; (6) Giordani et al., 1996a; (8) Bergamini et al., 1997; (10) Spagnoli & Bergamini, 1997; (11) Hammond et al., 1999

16 Produzione primaria annuale (g C m-2 y-1) (progetti MAT e INTERREG 2) (Socal, Boldrin, Giani et al.) Altri Autori: costa: largo: Oceani: Upwelling: 500 Shelf: 180 Estuari e lagune: gradiente a scendere Ovest Est, con i massimi davanti alla plume del Po il gradiente Nord-Sud dal Po verso Sud la grande eterogeneità dei valori in aree diverse del bacino il confronto con altri ecosistemi che evidenziano che, ad esclusione delle aree ad alta trofia nelle vicinanze della plume, permangono condizioni trofiche simili agli oceani, soprattutto nella zona sud orientale. Quindi ben vengano le aree mesoeutrofiche occidentali costiere.

17 Flussi e particellato (Socal, Boldrin, Giani et al.) Fissazione di C, N (fitoplancton) 80-90% Carbonio organico disciolto CO 2 N % 10-20% una frazione molto piccola del carbonio prodotto in colonna raggiunge il benthos; questo induce a pensare che il nuovo materiale organico sia metabolizzato e riciclato in colonna (ciclo microbico e grazing). Fondo

18 Flussi di Particellato Sedimentabile e di carbonio Organico una Revisione dei Dati esistenti (Giani et al.) DATA SET CONSIDERATI PRISMA 1 ICRAM-CNR ISMAR staz. S1-S2-S PRISMA 2 CNR ISMAR trappole flottanti giu 96, feb 97 MAT ICRAM golfo di Trieste INTERREGIII CNR ISMAR stazione C10 (S3) 2005 INT72 CNR ISMAR stazione CS (Sile) Flussi totali di carbonio organico sedimentabile (g C m-2 y-1) Stime preliminari dei flussi primari di carbonio organico g C m-2 y-1

19 Flussi e particellato Progetto Prisma 2 (Boldrin, Giani et al.) A B Prisma2 Trappole flottanti numeri puntuali misurati (incubazioni in situ. Stime di biomassa e stima del materiale sedimentato da trappola). 0 Depth (m) DIN 10 PO SiO Station A - June 1996 Costa Phytoplankton cell m mg C m -3 Zooplankton ind. m mg C m -3 Export di C = 35% DIN 0.7 PO SiO Phytoplankton cell m mg C m -3 Zooplankton ind. m mg C m -3 Export di C = 8% Organic Carbon 1.2% POC 452 mgc m -3 Flux 30 PP 86 POC 136 mgc m -3 PP 106 Flux 15 T 24.8 S 31.5 T 14.2 S Depth (m) PO Station B - June 1996 Largo Organic Carbon 0.4% Nutrienti in µm; PP e Flux in mgc m-2 d-1 DIN 0.6 SiO DIN 2.0 PO SiO Phytoplankton cell m mg C m -3 Zooplankton ind. m mg C m -3 Export di C = 30% Phytoplankton cell m mg C m -3 Zooplankton ind. m mg C m -3 Export di C = 6% POC 240 mgc m -3 Flux 14 PP 46 POC 96 mgc m -3 PP 56 Flux 6 T 24.4 S 34.3 T 14.3 S 37.5

20 Sedimenti Bilancio di massa Tassi di accumulo del sedimento (g cm -2 y -1 ) Data set = 230 carote datate Palinkas & Nittrouer, CSR 2007 Frignani et al., MG 2005 Palinkas & Nittrouer, MG Mariangela 2006 Ravaioli

21 Sedimenti VALUTAZIONI SUI TASSI DI ACCUMULO DI SEDIMENTO Numerosi depocentri con alti tassi di accumulo sedimentariosono evidenti nella zona costiera settentrionale dell Adriatico, nel prodelta del fiume Po e lungo una stretta fascia fra Ancona ed il promontorio del Gargano con velocità di sedimentazione compresi fra to 4.8 cm s -1 e tassi di accumulo fra 0.03 to 6.6 g cm -2 y -1. I tassi di accumulo di carbonio organico raggiungono i valori maggiori in due depocentri del prodelta del Po con flussi superiori a 140 g m -2 y -1 e in numerosi depocentri lungo la costa. Frignani, Langone, Ravaioli, Albertazzi et al.

22 Sedimenti Sorting idrodinamico e trasporto dei sedimenti A causa dell aumento relativo della frazione di OC derivata dai suoli, il OC mostra indici di maggiore degradazione man mano ci si allontana dal prodelta del Po. degraded OC Po r Ad ic ia t a Se t ic ria nt Ad re rn ur te l c es ta W oas c ine nn ns pe tai Ap oun m Ancona ratio [3,5-Bd:Vanillyl phenols] tracer for degraded OM vascular plants Tesi, Langone, Miserocchi et al.

23 Sedimenti Bilancio di massa Contenuti di C organico nei sedimenti (%) PRISMA1 Le aree di maggior accumulo di carbonio organico sono state individuate nelle zone influenzate da fiumi come il Golfo di Trieste (fiume Isonzo), prodelta dei fiumi Adige e Brenta, prodelta del Po, e nella zona meridionale soggetta all apporto dei fiumi appenninici. I contenuti maggiori dell 1% di Carbonio Organico compongono un depocentro concentrato che si sviluppa attorno al delta. EuroSTRATAFORM Data set = >900 campioni (superficiali, box core, carote) Progetti: PRISMA 1, STEP, CIPE, Riverine Carbon, EuroStrataform, Vector... Autori vari

24 Modelli Numerici usati nel Progetto 1. Modello MITgcm Ocean General Circulation Model (Nord Adriatico) studio delle caratteristiche idrodinamiche del ad elevata risoluzione spaziale temporale simulazione dei processi di formazione di acque dense 2. Modello Biologico: Biogeochimica di P e C, analisi climatologica del Nord Adriatico 3. Modello POM Princeton Ocean Model valutare, attraverso simulazioni numeriche climatologiche le interazioni fra i processi di formazione delle acque dense del mare Adriatico e la dinamica e la variabilità dei processi biogeochimici. ruolo delle dinamiche fisiche e biogeochimiche del mare Adriatico nel sequestro del carbonio 4. Modello ROMS - Adriatico Centro Settentrionale Progetti EMMA/ANOCSIA modulo accoppiato di flussi biogeochimici flussi biogeochimici tipo N-P-Z-D (Nutrient-Phytoplankton-Zooplankton- Detritus) includente anche le dinamiche dell ossigeno disciolto e del carbonio

25 Alcuni esempi di sistemi di raccolta dati oceanografici attualmente esistenti ed attualmente organizzati in banche dati ENEA - Mediterranean Forecasting System Volunteer Observing Ships - PORTAL OGS - National Oceanographic Data Centre - PORTAL SEADATANET: Pan-European infrastructure for Ocean & Marine Data Management (internazionale) - PORTAL MEDAR/MEDATLAS 2002 (internazionale) - Portal Banca Dati ISPRA (ex Apat) - Portal Banche dati Ministero Ambiente - Portal Banche Dati che vedono il coinvolgimento Enti (CNR, INGV, OGS, ENEA, ISPRA, Uni, ecc) Banca Dati Anocsia Banca Dati ADRICOSM Banche Dati da Stazioni Marine e Siti Fissi Banca Dati GNOO Dati da Satellite - GOS ISAC Data Base web-gis progetto HERMES (data base deep sea ecosystems) Banca Dati Cartografia in Adriatico MOON: Mediterranean Operational Oceanography Network Banche Dati Regionali e Arpa Banca Dati PRISMA Banca dati VECTOR Banca dati oceanografica ISMAR Banca dati Emma Ecc

26 Considerazione sui dati scientifici pregressi e acquisiti dal progetto Vector Relativamente ai dati già acquisiti: ricalcolo dei flussi stagionali ed annuali ricalcolo dei flussi di Corg al netto della risospensione, ove possibile, e dell incidenza rispetto alla produttività primaria dovranno essere considerati gli apporti fluviali (in parte già stimati) migliore connessione con i dati acquisiti dai monitoraggi delle Regioni, delle ARPA e Ministeri competenti bilancio del carbonio nell area considerata (Adriatico settentrionale e centrale) connessione dei modelli con i dati di processo confronti tra la modellistica esistente bilancio del carbonio per l anno 2008 sui dati acquisiti dalle crociere del progetto VECTOR confronto ed integrazione dei dati VECTOR 2008 con i dati pregressi Ci sono alcune evidenze a seguito indicate

27 La necesstità di consolidare I siti di rilevanza delle reti osservativa per l area Nord- Adriatica oggetto degli studi della linea 6.2: la rete osservativa per studi a lungo termine nell Area Adriatica I siti fissi di monitoraggio di VECTOR in connessione con LTER e GNOO Golfo di Venezia Stazione C10 Secca dell Abate Sito E1 di fronte a Rimini Golfo di Trieste Riserva di Miramare boa Mambo-Paloma Sito S1 a SW del delta del Po di Goro Sezione Vieste-Spalato, ancoraggi (ADCP e CTD yo-yo )

28 Appare evidente la necessità di fare connessioni tre le Reti osservative per studi a lungo termine LTER SITI marini con sistemi Terrestri, Lagunari e Marini LTER, ecc. VECTOR, GNOO, LTER ecc.

29 Dall analisi dei dati appare evidente la necessità di proseguire gli studi a scala di bacino nell Adriatico, ma anche dei mari italiani STUDI A SCALA DI BACINO Importante che siano promossi progetti a scala di Bacino dei Mari Italiani (es. Vector) opportunamente sintonizzato su aspetti climatologici importanti e ripetuti con frequenza regolare (esempio biennale e/o triennale), ma paragonabili alle scale temporali di studio climatico 10, 20 anni. CONNESSIONI TRA STUDI A SCALA DI BACINO E SERIE TEMPORALI MODELLISTICA Fondamentali sono le connessioni tra gli studi a scala di bacino, serie temporali e la modellistica. BANCA DATI NAZIONALE Riteniamo questo una necessità improcrastinabile.

30 Alcune evidenze emerse dall analisi dei dati pregressi 6.1 ed il confronto con i dati acquisiti nella attività 6.2 e 6.3 La pompa Biologica: La CO2 atmosferica assorbita dagli oceani abbassa il PH (0.1unita ), causandone acidificazione. Questo si sovrappone alla CO2 prodotta dalla pompa biologia. L acidificazione interagisce anche con la dissoluzione dei carbonati influendo sui calcoli di sink e sources della CO2 delle aree marine. Dal 83 al 08 la pressione parziale di CO2 è raddoppiata e si stima la continuazione di questo processo nel 21 secolo (v. comunicazione Catalano et al.). La pompa Fisica: L aumento della temperatura nelle ultime decadi di osservazioni sia superficiale (in sintonia con i dati atmosferici) che nella colonna d acqua che è stimata in media 0.7 gradi (v. comunicazione Russo et al.) e si stima che prosegua questo trend. L analisi è effettuata con i dati Medar-Medatals e i dati CNR-Ismar (Ve-An, ecc)

31 Ringraziamenti Grazie agli Autori, alla comunità scientifica adriatica per l importante contributo di dati, progetti e lavori scientifici sul tema della attività 6.1 e 6.2 responsabili rispettivamente Fonda e Ravaioli

Workshop Finale Progetto V.E.C.T.O.R. 18-19 19 Ottobre 2010 CNR Roma

Workshop Finale Progetto V.E.C.T.O.R. 18-19 19 Ottobre 2010 CNR Roma Workshop Finale Progetto V.E.C.T.O.R. 18-19 19 Ottobre 21 CNR Roma Processi di diagenesi precoce e flussi di Dissolved Inorganic Carbon nell Adriatico Centro-Settentrionale Risultati della Campagna 32

Dettagli

Variabilità delle comunità autotrofe planctoniche nelle aree al largo dell Adriatico meridionale

Variabilità delle comunità autotrofe planctoniche nelle aree al largo dell Adriatico meridionale Workshop finale VECTOR Sede centrale CNR, Roma, 18-19 ottobre 2010 Variabilità delle comunità autotrofe planctoniche nelle aree al largo dell Adriatico meridionale F. Cerino a,1, F. Bernardi-Aubry b, J.

Dettagli

II TRIMESTRE 2013. 1 di 6. N. totale stazioni Laguna di Baseleghe 4 Laguna di Caorle 5 Area centrale Laguna di Venezia 15.

II TRIMESTRE 2013. 1 di 6. N. totale stazioni Laguna di Baseleghe 4 Laguna di Caorle 5 Area centrale Laguna di Venezia 15. II TRIMESTRE 2013 La qualità delle acque di transizione della regione Veneto è controllata, in applicazione della normativa vigente, dal Servizio Osservatorio Acque Marine e Lagunari di ARPAV. Nella mappa

Dettagli

AUTUNNO 2011 Corpo idrico N. totale stazioni

AUTUNNO 2011 Corpo idrico N. totale stazioni AUTUNNO 2011 La qualità delle acque di transizione del Veneto è controllata, per conto della Regione, dal Settore Acque di ARPAV. Nella mappa riportata in Figura 1 sono indicati i corpi idrici di transizione

Dettagli

SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI OSSERVATORIO ALTO ADRIATICO POLO REGIONALE VENETO

SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI OSSERVATORIO ALTO ADRIATICO POLO REGIONALE VENETO www. arpa.veneto.it SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI OSSERVATORIO ALTO ADRIATICO POLO REGIONALE VENETO Rapporto di sintesi sugli andamenti dei principali parametri oceanografici e meteomarini

Dettagli

Qualità delle acque dell Alto Adriatico nel 2007

Qualità delle acque dell Alto Adriatico nel 2007 TRIESTE 11 Ottobre 2007 TAVOLO TECNICO-SCIENTIFICO Osservatorio Alto Adriatico Qualità delle acque dell Alto Adriatico nel 2007 Sintesi dei contributi di: Istituto CIM Rudjer Boškovi, Rovinj Croazia; Istituto

Dettagli

Bollettino GNOO n.16 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 16 e Domenica 17 Aprile 2011

Bollettino GNOO n.16 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 16 e Domenica 17 Aprile 2011 Bollettino GNOO n.16 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 16 e Domenica 17 Aprile 2011 Imagery 2011 TerraMetrics - Terms of Use Previsione meteo sull'italia e previsione di temperatura

Dettagli

INDICE. Bacino del fiume Tagliamento I

INDICE. Bacino del fiume Tagliamento I Bacino del fiume Tagliamento I INDICE 4 - RETI DI MONITORAGGIO ISTITUITE AI FINI DELL ARTICOLO 8 E DELL ALLEGATO V DELLA DIRETTIVA 2000/60/CE E STATO DELLE ACQUE SUPERFICIALI, DELLE ACQUE SOTTERRANEE E

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Bollettino GNOO n.28 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 09 e Domenica 10 Luglio 2011

Bollettino GNOO n.28 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 09 e Domenica 10 Luglio 2011 Bollettino GNOO n.28 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 09 e Domenica 10 Luglio 2011 Imagery 2011 TerraMetrics - Terms of Use Previsione meteo sull'italia e previsione di temperatura

Dettagli

Il sistema integrato Mar Ligure : l idrodinamica 3D come base per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze

Il sistema integrato Mar Ligure : l idrodinamica 3D come base per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze Il sistema integrato Mar Ligure : l idrodinamica 3D come base per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze Rosella Bertolotto (ARPAL) Andrea Pedroncini (DHI Italia) Torino,

Dettagli

Il Golfo di Trieste: un sito di ricerche oceanografiche inserito nella rete LTER (Long Term Ecological Research)

Il Golfo di Trieste: un sito di ricerche oceanografiche inserito nella rete LTER (Long Term Ecological Research) Dipartimento di Oceanografia Biologica BiO Il Golfo di Trieste: un sito di ricerche oceanografiche inserito nella rete LTER (Long Term Ecological Research) B. Cataletto*, A. Pugnetti +, M. Ravaioli +,

Dettagli

10 anni di vorticità nel Mediterraneo (2001-2010)

10 anni di vorticità nel Mediterraneo (2001-2010) GESTIONE INTEGRATA DELLE INFRASTRUTTURE PORTUALI AMALFI, 1 giugno 2012 Marine Strategy Framework Directive e Portualità Sostenibile Francesco Lalli 10 anni di vorticità nel Mediterraneo (2001-2010) Direttiva

Dettagli

The MArine Coastal Information SysTEm (MACISTE-ICE) a way to manage and make available the Italian data

The MArine Coastal Information SysTEm (MACISTE-ICE) a way to manage and make available the Italian data VulnErabilità delle Coste e degli ecosistemi marini italiani ai cambiamenti climatici e loro ruolo nei cicli del carbonio mediterraneo V.E.C.T.O.R. II workshop annuale VECTOR Roma, 25-26 febbraio 2009

Dettagli

Come funziona un Radar HF

Come funziona un Radar HF Come funziona un Radar HF Segnali Radio (onde elettromagnetiche) vengono trasmessi in direzione del mare e riflessi dalle onde marine. Lo Spettro Doppler dell eco viene analizzato per ricavare le mappe

Dettagli

Monitoraggio ambientale integrato del Lago di Garda

Monitoraggio ambientale integrato del Lago di Garda Progetto Monitoraggio ambientale integrato del Lago di Garda Garda ISTITUTO DI GEOFISICA E BIOCLIMATOLOGIA SPERIMENTALE DEL GARDA CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA Provincia di Brescia Studio ambientale del

Dettagli

La pompa biologica del carbonio nel mare di Ross (Antartide)

La pompa biologica del carbonio nel mare di Ross (Antartide) La pompa biologica del carbonio nel mare di Ross (Antartide) G. Catalano 1, M. Ravaioli 1, F. Giglio 1, L. Langone 1, G. Budillon 2, A. Accornero 2, V. Saggiomo 3, M. Modigh 3, P. Povero 4, C. Misic 4,

Dettagli

Titolo: Il clima meteo-marino del bacino adriatico nel settore emiliano romagnolo

Titolo: Il clima meteo-marino del bacino adriatico nel settore emiliano romagnolo Titolo: Il clima meteo-marino del bacino adriatico nel settore emiliano romagnolo Anno di pubblicazione 2011 Rivista/Archivio Relazione di attività SGSS Autori documento Marco Deserti, Luisa Perini, Samantha

Dettagli

La scienza del clima e la previsione. del nostro futuro

La scienza del clima e la previsione. del nostro futuro La scienza del clima e la previsione Ieri del nostro futuro Oggi Domani PM Ruti ENEA - Casaccia 0 min 30 min Abbiamo un problema! La concentrazione di anidride carbonica aumenta ad una velocità mai registrata

Dettagli

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Progetto Clara NW. Capitolo 4: Descrizione delle componenti ambientali. Doc. SICS 197

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Progetto Clara NW. Capitolo 4: Descrizione delle componenti ambientali. Doc. SICS 197 STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Progetto Clara NW Campo Gas Clara Est Off-shore Adriatico Centrale : Descrizione delle componenti ambientali Febbraio 2012 Pag. i INDICE 4 DESCRIZIONE DELLE COMPONENTI AMBIENTALI...

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

5.1 Perdita fisica 5.1.1 AREA DI VALUTAZIONE

5.1 Perdita fisica 5.1.1 AREA DI VALUTAZIONE PERDITA FISICA 5.1 Perdita fisica 5.1.1 AREA DI VALUTAZIONE Nella sottoregione Mar Adriatico sono state scelte 2 assessment area o AA (A1PL, A2PL). Per la scelta delle aree di assessment si è tenuto conto

Dettagli

PROGRAMMA 1 FITO-ZOOPLANCTON, CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE DELLA COLONNA D ACQUA RIFIUTI SPIAGGIATI

PROGRAMMA 1 FITO-ZOOPLANCTON, CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE DELLA COLONNA D ACQUA RIFIUTI SPIAGGIATI FITO-ZOOPLANCTON, CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE DELLA COLONNA D ACQUA RIFIUTI SPIAGGIATI Franco Giovanardi (ISPRA) Francesca Pedullà (ARPACAL) Sala Conferenze Arpa Sicilia, Reale Albergo delle Povere

Dettagli

Meteorologia e climatologia del Bacino Padano-Adriatico

Meteorologia e climatologia del Bacino Padano-Adriatico Meteorologia e climatologia del Bacino Padano-Adriatico Carlo Cacciamani Workshop Condivisione delle conoscenze e sviluppo di sistemi informativi e di monitoraggio per la fascia marino costiera e la pianificazione

Dettagli

ANALISI E MODELLAZIONE DI CARATTERISTICHE BIOGEOCHIMICHE ED ECOLOGICHE IN ACQUE COSTIERE DEL NORD ADRIATICO

ANALISI E MODELLAZIONE DI CARATTERISTICHE BIOGEOCHIMICHE ED ECOLOGICHE IN ACQUE COSTIERE DEL NORD ADRIATICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Sede Amministrativa del Dottorato di Ricerca XIX ciclo del Dottorato di Ricerca in Metodologie di Biomonitoraggio dell'alterazione Ambientale ANALISI E MODELLAZIONE DI

Dettagli

Principali pericoli per i Cetacei nel Mare Adriatico. Blue World Insititution

Principali pericoli per i Cetacei nel Mare Adriatico. Blue World Insititution Principali pericoli per i Cetacei nel Mare Adriatico Blue World Insititution Un mare allungato, semi chiuso, connesso al resto del Mediterraneo dal Canale di Otranto, largo 70 km Il ricambio dell acqua

Dettagli

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO 9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO Campagne di monitoraggio Marzo - Ottobre 2012 INDICE 1 INTROduZIONE... 3 2

Dettagli

Capitolo 2 - INQUADRAMENTO AREA DI STUDIO

Capitolo 2 - INQUADRAMENTO AREA DI STUDIO Capitolo 2 - INQUADRAMENTO AREA DI STUDIO 2.1 Ubicazione area di studio L area di studio è parte integrante della piattaforma continentale dell alto Adriatico ed è situata tra le foci del Po di Levante,

Dettagli

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante

Dettagli

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Il Progetto ASI PRIMI PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Nonostante la protezione dell ambiente marino sia di interesse internazionale primario, lo scarico illegale di idrocarburi a mare

Dettagli

LTER Italia Rete di Ricerca Ecologica a Lungo Termine - Italia

LTER Italia Rete di Ricerca Ecologica a Lungo Termine - Italia LTER Italia Rete di Ricerca Ecologica a Lungo Termine - Italia con il patrocinio di: OTTAVA ASSEMBLEA NAZIONALE della Rete LTER-ITALIA 14-15 MAGGIO 2014 RETTORATO - UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO 14

Dettagli

L'ATTIVITÀ DI MODELLISTICA NEL MAR LIGURE DELL'ISMAR- CNR: DALL'ALTA RISOLUZIONE ALLA PROSPETTIVA DI UN SISTEMA COMPLETAMENTE ACCOPPIATO

L'ATTIVITÀ DI MODELLISTICA NEL MAR LIGURE DELL'ISMAR- CNR: DALL'ALTA RISOLUZIONE ALLA PROSPETTIVA DI UN SISTEMA COMPLETAMENTE ACCOPPIATO L'ATTIVITÀ DI MODELLISTICA NEL MAR LIGURE DELL'ISMAR- CNR: DALL'ALTA RISOLUZIONE ALLA PROSPETTIVA DI UN SISTEMA COMPLETAMENTE ACCOPPIATO Stefano Aliani, ISMAR/CNR U.O.S. di Pozzuolo di Lerici (SP) Convegno

Dettagli

STRUTTURA TERRITORIALE DI TRAPANI

STRUTTURA TERRITORIALE DI TRAPANI Monitoraggio Gorgo Basso 2015 Classificazione dello stato ecologico e dello stato chimico in base al DM n. 260/2010. Nel 2015 la ST di Trapani ha effettuato il monitoraggio del corpo idrico di transizione

Dettagli

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Sonde di qualità delle acque nel bacino del lago di Massaciuccoli 1 Da marzo 20 sono state attivate tre sonde per l analisi della qualità dell acqua presso

Dettagli

Green Economy ed il Mare

Green Economy ed il Mare Green Economy ed il Mare Roberto Danovaro Dipartimento di Scienze del Mare Università Politecnica delle Marche www.dismar.univpm.it Il Mare copre circa il 70% della superficie terrestre Si estende fino

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

COMUNE DI MOLFETTA NUOVO PORTO COMMERCIALE - MONITORAGGIO TRASPORTO SOLIDO CON IMPIEGO DI SONDA MULTIPARAMETRICA E CORRENTOMETRO

COMUNE DI MOLFETTA NUOVO PORTO COMMERCIALE - MONITORAGGIO TRASPORTO SOLIDO CON IMPIEGO DI SONDA MULTIPARAMETRICA E CORRENTOMETRO Università degli Studi di Napoli Parthenope COMUNE DI MOLFETTA NUOVO PORTO COMMERCIALE - MONITORAGGIO TRASPORTO SOLIDO CON IMPIEGO DI SONDA MULTIPARAMETRICA E CORRENTOMETRO Relazione Preliminare n.5/2014

Dettagli

Sistema di Monitoraggio Idrologico Tevere Aniene Area Urbana (Studio preliminare)

Sistema di Monitoraggio Idrologico Tevere Aniene Area Urbana (Studio preliminare) Ufficio Idrografico e Mareografico Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale Sistema di Monitoraggio Idrologico Area Urbana (Studio preliminare) Via Monzambano, 10-00185 Roma Tel. 06491658-064957746

Dettagli

LINEA 9: CAROCE Il ciclo del carbonio in ambiente oceanico con particolare riguardo all'oceano Meridionale

LINEA 9: CAROCE Il ciclo del carbonio in ambiente oceanico con particolare riguardo all'oceano Meridionale LINEA 9: CAROCE Il ciclo del carbonio in ambiente oceanico con particolare riguardo all'oceano Meridionale ATTIVITA 9.2 Recupero di dati pregressi di concentrazione e di flusso di carbonio nel settore

Dettagli

L EQUILIBRIO DI UN ECOSISTEMA E ANCHE NELLE NOSTRE MANI : IL LAGO MAGGIORE

L EQUILIBRIO DI UN ECOSISTEMA E ANCHE NELLE NOSTRE MANI : IL LAGO MAGGIORE CENTRO DI AIUTO PSICOLOGICO www.aiutopsicologico.it Dott. Cinzia Colombo L EQUILIBRIO DI UN ECOSISTEMA E ANCHE NELLE NOSTRE MANI : IL LAGO MAGGIORE La vita, dal punto di vista scientifico, ha avuto origine

Dettagli

PROGETTO MAR-CO 2. MONITORAGGIO INTEGRATO DELL AMBIENTE MARINO- COSTIERO NELLA REGIONE VENETO (DLgs 152/99 e s.m.i.). NOVEMBRE 2002-OTTOBRE 2003

PROGETTO MAR-CO 2. MONITORAGGIO INTEGRATO DELL AMBIENTE MARINO- COSTIERO NELLA REGIONE VENETO (DLgs 152/99 e s.m.i.). NOVEMBRE 2002-OTTOBRE 2003 INTERREG III/APhare CBC Italia-Slovenia 2-26 REGIONE DEL VENETO A.R.P.A.V. Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto OSSERVATORIO ALTO ADRIATICO - POLO REGIONALE VENETO PROGETTO

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA Paolo Parati ARPAV (Direzione Tecnica Servizio Acque Interne) 5 Marzo 2009 INTERVENTI FINANZIATI DALLA REGIONE CON

Dettagli

Programma di Attività del Dipartimento Terra e Ambiente. CNR 19 Novembre 2004

Programma di Attività del Dipartimento Terra e Ambiente. CNR 19 Novembre 2004 Programma di Attività del Dipartimento Terra e Ambiente CNR 19 Novembre 2004 Articolazione del Dipartimento in Progetti P1 - Il sistema Terra: interazioni tra terra solida, mare, acque interne, atmosfera

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) -Zoagli 0701001018 * Punta Punta Chiappe 29,6 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

Il sistema osservativo di ISMAR Stato attuale, prospettive e visibilità

Il sistema osservativo di ISMAR Stato attuale, prospettive e visibilità Il sistema osservativo di ISMAR Stato attuale, prospettive e visibilità Relazione di Stefania Sparnocchia al CdI di ISMAR 26-27 gennaio 2012 Stato della rete ISMAR C02 C01 Argos NOREK 6020 Argos RDI WH300

Dettagli

Cognome... Nome... IL CICLO DELL ACQUA

Cognome... Nome... IL CICLO DELL ACQUA Cognome... Nome... IL CICLO DELL ACQUA Nell idrosfera l acqua si sposta continuamente da un luogo all altro, seguendo un percorso di andata e ritorno detto ciclo dell acqua o ciclo idrologico; questo si

Dettagli

A cura di: G. Sannino e V. Artale

A cura di: G. Sannino e V. Artale A cura di: G. Sannino e V. Artale INDICE 1. STATO E PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE 5 2. CONVERTITORI DI ENERGIA DALLE CORRENTI DI MAREA 6 3. CONVERTITORI DI ENERGIA DAL MOTO ONDOSO 7 3 1. STATO E PROSPETTIVE

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE. Documento depositato presso la X Commissione Industria del Senato

INDAGINE CONOSCITIVA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE. Documento depositato presso la X Commissione Industria del Senato INDAGINE CONOSCITIVA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE sss Documento depositato presso la X Commissione Industria del Senato Ottobre 2011 Geotermia Marina TIRRENO MERIDIONALE MARSILI PROGETTO STRATEGICO PER

Dettagli

GIOVANNI PADOAN Presidente della Commissione di studio dei provvedimenti per la conservazione e difesa della laguna e della città di Venezia

GIOVANNI PADOAN Presidente della Commissione di studio dei provvedimenti per la conservazione e difesa della laguna e della città di Venezia QUALCHE CONSIDERAZIONE SU LIVELLI MARINI ECCEZIONALI MISURATI A PUNTA DELLA SALUTE - VENEZIA - E SULLE VARIAZIONI ALTIMETRICHE SUBITE DA QUEL MAREOGRAFO GIOVANNI PADOAN Presidente della Commissione di

Dettagli

Il vento nei modelli di clima

Il vento nei modelli di clima Il vento nei modelli di clima Alessandro Dell Aquila Sandro Calmanti ENEA UTMEA-CLIM Unità Tecnica Modellistica Energetica Ambientale Laboratorio Modellistica Climatica ed Impatti CNMCA Giovedì 29 Aprile

Dettagli

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNEDICUPRAMARITTIMA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW DAVANTI FOSSO DELL'ACQUA ROSSA DAVANTI TORRENTE

Dettagli

L INVERNO meteorologico 2011

L INVERNO meteorologico 2011 L INVERNO meteorologico 2011 I primi tre mesi dell anno, oltre ad avere nel complesso temperature abbastanza in linea con i valori attesi per la stagione (ad eccezione di febbraio che presenta una lieve

Dettagli

Previsione mensile: maggio 2015 (4 maggio 3 giugno)

Previsione mensile: maggio 2015 (4 maggio 3 giugno) Previsione mensile: maggio 2015 (4 maggio 3 giugno) Modello GLOBO, CNR-ISAC, Bologna D. Mastrangelo, P. Malguzzi, A. Buzzi Previsione emessa il 4/05/2015 e basata sulle condizioni iniziali NOAA/NCEP del

Dettagli

Siccità, Acqua e Coste. Studio Pilota. L impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione idroelettrica in Trentino, Italia

Siccità, Acqua e Coste. Studio Pilota. L impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione idroelettrica in Trentino, Italia C E N T R O T E M AT I C O l Siccità, Acqua e Coste Studio Pilota L impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione idroelettrica in Trentino, Italia Il Centro Tematico Siccità, Acqua e Coste del progetto

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0700800803 Capo Sant Ampelio Capo Verde 31,2 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

SISTEMI DI ALLEVAMENTO

SISTEMI DI ALLEVAMENTO SISTEMI DI ALLEVAMENTO IMPIANTI A TERRA (IN-SHORE) principalmente diffuso nei paesi del Mediterraneo: bacini stagni vasche IMPIANTI A MARE (OFF-SHORE) Più diffuso nel nord Europa ma in grande espansione

Dettagli

Projet BEACHMED Phase C Attività 2: Studio degli Aspetti Ambientali per l utilizzo dei Depositi Sabbiosi Marini

Projet BEACHMED Phase C Attività 2: Studio degli Aspetti Ambientali per l utilizzo dei Depositi Sabbiosi Marini Generalità 2. ATTIVITÀ 2: STUDIO DEGLI ASPETTI AMBIENTALI PER L'UTILIZZO DEI DEPOSITI SABBIOSI MARINI Nell ambito dell attività 2 l Università di Valencia per la Comunità Valenciana e l ICRAM (Istituto

Dettagli

Rete Eni di monitoraggio della compattazione e della subsidenza

Rete Eni di monitoraggio della compattazione e della subsidenza Rete Eni di monitoraggio della compattazione e della subsidenza Ravenna, 15 marzo 2011 www.eni.it Subsidenza è un lento e progressivo abbassamento verticale del fondo di un bacino marino o di un'area continentale.

Dettagli

CNR Istituto per lo Studio degli Ecosistemi Verbania Pallanza http://www.iii.to.cnr.it. M. Rogora,, A. Marchetto, R. Mosello

CNR Istituto per lo Studio degli Ecosistemi Verbania Pallanza http://www.iii.to.cnr.it. M. Rogora,, A. Marchetto, R. Mosello CNR Istituto per lo Studio degli Ecosistemi Verbania Pallanza http://www.iii.to.cnr.it M. Rogora,, A. Marchetto, R. Mosello Gli impatti delle deposizioni di azoto sulle foreste: risultati dal Progetto

Dettagli

REPORT EVENTO METEO-IDROLOGICO DEI GIORNI 10 12 FEBBRAIO 2014

REPORT EVENTO METEO-IDROLOGICO DEI GIORNI 10 12 FEBBRAIO 2014 Regione Toscana Servizio Idrologico Regionale CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE TOSCANA DL 11/07/1998, n. 180; Legge 3/08/1998, n. 267; DPCM del 15/12/1998 Delibera G.R. n. 1003 del 10/09/2001; Delibera

Dettagli

Progetto di Interesse strategico NEXTDATA. WP 1.5 - Dati paleoclimatici da sedimenti marini (Resp. Fabrizio Lirer, CNR-IAMC)

Progetto di Interesse strategico NEXTDATA. WP 1.5 - Dati paleoclimatici da sedimenti marini (Resp. Fabrizio Lirer, CNR-IAMC) Progetto di Interesse strategico NEXTDATA Rendicontazione scientifica per il primo anno di attività: 01/01/2012-31/12/2012 WP 1.5 - Dati paleoclimatici da sedimenti marini (Resp. Fabrizio Lirer, CNR-IAMC)

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana.

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana. ACTION 2: Banca dati e implementazione del GIS, Definizione delle caratteristiche dei siti potenziali per l applicazione del metodo di RA degli acquiferi con particolare attenzione alla metodologia di

Dettagli

LA RISORSA ACQUA L acqua potabile è lo 0,003% di tutta l acqua presente sulla terra! I servizi offerti dalle acque dolci rientrano in tre categorie:

LA RISORSA ACQUA L acqua potabile è lo 0,003% di tutta l acqua presente sulla terra! I servizi offerti dalle acque dolci rientrano in tre categorie: LA RISORSA ACQUA Di tutta l acqua dolce presente sulla terra solo lo 0,77% si trova in fiumi, laghi, acquiferi e biomasse, ecc. L acqua potabile è lo 0,003% di tutta l acqua presente sulla terra! La vita

Dettagli

Previsione mensile: aprile 2015 (30 marzo 29 aprile)

Previsione mensile: aprile 2015 (30 marzo 29 aprile) Previsione mensile: aprile 2015 (30 marzo 29 aprile) Modello GLOBO, CNR-ISAC, Bologna D. Mastrangelo, P. Malguzzi, A. Buzzi Previsione emessa il 30/03/2015 e basata sulle condizioni iniziali NOAA/NCEP

Dettagli

Monitoraggio dei Flussi di CO 2 al Vesuvio Il monitoraggio del processo di degassamento nell area vesuviana è stato effettuato attraverso:

Monitoraggio dei Flussi di CO 2 al Vesuvio Il monitoraggio del processo di degassamento nell area vesuviana è stato effettuato attraverso: MONITORAGGIO GEOCHIMICO DELL AREA VESUVIANA 4 La sorveglianza geochimica dell area Vesuviana, effettuata dall Unità Funzionale di Geochimica dei Fluidi dell Osservatorio Vesuviano, nel corso del 2004 ha

Dettagli

La caratterizzazione dei sedimenti

La caratterizzazione dei sedimenti Sessione 1 / CONTRIBUTI CONOSCITIVI Risultati del Progetto Osservatorio Trasimeno La caratterizzazione dei sedimenti Nicola Morgantini - Luca Peruzzi ARPA Umbria - Dipartimento Provinciale di Perugia Lo

Dettagli

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico corpo idrico sotterraneo: del Siracusano meridionale b) Caratteristiche geografiche, geologiche, idrogeologiche Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico Localizzazione geografica L acquifero

Dettagli

VERDE & NERO: l ambiente, chi lo protegge e chi lo uccide Ancona, 5 giugno 2015 La ricerca scientifica per la salvaguardia dell ambiente marino

VERDE & NERO: l ambiente, chi lo protegge e chi lo uccide Ancona, 5 giugno 2015 La ricerca scientifica per la salvaguardia dell ambiente marino VERDE & NERO: l ambiente, chi lo protegge e chi lo uccide Ancona, 5 giugno 2015 La ricerca scientifica per la salvaguardia dell ambiente marino Antonio Pusceddu Dipartimento di Scienze della Vita e dell

Dettagli

ARRICCHIMENTO DI NUTRIENTI E SOSTANZA ORGANICA

ARRICCHIMENTO DI NUTRIENTI E SOSTANZA ORGANICA ARRICCHIMENTO DI NUTRIENTI E SOSTANZA ORGANICA 6.4 Arricchimento di nutrienti e sostanze organiche 6.4.1 PREMESSA Secondo gli attuali orientamenti comunitari (Direttiva 2/6/EC e Direttiva 28/56/EC), l

Dettagli

Oceanografia operativa e Tecnologie Informatiche per la sicurezza MArittima

Oceanografia operativa e Tecnologie Informatiche per la sicurezza MArittima Oceanografia operativa e Tecnologie Informatiche per la sicurezza MArittima Nadia Pinardi Gianandrea Mannarini Marina Calò Gemma Aiello Roberto Sorgente 1 Riepilogo Organizzato da Links Management and

Dettagli

II WORKSHOP ANNUALE PROGETTO V.E.C.T.O.R. 25-26 FEBBRAIO 2009 Roma, Sede Centrale Enea

II WORKSHOP ANNUALE PROGETTO V.E.C.T.O.R. 25-26 FEBBRAIO 2009 Roma, Sede Centrale Enea II WORKSHOP ANNUALE PROGETTO V.E.C.T.O.R. 25-26 FEBBRAIO 2009 Roma, Sede Centrale Enea ANDAMENTO DELLE CATTURE DI MEDI E GRANDI PELAGICI E VARIABILITÀ DELLE TEMPERATURE SUPERFICIALI NEL TIRRENO MERIDIONALE

Dettagli

Programma di Tirocinio/Stage. Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli ecosistemi agrari e forestali

Programma di Tirocinio/Stage. Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli ecosistemi agrari e forestali Al Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 9010 Pula Programma di Tirocinio/Stage Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli

Dettagli

COMUNE DI MOLFETTA NUOVO PORTO COMMERCIALE - MONITORAGGIO TRASPORTO SOLIDO CON IMPIEGO DI SONDA MULTIPARAMETRICA E CORRENTOMETRO

COMUNE DI MOLFETTA NUOVO PORTO COMMERCIALE - MONITORAGGIO TRASPORTO SOLIDO CON IMPIEGO DI SONDA MULTIPARAMETRICA E CORRENTOMETRO Università degli Studi di Napoli Parthenope COMUNE DI MOLFETTA NUOVO PORTO COMMERCIALE - MONITORAGGIO TRASPORTO SOLIDO CON IMPIEGO DI SONDA MULTIPARAMETRICA E CORRENTOMETRO Relazione Preliminare n.2/2013

Dettagli

METEOTRENTINO REPORT

METEOTRENTINO REPORT Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2012-2013 L inverno 2012-2013 (trimestre dicembre 2012 febbraio 2013) è stato caratterizzato nella nostra regione sia da

Dettagli

La giornata degli oceani e l Oceanografia Operativa

La giornata degli oceani e l Oceanografia Operativa LUNEDI 08-06-2009 Auditorium dell Acquario di Genova La giornata degli oceani e l Oceanografia Operativa Ore 08:30/09:00 - REGISTRAZIONE Ore 09:00/09:30 - SALUTO DELLE AUTORITA M. Vincenzi, Sindaco Città

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO PER LA PRIMA CARATTERIZZAZIONE DEI CORPI IDRICI DELLA REGIONE SICILIA

PIANO DI MONITORAGGIO PER LA PRIMA CARATTERIZZAZIONE DEI CORPI IDRICI DELLA REGIONE SICILIA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE SICILIA PIANO DI MONITORAGGIO PER LA PRIMA CARATTERIZZAZIONE DEI CORPI IDRICI DELLA REGIONE SICILIA MONITORAGGIO QUALITATIVO E CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE

Dettagli

COMUNE DI MOLFETTA NUOVO PORTO COMMERCIALE - MONITORAGGIO TRASPORTO SOLIDO CON IMPIEGO DI SONDA MULTIPARAMETRICA E CORRENTOMETRO

COMUNE DI MOLFETTA NUOVO PORTO COMMERCIALE - MONITORAGGIO TRASPORTO SOLIDO CON IMPIEGO DI SONDA MULTIPARAMETRICA E CORRENTOMETRO Università degli Studi di Napoli Parthenope COMUNE DI MOLFETTA NUOVO PORTO COMMERCIALE - MONITORAGGIO TRASPORTO SOLIDO CON IMPIEGO DI SONDA MULTIPARAMETRICA E CORRENTOMETRO Relazione Preliminare n.1/2013

Dettagli

Modelli meteorologici

Modelli meteorologici Fondamenti di meteorologia e climatologia Cenni storici Vilhelm Bjerknes (1904): L evoluzione degli stati atmosferici é controllata da leggi fisiche, quindi condizioni necessarie e sufficienti per risolvere

Dettagli

ALIRHYS. Val Maira 17-18 ottobre 2014 San Damiano Macra Acceglio (CN)

ALIRHYS. Val Maira 17-18 ottobre 2014 San Damiano Macra Acceglio (CN) ALIRHYS Banzato C. 1, Bianco F. 1, Fiorucci A. 1, Governa M. 2, Marchionatti F. 1, Menegatti S. 1, Moitre B., Petricig M. 2, Vigna B. 1 1- DIATI Dipartimento di Ingegneria dell Ambiente, del Territorio

Dettagli

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento DIREZIONE LL. PP., CICLO IDRICO INTEGRATO, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA, PROTEZIONE CIVILE Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento Le attività della Regione

Dettagli

ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2014-2015

ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2014-2015 Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 214-215 Dipartimento Protezione Civile Servizio Prevenzione Rischi Ufficio Previsioni e Pianificazione Via Vannetti, 41-381

Dettagli

A cura di: Capuano P., La Rocca A., Obrizzo F., Pingue F.,Pinto S., Russo A., Tammaro U.

A cura di: Capuano P., La Rocca A., Obrizzo F., Pingue F.,Pinto S., Russo A., Tammaro U. Rete Mareografica (area Vesuviana) 11 Il monitoraggio dei movimenti verticali del suolo è effettuato, oltre che con le tecniche geodetiche classiche e satellitari, anche tramite l uso dei mareografi che

Dettagli

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino)

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) Il flusso di calore geotermico Il flusso di calore nel terreno, nella parte più superficiale della crosta terrestre corrispondenti

Dettagli

Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive

Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive Sandro Fuzzi Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima Consiglio Nazionale delle Ricerche Bologna Aerosol atmosferico

Dettagli

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI Patrizia Piro, Marco Carbone, Giovanni Tomei Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Università degli Sudi della Calabria

Dettagli

PREVISIONI DI MAREA 2015 per il Golfo di Trieste

PREVISIONI DI MAREA 2015 per il Golfo di Trieste Il livello del mare a Trieste PREVISIONI DI MAREA 2015 per il Golfo di Trieste con le costanti armoniche aggiornate A cura di F.Raicich, R.R.Colucci, E.Caterini, M.Iorio Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Acquiferi nella pianura costiera emiliano romagnola Acquiferi alluvionali

Dettagli

Il sistema di monitoraggio delle risorse idriche sotterranee della provincia di Ragusa

Il sistema di monitoraggio delle risorse idriche sotterranee della provincia di Ragusa Programma Operativo Italia-Malta 2007-2013 Unione Europea Monitoraggio delle risorse idriche sotterranee ed interventi per il controllo dell intrusione marina e per la riduzione dell inquinamento da attività

Dettagli

LA ROSA DEI VENTI. Roberto Romagnoli

LA ROSA DEI VENTI. Roberto Romagnoli LA ROSA DEI VENTI Le prime notizie sulla Rosa dei Venti risalgono ai poemi omerici in cui si menzionano quattro venti sempre riferiti a personaggi mitologici. E da notare che nello stesso tempo anche gli

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA RICARICA DELLA FALDA IN UN FONDOVALLE ALLUVIONALE: MONITORAGGIO AMBIENTALE E SIMULAZIONI NUMERICHE. M. Pirastru 1, M.

VALUTAZIONE DELLA RICARICA DELLA FALDA IN UN FONDOVALLE ALLUVIONALE: MONITORAGGIO AMBIENTALE E SIMULAZIONI NUMERICHE. M. Pirastru 1, M. Convegno di Medio Termine dell Associazione Italiana di Ingegneria Agraria Belgirate, 22-24 settembre 2011 memoria n. VALUTAZIONE DELLA RICARICA DELLA FALDA IN UN FONDOVALLE ALLUVIONALE: MONITORAGGIO AMBIENTALE

Dettagli

4.3 Acque marino-costiere

4.3 Acque marino-costiere 4.3 Acque marino-costiere La Provincia di Viterbo ha un estensione di costa di circa 55 Km di cui circa il 75% con vocazione balneare mentre la restante è destinata ad usi differenti (militari, industriali,

Dettagli

Batteri (microflora) 1-2 3 500 (x 10 6 ) Funghi (microflora) 2-5 5.000-900.000. Lieviti (microflora) --- 1.000-100.000

Batteri (microflora) 1-2 3 500 (x 10 6 ) Funghi (microflora) 2-5 5.000-900.000. Lieviti (microflora) --- 1.000-100.000 La fertilità biologica La fertilità biologica è collegata all attività delle comunità biotiche residenti nel terreno che stabiliscono associazioni e biocenosi e promuovono trasformazioni metaboliche di

Dettagli

La formazione di mucillagini nel mare Adriatico

La formazione di mucillagini nel mare Adriatico La formazione di mucillagini nel mare Adriatico Michele Giani Istituto Centrale per la Ricerca scientifica e tecnologica Applicata al Mare Chioggia Condivisione delle conoscenze e sviluppo di sistemi informativi

Dettagli

Stagno di Casaraccio Valutazione sullo stato di qualità ambientale in riferimento al D.Lgs 152/99. Indice OGGETTO E SCOPO 3 PREMESSA 3

Stagno di Casaraccio Valutazione sullo stato di qualità ambientale in riferimento al D.Lgs 152/99. Indice OGGETTO E SCOPO 3 PREMESSA 3 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS Dipartimento Provinciale di Sassari Stagno di Casaraccio Valutazioni sullo stato di qualità ambientale in riferimento al D.Lgs 152

Dettagli

Università di Genova and CINFAI

Università di Genova and CINFAI Il ruolo del mare e dei processi microfisici nelle nuvole nei fenomeni alluvionali in Liguria Andrea Mazzino andrea.mazzino@unige.it Università di Genova and CINFAI In collaborazione con Federico Cassola

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

Previsione mensile: febbraio 2015 (2 febbraio 3 marzo)

Previsione mensile: febbraio 2015 (2 febbraio 3 marzo) Previsione mensile: febbraio 2015 (2 febbraio 3 marzo) Modello GLOBO, CNR-ISAC, Bologna D. Mastrangelo, P. Malguzzi, A. Buzzi Previsione emessa il 02/02/2015 e basata sulle condizioni iniziali NOAA/NCEP

Dettagli

17. Il processo di inquinamento

17. Il processo di inquinamento 17. Il processo di inquinamento Gli inquinanti emessi da una sorgente vengono immessi nell'ambiente dove si propagano con velocità e per distanze che dipendono dal tipo d'inquinante e dal tipo di flusso,

Dettagli