67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs , n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11."

Transcript

1 67$7872 '(/&2081(', &86$120,/$1,12 3URYLQFLDGL0LODQR (ar t. 6 del D.Lgs , n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del Modif icat o con deliber azioni di Consiglio comunale: n. 5 del n. 6 del n. 6 del n. 11 del n. 49 dell (672&225',1$72.

2 7,72/2,',6326,=,21,*(1(5$/,,O&RPXQH 1. La comunit à locale di Cusano Milanino, or dinat a nel Comune omonimo, e` aut onoma. 2. I l Comune di Cusano Milanino e` l'ent e locale che r appr esent a la pr opr ia comunit à e che - insieme ad alt r i sogget t i - ne cur a gli int er essi e ne pr omuove lo sviluppo; esso gode di aut onomia st at ut ar ia e di aut onomia f inanziar ia nell'ambit o delle leggi e del coor dinament o della f inanza pubblica; e` t it olar e di f unzioni pr opr ie ed eser cit a alt r esi`, secondo le leggi st at ali e r egionali, le f unzioni at t r ibuit e o delegat e dallo St at o e dalla Regione Lombar dia; e` cir coscr izione di decent r ament o della Repubblica I t aliana, della Regione Lombar dia e della Pr ovincia di Milano. 6WHPPDJRQIDORQHHEDQGLHUD 1. I l Comune ha come suo segno dist int ivo lo st emma seguent e: "Leone d'or o e cast ello d'ar gent o, t or r icellat o e mer lat o alla guelf a con bor dat ur a st accat a di 6 pezzi per lat o di ver de e d'or o" (all. A). 2. Lo st emma e` st at o r iconosciut o con DPR in dat a Nelle cer imonie uf f iciali il Comune f a uso del Gonf alone, cost it uit o da un dr appo int er zat o in palo di ver de, di r osso e di giallo, or nat o di r icami d'ar gent o e dello st emma, con l'iscr izione in ar gent o "Comune di Cusano Milanino" (all. B). 4. Sono viet at i l'uso e la r ipr oduzione non aut or izzat i dello st emma e del gonf alone nonche`, in gener ale, dei cont r assegni e delle int est azioni comunali, anche r ipr odot t i. 5. I l Sindaco cust odisce il gonf alone e la bandier a nazionale con le insegne comunali; cur a la esposizione del t r icolor e secondo le nor me in vigor e per gli edif ici pubblici. 7HUULWRULR 1. I l Comune di Cusano Milanino compr ende la par t e di t er r it or io nazionale delimit at a col piano t opogr af ico appr ovat o dall'i st it ut o Cent r ale di St at ist ica e di complessivi Kmq 3, I l t er r it or io comunale compr ende anche la Cit t a` Giar dino di Milanino. 3. Event uali modif icazioni alla cir coscr izione t er r it or iale sono appor t at e con legge r egionale, sent it a la popolazione del Comune. )LQDOLWDCSULQFLSLHIXQ]LRQLFRPXQDOL 1. I l Comune di Cusano Milanino concor r e a pr omuover e il pieno sviluppo della per sona umana at t r aver so pr ovvediment i volt i a r imuover e gli ost acoli di or dine economico e sociale che limit ano la liber t à e la uguaglianza dei cit t adini. Oper a al f ine di conseguir e l'ef f et t iva par t ecipazione di t ut t i i cit t adini all'or ganizzazione polit ica, economica, sociale e cult ur ale del Paese, e pr omuove l'educazione civica degli st essi. 2

3 Favor isce lo sviluppo delle associazioni democr at iche. Riconosce, gar ant isce e pr omuove la par t ecipazione delle f or me sociali al gover no della cit t à, r appor t andosi ad esse in base al pr incipio di sussidiar iet à così come sancit o all ar t. 118 ult imo comma della Car t a Cost it uzionale. Favor isce t ut t e le iniziat ive t endent i a sviluppar e la coscienza civica dei cit t adini al f ine di gar ant ir e l'ef f et t iva par t ecipazione degli st essi alla vit a polit ico-amminist r at iva della cit t à. Or ganizza t empi e modalit à della vit a ur bana per r isponder e alle esigenze dei cit t adini, delle f amiglie, delle lavor at r ici e dei lavor at or i. 2. I l Comune è or gano di compet enza gener ale, esso in concor so con lo St at o, la Regione e la Pr ovincia: a) concor r e ad assicur ar e i ser vizi f ondament ali con par t icolar e r iguar do all'abit azione, alla ist r uzione, alla pr omozione cult ur ale, alla salut e, alla sicur ezza sociale, alla occupazione, ai t r aspor t i, alla educazione ad at t ivit à spor t ive ed all'impegno del t empo liber o per t ut t i i cit t adini; b) oper a per l'at t uazione di un ef f icace ser vizio sociale con par t icolar e r if er iment o agli anziani, ai minor i, agli inabili ed ai sogget t i comunque meno gar ant it i; c) gar ant isce ai minor i ed ai giovani pr ot ezione sociale e ser vizi at t i a f avor ir e una sana cr escit a f isica e mor ale ed il pieno r ispet t o delle singole sogget t ivit à; d) per segue i pr incipi della massima t r aspar enza, ef f icacia, ef f icienza, economicit à e della semplif icazione dei pr ocediment i nella pr opr ia azione amminist r at iva; e) gar ant isce ai giovani il dir it t o di par t ecipazione alla vit a ed alle ist it uzioni democr at iche. 3. I l Comune e` or gano a compet enza gener ale, e r appr esent at ivo degli int er essi della comunit a` insediat a nel suo t er r it or io, salve le compet enze che la Cost it uzione e le leggi di pr incipio dello st at o devolvono allo St at o medesimo o ad alt r i ent i pubblici. I n linea di pr incipio esso dispone quindi di ogni at t r ibuzione che la legge st at ale e r egionale non abbia af f idat a ad alt r o sogget t o. 4. I n par t icolar e spet t ano al Comune t ut t e le f unzioni amminist r at ive che r iguar dino la popolazione ed il t er r it or io comunale, pr incipalment e nei set t or i or ganici dei ser vizi sociali, dell'asset t o ed ut ilizzazione del t er r it or io e dello sviluppo economico, cosi` come sono st at e def init e dal DPR 24 luglio 1977, n. 616 e da alt r e leggi st at ali e r egionali. 5. I l Comune inf or ma la sua azione ai pr incipi della Cost it uzione, in par t icolar e salvaguar dando il r ispet t o della dignit a` della per sona f avor endo la solidar iet a` sociale. 6. Le f unzioni comunali sono svolt e at t r aver so l'at t ivit a` di apposit i uf f ici e ser vizi che oper ano secondo i pr incipi cost it uzionali del buon andament o e della impar zialit a` della pubblica amminist r azione, nonche` secondo i cr it er i di economicit a`, ef f icacia, ef f icienza, pubblicit a` e t r aspar enza dell'at t ivit a` amminist r at iva. 7. I l Comune svolge le sue f unzioni anche at t r aver so le at t ivit à che possono esser e adeguat ament e eser cit at e dalla aut onoma iniziat iva dei cit t adini e delle lor o f or mazioni sociali. )XQ]LRQLVWDWDOL 1. I l Comune gest isce per cont o dello St at o i ser vizi elet t or ali, di anagr af e, di st at o civile, di st at ist ica e di leva milit ar e. 2. Le ult er ior i f unzioni st at ali af f idat e al Sindaco quale uf f iciale di gover no, le quali at t engono in par t icolar e alla vigilanza sulla sicur ezza e l'or dine pubblico nonché ai pr ovvediment i cont ingibili ed ur gent i, di cui ai successivi ar t t. 49 e 50 sono svolt e anch'esse col suppor t o di una adeguat a or ganizzazione dell'ent e. 3

4 3. Le f unzioni st at ali di polizia af f idat e agli uf f iciali ed agli agent i di polizia municipale, in aggiunt a a quelle pr opr ie, sono svolt e unit ar iament e at t r aver so un Cor po, or dinat o secondo la legge 7 mar zo 1986, n. 65 e le nor me r egionali conseguent i. 4. L apposit o r egolament o det er mina i r equisit i, i dover i e le nor me di compor t ament o del per sonale in f unzione del ser vizio. 5. Dif esa dell igiene pubblica e della salut e, at t uando idonei st r ument i comunali in aggiunt a e in suppor t o delle azioni cont ingent i delegat e dallo St at o al Sindaco. 5DFFROWDGHOOHQRUPHVXOOHIXQ]LRQLFRPXQDOL DQFKHFRQODXVLOLRGLVLVWHPLWHOHPDWLFL 1. I l Segr et ar io gener ale del comune e` incar icat o di t ener e aggior nat a una Raccolt a delle nor me (st at ali, r egionali e comunit ar ie), degli usi, della giur ispr udenza e delle t esi dot t r inali aut or evoli, che det er minano le f unzioni comunali o ne t r at t ano per i f ini di cui ai pr ecedent i ar t icoli 4 e 5. Essa viene comunicat a al Consiglio ed e` conser vat a per la pubblica consult azione dei cit t adini. )LQDOLWDCSDUWLFRODULGHO&RPXQH 1. I l Comune di Cusano Milanino, in aggiunt a alle f inalit a` gener ali di cui ai pr ecedent i ar t icoli, cur a, pr omuove e valor izza: a) r iconosce nella pace, in conf or mit à ai pr incipi cost it uzionali e alle nor me int er nazionali che sanciscono il r ipudio della guer r a, il mezzo da per seguir e per la r isoluzione delle cont r over sie nazionali ed int er nazionali; pr omuove la cult ur a della pace, della nonviolenza, dell'ant ir azzismo, dei dir it t i umani e della solidar iet à mediant e iniziat ive cult ur ali, di r icer ca, di educazione, di cooper azione int er nazionale e di r accor do con quant i oper ano in t ale cont est o; ader isce agli Ent i Locali nazionali per la pace; r iconosce a t ut t i quelli che si t r ovino sul pr opr io t er r it or io i dir it t i f ondament ali della per sona umana; b) in ar monia con lo spir it o della Cost it uzione e della sua t r adizione, pr omuove l'incont r o con alt r e cult ur e e, at t r aver so i r appor t i di gemellaggio, int r at t iene r elazioni cult ur ali e sociali con alt r i Comuni di Paesi est er i, comunit ar i ed ext r a-comunit ar i, al f ine di per seguir e la cooper azione e lo sviluppo dei popoli. I l Comune di Cusano Milanino, nell'azione di cooper azione con t ut t i gli alt r i paesi, si pr opone di appor t ar e il pr opr io cont r ibut o all'af f er mazione dei dir it t i di liber t à e di aut onomia dell'uomo e s'impegna per la dif f usione della cult ur a della pace e della solidar iet à; svolge la sua at t ivit à di cooper azione nell'ambit o della legislazione it aliana ed eur opea e con la car t a delle Nazioni Unit e e del Tr at t at o di Helsinki, anche at t r aver so l'adesione e l'associazione con cent r i r iconosciut i della Comunit à Eur opea e della Or ganizzazione per le Nazioni Unit e. c) la conser vazione e lo sviluppo delle basi sociali ed or ganizzat ive della t r adizione cooper at ivist ica e dell'associazionismo solidar ist ico del paese; d) la t r adizione ur banist ica, edilizia e del giar dinaggio del quar t ier e Cit t a` Giar dino di Milanino, per il quale sono adot t at e specif iche nor me di salvaguar dia e di vigilanza ur banist ica ed ambient ale; 4

5 e) la t r adizione, dif f usa su t ut t o il t er r it or io, dell abbelliment o delle vie, delle piazze e degli spazi a ver de, da piant umar e con alber at ur e aut oct one e/ o pr egiat e e di ef f et t o est et ico elevat o, assicur andone la manut enzione; f ) la conser vazione dei monument i st or ici e dei luoghi o edif ici not evoli nell abit at o di Cusano; 2. La Giunt a comunale r ende cont o annualment e al Consiglio dello st at o di at t uazione dei pr ogr ammi e delle at t ivit à necessar ie per il r aggiungiment o di t ali scopi, ser vendosi alt r esì degli st udi sull'impat t o ambient ale delle oper e f ut ur e sulle r ealt à di cui ai commi pr ecedent i. $VVRFLD]LRQLHG(QWLFKHVYROJRQRDWWLYLWjGLSXEEOLFRLQWHUHVVH 1. I l Comune di Cusano Milanino per segue la collabor azione con le liber e f or me associat ive, con le cooper at ive e coi r aggr uppament i sociali in cui la comunit à locale e` ar t icolat a e car at t er izzat a. I nolt r e, con apposit e nor me di par t ecipazione, ne pr omuove il concor so alla pr est azione dei ser vizi pubblici e di pubblico int er esse. 2. Pr esso la segr et er ia gener ale del Comune viene ist it uit o un r egist r o dei sogget t i di cui sopr a, per i f ini di consult azione, di iniziat iva, di suppor t o e di collabor azione pr evist i dallo St at ut o. L'apposit o Regolament o det er mina le modalit à at t uat ive del Regist r o e la disciplina dei r appor t i t r a i sogget t i ivi iscr it t i col Comune. /R6WDWXWR 1. I l pr esent e St at ut o, nell'ambit o dei pr incipi f issat i dalla legge, st abilisce le nor me f ondament ali per l'or ganizzazione dell'ent e ed in par t icolar e det er mina le at t r ibuzioni degli or gani, l'or dinament o degli uf f ici e dei ser vizi pubblici, le f or me della collabor azione con i Comuni vicini e f r a Comune, Regione e Pr ovincia, della par t ecipazione popolar e, dell'accesso dei cit t adini alle inf or mazioni ed ai pr ocediment i amminist r at ivi. 2. Lo St at ut o si int er pr et a secondo l'ar t icolo 12 delle pr eleggi. 3. I l Consiglio comunale pr ovvede all adeguament o dello St at ut o ent r o 120 gior ni dall ent r at a in vigor e di nuove leggi che compor t ino imper at ivament e modif iche del t est o vigent e. 4. Le modif iche allo St at ut o ent r ano in vigor e decor si 30 gior ni dall af f issione all Albo pr et or io del Comune. 5HJRODPHQWL 1. Nel r ispet t o della legge e dello St at ut o, il Comune adot t a r egolament i per l'or ganizzazione ed il f unzionament o delle ist it uzioni e degli or gani di par t ecipazione, per il f unzionament o degli or gani e degli uf f ici e per l'eser cizio delle f unzioni. 2. I l r egolament o del Consiglio Comunale viene adeguat o allo St at ut o ent r o 120 gior ni dall'appr ovazione e modif ica di quest o. 3. Ent r o un anno dall'ent r at a in vigor e dello St at ut o, t ut t i gli alt r i r egolament i dell'ent e sono o emanat i, o sost it uit i, o adeguat i. 4. I Regolament i sono pubblicat i, dopo la esecut ivit à della deliber azione appr ovat iva, per 15 gior ni all'albo Pr et or io con apposit o avviso af f isso anche negli alt r i luoghi pubblici ed ent r ano in vigor e il 5

6 gior no successivo all ult imo di pubblicazione, salvo che non sia alt r iment i dispost o nello st esso r egolament o. 6DQ]LRQLHYLJLODQ]D 1. I n gener ale ogni r egolament o - qualor a def inisca un obbligo di compor t ament o - pr evede sanzioni appr opr iat e per le violazioni r elat ive, secondo pr ocedur e e limit i pr evist i dalla legge e dallo St at ut o. 2. La violazione dei r egolament i per l eser cizio delle f unzioni comunali e per la f r uizione dei ser vizi compor t a comunque una sanzione amminist r at iva, f at t e salve le sanzioni civili e penali pr opr ie dell aut or it a giudiziar ia. 3. Le sanzioni sono def init e dai r egolament i di cui al comma pr ecedent e e quelle pecuniar ie sono f issat e t r a i limit i massimi e minimi pr evist i dalla legge , n La vigilanza sulle violazioni e af f idat a in via gener ale ed ist it uzionale agli addet t i al ser vizio del Cor po di polizia municipale, nonche a quei f unzionar i od unit a oper at ive - ident if icat i o dai r egolament i o da decr et o del Sindaco o da una apposit a deliber azione da par t e della Giunt a - cui sia demandat o di vigilar e su specif iche mat er ie, anche ai sensi del t er zo comma dell ar t. 57 del Codice di Pr ocedur a Penale. 5. Un par t icolar e t ipo di vigilanza, secondo il r egolament o della r elat iva or ganizzazione, ver r a post o in esser e at t r aver so il Cor po Volont ar io di Vigilanza Ecologica, cui ver r anno r iconosciut e pr er ogat ive adeguat e ai compit i di ist it ut o. 6

7 7,72/2,,/25',1$0(172'(*/,25*$1,,67,78=,21$/, *OLRUJDQLHOHWWLYL 1. Gli or gani del Comune sono: il Consiglio Comunale, la Giunt a, il Sindaco. 2. Le pr er ogat ive che la legge e lo st at ut o at t r ibuiscono a ciascun or gano sono indisponibili e per t ant o non sono delegabili. 3ULQFLSLFRPXQLDOOHQRPLQHIDWWHGDO6LQGDFRHGDO&RQVLJOLR&RPXQDOH 1. Tut t e le nomine di spet t anza degli or gani comunali iniziano col r innovo e decadono con la scadenza del Consiglio Comunale, f at t e salve diver se pr escr izioni di legge o del pr esent e St at ut o. I l Consiglio deve esser e t empest ivament e inf or mat o delle dimissioni o delle decadenze in or dine alle nomine di sua spet t anza. 2. Gli or gani od i sogget t i che sono compet ent i a nominar e, ovver o a designar e, sono anche compet ent i a r evocar e i pr opr i r appr esent ant i: a) per sf iducia, b) per inadempienza. 3. La r evoca dei nominat i è dispost a dall or gano compet ent e con pr ovvediment o mot ivat o. 4. Per i component i i Consigli di amminist r azione delle Societ à per azioni, vale quant o pr evist o dal successivo ar t Cont est ualment e ad ogni decisione di r evoca, ent r o i t er mini f issat i dalla legge si deve pr ovveder e alle nomine sost it ut ive sempr e salvaguar dando il pr incipio della compet enza pr of essionale nonchè i pr incipi e cr it er i dir et t ivi st abilit i dal Consiglio Comunale. 6. I n caso di sciogliment o dell'or gano di amminist r azione di una ist it uzione o azienda del Comune, per causa di gr ave violazione di legge o di indir izzo, o per iner zia ed incapacit à, o per alt r e cause, alla nuova nomina pr ovvede il Sindaco. 7. Ogni sur r ogant e r imane in car ica t ant o quant o sar ebbe spet t at o al sur r ogat o. 8. I pr ovvediment i di r evoca debbono esser e mot ivat i e comunicat i agli int er essat i, dando ad essi un t er mine per l aut odif esa di almeno 30 gior ni. 9. Per le aziende speciali e per le ist it uzioni si osser vano in aggiunt a le disposizioni par t icolar i dei successivi ar t icoli 56, 58 e 59 ment r e per le societ à per azioni si osser vano le nor me del Codice Civile. 10. Nelle commissioni t ecniche consult ive e nei consigli di amminist r azione degli Ent i dipendent i dal Comune devono esser e gar ant it e le par i oppor t unit à, f er me r est ando le compet enze necessar ie. 7

8 &$32,/&216,*/,2,O&RQVLJOLHUH&RPXQDOH 1. Ciascun Consiglier e r appr esent a l int er o cor po elet t or ale comunale, senza vincolo di mandat o. 2. I r equisit i per l'elezione a Consiglier e Comunale sono st abilit i dalla legge, che det er mina alt r esì le cause di ineleggibilit à e di incompat ibilit à. I Consiglier i sono sospesi o r imossi dalle compet ent i aut or it à dello St at o, secondo la legge. 3. L'ent it à ed i t ipi di indennit à delle aspet t at ive, dei per messi e dei r imbor si spet t ant i a ciascun Consiglier e, a seconda delle pr opr ie f unzioni ed at t ivit à, sono st abilit i dalla legge. 2EEOLJKLPRUDOLGHL&RQVLJOLHUL 1. I l Consiglier e Comunale al di f uor i di ogni vincolo di legge, pr esent a l aut ocer t if icazione della pr opr ia sit uazione pat r imoniale. I r isult at i vengono r accolt i ed esibit i, a r ichiest a dei cit t adini, dai compet ent i uf f ici comunali. 2. I l Consiglier e Comunale è t enut o ad ast ener si dal par t ecipar e alla discussione e al vot o di deliber e r iguar dant i int er essi dir et t i pr opr i o di par ent i o di af f ini f ino al quar t o gr ado, nei t er mini del det t at o della legislazione vigent e. 3. I l Consiglier e è inolt r e t enut o a pr esent ar e al Sindaco e ad aggior nar e una aut ocer t if icazione cir ca le condanne subit e, i pr ocediment i penali in cor so, nonché le misur e pr event ive di polizia subit e o in cor so. È f acolt à del dichiar ant e f or nir e spiegazioni e giust if icazioni. 4. I l Consiglier e è inolt r e t enut o ad osser var e quant o alt r o sia st at o pr evist o da codici di aut or egolament azione in mat er ia di designazione dei candidat i alle pubbliche f unzioni ed alle nomine di compet enza comunale. 5. I n ogni caso i Consiglier i Comunali debbono ast ener si dal pr ender e par t e dir et t ament e od indir et t ament e in ser vizi, esazioni, f or nit ur e, somminist r azioni, appalt i, incar ichi r et r ibuit i, pr est azioni pr of essionali r emuner at e r iguar dant i il Comune e le ist it uzioni od or ganismi dallo st esso dipendent i, amminist r at i o comunque sogget t i a vigilanza. 6. Le nor me di cui ai commi pr ecedent i si applicano anche agli assessor i e a t ut t i gli alt r i amminist r at or i delle aziende, delle ist it uzioni e delle societ à per azioni del Comune, nonchè al dif ensor e civico ed ai membr i delle commissioni comunali t ecniche che f or niscono par er i iner ent i il r ilascio di pr ovvediment i concessor i o aut or izzat ivi. 'RYHULGHL&RQVLJOLHULLQUHOD]LRQHDOOHDWWLYLWjFRQVLOLDUL 1. I Consiglier i Comunali hanno il dover e di int er venir e alle sedut e del Consiglio ed alle r iunioni delle commissioni consiliar i delle quali sono component i, par t ecipando con diligenza ai lavor i. 2. Essi hanno inolt r e il dover e di r ispet t ar e il r egolament o del Consiglio, la disciplina delle sedut e, la dignit à dell'or gano, le opinioni e la per sona dei colleghi. 8

9 'HFDGHQ]DGHL&RQVLJOLHUL 1. I Consiglier i Comunali che, senza giust if icat o mot ivo, non int er vengono alle sedut e pr evist e per l appr ovazione del bilancio e del cont o consunt ivo o a t r e sedut e consiliar i consecut ive sono dichiar at i decadut i. 2. La decadenza è pr onunciat a dal Consiglio Comunale, d'uf f icio o su ist anza di qualunque elet t or e del Comune, dopo decor so il t er mine di dieci gior ni dalla not if icazione all'int er essat o della pr opost a di decadenza. 3. Nella st essa sedut a in cui si pr onuncia la decadenza, si pr ocede alla r elat iva sur r ogazione ai sensi di legge. 4. I l Consiglier e int er essat o può, ent r o cinque gior ni dalla not if ica del pr ovvediment o di decadenza, pr opor r e r icor so int er r ompendo i t er mini del pr ocediment o. I l r icor so viene esaminat o ent r o i 15 gior ni successivi da un Collegio di gar anzia f or mat o dal Pr esident e del Consiglio comunale Pr esident e dal Segr et ar io comunale e dal Dif ensor e civico. 3UHURJDWLYHGHO&RQVLJOLHUH 1. I l Consiglier e svolge t ut t e le f unzioni assegnat egli dalla legge, ivi compr eso il cont r ollo degli at t i amminist r at ivi; eser cit a il dir it t o di iniziat iva per t ut t i gli at t i di compet enza del Consiglio Comunale e può pr esent ar e int er r ogazioni e mozioni secondo il successivo ar t Ha dir it t o di ot t ener e dal Sindaco, dai Responsabili di set t or e e dai Pr esident i delle aziende ed ent i da esso dipendent i o vigilat i t ut t e le not izie ed inf or mazioni ut ili all'esplet ament o del mandat o. 3. È t enut o al segr et o d'uf f icio, nei casi specif icat ament e det er minat i dalla legge. 'LPLVVLRQLGHO&RQVLJOLHUH 1. Le dimissioni dalla car ica di Consiglier e sono indir izzat e dal medesimo al Consiglio e pr esent at e al pr ot ocollo gener ale. Esse sono ir r evocabili, non necessit ano di pr esa d'at t o e sono immediat ament e ef f icaci. I l Consiglio adot t a la r elat iva sur r ogazione ent r o il t er mine st abilit o dalla legge. 2. I l vot o sulla convalida o per la sur r ogazione dei Consiglier i ha come ogget t o esclusivo le condizioni di eleggibilit à. Per t ant o esso viene r eso in f or ma palese e l'event uale espr essione cont r ar ia deve esser e esplicit ament e mot ivat a solt ant o in r elazione a t ale condizione. 3UHVLGHQWHGHO&RQVLJOLR&RPXQDOH 1. È Consiglier e Anziano quello r isult at o elet t o con la cif r a individuale più alt a; a par it à di cif r a individuale, quello più anziano di et à. La pr esidenza del Consiglio spet t a al pr esident e elet t o dall'assemblea nella pr ima sedut a per scr ut inio segr et o a maggior anza qualif icat a dei due t er zi dei Consiglier i assegnat i. Qualor a t ale maggior anza non f osse r aggiunt a dopo i pr imi due scr ut ini sar à suf f icient e la maggior anza semplice. I n caso di assenza o impediment o del Pr esident e suppliscono 9

10 nell'or dine il Vice Pr esident e e il Consiglier e anziano. I l Vice Pr esident e è elet t o dall'assemblea con le st esse modalit à del Pr esident e. 2. I l Pr esident e del Consiglio r appr esent a l int er o Consiglio Comunale, ne t ut ela la dignit à del r uolo ed assicur a l eser cizio delle f unzioni allo st esso at t r ibuit e dalla legge e dallo st at ut o, si ispir a a cr it er i di impar zialit à nella conduzione dei lavor i, int er venendo a dif esa delle pr er ogat ive del Consiglio e dei singoli Consiglier i in ogni necessar ia occasione, dir ama gli avvisi di convocazione del Consiglio, pr esiede le conf er enze dei capigr uppo cui par t ecipa di dir it t o il Sindaco, pr edispone l'o.d.g. del C.C., f er ma la f acolt à del Sindaco di chieder e l'inser iment o di punt i all'o.d.g., f issa la dat a della r iunione del Consiglio, pr oclama la volont à consiliar e, ha pot er i di polizia nelle adunanze consiliar i, sovr aint ende al lavor o dei Pr esident i delle Commissioni Consiliar i Per manent i. 3. I l Pr esident e del Consiglio Comunale è t enut o a r iunir e il Consiglio, in un t er mine non super ior e a vent i gior ni, quando lo r ichiedano un quint o dei Consiglier i, o il Sindaco, inser endo all'or dine del gior no le quest ioni r ichiest e. 4. I n caso di dimissioni volont ar ie, decesso o impediment o per manent e del Pr esident e o del Vice Pr esident e il Consiglio pr ocede alla sost it uzione nella st essa sedut a in cui ne viene pr eso at t o con le modalit à di cui al comma La r evoca del Pr esident e, con mozione mot ivat a per violazione delle leggi, dello St at ut o o del Regolament o consiliar e o per cat t ivo eser cizio della f unzione in quant o ne r isult i viziat a la neut r alit à o inadeguat a la conduzione, può esser e pr opost a dal Sindaco o da 7 Consiglier i al Consiglio che discut e la mozione e se la st essa è appr ovat a a maggior anza semplice deliber a a t er mini st at ut ar i la nomina del nuovo Pr esident e. Tale nor mat iva si applica anche per il Vice Pr esident e. I l Pr esident e ed il Vice Pr esident e non possono pr esieder e la discussione e la vot azione della pr opost a di r evoca che li r iguar da. Nel caso in cui ent r ambi siano sot t opost i a pr opost a di r evoca, la discussione e la vot azione sono pr esiedut e dal Consiglier e anziano. *UXSSLFRQVLOLDUL 1. I Consiglier i si cost it uiscono in gr uppi di uno o piu` component i a nor ma del Regolament o del Consiglio. 2. I gr uppi sono t enut i a designar e un capogr uppo, da indicar e al Sindaco ed al Segr et ar io Gener ale del Comune, in r elazione alla comunicazione delle deliber azioni della Giunt a non sogget t e al cont r ollo pr event ivo di legit t imit à, nonchè in r elazione alle consult azioni per le nomine di compet enza del Sindaco o delle designazioni che spet t ano ai gr uppi. 3. I n mancanza della comunicazione, sar à consider at o capogr uppo il Consiglier e del gr uppo più anziano ai sensi del pr ecedent e ar t icolo. 4. I capigr uppo sono consult at i dal Pr esident e del Consiglio almeno una volt a al mese cir ca la pr ogr ammazione dei lavor i del Consiglio e la int er pr et azione del r egolament o. 'XUDWDLQFDULFD 1. I Consiglier i ent r ano in car ica all'at t o della pr oclamazione ovver o, in caso di sur r ogazione, non appena adot t at a dal Consiglio la r elat iva deliber azione. 2. I Consiglier i r est ano in car ica sino all elezione del nuovo consiglio comunale. 3. Dopo la pubblicazione del decr et o di convocazione dei comizi elet t or ali possono deliber ar e solament e su quest ioni ur gent i ed impr or ogabili. 10

11 4. Nel Consiglio Comunale il seggio che dur ant e il mandat o r imanga vacant e per qualsiasi causa, anche se sopr avvenut a, è at t r ibuit o al candidat o che nella medesima list a segue immediat ament e l'ult imo elet t o per numer o di vot i. 5. Nel caso di sospensione di un Consiglier e adot t at a ai sensi dell'ar t. 59 del D.lgs. 18/ 08/ 2000 n. 267 e s.m., il Consiglio, nella pr ima adunanza successiva alla not if ica del pr ovvediment o di sospensione, pr ocede alla t empor anea sost it uzione af f idando la supplenza per l'eser cizio delle f unzioni di Consiglier e al candidat o della st essa list a che ha r ipor t at o, dopo gli elet t i, il maggior numer o di vot i. La supplenza ha t er mine con la cessazione della sospensione. Qualor a sopr avvenga la decadenza si f a luogo alla sur r ogazione a nor ma del comma 1. 6FLRJOLPHQWRGHO&RQVLJOLR 1. I l Consiglio Comunale viene sciolt o con decr et o del Pr esident e della Repubblica, su pr opost a del Minist r o dell'i nt er no, nei seguent i casi: a) quando compia at t i cont r ar i alla Cost it uzione o per gr avi e per sist ent i violazioni di legge, nonchè per gr avi mot ivi di or dine pubblico; b) quando non possa esser e assicur at o il nor male f unzionament o degli or gani e dei ser vizi per le seguent i cause: b.1 in caso di impediment o per manent e, r imozione, decadenza o decesso del Sindaco, la Giunt a decade e si pr ocede allo sciogliment o del Consiglio. I l Consiglio e la Giunt a r imangono in car ica sino alla elezione del nuovo Consiglio e del nuovo Sindaco. Sino alle pr edet t e elezioni, le f unzioni del Sindaco sono svolt e dal vicesindaco. I l vicesindaco sost it uisce il Sindaco in caso di assenza o di impediment o t empor aneo, nonchè nel caso di sospensione dell'eser cizio della f unzione adot t at a ai sensi dell'ar t. 59 del D.lgs. 18/ 08/ 2000 n. 267 e s.m. b.2 le dimissioni pr esent at e dal Sindaco divent ano ir r evocabili e pr oducono gli ef f et t i di cui al comma 1 t r ascor so il t er mine di vent i gior ni dalla lor o pr esent azione al Consiglio. I n t al caso la compet ent e aut or it à pr ocede alla sciogliment o del Consiglio, con cont est uale nomina di un commissar io. c) quando non sia appr ovat o nei t er mini il bilancio; d) negli alt r i casi pr evist i dalla legge. 2. Lo sciogliment o del Consiglio Comunale det er mina in ogni caso la decadenza del Sindaco nonchè della Giunt a. 3. I n caso di sciogliment o del Consiglio viene nominat o un Commissar io il quale sost it uisce gli or gani elet t ivi del Comune f ino alla elezione dei nuovi or gani. 4. I l Commissar io eser cit a le at t r ibuzioni conf er it egli col pr ovvediment o di nomina. &RPSHWHQ]DGHOLEHUDWLYDGHO&RQVLJOLR 1. I l Consiglio Comunale è l'or gano di indir izzo e di cont r ollo polit ico-amminist r at ivo. 2. I l Consiglio Comunale ha compet enza deliber at iva limit at ament e agli at t i che gli sono espr essament e devolut i dalla legge. 3. Le pr opost e di at t i deliber at ivi si r it engono appr ovat e se ot t engono il vot o f avor evole di almeno la met à più uno dei pr esent i, salvo i casi pr evist i nel Regolament o del Consiglio comunale in cui sono r ichiest e maggior anze speciali. 11

12 4. I l Regolament o del Consiglio comunale disciplina alt r esì quali deliber e il Consiglio comunale non può adot t ar e, nelle adunanze di seconda convocazione, se non int er viene alla sedut a un congr uo numer o di consiglier i comunali &RPPLVVLRQLFRQVLOLDULSHUPDQHQWL 1. I l Consiglio Comunale si avvale di Commissioni cost it uit e nel pr opr io seno in modo t ale da r ispet t ar e nel complesso i r appor t i t r a i gr uppi. 2. I l Regolament o del Consiglio Comunale st abilisce il numer o delle commissioni per manent i, la lor o compet enza per mat er ia, le nor me di f unzionament o e le f or me di pubblicit à dei lavor i. 3. Le Commissioni hanno f unzioni di concor so allo st udio ed alle at t ivit à pr epar at or ie per le iniziat ive negli at t i deliber at ivi, f unzioni consult ive per il Sindaco e per la Giunt a cir ca le compet enze di t ali or gani nelle mat er ie assegnat e a ciascuna Commissione, nonche` f unzioni di vigilanza e cont r ollo su quelle, nei limit i consent it i al Consiglio. 4. Le Commissioni sono pr esiedut e da un component e elet t o al lor o int er no ed hanno f acolt à di chieder e alle pr opr ie r iunioni l'int er vent o del Sindaco e degli Assessor i, nonche` dei r esponsabili degli uf f ici comunali, ent i, ist it uzioni ed aziende dipendent i ed hanno dir it t o di ot t ener e dal Sindaco e dai f unzionar i a ciò dal medesimo dest inat i t ut t e le inf or mazioni, at t i e document i r it enut i ut ili nelle mat er ie di compet enza. 5. La commissione per manent e con f unzioni di cont r ollo amminist r at ivo e di bilancio è pr esiedut a da un esponent e dell opposizione secondo le modalit à def init e dal Regolament o consiliar e. Al f ine di acquisir e t ut t i gli element i di conoscenza necessar i per le sue f unzioni, la Commissione può r ichieder e l audizione del Sindaco, di membr i della Giunt a e del Consiglio, del Collegio dei Revisor i, del Dif ensor e Civico, del Segr et ar io Gener ale, del Dir et t or e Gener ale, dei Dir igent i o lor o delegat i, nonché dei r appr esent ant i del Comune in alt r i ent i ed or ganismi. 6. Le Commissioni possono af f idar e a singoli commissar i, con par er e mot ivat o, t empor anei incar ichi su mat er ie specif iche nei limit i e secondo le modalit à f issat e dal cit at o par er e. Det t i incar ichi sono svolt i a t it olo gr at uit o e con l ausilio se del caso degli uf f ici comunali. &RPPLVVLRQLGLQFKLHVWDHGLFRQWUROOR 1. I l Consiglio può cost it uir e, su pr opost a di almeno un t er zo dei Consiglier i assegnat i, commissioni speciali per svolger e inchiest e sulla at t ivit à amminist r at iva del Comune, in modo t ale da r ispet t ar e nel complesso i r appor t i t r a i gr uppi. 2. La composizione, le compet enze, le modalit à di f unzionament o ed i t er mini sono disciplinat i con apposit o at t o deliber at ivo appr ovat o a maggior anza assolut a dei Consiglier i assegnat i al Comune. 3. I l Pr esident e della Commissione d inchiest a è nominat o dal Pr esident e del Consiglio su indicazione dei commissar i di minor anza. 4. Le modalit à pr evist e ai commi pr ecedent i si applicano per la cost it uzione di commissioni di cont r ollo dell at t ivit à amminist r at iva che possono esser e cost it uit e su ogget t i chiar ament e def init i e per una dur at a non super ior e a sei mesi. Tali commissioni r edigono al t er mine del lor o lavor o un r appor t o f inale che viene pr esent at o al Consiglio comunale per le r accomandazioni alla Giunt a comunale. 12

13 ,QWHUURJD]LRQLHPR]LRQL 1. Le int er r ogazioni dei Consiglier i hanno la f inalit à di conoscer e f at t i, concer nent i l'at t ivit à amminist r at iva comunale od il Comune, giudizi o int enzioni, f or mulat i in mer it o dal Sindaco e dalla Giunt a. 2. La modalit à delle int er r ogazioni è scr it t a e deve esser e indicat o se la r ispost a è pr et esa in Consiglio od in commissione, per r ispost a or ale o con r ispost a scr it t a. La r ispost a, in ogni caso, è dovut a ent r o un mese. 3. Le mozioni sono pr opost e per iscr it t o anche da un singolo Consiglier e ed hanno la f inalit à di espr imer e giudizi, vot i, impegni e indir izzi del Consiglio su quest ioni iner ent i al Comune. Esse vengono consegnat e al Pr esident e del Consiglio per l inclusione nell'or dine del gior no della sedut a consiliar e successiva. Le mozioni, se appr ovat e, impegnano l'amminist r azione a dar ne at t uazione. 4. Le mozioni pr esent at e, invece, sedut a st ant e, pr ima del vot o f inale, assumono la f unzione di r accomandazione se r iguar dano la modalit à d at t uazione di un at t o deliber at ivo, col quale, t ut t avia, non possono esser e in cont r ast o o cost it uir e duplicazione o ampliament o della par t e disposit iva. 5. I l Regolament o del Consiglio disciplina anche la mat er ia dei r ichiami al r egolament o e delle mozioni d'or dine pr esent at i or alment e dur ant e le sedut e. 6. Ogni Consiglier e ha f acolt à di chieder e al Pr esident e del Consiglio di iscr iver e mozioni nell'o.d.g. del Consiglio Comunale o di convocar e apposit e sedut e del Consiglio, anche in f or ma aper t a, allo scopo di t r at t ar e ar goment i di not evole impor t anza sociale e polit ica, ma esclusi dalla compet enza dell'ent e. I l Pr esident e del Consiglio convoca senz alt r o il Consiglio per i f ini di cui sopr a, quando la r ichiest a e` avanzat a da un t er zo dei Consiglier i. Qualor a la convocazione del Consiglio venisse r ichiest a in sedut a aper t a, il Pr esident e deve convocar e il Consiglio ent r o 30 gior ni dal r iceviment o in f or ma uf f iciale della r ichiest a, r iunendolo ent r o i 10 gior ni successivi. 7. A t ali sedut e si applica int egr alment e il Regolament o del Consiglio. 5HTXLVLWLGHOOHSHUVRQHHIRUPD]LRQHGHOOHFDQGLGDWXUHSHUOHQRPLQHFKHVSHWWDQRDJOLRUJDQL FRPXQDOL 1. I nominat i dagli or gani comunali compet ent i, in aggiunt a agli obblighi di cui all'ar t. 15, debbono aver e i r equisit i di eleggibilit à a Consiglier e nonché compet enza o at t it udini specif iche per il t ipo di incar ico da r icopr ir e. 2. L assenza dei r equisit i - f issat i negli at t i di indir izzo del Consiglio - det er mina l esclusione dalle r ose dei candidat i alle nomine, ma il possesso necessar io di quelli deve esser e poi valut at o nell'ambit o discr ezionale della f iducia e del vincolo di r appr esent anza dell'or gano nominant e, sulla base di ampie r ose di candidat ur e mot ivat e con cur r icoli scr it t i e document at i e consegnat i al Segr et ar io ent r o i t er mini f issat i da: a) uno o più consiglier i comunali; b) uno o più ent i e sogget t i di cui agli ar t icoli 85 e 87 del pr esent e St at ut o, per t ale scopo f at t isi r egist r ar e pr esso la Segr et er ia Gener ale del Comune; c) gr uppi di cit t adini o di ut ent i di ser vizi comunali cost it uit i in comit at o per la pr esent azione della candidat ur a. 13

14 5HJRODPHQWRGHO&RQVLJOLR 1. Le nor me r elat ive all or ganizzazione, convocazione e f unzionament o del Consiglio Comunale sono cont enut e in apposit o r egolament o appr ovat o a maggior anza assolut a dei Consiglier i assegnat i al Comune. I l cont enut o del r egolament o discende dalla legge e dal pr esent e st at ut o. 2. La disciplina delle sedut e del Consiglio deve gar ant ir e una discussione suf f icient e dei pr oget t i di deliber azione, nel r ispet t o della pr eminent e f inalit à di decider e liber ament e col vot o. I l pr esident e è dot at o dei pot er i necessar i per t ale scopo e per impedir e abusi, int imidazioni e disor dini dur ant e le sedut e. 3. I l vot o è r eso in f or ma palese, eccet t o che nei casi pr evist i dalla legge o dal pr esent e St at ut o. 4. Le maggior anze qualif icat e sono r ichiest e esclusivament e nei casi pr evist i dalla legge o dallo st at ut o o dal Regolament o del Consiglio comunale. 5. Le sedut e del Consiglio sono pubbliche e si svolgono di nor ma nella casa comunale in una sala dove e` espost o il Gonf alone. 6. La lingua da usar si nei lavor i del Consiglio e` quella it aliana. 7. Event uali locuzioni o cit azioni dialet t ali e in alt r a lingua vanno immediat ament e t r adot t e da chi le usa, a meno che non siano gener alment e not e nel lor o signif icat o. 8. Gli assessor i par t ecipano alle sedut e del Consiglio Comunale con dir it t o di par ola, ma senza dir it t o di vot o e senza concor r er e a det er minar e la validit à dell'adunanza. 14

15 &$32/$*,817$ &RPSRVL]LRQHGHOOD*LXQWD 1. La Giunt a si compone del Sindaco, che la pr esiede, e da un numer o di Assessor i non super ior e al massimo consent it o dalla legge. (OH]LRQHGHO6LQGDFRHQRPLQDGHJOL$VVHVVRUL 1. I l Sindaco è elet t o dai cit t adini a suf f r agio univer sale e dir et t o secondo le disposizioni det t at e dalla legge ed è membr o del Consiglio. 2. I l Sindaco nomina i component i della Giunt a, t r a cui un vicesindaco, e ne dà comunicazione al Consiglio nella pr ima sedut a successiva alla elezione. Ent r o 120 (cent ovent i) gior ni dall insediament o, pr esent a al Consiglio sent it a la Giunt a le linee pr ogr ammat iche, r elat ive alle azioni e ai pr oget t i da r ealizzar e nel cor so del mandat o, sot t opost e in pr ecedenza alle Commissioni consiliar i per manent i per le mat er ie di r ispet t iva compet enza. Ent r o il 30 set t embr e di ogni anno, il Consiglio pr ovvede a ver if icar ne l at t uazione e pr opone al Sindaco event uali int egr azioni e modif iche. 3. La car ica di Assessor e è incompat ibile con la car ica di Consiglier e Comunale. 4. Q ualor a un Consiglier e Comunale assuma la car ica di Assessor e nella r ispet t iva Giunt a, cessa dalla car ica di Consiglier e all'at t o dell'accet t azione della nomina, ed al suo post o subent r a il pr imo dei non elet t i. 5. Non possono f ar par t e della Giunt a il coniuge, gli ascendent i, i discendent i, i par ent i ed af f ini f ino al t er zo gr ado del Sindaco. Gli st essi non possono esser e nominat i r appr esent ant i del Comune. 6. I l Comune di Cusano Milanino assicur a condizioni di par i oppor t unit à t r a uomo e donna ai sensi delle leggi vigent i e pr omuove la pr esenza di ent r ambi i sessi nella Giunt a.,qhohjjlelolwjhglqfrpsdwlelolwj 1. Le cause di ineleggibilit à ed incompat ibilit à con la car ica di Sindaco e di Assessor e sono st abilit e dalla legge. 3UHURJDWLYHGHO6LQGDFR 1) I l Sindaco è l'or gano r esponsabile dell'amminist r azione del Comune. 2) I l Sindaco r appr esent a l'ent e, convoca e pr esiede la Giunt a e sovr int ende al f unzionament o dei ser vizi e degli uf f ici e all'esecuzione degli at t i. 3) L eser cizio della r appr esent anza dell Ent e, f at t a eccezione per quella in giudizio e al di f uor i dei casi di nomina di cui all ar t. 48 comma 1 let t. p), è conf er it o dal Sindaco: a) I n via gener ale ai Dir igent i con l at t o di nomina degli st essi, nell ambit o delle compet enze degli uf f ici e dei ser vizi lor o af f idat i; b) A t it olo par t icolar e con apposit a delega al Segr et ar io Gener ale, al Dir et t or e Gener ale, o ad alt r i dipendent i dell Ent e, per per iodi, mat er ie, at t i o cat egor ie di at t i det er minat i. 4) L eser cizio della r appr esent anza in giudizio spet t a per sonalment e al Sindaco, che può delegar la di 15

16 volt a in volt a al Segr et ar io Gener ale, al Dir et t or e Gener ale, ad un Funzionar io o ad alt r o dipendent e dell Ent e, con la pr ocur a di cui all ar t. 77 c.p.c. 5) I l Sindaco, sent it a la Giunt a, può conf er ir e, quando par t icolar i mot ivi lo esigano e per un per iodo t empor aneo, con pr opr io at t o che ne def inisca cont enut o e dur at a, incar ichi ad un Consiglier e Comunale per collabor ar e con l Amminist r azione per st udiar e e pr esent ar e r elazioni o pr opost e. Ai f ini dell esplet ament o dell incar ico, che pr esuppone accet t azione espr essa dal consiglier e ed è a t it olo gr at uit o, il Sindaco impar t isce agli uf f ici comunali le dir et t ive necessar ie, inf or mandone il Consiglio Comunale. 'HFDGHQ]DGDOODFDULFDGL6LQGDFRHGL$VVHVVRUH 1. I l Sindaco e gli Assessor i decadono dalla car ica nei casi pr evist i dalla legge per l'ineleggibilit à o l'incompat ibilit à alla car ica di Consiglier e Comunale. 0R]LRQHGLVILGXFLD 1. I l Sindaco r isponde del pr opr io oper at o e di quello della Giunt a dinanzi al Consiglio. 2. I l vot o cont r ar io del Consiglio Comunale ad una pr opost a della Giunt a non compor t a obbligo di dimissioni. 3. I l Sindaco e la Giunt a cessano dalla car ica in caso di appr ovazione di una mozione di sf iducia vot at a per appello nominale dalla maggior anza assolut a dei component i il Consiglio. La mozione di sf iducia deve esser e mot ivat a e sot t oscr it t a da almeno due quint i dei Consiglier i assegnat i e viene messa in discussione non pr ima di dieci gior ni e non olt r e t r ent a gior ni dalla sua pr esent azione. Se la mozione viene appr ovat a, la compet ent e aut or it à pr ocede allo sciogliment o del Consiglio ed alla nomina di un commissar io ai sensi delle leggi vigent i. 5HYRFDGHJOL$VVHVVRUL 1. I l Sindaco può r evocar e e sost it uir e uno o più Assessor i, dandone mot ivat a comunicazione al Consiglio. 2UJDQL]]D]LRQHHDWWLYLWjGHOOD*LXQWD 1. L'at t ivit à della Giunt a e` collegiale e si svolge secondo pr ocedur e di aut oor ganizzazione e di pr ogr ammazione. 2. La Giunt a collabor a con il Sindaco nell'amminist r azione del Comune ed oper a at t r aver so deliber azioni collegiali. Gli assessor i par t ecipano, senza dir it t o di vot o, alle at t ivit à del Consiglio Comunale e delle commissioni consiliar i; essi danno r ispost a alle int er r ogazioni lor o indir izzat e. 3. Gli assessor i eser cit ano le f unzioni di vigilanza e di indir izzo r elat ivament e alle pr opost e di deliber azione. A t al f ine si avvalgono della collabor azione degli uf f ici e dei ser vizi a ciascuno assegnat i. 4. Gli incar ichi per manent i e t empor anei ai singoli Assessor i sono conf er it i dal Sindaco. 5. I l Sindaco comunica al Consiglio Comunale gli incar ichi conf er it i agli Assessor i e le successive modif iche. 16

17 $GXQDQ]HGHOOD*LXQWD 1. La Giunt a e convocat a e pr esiedut a dal Sindaco o da chi lo sost it uisce ai sensi del successivo ar t La Giunt a deliber a con l int er vent o di almeno quat t r o component i e a maggior anza assolut a dei vot i. 3. I n caso di par it à nelle vot azioni pr evale il vot o del Pr esident e. 4. Alle sedut e della Giunt a par t ecipa il Segr et ar io Comunale, che pr ovvede alla r edazione del r elat ivo ver bale. 5. Alle sedut e della Giunt a possono par t ecipar e, su invit o del Pr esident e e senza dir it t o di vot o, i Revisor i dei cont i. Possono alt r esì int er venir e, su invit o del Pr esident e, Consiglier i, f unzionar i, consulent i, pr of essionist i incar icat i, amminist r at or i degli Ent i sot t opost i al Comune ed alt r i, per r if er ir e in or dine agli ar goment i t r at t at i. 6. Le sedut e della Giunt a non sono pubbliche. &RPSHWHQ]HGHOOD*LXQWD 1. La Giunt a compie gli at t i di amminist r azione che non siano r iser vat i dalla legge al Consiglio e che non r ient r ino nelle compet enze, pr evist e dalle leggi o dallo st at ut o, del Sindaco, del Segr et ar io o dei f unzionar i dir igent i, collabor a con il Sindaco nell'at t uazione degli indir izzi gener ali del Consiglio, r if er isce annualment e al Consiglio sulla pr opr ia at t ivit à e svolge at t ivit à pr oposit ive e di impulso nei conf r ont i dello st esso. 2. La Giunt a pr ovvede inolt r e: a) a deliber ar e in mer it o: a.1 al piano annuale degli obiet t ivi; a.2 al piano esecut ivo di gest ione e sue var iazioni; a.3 al r egolament o di or ganizzazione del per sonale dell ent e; a.4 al piano annuale delle assunzioni; a.5 al cont enzioso comunale; b) ad eser cit ar e azione di coor dinament o, vigilanza e cont r ollo su t ut t a l'at t ivit à gest ionale amminist r at iva in r elazione all'at t uazione dei pr ogr ammi appr ovat i; c) a nominar e e a r evocar e, in t ut t o o par zialment e, i component i delle Commissioni Tecniche Consult ive, scegliendoli sulla base dei document at i cur r icula pr esent at i dai candidat i, segnalat i dai capigr uppo consiliar i e secondo le alt r e pr evisioni dello St at ut o; d) a svolger e at t ivit à di consulenza al Sindaco nelle f unzioni di Uf f iciale di Gover no; e) a pr ovveder e per le alt r e mat er ie demandat e dalle leggi e dallo St at ut o. 2. I n ogni caso la Giunt a non può svolger e at t ivit à di gest ione amminist r at iva. &RPPLVVLRQHSHULO3DHVDJJLR 1. I l Comune di Cusano Milanino, vist a la legislazione vigent e, individua nella Commissione per il Paesaggio l or ganismo consult ivo di car at t er e t ecnico indispensabile per la legit t imit à dei pr ocediment i in mat er ia paesaggist ico-ambient ale. 2. La Commissione per il Paesaggio e` nominat a dalla Giunt a secondo le det er minazioni del 17

18 Regolament o Edilizio, sulla base delle leggi r egionali. 3. I l r egolament o per l'at t ivit à della commissione di cui al comma pr ecedent e che det er mina la composizione, il f unzionament o nonché individua gli int er vent i di t r asf or mazione edilizia ed ur banist ica sot t opost i al pr event ivo par er e consult ivo, si unif or ma alle nor me sul pr ocediment o amminist r at ivo cont enut e nel pr esent e St at ut o. 4. La Commissione per il Paesaggio è convocat a, nei t er mini pr evist i dalla legge, d or dine del Pr esident e, dal Responsabile dei pr ocediment i edilizi. /HGHOLEHUD]LRQLGHOOD*LXQWD 1. Le deliber azioni sono appr ovat e dalla Giunt a secondo il t est o delle pr opost e deposit at e, munit e dei par er i pr evist i dall ar t.49 del D.lgs 18/ 08/ 2000 n. 267 e s.m. e gli event uali emendament i appr ovat i. 2. I r equisit i di cui sopr a si applicano anche ai pr oget t i di deliber e pr edispost i per il Consiglio. /HGHOLEHUD]LRQLGXUJHQ]D 1. I n caso di ur genza la Giunt a può, sot t o la pr opr ia r esponsabilit à, adot t ar e le deliber azioni di compet enza consiliar e in mat er ia di var iazioni di Bilancio. 2. Le deliber azioni suddet t e sono sot t opost e a r at if ica del Consiglio nei sessant a gior ni successivi a pena di decadenza. Le r agioni dell'ur genza sono sot t opost e alla sola valut azione del Consiglio Comunale. 3. I l Consiglio Comunale, ove neghi la r at if ica o modif ichi le deliber azioni ur gent i della Giunt a, adot t a i pr ovvediment i necessar i nei r iguar di dei r appor t i giur idici sor t i in base alle deliber azioni non r at if icat e o modif icat e. (VHFXWLYLWjGHOOHGHOLEHUD]LRQLGHOOD*LXQWD 1. Le deliber azioni della Giunt a., sono pubblicat e all'albo Pr et or io per quindici gior ni consecut ivi con cont est uale comunicazione al Pr esident e del Consiglio e ai Capigr uppo consiliar i mediant e consegna di elenco. 2. Le deliber azioni divengono esecut ive dopo il decimo gior no dalla pubblicazione. 3. Le deliber azioni adot t at e, il cui elenco viene t r asmesso al Pr esident e del Consiglio ed ai Capigr uppo consiliar i, debbono esser e disponibili in copia pr esso gli uf f ici comunali per event uali r ichiest e da par t e dei Consiglier i, a par t ir e dal gior no in cui il cit at o elenco viene t r asmesso ai dest inat ar i. 4. Le sole deliber azioni concer nent i acquist i, alienazioni, appalt i ed in gener ale t ut t i i cont r at t i, sono alt r esì comunicat e, nello st esso t er mine di cui al comma 1, al Pr ef et t o della Pr ovincia, 18

19 ,QL]LDWLYHGHL&RQVLJOLHULSHUOHVDPHGHO'LIHQVRUH&LYLFR 1. Con r ichiest a scr it t a mot ivat a, sot t oscr it t a da almeno un quar t o dei Consiglier i assegnat i al Comune (5 Consiglier i) e da consegnar e alla Segr et er ia del Comune ent r o il decimo gior no dalla lor o pubblicazione, le deliber azioni pr evist e dalla legge sono sot t opost e al cont r ollo di legit t imit à del Dif ensor e civico nei limit i dei vizi non f or mali enunciat i nella r ichiest a. 2. Nel caso di r it ar dat a ist it uzione o assenza per cause di f or za maggior e o sopr avvenut i gr avi impediment i del Dif ensor e Civico t it olar e, t empor aneament e, det t a r ichiest a scr it t a mot ivat a può esser e inolt r at a al Dif ensor e Civico Regionale.,PPHGLDWDHVHJXLELOLWj 1. I n caso di ur genza le deliber azioni della Giunt a e del Consiglio possono esser e dichiar at e immediat ament e eseguibili con il vot o espr esso della maggior anza dei component i.,qghqqlwjglfdulfddvshwwdwlyhhshuphvvl 1. I l Sindaco e gli Assessor i hanno dir it t o di usuf r uir e per l'adempiment o del mandat o elet t ivo delle indennit à, delle aspet t at ive, dei per messi e dei r imbor si pr evist i dalla legge. 19

20 &$32,/6,1'$&2 )XQ]LRQLGHO6LQGDFR 1. I l Sindaco è Capo dell'amminist r azione Comunale, eser cit a le f unzioni di Uf f iciale di Gover no nei casi pr evist i dalla legge. 2. Nella sedut a di insediament o, il Sindaco neo elet t o pr est a giur ament o dinanzi al Consiglio comunale secondo la f or mula pr evist a dall'ar t. 2 del D.P.R. 19/ 04/ 2001 n. 253 T.U. sugli impiegat i civili dello St at o 3. I l Sindaco è l'or gano r esponsabile dell'amminist r azione del Comune. 4. I l Sindaco nomina i r esponsabili degli uf f ici e dei ser vizi, at t r ibuisce e def inisce gli incar ichi dir igenziali e quelli di collabor azione est er na secondo le modalit à ed i cr it er i st abilit i dal D.lgs. 18/ 08/ 2000 n. 267 e s.m. nonchè dallo st at ut o e dal r egolament o comunale. 5. Dist int ivo del Sindaco e` la f ascia t r icolor e con lo st emma della Repubblica, da por t ar si a t r acolla della spalla dest r a obbligat or iament e nei casi pr evist i dalla Legge e, in gener ale, nelle cer imonie pubbliche e di r appr esent anza. &RPSHWHQ]HGHO6LQGDFR 1. I l Sindaco, in qualit à di Capo dell'amminist r azione Comunale: a) r appr esent a il Comune; b) convoca e pr esiede la Giunt a e ne f issa l'or dine del gior no; c) assicur a l'unit a` di indir izzo della Giunt a pr omuovendone e coor dinandone l'at t ivit à; d) sovr int ende al f unzionament o dei ser vizi e degli uf f ici comunali; e) indice i r ef er endum comunali; f ) sovr int ende all'esplet ament o delle f unzioni st at ali e r egionali at t r ibuit e o delegat e al Comune e ne r if er isce al Consiglio Comunale; g) r appr esent a il Comune nei Consor zi e nelle alt r e f or me associat ive alle quali il Comune par t ecipa; h) r appr esent a il Comune in giudizio e, pr evia deliber azione della Giunt a, pr omuove davant i all'aut or it à giudiziar ia ogni azione a dif esa dei dir it t i e degli int er essi dell'amminist r azione Comunale; k) pr ovvede all'osser vanza dei r egolament i e delle or dinanze; l) r ilascia at t est at i di not or iet à pubblica; m) può sospender e i dipendent i comunali, r if er endone alla Giunt a nella pr ima sedut a; n) pr omuove e conclude gli accor di di pr ogr amma t r a Ent i Locali, nel r ispet t o delle compet enze per mat er ia del Consiglio Comunale; o) coor dina, nell'ambit o della disciplina r egionale e sulla base degli indir izzi del Consiglio Comunale, gli or ar i degli eser cizi pubblici e commer ciali, dei ser vizi pubblici, nonché` gli or ar i di aper t ur a al pubblico degli uf f ici per if er ici delle amminist r azioni pubbliche, al f ine di ar monizzar e l'esplicazione dei ser vizi alle esigenze complessive e gener ali degli ut ent i; p) sulla base degli indir izzi st abilit i dal Consiglio, il Sindaco pr ovvede alla nomina, alla designazione e alla r evoca dei r appr esent ant i del Comune pr esso ent i, aziende ed ist it uzioni; t ut t e le nomine e le designazioni debbono esser e ef f et t uat e ent r o quar ant acinque gior ni dall'insediament o ovver o ent r o i t er mini di scadenza del pr ecedent e incar ico. I n mancanza un commissar io ad act a, nominat o dal Dif ensor e civico r egionale, adot t a i pr ovvediment i 20

compr ese quelle r elat ive al f unzionament o del sist ema bibliot ecar io;

compr ese quelle r elat ive al f unzionament o del sist ema bibliot ecar io; &2081(',0('( 3URYLQFLDGL3DYLD 5(*2/$0(172 %,%/,27(&$&2081$/( $UW²&RPSLWLHVHUYL]LGHOOD%LEOLRWHFD La Bibliot eca di Mede è un ist it uzione cult ur ale che, ispir andosi ai pr incipi det t at i dal Manif

Dettagli

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD &2081(',&$625$7(6(03,21( 3URYLQFLDGL9DUHVH $UW5(*2/$0(172(',/,=,2±,QWHUYHQWLGLULVWUXWWXUD]LRQHHGLOL]LD La domanda di Permesso di Costruire dev essere corredata dai seguenti documenti in duplice copia:

Dettagli

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

*(67,21( ( 60$/7,0(172 '(, 5,),87, 63(&,$/,

*(67,21( ( 60$/7,0(172 '(, 5,),87, 63(&,$/, *(67,21( ( 60$/7,0(172 '(, 5,),87, 63(&,$/, 35(662/$)$&2/7$ ',0(',&,1$9(7(5,1$5,$ I l pr esent e document o def inisce le pr ocedur e per la gest ione, lo st occaggio e lo smalt iment o dei r if iut i

Dettagli

Come si vede dalla figura precedente i campi da inserire sono i seguenti:

Come si vede dalla figura precedente i campi da inserire sono i seguenti: REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO BILANCIO E FINANZE Dipartimento Finanze e Credito Servizio Informatica Servizio Agevolazioni nelle Operazioni creditizie di garanzia Manuale per la compilazione

Dettagli

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004 Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord 5LOHYD]LRQHHFRQIURQWRVXOOHSUDVVLGHJOL8IILFLJLXGL]LDULLQUHOD]LRQH DGDOFXQLQRGLFULWLFLGHOGLULWWRHGHOODSURFHGXUDFLYLOHPLQRULOH Castiglione delle Stiviere,

Dettagli

IL METODO PERT ( PROGRAM EVALUATION AND REVIEW TECHNIQUE)

IL METODO PERT ( PROGRAM EVALUATION AND REVIEW TECHNIQUE) IL METODO PERT ( PROGRAM EVALUATION AND REVIEW TECHNIQUE) I l met odo PERT (PROGRAM EVALUATI ON AND REVI EW TECHNI QUE) ed alt r e t ecniche come il CPM hanno por t at o all analisi e alla soluzione di

Dettagli

ASSUNZIONI AGEVOLATE

ASSUNZIONI AGEVOLATE ASSUNZIONI AGEVOLATE APPRENDISTATO L appr endist at o è un r appor t o di lavor o subor dinat o in f or za del quale l impr endit or e è obbligat o ad impar t ir e o f ar e impar t ir e all appr endist

Dettagli

I nit ial Public Of f ering")

I nit ial Public Of f ering) L' I PO (dall' inglese "I" I nit ial Public Of f ering") è l' of f ert a pubblica iniziale di sot t oscrizione e/ o di vendit a (OPS, OPV o OPVS) di t it oli di una societ à che per la prima volt a viene

Dettagli

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE Sportello Unico Immigraione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE 38172&(175$/('(//$/(**(%266,),1,( &+(1(66812 675$1,(5262**,251,,1,7$/,$6(1=$815(*2/$5( &2175$772',/$9252('81$//2**,2$'(*8$72 '/JV1

Dettagli

B.L.S.D. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO

B.L.S.D. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO La Vener abile Ar ciconf r at er nit a di Miser icor dia di SARTEANO a cur a del Coor dinament o delle Cent r ali Oper at ive della Regione Toscana pr opone il manuale di: B.L.S.D. 0$18$/(',683325729,7$/(',%$6(('()5,%5,//$=,21(35(&2&(%/6'

Dettagli

23325781,7$ (69,/8332'(/7(55,725,2 *OLDFTXLVWLYHUGLGHO&2081(',)(55$5$ GDOODWHRULDDOODSUDWLFD

23325781,7$ (69,/8332'(/7(55,725,2 *OLDFTXLVWLYHUGLGHO&2081(',)(55$5$ GDOODWHRULDDOODSUDWLFD C O M U N E *5((138%/,&352&85(0(17² $&48,67,9(5', 23325781,7$ (69,/8332'(/7(55,725,2 *OLDFTXLVWLYHUGLGHO&2081(',)(55$5$ GDOODWHRULDDOODSUDWLFD Saler no 15 giugno 2007 VALERI A NARDO VALERIA NARDO 1 C O

Dettagli

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD 68//(3,67('(,%5,*$17, /,7,1(5$5,2ƒSHUFRUVR L it iner ar io descr it t o è uno dei t ant i possibili che at t r aver sano il 0RQWH 9XOWXUH, e r isult a par t icolar ment e int er essant e per ché consent

Dettagli

I nt r oduzione alle r et i di calcolat or i

I nt r oduzione alle r et i di calcolat or i I nt r oduzione alle r et i di calcolat or i Maur izio Masset i, Gianluca Vannuccini Cor so di Labor at or io di Telemat ica AA. 2003-2004 Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per

Dettagli

COMUNE DI BONATE SOPRA

COMUNE DI BONATE SOPRA COMUNE DI BONATE SOPRA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER I L SERVI ZI O DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr.22 del 25/06/2003 1 INDICE

Dettagli

La dif f er enza dipende dal f at t o che nella classif icazione it aliana sono consider at i come gr uppi a sé st ant i i legumi e i gr assi da

La dif f er enza dipende dal f at t o che nella classif icazione it aliana sono consider at i come gr uppi a sé st ant i i legumi e i gr assi da *OLDOLPHQWL Per aliment o si int ende ogni sost anza che cont enga nut r ient i ut ilizzabili per il nost r o or ganismo. Gli aliment i possono esser e classif icat i in base a var i cr it er i: a seconda

Dettagli

Matematica classe quinta. Incontro del 15 ottobre 2010. Annarita Monaco. annarita.monaco@tin.it

Matematica classe quinta. Incontro del 15 ottobre 2010. Annarita Monaco. annarita.monaco@tin.it 1 Matematica classe quinta Incontro del 15 ottobre 2010 Annarita Monaco annarita.monaco@tin.it,qglfh,qwurgx]lrqh/dfodvvhtxlqwd«txdolfdudwwhulvwlfkh3ulpdsduwh,vlvwhplglqxphud]lrqh/hsursulhwjghoohrshud]lrql

Dettagli

ar t Uso dell acqua

ar t Uso dell acqua 1 &2081(',7$,12 3URYLQFLDGL9DUHVH 5(*2/$0(1723(5/$)251,785$'(// $&48$,1',&( &$32,ƒ1250($00,1,675$7,9(',&$5$77(5(*(1(5$/( ar t. 1 - Uso dell acqua ar t. 2 - Ret e di dist r ibuzione ar t. 3 - Dir amazione

Dettagli

&DUSL 95 100 127 117 155 175 190 190 168 0LUDQGROD 81 90 109 129 129 144 139 122 113 0RGHQD 375 491 537 472 546 524 520 537 546

&DUSL 95 100 127 117 155 175 190 190 168 0LUDQGROD 81 90 109 129 129 144 139 122 113 0RGHQD 375 491 537 472 546 524 520 537 546 / 87(1=$'(,6(57$=,(1'$/,1(/ 35(0(66$0(72'2/2*,&$*(1(5$/( All int er no della sede delle Relazioni di Ser vizio annuali dei Ser T modenesi, l Osser vat or io pr esent a una br eve e snella analisi dell

Dettagli

CORREGGIAMO I LIBRI DI SCUOLA

CORREGGIAMO I LIBRI DI SCUOLA CORREGGIAMO I LIBRI DI SCUOLA I LIBRI DI TESTO SCOLASTICI SONO IL PRINCIPALE MEZZO DI DIFFUSIONE DELLA RETORICA RISORGIMENTALE Il Libro Cuore è stato per anni il sussidiario storico per eccellenza della

Dettagli

7,72/2,,, $6/GHOOD3URYLQFLDGL0LODQRQ 7HVWR$JJLRUQDWRGDOO 8IILFLR7HFQLFR&RPXQDOH 'LFHPEUH

7,72/2,,, $6/GHOOD3URYLQFLDGL0LODQRQ 7HVWR$JJLRUQDWRGDOO 8IILFLR7HFQLFR&RPXQDOH 'LFHPEUH . &2081(',$66$*2 7,72/2,,, 5(*2/$0(172/2&$/( ',,*,(1( $6/GHOOD3URYLQFLDGL0LODQRQ 7HVWR$JJLRUQDWRGDOO 8IILFLR7HFQLFR&RPXQDOH 'LFHPEUH &DSLWROR1250(*(1(5$/,(352&('85$/, 3.0.0 Campo di applicazione delle

Dettagli

Convenzione INPS-SIAE - Legge 23 dicembre 2000, n.388, art.79, comma 2, per lo scambio dei dati e per l attività di lotta al sommerso.

Convenzione INPS-SIAE - Legge 23 dicembre 2000, n.388, art.79, comma 2, per lo scambio dei dati e per l attività di lotta al sommerso. Cir colar e 11-6 -2 0 0 2 n.109 - Convenz ione I NP S - S I AE P r eambolo, Convenzione, P r eambolo Dir ezione Centr ale Vigilanza s ulle Entr ate ed Economia S ommer s a R oma, 11 Giugno 2002 OGGETTO:

Dettagli

EVOLUZIONE DEI MECCANISMI PER LA SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATICI. Corso di: Storia dell informatica e del calcolo automatico.

EVOLUZIONE DEI MECCANISMI PER LA SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATICI. Corso di: Storia dell informatica e del calcolo automatico. SICSI VIII CICLO EVOLUZIONE DEI MECCANISMI PER LA SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATICI Corso di: Storia dell informatica e del calcolo automatico Esposito Vincenzo 1 Sommario Introduzione Hacker Sistemi multiutente

Dettagli

Tratto da SaluteInternazionale.info

Tratto da SaluteInternazionale.info Tratto da SaluteInternazionale.info La via cooperativa alla privatizzazione della sanità. Il caso di Modena 2015-03- 04 14:03:47 Redaz ione SI Gianluigi T rianni La convenzione tra Ausl di Modena e Coop

Dettagli

ark progetti + PROGETTO ESECUTIVO NUOVA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DEI COMUNI DI PADERNO D. G. E DI CRESPANO D. G.

ark progetti + PROGETTO ESECUTIVO NUOVA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DEI COMUNI DI PADERNO D. G. E DI CRESPANO D. G. ark progetti + mandatario a r c h i t e t t o c u n i a l g i a m p r i m o mandante a r c h i t e t t o f a b b i a n g i a m p a o l o mandante a r c h i t e t t o p a n d o l f o a n d r e a mandante

Dettagli

TRAVEL SPORTS San Jaime C/ ROMA PI ERA I ARCAL, 8 BAI XOS 08330 PREMI A DE MAR BARCELONA - SPAGNA www. travelsports. net inf o@t ravelsports.

TRAVEL SPORTS San Jaime C/ ROMA PI ERA I ARCAL, 8 BAI XOS 08330 PREMI A DE MAR BARCELONA - SPAGNA www. travelsports. net inf o@t ravelsports. TRAVEL SPORTS San Jaime C/ ROMA PI ERA I ARCAL, 8 BAI XOS 08330 PREMI A DE MAR BARCELONA - SPAGNA www. travelsports. net inf o@t ravelsports. net TEL. + 34 93 750 67 68 FAX. + 34 93 750 67 69 TROFEO SAN

Dettagli

N D ottorato di R icerca in C ons erv az ione dei B eni A rch itettonici Chiesa di S. M ar ia dell A m m ir ag lio L a c h i e s a, e d i f i c a t a

N D ottorato di R icerca in C ons erv az ione dei B eni A rch itettonici Chiesa di S. M ar ia dell A m m ir ag lio L a c h i e s a, e d i f i c a t a U Giornate di Studio in Sicilia ~ 14 e 15 aprile 2005 Chiesa di San Cataldo La chiesa dopo la demolizione dell ufficio post ale e pr ima dell inizio dei r e- st aur i. La r ipr esa fot og r afica è del1

Dettagli

TITOLO III. - LA STRUTTURA. 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad

TITOLO III. - LA STRUTTURA. 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad TITOLO III. - LA STRUTTURA a) L Assemblea Art. 14 Composizione 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad essa affi liate, che vi partecipano, con eguali

Dettagli

Corriere tributario. Le Or igini. Come possono appar ir e i "Candlest icks"

Corriere tributario. Le Or igini. Come possono appar ir e i Candlest icks 1/8 Vi pr esent iamo un br eve lavor o int r odut t ivo alla conoscenza della t ecnica dei char t s con le candele giapponesi ed una veloce car r ellat a di f igur e e f or mazioni più comuni e signif

Dettagli

RAI FICTION: RAINVENTARAI IL NUOVO RACCONTO PER IL WEB INCONTRA L ARCHIVIO DELLE TECHE RAI

RAI FICTION: RAINVENTARAI IL NUOVO RACCONTO PER IL WEB INCONTRA L ARCHIVIO DELLE TECHE RAI RAI FICTION: RAINVENTARAI IL NUOVO RACCONTO PER IL WEB INCONTRA L ARCHIVIO DELLE TECHE RAI Le serie web incontrano l archivio delle Teche Rai attr aver so la cr eatività dei giovani talenti e le tecnologie

Dettagli

COMUNE DI ROSTA REGOLAMENTO DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI ROSTA REGOLAMENTO DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ROSTA PROVINCIA DI Torino REGOLAMENTO DELLA GIUNTA COMUNALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 91 del 19.05.1994 Ultima modifica con deliberazione di Giunta Comunale n. 97 del

Dettagli

3HFXOLDULWjSHGLDWULFKH QHOODGLIIXVLRQHGHOOH LQIH]LRQLRVSHGDOLHUH

3HFXOLDULWjSHGLDWULFKH QHOODGLIIXVLRQHGHOOH LQIH]LRQLRVSHGDOLHUH / DXGLW HLOFRQWUROORGHOULVFKLRLQIHWWLYR QHOOHVWUXWWXUHDVVLVWHQ]LDOL 25 NOVEMBRE 2005 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKH QHOODGLIIXVLRQHGHOOH LQIH]LRQLRVSHGDO Per legger e le not e r elat ive alle singole slide, cliccar

Dettagli

P.B.L.S. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO

P.B.L.S. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO La Vener abile Ar ciconf r at er nit a di Miser icor dia di SARTEANO a cur a del Coor dinament o delle Cent r ali Oper at ive della Regione Toscana pr opone il manuale di: P.B.L.S. 1 3%/6 Pediat r ic Basic

Dettagli

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 18 del 18.05.05

Dettagli

Ogget t o: Ri f i ut i : modi f i che al decr et o Ronchi ( l egge 9 di cembr e 1998 n. 426).

Ogget t o: Ri f i ut i : modi f i che al decr et o Ronchi ( l egge 9 di cembr e 1998 n. 426). ALLE AZI ENDE I NDUSTRI ALI ASSOCI ATE L ORO SEDI AREA AMBI ENTE E SI CUREZZA L Aqui l a, 23 f ebbr ai o 1999 Ci r c. n. 26/ 1999 Pr ot. n. 137 Ogget t o: Ri f i ut i : modi f i che al decr et o Ronchi

Dettagli

Found what you searched for? LA STORI A DI

Found what you searched for? LA STORI A DI Found what you searched for? LA STORI A DI Maria Verde Google è un mot or e di r icer ca per I nt er net che non si limit a a cat alogar e il Wor ld Wide Web (WWW), ma si occupa anche di immagini, newsgr

Dettagli

Pagina 1 di 39 DECRETO LEGISLATIVO 5 dicembre 2005, n. 252 Di sci pl i na del l e f or me pensi oni st i che compl ement ar i. Vi gent e al : 5-7- 2017 I L PRESI DENTE DELLA REPUBBLI CA Vi st i gl i ar

Dettagli

Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39.

Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39. STATUTO STATUTO ARTICOLO 1 Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39. ARTICOLO 2 E scopo del club offrire agli associati amichevole ritrovo

Dettagli

Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia

Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia I l segmento degli istituti superiori deve neces s ar iamente tener conto delle

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L AMMISSIONE Al PERCORSI FORMATIVI PER OPERATORE SOCIO SANITARIO (DGRV n. 504 del 02/03/2010 e DDR n. 426 del 11/05/2010)

AVVISO PUBBLICO PER L AMMISSIONE Al PERCORSI FORMATIVI PER OPERATORE SOCIO SANITARIO (DGRV n. 504 del 02/03/2010 e DDR n. 426 del 11/05/2010) ALLEGATO 1 Regione del Veneto AZIENDA ULSS 16 DI PADOVA In esecuzione della Deliberazione del Direttore Generale n. del è indetto AVVISO PUBBLICO PER L AMMISSIONE Al PERCORSI FORMATIVI PER OPERATORE SOCIO

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORRE ANNUNZIATA REGOLAMENTO

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORRE ANNUNZIATA REGOLAMENTO COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORRE ANNUNZIATA REGOLAMENTO 1. COSTITUZIONE. In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - promuovere le politiche di

Dettagli

Concessioni gas e regolazione tecnicoeconomica

Concessioni gas e regolazione tecnicoeconomica Gare gas A marzo 2014 si parte siamo pronti? Concessioni gas e regolazione tecnicoeconomica delle infrastrutture Cesena, 10 febbraio 2014 Marco Delpero Vice Direttore Direzione Infrastrutture Unbundling

Dettagli

5HJRODPHQWRFRPXQDOH SHULOFHULPRQLDOH $SSURYDWRGDO&RQVLJOLR&RPXQDOHFRQGHOLEHUD]LRQHQGHO (QWUDWRLQYLJRUHLQGDWD

5HJRODPHQWRFRPXQDOH SHULOFHULPRQLDOH $SSURYDWRGDO&RQVLJOLR&RPXQDOHFRQGHOLEHUD]LRQHQGHO (QWUDWRLQYLJRUHLQGDWD &2081(',&86$120,/$1,12 3529,1&,$',0,/$12 5HJRODPHQWRFRPXQDOH SHULOFHULPRQLDOH $SSURYDWRGDO&RQVLJOLR&RPXQDOHFRQGHOLEHUD]LRQHQGHO (QWUDWRLQYLJRUHLQGDWD 5(*2/$0(172&2081$/(3(5,/&(5,021,$/( 7,72/2, 5(*2/(*(1(5$/,

Dettagli

PERCORSO DI DATTI CO

PERCORSO DI DATTI CO Università degli studi di Ferrara PERCORSO DI DATTI CO L equilibr io dei cor pi, st at ica e idr ost at ica. Elementi di dinamica dei fluidi. 20 febbraio2008 SSIS - VIII ciclo, II anno Classe A049 - Matematica

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO

REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO l art. 10, comma 3, lettera a) del T.U. 16/4/94, n. 297; VISTI gli artt. 8 e 9 del DPR 8/3/99, n. 275; VISTO il D.I. 01/02/2001, n.44; VALUTATA l opportunità

Dettagli

Area Ges tione del Territorio S ettore Ambiente e S icur ezz a

Area Ges tione del Territorio S ettore Ambiente e S icur ezz a Comune di Rimini Area Ges tione del Territorio S ettore Ambiente e S icur ezz a Via XX Settembre 63 47900 Rimini R E GOL AME NT O P E R L ESECUZIONE DEL CONTROLLO DE L R E NDI ME NT O DI COMBUSTIONE E

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO LL.PP.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO LL.PP. PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: dgr 193/2013 "Approvaz ione programma "Energia ef f i c i e n t e - piano per promuovere e sos t enere l ' e f f i c i e n z a energe t i c a del l

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA Approvato in data con deliberazione consiliare n. Premesso che la Legge 5 Febbraio 1992 n.

Dettagli

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 30 marzo 2007 NORME

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429 CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429 REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO APERTO POLIVALENTE ANZIANI ART. 1

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE. Diritti di rappresentanza e associazione per il personale delle Forze armate e delle forze di polizia a ordinamento militare

PROPOSTA DI LEGGE. Diritti di rappresentanza e associazione per il personale delle Forze armate e delle forze di polizia a ordinamento militare PROPOSTA DI LEGGE Diritti di rappresentanza e associazione per il personale delle Forze armate e delle forze di polizia a ordinamento militare Art. 1 1. La tutela dei diritti individuali e collettivi degli

Dettagli

COMUNE DI PIACENZA D ADIGE

COMUNE DI PIACENZA D ADIGE COPIA Prot. COMUNE DI PIACENZA D ADIGE PROVINCIA DI PADOVA Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale N. 11 del 06-06-14 Adunanza Ordinaria di Prima convocazione seduta Pubblica L anno duemilaquattordici

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA F.I.S.M. - VICENZA FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE C.Fiscale 80025120249 P.Iva 01922310246 Viale Verona, 108 36100 Vicenza tel. 0444/291.360 fax 0444/291.448 e-mail segreteria@fismvicenza.it STATUTO

Dettagli

Conto Corrente. Offert a POS-sibile SFERA IMPRESA

Conto Corrente. Offert a POS-sibile SFERA IMPRESA Conto Corrente Offert a riservat a ai nuovi client i impresa, con fat t urat o annuo non superiore a 2.500.000, che richiedono cont est ualment e anche l at t ivazione del servizio POS. SEMPREPIU IMPRESA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI Approvato in data con deliberazione consiliare n. 1. E istituita la Consulta Anziani. Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

Vincenzo Balzani. Ravenna, 25 set t embr e 2009

Vincenzo Balzani. Ravenna, 25 set t embr e 2009 Vincenzo Balzani Dipar t iment o di Chimica Giacomo Ciamician Facolt à di Scienze, Univer sit à di Bologna vincenzo.balzani@unibo.it Ravenna, 25 set t embr e 2009 Fot o scat t at a dalla sonda Cassini-

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO PERCORSO DIDATTICO: Specializzanda Giovanna Bellino Supervisori di tirocinio Prof. Fabiano Minni Prof. Davide

Dettagli

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ DI BENEVENTO REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Titolo I Principi generali Art. 1 Il Forum della Gioventù della Provincia di Benevento è un organismo di partecipazione, rappresentanza

Dettagli

ASSONIDI Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia

ASSONIDI Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia ASSONIDI Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia STATUTO ART.1 DENOMINAZIONE E AMBITI DI RAPPRESENTANZA 1. L Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia -

Dettagli

STATUTO PERSONA GIURIDICA PRIVATA. (ex Ipab) FONDAZIONE SCUOLA PARITARIA PER L INFANZIA P. CAPRETTINI GOTTOLENGO BS ORIGINI ART.1

STATUTO PERSONA GIURIDICA PRIVATA. (ex Ipab) FONDAZIONE SCUOLA PARITARIA PER L INFANZIA P. CAPRETTINI GOTTOLENGO BS ORIGINI ART.1 STATUTO PERSONA GIURIDICA PRIVATA (ex Ipab) FONDAZIONE SCUOLA PARITARIA PER L INFANZIA P. CAPRETTINI GOTTOLENGO BS ORIGINI ART.1 La Scuola d Infanzia Fondazione Pietro Caprettini ebbe origine su donazione

Dettagli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; gli articoli 4, 5, 6, 7 dello Statuto regionale del PD dell Umbria; l articolo 12 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell

Dettagli

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale STATUTO dell Associazione di associazioni Volontà Solidale Art. 1 COSTITUZIONE E' costituita con sede legale a Cosenza l'associazione Volontà Solidale, di seguito denominata Associazione. Volontà Solidale

Dettagli

I N D I C E TITOLO I PRINCIPI E FINALITA DEL REGOLAMENTO. Art. 1 principi fondamentali TITOLO II L ALBO E LE CONSULTE

I N D I C E TITOLO I PRINCIPI E FINALITA DEL REGOLAMENTO. Art. 1 principi fondamentali TITOLO II L ALBO E LE CONSULTE Regolamento comunale per il riconoscimento, la promozione e la valorizzazione delle libere forme associative e delle organizzazioni di volontariato (Approvato con delibera n.110/cc del 18.10.1999) I N

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENITORI SI DIVENTA - ONLUS Regolamento del Collegio dei Probiviri (art. 19 Statuto dell Associazione)

ASSOCIAZIONE GENITORI SI DIVENTA - ONLUS Regolamento del Collegio dei Probiviri (art. 19 Statuto dell Associazione) ASSOCIAZIONE GENITORI SI DIVENTA - ONLUS Regolamento del Collegio dei Probiviri (art. 19 Statuto dell Associazione) Art. 1 Composizione, elezione e durata in carica del Collegio Il Collegio dei Probiviri

Dettagli

Decr et o 07-0 8-1 9 9 8 - Nor me di attuazione del REA I ndice, Preambolo, Art.1, Art.2, ALLEGATO A, I ndice. Preambolo. Art. 1. Art. 2.

Decr et o 07-0 8-1 9 9 8 - Nor me di attuazione del REA I ndice, Preambolo, Art.1, Art.2, ALLEGATO A, I ndice. Preambolo. Art. 1. Art. 2. Decr et o 07-0 8-1 9 9 8 - Nor me di attuazione del REA I ndice, Preambolo, Art.1, Art.2, ALLEGATO A, I ndice Preambolo Art. 1. Art. 2. Allegato A P r eambolo I L DIRETTORE GENERALE DEL COMMERCI O, ASSICURAZ

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI Articolo 1 - Attività del Consiglio L attività del Consiglio dell Ordine

Dettagli

Par t e Second a. La d omand a di d r oghe nel t er r i t or i o pr ovi nci al e e a M odena d al 19 7 5 al 19 9 7.

Par t e Second a. La d omand a di d r oghe nel t er r i t or i o pr ovi nci al e e a M odena d al 19 7 5 al 19 9 7. Par t e Second a. La d omand a di d r oghe nel t er r i t or i o pr ovi nci al e e a M odena d al 19 7 5 al 19 9 7. I ndi ce: 1. Pr emesse met odol ogi che - Def i ni zi oni e concet t i - Un quad r o

Dettagli

STATUTO ANCI CALABRIA

STATUTO ANCI CALABRIA STATUTO ANCI CALABRIA 1 Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1. E'costituita l'associazione Regionale dei Comuni della Calabria nello spirito di unità nazionale e nella peculiare tradizione democratica

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE-ONLUS AGGEO-ONLUS

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE-ONLUS AGGEO-ONLUS STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE-ONLUS AGGEO-ONLUS ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia, l associazione di promozione

Dettagli

Delib. n. 187-30.11.2012 N. 27219 P.G.

Delib. n. 187-30.11.2012 N. 27219 P.G. Delib. n. 187-30.11.2012 N. 27219 P.G. OGGETTO: Adozione di modifiche del Regolamento Edilizio - Titolo V relativamente alla Commissione per il Paesaggio. La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione

Dettagli

COMUNE DI TRESCORE CREMASCO PROVINCIA DI CREMONA

COMUNE DI TRESCORE CREMASCO PROVINCIA DI CREMONA COPIA COMUNE DI TRESCORE CREMASCO PROVINCIA DI CREMONA DELIBERAZIONE N. 5 Adunanza del 30.01.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONVENZIONE PER LO SVOLIMENTO DI ATTIVITA' DI VOLONTARIATO.

Dettagli

Tratto da SaluteInternazionale.info

Tratto da SaluteInternazionale.info Tratto da SaluteInternazionale.info America latina. Le sfide dei sistemi sanitari 2015-11- 02 10:11:22 Redaz ione SI Giuseppe Aprile, Piet ro Bonaccorsi, Nicole Campese, Anna Marinaro, Paolo Sant ini e

Dettagli

STATUTO. Art. 1 - Denominazione - Sede - Durata. 1. È costituita l «UNIONE COMMERCIALISTI ED ESPERTI

STATUTO. Art. 1 - Denominazione - Sede - Durata. 1. È costituita l «UNIONE COMMERCIALISTI ED ESPERTI STATUTO Art. 1 - Denominazione - Sede - Durata 1. È costituita l «UNIONE COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI di CASERTA», enunciabile in sigla UNAGRACO CASERTA, con sede sociale in Aversa (CE) alla via

Dettagli

Regolamento del Comitato per le Pari Opportunità dell Ordine degli Avvocati di Chieti

Regolamento del Comitato per le Pari Opportunità dell Ordine degli Avvocati di Chieti Regolamento del Comitato per le Pari Opportunità dell Ordine degli Avvocati di Chieti Articolo 1 Costituzione E costituito, presso il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Chieti, ai sensi dell art.

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA Premessa Il Comune di Colonna istituisce il "Consiglio Comunale dei Ragazzi" (CCR), come previsto dall'art. 5 Bis dello Statuto Comunale

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Approvato con deliberazione del C.C. n. 120 del 28.11.2005 1 INDICE Titolo I - Registro delle associazioni

Dettagli

Lezione 14: Il Sistema Operativo : Principi Generali 1P Venerdì 6 Novembre 2009

Lezione 14: Il Sistema Operativo : Principi Generali 1P Venerdì 6 Novembre 2009 Università di Salerno Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA Corso di Laurea Ingegneria Meccanica & Ingegneria Gestionale Mat. Pari Docente : Ing. Secondulfo Giovanni Anno Accademico 2009-2010 Lezione 14:

Dettagli

Fondo Sociale Europeo Obiet t ivo 3 2000-2006 - Program m a Operat ivo Regionale POR - Regione Emilia-Romagna.

Fondo Sociale Europeo Obiet t ivo 3 2000-2006 - Program m a Operat ivo Regionale POR - Regione Emilia-Romagna. POR Obiettivo 3 FSE - periodo 2000-2006 Regione Em ilia- Rom agna 2**(772 Fondo Sociale Europeo Obiet t ivo 3 2000-2006 - Program m a Operat ivo Regionale POR - Regione Emilia-Romagna. &217(672(8523(2

Dettagli

Art. l Denominazione, sede e scopo

Art. l Denominazione, sede e scopo STATUTO ANCI MARCHE Art. l Denominazione, sede e scopo In conformità agli Articoli n 3, 32, 33 dello Statuto dell Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) è costituita l Associazione Regionale

Dettagli

P r eambolo. Ar t icolo 1. Contributi

P r eambolo. Ar t icolo 1. Contributi D,L gs. 30 aprile 1997, n. 182 - R egime pensionistico per i lavoratori dello spettacolo P r eambolo, Art.1, Art.2, Art.3, Art.4, Art.5, Art.6, Art.7, T abella A, T abella B, T abella C, T abella D, Note,

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI PASIAN DI PRATO (Approvato con delibera C.C. n. 90 del 29.11.2003, modificato con

Dettagli

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.72 DEL 30DICEMBRE2014 REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE

Dettagli

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze)

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze) STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) É costituita una Federazione tra l Associazione bancaria italiana (ABI), l Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e le Associazioni rappresentative

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi STATUTO Art. 1 Costituzione e scopi Il CLUB FORZA SILVIO..., costituito in data... ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile, è una associazione di cittadini che si propongono di sviluppare

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DIRETTIVE DI SERVIZIO E NORME COMPORTAMENTALI

REGOLAMENTO INTERNO DIRETTIVE DI SERVIZIO E NORME COMPORTAMENTALI CROCE AZZURRA SABAUDIA -ONLUS Associazione Volontaria di Primo Soccorso ed Assistenza Via Conte Verde 10/A 04016 SABAUDIA (LT) Tel.: 0773/518507 Fax: 0773/512513 E-mail: croceazzurrasab@libero.it Web:

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE TITOLO I. DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1. Costituzione È costituita l Associazione denominata SLOW TIME. Essa avrà durata illimitata. L Associazione SLOW TIME è disciplinata dal

Dettagli

STATUTO CONSORZIO COMUNI DEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL BASSO PIAVE IN PROVINCIA DI VENEZIA

STATUTO CONSORZIO COMUNI DEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL BASSO PIAVE IN PROVINCIA DI VENEZIA STATUTO CONSORZIO COMUNI DEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL BASSO PIAVE IN PROVINCIA DI VENEZIA APPROVATO CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA N.3 DEL 6 MARZO 2002 STATUTO CONSORZIO COMUNI DEL BACINO IMBRIFERO MONTANO

Dettagli

Cava di Ghiaia. Sintesi non tecnica. Committente : CO.GE.PA. s.r.l. Località : Piano Delfico. Comune : Teramo (TE)

Cava di Ghiaia. Sintesi non tecnica. Committente : CO.GE.PA. s.r.l. Località : Piano Delfico. Comune : Teramo (TE) Cava di Ghiaia Sintesi non tecnica Ai sensi della let t er a c) dell ar t. 2 del D.P.C.M. 27 dicembr e 1988 Committente : CO.GE.PA. s.r.l. Località : Piano Delfico Comune : Teramo (TE) Geologo Massucci

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Provincia di Varese) STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 in data 16 aprile 2012 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO TITOLO I - FUNZIONI E ORGANI

NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO TITOLO I - FUNZIONI E ORGANI Allegato A NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO TITOLO I - FUNZIONI E ORGANI Articolo 1 (Funzioni) 1.1 La Cassa conguaglio per il settore

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMO E DONNA

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMO E DONNA COMUNE DI CASALEONE Provincia di Verona REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMO E DONNA Approvato con deliberazione di C.C. n. 46 del 16/11/2011 Modificato con: Delibera

Dettagli

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA ART. 1 DENOMINAZIONE SEDE 1. Il Centro di Firenze per la Moda Italiana, in forma abbreviata CENTRO MODA, costituito il 6 novembre 1954, è una Associazione

Dettagli

1)) Il G.N.G. ha lo scopo di riunire giovani campeggiatori che si propongono di praticare

1)) Il G.N.G. ha lo scopo di riunire giovani campeggiatori che si propongono di praticare R E G O L A M E N T O DELLA CONFEDERCAMPEGGIIO PARTE 1^ -- PREMESSA GENERALE ART.. 1 DENOMIINAZIIONE e SEDE All interno della Confederazione Italiana Campeggiatori (Confedercampeggio) è costituito il Gruppo

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1 LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA Sezione prima Disposizioni generali Art. 1 1. E istituita in Roma la Libera Università degli Studi S. Pio V, di seguito denominata Università.

Dettagli

$OOHJDWRQ. Modulo di adesione e Inform ativa ex. D. Lgs. 196/ 2003.

$OOHJDWRQ. Modulo di adesione e Inform ativa ex. D. Lgs. 196/ 2003. $OOHJDWRQ Modulo di adesione e Inform ativa ex. D. Lgs. 196/ 2003. Io Sottoscritto nato il sesso M F codice fiscale in qualità di della Società intendo aderire con effetto dalle ore 00 del al program

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA DI ACQUISTO AZIONI PROPRIE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA DI ACQUISTO AZIONI PROPRIE PININFARINA S.P.A. Sede legale in Torino, via Bruno Buozzi n.6 Capitale sociale di Euro 9.317.000 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Torino Numero di Codice Fiscale 00489110015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli