SPAZI METRICI COMPLETI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPAZI METRICI COMPLETI"

Transcript

1 Capitolo 1 SPAZI METRICI COMPLETI Sia dato uno spazio metrico (X, d). Definizione 1.1 Una successione {x n } si dice successione di Cauchy se ε > 0 n 0 n, m n 0 = d(x n x m ) < ε (1.1) Esercizio 1.1 Dimostrare che (1.1) è equivalente a ε > 0 n 0 n n 0 p 1 = d(x n x n+p ) < ε (1.2) Definizione 1.2 Uno spazio metrico (X, d) si dice completo se ogni successione di Cauchy è convergente. Definizione 1.3 Uno spazio vettoriale normato (V, ) completo nella metrica d(x, y) = x y si dice spazio di Banach. Definizione 1.4 Uno spazio di Banach la cui norma deriva da un prodotto scalare si dice spazio di Hilbert. Completezza di R Teorema 1.1 Sia {x n } una successione in R. Allora: {x n } è una successione di Cauchy {x n } è convergente. In particolare, R è completo. Dim. =) Se la successione converge a x R, è facile vedere che è una successione di Cauchy. Infatti, se converge: ε > 0 n 0 n n 0 = d(x n, x m ) = x n x < ε. Se prendiamo n, m n 0, abbiamo che: x n x m = x n x + x x m x n x + x x m < 2ε e quindi la successione è di Cauchy, per l arbitrarietà di ε. 1

2 2 = ) Devo costruire il limite x della successione. Osservo che, dalla definizione di successione di Cauchy: ε > 0 n 0 n, m n 0 = x n x m < ε. (1.3) (1.3) è vera per n = n 0,, cioè x n0 x n < ε x n0 ε < x m < x n0 + ε Dato che per ogni n n 0, x m > x n0 ε, esiste solo un numero finito di x n minori di x n0 ε. Invece, per tutti gli n n 0, x n < x n0 + ε (e quindi ci sono infiniti elementi della successione minori di x n0 + ε). Definiamo allora È vero che: S = {y R : esiste un numero finito di x n < y}. 1. S, perché (x n0 ε) S. 2. Se y S = (, y] S 3. S è limitato superiormente, perché x n0 + ε è un maggiorante di S. Per l assioma di completezza di R, esiste l estremo superiore di S; poniamo Per quanto detto finora: Inoltre, se m n 0 : x = sup S R. x n0 ε x < x n0 + ε (1.4) x n0 ε < x m < x n0 + ε (1.5) Cambiando segno ai termini della disequazione (4.2) x n0 ε < x m < x n0 + ε (1.6) Sommando termine a termine le disequazioni (4.1) e (4.4), abbiamo Ne segue che 2ε < x x m < 2ε. ε > 0 n 0 m n 0 = x x m < 2ε e dunque la successione {x n } converge a x. Completezza di R k La completezza di R k, con la norma del prodotto scalare, discende dalla completezza di R attraverso il seguente Lemma. Lemma Una successione {v n = (v 1n, v 2n,..., v kn )} in R k è una successione di Cauchy nella norma del sup le successioni {v 1n }, {v 2n },... {v kn }, sono successioni di Cauchy in R.

3 3 2. Una successione {v n = (v 1n, v 2n,..., v kn )} in R k converge a v = (v 1,..., v k ) R k v jn v j, per ogni j = 1,..., k Dim. Dimostriamo il punto (1). = ) Dire che {v n } è di Cauchy nella norma del sup significa che ε > 0 n 0 n, m n 0 = v n v m = sup v nj v mj < ε. j=1,...,k Allora, per ogni j = 1,..., k: v jn v jm < ε e quindi ogni successione {v jn } è di Cauchy. =) {v jn } è di Cauchy se ε > 0, n j n, m n j = v jn v jm < ε.. Se prendiamo n 0 = max{n 1,..., n k }, abbiamo che, per ogni n, m n 0 v n v m = sup v nj v mj = max v nj v mj < ε. j=1,...,k j=1,...,k e quindi la successione {v n } è una successione di Cauchy nella norma del sup. Esercizio 1.2 Dimostrare il punto (2) Teorema 1.2 R k con la norma del sup è completo. Dim. Discende dalla completezza di R. Infatti, se {v n } è di Cauchy in R k, per il Lemma 1.1, le successioni {v jn } sono successioni di Cauchy in R, e dunque convergono a v j, per ogni j = 1,..., k. Dal Lemma 1.1, segue che la successione data converge a v = (v 1,..., v n ). Esercizio 1.3 Se due norme 1 e 2 sono equivalenti, allora è vero che: 1. La successione {v n } è di Cauchy nella norma 1 {v n } è di Cauchy nella norma La successione {v n } converge a v nella norma 1 {v n } converge a v nella norma 2. Teorema 1.3 R k è completo rispetto ad una norma qualunque. Dim. Dimostreremo in seguito che in R k tutte le norme sono equivalenti, e dunque la completezza discende dal Teorema 1.2 e dall Esercizio 1.3.

4 4

5 Capitolo 2 Lemma delle contrazioni Il Lemma delle contrazioni (o Shrinking Lemma) ha molteplici applicazioni, che vedremo nel seguito. Al Lemma facciamo precedere un Lemma tecnico, che si rifà alla teoria delle serie numeriche. Lemma 2.1 La successione s n (x) = 1 + x x n è crescente e converge a, per ogni x (0, 1). 1 1 x Dim. Dato che x > 0, è chiaro che, per ogni n 0, s n (x) = 1 + x x n < 1 + x x n + x n+1 = s n+1 (x), e dunque la successione è crescente. Dalla fattorizzazione segue che, per ogni x 1 1 x n+1 = (1 x)(1 + x x n ) s n (x) = 1 xn+1 1 x. Se x (0, 1), la successione x n 0 per n +, quindi lim s 1 x n+1 n(x) = lim n + n + 1 x = sup s n(x) = 1 1 x. Definizione 2.1 Data un insieme X e un applicazione T : X X, un punto x 0 X è detto punto fisso di T se T (x 0 ) = x 0. Teorema 2.1 ( Lemma delle Contrazioni) Sia (X, d) uno spazio metrico completo e sia T : X X una contrazione, cioè un applicazione per cui esiste K (0, 1) tale che, per ogni x, y X, d(t (x), T (y)) Kd(x, y) = T ha un unico punto fisso x 0. Si dimostra che per ogni x X, x 0 = lim n + T n (x). Dim. Preso un qualunque x X, si definisce la successione T n (x) = T... T (x), dove T n è la composizione di T con se stessa n volte. La dimostrazione si articola in 5 passi: Passo 1. x X, d(t n (x), T n 1 (x)) K n d, con d = d(t (x), x). Passo 2. d(t n 1 (x), x) d 1 K per ogni n 5

6 6 Passo 3. T n (x) è una successione di Cauchy Passo 4. T n (x) converge ad un punto fisso x 0 Passo 5. Il punto fisso trovato è unico Dim. Passo 1. Dimostriamo il passo 1 per induzione. Per definizione di contrazione, la proposizione è vera per n = 2 Assumiamo vero che d(t 2 (x), T (x)) = d(t (T (x)), T (x)) Kd(T (x), x) = Kd. d(t n 1 (x), T n 2 (x)) K n 1 d (2.1) e dimostriamo che la proposizione è vera al passo n: d(t n (x), T n 1 (x)) = d(t (T n 1 (x)), T (T n 2 (x)) Kd(T n 1 (x), T n 2 (x)) per definizione di contrazion k k n 1 d = K n d per (2.1) Dim. Passo 2. Usando più volte la disuguaglianza triangolare, abbiamo che (2.2) d(t n (x), x) d(t n (x), T n 1 (x)) + d(t n 1 (x), x) per il Passo 1 per il Lemma (2.1) d(t n (x), T n 1 (x)) + d(t n 1 (x), T n 2 (x)) d(t (x), x) K n d + K n 1 d Kd + d = d(k n K + 1) K 1 1 K. Dim. Passo 3. Bisogna dimostrare che Osserviamo che ε > 0 n 0 m n 0 p 1 = d(t m+p (x), T m (x)) < ε. d(t m+p (x), T m (x)) = d(t m (T p (x)), T m (x)) Kd(T m 1 (T p (x)), T m 1 (x)) K m (T p (x), x) K m 1 1 K iterando il procedimento per il passo 2. Dato che K (0, 1), K m 1 1 K 0 per n +, e quindi, per definizione di limite ε > 0 n 0 n n 0 = K m 1 1 K < ε e otteniamo che ε > 0 n 0 m n 0 p 1 = d(t m+p (x), T m (x)) K m Poiché X è uno spazio metrico completo, T n (x) converge. 1 1 K < ε.

7 7 Dim. Passo 4. x 0 = lim n + T n (x) è un punto fisso di T. Infatti, ricordando che T è continua (come ogni funzione Lipschitziana) lim n + T n+1 (x) = x 0 lim T n+1 (x) = lim T (T n (x)) = T ( lim T n (x)) = T (x 0 ) n + n + n + e dunque T (x 0 ) = x 0. Dim. Passo 5. Supponiamo che T abbia due punti fissi x 0 e x 1. Allora, ricordando che K è una contrazione d(x 0, x 1 ) = d(t (x 0 ), T (x 1 )) Kd(x 0, x 1 ), con K < 1. Questo può accadere se e solo se d(x 0, x 1 ) = 0 e quindi se e solo se x 0 = x 1. Questo conclude la dimostrazione. Esercizio 2.1 Sia (V, ) uno spazio metrico normato completo. Sia B r = B(0, r) e sia f : B r X una funzione tale che 1. K (0, 1) x, y B r, f(x) f(y) K x y 2. f(0) < r(1 K) Dimostrare che se x è un punto fisso di f, allora x B r.

8 8

9 Capitolo 3 EQUAZIONI DIFFERENZIALI Definizione 3.1 Siano (X, d 1 ) e (Y, d 2 ) due spazi metrici, e sia I un intervallo in R. Una funzione f : I X Y è lipschitziana in y uniformemente rispetto a t se esiste h > 0 tale che y 1, y 2 X d 2 (f(t, y 1 ), f(t, y 2 )) h d 1 (y 1, y 2 ) (3.1) Si dice che in (t 0, y 0 ) la funzione f è localmente lipschitziana in y, uniformemente rispetto a t, se esiste un intorno di (t 0, y 0 ) su cui è verificata (3.1). In particolare, se X è un intervallo I e Y = R, (3.1) si traduce in y 1, y 2 I f(t, y 1 ) f(t, y 2 ) h y 1 y 2. Lemma 3.1 Sia f(t, y) una funzione continua sul rettangolo I J R R e sia dato il problema di Cauchy { y = f(t, y) y(t 0 ) = y 0 (3.2) con f continua su un aperto contenente (t 0, y 0 ). La funzione ϕ : I δ = (t 0 δ, t 0 + δ) R è una soluzione di (3.3) su I δ se e solo se ϕ(t) = y 0 + t t 0 f(s, φ(s)) ds, per ogni t I δ. Dim. Ricordiamo che una soluzione di (3.3) è una funzione ϕ(t) di classe C 1 (I δ ) tale che ϕ (t) = f(t, ϕ(t)) per ogni t I δ e tale che ϕ(t 0 ) = y 0. Data una funzione h(t) continua su I δ, la funzione g(t) = f(t, h(t)) è continua su I δ, quindi per il teorema fondamentale del calcolo integrale t g ϕ(t) = y 0 + f(s, h(s)) ds = y 0 + t 0 (s) ds t 0 9

10 10 è tale che ϕ(t 0 ) = y 0, è derivabile e la sua derivata è uguale a ϕ (t) = g(t) = f(t, h(t)), t I δ. Allora abbiamo che ϕ(t) è soluzione del problema di Cauchy se e solo se ϕ(t) = y 0 + t t 0 f(s, ϕ(s)) ds, per ogni t I δ. Teorema 3.1 (di Cauchy o di esistenza e unicità locale delle soluzioni) Sia I J R R un rettangolo aperto, e sia dato il problema di Cauchy { y = f(t, y) y(t 0 ) = y 0 (3.3) dove 1. (t 0, y 0 ) I J 2. f è continua su I J 3. in (t 0, y 0 ) f è localmente lipschitziana in y, uniformemente rispetto a t, con costante di Lipschitz h = Esiste δ > 0, esiste ed è unica una funzione ϕ : (t 0 δ, t 0 + δ) R, di classe C 1 su tale intervallo, che è soluzione del problema di Cauchy (3.3). Dim. Passo 1. Costruiamo uno spazio metrico completo X δ. Per far questo, sia ε > 0 tale che [t 0 ε, t 0 + ε] [y 0 ε, y 0 + ε] I J e consideriamo l intervallo chiuso I δ = [t 0 δ, t 0 + δ], con δ < ε. Possiamo allora definire l insieme { } X δ = y(t) C(I δ ) : sup t I δ y(t) y 0 ε Identificando y 0 con la funzione costante y(t) = y 0, vediamo che X δ è la palla chiusa di centro y 0 e raggio δ nello spazio metrico C(I δ ) con la norma del sup, che è uno spazio metrico completo per un Teorema dimostrato in precedenza. Poiché ne è un sottospazio chiuso, anche X δ è uno spazio metrico completo. Passo 2. Costruiamo una mappa su X δ. Definiamo T : X δ C(I δ ) y(t) T (y)(t) = y 0 + t t 0 f(s, y(s)) ds. (3.4) Per il Lemma precedente, y(t) è un punto fisso di T se e solo se y(t) è una soluzione del problema di Cauchy (3.3),. Nei passi successivi della dimostrazione costruiremo un δ > 0 in modo che T sia interna a X δ e che sia una contrazione. Passo 3. Costruiamo δ > 0 in modo che T abbia valori in X δ.

11 11 Poiché f è continua sul chiuso K ε = [t 0 ε, t 0 + ε] [y 0 ε, y 0 + ε], per il Teorema di Weierstrass esiste N > 0 tale che f(t, y) N, (t, y) K ε. Vogliamo trovare un δ in modo che T (y) X δ, cioè in modo che T (y) y 0 ε. T (y) y 0 = sup T (y)(t) y 0 = t I δ t = sup f(s, y(s)) ds sup t f(s, y(s)) ds t I δ t 0 t I δ t 0 sup N t t 0 Nδ t I δ Se scegliamo δ in modo che δ < min{ε/n, ε}, abbiamo che T (y) y 0 ε. Passo 4. Costruiamo δ in modo che T sia una contrazione, cioè in modo che per ogni y 1, y 2 X δ, T (y 1 ) T (y 2 ) K y 1 y 2. T (y 1 ) T (y 2 ) = sup t I δ = sup t I δ sup t I δ t t 0 t t f(s, y 1 (s)) ds f(s, y 2 (s)) ds t 0 t 0 t (f(s, y 1 (s)) f(s, y 2 (s))) ds t 0 t f(s, y 1 (s)) f(s, y 2 (s)) ds t 0 ( ) sup f(t, y 1 (t)) f(t, y 2 (t)) t I δ Ma f è lipschitziana in y uniformemente rispetto a t, con costante di Lipschitz h, quindi sup t Iδ f(t, y 1 (t)) f(t, y 2 (t)) = f(t, y 1 ) f(t, y 2 ) h y 1 y 2, e se scegliamo δ < 1/h. Passo 5. Scegliendo T (y 1 ) T (y 2 ) δh y 1 y 2 < K y 1 y 2 { 1 0 < δ < min h, ε } N, ε abbiamo che T è una contrazione dallo spazio metrico completo X δ in se stesso, quindi T ha un unico punto fisso, cioè esiste un unica funzione y(t) definita su I δ tale che t y(t) = T (y)(t) = y 0 + f(s, y(s)) ds, t 0 t Iδ. Abbiamo così trovato che il problema di Cauchy (3.3) ha un unica soluzione definita sull intervallo (t 0 δ, t 0 + δ).

12 12 Osserviamo che la soluzione trovata è solo una soluzione locale, perché la scelta di δ è legata non solo all ipotesi di continuità sull insieme I J, ma anche alla costante di Lipschitz locale. Il Teorema sopra dimostrato può essere esteso anche al caso dei sistemi di equazioni differenziali ordinarie. Data una funzione F (t, X) : R R n R n definita su un insieme I A, dove I è un intervallo e A un aperto di R n, possiamo definire il sistema di equazioni differenziali y 1 = F 1(t, y 1,..., y n ) y 2 = F 2(t, y 1,..., y n )... y n = F n (t, y 1,..., y n ) che si scrive più brevemente in forma vettoriale come Y = F (t, X) In questo caso una soluzione è una funzione ϕ : J A, derivabile su J, sottointervallo aperto di I (dunque una curva in forma parametrica) tale che, per ogni t J: ϕ 1 (t) = F 1(t, ϕ 1 (t),..., ϕ, x n (t)) ϕ 2 = F 2(t, ϕ 1 (t),..., ϕ n (t))... ϕ n = F n (t, ϕ 1 (t),..., ϕ n (t)) dunque è una curva in forma parametrica il cui vettore tangente è assegnato dal sistema di equazioni differenziali. In questo caso una soluzione ϕ soddisfa una condizione iniziale Y (t 0 ) = Y 0 se la curva passa per il punto Y 0 al istante t 0, vale a dire se ϕ(t 0 ) = Y 0. Enunciamo allora il teorema precedente anche in questo caso (la dimostrazione segue le stesse linee, e non la riproponiamo) Teorema 3.2 Sia dato un problema di Cauchy di equazioni differenziali { Y = F (f, Y ) Y (t 0 ) = Y 0 (3.5) dove F è definita su I A R R n, con I intervallo aperto contenente t 0 e A aperto contenente Y 0. Se F è continua in un intorno di (t 0, Y 0 ), e se (t 0, Y 0 ) F è localmente lipschitziana in Y, uniformemente rispetto a t = Esiste δ > 0, esiste ed è unica una funzione ϕ : (t 0 δ, t 0 + δ) R, di classe C 1 su tale intervallo, che è soluzione del problema di Cauchy (3.5). Proposizione 3.1 Se f : I J R è di classe C 1 (I J), allora f è lipschitziana.

13 Capitolo 4 Teorema della funzione inversa Prima di enunciare e dimostrare il teorema della funzione inversa,ricordiamo alcuni fatti riguardanti le funzioni di pi variabili Definizione 4.1 Si dice che una funzione G : R n R n è o( x x ) per x x se 1 lim G(x) = 0. x x x x Se questo accade, esiste una funzione ψ : R n R n tale che lim ψ(x x 0) = 0 e G(x) = ψ(x x 0 ) x x. x x Definizione 4.2 Una funzione F : R n R n si dice differenziabile in x punto interno al dominio di F se eiste un applicazione lineare T : R n R n tale che, per ogni x in un intorno di x: F (x) = F (x) + T (x x) + o( x x ), rmper x x. L applicazione T è detta il differenziale di F in x e viene indicato con d x F. Si dimostra che se F è differenziabile in x, esiste la matrice jacobiana di F in x e d x F = JF (x). Definizione 4.3 Una funzione F : U R n V R n (con U e V aperti) si dice un omeomorfismo di U su V se F è una biiezione F è continua F 1 è continua Si dice che F è un diffeomorfismo di classe k (k > 0) di U su V se F è una biiezione F è di classe C k su U F 1 è di classe C k su V 13

14 14 Teorema 4.1 Sia A R n un aperto, e sia F : A R n R n una funzione tale che F è di classe C k su A, co k 1 Il differenziale d x F è un isomorfismo, e dunque la matrice JF (x) è invertibile = Esistono un intorno aperto U di x e un intorno aperto V di y = F (x) tali che la restrizione di F a U è un diffeomorfismo di classe C k. Inoltre, y V, JF 1 (y) = (JF ) 1 (F 1 (y)). Dim. Passo 1 Possiamo assumere che x = 0. La traslazione τ x (x) = x x è un diffeomorfismo di classe C. Allora la funzione composta H(x) = F τ x (x) = F (x x)è invertibile (con inversa di classe C k ) se e solo se F lo è. Passo 2 Possiamo assumere che JF (0) uguale alla matrice identità. Per ipotesi, la matrice jacobiana è invertibile in x = 0. Allora la funzione (JF (0)) 1 F è ben definita, ed ha le proprietà: (JF (0)) 1 F è invertibile se e solo se lo è F Per il teorema di derivazione di funzione composta, J ( (JF (0)) 1 F ) (0) = (JF (0)) 1 JF (0) = Id, dove con Id indichiamo la matrice identità di R n. Passo 3 Definiamo la funzione G(x) = x F (x). Poiché G è di classe C k, JG(x) è una funzione continua, e JG(0) = Id JF (0) = 0. Per la continuità di JG(x), fissato ε = 1 2, esiste r > 0 tale che: x B(0, 2r) = JG(x) 1 2 (4.1) Poiché B(0, 2r) è convesso, possiamo applicare il Teorema di Lagrange al segmento congiungente 0 a x. Esiste allora x sul segmento tale che G(x) = G(x) G(0) = JG( x)(x 0) = JG( x)x. Allora, facendo uso anche di (4.1), abbiamo che G(x) JG( x) x 1 x (4.2) 2 ( ) Allora G B(0, 2r) B(0, r 2 ). Passo 4 Mostriamo che F : B(0, r ) overlineb(0, fracr2) è invertibile, cioè che per ogni y B(0, r 2 ), esiste un unico x B(0, 2r) tale che F (x) = y. Per far questo, per ogni y B(0, r 2 ) definiamo la funzione Osserviamo che: G 0 (x) = G(x) G y (x) = y + x F (x) = y + G(x). X è un punto fisso di G y, cioè G y (x) = x y = F (x)

15 15 Se dimostriamo che G y è una contrazione sullo spazio metrico completo B(0, r), riusciamo a dimostrare che F è invertibile, come richiesto. A tale scopo, procediamo in due passi successivi: 1. Per ogni x B(0, r), da (4.2) otteniamo che: G y (x) = y + G(x) y + G(x) r x r 2 + r 2 = r (4.3) 2. Per ogni x, x B(0, r), per il teorema di Lagrange esiste x sul segmento di estremi x, x tale che G y (x) G y (x) = G(x) G(x) = JG( x)(x x) JG( x) (x x) 1 2 (x x) (4.4) per (4.1). Quindi G y è una contrazione, e pertanto esiste ( F 1 : B 0, r ) B(0, 2). 2 Passo 5 Esistono due intorni aperti U e V (rispettivamente di 0 e di F (0)) su cui F 1 è continua. Definiamo { U = x B(0, r) : F (x) < r }. 2 U è aperto perché è la controimmagine dell aperto (, r/2) mediante la funzione continua F. Sia V = F (U). Per quanto dimostrato finora, F è iniettiva e dunque esiste F 1 : V U. Dimostriamo che F 1 è continua in ogni y V 1 (di conseguenza, V risulta aperto, in quanto controimmagine di un aperto mediante una funzione continua). Poniamo x = F 1 (y) e x = F 1 (y). Scrivendo x = x F (x) + F (x) = G(x) + F (x) abbiamo che F 1 (y) F 1 (y) = x x = G(x) + F (x) G(x) F (x) G(x) G(x) + F (x) F (x) per (4.4) 1 2 x x + F (x) F (x) Portando 1 2 x x a sinistra e moltiplicando per 2, otteniamo F 1 (y) F 1 (y) = x x = 2 F (x) F (x) = 2 y y (4.5) Abbiamo così dimostrato che F 1 è continua. Passo 6 Dobbiamo dimostrare che F 1 è differenziabile in ogni y V, con differenziale uguale a [JF (x)] 1, cioè che F 1 (y) F 1 (y) [JF (x)] 1 (y y) = o( y y ), per y y (4.6)

16 16 Ricordiamo che o( x x ) = ψ(x x) x x, con ψ(x x) 0 per x x. Poniamo x = F 1 (y) e x = F 1 (y). F 1 (y) F 1 (y) [JF (x)] 1 (y y) = = x x [JF (x)] 1 (F (x) F (x)) = per la differenziabilita di F in x = x x [JF (x)] 1 (JF (x)(x x) + o( x x )) = = x x (x x) [JF (x)] 1 o( x x )) = [JF (x)] 1 o( x x )) Dobbiamo dimostrare che un o( x x ) per x x in questo caso è anche un o y y ), per y y. A tale scopo scriviamo o( x x ) = ϕ(x x) x x, con ϕ(x x) 0 per x 0, e osserviamo che: x x ϕ(x x) = x x ϕ(f 1 (y) F 1 (y)) 2 y y ϕ(f 1 (y) F 1 (y)) per (4.5). Siccome F 1 è continua, quando y y, F 1 (y) F 1 (y) e dunque ϕ(f 1 (y) F 1 (y)) 0. Abbiamo così ottenuto che F 1 è differenziabile in x.

COMPLETAMENTO DI SPAZI METRICI

COMPLETAMENTO DI SPAZI METRICI COMPLETAMENTO DI SPAZI METRICI 1. Successioni di Cauchy e spazi metrici completi Definizione 1.1. Una successione x n n N a valori in uno spazio metrico X, d si dice di Cauchy se, per ogni ε > 0 esiste

Dettagli

Completezza e compattezza

Completezza e compattezza 1 Completezza e compattezza Spazi metrici completi Data una successione x : N X, j x j, una sua sottosuccessione è la composizione x ν, ove ν : N N è strettamente crescente. Data una successione (x j )

Dettagli

FUNZIONI ELEMENTARI, DISEQUAZIONI, NUMERI REALI, PRINCIPIO DI INDUZIONE Esercizi risolti

FUNZIONI ELEMENTARI, DISEQUAZIONI, NUMERI REALI, PRINCIPIO DI INDUZIONE Esercizi risolti FUNZIONI ELEMENTARI, DISEQUAZIONI, NUMERI REALI, PRINCIPIO DI INDUZIONE Esercizi risolti Discutendo graficamente la disequazione x > 3 + x, verificare che l insieme delle soluzioni è un intervallo e trovarne

Dettagli

Osservazioni sulle funzioni composte

Osservazioni sulle funzioni composte Osservazioni sulle funzioni composte ) 30 dicembre 2009 Scopo di questo articolo è di trattare alcuni problemi legati alla derivabilità delle funzioni composte nel caso di funzioni di R n in R m Non si

Dettagli

8. Topologia degli spazi metrici, II

8. Topologia degli spazi metrici, II 8. Topologia degli spazi metrici, II Compattezza Cominciamo con un esempio Sia E un sottoinsieme di R 2. Esisterà in E un punto x 0 che abbia massima distanza dall origine? Ovviamente E dovrà essere limitato,

Dettagli

Geometria Superiore Esercizi 1 (da consegnare entro... )

Geometria Superiore Esercizi 1 (da consegnare entro... ) Geometria Superiore Esercizi 1 (da consegnare entro... ) In questi esercizi analizziamo il concetto di paracompattezza per uno spazio topologico e vediamo come questo implichi l esistenza di partizioni

Dettagli

Il Teorema di Kakutani

Il Teorema di Kakutani Il Teorema di Kakutani Abbiamo visto, precedentemente, il seguente risultato: 1 Sia X uno spazio di Banach. Se X è separabile, la palla è debolmente compatta. B X = {x X x 1} Il Teorema di Kakutani è un

Dettagli

Circonferenze del piano

Circonferenze del piano Circonferenze del piano 1 novembre 1 Circonferenze del piano 1.1 Definizione Una circonferenza è il luogo dei punti equidistanti da un punto fisso, detto centro. La distanza di un qualunque punto della

Dettagli

NOME:... MATRICOLA:... Corso di Laurea in Fisica, A.A. 2009/2010 Calcolo 1, Esame scritto del 19.01.2010

NOME:... MATRICOLA:... Corso di Laurea in Fisica, A.A. 2009/2010 Calcolo 1, Esame scritto del 19.01.2010 NOME:... MATRICOLA:.... Corso di Laurea in Fisica, A.A. 009/00 Calcolo, Esame scritto del 9.0.00 Data la funzione fx = e /x x x +, a determinare il dominio massimale di f ; b trovare tutti gli asintoti

Dettagli

M.P. Cavaliere ELEMENTI DI MATEMATICA E LOGICA MATEMATICA DISCRETA INSIEMI

M.P. Cavaliere ELEMENTI DI MATEMATICA E LOGICA MATEMATICA DISCRETA INSIEMI M.P. Cavaliere ELEMENTI DI MATEMATICA E LOGICA MATEMATICA DISCRETA INSIEMI Assumiamo come primitivo il concetto di insieme e quello di appartenenza di un elemento a un insieme. La notazione x A indica

Dettagli

Funzioni convesse su intervallo

Funzioni convesse su intervallo Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia Dip. di Scienze Statistiche e Matematiche Silvio Vianelli Appunti del corso di Matematica Generale Funzioni convesse su intervallo Anno Accademico

Dettagli

Il problema di Cauchy

Il problema di Cauchy Sia I = [t 0, t 0 + T ] con 0 < T < +. Sia f (t, y) una funzione assegnata definita in I R continua rispetto ad entrambe le variabili. Si trata di determinare una funzione y C 1 (I ) soluzione di { y (t)

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica mod.analisi prof. B.Bacchelli a.a. 2010/2011

Appunti sul corso di Complementi di Matematica mod.analisi prof. B.Bacchelli a.a. 2010/2011 Appunti sul corso di Complementi di Matematica mod.analisi prof. B.Bacchelli a.a. 2010/2011 08- Estremi: Riferimenti: R.Adams, Calcolo Differenziale 2. Capitoli 4.1. Esercizi 4.1 Estremi liberi: punti

Dettagli

LEZIONE 3. Typeset by AMS-TEX

LEZIONE 3. Typeset by AMS-TEX LEZIONE 3 3 Risoluzione di sistemi Supponiamo che AX = B sia un sistema di equazioni lineari Ad esso associamo la sua matrice completa (A B Per la Proposizione 236 sappiamo di poter trasformare, con operazioni

Dettagli

1 IL LINGUAGGIO MATEMATICO

1 IL LINGUAGGIO MATEMATICO 1 IL LINGUAGGIO MATEMATICO Il linguaggio matematico moderno è basato su due concetti fondamentali: la teoria degli insiemi e la logica delle proposizioni. La teoria degli insiemi ci assicura che gli oggetti

Dettagli

ax 1 + bx 2 + c = 0, r : 2x 1 3x 2 + 1 = 0.

ax 1 + bx 2 + c = 0, r : 2x 1 3x 2 + 1 = 0. . Rette in R ; circonferenze. In questo paragrafo studiamo le rette e le circonferenze in R. Ci sono due modi per descrivere una retta in R : mediante una equazione cartesiana oppure mediante una equazione

Dettagli

ANALISI MATEMATICA II Sapienza Università di Roma - Laurea in Ingegneria Informatica Esame del 16 febbraio 2016 - Soluzioni compito 1

ANALISI MATEMATICA II Sapienza Università di Roma - Laurea in Ingegneria Informatica Esame del 16 febbraio 2016 - Soluzioni compito 1 ANALISI MATEMATICA II Sapienza Università di Roma - Laurea in Ingegneria Informatica Esame del 6 febbraio 206 - Soluzioni compito E Calcolare, usando i metodi della variabile complessa, il seguente integrale

Dettagli

FUNZIONI CONTINUE - ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI CONTINUE - ESERCIZI SVOLTI FUNZIONI CONTINUE - ESERCIZI SVOLTI 1) Verificare che x è continua in x 0 per ogni x 0 0 ) Verificare che 1 x 1 x 0 è continua in x 0 per ogni x 0 0 3) Disegnare il grafico e studiare i punti di discontinuità

Dettagli

Equazioni differenziali Corso di Laurea in Scienze Biologiche Istituzioni di Matematiche A.A. 2007-2008. Dott.ssa G. Bellomonte

Equazioni differenziali Corso di Laurea in Scienze Biologiche Istituzioni di Matematiche A.A. 2007-2008. Dott.ssa G. Bellomonte Equazioni differenziali Corso di Laurea in Scienze Biologiche Istituzioni di Matematiche A.A. 2007-2008 Dott.ssa G. Bellomonte Indice 1 Introduzione 2 2 Equazioni differenziali lineari del primo ordine

Dettagli

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1 SPAZI METRICI Nel piano R 2 o nello spazio R 3 la distanza fra due punti è la lunghezza, o norma euclidea, del vettore differenza di questi due punti. Se p = (x, y, z) è un vettore in coordinate ortonormali,

Dettagli

1) D0MINIO. Determinare il dominio della funzione f (x) = ln ( x 3 4x 2 3x). Deve essere x 3 4x 2 3x > 0. Ovviamente x 0.

1) D0MINIO. Determinare il dominio della funzione f (x) = ln ( x 3 4x 2 3x). Deve essere x 3 4x 2 3x > 0. Ovviamente x 0. D0MINIO Determinare il dominio della funzione f ln 4 + Deve essere 4 + > 0 Ovviamente 0 Se > 0, 4 + 4 + quindi 0 < < > Se < 0, 4 + 4 4 e, ricordando che < 0, deve essere 4 < 0 dunque 7 < < 0 Il campo di

Dettagli

CAPITOLO IV RISOLUZIONE DEI SISTEMI LINEARI COL METODO DEI DETERMINANTI

CAPITOLO IV RISOLUZIONE DEI SISTEMI LINEARI COL METODO DEI DETERMINANTI CAPITOLO IV RISOLUZIONE DEI SISTEMI LINEARI COL METODO DEI DETERMINANTI 1. REGOLA DI CRAMER Sia S un sistema lineare di n ( 2) equazioni in n incognite su un campo K : a 11 x 1 + a 12 x 2 + + a 1n x n

Dettagli

Derivate delle funzioni di una variabile.

Derivate delle funzioni di una variabile. Derivate delle funzioni di una variabile. Il concetto di derivata di una funzione di una variabile è uno dei più fecondi della matematica ed è quello su cui si basa il calcolo differenziale. I problemi

Dettagli

I appello - 24 Marzo 2006

I appello - 24 Marzo 2006 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Energetica e Gestionale A.A.2005/2006 I appello - 24 Marzo 2006 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. I.) Studiare la convergenza puntuale,

Dettagli

Complementi sugli Spazi Metrici Maurizio Cornalba Dipartimento di Matematica, Università di Pavia 10/11/2005 (revisione 15/5/2015)

Complementi sugli Spazi Metrici Maurizio Cornalba Dipartimento di Matematica, Università di Pavia 10/11/2005 (revisione 15/5/2015) Complementi sugli Spazi Metrici Maurizio Cornalba Dipartimento di Matematica, Università di Pavia 10/11/2005 (revisione 15/5/2015) Scopo di queste note è quello di integrare in parte il testo di C. Kosniowski:

Dettagli

Esercizi sulle funzioni

Esercizi sulle funzioni Esercizi sulle funzioni Esercizio. Siano f, g : R R definite da x x g ln x. Determinare le funzioni composte f g e g f, specificandone gli insiemi di definizione. Def(f) = [, ], Def(g) = (0, + ). f g :

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

Lezioni sullo studio di funzione.

Lezioni sullo studio di funzione. Lezioni sullo studio di funzione. Schema. 1. Calcolare il dominio della funzione D(f).. Comportamento della funzione agli estremi del dominio. Ad esempio se D(f) = [a, b] si dovrà calcolare f(a) e f(b),

Dettagli

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1 ESERCIZI. Carlo Ravaglia

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1 ESERCIZI. Carlo Ravaglia CORSO DI ANALISI MATEMATICA ESERCIZI Carlo Ravaglia 6 settembre 5 iv Indice Numeri reali Ordine fra numeri reali Funzioni reali 4 Radici aritmetiche 7 4 Valore assoluto 9 5 Polinomi 6 Equazioni 7 Disequazioni

Dettagli

Ripasso tramiti esempi - Applicazioni lineari e matrici

Ripasso tramiti esempi - Applicazioni lineari e matrici Ripasso tramiti esempi - Applicazioni lineari e matrici Applicazioni lineari associata ad una matrice Avete imparato che data una matrice A K m,n esiste una applicazione lineare associata ad A. Ma come

Dettagli

Giovanna Carnovale. October 18, Divisibilità e massimo comun divisore

Giovanna Carnovale. October 18, Divisibilità e massimo comun divisore MCD in N e Polinomi Giovanna Carnovale October 18, 2011 1 Divisibilità e massimo comun divisore 1.1 Divisibilità in N In questa sezione introdurremo il concetto di divisibilità e di massimo comun divisore

Dettagli

Parte V: Rilassamento Lagrangiano

Parte V: Rilassamento Lagrangiano Parte V: Rilassamento Lagrangiano Tecnica Lagrangiana Consideriamo il seguente problema di Programmazione Lineare Intera: P 1 min c T x L I Ax > b Cx > d x > 0, intera in cui A = matrice m x n C = matrice

Dettagli

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012 Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 211/212 Ricordare: una funzione lipschitziana tra spazi metrici manda insiemi limitati in insiemi limitati; se il dominio di una funzione

Dettagli

SISTEMI LINEARI MATRICI E SISTEMI 1

SISTEMI LINEARI MATRICI E SISTEMI 1 MATRICI E SISTEMI SISTEMI LINEARI Sistemi lineari e forma matriciale (definizioni e risoluzione). Teorema di Rouché-Capelli. Sistemi lineari parametrici. Esercizio Risolvere il sistema omogeneo la cui

Dettagli

Le equazioni differenziali

Le equazioni differenziali CAPITOLO 2 Le equazioni differenziali 1. Un paio di esempi A mo di ripasso, un primo, facile esempio. Esempio 1.1. Data una funzione f(x), definita e continua su un intervallo [a, b], determinare una funzione

Dettagli

Metodi per la risoluzione di sistemi lineari

Metodi per la risoluzione di sistemi lineari Metodi per la risoluzione di sistemi lineari Sistemi di equazioni lineari. Rango di matrici Come è noto (vedi [] sez.0.8), ad ogni matrice quadrata A è associato un numero reale det(a) detto determinante

Dettagli

Disequazioni di secondo grado

Disequazioni di secondo grado Disequazioni di secondo grado. Disequazioni Definizione: una disequazione è una relazione di disuguaglianza tra due espressioni. Detti p() e g() due polinomi definiti in un insieme A, una disequazione

Dettagli

La riduzione a gradini e i sistemi lineari (senza il concetto di rango)

La riduzione a gradini e i sistemi lineari (senza il concetto di rango) CAPITOLO 4 La riduzione a gradini e i sistemi lineari (senza il concetto di rango) Esercizio 4.1. Risolvere il seguente sistema non omogeneo: 2x+4y +4z = 4 x z = 1 x+3y +4z = 3 Esercizio 4.2. Risolvere

Dettagli

Materiale coperto nel corso di Analisi Matematica 1 Ingegneria, docente S. Cuccagna A.A. 2011-12

Materiale coperto nel corso di Analisi Matematica 1 Ingegneria, docente S. Cuccagna A.A. 2011-12 Materiale coperto nel corso di Analisi Matematica 1 Ingegneria, docente S. Cuccagna A.A. 2011-12 Martedì 4 Ottobre Settembre 2011 16-19 3 ore Numeri naturali. Definizione di minimo di un sottoinsieme di

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Edile-Architettura ANALISI MATEMATICA I. Prova scritta del 8 Gennaio 2014

Corso di Laurea in Ingegneria Edile-Architettura ANALISI MATEMATICA I. Prova scritta del 8 Gennaio 2014 Corso di Laurea in Ingegneria Edile-Architettura ANALISI MATEMATICA I Prova scritta del 8 Gennaio 214 Esporre il procedimento di risoluzione degli esercizi in maniera completa e leggibile. (1) (Punti 8)

Dettagli

a + 2b + c 3d = 0, a + c d = 0 c d

a + 2b + c 3d = 0, a + c d = 0 c d SPAZI VETTORIALI 1. Esercizi Esercizio 1. Stabilire quali dei seguenti sottoinsiemi sono sottospazi: V 1 = {(x, y, z) R 3 /x = y = z} V = {(x, y, z) R 3 /x = 4} V 3 = {(x, y, z) R 3 /z = x } V 4 = {(x,

Dettagli

SOTTOSPAZI E OPERAZIONI IN SPAZI DIVERSI DA R n

SOTTOSPAZI E OPERAZIONI IN SPAZI DIVERSI DA R n SPAZI E SOTTOSPAZI 1 SOTTOSPAZI E OPERAZIONI IN SPAZI DIVERSI DA R n Spazi di matrici. Spazi di polinomi. Generatori, dipendenza e indipendenza lineare, basi e dimensione. Intersezione e somma di sottospazi,

Dettagli

ESERCIZI SUI SISTEMI LINEARI

ESERCIZI SUI SISTEMI LINEARI ESERCIZI SUI SISTEMI LINEARI Consideriamo ora il sistema lineare omogeneo a coefficienti costanti associato alla matrice A M n n, cioè SLO Vale il seguente = A. Teorema. Sia v R n \ } e sia λ C. Condizione

Dettagli

4 0 = 4 2 = 4 4 = 4 6 = 0.

4 0 = 4 2 = 4 4 = 4 6 = 0. Elementi di Algebra e Logica 2008. Esercizi 4. Gruppi, anelli e campi. 1. Determinare la tabella additiva e la tabella moltiplicativa di Z 6. (a) Verificare dalla tabella moltiplicativa di Z 6 che esistono

Dettagli

SISTEMI LINEARI. x 2y 2z = 0. Svolgimento. Procediamo con operazioni elementari di riga sulla matrice del primo sistema: 1 1 1 3 1 2 R 2 R 2 3R 0 4 5.

SISTEMI LINEARI. x 2y 2z = 0. Svolgimento. Procediamo con operazioni elementari di riga sulla matrice del primo sistema: 1 1 1 3 1 2 R 2 R 2 3R 0 4 5. SISTEMI LINEARI Esercizi Esercizio. Risolvere, se possibile, i seguenti sistemi: x y z = 0 x + y + z = 3x + y + z = 0 x y = 4x + z = 0, x y z = 0. Svolgimento. Procediamo con operazioni elementari di riga

Dettagli

1.1. Spazi metrici completi

1.1. Spazi metrici completi SPAZI METRICI: COMPLETEZZA E COMPATTEZZA Note informali dalle lezioni 1.1. Spazi metrici completi La nozione di convergenza di successioni è centrale nello studio degli spazi metrici. In particolare è

Dettagli

Esercizi di prove scritte di Analisi Matematica I con schema di soluzione Paola Loreti. April 5, 2006

Esercizi di prove scritte di Analisi Matematica I con schema di soluzione Paola Loreti. April 5, 2006 Esercizi di prove scritte di Analisi Matematica I con schema di soluzione Paola Loreti April 5, 6 ESERCIZI. Studiare la convergenza della serie numerica al variare di γ IR.. Calcolare l integrale π n=

Dettagli

INDICAZIONI PER LA RICERCA DEGLI ASINTOTI VERTICALI

INDICAZIONI PER LA RICERCA DEGLI ASINTOTI VERTICALI 2.13 ASINTOTI 44 Un "asintoto", per una funzione y = f( ), è una retta alla quale il grafico della funzione "si avvicina indefinitamente", "si avvicina di tanto quanto noi vogliamo", nel senso precisato

Dettagli

Premesse. Capitolo 1. 1.1 Spazi L p

Premesse. Capitolo 1. 1.1 Spazi L p Capitolo 1 Premesse 1.1 Spazi L p Indicheremo con un aperto misurabile di R N, con dx la misura di Lebesgue e con la misura di secondo Lebesgue. Siano f e g due funzioni misurabili su. Definiamo f ρ g

Dettagli

Esercizi riassuntivi per la prima prova di verifica di Analisi Matematica. n, n IN.

Esercizi riassuntivi per la prima prova di verifica di Analisi Matematica. n, n IN. Esercizi riassuntivi - B. Di Bella 1 Esercizi riassuntivi per la prima prova di verifica di Analisi Matematica 1. Sia A = n IN ] 1 n + 1, 1 [. n a) Determinare il derivato e l interno di A; b) stabilire

Dettagli

Codice Gray. (versione Marzo 2007)

Codice Gray. (versione Marzo 2007) Codice Gray (versione Marzo 27) Data una formula booleana con n variabili, per costruire una tavola di verità per questa formula è necessario generare tutte le combinazioni di valori per le n variabili.

Dettagli

Capitolo 6. Sistemi lineari di equazioni differenziali. 1

Capitolo 6. Sistemi lineari di equazioni differenziali. 1 Capitolo 6 Sistemi lineari di equazioni differenziali L integrale generale In questo capitolo utilizzeremo la forma canonica di Jordan per studiare alcuni tipi di equazioni differenziali Un sistema lineare

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Equazioni differenziali ordinarie Denis Nardin January 2, 2010 1 Equazioni differenziali In questa sezione considereremo le proprietà delle soluzioni del problema di Cauchy. Da adesso in poi (PC) indicherà

Dettagli

Sistemi di equazioni lineari

Sistemi di equazioni lineari Sistemi di equazioni lineari A. Bertapelle 25 ottobre 212 Cos è un sistema lineare? Definizione Un sistema di m equazioni lineari (o brevemente sistema lineare) nelle n incognite x 1,..., x n, a coefficienti

Dettagli

EQUAZIONI DI PRIMO GRADO

EQUAZIONI DI PRIMO GRADO Cognome... Nome... Equazioni di primo grado EQUAZIONI DI PRIMO GRADO Un'equazione di primo grado e un'uguaglianza tra due espressioni algebriche di primo grado, vera solo per alcuni valori che si attribuiscono

Dettagli

LEZIONE 10. S(C,ρ) Figura 10.1

LEZIONE 10. S(C,ρ) Figura 10.1 LEZIONE 10 10.1. Sfere nello spazio. In questa lezione studieremo alcuni oggetti geometrici non lineari, circonferenze e sfere nello spazio A 3. Poiché le proprietà delle circonferenze nel piano sono del

Dettagli

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 ESERCIZI. Carlo Ravaglia

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 ESERCIZI. Carlo Ravaglia CORSO DI ANALISI MATEMATICA ESERCIZI Carlo Ravaglia 8 febbraio 6 iv Indice 4 Calcolo differenziale 4 Derivate parziali 4 Derivate parziali 4 Massimi e minimi 4 Massimi e minimi di funzioni 43 Derivate

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI. chiameremo logaritmica (e si legge il logaritmo in base a di c è uguale a b ).

ESPONENZIALI E LOGARITMI. chiameremo logaritmica (e si legge il logaritmo in base a di c è uguale a b ). ESPONENZIALI E LOGARITMI Data una espressione del tipo a b = c, che chiameremo notazione esponenziale (e dove a>0), stabiliamo di scriverla anche in un modo diverso: log a c = b che chiameremo logaritmica

Dettagli

S 2 S 1 S 3 S 4 B S 5. Figura 1: Cammini diversi per collegare i due punti A e B

S 2 S 1 S 3 S 4 B S 5. Figura 1: Cammini diversi per collegare i due punti A e B 1 ENERGI PTENZILE 1 Energia potenziale 1.1 orze conservative Se un punto materiale è sottoposto a una forza costante, cioè che non cambia qualunque sia la posizione che il punto materiale assume nello

Dettagli

Precorso di Matematica

Precorso di Matematica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTA DI ARCHITETTURA Precorso di Matematica Anna Scaramuzza Anno Accademico 2005-2006 4-10 Ottobre 2005 INDICE 1. ALGEBRA................................. 3 1.1 Equazioni

Dettagli

Dipendenza dai dati iniziali

Dipendenza dai dati iniziali Dipendenza dai dati iniziali Dopo aver studiato il problema dell esistenza e unicità delle soluzioni dei problemi di Cauchy, il passo successivo è vedere come le traiettorie di queste ultime dipendono

Dettagli

Equazioni non lineari

Equazioni non lineari Capitolo 2 Equazioni non lineari 2.1 Richiami di teoria Prerequisiti: teorema di Gauss, nozioni elementari di calcolo differenziale. In generale, per risolvere una equazione della forma f(x) = 0 dove f

Dettagli

Robotica industriale. Richiami di statica del corpo rigido. Prof. Paolo Rocco

Robotica industriale. Richiami di statica del corpo rigido. Prof. Paolo Rocco Robotica industriale Richiami di statica del corpo rigido Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Sistemi di forze P 1 P 2 F 1 F 2 F 3 F n Consideriamo un sistema di forze agenti su un corpo rigido.

Dettagli

Richiami sulla rappresentazione dei numeri in una base fissata

Richiami sulla rappresentazione dei numeri in una base fissata Silvia Bonettini - Appunti di Analisi Numerica 1 Richiami sulla rappresentazione dei numeri in una base fissata In questo capitolo si vogliono richiamare i concetti principali riguardanti la reppresentazione

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA (sede di Vicenza)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA (sede di Vicenza) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA (sede di Vicenza) PROGRAMMA DI MATEMATICA A, A.A. 2007-08 CANALI 1 E 2 - Prof. F. Albertini e M. Motta Testi Consigliati: Elementi di Analisi Matematica

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO DI ORDINAMENTO 2014

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO DI ORDINAMENTO 2014 SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO DI ORDINAMENTO 214 1. Per determinare f() e f(k), applichiamo il teorema fondamentale del calcolo integrale, che si può applicare essendo f continua per ipotesi: g() = f(t)dt

Dettagli

Quali condizionisi si possono richiedere sulla funzione interpolante?

Quali condizionisi si possono richiedere sulla funzione interpolante? INTERPOLAZIONE Problema generale di INTERPOLAZIONE Dati n punti distinti ( i, i ) i=,..,n si vuole costruire una funzione f() tale che nei nodi ( i ) i=,..n soddisfi a certe condizioni, dette Condizioni

Dettagli

Applicazioni lineari e diagonalizzazione. Esercizi svolti

Applicazioni lineari e diagonalizzazione. Esercizi svolti . Applicazioni lineari Esercizi svolti. Si consideri l applicazione f : K -> K definita da f(x,y) = x + y e si stabilisca se è lineare. Non è lineare. Possibile verifica: f(,) = 4; f(,4) = 6; quindi f(,4)

Dettagli

Esercizi svolti. Geometria analitica: rette e piani

Esercizi svolti. Geometria analitica: rette e piani Esercizi svolti. Sistemi di riferimento e vettori. Dati i vettori v = i + j k, u =i + j + k determinare:. il vettore v + u ;. gli angoli formati da v e u;. i vettore paralleli alle bisettrici di tali angoli;

Dettagli

5 DERIVATA. 5.1 Continuità

5 DERIVATA. 5.1 Continuità 5 DERIVATA 5. Continuità Definizione 5. Sia < a < b < +, f : (a, b) R e c (a, b). Diciamo che f è continua in c se sono verificate le ue conizioni: (i) c esiste (ii) = f(c) c Si osservi che nella efinizione

Dettagli

Probabilità 1, laurea triennale in Matematica I prova scritta sessione estiva a.a. 2008/09

Probabilità 1, laurea triennale in Matematica I prova scritta sessione estiva a.a. 2008/09 Probabilità, laurea triennale in Matematica I prova scritta sessione estiva a.a. 2008/09. Due roulette regolari vengono azionate più volte; sia T il numero di volte che occorre azionare la prima roulette

Dettagli

Programmazione per competenze del corso Matematica, Quinto anno 2015-16

Programmazione per competenze del corso Matematica, Quinto anno 2015-16 Programmazione per competenze del corso Matematica, Quinto anno 2015-16 Competenze di aree Traguardi per lo sviluppo dellle competenze Abilità Conoscenze Individuare le principali proprietà di una - Individuare

Dettagli

Esercizi sui sistemi di equazioni lineari.

Esercizi sui sistemi di equazioni lineari. Esercizi sui sistemi di equazioni lineari Risolvere il sistema di equazioni lineari x y + z 6 x + y z x y z Si tratta di un sistema di tre equazioni lineari nelle tre incognite x, y e z Poichè m n, la

Dettagli

Facoltà di Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'informazione anno accademico 2014/15 Registro lezioni del docente SPORTELLI LUIGI

Facoltà di Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'informazione anno accademico 2014/15 Registro lezioni del docente SPORTELLI LUIGI Facoltà di Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'informazione anno accademico 2014/15 Registro lezioni del docente SPORTELLI LUIGI Attività didattica ANALISI MATEMATICA [2000] Periodo di svolgimento:

Dettagli

Collegamento generatori di tensione. Collegamento parallelo. Sia dato il sistema di figura 1: Fig. 1 -

Collegamento generatori di tensione. Collegamento parallelo. Sia dato il sistema di figura 1: Fig. 1 - Collegamento generatori di tensione Collegamento parallelo Sia dato il sistema di figura : Fig. - vogliamo trovare il bipolo equivalente al parallelo dei tre generatori di tensione, il bipolo, cioè, che

Dettagli

Unità Didattica N 2 Le funzioni

Unità Didattica N 2 Le funzioni Unità Didattica N Le funzioni 1 Unità Didattica N Le funzioni 05) Definizione di applicazione o funzione o mappa. 06) Classificazione delle funzioni numeriche 07) Estremi di una funzione, funzioni limitate.

Dettagli

1 Definizione di sistema lineare omogeneo.

1 Definizione di sistema lineare omogeneo. Geometria Lingotto. LeLing1: Sistemi lineari omogenei. Ārgomenti svolti: Definizione di sistema lineare omogeneo. La matrice associata. Concetto di soluzione. Sistemi equivalenti. Operazioni elementari

Dettagli

Appunti ed esercizi sulle coniche

Appunti ed esercizi sulle coniche 1 LA CIRCONFERENZA 1 Appunti ed esercizi sulle coniche Versione del 1 Marzo 011 1 La circonferenza Nel piano R, fissati un punto O = (a, b) e un numero r > 0, la circonferenza (o cerchio) C di centro O

Dettagli

y = f(x), x B R, x = h(y), y B R.

y = f(x), x B R, x = h(y), y B R. 1 Funzioni implicite 1.1 Introduzione. Consideriamo l equazione F (x, y) = 0, (1.1) con F : A R 2 R una funzione reale di due variabili reali. Siamo interessati a descrivere l insieme delle sue soluzioni

Dettagli

Esercizi svolti. risolvere, se possibile, l equazione xa + B = O, essendo x un incognita reale

Esercizi svolti. risolvere, se possibile, l equazione xa + B = O, essendo x un incognita reale Esercizi svolti 1. Matrici e operazioni fra matrici 1.1 Date le matrici 1 2 1 6 A = B = 5 2 9 15 6 risolvere, se possibile, l equazione xa + B = O, essendo x un incognita reale Osservazione iniziale: qualunque

Dettagli

DERIVATE SUCCESSIVE E MATRICE HESSIANA

DERIVATE SUCCESSIVE E MATRICE HESSIANA FUNZIONI DI DUE VARIABILI 1 DERIVATE SUCCESSIVE E MATRICE HESSIANA Derivate parziali seconde e matrice hessiana. Sviluppo di Taylor del secondo ordine. Punti stazionari. Punti di massimo o minimo (locale

Dettagli

m = a k n k + + a 1 n + a 0 Tale scrittura si chiama rappresentazione del numero m in base n e si indica

m = a k n k + + a 1 n + a 0 Tale scrittura si chiama rappresentazione del numero m in base n e si indica G. Pareschi COMPLEMENTI ED ESEMPI SUI NUMERI INTERI. 1. Divisione con resto di numeri interi 1.1. Divisione con resto. Per evitare fraintendimenti nel caso in cui il numero a del Teorema 0.4 sia negativo,

Dettagli

Il sistema dei numeri reali

Il sistema dei numeri reali Il sistema dei numeri reali Appunti per il corso di Analisi Matematica 1, C.L. Matematica e C.L. Fisica, Università di Parma a.a. 015/16 Marino Belloni & Stefano Panizzi 1 Relazioni d ordine Dato un insieme

Dettagli

x log(x) + 3. f(x) =

x log(x) + 3. f(x) = Università di Bari, Corso di Laurea in Economia e Commercio Esame di Matematica per l Economia L/Z Dr. G. Taglialatela 03 giugno 05 Traccia dispari Esercizio. Calcolare Esercizio. Calcolare e cos log d

Dettagli

INTEGRALI INDEFINITI e DEFINITI Esercizi risolti

INTEGRALI INDEFINITI e DEFINITI Esercizi risolti INTEGRALI INDEFINITI e DEFINITI Esercizi risolti E data la funzione f( = (a Provare che la funzione F ( = + arcsin è una primitiva di f( sull intervallo (, (b Provare che la funzione G( = + arcsin π è

Dettagli

Estensioni intere. 3. A[b] C, dove C B è un sottoanello che è un A-modulo finitamente generato

Estensioni intere. 3. A[b] C, dove C B è un sottoanello che è un A-modulo finitamente generato Estensioni intere 1 Estensioni Intere Il comportamento delle estensioni e delle contrazioni di ideali tramite omomorfismi di anelli è piuttosto caotico ed è difficile poter avere risultati a priori. Dei

Dettagli

FUNZIONI QUADRATICHE

FUNZIONI QUADRATICHE f: R R si dice funzione quadratica se è del tipo f(x) =ax 2 +bx+c, dove a,b,c sono costanti Il grafico di una funzione quadratica è una curva detta parabola Abbiamo incontrato funzioni di questo tipo quando

Dettagli

Disequazioni - ulteriori esercizi proposti 1

Disequazioni - ulteriori esercizi proposti 1 Disequazioni - ulteriori esercizi proposti Trovare le soluzioni delle seguenti disequazioni o sistemi di disequazioni:. 5 4 >. 4. < 4. 4 9 5. 9 > 6. > 7. < 8. 5 4 9. > > 4. < 4. < > 9 4 Non esitate a comunicarmi

Dettagli

Definizione: Dato un sottoinsieme non vuoti di. Si chiama funzione identica o identità di in sé la funzione tale che.

Definizione: Dato un sottoinsieme non vuoti di. Si chiama funzione identica o identità di in sé la funzione tale che. Esercitazioni di Analisi Matematica Prof.ssa Chiara Broggi Materiale disponibile su www.istitutodefilippi.it/claro Lezione 2: Funzioni reali e loro proprietà Definizione: Siano e due sottoinsiemi non vuoti

Dettagli

Vettori e matrici. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Vettori e matrici. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Vettori e matrici Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utentiunifeit/lorenzopareschi/ lorenzopareschi@unifeit Lorenzo Pareschi Univ Ferrara

Dettagli

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 1. Il dominio della funzione f(x) = log (x2 + 1)(4 x 2 ) (x 2 2x + 1) è: (a) ( 2, 2) (b) ( 2, 1) (1, 2) (c) (, 2) (2, + ) (d) [ 2, 1) (1, 2] (e) R \{1} 2. La funzione f : R R

Dettagli

Funzioni elementari: funzioni potenza

Funzioni elementari: funzioni potenza Funzioni elementari: funzioni potenza Lezione per Studenti di Agraria Università di Bologna (Università di Bologna) Funzioni elementari: funzioni potenza 1 / 36 Funzioni lineari Come abbiamo già visto,

Dettagli

Esercizi sulle Disequazioni

Esercizi sulle Disequazioni Esercizi sulle Disequazioni Esercizio Trovare le soluzioni delle seguenti disequazioni:.).).).) ).) ) ).).7) 8.8).) Esercizio Trovare le soluzioni delle seguenti disequazioni tratte dal secondo parziale

Dettagli

Anno 2. Circonferenza e retta: definizioni e proprietà

Anno 2. Circonferenza e retta: definizioni e proprietà Anno 2 Circonferenza e retta: definizioni e proprietà 1 Introduzione I Sumeri furono tra i primi popoli ad occuparsi di matematica, e in particolare di problemi relativi alla. La è una figura geometrica

Dettagli

1 I solidi a superficie curva

1 I solidi a superficie curva 1 I solidi a superficie curva PROPRIETÀ. Un punto che ruota attorno ad un asse determina una circonferenza. PROPRIETÀ. Una linea, un segmento o una retta che ruotano attorno ad un asse determinano una

Dettagli

Topologie deboli. Capitolo 5. Topologia debole

Topologie deboli. Capitolo 5. Topologia debole Capitolo 5 Topologie deboli Topologia debole Sia X uno spazio di Banach. La continuità delle applicazioni lineari f : X R, dipende, per definizione, dalla topologia che si considera su X. Abbiamo definito

Dettagli

FUNZIONI E LORO PROPRIETÀ. V CLASSICO a. s. 2015-2016 prof. ssadelfino M. G.

FUNZIONI E LORO PROPRIETÀ. V CLASSICO a. s. 2015-2016 prof. ssadelfino M. G. FUNZIONI E LORO PROPRIETÀ 1 V CLASSICO a. s. 2015-2016 prof. ssadelfino M. G. A1 DEFINIZIONE DI FUNZIONE 2 Diapositiva 2 A1 Autore; 08/09/2015 DEFINIZIONE DI FUNZIONE X Y E una funzione! g a b c d e f.1.2.3.4

Dettagli

Analisi Matematica 3 appunti

Analisi Matematica 3 appunti Corso di Laurea in Statistica Matematica e trattamento Informatico dei Dati Analisi Matematica 3 appunti Francesca Astengo Università di Genova, A.A. 20/202 Indice Capitolo. Serie numeriche. Brevi richiami

Dettagli

Linguaggi e Grammatiche Liberi da Contesto

Linguaggi e Grammatiche Liberi da Contesto N.Fanizzi-V.Carofiglio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari 22 aprile 2016 1 Linguaggi Liberi da Contesto 2 Grammatiche e Linguaggi Liberi da Contesto G = (X, V, S, P) è una grammatica

Dettagli