Mariangela Ravaioli CNR ISMAR Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mariangela Ravaioli CNR ISMAR Bologna"

Transcript

1 Systematic collection, in the VECTOR project, of available hydrological and biogeochemical data from the North-Central Adriatic Sea to define the physical and biological processes affecting the C cycle. CNR ISMAR Bologna Autori: M. Ravaioli 1, G. Catalano 2, S. Fonda-Umani 5, C. Solidoro 6, M.Giani 7,6, P. Focaccia 1, L. Langone 1, S. Miserocchi 1, M. Frignani 1, G. Socal 3, A. Boldrin 3, M. Marini 4, F. Spagnoli 4, A., E. Paschini4, A. Russo8, M. Zavatarelli9, Cataletto 6, S. Cozzi 2, V. Saggiomo 10, V. Cardin6, A.Pugnetti 3, M.Bastianini 3, V.Kovaèeviæ 6, 1 Istituto di Scienze Marine, Sede di Bologna, CNR 2 Istituto di Scienze Marine, Sede di Trieste, CNR 3 Istituto di Scienze Marine, Sede di Venezia, CNR 4 Istituto di Scienze Marine, Sede di Ancona 5 Dipartimento di Biologia, Università degli Studi di Trieste 6 Dipartimento Oceanografia, INOGS 7 ISPRA, l Istituto di Ricerca per la Protezione Ambientale, già ICRAM 8 Dipartimento di Scienze del Mare, Univ. Politecnica delle Marche 9 Univ. di Bologna, Centro Interdipartimentale di Ricerca sulle Scienze Ambien 10 Stazione Zoologica Anton Dohrn Napoli, Villa Comunale Napoli

2 Introduzione Solo recentemente è stato considerato il ruolo delle piattaforme continentali nel ciclo del carbonio oceanico (continental shelf pump), oltre alla pompa fisica, biologica e carbonatica. A tal proposito, il progetto Vector, con la sub-attività 6.1 intende stimare l efficienza dell uptake di CO2 nel Nord Adriatico, quale area di intensa attività biologica e cicli biogeochemici complessi. Questa relazione illustrerà i principali risultati di questa attività particolarmente in relazione a: la valutazione di processi dinamici, il grado di produzione primaria, la produzione e mineralizzazione di carbonio particolato, la distribuzione di carbonio particolato e dissolto, stock di nutrienti e tasso di seppellimento. Saranno presentati i dati disponibili relativi ai flussi di C all interfaccia acqua-sedimento, i dati idrologici e biogeochimici della colonna d acqua nonché i dati meteorologici e fluviali. I dati raccolti serviranno alla stima della variabilità stagionale del ciclo del C nell Adriatico centro-settentrionale.

3 Attività 6.1 Variabilità del ciclo del C piattaforma Adriatica dai dati esistenti (scala stagionale) Resp. Fonda Umani (CONISMA) 1,1 Raccolta dati idrologici (T, S, O2, N, P, Si, ph, Alk, Chl, DIC, DOC, POC) OGS: Kovacevic/Cataletto - CONISMA: Fonda Umani - ISMAR:Socal - ICRAM:Giani -SZN: Saggiomo 1,2 Raccolta dati meteorologici, calcolo forzanti OGS: Cardin - CONISMA:Russo - ISMAR: Crisciani 1,3 Raccolta dati apporti fluviali, carico di nutrienti ICRAM: Giani - ISMAR: Cozzi - CONISMA: Fonda Umani 1,4 Flussi di carbonio acqua-sedimento ISMAR: Spagnoli - ENEA:Schirone - ICRAM: Giani 1,5 Scenari meteo-marini, sistemi frontali, calc.flussi OGS: Cardin - CONISMA: Russo - ISMAR: Paschini 1,6 Strutture mesoscala, efficienza pompa fisica OGS: Kovacevic - ISMAR: Paschini 1,7 Tassi trasformazione, efficienza pompa biologica ISMAR: Pugnetti - CONSIMA:Fonda Umani OGS:Cataletto - SZN: Saggiomo 1,8 Quantificazione C trasportato e/o depositato ISMAR:Ravaioli - OGS: Manca - CONISMA: Danovaro - ENEA: Delfanti 1,9 Integrazione dei risultati ottenuti CONISMA:Fonda Umani - ENEA: Delfanti - ICRAM: Giani - ISMAR:Boldrin - OGS: Manca -SZN: Saggiomo

4 Progetti considerati (parziale)dal 1990 ad oggi Progetti Internazionali n.22 Europei, interreg, trans-frontalieri, OENAR Progetti Nazionali n. 12 Firb, Fisr, Ministeri, ecc Progetti Regionali n. 13 Regioni, Arpa, Enti locali, ecc Progetti Industria n. 4 Eni, Agip. ecc ALPE ADRIA CONVENZIONE ISTITUTO BIOLOGIA DEL MARE ARPA VENETO Progetto Tossicità da alghe nei mitili nel Golfo di Trieste Effetti dello scarico in mare dei fluidi e solidi di perforazione di pozzi per lo sfruttamento di gas naturale nell Adriatico Progetto di ricerca sulla produzione di essudati gelatinosi da diatomee in condizioni controllate Studio della produttività primaria e della produzione secondaria di barriere artificiali in prossimità di effluenze sottomarine per la difesa delle condotte (Lignano - Grado) sottoprogetti "Oceanografia descrittiva e dinamica dell'adriatico e Cicli biogeochimici ed indagini ecofisiologiche"; PALOMA EUROMARGE-AS Progetto di ricerca PRISMA Progetto per un prototipo di una carta delle biocenosi bentoniche dell'adriatico settentrionale Influence of Vibrio parahaemolyticus in the Diarrhetic Shellfish Poisoning Progetto di ricerca sulla struttura ed ultrastruttura di Alexandrium, specie potenzialmente produttrice di tossine PSP, nel Golfo di Trieste.

5 Progetti considerati Sperimentazione tossicologica su mitili e spigole MATER PRISMA Studio dell'impatto delle mitilicolture sull'ambiente marino JADRAN Progetto DiCANN Analisi batteriologiche e biotossicologiche su campioni di acqua marina, sedimento e molluschi prelevati nell area ricadente nel territorio di competenza dell Azienda per i Servizi Sanitari n. 5 Bassa Friulana INTERREGII Italia Slovenia ENI-MISM PROGETTO MAT Effetto degli effluenti della condotta a mare della centrale elettrica di Servola EuroSTRATAFORM NEMO SINAPSI PIT AGEM Regional Collaboration in Environmental Monitoring and Forecasting in the Northern Adriatic

6 Progetti considerati 2001 Progetto Sigma DOLCEVITA ADRICOSM PROGRAMMA DI COLLABORAZIONE ISMAR- STAZIONE ZOOLOGICA NAPOLI (NADIR) SIT EURODELTA EUROSTRATAFORM CIPE DART Intervento 72 - Campo Sperimentale in Mare RIVERINE CARBON (ONR-EuroSTRATAFORM) INTERREGIII Sviluppo sostenibile dell ambiente e del territorio, VECTOR ANOCSIA EMMA ADRICOSM-EXT REQUISITE-INTERREG SESAME Adricosm-STAR

7 Dalla climatologia allo studio dei processi Andamento mensile della colonna d acqua mescolata in tutto il sottobacino ~15000 In dic-gen-feb lo strato mescolato raggiunge mediamente il 60 % della colonna d acqua in tutto il sottobacino (l intervallo della deviazione standard %) Climatologia ~30 anni Celle delle dimensioni 12 x 12 Kovacevic, Burca, Manca, OGS-OGA

8 Dalla climatologia allo studio dei processi (mesi invernali: Nov-Feb) Progetti:MAT, INTERREG II, A01, LBM N C S A1/(A1 +A2) x 100 % Andamento dell area mescolata/area totale lungo la sezione N (nord) in funzione degli apporti dell acqua dolce e degli eventi di bora con > 9 m/s Kovacevic, Burca, Manca, OGS-OGA

9 OLTRE 25 ANNI DI OSSERVAZIONI OCEANOGRAFICHE (fisiche e chimiche): esempio sulle SEZIONI DI SENIGALLIA-SUSAK E DI PESCARA-SEBENICO CNR-ISMAR sede di Ancona, (Marini et al.) Parte 5st Sezione Senigallia-Susak Flussi di nutrienti nel transetto Vieste-spalato depth (m) Orthosilicate Flux (mm/s) Orthophosphate Flux (mm/s) distance (km) Parte 4 st 1980Fossa occidentale 1998 Transetto completo 2008 Pescara Sezione Pescara-Sebenico telesenigallia NO2+NO3 Flux (mm/s) Area occidentale Transetto completo Area occ. Senigallia Progetti: ADRICOSM; DART; DOLCEVITA; MATER; MAT; SINAPSI; VECTOR stazioni CTD archiviate nel periodo da ISMAR Ancona distance (km) distance (km)

10 INFLUENZA DELLA VARIABILITA STAGIONALE E DELLE PORTATE DEL PO SULLE PROPRIETA BIOCHIMICHE LUNGO IL VERSANTE OCCIDENTALE DELL ADRIATICO Mauro Marini, CNR-ISMAR sede di Ancona, Progetto: DOLCEVITA Inverno 2003 Primavera/estate 2003 (a) temperature; (b) salinity, (c) DIN (mm); (d) orthosilicate (mm); and (e) orthophosphate (mm), (f) Rectangles indicate the Po (A) and Pesaro (B) transects.

11 Masse d acqua intermedie e profonde NAdDW North Adriatic Deep Water -, sono acque che si formano localmente con una marcata variabilità interannuale nel nord Adriatico, in un ambiente marino caratterizzato da un fondale di piattaforma continentale molto basso (< 50 m). Esse generano correnti di densità che le trasportano più a sud lungo il fondale. MAdDW Middle Adriatic Deep Water -, possono formarsi sia localmente nel Medio Adriatico (area delle depressioni del Pomo), che risultare dalla rielaborazione delle acque dense del Nord, le quali possono migrare nel Medio Adriatico mescolandosi con acque locali. Una parte consistente di queste acque tende ad occupare stabilmente gli strati più profondi delle depressioni del Pomo. MLIW Modified Levantine Intermediate Water -, forma modificata delle acque Levantina che si originano nel bacino di levante del Mediterraneo, e da li fluiscono in senso antiorario raggiungendo lo Ionio, dove biforcano il loro percorso, proseguendo da una parte verso il canale di Sicilia e dall altra in Adriatico attraverso il canale d Otranto. NO 2 +NO Silicate 173 Phosphate 5 Aprile 2006 Luglio 2006 MAdDW NAdDW MAdDW NAdDW NAdDW 200m MAdDW GS8 GS7 GS6 GS5 GS4 GS3 GS2 GS1 Cape Gargano 98 7 GS12 GS11 GS10 GS9 Split 100m 50m 100m MLIW MLIW Marini, Grilli et al. Calcolo dei flussi di nutrienti (mol/s) nelle varie masse d acqua 200m 500m 1000m

12 Produzione primaria (progetti MAT e INTERREG 2) Socal et al. Distribuzione superficiale di nitrati (a sinistra) e clorofilla-a (a destra) in diversi periodi, in corrispondenza alle portate maggiori del fiume Po (febbraio-maggio 2004) rispetto ai valori medi.

13 Produzione primaria: progetto MATER Budget di Carbonio nell Adriatico Da progetto Mater Primary Production (g C m -2 y -1 ) Northern Basin off Po delta South of Po delta Off-shore sands Middle Basin Pomo Pit South Adriatic Pit La stima di produzione primaria come previsto mostra chiaramente dei gradienti oligotrofici da Nord a Sud e dalla costa verso il mare aperto (Giordani et al., 2002)

14 Produzione primaria: progetto MATER Giordani, Miserocchi et al. Carbon Rain verso il fondo (g C m -2 y -1 ) Northern Basin off Po delta Carbon rain % di P.P Efficienza di seppellimento % South of Po delta Off-shore sands 25 8 Middle Basin Pomo Pit South Adriatic Pit Respired Carbon Buried Carbon Il carbon rain verso i sedimenti, è stato calcolato come la somma della respirazione bentica e del flusso del seppellimento di carbonio su scale annuale. Sia l ammontare del carbonio respirato che seppellito sono funzione della profondità.

15 Flussi bentici misurati e calcolati nell Adriatico settentrionale Progetto PRISMA 1 NH3 (mmol*m-2*d-1) Pore Waters Benthic Chambers Incubation Cores O2 mg/l Oct. AA1- (8) Oct. 13- (8) Oct. 17- (8) Oct. 18- (8) 6-'88 (11) 7-'88 (11) 24- '92 (10) E1- '94 (2) E1- (6) 4-'88 (11) Oct. 28- (8) E2- '94 (2) E2- (6) June '88 4-'82 (11) (1) June '88 4-'82 (11) (1) E3- '94 (2) E4- '94 (2) O2 mg/l NH4 PO4 (mmol*m-2*d-1) Pore Waters Benthic Chambers Incubation Cores O2 mg/l Oct. AA1- (8) Oct. 13- (8) Oct. 17- (8) Oct. 18- (8) 6-'88 7-'88 (11) (11) 24- '92 (10) E1- '94 (2) E1- (6) 4-'88 (11) Oct. 28- (8) E2- '94 (2) E2- (6) June June ' '88 4-'82 (11) 4-'82 (11) (1) (1) E3- '94 (2) E4- '94 (2) O2 mg/l PO4 Si(OH)4 (mmol*m-2*d-1) Pore Waters Benthic Chambers Incubation Cores O2 mg/l Oct. AA1- (8) Oct. 13- (8) Oct. 17- (8) Oct. 18- (8) 6-'88 (11) 7-'88 (11) 24- '92 (10) E1- '94 (2) E1- (6) 4-'88 (11) Oct. 28- (8) E2- '94 (2) E2- (6) June June ' '88 4-'82 (1) (11) 4-'82 (1) (11) July E3- '94 (2) E4- '94 (2) O2 mg/l Si(OH)4 (1) Giordani & Hammond, 1985; (2) Giordani et al., 1994; (6) Giordani et al., 1996a; (8) Bergamini et al., 1997; (10) Spagnoli & Bergamini, 1997; (11) Hammond et al., 1999

16 Produzione primaria annuale (g C m-2 y-1) (progetti MAT e INTERREG 2) (Socal, Boldrin, Giani et al.) Altri Autori: costa: largo: Oceani: Upwelling: 500 Shelf: 180 Estuari e lagune: gradiente a scendere Ovest Est, con i massimi davanti alla plume del Po il gradiente Nord-Sud dal Po verso Sud la grande eterogeneità dei valori in aree diverse del bacino il confronto con altri ecosistemi che evidenziano che, ad esclusione delle aree ad alta trofia nelle vicinanze della plume, permangono condizioni trofiche simili agli oceani, soprattutto nella zona sud orientale. Quindi ben vengano le aree mesoeutrofiche occidentali costiere.

17 Flussi e particellato (Socal, Boldrin, Giani et al.) Fissazione di C, N (fitoplancton) 80-90% Carbonio organico disciolto CO 2 N % 10-20% una frazione molto piccola del carbonio prodotto in colonna raggiunge il benthos; questo induce a pensare che il nuovo materiale organico sia metabolizzato e riciclato in colonna (ciclo microbico e grazing). Fondo

18 Flussi di Particellato Sedimentabile e di carbonio Organico una Revisione dei Dati esistenti (Giani et al.) DATA SET CONSIDERATI PRISMA 1 ICRAM-CNR ISMAR staz. S1-S2-S PRISMA 2 CNR ISMAR trappole flottanti giu 96, feb 97 MAT ICRAM golfo di Trieste INTERREGIII CNR ISMAR stazione C10 (S3) 2005 INT72 CNR ISMAR stazione CS (Sile) Flussi totali di carbonio organico sedimentabile (g C m-2 y-1) Stime preliminari dei flussi primari di carbonio organico g C m-2 y-1

19 Flussi e particellato Progetto Prisma 2 (Boldrin, Giani et al.) A B Prisma2 Trappole flottanti numeri puntuali misurati (incubazioni in situ. Stime di biomassa e stima del materiale sedimentato da trappola). 0 Depth (m) DIN 10 PO SiO Station A - June 1996 Costa Phytoplankton cell m mg C m -3 Zooplankton ind. m mg C m -3 Export di C = 35% DIN 0.7 PO SiO Phytoplankton cell m mg C m -3 Zooplankton ind. m mg C m -3 Export di C = 8% Organic Carbon 1.2% POC 452 mgc m -3 Flux 30 PP 86 POC 136 mgc m -3 PP 106 Flux 15 T 24.8 S 31.5 T 14.2 S Depth (m) PO Station B - June 1996 Largo Organic Carbon 0.4% Nutrienti in µm; PP e Flux in mgc m-2 d-1 DIN 0.6 SiO DIN 2.0 PO SiO Phytoplankton cell m mg C m -3 Zooplankton ind. m mg C m -3 Export di C = 30% Phytoplankton cell m mg C m -3 Zooplankton ind. m mg C m -3 Export di C = 6% POC 240 mgc m -3 Flux 14 PP 46 POC 96 mgc m -3 PP 56 Flux 6 T 24.4 S 34.3 T 14.3 S 37.5

20 Sedimenti Bilancio di massa Tassi di accumulo del sedimento (g cm -2 y -1 ) Data set = 230 carote datate Palinkas & Nittrouer, CSR 2007 Frignani et al., MG 2005 Palinkas & Nittrouer, MG Mariangela 2006 Ravaioli

21 Sedimenti VALUTAZIONI SUI TASSI DI ACCUMULO DI SEDIMENTO Numerosi depocentri con alti tassi di accumulo sedimentariosono evidenti nella zona costiera settentrionale dell Adriatico, nel prodelta del fiume Po e lungo una stretta fascia fra Ancona ed il promontorio del Gargano con velocità di sedimentazione compresi fra to 4.8 cm s -1 e tassi di accumulo fra 0.03 to 6.6 g cm -2 y -1. I tassi di accumulo di carbonio organico raggiungono i valori maggiori in due depocentri del prodelta del Po con flussi superiori a 140 g m -2 y -1 e in numerosi depocentri lungo la costa. Frignani, Langone, Ravaioli, Albertazzi et al.

22 Sedimenti Sorting idrodinamico e trasporto dei sedimenti A causa dell aumento relativo della frazione di OC derivata dai suoli, il OC mostra indici di maggiore degradazione man mano ci si allontana dal prodelta del Po. degraded OC Po r Ad ic ia t a Se t ic ria nt Ad re rn ur te l c es ta W oas c ine nn ns pe tai Ap oun m Ancona ratio [3,5-Bd:Vanillyl phenols] tracer for degraded OM vascular plants Tesi, Langone, Miserocchi et al.

23 Sedimenti Bilancio di massa Contenuti di C organico nei sedimenti (%) PRISMA1 Le aree di maggior accumulo di carbonio organico sono state individuate nelle zone influenzate da fiumi come il Golfo di Trieste (fiume Isonzo), prodelta dei fiumi Adige e Brenta, prodelta del Po, e nella zona meridionale soggetta all apporto dei fiumi appenninici. I contenuti maggiori dell 1% di Carbonio Organico compongono un depocentro concentrato che si sviluppa attorno al delta. EuroSTRATAFORM Data set = >900 campioni (superficiali, box core, carote) Progetti: PRISMA 1, STEP, CIPE, Riverine Carbon, EuroStrataform, Vector... Autori vari

24 Modelli Numerici usati nel Progetto 1. Modello MITgcm Ocean General Circulation Model (Nord Adriatico) studio delle caratteristiche idrodinamiche del ad elevata risoluzione spaziale temporale simulazione dei processi di formazione di acque dense 2. Modello Biologico: Biogeochimica di P e C, analisi climatologica del Nord Adriatico 3. Modello POM Princeton Ocean Model valutare, attraverso simulazioni numeriche climatologiche le interazioni fra i processi di formazione delle acque dense del mare Adriatico e la dinamica e la variabilità dei processi biogeochimici. ruolo delle dinamiche fisiche e biogeochimiche del mare Adriatico nel sequestro del carbonio 4. Modello ROMS - Adriatico Centro Settentrionale Progetti EMMA/ANOCSIA modulo accoppiato di flussi biogeochimici flussi biogeochimici tipo N-P-Z-D (Nutrient-Phytoplankton-Zooplankton- Detritus) includente anche le dinamiche dell ossigeno disciolto e del carbonio

25 Alcuni esempi di sistemi di raccolta dati oceanografici attualmente esistenti ed attualmente organizzati in banche dati ENEA - Mediterranean Forecasting System Volunteer Observing Ships - PORTAL OGS - National Oceanographic Data Centre - PORTAL SEADATANET: Pan-European infrastructure for Ocean & Marine Data Management (internazionale) - PORTAL MEDAR/MEDATLAS 2002 (internazionale) - Portal Banca Dati ISPRA (ex Apat) - Portal Banche dati Ministero Ambiente - Portal Banche Dati che vedono il coinvolgimento Enti (CNR, INGV, OGS, ENEA, ISPRA, Uni, ecc) Banca Dati Anocsia Banca Dati ADRICOSM Banche Dati da Stazioni Marine e Siti Fissi Banca Dati GNOO Dati da Satellite - GOS ISAC Data Base web-gis progetto HERMES (data base deep sea ecosystems) Banca Dati Cartografia in Adriatico MOON: Mediterranean Operational Oceanography Network Banche Dati Regionali e Arpa Banca Dati PRISMA Banca dati VECTOR Banca dati oceanografica ISMAR Banca dati Emma Ecc

26 Considerazione sui dati scientifici pregressi e acquisiti dal progetto Vector Relativamente ai dati già acquisiti: ricalcolo dei flussi stagionali ed annuali ricalcolo dei flussi di Corg al netto della risospensione, ove possibile, e dell incidenza rispetto alla produttività primaria dovranno essere considerati gli apporti fluviali (in parte già stimati) migliore connessione con i dati acquisiti dai monitoraggi delle Regioni, delle ARPA e Ministeri competenti bilancio del carbonio nell area considerata (Adriatico settentrionale e centrale) connessione dei modelli con i dati di processo confronti tra la modellistica esistente bilancio del carbonio per l anno 2008 sui dati acquisiti dalle crociere del progetto VECTOR confronto ed integrazione dei dati VECTOR 2008 con i dati pregressi Ci sono alcune evidenze a seguito indicate

27 La necesstità di consolidare I siti di rilevanza delle reti osservativa per l area Nord- Adriatica oggetto degli studi della linea 6.2: la rete osservativa per studi a lungo termine nell Area Adriatica I siti fissi di monitoraggio di VECTOR in connessione con LTER e GNOO Golfo di Venezia Stazione C10 Secca dell Abate Sito E1 di fronte a Rimini Golfo di Trieste Riserva di Miramare boa Mambo-Paloma Sito S1 a SW del delta del Po di Goro Sezione Vieste-Spalato, ancoraggi (ADCP e CTD yo-yo )

28 Appare evidente la necessità di fare connessioni tre le Reti osservative per studi a lungo termine LTER SITI marini con sistemi Terrestri, Lagunari e Marini LTER, ecc. VECTOR, GNOO, LTER ecc.

29 Dall analisi dei dati appare evidente la necessità di proseguire gli studi a scala di bacino nell Adriatico, ma anche dei mari italiani STUDI A SCALA DI BACINO Importante che siano promossi progetti a scala di Bacino dei Mari Italiani (es. Vector) opportunamente sintonizzato su aspetti climatologici importanti e ripetuti con frequenza regolare (esempio biennale e/o triennale), ma paragonabili alle scale temporali di studio climatico 10, 20 anni. CONNESSIONI TRA STUDI A SCALA DI BACINO E SERIE TEMPORALI MODELLISTICA Fondamentali sono le connessioni tra gli studi a scala di bacino, serie temporali e la modellistica. BANCA DATI NAZIONALE Riteniamo questo una necessità improcrastinabile.

30 Alcune evidenze emerse dall analisi dei dati pregressi 6.1 ed il confronto con i dati acquisiti nella attività 6.2 e 6.3 La pompa Biologica: La CO2 atmosferica assorbita dagli oceani abbassa il PH (0.1unita ), causandone acidificazione. Questo si sovrappone alla CO2 prodotta dalla pompa biologia. L acidificazione interagisce anche con la dissoluzione dei carbonati influendo sui calcoli di sink e sources della CO2 delle aree marine. Dal 83 al 08 la pressione parziale di CO2 è raddoppiata e si stima la continuazione di questo processo nel 21 secolo (v. comunicazione Catalano et al.). La pompa Fisica: L aumento della temperatura nelle ultime decadi di osservazioni sia superficiale (in sintonia con i dati atmosferici) che nella colonna d acqua che è stimata in media 0.7 gradi (v. comunicazione Russo et al.) e si stima che prosegua questo trend. L analisi è effettuata con i dati Medar-Medatals e i dati CNR-Ismar (Ve-An, ecc)

31 Ringraziamenti Grazie agli Autori, alla comunità scientifica adriatica per l importante contributo di dati, progetti e lavori scientifici sul tema della attività 6.1 e 6.2 responsabili rispettivamente Fonda e Ravaioli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

La formazione di mucillagini nel mare Adriatico

La formazione di mucillagini nel mare Adriatico La formazione di mucillagini nel mare Adriatico Michele Giani Istituto Centrale per la Ricerca scientifica e tecnologica Applicata al Mare Chioggia Condivisione delle conoscenze e sviluppo di sistemi informativi

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations Present-day Vertical kinematic pattern in the Central and Northern Italy form permanent GPS stations N. Cenni 12, P. Baldi 2, F. Loddo 3, G. Casula 3, M. Bacchetti 2 (1) Dipartimento Scienze Biologiche,

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 18/05/15 al 24/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 01/06/15 al 07/06/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 25/05/15 al 31/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione 1 Carlo Sabbarese Gruppo di ricerca: R. Buompane, F. De Cicco, V. Mastrominico, A. D Onofrio 1 L attività di ricerca è svolta

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma Presenza dell arsenico nei suoli agricoli e nelle acque sotterranee in Italia: importanza dei determinanti geogenici e antropici per la gestione del rischio per la salute umana Rosario Napoli Centro di

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno.

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno. ITALIA FISICA Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 10 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE A. Le idee importanti l L Italia è una penisola al centro del Mar Mediterraneo, con due grandi isole l In Europa, l

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Miroslav Gačić Oceano, atmosfera e cambiamenti climatici: Cosa ne sappiamo

Miroslav Gačić Oceano, atmosfera e cambiamenti climatici: Cosa ne sappiamo Miroslav Gačić Oceano, atmosfera e cambiamenti climatici: Cosa ne sappiamo EUR-OCEANS Network of Excellence Oceano, atmosfera e cambiamenti climatici: Cosa ne sappiamo? Miroslav Gačić Istituto Nazionale

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Adriano Barbi, Federica Checchetto, Irene Delillo, Francesco Rech Servizio Meteorologico Teolo (PD) ARPAV, Dipartimento Regionale Sicurezza del Territorio

Dettagli

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014).

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014). COMUNICATO STAMPA ADRIATIC SEA FORUM: al via oggi a Dubrovnik la seconda edizione di Adriatic Sea Forum cruise, ferry, sail & yacht, evento internazionale itinerante dedicato ai settori del turismo via

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria Marco Vecchiocattivi Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale dell Umbria Sommario Introduzione Modellistica fotochimica Applicazione

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia

Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia Estratto: B) SUDDIVISIONE CLIMATICA DEL FRIULI-VENEZIA GIULIA pag.2 C) VALORI MEDI pag. Livio Stefanuto OSMER Osservatorio Meteorologico Regionale ARPA Friuli-Venezia

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 2Modifiche in atto. Gli impatti Il riscaldamento globale Evidenze

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Earth Council Italia. 2 Conferenza Internazionale sull Ambiente

Earth Council Italia. 2 Conferenza Internazionale sull Ambiente Earth Council Italia Italia Accredited Organizations to the United Nations Environment Programme Governing Council-Global Ministerial Environment Forum GC-GMEF n. 47 update 29 august 2007 2 Conferenza

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(*" ))*))( *!* %*& ($,0$. *%

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(* ))*))( *!* %*& ($,0$. *% !" " //(*%(*" ))*))( *!* *(*/-*%(*2,&2 %*&!" #$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) %,%,-.%*" ($)&*$/% ')( ($,0$. *% ($,1% 2 ...4 #$%...4 &...5...6...7...8 Le aree estrattive provinciali... 8 Il contesto territoriale...

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

Indice. 1. I cambiamenti climatici e la necessità dello stoccaggio geologico della CO 2... 4

Indice. 1. I cambiamenti climatici e la necessità dello stoccaggio geologico della CO 2... 4 Indice 1. I cambiamenti climatici e la necessità dello stoccaggio geologico della CO 2............................................................... 4 2. Dove e quanta CO 2 possiamo immagazzinare nel

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve ZHUJIANG BEER Al Rawdatain. Al Rawdatain in breve SETTORE ACQUA & CSD Al-Rawdatain Al-Rawdatain Water Bottling Co. Safat, Kuwait >> cartonatrice SMI WP 300 >> fardellatrice SMI SK 350 T >> manigliatrice

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante ANALISI DELL UNIVERSITÀ DI TORINO SU BIOCHAR OTTENUTO DA DIVERSE MATRICI Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante di L. Petruzzelli, R. Subedi, C. Bertora, E. Remogna, C. Grignani Dal

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli