Emergenze Mediche. Dott. Paolo Pisanelli Firenze 6/6/12

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Emergenze Mediche. Dott. Paolo Pisanelli Firenze 6/6/12"

Transcript

1 Mediche Dott. Paolo Pisanelli Firenze 6/6/12

2 Mediche Alterazioni dello Stato Mentale: EMERGENZE DIABETICHE CONVULSIONI SINCOPI ICTUS CEREBRI

3 Mediche Obiettivi

4 Mediche DP I SICUREZZ A SCEN A E SA ME FI SI C O DE L PA ZI EN TE M E D ICO Paz ient e re s po n si v o T ra u ma o Medi co? O ons e t (inizi o si n to mi ) P provocat ion /pall iat ion (esacer b azion e /m igl iora m ento ) VA LU TA ZIONE IN IZIALE (2Õ30ÕÕ) Im press ione ge nera le de l paz iente 1) m ot ivo de lla chiam ata 2) cond izion i d i p erico lo im m ed iato per la vita (c hi am a 11 8) a. Ostruz ione de lle vie aeree: b. Fer ite aper te de l torace: c. Sangu ina m enti m agg ior i: 3) Stab ili zza in linea il rach ide se necessar io o Pos iziona il paz ien te pe r la va lutaz ione Va lutaz ione de llo stato m enta le 1) AVPU Va lutaz ione de lle vie aer ee e de l resp iro 1) Va luta lo stato de lle vie ae ree 2) M ant ien i la perv iet delle v ie aeree 3) Va luta appro priata somm inistraz ione d i os si geno 4) Va luta e ass icura unõadeguata vent ilaz ion e 1) resp ira si/no 2) fat ica resp irator ia si/n o 3) frequen za re spirat oria alta /bass a 4) profond it de l resp iro Va lutaz ione de l c ircolo 1) Cont rolla e tratta i sangu inam ent i m agg ior i 2) Contro lla i p olsi (cen tra le e perifer ico, pr esenza si/no, sim m etr ia si/no, ritm o (r/a r), frequen za (a lta/bass a) Q qu a lity (cara tteri s tich e ) R radi a tio n (irra d iazione ) S seve rity (in tensi t) T time (d urata ) 1) Testa 1) Eseguir e u n a va lutaz ione ra pid a test a pie d i 1) Esclud i tr a u m i: 2) Guard a in bocc a 2) Collo a) Osserva i) Distensi o ne ve n e g iugu lari ii) Utilizz o muscol i acc essori d urant e la respiraz ione iii ) Por tator e d i tracheost o m ia 3) Torace a) Osserva escursion i, re trazio n i e s im metr ia d el torac e : S coprire il torace i) Ascol ta e d e te rmin a se i su o ni s o no: 1) Suo n i pres e nt i/asse n ti 2) Ugual i su e ntr a mb i i la ti 3) Pul iti/r u morosi 4) Add o m e (4 quadra n ti) a) Osserva i) feri te, color e o go n fiore ii) Pal p a i 4 quadr a nt i pe r dur o, mor b ido, masse p ulsa n ti 5) Pelvi a) Osserva pelvi b) Pal p a p e lvi : ( teso /morb ido) c) Val u ta perd ite urin e /feci 6) Estr e m it: a) Ispezion a e pal p a le e s tr e mi t supe riori e infer iori per tum e fazion i o d ifferenze di c o lore b) Val u ta P ols i, funzio n e m o tori a e s e nsi tiva i) Pols o pe d idi o e radia le ii) Val u ta la Fun z ion e m otor ia iii ) Val u ta la fu nzion e Sens itiva 7) Par te po s terior e d e l corp o a) Osserva b) Pal p a 6) V al u tazion e F unzion i V itali

5 Mediche Valutare Trattare Comunicare

6 Mediche Esistono migliaia di tipi diversi di problemi medici L obiettivo è quindi: valutare in generale un problema medico trattare le condizioni che minacciano la vita comunicare correttamente le nostre valutazioni

7 Mediche Emergenze Respiratorie Emergenze Cardiache Alterazioni dello Stato Mentale Reazioni Allergiche Avvelenamenti e Overdose Emergenze Addominali Emergenze Psichiatriche Emergenze Ematologiche Emergenze Renali.

8 Alterazioni dello Stato Mentale Cosa Intendiamo per Alterazione dello Stato Mentale? Vasta gamma di patologie che vanno da lievi cambiamenti del comportamento come l ansia ad alterazioni dello stato di vigilanza usuale per il paziente fino alla perdita di coscienza

9 Alterazioni dello Stato Mentale VALUTAZIONE

10 Alterazioni dello Stato Mentale VALUTAZIONE SICUREZZA

11 Alterazioni dello Stato Mentale VALUTAZIONE VALUTAZIONE INIZIALE

12 Alterazioni dello Stato Mentale VALUTAZIONE VALUTAZIONE INIZIALE L IPOSSIA E LA CAUSA PRINCIPALE CONSIDERA PROBLEMI VIE AEREE (A) RESPIRAZIONE (B)..Tratta

13 Alterazioni dello Stato Mentale VALUTAZIONE ESAME FISICO & STORIA

14 Alterazioni dello Stato Mentale ESAME FISICO & STORIA VALUTAZIONE INIZIALE: ABBIAMO ESCLUSO PROBLEMI CHE MINACCIANO LA VITA DEL PAZIENTE VALUTAZIONE VISTO CHE ALTERAZIONI ANCHE LIEVI DELLO STATO MENTALE POSSONO ESSERE LA SPIA DI SERI PROBLEMI MEDICI SOTTOSTANTI ASSUME PARTICOLARE IMPORTANZA ESEGUIRE UNA CORRETTA RACCOLTA DELLA STORIA E UN BUON ESAME FISICO GENERALE CONSIDERA SEMPRE DI CHIEDERE INFORMAZIONI AI FAMILIARI ED AI TESTIMONI DELL EVENTO

15 Alterazioni dello Stato Mentale Alcune delle principali cause di ASM per cui i pazienti richiedono l ausilio dei soccorsi, sono le complicanze del Diabete Mellito

16 DIABETE MELLITO CAUSA: ridotta produzione di insulina incapacità delle cellule dell'organismo di utilizzare correttamente l'insulina (che impedisce alle cellule del corpo di prendere il glucosio dal sangue)

17 DIABETE MELLITO

18 DIABETE MELLITO Il diabete viene trattato con iniezioni di insulina o farmaci orali

19 DIABETE MELLITO EMERGENZE DIABETICHE IPOGLICEMIA IPERGLICEMIA

20 DIABETE MELLITO IPOGLICEMIA Èun pericolo di vita per le persone con diabete. Èl'emergenza più comune per il diabetico.

21 DIABETE MELLITO IPOGLICEMIA CAUSE Dopo aver preso troppa insulina Dopo vomito Dopo insolita quantità di esercizio fisico Assunzione ridotta di zucchero causata dal diminuito introito di cibo

22 DIABETE MELLITO IPOGLICEMIA Sintomi Rapida insorgenza Aspetto da ubriaco, barcollante, pronuncia difettosa (disartrico) Freddo, sudato Frequenza cardiaca elevata Un comportamento insolito o bizzarro Ansioso Non collaborante Irritabile..perdita di coscienza e convulsioni (casi gravi)

23 DIABETE MELLITO IPERGLICEMIA CAUSE DIMINUZIONE DELLA DOSE DI INSULINA DIMENTICANZA DELLA DOSE AUMENTO DELL INTROITO DIETETICO INFEZIONI STRESS

24 DIABETE MELLITO IPERGLICEMIA SINTOMI Lenta insorgenza Nausea / vomito Odore di acetone del respiro Aumento della minzione / fame / sete

25 DIABETE MELLITO IPOGLICEMIA Rapida insorgenza Cute fredda, pallida, sudata Nessun odore particolare del respiro Crampi addominali IPERGLICEMIA Lenta insorgenza Cute calda, rossa, o secca. Odore di acetone del respiro Aumento della minzione / fame / sete

26 DIABETE MELLITO VALUTAZIONE

27 DIABETE MELLITO VALUTAZIONE ASSICURA LA SCENA : il paziente potrebbe essere agitato e violento VALUTAZIONE INIZIALE : identifica l alterato stato mentale SAMPLE e ESAME FISICO : raccogli la storia dal paziente o dai testimoni Esordio Durata Sintomi Associati Evidenza di Trauma Convulsioni Febbre

28 DIABETE MELLITO VALUTAZIONE SAMPLE : determina se il paziente èdiabetico CHIEDI AL PAZIENTE O AI TESTIMONI/FAMILIARI Nota indizi che possano confermarti la patologia diabetica farmaci antidiabetici orali insulina (frigo) fogli di terapia DETERMINA SE IL PAZIENTE RIESCE A DEGLUTIRE RACCOGLI PARAMETRI VITALI

29 DIABETE MELLITO VALUTAZIONE PUNTO DECISIVO! IL PAZIENTE E IPOGLICEMICO?

30 DIABETE MELLITO VALUTAZIONE STORIA DI DIABETE IN CONCOMITANZA CON : Alterato Stato Mentale insorto rapidamente: dopo aver saltato il pasto in un paziente che assume insulina dopo aver vomitato il pasto in un paziente che assume insulina dopo un eccessivo esercizio fisico senza causa apparente

31 DIABETE MELLITO VALUTAZIONE STORIA DI DIABETE IN CONCOMITANZA CON : Impressione generale come da ubriaco Parola poco chiara Soporoso Comportamento inusuale Ansia Non collaborante Cute fredda e pallida Frequenza cardiaca elevata Convulsioni

32 DIABETE MELLITO VALUTAZIONE STORIA DI DIABETE IN CONCOMITANZA CON : Impressione generale come da ubriaco Parola poco chiara Soporoso Comportamento inusuale Ansia Non collaborante Cute fredda e pallida Frequenza cardiaca elevata Convulsioni NECESSITA DI VALUTAZIONE DELLA GLICEMIA CON GLUCOMETRO

33 DIABETE MELLITO VALUTAZIONE STORIA DI DIABETE IN CONCOMITANZA CON : Impressione generale come da ubriaco Parola poco chiara Soporoso Comportamento inusuale Ansia Non collaborante Cute fredda e pallida Frequenza cardiaca elevata Convulsioni NECESSITA DI VALUTAZIONE DELLA GLICEMIA CON GLUCOMETRO SEGUI IL PROTOCOLLO

34 DIABETE MELLITO STORIA DI DIABETE ED ASM GLICEMIA CON GLUCOMETRO SEGUI IL PROTOCOLLO TRATTAMENTO IL PAZIENTE CON MODERATA IPOGLICEMIA E ASM LIEVE DI SOLITO PUO ASSUMERE CIBO (UN PEZZO DI TOAST/BICCHIERE DI LATTE)

35 DIABETE MELLITO STORIA DI DIABETE ED ASM GLICEMIA CON GLUCOMETRO TRATTAMENTO SEGUI IL PROTOCOLLO 2

36 ALTERAZIONE DELLO STATO MENTALE Altre Cause C O N V U L S I O N I S I N C O P E I C T U S

37 CONVULSIONI Contrazione involontaria di alcuni muscoli volontari P A R Z I A L I G E N E R A L I Z Z A T E

38 CONVULSIONI P A R Z I A L I IL SOGGETTO CONSERVA LA COSCIENZA VIENE INTERESSATA UNA AREA BEN PRECISA DEL CERVELLO

39 CONVULSIONI P A R Z I A L I Motorie o Sensitive Movimento ritmico, non controllato Dura uno o due minuti.. un sapore particolare,..un odore sgradevole,..una visione partono da un arto e talora si diffondono alla metà del corpo.

40 CONVULSIONI G E N E R A L I Z Z A T E IL SOGGETTO NON E COSCIENTE IL SOGGETTO NON RICORDA L EVENTO VIENE INTERESSATO TUTTO IL CERVELLO

41 CONVULSIONI G E N E R A L I Z Z A T E ATONICHE (NON ASSOCIATE A MOVIMENTI) TONICO CLONICHE ( GRANDE MALE ) PUO COMINCIARE COME CRISI PARZIALE

42 CONVULSIONI G E N E R A L I Z Z A T E GRANDE MALE: il soggetto perde coscienza, cade a terra, si irrigidisce, serra le mascelle (trisma), ha una serie di scosse, della durata di un minuto circa, bava alla bocca e perdita delle urine.

43 CONVULSIONI G E N E R A L I Z Z A T E GRANDE MALE: E' un evento impressionante a vedersi ma non drammatico dal punto di vista medico, a meno che non si ripeta subito dopo.

44 CONVULSIONI G E N E R A L I Z Z A T E GRANDE MALE: Cessa da solo e non ha bisogno di assistenza, se non della protezione da traumi e posizione di sicurezza Dopo la crisi segue una fase di sonnolenza con cefalea e disorientamento. Il risveglio può essere più o meno lento

45 CONVULSIONI C A U S E IPOSSIA ICTUS TRAUMA CRANICO ABUSO DI ALCOL E FARMACI IPOGLICEMIA TUMORI CEREBRALI DIFETTI CONGENITI INFEZIONI METABOLICHE IDIOPATICHE

46 CONVULSIONI Altre C A U S E EPILESSIA MORBILLO PAROTITE ECLAMPSIA COLPO DI CALORE

47 CONVULSIONI VALUTAZIONE E MOLTO IMPORTANTE DESCRIVERE AL PERSONALE MEDICO COME SI SONO SVOLTI GLI EVENTI NEL CASO DI UN PAZIENTE CON CONVULSIONI DOMANDA AI TESTIMONI

48 CONVULSIONI VALUTAZIONE DOMANDA AI TESTIMONI Cosa è successo prima che perdesse conoscenza? C è stata perdita d urine? Quanto èdurata? Caratteristiche della crisi? Come èstato il risveglio? PRIMA DURANTE DOPO

49 CONVULSIONI TRATTAMENTO SE SEI PRESENTE: POSIZIONA IL PAZIENTE A TERRA: POSIZIONE DI SICUREZZA (SE NON TRUMI SPINALI) ALLENTA I VESTITI STRETTI E RIMUOVI GLI OGGETTI CHE POSSONO DANNEGGIARE IL PAZIENTE PROTEGGI IL PAZIENTE DAL TRAUMA MA NON PROVARE A TENERE IL PAZIENTE DURANTE LA CONVULSIONE

50 CONVULSIONI TRATTAMENTO DOPO LA CONVULSIONE: PROTEGGI LE VIE AEREE ASPIRAZIONE POSIZIONE SE E CIANOTICO (BLUE) APRI LE VIE AEREE ASSISTI LA VENTILAZIONE SUPPLEMENTA CON OSSIGENO I PAZIENTI CHE RESPIRANO BENE POSSONO COMUNQUE NECESSITARE DI OSSIGENO. PUOI BASARE LA SCELTA SUL PARAMETRO SATURAZIONE TROVATO

51 CONVULSIONI TRATTAMENTO DOPO LA CONVULSIONE: DOPO LA VALUTAZIONE INZIALE: IMMOBILIZZA LA COLONNA CERVICALE SE SI SOSPETTA UN TRAUMA CRANICO

52 CONVULSIONI COMUNICA ALLA CENTRALE 118

53 CONVULSIONI TRASPORTA E RIVALUTA

54 ALTERAZIONE DELLO STATO MENTALE Altre Cause C O N V U L S I O N I S I N C O P E I C T U S

55 SINCOPE TRANSITORIA PERDITA DI COSCIENZA INSORGENZA RAPIDA BREVE DURATA RECUPERO COMPLETO E SPONTANEO

56 SINCOPE TRANSITORIA PERDITA DI COSCIENZA INSORGENZA RAPIDA BREVE DURATA RECUPERO COMPLETO E SPONTANEO QuickTime e un decompressore sono necessari per visualizzare quest'immagine.

57 SINCOPE LE POSSIAMO SUDDIVIDERE IN TRE GRANDI GRUPPI Sincope Riflessa Sincope da Ipotensione Ortostatica Sincope Cardiovascolare

58 SINCOPE Vasovagale - mediato da stress emotivo-dolore mediato da stress ortostatico Sincope Riflessa Situazionale - gastroenterica minzionale post-esercizio fisico Senocarotidee Forme atipiche - senza apparenti trigger

59 SINCOPE Scompenso Autonomico Primario Parkinson, SLA, demenza a corpi di Lewy Sincope da Ipotensione Ortostatica Scompenso Autonomico Secondario Diabete, amiloidosi, uremia, malattie midollri Farmaco-indotte Alcool, vasodilatatori, diuretici, fenotiazine, anti-ipertensivi Deplezione di Volume Diarrea, emorragie, vomito

60 SINCOPE Sincope Cardiovascolare Aritmia come causa primaria: Bradicardia Tachicardia Bradi/Tachi farmaco-indotte Malattie Cardiache: Malattie valvolari, CAD, cardiomiopatie ipertrofiche, tumori cardiaci (mixoma ), malattie del pericardio Altri: Embolia polmonare, dissecazione aortica, ipertensione polmonare

61 SINCOPE VALUTAZIONE FOCALIZZIAMOCI SULLA RACCOLTA DELLA STORIA: Tre domande chiave 1 - Il paziente ha veramente PERSO la coscienza? 2 - La pdc è stata transitoria, a ripida insorgenza e breve durata? 3 - Il recupero è stato spontaneo, completo e senza sequele?

62 SINCOPE VALUTAZIONE PRIMA QUALI CIRCOSTANZE PRECEDONO? QUALI SINTOMI PRECEDONO? DURANTE CIRCOSTANZE DURANTE L ATTACCO? DOPO DOPO L ATTACCO?

63 SINCOPE VALUTAZIONE PUNTO DECISIVO! IL PAZIENTE E STABILE?

64 SINCOPE TRATTAMENTO DOPO AVER FORNITO SUPPORTO PER LE FUNZIONI VITALI SE NECESSARIO: COMUNICA CON 118 PER EVENTUALE RICHIESTA DI SQUADRA AVANZATA SOMMINISTRA OSSIGENO SE NECESSARIO SGANCIA GLI ABITI STRETTI INTORNO AL COLLO APPOGGIA IL PAZIENTE IN TERRA TRATTA EVENTUALI TRAUMI

65 ALTERAZIONE DELLO STATO MENTALE Altre Cause C O N V U L S I O N I S I N C O P E I C T U S

66 I C T U S C E R E B R I Sospettare un Ictus

67 I C T U S C E R E B R I Nei paesi industrializzati, fra cui l Italia, è la terza causa di morte dopo le malattie cardiovascolari e i tumori Tipi di Ictus Ictus ischemico: occlusione di una arteria cerebrale Ictus emorragico: un emorragia intracerebrale non traumatica Attacco ischemico transitorio (TIA) Il TIA si differenzia dall ictus per la durata che nel TIA èinferiore alle 24 ore (di solito pochi minuti).

68 I C T U S C E R E B R I FATTORI DI RISCHIO * ipertensione arteriosa; * alcune cardiopatie (in particolare, fibrillazione atriale); * diabete mellito; * iperomocisteinemia; * ipertrofia ventricolare sinistra; * stenosi carotidea; * fumo di sigaretta; * eccessivo consumo di alcol; * ridotta attività fisica.

69 I C T U S C E R E B R I VALUTAZIONE UN OTTIMO METODO PER VALUTARE UN PAZIENTE COSCIENTE CON SOSPETTO ICTUS E FARLO CON TRE PASSI SECONDO LA SCALA PRE OSPEDALIERA DI CINCINNATI Ann Emerg Med Apr;33(4): Cincinnati Prehospital Stroke Scale: reproducibility and validity. Kothari RU, Pancioli A, Liu T, Brott T, Broderick J Department of Emergency Medicine and the Departmentof Neurology, University of Cincinnati Medical Center, Cincinnati, OH, USA.

70 I C T U S C E R E B R I VALUTAZIONE UN OTTIMO METODO PER VALUTARE UN PAZIENTE COSCIENTE CON SOSPETTO ICTUS E FARLO CON TRE PASSI SECONDO LA SCALA PRE OSPEDALIERA DI CINCINNATI Ann Emerg Med Apr;33(4): Cincinnati Prehospital Stroke Scale: reproducibility and validity. Kothari RU, Pancioli A, Liu T, Brott T, Broderick J Department of Emergency Medicine and the Departmentof Neurology, University of Cincinnati Medical Center, Cincinnati, OH, USA. CONCLUSION: The CPSS has excellent reproducibility among prehospital personnel and physicians. It has good validity in identifying patients with stroke who are candidates for thrombolytic therapy, especially those with anterior circulation stroke.

71 I C T U S C E R E B R I VALUTAZIONE Mimica facciale: invitare il paziente a sorridere o mostrare i denti NORMALE se entrambi i lati del viso si muovono allo stesso modo ANORMALE se un lato del viso si muove differentemente rispetto all'altro

72 I C T U S C E R E B R I VALUTAZIONE Spostamento delle braccia: invitare il paziente a chiudere gli occhi e sollevare le braccia NORMALE se entrambi gli arti si muovono allo stesso modo ANORMALE se un arto cade o si muove differentemente rispetto all'altro

73 I C T U S C E R E B R I VALUTAZIONE Linguaggio: invitare il paziente a pronunciare una frase NORMALE se il paziente pronuncia correttamente la frase ANORMALE se il paziente sbaglia le parole, le strascica, o è incapace di parlare

74 I C T U S C E R E B R I VALUTAZIONE I PAZIENTI CHE RISULTANO POSITIVI A TUTTE E TRE LE FASI VALUTATIVE HANNO IL 70% DI PROBABILITA DI AVERE UN ICTUS

75 I C T U S C E R E B R I VALUTAZIONE Altri Sintomi includono: Vertigini Parestesie Confusione Perdita del controllo vescicale Diplopia Elevata pressione arteriosa Difficoltà respiratoria Nausea e vomito Convulsioni Pupille non uguali Cefalea Perdita della visione ad un occhio Coma

76 I C T U S C E R E B R I VALUTAZIONE PUNTO DECISIVO! PUO IL MIO PAZIENTE AVERE UN ICTUS?

77 I C T U S C E R E B R I TRATTAMENTO Non è necessario diagnosticare un ictus è sufficiente sospettarlo Ci sono numerosi problemi medici che mimano un ictus come: Tumori ed infezioni cerebrali Ipoglicemia Traumi cranici Infezioni batteriche e virali che causano disturbi del SNP

78 I C T U S C E R E B R I TRATTAMENTO AL PAZIENTE COSCIENTE : RASSICURALO MONITORIZZA LE VIE AEREE SOMMINISTRA OSSIGENO SE NECESSARIO AL PAZIENTE NON COSCIENTE : MANTIENI APERTE LE VIE AEREE SOMMINISTRA OSSIGENO POSIZIONE DI SICUREZZA (SDRAIATO SUL LATO COLPITO)

79 I C T U S C E R E B R I COMUNICA ALLA CENTRALE 118 Visto che LA STORIA CLINICA DI UN ICTUS PUO CAMBIARE NOTEVOLMENTE GRAZIE ALLA TROMBOLISI Assume particolare importanza fornire il TEMPO d insorgenza (l ora più precisa possibile) DEI SINTOMI

80 Mediche Valutare Trattare Comunicare

81 Mediche

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

Ictus acuto: fase preospedaliera

Ictus acuto: fase preospedaliera Corso di Aggiornamento Obbligatorio per Medici di Medicina Generale Ictus Ruolo del Medico di Medicina Generale nell ambito del programma regionale ed aziendale sulla STROKE CARE Arezzo, Ordine dei Medici,

Dettagli

Dr Anna Simoncelli, 2010. Il Sistema Nervoso

Dr Anna Simoncelli, 2010. Il Sistema Nervoso Il Sistema Nervoso Il Sistema Nervoso Rete di cellule nervose (neuroni) in circuiti Inviano messaggi attraverso segnali elettrici 2 parti: Centrale Periferico Neuroni 100 miliardi nel cervello! Corpo con

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD Crisi epilettiche Crisi ipoglicemiche CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD Obiettivi Imparare a conoscere i diversi tipi: 2.CRISI EPILETTICHE 3.CRISI IPOGLICEMICHE

Dettagli

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE NEUROLOGICHE CHE PROVOCANO ALTERAZIONI DELLA COSCIENZA IDENTIFICARE I SEGNI E SINTOMI DI: SINCOPE, CONVULSIONI, MENINGITE,

Dettagli

Urgenze neurologiche

Urgenze neurologiche CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso- TERME EUGANEE Urgenze neurologiche Soccorso preospedaliero alle principali turbe del sistema nervoso OBIETTIVI: cenni di anatomia e fisiologia del sistema nervoso

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

Corso Livello Avanzato per Soccorritori Volontari. Emergenze Cardiache e Emergenze Neurologiche

Corso Livello Avanzato per Soccorritori Volontari. Emergenze Cardiache e Emergenze Neurologiche Corso Livello Avanzato per Soccorritori Volontari Emergenze Cardiache e Emergenze Neurologiche Obiettivi - Cenni di anatomia e fisiologia dell apparato cardio- cricolatorio - Principali urgenze cardiache

Dettagli

Turbe del sistema nervoso, coma, epilessia,il soggetto con crisi ipoglicemica e iperglicemica, segni e sintomi di altre patologie mediche in funzione

Turbe del sistema nervoso, coma, epilessia,il soggetto con crisi ipoglicemica e iperglicemica, segni e sintomi di altre patologie mediche in funzione Turbe del sistema nervoso, coma, epilessia,il soggetto con crisi ipoglicemica e iperglicemica, segni e sintomi di altre patologie mediche in funzione di una corretta gestione del soccorso Corso BASE Relatore:

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera MALORI IMPROVVISI PERDITE DI SENSI MALORI DOVUTI A DISTURBI DEL S.N. MALORI PER CAUSE AMBIENTALI 1. Perdite di coscienza transitorie Lipotimia (debolezza con o senza perdita coscienza) Sincope (improvvisa

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

Lo stato di Coma,Ictus cerebrale: fattori di rischio e posizione d'attesa. Epilessia, soccorso e classificazione

Lo stato di Coma,Ictus cerebrale: fattori di rischio e posizione d'attesa. Epilessia, soccorso e classificazione Lo stato di Coma,Ictus cerebrale: fattori di rischio e posizione d'attesa. Epilessia, Asma, intossicazioni, primo soccorso e classificazione COMA sindrome clinica caratterizzata da una mancata risposta

Dettagli

SISTEMA NERVOSO. SISTEMA NERVOSO PATOLOGIE del SN

SISTEMA NERVOSO. SISTEMA NERVOSO PATOLOGIE del SN SISTEMA NERVOSO PATOLOGIE del SN Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI SISTEMA NERVOSO Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA del SISTEMA NERVOSO PATOLOGIE principali del SISTEMA NERVOSO RICONOSCIMENTO

Dettagli

APPARATO NEUROLOGICO. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

APPARATO NEUROLOGICO. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna APPARATO NEUROLOGICO Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna OBIETTIVI Conoscere l anatomia e la fisiologia del sistema nervoso Riconoscere le principali patologie del Sistema nervoso Effettuare

Dettagli

Corso Base. Convulsioni Crisi convulsiva isterica Ipotermia Ipertermia Avvelenamenti Intossicazioni

Corso Base. Convulsioni Crisi convulsiva isterica Ipotermia Ipertermia Avvelenamenti Intossicazioni Corso Base Convulsioni Crisi convulsiva isterica Ipotermia Ipertermia Avvelenamenti Intossicazioni Convulsioni Sono movimenti involontari, scoordinati e violenti degli arti, della testa o dell intero corpo

Dettagli

Aspetti clinici e terapeutici. Carla Padovan

Aspetti clinici e terapeutici. Carla Padovan Aspetti clinici e terapeutici Carla Padovan ASS6 Diabete giovanile (insulino dipendente) Allergia/Anafilassi Crisi convulsive Malattia metabolica dovuta alla mancata produzione di insulina da parte del

Dettagli

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012 SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE RIPASSO anno 2012 OBIETTIVI 1. RICONOSCERE I PRINCIPALI SINTOMI DELLE PRINCIPALI SINTOMATOLOGIE MEDICHI 2. IMPOSTARE IL GIUSTO TRATTAMENTO IMA SINTOMATOLOGIA? IMA Retrosternale,

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

Corso Base. Patologie Neurologiche d urgenza (non traumatiche)

Corso Base. Patologie Neurologiche d urgenza (non traumatiche) Corso Base Patologie Neurologiche d urgenza (non traumatiche) DISTURBI DELLO STATO DI COSCIENZA Sono alterazioni neurologiche caratterizzate dalla perdita della consapevolezza di sé e del mondo esterno

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Definire il SIGNIFICATO di Classificare i vari TIPI di RICONOSCERE precocemente l instaurarsi dello stato di Saper TRATTARE lo DEFINIZIONE Lo è un GRAVE

Dettagli

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Corso Base Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Cardiopatia ischemica Definisce un quadro di malattie a diversa eziologia che interessano l integrita del cuore nelle quali il fattore

Dettagli

Comitato Provinciale Trento - Formazione

Comitato Provinciale Trento - Formazione Croce Rossa Italiana SHOCK E MALORI SHOCK PRE-SINCOPE E SINCOPE ICTUS E TIA EPILESSIA CONVULSIONI FEBBRILI COLPO DI SOLE E DI CALORE INTOSSICAZIONI SHOCK SITUAZIONE DI SCARSA IRRORAZIONE SANGUINEA AI TESSUTI

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

Valutazione delle condizioni dell infortunato

Valutazione delle condizioni dell infortunato Definizione Definizione di valutazione Valutazione delle condizioni dell infortunato Raccolta delle informazioni e insieme delle manovre atte a stabilire il tipo di assistenza necessaria per non fare aggravare

Dettagli

LO SHOCK Cors r o s B as a e s.. Relat a ore: Mo M nitore C RI R oberto Va V l a erian a i

LO SHOCK Cors r o s B as a e s.. Relat a ore: Mo M nitore C RI R oberto Va V l a erian a i LO SHOCK Corso Base. Relatore: Monitore CRI Roberto Valeriani Lo shock è l insieme dei sintomi che sopravvengono quando l organismo subisce un aggressione acuta. Questo stato patologico esprime la reazione

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE PALMANOVA

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE PALMANOVA CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE PALMANOVA 1 Sistema Nervoso COMITATO LOCALE PALMANOVA 2 A COSA SERVE? Riceve e coordina le informazioni provenienti dall esterno e dall interno. Controlla le risposte

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera Lo shock Lo shock è uno stato di sofferenza dell organismo, grave e progressivo, potenzialmente mortale, dovuto a ridotta perfusione ai tessuti, in seguito a caduta della Pressione Arteriosa che

Dettagli

vasodilatazione e/o bradicardia > riduzione della PA > ipoafflusso cerebrale - CARDIOINIBITORIE - VASODEPRESSIVE - MISTE

vasodilatazione e/o bradicardia > riduzione della PA > ipoafflusso cerebrale - CARDIOINIBITORIE - VASODEPRESSIVE - MISTE Gruppo eterogeneo di condizioni, nelle quali i riflessi cardiovascolari, utilizzati normalmente nel controllo della circolazione diventano momentaneamente inappropriati, in risposta ad una causa scatenante

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

COLPO DI SOLE IL DISTURBO CHE SI MANIFESTA PER UNA PROTRATTA ESPOSIZIONE AL SOLE.

COLPO DI SOLE IL DISTURBO CHE SI MANIFESTA PER UNA PROTRATTA ESPOSIZIONE AL SOLE. COLPO DI SOLE IL DISTURBO CHE SI MANIFESTA PER UNA PROTRATTA ESPOSIZIONE AL SOLE. COLPO DI SOLE CAUSE LA CAUSA DETERMINANTE E L ECCESSIVA ESPOSIZIONE A L AZIONE DEI RAGGI SOLARI, RADIAZIONE INFRAROSSE

Dettagli

Apparato neurologico, disturbi metabolici, apparato digerente ed urinario. Riccardo Pagnanelli Croce Rossa Italiana Istruttore PSTI

Apparato neurologico, disturbi metabolici, apparato digerente ed urinario. Riccardo Pagnanelli Croce Rossa Italiana Istruttore PSTI Apparato neurologico, disturbi metabolici, apparato digerente ed urinario Riccardo Pagnanelli Croce Rossa Italiana Istruttore PSTI Insieme di strutture che hanno la funzione di percepire, elaborare e trasmettere

Dettagli

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL PAZIENTE IPERTESO NELLO STUDIO DEL MEDICO DI FAMIGLIA Traduzione Pratica Ho idea del livello di rischio cardiovascolare del paziente iperteso che

Dettagli

Sistema nervoso. Turbe del sistema nervoso. Shock

Sistema nervoso. Turbe del sistema nervoso. Shock Sistema nervoso Turbe del sistema nervoso Shock Sistema nervoso generalità Il SN controlla tutte le attività del nostro organismo! Questo avviene grazie a stimoli nervosi/ elettrici RICEVE, ELABORA e TRASMETTE

Dettagli

Premessa. Le basi dello shock

Premessa. Le basi dello shock SHOCK Premessa Lo shock è una condizione patologica pericolosa per la vita del paziente, ad insorgenza più o meno rapida, che si sviluppa come conseguenza di diverse malattie o lesioni. Nel 1852 un chirurgo

Dettagli

SISTEMA NERVOSO. Comitato locale CRI Firenze

SISTEMA NERVOSO. Comitato locale CRI Firenze SISTEMA NERVOSO Comitato locale CRI Firenze SISTEMA NERVOSO Struttura CENTRALE: Encefalo (cervello, cervelletto, tronco) Midollo spinale NB: non confondere Il midollo spinale con il midollo osseo!!! PERIFERICO:

Dettagli

Il neonato e il bambino in condizioni critiche

Il neonato e il bambino in condizioni critiche Il neonato e il bambino in condizioni critiche Emergenze pediatriche Le emergenze pediatriche sono eventi clinicamente rari ma ad alto rischio il personale coinvolto può non essere adeguatamente formato

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

CODICE ICTUS E GESTIONE DEL PERCORSO PRE-OSPEDALIERO

CODICE ICTUS E GESTIONE DEL PERCORSO PRE-OSPEDALIERO Il Percorso ICTUS nella Regione Lombardia Fase Preospedaliera Il Percorso Ictus nella Regione Lombardia: CODICE ICTUS E GESTIONE DEL PERCORSO PRE-OSPEDALIERO Dott.ssa Carmen Romeo - *Dott. Guido F. Villa

Dettagli

VALUTAZIONE PAZIENTE MEDICO PAZIENTE MEDICO

VALUTAZIONE PAZIENTE MEDICO PAZIENTE MEDICO VALUTAZIONE PAZIENTE MEDICO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI PAZIENTE MEDICO OBIETTIVI Saper VALUTARE un soggetto con problemi di origine NON TRAUMATICA Saper riconoscere le CRITICITA del soggetto

Dettagli

ICTUS CEREBRALE Come combatterlo, come vincerlo

ICTUS CEREBRALE Come combatterlo, come vincerlo ICTUS CEREBRALE Come combatterlo, come vincerlo Che cos è l Ictus L Ictus è una malattia che colpisce il cervello quando improvvisamente una parte di questo viene danneggiata o distrutta. E il risultato

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova

CROCE ROSSA ITALIANA. Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova CROCE ROSSA ITALIANA Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova 1 SALUTE-MALATTIA Definizione dell OMS: La salute è uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente

Dettagli

INCONTRI DELLA SALUTE

INCONTRI DELLA SALUTE INCONTRI DELLA SALUTE TERZO APPUNTAMENTO 16.10.2014 CONTR-ATTACCO CARDIACO: ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO CARDIACO Relatore: Dott.ssa Marcella Camellini Dirigente Medico Cardiologia Ospedale di Sassuolo APPUNTI:

Dettagli

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Quali sono i Parametri Vitali? ATTIVITA RESPIRATORIA ATTIVITA CIRCOLATORIA - RILEVAZIONE DEL POLSO - RILEVAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Dettagli

PROTOCOLLO STROKE L ICTUS ISCHEMICO. AAT 118 di Bergamo

PROTOCOLLO STROKE L ICTUS ISCHEMICO. AAT 118 di Bergamo PC SKE ICUS ISCHEMIC AA 8 di Bergamo DEFINIZINE DI ICUS ISCHEMIC CAUSE EE EIIAE VAUAZINE DE PAZIENE CSA FAE USC Neurologia - Stroke Unit SPEDAI IUNII DI BEGAM CS E ICUS? EMINGIA Ictus (latino) = colpo

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA HUMANITAS FIRENZE S.M.S.

PUBBLICA ASSISTENZA HUMANITAS FIRENZE S.M.S. PUBBLICA ASSISTENZA HUMANITAS FIRENZE S.M.S. Humanitas Firenze - Livello Avanzato - Patologie Pag. 1 ALTERAZIONI DEL SISTEMA RESPIRATORIO Insufficienza Respiratoria L insufficienza respiratoria è un sindrome

Dettagli

GENERALITA COSCIENZA: QUESTA SCONOSCIUTA CONSAPEVOLEZZA DI SE E DELL AMBIENTE CIRCOSTANTE

GENERALITA COSCIENZA: QUESTA SCONOSCIUTA CONSAPEVOLEZZA DI SE E DELL AMBIENTE CIRCOSTANTE GENERALITA COSCIENZA: QUESTA SCONOSCIUTA CONSAPEVOLEZZA DI SE E DELL AMBIENTE CIRCOSTANTE DIVERSI CONTENUTI, TRA I QUALI: VIGILANZA, CONTENUTO DELLA COSCIENZA, MEMORIA. ORIGINE DELLA COSCIENZA GENERALITA

Dettagli

ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI. per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO. Sez. 1 SEZ. 7 SEZ. 1 SEZ. 8 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 9 SEZ. 4 SEZ.

ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI. per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO. Sez. 1 SEZ. 7 SEZ. 1 SEZ. 8 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 9 SEZ. 4 SEZ. ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 SEZ. 11 sez. 1 Dati Servizio sez. 2 Tipologia mezzo

Dettagli

L URGENZA MEDICA IN REPARTO

L URGENZA MEDICA IN REPARTO L URGENZA MEDICA TRA PRONTO SOCCORSO E REPARTO Domande e risposte L URGENZA MEDICA IN REPARTO Paola Marvasi URGENZA STABILIZZATA IN PS URGENZA CHE SI MANIFESTA IN REPARTO: Sepsi severa shock Insufficienza

Dettagli

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia Dott.ssa Burzacca Serenella 30/03/2012 Caso clinico Pz di anni 51 sesso femminile giunge nell ambulatorio del medico perché il giorno

Dettagli

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio S. Liverani, L. Martano, G. Vettore, F. Tosato Pronto Soccorso Azienda Ospedaliera di Padova Sincope: definizione Perdita di coscienza

Dettagli

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti.

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti. ICTUS CEREBRI L ictus cerebri è un improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili a deficit focale e/o globale (coma) delle funzioni cerebrali di durata superiore alle 24 ore o ad esito infausto,

Dettagli

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m.

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CARATTERISTICHE FISICHE DELL AMBIENTE DI MONTAGNA riduzione

Dettagli

Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere

Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere danneggiata. Riavviare il computer e aprire di nuovo il

Dettagli

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 Importanza dell identificazione precoce del paziente critico Cause dell arresto cardiorespiratorio nell adulto Identificare e

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA

GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA A cura di: Elena Bianchera -assistente sanitaria Clotilde Chiozza -medico Cecilia Donzelli - medico Monica Toselli - infermiera professionale GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA

Dettagli

diabete Informazioni per la scuola A cura del gdm1 (Gruppo Diabete Mellito tipo1)

diabete Informazioni per la scuola A cura del gdm1 (Gruppo Diabete Mellito tipo1) Anche i bambini possono avere il diabete Informazioni per la scuola A cura del gdm1 (Gruppo Diabete Mellito tipo1) Quello che il personale scolastico deve sapere sullo studente con diabete E molto importante

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

INSURANCE TEAM di Farina & C. S.a.s.

INSURANCE TEAM di Farina & C. S.a.s. CONGELAMENTO E una lesione locale da freddo che interessa una o più parti del corpo, generalmente le estremità: mani, piedi, naso, orecchie. - Diminuito apporto di sangue nei tessuti interessati (colore

Dettagli

Dr. Mentasti Riccardo

Dr. Mentasti Riccardo APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Anatomia, fisiologia e principali patologie Dr. Mentasti Riccardo Apparato cardiocircolatorio Apparato costituito da cuore e vasi della circolazione sistemica e polmonare avente

Dettagli

La lipotimia Di cosa si tratta Le cause più comuni Segni e sintomi

La lipotimia Di cosa si tratta Le cause più comuni Segni e sintomi Situazioni Mediche Situazioni mediche Lipotimia. Sincope. Shock. Crisi convulsiva. Diabete. Dolore toracico anginoso. Infarto del miocardio. Edema polmonare acuto. Crisi asmatica. Ictus. Reazioni allergiche

Dettagli

INDICAZIONI GENERALI PER LA LA GESTIONE DELLA CRISI EPILETTICA PROLUNGATA A SCUOLA

INDICAZIONI GENERALI PER LA LA GESTIONE DELLA CRISI EPILETTICA PROLUNGATA A SCUOLA INDICAZIONI GENERALI PER LA LA GESTIONE DELLA CRISI EPILETTICA PROLUNGATA A SCUOLA 1. MANIFESTAZIONI DELLA CRISI EPILETTICA La maggior parte delle crisi in persone con epilessia nota non rappresenta una

Dettagli

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza L ipertensione arteriosa Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza Che cosa faremo 1. Brainstorming: che cosa sapete sull ipertensione arteriosa? 2. Presentazione: prove disponibili ( che cosa

Dettagli

LO SCOMPENSO CARDIACO

LO SCOMPENSO CARDIACO Area Medica P.O. Pistoia LO SCOMPENSO CARDIACO Opuscolo informativo di educazione terapeutica U.O. Cardiologia U.O. Medicina Interna I COS E LO SCOMPENSO CARDIACO Lo scompenso cardiaco è una malattia molto

Dettagli

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ANNEGAMENTO PROF.SSA A. SCAFURO DEFINIZIONE L annegamento è una sindrome asfittica caratterizzata t dall alterazione lt degli scambi

Dettagli

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...):

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): COS'E' IL TRAUMA: Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): l'apparato scheletrico (fratture) le articolazioni (distorsioni,

Dettagli

Il decalogo del diabetico. L Ipoglicemia

Il decalogo del diabetico. L Ipoglicemia I L Ipoglicemia L ipoglicemia è la più frequente complicanza acuta della terapia del diabete mellito tipo 1 (insulino-dipendente) e lievi sintomi di ipoglicemia sono considerati un prezzo inevitabile del

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

E ADESSO CHE FACCIO?

E ADESSO CHE FACCIO? La gestione del paziente critico in ambito extraospedaliero: principi generali e condotta da parte di personale infermieristico non esperto in area critica Emergenze cardiologiche: Shock ed arresto cardiaco

Dettagli

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA INFORTUNATO INCOSCIENTE SHOCK OBIETTIVO DELLA LEZIONE Riconoscere lo stato di incoscienza Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti

Dettagli

I CODICI COLORE DI PRIORITA

I CODICI COLORE DI PRIORITA I CODICI COLORE DI PRIORITA I.T. Andrea Sforzini E IL FINE DI UN PROCESSO DECISIONALE LA VALUTAZIONE DI TRIAGE HA ALLA BASE UN PROCESSO DECISIONALE OBIETTIVI: IDENTIFICARE LE CONDIZIONI POTENZIALMENTE

Dettagli

Sistema nervoso: anatomia,fisiologia e patologia

Sistema nervoso: anatomia,fisiologia e patologia P.A. Lombardia Soccorso Corso di Formazione Base per Volontari-Soccorritori Sistema Nervoso Sistema nervoso: anatomia,fisiologia e patologia P. Andrisani Sistema nervoso centrale Encefalo Cervello Cervelletto

Dettagli

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME.

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. www.regione.lombardia.it 10 REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. Ecco uno strumento utile per combattere il caldo estivo. Una serie

Dettagli

Scenari frequenti Pazienti internistici

Scenari frequenti Pazienti internistici Scenari frequenti Pazienti internistici Parleremo di : situazioni frequenti in ambulanza: Alterazioni della coscienza Alterazioni del respiro Alterazioni della funzione cardiaca Altre cause frequenti Gestione

Dettagli

APPARATO RESPIRATORIO RESPIRATORIO

APPARATO RESPIRATORIO RESPIRATORIO APPARATO RESPIRATORIO TURBE del RESPIRO SINDROME da ANNEGAMENTO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APPARATO RESPIRATORIO Le TURBE DEL RESPIRO: INSUFFICIENZA

Dettagli

TRAUMA approccio e trattamento. EPIDEMIOLOGIA e PREVENZIONE

TRAUMA approccio e trattamento. EPIDEMIOLOGIA e PREVENZIONE TRAUMA approccio e trattamento EPIDEMIOLOGIA e PREVENZIONE Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI - Cos è il TRAUMA - TRAUMA SPINALE - TRAUMA CRANICO - TRAUMA al TORACE - TRAUMA all ADDOME -

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

LA PRESSIONE ARTERIOSA

LA PRESSIONE ARTERIOSA LA PRESSIONE ARTERIOSA La pressione arteriosa è quella forza con cui il sangue viene spinto attraverso i vasi. Dipende dalla quantità di sangue che il cuore spinge quando pompa e dalle resistenze che il

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

revenzione Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale

revenzione Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale revenzione ICTUS La Fibrillazione atriale Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale L ICTUS Un ICTUS per il cervello equivale ad un infarto per il cuore:

Dettagli

Riconoscere l emergenza

Riconoscere l emergenza Riconoscere l emergenza Riconoscere l emergenza Valutazione delle funzioni vitali funzione cerebrale funzione respiratoria funzione cardiaca Disturbo della coscienza La coscienza è la consapevolezza di

Dettagli

TRIAGE. Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo. Associazione Volontari Protezione Civile Noicàttaro onlus

TRIAGE. Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo. Associazione Volontari Protezione Civile Noicàttaro onlus TRIAGE Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo DEFINIZIONE Parola di origine francese che significa semplicemente "selezionare". Il TRIAGE è la metodica di selezione dei pazienti, cioè il riconoscimento

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso Base per Aspiranti Volontari del Soccorso della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare

Dettagli

Si certifica che il/la sig/ra nato/a il è affetto/a da Diabete Mellito di Tipo

Si certifica che il/la sig/ra nato/a il è affetto/a da Diabete Mellito di Tipo Scheda informativa da compilarsi da parte dello specialista diabetologo DI STRUTTURA PUBBLICA O PRIVATA CONVENZIONATA ( con data non anteriore tre mesi ) Patenti di gruppo 1 Paziente diabetico Si certifica

Dettagli

Informazioni per la scuola

Informazioni per la scuola A.G.D. Informazioni per la scuola 1 Quello che il personale scolastico deve sapere sullo studente con diabete E molto importante che il personale scolastico sia a conoscenza che uno degli allievi è diabetico

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE MALATTIE NEUROLOGICHE SENILI. Dott.ssa Ornella Sassone 14-22 marzo 2016

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE MALATTIE NEUROLOGICHE SENILI. Dott.ssa Ornella Sassone 14-22 marzo 2016 CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE MALATTIE NEUROLOGICHE SENILI Dott.ssa Ornella Sassone 14-22 marzo 2016 MODALITÀ DI APPROCCIO ALL ANZIANO CON PATOLOGIE NEUROLOGICHE PIÙ O MENO GRAVI Acquisire quanti più

Dettagli

PRIMO SOCCORSO EMERGENZE MEDICHE PATOLOGIA DA CALORE CRAMPI DA CALORE ESAURIMENTO DA CALORE COLPO DI CALORE. deplezione IDRICA.

PRIMO SOCCORSO EMERGENZE MEDICHE PATOLOGIA DA CALORE CRAMPI DA CALORE ESAURIMENTO DA CALORE COLPO DI CALORE. deplezione IDRICA. PRIMO SOCCORSO EMERGENZE MEDICHE PATOLOGIA DA CALORE CRAMPI DA CALORE ESAURIMENTO DA CALORE deplezione SALINA deplezione IDRICA COLPO DI CALORE CRAMPI DA CALORE Insorgono in seguito ad una giornata di

Dettagli

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO. Barbara Paladini Croce Rossa Italiana Comitato Locale Firenze Capo-monitore

SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO. Barbara Paladini Croce Rossa Italiana Comitato Locale Firenze Capo-monitore SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Barbara Paladini Croce Rossa Italiana Comitato Locale Firenze Capo-monitore Obiettivi Cenni di Anatomia e Fisiologia Principali patologie di origine cardiaca Primo Soccorso Anatomia

Dettagli

Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test

Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test TILT TEST Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test Dal 1986 TILT TEST Ricorso all ortostatismo sotto monitoraggio per riprodurre le sincopi neuromediate,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Caltagirone Il Commissario

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Caltagirone Il Commissario Protocollo n.189 Al Presidente del Comitato Provinciale di Catania Oggetto : Ordinanza commissariale n.8 del 23/03/2015 Si trasmette per seguito di competenza la Ordinanza commissariale in oggetto. Cordiali

Dettagli

U.A.L. (Unione Amici di Lourdes) U.A.L. PIA UNIONE AMICI DI LOURDES - FOGGIA - DOSSIER

U.A.L. (Unione Amici di Lourdes) U.A.L. PIA UNIONE AMICI DI LOURDES - FOGGIA - DOSSIER U.A.L. PIA UNIONE AMICI DI LOURDES - FOGGIA - DOSSIER PROPOSTE PROGETTUALI INTEGRATIVE CON RELAZIONI SUPPLEMENTARI ALLA SCHEDA PROGETTO SCELTA D AMORE RELATIVA AL BANDO VOLONTARI 2013 PER IL SERVIZIO CIVILE

Dettagli

6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso

6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso 6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso In qualità di assistente è possibile trovarsi nelle condizioni in cui è necessario avere alcune nozioni di pronto soccorso. Un modo per apprendere queste competenze

Dettagli

Trieste 15 Novembre 2012

Trieste 15 Novembre 2012 Creazione, implementazione e sperimentazione del critical pathway della persona affetta da scompenso cardiaco acuto sinistro all interno dell U.O. U.T.I.C. della A.O. Spedali Civili di Brescia. Trieste

Dettagli

SHOCK. DOTT. Nicola Menestrina

SHOCK. DOTT. Nicola Menestrina SHOCK DOTT. Nicola Menestrina DEFINIZIONE SINDROME CARATTERIZZATA DA UNA IPOPERFUSIONE TISSUTALE SISTEMICA ACUTA CHE CONDUCE AD UNA IPOSSIA DEI TESSUTI E ALLA DISFUNZIONE DEGLI ORGANI VITALI SHOCK SETTICO

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO I TRAUMI CRANICI E VERTEBRALI

IL SISTEMA NERVOSO I TRAUMI CRANICI E VERTEBRALI CROCE ROSSA ITALIANA GRUPPO DI TRENTO IL SISTEMA NERVOSO I TRAUMI CRANICI E VERTEBRALI CORSO PER ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO V.d.S. I.P. Franco Onere ANATOMIA E FISIOLOGIA Il sistema nervoso si distingue

Dettagli

Sistema nervoso E una struttura complessa che si suddivide in SNC (Sistema Nervoso Centrale) Cervello midollo spinale SNP (Sistema nervoso Periferico) Costituito da nervi, ossia diramazioni che collegano

Dettagli