BANDO Welcome Business

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANDO Welcome Business"

Transcript

1 Il Comune di Milano e la Camera di Commercio di Milano promuovono il presente BANDO Welcome Business Incentivi ai talenti all estero che rientrino in Italia per costituire la loro impresa a Milano Art.1 Finalità Il Comune di Milano ela Camera di Commercio di Milano con il presente bando si propongono l obiettivo di valorizzare i giovani talenti italiani all estero, agevolandone il rientro nel nostro paese attraverso l assegnazione di un contributo a fondo perduto fino ad ,00 da destinarsi alla costituzione di un impresa (da entrambi gli enti), e di un premio di ,00 (dal Comune di Milano). In particolare il presente bando nasce dalla consapevolezza che il ritorno di giovani italiani che hanno maturato esperienze internazionali di alto livello, può incidere positivamente sul dinamismo dell economia milanese e italiana. Nello specifico l iniziativa, in armonia con le disposizioni emanate dal governo centrale (legge n. 238/2010, c.d. Legge Controesodo ), intende valorizzare le capacità culturali e professionali di coloro i quali hanno maturato esperienze di studio o lavoro all estero e che intendano ritornare e costituire un attività imprenditoriale nel territorio della città di Milano. Art.2 Soggetti Beneficiari Possono accedere ai contributi i soggetti che alla data di pubblicazione del bando: 1. abbiano un età non superiore a quella dei soggetti beneficiari indicati dalla Legge Controesodo 238/ ; 2. Si trovino stabilmente all estero da almeno due anni 2 ; 1 La legge 238/2010 indica come soggetti beneficiari di agevolazioni fiscali i soggetti che alla data del 20 gennaio 2009 abbiano avuto meno di 40 anni. 2 Gli enti promotori si riservano la possibilità di richiedere ai partecipanti al bando la produzione di documentazione idonea a confermare questo requisito. 1

2 3. Abbiamo maturato, da laureati, esperienze lavorative fuori dall Italia, per la durata di almeno 24 mesi continuativi; oppure Abbiano frequentato, ottenendo una laurea o una specializzazione post lauream, un corso di studi fuori dall Italia, per la durata di almeno 24 mesi continuativi; oppure Abbiano frequentato, ottenendo una laurea o una specializzazione post lauream, un corso di studi fuori dall Italia, per la durata di almeno 12 mesi e che in aggiunta abbiano maturato, da laureati, esperienze lavorative fuori dall Italia, per la durata di almeno altri 12 mesi continuativi Intendano avviare, entro sei mesi dalla data di assegnazione del contributo, un attività d impresa con sede legale e/o operativa nella città di Milano 4, in una delle seguenti forme societarie: società di persone, società di capitali o società cooperative. Il soggetto che presenta domanda al bando per la valutazione finalizzata all assegnazione del premio e del contributo, dovrà detenere almeno il 51% della società costituita. 5. Risultino domiciliati e/o residenti in Italia entro tre mesi dall avvio dell attività imprenditoriale. Art. 3 Risorse finanziarie Lo stanziamento complessivo dei due Enti promotori per le agevolazioni a sostegno dei talenti che rientrino in Italia e costituiscano un impresa, è di euro, di cui a carico del Comune di Milano, destinati ai premi e ai contributi e a carico della Camera di Commercio di Milano, volti a coprire i contributi. In aggiunta, e qualora i beneficiari del contributo ne facessero richiesta, la Camera di commercio di Milano si impegna a mettere a disposizione un tutor dedicato che assista il neo-imprenditore in tutte le fasi di avvio di impresa, dalla definizione del business plan a tutte le procedure amministrative necessarie. 3 Gli enti promotori si riservano la possibilità di richiedere ai partecipanti al bando la produzione di documentazione idonea a confermare questo requisito. 4 Farà fede la data di iscrizione al Registro delle Imprese della Camera di commercio di Milano. 2

3 Le spese ordinarie in conto gestione eventualmente sostenute dai beneficiari e ritenute ammissibili verranno agevolate unicamente attraverso i fondi del Comune di Milano. Il Comune di Milano e la Camera di Commercio di Milano, con atti approvati da ciascun ente, si riservano la possibilità di: - riaprire i termini di scadenza del Bando, in caso di non esaurimento delle risorse disponibili; - rifinanziare l intervento con ulteriori stanziamenti; - rivedere i vincoli di destinazione stabiliti dal bando. Art. 4 Interventi finanziabili L obiettivo dell iniziativa è valorizzare le competenze professionali dei giovani che hanno maturato esperienze di studio o lavoro all estero e che intendano ritornare in Italia e costituire un attività imprenditoriale nella città di Milano. Per questo i due enti promotori assegneranno un contributo a fondo perduto a copertura parziale delle spese per investimenti materiali ed immateriali riconducibili alla realizzazione di tale idea imprenditoriale (start-up d impresa), al netto di IVA e di altre imposte e tasse. In aggiunta, e a valere su fondi propri, il Comune di Milano assegnerà un premio per le migliori idee imprenditoriali da realizzare nella Città di Milano del valore di (al lordo delle imposte e tasse ai sensi delle norme vigenti). Il premio ed il contributo vengono assegnati in forma unitaria e indivisibile. I beneficiari del premio coincideranno con i beneficiari del contributo. Il ritiro del Premio comporterà la realizzazione dell idea imprenditoriale premiata e la realizzazione della stessa nella Città di Milano. Con riferimento all intervento di realizzazione dell idea imprenditoriale, le spese ammissibili indicate nel seguente elenco 5 devono essere sostenute a partire dai sei mesi antecedenti la data di pubblicazione del bando, ed entro due anni dalla data di pubblicazione del provvedimento di assegnazione del contributo. 5 Tale elenco è da considerarsi indicativo e non esaustivo. 3

4 Comune di Milano e Camera di Commercio di Milano contribuiscono alle spese sostenute per lo start up d impresa con un contributo a fondo perduto che copre una percentuale degli investimenti sostenuti. A seconda della tipologia di spese, i partecipanti selezionati potranno beneficiare di un contributo a fondo perduto fino al 60% dei costi relativi al progetto imprenditoriale. Spese Ammissibili 1. studi di fattibilità, ricerche di mercato, oneri di costituzione e spese notarili(fino al 30% del totale delle spese rendicontate); 2. consulenze tecniche o scientifiche per lo sviluppo del prodotto/servizio(fino al 30% del totale delle spese rendicontate); 3. servizi di incubazione 6 e/o accelerazione 7 ; 4. contratti di collaborazione con enti di ricerca; 5. servizi e tecnologie per lo sviluppo di prototipi e/o campionari; 6. check-up tecnologici, sperimentazioni; 7. spese per la tutela della proprietà industriale; 8. acquisto e sviluppo di sistemi informatici di gestione (hardware e software), e per le applicazioni internet; 9. realizzazione di siti e sistemi web propri dell azienda, erogazione di propri servizi web su Internet, attivazione di procedure di commercio elettronico; 10. spese per il piano di comunicazione; 11. spese per acquisto di impianti e macchinari, attrezzature tecnologiche, attrezzature industriali e commerciali e arredi con esclusione dell IVA e di tutti gli altri oneri accessori. 12. costo del personale dipendente assunto dall impresa con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato o indeterminato. I lavoratori assunti non devono essere coniugi, discendenti, ascendenti o parenti in linea collaterale fino al secondo grado del titolare, dei soci o degli amministratori d impresa; 13. la retribuzione del socio che detiene la maggioranza, (fino al 30% del totale delle spese rendicontate). 6 Tali servizi sono finalizzati al supporto dell'innovazione e della fase di avvio di impresa mediante utilizzo di spazi attrezzati e infrastrutturati (ad esempio con laboratori scientifici e con servizi amministrativi), in strutture immobiliari dedicate (c.d. incubatori). 7 Servizi di diagnosi, consulenza, accompagnamento e monitoraggio della proiezione commerciale, nazionale e internazionale, delle nuove imprese innovative. Sono svolti da manager e imprenditori di lunga esperienza o da società specializzate. Restituiscono analisi dettagliate della situazione commerciale, piani commerciali, 4

5 Sono inoltre ammissibili le seguenti spese in conto gestione (con contribuzione massima al 50%): 14. acquisto di materie prime, semilavorati, prodotti finiti, scorte entro il limite massimo del 30% dell ammontare complessivo dell investimento agevolato; 15. locazione dell'immobile nel quale si effettuano gli investimenti (solo in presenza di preventivo del Locatore, o autodichiarazione del costo da sostenere), 16. utenze (riscaldamento, telefono, acqua, energia elettrica); 17. assicurazioni; 18. manutenzione (pulizia/assistenza PC). Le spese in conto gestione possono riferirsi solo relativamente ai primi 24 mesi di tempistica di realizzazione dell investimento. NOTE GENERALI PER TUTTE LE TIPOLOGIE DI SPESA 1. Per essere ammessi al bando i progetti devono rispettare dei livelli minimi di investimento specificati nel bando. Non è previsto, invece, un tetto massimo di investimento. 2. Il contributo da versare sarà calcolato sulla base delle spese effettivamente sostenute: le imprese assegnatarie dei contributi dovranno quindi dimostrare il pagamento delle spese presentando le fatture quietanziate. Nel caso in cui non si possa provare il pagamento con le fatture, potranno essere presentati documenti contabili aventi forza probatoria equivalente. 3. Nella fase di presentazione del progetto devono essere presentate le diverse voci di spesa, indicando i contenuti e la destinazione delle stesse. Tali indicazioni devono necessariamente rientrare in un progetto coerente con la definizione delle spese indicate. 4. Tutte le spese si intendono al netto dell IVA, il cui computo non rientra nelle spese ammesse ad eccezione del caso in cui il soggetto beneficiario sostenga realmente ed effettivamente il costo dell IVA senza possibilità di recupero. 5. Le spese per l acquisizione dei servizi devono essere effettuate sulla base di contratti redatti in forma scritta. Le spese sostenute per la realizzazione di eventuali studi, relazioni o ricerche saranno ammissibili solo dietro 5

6 presentazione, in fase di rendicontazione, dei documenti redatti dai consulenti fornitori del servizio. 6. L acquisto di beni strumentali e attrezzature è ammissibile a condizione che gli stessi siano stati consegnati e installati presso la sede per la quale è stato richiesto il contributo ovvero in altre aree, purché indispensabili e funzionali alla sede stessa. 7. Le spese ammissibili non possono essere state oggetto di altri contributi pubblici. Art. 5 Modalità di erogazione Il premio verrà erogato (al netto delle imposte e tasse) in un unica soluzione dopo l iscrizione dell impresa al Registro delle Imprese della Camera di commercio di Milano, entro 60 giorni dalla protocollazione della richiesta di liquidazione del Legale Rappresentante con indicati gli estremi del pagamento. La costituzione dell impresa dovrà avvenire entro 60 giorni dalla data del provvedimento di concessione del premio e del contributo per le spese di avvio. Il provvedimento di concessione (graduatoria) verrà pubblicato su i siti dei soggetti promotori. Il contributo per gli interventi relativi alla realizzazione della start up verrà erogato ai beneficiari con due modalità: 1. Nel caso di richieste di anticipo in fase di realizzazione del progetto: a) un anticipo, pari al 50% del contributo concesso verrà erogato dietro presentazione da parte del beneficiario di idonea fideiussione bancaria o assicurativa di pari importo; b) il saldo del restante 50%, calcolato sulle effettive spese rendicontate dal beneficiario, verrà erogato a fine lavori, previa verifica delle spese effettuate. La rendicontazione deve essere presentata entro e non oltre 26 mesi dalla data del provvedimento di concessione dell agevolazione; 2. In un unica soluzione, a completamento del progetto. In tutti i casi l erogazione verrà materialmente concessa entro 90 giorni: -dalla comunicazione di accettazione della Fideiussione da parte del Comune di Milano, in caso di anticipo. 6

7 - dalla comunicazione di completamento dell istruttoria di rendicontazione presentata dall impresa a completamento del Progetto, per il saldo finale e per la soluzione unica. Il contributo erogato: - è da considerarsi al lordo della ritenuta d acconto del 4% con riferimento alle spese in conto gestione; - prevede alla conclusione dei due anni sulla base delle spese effettivamente sostenute, la valutazione della congruità con le spese di progetto presentate e ritenute ammissibili; - è concesso in conformità al regime comunitario degli aiuti di stato (de minimis), ai sensi del Regolamento (CE) n. 1998/2006; a questo proposito l impresa in sede di presentazione della domanda di finanziamento dovrà autocertificare i contributi già ottenuti che incidano sul massimale di cui al suddetto regolamento comunitario. Art. 6 Valore e specifiche dell aiuto finanziario Per essere ammessi al bando, i progetti devono rispettare un livello minimo di investimento pari a ,00. Il tetto massimo di contributo concedibile da Comune di Milano e Camera di Commercio è stabilito nella somma di ,00. Il livello di agevolazione all iniziativa, incluso il premio e il contributo, non potrà comunque superare il 75% del totale dei costi ammissibili a contributo. Il Comune di Milano e la Camera di Commercio coprono una percentuale degli investimenti sostenuti pari al 60% o al 50% della spesa, a seconda della tipologia degli interventi finanziabili di cui all art 4 del presente bando. Segue la tabella con le specifiche relative all intensità e limiti del contributo sugli interventi: 7

8 Percentuale massima di investimenti agevolati Minimo investimento Massimo contributo concedibile 60% (ammontare minimo di spese da sostenere) (ammontare massimo di contributo) Art. 7 Valutazione delle domande La concessione delle agevolazioni previste sarà soggetta ad una valutazione da parte di un Comitato di Valutazione, che definirà la graduatoria analizzando i seguenti documenti in base ai parametri sotto indicati: Curriculum Vitae del proponente; Business Plan del progetto di impresa; Descrizione dell idea imprenditoriale. Criteri di valutazione Criterio Punteggio Caratteristiche del soggetto proponente (esperienza, motivazione) 0-20 Fattibilità e tenuta economico finanziaria 0-25 Completezza e qualità della proposta 0-15 Innovatività o grado di utilizzo di tecnologie avanzate 0-20 Capacità di creare occupazione, anche indotta 0-20 Punteggio massimo 100 Punteggio minimo per essere ammessi 65 Il punteggio per ognuno dei criteri sarà determinato dalla valutazione attribuita a parametri e indicatori richiesti all impresa in sede di presentazione della domanda. Il Comitato di Valutazione, prima di avviare la procedura valutativa sui progetti presentati, potrà stabilire, nel rispetto dei criteri di valutazione sopra indicati, ulteriori sub-criteri di valutazione che consentano di valutare in maniera maggiormente pertinente il progetto presentato. 8

9 Saranno ritenuti ammissibili a contributo solamente i progetti che avranno totalizzato un punteggio pari almeno a 65 (soglia minima di ammissione al contributo). Ai progetti che raggiungeranno la soglia minima di ammissione verranno assegnati punteggi addizionali sulla base dei seguenti criteri di premialità: Criteri di premialità Il Proponente abbia meno di 35 anni, al momento di presentazione del progetto d impresa e/o l impresa da costituire sia a prevalente titolarità giovanile in cui almeno i 2/3 dei componenti dell impresa abbia un età compresa tra i 18 anni e i 35 anni (compiuti alla data di presentazione della domanda). Punteggio addizionale (punti) 12 Progetti imprenditoriali che intendano operare nei settori di interesse in 5 forma aggregata con altre imprese Imprese a prevalente titolarità femminile (almeno 2/3)8 2 Il Comitato di Valutazione si riserva la possibilità di convocare i candidati per eventuali colloqui e presentazioni del progetto 9. Art. 8 Assegnazione del contributo L assegnazione del contributo avverrà sulla base dell esito della valutazione delle domande e nei limiti delle risorse disponibili. A seguito di istruttoria formale, che verificherà il possesso dei requisiti previsti dal Bando, entro massimo 60 giorni dalla data di chiusura del bando, verranno emessi i provvedimenti amministrativi di approvazione delle graduatorie. Il Comune di Milano e la Camera di Commercio di Milano contestualmente pubblicheranno sui rispettivi siti internet le graduatorie contenenti l elenco dei proponenti e dei progetti d impresa selezionati. 8 Appartengono a tale categorie: - le società di persone/cooperative in cui il numero di donne rappresenti almeno il 60% della compagine sociale, indipendentemente dalle percentuali di quote di capitale detenute; - le società di capitali in cui i 2/3 delle quote siano detenute da donne e l organo amministrativo sia composto per almeno 2/3 da donne. 9 I colloqui potranno essere effettuati anche via internet attraverso Skype. 9

10 La comunicazione di assegnazione del contributo alle singole imprese avverrà tramite all indirizzo di posta elettronica che l impresa dovrà obbligatoriamente indicare nella domanda. Le domande eventualmente ammissibili ma non assegnatarie del contributo, a causa dell esaurimento delle risorse disponibili, in caso di rinunce o revoche da parte dei soggetti inizialmente assegnatari dei contributi, potranno essere ripescate e finanziate in base all ordine nella graduatoria. Art. 9 Presentazione delle domande Ogni candidato può partecipare alla selezione con un unico progetto d impresa. Le domanda potranno essere presentate: a partire dalle ore del 4 settembre 2012 fino alle ore del 4 ottobre Tutte le richieste di partecipazione al bando devono essere presentate esclusivamente in forma telematica. Le domande saranno inviate al Comune di Milano, utilizzando la modulistica che sarà resa disponibile sul Portale del Comune di Milano e della Camera di commercio di Milano alla voce Bandi, solo ed esclusivamente al seguente indirizzo di posta certificata: Art.10 Rendicontazione delle spese sostenute A partire dalla data di concessione del contributo, sono previsti incontri quadrimestrali con le istituzioni promotrici del presente bando, al fine di fornire un aggiornamento relativamente all attività svolta dal soggetto beneficiario del contributo. In fase finale di rendicontazione, le spese presentate devono essere comprovate da fatture quietanziate da cui risulti chiaramente: - l oggetto della prestazione o fornitura, - l importo, - i termini di consegna, - le modalità di pagamento, 10 Ora italiana. 10

11 - la sua coerenza con le finalità dell iniziativa elencate al punto 4 del presente bando. Art.11 Liquidazione del contributo Il contributo verrà liquidato secondo le modalità previste all articolo 5. Ai fini della liquidazione del contributo, il progetto deve essere realizzato raggiungendo gli obiettivi dichiarati e con spese effettive (IVA esclusa) pari almeno al 70% delle spese ammesse in fase di domanda. In caso di spese rendicontate tra il 70% e il 99,99% di quanto ammesso in fase di domanda, il contributo sarà rideterminato proporzionalmente. Qualora il costo rendicontato risultasse inferiore al 70% del totale delle spese ammesse, il contributo sarà revocato. In caso di avvenuta corresponsione di anticipi sul contributo da parte degli enti promotori e mancata realizzazione del progetto secondo le indicazioni del presente articolo seguirà l escussione della fideiussione presentata a garanzia degli impegni assunti. Art.12 Rinuncia e Revoca La rinuncia deve essere motivata da cause di forza maggiore e comunicata via mail. Il contributo può essere revocato in caso di: mancato rispetto di tutti gli obblighi e vincoli contenuti nel presente bando, o degli impegni assunti con la presentazione della domanda; apertura di procedure concorsuali nei confronti dell impresa o cancellazione della stessa dal Registro Imprese in data anteriore alla liquidazione del contributo; mancata rendicontazione di almeno il 70% dei costi ammessi; cessione, alienazione o distrazione dei beni agevolati, nei due anni successivi alla data di concessione del contributo. Art.13 Ispezioni e Controlli Il Comune di Milano e la Camera di Commercio di Milano possono disporre in qualsiasi momento di ispezioni e controlli presso la sede del beneficiario sui programmi e sulle spese oggetto di intervento. Tali controlli, svolti anche mediante l ausilio di soggetti terzi incaricati, sono finalizzati a verificare: l effettiva fruizione dei servizi oggetto di contributo; 11

12 il rispetto degli obblighi previsti dal procedimento di concessione; la veridicità delle dichiarazioni e delle informazioni prodotte dal soggetto beneficiario; la correttezza dei documenti presentati (ad esempio fatture, contratti). A tal fine l impresa beneficiaria si impegna a tenere a disposizione, per un periodo non inferiore a cinque anni dalla data del provvedimento di assegnazione, tutta la documentazione contabile, tecnica e amministrativa in originale, relativa ai servizi usufruiti e beni acquistati tramite il contributo assegnato. Art.14 Responsabilità del procedimento Il responsabile del procedimento amministrativo è il Dirigente del Settore Innovazione Economica e Università del Comune di Milano. Art.15 Informativa sul trattamento dei dati personali I dati acquisiti verranno trattati con modalità manuale e informatica e saranno utilizzati esclusivamente per le finalità relative al procedimento amministrativo per il quale gli stessi sono stati comunicati, secondo le modalità previste dalle leggi e dai regolamenti. Ai sensi del D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 Codice in materia di protezione dei dati personali si informa che tutti i dati personali che verranno in possesso degli enti promotori e dei soggetti eventualmente incaricati della raccolta e dell istruttoria delle candidature, saranno trattati esclusivamente per le finalità del presente Bando e nel rispetto dell art. 13 della sopraccitata legge. I dati forniti saranno trattati dal Comune di Milano, quale titolare, nonché dalla Camera di Commercio di Milano. Il conferimento dei dati è obbligatorio ai fini dello svolgimento delle istruttorie per l erogazione dei contributi/agevolazioni previsti nel presente Bando. L eventuale mancato conferimento comporta la decadenza del diritto al beneficio. Si informa, inoltre, che gli interessati possono esercitare i diritti previsti dai commi 1, 3 e 4 dell art. 7 del d.lgs n. 196, tra i quali figurano: il diritto di ottenere la conferma dell esistenza o meno di dati personali che lo riguardano; l aggiornamento, la rettifica, l integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in 12

13 relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti e successivamente trattati; il diritto all attestazione che le operazioni suddette sono state portate a conoscenza di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi nonché il diritto di opporsi per motivi legittimi al trattamento di dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta e di opporsi al trattamento di dati personali ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta, etc. Art. 16 Contatti Per informazioni relative al contenuto del Bando contattare il Comune di Milano:

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI Mantenere il lavoro, la propria abitazione e assicurarsi con continuità l'accesso al cibo in questi anni è diventato

Dettagli

Bando START-UP. venture

Bando START-UP. venture Bando START-UP venture INDICE interattivo 1. FINALITÀ DELL INTERVENTO 2. DOTAZIONE FINANZIARIA 3. AMBITI DI INTERVENTO 4. SOGGETTI BENEFICIARI 5. PRIMA FASE 5.1 AZIONE A - corso di formazione per la pianificazione

Dettagli

assunzione di lavoratori a tempo determinato assunzione di lavoratori a tempo indeterminato stabilizzazione di lavoratori già presenti in azienda

assunzione di lavoratori a tempo determinato assunzione di lavoratori a tempo indeterminato stabilizzazione di lavoratori già presenti in azienda Politiche per il Lavoro, Sviluppo Economico, Università e Ricerca Edizione 2013 Incentivi alle micro, piccole e medie imprese di Milano e provincia per: assunzione di lavoratori a tempo determinato assunzione

Dettagli

Voucher CooperAttive!

Voucher CooperAttive! bando Voucher CooperAttive! per l acquisto di servizi di assistenza destinati allo sviluppo delle società cooperative Sviluppo Aziendale Check-up Economico Finanziario Riorganizzazione Responsabilita Sociale

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP METTERSI IN PROPRIO A CREMONA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP Approvato con deliberazione n. 137 del 18/09/2014 Pubblicato in data 7 Ottobre 2014 1 Obiettivi, finalità e ambiti di

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE E FREELANCE/PROFESSIONISTI

BANDO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE E FREELANCE/PROFESSIONISTI BANDO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE E FREELANCE/PROFESSIONISTI Speed MI Up Milano, 11 marzo 2014 Premessa Nell ambito dell Accordo di Collaborazione per la promozione dell occupazione e dell imprendito-rialità

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014

BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014 BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, riconoscendo la Rete di Impresa quale strumento innovativo

Dettagli

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Settore Comunicazione, Turismo, Spettacolo che Giovanili e pari opportunità BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Scadenza 1^ fase: 30 agosto 2012 2^ fase: 30 dicembre 2012 1. Finalità e obiettivi

Dettagli

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Rimini, nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

Microimpresa. Pensare in grande, da piccoli

Microimpresa. Pensare in grande, da piccoli Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Le agevolazioni previste per la microimpresa sono rivolte a società di persone di nuova costituzione che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE - ANNO 2015

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE - ANNO 2015 BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE - ANNO 2015 Art. 1 Finalità Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico locale la Camera di commercio, industria,

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi di Enrico Mazza Il 29 novembre scorso sono stati pubblicati sul BURC (n. 48 parte III) i Decreti che riguardano l approvazione degli Avvisi

Dettagli

Bando per l erogazione di contributi a fondo perduto per il sostegno delle produzioni cinematografiche e dell audiovisivo realizzate in Lombardia

Bando per l erogazione di contributi a fondo perduto per il sostegno delle produzioni cinematografiche e dell audiovisivo realizzate in Lombardia Bando per l erogazione di contributi a fondo perduto per il sostegno delle produzioni cinematografiche e dell audiovisivo realizzate in Lombardia (Lombardia Film Fund) 1 INDICE 1. oggetto e finalità 2.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI Allegato A) D.G. n. 154 del 4/12/2014 REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI ART. 1 - Finalità La Camera

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI Allegato A) Deliberazione Giunta n. 95 del 19/07/2012 REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI ART. 1 Finalità

Dettagli

BANDO PUBBLICO AIUTI DIRETTI ALLE IMPRESE INNOVATIVE. Finanziamento del Ministero dello Sviluppo Economico D.M. 27 gennaio 2005

BANDO PUBBLICO AIUTI DIRETTI ALLE IMPRESE INNOVATIVE. Finanziamento del Ministero dello Sviluppo Economico D.M. 27 gennaio 2005 BANDO PUBBLICO AIUTI DIRETTI ALLE IMPRESE INNOVATIVE. Finanziamento del Ministero dello Sviluppo Economico D.M. 27 gennaio 2005 La società consortile I.TRAS.TE. (Innovazione e Trasferimento Tecnologico)

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI

PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI BANDO PROGETTO CREATTIVITA Premessa Il presente bando si colloca nell'ambito del progetto CreAttività, presentato per il cofinanziamento dalla Provincia di Barletta Andria

Dettagli

Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO. Incentivi per la creazione di nuove imprese

Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO. Incentivi per la creazione di nuove imprese Fondazione per la Promozione della Cultura Professionale e dello Sviluppo Economico Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO Incentivi per la creazione di nuove imprese Azioni di sostegno allo start-up

Dettagli

DALL IDEA ALL IMPRESA

DALL IDEA ALL IMPRESA Premessa DALL IDEA ALL IMPRESA Bando Incubatore d impresa 2015 rivolto ad aspiranti imprenditori e imprese start up per la fruizione dei servizi dell Incubatore certificato di ComoNExT scpa Ministero dello

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

Giovani Opportunità per Attività Lavorative

Giovani Opportunità per Attività Lavorative Fondazione per la Promozione della Cultura Professionale e dello Sviluppo Economico REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali Giovani Opportunità

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA 37 REGOLAMENTO per la creazione e lo sviluppo di attività imprenditoriali approvato con delibera C.P. n. 89 del 26 settembre 2012 esecutivo dal 26 settembre 2012 I REGOLAMENTI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 2.3 POR MOLISE 2000-2006 SOSTEGNO ALLA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NEL CAMPO DEI SERVIZI CULTURALI E AMBIENTALI S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione,

Dettagli

PROGRAMMA PASSAPORTO PER L EXPORT

PROGRAMMA PASSAPORTO PER L EXPORT PROGRAMMA PASSAPORTO PER L EXPORT Indice 1. OBIETTIVI... 2 2. DOTAZIONE FINANZIARIA... 2 3. AMBITI DI INTERVENTO... 2 4. SOGGETTI BENEFICIARI... 3 5. REGIME DI AIUTO... 4 6. PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE...

Dettagli

All. A Allegato alla deliberazione di Giunta Camerale n. 38 del 5.06.14

All. A Allegato alla deliberazione di Giunta Camerale n. 38 del 5.06.14 All. A Allegato alla deliberazione di Giunta Camerale n. 38 del 5.06.14 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER L AVVIO DI NUOVE IMPRESE IN PROVINCIA DI MASSA-CARRARA Art. 1 Finalità

Dettagli

SERVIZI INTEGRATI PER L INNOVAZIONE E LA CULTURA D IMPRESA NUOVE IMPRESE IN DIGITALE

SERVIZI INTEGRATI PER L INNOVAZIONE E LA CULTURA D IMPRESA NUOVE IMPRESE IN DIGITALE SERVIZI INTEGRATI PER L INNOVAZIONE E LA CULTURA D IMPRESA NUOVE IMPRESE IN DIGITALE Bando a valere sul Fondo Perequativo Accordo MiSE-Unioncamere 2012 approvato con Delibera di Giunta nr. 108/27.10.2014

Dettagli

1. PREMESSA 2. FONDI MESSI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI

1. PREMESSA 2. FONDI MESSI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI - Innovazione per progetti di comunicazione delle MPMI della provincia di Varese, anche in vista di Expo 2015. Anno 2013 Approvato con deliberazione di giunta camerale n.90 del 07/11/2013 1. PREMESSA Nell

Dettagli

BANDO. Corsi di formazione Economia Digitale

BANDO. Corsi di formazione Economia Digitale BANDO Corsi di formazione Economia Digitale Indice: 1. Finalità... 3 2. Soggetti beneficiari... 3 3. Organizzazione dei corsi e articolazione dei contenuti... 4 4. Caratteristiche del contributo... 5 5.

Dettagli

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.)

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) ALLEGATO B/1 INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LE INIZIATIVE PER

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI ARTICOLO 1 - Finalità La Camera di Commercio di Trapani, nell ambito del progetto

Dettagli

Finanziamenti per la microimpresa

Finanziamenti per la microimpresa Finanziamenti per la microimpresa A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. Sono pertanto

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE Allegato B Alla DG n.200 del 18/11/2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE Premessa La Camera di Commercio di Fermo, nell ambito del Fondo Perequativo Accordo di Programma MISE- Unioncamere

Dettagli

Allegato alla Delibera di Giunta camerale n. 25 del 17 febbraio 2014

Allegato alla Delibera di Giunta camerale n. 25 del 17 febbraio 2014 Allegato alla Delibera di Giunta camerale n. 25 del 17 febbraio 2014 Bando per il sostegno ai processi di brevettazione delle imprese della provincia di Piacenza Premessa La Camera di commercio di Piacenza

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE E PROFESSIONISTI SPEED MI UP Nuove Imprese e Professioni

BANDO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE E PROFESSIONISTI SPEED MI UP Nuove Imprese e Professioni BANDO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE E PROFESSIONISTI SPEED MI UP Nuove Imprese e Professioni Premessa La Camera di Commercio di Milano e il Comune di Milano promuovono il bando Speed MI Up nuove imprese

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE ART. 1 Oggetto La Camera di Commercio di Mantova, nel quadro delle proprie iniziative istituzionali,

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI VOLTI A SOSTENERE GLI INVESTIMENTI E L AVVIO DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI PISA 2015

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI VOLTI A SOSTENERE GLI INVESTIMENTI E L AVVIO DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI PISA 2015 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI VOLTI A SOSTENERE GLI INVESTIMENTI E L AVVIO DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI PISA 2015 Bando aperto dal 13/04/2015 Stanziamento: 400.000 Art. 1 - Finalità Al

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento PRESTITO D ONORE (Delibere C.P. 27/04, 4/05 ) ------------------------------- La Provincia Regionale di Enna, IV Settore Programmazione e Sviluppo Economico concede

Dettagli

FONDO PER IL SOSTEGNO ALL APERTURA DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO E BANDO PER L'ACCESSO

FONDO PER IL SOSTEGNO ALL APERTURA DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO E BANDO PER L'ACCESSO COMUNE DI MONTERONI DI LECCE Provincia di Lecce FONDO PER IL SOSTEGNO ALL APERTURA DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO E BANDO PER L'ACCESSO 1) FINALITÀ Il Comune di Monteroni di Lecce, nell

Dettagli

REGOLAMENTO 2014-2015 CONCORSO

REGOLAMENTO 2014-2015 CONCORSO 2014-2015 1. Società promotrice La società promotrice del concorso FACTORY è Banca di Credito Cooperativo di Manzano, con sede legale in Via Roma 7, Manzano, partita IVA 00251640306 in persona del legale

Dettagli

CONSORZIO Spinner - Bologna

CONSORZIO Spinner - Bologna CONSORZIO Spinner - Bologna Selezione pubblica per l assegnazione di n. 14 borse di studio per la partecipazione ad un percorso di accrescimento e qualificazione delle competenze sui temi oggetto della

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY AGEVOLAZIONI PER LA MICROIMPRESA A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. 1 Sono

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento contenente criteri e modalità per la concessione di contributi a favore degli apicoltori, singoli o associati che risiedono sul territorio della Provincia e ivi esercitano l'attività apistica,

Dettagli

Bando per la presentazione di progetti di comunicazione digitale per il business delle MPMI Lombarde

Bando per la presentazione di progetti di comunicazione digitale per il business delle MPMI Lombarde Bando per la presentazione di progetti di comunicazione digitale per il business delle MPMI Lombarde Accordo di programma per lo sviluppo economico e la competitività del sistema lombardo - anno 2012 Asse

Dettagli

Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA

Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA L'attività di supporto alla creazione di imprese innovative è resa possibile grazie

Dettagli

CONSORZIO Spinner - Bologna AVVISO PUBBLICO

CONSORZIO Spinner - Bologna AVVISO PUBBLICO Programma Operativo Regione Emilia-Romagna, Obiettivo Competitività regionale e occupazione Fondo Sociale Europeo 2007-2013 Interventi per la qualificazione delle risorse umane nel settore della ricerca

Dettagli

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese 1. Oggetto dell intervento Sono finanziabili progetti che prevedono le seguenti attività: Ricerca industriale e Sviluppo sperimentale.

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

SOGGETTI BENEFICIARI E LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO

SOGGETTI BENEFICIARI E LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO FAQ: Bando approvato con decreto n. 9441 del 18/10/2013 - Programma integrato di interventi a sostegno della creazione d impresa linea 8 Frim Start up e Re-start. SOGGETTI BENEFICIARI E LOCALIZZAZIONE

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1)

SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1) CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DI MACCHINARI, MEZZI E ATTREZZATURE TESTO DEL REGOLAMENTO(in vigore dal 1 ottobre 2001) SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1) SCHEMA DELLA RELAZIONE SUGLI INVESTIMENTI EFFETTUATI (Allegato2)

Dettagli

Art 1 Finalità del Bando. Art 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Beneficiari. Art. 4 Interventi finanziabili

Art 1 Finalità del Bando. Art 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Beneficiari. Art. 4 Interventi finanziabili Bando per il finanziamento di interventi edilizi da realizzare su strutture a sostegno dei centri di aggregazione giovanile. Art. 24 della legge regionale 22 marzo 2012 n. 5 (Legge per l autonomia dei

Dettagli

"Banda larga, innovazione e risparmio energetico per la crescita del sistema produttivo locale"

Banda larga, innovazione e risparmio energetico per la crescita del sistema produttivo locale "Banda larga, innovazione e risparmio energetico per la crescita del sistema produttivo locale" LINEA: START UP INNOVATIVE Per incentivare e sostenere la nascita e lo sviluppo di imprese qualificate come

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino con il presente

Dettagli

PROGETTO SPRING5 BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE PROGETTUALI 100 PROGETTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE

PROGETTO SPRING5 BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE PROGETTUALI 100 PROGETTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE PROGETTO SPRING5 100 PROGETTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE PROGETTUALI INDICE 1. FINALITÀ 2. DOTAZIONE FINANZIARIA 3. SOGGETTI BENEFICIARI 4. TIPOLOGIA DI SERVIZI

Dettagli

BANDO MICROCREDITO F.A.Q.

BANDO MICROCREDITO F.A.Q. BANDO MICROCREDITO Fondo finalizzato alla promozione e al sostegno di progetti di creazione d impresa realizzati da giovani, donne e soggetti svantaggiati LR 4/2011 art. 7 F.A.Q. INDICE 1. Modalità di

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ADOZIONE DI INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ADOZIONE DI INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ADOZIONE DI INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino, intende favorire

Dettagli

BANDO CONTRIBUTI PER L ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ A BANDA LARGA.

BANDO CONTRIBUTI PER L ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ A BANDA LARGA. BANDO CONTRIBUTI PER L ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ A BANDA LARGA. Art. 1 Finalità Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico locale, la

Dettagli

Alla c.a. - Partner aziendali - Altri destinatari (disoccupati) E, p.c. - Partner operativi e di rete

Alla c.a. - Partner aziendali - Altri destinatari (disoccupati) E, p.c. - Partner operativi e di rete Alla c.a. - Partner aziendali - Altri destinatari (disoccupati) E, p.c. - Partner operativi e di rete Mestre, 06/03/2015 Oggetto: Progetto 4358/0/1/448/2014 - Armonizzare tempi di vita e di lavoro in Provincia

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari) L.R. 01 Settembre 1999, n. 19 Istituzione del prestito d'onore (1) Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina la concessione di finanziamenti a favore di soggetti inoccupati e disoccupati per la

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 4.2 AZIONE 4.2.1 POR MOLISE 2000-2006 AIUTI DE MINIMIS ALLE IMPRESE ARTIGIANE S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione, ideazione di progetti per

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

Articolo 1 (Modifiche all art. 9 del Regolamento Regionale n. 1 del 19 gennaio 2009) PARTE PRIMA

Articolo 1 (Modifiche all art. 9 del Regolamento Regionale n. 1 del 19 gennaio 2009) PARTE PRIMA 8648 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 44 del 28-03-2011 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 24 marzo 2011, n. 4 Ulteriori modifiche al Regolamento Regionale n.

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO CIRCOLARE NR. 5/FEBBRAIO 2014 VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO Egregi Signori, Vi informiamo che con D.G.R. n. 2216 del 03.12.2013 (pubblicata nel BUR n.113 del 24/12/2013) la Regione Veneto ha approvato

Dettagli

MICROIMPRESA Pensare in grande da piccoli

MICROIMPRESA Pensare in grande da piccoli MICROIMPRESA Pensare in grande da piccoli SSOMMARIIO DESTIINATARII... 2 1.1 I destinatari 2 COSA SII PUO FFARE... 3 2.1 Cosa si può fare 3 LLE AGEVOLLAZIIONII PREVIISTE... 4 3.1 Le agevolazioni previste

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Annualità 2012 DOTE 4

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Annualità 2012 DOTE 4 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Annualità 2012 DOTE 4 Azioni finalizzate all autoimprenditorialità delle persone disabili ai sensi della legge 68/99 Aggiornato

Dettagli

Ripartizione Politiche Educative Giovanili

Ripartizione Politiche Educative Giovanili AVVISO PUBBLICO RELATIVO ALLA II^ EDIZIONE DEL CONCORSO SOFT ECONOMY START - UP DI MICROIMPRESA INNOVATIVA GIOVANILE NELL AMBITO DEL PIANO LOCALE GIOVANI DIFFERENZE GENERAZIONALI Art. 1 - Descrizione dell

Dettagli

Le Organizzazioni iscritte possono scegliere se partecipare al bando in forma singola o, in alternativa, sotto forma di Organizzazioni in rete.

Le Organizzazioni iscritte possono scegliere se partecipare al bando in forma singola o, in alternativa, sotto forma di Organizzazioni in rete. ALLEGATO A BANDO 2014 PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEI PROGETTI PRESENTATI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ISCRITTE ALLA SEZIONE REGIONALE E ALLE SEZIONI PROVINCIALI DEL REGISTRO GENERALE

Dettagli

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE P.O.R. Sardegna 2000 2006 Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI Piano di sviluppo aziendale VRT 02/08-00

Dettagli

Con il patrocinio di

Con il patrocinio di Con il patrocinio di ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO ECONOMICO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO E PROMOZIONE IMPRENDITORIALITA GIOVANILE NELL AMBITO DELLE TEMATICHE EXPO 2015 ASSE 3 - PROGETTI

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE E PROFESSIONISTI SPEED MI UP Nuove Imprese e Professioni

BANDO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE E PROFESSIONISTI SPEED MI UP Nuove Imprese e Professioni BANDO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE E PROFESSIONISTI SPEED MI UP Nuove Imprese e Professioni Premessa Nell ambito dell Accordo di Collaborazione per la promozione dell occupazione e dell imprenditorialità

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLO START UP IMPRENDITORIALE E DELLE START UP INNOVATIVE

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLO START UP IMPRENDITORIALE E DELLE START UP INNOVATIVE ** L iniziativa rientra nei progetti a valere sul Fondo di Perequazione 2014 cod. 224 Sviluppo dei servizi di sostegno alla creazione e allo start up ed Accordo MISE-Unioncamere Servizi integrati per la

Dettagli

REGOLAMENTO Incentivi alle PMI per l'innovazione tecnologica

REGOLAMENTO Incentivi alle PMI per l'innovazione tecnologica REGOLAMENTO Incentivi alle PMI per l'innovazione tecnologica Articolo 1 Finalità Anno 2014 Nell ambito delle iniziative volte a favorire lo sviluppo del sistema economico locale, la Camera di Commercio

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Microcredito d Impresa della Regione Puglia - Microimprese operative - Scheda informativa sul nuovo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene

Dettagli

DISCIPLINARE U N I C O PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI IN VIGORE DAL 13/05/2015

DISCIPLINARE U N I C O PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI IN VIGORE DAL 13/05/2015 DISCIPLINARE U N I C O PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI IN VIGORE DAL 13/05/2015 ART.1 - FINALITA', BENEFICIARI E OGGETTO DELL INTERVENTO La Camera di Commercio, Industria, Artigianato

Dettagli

POR CALABRIA 2000/2006 POR CALABRIA FSE 2007/2013

POR CALABRIA 2000/2006 POR CALABRIA FSE 2007/2013 UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA 2000/2006 MISURA 3.13 PROMOZIONE DELLA PARTECIPAZIONE FEMMINILE AL MERCATO DEL LAVORO Azione 3.13.d Incentivi e Servizi

Dettagli

Provincia di Milano - Regione Lombardia - Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Milano

Provincia di Milano - Regione Lombardia - Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Milano Provincia di Milano - Regione Lombardia - Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Milano B. Bando per il sostegno alla creazione di nuove imprese innovative ART. 1. - FINALITA La Provincia

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA REGIONE /SISTEMA CAMERALE ASSE 3 CONVENZIONE ARTIGIANATO

ACCORDO DI PROGRAMMA REGIONE /SISTEMA CAMERALE ASSE 3 CONVENZIONE ARTIGIANATO ACCORDO DI PROGRAMMA REGIONE /SISTEMA CAMERALE ASSE 3 CONVENZIONE ARTIGIANATO BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DI PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE TRA IMPRESE ARTIGIANE

Dettagli

BANDO A.I.D.A. APPORTARE INNOVAZIONE DIRETTAMENTE IN AZIENDA ANNO 2015

BANDO A.I.D.A. APPORTARE INNOVAZIONE DIRETTAMENTE IN AZIENDA ANNO 2015 BANDO A.I.D.A. APPORTARE INNOVAZIONE DIRETTAMENTE IN AZIENDA ANNO 2015 Art. 1 Finalità La Camera di Commercio di Frosinone, nell ambito delle proprie iniziative volte a favorire lo sviluppo dell economia

Dettagli

REGOLAMENTO BANDO FARE IMPRESA 2.0

REGOLAMENTO BANDO FARE IMPRESA 2.0 REGOLAMENTO BANDO FARE IMPRESA 2.0 (ABSTRACT) WWW.LE.CAMCOM.GOV.IT FINALITÀ La Camera di Commercio di Lecce, nell ambito delle proprie iniziative promozionali finalizzate a sostenere la competitività del

Dettagli

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II)

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) 1 Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) L'Agenzia sostiene la realizzazione e l'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati o persone in cerca di prima occupazione attraverso le seguenti

Dettagli

FONDO UNICO ANTICRISI

FONDO UNICO ANTICRISI ALLEGATO D Unione Europea Regione Molise Finmolise SpA FONDO UNICO ANTICRISI Regolamento di attuazione del Fondo per la concessione di garanzie dirette e cogaranzie su finanziamenti alle PMI finalizzati

Dettagli

BANDO CONTRIBUTI PER SOSTEGNO A PROGRAMMI DI RICERCA E INNOVAZIONE, ASSISTENZA E CONSULENZA TECNOLOGICA ANNO 2012. Disposizioni generali

BANDO CONTRIBUTI PER SOSTEGNO A PROGRAMMI DI RICERCA E INNOVAZIONE, ASSISTENZA E CONSULENZA TECNOLOGICA ANNO 2012. Disposizioni generali BANDO CONTRIBUTI PER SOSTEGNO A PROGRAMMI DI RICERCA E INNOVAZIONE, ASSISTENZA E CONSULENZA TECNOLOGICA ANNO 2012 Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari Nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

Repubblica Italiana REGOLAMENTO

Repubblica Italiana REGOLAMENTO FONDO REGIONALE DI COGARANZIA E CONTROGARANZIA PER LE PMI DELLA SARDEGNA Legge regionale 7 maggio 2009, n. 1, art. 4, comma 4 P.O. FERS 2007-20132013 - Linea di Attività A Obiettivo operativo 6.2.2 Sostenere

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE

LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE ALLEGATO E) LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI Il soggetto che beneficia di contributi pubblici deve realizzare gli investimenti oggetto di finanziamento

Dettagli

CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI. Articolo 1 Finalità

CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI. Articolo 1 Finalità Allegato parte integrante ALLEGATO A CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI Articolo 1 Finalità L articolo 38 della legge provinciale 27 luglio

Dettagli

D I S C I P L I N A R E

D I S C I P L I N A R E D I S C I P L I N A R E per la concessione di contributi in abbattimento del tasso di interesse, a fondo perduto e in abbattimento dei costi di commissione alle piccole/medie imprese, operanti in provincia

Dettagli

SCHEDA AGEVOLAZIONE POR FESR 2007-2013 ASSE

SCHEDA AGEVOLAZIONE POR FESR 2007-2013 ASSE SCHEDA AGEVOLAZIONE POR FESR 2007-2013 ASSE 1 Attività I.2.1 Bando Start-Up Innovative anno 2013. Modalità e criteri per la presentazione delle domande, la realizzazione degli interventi e la concessione

Dettagli

1 - Contributo regionale alle spese per la frequenza del master

1 - Contributo regionale alle spese per la frequenza del master BANDO PER L ATTRIBUZIONE A GIOVANI LAUREATI RESIDENTI ALL ESTERO DI FINANZIAMENTI REGIONALI A PARZIALE RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE PER LA PARTECIPAZIONE A MASTER UNIVERSITARI INDETTI DALLE UNIVERSITÀ

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA

2 DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL INTERVENTO DI SOSTEGNO ALLO SVILUPPO DI UN IDEA IMPRENDITORIALE Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 36 di data 28.05.2015 Articolo

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Bollettino Ufficiale n. 22/I-II del 01/06/2010 / Amtsblatt Nr. 22/I-II vom 01/06/2010 102 57243 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2010 Provincia Autonoma di Trento AGENZIA DEL LAVORO del 25 marzo 2010, n.

Dettagli