Macchine a collettore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Macchine a collettore"

Transcript

1 Manuale di installazione e manutenzione Macchine a collettore Ottobre 2006 AMK ABB SACE ABB

2 Questo documento è stato accuratamente verificato. Tuttavia, se si riscontrassero degli errori, Vi preghiamo di informarci il prima possibile. L informazione specificata rappresenta soltanto una descrizione di questo prodotto e non deve essere interpretata come caratteristiche vincolanti. Nei confronti degli interessi dei clienti, i nostri prodotti sono continuamente perfezionati secondo gli ultimi sviluppi tecnologici. Per tanto, si può verificare una differenza fra i prodotti e l informazione sullo stesso o le istruzioni operative descritte. Sono riservati tutti i diritti di questo documento e le informazioni in esso contenute. È strettamente vietata la riproduzione, l uso o la rivelazione a terzi senza espressa autorizzazione.

3 Istruzioni di sicurezza AMA, AMB, AMC, AMH, AMK, AML, HXR 1 Informazioni generali Le disposizioni di sicurezza generali, i contratti specifici stipulati per ogni stabilimento di lavoro e le precauzioni relative alla sicurezza indicati nel presente documento devono essere osservati in ogni momento. 2 Uso previsto Le macchine elettriche presentano parti sotto tensione e rotanti pericolose e possono avere superfici calde. Tutte le operazioni a fini di trasporto, stoccaggio, installazione, collegamento, messa in funzione, funzionamento e manutenzione devono essere eseguite da personale qualificato (in conformità alle norme EN / DIN VDE 0105 / IEC 60364). Un uso improprio può causare seri danni a persone e cose. Pericolo! Queste macchine sono destinate all uso su impianti industriali e commerciali come componenti in accordo a quanto stabilito dalla Direttiva Macchinari (MD) 89/392/CEE. La messa in funzione è proibita fino a quando viene stabilita la conformità del prodotto finale alla presente direttiva (seguire le disposizioni sulla sicurezza e l installazione locali specifiche come ad es. EN 60204). Queste macchine sono conformi alla serie di norme armonizzate EN / DIN VDE Il loro uso in zone pericolose è proibito salvo il caso in cui esse siano state appositamente concepite per tale impiego (seguire le istruzioni supplementari). Non utilizzare mai classi di protezione IP 23 all esterno. I modelli con raffreddamento ad aria sono stati appositamente studiati per temperature ambiente da -20 C fino a +40 C e per altitudini 1000 m sul livello del mare. La temperatura ambiente per i modelli con raffreddamento ad aria/acqua non dovrebbe essere inferiore a +5 C (per le macchine con cuscinetti striscianti, vedere la documentazione del costruttore). In ogni caso prendere nota delle informazioni diverse indicate sulla targa dati. Le condizioni locali devono essere conformi a tali dati. 3 Trasporto, stoccaggio Comunicare immediatamente alla società di trasporto gli eventuali danni riscontrati dopo la consegna. Sospendere le messa in servizio, se necessario. I golfari di sollevamento sono dimensionati per il peso della macchina: non applicare carichi supplementari. Assicurarsi di utilizzare i golfari di sollevamento corretti. Se necessario, usare mezzi di trasporto idonei adeguatamente dimensionati (ad es. guide a fune). Eliminare tutti I fermi utilizzati per la spedizione (ad es. blocchi cuscinetti, ammortizzatori) prima della messa in servizio. Conservarli per l uso futuro. Al momento dello stoccaggio delle macchine assicurarsi che il locale sia asciutto e privo di polvere e vibrazioni (pericolo di danneggiamento del cuscinetto a riposo). Misurare la resistenza dell isolamento prima della messa in servizio. A valori 1kΩ per volt di tensione nominale, far essiccare l avvolgimento. Seguire le istruzioni del costruttore. 4 Installazione Assicurarsi di utilizzare una superficie perfettamente piana, un basamento sufficientemente solido o una base flangiata e di effettuare un allineamento preciso in caso di accoppiamento diretto. Evitare risonanze con la frequenza di rotazione e con la doppia frequenza di rete come conseguenza del montaggio. Ruotare il rotore ed ascoltare per verificare l eventuale presenza di rumori di rotazione anomali. Controllare il senso di rotazione a macchina disaccoppiata. Seguire le istruzioni del costruttore durante il montaggio togliendo I giunti di accoppiamento o altri elementi di trasmissione, coprendoli con una protezione. Per un ciclo di prova a macchina disaccoppiata, bloccare o rimuovere la chiavetta dell estremità dell albero. Evitare carichi radiali e assiali eccessivi dei cuscinetti (vedere la documentazione del costruttore). L equilibratura della macchina è indicato come H = Half (mezza chiavetta) e F = Full (chiavetta intera). Sui modelli con mezza chiavetta, anche il giunto di accoppiamento deve essere bilanciato con mezza chiavetta. Se la chiavetta sporge dalla sede sull albero, provvedere a compensare lo squilibrio meccanico. Effettuare le connessione con i condotti di ventilazione e raffreddamento. La ventilazione non deve essere ostruita e l aria di scarico, anche dalle unità adiacenti, non deve essere aspirata direttamente. 5 Allacciamento elettrico Tutti gli interventi devono essere eseguiti da personale qualificato sulla macchina non funzionante. Prima di iniziare il lavoro, devono essere rigorosamente applicate le seguenti regole di sicurezza: Disinserire l alimentazione elettrica. Proteggere o prevedere barriere di protezione contro parti sotto tensione situate nelle vicinanze. Verificare che l isolamento dall alimentazione sia sicuro. Effettuare un collegamento a terra e cortocircuitarlo. Coprire o installare barriere nei confronti di parti sotto tensione adiacenti. Disinserire i circuiti ausiliari (ad es. riscaldamento anti-condensa). Il superamento dei valori limite della zona A in EN / DIN VDE tensione ± 5%, frequenza ± 2%, forma delle onde e simmetria provoca un aumento della temperatura e influisce sulla compatibilità elettromagnetica. Osservare le indicazioni sui valori nominali indicati sulla targa dati e lo schema dei collegamenti nella morsettiera. Il collegamento deve essere effettuato in modo da mantenere stabilmente un allacciamento elettrico sicuro. Utilizzare morsetti per cavi idonei. Stabilire e mantenere un collegamento equipotenziale sicuro. Le distanze tra le parti sotto tensione non isolate e tra tali parti e la massa non devono essere inferiori ai valori delle normative di pertinenza e ai valori eventualmente forniti nella documentazione del produttore. Non è ammessa la presenza di alcun corpo estraneo, sporco o umidità nella morsettiera. Chiudere i fori d ingresso dei cavi non usati e la morsettiera stessa in modo ermetico contro l infiltrazione di polvere e acqua. Per le macchine con accessori, verificarne il corretto funzionamento prima della messa in funzione. L installazione corretta (segregazione dei circuiti di segnalazione da quelli di potenza, schermatura cavi ecc.) é responsabilità dell installatore. 6 Funzionamento Le vibrazioni nell intervallo "soddisfacente" (V rms 4.5 mm/s) ai sensi della norma ISO 3945 sono accettate nel funzionamento con macchina accoppiata. In caso di deviazioni dal funzionamento normale ad es. temperatura elevata, rumori, vibrazioni scollegare la macchina se si è in dubbio. Stabilire la causa e, se necessario, consultare il costruttore. Non disinserire i dispositivi di protezione, nemmeno in cicli di prova a vuoto. In caso di forte accumulo di sporco, pulire l impianto di raffreddamento a intervalli regolari. Di tanto in tanto, aprire i fori chiusi di scarico della condensa. Ingrassare di nuovo i cuscinetti antifrizione con macchina in funzione. Seguire le istruzioni sulla targhetta di lubrificazione. Utilizzare il tipo di grasso idoneo. Sulle macchine con cuscinetti a strisciamento, osservare gli intervalli di tempo per il cambio dell olio e, se è presente un sistema di alimentazione dell olio, assicurarsi che questo funzioni. 7 Manutenzione Seguire le istruzioni per l uso fornite dal costruttore. Per ulteriori informazioni, consultare il Manuale per l uso completo. Conservare le presenti istruzioni per l uso. 8 convertitori di frequenza Nelle applicazioni con convertitori di frequenza la vite di messa a terra esterna della carcassa motore deve essere utilizzata per equilibrare la differenza di potenziale tra la carcassa del motore e della macchina accoppiata, salvo che le due macchine non siano montate sulla stessa base metallica. Per le grandezze maggiori alla IEC 280, utilizzare un cavo piatto da 0.75 x 70 mm o almeno due cavi circolari di 50 mm². La distanza tra i cavi circolari dovrà essere di almeno 150 mm l uno dall altro. Questa disposizione non ha funzione di sicurezza elettrica; l unico scopo è quello di equilibrare i potenziali. Se il motore e il riduttore sono montati sulla stessa base di acciaio non è necessario equilibrare i potenziali. U1 V1 W1 PE 3 ~ M Macchina accoppiata Equipotenziamento 0.75 mm Conduttore piatto 70 mm > 150 mm min 50 mm Per essere conformi ai requisiti delle EMC, è necessario usare cavi e collegamenti conformi allo scopo (vedere le istruzioni per i convertitori di frequenza). Cavi Safety and Ex-instructions-IT.doc ABB Electrical Machines (2)

4 N.B. Istruzioni di sicurezza aggiuntive per Motori elettrici in aree pericolose Seguire attentamente le seguenti istruzioni, atte ad assicurare un appropriata e sicura installazione, funzionamento e manutenzione del motore. Tutto il personale addetto al funzionamento ed alla manu-tenzione del motore deve essere a conoscenza di tali istruzioni. La loro inosservanza rende la garanzia nulla. Attenzione I motori per aree pericolose sono espressamente progettati per soddisfare i requisiti delle normative ufficiali relative agli ambienti con pericolo di esplosione. Se tali motori vengono usati in modo improprio, collegati non correttamente o anche solo marginalmente modificati, la loro sicurezza ed affidabilità può essere seriamente compromessa. Attenersi scrupolosamente alle norme relative ai collegamenti e all uso di apparecchiature elettriche in aree pericolose. Solo personale esperto e con una perfetta conoscenza di tali normative è autorizzato ad operare su tali apparecchiature. Dichiarazione di Conformità Tutti i motori ABB sono conformi alle seguenti Direttive: - Direttiva Bassa Tensione 73/23/EEC emendata dalla Direttiva 93/68/EEC - Direttiva EMC 89/336/EEC, emendata da 92/31/EEC, e 93/68/EEC - Certificato di Incorporazione nel rispetto della Direttiva Macchina 89/392/EEC, emendata dalle Direttive 91/368/EEC, 93/44/EEC e 93/68/EEC - I motori ABB con il marchio CE sulla targhetta sono conformi alla Direttiva ATEX 94/9/EC Validità Queste istruzioni sono valide per i seguenti tipi di motori ABB, quando utilizzati in aree pericolose. Non-sparking Ex na, Ex N, EEx na - Macchine AMA a gabbia di scoiattolo, grandezze Macchine AMB a gabbia di scoiattolo, grandezze Macchine HXR a gabbia di scoiattolo, grandezze Macchine AMC a gabbia di scoiattolo, grandezze sicurezza aumentata EEx e, Ex e - Macchine AMA a gabbia di scoiattolo, grandezze Macchine AMB a gabbia di scoiattolo, grandezze Macchine HXR a gabbia di scoiattolo, grandezze Macchine AMC a gabbia di scoiattolo, grandezze Pressurizzazione EEx pe, Ex pe, EEx p, Ex p - Macchine AMA a gabbia di scoiattolo, grandezze Macchine AMB a gabbia di scoiattolo, grandezze Macchine HXR a gabbia di scoiattolo, grandezze Macchine AMZ sincrone, grandezze Macchine AMC a gabbia di scoiattolo, grandezze Protezione contro polveri infiammabili (D.I.P.) - Macchine AMA a gabbia di scoiattolo, grandezze Macchine AMB a gabbia di scoiattolo, grandezze Macchine HXR a gabbia di scoiattolo, grandezze Macchine AMC a gabbia di scoiattolo, grandezze (Possono essere richieste ulteriori informazioni per alcuni tipi di macchine, utilizzate per applicazioni particolari o con progetto speciale.) Conformità I motori sono conformi sia ai requisiti elettrici e meccanici per motori standard, sia alle seguenti normative europee per motori utilizzati in aree pericolose: EN 50014; Norma generale inerente a materiale a prova d esplosione. EN 50016; Norma inerente alla protezione EEx p EN 50019; Norma inerente alla protezione EEx e EN 50021; Norma inerente alla protezione EEx na EN Norma inerente alla protezione da polvere esplosiva IEC ; Norma inerente ai requisiti generali per le atmosfere esplosive IEC ; Norma inerente alla protezione Ex p IEC ; Norma inerente alla protezione Ex e IEC ; Norma inerente alla protezione Ex na IEC Norma inerente alla protezione da polvere esplosiva BS 5000:16; Norma inerente alla protezione Ex N I motori ABB (validi solo per il gruppo II) possono essere installati in aree corrispondenti alla seguente classificazione: Zona (IEC) Categoria (EN) Etichettatura 1 2 EEx p, EEx pe,eex e Ex p, Ex pe,ex e 2 3 Ex na,ex N, EEx na Atmosfera (EN); G atmosfera esplosiva con presenza di gas D atmosfera esplosiva con presenza di polvere Controllo al ricevimento - Ispezionare immediatamente il motore al ricevimento per verificare che non abbia subito danni durante il trasporto. Se si dovessero riscontrare danni contestarli subito allo spedizioniere. - Controllare tutte le caratteristiche elencate sulla targhetta del motore e specialmente la tensione e il tipo di collegamento (stella o triangolo), e verificare che l esecuzione Ex del motore sia conforme a quanto richiesto. Seguire le norme indicate durante ogni operazione! Avvertenza! Scollegare ed operare con cautela sul motore o sulla macchina accoppiata. Assicurarsi che non ci sia presenza di gas esplosivi durante il controllo della resistenza d isolamento. Avviamento e riavviamento - Il numero massimo di avviamenti consecutivi deve essere dichiarato nella documentazione tecnica della macchina. - La nuova sequenza di avviamento è ammessa dopo il raffreddamento della macchina a temperatura ambiente (-> avviamenti e freddo) o alla temperatura d esercizio (-> avviamenti a caldo). Messa a terra e collegamenti equipotenziali - Prima dell avviamento, controllare che tutti I collegamenti di messa a terra e le connessioni equipotenziali siano effettivamente eseguiti. - Non rimuovere nessun cavo di messa a terra o connessione equipotenziale che sia stato montato dal costruttore. Distanze in aria e di scarica superficiale - Non eseguire alcuna modifica o intervento nelle morsettiere che potrebbe diminuire la distanza in aria o di scarica superficiale tra i componenti. - Non installare nessun nuovo dispositivo nelle morsettiere senza la previa consultazione di ABB. - Assicurarsi che il traferro tra il rotore e lo statore venga misurato dopo qualsiasi intervento di manutenzione eseguito su rotore o cuscinetti. Il traferro deve essere identico in ogni punto tra statore e rotore. - Centrare la ventola al centro della propria calotta di protezione o guida aria dopo qualsiasi intervento di manutenzione. Il gioco deve essere almeno dell 1% del diametro massimo della ventola e a norma. Collegamenti nelle morsettiere - Tutti i collegamenti nelle morsettiere principali devono essere eseguiti tramite I connettori forniti in dotazione con la macchina dal costruttore. In altri casi, consultarsi con ABB. - Tutti i collegamenti nelle morsettiere ausiliari, etichettati come circuiti intrinsecamente sicuri (Ex i) devono essere collegati a delle barriere di sicurezza adeguate. Accessori - Per ulteriori informazioni sugli accessori si rimanda ai vari manuali. N.B.! In caso di conflitto tra le presenti istruzioni ed il manuale per l uso, vale il presente documento. Safety and Ex-instructions-IT.doc ABB Electrical Machines (2)

5 ABB Manuale dell utente, AMK Capitolo 1 - Introduzione Capitolo 1 Introduzione 1 Aspetti generali Documentazione Presente manuale Documentazione della macchina Documentazione di avvio, controllo velocità ed altre apparecchiature Macchina Numero di serie della macchina Targhetta con i dati di funzionamento e di lubrificazione...4 Direzione della rotazione Definizioni di montaggio e di macchina Condizioni di utilizzo normale Uso previsto Tipo di macchine AMK Limitazione di responsabilità...7 P34AMK IT Copyright 2006, ABB SACE S.p.A 3

6 Manuale dell utente, AMK Capitolo 1 - Introduzione ABB Capitolo 1 Introduzione 1 Aspetti generali Il presente Manuale dell utente contiene informazioni relative a macchine con anello di contatto del tipo AMK prodotte da ABB Macchine ad Induzione. Le informazioni del presente documento possono in alcuni casi essere di carattere generale e quindi applicabili a macchine differenti. In caso di conflitto esistente tra i contenuti qui riportati e gli impianti effettivamente forniti, il cliente è tenuto a redigere un giudizio teorico in merito a come procedere o, in caso di dubbio, contattare ABB. Questo documento e le sue parti non possono essere riprodotti o copiati, i contenuti non possono essere rilevati a terzi né essere utilizzati per alcuno scopo senza permesso scritto di ABB. Nota! Per evitare incidenti, le misure di sicurezza ed i dispositivi necessari nel luogo dell installazione devono conformarsi alle istruzioni e ai regolamenti stilati per garantire la sicurezza sul lavoro. Sono qui comprese le normative generali sulla sicurezza del Paese in questione, gli accordi specifici stipulati per i singoli cantieri e le istruzioni di sicurezza presentate in questo manuale. 2 Documentazione 2.1 Presente manuale Il presente manuale si compone di 12 Capitoli: Capitoli 1-9: Informazioni relative alla Macchina, dal trasporto allo stoccaggio e dalla manutenzione alla riparazione. Capitolo 10: Liste di controllo per il funzionamento della macchina. Le liste devono essere conservate come riferimento per la manutenzione e risoluzione di problemi. Capitolo 11: Risoluzione dei problemi per favorire le ispezioni e per riparare la macchina. Capitolo 12: Schemi relativi alla macchina ed informazioni aggiuntive, ad esempio la struttura dei cuscinetti e istruzioni sul basamento. 2.2 Documentazione della macchina Questo manuale viene dato in dotazione a tutte le macchine ed è inserito nella custodia di plastica collocata sul telaio della macchina. Ogni macchina è accompagnata da uno schema dimensionale e uno schema dei collegamenti elettrici indicanti (dove applicabile): Ingombri di montaggio e profilo esterno della macchina Peso e carico della macchina sul basamento Posizione degli occhielli di sollevamento Strumentazione Requisiti per l olio dei cuscinetti Collegamenti principali ed ausiliari. Nota! È possibile che alcuni articoli specifici per il cliente non siano compresi in questo manuale o nella fornitura della macchina Ulteriori documentazioni devono essere richieste. 2.3 Documentazione di avvio, controllo velocità ed altre apparecchiature Il presente manuale non comprende informazioni concernenti le apparecchiature per l avvio o il controllo della velocità (ad esempio: accoppiamento liquido, reostato di controllo, impulso a cascata). Queste informazioni sono invece riportate nei manuali dell utente delle singole apparecchiature. 3 Macchina 3.1 Numero di serie della macchina Ogni macchina viene identifica da un numero di serie. Esso è stampigliato sulla targhetta e sul telaio della macchina. 3.2 Targhetta con i dati di funzionamento e di lubrificazione Sul telaio della macchina è fissata una targhetta con i dati di funzionamento. Questa riporta i più importanti dati elettrici e di identificazione della macchina (Figura 1). 4 Copyright 2006, ABB SACE S.p.A P34AMK IT

7 ABB Manuale dell utente, AMK Capitolo 1 - Introduzione D-end (DE, D) = Drive End N-end (NDE, N) = Non-Drive End N D N D Fig Indicazione del modello 10 Numero di serie 2 Anno di fabbricazione 11 Rendimento in kw 3 Esercizio 4 Tipo di connessione 12 Tensione statore 13 Frequenza 5 Classe di isolamento 14 Velocità di rotazione 6 Peso della macchina in kg 15 Corrente statore 7 Grado di protezione 16 Fattore di potenza (cosφ) 8 Tipo di raffreddamento 9 Disposizione di montaggio 17 Tensione rotore 18 Corrente rotore Targhetta con i dati di funzionamento standard (versione IEC). È inoltre prevista una targhetta della lubrificazione fissata sul telaio della macchina. Questa riporta il tipo di cuscinetti e le informazioni sulla lubrificazione. 3.3 Direzione della rotazione Il senso di rotazione è indicato da una freccia sul telaio della macchina. La macchina deve operare solamente nella/e direzione/i della freccia. (Figura 2). Fig. 2. Oraria Antiorario Bi-direzionale Targhette freccia. 3.4 Definizioni di montaggio e di macchina In questo manuale le disposizioni di montaggio e terminali della macchina si rappresentano nella Figura 3. Fig. 3. IM 1001 IM 4011 montaggio con piede orizzontale montaggio con flangia verticale Disposizioni di montaggio e terminali della macchina. 3.5 Condizioni di utilizzo normale Ogni macchina è singolarmente progettata e costruita per operare in condizioni di funzionamento normale o anormale rispettando le norme IEC o EMA Condizioni di utilizzo normale: Temperatura ambiente massima +40 C (+104 F). Altezza massima di funzionamento m (3280 piedi) sopra il livello del mare. Il basamento non deve subire vibrazioni esterne. L'aria circostante deve essere priva di polvere, sale e gas corrosivi. Le deviazioni delle temperature ambiente e l altezza di esercizio sono riportate sulla placca dati funzionamento. Ulteriori deviazioni accordate tra il Cliente e ABB sono riportate nella documentazione vendite. 3.6 Uso previsto Le macchine elettriche hanno parti sotto tensione e rotanti pericolose e possono presentare superfici surriscaldate. Tutte le operazioni relative al trasporto, stoccaggio, collegamento, messa in servizio, funzionamento e manutenzione devono essere effettuate da personale responsabile e competente (in conformità con le norme EN / DIN VDE 0105 / IEC 60364). La impropria manipolazione può essere causa di infortuni a persone e danni alle cose. P34AMK IT Copyright 2006, ABB SACE S.p.A 5

8 Manuale dell utente, AMK Capitolo 1 - Introduzione ABB Queste macchine sono destinate a installazioni di tipo industriale e commerciale, con componenti conformi alla Direttiva Macchine (MD) 89/392/EEC. È vietato effettuare la messa in servizio dell impianto fino al momento in cui venga stabilita la conformità del prodotto finale con questa direttiva (seguire le normative di sicurezza e di installazione locali quale ad esempio la EN 60204). Queste macchine sono conformi alle norme armonizzate della serie EN / DIN VDE Il loro impiego in atmosfere esplosive è proibito, salvo che siano espressamente progettate per tale utilizzo (seguire le istruzioni supplementari). Fig. 4. Macchina protetta dagli agenti atmosferici IC01 IP23 / WP-I, IC01 IPW24 / WP-II. 3.7 Tipo di macchine AMK Le macchine AMK si basano su una costruzione modulare. Sono disponibili nei tipi di montaggio orizzontale e verticale e altezze dell asse standard di 400, 450 e 500 mm (e loro misure corrispondenti in pollici). Le macchine sono protette dagli agenti atmosferici o completamente chiuse provviste di scambiatore di calore aria-aria o aria-acqua (Figure 4, 5 e 6). Fig. 5. Macchina a raffreddamento aria-acqua IC81W IP55 / TEWAC. Fig. 6. Macchina a raffreddamento aria-aria IC611 IP55 / TEAAC. Le macchine AMK coprono un intervallo di potenza di kw a 50 Hz, HP a 60 Hz e rispettivamente un intervallo di velocità di giri/min e giri/min. È inoltre disponibile la regolazione della velocità. La tensione copre un intervallo di V (CA). 6 Copyright 2006, ABB SACE S.p.A P34AMK IT

9 ABB L unità anelli di contatto, collocata sempre nel lato opposto del comando, è provvista di una unità anello di contatto con contatto permanente o con sollevamento spazzole. L'unità con contatto permanente ha uno scambiatore di calore o copertura protettiva similare a quella della macchina. L unità tipo di sollevamento spazzole è sempre completamente chiusa e non necessita di nessuno scambiatore di calore. Lo scopo dell ingranaggio dell anello di contatto è quello di permettere alla macchina di iniziare con una quantità regolabile e controllabile di corrente e/o coppia di serraggio e avviare la macchina con avvolgimento rotore cortocircuitato senza usura delle spazzole. 4 Limitazione di responsabilità In nessun caso ABB sarà responsabile di danni diretti, indiretti, speciali, occasionali o conseguenti di qualsiasi natura o tipo derivanti dall uso del presente documento, né sarà ritenuta responsabile di danni derivanti dall impiego delle parti descritte in questo documento. La garanzia emessa copre difetti di fabbricazione e di materiale. Non copre invece alcun danno causato alla macchina, al personale o a terzi da stoccaggio improprio, installazione o funzionamento non corretti della macchina. Le condizioni di garanzia sono definite più Manuale dell utente, AMK Capitolo 1 - Introduzione dettagliatamente in conformità ai termini e alle condizioni Orgalime S92. Nota! La garanzia ABB non ha validità se le condizioni di funzionamento, alimentazione o carico sono state cambiate senza autorizzazione nel corso di tutta la durata della macchina. Nel caso di modifiche proposte in fase di costruzione o riparazione, la garanzia rimarrà valida solo con previa autorizzazione scritta da parte della fabbrica ABB che ha fornito la macchina. I dettagli di garanzia specificati nei termini o nelle condizioni di vendita oppure nei termini di garanzia possono essere diversificati per i vari uffici commerciali locali ABB. Nel caso fossero necessarie ulteriori spiegazioni, si prega di contattare il proprio rappresentante locale o la fabbrica: ABB SACE S.p.A. Via dell Industria, Vittuone (MILAN) ITALIA Tel Fax Internet: P34AMK IT Copyright 2006, ABB SACE S.p.A 7

10 Manuale dell utente, AMK Capitolo 1 - Introduzione Capitolo 2 - Trasporto e stoccaggio ABB 1 Misure protettive da applicare prima del trasporto Imballaggi e sollevamento Macchina non imballata Macchina sul pallet Macchina imballata per trasporto marittimo Controlli Controlli in ingresso Controlli al disimballaggio Stoccaggio Condizioni di stoccaggio Stoccaggio a breve termine (meno di 2 mesi) Stoccaggio a lungo termine (più di 2 mesi) Cuscinetti a rotolamento Cuscinetti a manicotto Ispezioni, verbali Manutenzione dopo l installazione Copyright 2006, ABB SACE S.p.A P34AMK IT

11 ABB Manuale dell utente, AMK Capitolo 2 - Trasporto e stoccaggio Capitolo 2 - Trasporto e stoccaggio 1 Misure protettive da applicare prima del trasporto Prima di consegnare la macchina in fabbrica vengono prese le misure protettive sotto descritte: Macchine dotate di cuscinetti a manicotto o a rulli cilindrici, hanno dispositivi per il blocco dei cuscinetti. I cuscinetti a sfera e a rulli sono lubrificati con il lubrificante ESSO/EXXON UNIREX N2. I cuscinetti a manicotto vengono coperti da uno spesso velo d olio e successivamente drenati. Vengono tappati i tubi dell olio. I raffreddamenti aria-acqua vengono drenati e i tubi dell acqua tappati. Le superfici metalliche nude (ad esempio l estremità dell albero) vengono protette dalla corrosione grazie ad un apposita vernice. 2 Imballaggi e sollevamento Prima di sollevare la macchina, verificare che l attrezzatura per il sollevamento sia disponibile e che il personale abbia familiarità con questo tipo di operazione.. Il peso della macchina è raffigurato sulla targhetta con i dati di funzionamento, sullo schema dimensionale e sulla distinta di carico. Fig. 1. Fig. 2. Sollevamento di macchine orizzontali. Sollevamento di macchine verticali. Nota! Ogni macchina presenta robusti occhielli di sollevamento per lo spostamento della stessa. Non aggiungere ulteriori carichi o non confonderli con altri occhielli che sono finalizzati solamente per lo smontaggio/assemblaggio della macchina da parte del personale incaricato. 2.1 Macchina non imballata La gru deve sempre sollevare la macchina dagli anelli di sollevamento che si trovano sul telaio della macchina stessa (Figure 1 e 2). La macchina non deve mai essere sollevata dal fondo o dal piede con un elevatore a forche. Nota! Macchine con coperture superiori, con carter della ventola o con unità anelli di contatto devono essere sollevati con un appropriata trave o triangolo di sollevamento per prevenire danneggiamenti a queste strutture. Macchine con radiatore montate in verticale possono contare con occhielli di sollevamento girevoli per il sollevamento e rotazione della macchina. La rotazione da una posizione verticale a orizzontale e viceversa è illustra nella Figura 3. Evitare di danneggiare la vernice o altre parti durante la procedura. Rimuovere o installare il dispositivo di blocco dei cuscinetti solo dopo aver riportato la macchina in posizione verticale. P34AMK IT Copyright 2006, ABB SACE S.p.A 9

12 Manuale dell utente, AMK Capitolo 2 - Trasporto e stoccaggio ABB passa al cliente o a terzi. In caso di danni insorti durante il trasporto realizzare immediatamente qua nto segue: a) b) Fig. 3. d) c) Macchina con anelli di sollevamento girevoli: sollevamento e rotazione. 2.2 Macchina sul pallet Per sollevare la macchina collocata su un pallet, è possibile utilizzare una gru che la issa dagli anelli di sollevamento (Figure 1 e 2) presenti nel telaio della macchina oppure utilizzare un elevatore che infili le forche sotto il pallet. La macchina è fissata al pallet mediante dei bulloni. 2.3 Macchina imballata per trasporto marittimo L imballaggio va sollevato dal basso mediante un elevatore a forche oppure utilizzando una gru con fasce di sollevamento. I punti a cui fissare le fasce sono segnati sull imballo (Figura 4). FASCETTA METAL STRAP DI METALLO POSIZIONE SLING POSITION FUNE ADDRESS INDIRIZZO SPEDIZIONE IMBALL. N. SHIPPING ISTRUZIONE INSTRUCTION PACKAGE NO. PESI WEIGHTS DIMENSIONI BOLLA DI PACKING LIST DIMENSIONS ACCOMPAGNAMENTO BARICENTRO CENTER OF GRAVITY Fig Controlli Imballo per trasporto marittimo. 3.1 Controlli in ingresso Quando una compagnia di trasporti consegna la macchina la responsabilità delle movimentazioni Fotografare tutti i danni, inclusi i danni presenti nella scatola. Notificare ogni danno dovuto al trasporto entro meno di una settimana dall arrivo, per rivendicare l assicurazio ne sul trasporto. Controllare prontamente alla compagnia di trasporti e al fornitore la presenza di segni dovuti a movimentazione negligente. Utilizzare la Lista di controllo 1 di cui al Capitolo "Liste di controllo. 3.2 Controlli al disimballaggio Una volta tolto l imballo, controllare che la macchina non abbia riportato danni e che siano presenti tutti gli accessori. Notificare immediatamente al fornitore danni effettivi, presunti danneggiamenti o la mancanza di accessori. Utilizzare la Lista di controllo 1 di cui al Capitolo "Liste di controllo. 4 Stoccaggio 4.1 Condizioni di stoccaggio Le macchine insieme alle loro recinzioni di sicurezza vengono stoccate nel loro contenitore originale in un magazzino adatto. Il magazzino di stoccaggio deve essere pulito, secco e ventilato. Proteggere dai gas corrosivi, polveri, urti e vibrazioni. Proteggere inoltre da insetti e parassiti nocivi come termiti e roditori. La temperatura di stoccaggio deve essere compresa tra i 10 C ai 50 C (da 50 F a 120 F) con un massimo di umidità relativa del 75 %. 4.2 Stoccaggio a breve termine (meno di 2 mesi) La macchina che non viene installata subito dopo l arrivo deve comunque essere sottoposta a supervisione e trattata con le adeguate misure di protezione. Seguire i seguenti paragrafi e la Lista di co ntrollo 2 di cui al Capitolo "Liste di controllo. Se la macchina fosse temporaneamente stoccata all esterno o in una stanza aperta, coprirla con teloni. Lasciare spazio per la ventilazione tra la macchina o l imballaggio della stessa ed i teloni. Inoltre, proteggere la macchina o l imballaggio 10 Copyright 2006, ABB SACE S.p.A P34AMK IT

13 ABB dall umidità che proviene dal pavimento mettendola sopra dei supporti o tavole di legno. Se l umidità relativa è superiore al 75%, accendere il riscaldamento anti-condensa. Per prevenire la condensazione dell umidità, mettere la macchina a 5ºC (9ºF) sopra il punto di condensazione dell aria ambiente. Controllare periodicamente che in riscaldamento sia funzionante. Se il riscaldamento anti-condensa non fosse previsto, ricorrere ad un metodo alternativo di riscaldamento. Oltre al riscaldamento, la macchina può venir protetta dall'umidità utilizzando materiali che assorbano l'umidità, come il Gel di Silice. Collocare dei cunei di gomma adatti sotto i piedi della macchina per isolarla, se si prevede che possano verificarsi vibrazioni o urti. 4.3 Stoccaggio a lungo termine (più di 2 mesi) Oltre alle misure descritte al punto attinente lo stoccaggio a breve termine, deve essere eseguito quanto sotto riportato. 1. Misurare la resistenza di isolamento ogni tre mesi. Il più basso valore nominale per la prova di resistenza all isolamento a 40 C (104 F) è di 40 MΩ [megaohm] (IEEE , Prassi consigliata per provare la resistenza all isolamento delle macchine rotanti). 2. Misurare la temperatura degli avvolgimenti (Pt-100) ogni tre mesi. 3. Ogni tre mesi, controllare le condizioni della vernice anticorrosiva su superfici metalliche nude (ad esempio le estremità dell albero). Se vengono riscontrati segni di corrosione, rimuoverli con tela smeriglio ed eseguire di nuovo il trattamento anticorrosivo. 4. Ogni tre mesi, controllale le condizioni delle superfici verniciate. Nel caso si formasse della ruggine, rimuoverla e verniciare nuovamente la parte interessata. 5. Apportare piccole aperture per la ventilazione quando la macchina è stoccata in una cassa di legno. Impedire ad acqua, insetti e parassiti di penetrare nella cassa Cuscinetti a rotolamento Applicare i seguenti provvedimenti: 1. Per mantenere i cuscinetti in buone condizioni, far fare 10 giri al rotore ogni tre mesi (ma togliere gli eventuali fermi 2. Manuale dell utente, AMK Capitolo 2 - Trasporto e stoccaggio utilizzati per bloccare la macchina durante il trasporto prima di dare giri al motore). Controllare periodicamente il dispositivo di blocco dei cuscinetti (macchine orizzontali con cuscinetti a rulli cilindrici e macchine verticali possono contare con un dispositivo di bloccaggio che protegga i cuscinetti da eventuali danni durante il trasporto e lo stoccaggio). Bloccare l estremità dell albero serrando la vite con il grado richiesto a seconda del tipo di cuscinetto in posizione assiale (Tabelle 1 e 2). Un fissaggio troppo teso potrebbe danneggiare il cuscinetto. Tabella 1. Coppia di serraggio per macchine orizzontali (vite lubrificata). Cuscinetto con posizione assiale = la forza necessaria per il blocco si esercita sul cuscinetto a sfera con gola profonda. Tipo di cuscinetto in posizione assiale Coppia di serraggio [Nm] Tabella 2. Coppia di serraggio per macchine verticali (vite lubrificata). Cuscinetto in posizione assiale = la forza necessaria per il blocco si esercita sul cuscinetto a sfera obliquo. Tipo di cuscinetto in posizione assiale Coppia di serraggio [Nm] Cuscinetti a manicotto Applicare i seguenti provvedimenti: 1. Quando il periodo di stoccaggio supera i due mesi, spruzzare del Tectyl 511 o altri tipi di P34AMK IT Copyright 2006, ABB SACE S.p.A 11

14 Manuale dell utente, AMK Capitolo 2 - Trasporto e stoccaggio olio filmogeno anti-corrosione nel cuscinetto attrav erso il foro di riempimento. 2. Ogni sei mesi, smontare la copertura superiore dell alloggiamento del cuscinetto. Controllare lo strato di olio anti-corrosione dell albero e all interno del cuscinetto. Ripetere la protezione anti-corrosione. 3. Se il periodo di stoccaggio supera i due anni, il cuscin etto va asportato e trattato a parte. Se l ambi ente è umido, versare un p acco di Gel di Silice nell a cassa del cuscinetto. 4. Dopo lo stoccaggio si consiglia aprire i cuscinetti come descritto nelle note di smontaggio, ispezionare quindi il cuscinetto portante ed il suo rivestimento prima della messa in servizio. Se si presentano segni di corrosione, rimuoverli utilizzando una tela smeriglio. Se l albero ha lasciato impronte sulla semiguaina inferiore, questa va sostituita con una nuova. 5. Controllare periodicamente il dispositivo di blocco dei cuscinetti (macchine orizzontali con cuscinetti a manicotto possono contare con un dispositivo di bloccaggio che protegga i cuscinetti da eventuali danni durante il trasporto e lo stoccaggio). Bloccare l estremità dell albero serrando la vite con il grado richiesto a seconda del tipo di cuscinetto in posizione assiale (Tabella 3). Un fissaggio troppo teso potrebbe danneggiare il cuscinetto. Tabella 3. Coppia di serraggio (vite lubrificata). La forza necessaria per il blocco si esercita sul cuscinetto in posizione assiale. 4.4 Ispezioni, verbali ABB È necessario registrare il periodo di stoccaggio, nonché le precauzioni e le misure prese, indicandone le date. 4.5 Manutenzione dopo l installazione Se la macchina resta inattiva per un lungo periodo di tempo dopo l'installazione, vanno applicate le stesse misure sopra descritte. In presenza di vibrazioni esterne, aprire i giunti dell albero e collocare blocchi di gomma adatti sotto i piedi della macchina. Tipo di cuscinetto in posizione assiale Coppia di serraggio [Nm] RENK ZMNLB RENK EFZLB RENK EFZLB RENK EFZLB Copyright 2006, ABB SACE S.p.A P34AMK IT

15 ABB Manuale dell utente, AMK Capitolo 3 - Installazione e allineamento Capitolo 3 Installazione e allineamento 1 Aspetti generali Disegno del basamento Macchine montate con piede orizzontale Macchine montate con flange verticali Installazione di macchine montate con piede orizzontale Dotazione fornita Predisposizioni generali Preparativi della macchina Preparativi del basamento e dei fori per l imboiaccatura Preparazione delle piastre di ancoraggio o delle piastre di adattamento Erezione nel basamento Imboiaccatura Installazione finale Installazione di macchine montate con flange verticali Predisposizioni generali Preparativi della macchina Erezione nella flangia di montaggio Allineamento di macchine montate con piede orizzontale Aspetti generali Livellamento approssimativo Regolazione approssimativa Correzione per crescita termica Crescita verso l alto Crescita assiale Controllo dell allineamento Corsa massima dei semigiunti Disallineamento radiale e assiale Fissaggio con spine del piede della macchina Allineamento di macchine montate con flangia verticale Aspetti generali Crescita termica assiale e tipo di giunto Controllo dell allineamento Corsa massima dei semigiunti Disallineamento radiale e assiale Disallineamento ammesso Azionamento a cinghia...20 P34AMK IT Copyright 2006, ABB SACE S.p.A 13

16 Manuale dell utente, AMK Capitolo 3 - Installazione e allineamento Capitolo 3 Installazione e allineamento ABB La forza del corto circuito è un onda sinusoidale 1 Aspetti generali gradualmente smorzata che cambia direzione. La macchina deve essere bloccata saldamente al Il calco lo ed il disegno del basamento non basamento, in modo che la macchina sia il più rientrano nei servizi forniti da ABB, ne è quindi possibile esente da vibrazioni. responsabile il cliente o una terza parte. Anche le operazioni di imboiaccatura esulano di norma 2.1 Macchine montate con piede dalla portata e dalla responsabilità di ABB. orizzontale Quand o si acquista una macchina, si deve controllare la capacità e l altezza di sollevamento, strade per il trasporto, ricambi, installazione utensili, ecc.. 2 Disegno del basamento Il basamento deve avere un disegno che garantisca sicurezza durante l esercizio e massima accessibilità. Attorno alla macchina deve essere lasciat o uno spazio libero sufficiente per operare con facilità durante gli interventi di manutenzione e monitoraggio. L aria di raffreddamento deve poter fluire verso l a macchina e defluire senza incontrare ostacoli. È indispensabile prestare attenzione per evitare che altre macchine o apparecchiature nelle vicinanze n on riscaldino l aria di raffreddamento della macchina. L aria di raffreddamento entrante deve avere la stessa temperatura dell aria circost ante. Il basamento deve essere robusto e rigido.. Deve essere piano ed esente da vibrazioni esterne. Verificare possibili manifestazioni di risonanze tra macchina e basamento; per evitare che ciò accada, la frequenza naturale del basamento con la macchina non deve rientrare in un intervallo ±20% della frequenza di velocità d esercizio. È preferibile un basamento in cemento, ma è anche accettabile una struttura in acciaio correttamente disegnata. Prima di procedere alla costruzione, considerare con attenzione l ancoraggio del basamento, la realizzazione di canali per aria, acqua, olio e cavi, nonché la posizione dei fori per l imboiaccatura. I bulloni del basamento e di montaggio devono avere dimensioni adatte a contrastare una forza meccanica improvvisa che si origina ad ogni avvio della macchina o in caso di cortocircuito. Lo sforzo che grava sul basamento delle macchine montate con piede orizzontale si può calcolare con l aiuto delle seguenti formule e della Figura 1: SI: 8 T F = 0. 5 g m ± dove A F = forza sul basamento per lato [N] g = accelerazione di gravità [m/s2] m = peso della macchina [kg] T = coppia nominale della macchina [Nm] A = distanza tra i fori di montaggio [m] US: 8 T F = 0. 5 W ± dove 2E F = forza sul basamento per lato [lbf] W = peso della macchina [lbf] T = coppia nominale della macchina [lbf x ft] 2E = distanza tra i fori di montaggio [ft] 8T A (IEC) 2E (NEMA) Fig. 1. Dimensioni A e 2E. Il basamento deve essere disegnato in modo che sia possibile inserire spessori di 2 mm (0.8 pollici) sotto i piedi della macchina. Questo permette un margine di regolazione, così da facilitare l eventuale installazione di una macchina sostitutiva con altezza dell albero differente dall originale. La posizione dei fori per l imboiaccatura e l altezza del basamento devono concordare con le 14 Copyright 2006, ABB SACE S.p.A P34AMK IT

17 ABB dimensioni corrispondenti riportate nello schema dimensionale fornito. 2.2 Macchine montate con flange verticali Le macchine montate con flange verticali sono dotate di una flangia di montaggio. La flangia della macchina deve essere sempre montata su una flangia ad essa opposta nel basamento. È consigliabile utilizzare un adattatore per il montaggio che faciliti l accoppiamento del giunto e l ispezione durante il funzionamento. 3 Installazione di macchine montate con piede orizzontale 3.1 Dotazione fornita Nella fornitura della macchina, di norma, non sono previsti gli spessori, i bulloni di montaggio, il set delle piastre del basamento e di adattamento. Questi possono essere forniti mediante ordini specifici. I seguenti Paragrafi includono il procedimento di installazione del basamento o del set piastre di adattamento nel basamento in cemento. In caso di uso di basamento in acciaio rigido, vedere Paragrafo "Allineamento. 3.2 Predisposizioni generali Prima di avviare la procedura di installazione, tener conto delle seguenti disposizioni: Tenere a disposizione uno spessore di 2mm (0,8 pollici) da poter usare tra il piede della macchina e il basamento. Tenere a disposizione del materiale in lamiere d acciaio per spessorare la macchina. Eventuali regolazioni necessitano di spessori da 1, 0.5, 0.2, 0.1 e 0.05 mm (40, 20, 8, 4 e 2 mil). Tenere a disposizione viti di regolazione o martinetti idraulici per le regolazioni assiali ed orizzontali. Tenere a disposizione dei minimetri a orologio, preferibilmente, un analizzatore ottico laser, per allineare la macchina con accuratezza e precisione entro le specifiche tolleranze. Prevedere protezioni per il sole e la pioggia per evitare errori di misurazione durante l'installazione. Manuale dell utente, AMK Capitolo 3 - Installazione e allineamento 3.3 Preparativi della macchina Predisporre la macchina per l installazione nel modo qui descritto: Rimuovere il dispositivo di blocco cuscinetto. Conservarlo per futuri trasporti o stoccaggi. Riempire i cuscinetti a manicotto attraverso il foro di riempimento con un olio idoneo. È necessario un semplice braccio di leva per girare il rotore durante l allineamento. Ri muovere la vernice anticorrosiva dall estremità dell albero e dal piede della macchina con acquaragia. Installare il semigiunto come descritto nel capitolo Collegamenti Meccanici ed Elettrici. Verificare che gli scarichi della condensa, che si trovano sulla parte più bassa di entrambe le estremità della macchina, siano aperti (ossia inseriti a metà e sporgere a metà). 3.4 Preparativi del basamento e dei fori per l imboiaccatura Per preparare il basamento tene r conto delle seguenti disposizioni: La part e superiore del basamento deve essere pulita con una scopa o un aspirapolvere. L e pareti dei fori per l imboiaccatura devono avere superfici grezze per consentire una buona presa. Per lo stesso m otivo devono essere pulite e risciacquate. Tracce di olio o grasso devono essere rimosse togliendo con lo scalpello pezzi superficiali di calcestruzzo. Applicare un filo d acciaio sul basamento ad indicare la mezzeria della macchina. Marcare inoltre la posizione assiale dell impianto. 3.5 Preparazione delle piastre di ancoraggio o delle piastre di adattamento Per po ter assemblare il set delle piastre di ancoraggio o delle piastre di adattamento, la macchina deve essere sospesa sopra il pavimento. Procedere nel modo illustrato (Appendice 1): 1. Serrare i dadi di attacco (6) alle piastre di ancoraggio (1) o nelle piastre di adattamento (1). 2. Avvolgere uno strato di nastro adesivo (non nella sede delle piastre di ancoraggio e adattamento) attorno alla parte superiore dei P34AMK IT Copyright 2006, ABB SACE S.p.A 15

18 Manuale dell utente, AMK Capitolo 3 - Installazione e allineamento bulloni di ancoraggio (2) come descritto nell Appendice 1. Il nastro impedisce che la parte superiore del bullone si blocchi nel cemento e permette così di serrarlo di nuovo dopo che il cemento si è indurito. 3. Inserire i bulloni di ancoraggio (2) nelle piastre del basamento (1) o nelle piastre di adattamento (1) in modo che sporgano di 1-2 mm (40 80 mil) dalla faccia superiore dei dadi (4). 4. Montare la flangia di ancoraggio (3) e il dado inferiore (4) ai bulloni di ancoraggio (2). Collegare a ponte la flangia di ancoraggio (3) e i dadi saldandoli, quindi stringere i dadi. Se non è possibile creare il ponte, bloccare la flangia di ancoraggio tra due dadi. 5. Montare le piastre di ancoraggio (1) o le piastre di adattamento (1) sotto i piedi della macchina con il bullone di montaggio (8) e la rondella (9). Prima di questo, pulire con acquaragia le parti protette con vernice anticorrosiva nella superficie superiore della piastra di basamento o piastra di adattamento. Centrare il bullone di montaggio (8) nel foro della macchina, avvolgendo ad esempio della carta, del cartone o del nastro sulla parte superiore del bullone stesso. 6. Posizionare lo spessore (7) di 2 mm (0.8 pollici) tra il piede e la piastra (1). Fissare la piastra saldamente contro il piede con un bullone di montaggio (8). 7. Posizionare la piastra di livellamento (5) sotto i dadi di attacco (6) e la sottile piastra di scorrimento (non nelle piastre di ancoraggio e adattamento) sotto la piastra di livellamento. La piastra di scorrimento è fatta d acciaio e facilita lo spostamento della macchina lateralmente ed in direzione assiale. 8. Controllare che lo spazio tra la piastra (1) ed i bulloni di ancoraggio (2) sia ridotto. Infatti, se tra questo interstizio penetra del cemento arrivando fino ai dadi, non sarà più possibile serrarli. Una volta terminato l assemblaggio delle piastre del basamento, la macchina deve essere sollevata e sospesa sopra il pavimento. I piedi della macchina, le superfici laterali e della base delle piastre del basamento, come pure i bulloni d ancoraggio vanno puliti con acquaragia. Per far sì che i bulloni d ancoraggio e le piastre siano fissati nel cemento in maniera soddisfacente, non devono essere verniciati. ABB Dopo i seguenti passi la macchina è pronta per essere eretta nel basamento. 3.6 Erezione nel basamento Sollevare la macchina e piazzarla sul basamento. Un allineamento orizzontale approssimativo è effettuato con un filo di acciaio precedentemente applicato marcante la posizione assiale. Un allineamento verticale si realizza con viti di livellamento. La precisione di posizionamento richiesta è entro 2 mm (80 mil). 3.7 Imboiaccatura L imboiaccatura della macchina nel basamento è un momento molto importante dell installazione. Impiegare materiali di imboiaccatura di alta qualità irrestringibili per evitare che in futuro possano insorgere problemi. Dopo aver verificato l allineamento e le impostazioni, i bulloni sono imboiaccati nel cemento. Seguire le istruzioni del fornitore del composto per l imboiaccatura. Non sono ammesse cricche nel composto per l imboiaccatura né un cattivo fissaggio al basamento di cemento. 3.8 Installazione finale Dopo che il cemento si è indurito, serrare i dadi dei bulloni di ancoraggio. Bloccare i dadi con un collegamento a ponte o colpendoli con un punteruolo esercitando la forza necessaria Installazione di macchine montate con flange verticali Predisposizioni generali Prima di avviare la procedura di installazione, tener conto delle seguenti disposizioni: Tenere a disposizione un martello pneumatico e altre attrezzature per la regolazione orizzontale. Tenere a disposizione dei minimetri a orologio, preferibilmente, un analizzatore ottico laser, per allineare la macchina con accuratezza e precisione entro le specifiche tolleranze. Prevedere protezioni per il sole e la pioggia per evitare errori di misurazione durante l'installazione. Pulire la flangia di montaggio del basamento. 16 Copyright 2006, ABB SACE S.p.A P34AMK IT

19 ABB Manuale dell utente, AMK Capitolo 3 - Installazione e allineamento 4.2 Preparativi della macchina Predisporre la macchina per l installazione nel modo qui descritto: Rimuovere il dispositivo di blocco cuscinetto. Conservarlo per usi futuri. Rimuovere con acquaragia la vernice anticorrosiva dall estremità dell albero e dalla flangia della macchina. Installare il semigiunto come descritto nel capitolo Collegamenti Meccanici ed Elettrici. Verificare che i due scarichi della condensa che si trovano sulla parte più bassa di entrambe le estremità della macchina siano aperti (ossia inseriti a metà e sporgenti a metà). Dopo i seguenti passi la macchina è pronta per essere eretta nella flangia di montaggio del basamento. 4.3 Sollevare la macchina e piazzarla sulla flangia di montaggio. I bulloni di montaggio sono leggermente serrati. 5 Allineamento di macchine montate con piede orizzontale 5.1 Erezione nella flangia di montaggio Aspetti generali Quando una macchina viene allineata con un altra, l er rore sia radiale che angolare tra i due alberi va minimizzato. Installare i semigiunti prima di avviare la procedura di allineamento. Vedere il Capitolo Collegamenti meccanici ed elettrici per l installazione dei semigiunti della macchina. I semigiunti devono essere bullonati tra loro in modo allentato per lasciare reciproca libertà di movimento durante l allineamento. 5.2 Livellamento approssimativo Per facilitare l allineamento in piano verticale e consentire lo spessoramento, le viti di solle vamento vengono montate ai piedi della macchina (Figura 2). Non serrare mai bulloni di montaggio contro viti di sollevamento, interporre sempre degli spessori. Verificare il livello della macchina utilizzando per esempio una livella a bolla. La macchina deve appoggiare su tutti e quattro i piedi (piedi su un parallelo piatto con una tolleranza di 0.1 mm (4.0 mil) o minore). Fig. 2. JACKING SCREW Posizionamento verticale. 5.3 Regolazione approssimativa Per facilitare l allineamento in senso assiale e trasversale, posizionare delle staffe metalliche con viti di regolazione sugli angoli (Figura 3). Fig. 3. STAFFA CON VITE DI BRACKET WITH ADJUSTING SCREW REGOLAZIONE Posizionamento delle staffe metalliche. Le staffe vanno collocate contro lo spigolo del basamento e fissate con bulloni a espansione (Figura 4). Per spostare la macchina, utilizzare le quattro viti di regolazione fino ad allineare approssimativamente la mezzeria dell'albero con quella della macchina condotta e ottenere la distanz a desiderata tra i semigiunti. Lasciare tutte le viti di regolazione leggermente serrate. STAFFA BRACKET WITH CON ADJUSTING VITE DI REGOLAZIONE SCREW BULLONE EXPANSION A ESPANSIONE BOLT Fig. 4. Montaggio della staffa metallica. 5.4 Correzione per crescita termica Le temperature di esercizio influiscono in maniera considerevole e devono essere tenute quindi in considerazione durante le operazioni di allineamento. La temperatura della macchina è più bassa durante l erezione che durante il suo funzionamento. Potrebbe quindi risultare necessario un allineamento compensato. Questo dipende dalla temperatura di esercizio della P34AMK IT Copyright 2006, ABB SACE S.p.A 17

20 Manuale dell utente, AMK Capitolo 3 - Installazione e allineamento macchina condotta, dal tipo di giunto, dalla distanza tra le macchine e così via. ABB L errore ammesso per la corsa è di 0,02 mm (0,8 mil) Crescita verso l alto È possibile fare un calcolo approssimativo della crescita termica della macchina elettrica applicando la formula: H = α T H dove H α = = crescita termica K -1 [mm] T = 30 K (mach. AM), 40 K (mach. HXR) H = altezza albero [mm] Crescita assiale La prevista crescita termica del rotore è proporzionale alla lunghezza del telaio dello statore, nel caso di cuscinetti bloccati sul lato opposto accoppiamento può essere calcolata approssimativamente con la seguente formula: L = α T L dove L = crescita termica [mm] α = K -1 T = 50 K (mach. AM), 100 K (mach. HXR) L = lunghezza telaio [mm] 5.5 Controllo dell allineamento Fig. 5. Misurazione della corsa massima sul semigiunto Disallineamento radiale e assiale Se le misurazioni della corsa mostrano che i sistemi albero/giunto siano in condizioni accettabili, montare il calibro nelle flange di accoppiamento mediante elementi di fissaggio appropriati (eliminata la possibilità di cedimento). Questa misurazione ha lo scopo di illustrare eventuali inesattezze dell allineamento o dell installazione. Ogni lettura di disallineamento radiale o assiale è determinata nelle posizioni: in alto, in basso, a destra e a sinistra, cioè ogni 90º, mentre entrambi gli alberi vengono ruotati contemporaneamente (Figura 6). Infine, verificare la distanza assiale tra i due semigiunti. Nei Paragrafi a seguire e nella Lista di controllo 3 nel Capitolo Lista di controllo" il controllo dell allineamento viene eseguito utilizzando dei minimetri a orologio, anche se il mercato offre altre e più precise apparecchiature (ad esempio sistemi di laser ottico). Si è scelto di impiegare qui tali strumenti per fornire un po' di teoria sull'allineamento. Si devono registrare sempre le misurazioni dell allineamento. Fig. 6. Misurazione del disallineamento radiale e assiale e la distanza tra i due semigiunti Corsa massima dei semigiunti Iniziare la procedura di allineamento misurando la corsa massima nei semigiunti. Questa misurazione ha lo scopo di illustrare eventuali inesattezze dell albero e/o dei semigiunti. Viene misurata la corsa massima del semigiunto rispetto alla sede del cuscinetto della macchina (Figura 5). Viene misurata la corsa massima del semigiunto rispetto alla sede del cuscinetto della macchina (Figura 5). È sufficiente un semplice braccio di leva per girare il rotore di una macchina con cuscinetti a manicotto (i cuscinetti vanno riempiti d olio prima di essere ruotati). Correggere il possibile disallineamento inserendo o togliendo gli spessori o girando le viti di regolazione fino a raggiungere le tolleranze accettabili. Riferirsi ai valori presenti nel Paragrafo 7 Disallineamento ammesso. Dopo aver raggiunto le tolleranze accettabili, i bulloni di montaggio devono essere serrati con il grado richiesto (M Nm, M Nm, M Nm, M Nm, M Nm, M Nm, M Nm, M Nm). I semigiunti sono staccati in attesa di realizzare la corsa di prova come previsto nel Capitolo Messa in servizio e avviamento. 18 Copyright 2006, ABB SACE S.p.A P34AMK IT

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt. C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.com www.cfritaly.com È vietata la riproduzione o la traduzione

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002

GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002 GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002 Emerson Power Transmission KOP-FLEX, INC., P.O. BOX 1696 BALTIMORE MARYLAND 21203, (419) 768 2000 KOP-FLEX

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE

MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE DI INSTALLAZIONE La soluzione in nero La soluzione Comax La soluzione Quadmax La soluzione universale La soluzione estetica La soluzione Utility Il modulo Honey Versione IEC TSM_IEC_IM_2011_RevA

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

Motori elettricos ad induzione trifasi a bassa ed alta tensione Linea M - Collettore rotante - Orizzontale

Motori elettricos ad induzione trifasi a bassa ed alta tensione Linea M - Collettore rotante - Orizzontale Motori Automazione Energia Trasmissione & Distribuzione Vernici Motori elettricos ad induzione trifasi a bassa ed alta tensione Linea M - Collettore rotante - Orizzontale Manuale di Installazione, Operazione

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Livelli Soglie Pressione 2 VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Indice Indice 1 Descrizione dell'apparecchio...4 1.1 Struttura...

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento GRUNDFOS WASTEWATER Pompe per drenaggio e prosciugamento Pompe per drenaggio e prosciugamento altamente efficienti tecnologicamente all avanguardia Grundfos offre una gamma completa di pompe per per drenaggio

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

Istruzioni di manutenzione

Istruzioni di manutenzione Istruzioni di manutenzione NB/NBG 1. Identificazione... 2 1.1 Targhetta di identificazione... 2 1.2 Descrizione del modello... 3 1.3 Movimentazione... 4 2. Smontaggio e montaggio... 5 2.1 Informazioni

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Misure precise e affidabili in applicazioni ad alta temperatura, come il trattamento termico e i processi di combustione Materiali ceramici

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT BOATRONIC M-2, M-420 BOATRONIC M-2 BOATRONIC M-420 Indice Pagina 1 Generalità... 2 2 Sicurezza... 2 2.1 Contrassegni delle indicazioni nel manuale... 2 2.2 Qualifica

Dettagli

Sostituzione del contatore di energia elettrica

Sostituzione del contatore di energia elettrica Istruzioni di montaggio per il personale specializzato VIESMANN Sostituzione del contatore di energia elettrica per Vitotwin 300-W, tipo C3HA, C3HB e C3HC e Vitovalor 300-P, tipo C3TA Avvertenze sulla

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

LIBRETTO D ISTRUZIONI

LIBRETTO D ISTRUZIONI I LIBRETTO D ISTRUZIONI APRICANCELLO SCORREVOLE ELETTROMECCANICO girri 130 VISTA IN SEZIONE DEL GRUPPO RIDUTTORE GIRRI 130 ELETTROMECCANICO PER CANCELLI SCORREVOLI COPERCHIO COFANO SUPPORTO COFANO SCATOLA

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici Fatti per il sole, minacciati dalle scariche atmosferiche L importanza

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5

Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5 Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5 Istruzioni per l uso supplementari SIPOS 5 Edizione 05.13 Tutti i diritti riservati! Indice Istruzioni per l uso supplementari SIPOS 5 Indice Indice 1 Informazioni

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Pressostati e termostati, Tipo CAS

Pressostati e termostati, Tipo CAS MAKING MODERN LIVING POSSIBLE Opuscolo tecnica Pressostati e termostati, Tipo CAS La serie CAS consiste di una serie di interruttori controllati mediante pressione e di interruttori controllati mediante

Dettagli

Manuale di installazione, uso e manutenzione

Manuale di installazione, uso e manutenzione Industrial Process Manuale di installazione, uso e manutenzione Valvole azionato con volantino (903, 913, 963) Sommario Sommario Introduzione e sicurezza...2 Livelli dei messaggi di sicurezza...2 Salute

Dettagli

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 3.347.5275.106 IM-P148-39 ST Ed. 1 IT - 2004 Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 1. Informazioni generali per la sicurezza

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

Descrizione del prodotto

Descrizione del prodotto Dati tecnici 2CDC501067D0901 ABB i-bus KNX Descrizione del prodotto Gli alimentatori di linea KNX con bobina integrata generano e controllano la tensione del sistema KNX (SELV). Con la bobina integrata

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI PRESSOSTATI DIFFERENZIALI

MANUALE DI ISTRUZIONI PRESSOSTATI DIFFERENZIALI Rev. 5 01/07 PRESSOSTATI DIFFERENZIALI STAGNI: SERIE DW Modelli DW40, DW100 e DW160 A PROVA DI ESPLOSIONE: SERIE DA Modelli DA40, DA100 e DA160 A B Modelli DW10 ingresso cavi PESO 6,2 kg A B Modelli DA10

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Motori asincroni trifase chiusi a gabbia o ad anelli

Motori asincroni trifase chiusi a gabbia o ad anelli 3770 it - 07.2003 / a 74 0 Questo manuale deve essere trasmesso all'utente finale 1 2 Motori asincroni trifase chiusi a gabbia o ad anelli Installazione e manutenzione AVVERTENZA GENERALE Motori asincroni

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro.

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro. 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042 TRASPORTATORI LEGGERI Non è saggio pagare troppo. Ma pagare troppo poco è peggio. Quando si paga troppo si

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Dicembre 2006 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione 1SDC007103G0902 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Indice Introduzione... 2 1 Il riscaldamento nei quadri elettrici 1.1 Generalità...

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso

Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso 1. 2. 3. 4. 5. 6. Congratulazioni! Il footpod Polar S1 rappresenta la scelta migliore per misurare la velocità/andatura e la distanza durante la corsa. L'apparecchio

Dettagli

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC Sistemi di presa a vuoto su superfici / Massima flessibilità nei processi di movimentazione automatici Applicazione Movimentazione di pezzi con dimensioni molto diverse e/o posizione non definita Movimentazione

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

ATTENZIONE ATTENZIONE AVVERTENZE AVVERTENZE. Italiano

ATTENZIONE ATTENZIONE AVVERTENZE AVVERTENZE. Italiano ITALIANO ATTENZIONE Non utilizzare questo orologio per immersioni, se non dopo essere stati adeguatamente addestrati alle immersioni subacquee. Per ovvi motivi di sicurezza attenersi a tutte le regole

Dettagli

Guida agli Oblo e Osteriggi

Guida agli Oblo e Osteriggi Guida agli Oblo e Osteriggi www.lewmar.com Introduzione L installazione o la sostituzione di un boccaporto o oblò può rivelarsi una procedura semplice e gratificante. Seguendo queste chiare istruzioni,

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

Scheda tecnica. Pressostati e termostati tipo CAS 01/2002 DKACT.PD.P10.B2.06 520B0998

Scheda tecnica. Pressostati e termostati tipo CAS 01/2002 DKACT.PD.P10.B2.06 520B0998 Scheda tecnica Pressostati e termostati tipo CAS 01/2002 DKACT.PD.P10.B2.06 520B0998 Pressostati, tipo CAS Campo Ulteriori 0 10 20 30 40 50 60 bar p e Tipo informazioni bar a pag. Pressostati standard

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv )

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv ) SIVIERA GIREVOLE A RIBALTAMENTO IDRAULICO BREVETTATA TRASPORTABILE CON MULETTO MODELLO S.A.F.-SIV-R-G SIVIERA A RIBALTAMENTO MANUALE MODELLO S.A.F. SIV-R1-R2 1 DESCRIZIONE DELLA SIVIERA Si è sempre pensato

Dettagli

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m ista rappresenta l'alternativa economica per molte possibilità applicative. Essendo un contatore

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Maggiore efficienza per i motori elettrici. Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C

Maggiore efficienza per i motori elettrici. Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C Maggiore efficienza per i motori elettrici Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C E l e v a t i v a n t a g g i p e r i l C l i e n t e I cuscinetti radiali rigidi a sfere Generation C... 35

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli