Comune di NOGAROLE ROCCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 22

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di NOGAROLE ROCCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 22"

Transcript

1 Comune di NOGAROLE ROCCA ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 22 OGGETTO: ARO L'AL AZIONE MODIFICHE AL REGOLAMENTO ER CAZIONE DELL'IMOSTA MUNICIALE RORIA (IMU) L'anno duemilatredici i giorno ventisette del mese di novembre convocato a seguito di regolari inviti, il CONSIGLIO C O MUNALE, composto dai signori: Trentini Luca Tovo aolo Cordioli Corrado Sandrini Daniele Garzon Davide Aprili Anna Chiara Trentini Samuele Danese Serena Signorini Luca Facincani Roberto Cristofoli Emanuela Casarotti Dino Gozzi Alberto A A resenti: 11 As nti: 2 Assessori Esterni: Bris'ghella Marco Stef nini Flavio Car eri Michela si è riunito nella solita sal adunanze. artecipa all'adunanza il egretario dott. Umberto Sambugaro. Constatato legale il num seduta ed invita il Consigl 24 ore prima nella sala de ro degli intervenuti, il Sindaco assume la presidenza, dichiara aperta la o Comunale a discutere e deliberare sull'oggetto sopraindicato, depositato le adunanze. il cui testo è riportato nei fogli allegati.

2 OGGETTO: AROVAZIONE MODIFICHE AL REGOLAMENTO ER L'ALICAZIONE DELL'IM OSTA MUNICIALE RORIA (IMU). Il Sindaco cede la parole alla Dott.ssa iccinini. Il Responsabile del deliberazione in adozion comodato in linea diretta fa) il Comune di Noga limitatamente alla secon sarebbe applicata I' ese dichiarazione da parte de prima casa. ervizio Tributi e Commercio, D.ssa Emanuela iccinini, espone la proposta di affermando che contiene le possibilità di assimilare alla prima casa, quella in (grazie ad un emendamento in sede di conversione del un mese ole Rocca ha recepito questa possibilità stessa esenzione prima casa a rata, come previsto dalla legge, qualora la seconda rata sia da pagare nzione anche alla seconda casa data in uso ai figli. Viene richiesta una I contribuente su quale abitazione viene assoggettata alla assimilazione alla IL CONSIGLIO COMUNALE Vista l'allegata propo ta di deliberazione relativa all'oggetto; Ritenuta la stessa m ritevole di approvazione integrale senza modificazioni; Richiamato lo Statuti', approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 26 aprile 2004, esecutiva ai sensi legge; Richiamato il "Regola ento sull'ordinamento degli uffici e dei servizi", approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 140 del 30 dicembre 2010, esecutiva ai sensi di legge; Richiamato il "Regola ento di contabilità", approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 del 13 novembre 2002 esecutiva ai sensi di legge; Visti gli allegati parei favorevoli resi, ai sensi e per gli effetti dell'articolo 49 del decreto legislativo n. 267/2000, dal responsa ile del servizio tributi e dal responsabile dell'area Affari Generali e Finanziari in ordine rispettivamente -Ila regolarità tecnica ed alla regolarità contabile del presente provvedimento; reso atto che la vot ione, espressa per alzata di mano, ha dato il seguente esito proclamato dal residente: voti favorevoli unanimi DELIBERA Di approvare l'allegata proposta di deliberazione, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento. Ed inoltre, IL CONSIGLIO COMUNALE su proposta del resident4, al fine di poter procedere agli ulteriori adempimenti previsti per legge, con voti favorevoli unanimi

3 DELIBERA Di dichiarare il presente provvedimento immediatamente eseguibile, ai sensi dell'articolo 134 ultimo comma del decreto leg slativo n. 267/2000.

4 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 22 DEL AREA AFFARI GENE LI E FINANZIARI ROO TA DI DELIBERAZIONE AL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: AROVAZIONE MODIFICHE AL REGOLAMENTO ER L'ALICAZIONE DELL'IM OSTA MUNICIALE RORIA (IMU). IL SINDACO Visti gli articoli 8 e 9 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, che hanno istituito, con decorrenza 1 gennaio 014, l'imposta Municipale ropria (IMU), basata sul possesso di immobili, provvedendo inoltre a dis iplinarne le linee essenziali e rimandando per ogni altro aspetto alle modalità di applicazione dell'impo ta Comunale sugli Immobili (ICI); Visto l'articolo 13, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011 n. 214, il quale ha modificato il regime dell'imu operando, in particolare, seguenti punti: anticipo dell'entrata i vigore del tributo al 1 gennaio 2012; estensione della bas imponibile anche al possesso di immobili adibiti ad abitazione principale; determinazione delle aliquote base e modifica dei moltiplicatori delle rendite; Viste le modifiche app date alle predette norme dal decreto-legge 2 marzo 2012, n. 16, convertito, con modificazioni, dalla le ge 26 aprile 2012, n. 44; Visto l'articolo 2-bis d decreto-legge 31 agosto 2013, n. 102, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 ottobre 2013, i. 124, il quale introduce la possibilità per i Comuni, per l'anno 2013 e limitatamente alla second rata dell'imposta municipale propria, di equiparare all'abitazione principale, ai fini dell'applicazione d ll'imu, le unità immobiliari e relative pertinenze, escluse quelle classificate nelle categorie catastali 1, N8 e N9, concesse in comodato dal soggetto passivo dell'imposta a parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale; Visto il decreto legislat vo 15 dicembre 1997 n. 446 e successive modificazioni, relativo al riordino della disciplina dei tributi I cali; Dato atto che l'articolo 14, comma 6, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, sancisce: "E' confermata la potestà reg lamentare in mater a di entrate degli enti locali di cui all'articolo 52 del citato decreto legislativo n. 446 el 1997 anche per i nuovi tributi previsti dal presente provvedimento"; Richiamata la deliberaz one del Consiglio Comunale n. 33 del 17 ottobre 2012, esecutiva ai sensi di legge, di approvazione del regolamento per l'applicazione dell'imposta municipale propria;

5 Richiamato l'articolo locali deliberano le tariffe statali per la deliberazion Richiamato l'articolo termine per I'approvazior comma 169, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che stabilisce che gli enti le aliquote relative ai tributi di loro competenza entro la data fissata da norme del bilancio di previsione; 151, comma 1, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, che fissa il del bilancio di previsione al 31 dicembre di ogni anno; Richiamato l'articolo 124/2013, che: al comma i dispone 30 novembre 2013; al comma 2, in derog 201/2011, stabilisce regolamenti dell'imp pubblicazione nel siti e deve recare l'indic detto termine si appli Ritenuto di avvalersi d convertito, con modificazi modifiche all'articolo 2 de 3 del decreto-legge n. 102/2013, convertito, con modificazioni, dalla legge n. he il termine per l'approvazione del bilancio di previsione 2013 è prorogato dal a quanto previsto dall'articolo 13, comma 13-bis, del citato decreto-legge n. he le deliberazioni di approvazione delle aliquote e delle detrazioni, nonché i sta municipale propria, acquistano efficacia a decorrere dalla data di istituzionale di ciascun Comune che deve avvenire entro il 9 dicembre 2013 zione della data di pubblicazione ed in caso di mancata pubblicazione entro ano gli atti adottati per l'anno precedente; Ila facoltà introdotta dal citato articolo 2-bis del decreto-legge n. 102/2013, ni, dalla legge n. 124/2013 e, conseguentemente, apportare le necessarie Regolamento comunale che disciplina l'imposta municipale propria; Dato atto, quindi, c e la gestione del servizio tributi è stata trasferita all'unione Veronese TartaroTione a decorrere.all'anno 2002 e che con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 13 marzo 2002, esecutiva ai sensi di legge, è stato approvato lo schema di convenzione tra l'unione ed i Comuni facenti parte della stessa, per lo svolgimento di funzioni di responsabile del servizio tributi, commercio e polizia amm nistrativa; Richiamato l'articolo responsabile dell'unione Comune dei servizi in arg comma 1, della citata convenzione, ove è previsto espressamente che il venga altresì nominato da ciascun Sindaco quale responsabile di ogni mento; Richiamato il decreto del Sindaco n. 7 del 23 luglio 2009, a termini del quale è stato nominato il responsabile del servizio tributi, del servizio commercio e del servizio di polizia amministrativa del Comune di Nogarole Roca; Richiamata la deliberazione della Giunta Comunale n. 32 del 4 aprile 2012, esecutiva ai sensi di legge, di nomina del funzi nano responsabile dell'imposta municipale propria; Acquisito il parere fav 'revole del Revisore dei conti ai sensi dell'articolo 239, comma 1, lettera b), n. 7, del decreto legislativo 1 agosto 2000, n. 267, come novellato dall'articolo 3, comma 1, lettera o), n. 1), del decreto-legge 10 ttobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre 2012, n. 213; ROONE 1) Di ritenere le premes e parti integranti e sostanziali della presente proposta e del sottostante dispositivo; 2) Di modificare l'artic Io 2 (Assimilazione all'abitazione principale)", del "Regolamento per l'applicazione dell'imp sta Municipale ropria (IMU)", approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 del 1 ottobre 2012, inserendo il comma 3 come segue:

6 "3. er l'anno 013, limitatamente alla seconda rata dell'imposta municipale propria, il Comune conci o - ra equiparata all'abitazione principale l'unità immobiliare con relative pertinenze, ad sclusione delle categorie A/1, A/8 e A/9 e nella misura massima di una unità per ciasc na delle categorie catastali C/6, C/2 e C, /7 concesse in coodato m dal soggetto passiv O dell'imposta a parenti in linea retta entro il primo grado (genitore/figlio), che le utilizzano come abitazione principale. In caso di più nità immobiliari concesse in comodato dal medesimo soggetto passivo dell'imposta, an 'he se in comproprietà e limitatamente alla propria quota, l'agevolazione si potrà applicare d una sola unità immobiliare. Ai fini del prese te beneficio il soggetto passivo deve presentare, a pena di decadenza, entro il termine rdinanb previsto per la dichiarazione di variazione relativa all'imposta municipale prop a, apposita comunicazione, su modello predisposto dal Comune." 3) Di dare atto che il tes o del "Regolamento per l'applicazione dell'imposta Municipale ropria (IMU)", debitamente emenda to con la modifica di cui al precedente punto della parte dispositiva, risulta dall'allegato elaborat, che forma parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, con la specificazione c e, per quanto non specificatamente ed espressamente previsto nel regolamento stesso, i rinvia alle norme legislative inerenti l'imposta municipale propria in base agli articoli 8 e 9 del dec reto legislativo 14 marzo 2011 n. 23, e dell'articolo 13 del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 20, convertito, con modificazioni, con la legge 22 dicembre 2011 n. 214, ed alla legge 27 luglio 200 ), n. 212 "Statuto dei diritti del contribuente", oltre a tutte le successive modificazioni ed inter razioni della normativa regolanti la specifica materia 4) Di dare atto che il reg lamento emendato entra in vigore il 1 gennaio 2013, ai sensi dell'articolo 1, comma 169, della leghe 27 dicembre 2006, n. 296; 5) Di dare atto che la p sente deliberazione sarà inviata al Ministero dell'economia e delle finanze, Dipartimento delle fi anze, entro trenta giorni dalla data in cui diventa esecutiva, ai sensi dell'articolo 13, com a 15, del decreto-legge n. 201/2011 e dell'articolo 52, comma 2, del decreto legislativo. n. 446/19 7 6) Di comunicare il pre ente provvedimento all'unione Veronese TartaroTione ed al responsabile dell'area Affari Gener li per gli adempimenti di rispettiva competenza, anche ai fini del rispetto del termine fissato dalla icolo 8. comma 2, del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 102; 7) Di dichiarare la pre nte deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi dell'articolo 134, comma 4, del decreto legislativo n. 267/2000. C IL SINDACO reatre trrli fai

7 Comune di NOGAROLE ROCCA REGOLAMENTO ER L'ALICAZIONE DELL'IMOSTA MUNICIALE RORIA (IMU) Approvato con del berazione del Consiglio Comunale n. 33 del 17 ottobre 2012 Modificato con dell razione del Consiglio Comunale n. 22 del 27 novembre 2013

8 INDICE Articolo 1 Oggetto d I regolamento Articolo 2 Assimilazi ni all'abitazione principale Articolo 3 Esenzioni Articolo 4 Fabbricati inagibili o inabitabili Articolo 5 Altre agev lazioni Articolo 6 Valore im onibile delle aree fabbricabili Articolo 7 Versamenti dei contitolari Articolo 8 Importi mi imi di versamento e di rimborso Articolo 9 Rateizzazi ne dei pagamenti Articolo 10 Ripetibilit' delle spese di notifica Articolo 11 Istituti de afivi del contenzioso Articolo 12 Entrata in vigore Comune di Nogarole ltocca - regolamento per applicazione dell'imposta municipale propria (IMU)

9 Articolo 1 Oggetto del regolamento. 1. Il presente regolam nto, adottato nell'ambito della potestà regolamentare comunale in materia di entrate, ai sensi.ell'articolo 52 del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, disciplina l'applicazione dell'imposta municipale propria di cui all'articolo 13 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, conv rtito con legge 22 dicembre 2011, n. 214 e agli articoli 8 e 9 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n er quanto non dis iplinato dal presente regolamento, si applicano le disposizioni di legge vigenti. 1. Si considera dirett dell'aliquota ridotta posseduta a titolo di in istituti di ricovero risulti locata Allo ste Art colo 2 Assimilazione all'abitazione principale. 2. Il Comune consider, altresì, direttamente adibita ad abitazione principale l'unità immobiliare posseduta dai cittad ni italiani non residenti nel territorio dello Stato a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a ondizione che non risulti locata. 3. er l'anno 2013, lim considera equiparat esclusione delle cat delle categorie cat dell'imposta a parent abitazione principale. In caso di più uni dell'imposta, anche potrà applicare ad un mente adibita ad abitazione principale, con conseguente applicazione della detrazione previste per tale tipologia di immobili, l'unità immobiliare proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non so regime dell'abitazione soggiace le eventuali pertinenze. tatamente alla seconda rata dell'imposta municipale propria, il Comune all'abitazione principale l'unità immobiliare con relative pertinenze, ad orie A/1, A/8 e A/9 e nella misura massima di una unità per ciascuna stali C/6, C/2 e C/7, concesse in comodato dal soggetto passivo in linea retta entro il primo grado (genitore/figlio), che le utilizzano come immobiliari concesse in comodato dal medesimo soggetto passivo e in comproprietà e limitatamente alla propria quota, l'agevolazione si sola unità immobiliare. Ai fini del presente b neficio il soggetto passivo deve presentare, a pena di decadenza, entro il termine ordinario pr visto per la dichiarazione di variazione relativa all'imposta municipale propria, apposita co unicazione, su modello predisposto dal Comune. 1. Sono esenti dall'impo ta: gli immobili ed i fabb ed a condizione ch commerciale utilizzat Comune. Articolo 3 Esenzioni. icati di proprietà delle ONLUS. L'esenzione si applica soltanto ai fabbricati gli stessi, oltre che utilizzati, siano anche posseduti dall'ente non re. L'esenzione si applica solo con riferimento alla quota spettante al rticolo 4 Fabbricati inagibili o inabitabili. 1. 'imposta è ridotta del 50% per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, limitatamente al perio o dell'anno durante il quale sussistono dette condizioni. 2. Al fine del riconoscim nto dell'agevolazione di cui al comma 1, le condizioni richieste per fruire della riduzione sono d e e debbono sussistere congiuntamente: a) inagibilità o inabita ilità del fabbricato; Comune di Nogarole occa - regolamento per applicazione dell'imposta municipale propria (IMU) 3

10 b) non utilizzo di fa o del fabbricato. La riduzione opera li itatamente al periodo dell'anno in cui sussistono le predette condizioni: L'inagibilità o inabi abilità deve consistere in un degrado fisico sopravvenuto (fabbricato diroccato, pericolan fatiscente), non superabile con interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria. L'inagibilità o inabi abilità del fabbricato è determinata dalla presenza di una o più delle seguenti fattispecie: 1. strutture orizzon ali (solai e tetto di copertura) con lesioni gravi, tali da costituire pericolo a cose o persone, on rischi di crollo parziale o totale; 2. strutture vertical costituire pericoli 3. edifici per i quali evitare danni a c 4. edifici che per le della costruzione (pilastri, muri, perimetrali, interni o di confine) con lesioni gravi, tali da a cose o persone, con rischi di crollo parziale o totale; è stata emessa ordinanza sindacale, di demolizione o ripristino, atta ad se o persone; oro caratteristiche intrinseche ed estrinseche di fatiscenza, quali la vetustà accompagnata dalla mancanza o deterioramento delle parti di finitura del fabbricato (asse za di infissi, balconi od altre parti sporgenti inagibili e/o pericolanti; insussistenza de' li impianti di riscaldamento; impraticabilità o mancanza dei servizi igienici; crollo dei soffitti controsoffitti; ecc.) non siano più compatibili all'uso per il quale erano destinati. L'inagibilità o inabita ilità può essere accertata: 1. mediante perizia se richiesta dallo 2. mediante present con allegata idon dalla data di pr dichiarazioni presi edatta dall'ufficio tecnico comunale, con spese a carico del proprietario, Messo. La riduzione ha validità dalla data di presentazione della domanda; azione di dichiarazione sostitutiva ai sensi del D..R. 28/12/2000 n. 445, a documentazione (foto, perizie, relazioni, ecc). La riduzione ha validità sentazione della dichiarazione. Il Comune verifica la veridicità delle rotate mediante i competenti uffici comunali. 1. er le unità immobili abitazione principale Istituti autonomi per riduzione dello 0,30 appartenenza. Il ver trova applicazione la 2. Gli immobili possedut i servizi alla persona o 0,30% dell'aliquota articolo 4, comma 5, trasformate in Asp o Articolo 5 Altre agevolazioni. ari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad dei soci assegnatari, nonché per gli alloggi regolarmente assegnati dagli e case popolari si applica la detrazione per l'abitazione principale e di una dell'aliquota ordinaria applicata ai fabbricati della categoria catastale di amento va effettuato interamente a favore del Comune in quanto non iserva a favore dello Stato. e direttamente utilizzati dalle istituzioni riordinate in aziende pubbliche di in persone giuridiche di diritto privato, beneficiano di una riduzione dello applicata ai fabbricati della categoria catastale di appartenenza (rif.: de/ decreto legislativo n. 207/2001 Caso: ex Ipab (es: case di riposo) fondazioni). 4 Comune di Nogarole occa - regolamento per applicazione dell'imposta municipale propria (IMU)

11 1. La base imponibile gennaio dell'anno di di edificabilità, alla Articolo 6 Valore imponibile delle aree fabbricabili. elle aree fabbricabili è il valore venale in comune commercio al primo imposizione, avendo riguardo alla zona territoriale di ubicazione, all'indice estinazione d'uso consentita, agli oneri di eventuali lavori di adattamento del terreno necessar per la costruzione, ai prezzi medi rilevati sul mercato dalla vendita di aree aventi analoghe car tteristiche. 2. La Giunta Comunal ha facoltà di determinare periodicamente e per zone omogenee i valori venali in comune ommercio delle aree fabbricabili. Tali valori debbono essere derogati dall'ufficio allorquan o i valori così determinati risultino inferiori a quelli indicati in atti pubblici o privati. Non è doviito alcun rimborso al contribuente in caso di versamento superiore a quello derivante dall'applic zione dei valori di cui al presente comma. 3. Le norme dei com edificatoria, alla de all'articolo 5, comm imponibile è dato d. i precedenti si applicano anche alle aree relative alla utilizzazione olizione di fabbricati ed agli interventi di recupero come meglio precisato 6, del decreto legislativo 30 dicembre 1192, n In tali casi il valore I valore delle aree dalla data di inizio lavori sino alla data di ultimazione degli stessi ovvero d i utilizzazione dei fabbricati se antecedente. er data di inizio lavori deve intendersi la data municata al Comune dal titolare della concessione edilizia o dal suo delegato ovvero la d ta di perfezionamento del silenzio-assenso nel caso di presentazione della DIA/SCIA. er i fab e ricati che risultino censiti o censibili all'agenzia del Territorio come unità ricadenti nella cate oria "F7' la base imponibile è costituita dal valore venale in comune commercio dell'area dificabile. Articolo 7 Versamenti dei contitolari. 1. Si considerano regol rmente eseguiti i versamenti effettuati da un contitolare anche per conto degli altri, purché 'imposta sia stata totalmente assolta per l'anno fiscale e sia stato comunicato all'ufficio competente. 1. Ciascun contribuente per l'anno di riferime (dieci). Articolo 8 Importi minimi di versamento e rimborso. non è tenuto al versamento qualora l'imposta complessivamente dovuta ito, relativa alla propria quota di possesso, sia pari o inferiore a 10,00 2. Non sono eseguiti rimborsi per importi di imposta pari o inferiori a 10,00 (dieci). 1. Gli importi derivanti applicazione degli in difficoltà del contribu Articolo 9 Rateizzazione dei pagamenti. a avvisi di accertamento possono essere oggetto di rateizzazione, con ressi moratori calcolato al tasso legale vigente, in caso di temporanea nte ad adempiere. 2. Il numero massimo d rate di uguale importo mensili concedibili è pari a: - 6 rate, in caso di i porti a debito fino ad 1.000,00-12 rate, in caso di i porti a debito da 1.001,00 fino ad 5.000,00-18 rate, in caso di i porti a debito da 5.001,00 fino ad ,00-24 rate, in caso di i porti a debito superiori ad ,00. Comune di Nogarole occa - regolamento per applicazione dell'imposta municipale propria (IMU) 5

12 3. La rateizzazione vier e concessa con atto del funzionario responsabile, previa presentazione di istanza utilizzando I apposita modulistica disponibile presso il Servizio Tributi del Comune e scaricabile dal sito in ernet comunale. 4. In caso di mancato obbligato al versam rata; in caso di inad agamento di una rata, il contribuente decade dal beneficio in oggetto ed è nto dell'intero debito residuo entro 30 giorni dalla scadenza della predetta mpimento l'ufficio procederà al recupero coattivo. 1. In caso di emissione corrispondere, in ac relative all'invio del notifiche effettuate importi stabiliti dall'a rticolo 10 Ripetibilità delle spese di notifica di avviso di accertamento d'ufficio o in rettifica, il contribuente è tenuto a giunta a quanto previsto per imposta, sanzioni ed interessi, le spese a raccomandata con avviso di ricevimento e/o le spese relative alle i sensi dell'articolo 60 del D..R. 29 settembre 1973, n. 600, in base agli posito decreto del Ministero delle Finanze. 2. Le spese di cui al tributo accertato, all recedente comma sono recuperate unitamente al tributo o al maggior sanzioni amministrative ed agli interessi. rticolo 11 Istituti deflativi del contenzioso. 1. All'imposta municipal propria si applicano l'istituto dell'accertamento con adesione sulla base dei principi e dei c iteri dettati dal decreto legislativo 19 giugno 1997, n. 218 e gli altri strumenti deflativi de contenzioso eventualmente previsti dalle specifiche norme. Articolo 12 Entrata in vigore 1. Le disposizioni del pre ente Regolamento entrano in vigore dal 1 gennaio Comune di Nogarole jtocca - regolamento per applicazione dell'imposta municipale propria (IMU) 6

13 Comune di NOGAROLE ROCCA ROOSTA DI DELIBI, RAZIONE AL CONSIGLIO COMUNALE AVEN re ER OGGETTO: AROVAZIONE ODIFICHE AL REGOLAMENTO ER L'ALICAZIONE DELL'IMOSTA MU ICIALE RORIA (IMU) ARERI EX ARTICOLO 49 DEL DECRETO LEGISLATIVO 18 AGOSTO 2000, N. 267 ARERE DI REGOLARITA' TECNICA Vista la proposta di deli erazione in oggetto, si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica dell'atto che si in ende adottare, essendo state eseguite tutte le procedure di legge previste per la fattispecie. Nogarole Rocca, IL RESONSAB ICSNINI li S RVIZIO NUELA ARERE DI REGOLARITA' CONTABILE Vista la proposta di deli contabile dell'atto che si per la fattispecie. erazione in oggetto, si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità ntende adottare, essendo state eseguite tutte le procedure di legge previste Nogarole Rocca, n IL RESONSABILE DEL SERVIZIO,A3onetti Francesco

14 Letto, approvato e sotto critto IL RESID NTE trentini /6t Atto pubblicato sul sito ihformatico del Comune di Nogarole Rocca ai sensi dell'articolo 32, comma I, della Legge 18 giug o 2009, n. 69 per la durata di quindici giorni consecutivi in conformità all'articolo 124, comma, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n Nogarole Rocca, 2 9 NOV IL RESONSABILE DELL'AREA AFFARlin;NERALI E FINANZIARI )(/, %netti Fr. cesto La presente deliberazion è divenuta esecutiva in data termini, ai sensi dell'artic lo 134, comma 3, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n per decorrenza dei Nogarole Rocca, IL RESONSABILE DELL'AREA AFFARI GENERALI E FINANZIARI Sonetti Francesco deliberazic e Consiglio Comunale n. 22 del Comune di Nogarole Rocca

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI PRADAMANO (Provincia di UDINE) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 47 Del 27/11/2014 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) 1 CAPO I L IMPOSTA UNICA COMUNALE

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del regolamento

Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A) REGOLAMENTO IN MATERIA DI IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC), COMPRENSIVO DELLE DISPOSIZIONI CHE DISCIPLINANO L IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) E IL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI). Articolo

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

COMUNE DI MONTE PORZIO Provincia di Pesaro Urbino

COMUNE DI MONTE PORZIO Provincia di Pesaro Urbino COMUNE DI MONTE PORZIO Provincia di Pesaro Urbino REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C. - Imposta Unica Comunale (IUC) PREMESSA L imposta Unica Comunale, di seguito denominata

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 53 del 22/7/2014 1 Sommario Sommario... 2 CAPO I - IMPOSTA UNICA COMUNALE

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

COMUNE DI GRANDOLA ED UNITI

COMUNE DI GRANDOLA ED UNITI COMUNE DI GRANDOLA ED UNITI (Provincia di COMO) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 28.05.2014 SOMMARIO CAPO I L IMPOSTA

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

C O M U N E D I GRAVEDONA ED UNITI

C O M U N E D I GRAVEDONA ED UNITI C O M U N E D I GRAVEDONA ED UNITI Provincia di COMO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C. Approvato con Deliberazione Consiliare n. 11 del 07.08.2014 1 INDICE GENERALE - CAPITOLO

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale (IUC)

Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale (IUC) Allegato B) alla deliberazione C.C. n. 39 del 11/07/2014 COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA Provincia di Venezia Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale (IUC) Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA III. QUANDO SI ACQUISTA CASA Quando si compra casa le imposte da pagare indicato nell'atto, provvede alla rettifica e sono diverse (registro o Iva) a seconda che il alla liquidazione della maggiore imposta

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

REGOLAMENTO DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

REGOLAMENTO DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI ALEZIO (Provincia di Lecce) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 15 del 6/5/2014 REGOLAMENTO DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) 1 INDICE CAPO I: DISCIPLINA GENERALE IUC CAPO II: REGOLAMENTO

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Dossier del Servizio Studi sull A.S. n. 1450

Dossier del Servizio Studi sull A.S. n. 1450 XVII legislatura Dossier del Servizio Studi sull A.S. n. 1450 "Conversione in legge, con modificazioni, del decretolegge 6 marzo 2014, n. 16, recante disposizioni urgenti in materia di finanza locale,

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Deliberazione n. 38. Partecipa alla seduta il sottoscritto Vice Segretario Generale, dott. Luigi MAGGIO.

Deliberazione n. 38. Partecipa alla seduta il sottoscritto Vice Segretario Generale, dott. Luigi MAGGIO. Protocollo RC n. 7994/14 Deliberazione n. 38 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA Anno 2014 VERBALE N. 50 Seduta Pubblica del 23 luglio 2014 Presidenza: CORATTI - MARINO L

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

ATTRIBUZIONE/AGGIORNAMENTO CLASSAMENTO CATASTALE. COMUNICAZIONE ADESIONE DEFINIZIONE AGEVOLATA I.C.I. art. 16 bis del regolamento comunale ICI

ATTRIBUZIONE/AGGIORNAMENTO CLASSAMENTO CATASTALE. COMUNICAZIONE ADESIONE DEFINIZIONE AGEVOLATA I.C.I. art. 16 bis del regolamento comunale ICI ATTRIBUZIONE/AGGIORNAMENTO CLASSAMENTO CATASTALE COMUNICAZIONE ADESIONE DEFINIZIONE AGEVOLATA ICI art 16 bis del regolamento comunale ICI Il sottoscritto Nato a il CF Residente a in via tel con riferimento

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 6 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2011, n. 23 Disposizioni in materia di federalismo Fiscale Municipale. (11G0066)

DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2011, n. 23 Disposizioni in materia di federalismo Fiscale Municipale. (11G0066) DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2011, n. 23 Disposizioni in materia di federalismo Fiscale Municipale. (11G0066) IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 76, 87, quinto comma, 117 e 119 della Costituzione;

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione Min mi - DAI T - " C F Pro! Ingiesso del 27? renerò 0048973 I'!-'.) SSifrCd G 01 IL Ministro dell'interno Visto l'art. 7, comma 31-ter del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE IN AREE DI VINCOLO PAESAGGISTICO AMBIENTALE

REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE IN AREE DI VINCOLO PAESAGGISTICO AMBIENTALE ALLEGATO alla Delibera Consiglio Comunale n 47 del 21.12.2006 Comune di Vezzano Ligure Provincia della Spezia Area Pianificazione Territoriale Urbanistica Edilizia Privata REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE

Dettagli