La Newsletter si pone come un agile strumento integrativo del Notiziario di periodicità annuale.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Newsletter si pone come un agile strumento integrativo del Notiziario di periodicità annuale."

Transcript

1 Numero 1 Via del Collegio Romano, 27 Roma Ufficio Studi Editoriale Con questo numero inizia la pubblicazione della Newsletter dell Ufficio Studi. La Newsletter si propone di focalizzare l attenzione su questioni d attualità e di dar conto di dibattiti, indagini, ricerche su tematiche di ampio interesse. La Newsletter si pone come un agile strumento integrativo del Notiziario di periodicità annuale. Introduzione L individuazione delle figure abilitate in via esclusiva ad eseguire restauri sui beni culturali, fondamentale ai fini della conservazione del patrimonio culturale nazionale, è questione particolarmente delicata per l intreccio con la normativa generale sugli appalti e per le ricadute sul mercato del lavoro. I recenti provvedimenti emanati dal Ministero in attuazione delle norme del Codice dei beni culturali e del paesaggio (art. 29 e art. 182 d.lgs 22 gennaio 2004, n.42) riportano alla ribalta questioni e problemi legati alle competenze del restauratore e delle altre figure impegnate nella progettazione ed esecuzione dei lavori, all organizzazione delle scuole di alta formazione, al riconoscimento delle esperienze pregresse. Ministero per i Beni e le Attività Culturali Con l emanazione dei decreti ministeriali nn.86 e 87 del 26 maggio 2009 sono stati definiti, infatti, i profili di competenza (c.7, art.29) e i criteri e livelli di qualità per l insegnamento, mentre il decreto, n. 53 del 30 marzo 2009 ha dato avvio alle procedure per l attribuzione della qualifica di restauratorme e collaboratore restauratore ai soggetti che abbiano già conseguito un percorso formativo o un attività certificata di restauro di beni culturali, in attesa dell attuazione della nuova disciplina regolamentare della formazione. In questo numero La disciplina dei restauratori di beni culturali Dietro le quinte. Breve cronistoria dei lavori del gruppo MiBAC-MiUR- Pierfrancesco Ungari Regioni Le premesse Nel luglio 2009 è sta- Caterina Bon Valsassina ta completata la disciplina regolamen- La rinnovata attenzione del Ministero tare della professione dei restauratori per i beni e le attività culturali (da ora in poi Ministero) alla riforma-riordino della di beni culturali. Ha avuto quindi inizio, a livello am- disciplina dei restauratori di beni cultura- ministrativo, l attuazione della riforma li prese avvio nel maggio del 2004, per delineata dagli articoli 182 e 29 del dare attuazione ai regolamenti attuativi (Continua a pagina 2) (Continua a pagina 6) Pubblicazione a cura dell'ufficio Studi del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Dir. resp.: Gianni Bonazzi

2 pagina 2 (Continua da pagina 1) Codice dei beni culturali e del paesaggio, fin dalla formulazione originaria approvata con il D.Lgs. 42 del Già l articolo 29, comma 6, del Codice, disponendo che soltanto i restauratori di beni culturali sono abilitati ad effettuare interventi di manutenzione e restauro di beni culturali mobili e superfici decorate di beni architettonici (vale a dire, i lavori compresi oggi compresi nelle categorie di opere pubbliche OS-A e OS-B), ha posto una vera e propria riserva professionale. Ed ha quindi reso ineludibile accertare quali soggetti rientrino nell ambito di esercizio della professione. Inoltre, tale adempimento è il presupposto indispensabile per definire la riforma del sistema di qualificazione delle imprese esecutrici nelle categorie (tuttora disciplinato, in via transitoria, dal DM 294 del 2000, modificato dal DM 420 del 2001), in attuazione dell articolo 201 del Codice dei contratti pubblici di cui al D.Lgs. 163 del 2006, e s.m.i. Sembra infatti evidente che la disponibilità di operatori qualificati costituirà anche in futuro il requisito speciale caratterizzante i lavori su beni vincolati. Per molto tempo, alla generale convinzione che la capacità professionale degli operatori avesse un importanza strategica per assicurare la qualità degli interventi conservativi, non si sono accompagnati adeguati sforzi per dettare una disciplina organica della professione e della relativa formazione. Anche se si è continuato a ripetere, come una sorta di mantra, che l Italia avrebbe dovuto difendere la posizione di eccellenza storicamente acquisita nella conservazione dei beni culturali secondo corretti criteri storico-critici e scientifici. Probabilmente, questo è potuto accadere perché l esigenza di verificare l idoneità professionale degli operatori è stata risolta all interno di una prassi che registrava il ricorso pressoché generalizzato ad affidamenti di carattere fiduciario. L applicazione delle direttive comunitarie e della legge Merloni ha comportato che anche gli interventi conservativi venissero sottoposti alla disciplina degli appalti pubblici di lavori, ed affidati, di regola, mediante procedure di evidenza pubblica. L applicazione ai beni culturali di una normativa pensata per obbiettivi diversi, quali la tutela della concorrenza e del mercato (e quindi fonte di numerosi problemi, alcuni dei quali ancora da risolvere) è stata graduale e non è stata ancora pienamente metabolizzata; ma ha avuto almeno il merito di porre in evidenza la questione della definizione di criteri e parametri di idoneità professionale degli operatori. Passato e presente Tale questione è stata finalmente affrontata in via generale (cioè, riguardo non soltanto ai lavori pubblici, ma anche a quelli privati), in via di prima applicazione e guardando al passato, dall articolo 182 del Codice dei beni culturali e del paesaggio. Tuttavia, le nuove disposizioni legislative hanno dovuto necessariamente fare i conti con quelle regolamentari preesistenti (soprattutto quelle, assai improvvide, introdotte dal DM 420 del 2001), recependole, e integrandole (in occasione dei due decreti correttivi del Codice concernenti i beni culturali, D.Lgs. 156 del 2006 e 62 del 2008) con altre previsioni, frutto di concezioni diverse e di spinte contrastanti. Ne deriva una normativa di difficile lettura e problematica dal punto di vista della profondità intenzionale, e quindi della qualità della regolazione. Di fronte all alternativa tra il tentare nuovamente di razionalizzare e puntualizzare la normativa primaria, rischiando di rimettere in discussione le certezze acquisite e di rinviare ancora la concreta attuazione della riforma; ed il porre mano all attuazione delle norme vigenti, cercando di coglierne il senso profondo e di risolvere in via amministrativa ciò che restava inespresso o non del tutto univoco, l Ufficio Legislativo del MiBAC, in accordo con quello del MIUR, ha scelto questa seconda strada.

3 pagina 3 L attuazione dell articolo 182 prevede due canali di accesso alla qualifica di restauratore di beni culturali: quello diretto, attraverso la dimostrazione, da parte degli interessati, del possesso dei requisiti previsti dal comma 1; e quello indiretto, attraverso l accesso (basato sul possesso di requisiti, previsti dal comma 1-bis, omogenei rispetto a quelli utili per il conseguimento diretto, ma più limitati) ad una prova di idoneità, superata la quale si acquisisce il medesimo status. Per coloro che possiedono requisiti ancora inferiori, oppure conseguono in esito alla prova di idoneità un determinato punteggio (insufficiente al conseguimento della qualifica superiore), è previsto il riconoscimento della qualifica, inferiore, di collaboratore restauratore di beni culturali; la denominazione di detta qualifica, da sempre oggetto di critiche, è stata mantenuta per segnare la continuità con il passato, in quanto ai collaboratori restauratori si riferisce il DM 294 del Il sistema è stato concepito per evitare che venisse espulso dal mercato professionale chi finora a buon titolo vi ha operato, garantendo a tutti una collocazione aderente alle conoscenze e capacità dimostrate. I requisiti previsti dall articolo 182 sono di due tipi. Il primo attiene alla formazione istituzionale nel settore, che ha una rilevanza diversa a seconda dell istituto formatore. I corsi dell I.C.R. e dell O.P.D., ormai da anni di durata quadriennale, sono sufficienti al conseguimento diretto della qualifica di restauratore; quelli delle altre scuole, statali o regionali, di durata almeno biennale, devono invece essere integrati dallo svolgimento di attività di restauro qualificata, entro la data del 16 dicembre 2001 e pari ad un periodo doppio della formazione scolare mancante rispetto al quadriennio. Invece, ai fini dell accesso alla prova di idoneità, è necessario possedere i requisiti utili al conseguimento della qualifica di collaboratore restauratore (tra cui, lo svolgimento per quattro anni prima del 1 maggio 2004 di attività di restauro, non ulteriormente qualificata ed autocertificabile) ed aver svolto ulteriore attività qualificata per un triennio alla data del 30 giugno 2007, oppure aver conseguito il diploma di una scuola di restauro almeno biennale, il diploma triennale in restauro presso un accademia di belle arti o la laurea specialistica in conservazione e restauro, purché con iscrizione ai relativi corsi prima del 31 gennaio Il secondo riguarda, appunto, lo svolgimento di un attività di restauro qualificata, vale a dire connotata dalla responsabilità diretta nella gestione tecnica dell intervento. Le modalità di attuazione della disciplina transitoria, ed in particolare il modo in cui l attività deve essere attestata dalle soprintendenze, dagli altri istituti statali di tutela e (per i beni su cui esercitano le competenze di tutela trasferite alle regioni) dagli organi regionali, sono stati precisati mediante le linee guida diramate con circolare del Segretariato Generale n. 35 del 2009, pubblicate sul sito istituzionale del MiBAC all inizio del mese di agosto (poi integrate dagli addendum diramati con circolari nn. 36 e 39 del 2009). E seguita, alla fine di settembre, la pubblicazione del bando e l attivazione sul sito della domanda che ciascun interessato sarà tenuto a compilare ed a trasmettere in via telematica, unitamente alla documentazione utile, per ottenere le necessarie attestazioni ed ottenere la valutazione della propria posizione professionale, ai fini del riconoscimento della qualifica o dell accesso alla prova di idoneità. A disciplinare la prova di idoneità era già intervenuto il DM 53 del 2009, che articola la valutazione in una prima prova, unica per tutti i candidati e da svolgersi contestualmente a Roma, basata su 100 domande a risposta multipla, comprendenti tutte le materie la cui conoscenza è necessaria all esercizio della professione, con una netta dominanza della teoria e della pratica del restauro (50); superata questa, si passa ad una prova teorico-applicativa,

4 pagina 4 consistente nell elaborazione di un progetto di intervento conservativo; e poi ad una prova pratica, consistente nella simulazione di un intervento conservativo; ciascun candidato potrà scegliere nella domanda l ambito specifico di competenza (tele e tavole, materiali lapidei, carta, strumenti musicali o scientifici, etc.) in relazione al quale sostenere dette due ultime prove, che quindi si svolgeranno a cura di sottocommissioni distinte ed in tempi e luoghi diversi, a seconda delle esigenze organizzative e del numero degli interessati. In relazione alla prova di idoneità, si prevede di dover superare almeno due tipi di difficoltà. Anzitutto, quelle logistiche, legate al numero dei partecipanti, che potrebbe essere più di , ed alle esigenze di contestualità della prima prova, fondamentale per assicurare trasparenza ed imparzialità alla valutazione. Di conseguenza, poi, quelle connesse alla predisposizione delle domande a risposta multipla; che non dovranno essere nozionistiche bensì aderenti alle concrete problematiche lavorative, né troppo difficili, né troppo generiche o basilari, così da valorizzare sia la preparazione maturata nelle scuole dai più giovani, sia l esperienza accumulata sul campo dagli operatori più esperti. E il caso di precisare che, a differenza di quanto comunemente avviene oggi nei concorsi interni e nelle riqualificazioni, non avrebbe alcun senso predeterminare e divulgare un insieme di domande, così da trasformare una verifica di idoneità in un mero esercizio mnemonico. Il risultato ultimo dell insieme delle procedure di valutazione sarà il riconoscimento delle qualifiche e l inserimento negli e- lenchi, rispettivamente, dei restauratori e dei collaboratori restauratori, a seconda delle conoscenze e capacità che ciascun interessato sulla base dei titoli, o anche attraverso la prova di idoneità - avrà dimostrato di possedere. Un passo importante, per quella che può ormai definirsi una professione riconosciuta. Presente e futuro L altro aspetto della riforma riguarda la formazione del futuro, per la quale l articolo 29, commi 7, 8, 9, prevede la definizione regolamentare, rispettivamente, degli ambiti di competenza degli operatori, e dei criteri e livelli di qualità cui deve adeguarsi la loro formazione. Quest ultima, secondo un modello organizzativo aperto, potrà essere svolta da chiunque intenda proporsi per la progettazione e la realizzazione di corsi conformi a dette modalità. Una conquista, già sancita dal citato comma 9, è l equiparazione a tutti gli effetti del diploma, abilitante alla professione, alla laurea magistrale; fermo restando che, nell ipotesi in cui il corso sia realizzato da un università, il titolo sarà una laurea in senso stretto. E in via di definizione il DM per il riconoscimento di un apposita classe di laurea magistrale a ciclo unico (fino ad ora, anche i corsi universitari orientati verso l attuazione anticipata dei contenuti della nuova disciplina regolamentare, hanno dovuto fare riferimento alle classi esistenti L/41, L/43, LS/12 e LM/11 concepite per obbiettivi formativi diversi). Il nuovo sistema formativo, a lungo auspicato (tanto che, nella lunga attesa dei regolamenti attuativi, alcune istituzioni hanno sospeso l attivazione di nuovi cicli, mentre altre hanno attivato corsi in via sperimentale o con riserva di adeguamento), potrebbe concretizzarsi fin dal prossimo autunno. Infatti, con il DM 86 del 2009, sono stati definiti gli ambiti di competenza dei restauratori e (con rinvio a successivi approfondimenti, nel rispetto delle potestà normative spettanti alle regioni, sulla base di accordi in sede di Conferenza Statoregioni, secondo quanto previsto dall articolo 29, comma 10, del Codice) delineati quelli delle altre figure ausiliarie e complementari che intervengono nelle attività conservative. In particolare, per i restauratori, l Allegato del regolamento concre-

5 pagina 5 tizza la previsione dell articolo 29, comma 6, indicando analiticamente con riferimento ai singoli momenti qualificanti delle fasi della sequenza operativa: esame e valutazione del bene, progettazione, esecuzione dell intervento, documentazione e divulgazione - le attività oggetto di riserva e quelle che vedono il restauratore collaborare con altre figure complementari. Contestualmente, con il DM 87 del 200-9, sono state definiti i requisiti minimi organizzativi e funzionali dei nuovi corsi di formazione dei restauratori, al cui rispetto, d ora in poi (come ricorda lo stesso articolo 29, al comma 9-bis), è subordinato il conseguimento della qualifica professionale. Si tratta di una serie di criteri e standard che dovrebbero assicurare l eccellenza della formazione; limitandoci a quelli più significativi: 300 crediti formativi (equivalenti, quanto alla corrispondenza con le ore di insegnamento, a quelli universitari); almeno il 50 % delle ore di insegnamento dedicato alle attività tecnico didattiche di laboratorio e di cantiere (il che significa, in sostanza, che nel quinquennio i corsi dovranno prevedere oltre ore complessive); per tali attività, gli insegnati dovranno essere scelti necessariamente tra restauratori, i quali possano vantare, oltre alla qualifica (secondo la disciplina dell articolo 182), un attività di insegnamento o di restauro protratta nel tempo; il rapporto tra detti insegnanti, costantemente presenti durante le attività, e gli allievi non potrà essere inferiore di 1 a 5; infine, una percentuale non inferiore all 80% dei manufatti oggetto di detti insegnamenti dovrà essere costituito da beni culturali vincolati (il che comporterà la necessità di definire accordi con le autorità preposte alla tutela dei beni). Viene anche previsto un esame finale, composto da una prova pratica ed una prova teorico-metodologica, da sostenere di fronte ad una commissione di cui fanno parte anche restauratori e professori universitari, di nomina ministeriale. La formazione sarà finalizzata al conseguimento di una qualifica che, così come unica è quella conseguibile nella fase transitoria, resterà una qualifica professionale unica: i nuovi diplomati entreranno di diritto negli stessi elenchi. Ma largo spazio potrà essere dato anche allo sviluppo di indirizzi ed ambiti specialistici. La verifica del rispetto dei predetti criteri e standard, nei confronti di tutti i corsi, viene demandata ad una commissione mista ministeriale, che dovrà anche formalmente accreditare le istituzioni formative non statali ed i loro corsi. Se ne prevede la costituzione nelle prossime settimane. Ci si aspetta che, risultando necessari cospicui investimenti in spazi, attrezzature e risorse umane, nascano o si adeguino alcune (non moltissime) istituzioni formative di eccellenza; meglio, se capaci di integrare la tradizione delle scuole di alta formazione statale, con i saperi universitari e con la progettualità e la capacità operativa nella conservazione e nella valorizzazione dei beni culturali dimostrata da alcuni enti pubblici territoriali ed istituzioni non lucrative. Poiché l articolo 9, comma 9-bis, stabilisce che dall entrata in vigore dei regolamenti la qualifica di restauratore si acquisisce soltanto in conformità alla nuova disciplina, occorrerà definire formalmente la posizione delle esperienze formative in corso, che siano state avviate anticipando l attuazione dell attesa disciplina regolamentare. La situazione più chiara è quella del Corso Interfacoltà organizzato, in via sperimentale, dalla Fondazione La Venaria Reale in convenzione con l Università di Torino; per il primo ciclo formativo, l articolo 182, comma 2, del Codice prevede, un autorizzazione specifica rilasciata con decreto ministeriale. Anche altre iniziative risultano aver tenuto conto dei contenuti del DM 87 del 2009, pressoché interamente definiti a livello tecnico anni fa e quindi già noti agli addetti ai lavori; a quanto consta, è, in tutto o in parte, il caso dei corsi organizzati dalle Università di Urbino,

6 pagina 6 Palermo e Napoli, oltre che per il restauro della carta del corso organizzato dalla Regione Friuli Venezia-Giulia a Villa Manin di Passariano e del corso di laurea magistrale organizzato dall Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario con l Università di Tor Vergata. Peraltro, le università continueranno a formare gli specialisti (esperti scientifici e tecnologi della conservazione, oltre alle figure più tradizionali, quali storici dell arte, archeologi, architetti, etnoantropologi, Oggi che la disciplina normativa può dirsi compiuta, sperando che l inevitabile contenzioso non impedisca di darle attuazione, un ringraziamento va a tutti coloro i quali, a diverso titolo (come rappresentanti dell ARI e dell ARAB., professori del CUN, funzionari e consulenti del MiUR., delle regioni e degli enti locali, esponenti delle O- O.SS. e delle associazioni imprenditoriali, ovvero singoli operatori), nel corso degli anni si sono (Continua da pagina 1) dei commi 7, 8 e 9 dell art.29 e dell art. 182 del Codice dei beni culturali e del paesaggio (D.Lgs. n. 42 del 22 gennaio 2004). Sotto il Ministro Giuliano Urbani e per impulso del Capo dell Ufficio Legislativo Mario Torsello venne costituito un gruppo di lavoro misto di esperti del MiBAC, MiUR e Regioni, coordinato dal consigliere Pierfrancesco Ungari, gruppo del quale facevano parte, tra gli altri, i direttori degli istituti del Ministero preposti istituzionalmente all insegnamento del restauro con le Scuole di alta formazione e studio (da ora in poi SAF) dell ICR (dal 2008 ISCR), dell OPD, dell ICPL (dal 2008 ICPAL). Da allora sono passati cinque anni e, dopo un percorso lungo e travagliato, costellato da piccoli avanzamenti (D.Lgs. n.156 del 9 aprile 2006, art. 29, commi 9 e 9 bis e il D.Lgs. n. 62 del marzo 2008), momenti di stallo, tentativi da più parti di ostacolare una definizione normativa che paleontologi, chimici, fisici, biologi, geologi) che partecipano alle attività conservative, svolgendo attività di indirizzo o complementari rispetto a quelle dei restauratori, indispensabili per l esercizio delle funzioni di tutela ed il buon esito delle attività conservative. E si svilupperanno, secondo la disciplina che verrà dettata dalle regioni, le più numerose istituzioni formative destinate alle figure professionali ausiliari: secondo le definizioni date dal DM 86 del 2009, tecnico del restauro di beni culturali (qualifica che corrisponde a quella di collaboratore restauratore) e tecnico del restauro di beni culturali con competenze settoriali. Pierfrancesco Ungari - Ufficio Legislativo MiBAC confrontati con i funzionari ed i consulenti del MiBAC su questi temi, permettendoci di avere una conoscenza dei problemi da affrontare e delle possibili soluzioni. Senza il loro prezioso contributo non sarebbe stato possibile conseguire alcun obbiettivo. Un mio ringraziamento particolare va a Maura Borelli, senza la quale non avrei nemmeno pensato di potermi cimentare in un compito così impegnativo. per forza, come tutte le regole, non avrebbe potuto accontentare tutti i soggetti coinvolti, i lavori sono stati ripresi con vigore nell aprile del Sotto il Ministro Sandro Bondi, con di nuovo alla guida dell Ufficio Legislativo Mario Torsello e con la paziente e attenta regia del consigliere Ungari ha finalmente visto la luce nel 2009 la disciplina regolamentare della professione con i decreti ministeriali 53 (disciplina transitoria), 86 (definizione delle competenze del restauratore di beni culturali) e 87 (definizione dei criteri e standard di qualità per la formazione dei restauratori di beni culturali). E facile, ora che l obiettivo è stato raggiunto, criticare un risultato che può certamente avere punti di fragilità, ma il cui punto di forza, atteso da almeno trent anni da tutto il settore della conservazione e del restauro, sia sul versante della tutela (MiBAC) che su quello della formazione (MiUR, Regioni), è quello di aver regolamentato con una normativa ad hoc una professione, quella del restauratore, per

7 pagina 7 anni esaltata a parole e frustrata nei fatti. Uno dei punti più qualificanti è soprattutto quello di aver, a mio avviso, saputo conciliare, con il decreto regolamentare interministeriale MiBAC/MiUR n. 87 del luglio 200-9, le esigenze della formazione con quelle della tutela. I piani di studio allegati a quest ultimo decreto sono il frutto più importante di un lavoro di collaborazione costante fra e- sperti dei due ministeri, svolto in due fasi. Nella prima fase i protagonisti trainanti del gruppo di lavoro sono stati Pietro Petraroia, Direttore Generale della Regione Lombardia con Carlo Federici, ex Direttore dell ICPL; Claudia Alliata e Carlo Modica, rappresentanti rispettivamente l una dell insegnamento del restauro nelle Accademie di Belle Arti e l altro consigliere giuridico per il MiUR oltre, ovviamente, ai direttori delle SAF del Ministero. Si arrivò così nel marzo del 2005 alla redazione di un testo normativo condiviso fra MiBAC, MiUR e Regioni e con l elaborazione di piani di studio ancora non sufficientemente adeguati a quelli normati dall Università. Il decreto ebbe perciò la bocciatura del CUN (Consiglio Universitario Nazionale) che espresse un parere negativo articolato in più punti alla fine del Su questa base, per risolvere i quesiti posti dal CUN, ebbe inizio la seconda fase dei lavori, durante la quale venne costituito un gruppo di studio misto di esperti indicati dagli organi collegiali consultivi dei due ministeri, il Consiglio Superiore dei beni culturali e il CUN. Per il MiBAC vennero designati i membri del Consiglio Giovanni Carbonara, Marisa Dalai Emiliani, Maria Guercio e il direttore dell ISCR Caterina Bon Valsassina); per il MiUR esperti del CUN e dell AFAM (Alta Formazione Artistica e Musicale, cui fanno capo le Accademie di Belle Arti), sotto la guida del Vice presidente del CUN Enzo Siviero. Il gruppo si è riunito da gennaio a maggio 2008 con cadenza mensile, confrontandosi su tutto il testo legislativo del regolamento attuativo del comma 8 dell art. 29 e soprattutto sull allegato relativo ai piani di studio, alla presenza, di volta in volta, dei docenti universitari e delle Accademie di Belle arti rappresentanti degli ambiti scientificodisciplinari direttamente e indirettamente afferenti al settore della conservazione e del restauro. Sono stati mesi appassionanti di scambi, anche di polemiche, tutte comunque estremamente stimolanti e utili, tanto da permettere di poter dire, oggi, dopo la pubblicazione del decreto n.87/2009 sulla Gazzetta Ufficiale, che quel decreto è davvero frutto di un percorso condiviso fra i due ministeri. Condiviso, si badi, non significa accettato all unanimità da tutti, significa il frutto di una serie di mediazioni costanti per raggiungere un equilibrio fra esigenze della formazione e esigenze della tutela, nella consapevolezza che la formazione dei restauratori di beni culturali è uno degli aspetti più delicati e importanti della tutela del patrimonio artistico. Il decreto attuativo n.86/2009, che definisce i profili di competenza dei restauratori e degli altri operatori che svolgono attività complementari al restauro, stabilisce innanzitutto che quella del restauratore è una professione, non un mestiere. E questo il punto di forza del decreto, che vede finalmente riconosciuta questa figura professionale. Giorgio Bonsanti ha recentemente evidenziato criticamente nel Giornale dell arte di settembre 2009 che nel decreto n.86/2009 vi siano ancora zone d ombra e ambiguità sulla definizione delle diverse responsabilità fra il restauratore e le figure degli archeologi, archivisti, bibliotecari, storici dell arte che hanno fino ad oggi diretto in prima persona i lavori di restauro e, ancora, fra il restauratore e gli esperti scientifici: è vero, Bonsanti ha ragione, ma, allo stesso tempo, è difficile suddividere in modo netto le diverse competenze in un processo complesso come è diventato, anche alla luce delle nuove tecnologie,

8 pagina 8 un intervento di conservazione e restauro. Fino ad oggi, salvo rari casi ancora sporadici, la figura del restauratore era, di fatto, subordinata a quella degli storici dell arte, archeologi, ecc, cioè alle figure professionali con funzioni direttive nel Ministero fin dalla sua nascita. Da ora in poi sarà necessario, per ciascuno, sintonizzarsi su cosa davvero significhi, in pratica, lavorare insieme. E, certamente, ci saranno, fra tutte le figure professionali citate sopra, persone ancora incapaci di capire che la domanda giusta da porsi, di fronte a un intervento di restauro, non è chi comanda?, ma, piuttosto, cosa bisogna fare?. Dovrebbe essere il progetto di restauro a unificare quello che la soggettività dei singoli tenderebbe a dividere. Il decreto n.86/2009 riconosce una volta per tutte il principio che il restauratore di beni culturali ha pari dignità e peso rispetto a tutte le altre figure coinvolte nelle decisioni su un intervento di restauro, nel quale, oltretutto, è il protagonista in prima linea. Con la nuova normativa è finalmente stata fatta chiarezza su chi è e cosa deve saper fare il restauratore di beni culturali, quali sono le altre figure con cui deve rapportarsi, differenziando per la prima volta in modo non ambiguo, sia a livello di formazione che di definizione del profilo, la figura del restauratore - l unico autorizzato a eseguire un intervento diretto sui beni culturali - da quello del conservation scientist. Fare ordine nel caos non è impresa Ufficio Studi Via del Collegio Romano, Roma Questa newsletter non rappresenta una testata giornalistica. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo Direttore responsabile: Gianni Bonazzi facile e il caos si è sedimentato negli ultimi decenni in forme molteplici e articolate, pericolo paventato dal direttore dell ICR Giovanni Urbani fin dal 1974, quando affermava che, in mancanza di una regia forte da parte del Ministero sulla formazione dei restauratori, avrebbero finito per concretizzarsi i propositi di iniziative analoghe da più parti (regioni, istituti di istruzione artistica, ) che porterebbero a immettere nella professione elementi scarsamente preparati ma in possesso di un titolo di studio specifico, ai quali l amministrazione sarebbe costretta presto o tardi a far posto (G. Urbani, Attività di restauro e conservazione: proposte per un piano nazionale di sviluppo a breve termine, [1974], in C. Bon Valsassina, Restauro made in Italy, Milano 2006, p.249). Il caos che si è trovato di fronte l Ufficio Legislativo nel 2004 era ben peggiore dei peggiori presagi di Giovanni Urbani. A questo caos la nuova disciplina dei restauratori di beni culturali ha tentato di dare un ordine, nella consapevolezza che, nell epoca della complessità, come è stato definito il tempo presente, l evoluzione è caos più retroazione (J. Gleick, Caos. La nascita di una nuova scienza, 1 ed. americana 1987, Milano, 2000, p.306). Caterina Bon Valsassina - Soprintendenza Speciale per il Patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Venezia e dei comuni della Gronda lagunare e già Direttore dell Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro A questo numero hanno collaborato: Coordinamento editoriale: Adelaide Maresca Compagna Elaborazione informatica e grafica: Silvana Carmen Di Marco, Stefania Properzi Articoli di: Pierfrancesco Ungari, Caterina Bon Valsassina

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali IL SEGRETARIO GENERALE VISTO il D.Lgs. 20 ottobre 1998, n.368 e successive modificazioni, concernente l istituzione del Ministero per i beni e le attività culturali

Dettagli

IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca. Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali. di concerto con

IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca. Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali. di concerto con IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca di concerto con Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168; VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge

Dettagli

Nuova disciplina dell attività di Restauro. Sintesi

Nuova disciplina dell attività di Restauro. Sintesi Nuova disciplina dell attività di Restauro Sintesi Definizione dei profili professionali Il D.M. n. 86 del 26 maggio 2009 definisce così i profili professionali degli operatori che eseguono interventi

Dettagli

Gli elenchi ex lege 110/2014. Prime riflessioni per una proposta Anai

Gli elenchi ex lege 110/2014. Prime riflessioni per una proposta Anai Gli elenchi ex lege 110/2014. Prime riflessioni per una proposta Anai 1. Una premessa: le qualifiche dei restauratori Le recenti modifiche introdotte in merito al riconoscimento della qualifica di restauratore

Dettagli

ART.182 COMMI: 1-sexies. Nelle more dell'attuazione dell'articolo 29, comma 10, acquisisce la qualifica di collaboratore restauratore di beni

ART.182 COMMI: 1-sexies. Nelle more dell'attuazione dell'articolo 29, comma 10, acquisisce la qualifica di collaboratore restauratore di beni ART.182 COMMI: 1-sexies. Nelle more dell'attuazione dell'articolo 29, comma 10, acquisisce la qualifica di collaboratore restauratore di beni culturali, in esito ad apposita procedura di selezione pubblica

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

La formazione per la sicurezza nell accordo statoregioni: un occasione da non sprecare

La formazione per la sicurezza nell accordo statoregioni: un occasione da non sprecare www.adapt.it, 23 febbraio 2012 La formazione per la sicurezza nell accordo statoregioni: un occasione da non sprecare di Marco Lai Di particolare rilievo sono gli accordi sottoscritti in sede di Conferenza

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

All.4. Altri Atenei. 1- Pavia, Bologna, Pisa, Sapienza, Torino, Sassari, Parma, Napoli, San Raffaele, Roma 3 idem

All.4. Altri Atenei. 1- Pavia, Bologna, Pisa, Sapienza, Torino, Sassari, Parma, Napoli, San Raffaele, Roma 3 idem REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PROCEDIMENTO DI CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO DI PRIMA E SECONDA FASCIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI AI SENSI DELLE DISPOSIZIONI DELLA LEGGE N. 240/2010

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato COMUNICATO STAMPA Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato Il Ministro Moratti: Professionisti più qualificati a tutela degli interessi dei cittadini Il Consiglio dei

Dettagli

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 1. PREMESSA La Legge n. 40 del 2 aprile 2007 Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, recante

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDI ACCADEMICI TRIENNALI E BIENNALI DIPARTIMENTO DEGLI STRUMENTI AD ARCO E A CORDA

REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDI ACCADEMICI TRIENNALI E BIENNALI DIPARTIMENTO DEGLI STRUMENTI AD ARCO E A CORDA REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDI ACCADEMICI TRIENNALI E BIENNALI DIPARTIMENTO DEGLI STRUMENTI AD ARCO E A CORDA Art. 1 - Fonti normative Legge n. 508 del 21 dicembre 1999 Riforma delle Accademie di Belle

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 Ingegneria meccanica DM 270/2004,

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali Legge regionale 18 dicembre 2013, n. 53 Disciplina del Sistema Regionale dell Istruzione e Formazione Professionale. (BUR n. 24 del 16 dicembre 2013, supplemento straordinario n. 6 del 27 dicembre 2013)

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI * SCHEDE * LA STRUTTURA DEI NUOVI PERCORSI FORMATIVI L avvio dei nuovi percorsi è previsto per l anno accademico 2011/2012. I PERCORSI DI STUDIO PER

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI SELEZIONE PER IL PASSAGGIO DALL AREA B ALL AREA C, POSIZIONE C1 In applicazione degli artt.11 e 14 del CCNL concernente

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Allegato a) LINEE GUIDA CTS07/0-2013. Indice

Allegato a) LINEE GUIDA CTS07/0-2013. Indice Allegato a) CRITERI DI QUALIFICAZIONE DELLA FIGURA DEL FORMATORE PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO AI SENSI DEL DECRETO INTERMINISTERIALE 6 MARZO 2013 LINEE GUIDA INTERPRETATIVE LINEE GUIDA CTS07/0-2013

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

Via mail: : dt.direzione4.ufficio3@tesoro.it. Roma, 29 aprile 2011

Via mail: : dt.direzione4.ufficio3@tesoro.it. Roma, 29 aprile 2011 Spett. Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione IV - Sistema Bancario e Finanziario Affari Legali Via XX Settembre, 97 00187 Roma Via mail: : dt.direzione4.ufficio3@tesoro.it

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

Nuovi percorsi abilitanti: TFA lo stato dell arte

Nuovi percorsi abilitanti: TFA lo stato dell arte Nuovi percorsi abilitanti: TFA lo stato dell arte A CHE PUNTO SIAMO Nella informativa di fine dicembre 2011 sullo stato dell'arte dei decreti applicativi del Regolamento sulla formazione iniziale (DM 249/10)

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni;; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

Patrimonio artistico, i requisiti dei restauratori (Dm Beni culturali 420/2001)

Patrimonio artistico, i requisiti dei restauratori (Dm Beni culturali 420/2001) Patrimonio artistico, i requisiti dei restauratori (Dm Beni culturali 420/2001) MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI DECRETO 24 ottobre 2001, n.420 Regolamento recante modificazioni e integrazioni

Dettagli

AI DOCENTI. to della. attività di sostegno per l'anno accademico 2014/2015. CODICE MECCANOGRAFICO PNISOOoOOT. aluzazi. IL DIRIGENTE Prof.

AI DOCENTI. to della. attività di sostegno per l'anno accademico 2014/2015. CODICE MECCANOGRAFICO PNISOOoOOT. aluzazi. IL DIRIGENTE Prof. CODICE MECCANOGRAFICO PNISOOoOOT Sede: Via Stadio - 33077 Sacile (PN) Tel. 0434 733429 * Fax0434 733861 Godice Fiscale:91007780934 E-mail:pnis0ò6007@istruzione.it PEG:PN1S006007@pec.istruzione.it Istituto

Dettagli

Nell art. 3 del Regolamento troviamo la seguente articolazione dei nuovi percorsi formativi:

Nell art. 3 del Regolamento troviamo la seguente articolazione dei nuovi percorsi formativi: I NUOVI PERCORSI FORMATIVI PER I DOCENTI NORME A REGIME Al termine di un lungo e complesso iter, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31.1.2011, Suppl. Ordinario n. 23, il Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA Art. 1 (Finalità) 1 Emanato con D.D. n. 630 del 27/09/2011; modificato con D.R. n. 214 del 07/05/2014. 1. Il

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO (modificato con decreto rettorale 22 ottobre 2007, n. 1027) INDICE Articolo 1 (Criteri

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree in INGEGNERIA CIVILE ED AMBIENTALE Ingegneria Civile ed Ambientale L8 - Classe delle Lauree

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Registrato il 4 gennaio 2005 Reg. 3 Fog. 225 N. 1/AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni e integrazioni; VISTO il D.Lgs. 30 marzo 2001, n.

Dettagli

Sentito il Ministro dei lavori pubblici che ha espresso il proprio parere con la nota prot. n. 258 del 23 marzo 2000;

Sentito il Ministro dei lavori pubblici che ha espresso il proprio parere con la nota prot. n. 258 del 23 marzo 2000; DECRETO MINISTERIALE 3 agosto 2000, n. 294 Regolamento concernente individuazione dei requisiti di qualificazione dei soggetti esecutori dei lavori di restauro e manutenzione dei beni mobili e delle superfici

Dettagli

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento)

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente:

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo aggiornato al 11 ottobre 2012 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 26 luglio 2011 Gazzetta Ufficiale 18 agosto 2011, n. 191 Criteri e modalità per il riconoscimento dell equivalenza

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea Magistrale in Storia

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 10043 06/10/2009 Identificativo Atto n. 1155 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO ATTIVAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO ABILITANTE PER L ESERCIZIO DELL ARTE AUSILIARIA DI MASSAGGIATORE E DI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN FARMACIA (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE) Art. 1

Dettagli

LINEE GUIDA TFA FISICA

LINEE GUIDA TFA FISICA LINEE GUIDA TFA FISICA PREMESSA La macchina dei TFA si è ormai messa in moto in molte Università italiane e la Commissione Didattica della SIF ha ritenuto opportuno individuare delle linee guida da proporre

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 1 NORME GENERALI ART. 2 OBBLIGHI DEGLI ALLIEVI ART. 3 PERCORSO INTEGRATIVO ART. 4 DIDATTICA FRONTALE ART. 5 DIDATTICA INTERATTIVA ART. 6 ACCESSO AI

Dettagli

TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento

TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento DECRETO 8 novembre 2011. Disciplina per la determinazione dei contingenti del personale della scuola necessario per lo svolgimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LM-11

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

ANALISI DEI PROFILI PROFESSIONALI DEI RESTAURATORI INTERNI ALL AMMINISTRAZIONE

ANALISI DEI PROFILI PROFESSIONALI DEI RESTAURATORI INTERNI ALL AMMINISTRAZIONE ANALISI DEI PROFILI PROFESSIONALI DEI RESTAURATORI INTERNI ALL AMMINISTRAZIONE PREMESSO che - l art.29 del codice dei beni culturali recita: nel comma 6 6. Fermo quanto disposto dalla normativa in materia

Dettagli

Regolamenti ISIA Firenze

Regolamenti ISIA Firenze Regolamenti ISIA Firenze Regolamento di transizione dei corsi accademici di secondo livello di indirizzo specialistico Il Consiglio Accademico dell ISIA di Firenze VISTA la legge 21 dicembre 1999, n. 508,

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Art. 34 - Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi

D.Lgs. 81/08 Art. 34 - Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi LA FORMAZIONE PER DATORI DI LAVORO ACCORDO CONFERENZA STATO - REGIONI D.Lgs. 81/08 Art. 34 - Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi 2. Il datore

Dettagli

Nuove disposizioni in materia di formazione per gli utilizzatori professionali (DGR n. 2136 18/11/2014)

Nuove disposizioni in materia di formazione per gli utilizzatori professionali (DGR n. 2136 18/11/2014) Nuove disposizioni in materia di formazione per gli utilizzatori professionali (DGR n. 2136 18/11/2014) Riccardo De Gobbi Sezione Agroambiente Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738 Identificativo Atto n. 738 7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA DI PRE-SELEZIONE DEI PROGETTI DI CUI ALL AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTTORE DI SCUOLA GUIDA

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTTORE DI SCUOLA GUIDA AREA ATTIVITA PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO FUNZIONE MOTORIZZAZIONE CIVILE REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTT DI SCUOLA GUIDA Approvato con Deliberazione

Dettagli

Prot. n. AOOODRCAL9298 Catanzaro, 06/05/2011 Alle Direzioni Didattiche e agli Istituti Comprensivi della Regione Calabria LORO SEDI

Prot. n. AOOODRCAL9298 Catanzaro, 06/05/2011 Alle Direzioni Didattiche e agli Istituti Comprensivi della Regione Calabria LORO SEDI Prot. n. AOOODRCAL9298 Catanzaro, 06/05/2011 Alle Direzioni Didattiche e agli Istituti Comprensivi della Regione Calabria LORO SEDI E.p.c. Ai Coordinatori degli AA.TT.PP. della Regione Calabria LORO SEDI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per il personale scolastico

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per il personale scolastico Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per il personale scolastico Decreto n. 58 IL DIRETTORE GENERALE VISTA VISTA VISTA La Legge 19

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERATENEO IN SCIENZE DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

BIENNIO SPERIMENTALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI

BIENNIO SPERIMENTALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MINISTERO DELL UNIVERSITÀ, DELL ISTRUZIONE E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA MUSICALE Fondazione Istituto Musicale della Valle d Aosta Fondation Institut Musical de la Valle Vallée d Aoste ISTITUTO

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura UNICUSANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI SELEZIONE E DELLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DEI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO EX ART. 24 LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240. Approvato

Dettagli

Soggiorni di studio all estero Sottoprogramma Comenius Mobilità individuale degli alunni. Incontro del 14 ottobre 2011 Roma Liceo Tasso

Soggiorni di studio all estero Sottoprogramma Comenius Mobilità individuale degli alunni. Incontro del 14 ottobre 2011 Roma Liceo Tasso Soggiorni di studio all estero Sottoprogramma Comenius Mobilità individuale degli alunni Incontro del 14 ottobre 2011 Roma Liceo Tasso Premessa Numerosi alunni delle scuole secondarie di istruzione secondaria

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE INDICE REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI UNIVERSITARI A CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Pag. 3 Art. 1 Ambito di applicazione Pag. 3 Art. 2 Finanziamento Pag. 3 Art. 3 Disciplina del rapporto

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. E' emanato, nel testo allegato, il regolamento di funzionamento del Corso.

IL RETTORE DECRETA. E' emanato, nel testo allegato, il regolamento di funzionamento del Corso. U.S.R. DECRETO N. 4009 lo Statuto di Ateneo; il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.); il decreto ministeriale 22 ottobre 2004 n. 270; il Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei Corsi

Dettagli

L.R. 23/2005, art. 1 bis B.U.R. 8/9/2010, n. 36. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 25 agosto 2010, n. 0199/Pres.

L.R. 23/2005, art. 1 bis B.U.R. 8/9/2010, n. 36. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 25 agosto 2010, n. 0199/Pres. L.R. 23/2005, art. 1 bis B.U.R. 8/9/2010, n. 36 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 25 agosto 2010, n. 0199/Pres. Regolamento recante il sistema di accreditamento dei soggetti abilitati alla certificazione

Dettagli

Decreto RSPP : le principali Regole

Decreto RSPP : le principali Regole Decreto RSPP : le principali Regole di Rino Pavanello segretario naz. Associazione Ambiente e Lavoro Le nuove regole hanno luci e ombre ma costituiscono, comunque una innovazione straordinaria ed una opportunità

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 86

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 86 XVI LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 86 7ª COMMISSIONE PERMANENTE (Istruzione pubblica, beni culturali, ricerca scientifica, spettacolo e sport) INTERROGAZIONI 417ª seduta: mercoledì

Dettagli

ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO: COME CONSEGUIRLA

ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO: COME CONSEGUIRLA ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO: COME CONSEGUIRLA a cura del DDM-GO (Docenti di Didattica della Musica Gruppo Operativo) 29 marzo 2013 L abilitazione all insegnamento è condizione essenziale per chiunque

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 98 del 28 Aprile 2006

Gazzetta Ufficiale N. 98 del 28 Aprile 2006 Gazzetta Ufficiale N. 98 del 28 Aprile 2006 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 12 aprile 2006 Definizione, modalita' e contenuti delle prove di ammissione alle scuole di

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP

CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP Ultimo accordo raggiunto nell incontro tecnico del 29/9/2005 tra i rappresentanti delle Amministrazioni centrali interessate e delle Regioni e Province autonome per l attuazione

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SUI PROCEDIMENTI DI SELEZIONE PER L'ACCESSO ALL'IMPIEGO NELLE CATEGORIE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SUI PROCEDIMENTI DI SELEZIONE PER L'ACCESSO ALL'IMPIEGO NELLE CATEGORIE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SUI PROCEDIMENTI DI SELEZIONE PER L'ACCESSO ALL'IMPIEGO NELLE CATEGORIE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n.

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

Oggetto: parere legale in merito alla competenza professionale degli. E stato chiesto di conoscere il mio parere in merito alla competenza

Oggetto: parere legale in merito alla competenza professionale degli. E stato chiesto di conoscere il mio parere in merito alla competenza Oggetto: parere legale in merito alla competenza professionale degli Architetti a rilasciare una certificazione energetica. E stato chiesto di conoscere il mio parere in merito alla competenza professionale

Dettagli

4) Accademia di Belle Arti di Napoli

4) Accademia di Belle Arti di Napoli COMMISSIONE TECNICA PER LE ATTIVITA ISTRUTTORIE FINALIZZATE ALL ACCREDITAMENTO DELLE ISTITUZIONI FORMATIVE E PER LA VIGILANZA SULL INSEGNAMENTO DEL RESTAURO * Gli elenchi sotto riportati sono redatti e

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA. Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA. Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Circolare n.4/2005 8 novembre 2005 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri A tutti i Ministeri - Gabinetto

Dettagli

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi Documento contenente le linee guida per l attivazione dei Corsi di studio delle professioni sanitarie (DM 8 gennaio 2009 e DI 19 febbraio 2009) a partire dall offerta formativa dell a.a. 2011-2012 In attesa

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA QUALIFICA DIRIGENZIALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIRIGENZIALI A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE

REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE 1. Modalità di svolgimento dell esame di Laurea Magistrale Ai sensi dell art.29, comma 2 del Regolamento Didattico di Ateneo, lo

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni;; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

( D.R. n 142 del 01.03.2007) Articolo 1 Ambito di applicazione e definizioni. Articolo 2 Principi generali

( D.R. n 142 del 01.03.2007) Articolo 1 Ambito di applicazione e definizioni. Articolo 2 Principi generali Regolamento per la disciplina delle procedure di progressione verticale del personale tecnico ed amministrativo dell Università degli Studi del Sannio nel nuovo sistema di classificazione ( D.R. n 142

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto n. 85 del 18 novembre 2005 VISTO VISTO VISTO VISTA VISTO Il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, con il quale è stato approvato

Dettagli

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 4. Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 4. Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi CIRCOLARE n. 4 Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis Premessa Le circolari e le norme A seguito dei diversi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA (CLASSE LMG/01 GIURISPRUDENZA) Art. 1 Premesse

Dettagli

Regolamento della Formazione Continua Obbligatoria

Regolamento della Formazione Continua Obbligatoria Regolamento della Formazione Continua Obbligatoria REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE CONTINUA OBBLIGATORIA approvato con modifiche e integrazioni il 24 luglio 2009. REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA

Dettagli

Con l occasione si porgono cordiali saluti.

Con l occasione si porgono cordiali saluti. Roma, 23 maggio 2007 Prot. n. 1517/2007 Al Ministro on. Fabio Mussi Al Sottosegretario on. Luciano Modica Ministero dell Università e Ricerca LORO SEDI OGGETTO: Consultazione telematica. Gentile Ministro,

Dettagli

TESTO COORDINATO. Indice

TESTO COORDINATO. Indice TESTO COORDINATO DIRETTIVE TECNICHE PER L ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI FORMATORI CHE GESTISCONO I CORSI DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DIRETTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI COMPITI DI PREVENZIONE

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3; VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ALLEGATO Schema di DPR di attuazione dell articolo 4, comma 1, lettera c), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successive modifiche e integrazioni, concernente Attuazione della direttiva

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM - 23 - Classe

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del CdF del 03.05.06 e modificato con delibere del CdF del 07.03.07, del 12.03.08 e del 08.04.08) Regolamento didattico

Dettagli

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA Protocollo di Intesa tra l'università degli Studi di Napoli "Federico II" e la Regione Campania per la formazione di laureandi dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie L anno il giorno.del mese

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. D al bando di ammissione pubblicato in data 15/10/2012 Art. 1 - Tipologia L Università degli studi di Pavia attiva, per l a.a. 2012/2013, presso la Facoltà di Giurisprudenza, Dipartimento di Giurisprudenza,

Dettagli