Lezione IIII. Indice. 2.2 Gli. 2 di 16

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione IIII. Indice. 2.2 Gli. 2 di 16"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE I LEZIONE III L AZIENDA E LA SUA CIRCOLAZIONE. PROF. RENATO SANTAGATA

2 Indice 1 La nozione di azienda La circolazione dell azienda La forma Gli effetti del trasferimento Usufrutto e affitto dell azienda I segni distintivii La ditta Il marchio L insegna di 16

3 1 La nozione di azienda L articolo 2555 c.c. definisce l azienda come il complesso dei beni organizzatii dall imprenditore per l esercizio dell impresa». L azienda costituisce, quindi, sottoo il profiloo giuridico, l apparato strumentalee (locali, macchinari, attrezzature, materie prime, merci) di cui l imprenditore si avvale per lo svolgimento, e nello svolgimento della propria attività. Essa si configura, pertanto, come strumento per lo svolgimento di quell attività economica organizzata a rivolta allaa produzione e allo scambio di beni e servizi cui l articolo 2082 c.c connette la qualifica di imprenditore. L azienda costituisce quindi il risvolto oggettivo di uno dei requisiti dell acquisto della qualità di imprenditore, ed, in quanto tale, può essere concepito come distinto dallaa persona di quest ultimo ed oggetto di autonoma circolazione. Questo rapporto di strumentalità, non devee essere necessariamente attuale, ma anche semplicemente prospettico, nel senso che si ha aziendaa anche quando il complesso organizzato non è ancora in esercizio, ossia non si sonoo instauratii rapporti con la clientela. A tale conclusione nel concreto rilevante laddove il titolare nonn intraprendaa l attività produttiva di scambio, ma alieni a terzi l azienda, o ne conceda ad altri l utilizzo - si giunge considerando come gli interessi tutelati dallaa disciplina specifica, che attienee soprattuttoo al momento circolatorio, sono presenti già per la sola formazione del complessoo aziendale. In linea generale, l articolo 810 del codice civile qualifica come bene le cose che possonoo formare oggetto di diritti. Per qualificare un dato bene, come bene aziendale, rilevante è la sola destinazione impressagli dall imprenditore. Irrilevantee è invece il titolo giuridico che legittima l imprenditore ad utilizzare, un dato bene, nel processo produttivo. Non possono essere perciò consideratii beni aziendali i beni di proprietà dell imprenditore che non siano da questi effettivamente destinati allo svolgimento dell attività di impresa (ad esempio, l abitazione di proprietà dell imprenditore). Viceversa, la qualifica di bene aziendale compete anche ai beni di proprietà di terzi di cui l imprenditore può disporre in base ad un valido titolo giuridico, purché attualmente impiegatii nell attività di impresa (ad esempio, i locali dell impresa presi in affitto o il macchinario in leasing). Nella nozione di azienda, l accento va quindi postoo sul dato dell organizzazione, in quanto l azienda è un insieme di beni eterogenei (mobili e immobili, materiali e immateriali, fungibilii e infungibili). Un complesso di beni caratterizzato dalla c.d. unità 3 di 16

4 funzionale per il coordinamentoo fra i diversi elementi costitutivi realizzato dall imprenditore e soprattuttoo per l unitaria destinazione ad uno specifico fine produttivo. Il rapporto di strumentalità e di complementarietà fra i singoli elementi costitutivii dell azienda fa sì che il complesso unitario acquisti di regola un valore di scambio maggiore della somma dei valori dei singoli beni che in un dato momento lo costituiscono. Tale maggior valore si definisce avviamento, rappresentato, in sostanza, dalla attitudine dell azienda a consentire la realizzazione di un profitto (ricavi eccedenti i costi) e di regola dipende sia da fattori oggettivi sia da fattori soggettivi. Si è soliti distinguere, un avviamento oggettivo, ricollegabile a fattori che permangono anche se muta il titolare dell azienda, in quanto ricollegabile a fattori che permangono o anche se muta il titolare dell azienda, in quanto insiti nel coordinamento esistente fra i diversi beni, ed un avviamento soggettivo dovuto all abilità operativa dell imprenditore sul mercato, ed in particolare alla sua abilità nel formarsi, conservare ed accrescere la clientela. L unità economica dell azienda, e gli interessi, sia individuali sia generali, al mantenimento di tale unità trovano un importante riconoscimento nella disciplina dettata dal codice civile per il trasferimento dell azienda (artt ). Il trasferimento, infatti, come si vedrà, comporta peculiari effetti (divieto di concorrenza del cedente, successione nei contratti aziendali) che sonoo proprio ispirati dalla necessità e dalla finalità di favorire la conservazione dell unità economica e del valore dell avviamento. Così, come, poiché tale disciplina introduce significativi ostacoli allaa disgregazione dell azienda da parte dell autonomia privata, è tutelato anche l interesse generale al mantenimento, efficienza e funzionalità dei complessi produttivi. 4 di 16

5 2 La circolazione dell azienda L azienda può formare oggetto di atti di disposizione di diversa natura. Può essere venduta, donata, possono essere, sulla stessa, costituiti diritti reali (usufrutto) o personali( affitto) di godimentoo a favore di terzi. L imprenditore può però compieree anche atti di disposizione che riguardano singoli beni. Di qui, l importanza di stabilire in concreto se un determinato atto di disposizione dell imprenditore sia da qualificare come trasferimento di singoli beni aziendali, ovvero come trasferimento di azienda, dal momento che solo in questo secondo caso potrà trovare applicazione la particolare disciplina dettata per la circolazione di una complesso aziendale. La distinzione non sempre è agevole, anche se è pacifico che, per aversi trasferimento di azienda, non è necessario che l atto di disposizione comprenda l intero complesso aziendale, poiché la disciplina del trasferimento è applicabile anche quando l imprenditore trasferisca un ramo dell azienda. Necessario, ma al tempo stesso sufficiente, è che sia trasferito un insieme di beni potenzialmentee idoneo ad essere utilizzato per l esercizio di una determinata attività di impresa (ma nonn necessariamente la stessa svolta dal trasferente), e ciò anche se il nuovo titolare dovrà integrare il complesso con ulteriori fattori produttivi (ad es. materiee prime) per farlo funzionare. 2.1 La forma Le forme da osservare nel trasferimento dell azienda sono fissate dall art È al riguardo operata una netta distinzione fra forma necessaria per la validità del trasferimento (art. 2556, 1 comma) e forma richiesta ai fini probatori, e per l opponibilità ai terzi. In relazione al primo punto si statuisce che, per le imprese soggette a registrazione i contratti che hanno per oggetto il trasferimento della proprietà o la concessionee in godimento dell azienda sonoo validi soloo se stipulatii con l osservanza dellee forme stabilite dalla legge per il trasferimento dei singoli beni che compongono l azienda o per la particolare natura del contratto. Manca quindi un autonoma ed unitaria legge di circolazione dell azienda, ed il trasferimento di ciascun bene aziendale segue il regime dettato in via generale (ad es. per il trasferimento in proprietà all acquirente di beni immobili aziendali sarà necessaria la forma scritta ex art. 1350, n. 1, così come il conferimentoo dell azienda in una società di capitali dovrà sempre avvenire per atto pubblico). Per le impresee soggette a registrazione con effetti di pubblicità legale è previsto che ogni atto di disposizione 5 di 16

6 dell azienda deve essere provato per iscritto. Inoltre, per tutte le imprese soggette a registrazione è prescritto che i contratti di trasferimento devono essere iscritti nel registro delle imprese nel terminee di trenta giorni, a cura del notaio rogante o autenticante (art. 2556, 2 comma). Per otteneree l iscrizione occorrerà comunque che il contratto sia redatto per atto pubblico o per scrittura privataa autenticata Gli effetti del trasferimento Oltre agli effetti espressamente dedotti in contratto, l alienazione dell azienda produce degli effetti ex lege, ulteriori che riguardano il divieto di concorrenza dell alienantee (art. 2557) ), i contratti (art. 2558) i crediti (art. 2559) e i debiti aziendali (art. 2560). Chi aliena un azienda commerciale deve astenersi, per un periodo massimo di cinque anni dal trasferimento, dall iniziare una nuova impresa che possa comunque «per l oggetto, l ubicazione o altre circostanze» sviare la clientela dall azienda ceduta. La norma contempera due opposte esigenze. Quella dell acquirente dell azienda di trattenere la clientela dell impresa, e quindi di godere dell avviamento (soggettivo), del quale di regola si è tenuto conto nella pattuizione del prezzo di vendita. Quella dell alienante a non vedere compromessa la propria libertà di iniziativa economica oltre un determinato arco di tempo (legislativamente ritenuto) sufficiente per consentire all acquirente di consolidare la propria clientela. Il divieto di concorrenza in quanto disposto a tutela dell interesse dell acquirente ad evitare un indebito sviamento di clientela è derogabilee ed ha carattere relativo sussiste nei limiti in cui la nuova attività di impresa dell alienante sia potenzialmentee idonea a sottrarre clientela all azienda ceduta. Le parti possonoo anche ampliare la portata dell obbligo di astensione (che di norma riguarda settori merceologici i omogenei) (ad es ad attività non direttamente concorrenziali), purché non sia impedita ogni attività professionale all alienante. In ogni caso, è vietato prolungare, oltre i cinque anni, la durata del divieto. Incertezze solleva invece l applicazione del divieto di concorrenza in altre ipotesi nonn espressamente regolate:divisionee ereditaria con assegnazione dell azienda caduta in successione ad uno degli eredi; - scioglimento di una società con assegnazione dell azienda sociale ad uno dei soci quale quota di liquidazione; - vendita dell intera partecipazione sociale o di una partecipazionee sociale di controllo in una società di persone o di capitali. Mentree nei primi due casi non vi è stato trasferimento di azienda da un erede all altro o da un socio all altro, nel terzo caso un negozioo 6 di 16

7 traslativo c è, ma ha per oggettoo le quote o le azioni e non l azienda che formalmentee resta della società. Poiché però è indubbio che, in sede di divisione ereditaria, o nello stabilire la quota di liquidazione a ciascun socio si tiene di regola conto anche del valore di avviamento dovuto allaa clientela, si suggeriscee di applicare, per analogia, il divieto di concorrenza a favore dell erede o del socio che subentra nell azienda. Nel terzo caso, invece, è indubbio altresì che la vendita dell intero pacchetto azionario o di una partecipazione di controllo permettono di raggiungere un risultato, sostanzialmente coincidente con la vendita dell azienda, con la conseguenza che dovrà imporsi il divieto concorrenza al socio alienante. Come si è già accennato, la disciplina del trasferimento dell azienda cerca di favorire il mantenimento dell unità economica della stessa. In tale prospettiva è agevolato il subingresso dell acquirente nei rapporti contrattuali in corso di esecuzione che l alienante ha stipulato con i fornitori, finanziatori, clienti, lavoratori, per assicurarsi i fattori produttivi necessari allo svolgimento dell attività d impresa. La disciplina legislativa muove dalla premessa che chi acquistaa ha interesse a subentrare in tali contratti, e tale interesse viene tutelato introducendo importantii deroghe alla disciplina generale della cessione dei contratti, prevista dagli artt ss. del codice civile, che riguardano sia il rapporto alienante /acquirente, sia il terzo contraente. L articolo 2558, 1 comma, dispone che se nonn è pattuito diversamente, l acquirente dell azienda subentra nei contratti stipulati per l esercizio dell azienda stessa che non abbiano carattere personale. Al terzo contraente è riconosciuto il diritto, entro tre mesi dalla notizia del trasferimento, di recedere dal contratto se sussiste giusta causa, salvo in questo caso la responsabilità dell alienante. Il subingresso dell acquirente nei contratti in corso di esecuzione, e in tutti i contratti inerenti all organizzazione e all esercizio dell impresa, non aventee carattere personale, prescinde da un esplicita manifestazione di volontà nell atto di alienazione. E però possibile, con espressa pattuizione, escluderee dalla successione uno o più contratti in corso di esecuzione. La deroga ai principi di diritto comune è più vistosa per quanto concerne la posizione del terzo contraente. Ed, infatti, per il diritto comune, la cessione del contratto non può avvenire senza il consenso del contraente ceduto (art. 1406). La situazione muta invecee radicalmente quando il contrattoo è stipulato con un imprenditoree ed ha per oggetto prestazioni (non personali) inerenti all esercizio dell impresa. Il consenso del terzo contraente non è più necessario per il trasferimento del contrattoo e l effetto successorioo si produce ex lege con il trasferimento dell azienda. Nell articolo 2558, 1 comma, è quindi stabilita una deroga all art nella parte in cui si afferma che, salva diversa pattuizione, l acquirente dell azienda subentra nei contratti stipulati per l esercizio dell azienda a 7 di 16

8 stessa che non abbiano carattere personale»». Dal momento del trasferimento, quindi, il terzo dovrà adempiere le proprie prestazionii nei confronti del nuovo titolare dell azienda. La tutela offerta al terzo è molto limitata, in quanto gli si riconosce il diritto di recedere dal contratto solo se sussiste una giusta causa, e spetterà, pertanto al terzo contraente provare che l acquirente non è in grado di assicurare una regolare esecuzione del contratto. A ciò si aggiunga, che il recesso non determina il ritorno del contratto in testa all alienante, bensì la definitiva estinzione dello stesso. Resta al terzo contraente, quindi, solo la possibilità di chiedere il risarcimento dei danni all alienante dando la prova (nonn facile) che questi non ha osservato la normale cautela nella scelta dell acquirentee dell azienda. La disciplina innanzi esaminata, non si applica ai contratti, aventi caratteree personale, in cui le qualità personali dell alienante, sono state determinanti nella formazione del consenso del terzo contraente. Per il trasferimento di tali contratti saranno necessari un espressa pattuizione fra alienante e acquirente, sia il consenso del contraente ceduto. Si è detto che la disciplina della successione nei contratti si applica ai contratti nonn integralmente eseguitii da entrambe le parti (imprenditore alienante e terzo contraente). Ed invero, nel caso in cui l imprenditore abbia già eseguito la propria prestazione, l acquirente troverà un credito da vantare nei confronti del terzo, viceversa residuerà un debito, allorquando sia stato il terzo ad eseguire integralmente le proprie prestazionii nei confronti dell imprenditore. Di qui la disciplina dettata dagli articolo 2559 e 2560 per i crediti e debiti aziendali. Limitata è la deroga al diritto comune introdotta per i crediti aziendali. La notifica al debitore ceduto o l accettazione da parte di questi richiesta dalla disciplina di diritto comune è sostituita da una sorta di notifica collettiva: l iscrizione del trasferimento dell azienda nel registro delle imprese. Più vistosa è invecee la deviazione dai principi di diritto comune per quanto riguarda i debiti inerenti all azienda ceduta, sorti prima del trasferimento. È mantenuto fermo il principio generale per cui non è ammesso il mutamento del debitore senza il consenso del creditore. Ed, infatti l alienantee non è liberato da tali debiti se non risulta che i creditori vi hanno acconsentito (art. 2560, 1 comma). È invece derogato, per le sole aziende commerciali il principio secondo cui ciascuno risponde solo delle obbligazioni i da lui assunte. È infatti previsto che «nel trasferimento di un azienda commerciale risponde dei debiti suddetti anche l acquirente dell azienda, se essi risultano dai libri contabili obbligatori». Disciplina diversa e più favorevole per i lavoratori è invece prevista, per i debiti di lavoro. Di questi l acquirente dell azienda risponde, in solidoo con l alienante, anche se non risultano dalle scritture contabili; ed oggi anche se l acquirente nonn ne ha avuto conoscenza all atto del trasferimento (art. 2112, 2 comma nuovo testo). Gli articolo 2559 e 2560, regolano le conseguenze del trasferimento 8 di 16

9 dell azienda per i creditori e i debitori aziendali, e cioè per i rapporti esterni. Nulla, invece, dispongonoo quanto ai rapporti tra alienante ed acquirente. Se nulla è previsto dal contratto è controverso se l acquirente diventi titolare dei crediti e se all accollo esterno ex lege, corrisponda anche un accollo interno dei debiti da parte dell acquirente. Prevale negli orientamenti più recenti, e soprattuttoo per i debiti, la tesi che entrambi non passino automaticamente in testa all acquirente ma sia, a tal fine necessaria un espressa previsione. 2.3 Usufrutto e affitto dell aziendaa L azienda può essere costituita in usufrutto (art. 2561). L usufruttuario devee esercitaree l azienda sotto la ditta che la contraddistingue, deve condurre l azienda senza modificarne la destinazione ed in modo da conservare l efficienza dell organizzazione e degli impianti e le normali dotazioni di scorte. La violazione di tali obblighi o la cessazione arbitraria della gestionee dell azienda determinano le cessazione dell usufrutto per abuso dell usufruttuario. L usufruttuario può goderee dei beni aziendali, ed ha anche il potere di disporne nei limiti segnati dalle esigenzee della gestione. Potrà acquistare ed immetteree nell azienda nuovi beni, che diventano di proprietà del nudo proprietario e sui quali l usufruttuario avrà diritto di godimento e potere di disposizione. È, pertanto, previsto che venga redatto un inventario all inizio ed alla fine dell usufrutto, e che la differenza fra le due consistenzee venga regolata in danaro sulla base dei valori correnti al terminee dell usufrutto. L azienda può anche essere concessa in affitto. La disciplina prevista per l usufrutto si applicaa anche all affitto di azienda per l espresso rinvio operato dall art Usufrutto ed affitto di azienda sono poi parzialmente regolati dalle norme in tema di vendita. Si applicano ad entrambi il divieto di concorrenza previsto dall art. 2557, e la disciplina della successione nei contratti aziendali (art. 2558). Si applica invece soloo all usufrutto la disciplina dei crediti aziendali. Non si applica, infine, né all usufrutto né all affitto di azienda la disciplina dettata per i debiti aziendali dall art. 2560, mancando un espresso richiamo. Perciò, dei debiti aziendali, anteriori alla costituzione dell usufrutto o dell affitto risponderannoo esclusivamente il nudo proprietario o il locatore, salvo che per i debiti di lavoro espressamentee accollati anche al titolare del diritto di godimento (art. 2112, 4 comma). 9 di 16

10 3 I segni distintivii Ciascun imprenditore utilizza uno o più segni distintivi che consentono di individuarlo sul mercato e distinguerlo dagli altri imprenditori concorrenti La ditta, l insegna ed il marchio sono i tre principali segni distintivi tipici dell imprenditore. Ditta, insegna e marchio assolvono una funzione comune nell economia di mercato: favoriscono la formazione ed il mantenimento della clientela in quanto consentono al pubblico, ed in particolare ai consumatori, di distinguere fra i vari operatori economici e di operare scelte consapevoli. Dalle rispettive discipline dei tre segni distintivi, è possibile ricavare taluni principi comuni applicabili per analogia agli altri simboli di identificazione sul mercato utilizzati dall imprenditore, c.d. segni distintivi atipici, (slogan pubblicitario, o i nomi di dominio che corrispondono ai sitii sulla rete Internet. In sintesi tali principi sono: a) l imprenditore gode di ampia libertà nella formazione dei propri segni distintivi. E tenuto però a rispettare alcune regole volte a non crearee inganno e confusione sul mercato: verità, novità e capacità distintiva; b) l imprenditore ha diritto all uso esclusivo dei propri segni distintivi. Diritto che, però, è non assoluto, ma relativo e strumentale alla realizzazione della funzione distintiva rispetto agli imprenditori concorrenti. Il titolare di un segno distintivo non può perciò impediree che altri adotti il medesimo segno, quando per la diversità delle attività di impresa o per la diversità dei mercati, in cui si opera, non vi è pericolo di confusione o di sviamento; c) l imprenditore può trasferire ad altri i propri segni distintivi, pur con i limiti volti ad evitare che la circolazione degli stessi possa trarre in inganno il pubblico. 3.1 La ditta La ditta è il nome commerciale dell imprenditore, ed è segno distintivo necessario, nel senso che, in mancanza di diversa scelta, coincide col nome civile dell imprenditore. Nella scelta della propria ditta l imprenditore incontra due limiti rappresentati dal rispetto dei principi dellee verità e della novità. Il principio di verità della ditta ha un contenuto assai limitato e soprattuttoo contenuto diverso a seconda che si tratti di ditta originaria o di ditta derivata. (art. 2563) 10 di 16

11 La ditta originaria è quella formata dall imprenditore che la utilizza. Essa «devee conteneree almeno il cognome o la sigla dell imprenditore». La ditta derivata, è quella formata da un dato imprenditore e successivamentee trasferita ad altro imprenditor re insieme all azienda. Nessuna disposizione, impone a chi utilizzi una ditta derivata, di integrarla col proprio cognome o con la propria sigla. La verità in tal caso si riduce ad una pura «verità storica». Più consistente è la portataa del principio della novità (art. 2564) La ditta non deve essere «uguale o simile a quella usata da altro imprenditore» e tale da «creare confusione per l oggetto dell impresa o per il luogo in cui questa è esercitata». Chi ha adottatoo per primo una data ditta, ha perciò diritto all uso esclusivo della stessa. Chi successivamente adotti ditta uguale o simile, può essere perciò costretto ad integrarla o modificarla a con indicazioni idonee a differenziarla, e ciò, anche quando la ditta usataa per la seconda volta corrisponda al nome civile dell imprenditore (ditta patronimica). Per le imprese commerciali, trova però, applicazione il criterio della priorità dell iscrizione nel registro delle imprese. L obbligo di integrare o di modificare la ditta, spetta, infatti, a chi ha iscritto la propria ditta nel registro dellee imprese in epoca posteriore (art. 2564, 2 comma) Il diritto all uso esclusivo della ditta, ed il corrispondente obbligo di differenziazionee sussistono però solo se i due imprenditori sono in rapporto concorrenziale fra loro e quindi possa determinarsi confusione per l oggetto dell impresa e/o per il luogoo in cui questa è esercitata. Perciò è possibile l omonimia fra ditte che non creano confusione sul mercato, ed in tal senso si dice che il diritto all uso esclusivo è quindii relativo. La ditta è trasferibile, ma solo insieme all azienda. (art. 2565). Se il trasferimento avviene per atto fra vivi, è necessario il consenso espresso dell alienante. Se l azienda è acquistata per successione a causa di morte, la ditta si trasmette al successore, salvo diversa disposizione testamentaria. 3.2 Il marchio Il marchio è il segno distintivo dei prodotti o dei servizi dell impresa. Dello stesso può servirsi innanzitutto il fabbricante del prodotto, il commerciante, sia esso un distributore intermedio (grossista) o il rivenditore finale, sia le imprese che producono servizi( ad. es. imprese di trasporto, di pubblicità, bancarie, assicurative, di spettacolo). La forma tipica di 11 di 16

12 tali tipi di marchio è quella pubblicitaria essendo apposti sui materialii che servono per la produzione del servizio o sulle divise del personale. Il marchio è disciplinato sia dall ordinamento nazionale (artt ) e dal codice della proprietà industriale, (d.lgs , n. 30 che ha sostituito la vecchia disciplina della leggee marchi del r.d , n. 929, di seguito, individuato con c.p.i.). Al marchio nazionale si è di recente affiancato il marchio comunitario, istituito con il regolamento CE n. 40/94 del Disciplina che, seppur sostanzialmente coincidente con quella della nostra legge, che a sua volta ha recepito nel 1992 la normativa comunitaria di armonizzazione, consente di ottenere un marchio che produce gli stessi effetti in tutta l unione europea. La tutela internazionalee del marchio è infine disciplinataa da due Convenzioni (Convenzione d Unione di Parigii del 1883 per la protezione della proprietà industriale e l accordo di Madrid del 1891 sulla registrazione internazionale dei marchi) che consentono di semplificare le procedure per accedere alla tutela del marchio nei singoli stati aderenti, secondo le rispettive discipline nazionali. Tali discipline caratterizzate dall istituto della registrazione (nazionale, comunitaria o internazionale) del marchio riconoscono al titolare del marchio, che possiedee i requisiti di validità, il diritto all uso esclusivo dello stesso. Il marchio non è un segno distintivo essenziale, ma è il più importante per il ruolo che assolve nella moderna economia industriale, caratterizzata dall offerta concorrente di prodotti similari tra più imprenditori. Al marchio, infatti, è affidata la funzione di differenziare i prodotti rispetto a quelli dei concorrenti. Di qui l interesse dei titolari dei marchi celebri a contrastare l uso degli stessi da parte di altri produttori, anche per prodotti del tutto diversi da quelli da loro immessi sul mercato. Tale esigenza, è stata recepita dal legislatore, che ha esteso la tutela dei marchi celebri oltre i limiti segnati dallaa necessità di evitare confusione con prodotti affini. L imprenditoree può utilizzare un soloo marchio per tutti i propri prodotti (marchio generale), ma può anche servirsi di più marchi, quando vuole differenziar re i diversi prodotti della propria impresa o anche tipi diversi dello stesso prodotto per sottolineare ai consumatori le relative diversità qualitative (marchi speciali). È altresì possibile l uso contemporaneo di un marchio generale e di più marchi speciali, quando si vuole evidenziare al tempo stesso l unità della fonte di produzione e la diversità dei prodotti (ad esempio, «Fiat-Uno»). con la stessa ditta o con il nome civile dell imprenditore. Inoltre, può essere costituito, anche o esclusivamente, da figura lettere, cifre, disegni o colori (marchio figurativo) ed anche da suoni (ad esempio, un breve motivo musicale) Può ancora esseree costituito dalla forma del prodotto o, dalla confezione dello stesso (marchio di forma o Il marchio può essere costituito solo da parole (marchio denominativo) e può coincidere 12 di 16

13 tridimensionale). Un tipo particolare di marchio è infine il marchio collettivo. Titolare del marchio collettivo è un soggetto (ad esempio, un consorzio fra imprenditori o un associazione) che svolge «la funzione di garantire l origine, la natura o la qualità di determinati prodotti o servizi. Tale marchio, non viene utilizzato dall ente che ne ha ottenuto la registrazione, ma concesso in uso a produttori o commercianti consociati. Questi, a loro volta, si impegnano a rispettare, nella loroo attività, le norme statutarie fissate dall ente e a consentire i relativii controlli (per esempio il marchio pura lana vergine). Per essere tutelato giuridicamente, il marchio deve rispondere a determinati requisiti di validità: liceità,verità originalità e novità. Secondo il requisito della liceità, non possono costituire oggetto di registrazione come marchio d impresa: a) i segni contrari alla legge, all ordine pubblico o al buon costume, (art. 14, lettt a) c.p.i., a stemmi o altri segni protetti da convenzioni internazionali (art. 10 c.p.i), è altresì vietato di utilizzare come marchio l altrui ritratto senza il consenso dell interessato (art. 8, 1 comma, c.p.i.), consenso dell interessato che è necessario anche per poter usare come marchio il nome o pseudonimo di persona cha ha acquistato notorietà (calciatore, attrice) b) i segni il cui uso costituirebbe violazione di un altrui diritto di autore, di proprietà industriale o altro diritto esclusivo di terzi. Il requisito della verità vieta di inserire nel marchio «segni idonei ad ingannare il pubblico, in particolare sulla provenienza geografica, sulla naturaa o sulla qualità dei prodotti o servizi» Per originalità si intende che il marchio deve essere composto in modo da consentiree l individuazione dei prodotti contrassegnati fra tutti i prodotti dello stesso genere immessi sul mercato. Non possonoo essere perciò utilizzati come marchi, in quanto privi di capacità distintiva: a) le denominazioni generiche del prodotto, o del servizio o la loro figura generica, ma se si utilizza un nome straniero che identifica il prodotto può esseree utilizzato come marchio b) le indicazionii descrittive dei caratteri essenziali e (salvo che per i marchi collettivi) della provenienza geograficaa del prodotto ; c) i segni divenuti di uso comune nel linguaggio corrente, come le parole «super», «extra», «lusso». Si precisa, però, che il requisito dell originalità è rispettato quando si utilizzano denominazioni o figure generiche che non hanno alcuna relazione con il prodotto contraddistinto, così come si ritengonoo idonee, le parole straniere descrittive o generiche dotate di capacità distintiva quando nonn sono note nel loro significato al consumatore medio italiano (per esempio cinar ). La novità, è da intenderee come complementare alla originalità (art. 12 c.p.i.).. Non sonoo nuovi i segni che alla data del deposito della domanda:a) consistano esclusivamente in segni 13 di 16

14 divenuti di uso comune nel linguaggio corrente o negli usi costanti del commercio;b) siano identicii o simili ad un segno già noto come marchio o segno distintivo di prodotti o servizi fabbricati, messi in commercio o prestati da altri. Si prevede che se il marchio registrato è diventato un marchio celebre, sarà ex lege nonn nuovo anche il marchio confondibile, da altri successivamente utilizzato, seppur per prodotti o servizi anche non affini, se chi lo usa può trarre indebito vantaggio da carattere distintivo o dallaa rinomanza del segno anteriore, o può recare pregiudizio agli stessi (art. 12, lett., f e g, c.p.i). E questa la più ampia tutela del c.d. marchio celebre (Coca cola, Cartier, Marlboro) Il difetto dei requisiti fin qui esposti comporta la nullità del marchio che può riguardare anche solo parte dei prodotti o servizi per i quali il marchio è stato registrato. Il titolare di un marchio, rispondente ai requisitii di validità innanzi indicati, ha diritto all uso esclusivo del marchio prescelto. Il contenuto del diritto sul marchio e la relativa tutela sono però profondamente diversi a seconda che il marchio sia stato o meno registrato presso l Ufficio italiano brevetti e marchi. La registrazione attribuisce al titolare del marchio il diritto all uso esclusivo dello stesso su tutto il territorio nazionale, quale che sia l effettiva diffusione territoriale dei suoi prodotti. Il diritto di esclusiva sul marchio registrato copre poi nonn solo i prodotti identici, ma anche quelli affini qualora possa determinarsi un rischio di confusione per il pubblico. La tutela del marchio registrato non impedisce però che altro imprenditore registri o usi lo stesso marchio per prodotti del tutto diversi. Quando si tratti di marchi celebri, l uso di tali marchi da parte di altri imprenditori, anche per merci del tutto diverse oltre a costituire «usurpazione» dell altrui fama, può facilmente determinare equivoci sulla reale fonte di produzione. Con la riforma del 1992 la tutela dei marchi celebri è stata infatti svincolata dal criterio dell affinità merceologica, nel senso che il titolare di un marchio celebre può vietare a terzi di usare un marchio identico o simile al proprio anche per prodotti o servizi non affini, quando tale uso, come già detto, consente indebitii vantaggi o può recaree pregiudizio agli stessi. Il diritto di esclusiva sul marchio registrato decorre dalla data di presentazione della relativaa domanda all Ufficio brevetti. La registrazione nazionale è poi presupposto per poter estendere la tutela del marchio in ambito internazionale, attraverso la successiva registrazione presso l Organizzazione mondiale per la Proprietà Industriale di Ginevra (OMPI). Per il marchio comunitario la registrazione, indipendente da quella nazionale, è invece effettuata presso l Ufficio per l armonizzazione Mercato interna (UAMI) di Alicante (Spagna). 14 di 16

15 La registrazione nazionale dura dieci anni e non più venti come in precedenza. È però rinnovabile per un numero illimitato di volte, sempre con efficacia decennale. La tutela è perciò pressoché perpetua, salvo che non sia successivamentee dichiarata la nullità del marchio, per difetto di uno dei requisiti essenziali, ovvero che non sopravvenga una causa di decadenza, per esempio mancato utilizzo del marchio per cinque anni (art. 26 c.p.i.). Costituisce causa di decadenza: anche la volgarizzazione del marchio, e cioè, la circostanzaa che lo stesso sia divenuto nel commercioo denominazione generica di quel dato prodotto, così perdendo la propria capacità distintiva (per esempio penna biro, nylon, cellophane). Il titolare del marchio il cui diritto di esclusiva sia stato leso da un concorrente, può promuovere contro questi l azione di contraffazione volta ad otteneree l inibitoria alla continuazione degli atti lesivi del proprio diritto e la rimozione degli effetti degli stessi, attraverso la distruzione delle cose materiali. Resta fermo il diritto del titolare del marchio al risarcimento dei danni se sussiste dolo o colpa del contraffattore. L ordinamentoo tutela anche chi usi un marchio senza registrarlo. Dispone infatti l art che «chi ha fatto uso di un marchio non registrato ha la facoltà di continuare ad usarne, nonostante la registrazione da altri ottenuta, nei limiti in cui anteriormente se ne è avvalso». La tutela del diritto di esclusiva sul marchio non registrato si fonda sull uso di fatto dello stesso e sull effettivo grado di notorietà raggiunta (c.d. tutela del pre-uso) Il marchio è trasferibile e può essere trasferito (senza trasferire l azienda) sia a titoloo definitivo sia a titolo temporaneoo (c.d. licenza di marchio). Significativa novità è il riconoscimento dell ammissibilità della licenza di marchio nonn esclusiva. E cioè consentito che il marchio venga utilizzato contemporaneamente dal titolare originario e da uno o più concessionari, sia per la totalità sia per una parte dei prodotti per i quali il marchio è stato registrato. Il legislatore si preoccupa però di prevenire e reprimere i pericoli di inganno per il pubblico cui può dar luogo la libera circolazione del marchio, e soprattuttoo la licenza non esclusiva utilizzata in particolare per lo sfruttamento economico dei marchi attraverso i contratti di franchising e merchandising. È al riguardo fissato il principio cardine che dal trasferimento o dalle licenza del marchio non deve derivare inganno nei caratteri dei prodotti o servizi che sono essenziali nell apprezzamento del pubblico. La licenza non esclusiva, inoltre, è subordinata all ulteriore condizione che il licenziatario si obblighi ad utilizzare il marchio per prodotti con caratteristiche qualitative uguali a quelle dei corrispondenti prodotti messi in commercioo dal concedente o dagli altri licenziatari (art. 23 c.p.i) La violazione di tali regole esponee alla sanzione della decadenza, eventualmente parziale, del marchio. 15 di 16

16 3.33 L insegna L insegna contraddistingue i locali dell impresa (stabilimento industriale, negozio di vendita) o, secondo una più ampia concezione, l intero complesso aziendale. L insegna, disciplinata a dall art. 2568, non può esseree uguale o simile a quella già utilizzata da altro imprenditoree concorrente, con conseguente obbligo di differenziazione qualoraa possa ingenerare confusione nel pubblico. Pur nel silenzio del legislatoree saranno applicabili i principi base ricavabili dallaa disciplina della ditta e del marchio. Anche l insegna dovrà essere lecita, non dovrà contenere indicazioni idonee a trarre in inganno il pubblico circa l attività o i prodotti, dovrà avere sufficiente capacità distintiva. Non è quindi tutelato controo l altrui imitazione chi adotti come insegna indicazioni generiche. Nulla è disposto circa il trasferimento dell insegna. È tuttavia pacifico che il diritto sull insegna può esseree trasferito. Deve ritenersi senz altro lecita anche la licenza non esclusiva ed il conseguente cousoo della stessa insegna da parte di più imprenditori collegati, come tipicamente avviene negli accordi di franchising di distribuzione (ad esempio, catene di negozi Benetton o Cartier). 16 di 16

Lezione III. Indice. 2 di 11

Lezione III. Indice. 2 di 11 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE I LEZIONE II IMPUTAZIONE DELL ATTIVITÀ D IMPRESA PROF. RENATO SANTAGATA Indice 1 principio generale della spendita del nome ----------------------------------------------------------

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles.

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles. Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2916511 Fax: 059 2921132 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it LA GESTIONE E LA VALORIZZAZIONE DI

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO. Avv. Andrea De Gaspari.

MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO. Avv. Andrea De Gaspari. MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO Avv. Andrea De Gaspari 2 dicembre 2013 DI COSA SI PARLERÀ Marchi, domini e segni distintivi: breve inquadramento

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

PROGRAMMA AMVA APPRENDISTATO E MESTIERI A VOCAZIONE ARTIGIANALE P.O.N. GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA E AZIONI DI SISTE EMA

PROGRAMMA AMVA APPRENDISTATO E MESTIERI A VOCAZIONE ARTIGIANALE P.O.N. GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA E AZIONI DI SISTE EMA ITALIA LAVORO S.P.A. PROGRAMMAA AMVA APPRENDISTATO E MESTIERI A VOCAZIV ONE ARTIGIANALE P.O.N. GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA E AZIONI DI SISTEMA 2007-2013 AVVISO PUBBLICO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI

Dettagli

CODICE DEI DIRITTI DI PROPRIETA' INDUSTRIALE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

CODICE DEI DIRITTI DI PROPRIETA' INDUSTRIALE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CODICE DEI DIRITTI DI PROPRIETA' INDUSTRIALE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; VISTA la legge 12 dicembre 2002, n. 273, recante misure per favorire l iniziativa

Dettagli

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Studio n. 836-2014/I Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 10 ottobre 2014 Approvato dal CNN nella seduta del 9 gennaio 2015

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

La tutela della proprietà industriale

La tutela della proprietà industriale Commissione Europea BREVE GUIDA ALLA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE Sommario: LA PROPRIETÀ INTELLETTUALE... 2 IL CODICE DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE... 2 IL BREVETTO PER INVENZIONE... 4 Requisiti per

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli