Progetto di Zona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto di Zona 2012-2014"

Transcript

1 Agesci Zona Udine Progetto di Zona tempo (kronos o il tempo che scorre) Entusiasmo e leggerezza Responsabilità limite (kairos o il tempo giusto per) L insostenibile leggerezza dell essere Capi competenti 1

2 "Un passo verso la felicità lo farete conquistandovi salute e robustezza finché siete ragazzi, per poter essere utili e godere la vita pienamente una volta fatti uomini. Lo studio della natura vi mostrerà di quante cose belle e meravigliose Dio ha riempito il mondo per la vostra felicità. Contentatevi di quello che avete e cercate di trarne tutto il profitto che potete. Guardate al lato bello delle cose e non al lato brutto. Ma il vero modo di essere felici è quello di procurare la felicità agli altri. Procurate di lasciare questo mondo un po' migliore di quanto non l avete trovato e, quando suonerà la vostra ora di morire, potrete morire felici nella coscienza di non aver sprecato il vostro tempo, ma di avere «fatto del vostro meglio». «Siate preparati» così, a vivere felici e a morire felici: mantenete la vostra promessa di Esploratori, anche quando non sarete più ragazzi, e Dio vi aiuti in questo. Il vostro amico 2

3 Un po di numeri, che descrivono la nostra realtà attuale Nella Zona di Udine sono presenti 16 gruppi che operano in 19 realtà parrocchiali/ecclesiali: Udine 1 (San Giorgio e S. Nicolò al Tempio), Udine 2 (Bertoni), Udine 4 (Sacro Cuore e San Giovanni Bosco-Bearzi), Udine 7 (San Giuseppe), Udine 8 (S. Cromazio), Artegna, Buia, Codroipo, Cormor, Feletto, Gemona, Pagnacco, Pradamano, Remanzacco, San Daniele, Moggio (che include le unità di Venzone). Attualmente (al 30 settembre 2012) i Capi censiti nei gruppi sono 210 (118 maschi e 92 femmine), gli AE sono 11, mentre altri 9 Capi sono censiti in Comitato di Zona e svolgono vari incarichi di supporto alla Zona. I soci censiti sono distribuiti in 16 Branchi/Cerchi (430 L/C), 17 Reparti (401 E/G) e 17 Clan (183 R/S). Missione della zona Udine(tratta dallo Statuto AGESCI) promuovere e curare la formazione e la crescita delle Comunità Capi; contribuire alla formazione ricorrente dei Capi; coordinare i Gruppi esistenti e promuovere la costituzione di nuovi Gruppi; predisponendo un apposito progetto di sviluppo; curare, per il proprio livello, i rapporti con gli organismi civili ed ecclesiali, con le altra associazioni educative, con la stampa e altri mezzi di comunicazione. PREMESSA sui valori di fondo e sul progetto Abbiamo scelto il titolo L'insostenibile leggerezza dell'essere...capi Competenti perché dietro ad ogni discussione del convegno abbiamo riconosciuto nella leggerezza, nella competenza, nella testimonianza (essere) le modalità con cui i capi vogliono vivere il loro ruolo e la nostra struttura associativa. Da tutti è emerso il bisogno di una Zona che sappia essere vicina ai gruppi e alle reali esigenze delle Comunità Capi, supportandole nella loro azione educativa, attraverso una formazione metodologica efficace nelle riunioni di Branca, nelle loro relazioni con tutti gli attori della struttura stessa e con il territorio, da cui attingere a momenti di formazione personale e in cui porsi come soggetto attivo nell ambito educativo, nell inserirsi nella Chiesa locale, sottolineando il nostro essere associazione cattolica con un carisma particolare. Essere capi, non fare i capi Siamo persone prima che Capi e siamo coscienti che la nostra missione educativa si realizza con ciò che trasmettiamo in parole e azioni, ma soprattutto con la testimonianza di ciò che siamo nel profondo. Se noi oggi siamo chiamati ad essere Capi è perché un Altro per primo ci ha affascinati, accolti ed amati per quello che siamo: sentiamo così di potere, a nostra volta, accogliere ed amare i nostri ragazzi, con entusiasmo e voglia di spenderci gratuitamente. Sono molte le sfide educative che ci mettono alla prova, ma siamo consapevoli di stare giocando un buon gioco in cui possiamo progredire tutti insieme, condividendo le nostre competenze 3

4 metodologiche-educative, il nostro spirito di servizio e sforzandoci di essere sentinelle di positività per i nostri ragazzi e per chi vive ed opera accanto a noi. Desideriamo quindi vivere il nostro servizio educativo in armonia con tutti gli aspetti della nostra vita (famiglia, lavoro, studio ) e anche senza fazzolettone ci sentiamo chiamati a testimoniare nella Chiesa e nella società il nostro essere cristiani e scout. Gli ambiti del nostro progetto Come AGESCI ci diamo un progetto per migliorare l intenzionalità e la concretezza della nostra azione educativa. Abbiamo scelto di mantenere quattro ambiti di intervento per distinguere meglio i diversi elementi su cui impegnarci come Zona, ma siamo consapevoli che vari obiettivi sono tra loro intrecciati e interdipendenti così come altri sono qui sottointesi e trasversali: per esempio non si può parlare di entusiasmo se il servizio viene vissuto con fatica o di responsabilità se non si ha la consapevolezza del proprio limite e la voglia di superarlo, così come non c è solidità nei capi senza radicamento nella fede. Siamo inoltre convinti che la scelta di poche priorità concentrate e concretizzate nei luoghi istituzionali dell Associazione possa rendere il lavoro della Zona più ordinato ed efficace nei prossimi 2 anni e anche meglio verificabile al termine del biennio e Al termine del biennio la Zona verrà convocata al nuovo Convegno di Zona Per meglio realizzarlo i membri del Comitato seguiranno incarichi precisi: 1. la formazione dei Capi, 2. essere cristiani nella Chiesa, 3. la rete sociale, 4. a comunicazione, 5. lo sviluppo, 6. le Branche. Abbiamo quindi scelto di orientare il nostro cammino in queste direzioni: TEMPO: declinato secondo i suoi due significati, Kronos, il tempo logico e sequenziale che scorre sempre troppo velocemente, il tempo delle riunioni, e Kairos, il tempo del servizio e della formazione, il tempo in cui "qualcosa di speciale accade", ovvero quello trascorso con i ragazzi, in cui agiamo la nostra funzione educativa, e quello trascorso tra Capi, in cui progettiamo la nostra azione educativa LIMITE: nostro e degli altri, inteso non come punto di debolezza ma come trampolino di lancio da cui partire consci di esserne consapevoli RESPONSABILITÀ: (e corresponsabilità) che ci vede protagonisti attivi del servizio nostro e degli altri, della crescita individuale e comunitaria Tutto questo vogliamo viverlo con ENTUSIASMO, come la fierezza e la capacità di vivere e testimoniare la nostra scelta scout con leggerezza (non superficialità, ma profonda motivazione e adesione ad una chiamata che ci rende felici nel rendere felici gli altri). 4

5 Tempo I greci usavano distinguere il tempo in Kairos, il tempo opportuno legato all esperienza del sacro,e il Kronos, il tempo cronologico. Tutti noi facciamo l esperienza di preferire il Kronos, ci rassicura perchè si fonda sulle esperienze passate che tendiamo a ripetere. Nell iconografia classica il Kronos viene rappresentato da un serpente che si morde la coda, circolo vizioso dal quale non si esce. Gesù Cristo è intervenuto nella storia di questa ciclicità. Dio si è incarnato, è sceso nella nostra esperienza umana, anche la più dolorosa, e l'ha trasformata in virtù della sua grazia. Il tempo di Dio è il Kairos, il tempo opportuno, il tempo di grazia che sta preferibilmente nel presente, nel Hic et Nunc, nel QUI ed ORA, dove cioè Dio si manifesta. E si manifesta, come dice Pascal, attraverso gli avvenimenti o gli incontri. Purtroppo, spesso e volentieri, ci sentiamo intrappolati da Kronos, da un tempo che: ci manca ci fa correre ci stressa ci fa dire dei si e dei no non sempre opportuni non ci consente di incontrare gli altri e Dio Come Capi siamo chiamati a vivere il tempo di Dio, quel "tempo nel mezzo", un tempo indeterminato, che non si ripete mai uguale a sè stesso, un tempo in cui "qualcosa" di speciale accade. Chi definisce la cosa speciale definisce l'essere speciale della cosa. È proprio la parola stessa, quella che definisce l'essere speciale. Come figli di Dio siamo Esseri speciali e dobbiamo sforzarci di vivere il Kairos, il tempo di Grazia che ci unisce a Dio Padre, con il desiderio di guardare in avanti, sperare in noi stessi e nelle persone che ci circondano. Obiettivi:!Rompere la gabbia del "tempo", riportare il tempo del Servizio al tempo di Dio, ad un tempo in cui qualcosa di speciale accade!strategia di lavoro basata sulla leggerezza elaborata in risposta alle esigenze palesate al Convegno!Favorire la formazione di una rete sinergica tra i Gruppi per valorizzarne le risorse e i punti di forza!fornire ai Capi strumenti utili alla gestione e all'organizzazione del proprio tempo!cura dei rapporti con le istituzioni civili e religiose!comitato Allargato quale momento privilegiato di condivisione del Progetto di Zona Che pensiamo di concretizzare così: Comitato Consiglio Branche Capi n. 4 riunioni del Coordinamento Consiglio di Zona degli incontri di n.1 Bottega sulla Branca gestione ed (calendario di organizzazione del date, luoghi e tempo orari) Condivisione delle Condivisione delle esperienze e delle esperienze e delle buone pratiche buone pratiche nelle attraverso il sito attività di Branca web (posti campo, attività di successo) ricerca di un incaricato per Consulta dei laici e/ o Pastorale Giovanile e/ o Ufficio di catechesi Incontri con tutte le CoCa n.3 riunioni di Comitato Allargato Nomina del Comitato di redazione del sito web Gestione del sito web (raccolta buone pratiche, condivisione esperienze, risorse disponibili) Calendario delle riunioni di Branca disponibile entro dicembre n.1 incontro sulla cura dei rapporti con le istituzioni religiose n.3 Botteghe sulla gestione ed organizzazione del tempo Condivisione delle esperienze e delle buone pratiche nelle attività di Branca (posti campo, attività di successo) Elencare le buone pratiche e le attività (es. posti campo, attività di successo, posti uscita, ) Condivisione di informazioni utili se si sono vissute esperienze particolari che possono ripresentarsi Esprimere l intenzionalità delle attività Condivisione delle esperienze e delle buone pratiche nelle attività di Branca (posti campo, attività di successo) 5

6 Limite È il termine spaziale o temporale o comunque quantitativo che non può o non deve essere superato o anche l incapacità di affrontare qualcosa o qualcuno, il superamento del quale ha per effetto un mutamento di condizioni. Crediamo che sia necessario per la Zona superare alcune consuetudini, un pensiero minimalista (il è meglio non rischiare ) che sono fattori che rassicurano, ma che potrebbero portare all azzeramento del sogno che ognuno di noi coltiva dentro di sé. Dobbiamo iniziare a pensare in termini di rete e non di singole entità, sia come Capi sia come gruppi, alla ricerca di soluzioni nuove. Il limite ed il rischio è pensare di essere autosufficienti, di bastare a noi stessi, di non innovare. L innovazione, il cercare strade nuove, devono essere parte integrante del nostro essere educatori, di essere persone alla continua ricerca della frontiera. Obiettivi:!Vivere un tempo del servizio a misura di persona!fornire ai Capi ed alle Capo strumenti utili a capire che i propri limiti possono essere punti di forza nel riconoscimento delle proprie (e altrui) potenzialità e competenze!proporre il metodo scout anche a coloro che non sono facilmente coinvolgibili!attenzione all esistente e al nuovo possibile Che pensiamo di concretizzare così: Comitato Consiglio Branche Capi Favorire la formazione Individuazione delle di una rete tra i gruppi competenze utili al per valorizzare le servizio in Branca: risorse e i punti di organizzazione di forza momenti formativi e di confronto Monitoraggio dell andamento dei gruppi (Consigli di Zona territoriali / Incontro con le Comunità Capi Sintesi delle visite alle Coca Presenza dell AE di Zona per ovviare all assenza degli AE nei gruppi Creazione di una lista di esperti a servizio delle Co.Ca. Sostegno ed accompagnamento ai gruppi in difficoltà Creazione di un portfolio condiviso delle esperienze e delle buone pratiche Mappatura delle competenze dei soci adulti con particolare riguardo a quei soci adulti che non prestano servizio continuativo nelle unità per la messa in condivisione ed il trapasso nozioni incontri di approfondimento e confronto per Capi: extraassociativi, tirocinanti, tutor 6

7 Responsabilità Come Rover dovrai ricordare che, varcando le soglie dell adolescenza verso la virilità, avrai superato lo stadio in cui si impara ad osservare la Legge Scout ma che ormai dovrai applicarla praticamente usandola come guida alla tua condotta nella vita. Per di più sei ora in situazione di responsabilità tale da dare l esempio agli altri, esempio che potrà condurre verso il bene e verso il male, a quanto a fondo tu mantieni la Promessa che hai fatto sul tuo onore, come rover, di offrire agli altri buona volontà ed aiuto. (B.P.) Il termine responsabilità deriva dal latino respònsus, participio passato del verbo respòndere, rispondere cioè, in un significato filosofico generale, impegnarsi a rispondere, a qualcuno o a se stessi, delle proprie azioni e delle conseguenze che ne derivano. Crediamo che sia giunto il momento di una assunzione di responsabilità da parte di tutti: siamo responsabili di quanto abbiamo perché non è soltanto nostro, ma dei nostri figli e dei nostri nipoti, e per noi Capi scout, di coloro che ci sono stati affidati. Anche l associazione stessa è un patrimonio da tutelare e preservare, che dobbiamo però aggiornare al tempo moderno, nel quale è necessario un atteggiamento nuovo, con il quale ricercare gli ultimi, coloro che hanno un vero bisogno della nostra azione educativa. Dobbiamo inoltre ricercare e valorizzare il rapporto con le famiglie ed i genitori che ci affidano i loro figli in un ottica di responsabilità e consapevolezza. Obiettivi:!Camminare con il passo degli ultimi in un mondo che corre col passo dei primi!favorire la crescita individuale e comunitaria!comunicazione mirata e attenta verso l esterno!iniziare un percorso di avvicinamento al percorso nazionale di catechesi!visione solidaristica dell economia associativa e nuova attenzione alla gestione economica della Zona e dei gruppi Che pensiamo di concretizzare così: Comitato Consiglio Branche Capi gestione economica dei n.1 incontro sul tema della gruppi (contributi pubblici Vocazione e privati mirati a progetti, Attenzione alla gestione quote campi, banca delle economica degli eventi divise, recupero materiale) (contributi pubblici e Riproposta di visioni privati mirati a progetti, economiche alternative: quote campi) commercio equo e solidale, riproposta nelle branche consumo critico, del commercio commercio monitoraggio dell impatto equo e solidale, consumo ecologico ed economico critico, monitoraggio dei campi estivi, cambuse dell impatto ecologico ed critiche etc economico dei campi Cura dei Capi Gruppo per estivi, cambuse critiche etc fornirgli strumenti utili per la loro programmazione, n.1 incontro di confronto con AE e parroci sulla presenza scout nelle parrocchie n. 1 incontro con il Vescovo preparazione alla partecipazione al convegno nazionale fede (15-17 novembre 2013) gestione economica della Zona (contributi pubblici e privati mirati a progetti) Sintesi delle esperienze dei gruppi e divulgazione sul cammino nazionale di catechesi: convegno nazionale fede (15-17 novembre 2013) n.1 incontro sulla vocazione e testimonianza del servizio di Capo Organizzazione di occasioni formative sul tema fede (catechesi per CoCa, momenti di spiritualità, incontro con figure significative nei momenti istituzionali ) Divulgazione di occasioni per vivere momenti di fede n.1 incontro di approfondimento sulla conoscenza reciproca tra religioni diverse confronto sui temi del progetto affrontati in Coca n.1 incontro sul tema Catechesi in unità Preparazione degli eventi di Branca come occasione formativa e di confronto tra i Capi Promozione del confronto fra stili e tradizioni dei gruppi in vista degli eventi di Zona, per vivere uniformemente la proposta dell evento sintesi dell esperienza dei gruppi con incontri di branca sul cammino nazionale di catechesi Attenzione alla gestione economica dei gruppi (contributi pubblici e privati mirati a progetti, quote campi, banca delle divise, recupero materiale) Sensibilizzar e i capi a portare il proprio servizio dove serve 7

La Zona Valbisagno. Il progetto della Zona Valbisagno. Le tappe del progetto. Gruppi della zona

La Zona Valbisagno. Il progetto della Zona Valbisagno. Le tappe del progetto. Gruppi della zona La Zona Valbisagno La Zona conta 9 gruppi e si estende geograficamente lungo tutta la vallata del torrente Bisagno. Per larga parte insiste sul Comune di Genova, nei seguenti municipi: I Centro Est, III

Dettagli

Gruppo A.G.E.S.C.I. Genzano 2 Paolo Mocchetti

Gruppo A.G.E.S.C.I. Genzano 2 Paolo Mocchetti Gruppo A.G.E.S.C.I. Genzano 2 Paolo Mocchetti Guarda lontano e sorridi... Ma quando guardate, guardate lontano, e anche quando credete di star guardando lontano, guardate ancor più lontano! Robert Baden

Dettagli

A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani

A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani COMPOSIZIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Il gruppo: Numero dei ragazzi per ciascuna unità Quanti della città, quanti fuori La Comunità capi I ragazzi

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

Comunità Capi Mogliano 2 Progetto Educativo di Gruppo (PEG)

Comunità Capi Mogliano 2 Progetto Educativo di Gruppo (PEG) Comunità Capi Mogliano 2 Progetto Educativo di Gruppo (PEG) Il Progetto Educativo di Gruppo (PEG) è uno strumento che: orienta l azione educativa della Comunità Capi; favorisce l unitarietà della proposta

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

p.e.g. Progetto Educativo di Gruppo Gruppo Scout A.G.E.S.C.I. Genova 29

p.e.g. Progetto Educativo di Gruppo Gruppo Scout A.G.E.S.C.I. Genova 29 p.e.g. Progetto Educativo di Gruppo Gruppo Scout A.G.E.S.C.I. Genova 29 Chi siamo? Il Gruppo Scout Agesci Genova 29 opera nel quartiere genovese di Quarto dei Mille. Le nostre sedi sono rispettivamente

Dettagli

Programma per l anno 2012-2013

Programma per l anno 2012-2013 ZONA DI MANTOVA Programma per l anno 2012-2013 PREMESSA Come siamo arrivati a proporre questo programma. Il nostro ruolo di educatori ci impone di guardare al futuro pur mantenendo i piedi ben saldi nel

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Milano 4. Scelta scout Esperienza della Fede Civitas

Milano 4. Scelta scout Esperienza della Fede Civitas Gruppo Milano 4 Viale Lucania, 18 20139 Milano (MI) milano4@lombardia.agesci.it PE Milano 4 Il Progetto Educativo di Gruppo nasce dalla verifica del precedente Progetto (2009-2013) e da un analisi della

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 Triennio 2009/2012 IL GRUPPO Trento 4 Il gruppo Tn4, nato nel 1947 nella parrocchia di Santa Maria, e lì cresciuto fino a che sono iniziati i lavori

Dettagli

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013 + Oratorio, passione educativa e talenti Siena, 19 gennaio 2013 I suoi strumenti e il suo linguaggio sono quelli dell esperienza quotidiana dei più giovani: aggregazione, sport, musica, teatro, gioco,

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO 2007 / 2010

PROGETTO EDUCATIVO 2007 / 2010 gruppo scout Vicenza 3 PROGETTO EDUCATIVO 2007 / 2010 1. mandato e premesse Siamo consapevoli di aver ricevuto un mandato dai genitori, dalla Parrocchia e dall Associazione per l educazione secondo il

Dettagli

Progetto educativo 2014-2017 Gruppo Scout AGESCI Schio 3

Progetto educativo 2014-2017 Gruppo Scout AGESCI Schio 3 INDICE Introduzione...4 1. Analisi dell ambiente: chi siamo e dove operiamo...6 1.1 La comunità capi e i ragazzi...6 1.2 La realtà che ci circonda...8 2. Proposta educativa: Ragazzi/Capi e chi più ne ha

Dettagli

Il Progetto Educativo del Gruppo Scout di Caravaggio

Il Progetto Educativo del Gruppo Scout di Caravaggio Il Progetto Educativo del Gruppo Scout di Caravaggio Sommario 1. Due parole sullo scoutismo in generale e sul Metodo Educativo Scout 2. La necessità di un Progetto Educativo inserito nel metodo scout 3.

Dettagli

LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO

LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO SPAZIO DEL PRESENTE Come si percepiscono i Capi e le Comunità Capi. Una serie di pensieri emersi dalle chiacchierate fatte nelle Zone e nelle CoCa. [siamo in emergenza

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

CarpiUno. Gruppo Carpi 1

CarpiUno. Gruppo Carpi 1 Gruppo Carpi 1 CarpiUno Il Progetto Educativo è lo strumento che, ispirandosi ai principi dello scautismo, individua le principali sfide in cui il Gruppo Carpi 1 è chiamato ad impegnarsi per un determinato

Dettagli

GRUPPO SCOUT PINEROLO 3 CLAN/FUOCO IL RIFUGIO PROGRAMMA DI UNITA ANNO SCOUT 2009-2010

GRUPPO SCOUT PINEROLO 3 CLAN/FUOCO IL RIFUGIO PROGRAMMA DI UNITA ANNO SCOUT 2009-2010 GRUPPO SCOUT PINEROLO 3 CLAN/FUOCO IL RIFUGIO PROGRAMMA DI UNITA ANNO SCOUT 2009-2010 Il Clan, formato attualmente da 8 ragazzi, è una comunità formata da due gruppetti : i vecchi Rover e Scolte, e i Novizi

Dettagli

STATUTO AZIONE CATTOLICA

STATUTO AZIONE CATTOLICA STATUTO AZIONE CATTOLICA 1. L Azione Cattolica Italiana è una Associazione di laici che si impegnano liberamente, in forma comunitaria ed organica ed in diretta collaborazione con la Gerarchia, per la

Dettagli

Progetto Educativo 2014-2017. Comunità Capi Pisa 3. 03 Febbraio 2013

Progetto Educativo 2014-2017. Comunità Capi Pisa 3. 03 Febbraio 2013 Progetto Educativo 2014-2017 Comunità Capi Pisa 3 03 Febbraio 2013 Da FACEBOOK al MORSE una SCELTA SCOUT Chi siamo? Sentiamo il bisogno di riappropriarci del nostro stile e linguaggio scout per riscoprire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

GRUPPO GENOVA LEVANTE. Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013)

GRUPPO GENOVA LEVANTE. Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013) GRUPPO GENOVA LEVANTE Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013) Art. 22 Statuto Agesci Progetto educativo del Gruppo Il Progetto educativo del Gruppo, ispirandosi

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

OSSERVAZIONE: COME VEDIAMO I NOSTRI RAGAZZI!

OSSERVAZIONE: COME VEDIAMO I NOSTRI RAGAZZI! PREMESSA Dallo Statuto dell Agesci 2011: Il Progetto educativo del Gruppo, ispirandosi ai principi dello scautismo ed al Patto associativo, individua le aree di impegno prioritario per il Gruppo a fronte

Dettagli

AGESCI Associazione Gruppo Scout Milano 29 Guide E Scout P.zza S. Materno, 15 Cattolici Italiani 20131 Milano E-mail : gruppomilano29@hotmail.

AGESCI Associazione Gruppo Scout Milano 29 Guide E Scout P.zza S. Materno, 15 Cattolici Italiani 20131 Milano E-mail : gruppomilano29@hotmail. Gruppo Scout 29 P.zza S. Materno, 1 Analisi della realtà- anno 2012/13 Bisogni dei ragazzi e delle famiglie: Le famiglie del gruppo non giocano un ruolo molto attivo, pur essendo sempre molto disponibili

Dettagli

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO Libretto di La Promessa

Dettagli

2. Di sviluppare, come capi, una rete di relazioni con Associazioni, Istituzioni, Parrocchia del comune di Castel d Azzano

2. Di sviluppare, come capi, una rete di relazioni con Associazioni, Istituzioni, Parrocchia del comune di Castel d Azzano PROGETTO EDUCATIVO 2008-2011 TERRITORIO La lettura continua di ciò che ci circonda e la ricerca di relazioni significative sul territorio, costituisce un valore per la Comunità Capi del Verona 8. È ormai

Dettagli

L abc dell ACR.e non solo

L abc dell ACR.e non solo AZIONE CATTOLICA ITALIANA PARROCCHIA SANT IPPOLISTO M. L abc dell ACR.e non solo SCUOLA per EDUCATORI ACR Direi che essere educatori significa avere una gioia nel cuore e comunicarla a tutti per rendere

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

PROGETTO dell ORATORIO di Zanica

PROGETTO dell ORATORIO di Zanica PROGETTO dell ORATORIO di Zanica Gennaio 2015 2 Premessa a. Comunità cristiana e oratorio L oratorio è il luogo in cui la comunità cristiana esprime l attenzione e la cura per l accoglienza, l educazione

Dettagli

PROGETTO DI ZONA 2012-2016 TESTO DA APPROVARE

PROGETTO DI ZONA 2012-2016 TESTO DA APPROVARE Zona di Bologna Via Rainaldi, 2-40139 Bologna fax +39 051 74145418 www.agescibologna.it - info@agescibologna.it PROGETTO DI ZONA 2012-2016 TESTO DA APPROVARE Nella definizione del progetto 2012-2016 per

Dettagli

Verifica programma 2013-2014

Verifica programma 2013-2014 1 Verifica programma 2013-2014 SFIDA AMBIENTALE Obiettivo ANNO 2013-2014 1AM Creare un settore specifico per l ambiente con un referente ed una pattuglietta (composta da persone con voglia di formarsi

Dettagli

A.G.E.S.C.I. Campania Zona Poseidonia PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO MONTECORVINO1 2012-2014:

A.G.E.S.C.I. Campania Zona Poseidonia PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO MONTECORVINO1 2012-2014: Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani A.G.E.S.C.I. Campania Zona Poseidonia PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO MONTECORVINO1 2012-2014: 1 ART.21 STATUTO A.G.E.S.C.I. Il Progetto educativo del Gruppo,

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2014-15

AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2014-15 AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2014-15 Approvato dal del 10-11 gennaio 2015 1 Linee guida per l attuazione del Progetto regionale 2012-16 E un progetto da mantenere flessibile e verificabile.

Dettagli

Scheda per il Laboratorio sull educazione

Scheda per il Laboratorio sull educazione ARCIDIOCESI AMALFI CAVA DE TIRRENI EDUCARE alla solidarietà e alla condivisione XIV Convegno Diocesano * Cava S. Francesco, 22-23 Ottobre 2010 Scheda per il Laboratorio sull educazione 1. Dopo la riflessione

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

SCHEDA n. 1. PERCHE UN PROGETTO EDUCATIVO: note di riferimento nei documenti AGESCI

SCHEDA n. 1. PERCHE UN PROGETTO EDUCATIVO: note di riferimento nei documenti AGESCI SCHEDA n. 1 PERCHE UN PROGETTO EDUCATIVO: note di riferimento nei documenti AGESCI (dal Patto Associativo) La proposta educativa è vissuta localmente dal Gruppo scout, momento principale della dimensione

Dettagli

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ?

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? Inserto insieme Diocesi Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? INSERTO Il Servizio Diocesano per la Pastorale Scolastica e il Servizio Diocesano per l

Dettagli

1. Una comunità con la gioia di crescere e di operare con entusiasmo a vantaggio di tutti

1. Una comunità con la gioia di crescere e di operare con entusiasmo a vantaggio di tutti Il Vescovo di Crema Alla Comunità Cristiana che è in Casaletto Vaprio, al parroco, don Achille Viviani, ai membri del consiglio pastorale, alle catechiste, ai diversi gruppi impegnati. Sono passate alcune

Dettagli

A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO. Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare

A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO. Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare Il perché di un Progetto educativo? Lo scoutismo è certamente un avventura affascinante per

Dettagli

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Per voi sono Vescovo con Voi sono cristiano (S. Agostino) Parti della Lettera Prima Parte: CHIESA di LUCCA

Dettagli

RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA

RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA Il Consiglio Pastorale Parrocchiale, come organismo di comunione e di corresponsabilità, a servizio della comunità parrocchiale, per

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

REGOLAMENTO DI FORMAZIONE CAPI

REGOLAMENTO DI FORMAZIONE CAPI REGOLAMENTO DI FORMAZIONE CAPI L adulto che ha fatto una scelta di servizio quale capo nell Associazione, a partire dall ingresso in Comunità Capi si inserisce in un itinerario di Formazione Permanente

Dettagli

Appartenenza e metodo nel MEC

Appartenenza e metodo nel MEC Appartenenza e metodo nel MEC Per un nuovo inizio del Movimento, per il rilancio della vita delle nostre Comunità Qual è il legame tra appartenenza e metodo? L APPARTENENZA CHE È PRIMA DI TUTTO UNA SCELTA

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

L utilità dell approccio sistemico nelle nostre azioni

L utilità dell approccio sistemico nelle nostre azioni AIC Contro le povertà, agire insieme L utilità dell approccio sistemico nelle nostre azioni Ottobre 2008 Quaderno n 12 Sommario Introduzione Utilità del metodo sistemico per risolvere un problema ricorrente

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

Laici cristiani nel mondo di oggi

Laici cristiani nel mondo di oggi Laici cristiani nel mondo di oggi Francesco Benvenuto Roma Centro Nazareth 3 settembre 2015 3 settembre 2015 Roma - Centro Nazareth 1 Una riflessione Dal dopo concilio siamo stati abituati a progettare,

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

CERIMONIALE R Y S CLAN/FUOCO FOLKE BERNADOTTE AGESCI GRUPPO SCOUT PALLANZA 1

CERIMONIALE R Y S CLAN/FUOCO FOLKE BERNADOTTE AGESCI GRUPPO SCOUT PALLANZA 1 CERIMONIALE R Y S CLAN/FUOCO FOLKE BERNADOTTE AGESCI GRUPPO SCOUT PALLANZA 1 2 Dal Regolamento Metodologico (2004) Art. 32 interbranca Le relazioni nella P.P. [...] La P.P. del ragazzo è segnata da cerimonie

Dettagli

1. una scelta responsabile

1. una scelta responsabile 1.a tappa : preparazione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1. una scelta responsabile Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Coloro che li sentivano raccontare

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

È lo strumento educativo della parrocchia, il luogo della missione della parrocchia per i ragazzi, gli adolescenti e i giovani.

È lo strumento educativo della parrocchia, il luogo della missione della parrocchia per i ragazzi, gli adolescenti e i giovani. 1. 1. Oratorio: definizione. L Oratorio è una comunità che educa all integrazione vita-fede. È lo strumento educativo della parrocchia, il luogo della missione della parrocchia per i ragazzi, gli adolescenti

Dettagli

A G E S C I PEG PROGETTO EDUCATIVO GRUPPO R O M A

A G E S C I PEG PROGETTO EDUCATIVO GRUPPO R O M A A G E S C I R O M A PEG PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO 1 3 1 2 AGESCI ROMA 131 AGESCI ROMA 131 Progetto Educativo di Gruppo I. IL GRUPPO 1. Il nostro Gruppo, attivo da settant anni all interno della Scuola

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2015-16

AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2015-16 AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2015-16 Approvato dal del 17-18 ottobre 2015 1 Linee guida per l attuazione del Progetto regionale 2012-16 E un progetto da mantenere flessibile e verificabile.

Dettagli

Animazione alla testimonianza. comunitaria della Carità CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013

Animazione alla testimonianza. comunitaria della Carità CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013 CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013 Animazione alla testimonianza comunitaria della Carità Mimmo Iannascoli Resp. Formazione Caritas Diocesi di Caserta Cosa: ciò di cui andremo ad

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale AZIONE CATTOLICA ITALIANA ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI TORINO Corso Matteotti, 11 10121 TORINO Tel. 011.562.32.85 Fax 011.562.48.95 E-mail: presidenza.ac@diocesi.to.it Partecipazione e responsabilità dei

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO 2015-2017 COMUNITA' CAPI GRUPPO AGESCI BERGAMO 3

PROGETTO EDUCATIVO 2015-2017 COMUNITA' CAPI GRUPPO AGESCI BERGAMO 3 ASSOCIAZIONE GUIDE E SCOUTS CATTOLICI ITALIANI Gruppo A.G.E.S.C.I. BERGAMO 3 Via Leone XIII, 14-24124 Bergamo C.F. 95142520162 http://bergamo3.it E-mail : info@bergamo3.it PROGETTO EDUCATIVO 2015-2017

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

Discorso di apertura

Discorso di apertura 3 Incontro delle IUS Discorso di apertura Roma, 13 luglio 2001 Luc Van Looy, sdb Iniziamo un incontro che si trova tra memoria e futuro, in un punto importante della storia umana e della congregazione

Dettagli

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità PRINCIPI GENERALI DELLA COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA Preambolo Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità Dio ci ama e ci salva L'azione dello Spirito Una storia di grazia PRINCIPIGENERALIDELLACOMUNITÀ

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

STATUTO. Titolo Primo Principi

STATUTO. Titolo Primo Principi STATUTO Titolo Primo Principi Art. 1 - L «Associazione Italiana Guide e Scouts d Europa Cattolici» (della Federazione dello Scoutismo Europeo - Fédération du Scoutisme Européen), costituita a Roma il 14

Dettagli

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse Il Vescovo di Crema Alla Comunità parrocchiale di Ripalta Guerina, al parroco don Elio Costi, ai membri del consiglio pastorale, ai catechisti e ai diversi collaboratori Sono state veramente giornate intense

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Gruppo Scout OSIMO 1 CARTA DI CLAN

Gruppo Scout OSIMO 1 CARTA DI CLAN CARTA DI CLAN La carta di che??? E la domanda che affiora nelle menti dei novizi, e che, persino dopo svariato tempo, a volte ritorna anche nei ragazzi/e del clan per cui può essere difficile coglierne

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO 2015/2018

PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO 2015/2018 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO 2015/2018 "Spingere il ragazzo ad apprendere da sé, di sua spontanea volontà, ciò che gli serve per formarsi un carattere forte". ANALISI DEL PRESENTE - ORATORIO La realtà

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Via dei Pucci, 2-50122 Firenze FI tel 055267701 - e-mail caritasfirenze@caritasfirenze.it sito: www.caritasfirenze.it

Via dei Pucci, 2-50122 Firenze FI tel 055267701 - e-mail caritasfirenze@caritasfirenze.it sito: www.caritasfirenze.it Diocesi Firenze Caritas diocesana Firenze Via dei Pucci, 2-50122 Firenze FI tel 055267701 - e-mail caritasfirenze@caritasfirenze.it sito: www.caritasfirenze.it Caritas diocesana Firenze 1 Il Laboratorio

Dettagli

CONVEGNO DELLA DIOCESI DI ROMA

CONVEGNO DELLA DIOCESI DI ROMA CONVEGNO DELLA DIOCESI DI ROMA CAMILLO CARD. RUINI Famiglia e comunità cristiana: formazione della persona e trasmissione della fede Relazione conclusiva del Cardinale Vicario Basilica di San Giovanni

Dettagli

Oratorio San Giovanni Vicolo Due torri, 5-25122 Brescia 030280305 - sangiovanniev@libero.it

Oratorio San Giovanni Vicolo Due torri, 5-25122 Brescia 030280305 - sangiovanniev@libero.it CAg 2Torri Oratorio S. Giovanni il progetto Oratorio San Giovanni Vicolo Due torri, 5-25122 Brescia 030280305 - sangiovanniev@libero.it La storia Il Centro di Aggregazione Giovanile (CAG) Due torri è un

Dettagli

Gruppo Scout La Madonnina MILANO 22. Progetto Educativo di Gruppo

Gruppo Scout La Madonnina MILANO 22. Progetto Educativo di Gruppo Gruppo Scout La Madonnina MILANO 22 Progetto Educativo di Gruppo 2010-2014 Il cammino educativo che proponiamo a bambini, adolescenti e giovani del nostro Gruppo scout parte dal convincimento che ciascuno

Dettagli

Vademecum degli Oratori

Vademecum degli Oratori Ufficio Pastorale dei iovani Vademecum degli Oratori Elaborato da Ufficio Pastorale dei Giovani in collaborazione con la Consulta Diocesana di PG Anno 2010-2011 Appunti per favorire il confronto e la riflessione

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

ASSOCIAZIONE GUIDE E SCOUTS CATTOLICI ITALIANI GRUPPO ROMA 113 Zona Roma Centro Urbis c/o Parroccia della Natività di Nostro Signore Gesù Cristo via

ASSOCIAZIONE GUIDE E SCOUTS CATTOLICI ITALIANI GRUPPO ROMA 113 Zona Roma Centro Urbis c/o Parroccia della Natività di Nostro Signore Gesù Cristo via ASSOCIAZIONE GUIDE E SCOUTS CATTOLICI ITALIANI GRUPPO ROMA 113 Zona Roma Centro Urbis c/o Parroccia della Natività di Nostro Signore Gesù Cristo via Gallia 162, 00183 Roma agesci.rm113@gmail.com PROGETTO

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli Ci sono due cose durature che possiamo lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali - W. Hodding Carter II

Dettagli

SETTORE ADULTI ! PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI. ! anno

SETTORE ADULTI ! PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI. ! anno SETTORE ADULTI PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI anno PRESENTAZIONE #Viaggiando sull esempio di Maria, per essere uomini e donne che camminano «lungo la vita», luogo teologico in cui Dio si fa presente

Dettagli

COMUNITA MISSIONARIE LAICHE Diocesi di Milano. Contributo al Convegno Missionario di Sacrofano

COMUNITA MISSIONARIE LAICHE Diocesi di Milano. Contributo al Convegno Missionario di Sacrofano COMUNITA MISSIONARIE LAICHE Diocesi di Milano Contributo al Convegno Missionario di Sacrofano La Comunità Missionarie Laiche ( CML), risiede attualmente a Legnano, nella Diocesi di Milano, ed è presente

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli