Emergenze Mediche. Dott. Paolo Pisanelli Firenze 6/6/12

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Emergenze Mediche. Dott. Paolo Pisanelli Firenze 6/6/12"

Transcript

1 Mediche Dott. Paolo Pisanelli Firenze 6/6/12

2 Mediche Alterazioni dello Stato Mentale: EMERGENZE DIABETICHE CONVULSIONI SINCOPI ICTUS CEREBRI

3 Mediche Obiettivi

4 Mediche DP I SICUREZZ A SCEN A E SA ME FI SI C O DE L PA ZI EN TE M E D ICO Paz ient e re s po n si v o T ra u ma o Medi co? O ons e t (inizi o si n to mi ) P provocat ion /pall iat ion (esacer b azion e /m igl iora m ento ) VA LU TA ZIONE IN IZIALE (2Õ30ÕÕ) Im press ione ge nera le de l paz iente 1) m ot ivo de lla chiam ata 2) cond izion i d i p erico lo im m ed iato per la vita (c hi am a 11 8) a. Ostruz ione de lle vie aeree: b. Fer ite aper te de l torace: c. Sangu ina m enti m agg ior i: 3) Stab ili zza in linea il rach ide se necessar io o Pos iziona il paz ien te pe r la va lutaz ione Va lutaz ione de llo stato m enta le 1) AVPU Va lutaz ione de lle vie aer ee e de l resp iro 1) Va luta lo stato de lle vie ae ree 2) M ant ien i la perv iet delle v ie aeree 3) Va luta appro priata somm inistraz ione d i os si geno 4) Va luta e ass icura unõadeguata vent ilaz ion e 1) resp ira si/no 2) fat ica resp irator ia si/n o 3) frequen za re spirat oria alta /bass a 4) profond it de l resp iro Va lutaz ione de l c ircolo 1) Cont rolla e tratta i sangu inam ent i m agg ior i 2) Contro lla i p olsi (cen tra le e perifer ico, pr esenza si/no, sim m etr ia si/no, ritm o (r/a r), frequen za (a lta/bass a) Q qu a lity (cara tteri s tich e ) R radi a tio n (irra d iazione ) S seve rity (in tensi t) T time (d urata ) 1) Testa 1) Eseguir e u n a va lutaz ione ra pid a test a pie d i 1) Esclud i tr a u m i: 2) Guard a in bocc a 2) Collo a) Osserva i) Distensi o ne ve n e g iugu lari ii) Utilizz o muscol i acc essori d urant e la respiraz ione iii ) Por tator e d i tracheost o m ia 3) Torace a) Osserva escursion i, re trazio n i e s im metr ia d el torac e : S coprire il torace i) Ascol ta e d e te rmin a se i su o ni s o no: 1) Suo n i pres e nt i/asse n ti 2) Ugual i su e ntr a mb i i la ti 3) Pul iti/r u morosi 4) Add o m e (4 quadra n ti) a) Osserva i) feri te, color e o go n fiore ii) Pal p a i 4 quadr a nt i pe r dur o, mor b ido, masse p ulsa n ti 5) Pelvi a) Osserva pelvi b) Pal p a p e lvi : ( teso /morb ido) c) Val u ta perd ite urin e /feci 6) Estr e m it: a) Ispezion a e pal p a le e s tr e mi t supe riori e infer iori per tum e fazion i o d ifferenze di c o lore b) Val u ta P ols i, funzio n e m o tori a e s e nsi tiva i) Pols o pe d idi o e radia le ii) Val u ta la Fun z ion e m otor ia iii ) Val u ta la fu nzion e Sens itiva 7) Par te po s terior e d e l corp o a) Osserva b) Pal p a 6) V al u tazion e F unzion i V itali

5 Mediche Valutare Trattare Comunicare

6 Mediche Esistono migliaia di tipi diversi di problemi medici L obiettivo è quindi: valutare in generale un problema medico trattare le condizioni che minacciano la vita comunicare correttamente le nostre valutazioni

7 Mediche Emergenze Respiratorie Emergenze Cardiache Alterazioni dello Stato Mentale Reazioni Allergiche Avvelenamenti e Overdose Emergenze Addominali Emergenze Psichiatriche Emergenze Ematologiche Emergenze Renali.

8 Alterazioni dello Stato Mentale Cosa Intendiamo per Alterazione dello Stato Mentale? Vasta gamma di patologie che vanno da lievi cambiamenti del comportamento come l ansia ad alterazioni dello stato di vigilanza usuale per il paziente fino alla perdita di coscienza

9 Alterazioni dello Stato Mentale VALUTAZIONE

10 Alterazioni dello Stato Mentale VALUTAZIONE SICUREZZA

11 Alterazioni dello Stato Mentale VALUTAZIONE VALUTAZIONE INIZIALE

12 Alterazioni dello Stato Mentale VALUTAZIONE VALUTAZIONE INIZIALE L IPOSSIA E LA CAUSA PRINCIPALE CONSIDERA PROBLEMI VIE AEREE (A) RESPIRAZIONE (B)..Tratta

13 Alterazioni dello Stato Mentale VALUTAZIONE ESAME FISICO & STORIA

14 Alterazioni dello Stato Mentale ESAME FISICO & STORIA VALUTAZIONE INIZIALE: ABBIAMO ESCLUSO PROBLEMI CHE MINACCIANO LA VITA DEL PAZIENTE VALUTAZIONE VISTO CHE ALTERAZIONI ANCHE LIEVI DELLO STATO MENTALE POSSONO ESSERE LA SPIA DI SERI PROBLEMI MEDICI SOTTOSTANTI ASSUME PARTICOLARE IMPORTANZA ESEGUIRE UNA CORRETTA RACCOLTA DELLA STORIA E UN BUON ESAME FISICO GENERALE CONSIDERA SEMPRE DI CHIEDERE INFORMAZIONI AI FAMILIARI ED AI TESTIMONI DELL EVENTO

15 Alterazioni dello Stato Mentale Alcune delle principali cause di ASM per cui i pazienti richiedono l ausilio dei soccorsi, sono le complicanze del Diabete Mellito

16 DIABETE MELLITO CAUSA: ridotta produzione di insulina incapacità delle cellule dell'organismo di utilizzare correttamente l'insulina (che impedisce alle cellule del corpo di prendere il glucosio dal sangue)

17 DIABETE MELLITO

18 DIABETE MELLITO Il diabete viene trattato con iniezioni di insulina o farmaci orali

19 DIABETE MELLITO EMERGENZE DIABETICHE IPOGLICEMIA IPERGLICEMIA

20 DIABETE MELLITO IPOGLICEMIA Èun pericolo di vita per le persone con diabete. Èl'emergenza più comune per il diabetico.

21 DIABETE MELLITO IPOGLICEMIA CAUSE Dopo aver preso troppa insulina Dopo vomito Dopo insolita quantità di esercizio fisico Assunzione ridotta di zucchero causata dal diminuito introito di cibo

22 DIABETE MELLITO IPOGLICEMIA Sintomi Rapida insorgenza Aspetto da ubriaco, barcollante, pronuncia difettosa (disartrico) Freddo, sudato Frequenza cardiaca elevata Un comportamento insolito o bizzarro Ansioso Non collaborante Irritabile..perdita di coscienza e convulsioni (casi gravi)

23 DIABETE MELLITO IPERGLICEMIA CAUSE DIMINUZIONE DELLA DOSE DI INSULINA DIMENTICANZA DELLA DOSE AUMENTO DELL INTROITO DIETETICO INFEZIONI STRESS

24 DIABETE MELLITO IPERGLICEMIA SINTOMI Lenta insorgenza Nausea / vomito Odore di acetone del respiro Aumento della minzione / fame / sete

25 DIABETE MELLITO IPOGLICEMIA Rapida insorgenza Cute fredda, pallida, sudata Nessun odore particolare del respiro Crampi addominali IPERGLICEMIA Lenta insorgenza Cute calda, rossa, o secca. Odore di acetone del respiro Aumento della minzione / fame / sete

26 DIABETE MELLITO VALUTAZIONE

27 DIABETE MELLITO VALUTAZIONE ASSICURA LA SCENA : il paziente potrebbe essere agitato e violento VALUTAZIONE INIZIALE : identifica l alterato stato mentale SAMPLE e ESAME FISICO : raccogli la storia dal paziente o dai testimoni Esordio Durata Sintomi Associati Evidenza di Trauma Convulsioni Febbre

28 DIABETE MELLITO VALUTAZIONE SAMPLE : determina se il paziente èdiabetico CHIEDI AL PAZIENTE O AI TESTIMONI/FAMILIARI Nota indizi che possano confermarti la patologia diabetica farmaci antidiabetici orali insulina (frigo) fogli di terapia DETERMINA SE IL PAZIENTE RIESCE A DEGLUTIRE RACCOGLI PARAMETRI VITALI

29 DIABETE MELLITO VALUTAZIONE PUNTO DECISIVO! IL PAZIENTE E IPOGLICEMICO?

30 DIABETE MELLITO VALUTAZIONE STORIA DI DIABETE IN CONCOMITANZA CON : Alterato Stato Mentale insorto rapidamente: dopo aver saltato il pasto in un paziente che assume insulina dopo aver vomitato il pasto in un paziente che assume insulina dopo un eccessivo esercizio fisico senza causa apparente

31 DIABETE MELLITO VALUTAZIONE STORIA DI DIABETE IN CONCOMITANZA CON : Impressione generale come da ubriaco Parola poco chiara Soporoso Comportamento inusuale Ansia Non collaborante Cute fredda e pallida Frequenza cardiaca elevata Convulsioni

32 DIABETE MELLITO VALUTAZIONE STORIA DI DIABETE IN CONCOMITANZA CON : Impressione generale come da ubriaco Parola poco chiara Soporoso Comportamento inusuale Ansia Non collaborante Cute fredda e pallida Frequenza cardiaca elevata Convulsioni NECESSITA DI VALUTAZIONE DELLA GLICEMIA CON GLUCOMETRO

33 DIABETE MELLITO VALUTAZIONE STORIA DI DIABETE IN CONCOMITANZA CON : Impressione generale come da ubriaco Parola poco chiara Soporoso Comportamento inusuale Ansia Non collaborante Cute fredda e pallida Frequenza cardiaca elevata Convulsioni NECESSITA DI VALUTAZIONE DELLA GLICEMIA CON GLUCOMETRO SEGUI IL PROTOCOLLO

34 DIABETE MELLITO STORIA DI DIABETE ED ASM GLICEMIA CON GLUCOMETRO SEGUI IL PROTOCOLLO TRATTAMENTO IL PAZIENTE CON MODERATA IPOGLICEMIA E ASM LIEVE DI SOLITO PUO ASSUMERE CIBO (UN PEZZO DI TOAST/BICCHIERE DI LATTE)

35 DIABETE MELLITO STORIA DI DIABETE ED ASM GLICEMIA CON GLUCOMETRO TRATTAMENTO SEGUI IL PROTOCOLLO 2

36 ALTERAZIONE DELLO STATO MENTALE Altre Cause C O N V U L S I O N I S I N C O P E I C T U S

37 CONVULSIONI Contrazione involontaria di alcuni muscoli volontari P A R Z I A L I G E N E R A L I Z Z A T E

38 CONVULSIONI P A R Z I A L I IL SOGGETTO CONSERVA LA COSCIENZA VIENE INTERESSATA UNA AREA BEN PRECISA DEL CERVELLO

39 CONVULSIONI P A R Z I A L I Motorie o Sensitive Movimento ritmico, non controllato Dura uno o due minuti.. un sapore particolare,..un odore sgradevole,..una visione partono da un arto e talora si diffondono alla metà del corpo.

40 CONVULSIONI G E N E R A L I Z Z A T E IL SOGGETTO NON E COSCIENTE IL SOGGETTO NON RICORDA L EVENTO VIENE INTERESSATO TUTTO IL CERVELLO

41 CONVULSIONI G E N E R A L I Z Z A T E ATONICHE (NON ASSOCIATE A MOVIMENTI) TONICO CLONICHE ( GRANDE MALE ) PUO COMINCIARE COME CRISI PARZIALE

42 CONVULSIONI G E N E R A L I Z Z A T E GRANDE MALE: il soggetto perde coscienza, cade a terra, si irrigidisce, serra le mascelle (trisma), ha una serie di scosse, della durata di un minuto circa, bava alla bocca e perdita delle urine.

43 CONVULSIONI G E N E R A L I Z Z A T E GRANDE MALE: E' un evento impressionante a vedersi ma non drammatico dal punto di vista medico, a meno che non si ripeta subito dopo.

44 CONVULSIONI G E N E R A L I Z Z A T E GRANDE MALE: Cessa da solo e non ha bisogno di assistenza, se non della protezione da traumi e posizione di sicurezza Dopo la crisi segue una fase di sonnolenza con cefalea e disorientamento. Il risveglio può essere più o meno lento

45 CONVULSIONI C A U S E IPOSSIA ICTUS TRAUMA CRANICO ABUSO DI ALCOL E FARMACI IPOGLICEMIA TUMORI CEREBRALI DIFETTI CONGENITI INFEZIONI METABOLICHE IDIOPATICHE

46 CONVULSIONI Altre C A U S E EPILESSIA MORBILLO PAROTITE ECLAMPSIA COLPO DI CALORE

47 CONVULSIONI VALUTAZIONE E MOLTO IMPORTANTE DESCRIVERE AL PERSONALE MEDICO COME SI SONO SVOLTI GLI EVENTI NEL CASO DI UN PAZIENTE CON CONVULSIONI DOMANDA AI TESTIMONI

48 CONVULSIONI VALUTAZIONE DOMANDA AI TESTIMONI Cosa è successo prima che perdesse conoscenza? C è stata perdita d urine? Quanto èdurata? Caratteristiche della crisi? Come èstato il risveglio? PRIMA DURANTE DOPO

49 CONVULSIONI TRATTAMENTO SE SEI PRESENTE: POSIZIONA IL PAZIENTE A TERRA: POSIZIONE DI SICUREZZA (SE NON TRUMI SPINALI) ALLENTA I VESTITI STRETTI E RIMUOVI GLI OGGETTI CHE POSSONO DANNEGGIARE IL PAZIENTE PROTEGGI IL PAZIENTE DAL TRAUMA MA NON PROVARE A TENERE IL PAZIENTE DURANTE LA CONVULSIONE

50 CONVULSIONI TRATTAMENTO DOPO LA CONVULSIONE: PROTEGGI LE VIE AEREE ASPIRAZIONE POSIZIONE SE E CIANOTICO (BLUE) APRI LE VIE AEREE ASSISTI LA VENTILAZIONE SUPPLEMENTA CON OSSIGENO I PAZIENTI CHE RESPIRANO BENE POSSONO COMUNQUE NECESSITARE DI OSSIGENO. PUOI BASARE LA SCELTA SUL PARAMETRO SATURAZIONE TROVATO

51 CONVULSIONI TRATTAMENTO DOPO LA CONVULSIONE: DOPO LA VALUTAZIONE INZIALE: IMMOBILIZZA LA COLONNA CERVICALE SE SI SOSPETTA UN TRAUMA CRANICO

52 CONVULSIONI COMUNICA ALLA CENTRALE 118

53 CONVULSIONI TRASPORTA E RIVALUTA

54 ALTERAZIONE DELLO STATO MENTALE Altre Cause C O N V U L S I O N I S I N C O P E I C T U S

55 SINCOPE TRANSITORIA PERDITA DI COSCIENZA INSORGENZA RAPIDA BREVE DURATA RECUPERO COMPLETO E SPONTANEO

56 SINCOPE TRANSITORIA PERDITA DI COSCIENZA INSORGENZA RAPIDA BREVE DURATA RECUPERO COMPLETO E SPONTANEO QuickTime e un decompressore sono necessari per visualizzare quest'immagine.

57 SINCOPE LE POSSIAMO SUDDIVIDERE IN TRE GRANDI GRUPPI Sincope Riflessa Sincope da Ipotensione Ortostatica Sincope Cardiovascolare

58 SINCOPE Vasovagale - mediato da stress emotivo-dolore mediato da stress ortostatico Sincope Riflessa Situazionale - gastroenterica minzionale post-esercizio fisico Senocarotidee Forme atipiche - senza apparenti trigger

59 SINCOPE Scompenso Autonomico Primario Parkinson, SLA, demenza a corpi di Lewy Sincope da Ipotensione Ortostatica Scompenso Autonomico Secondario Diabete, amiloidosi, uremia, malattie midollri Farmaco-indotte Alcool, vasodilatatori, diuretici, fenotiazine, anti-ipertensivi Deplezione di Volume Diarrea, emorragie, vomito

60 SINCOPE Sincope Cardiovascolare Aritmia come causa primaria: Bradicardia Tachicardia Bradi/Tachi farmaco-indotte Malattie Cardiache: Malattie valvolari, CAD, cardiomiopatie ipertrofiche, tumori cardiaci (mixoma ), malattie del pericardio Altri: Embolia polmonare, dissecazione aortica, ipertensione polmonare

61 SINCOPE VALUTAZIONE FOCALIZZIAMOCI SULLA RACCOLTA DELLA STORIA: Tre domande chiave 1 - Il paziente ha veramente PERSO la coscienza? 2 - La pdc è stata transitoria, a ripida insorgenza e breve durata? 3 - Il recupero è stato spontaneo, completo e senza sequele?

62 SINCOPE VALUTAZIONE PRIMA QUALI CIRCOSTANZE PRECEDONO? QUALI SINTOMI PRECEDONO? DURANTE CIRCOSTANZE DURANTE L ATTACCO? DOPO DOPO L ATTACCO?

63 SINCOPE VALUTAZIONE PUNTO DECISIVO! IL PAZIENTE E STABILE?

64 SINCOPE TRATTAMENTO DOPO AVER FORNITO SUPPORTO PER LE FUNZIONI VITALI SE NECESSARIO: COMUNICA CON 118 PER EVENTUALE RICHIESTA DI SQUADRA AVANZATA SOMMINISTRA OSSIGENO SE NECESSARIO SGANCIA GLI ABITI STRETTI INTORNO AL COLLO APPOGGIA IL PAZIENTE IN TERRA TRATTA EVENTUALI TRAUMI

65 ALTERAZIONE DELLO STATO MENTALE Altre Cause C O N V U L S I O N I S I N C O P E I C T U S

66 I C T U S C E R E B R I Sospettare un Ictus

67 I C T U S C E R E B R I Nei paesi industrializzati, fra cui l Italia, è la terza causa di morte dopo le malattie cardiovascolari e i tumori Tipi di Ictus Ictus ischemico: occlusione di una arteria cerebrale Ictus emorragico: un emorragia intracerebrale non traumatica Attacco ischemico transitorio (TIA) Il TIA si differenzia dall ictus per la durata che nel TIA èinferiore alle 24 ore (di solito pochi minuti).

68 I C T U S C E R E B R I FATTORI DI RISCHIO * ipertensione arteriosa; * alcune cardiopatie (in particolare, fibrillazione atriale); * diabete mellito; * iperomocisteinemia; * ipertrofia ventricolare sinistra; * stenosi carotidea; * fumo di sigaretta; * eccessivo consumo di alcol; * ridotta attività fisica.

69 I C T U S C E R E B R I VALUTAZIONE UN OTTIMO METODO PER VALUTARE UN PAZIENTE COSCIENTE CON SOSPETTO ICTUS E FARLO CON TRE PASSI SECONDO LA SCALA PRE OSPEDALIERA DI CINCINNATI Ann Emerg Med Apr;33(4): Cincinnati Prehospital Stroke Scale: reproducibility and validity. Kothari RU, Pancioli A, Liu T, Brott T, Broderick J Department of Emergency Medicine and the Departmentof Neurology, University of Cincinnati Medical Center, Cincinnati, OH, USA.

70 I C T U S C E R E B R I VALUTAZIONE UN OTTIMO METODO PER VALUTARE UN PAZIENTE COSCIENTE CON SOSPETTO ICTUS E FARLO CON TRE PASSI SECONDO LA SCALA PRE OSPEDALIERA DI CINCINNATI Ann Emerg Med Apr;33(4): Cincinnati Prehospital Stroke Scale: reproducibility and validity. Kothari RU, Pancioli A, Liu T, Brott T, Broderick J Department of Emergency Medicine and the Departmentof Neurology, University of Cincinnati Medical Center, Cincinnati, OH, USA. CONCLUSION: The CPSS has excellent reproducibility among prehospital personnel and physicians. It has good validity in identifying patients with stroke who are candidates for thrombolytic therapy, especially those with anterior circulation stroke.

71 I C T U S C E R E B R I VALUTAZIONE Mimica facciale: invitare il paziente a sorridere o mostrare i denti NORMALE se entrambi i lati del viso si muovono allo stesso modo ANORMALE se un lato del viso si muove differentemente rispetto all'altro

72 I C T U S C E R E B R I VALUTAZIONE Spostamento delle braccia: invitare il paziente a chiudere gli occhi e sollevare le braccia NORMALE se entrambi gli arti si muovono allo stesso modo ANORMALE se un arto cade o si muove differentemente rispetto all'altro

73 I C T U S C E R E B R I VALUTAZIONE Linguaggio: invitare il paziente a pronunciare una frase NORMALE se il paziente pronuncia correttamente la frase ANORMALE se il paziente sbaglia le parole, le strascica, o è incapace di parlare

74 I C T U S C E R E B R I VALUTAZIONE I PAZIENTI CHE RISULTANO POSITIVI A TUTTE E TRE LE FASI VALUTATIVE HANNO IL 70% DI PROBABILITA DI AVERE UN ICTUS

75 I C T U S C E R E B R I VALUTAZIONE Altri Sintomi includono: Vertigini Parestesie Confusione Perdita del controllo vescicale Diplopia Elevata pressione arteriosa Difficoltà respiratoria Nausea e vomito Convulsioni Pupille non uguali Cefalea Perdita della visione ad un occhio Coma

76 I C T U S C E R E B R I VALUTAZIONE PUNTO DECISIVO! PUO IL MIO PAZIENTE AVERE UN ICTUS?

77 I C T U S C E R E B R I TRATTAMENTO Non è necessario diagnosticare un ictus è sufficiente sospettarlo Ci sono numerosi problemi medici che mimano un ictus come: Tumori ed infezioni cerebrali Ipoglicemia Traumi cranici Infezioni batteriche e virali che causano disturbi del SNP

78 I C T U S C E R E B R I TRATTAMENTO AL PAZIENTE COSCIENTE : RASSICURALO MONITORIZZA LE VIE AEREE SOMMINISTRA OSSIGENO SE NECESSARIO AL PAZIENTE NON COSCIENTE : MANTIENI APERTE LE VIE AEREE SOMMINISTRA OSSIGENO POSIZIONE DI SICUREZZA (SDRAIATO SUL LATO COLPITO)

79 I C T U S C E R E B R I COMUNICA ALLA CENTRALE 118 Visto che LA STORIA CLINICA DI UN ICTUS PUO CAMBIARE NOTEVOLMENTE GRAZIE ALLA TROMBOLISI Assume particolare importanza fornire il TEMPO d insorgenza (l ora più precisa possibile) DEI SINTOMI

80 Mediche Valutare Trattare Comunicare

81 Mediche

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita EMORRAGIE CHE 1 Proteggersi dalle infezioni. Indossare i guanti di lattice. Se i guanti non sono disponibili usare diversi strati di tamponi di ganza o

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

PRONTO SOCCORSO PER LE CRISI EPILETTICHE

PRONTO SOCCORSO PER LE CRISI EPILETTICHE Italian PRONTO SOCCORSO PER LE CRISI EPILETTICHE La più grande organizzazione australiana sull epilessia gestita dagli utenti CHE COSA È L EPILESSIA? L epilessia è un disturbo delle funzioni cerebrali

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope

Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope Linee guida GIAC per Volume la diagnosi 5 Numero ed il trattamento 1 Marzo della 2002sincope LAVORO ORIGINALE Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope Task Force della Sincope, Società

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Carta del rischio cardiovascolare

Carta del rischio cardiovascolare donne diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. donne non diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. uomini

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI)

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI) Il PRIMO PRONTO SOCCORSO Chi pratica attività sportiva molte volte si trova nelle condizioni di dover prestare interventi urgenti di assistenza ad altri. Verranno fornite in maniera sintetica alcune nozioni

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa 50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa Gruppi di N Domanda Risposta argomenti Sintomi 1. Ho 52 anni e sono iperteso. Ultimamente vedo meno bene e l ottico mi ha prescritto degli occhiali.

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

IL PARERE DELL ESPERTO

IL PARERE DELL ESPERTO IL PARERE DELL ESPERTO Nei giorni più caldi e afosi dell estate, molte condizioni di disagio o malessere fisico possono essere ridotte o prevenute mediante una corretta conoscenza dei rischi e sapendo

Dettagli

Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni)

Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni) PAGINA 1 DI 28 Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni) Glicemia PERIODO DI REFERTAZIONE SELEZIONATO Test 44% Sopra valore stabilito 41% Nel target 15% Sotto valore stabilito Deviazione standard

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche difetti del setto interatriale difetti del setto interventricolare pervietà del dotto arterioso stenosi aortica

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Beata vecchiaia. Nel nostro paese è in corso una grande sfida: trasformare la vecchiaia in un periodo della vita

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli