STUDENT S GUIDE Acqua. La stanza dell. Federico Motta Editore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDENT S GUIDE Acqua. La stanza dell. Federico Motta Editore"

Transcript

1 STUDENT S GUIDE Acqua La stanza dell Federico Motta Editore

2 ACQUA Mike Goldwater FEDERICO MOTTA EDITORE Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana GREEN WATER FOR LIFE CROSS AND PEACE Acqua La stanza dell sedi e date Milano, Palazzo Reale 19 marzo - 2 giugno 2003 fotografie di Mike Goldwater testi scientifici di Mario Tozzi Napoli, Città della Scienza 4 luglio - 10 agosto 2003 Potenza, Museo Provinciale 28 settembre - 9 novembre 2003 Genova, Festival della Scienza 23 ottobre - 3 novembre 2003 Roma, Palazzo Valentini 14 novembre gennaio Mike Goldwater/Network, rappresentato in Italia dall Agenzia Grazia Neri 2003 Federico Motta Editore S.p.A., Milano Proprietà artistica e letteraria riservata per tutti i Paesi Ogni riproduzione,anche parziale, è vietata Le immagini sono tratte dal volume Acqua edito da Federico Motta Editore Si ringrazia Grazia Neri per le immagini qui riprodotte Prima edizione:marzo 2003 Stampato da Arti Grafiche Motta, Milano Assobase Associazione Nazionale chimica di base Federico Motta Editore

3 PRESENTAZIONE Cloro Amico Mio, il logo simbolo cui le aziende produttrici di cloro hanno dato vita, ha partecipato con grande interesse ed entusiasmo alla realizzazione della sezione didattica della mostra Acqua, essendo l acqua uno degli elementi che maggiormente usufruisce dei vantaggi offerti dal Cloro. È questa una grande occasione per testimoniare e sottolineare l insostituibilità di un bene così prezioso anche attraverso la promozione di una conoscenza corretta, attuale e completa di un elemento molto importante per la qualità dell acqua. Il Cloro, infatti, rende l acqua sicura (in Europa Occidentale ne potabilizza il 98%). La clorazione è il sistema più efficace. Economica, facile da installare e da controllare per rendere l acqua potabile e mantenerla tale fino al suo utilizzo: la persistenza dell azione biocida, cioè la capacità di distruggere o diminuire l attività degli agenti patogeni, è una caratteristica specifica del Cloro. I Paesi che l adottano sistematicamente hanno sconfitto malattie come colera, tifo, dissenteria, mentre si stima che l 80% delle epidemie che affliggono i Paesi in via di sviluppo sono causate dall utilizzo di acqua non potabile. Il Cloro è insostituibile anche per igienizzare l acqua delle piscine, per trattare le acque reflue urbane e industriali, per disinfettare gli ambienti interni, dagli ospedali alle comuni abitazioni, ed è elemento indispensabile nella produzione di innumerevoli prodotti (dai medicinali alle materie plastiche, dai detersivi all elettronica). Per saperne di più è possibile visitare il sito:

4 È SEMPRE LA STESSA ACQUA PREMESSA Da dove viene l acqua della Terra? Quando la Terra era appena nata 4,5 miliardi di anni fa era caldissima e tutto il vapore che usciva dai vulcani non diventava mai liquido; nel momento in cui ha cominciato a raffreddarsi il vapore diventò pioggia che cadde per tantissimo tempo e si trasformò in oceani. A questo si deve aggiungere l arrivo di qualche cometa dallo spazio: il nucleo ghiacciato incontra il pianeta ancora caldo e fonde aggiungendosi all acqua dei vulcani. L acqua che vediamo è sempre la stessa Oceani, ghiacciai, piogge, nuvole, torrenti, fiumi, acque sotterranee: si tratta sempre della stessa acqua che si sposta da un parte all altra della Terra. Seguiamo una goccia d acqua dall inizio alla fine: da una nube scende una goccia d acqua e precipita verso il suolo, lì può essere assorbita dalle piante o può evaporare immediatamente una volta toccata terra e tornare a far parte delle nubi. Oppure può scorrere sulla superficie della Terra e finire in un torrente e poi in un fiume e infine in mare, da dove prima o poi evapora e torna nelle nubi. O, ancora, può infiltrarsi nel sottosuolo e alimentare quella gigantesca spugna sotterranea che è il terreno e rifornire di acqua i pozzi e gli acquedotti dell uomo. Dagli acquedotti finirà nelle nostre case, sarà bevuta o usata e finirà di nuovo nei fiumi attraverso gli scarichi e, quindi, in mare e poi di nuovo evaporare fra le nubi e così via. Unicità dell acqua L acqua non ha una sua forma, ma acquisisce, come tutti i liquidi, quella del recipiente in cui viene contenuta; al contrario degli altri liquidi però aumenta di volume se viene portata allo stato solido. L acqua non può essere ridotta di volume se viene compressa e, a causa delle impurità sempre disperse al suo interno, è un buon conduttore di corrente elettrica. Ma la proprietà più straordinaria è che l acqua è in grado di sciogliere un buon numero di sostanze (tranne quelle grasse come l olio), basta darle il tempo sufficiente per farlo. Mario Tozzi

5 SOMMARIO 10 La molecola d acqua Mario Tozzi 14 L origine dell acqua sulla terra Mario Tozzi 16 È sempre la stessa acqua: il ciclo idrologico Mario Tozzi 20 Troppa acqua: il diluvio universale Mario Tozzi 24 Senza acqua: il sistema solare Mario Tozzi 28 Il lavoro dell acqua Mario Tozzi 30 I ghiacciai Mario Tozzi 34 Le falde acquifere Mario Tozzi 38 Senza acqua: disponibilità e disuguaglianze Mario Tozzi 42 Troppa acqua: inondazioni e alluvioni Mario Tozzi 46 L acqua miracolosa Mario Tozzi 48 L acqua e i vulcani Mario Tozzi 52 Energia dell acqua: le dighe Mario Tozzi 56 Il cloro

6 La molecola d acqua H2O Quella che impropriamente chiamiamo elemento è invece - un composto: due atomi di idrogeno e uno di ossigeno nell'unica formula chimica che tutti abbiamo imparato fino dai primi anni di scuola. Un composto che, però, è solo apparentemente molto noto: tanto per fare un esempio concreto, quando diventa solida non diminuisce di volume, come tutti gli altri liquidi, ma aumenta: grazie a una rete molecolare deformata e "difettosa" rispetto a quella del ghiaccio, le molecole riescono a occupare alcuni spazi che nel ghiaccio restano invece vuoti, spiegando così la maggiore densità dell acqua liquida rispetto alla sua fase solida. La molecola d acqua è una molecola piegata composta da un atomo di ossigeno e due di idrogeno inclinati in modo da coprire un angolo di 104,5 che è fisso e caratteristico per ogni singola molecola d acqua, sia nel mare che nei fiumi o nelle nubi, sulla Terra come su un altro pianeta. In realtà la forma dell acqua è un tetraedro, una figura geometrica solida con al centro l atomo di ossigeno, due vertici occupati da due atomi di idrogeno e gli altri due occupati da due coppie isolate di elettroni (coppie solitarie) che avanzano dall atomo di ossigeno stesso non facendo direttamente parte del legame. Se il tetraedro fosse perfetto quell angolo dovrebbe comunque essere di 109,5, ma la repulsione fra le coppie isolate di elettroni è maggiore di quella fra ciascuna di esse e gli atomi di idrogeno (che così risultano più vicini, chiudendo quell angolo a 104,5 ). Le cose si complicano se si prendono in esame più molecole, questo perché esiste un interazione fra un atomo di idrogeno di una molecola e l atomo di ossigeno di un altra, anzi: l atomo di idrogeno va precisamente dove sono gli elettroni della coppia soli- Un nuovo pozzo trivellato da un agenzia di aiuto internazionale nella campagna cambogiana.aprile

7 taria formando il cosiddetto legame (o ponte) idrogeno. Quello che ne risulta è una molecola uncinata in cui ogni atomo si lega agli altri come persone distese che si tengano per i polsi e per le caviglie con altre persone. Da questa particolare disposizione nascono tutte le proprietà dell acqua. Il segreto dell acqua non sta tanto - come in genere nei liquidi - nelle forze repulsive a livello atomico, quanto piuttosto in quelle attrattive che recano all acqua una struttura insolitamente ordinata per un liquido, molto più simile a un cristallo che non a un gas. I modelli elaborati al computer indicano che le molecole dell acqua formano una specie di rete continua, ma disordinata e in perenne movimento, in cui ogni molecola si collega al massimo con altre cinque molecole. La capacità di coesione dell acqua è alla base delle sue proprietà: i ponti idrogeno conferiscono all acqua la forma giusta per espandersi nello spazio come nessun altro liquido e per conquistare la terza dimensione. H2O H , H Agricoltori colpiti dalle alluvioni pescano per procurarsi il cibo. Mombane, Mozambico, febbraio

8 L origine dell acqua sulla terra H2O L'origine dell'acqua sulla Terra va ricercata soprattutto nell analisi della composizione delle acque marine, quelle più abbondanti sulla Terra. Elementi chimici come cloro, bromo e zolfo risultano più abbondanti nell'acqua degli oceani che nella crosta terrestre.visto che essi rappresentano un prodotto della degassazione dei vulcani - cioè della emissione abbondante di vapore acqueo e gas durante le eruzioni - la loro maggiore abbondanza nel mare potrebbe indicare il fatto che gli oceani sono una conseguenza diretta dell'attività vulcanica della Terra. L'acqua dell'idrosfera e dell'atmosfera dunque può essersi generata attraverso le innumerevoli eruzioni vulcaniche che hanno interessato la Terra dal passato più remoto fino ai giorni nostri e che, in altre ere, erano più frequenti di oggi. C'è poi un altra possibilità, che almeno il 20% dell idrosfera si sia generata grazie alle comete provenienti dallo spazio profondo. Un nucleo cometario ghiacciato avrebbe potuto entrare in collisione con la crosta terrestre oltre 3 miliardi di anni fa, quando gli impatti cosmici all interno del sistema solare erano molto più frequenti, e sciogliersi improvvisamente creando le prime pozze oceaniche e innescando un primo rudimentale ciclo idrologico. Mandriani nomadi raggiungono l acqua per i loro cammelli scavando nel letto asciutto di un fiume. Eritrea, aprile

9 H2O È sempre la stessa acqua: il ciclo idrologico Il 71% della Terra è coperta da acqua (il gigantesco guscio idrico che chiamiamo idrosfera, termine che comprende l'insieme delle acque sia salate che dolci, ghiacciai inclusi), ma oltre il 97% dell acqua del pianeta è costituito dagli oceani, mentre il 2,1% si trova nelle calotte polari e nei ghiacciai e solo lo 0,65% è concentrato nei fiumi, nei laghi, nelle falde acquifere sotterranee e nell atmosfera. In un anno la quantità totale di acqua che circola nell'atmosfera è di circa km 3 (come se tutta la superficie della Terra fosse ricoperta da uno strato di acqua alto circa un metro), di cui circa km 3 evaporano e circa km 3 rimangono in superficie per contribuire all erosione del rilievo terrestre. L evaporazione comprende, alla fine, circa km 3 di acqua. Il ciclo dell acqua è alimentato dall energia del Sole e avviene all interfaccia fra atmosfera e idrosfera, comprendendo anche le acque sotterranee che partecipano a questo continuo riciclaggio con un ritardo dipendente dalla natura del sottosuolo (lo scorrimento in profondità sarà molto lento in rocce poco permeabili e più veloce in quelle molto permeabili). Il ciclo idrologico può essere schematizzato seguendo un ipotetica goccia d acqua che si trovi in uno degli oceani della Terra: a un certo punto, per l azione del Sole, la goccia evapora e viene portata in circolo nell atmosfera. Qui la goccia di provenienza oceanica entra a far parte delle nubi e persiste nell atmosfera fino al momento in cui si trasforma in precipitazione che può di nuovo portarla a cadere nell oceano da cui era partita o in un altro mare sopra il quale si può essere spostata. Ma le nubi possono essersi mosse verso i continenti e allora la Agricoltori palestinesi a Gerico utilizzano l irrigazione a goccia per le piante di pomodoro. I fogli di polietilene conservano l acqua e proteggono le piante dal calore.territori palestinesi, novembre

10 goccia può precipitare direttamente sulla terraferma e finire in un fiume e, prima o poi, ancora, nel mare. Ovvero la goccia può essere catturata dal manto vegetale ed essere restituita all atmosfera per evapotraspirazione. Oppure può infiltrarsi nel sottosuolo ed entrare a far parte di una falda acquifera e, solo dopo molto tempo, tornare a riemergere per essere incanalata in un fiume e finire successivamente, comunque, in mare. Attraverso il ciclo dell acqua, l idrosfera riesce a contenere una vasta riserva di calore dato che assorbe, immagazzina e mette in circolazione quello che si forma e si accumula per effetto dell energia solare che arriva sulla Terra. Questo ruolo è di importanza fondamentale per la distribuzione delle fasce climatiche del pianeta. L idrosfera, infine, è un importante riserva di elementi e di composti chimici disciolti di continuo nelle acque che arrivano agli oceani. evaporazione km 3 oceani precipitazioni km 3 scorrimento superficiale km 3 =totale dell acqua evaporata km 3 scorrimento sotterraneo evaporazione km 3 terraferma Una foresta allagata dalle piogge eccezionali e dall alto livello del mare. Harirampur, Bangladesh, settembre

11 Troppa acqua: il diluvio universale H2O La Bibbia aveva ragione. Più o meno anni fa l'acqua sommerse la Terra, uccise gli animali, costrinse a lunghe migrazioni gli uomini, cambiò le pianure in laghi e sconvolse gli equilibri del pianeta. Un diluvio vero, reale, non la metafora di catastrofi mandate a punire gli uomini superbi, ma le acque di un mare intero che si rovesciano in quelle di un altro mare invertendo i rapporti e stravolgendo le prospettive. Le acque scacciano gli uomini e l'esodo crea i miti e informa le religioni: i poemi si basano su presupposti scientifici nella tradizione orale e nella canzone ciclica che in tutta la Terra hanno poi raccontato la storia del diluvio. Ma non si è trattato di un fenomeno universale e tanto meno è stato preceduto da quaranta giorni di pioggia: piuttosto un'unica grande catastrofe, localizzata, però, nella culla tradizionale della cultura ancestrale del pianeta Terra, in Asia, nella Mezzaluna fertile. Le analisi scientifiche rigorose di qualche lustro di ricerche danno un fondamento impensabile prima, che nasce dalle decifrazioni delle antiche saghe e ci conduce verso il diluvio attraverso il lavoro degli scienziati. Quella del diluvio è l'acqua della sommersione temporanea di una regione culturalmente tanto dominante da aver trasmesso poi alla tradizione di tutta l'indoeuropa un mito tanto forte, ed è un'acqua, invece, incredibilmente salata. Il diluvio non è piovuto dal cielo, è venuto da un mare - il Mediterraneo - che si è scaricato con violenza inaudita in un altro mare - il Mar Nero - quando il secondo era ancora un grande lago di acqua dolce dispensatore di agricolture e civiltà. In un attimo la soglia del Bosforo, che ancora oggi li divide, cede di schianto nel 5600 a.c.: la differenza fra i due livelli era allora di oltre 100 metri e ci vollero quasi tre secoli perché tor- Charrapunjee,Assam, uno dei posti più umidi del pianeta, con precipitazioni annue di 1200 cm. India, luglio

12 nassero a congiungersi. Campi coltivati, villaggi, armenti, ma anche mura, palazzi, culture: ogni cosa rapidamente sommersa, tutto da abbandonare per sempre. Grandi migrazioni di comunità umane seguirono lo schianto della diga naturale del Bosforo e della gigantesca inondazione che ne seguì, e dove potevano dirigersi quelle popolazioni se non verso la Mesopotamia, nella Mezzaluna fertile? E cosa potevano recare se non il ricordo terribile del diluvio? Così nasce il mito di Gilgamesh, così arriva il diluvio della Bibbia: un evento geologico raro - ma non impossibile - che i geologi hanno cercato per decenni scrutando le profondità del Mar Nero alla ricerca di indizi, come le incisioni di fiumi sottomarini in profondità o i fossili marini al di sopra dei precedenti di acqua dolce, prova inconfutabile che il lago era diventato un mare e aveva preso subito a ospitare altre faune. Settemilacinquecento anni fa il Mediterraneo si rovesciò nel Mar Nero in una catastrofe che avrebbe prima sgomentato e poi ispirato gli uomini, e per sapere che è vero basta guardare ancora oggi i pescatori del Bosforo: gettano un secchio nell'acqua più profonda e si fanno trasportare senza motori e senza vele dentro il Mar Nero, una corrente profonda di acqua più densa che viene dal Mediterraneo li trascina senza sforzi, un fiume sottomarino ultimo retaggio del diluvio universale. A nuoto con un vaso per andare ad attingere acqua da una pompa rimasta al di sopra del livello dell alluvione. Dacca, Bangladesh, settembre

13 Senza acqua:il sistema solare H2O L acqua allo stato liquido esiste solo sulla Terra; su Marte e sulla Luna, se c'è, è allo stato solido e solo un'eruzione o l'impatto di un corpo celeste può provocarne il temporaneo scioglimento; sul Sole è gassosa, altrove ancora ghiacciata e "sporca". Sulla Luna, per esempio, nella depressione di Aitken (presso il polo sud lunare) le sonde spaziali hanno successivamente messo in luce una specie di freezer naturale in cui le temperature si mantengono costantemente attorno ai -230 C a causa della profondità di oltre metri che impedisce l arrivo dei raggi solari sul fondo.all interno del cratere (che ha un diametro di km, uno dei più grandi del sistema solare) c è un impasto presumibilmente durissimo di ghiaccio e polvere, una specie di stagno fangoso congelato la cui profondità è ancora incerta (fra 3 e 30 metri) e che potrebbe contenere centinaia di migliaia di metri cubi di acqua. Ci sono però ancora molti dubbi: infatti gli apparecchi non hanno realmente toccato la superficie dello stagno ghiacciato, sono state le sonde che hanno rivelato la presenza di una sostanza che ha una capacità di riflettere le onde dei radar diversa da quella del suolo e delle rocce lunari tutto attorno. Ma sulla Luna non ci sono falde acquifere sotterranee (tutti i campioni di rocce lunari analizzati sono secchi ), né c è una circolazione superficiale di acque, ed è quindi difficile spiegarsi da dove proviene quell acqua. È probabile che una cometa, nell impatto con la superficie lunare, abbia potuto trasformare in acqua il suo corpo di ghiaccio. Su Marte le evidenze del passaggio di acqua sono ormai palmari: alvei di corsi d acqua ormai secchi vengono messi in luce in molte immagini da satellite e dimostrano Nomadi chiedono acqua a un camion di passaggio di un agenzia di aiuti. Sahara, Mali, luglio

14 che, se non oggi, in passato di acqua libera sul pianeta rosso ce ne è stata parecchia. Oggi due enormi calotte glaciali occupano i poli di Marte e conservano allo stato solido tutta l acqua del pianeta a causa della temperatura superficiale molto bassa (attorno ai -50 C). Un eruzione vulcanica o l impatto con una meteorite possono temporaneamente sciogliere grossi volumi d acqua e farla scorrere per centinaia di metri o addirittura per chilometri, fino a quando si ghiaccerà di nuovo, magari dopo essersi concentrata in un piccolo lago. Va però ricordato che, nel caso di Marte, si tratta di un acqua particolare, di composizione differente rispetto alla nostrana H2O. Un tratto della grande depressione Valles Marineris, lunga più di 5000 km e caratterizzata da strutture di tipo fluviale e da grandi frane La cascata di Mae Klang, nel Parco Nazionale Doi Inthanon. Chang Mai,Thailandia, marzo

15 Il lavoro dell acqua H2O Normalmente l acqua penetra nelle fessure delle rocce superficiali e produce un gran lavoro fisico di erosione: infatti, quando la temperatura scende, si trasforma in ghiaccio, aumenta di volume e rompe letteralmente la roccia frantumandola in un fenomeno che va sotto il nome di crioclastismo. Il crioclastismo funziona a pieno regime quando l escursione termica è significativa e porta le minime sotto lo zero, come nelle zone di montagna, ed è anche condizionato dall andamento delle stagioni. Ma il lavoro più importante le acque superficiali lo compiono sfruttando il loro chimismo, in particolare la loro eventuale aggressività che deriva, in genere, dalle impurità sempre presenti al loro interno. L ossigeno, per esempio, provoca ossidazioni e dà luogo alla ruggine, ma il maggior responsabile dell alterazione chimica è senz altro il biossido di carbonio, disciolto nell acqua sotto forma di acido carbonico. Quando sono attaccate dall acido carbonico le rocce, come il granito, subiscono una serie di trasformazioni che hanno come risultato finale la produzione di sali, silice e minerali residuali (come l argilla). mancanza di suolo perché il pendio è troppo ripido suolo trasformato formatosi su sedimenti non consolidati sedimenti non consolidati suolo poco spesso sul pendio a seguito della maggiore erosione suolo residuale sviluppatosi su roccia madre in posto roccia madre in posto Fango lasciato dalle acque dell alluvione dopo che si sono ritirate. Mozambico, febbraio

16 I ghiacciai I ghiacciai sono enormi masse di ghiaccio che si formano nelle regioni fredde e in alta montagna a causa della compattazione e ricristallizzazione della neve. Per quanto contrasti con l esperienza comune e con l immagine che se ne ha, i ghiacciai si muovono e, anzi, la loro mobilità ne rappresenta una delle caratteristiche distintive. Il movimento lentissimo dei ghiacciai è la causa del modellamento della superficie terrestre nelle aree dove si trovano, o si trovavano, estese coperture di ghiaccio. L hotel di ghiaccio. Svezia, dicembre 2001 H2O ghiacciaio principale 30

17 I ghiacciai sono preziose riserve di acqua potabile (il 2% dell idrosfera, cioè 30 miliardi di m 3 ) e svolgono una fondamentale funzione di regolatori ecologici del clima. Se è vero che il continuo innalzamento della temperatura e i mutamenti climatici stanno lentamente intaccando l'integrità di queste fonti, facendo aumentare gli ormai noti fenomeni di scioglimento, le ricerche svolte hanno ormai dimostrato che l'azione spesso irresponsabile dell'uomo, che sfrutta i ghiacciai a scopo tecnico-sportivo, incrementa e amplifica sensibilmente i fenomeni di degrado. Di conseguenza anche l'acqua, riserva di cui i ghiacciai sono ricchi, è in grosso pericolo. Per quello che riguarda il loro possibile futuro scioglimento va ricordato che, se si sciogliessero tutti, la superficie del livello del mare salirebbe di oltre 70 metri, ma l unico contributo significativo lo darebbero i ghiacciai continentali e quelli alpini: infatti se si fondesse la sola banchisa del Polo Nord (cioè l acqua del mare ghiacciata) il livello del mare non aumenterebbe neppure di un centimetro, avendo il ghiaccio un volume maggiore dell acqua liquida. Fontanella, Evian. Francia, maggio

18 H2O Le falde acquifere Le acque fossili e tutte le acque che si trovano nella crosta terrestre (escluse quelle di origine vulcanica) sono di origine piovana, visto che possono derivare da viaggi sotterranei lunghissimi. L acqua però non riposa in grandi cavità sotterranee come si potrebbe pensare, anche se qualche volta è effettivamente così, come nelle regioni carsiche dove si rinvengono grotte con veri e propri laghi di grandi dimensioni. È quanto avviene nella zona del Carso - dal Friuli fino in Slovenia - dove si verifica uno dei processi erosivi più caratteristici nelle regioni carbonatiche della Terra, il carsismo. Dove abbondano i calcari, il biossido di carbonio contenuto nell acqua aggredisce chimicamente i rilievi fino a creare un paesaggio ricco di forme dolci, inghiottitoi naturali e doline, depressioni circolari dal fondo piatto dove corsi d'acqua e veri e propri fiumi si immergono nel sottosuolo per continuare a scorrere in profondità e riemergere anche a parecchi chilometri dal punto di immersione. L acqua sotterranea è, invece, più comunemente, contenuta nelle rocce come in enormi spugne, e questo processo di accumulo è di straordinaria importanza perché rappresenta la riserva e la fonte delle acque che escono dai nostri rubinetti. Benché solo lo 0,6% dell acqua si trovi nel sottosuolo, nei primi 800 metri di crosta dei continenti ce ne è una quantità di migliaia di volte maggiore di quella contenuta in tutti i fiumi del globo. Una falda acquifera è una porzione del sottosuolo in cui tutti gli spazi vuoti nei sedimenti e nella roccia sono pieni di acqua a saturazione; la superficie freatica è il limite superiore di una falda. In genere la superficie freatica ha la stessa forma del rilievo sotto il quale si trova ed emerge in superficie alimentando le sorgenti o direttamente fiumi, laghi e paludi. Un membro dell Ufficio per il Controllo della Qualità dell Acqua della California con un campione di acqua prelevata dal New River nel punto in cui entra negli Stati Uniti. Risultati di analisi precedenti avevano dimostrato la presenza di batteri volte superiori ai limiti di sicurezza. Calexico, California, agosto

19 Non tutte le rocce possono contenere la stessa quantità d acqua, tutto dipende dalla loro capacità a farsi attraversare, cioè dalla loro permeabilità, che dipende dalla percentuale di vuoti e di fratture che la caratterizzano. Naturalmente più piccoli sono i vuoti, più lento è il passaggio dell acqua: è il caso dell argilla che, per questa ragione, può essere considerata impermeabile. livello della falda dopo lunga siccità corso d acqua sorgente falda acquifera sospesa strato impermeabile area di saturazione (falda acquifera) pozzo produttivo superficie freatica emunta superficie freatica principale pozzo asciutto Rifugiati del Tigray nel campo di Wad Kowli, Sudan, traggono acqua da un fiume inquinato scavando buche lungo la riva sabbiosa. Gennaio

20 Senza acqua: disponibilità e disuguaglianze H2O Ogni anno la domanda di acqua mondiale incrementa e sempre più uomini e animali si trovano in difficoltà, anche se l acqua sulla Terra resta più o meno quella, ragione per cui le falde vengono continuamente sovraescavate e in molte regioni scoppiano veri e propri conflitti per la sete. I consumi d acqua sulla Terra sono molto diversi da continente a continente: nell America del Nord ogni famiglia consuma circa 350 litri al giorno, mentre in Europa il consumo scende, di media, a 165 litri al giorno e in Africa precipita a soli 20 litri. Del tutto particolare è il caso di Roma che ha una disponibilità di acqua (di qualità) straordinaria: ogni famiglia romana dispone di 500 litri al giorno convogliati da cinque grandi sorgenti e quattro campi alimentati da pozzi per un totale di 23 m 3 /s su una rete idrica di km. Nei prossimi 20 anni la quantità media di acqua procapite diminuirà di un terzo rispetto a oggi, contribuendo, fra l altro, ad aggravare i problemi della fame nel mondo. Ogni anno muoiono oltre 2 milioni di persone per malattie causate dall acqua inquinata e oltre persone sono rimaste vittime, nell ultimo decennio, degli effetti catastrofici di eventi naturali provocati dalle inondazioni. Ma anche gli altri esseri viventi soffrono: le specie acquatiche sono diminuite drasticamente, dal 10 % di quelle ittiche al 24 % in meno dei mammiferi. Le necessità quotidiane di acqua potabile per gli esseri umani sono in realtà basse: quattro - cinque litri per persona, ed è noto che i nomadi del deserto sono in grado di lavarsi completamente con il contenuto di una sola bottiglia di acqua. Ma produrre generi alimentari per gli uomini necessita di molta più acqua, da 2000 a 5000 litri al giorno: è in questo campo che si dovrebbe risparmiare recu- Una bambina riempie bottiglie d acqua da una piccola fonte ad Abi Adi sull altopiano etiopico durante la terribile siccità del Etiopia, gennaio

21 perando acqua già usata e utilizzando finalmente metodi di irrigazione per sgocciolamento e non più per canalizzazione. Basterebbe poco: migliorando l efficienza dell acqua dell 1% si guadagnano circa litri di acqua dolce per ettaro per anno. L acqua non è presente in modo omogeneo sul pianeta Terra e di fronte ad aree che ne sono ricchissime - e nelle quali dell acqua si fa uso e abuso - ne esistono molte altre che ne dispongono in quantità insufficienti, tanto che la continua riutilizzazione per usi diversi della poca acqua a disposizione la rende anche veicolo di infezioni e malattie. Tuttavia l acqua è presente in quantità abbondanti in tutti i continenti: basta dare uno sguardo al planisfero, ai grandi bacini fluviali e ai grandi laghi per rendersene conto. Addirittura ogni uomo (se non vogliamo considerare gli altri esseri viventi) ha teoricamente a disposizione circa litri di acqua al giorno! Il problema è che mentre nel nord ce ne è comunque di più e viene ben distribuita, nel sud ce ne è di meno e viene poco e male distribuita. L EMERGENZA IDRICA Chi ha più acqua (in metri cubi annui pro capite) 1 Groenlandia (Dan) Alaska (Usa) Gujana francese Islanda Gujana ITALIA Sud America ACQUA NEL SOTTOSUOLO (in Km 3 ) Nord America Europa Africa Asia Australia Siccità.Villaggio Meshal, Eritrea, aprile

22 H2O Troppa acqua: inondazioni e alluvioni Più di tremila anni fa le regolari esondazioni del Nilo e dei grandi fiumi mesopotamici erano considerate con favore dalle popolazioni locali, visto che portavano sedimenti nutrienti per il suolo (il famoso limo ), diminuivano l arsura e impedivano le fastidiose tempeste di polvere. Presso tutte le civiltà dell uomo il fiume era indispensabile alla vita e veniva venerato come una divinità: il Tevere era un padre per Roma e non c è ragione di pensare che così non fosse il Po per gli antichi popoli padani e veneti. Cosa sia improvvisamente e drammaticamente cambiato negli ultimi decenni resta un vero mistero: qualcosa si è rotto nell equilibrio idrogeologico del territorio e sembra essere superato il punto di non ritorno. Quando c'erano boschi ben tenuti e mancavano opere di canalizzazione esasperata, le acque meteoriche impiegavano il doppio del tempo per raggiungere il fiume; in altre parole lo scorrimento superficiale era più lento, le possibilità di evaporazione e di infiltrazione erano maggiori e il territorio ne risultava, di conseguenza, più protetto. Permeabilità del suolo, tipo e densità della vegetazione sono dunque fattori decisivi a parità di pioggia caduta: opere di irregimentazione indiscriminata, disboscamenti e incendi "preparano" il terreno a un'erosione accelerata le cui inevitabili conseguenze catastrofiche si fanno sentire al primo evento piovoso al di sopra delle medie stagionali. Quando i fiumi scorrono liberi nelle loro grandi pianu- zone collinari alveo cementificato terrazze zone collinari tombino grondaia strada terreni inondati argini insediamento diga Alte quantità di sostanze nutritive utilizzate dall agricoltura intensiva provocano un aumento delle alghe, con una conseguente riduzione dell ossigeno nell acqua e la morte per soffocamento dei pesci. Saltan Sea, Stati Uniti, giugno

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Non c è vita senz acqua, non c è acqua senza vita.

Non c è vita senz acqua, non c è acqua senza vita. Dossier 2003 Non c è vita senz acqua, non c è acqua senza vita. Introduzione L acqua è l elemento vitale per la sopravvivenza del nostro pianeta e la corretta gestione delle risorse idriche è la sfida

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 2Modifiche in atto. Gli impatti Il riscaldamento globale Evidenze

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve ZHUJIANG BEER Al Rawdatain. Al Rawdatain in breve SETTORE ACQUA & CSD Al-Rawdatain Al-Rawdatain Water Bottling Co. Safat, Kuwait >> cartonatrice SMI WP 300 >> fardellatrice SMI SK 350 T >> manigliatrice

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

2-5. Giornata mondiale dell acqua 2007 Fronteggiare la scarsità d acqua. Quantità e qualità. In cattive acque. Acqua e ricchezza.

2-5. Giornata mondiale dell acqua 2007 Fronteggiare la scarsità d acqua. Quantità e qualità. In cattive acque. Acqua e ricchezza. Invertire la rotta la penuria d acqua nel mondo: problemi e risposte KENYA: servizi igienici scadenti I famigerati gabinetti volanti della baraccopoli di Kibera, a Nairobi, in Kenya, sono una delle conseguenze

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

ALLEANZA MONDIALE FRA I GIOVANI E LE NAZIONI UNITE (YUNGA) Brevetto. Acqua. Prodotto in collaborazione con

ALLEANZA MONDIALE FRA I GIOVANI E LE NAZIONI UNITE (YUNGA) Brevetto. Acqua. Prodotto in collaborazione con ALLEANZA MONDIALE FRA I GIOVANI E LE NAZIONI UNITE (YUNGA) Brevetto Acqua Prodotto in collaborazione con L Associazione Mondiale delle Guide e delle Scout (WAGGGS) e l Organizzazione Mondiale del Movimento

Dettagli

Pompei. Eruzione 24 Agosto 79 d.c.

Pompei. Eruzione 24 Agosto 79 d.c. Pompei Eruzione 24 Agosto 79 d.c. Pompei si snoda sotto l ombra del monte Vesuvio. Il vulcano è oramai inattivo da 1500 anni e la gente non sa nemmeno che si tratta di un vulcano. Il 24 Agosto del 79 d.c.

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli