L analisi del bilancio di esercizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L analisi del bilancio di esercizio"

Transcript

1 L analisi del bilancio di esercizio 1

2 Le Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati 2

3 La Riclassificazione di bilancio a. Cos è b. Vantaggi c. Criteri 3

4 a. Cos è La riclassificazione è l operazione di predisposizione dei dati di bilancio per l analisi economico-finanziaria della gestione Perché si rende necessaria una simile operazione? 4

5 Diversità di obiettivi/strutture Obiettivo conoscitivo del bilancio civilistico (art. 2423, co. 2 c.c.) Rappresentazione veritiera e corretta della situazione patrimoniale e finanziaria della società e del risultato economico dell esercizio Il bilancio avrà dunque una struttura coerente con tale obiettivo il quale però differisce da quello proprio dell analisi di bilancio (analisi economico-finanziaria della gestione) 5

6 b. Vantaggi Facilita l uso di strumenti atti ad analisi gestionali Consente di apprezzare grandezze economiche o finanziarie rilevanti a fini operativi (significativo accrescimento del potenziale informativo del bilancio) Induce alla predisposizione di documenti di sintesi unificati Rende efficaci le comparazioni interaziendali 6

7 c. Criteri A. Stato Patrimoniale 1. Criterio finanziario 2. Criterio di pertinenza gestionale.. B. Conto Economico 1. Per aree gestionali 2. A valore aggiunto 3. A Margine di Contribuzione. 7

8 A. Riclassificazione dello Stato Patrimoniale 1. Criterio finanziario 2. Criterio di pertinenza gestionale

9 Riclassificazione dello Stato Patrimoniale Offre fondamentali riferimenti per l analisi della struttura finanziaria dell impresa della composizione del Capitale Investito 9

10 SP secondo il D.Lgs. 127/91 ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti (con separata indicazione della parte già richiamata) Immobilizzazioni Attivo Circolante Ratei e Risconti PASSIVO Patrimonio Netto Fondi per rischi ed oneri TFR Debiti (con separata indicazione, per ciascuna voce, degli importi esigibili oltre l esercizio successivo) Ratei e Risconti

11 1. Criterio finanziario

12 Criterio finanziario Criterio di classificazione Attitudine (o meno) delle voci a diventare liquide ed esigibili nell arco dei 12 mesi successivi Impieghi Fonti Entro 12 mesi Attivo Circolante Debiti a breve termine Oltre 12 mesi Immobilizzazioni Debiti a m/l e Patrimonio Netto 12

13 Criterio finanziario IMPIEGHI IMMOBILIZZAZIONI Immateriali Materiali Finanziarie ATTIVO CIRCOLANTE Disp. Economiche Disp. Finanziarie (o liquidità differite) Disp. Liquide (o liquidità immediate) FONTI PATRIMONIO NETTO PASSIVITA CONSOLIDATE (Debiti a M/L termine) PASSIVITA CORRENTI (Debiti a breve termine)

14 Vantaggi Permette il confronto fra Impieghi (a breve e a lungo termine) Finanziamenti (a breve e consolidati) Si adatta particolarmente all impiego nelle analisi realizzate da società/enti finanziatori (banche, fornitori, società di factoring, etc.) tendenti a valutare la solvibilità a breve e a medio e lungo termine dell impresa 14

15 Riclassificazione dello SP: Attivo A. Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti SP civilistico Parte non richiamata Parte richiamata (entro l anno) SP riclassificato Immobilizzazioni Finanziarie Disponibilità finanziarie 15

16 Riclassificazione dello SP: Attivo B. Immobilizzazioni SP civilistico Imm. Immateriali Imm. Materiali Imm. Finanziarie (con separata indicazione dei crediti esigibili entro l esercizio successivo) SP riclassificato Imm. Immateriali Imm. Materiali Imm. Finanziarie Disponibilità finanziarie 16

17 Riclassificazione dello SP: Attivo C. Attivo circolante Rimanenze Scorte fisse SP civilistico Crediti (con separata indicazione, per ciascuna voce, degli importi esigibili oltre l esercizio successivo) Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni Disponibilità liquide SP riclassificato Disponibilità economiche Immobilizzazioni materiali Disponibilità finanziarie Immobilizzazioni finanziarie Disponibilità finanziarie Disponibilità liquide

18 Riclassificazione dello SP: Attivo D. Ratei e Risconti SP civilistico Ratei attivi Entro l anno Oltre l anno Risconti attivi Entro l anno Oltre l anno SP riclassificato Disponibilità finanziarie Imm. finanziarie Disponibilità economiche Imm. immateriali 18

19 Riclassificazione dello SP: Passivo SP civilistico A. Patrimonio netto B. Fondi per rischi ed oneri Con scadenza entro l anno Con scadenza oltre l es. succ. C. Fondo TFR Esigibile entro l esercizio succ. D. Debiti Esigibili entro l esercizio succ. Esigibili oltre l esercizio succ. SP riclassificato Patrimonio netto Passività correnti Passività consolidate Passività consolidate Passività correnti Passività correnti Passività consolidate 19

20 Riclassificazione dello SP: Passivo D. Ratei e Risconti SP civilistico Ratei passivi Entro l anno Oltre l anno Risconti passivi Entro l anno Oltre l anno SP riclassificato Passività correnti Passività consolidate Passività correnti Passività consolidate 20

21 2. Criterio di pertinenza gestionale

22 Criterio di pertinenza gestionale Criterio di classificazione Le voci attive e passive dello Stato patrimoniale vengono classificate tenendo conto del loro inserimento nelle diverse aree gestionali 22

23 Criterio di pertinenza gestionale Vantaggi Evidenza la destinazione economica degli investimenti Offre un immediato riscontro riguardo all analisi di efficienza e redditività dell impresa Evidenzia in modo significativo la struttura patrimoniale delle diverse aree gestionali, valutando analiticamente la capacità di tali aree di far fronte alle decisioni di investimento prese dal management d impresa 23

24 Criterio di pertinenza gestionale Svantaggi E difficilmente applicabile da analisti esterni poiché richiede una serie di informazioni aggiuntive rispetto a quanto evidenziato dal bilancio 24

25 B. Riclassificazione del Conto Economico 1. Per aree gestionali 2. A valore aggiunto 3. A Margine di Contribuzione

26 Riclassificazione del Conto Economico Consente di: Ottenere informazioni sulla capacità dell impresa e delle singole aree di attività che la compongono di generare reddito Determinare il grado di contribuzione delle singole aree gestionali alla generazione o alla distruzione di reddito Evidenziare alcuni risultati intermedi di particolare rilevanza nell analisi delle dinamiche economiche d azienda 26

27 CE secondo il D.Lgs. 127/91 A. Valore della produzione 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni 2) Variazione delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti 3) Variazione di lavori in corso 4) Incrementi di immobilizzazioni 5) Altri ricavi e proventi Totale Valore della Produzione 27

28 CE secondo il D.Lgs. 127/91 B. Costi della produzione 6) Per materie prime, sussidiarie, di consumo e merci 7) Per servizi 8) Per godimento beni di terzi 9) Per il personale a) salari e stipendi b) oneri sociali c) accantonamento al TFR d) accantonamento al trattamento di quiescenza e simili e) altri costi 10) Ammortamento e svalutazioni a) ammortamento delle immobilizzazioni immateriali b) ammortamento delle immobilizzazioni materiali c) svalutazione crediti compresi nell attivo circolante 11) Variazioni rimanenze di materie prime, sussidiarie, di consumo e merci 12) Accantonamento per rischi 13) Altri accantonamenti 14) Oneri diversi di gestione Totale costo della produzione 28

29 CE secondo il D.Lgs. 127/91 C. Proventi e oneri finanziari 15) Proventi da partecipazioni 1) in imprese controllate 2) in imprese collegate 16) Altri proventi finanziari a) da crediti iscritti nelle immobilizzazioni con separata indicazione di quelli relativi ad imprese controllate e collegate e di quelli da controllanti b) da titoli iscritti nelle immobilizzazioni che non costituiscono partecipazioni c) da titoli iscritti nell attivo circolante che non costituiscono partecipazioni 17) Interessi ed altri oneri finanziari Totale proventi e oneri finanziari 29

30 CE secondo il D.Lgs. 127/91 D. Rettifiche di valore da attività finanziarie 18) Rivalutazioni a) di partecipazioni b) di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono partecipazioni c) di titoli iscritti nell attivo circolante che non costituiscono partecipazioni 19) Svalutazioni a) di partecipazioni b) di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono partecipazioni c) di titoli iscritti nell attivo circolante che non costituiscono partecipazioni Totale rettifiche di valore di attività finanziarie 30

31 1. Criterio per aree gestionali

32 Aree gestionali - 1 Gestione caratteristica o tipica Comprende tutte quelle voci inerenti i processi di acquisizione, trasformazione e vendita dei prodotti e/o dei servizi che caratterizzano l attività aziendale Gestione complementare o accessoria Ha per oggetto tutte quelle attività svolte con continuità ma estranee alla gestione tipica dell azienda 32

33 Aree gestionali - 2 Gestione finanziaria E rappresentata dai costi e dai ricavi collegati alla struttura finanziaria e degli investimenti aziendali, ossia dagli oneri e dai proventi di natura finanziaria Gestione straordinaria Ha per oggetto quelle operazioni generalmente prive della caratteristica della continuità che determinano componenti reddituali non attribuibili alle combinazioni produttive dell esercizio Gestione tributaria Riguarda l insieme dei rapporti che intercorrono tra l azienda e l erario 33

34 Criterio per aree gestionali Ricavi delle vendite +/- Variazione delle scorte di prodotti finiti e semilavorati + Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni = VALORE DELLA PRODUZIONE 34

35 Criterio per aree gestionali Acquisti di materie prime e merci +/- Variazione rimanenze di materie prime e merci + Costi per servizi e godimento beni di terzi + Costo del lavoro + Ammortamenti + Accantonamenti = COSTI DELLA PRODUZIONE 35

36 Criterio per aree gestionali Valore della produzione - Costi della produzione = RISULTATO OPERATIVO 36

37 Criterio per aree gestionali RISULTATO OPERATIVO +/- Risultato della gestione Atipica (Proventi Oneri atipici) +/- Risultato della gestione Finanziaria (Proventi Oneri finanziari) +/- Risultato della gestione Straordinaria (Proventi Oneri straordinari) = RISULTATO AL LORDO DELLE IMPOSTE - Oneri tributari = UTILE/PERDITA DELL ESERCIZIO 37

38 Criterio per aree gestionali Risultato della gestione caratteristica - Reddito operativo - Risultato della gestione accessoria - Oneri e proventi accessori - Risultato della gestione finanziaria - Oneri e proventi finanziari- Risultato netto Risultato della gestione straordinaria Gestione tributaria 38

39 2. Criterio a valore aggiunto

40 Il modello a valore aggiunto VALORE DELLA PRODUZIONE (Valore della ricchezza prodotta, a livello operativo, dall impresa) - COSTI OPERATIVI ESTERNI (Valore dei costi esterni sostenuti per produrre tale ricchezza) = Consumi di materie prime e merci + Spese per prestazioni di servizi = VALORE AGGIUNTO 40

41 Il modello a valore aggiunto Esprime la capacità dell impresa di creare, grazie ai propri processi trasformativi, nuova e maggiore ricchezza rispetto ai fattori produttivi acquistati da terzi e consumati 41

42 Il modello a valore aggiunto Valore aggiunto - Costo del lavoro = MARGINE OPERATIVO LORDO 42

43 Margine Operativo Lordo (MOL) E il valore di reddito caratteristico al lordo di ammortamenti ed accantonamenti. Un reddito, quindi, che non risente della discrezionalità con la quale vengono quantificati questi valori contabili Esso, pertanto, può essere un miglior indicatore, rispetto al risultato operativo, dell economicità caratteristica dell impresa sia nelle comparazioni nello spazio che nel tempo 43

44 Il modello a valore aggiunto MARGINE OPERATIVO LORDO - Ammortamenti ed accantonamenti = RISULTATO OPERATIVO 44

45 Il modello a valore aggiunto RISULTATO OPERATIVO +/- Risultato della gestione Atipica (Proventi Oneri atipici) +/- Risultato della gestione Finanziaria (Proventi Oneri finanziari) +/- Risultato della gestione Straordinaria (Proventi Oneri straordinari) = RISULTATO AL LORDO DELLE IMPOSTE - Oneri tributari = UTILE/PERDITA DELL ESERCIZIO 45

46 Il modello a valore aggiunto Il modello a valore aggiunto è molto utilizzato nelle analisi esterne Esso, infatti, richiede una classificazione dei costi per natura che è più facile da compiersi utilizzando i dati di un bilancio ufficiale 46

47 3. Criterio a margine di contribuzione

48 Il modello a margine di contribuzione VALORE DELLA PRODUZIONE - COSTI OPERATIVI VARIABILI = Consumi di materie prime e merci + Spese per prestazioni di servizi + Costo del lavoro = MARGINE DI CONTRIBUZIONE 48

49 Il modello a margine di contribuzione MARGINE DI CONTRIBUZIONE - COSTI OPERATIVI FISSI = Spese per prestazioni di servizi + Costo del lavoro + Ammortamenti ed Accantonamenti = RISULTATO OPERATIVO 49

50 Il modello a margine di contribuzione RISULTATO OPERATIVO +/- Risultato della gestione Atipica (Proventi Oneri atipici) +/- Risultato della gestione Finanziaria (Proventi Oneri finanziari) +/- Risultato della gestione Straordinaria (Proventi Oneri straordinari) = RISULTATO AL LORDO DELLE IMPOSTE - Oneri tributari = UTILE/PERDITA DELL ESERCIZIO 50

51 Il modello a margine di contribuzione Il modello a margine di contribuzione è poco utilizzato nelle analisi esterne Esso, infatti, richiede una classificazione dei costi per grado di variabilità, difficilmente effettuabile da un soggetto esterno all impresa 51

52 g. Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati 52

53 L analisi del bilancio riclassificato può essere condotta: 1. in termini di stock attraverso l uso di indicatori margine 2. in termini di flussi attraverso la redazione dei rendiconti finanziari 53

54 1. Analisi per stock Evidenzia le variazioni nette avvenute negli stocks patrimoniali nell arco temporale preso a riferimento entità e segno della variazione monetaria del fondo in esame indici / margini 54

55 2. Analisi per flussi Evidenzia le intensità dei flussi in entrata ed in uscita che, nell arco di tempo considerato, hanno determinato la variazione netta dello stock di riferimento cause della variazione monetaria del fondo in esame rendiconti finanziari 55

56 Analisi di bilancio - Indici - 56

57 Le fasi dell analisi di bilancio A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi (analisi per flussi / analisi per indici) D. Interpretazione dei risultati 57

58 Quali indicatori vengono utilizzati per l analisi? Dipende dagli obiettivi conoscitivi: A) Indicatori statici o strutturali Derivano dal rapporto (ratio) o dalla differenza (margini) di grandezze stocks il cui valore è desumibile dallo stato patrimoniale riclassificato B) Indicatori dinamici Rapportano grandezze flusso la cui intensità sono rilevate dal Conto Economico 58

59 Indici Strutturali Dinamici Composizione Redditività Correlazione Rotazione e Durata Produttività

60 Gli indicatori statici o strutturali A1) Indici di composizione dell Attivo: di prima e di seconda linea del Passivo di prima e di seconda linea A2) Indici di correlazione 60

61 Gli indici di composizione Aggregati appartenenti allo stesso comparto patrimoniale di prima linea: mettono in relazione aggregati patrimoniali attivi con il totale degli investimenti ed aggregati patrimoniali passivi con il totale dei finanziamenti di seconda linea: misurano l incidenza di ciascun elemento patrimoniale sull aggregato cui appartengono 61

62 Gli indici di composizione dell Attivo (Prima linea) a) Indice di rigidità degli impieghi: = Attivo Fisso/Capitale Investito (CI) Esprime il peso degli investimenti fissi sul totale dell attivo b) Indice di elasticità degli impieghi: = Attivo Circolante/Capitale Investito Consente di apprezzare il grado di elasticità della struttura 62

63 Gli indici di composizione dell Attivo (Seconda linea) Indici di composizione dell attivo fisso: Immobilizzazioni materiali nette/totale immobilizzazioni nette Es. Fabbricati/totale immobilizzazioni nette Immobilizzazioni immateriali nette/totale immobilizzaz. nette Immobilizzazioni finanziarie nette/totale immobilizzazioni nette Indici di composizione dell attivo circolante: DE/Attivo circolante DF/Attivo circolante LI/ Attivo circolante 63

64 Gli indici di composizione del Passivo (Prima linea) Indice di indebitamento: = Tot. Passività/Tot. Finanziamenti Indica il peso dell indebit. sul capitale di finanziamento dell azienda Indice di autonomia finanziaria: = Capitale Proprio/Tot. Finanziamenti Esprime l incidenza percentuale dei mezzi propri sul totale dei finanziamenti (complementare al precedente) Indice di indebitamento consolidato: = Passività Consolidate/ Tot. Finanziamenti Incidenza dei debiti di finanziamento sul totale delle fonti 64

65 Gli indici di composizione del Passivo (Prima linea) Indice di indebitamento corrente: = Passività Correnti/ Tot. Finanziamenti Peso percentuale dei debiti di finanziamento sul totale dei finanziamenti Indice di indebitamento permanente: = Capitale Permanente/Tot. Finanziamenti Grado di rigidità della struttura finanziaria 65

66 Gli indici di composizione del Passivo (Seconda linea) Indici di composizione del totale delle passività Passività correnti/totale passività Passività consolidate/totale passività Indici di composizione del capitale permanente Capitale proprio/ Capitale permanente Passività consolidate/ Capitale permanente 66

67 Gli indici Dinamici indici di correlazione Relazione tra grandezze finanziarie appartenenti ad entrambi i comparti patrimoniali Indice di indipendenza finanziaria: = Capitale investito/capitale Proprio Investimenti finanziati da un euro di risorse acquisite con vincolo di capitale Indice di copertura delle immobilizzazioni: = Immobilizzazioni nette/capitale Permanente Evidenzia in che misura le attività consolidate sono finanziate da capitale permanente 67

68 Gli indici di correlazione Indice di solvibilità totale: = Totale Attività/Totale Passività Capacità dell azienda a rimborsare risorse acquisite da fonte esterna nell ipotesi in cui il capitale investito fosse interamente liquidato Indice di solvibilità corrente (current ratio) = = Attività Correnti/Passività correnti Consente di verificare se l azienda si trova in condizione di equilibrio finanziario se minore di 1 denota una situazione di incaglio finanziario 68

69 Gli indici di correlazione Indice di tesoreria (acid test): = (Liquidità Differite +Liquidità Immediate)/Passività Correnti Consente di valutare la capacità di far fronte ai propri impegni finanziari esigibili entro dodici mesi utilizzando denaro in cassa 69

70 B) Analisi degli indicatori dinamici B1) Indici di redditività Mostrano la capacità dell azienda di creare ricchezza attraverso lo svolgimento dell attività tipica e/o di quelle secondarie B2) Indici di rotazione Consentono di apprezzare il grado di efficienza raggiunto dal management nell impiego delle risorse disponibili 70

71 Indici di redditività Quale informazione gestionale offrono? Capacità dell azienda di produrre reddito Come si costruiscono? Rapporto fra la configurazione di reddito e il capitale che lo ha generato nell arco di tempo preso a riferimento Gli indicatori della redditività aziendale rappresentano lo strumento comunemente più usato per valutare l attitudine dell impresa a raggiungere ed a mantenere l equilibrio economico tra ricavi e costi. N.B.: Grandezze stock Valori medi di periodo 71

72 Indice di redditività ROS: Return on sales Misura la redditività delle vendite, ossia l entità di risultato per ogni euro di fatturato. ROS = RO/V (fatturato) Permette di verificare se il prezzo di mercato del bene prodotto o del servizio apprestato è sufficientemente remunerativo oppure se i costi sostenuti nella produzione sono troppo elevati

73 Indice di redditività globale o netta ROE (Return on Equity) = RN/CPm Esempio 1: CP i = CP f = RN = ROE? ROE = 1.500/ = 10% Significato: su 100 di capitale di rischio, mediamente immesso nella gestione complessiva, il rendimento medio per gli apportatori di tali risorse è di

74 Scomposizione del ROE ROE (Return on Equity) = RN/CPm Redditività operativa del capitale investito ROI = RO/CI Capacità di produrre reddito del capitale impiegato nella gestione operativa Indice o quoziente di indebitamento CI/CP Grado di copertura del fabbisogno finanziario generato dagli impieghi da parte del capitale di rischio Incidenza della gestione extra-operativa sul RO RN/RO Grado di assorbimento del reddito operativo da parte dei componenti della gestione non operativa 74

75 Tale indice: non consente di individuare le cause che hanno determinato il risultato non permette di individuare le azioni che potrebbero permettere un miglioramento delle prestazioni il confronto con il tasso di rendimento di investimenti alternativi permette di apprezzare l opportunità dell investimento di capitale proprio nell azienda

76 Indice di redditività del Capitale investito ROI (Return on Investment) = RO/CIm Capacità di produrre reddito del capitale impiegato nella gestione operativa a prescindere dalle fonti di finanziamento 76

77 Scomposizione del ROI ROI (Return on Investment) = RO/CIm Redditività delle vendite ROS = RO/V Capacità delle vendite di generare risultato operativo (RO per ogni di fatturato) Indice di rotazione del CI p ci = V/CI Capacità del capitale di produrre ricavi; quante volte il CI ritorna per effetto dei ricavi dalle vendite 77

78 Duplice valenza: definisce il tasso di redditività del capitale investito nella gestione caratteristica il confronto con il tasso di interesse pagato sui finanziamenti ottenuti permette di apprezzare l opportunità economica dell attività esercitata assume un ruolo di primo piano nelle relazioni che si istituiscono tra redditività del capitale proprio ed onerosità dell indebitamento.

79 Esempio Azienda A Azienda B Fatturato Reddito operativo Capitale investito gest. operativa ROS 40% 25% P ci 0,6 1,2 ROI 24% 30% 79

80 Commento all esempio Pur avendo lo stesso giro d affari l impresa A presenta: un margine di redditività sulle vendite più elevato dell impresa B (per ogni 100 di fatturato residuano 40 di utile operativo nel caso di A e 25 nel caso di B); un tasso di produttività del capitale investito nella gestione operativa minore di quello di B (ogni 100 di capitale investito genera 0,6 di fatturato nel caso di A e 1,6 di fatturato nel caso di B). 80

81 Possibili manovre gestionale per l esempio Impresa Con un basso livello di ROS Con un basso livello di P ci Per ottenere un Roi soddisfacente Deve rendere più produttivo il capitale investito Deve rendere più elevato il margine sulle vendite 81

82 Gli indici dinamici di redditività in sintesi ROE = RN/CP ROS = Ro/V (indice di redditività delle vendite) ROI = RO/CI (capacità di produrre reddito del capitale impiegato nella gestione operativa) NB: Schema DuPont Da cui ROI ROE = RN/CP = RO/CI x Ci/CP x Rn/Ro Indice di indebitam. Incid. della gestione extra operativa 82

83 Indici di rotazione Si tratta di un gruppo di indicatori che contrappongono al capitale investito, inteso come volume di risorse a disposizione della gestione e, quindi, come attività potenziale, il valore dei ricavi di vendita, intesi come indicatori dell attività effettiva. Tali indicatori esprimono, quindi, il numero di volte che un determinato elemento o aggregato del passivo ruota, si rinnova, nel periodo in esame per effetto delle vendite.

84 1) Turnover o tasso di rotazione del Capitale investito Fatturato Capitale Investito medio Il tasso di rotazione del capitale investito rappresenta, con opportune cautele, il grado di efficienza con cui viene impiegato il capitale della impresa considerata e permette utili confronti all interno di un settore e tra diversi settori economici.

85 2) Tasso di rotazione del magazzino Fatturato Disponibilità economiche E influenzato da: Velocità del ciclo di produzione Introduzione di nuovi prodotti Condizioni con clienti e fornitori Interventi sul magazzino e sulle consegne Standardizzazione dei prodotti..

86 3) Tasso di rotazione delle liquidità differite Fatturato Liquidità differite E influenzato da: Livello del fatturato Condizioni con clienti

87 4) Tasso di rotazione dell attivo circolante Fatturato Attivo circolante medio 5) Tasso di rotazione del capitale operativo Fatturato Immobilizzazioni tecniche lorde

Riclassificazione di bilancio

Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio a. Cos è b. Finalità c. Criteri 2 1 a. Cos è Operazione di predisposizione dei dati di bilancio per l analisi economico-finanziaria e patrimoniale

Dettagli

1. Analisi di Bilancio

1. Analisi di Bilancio ANALISI DI BILANCIO 1. Analisi di Bilancio 1.1. La riclassificazione dei prospetti di bilancio: lo Stato Patrimoniale I dati di Stato Patrimoniale sono stati riclassificati con l obiettivo di sottoporli

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La valutazione della fattibilità economico-finanziaria del progetto

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI ANALISI DI BILANCIO INDICI FINANZIARI INDICI DI ROTAZIONE E DURATA SITUAZIONE ECONOMICA SITUAZIONE ANALISI DINAMICA SITUAZIONE E R.O.E. INDEBITAMENTO FINANZIARIO INDICI DI REDDITIVITA SOLIDITA MARGINI

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

L analisi delle performance economiche e finanziarie delle imprese turistiche

L analisi delle performance economiche e finanziarie delle imprese turistiche L analisi delle performance economiche e finanziarie delle imprese turistiche da Marketing e performance delle imprese turistiche (Pencarelli, 2001) Annalisa Sentuti -1- Indice 1. Aspetti generali 2. La

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici prof. Michele Meoli 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici Sommario della lezione

Dettagli

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE INDICATORI FINANZIARI DI RISULTATO Dott. Fabio CIGNA Gli indicatori di risultato finanziari: Stato Patrimoniale e Conto Economico riclassificati Analisi degli indicatori

Dettagli

A cosa serve l l analisi analisi di di bilancio bilancio?

A cosa serve l l analisi analisi di di bilancio bilancio? A cosa serve l analisi di bilancio? Potenzialità informative Patrimoniale Percezione della rigidità/elasticità degli impieghi Percezione del grado di indebitamento Grado di finanziamento immobilizzazioni

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

L analisi di bilancio. Gli indici

L analisi di bilancio. Gli indici L analisi di bilancio Gli indici L analisi nel tempo e nello spazio L analisi di bilancio mediante indici deve sempre basarsi su confronti critici: Nel tempo: occorre osservare una serie storica di indici

Dettagli

Le analisi di bilancio

Le analisi di bilancio Le analisi di bilancio Salvatore Loprevite Dott. Salvatore Loprevite 1 Sommario 1) I principi generali di riclassificazione del Conto Economico: le aree della gestione aziendale e le configurazioni parziali

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO Riclassificati e indici

ANALISI DI BILANCIO Riclassificati e indici ANALISI DI BILANCIO Riclassificati e indici 1 Sommario Introduzione Introduzione La Riclassificazione del Conto Economico La Riclassificazione dello Stato Patrimoniale L Analisi di Bilancio tramite Quozienti

Dettagli

Analisi economico-finanziaria delle PMI

Analisi economico-finanziaria delle PMI Università degli Studi "Magna Græcia" di Catanzaro Analisi economico-finanziaria delle PMI Simona Catuogno GIORNI DI LEZIONE Marzo 1,2 8,9 15,16 22,23 29, 30 Aprile 12,13 ==== ==== ==== ==== ORARIO DELLE

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO (ADB) www.adb.opendotcom.it adb@opendotcom.it

ANALISI DI BILANCIO (ADB) www.adb.opendotcom.it adb@opendotcom.it ANALISI DI BILANCIO (ADB) www.adb.opendotcom.it adb@opendotcom.it Analisi di Bilancio Per Analisi di Bilancio (ADB) si intende un processo logico che parte dai dati di un bilancio certo preciso ed attendibile:

Dettagli

Valutazione dell'azienda Alfa Spa Report Analisi di Bilancio con Rating Balisea 3 e merito di credito Fondo di Garanzia Mediocredito Centrale

Valutazione dell'azienda Alfa Spa Report Analisi di Bilancio con Rating Balisea 3 e merito di credito Fondo di Garanzia Mediocredito Centrale Valutazione dell'azienda Alfa Spa Report Analisi di Bilancio con Rating Balisea 3 e merito di credito Fondo di Garanzia Mediocredito Centrale Sintesi di Stato Patrimoniale Attivo 31.12.2011 31.12.2012

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO. Riclassificazione e indici di bilancio 1

ANALISI DI BILANCIO. Riclassificazione e indici di bilancio 1 ANALISI DI BILANCIO Consiste nell analisi dei risultati aziendali mediante indici costruiti sulle informazioni contenute nel bilancio. Include indici di struttura finanziaria e indici di redditività. Riclassificazione

Dettagli

La valutazione di affidabilità creditizia: l analisi quantitativa

La valutazione di affidabilità creditizia: l analisi quantitativa La valutazione di affidabilità creditizia: l analisi quantitativa Corso di finanziamenti di impresa a.a. 2014-2015 Dott.ssa Diletta Tancini diletta.tancini@yahoo.it Agenda Dall ultima lezione L analisi

Dettagli

Indice Introduzione XIII Capitolo 1 Il bilancio di esercizio: normativa e principi contabili nazionali

Indice Introduzione XIII Capitolo 1 Il bilancio di esercizio: normativa e principi contabili nazionali Introduzione XIII Capitolo 1 Il bilancio di esercizio: normativa e principi contabili nazionali 1 1.1 Le funzioni del bilancio di esercizio 3 1.2 Il quadro normativo nazionale 4 1.2.1 I postulati del bilancio

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI L ANALISI PER INDICI 1. Gli indici di bilancio Dopo aver riclassificato il bilancio d esercizio è possibile calcolare partendo dai dati dello Stato Patrimoniale e del Conto economico alcuni indicatori,

Dettagli

CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE

CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE ATTIVITA : RAGGRUPPARE GLI ELEMENTI ATTIVI DEL CAPITALE IN RELAZIONE ALLA LORO ATTITUDINE A PROCURARE MEZZI DI PAGAMENTO, ATTRAVERSO LA

Dettagli

Dott. Fabio Cigna. www.adb.opendotcom.it adb@opendotcom.it

Dott. Fabio Cigna. www.adb.opendotcom.it adb@opendotcom.it ANALISI DI BILANCIO (ADB) Dott. Fabio Cigna www.adb.opendotcom.it adb@opendotcom.it : finalità e metodologie Riclassificazioni Riclassificazione di Stato Patrimoniale Funzionale Riclassificazione di Stato

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE TERZA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE TERZA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE TERZA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali Professore a contratto Dottore di ricerca in Economia Aziendale

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

L an ali al si i si dell el e l perf er o f rm r an ce eco nomi m ch e e f n i anziar ar e i dell el e l im i p m rese

L an ali al si i si dell el e l perf er o f rm r an ce eco nomi m ch e e f n i anziar ar e i dell el e l im i p m rese L analisi delle performance economiche e finanziarie delle imprese Indice. Aspetti generali. Il bilancio d esercizio come strumento di analisi delle performance economiche e finanziarie. La riclassificazione

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali Professore a contratto Dottore di ricerca in Economia Aziendale

Dettagli

Riclassificazione del bilancio d esercizio

Riclassificazione del bilancio d esercizio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 9 Riclassificazione del bilancio d esercizio Marcella Givone COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica,

Dettagli

La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE

La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE Corso di finanziamenti di impresa a.a. 2014-2015 Dott.ssa Diletta Tancini diletta.tancini@yahoo.it Agenda Premessa Il caso dell impresa ALFA S.R.L.

Dettagli

ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A.

ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A. ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A. A cura di A.N.I.N.S.E.I. www.aninsei.it Soluzione a cura dei proff. Biscontin Franco e Carnio

Dettagli

ATTIVO: struttura finanziaria

ATTIVO: struttura finanziaria ATTIVO: Voci bilancio civilistico Riclassificazione SP secondo struttura finanziaria A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata - Quote non

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO PER INDICI

ANALISI DI BILANCIO PER INDICI ANALISI DI BILANCIO PER INDICI 1 INTRODUZIONE COS E L ANALISI DI BILANCIO Analisi di bilancio è un espressione che indica il processo di analisi dei risultati dell impresa attraverso la lettura e l analisi

Dettagli

Simulazione di seconda prova scritta

Simulazione di seconda prova scritta Simulazione di seconda prova scritta Economia aziendale - Istituti Tecnici Commerciali di Gian Carlo Bondi Un modello userfriendly per imparare a costruire un Bilancio su due esercizi con dati liberamente

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

Aspetto economico. operativa operativa. Indice di redditività globale Reddito Netto Patrimonio Netto. Grado ind.to ROI TIGEC 2 10% 30%

Aspetto economico. operativa operativa. Indice di redditività globale Reddito Netto Patrimonio Netto. Grado ind.to ROI TIGEC 2 10% 30% Aspetto finanziario Aspetto economico Grado Grado di di indebitamento indebitamento Cap. Cap. Investito Investito Patr. Patr.. Netto Netto Indice Indice di di redditività redditività operativa operativa

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi

STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Impianti e Macchinari 3.043 Attrezzature industriali 1.500 Automezzi 2.900 Fabbricati Industriali Mobili e Arredi 12.900 2.000 22.343

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

OIC 12: Composizione e schemi del bilancio

OIC 12: Composizione e schemi del bilancio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I nuovi principi contabili. La disciplina generale del bilancio di esercizio e consolidato. OIC 12: Composizione e schemi del bilancio CLAUDIA MEZZABOTTA

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

IDEE TECNICHE MANAGEMENT. Analisi di Bilancio Basic

IDEE TECNICHE MANAGEMENT. Analisi di Bilancio Basic IDEE TECNICHE MANAGEMENT Analisi di Bilancio Basic ANALISI DI BILANCIO Cosa è il bilancio d esercizio? Il bilancio d esercizio è il documento con cui si rappresenta la situazione economica (ricavi e costi),

Dettagli

La riclassificazione del bilancio di esercizio per le analisi economicofinanziarie

La riclassificazione del bilancio di esercizio per le analisi economicofinanziarie La riclassificazione del bilancio di esercizio per le analisi economicofinanziarie Corso di Economia Aziendale (esercitazioni) Dott. Sergio Paternostro Università degli Studi di Palermo Solvibilità aziendale

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie

Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) Mc Graw-Hill 2001, cap. 5 1 GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE

SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE Indirizzo Giuridico Economico Aziendale (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi sperimentali del progetto Sirio ) Tema di economia aziendale

Dettagli

IL BILANCIO DI ESERCIZIO

IL BILANCIO DI ESERCIZIO IL BILANCIO DI ESERCIZIO Mette in evidenza il risultato della gestione annuale e deriva dal sistema contabile il cui scopo è la registrazione di tutti i fatti gestionali che hanno effetti sulle variazioni

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo L'importanza del Business Plan Elementi tecnici ed economici Maurizio Longo A cosa serve un Business Plan A richiedere un finanziamento in Banca E poi??? Il BP è uno strumento dinamico che serve per capire

Dettagli

Indici di redditività. Gli indici di redditività. Pag. 1

Indici di redditività. Gli indici di redditività. Pag. 1 1 Indici di redditività Gli indici di redditività L analisi della redditività si pone l obiettivo di apprezzare l attitudine della gestione aziendale a remunerare il capitale che ha concorso alla sua formazione.

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La dinamica finanziaria Il Rendiconto Finanziario Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it La divergenza fra risultato

Dettagli

BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO RICLASSIFICATO Pag. 1 S T A T O P A T R I M O N I A L E INDICATORI DI FINANZIAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI ATTIVO FISSO: Immobilizzazioni immateriali: 011000 SP.IMPIANTO AMPLIAM. 833,34 1.333,34 Costi d'impianto e d'ampliamento

Dettagli

CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA"

CORSO SPERIMENTALE - Progetto BROCCA ITC CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA" Anno 24 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La contabilità generale si fonda sul quadro dei conti e sulle note illustrative che spiegano il loro funzionamento. Il candidato

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI Salvatore Nucci, gennaio 2011 L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI L analisi dei flussi finanziari ha la finalità di evidenziare e interpretare le variazioni intervenute nella situazione patrimoniale

Dettagli

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf Temi in preparazione alla maturità Analisi di bilancio, bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, decisioni aziendali, portafoglio sbf di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIA:

Dettagli

Dinamica dei flussi finanziari

Dinamica dei flussi finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Dinamica dei flussi finanziari Capitolo 4 Indice degli argomenti 1. Il modello a quattro aree 2. Flusso di cassa della gestione corrente

Dettagli

La riclassificazione del bilancio di esercizio. Prof. Luigi Trojano

La riclassificazione del bilancio di esercizio. Prof. Luigi Trojano La riclassificazione del bilancio di esercizio Il Il bilancio Il sistema informativo di bilancio secondo la normativa vigente: stato patrimoniale; conto economico; nota integrativa. Requisiti fondamentali

Dettagli

La valutazione del rischio d impresa mediante l analisi di bilancio

La valutazione del rischio d impresa mediante l analisi di bilancio La valutazione del rischio d impresa mediante l analisi di bilancio di Silvia Tommaso (*) Si propone una simulazione di analisi quantitativa attraverso l esame dei prospetti di stato patrimoniale e conto

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

ASSOCIAZIONE BAMBINI SENZA SBARRE ONLUS

ASSOCIAZIONE BAMBINI SENZA SBARRE ONLUS ASSOCIAZIONE BAMBINI SENZA SBARRE ONLUS Sede in Via Baldissera 1 - Milano Codice Fiscale 97317430151 - Numero Rea MILANO P.I.: 04337620969 Capitale Sociale Euro - i.v. Forma giuridica: ONLUS Società in

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

8 maggio 2010 Dott. Giovanni Ghelfi Università C. Cattaneo Castellanza

8 maggio 2010 Dott. Giovanni Ghelfi Università C. Cattaneo Castellanza MASTER UNIVERSITARIO IN CFO - DIREZIONE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Riclassificazioni, analisi di bilancio e rendiconto finanziario 7 maggio 2010 Dott.ssa Chiara Mancini Università

Dettagli

BIKI TECHNOLOGIES SRL

BIKI TECHNOLOGIES SRL BIKI TECHNOLOGIES SRL Sede in Via XX Settembre 33/10, Genova Codice Fiscale 02258470992 - Rea GE 472644 P.I.: 02258470992 Capitale Sociale Euro 10.000 i.v. Forma giuridica: Società a responsabilità limitata

Dettagli

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO Università di Pavia Facoltà di Economia a. a. 2012-2013 Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO SEMINARIO TENUTO DAL DOTTOR MARIO SPALTINI 10 dicembre

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

COOPERATIVA MURATORI REGGIOLO S.c.r.l. Capogruppo. Sede Legale: Via G. di Vittorio, 2 Angolo Via Grandi, 1

COOPERATIVA MURATORI REGGIOLO S.c.r.l. Capogruppo. Sede Legale: Via G. di Vittorio, 2 Angolo Via Grandi, 1 Pagina n 1 Capogruppo COOPERATIVA MURATORI REGGIOLO S.c.r.l. Sede Legale: Via G. di Vittorio, 2 Angolo Via Grandi, 1-42046 REGGIOLO Iscritta al Registro delle Imprese di R. E. Cod. Fisc. e N. iscrizione

Dettagli

Il finanziamento alle imprese

Il finanziamento alle imprese Il finanziamento alle imprese Alberto Balestreri Corso di Economia ed organizzazione aziendale II ING-IND/35 Laurea Specialistica in Biotecnologie Industriali Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e

Dettagli

Lezioni di Economia Aziendale - classe quinta PROPOSTA SVOLGIMENTO PROVA MATURITA 2005 Prof. Monica Masoch

Lezioni di Economia Aziendale - classe quinta PROPOSTA SVOLGIMENTO PROVA MATURITA 2005 Prof. Monica Masoch M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La globalizzazione dei mercati e il crescente sviluppo dei

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

L analisi di bilancio. Le riclassificazioni dello stato patrimoniale e del conto economico

L analisi di bilancio. Le riclassificazioni dello stato patrimoniale e del conto economico L analisi di bilancio Le riclassificazioni dello stato patrimoniale e del conto economico Le analisi di bilancio Le finalità: le analisi di bilancio possono essere condotte per soddisfare obiettivi conoscitivi

Dettagli

CL Produzioni Animali

CL Produzioni Animali CL Produzioni Animali Anno Accademico 2012-13 Analisi dell efficienza aziendale 1 2 ! Analisi dell efficienza aziendale Lo strumento contabile, il bilancio ed i conti settoriali sono mezzi idonei ad evidenziare

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

QUEIROLO & ASSOCIATI SRL

QUEIROLO & ASSOCIATI SRL QUEIROLO & ASSOCIATI SRL Codice Fiscale 11401930158 - Rea GE11401930158 P.I.: 11401930158 Capitale Sociale Euro 65000 i.v. Bilancio al 31/12/2012 Gli importi presenti sono espressi in Euro Bilancio al

Dettagli

Analisi di bilancio: gli indicatori finanziari della relazione sulla gestione

Analisi di bilancio: gli indicatori finanziari della relazione sulla gestione Analisi di bilancio: gli indicatori finanziari della relazione sulla gestione di Stefano Salvadeo e Giulio Tedeschi (*) Il D.Lgs. n. 32/2007 ha apportato rilevanti modifiche in tema di relazione sulla

Dettagli

AZIENDA LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA CONDIZIONI PRODUTTIVE ACQUISITE

AZIENDA LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA CONDIZIONI PRODUTTIVE ACQUISITE LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA FATTORI CONDIZIONI PRODUTTIVE BENI E SERVIZI PRODOTTI USCITE MONETARIE O AUMENTO DI DEBITI AZIENDA ENTRATE MONETARIE

Dettagli

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI 1 LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA DECISIONI RILEVANTI: DI UN AZIENDA COMPRENDE TRE DECISIONI DI DIVIDENDO

Dettagli

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE SITUAZIONE ECONOMICA FINALE materie prime c/acquisti 2.., prodotti c/vendite 2.5., costi di trasporto 5., lavori su ordinazione 3., fitti passivi 2., materie prime c/rimanenze finali 25., salari e stipendi

Dettagli

GENOVA CAR SHARING SPA

GENOVA CAR SHARING SPA Sede in GENOVA - PIAZZA DANTE 8/1 Codice Fiscale 01405760990 - Rea 1045760990 407161 P.I.: 01405760990 Capitale Sociale Euro 400000 i.v. Forma giuridica: SPA Bilancio al 31/12/2011 Gli importi presenti

Dettagli

La riclassificazione dei prospetti di bilancio: il caso Cinque S.p.A.

La riclassificazione dei prospetti di bilancio: il caso Cinque S.p.A. La riclassificazione dei prospetti di bilancio: il caso Cinque S.p.A. Parte I La riclassificazione dello Stato Patrimoniale Si proceda a collocare le voci sotto elencate riprese dal bilancio di esercizio

Dettagli

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili Cembre SpA Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale sociale euro 8.840.000 interamente versato Iscritta al Registro delle Imprese di Brescia al n.00541390175 Relazione trimestrale consolidata al 30

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI Prof. Luigi Trojano L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI L analisi dei flussi finanziari ha la finalità di evidenziare e interpretare le variazioni intervenute nella situazione patrimoniale e finanziaria

Dettagli

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia Sistema di rilevazione: economicità, bilancio, indici di bilancio Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it Agenda delle prossime lezioni Equilibrio

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO.

IL RENDICONTO FINANZIARIO. IL RENDICONTO FINANZIARIO. Lezione 3 Castellanza, 3 Ottobre 2007 2 Il Rendiconto Finanziario Il Rendiconto Finanziario costituisce per l analisi della dinamica finanziaria ciò che il conto economico rappresenta

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

Dott. Maurizio Massaro

Dott. Maurizio Massaro Dott. Maurizio Massaro Ph. D. in Scienze Aziendali Ricercatore Universitario nell Università degli Studi di Udine 05, Ragioneria 1 La misurazione della performance economicofinanziaria. I sistemi fondati

Dettagli

PIACENZA INFRASTRUTTURE S.P.A.

PIACENZA INFRASTRUTTURE S.P.A. Sede in PIAZZA MERCANTI, 2-29121 PIACENZA Codice Fiscale 01429460338 - Rea 161575 P.I.: 01429460338 Capitale Sociale Euro 20800000 i.v. Forma giuridica: S.P.A. Bilancio al 31/12/2013 Gli importi presenti

Dettagli

FUNIVIE GRAN PARADISO S.P.A.

FUNIVIE GRAN PARADISO S.P.A. FUNIVIE GRAN PARADISO S.P.A. Sede in COGNE (AO) RUE LAYDETRE' 29 CAP 11012 Codice Fiscale 00048470074 - Rea 00048470074 AO - 0031157 P.I.: 00048470074 Capitale Sociale Euro 1845849 i.v. Forma giuridica:

Dettagli

SUSSIDIO DIDATTICO N.2 INDICE. L'analisi economico-finanziaria del bilancio

SUSSIDIO DIDATTICO N.2 INDICE. L'analisi economico-finanziaria del bilancio SUSSIDIO DIDATTICO N.2 INDICE L'analisi economico-finanziaria del bilancio 1. Generalità 2. Lo stato patrimoniale 3. Il conto economico 4. La riclassificazione dello stato patrimoniale e del conto economico

Dettagli