La casa retica In ep oca protostorica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La casa retica In ep oca protostorica"

Transcript

1 I Studi Trentini di Scienze Naturali I Sez. B I Volo XLIV I N. 2 I pagg Tren to 1967 I IIENAT O l'eiiini La casa retica In ep oca protostorica Gli scavi effett uat i negli ul tim i an n t In di verse zone de lla reg ione alp ina ce nt ro-orientale hann o porta to alla luce resti di abitaz ioni proto storich e. T ali re perti (distribuiti su d i u n 'area relativa mente vasta che dai Monti Lessini arriva al T irolo settentrionale ed all' Engad in a ). offron o unii indicazio ni per la conosce nza d i quell'ed ili zia alp in a che è da riferire all" n orizzon te l'etico l). a nche per l'afflnìtà dei resti cu lturali rinvenu ti nel corso degl i scav i stess i. Con la presente nota dia mo un'i ll ustrazio ne di quegli ele m enti, dei reperti in questione. che permettono di tracciare u n primo quadro dei cr iteri che furono segu iti ne lla costruz ione delle abit azion i, appu nto re tiche l). SANZENO Val di Non (Trentina) Con gli scavi cond otti tra il 1950 ed il 1955, in local it à Casalini, vennero portati a lla luce 'i resti di a lcu ne case. delle q uali, un a, pressochè in tegra nella sua stru ttura mu ra r-la 2). 1.1 Le varie in terpre raaìoni che :"0 110 sta re da le circa la Funzione di queste cas e. no n han no an cora av u ta una proba n te documeutneione. per cul r imane valido il dubhlo SI' esse debbano essen' considerate come loculi ad ibit i ad usi par tic olari o ed nhi tazin ui vere e prop rie ( ciò ch e per il momen to riteniamo in q ues ta no ta ). Solo lo scavo d i l u tto un insedi amento ci pot rà forn ire ido nee ind icazioni s ul l'u rhanisti r-a d i q uest i villaggi e sull 'event uuh- uso spec i fico di og ni singola casa. 2} F nc; OLAR I G San zeno nel l'a n au n ia in Civ il lil del Ferro: Forni. Bolog na. Ri porta la plan ime lria dello scavo. rel azione e vul utnxion e d ello stesso.

2 Nella presente nota prendiamo in con siderazione appu n to que sta ultima. Essa si presenta com e un grande vano re ttangolare ( m 9.50 x 5.25) scava to entro il deposito glacia le (fig. l) per u na profondità di 111 l 3). Fig. l 81I/1z,' //O Pianta della ca sa l : 200. (luc(fi'utll dii FOC;O L,\R I G IImbif'tlti H, 1 ) Per facilitare In letlura dell e piun u-. -ono -egn at e in ne ro le piet re del muro perimetrale eri in hinn cu que-lle a lla hasc dr-l muro e sul fondo. I muri perimetrali (quello a NO - il più ben conservato - è alto m 0.80) cos tru iti a secco con la stre di pietra di sposte orizzon tal mente e sono collegati con il terreno mor en ico me diante un rie m pi me nto a ciottoli. Presso i qu attro angoli dei muri e lungo gli stessi si a prono, sim m etrici, degli 'inca vi vertica li a lla base di ci asc u no dei quali si trova una lustra di pietra. or izzon ta le: gli in ca vi ango lari sono pure 3 ) vedi fogo LAlI 1 G. citato. la ca..etta po nn la denom in azione (Ii: ambie nte H..u I. Ri ngrazio la Pruf.ssa Ci llli" Fogulari. :)o/,rui" te njetlte III/P Antichità delle l 'ellez;e che gentilme nte ha voluto mettej-mi a d isposiai éne le Fotografie di Sa nzeno.

3 r-ivest iti, lateralmente. d a lastre di calcare dispost e ver-ticalmente (fig. 3). Il fondo c costituito da un ba tt uto di argilla rossa stru poggiante. su lle gh iaie morcnichc. Fig. :1 S flll:l:'llfj - Partirolure della scalen n cost ruitu con pier re d i calca re. sce nden te H' r"o il corridoio. l' della -oglin iii last re allingres-o alla xona abitabile. ( Folo 8 01Jri"tPIU/,.f1 :Al (fl/f' Alltichit il delle l' E'tle::ie.1 L"accesso al locale è dalo da un corridoio di In 3.80 x 1.60 aperto lungo il la to SO. Una scaletta di cinque g ra d in i - per uno svil u ppo in al tezza di m scende nel corridoio e d i qu i. attraverso unape r tura su lla me d ia na de l m uro SO e larga alla sog lia m 1,70, si entra ne l vano abi ta bile (fig. 2 ). All'interno, il deposito era form a lo da ter riccio rossustro mi sto a molli frammenti di argil la con impronte d i gra tl iccia lo o di sussu sopra il fondo. uno strato carbonioso conte ne va abbonda nti rest i culturali (fra i qual i. di par-ticola re rilie vo. parte dell'a rred amen to, u n alare. due ch iavi ed una ma n iglia in fe rro).

4 VILL - Inns bruck Durante gli scavi eseguiti nel 1943, in località (( T urmbiichls». ven nero alla luce le stru tt u re muraric. quasi in tegre. di due case 4). Fig. 3 Sllllumu. Pu r ticula re di UIlO degli inca vi ver ticali, aperti nel mu ro. 0\' (" er a no incassa t i i pa li pu rtami ln sovrnst r ut t urn di co pe r tu ra. So no visibil i la piet ra alla ba s... e le la stre ve r t iculi che prote ggev a no il palo dal ter re no. (F% S OPTlli ll / r>1/i11!/l ZfI alle AI/fichitlÌ delle V{, li f'z it ) La prima, addossata al pendio di un coll e c denominata I ( Heiligtum» ( san tuario ), è una granùe costr uzion e quadrangolare (In x 8,4 0 ) con rest i di un nuovo m u ro in terno che la divid e in du e vani. I m uri peri metrali ( q uello a N e pa rt e di quello ad O sono Interratl. men tre q uello a S è a riempimen to) sono costr uiti a secco co n pietre d i media dimen sione c presentano, nell a parte interna, degli i ncavi ver tica li (d i cm 30 x 25) en tro i quali fu rono raccolt i resti di pa li ca rbonizzati. poggianti su una pietra orizzon ta le a su per ficie piana ( fig. 4). 41 :\" ". T ~ ~:11 H.. 19H. Die.lllirer- > Sidluug in ViiI. lnn sb ru ck.

5 Il fondo è in terra compaua. Sul pavimento del va no maggiore giace una grande pietra q uad rangolare circondata da un ca nale de lim irato, all 'esterne, da last re di piet ra fissate verticalmente. L'accesso è costit ui to da u n cor ridoio. delimita to da grossi mu ri. che da l primo ingresso a SE cor re lu ngo il m uro E pe r ripiegare ed immettersi all'interno presso l' angolo NE " ~~ 7.JL ~ e; ~ Q W lsiiìasr ""~ ~,;rll.._.. ~ Fi g-..j VII.I.. Pi anta della grandr- (' 1l~1I d enominala «H eillgtum»: le pnrfi mancan ti sono tru ueggtate. 1 : 200, i o (riravato du MII.T M:H H ". '1.,;"' ;. -;.-,.:;fj..:..ijg~ ~...: rl _ A -.:-.;;;'.t;, '" < F ig, 5 VIlL Pia n ta dr-ila second -i easn, I : ( r iclfl'fi /U fin ) IJLT:'\Ui H )

6 - u - A ll'esterno. si noia no resti murari di un a cos tru zione (forse preceden te ) con p iet re a ngolari alla bas e de i muri N ed E. La secon da casa. di dimensio ni pressochè uguali. e sca vata su l versa n te se tten triona le ed è lu terrata su tre lati (fig. 5). I muri perim etrali. in di screto sia lo d i co nserv azione. presenta no degl i inca vi vertica li disposti simmetrica mente, come ne lla prima capa n na. Su l fondo. in terra com pa tta. si ri nvenne un a lli neamen to di p ietre poste trasversalmen te da N' a S. rest i di tr ave ca rbon izza ta ed una soglia: lungo la mediana lon gitudinale, e sim metriche ai due incavi, giaciono due pietre a su perficie superiore piana. L'accesso cons iste in un corridoio t artlcolato e delimitato da grossi muri) che iniziando da l prolu ngamento del muro N. scende sino a ll'angolo NE. quindi. piegando a gomito. cor re lungo tutto il muro E per ripi egare verso lingresso (c he presenta un gr ad ino) a per to neirangolo SE. STA NS. Schwaz (Unterinntal) Con lo scavo co nd otto 111 locali tà «Bucgbe rg», nel corso del ven nero po rtati alla luce resti di abita zioni sem in te rra te. una delle quali. la «Haus 5 li. quasi in tegra nella sua str u tt u ra mura ria s ). Tale abi taz ione con sta d i u n gra nde va no quadrangol are. in terra ta. di IU 9 x l O. e d elimitato da muri a secco. dello spessore di cm,')0, costruilo con pi ccol e pi et re. Negli an goli vi sono grandi last re veru culi: alla base dell 'angolo N O giac e una pi etra (tanto appare ne lla pl unimet ria de ll'allb pietra n. Il - o.c.}. Non vi sono ind icazioni di even tua li, a lt re pietre giacenti in sltu sul fondo. L' accesso - a corr id oio - largo poco pi ù di un metro. 1ll1Z13 a SO co n una scalett a in pi etra. d i tredici gradini. ( che scende verso N) e prosegue pi egando ad a ngolo verso NE sino a ll'ingresso a pe rto a metà del m uro O (fig. 6 l. S ) LII'I'E A Ein \ org e;;('hichllicile \l'eiler D Ue dem Burgberg von Sta ns bei SchwaFJ:. Schlern. Schrifte n 199. L A. da u n resoconto sui ri su ltati de llo S C8 \ ' O ecu II' pia nte. la possibil e sit uazione oeigina riu e..ehem i di ricostruz ione.

7 - '4- Nel livello su pe r -iore ai resti dell a costruzione intercala. furono rinven u te grosse pietre (scivola te dalla sede origina ria ti) e due focolari, l'uno in prossim ità dell'angolo SO e l'altro in cor rispo nde nza del muro. E. delimitat i en tram bi da lastre vertica li. Fig. 6 51''\ ]'1,'5. Pianta de-lla " Heus 5 Il. (r;('(li'(if a du L I I' I'E A. 1960) WATIENS Volders (lnntal) Su l coll e (( Himmelreich». lo sca vo interessante un piccolo insedi amen to cin ta to permise d i portare a lla luce i resti d i ci nq ue case 7). 6) Llrl' E A c.c. - XetrAhlJ. 14 son o segnate le pietre. nelln posi zione d i rtnveo tm en to. e l'i ndi cazio ne. secondo l' In terpretaeione di'ira.. della possibile sit uaz ione originari a pri m a dello sc ivo lamen to, i l KASSERU LU A D ii' l'orgf!sc h ic h tlichf> N it'fierjflssuljf, au] dem H i m me ìr e ìch " bei lf rjltf'lls. Schl ern. Schnfte n 166. L A. da un 'am pia re [az ione de llo H'a\'O e sue valutaz.ion i, ripo rta ndo. olt re le!-in,!1:olf' pian te. una planimetria genera le delli n..edtame nt o n-ci nt ato e che. olt re II" ca-e, com prende pur.. una profo nd a cisterna. V A. int erpret a i rest i alla luc e come locali ad ihili n r-an ti na e cucina sopra i q ua li doveva tro varsi una casa o blocco.

8 - -J5- Esse sono di sposte lungo il pend io, addossate alla roccia che i: sta ta Iavora tu. dove nec essar-io. per gli opportuni adat tumen fi. I muri perimetrali interni. costruiti a secco, poggian o ge ne rnlme n te co ntro un terrapien o. nei lat i a valle. ; \'; l ~ (j.....' Fil:, 7.\I lm tt'spi di S j'r.~f}. P illll(li dt>il,' du e t-a-e (P Il dl";;l r ll In :!" n..ini..ira] 200. triliel'o IL PEIl I:\I) I resti di qu est e case l'ipropongon o. nella parte iuterram, lo schema de lle plan imetrie precedenti: la I ( di x 4.50 ricorda la casa n. 2 di Vi li. la Il q ue lla di Stans. m en tr e la V. cost ituila Ila d ue vani con lungo e com plicato accesso a co r ridoio. assomma le due pian te precedenti ). N'l'Ile adlucenze di ciascuna dell e prime tr e ca se, ad un li vello su pe riore. vi se no altre tre piccole case lle (In 2.80 x 2.50 Il, l ] prive di ac cess o a corridoio e che il Kesscrolcr considera come pertinenze de ll a prima. Nei deposit i inter n i. olt re ad ab bonda n ti ca rboni. si rin ven nero a rg ille di tamponamento. MONTESEI DI SERSO. Pergine (Trentino) Duranto gli scavi co ndo tti Ilei i\lont cs.ei neg li a nni 1963 e 1964 ve n nero alla luce le strut ture m u rar-le Ili due case. in buono sta to d i eo nse rvaaione (fig. 7 ).

9 - ~6 - Fig. 8 M Oli/t' sei d i Serse - l re -sti della 1" c a~a vist ì da O. (tifi B ROGLI O A.. P Enl :>; 1 n ) La prima casa ~ ) e form at a da un vano se m in ter ra to lungo In 7 x 4,30. I muri peri m et rali - a secco - so no costru iti co n rozzi sas51 di perfid o. pi uttosto grossi sul Ialo O e posti ve rtica lmente : lungo tutto il perimet ro non vi sono bas i di fondazio ne (fig. 8). I mu r i raggiungono l'a ltezza di m 1.70 a :N e di 111 l a S. dove il Ilvel!o d el terreno r isulta a lza to d a un grosso terrapie no (largo In 1.80 ) e deli mitato a S da un murett o otten u to con m at e rial i di riporto ri ca va to nel co rso della cost ruzio ne dell a casa 9). Il Fondo, pi an eggiante. è form a lo da uno st ra to cii ghia ia compressa e p resenta due buche : una, dci diamet ro di cm 40 e profonda crn 40. l'altra, efissoidale, di cm 70 x 4 0 e profonda cm 20. SI BnoGLI o A.. P E lli N I R, Hisuhuìi di lino >it' UVO nelluhi tuto prei storico dei.\ Iontesei d i Serso in Valsuga na : Il Studi 'I'rent ini di Se. Nat ural i ". XLI n. 2. 9) Il rilievo st rn fig ru fien all a fig. 2 d e l lavora ci tato. sta rebb e Il d im ostrare come lo strato (3 corrispo nda a l livello superiore o r-igi na rio del terra pien o.

10 - n - AUa base degli angoli vi sono delle pi et re a superficie super iore pianegg ian te, allinea te con altre, sim metri camen te fra loro, poste alla base mediana dei muri, mentre una è al cen tro del fondo (fig. 9 ).. L'eccesso è form a lo da un corridoio a piano inc li nato, d iscendente da E verso l'angol o NE. Esso è delimit ato a N da un muro lungo m 3.50 (che, sos ta nzialme n te, è il proseguim ento del muro N della, casa ) ed a S da un mu retto di ID 1,80, in izia n te con una pi etra ve r tica le. L'apertura d 'ingresso è delimitat a, sul fondo da una soglia d i pietre alli nea te. All' in ter no furono locali zzati, d u rante lo sca vo, dei grossi caro boni - residui d i pali - speci alme n te in corrisponde nza dell e p ietre d'angolo e de lle mediane; al ce nt ro, vennero raccolte una rozza mani glia ed alcuni ganci di ferro. Ad una d istanza di m 2,70, ad O d ell a casa sopradescrittn, ne è sta ta portat a alla luce una secon da IO) che m isura In 7 x 6, 80 ( fig. 6). Il su o muro p erimet ral e. esegui to a secco, è fo rm ato a tratti da g rosse pi etr e verticali e a tratt i da p iccole p ietre sov ru pposte roz zam en te; a N ed a E V I sono inolt re dei muretti arretrati di consolidam en to. Il m uro. che manca di fondazioni, poggia per circa i 3 /4 del suo svil uppo su Condo dell a cusa. II gh ia ie, ad un li vello superiore di cm 4 0 rispetto al muro N raggiunge. dal Co ndo, l'altezza massima di m 1,70 mentre que llo a S è di un so lo m etro. Il fondo. piu ttosto irregol a re, e posto ad un li vello infer iore di cm 80 risp etto a lla prima casa. è a gh ia ie ed a pi etrame; nella zona ~ E p resen ta una supe rficie quadrango lare di com pless ivi m q 16,50, più alta di cm 40 risp etto a tu tt o il resto del Condo. A l ce n tro sporge da l fondo. per cm 55, un grosso m asso di porfido di m l,3d x con su pe r ficie su per iore in clinata verso NO, solca ta da un canale profondo cm 9 e scende n te verso O. Dalla base del masso cen tra le corre su l fondo, sino al m uro S, una sog lia di p iet re allinea te ed a su perficie su pe riore piana li vellata (la altre piccole lastre. In corrisponde nza della sogli a, all a base del m u ro O, si nota una risega ( lu nga m x 0,20 x 0,25), ' pu re livellata. a tratti, co n piccole lastre di porfido. A lla ba se del m u ro E SI p resentano i resti di un'altra r lsega. T utt i qu esti elem en ti si t rolo) P EHI;'l1 H., R isultat o dello scavo d i un a ca pa nna de ll'oriz zonte re tico nei Mon tcsei d i Sceso: Stud i Trentini d i Scienze Na tu rali XLII. n. 2, see. B. La not a contiene l'inventa rio t" la pos izion e dei reperti.

11 Fi g. 9 MOllt esei di Sersc. P art icol are con una de-lle pi etre alla ba se t1 (>1 muro. su lla q ua le poggiav ano i pali portan ti III sovrust rut tu ru {Ii ccperturu. vano con la superficie superior e pressochè allo stesso livello, come pure altre du e pietre. poste l'una. al cen tro tra il muro E e la soglia, l'altra, al punto medio della soglia stessa ( fig. lo). Altre pietre sono poste nell'angolo NO e lungo il muro N. Si acced e alla ca sa da du e ingressi ape r ti su l lato meridionale e sepa rati da u n basso m uretto a riempimento. Men tr e l'accesso ad O è in gran parte di strutto. quello ad E con serva ancora in buone cond izion i il prospetto aper to nel terrapien o. lungo ID 3,60 e che, in izian do con una risega d i m 2. termina alla sog li a d 'ingresso con un basso muretto. A S sono a ncora visibil i le pie tre delimitant i. all'esterno. il terrapieno che fa corpo con quell o della P casa. All'I nterno. durante lo SCa vo. fu ro no rilevati grossi carboni lungo mu ri. presso gli a ng oli. sopra la sede ce ntra le e lungo la med iana. In corrispo nde nza dei du e in gressi ven nero raccolte due manigli e In ferro a testa d'a riete, una delle quali molt o ossi da ta e com penetrat a a frammenti di legno. Tra gli abbondan ti resti cult u ra li vennero pure raccolti pa recch i ga nci in ferro ed u n alare pure in ferro.

12 - H - Fig. lo M Olltese i (Ii Se rso l r es ti de lla 2<1 cu-u vtsn da N. (foto M. PERI:";I) RAMOSC H Enga dina S u lla som m ità de l colle c( La Me na ta» ven ne porta ta alla lu ce la stru tt u ra murur ia di un a gra nde casa di m 12 x 12 Il). I rest i dell a stru tt u ra, in d iscreto sta to di conser vazrone. consistono in grossi m u ri a secco con riem pime nto. dell o spessore di m l,50. Interna ment e. tutt'int orno a lla base dei muri. corre u na risega regola re. a l Ia lo ester no della quale. ad in le rm ittenze di m 3 circa, s porgon o delle pi etre. allinea te con altre q ua ttro aven ti una eguale superficie su periore e poste su l fondo (qu i assai irregol are ) allo stesso livello. Il ) FREI Die Au sgrahu ng auf der,\ Ioll a la be i Ha mosch im Ilnterengadi n J eh rbuch der Schw. Ge:;.ells f. Urge schich te Band Qui i! riportat a la plen ime-trie co mpleta dello scavo,

13 Antistante all'ingresso, aperto sull a mediana del muro N O, si presenta un piccolo vano aperto e r ipa ra to a NO da un muretto più grosso dei du e laterali.. Resti di una c~s t ruzi one più piccol a furono me ssi in luce nelle adiacenze.,,,,,,,,,,.., I---l ~ \' ''''0'''''I / I \10G1J- \I \ 1\ ~ ) -,, ~,,~l \\~ r - ~ t'a. II "",",,,,,,,,,,,,,,,,,,, 1\..' \('''' Fig. Il S. AllllU di A liuedo. Pianta dell a casa sul Costcgion di Mente Loff u. I 200, (da BATTAGLIA R., 1934) S, ANNA DI ALFAEDO " Verona Lungo il costone roccioso del Cos teg ion di Monte Loff a, furono rinvenuti resti di cas e di spo ste a terrazzo. mentre su lla sommità fu scoperta una grande ca sa sern in ter rata 12). II piano abitabile. a pianta quadrangolare, è lu ngo m 7,50 e largo In 5,25 ( fig. Il). I muri perimetrali. ben conservati, sono for- 12) BATTAGLI A R S. Anna di Alf aed o. Hesti di un santuario vene togalli co: Notiz ie degli Scavi vol. X 4. Pur rifer ito ad alt ro ori zzonte. si è ritenuto opport uno ri cordare q uesto docu mento anc he per 11.1 presenza di rest i di tazze Sa nzeno. reperto. questo. che pot rebbe testimoniar e st re ul rapporti con l'ori zzonte retico del Tren tino. È da ricordare che a Rotzo ( v. PELLEGRI NI G L a stazione Preromana di Rolzo; A tt i Jet. Ven. Se. Le. Arti LXXV) Furono scopor tt resti di case semiuterrate di cui una di m 8 x 4. rife rite all'o rizzon te gallo-veneto; manca no però precise indicazioni di possibili ra pporti con orizzont e refico della confina nt e Valsugana.

14 - 51- Fi le, 12. S. AlIlIa di A I/aedo. Pa rticolare (lei muri perime tral i 8 Itra ndi lest roni \"( rt i<'a li. ( Foto Soprilltt'lJtien za alle Antichità delle l'",lit>::ie) mat i da g rossi lustron i quadrangul uri, d i calcare, messi in posizione ver tica le e pogg ia nt i. senza fo nda men to. su l fon do roccioso ; su l Iato merid iona le, in vece, essi sono ten uti ri tti da alt r i rob usti last roni posti a rincalzo ( fig. 12). Mentre il muro ra ggiunge i m 1.50 d i altezza. q ue llo meridionale è di cm 70. IJ fondo è dato dalla roc cia 111 situ o L'a ccesso alla casa è formalo da un cor ridoio (lu ngo m 3,5 0 x I ) a ll inea lo al mu ro me ridi onale. de limita to da Iastroni ver tica li ed comun icaz ione con un a ltro corridoio corre n te lu ngo la roccia c pure detimituto da lnstron i. l'ingresso al vano abita bile è a pe rto nell 'a n golo SO. NeIrinterno della casa ve nnero trovati allri lastron l. a quote diverse od obliqui. c he però non sem bra vano in posizione originale. Fra i resti cultu rali mancavano (fucili riferibili all'nrreda men tc della casa. * * * Da lla docum en tazione che ne abbiamo è da no tare. anzitutto. ch e tutte le case deirori zzontc reti co prese nta no lo stesso me todo stru t- in

15 turale e ripetono lo stesso schema a pi anta q ua dra ngolare 13), variando solo in parti colari accessor i (a nc he le dim ensio ni n on presenta no notevoli diverg enz e; la «Hcrrenhaus l) de lla Mottata, app un to per le sue notevoli dimensioni. è da ritenersi un'eccezione). Ge nera lmen te è stata adottata la costruz ione sem irrter ra ta, sia pure co n particolari ada tt ame n ti alla confor mazio ne del terreno. Le case di Sanzeno sono infa tti scavate nel deposito morenieo e cosi pure quella di S. A n na di Alfaedo. Ai Montese! di Serso, dove il suolo si p resen ta in pendio. è sta to invece necessario ri al za re il terreno a va lle con la cos truz ione di terrapieni ( pe r i quali venne usato il materi al e dallo sca vo dell e fondazi oni d elle case). A Viii, infin e, si trova no tratti di g rossi muri a riem pim en to 14) " Altro eleme nto com u ne a quest e cos truzioni e l'accesso a corridoio (articola to, negli esem pi d i Vi fl: formato da una se m plice. lunga apertura ne l terrapieno. nella 2 :1 casa di Serso). Ov u nque esso si presenta cu ra to negli elementi costru tti vi. il che è particolarme nte testimonia to a Sanzeno. a Sta ns. dove abbia mo a nc he u n ese mp io di scaletta. in pietra. d iscende n te. I mu ri ris u lta no tutti cost r u it i co n la tecnica a secco. solo che esse ndo sta to usato il m at eriale repcrihile in loeo l' esecuzione è variam ente cu ra ta. È da notare la totale mancanza di u na base di fondazion e (ai Montesei, i muri arri vano addirittura a poggiare su lle ghiaie ad un li vello su pe riore rispett o al fondo 15). È ino ltre da n ot are che in tu tt e le case so no sta te trovate delle pie tre sim metriche alla base degli a ngoli. o lungo le m ed iane. op pure alla base d eg li incavi verticali (al che fa eccezio ne la casa di S. An na di Alfaedo). Infine. com u n i a tutte le case sono pali e tra vi. grossi resti ca rbon izza li di Dagli elementi sup radescri tti possiamo trarre dell e indicazioni pe r una illustrazione dell e case retichc (fig. 1 3). limitatamente, però. a quella loro parte in cu i è sta ta usata la pietra (non altrettanto è possibile pe r la sovrastr-u ttu ra lignea - quantunque u n attento esame Il} Per age vola re il raffronto si è limitata la de scri zion e a quei repert i che presentano u na st ruttura muraria presscehè in tegra. IlUr do vendo not are ch i' i rt"sli r-invenuti frammen lari. no n divergono dai primi. 1.f) Solo alla.:\iott ala abb iamo la cos tr uzione soprassuolo. 15) So lo casua lmen te vi poss on o essere d e i mu ri pn /ot ~i8n ti su fondo roccioso.

16 "'-"'~ ~ -:, W/~/("////ijX1 Fig. 13 Illust razione> -!iia pure ipotetica - <1e-118 r-a sa n-ti ca. husal a. prjue] l..afme nte, sui re..ti delle P easn del.\ionlt";«' j di Serso. Sotto. ~ 'z i Ol w m ediana della stessa:...m o!'t"!tn a1i con t ra tto più ~ ros.." o i rest i rinven u ti in vitu ( (Ii "f' ~n o R. P ERI:'IiI I. dci resti ca rboniosi e d ella lo ro posi zion e ce ne possa fo rnire pa rcechi el ementi d i conoscenza 16). È a nzitu tt o da r-ilevare che le case e rano norm almen te se mi n terrale. con m uri peri metrali aventi la fu nzion e di con te ne re il terreno e. quindi. di alt ezza variabile a seco nda del li vello del suolo. Q ues ti muri non ernno clem en ti por tant i. d at o che tal e fu nzione era lb) Nf"gli ~ r i ll i. qui ci la li. si è cercate d i in terpreta re la Funzi one dei re per t i. (' d i d elin ea re. più o menu la strut tu ra d("ii(" sillj!olf" enst-,

17 af fida ta a g ro~si pali ver ticali ( dei q uali s-i rinven nero ch ia re e p recise tracce ) incassati in a ppos iti incavi verticali lu ngo i m u ri pe ri m etrali e poggi anti su lla pi etra alla base d egli incavi stess i ( il che permetteva di p reser va r]! dall'u midità), com e nell e case di Sa nze no e ViIl, o poggia nti sulle pietre a ngola ri e su alt re sim metr iche. poste alla ba se dell e median e dei m uri ed al ce nt ro de l Condo. come in quelle de i Mont esei. I pali reggevano la copertu ra e q uei tratti dell e pareti che sporgeva no da l suolo. A ppu n to ci rca la pa rt e sporge nte dal suolo, sembra SI8 da esclude re. sta ndo ai resti carbon izzati e tenendo co n to del di slivell o d ei singoli m uri. che vi po tesse esse re una sovrastrutt u ra a bl occo. t quindi prohabile che i t ratti d i parete sporgen ti dal suolo fosse ro tampon at i da ass ito, oppure a g raticcio con rives ti me nto di argill a (così potrebbero essere interpretati i fr ammenti d i argille, co n imp ronte, di Sanze no ed i cunei ad a rg ille rosse dei Mcntese i]. N u lla sa ppiamo con certezza del metodo costru ttivo del tetto. A S. A n na d i Al feedo. i lastron i rinvenuti nell' interne de lla casa ne vennero in te rp re tati come probab ile coper tura (siste ma tuttora in uso in r ustici dell'altipiano (lei Lessini); a Sa nzeno, invece. pa re ch e fosse form at a da fr asche intonaca te con a rgilla oppure co n pagli a (sistem a, questo. che sem bra pre vale n te men te adott a to a n che nelle alt re case). Non è poi da esclude re che il te tto fosse u lteriormente cope rto co n zolle di terra e sassi d i co nso lidame nto (così po tre bbe essere interpret at o Fabhonda nte stra to di terra. conte ne n te carbo ni della stru tt u ra liglll a. rinve nu to all 'i nte rno dell e ca se de i Moutesei di Se'50). In quan to a l pavimen to, po tev a esse re m terra. come è ben documentat o a Sanzeno. o co nsistente in u n impianto ligneo. come nella seconda casa dei l\lon tesci di Serro 17). t possibile che le abh naionl di m agg io re dimensione fo...sero su ddivise in più vani a mezzo di pa ret i d i legno ( u na documentazione del ge ne re viene però solo da ViiI. dove è visibile all'inte rno una soglia di sassi e res ti d i ca rbon i). 17) Queet'Implan ttto era documen tato d al rin ven imen to d i abbond anti ca rhon i. poggia va su lle r iseghc allh base (lei m u ri (" su lla SO~IiR ce n tra le. Dello sles!lo ti po era il pavimen to dell'" Herrenhaus J) de lla :\ i cu i muri pceìm et ral l!loprassuolo avevano il solo compito d i consolidare lutl a. la parte Iig nea,

18 - 55- Una partic olare cu ra era riserva te all'accesso che presentava un corridoio coper to e che verosimilmente doveva riparare l'ingresso dalle intemperie. Quest 'ultimo era ch iuso da una porta di legno con manigli a in ferro. com e è documentato a Sanzeno e Se rso 18). Ben PO('O conos cia mo dell'arredamento: è (la presumere che fosse pov ero. rudimental e ed in legno (il che porta a cre de re che la scompa rs a de llo stesso sia sta ta de terminata da incendio). I molti ganci d i fe rro, raccolti a Sa nzeno c Serso (qu i ne venne raccolt o uno ancora con ficca to in un g rosso carbone). ci induco no a pensare che " e ne fosse ro parecchi infissi nelle travi e che serv isse ro. per appendervi oggetti d'uso. Qu antunque. sia a Sanzeno eh e a Serso. siano sta ti rinvenuti degli alari in ferro. non fu rono individuati rest i di focolare. sicchè ne rimane a ncora p roblematica la for ma e la u bica zion e. APPENDICE Una ill us trazio ne delf'a bitazio ne retica f u pr oposta in un irrteressante lavoro del G RE IFEN IJE RG 19). il quale, raffrontando le piante delle case d i Vi II e qu elle di alc une case a strutt ura mista dell 'Alto Ad ige, ne fa notare la singola re convergenza: Ie tto. q uesto, ch e lo in d uce ad istituirne un parall elism o str utt u rale. Le case dell 'Alto Ad ige cui si è riferi to il Greife nherg so no addossa te a l pendio del m onte e present ano una str u ttu ra mu raria - legata in malta - che forma u n accesso a corr ido io ed un grande va no adibito a depo sit o. mentre sopra i m u ri è apl)oggia ta la sov rastru ttu ra Iign ea. agettante, adibita ad ahlta aion e, Il G reifenherg scr ive che le capanne di ViII dovevano essere come queste an tich e case de ll'alto Adige. che cost ìtuì rebbe rc, pertan to. il modello della abitazione ret lca. In base ag li ultimi rep erti non sembra però che questa tesi Sia verosi m ile. Infatti. esclusa la pianta d ell a str u tt u ra rrrurarra - eloque n temen te illus trata dall' Au tore citato - molt o sim ile. ved iamo IS) Forsr- q ueste pori'" l'ol evano anche essere chi use da un a gr ande ch iave delle quali. pe rò. si eb bero. si nu ad ora. d euli esem pi solo a Sa nzeno : ved i: FOCOLARI G", Ch iavi in uso pr esso le popolazion i vene te a lp ine. Alli de l I Conveg no [nter-naainn a lr- Padano d i Pele enologia. 19) G he It"E:'\BE RG H Uralpe n léndi sch ratischee Hausbau in Sii d ti rol. d",r Schlern.

19 - 56- che nelle case mi ste dell'alto Ad ige i m uri sono ele men ti portanti mentre non lo sono q uelli de lle case re tic he. pos to. t ra l'altro, che gli stess i non su pe ra va no il livello del terren o ma ne seguivano l'anda men to in pendio. pcr cui non pot evan o sos tene re un a sovrastru tt u ra lignea, abita bile. Anc he la q ua n tità dei carboni r inven u ti ne llo scavo delle case non è tale da confermare una costruz ione sov rasta n te in legno. D'altronde. a nch e la stessa posizion e de i resti culturali re periti sia a Sa nzeno che a Serso s ta re bbe ad indicare che proprio il va no sem ino terrntc era quello ahitahile 20). L'ipotesi di u n 'a bitaz ione m ist a con costruzion e su peri ore a blocco t.' proposta anche da l LII' I'E. ch e, a ta l fine, si è rife rito alla r H aus 5» di St ano ( ved i AlJlJ. 16 e 17 in o.c. }, Egli ritiene, infart i. che i rest i in terrati fosse ro de stinat i a cantina e che il vano abi ta bile fosse costitu ito da una super io re eostruzione a blocco ( di m 16 x Il). Tal e abitazione. sempre seco ndo il Lippe, doveva pogg iare eu u na fondaz ione di grosse pie tre (quelle ri nven u te nel livello superi ore e scivola te d all a sede originaria. come in AhI>. 14 o.c.] ch e formavano u n perimetro a rre tra to di ci rca u n metro rispe tto al muro interra to. La documentazione prodotta non è peraltro su fficien temen te probante. per cu i a nc he la tesi sosten u ta dull 'uutore in parola non d sem bra del tutto convincente. 20 ) La cas a serni n te rrutu, (' 01 1 stru tt ura lignea por ta nte. dalle origini assai remote. ern d ih u"a in t utte il medio Eu ropa perd u ram]o si no a lla nost ra epucn eon veri esl'llll' i m-ila va lle ile-! Da nu bio.

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI nfo g e ne rai. - T T, T T U L T 9 0 n 4 " L" T T T T T T T T T T 4 T T 4 Q u a d ro c o m a n d i p ia c o n tro o fia a o rtin a d i p u iz ia T a n d a ta ris c a d a m e n to T ito rn o ris c a d a

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI!

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI! Le ALL ITALIANA CREA LA TUA ALL ITALIANA Decidi di essere oriin le, cre tivo e diverso d i tuoi concorrenti : Cre le tue person lissime cup c kes ll it li n, LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO,

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04 V _ TAS G e s t i o n e e co n t ro l l o d e l l a p ro g e tta z i o n e C o n f o rm e a l i a N o rm a U N I E N I S O 9 0 0 t ; 2 0 0 8 C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI \ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOL AMENTO EDI L I ZI O E RI CHI AMO AL L E DI SPOSI ZI ONI DI L EGGE E REGOL AMENTI - TITOLO SECONDO - DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

Ca ta l o go dei pro d o t t i. Spl i n e I m pla n t Syste m

Ca ta l o go dei pro d o t t i. Spl i n e I m pla n t Syste m Per ul teriori info r ma zioni sui nostri Prodotti, sui nostri pro g rammi pro fessi o nali e sul n ost ro p ro g ra m ma di Co n t i n u i ng Ed u cation, co n ta t ta te ci : Zimmer De n tal I tal y

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli IL PIANETA TERRA IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli all a r e a su. EQUATORE: piano perpendic lare all i rotazione,

Dettagli

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie C o rs o d i L a u re a in In fe rm ie ris tic a Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROG E T T O DI AP P RE N DIME N T O IN AMB

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

IL SESSISMO NELLA LINGUA ITALIANA

IL SESSISMO NELLA LINGUA ITALIANA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA PARITÀ E LE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA IL SESSISMO NELLA LINGUA ITALIANA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L INFORM AZIONE E L EDITORIA COMMISSIONE

Dettagli

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD 68//(3,67('(,%5,*$17, /,7,1(5$5,2ƒSHUFRUVR L it iner ar io descr it t o è uno dei t ant i possibili che at t r aver sano il 0RQWH 9XOWXUH, e r isult a par t icolar ment e int er essant e per ché consent

Dettagli

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE Sportello Unico Immigraione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE 38172&(175$/('(//$/(**(%266,),1,( &+(1(66812 675$1,(5262**,251,,1,7$/,$6(1=$815(*2/$5( &2175$772',/$9252('81$//2**,2$'(*8$72 '/JV1

Dettagli

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l.

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. t " : SULUPPO PER VIA GRAFICA n mpionamento del segnale analogico x(t) produce una sequenza xsgts) il cui spettro nel dominio della frequ enza è periodico, sicché

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD &2081(',&$625$7(6(03,21( 3URYLQFLDGL9DUHVH $UW5(*2/$0(172(',/,=,2±,QWHUYHQWLGLULVWUXWWXUD]LRQHHGLOL]LD La domanda di Permesso di Costruire dev essere corredata dai seguenti documenti in duplice copia:

Dettagli

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA ARCHTETT JUNOR PROVA PRATCA TEMA 1 Stesura grafica di una planimetria catastale Avete ricevuto via fax, da un vostro cliente, la planimetria catastale allegata, riguardante una unità immobiliare residenziale.

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 8 LEGGE 3 luglio 2014, n. 99 Ratifica ed esecuzione dell'accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo degli Stati Uniti d'america sul rafforzamento della cooperazione nella

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

Collettori solari termici

Collettori solari termici Collettori solari termici 1 VELUX Collettori solari. Quello che cerchi. massima durabilità, facile installazione Estetica e integrazione A fferenza degli altri collettori solari termici presenti sul mercato,

Dettagli

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er.

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er. Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co Tipo d. Incl. Po Posto Tip o Ris sto Cognome Nome Data Nascita Prov.

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren.

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren. Cari lettori Oggi della pulizia del nostro paese vi voglio parlare, che per come funziona, troppo cara ce la fanno pagare. Pe quanda solt co senec ne fasce pagà de rummat, Putignan er a iess nu paes, splendente

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

Procedure di modellazione di capannoni industriali prefabbricati esistenti

Procedure di modellazione di capannoni industriali prefabbricati esistenti Procedure di modellazione di capannoni industriali prefabbricati esistenti Flavio Tartero, Libero Professionista Davide Bellotti, EUCENTRE Roberto Nascimbene, EUCENTRE SOMMARIO Nel presente lavoro vengono

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Va, pensiero Chorus of Hebrew Slaves from Verdi s Nabucco

Va, pensiero Chorus of Hebrew Slaves from Verdi s Nabucco a, pensiero Chorus of Hebre Slaves from erdi s Nabuo a, pensiero, sull ali dorate; a, ti posa sui livi, sui olli, Ove olezzano tepide e molli L aure doli del suolo natal! Del Giordano le rive saluta, Di

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

C O M U N E.Di FO R M TA

C O M U N E.Di FO R M TA C O M U N E.Di FO R M TA P r o v in c ia di L a t in a SETTO RE : POLIZIA LOCALE E SERVIZI SOCIALI SERVIZIO : UFFICIO SCUOLA e d i r i t t o a l l o s t u d i o 1 2 FEB. 2015 N. 3 o D e t e r m in a z

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME

TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME 10216 Parte 1 - TR2 Non 3059-1:87 Acciaio al Carbonio 3601:87 Acciaio al Carbonio 1629:84 1630 49-111:78 (p Usi Generali Temperatura Ambiente

Dettagli

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO 1 (Ridis. con modifiche da M. De Stefano, 2009) 2 3 Concetto di duttilità 4 5 6 7 E necessario avere i valori di q dallo strutturista ( ma anche qo). Per

Dettagli

O la, o che bon eccho! (The Echo Song)

O la, o che bon eccho! (The Echo Song) la che bn ecch! (The Ech ng) ATB Duble Chir a cappella rland di Lass (1532-1596) CANT (pran I) 2 ALT (Alt II) 2 TENRE (Tenr II) BA (Bass I) % E %E % E E 1 la la la la che bun che bun che bun che bun ec

Dettagli

SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE

SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE di M. VILLA. e L. MURACCHINI (a Bologna) 1. - Nelle nostre ricerche sull'applicabilita proiettiva delle trasformazioni puntuali fra piani, abbiamo

Dettagli

STANDARD DI COMPOSIZIONE INDIRIZZI

STANDARD DI COMPOSIZIONE INDIRIZZI STANDARD DI COMPOZIONE INDIRIZZI EDIZIONE APRILE 2009 La corretta scrittura dell indirizzo da apporre sugli oggetti postali contribuisce a garantire un recapito rapido e sicuro. Per le aziende l indirizzo

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio Regolamento per la concessione del marchio del Parco nazionale del Vesuvio Delibera del Consiglio direttivo 26 maggio 1998, n. 54 Ai sensi del D.P.R. 5 giugno 1995, istitutivo del Parco nazionale del Vesuvio,

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. TRECESM MENSLT' RRETRT NNO RRETRT PER NN RECUPER PER RTR mporto Totale ECONOMC CORRENTE PRECEDENT SSENZE ECC. NZNT' N Mesi

Dettagli

Guida per l utente di BookDB. Tr a d u zio ne n o n ufficiale e libera m e nte a dattata del m a n u ale dell utente da:

Guida per l utente di BookDB. Tr a d u zio ne n o n ufficiale e libera m e nte a dattata del m a n u ale dell utente da: Guida per l utente di BookDB Tr a d u zio ne n o n ufficiale e libera m e nte a dattata del m a n u ale dell utente da: Zerg Productions p u b blica anche: U lteriori infor m a zio ni sul sito: http://randor

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Scheda n. 7 AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE A 2 A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Residenziale a blocco Superficie

Dettagli

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG Piazza Toselli n. 1-96010 Buccheri (SR) Tel. 0931880359 - Fax 0931880559 DETERMINA DEL CAPO AREA AFFARI GENERATI DETERMINAN,/UóDEL Z>,n zorrr Reg. Gen. Oggetto: Liquidazione fatîure a ll'associazio ne

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

-r#s*ts*^ fk **rr?r--w. "-ì"* f &" '& Fr\COLTA' DI ECONOMIA. Cotrltre.ro rlerrorale. no 321.-,-,..''':...: rfo 4, -_- rjle'.' 0

-r#s*ts*^ fk **rr?r--w. -ì* f & '& Fr\COLTA' DI ECONOMIA. Cotrltre.ro rlerrorale. no 321.-,-,..''':...: rfo 4, -_- rjle'.' 0 -r#s*ts*^ "-ì"* f &" '& fk **rr?r--w UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FALERMO Fr\COLTA' DI ECONOMIA Cotrltre.ro rlerrorale Sulla base dei verbali redatti dalla (lornmissione del Seggio elettorale presieduta dalla

Dettagli

CATALOGO LINEA PRODOTTI 2013/2014 ED. SETTEMBRE 2013

CATALOGO LINEA PRODOTTI 2013/2014 ED. SETTEMBRE 2013 CATALOGO LINEA PRODOTTI 2013/2014 ED. SETTEMBRE 2013 2 ELETTRIFICATORI PORTATILI 0615200 *0615200* FENCELINE B200 STD CON PICCHETTO MASSA, CONNESSIONE LINEA E TERRA 9V: 0,16J (12V: 0,21J) 0615202 *0615202*

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Serie RTC. Prospetto del catalogo

Serie RTC. Prospetto del catalogo Serie RTC Prospetto del catalogo Bosch Rexroth AG Pneumatics Serie RTC Cilindro senza stelo, Serie RTC-BV Ø 16-80 mm; a doppio effetto; con pistone magnetico; guida integrata; Basic Version; Ammortizzamento:

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

DESIGNERS ONLY! PROGETT I SELEZIONATI PER SALONE 2013

DESIGNERS ONLY! PROGETT I SELEZIONATI PER SALONE 2013 S ONLY! PROGETT I SELEZIONATI PER SALONE 2013 Angelo Tomaiuolo 1) TWEETY SEDUTA PER BAMBINO Monoscocca in polipropilene, stampato con stampaggio in rotazionale. Laurea in Architettura con votazione 110

Dettagli

LaProvi n c i a. Tu r i s m o. un Duemila da ricord a re. In questo numero: La Nigeria invita Rimini a investire

LaProvi n c i a. Tu r i s m o. un Duemila da ricord a re. In questo numero: La Nigeria invita Rimini a investire LaProvi n c i a n. 6 marzo 2001 In questo numero: pag. 3 pag. 3 pag. 7 P resentata l indagine sulla sicure z z a Nasce il Parco economico della Va l c o n c a La mappa provinciale dell elettromagnetismo

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. ECONOMC NZNT' TRECESM MENSLT' RRETRT NNO CORRENTE RRETRT PER NN PRECEDENT RECUPER PER RTR SSENZE ECC. mporto Totale N Mesi

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 La sicurezza nelle stazioni. L impegno di RFI nel consolidamento della rete territoriale. Roma 27 giugno 2006 Disagio sociale 1. L altro ed il diverso 2. Aree di disagio sociale

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R - - I amosi specchi ustori usati da rchimede per bruciare le navi nemiche erano specchi serici. Sapendo che la distanza delle alture, dove erano posti gli specchi, dal mare era di 00 m, dite uale doveva

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Genova, 26 febbraio 2014. Commissione di Garanzia - Roma. Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma. Prefetto di Genova

Genova, 26 febbraio 2014. Commissione di Garanzia - Roma. Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma. Prefetto di Genova CG t FY-#tsL ry F[OERAZt0NEtfÀilAr{ATRASP0fii' Wrh-rsFoRîr Genova, 26 febbraio 2014 Commissione di Garanzia - Roma Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma Prefetto di Genova Direzione ATP EsercizioSr!

Dettagli

La conversione dei capitoli secondo il nuovo piano dei conti Documento #2 Il passaggio al nuovo modello di bilancio

La conversione dei capitoli secondo il nuovo piano dei conti Documento #2 Il passaggio al nuovo modello di bilancio FORMAZIONE CONTINUA IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. 118/2011 La conversione dei capitoli secondo il nuovo piano dei conti Documento

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Numero telefonico d emergenza GARIGLIO CLA UDIO s.r.l. +39(011) 785380 / +39(011) 785366

Numero telefonico d emergenza GARIGLIO CLA UDIO s.r.l. +39(011) 785380 / +39(011) 785366 Sezione 1. IDENTIFICA ZIONE DEL PRODOT TO E DELL A ZIENDA Codice del prodotto MEC-POL FO 500 S Nome del prodo tto Ossido di terra rara Nome del produ ttore: Numero telefonico d emergenza GARIGLIO CLA UDIO

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

IRcCOS S.c.a r.l. Istituto di Ricerca e certificazione per le Costruzioni Sostenibili

IRcCOS S.c.a r.l. Istituto di Ricerca e certificazione per le Costruzioni Sostenibili IRcCOS S.c.a r.l. Istituto di Ricerca e certificazione per le Costruzioni Sostenibili Laboratorio di Prova Notificato ai sensi della Direttiva 89/106/CEE n. NB1994 RAPPORTO DI PROVA Numero: 1994-CPD-RP0742

Dettagli

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO N O R M A I T A L I A N A C E I Data Scadenza C. 994 30-06-2008 Data zione 2008- Classificazione 81-10; V... Titolo Protezione contro i fulmi Title n IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO PROGETTO 1 Progett

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

C T. I ORIGINALE] 9249/15. AG x elettlvllliicnte. REPUBBLICA ITALIANA Ogi!J4ltto. BR X in proprio c nel1ft. procura speci al e in calce al ricorso;

C T. I ORIGINALE] 9249/15. AG x elettlvllliicnte. REPUBBLICA ITALIANA Ogi!J4ltto. BR X in proprio c nel1ft. procura speci al e in calce al ricorso; r 9249/15 I ORIGINALE] REPUBBLICA ITALIANA Ogi!J4ltto C T. IN NaG: DEL POPOLO ITALIANO LA CO RTE SUPREMA DI CASSAZIONE COr.lpOSU daql1 I 11. lid Siqq.ri M.aq lst.n t.1.: Cott. G!OVANNI BATT I STA PETTr

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Francesca CAPRA Teresina MAFFIOLETTI BAIMA

Francesca CAPRA Teresina MAFFIOLETTI BAIMA I.C. CORIO SCUOLA PRIMARIA C.A.Anglesio di ROCCA CANAVESE Progetto di lettura Francesca CAPRA Teresina MAFFIOLETTI BAIMA CLASSE SECONDA PERCHè UN PROGETTO DI SPERI MENTAZI ONE Gruppo di lavoro I.N. CURRICOLO

Dettagli