ESERCITAZIONE 9 Lezioni di riferimento: 29, 30

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESERCITAZIONE 9 Lezioni di riferimento: 29, 30"

Transcript

1 ESERCITAZIONE 9 Lezioni di riferimento: 29, 30 Tecniche di instradamento Nel modello di riferimento OSI una rete di calcolatori è vista come un insieme di sistemi interconnessi. Su alcuni di tali sistemi (ES: End System) risiedono le applicazioni che comunicano usando la rete mentre altri sistemi (IS: Intermediate System) hanno funzioni di instradamento dei messaggi. Ai fini della univoca identificazione viene associato a ciascun sistema in rete un indirizzo numerico. Molto spesso, però, l'utente trova più comodo riferirsi ad un sistema utilizzando un nome anziché un indirizzo numerico. Occorre garantire una relazione biunivoca tra gli indirizzi numerici ed i nomi simbolici; in una rete piccola si può pensare di mantenere nei singoli calcolatori opportuni file di conservazione di tale corrispondenza. Al crescere della dimensione della rete è invece indispensabile dotarsi di una base di dati distribuita, denominata name server. L'indirizzo dell'elaboratore destinatario del messaggio diventa l'elemento chiave con cui si determina l'instradamento più idoneo a raggiungere il sistema remoto. Un primo controllo che il mittente effettua è quello di verificare se il destinatario si trovi nella propria stessa rete: in caso affermativo la trasmissione può avvenire direttamente, altrimenti il pacchetto è affidato ad un IS che si occuperà di farlo giungere a destinazione. La tecnica di instradamento scelta dipende dall'architettura di rete adottata. Esistono tre tecniche principali: Routing by Network Address. Un sistema è indirizzato scrivendo nel pacchetto il suo indirizzo, che deve essere univoco nella rete. Ogni IS usa tale indirizzo come chiave di ricerca nella propria tabella di instradamento e determina lungo quale cammino il pacchetto debba essere ritrasmesso. Tale tecnica è in generale adottata dai protocolli non connessi. Label Swapping. È generalmente impiegata nei protocolli connessi. Ogni pacchetto è marcato con una label che serve come chiave nella tabella di instradamento dell'is. L'IS, prima di ritrasmettere il pacchetto, sostituisce la label corrente con una nuova label. Le label devono quindi essere univoche soltanto nell'ambito di un singolo link. Se il protocollo è connesso, le label coincidono con gli identificativi delle connessioni attive. Source Routing. Nel Source Routing l'instradamento completo, cioè la lista di IS da attraversare, è scritto nel pacchetto dal nodo mittente, che lo chiede ad un IS o lo scopre con meccanismi di route location. 62

2 INDIRIZZI Su reti ad accesso multiplo come le LAN, l'instradamento richiede l'instaurazione di relazioni tra indirizzi di sottolivello MAC e indirizzi di livello Rete: l'indirizzo MAC serve a discriminare il destinatario finale di un pacchetto nell'ambito di una LAN; l'indirizzo di livello Rete identifica il destinatario finale del pacchetto nell'ambito dell'intera rete. Normalmente un nodo ha tanti indirizzi di livello MAC quante sono le sue schede di rete locale ed un solo indirizzo di livello Rete. FUNZIONALITÀ DI UN ROUTER Un Router è un Intermediate System operante a livello 3. Generalmente un Router riceve i pacchetti da una scheda di LAN o di WAN che gestisce un protocollo di livello 2. La scheda verifica se il pacchetto è destinato al Router (sempre vero su linee punto-punto, da verificarsi tramite indirizzo MAC in ambito LAN); in caso affermativo il pacchetto passa al processo di forwarding, che determina la linea su cui ritrasmetterlo previa consultazione della propria tabella di instradamento. Un Router svolge le proprie funzioni utilizzando pacchetti di livello 3. Il formato di tali pacchetti varia a seconda dell'architettura di rete. Spesso i Router sono impiegati per l'interconnessione di reti che si riconducono ad architetture diverse; perché ciò possa avvenire correttamente i Router devono essere in grado di supportare architetture diverse (il formato dei pacchetti varia con l'architettura delle reti in cui sono localizzati mittente e destinatario). NEIGHBOR GREETINGS Gli IS collegati ad una LAN devono conoscere gli ES afferenti alla stessa LAN e viceversa: gli IS devono includere gli ES della LAN nelle tabelle di instradamento e propagare l'informazione della loro raggiungibilità agli altri IS; gli ES devono conoscere gli IS presenti nella LAN per sapere a chi inviare messaggi non destinati a nodi collegati alla stessa LAN. Si ricordi che una LAN può essere priva di Router o averne uno o più di uno. 63

3 ALGORITMI DI INSTRADAMENTO La scelta di un algoritmo di instradamento è difficile, in quanto esistono più criteri di ottimalità spesso contrastanti, ad esempio minimizzare il ritardo medio di ogni pacchetto o massimizzare l'utilizzo delle linee. La soluzione di alternative nella scelta dei cammini deve basarsi su parametri metrologici opportunamente definiti. Gli unici parametri universalmente riconosciuti sono: numero di IS attraversati lungo il cammino (hops); costo del cammino definito in base ad una particolare metrica. Requisiti di un buon algoritmo di Routing sono: 1. Semplicità: i Router hanno CPU e memoria finite e devono impiegare la maggior parte del loro tempo a instradare pacchetti piuttosto che a calcolare tabelle di instradamento. 2. Robustezza: non deve esistere nessun presupposto né vincolo sulla topologia di rete, che deve poter essere modificata dinamicamente senza interrompere il funzionamento della rete. 3. Ottimalità: i cammini devono essere scelti in modo da realizzare al meglio gli obiettivi prefissati. 4. Stabilità: in condizioni di invarianza della topologia di rete l'algoritmo deve convergere rapidamente ad un instradamento stabile. 5. Equità: nessun nodo deve essere privilegiato o danneggiato. Gli algoritmi di routing si dividono in due gruppi: non adattativi (statici e deterministici) e adattativi (dinamici e non deterministici). I primi utilizzano criteri fissi di instradamento, mentre gli altri calcolano le tabelle di instradamento in funzione della topologia della rete e dello stato dei link. L'opportunità di utilizzare algoritmi di un tipo o di un altro è strettamente legata al contesto di applicazione. ALGORITMI STATICI Fixed Directory Routing Il Fixed Directory Routing prevede che ogni nodo abbia una tabella di instradamento che metta in corrispondenza il nodo da raggiungere con la linea da usare, e che tale tabella sia scritta manualmente dal gestore della rete nel Router tramite un'operazione di management. In presenza di guasti è necessario un intervento manuale del gestore per il reinstradamento dei flussi di traffico. Esiste una variante, detta quasi-statica, che adotta più alternative da scegliere secondo un certo ordine di priorità, in funzione dello stato della rete. 64

4 La gestione manuale delle tabelle risulta molto complessa e difficoltosa, soprattutto per reti di grandi dimensioni. Flooding Ciascun pacchetto in arrivo ad un nodo viene ritrasmesso su tutte le linee, eccetto quella su cui è stato ricevuto. La probabilità che il pacchetto giunga a destinazione è massima, ma induce in rete un carico elevato anche quando il traffico offerto è minimo. ALGORITMI ADATTATIVI Gli algoritmi di instradamento adattativi sono quelli in cui le tabelle dipendono dalle informazioni raccolte sulla topologia della rete, sul costo dei cammini e sullo stato corrente degli elementi che la compongono (nodi, collegamenti). Gli algoritmi adattativi possono essere centralizzati (in un unico punto della rete vengono raccolte e analizzate tutte le informazioni e calcolate le tabelle), isolati (ogni Router si procura e gestisce autonomamente le informazioni di supporto all'instradamento) o distribuiti (i Router cooperano al calcolo delle tabelle). Routing Centralizzato Il Routing Centralizzato prevede la presenza in rete di un RCC ( Routing Control Center) che conosce la topologia della rete, riceve da tutti i nodi informazioni sul loro stato e su quello dei collegamenti, calcola le tabelle di instradamento e le distribuisce ai nodi. L'informazione di cui si dispone per il calcolo delle tabelle è massima, e consente l'adozione di algoritmi di instradamento estremamente sofisticati. L'aggiornamento delle tabelle di instradamento avviene su base periodica, con cicli di raccolta dell'informazione periferica, calcolo delle nuove tabelle e successiva distribuzione delle stesse. Routing Isolato Ciascun IS calcola in modo indipendente le tabelle di instradamento senza scambiare informazioni con altri IS. 1. Algoritmo Hot Potato. Ogni IS cerca di liberarsi dei pacchetti in arrivo nel minor tempo possibile, ritrasmettendo il pacchetto sulla linea con la coda di trasmissione più breve. 2. Algoritmo Backward Learning. L'IS acquisisce una conoscenza indiretta della rete analizzando il traffico che lo attraversa. Nella versione base il nodo deduce dal pacchetto in arrivo la sola possibilità di collegamento con il nodo di generazione attraverso la linea che ha consegnato il pacchetto. Una successiva versione di Backward Learning prevede l'inserimento nei pacchetti di un hop counter in grado di esprimere il costo della propagazione di un pacchetto lungo un dato percorso in termini di ritardo di consegna. Gli IS possono così conservare più alternative, ordinate in base al costo, per ciascuna destinazione. Così strutturato, l'algoritmo consente 65

5 aggiornamenti delle tabelle soltanto in caso di miglioramenti nello stato della rete. Per poter acquisire anche le modifiche in senso negativo occorre limitare temporalmente la validità delle informazioni presenti nelle tabelle di instradamento. Quando all'is arriva un pacchetto con destinazione ignota, si procede alla sua propagazione mediante flooding. Routing Distribuito Il Routing Distribuito si pone come scelta di compromesso tra i due precedenti: non esiste un RCC, ma le sue funzionalità sono realizzate in modo distribuito da tutti gli IS della rete, che usano un protocollo di servizio per lo scambio reciproco di informazione e un secondo protocollo di servizio per gli scambi con gli ES. Le tabelle di instradamento vengono calcolate a partire dai due parametri di ottimalità descritti in precedenza: costo e numero di hop. Il costo di ciascuna linea di ciascun Router è un parametro che viene impostato dal network manager tramite il software di gestione dei Router. Gli algoritmi di Routing Distribuito si suddividono in due grandi famiglie: Distance Vector e Link State Packet. 1. Algoritmi Distance Vector (Bellman-Ford). Oltre alla tabella di instradamento, ciascun Router mantiene una struttura dati (distance vector) per ogni linea. Il distance vector associato a una linea contiene informazioni ricavate dalla tabella di instradamento del Router posto all'altra estremità della stessa linea.la tabella di instradamento nasce dalla fusione dei distance vector associati a tutte le linee attive del Router. A ciascun indirizzo visibile in rete (sia IS che ES) la tabella associa il numero di hop e il costo del cammino completo di collegamento e la linea di uscita dal nodo corrispondente al cammino. L'aggiornamento delle tabelle di instradamento avviene sulla base delle informazioni scambiate con i nodi adiacenti. Nodi adiacenti si scambiano le rispettive tabelle di instradamento. Quando un nodo riceve la tabella di un nodo adiacente, somma 1 al numero di hop associato ai cammini e il costo della linea di arrivo dell'aggiornamento ai costi contenuti nella tabella; naturalmente ignora il contenuto della riga corrispondente al proprio indirizzo. Una volta apportate tali modifiche, il nodo memorizza i nuovi valori come distance vector associato alla specifica linea considerata. Se il nuovo distance vector è diverso dal precedente si procede al calcolo di una nuova tabella di instradamento per fusione dei distance vector correntemente disponibili. Se la nuova tabella è diversa dalla precedente il suo contenuto viene propagato verso i nodi adiacenti. Le tabelle vengono ricalcolate anche quando una linea di un nodo passa dallo stato attivo a quello inattivo. Alcune versioni dell'algoritmo prevedono ricalcolo e distribuzione delle tabelle su base periodica. La fusione delle tabelle avviene assumendo come criterio prioritario il costo dei cammini, mentre il numero di hop entra soltanto in seconda battuta, dovendo discriminare tra cammini a pari costo. Ulteriori parità vengono risolte su base casuale. 2. Algoritmi Link State Packet (Dijkstra). Ciascun IS dispone della mappa completa della rete su cui calcolare gli instradamenti ottimali. Ogni Router apprende tramite protocolli di neighbor greetings quali siano i nodi a lui adiacenti. Mediante pacchetti LSP ( Link State Packet) il nodo propaga le proprie adiacenze a tutti i nodi della rete, associando ai nodi adiacenti il costo delle linee di collegamento diretto. Ogni IS conserva per ciascun IS della rete l'lsp ricevuto più recente. Dato l'insieme completo degli LSP l'is dispone di una mappa completa e aggiornata della rete, alla quale può applicare il calcolo dello Spanning Tree di tipo SPF (Shortest Path First) usando l'algoritmo di Dijkstra. L'algoritmo di Dijkstra consente a ciascun nodo di 66

6 individuare in seno alla rete un albero a costo minimo in cui svolge funzione di radice. Dato l'albero, diventa immediata l'individuazione della porta a cui inviare i pacchetti destinati ad un dato nodo. I due algoritmi di Routing Distribuito appena visti si differenziano per la natura delle informazioni scambiate e per le possibilità di applicazione. In Distance Vector i nodi collaborano esplicitamente alla costruzione delle tabelle di instradamento, mentre in LSP la collaborazione è mirata esclusivamente alla costruzione della mappa della rete (il calcolo della tabella viene effettuato per intero dal nodo depositario). La complessità dell'algoritmo impiegato da LSP è inferiore a quella dell'algoritmo di Distance Vector: per reti con elevato numero di nodi ( > 1000) si è costretti a ricorrere a LSP. Torna al Sommario 67

RETI DI CALCOLATORI. Che cosa sono gli IS e gli ES?

RETI DI CALCOLATORI. Che cosa sono gli IS e gli ES? RETI DI CALCOLATORI Domande di riepilogo Quinta Esercitazione Che cosa sono gli IS e gli ES? Il termine Intermediate System (IS) è un termine OSI che indica un nodo (tipicamente un router) che ha capacità

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 10 giugno 2004 Internetworking I livelli 1 fisico e 2 data link si occupano della connessione di due host direttamente connessi su di una rete omogenea Non è possibile estendere

Dettagli

LE TECNICHE DI INTERNETWORKING

LE TECNICHE DI INTERNETWORKING 436 RETI LOCALI: DAL CABLAGGIO ALL'INTERNETWORKING 14 LE TECNICHE DI INTERNETWORKING 14.1 INTRODUZIONE Nel capitolo 2 è stato introdotto il modello di riferimento OSI. In tale modello una rete di calcolatori

Dettagli

A intervalli regolari ogni router manda la sua tabella a tutti i vicini, e riceve quelle dei vicini.

A intervalli regolari ogni router manda la sua tabella a tutti i vicini, e riceve quelle dei vicini. Algoritmi di routing dinamici (pag.89) UdA2_L5 Nelle moderne reti si usano algoritmi dinamici, che si adattano automaticamente ai cambiamenti della rete. Questi algoritmi non sono eseguiti solo all'avvio

Dettagli

Il Routing Gli scenari possibili sono due 1. rimessa diretta rimessa indiretta

Il Routing Gli scenari possibili sono due 1. rimessa diretta rimessa indiretta Il Routing In un sistema packets switching quale il TCP/IP, il routing rappresenta il processo di scelta del percorso su cui inoltrare i pacchetti ed il router è un computer che effettua tale instradamento.

Dettagli

Fondamenti di routing (pag.34)

Fondamenti di routing (pag.34) Fondamenti di routing (pag.34) UdA2L1 Il livello di rete (Network layer) è il livello 3 della pila ISO/OSI. Questo livello riceve datagrammi (pacchetti) dal livello di trasporto e forma pacchetti che vengono

Dettagli

PROTOCOLLI DI ROUTING. Vittorio Prisco vittorio.prisco@email.it

PROTOCOLLI DI ROUTING. Vittorio Prisco vittorio.prisco@email.it PROTOCOLLI DI ROUTING Vittorio Prisco - - ROUTING ROUTING : Scelta del percorso migliore da utilizzare per inviare i pacchetti. ROUTER : Dispositivo atto a instradare i pacchetti sui percorsi di comunicazione

Dettagli

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo Livello di Rete Circuiti virtuali e datagram La funzione di instradamento Costruzione della tabella di routing Algoritmi di routing adattivi: distance vector routing e link-state routing Routing gerarchico

Dettagli

Le tecniche fondamentali di inoltro, che differiscono per il metodo di analisi del problema instradamento, sono le seguenti:

Le tecniche fondamentali di inoltro, che differiscono per il metodo di analisi del problema instradamento, sono le seguenti: Pagina 1 di 32 Routing IP Tecnica La funzione fondamentale dell'instradamento (routing) consiste nell'inoltro (forwarding) di pacchetti ed avviene generalmente in modalità store-and-forward (memorizza

Dettagli

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 1) Quanti sono i livelli del modello ISO/OSI: A. 3 B. 7 C. 6 D. non è definito un numero massimo non è definito un numero massimo 2) Due entità ad un

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo XIII

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo XIII Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA A.A. 2008/09 - II Semestre RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Il modello TCP/IP. Sommario

Il modello TCP/IP. Sommario Il modello TCP/IP Il protocollo IP Mario Cannataro Sommario Introduzione al modello TCP/IP Richiami al modello ISO/OSI Struttura del modello TCP/IP Il protocollo IP Indirizzi IP Concetto di sottorete Struttura

Dettagli

Internetworking. www.vincenzocalabro.it

Internetworking. www.vincenzocalabro.it Internetworking 1 Internetworking Bridge, Router, Brouter e Gateway servono ad interconnettere reti diverse. L interconnessione può avvenire su base locale o remota. Si collocano a livelli diversi del

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria 3 Reti locali.3 Interconnessione Prof. Filippini 2! Limitazioni LAN su grandi aree:! Propagazione! Disturbi! Protocolli di Accesso Multiplo! Occorrono

Dettagli

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 3-1 Il Livello RETE Servizi del livello Rete Organizzazione interna Livello Rete basato su Circuito Virtuale Livello Rete basato

Dettagli

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127 INDIRIZZAMENTO IP Gli indirizzi IP, che devono essere univoci sulla rete, sono lunghi 32 bit (quattro byte) e sono tradizionalmente visualizzati scrivendo i valori decimali di ciascun byte separati dal

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

RoutingInternet Protocol. Algoritmi di instradamento di tipo Distance vector

RoutingInternet Protocol. Algoritmi di instradamento di tipo Distance vector RoutingInternet Protocol Algoritmi di instradamento di tipo Distance vector Algoritmi di instradamento del tipo Distance Vector Gli algoritmi di instradamento basati sul Distance Vector(o algoritmo di

Dettagli

Internet. Introduzione alle comunicazioni tra computer

Internet. Introduzione alle comunicazioni tra computer Internet Introduzione alle comunicazioni tra computer Attenzione! Quella che segue è un introduzione estremamente generica che ha il solo scopo di dare un idea sommaria di alcuni concetti alla base di

Dettagli

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Interconnessione di LAN

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Interconnessione di LAN Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Interconnessione di LAN Problema di Interconnesisone di LAN o Limitazioni: n Propagazione n Disturbi n Protocollo di Accesso Multiplo o Occorrono

Dettagli

Scopi e classificazioni

Scopi e classificazioni Reti di calcolatori Scopi e classificazioni Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia Classificazione reti R1.1 Reti Nozione di rete, molto diffusa in diversi contesti Ogni rete corrisponde

Dettagli

2) Completare la tabella di instradamento (routing table) del router RA

2) Completare la tabella di instradamento (routing table) del router RA esercizi---v.doc Esercizio Si consideri il sistema autonomo mostrato in figura formato da sotto-reti e da router; in figura sono indicati i costi dei singoli rami come sono visti dai diversi router. Si

Dettagli

ARP e instradamento IP

ARP e instradamento IP ARP e instradamento IP A.A. 2003/2004 Walter Cerroni Relazione Indirizzi Fisici Indirizzi IP Software di basso livello nasconde gli indirizzi fisici e consente ai livelli superiori di lavorare solo con

Dettagli

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network Prof.ssa Sara Michelangeli Computer network Possiamo definire rete di computer (Computer network) un sistema in cui siano presenti due o più elaboratori elettronici ed i mezzi per connetterli e che consenta

Dettagli

Il routing in Internet Interior Gateway Protocols

Il routing in Internet Interior Gateway Protocols Il routing in Internet Interior Gateway Protocols A.A. 2004/2005 Prof. Carla Raffaelli diapositive preparate da: Walter Cerroni Routing Information Protocol (RIP) Protocollo distance vector, di implementazione

Dettagli

8. IP: Instradamento dei datagrammi

8. IP: Instradamento dei datagrammi 8. IP: Instradamento dei datagrammi 8.1. Introduzione L'instradamento è la terza funzione fondamentale di un servizio di comunicazione di livello rete 8.2. L'instradamento in una internet Instradamento

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 4

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 4 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) Software di rete Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Se i protocolli

Dettagli

Routers e LAN aggregati in regioni prendono il nome di Autonomous System quando sono controllati dalla stessa amministrazione; in un AS:

Routers e LAN aggregati in regioni prendono il nome di Autonomous System quando sono controllati dalla stessa amministrazione; in un AS: Routing Introduzione Il routing sulla rete avviene grazie all indirizzamento gerarchico: ogni router non conosce tutte le possibili destinazioni. Routers di livello basso conoscono solo le sottoreti che

Dettagli

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP I protocolli di routing dell architettura TCP/IP Silvano GAI sgai@cisco.com Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi routing-ip - 1 Copyright: si veda nota a

Dettagli

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat.

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat. Università degli Studi di Udine Insegnamento: Reti di Calcolatori I Docente: Pier Luca Montessoro DOMANDE DI RIEPILOGO SU: - Livello network 1. Si deve suddividere la rete 173.19.0.0 in 510 subnet. Qual

Dettagli

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP I protocolli di routing dell architettura TCP/IP Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it staff.polito.it/mario.baldi routing-ip - 1 Copyright: si veda nota

Dettagli

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP L architettura TCP/IP: Nasce per richiesta del Dipartimento della Difesa degli USA che intendeva poter creare una rete in grado di funzionare in qualsiasi tipo di

Dettagli

5. Internetworking L2/L3

5. Internetworking L2/L3 Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 5. Internetworking L2/L3 Prof. Raffaele Bolla dist! Sia l esistenza (almeno nella fase iniziale) di tecnologie diverse,

Dettagli

PROTOCOLLI DIROUTING

PROTOCOLLI DIROUTING PROTOCOLLI DIROUTING Un protocollo di routing è un processo di comunicazione tra i router per scambiarsi informazioniutilizzate per formarela tabella di routing(routingtable). 1 INTERNETWORK Per realizzare

Dettagli

Laboratorio di Reti di Comunicazione ed Internet Mod. 2

Laboratorio di Reti di Comunicazione ed Internet Mod. 2 Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria Laboratorio di Reti di Comunicazione ed Internet Mod. 2 Quinta Lezione Sommario Rotte dinamiche con OSPF Reazione di OSPF

Dettagli

Tempo svolgimento della prova: 2ore

Tempo svolgimento della prova: 2ore sempio della prova scritta di Internet Per chi non ha superato la prova N Sull indirizzamento IP vedere anche il file sercizi Indirizzamento IP Uso degli appunti NON consentito Tempo svolgimento della

Dettagli

Instradamento IP A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. IP: instradamento dei datagrammi. Routing : scelta del percorso su cui inviare i dati

Instradamento IP A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. IP: instradamento dei datagrammi. Routing : scelta del percorso su cui inviare i dati Instradamento IP A.A. 2005/2006 Walter Cerroni IP: instradamento dei datagrammi Routing : scelta del percorso su cui inviare i dati i router formano una struttura interconnessa e cooperante: i datagrammi

Dettagli

Fulvio Risso. Algoritmi di Forwarding e di Routing. Mario Baldi. Nota di Copyright. Terminologia e reti reali. Terminologia

Fulvio Risso. Algoritmi di Forwarding e di Routing. Mario Baldi. Nota di Copyright. Terminologia e reti reali. Terminologia lgoritmi di Forwarding e di Routing Una panoramica sulle tecniche di forwarding e di proposte in letteratura Fulvio Risso fulvio.risso@polito.it Mario aldi staff.polito.it/mario.baldi Nota di opyright

Dettagli

Livello Rete. Servizi

Livello Rete. Servizi Livello Rete Spostamento dei pacchetti dal mittente al destinatario, attraverso subnet intermedi (router) Occorre: conoscere la topologia della rete scegliere di volta in volta il cammino migliore (routing)

Dettagli

Reti diverse: la soluzione nativa

Reti diverse: la soluzione nativa Reti diverse: la soluzione nativa Quando si deve trasmettere un messaggio attraverso reti diverse, per il mezzo fisico, per il protocollo di accesso o altro, a che livello si colloca la procedura di traduzione

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

Realizzazione e gestione di Local Area Network

Realizzazione e gestione di Local Area Network Realizzazione e gestione di Local Area Network Ceracchi Fabiana Mansi Luigi Tutor Angelo Veloce NETWORK La rete è un insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni messi in comunicazione tra

Dettagli

APPARATI DI INTERNETWORKING

APPARATI DI INTERNETWORKING APPARATI DI INTERNETWORKING Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia REPEATERS Apparato attivo che collega 2 o più mezzi di trasmissione

Dettagli

Il Sistema di Routing. Routing nell Interrete. Routing con Informazioni Parziali. Propagazione delle Rotte

Il Sistema di Routing. Routing nell Interrete. Routing con Informazioni Parziali. Propagazione delle Rotte I semestre 02/03 Il Sistema di Routing Routing nell Interrete Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica

Dettagli

Parte terza. Routing & forwarding

Parte terza. Routing & forwarding Parte terza Routing & forwarding Routing: due diverse attività forwarding (aspetto esecutivo) scegliere la direzione di uscita su cui inoltrare il datagram (... tramite la tabella) routing (aspetto algoritmico)

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Parte terza. Routing & forwarding. Routing: due diverse attività. come un router processa un datagram IP D. Gerarchia in Internet

Parte terza. Routing & forwarding. Routing: due diverse attività. come un router processa un datagram IP D. Gerarchia in Internet Routing: due diverse attività Parte terza Routing & forwarding! forwarding (aspetto esecutivo) " scegliere la direzione di uscita su cui inoltrare il datagram (... tramite la tabella) routing (aspetto

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

APPARECCHIATURE DI RETE Ripetitore. Concentratore (HUB) Tipi di concentratori. Connessione di più hub

APPARECCHIATURE DI RETE Ripetitore. Concentratore (HUB) Tipi di concentratori. Connessione di più hub APPARECCHIATURE DI RETE Ripetitore Su una linea di trasmissione, il segnale subisce delle distorsioni e un indebolimento tanto significativo quanto più aumenta la distanza che separa i due elementi attivi.

Dettagli

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La rete: la visione tradizionale La rete è un componente passivo del processo che trasporta i dati meglio che può L attenzione è sulla disponibilità di banda

Dettagli

STRUMENTI DIGITALI PER LA COMUNICAZIONE- RETI ED INTERNET. Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Paola Vocca

STRUMENTI DIGITALI PER LA COMUNICAZIONE- RETI ED INTERNET. Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Paola Vocca STRUMENTI DIGITALI PER LA COMUNICAZIONE- RETI ED INTERNET Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Paola Vocca PERCHÉ IMPLEMENTARE UNA RETE? Per permettere lo scambio di informazioni tra i calcolatori

Dettagli

5 - Reti Locali parte B

5 - Reti Locali parte B Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. Fabio Martignon 5 - Reti Locali parte B 1

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Martedì 14-04-2015 1 Esempio di uso di proxy Consideriamo

Dettagli

L instradamento nelle reti di calcolatori

L instradamento nelle reti di calcolatori Università degli Studi di Trieste Corso di Ricerca Operativa Facoltà di Ingegneria Elettronica Anno Accademico 2000/200 L instradamento nelle reti di calcolatori Un particolare problema di Percorso Minimo

Dettagli

Componenti di una rete

Componenti di una rete Componenti di una rete Componenti di una rete Nelle reti informatiche alcuni apparati hanno funzionalità esclusivamente orientate a garantire il funzionamento, l'affidabilità e la scalabilità della rete

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

Autonomous System. I protocolli di routing usati all'interno di un AS sono denominati IGP (Interior Gateway Protocol) Esempio:

Autonomous System. I protocolli di routing usati all'interno di un AS sono denominati IGP (Interior Gateway Protocol) Esempio: Autonomous System R4 R1 R3 R2 Un insime di router collegati tra loro (rete) in cui è definita una politica di routing Unico amministratore che governa l'intera rete Piano di indirizzamento Un AS per essere

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Sicurezza nelle reti

Sicurezza nelle reti Sicurezza nelle reti Manipolazione indirizzi IP 1 Concetti Reti Rete IP definita dalla maschera di rete Non necessariamente concetto geografico Non è detto che macchine della stessa rete siano vicine 2

Dettagli

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: Reti di computer ed Internet nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Reti di computer ed Internet

Reti di computer ed Internet Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

L'ARCHITETTURA DI RETE DNA/DECNET

L'ARCHITETTURA DI RETE DNA/DECNET 15 - L'architettura di rete DNA/DECnet 467 15 L'ARCHITETTURA DI RETE DNA/DECNET 15.1 INTRODUZIONE DNA (Digital Network Architecture) è l'architettura di rete della DEC (Digital Equipment Corporation).

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INDICE 1. PREMESSA 4 2. ARCHITETTURA RETI MESH 5 3. DISPOSITIVI

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet Le reti telematiche e Internet Lezione 6 1 Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro computer distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate

Dettagli

17/05/2013. Indice dei Contenuti. Ruolo del Naming nei SD. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano

17/05/2013. Indice dei Contenuti. Ruolo del Naming nei SD. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano /35 Ruolo del Naming nei SD - 3 Denominazione di entità - 4 Sistemi di Naming - 8 Tipologie di Naming - 10 Naming Semplice e Differenti

Dettagli

8 Interconnessione delle reti

8 Interconnessione delle reti 26/04/2005 10:32:54 AM 2 RETI E PROBLEMATICHE DI RETE 8 Interconnessione delle reti Perché collegare LAN e WAN tra loro? Traffico elevato: il numero di utenti è troppo elevato Si vogliono utilizzare le

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, novembre 2004 Reti e sistemi telematici Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER IP

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Strato di Rete Romeo Giuliano romeo.giuliano@uniroma2.it 1

Strato di Rete Romeo Giuliano romeo.giuliano@uniroma2.it 1 Strato di Rete Romeo Giuliano romeo.giuliano@uniroma2.it 1 Argomenti Problemi dell architettura dello strato di rete Algoritmi di instradamento o routing Descrizione di algoritmi di routing (seconda parte)

Dettagli

Interdomain routing Principi generali e BGP

Interdomain routing Principi generali e BGP Interdomain routing Principi generali e BGP Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati Interconnessione di LAN a livello 2 Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali

Dettagli

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast Migliore uso della banda alla sorgente Unicast Multicast 4 Concetti fondamentali Indirizzamento Unicast Multicast su LAN Multicast su Internet Host Migliore uso della banda alla sorgente Router Protocolli

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Sistemi e reti Classe: 4B Informatica A.S. 2014/15 Docente: Alessandra Antoniazzi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 23 alunni ed è mista. La classe si è presentata

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

Esercizi settimana 4

Esercizi settimana 4 Esercizi settimana 4 Introduzione Lezione 10 Lo scopo della prima parte della lezione e' di confrontare l'efficienza dei protocolli di comunicazione dall'aloha, al CSMA, al CSMA/CD mettendo in evidenza

Dettagli

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch)

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch Switch di Livello 3 (L3 Switch) Virtual LAN (VLAN) 23.2 Inizialmente

Dettagli

Reti di calcolatori. Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia. Livello rete

Reti di calcolatori. Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia. Livello rete Reti di calcolatori Livello Rete Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia R8.1 Livello Network - scopo Spostamento dei pacchetti dal mittente al destinatario, attraverso subnet intermedi

Dettagli

Progetto di una rete IP Addressing

Progetto di una rete IP Addressing Progetto di una rete IP Addressing Mario Baldi Flavio Marinone Fulvio Risso AddressingIP - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides)

Dettagli

Reti diverse: la soluzione nativa

Reti diverse: la soluzione nativa Reti diverse: la soluzione nativa Quando si deve trasmettere un messaggio attraverso reti diverse, per il mezzo fisico, per il protocollo di accesso o altro, a che livello si colloca la procedura di traduzione

Dettagli

I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP

I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP Gli Standards I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP Dipartimento ICT Istituto e Liceo tecnico statale di Chiavari 2004 prof. Roberto Bisceglia ISO: International Standards Organization. ANSI: American

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Alfonso Miola. Reti di calcolatori. Dispensa C-01 Settembre 2005. Laboratorio di Informatica. C-01- Reti di Calcolatori

Laboratorio di Informatica. Alfonso Miola. Reti di calcolatori. Dispensa C-01 Settembre 2005. Laboratorio di Informatica. C-01- Reti di Calcolatori Alfonso Miola Reti di calcolatori Dispensa C-01 Settembre 2005 1 Nota bene Il presente materiale didattico è derivato dalla dispensa prodotta da Luca Cabibbo Dip. Informatica e Automazione Università degli

Dettagli

Evoluzione dei sistemi informatici

Evoluzione dei sistemi informatici Evoluzione dei sistemi informatici Cos è una rete? Insieme di calcolatori autonomi tra loro collegati mediante una rete di comunicazione Gli utenti sono in grado di interagire in modo esplicito con la

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Page 1. Elementi Base del Modello OSI. Il modello di riferimento ISO/OSI OSI: Open Systems Interconnection. Struttura a Livelli.

Page 1. Elementi Base del Modello OSI. Il modello di riferimento ISO/OSI OSI: Open Systems Interconnection. Struttura a Livelli. Università degli Studi di Parma Elementi Base del Modello OSI Sistema A Sistema B Sistema C Sistema D Modello OSI mezzi fisici Connessioni Struttura a Livelli Per ridurre la complessità progettuale, tutte

Dettagli

IP Multicast Routing. Silvano Gai sgai@cisco.com. Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi. Nota di Copyright. Multicast Backbone

IP Multicast Routing. Silvano Gai sgai@cisco.com. Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi. Nota di Copyright. Multicast Backbone Nota di Copyright IP Multicast Routing Silvano Gai sgai@cisco.com Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli