! "! #$! % & ' () #* + + #, #, % & - (,. #, / 0 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "! "! #$! % & ' () #* + + #, #, % & - (,. #, / 0 1"

Transcript

1 ! "! #$! % & ' () #* + + #, #, % & - (,. #, / 0 1, ) ! &

2 0 *, & ) ' )! "# $ "% & ' % & ( ) * *! "# $ "% & ' % & +! "# $ "% & ' % &, " '! " '. & "! // " 0 ' ) $ $ ' " ' / ' " " + ' '. ' /, - " '! " '. & "! // " 0 ' ) $ $ ' " '. / ' " " + ' '. ' /, ) ) 1 - ) "' ' /' # / # /! " /! // " 2 ""'! " 3 $ ' 4 " ' / // 5 2 ""'! " '! " '. & "! // " 0 ' ) $ $ ' " ' / ' " " + ' '. ' / 7 ) 2 8 " '! " '. & "! // " 0 '.) $ $ '. " '. / ' " " + ' '. ' / 1 * * * *, * 4 4 "' # 3 / % ' "3!! 3 $ ' // 4 ' /' # 4 "' # 3 /! 3 $ ' // 4 ' /' # 4 "' # 3 / ' /3 $ ' 4 "' # 3 /4 "/ % 3 " $ $ # / "! " % % /'.4 ' /% ' / " " / 7"2 " ' % & 89:; / $ ' $ ' " 22% ' ' " ' % % / 0 / "'!! 4 " " 3 "" /! /' % < // " ' % " ' "% // " " $ /; ' " % 0 ' " 0 %. 3 ' =0 %. 3 ' 0 3 7"2 " ' % & > ; /' "$ $ $ ' % ' "! $ ' # / 2% /4 " ' ' 2 ""'! "' 7"2 " ' % &,; # / % % $ ' 2' " $ ' " 4 ' /3 ' # & "! " 7"2 " ' % & 6; ) "' # ' '! " ' & "! // ) "' # ' '! " ' & "! // ) "' # ' 0 ' ) $ $ ' " ' / ' ) "' # ' " + ' ' ' / 9, ) " '! " ' & "! // " 0 ' ) $ $ ' " ' / ' " " + ' ' ' / 5 2, * * " '! " ' & "! // " 0 ' ) $ $ ' " ' / ' " " + ' ' ' / - ) 2 2, - ' 2 $ ' - $ 3 "' 4 /% 3 4 " $ - $ $ ' / # # $ ' / 2! ' " // ' 0 /< % % / % # / # # //! ' "'! ' /' // ' % $ ' - $ " # ' / 3 '! 4 "' # " $ ' - > > 8> "! ' " ' 0 /< ' 0 / ' % /3 ' 3 ) 2 ) * # ) , 0 ",

3 52%%.!# 1 "!%&! # ' Scopo dello studio di fattibilità è il Recupero a pista ciclabile delle tratta dismessa della ferrovia: Soverato -Chiaravalle di Km 23; Vibo-Pizzo-Maierato-Mileto di Km 28; Marina di Gioiosa-Mammola di km 15. Si tratta di recuperare e valorizzare il tracciato ferroviario abbandonato attraverso la creazione di vie verdi in altre parole dei percorsi dedicati ad una circolazione dolce e non motorizzata in grado di connettere le popolazioni con le risorse del territorio (naturali, agricole, paesaggistiche, storico culturali) e con i centri di vita degli insediamenti urbanistici, sia nelle città che nelle aree rurali (citazione dal documento redatto dall Associazione Europea delle Vie Verdi ). Non si tratta di una semplice pista ciclabile ma di un concetto più ampio di percorso che interessa pedoni, persone a mobilità ridotta, escursionisti a cavallo, ecc, e che investe aspetti più strutturali, come la valorizzazione e la riqualificazione delle risorse naturali, il recupero dei paesaggi degradati, lo sviluppo armonico dei centri abitati, ecc. Il recupero dell ex tracciato ferroviario ha come obiettivi generali : 1. Miglioramento degli spostamenti dolci cioè dei ciclisti, pedoni, persone a mobilità ridotta, escursionisti a cavallo, ecc, per lunghi tratti di percorso e in un ambiente protetto; 2. Incentivazione all uso della bicicletta e degli spostamenti non motorizzati in generale rispondente alle diverse "domande" di tipo turistico e locale; 3. Migliorare la qualità della vita e favorire un modo di trasporto più sano e più equilibrato riducendo la congestione e l inquinamento; Di seguito è riportato lo schema principale e le varie fasi che s intendono seguire per studio di fattibilità. - OBIETTIVI GENERALI - ANALISI CONOSCITIVA - INDIVIDUAZIONE DELLE CRITICITÀ - PROPOSTE PROGETTUALI PER TRATTE OMOGENEE DI PERCORSO - STIMA DEI COSTI D INTERVENTO - DEFINIZIONE DEGLI INDICATORI D IMPATTO - PRIORITA DI REALIZZAZIONE DELLE TRATTE - INDIVIDUAZIONE FONTI DI FINANZIAMENTO 4. Favorire lo sviluppo rurale, il turismo e creare nuove opportunità di lavoro; 5. Individuazione di percorsi alternativi al tracciato non più riconoscibile o occupato da insediamenti o nuove strade creando zone ambientali sicure per la mobilita ciclabile e pedonale all interno dei centri storici e turistici oppure occupando viabilità minore esistenti (strade dimesse, strade bianche, viabilità rurale); 6. Sviluppo di economie locali: attività di ospitalità, ristoro, assistenza tecnica, accompagnamenti di gruppi, editoria specializzata (mappe e guide); 7. Sviluppo di intermodalità: treno + bici (in parte già consolidata da Trenitalia), bici + bus, bici + navigazione; 8. Collegamento dei centri di maggior interesse storico, turistico e di pregio naturalistico; 9. Trasformare e valorizzare il patrimonio pubblico (vecchie stazioni, caselli, fermate ) mettendolo a servizio degli utenti del percorso verde (ostelli, musei, punti di assistenza e noleggio biciclette ); 10. Contenere i costi di realizzazione e di manutenzione del recupero delle ex vie ferrate.

4 /" %!"!% 1 L analisi conoscitiva si concentra nella raccolta di tutti quei dati che permettono di ricostruire una fotografia dello stato di fatto della linea ferroviaria dismessa e del territorio circostante. Nelle tavole di analisi e cioè nella Planimetria dello Stato di Fatto sono stati indicati: - I confini regionali, provinciali e comunali - La viabilità autostradale, primaria, secondaria e ferroviaria - Le reti lente quali sentieri segnalati, strade di campagna, piste ciclabili esistenti o previste dai piani - Le emergenze naturalistiche, le aree a pineta, macchia mediterranea, frutteti, vigneti e le aree a verde previste degli strumenti regolatori - I centri abitati e storici, chiese, siti archeologici, ville, torri, edifici storici, musei, capitelli, vecchi mulini, fontane, sorgenti, ponti storici, aziende agricole, aree industriali, ospedali, autostazioni, stazioni ferroviarie - Hotel, B&B, campeggi, maneggi, punti di ristoro esistenti, campeggi aree per lo sport. Inoltre, è stata inserita l analisi dello stato di fatto dell ex ferrovia: - Sono stati analizzati e indicati i tratti dell ex ferrovia distinguendo quando nell ex sedime è ancora presente la massicciata ferroviaria (con pietrisco di grandi dimensioni 80/100 mm) e quando questa è stata trasformata in strada bianca o asfaltata - Sono stati identificati i tratti interrotti nella loro lunghezza e le motivazioni dell interruzione - Sono stati individuate le infrastrutture relative, quali i ponti e i viadotti (in muratura o con travata metallica), le gallerie, le stazioni e i caselli ferroviari, compreso il loro stato di conservazione - Sono state rilevate le pendenze maggiori del 5%. In allegato è riportata la documentazione fotografica che integra l analisi dello stato di fatto. /5%!1!$7 1, "8&2"!! ' "%% Il territorio, oggetto di studio, comprendente il tracciato della ferrovia dimessa, si estende in una vasta area tra il litorale orientale della costa calabrese del golfo di Squillace e il complesso montuoso delle Serre che digrada fino al mare. Il percorso ferroviario toccava le stazioni di Soverato e Chiaravalle Centrale, località con caratteristiche differenti per posizione territoriale, condizioni ambientali e attività produttive ma unificate dalla storia millenaria, dalle tradizioni, dalle importanti testimonianze monumentali e artistiche. Il tracciato supera un dislivello complessivo di circa 500 metri in 23 chilometri di percorso e si presenta estremamente articolato. La realizzazione di un percorso unisce non solo le due ex stazioni ma tutte le aree intermedie ricche di bellezze naturali e di storia e al tempo stesso definisce uno sviluppo adeguato del sistema dei trasporti in ambito urbano con riduzione dell inquinamento atmosferico, miglioramento della vivibilità e qualità urbana della città in stretta relazione con il circondario e l ambiente naturale. Si evidenziano quindi le peculiarità di ciascun area facendo riferimento alle stazioni citate, considerandole come poli significativi di una successione costituita da zone territoriali contigue. % )+) SOVERATO Popolazione Residente (dati Istat 2004) Superficie Kmq: 7,70 Densità per ab/kmq: 1314,6 Codice Istat: Codice Catastale: I872 La città di Soverato, importante centro urbano, situato sul versante ionico della costa calabrese nel golfo di Squillace a trentacinque chilometri da Catanzaro, è uno dei più rinomati centri balneari della Calabria, meta di un grande flusso turistico nel periodo estivo. Disposta su una collina si estende fino al lungomare, famoso per la sua estensione, per la bellezza della spiaggia e per il colore delle acque cristalline. E attrezzata per l accoglienza turistica con adeguati servizi, numerosi alberghi e campeggi. Lo sviluppo del commercio e della pesca caratterizza questa città come il centro urbano più importante e quindi polo di attrazione dei paesi limitrofi. Sulla parte alta del colle si trova l antica Soverato che fu abbandonata a causa di un terremoto avvenuto nel Città ricca di storia e di testimonianze di epoca medievale. Nella Chiesa parrocchiale di Soverato Superiore si conservano una Pietà ed un Cristo di Gagini (1521). Di particolare interesse è il rapporto tra il centro abitato e l entroterra che si articola con una continuità di strade che offrono al visitatore viste panoramiche e motivi di interesse storico, fino ad arrivare al complesso montuoso delle Serre in un lussureggiante ambiente montano. CHIARAVALLE Popolazione Residente (dati Istat 2006) Superficie Kmq: 23,30 Densità per ab/kmq: 305,20,

5 Codice Istat: Codice Catastale: C616 La Città di Chiaravalle si posiziona su un area collinare intermedia fra Soverato e Serra S. Bruno. Questo centro urbano di minori dimensioni gravita nell area di influenza di Soverato presentando le caratteristiche semi-rurali tipiche dei paesi calabresi dell entroterra con attività prevalenti nel settore terziario e nell agricoltura. La zona delle Serre, con punto di riferimento a Serra S. Bruno, è meta di turisti e naturalisti appassionati di montagna, per la ricca vegetazione boschiva e il susseguirsi di valli attraversate dai fiumi alimentati dalle molte sorgenti esistenti. E appunto per la bellezza dei percorsi che consentono di arrivare a laghetti e cascate che i sentieri sono meta di escursioni da parte di turisti interessati a brevi passeggiate oppure da appassionati desiderosi di ammirare la natura incontaminata. Si segnala il monastero di Serra San Bruno ed altre importanti attrattive presenti nell area che caratterizzano la vocazione turistica montana della località così come Soverato è rappresentativa per il turismo balneare. /.1 #!$!$2!$2!, "8&2"!! ' "%% Il territorio, oggetto dello studio di fattibilità, comprendente il tracciato della ferrovia dimessa lunga km. 28, si estende in una vasta area tra il litorale Nord - Ovest della costa del Golfo di S. Eufemia e l entroterra Calabrese. Il percorso ferroviario toccava le stazioni di Vibo Marina, Pizzo, Vibo Valentia e Mileto. Località queste con caratteristiche differenti per posizione territoriale, condizioni ambientali e attività produttive ma unificate dalla storia millenaria e dalle tradizioni. Il tracciato non interessa il territorio di Maierato Maierato è uno centri di maggiore rilevanza storica e ambientale (presenza di un Oasi del WWF), che confina ad est con il comune di Pizzo ma che in realtà non viene interessato dal tracciato ferroviario. % )+) PIZZO Popolazione Residente (dati Istat 2006) Superficie Kmq: 22,00 Densità per ab/kmq: 391,00 Codice Istat: Codice Catastale: G722 La città di Pizzo, arroccata su un altura a picco sul mare, fu fondata nell antico medioevo. Oggi è una cittadina caratteristica con strade incavate nella roccia, con logge e balconi sempre adorni che conferiscono al paese un aspetto pittoresco. L andamento altimetrico del territorio fa si che ci sia un notevole dislivello fra il centro abitato e il litorale sottostante creando un flusso veicolare in un senso e nell altro particolarmente intenso nei mesi estivi per la quantità di turisti che affollano le ampie spiagge. Questa città esprime la sua vocazione turistica per la varietà di offerte che propone al visitatore: le manifestazioni culturali, i luoghi di ritrovo, gli alberghi ed anche gli esercizi commerciali con una grande quantità di prodotti tipici locali, rivelano una lunga e sperimentata attività nel settore turistico. L attenzione per la qualità urbana ha portato a nuovi interventi di riqualificazione nel centro storico con il restauro di palazzi e monumenti. Nel periodo estivo la piazza centrale del paese con il suo belvedere è luogo di ritrovo e di incontro per gli abitanti e i turisti, i bar ed i ristoranti sono molto frequentati anche per le specialità gastronomiche ed i gelati ormai noti anche fuori dei confini regionali. Si pone in evidenza l ingente traffico veicolare causato dal numero di auto in circolazione e dalle caratteristiche strade strette che potrebbe trovare una soluzione con un sistema di trasporti alternativo all uso dell automobile soprattutto nel centro della città. MAIERATO Popolazione Residente (dati Istat 2006) Superficie Kmq: 39,00 Densità per ab/kmq: 58,00 Codice Istat: Codice Catastale: E836 La Città di Maierato, si trova a 11 km a nord-est da Vibo Valentia a 258 m. sul livello del mare. Le sue origini risalgono al 1300 e la sua storia si lega a quella di Ruggero di Lauria e ai Sanseverino di Marsico. L attuale centro storico rileva serie costruzioni ed interventi avvenuti alla fine del settecento a seguito del terremoto. Comune a prevalente attività agricola ha allestito un piccolo museo della civiltà contadina che espone materiali della cultura popolare, attrezzi di lavoro e oggetti di uso comune. All interno del territorio comunale ricade l'oasi WWF del Lago Angitola di 875 ettari (a 3 km. circa dal mare), istituita nel 1975 è stata dichiarata zona umida di importanza internazionale. Si tratta di un lago artificiale con una superficie di 196 ettari sulla cui sponde presenta una vegetazione costituita da alberi di Salice bianco e Ontano nero e soprattutto nei mesi autunnali è possibile vedere numerose specie di volatili far cui aironi, anatre e cormorani. Questa parte di territorio pur essendo vicina al mare e quindi facilmente fruibile e raggiungibile dal vasto bacino di utenti di Pizzo Calabro e dei vicini comuni costieri, rappresenta un luogo ad alto valore paesistico e ambientale per la sua flora e fauna, da valorizzare opportunamente per gite in bicicletta, passeggiate o osservazioni naturalistiche. 6

6 MILETO Popolazione Residente (dati Istat 2006) Superficie Kmq: 34,94 Densità per ab/kmq: 210,00 Codice Istat: Codice Catastale: F207 Mileto è una città la cui attività e tradizioni si rifanno alla storia degli insediamenti rurali e agricoli, ma la sua peculiarità consiste nell essere stata, in epoca normanna, capitale della regione e sede episcopale rivestendo poi per lungo tempo notevole importanza. Situato sul Monte Poro, di remotissima fondazione, acquistò rilevanza al tempo di Ruggero il Normanno come capitale della Regione e sede episcopale. Fu completamente distrutta a seguito del terremoto del 1783, l impianto urbano subì profonde modifiche rispetto a quello originario ed oggi presenta una disposizione planimetrica con isolati e strade ortogonali il cui fulcro si incentra in una grande piazza centrale. La nuova città, ricostruita a due chilometri di distanza, conserva le importanti testimonianze del passato presentando numerosi elementi architettonici e decorativi ricavati dai resti degli edifici crollati. Fra i ruderi della città antica si possono riconoscere i resti di costruzioni risalenti ad un arco di tempo compreso fra il secolo XI e il XII : l'abbazia Normanno-Benedettina della Trinità consacrata nel 1080, la Cattedrale normanna (fine XI sec.). Il centro storico attualmente conserva importanti edifici e chiese risalenti all epoca della ricostruzione: la Cattedrale, il Palazzo vescovile, la chiesa della Badia, il Palazzo romano. Il Museo Statale di Mileto è stato istituito nel 1997, la sua importanza deriva dalla documentazione attraverso i reperti delle varie fasi storiche a partire dalla sua fondazione di epoca romana, alla rifondazione normanna dell'xi secolo, al sisma che la distrusse e la riedificazione nel nuovo sito. L Archivio Storico Diocesano di Mileto è stato istituito nel 1200 e si arricchì nei secoli di importanti documentazioni, ed è stato organizzato secondo i criteri moderni dopo il VIBO VALENTIA Popolazione Residente (dati Istat 2006) Superficie Kmq: 46,30 Densità per ab/kmq: 730,50 Codice Istat: Codice Catastale: F537 Il comune della città di Vibo Valentia ha una superficie di 46,34 kmq, e il suo centro è situato a 476 m. sul livello del mare, sul versante nord-occidentale del monte Poro. Centro di origine italica, colonia della Magna Grecia, nel quarto secolo a.c. divenne città satellite della potente Locri consolidando la sua importanza commerciale e militare. Dopo alterne vicende storiche vide rifiorire la propria grandezza in epoca bizantina per poi subire le incursioni saracene e il dominio normanno. Riveste particolare importanza l ottocento, secolo in cui conobbe un incremento demografico che portò a il numero degli abitanti e l espansione urbana vide la costruzione di importanti palazzi signorili e amministrativi. Oggi è capoluogo di provincia, avanzato centro commerciale e agricolo oltre che sede di uno dei più grandi porti della Calabria. Situata nella parte meridionale del Golfo di Sant Eufemia si erge su un altopiano da cui il castello Svevo domina la valle mentre il centro storico si estende verso il basso con le sue strade strette, piazzette e vicoli di epoca medioevale. Si citano alcuni dei palazzi e dei monumenti di valore storico presenti in gran numero: Il Duomo di San Leoluca, L ex convento del Valentianum, la Chiesa di Santa Maria la Nova, Palazzo Gagliardi e il Castello oggi sede del Museo Archeologico. //2 "!!%$222!, "8&2"!! ' "%% Il percorso si sviluppa per 15 km e collega due città poco distanti che si distinguono per le caratteristiche del territorio (una è sul mare l altra in collina), per le attività prevalenti e per la conformazione urbana. Ne consegue che anche il tracciato risulta vario e articolato: infatti, risalendo la strada che dal litorale di Gioiosa Jonica porta alle colline della Valle Media del Torbido, ai piedi dell Aspromonte, si arriva alla città di Mammola a quota 300 m. % )+) MARINA DI GIOIOSA Popolazione residente: Densità ab. per Kmq: 404,3 Superficie: 15,93 Kmq Codice Istat: Codice Catastale: E956 Pur conservando le vestigia delle sue antiche origini romane e magno-greche, (vi sono importanti aree archeologiche quali le piane di Torre Galea, Spilinga, Porticato), Marina di Gioiosa è una cittadina moderna che si sviluppa lungo il mare. La sua storia è sempre stata legata a quella di Gioiosa Superiore fino al 1948 quando diventò comune autonomo. Con i materiali di recupero del complesso termale e con quelli del vicino teatro è stata costruita nel 1550 la torre Cavallaio, che, assieme alla torre Galea, costituiva il sistema di avvistamento delle navi saracene e turche in arrivo dal mare. Le attività economiche sono legate all agricoltura ed al commercio, d estate la popolazione cresce notevolmente per l afflusso dei turisti e sono molti gli alberghi, le pensioni ed i ristoranti che offrono ospitalità e servizi per le vacanze. La rete?

7 viaria ha una impostazione moderna con vie larghe, viali e presenta un ampio lungomare molto frequentato. MAMMOLA Popolazione residente: Densità ab. per Kmq: 42,1 Superficie: 80,56 Kmq Codice Istat: Codice catasto: E873 Sono molto differenti le caratteristiche della città di Mammola sia per l orografia del territorio che del tessuto urbano nonostante sia modesta la distanza che le separa. Il diverso indirizzo tendente a conservare inalterato l antico impianto viario e l abitato esistente, la valorizzazione dei beni artistici antichi e moderni, conferisce una valenza a sé stante che distingue e la rende complementare alla vicina città Gioiosa Marina. Situata nella media valle del Torbido, Mammola è un pittoresco centro a 300 m. s.l.m., le cui origini risalgono probabilmente al periodo bizantino, In tutto il territorio si trovano tracce di insediamenti monastici eremitici e notizie storiche precise si hanno per il basso Medioevo. Questa cittadina di circa quattromila abitanti il cui territorio comunale si estende per Ha nell'entroterra jonico reggino ricade per oltre il 50% nel Parco Nazionale dell'aspromonte. Le montagne sono coperte da ampie distese di faggi, pinete, lecci, abetaie, castagni, querce ed il territorio si estende fino alla montagna della Limina. Per la salubrità e il valore paesaggistico si è provveduto a realizzare aree attrezzate per scampagnate e picnic e le aziende agrituristiche iniziano a diffondersi offrendo la spontanea ospitalità e i prodotti tipici del posto. E di notevole rilevanza il patrimonio artistico, storico e culturale fra cui si citano: la Chiesa San Filippo, dell'annunziata, la Chiesa Matrice (dove sono conservate le reliquie di San Nicodemo A. B. patrono della cittadina), la Grangia Brasiliana di San Biagio del sec. X, i Palazzi Gentilizzi, (Del Pozzo, De Gregori, Casa Tarantino, Ferrari, Spina, Florimo ed altri). L attività culturale si è dimostrata attenta agli sviluppi dell arte contemporanea le cui opere sono esposte nel Museo Internazionale di Arte Moderna (MuSaBa), l attenzione per il recupero e la conservazione dell esistente si unisce al presente mantenendo vivo e fruibile il patrimonio artistico di questa cittadina. /9" %!%!!!1! 1!!!! Stato di conservazione del tracciato e del sedime ferroviario; Individuazione dello stato delle infrastrutture (ponti, gallerie, tracciato in rilevato e in trincea e fabbricati ferroviari riferibili a stazioni e caselli). %+:+ La sede ferroviaria, ad eccezione del tratto adiacente al centro abitato di Soverato inglobato dalla nuova linea ferroviaria Catanzaro Reggio Calabria, è facilmente rintracciabile come sentiero sterrato fino alla fermata di S. Vito per poi diventare strada asfaltata a servizio della viabilità locale. Numerose sono le opere d arte disseminate lungo il percorso costituite da ponti, viadotti e gallerie. Si evidenziano lungo il percorso diverse Interruzioni a causa di frane o smottamenti. Di particolare entità quella sull argine del fiume Ancinale in località Stazione di Satriano (al km. 5,930). Quasi tutti in buono stato i fabbricati di stazione o caselli, molti dei quali occupati da privati. 1($$2$2 Il vecchio percorso ferroviario presenta un 40% di strada asfaltata a servizio della viabilità e numerose interruzioni dovute a nuove urbanizzazioni (Pizzo) o strade primarie (Vibo Valentia). Numerosissime sono le opere d arte come ponti o gallerie. Di notevole pregio si sottolinea il ponte in ferro presente a Sud di S. Gregorio. La maggior parte dei fabbricati sono in buono stato quando abitate da privati (circa l 80%) mentre sono cadenti se risultano in abbandono. 2 ):2 La linea dell ex ferrovia, trasformata in strada asfaltata per il 75%, è chiaramente rintracciabile in tutto il percorso ad eccezione di un breve tratto interrotto in località S. Antonio (al km. 7,00), a causa della costruzione della superstrada. Numerose sono le infrastrutture di pregio presenti; una su tutte rappresentata dal magnifico viadotto di Mammola lungo circa m Quasi tutti in discreto stato i fabbricati di stazione (a parte quello di Martone) o caselli, molti dei quali abitati da privati. /9" % %!!1 %2%% Le Ferrovie Calabro-Lucane, sono state concepite come "Ferrovie di montagna" a scartamento ridotto. La loro storia è strettamente legata alle condizioni socio-economiche delle popolazioni. La qualificazione "Ferrovie di montagna" è ascrivibile alle caratteristiche prevalenti del territorio attraversato: zone montuose impercorribili per mezzi ordinari di comunicazione. La difficoltà di percorso, giustificò nel passato la scelta dello scartamento ridotto e la bassa velocità commerciale (circa 30 km/h); in molti tratti i dislivelli altimetrici superano il 60 per mille e la presenza di curve di raggio ridotto non consente elevate velocità. I punti in cui i dislivelli raggiungevano il 100 per mille, all'epoca furono superati con aderenza a cremagliera. La costruzione di dette ferrovie fu attuata dalla Società per le Strade Ferrate del Mediterraneo. Dagli anni sessanta, lo sviluppo, del trasporto su gomma, pubblico e privato, fece decadere l uso del trasporto su ferro. Le ferrovie, in condizioni trascurate, divennero bersaglio della politica dei tagli dei cosiddetti "rami secchi". Nell'arco di due decenni le Ferrovie Calabro- Lucane vengono private di lunghe tratte di linea talvolta utili. 8

8 !" # $ stata per la richiesta di trasporto merci (legname dei boschi) e di trasporto passeggeri. Priva del tronco centrale, Mileto Chiaravalle, non ha mai costituito un adeguato servizio. Con l' evolvere dei tempi le Ferrovie Calabro-Lucane hanno imboccato la rotta dell' adattamento ai nuovi bisogni della gente divenendo azienda di trasporto misto, su gomma e rotaia, dotandosi di un parco di varie centinaia di autobus. Il pericolo della soppressione delle poche tratte di ferrovia residuate, tuttavia permane ancora. L esercizio ferroviario fu sospeso nel Dopo il periodo della gestione commissariale governativa, iniziato nel 1963, con la Legge 160/1989 ciò che rimane dell' originale rete delle Ferrovie Calabro-Lucane è stato scisso in due parti: quella delle linee che collegano centri della Puglia e della Basilicata e quelle ricadenti nel territorio della regione Calabria. Dal 1 gennaio 2001, la Gestione Commissariale Governativa delle Ferrovie della Calabria, è stata soppressa, e sostituita sull' intero territorio calabrese dalla società di servizi di trasporto pubblico Ferrovie della Calabria S.r.l. 1( $ $2 :2 Il tratto Vibo Valentia-Vibo V.Città di Km fu aperto il 2 luglio 1917 mentre il tratto Vibo ValentiaCittà Mileto di Km fu aperto il 4 ottobre Si trattava di una di una ferrovia a scartamento ridotto di 950 mm. L esercizio ferroviario fu sospeso nel 1964 e chiuso definitivamente nel ) :2 I lavori della linea Marina di Gioiosa Mammola, a scartamento ridotto di 950 mm, vennero iniziati nel 1920 dalla Società per le Strade Ferrate del Mediterraneo. Fu aperta al pubblico il 1 agosto Il tracciato della ferrovia, come anche la strada Gioiosa Mammola, arrecò non pochi danni al nostro patrimonio archeologico: fu devastata un ala della Necropoli Indigeno Ellenica di S. Antonio e un ala della Necropoli Greco-Romana di S. Barbara. La Società Mediterranea iniziò il servizio ferroviario nelle nuova linea con due sole coppie di trenini a vapore nell intera giornata, composti di quattro o cinque vetture a due assi ed un paio di carri per le merci. Solo nel 1934, la Società Mediterranea, per far circolare i carri merci delle F.S. nei binari a scartamento ridotto delle Calabro Lucane, fece costruire dei carrelli trasportatori, che consentivano, con semplici operazioni di montaggio, il trasbordo dei carri ferroviari normali a due assi e con un passo inferiore ai 6,10 m. Così che il trasporto merci aumentò enormemente, in quanto le ditte potevano caricare e scaricare direttamente. Furono istituiti alla fine degli anni trenta, anche i treni popolari per i bagni domenicali con lo scopo di offrire la possibilità a tutti i cittadini di conoscere le bellezze delle Regioni, praticando una riduzione fino a 80% sui biglietti. Venivano usati dalle popolazioni dell Aspromonte per riversarsi sulle spiagge. Nel 1968 lo Stato decreta lo smaltimento della linea Marina di Gioiosa Mammola, considerandola ramo secco. Crollarono le aspirazioni della popolazione dei due versanti (Ionico e Tirreno) di vedere congiungere, attraverso la costruzione del tratto ferroviario Cinquefrondi Mammola di soli 18 chilometri, la Piana di Gioia con la Locride. Foto tratta dal libro Per binari e stazioni tra Pollino e Aspromonte - Le Nuvole - Ferrovie della Calabria L esercizio ferroviario fu sospeso nel %+ : + La tratta Soverato Chiaravalle, di Km , a scartamento ridotto di 950 mm, fu attivata il 15 dicembre 1923 su un progetto delle Ferrovie Calabro-Lucane, con l idea di creare una linea trasversale Vibo Valentia Mileto Soriano Simbario Chiaravalle - Soverato con diramazione a Simbario per Serra San Bruno, che congiungendo i due Mari (Tirreno e Ionico) si innestava sulle due grandi direttrici ferroviarie nazionali Tirrenica e Ionica. Utile sarebbe 9 %&! # '$ ( ) ) ) * +,% + $ + -./01( $ $2 $ ) $2 4 56

9 /9%!! '';!1!""%% ++ *+) Legge n luglio: il Parlamento affida alla Società per le Strade Ferrate del Mediterraneo la realizzazione della rete secondaria dell Italia Meridionale. Legge n. 1855: lo Stato riscatta i beni di proprietà della Società per le Strade Ferrate del Mediterraneo. Istituzione della Gestione Commissariale Governativa denominata Calabro Lucana per la gestione delle tratte acquisite. 1966: chiusura della tratta Vibo - Pizzo - Maierato Mileto. 1968: chiusura della tratta Marina di Gioiosa Mammola. 1969: chiusura della tratta Soverato Chiaravalle. Legge 5 maggio 1989 n. 160: autorizzazione al Ministro dei Trasporti a procedere allo scorporo dei servizi che si svolgevano nella Regione Calabria. D.M : vengono stabiliti i criteri organizzativi e i cespiti che diventano patrimonio delle aziende commissariali. Legge n. 385 del : stabilisce che gli immobili, le opere e gli impianti di linee ferroviarie, in gestione governative, dimessi restino nella piena disponibilità delle gestioni per diverse utilizzazioni tra cui l alienazione al fine di dare attuazione al piano regionale dei trasporti. D.P.C.M. del : vengono trasferiti alle Regioni i beni in disponibilità; : la Gestione Governativa Calabro Lucana scade e diventa Società Ferroviaria della Calabria S.r.L. che detiene a titolo di usufrutto provvisorio i cespiti. % '<*+ Dalla dismissione della ferrovia, nel 1978, i beni sono passati al Demanio e la legge n. 385/90 ne stabiliva l alienazione o la valorizzazione dei beni delle tratte ferroviarie non più utilizzabili. Non si è riusciti a venire a conoscenza di quanti e quali beni siano stati venduti. Occorre una immediata politica che vincoli il bene in modo tale che questo non sia cedibile e usucapibile, ma solo gestibile. Un esempio può essere il modello americano chiamato railbanhking cioè un piano per mantenere l integrità del sistema ferroviario nazionale in vista di un possibile futuro riutilizzo per funzioni di trasporto, permettendo la contemporanea conversione delle linee non più in esercizio in percorsi dedicati ad utenti non motorizzati (Ferrovie dimesse e greenways, i Quaderni delle greenways - n.1, Roberto Rovelli Guido Senes Natalia Fumagalli,, Associazione Italiana Greenways onlus, 2004). Nata: L analisi storica presentata in questi capitoli è stata svolta sulla base di documentazione reperibile su pubblicazioni e su internet, nonostante la nostra richiesta non soddisfatta del 23 maggio 2007 al Dipartimento delle Ferrovie della Regione, dove si chiedeva materiale cartografico, storico e delle proprietà riguardo il tracciato dell ex-ferrovia. /6" %!! %+:+ Il percorso ferroviario parte dall abitato di Soverato marina, frazione di Soverato superiore, tipica situazione del litorale Jonico calabrese con un centro storico arroccato sulle colline prospicienti la costa ed una frazione marina sviluppatasi intorno alle stazioni ferroviarie della linea Jonica, per raggiungere l entroterra. Questo tratto corre entro il centro abitato che gli è cresciuto intorno e ne costituisce viabilità ordinaria. Il tracciato punta poi verso sud in direzione della fiumara Ancinale che viene seguita sulla sponda sinistra per un lungo tratto. I terreni interessati dal percorso rappresentano dei terrazzi marini posti a quote intorno ai metri s.l.m.. In corrispondenza della località denominata Bivio Torriti, il tracciato curva verso sud entrando di fatto nella vallata della fiumara Ancinale, abbandonando il percorso parallelo alla S.S. 182 che aveva avuto fino a quel punto. I depositi marini sabbiosi e conglomeratici incisi dal fiume costituiscono il substrato su cui risulta essere tracciato il percorso ferroviario dismesso, con opere di protezione di buona fattura ancora evidenti, come lo stesso tracciato, di cui in diverse località se ne riconosce la massicciata. Il tratto interessato successivamente in località Chiusa (ovvero terreno coltivato ben delimitato) di Papàro, è percorso in galleria in leggera salita per guadagnare quota. Difatti il tracciato presenta il caratteristico andamento a curve a stretto raggio. Il terreno, in prevalenza a composizione sabbioso argillosa, ha richiesto l esecuzione di opere di protezione da fenomenologie franose che hanno di frequente compromesso il tracciato ferroviario. Viene di seguito attraversato, con un ponte in muratura e sponde di protezione, un corso d acqua a regime torrentizio affluente in sinistra dell Ancinale denominato fosso Turriti. Il percorso guadagna poi quota raggiungendo i 200 metri s.l.m. in contrada Pietà, dove continuano ad essere presenti depositi di origine marina a facile erodibilità, essendo, come già detto, costituiti da sabbie, argille e conglomerati. Altre gallerie scavate in tali depositi consentono al tracciato di superare degli ostacoli collinari e mantenere la medesima pendenza fino a raggiungere la stazione di Petrizzi Gagliato (Farnia). Di seguito il tracciato sale di quota e passa sui materiali ignei costituenti il basamento su cui si sono allocati i depositi marini recenti. Tali rocce, essenzialmente gneiss e graniti, rappresentano dei materiali molto resistenti all erosione, pur costituendo localmente, a causa dell erosione spinta, delle fenomenologie di rilasci gravitativi dei materiali di alterazione, formati da sabbioni alterati ed a scarsa cementazione. In corrispondenza dell ex stazione di S.Vito sullo Jonio, si riprende il percorso entro ampi deposti alluvionali derivati dalle attività delle fiumare presenti :

10 in sito, con parte del tracciato ricavato entro i materiali granitici di sponda. I depositi di alterazione del substrato igneo costituiscono la parte rimanente del tracciato della ferrovia dismessa, fino a raggiungere l abitato di Chiaravalle centrale che deve il suo nome alla presenza di numerose frazioni montane ed ad un nucleo centrale appunto. 1($$2$2 TRATTO VIBO MARINA - PIZZO: Il tratto, che parte dalla frazione marina del comune di Vibo Valentia, è completamente obliterato dalle costruzioni che sono state edificate subito dopo la dismissione. Il percorso sale costantemente da pochi metri sul livello del mare fino a quasi 200 metri di quota, interessando ampie aree di terrazzo marino e versanti ripidi derivati dall evoluzione morfologica dei litotipi ignei del sottosuolo, in particolare graniti e granodioriti, che collegano il settore superiore con la costa. Le modificazioni antropiche dei versanti sono ben visibili e lo stesso percorso della ferrovia risulta essere ancora ben individuabile. Non sono evidenziabili particolari criticità lungo la tratta, a parte i settori limitrofi alle incisioni torrentizie, note per la particolare pericolosità in caso di piogge intense, in quanto in corrispondenza di essi le opere di protezione presenti, hanno perso la loro originaria funzione, dato che sono senza manutenzione da lungo tempo. TRATTO PIZZO VIBO VALENTIA SUPERIORE: Il percorso in questo tratto è stato ricavato sul bordo del primo terrazzo, alla base del versante superiore, quindi in posizione di relativa sicurezza, in quanto ubicato in corrispondenza del salto morfologico. La litologia che caratterizza l intero promontorio, di origine ignea, contribuisce alla sicurezza del percorso, che se pur in posizione a luoghi più esposta, non presenta particolari problematiche di instabilità tranne, come già detto, nei pressi delle incisioni dei versanti. Al passaggio rapido di quota in poco spazio si è avviato con un percorso tracciato a mezza costa in costante ascesa, alternato a settori con poco dislivello. Sostanziali modifiche in termini di trasformazioni urbanistiche del territorio sono avvenute a partire dal momento della dismissione della tratta ferroviaria, tanto da stravolgere il tracciato sopratutto nei pressi dei centri abitati. TRATTO VIBO VALENTIA SUPERIORE - MILETO: Il tracciato nella parte che va dal centro abitato di Vibo superiore a quello di Mileto, si mantiene a quote pressoché costanti, con poche oscillazioni. Questo è dovuto al fatto che tale tratto si sviluppa sul bordo superiore del terrazzo marino di Vibo. Tale condizione consente di ritenere buona parte della tratta in esame stabile agli effetti geomorfologici, ferme restando le considerazioni sulle incisioni torrentizie fatte per le tratte precedenti, che localmente hanno creato delle criticità in corrispondenza degli stacchi morfologici, con acque non più regimate che hanno invaso centri abitati e sedi stradali. Anche in questo tratto il tracciato è stato cancellato dalla nuova viabilità e dall espansione edilizia. 2 ):2 Il percorso ferroviario che parte dalla frazione Marina del comune di Gioiosa Jonica è inglobato nella viabilità urbana del centro abitato che si è sviluppato notevolmente negli ultimi anni. Questo tratto quindi oggi è di fatto una strada le cui banchine spesso sono costituite dalle opere di protezione ferroviaria. Esso si sviluppa in condizioni pianeggianti entro una piana alluvionale ed interseca piccoli alvei torrentizi in secca per la maggior parte dell anno. Con gradualità il tracciato interessa aree a quota sempre crescente lambendo il torrente Gallizzi, affluente in sinistra della fiumara Torbido, la più importante del territorio, con caratteristico ampio alveo asciutto. In questo tratto il percorso interessa aree di terrazzo marino con limitati salti di quota. In corrispondenza del nucleo abitato di Bernagallo, il tracciato si sviluppa entro limitati rilievi collinari, in condizioni di sufficiente stabilità geomorfologica, con pendenze nel complesso molto limitate. Segue poi un tratto che interessa nuovamente depositi alluvionali da tempo stabilizzati anche dalla vegetazione spontanea che è presente. Tale tratto che termina con la stazione del centro abitato, si interseca ad una viabilità preesistente ed esso medesimo costituisce un tratto di strada. Il vecchio tracciato prosegue poi inserito in un rilievo che inizia a toccare i 100 m. sul livello del mare avvicinandosi alla sponda destra della fiumara Levadio in direzione dell abitato di Martone. La morfologia di questo settore territoriale è condizionata dalla presenza dei due corsi d acqua e dal loro regime torrentizio. Esso ha generato grandi quantità di depositi alluvionali non sempre stabilizzati, che però in corrispondenza del tracciato ferroviario sono da essi separati mediante opere di sostegno e protezioni ripariali che ancora si conservano intatte. Attraversati i suddetti corsi d acqua poco oltre la vecchia stazione di Martone, e quella di Grotteria, ricadenti su sponde opposte dell alveo della fiumara Levadio, mediante due ponti di cui quello sulla fiumara Nebla più articolato nei pressi dell ex fermata S.Barbara, il tracciato si inerpica gradualmente in direzione di Mammola costeggiando il Torbido, rientrando nel versante collinare in corrispondenza di alcune incisioni vallive. L ultimo tratto si snoda all interno della valle creata da un altro affluente in sinistra del Torbido, la fiumara Chiaro che di fatto costituisce il limite occidentale del comune di Mammola >

11 9 " 1 &!" = La fase di diagnosi consiste nell associare ai diversi temi inizialmente individuati la corretta interpretazione, le cause dei problemi, le dimensioni, il grado d importanza assunto nel contesto esaminato. Essa si fonda sulla elaborazione delle analisi effettuate, dai sopralluoghi fatti (rilievo fotografico, ecc), dalla conoscenza tecnica, dal confronto avvenuto con i tecnici e gli amministratori dei singoli comuni interessati, delle problematiche sulla ricomposizione di un quadro di sintesi e sull eventuale confronto con i dati raccolti in contesti analoghi. Le criticità che possono sorgere per il recupero delle tratte ferroviarie dimesse riguardano principalmente: - STATO DELLA CONSERVAZIONE DEL TRACCIATO E DEI MANUFATTI DELL EX FERROVIA (utilizzazione attuale, stato di conservazione, ponti o viadotti demoliti, infiltrazioni d acqua nelle gallerie, regime di proprietà, ) - OROGRAFIA TERRITORIALE (dislivelli da superare a causa di forti pendenze, larghezze, smottamenti del terreno, inondazioni improvvise, ) - SICUREZZA (nodi pericolosi di connessione con la viabilità stradale, mancanza di illuminazione nelle gallerie e scarsa illuminazione nei punti pericolosi come negli attraversamenti, mancanza di parapetti di protezione nei viadotti e nei tratti di montagna, ) - ACCESSIBILITÀ IDENTITÀ (barriere architettoniche, mancanza di accesso ai luoghi di interesse turistico o ambientale, mancanza di collegamenti con centri abitativi a villaggi turistici ) Le criticità per le tratte oggetto d analisi sono state elencate come di seguito: %+:+ 1. Interruzione da Soverato alla frazione Martelli per la compresenza del tracciato con la ferrovia Catanzaro Reggio Calabria (per circa 1,790 Km); 2. Perdita del tracciato per la realizzazione di un marciapiede fino al bivio Turriti (per circa Km. 2,030) 3. Interruzione del tracciato a causa di una frana sull argine del fiume Ancinale in località Stazione di Satriano (al km. 5,930); 4. Interruzione del tracciato per una frana (al km. 7,865); 5. Interruzione del tracciato a causa di una frana prima della fermata Pietà; 6. In corrispondenza della fermata Farnia il percorso è stato interrotto a causa della costruzione di un campo sportivo (al km. 13,6); 7. Interruzione del tracciato per frana (al Km. 15,536); 8. Sostituzione del tracciato con la viabilità locale dalla fermata S. Vito fino a Chiaravalle per una lunghezza di km 6,5. 1(::2:2 1. Sostituzione del tracciato in diversi punti con la viabilità locale, dalla fermata di Vibo Marina alla fermata di Vibo Valentia - Pizzo per una lunghezza di km 2,1; 2. Interruzione del tracciato in corrispondenza dell area urbana di Pizzo per l intersezione con la strada statale n. 18, la demolizione di una galleria e la presenza di edifici residenziali; 3. Interruzione del tracciato a causa della demolizione di una galleria al km 5,9 dovuto ai lavori di costruzione dell autostrada; 4. Tracciato interrotto al km 6,6 per la presenza di un edificio agricolo; 5. Interruzione al km. 8,2 per sostituzione del tracciato con la viabilità e per un edificio privato; 6. Dopo la fermata Longobardi S. Onofrio presenza di vegetazione infestante; 7. Sostituzione del tracciato con la viabilità locale dalla località La Madonella al centro di Vibo Valentia per circa km. 0,540; 8. Sostituzione del tracciato in galleria con la viabilità locale per km. 0,425; 9. Interruzione del tracciato al km. 16,00, per la presenza di una rotatoria; 10. Lunga interruzione di circa km. 1,067 a causa della costruzione del tribunale e di una serie di lottizzazioni; 11. Dal Km. 17,8 al km. 22,0 circa sostituzione del tracciato con la viabilità locale; 12. In corrispondenza con l abitato di S. Gregorio (dal km. 23,00 al km. 25,70) il tracciato è stato assorbito dalla viabilità locale; 13. Viadotto in ferro al km. 25,70 senza piano di calpestio e galleria al km. 25,850 con presenza di una frana e di infiltrazioni d acqua;

12 14. Nel centro abitato di Mileto al km. 28,00 interruzione del tracciato dovuto all edificazione; 2 ):2 1. Sostituzione del tracciato con la viabilità locale da Marina di Gioiosa a Gioiosa Ionica per una lunghezza di km. 6,3; 2. Interruzione del tracciato in località S. Antonio al km. 7,00, dovuto alla costruzione della superstrada; 3. Dopo l abitato di S. Antonio ( per circa km. 0,460), sostituzione del tracciato con la viabilità locale; 4. Dalla fermata di Martone all intersezione con la strada statale 281 in località S.ta Barbara (per una lunghezza di km. 2,915), il tracciato è stato sostituito con la viabilità locale; 5. Interruzione al km. 12,60 per la presenza del museo MuSaBa; 6. Sostituzione del tracciato con la viabilità locale dal km. 13,00 (corrispondente all ingresso del museo) per circa km. 1,430 in direzione Mammola; 7. A Mammola, in corrispondenza del raccordo stradale per la Superstrada, interruzione del tracciato per mancanza del rilevato ferroviario.

13 6!!%!&!2!"!%! + La linea ferroviaria dismessa era composta da due parti fondamentali: la sovrastruttura ferroviaria e il corpo stradale. La sovrastruttura era costituita dal binario o armamento, formato dalle traverse e da una doppia fila di rotaie, e dalla massicciata, uno strato di pietrisco nel quale venivano incastrate le traverse. La massicciata, che poggiava sul corpo stradale chiamato piattaforma stradale, aveva la funzione di distribuire i carichi verticali sul corpo stradale oltre a consentire il drenaggio delle acque, essa contribuiva insieme all armamento all assorbimento dei molteplici sforzi connessi con la circolazione dei treni. Il corpo stradale, che è il complesso di tutte le opere che vengono eseguite per realizzare la piattaforma stradale secondo l andamento plano-altimetrico del tracciato, è del tutto simile a quello delle strade ordinarie per caratteristiche costruttive e di manutenzione ed è costituito da rilevati, viadotti, ponti, trincee, gallerie e opere d arte minori, come muri di sostegno, opere di drenaggio, La larghezza della piattaforma era di circa 4,5 m, sulla quale era posata una massicciata di uno spessore di cm, un binario unico a scartamento ridotto di 950 m. posato su traverse in legno. :6> Nella situazione attuale il percorso ferroviario dismesso si presenta privo di traversine e di binari. Nei tratti abbandonati la massicciata è ancora presente anche se ridotta di spessore, in altri tratti la massicciata è completamente sparita e ha lasciato scoperto il corpo stradale diventando strada bianca o strada asfaltata. Si è scelto quindi una sezione di progetto di larghezza minima di 2,50 m, ammettendo brevi tratti con sezione non inferire a 2,00 m., laddove il sedime non è in grado di ospitare un percorso di larghezza ottimale. Nelle gallerie viene sfruttato tutta la larghezza utile (4,20 m), così come nei viadotti. Il progetto prevede il ripristino del percorso, con uno strato di pavimentazione di cm in stabilizzato nei tratti dove la massicciata è ancora esistente o ridotta e ripristinando lo strato di asfalto nei tratti dove il corpo stradale è stato bitumato e si presenta in cattive condizioni. L uso della pavimentazione in misto granulare consente una miglior integrazione nell ambiente circostante ed è idonea anche per la percorrenza del cavallo. % % % % ' " ' " " " ' ' ' ' ;; % ' % "4 ' ' "4 ' " " / / 4! $ ' 0 /$ $ ' 7 4 ' " > 6% ; =6> 7=> > ; "' "' "' "' % ' % ' % " % " ' ' :6> :6> ; ; "! " % % % % 7 4 ' " 66> 6.6> % % ; ; % ' "4 ' " / 4 2' " " / 7/ "#,=> > ; 4 2' " " / 7/ "# & $ $,=> > ;,=6 La larghezza della piattaforma costituisce il vincolo per la progettazione del percorso e, di conseguenza, per le categorie di utenti ammesse lungo la via verde. Per garantire una circolazione sicura di pedoni e ciclisti con volumi di traffico significativi (fino a 300 utenti/ora), deve essere di almeno 2-3 m con banchine laterali di 0,5 1,50 m.

14 )+) ) Le tipologie individuate per il progetto sono elencate di seguito. Ogni tipologia rimanda ad una schede che si trova in allegato. Ogni scheda contiene una breve descrizione della situazione di stato di fatto sulla quale applicare la tipologia, una descrizione delle lavorazioni previste e relativa scheda di computo metrico per chilometro; inoltre contiene delle foto che illustrano la situazione attuale tipo sulla quale s intende applicare la tipologia e dei disegni con sezioni e planimetrie che spiegano ulteriormente il progetto. 1A Percorso verde in misto granulare su massicciata esistente (fuori della galleria) 1B Percorso verde in galleria in misto granulare con installazione di nuova illuminazione 2 Percorso verde in misto granulare su strada bianca esistente 3 Percorso verde in misto granulare con nuova fondazione 4A - 4B Percorso verde su pavimentazione esistente in conglomerato bituminoso (fuori e % )+ :) )>* Per rendere sicuro il percorso sul tracciato dell ex ferrovia, è necessario organizzare in modo adeguato gli attraversamenti del percorso con altre strade principali o laterali per garantire la continuità del percorso e un collegamento sicuro. Gli attraversamenti dovranno quindi essere posti in sicurezza con adeguate protezioni e forniti di una idonea illuminazione e segnaletica. ) *)(')*>++) )+B ' ) ) ) A Quando il tracciato non si riconosce più all interno dei centri urbani perché assorbito dal tessuto urbano, si possono ipotizzare Zone a Traffico Moderato (Zone 30 o Zone Residenziali) cioè ambiti a ciclabilita diffusa dove al loro interno non vengono progettati percorsi ciclabili separati dal traffico automobilistico ma va promossa la promiscuità tra ciclisti, pedoni e veicoli a motore. dentro galleria) 5 Percorso verde con segnaletica verticale ed orizzontale 6 Percorso verde alternativo con riserva corsia o pista su strada asfaltata esistente 7A Attraversamento ciclo pedonale colorato a raso 8A 8B Attraversamento ciclo pedonale con piattaforma colorata 9A 9B Attraversamento ciclo pedonale colorato con isola spartitraffico su strada principale Attraversamento ciclo pedonale colorato con isola spartitraffico su strada laterale 10 Dispositivo puntuale di moderazione della velocità su strada a 30 km/h 13 Punto attrezzato, parcheggi e rastrelliere per biciclette 14 Nodi d interscambio 15 A Percorso verde in misto granulare su ponti o viadotti esistenti, compresa la realizzazione dei parapetti 16 Passerella in legno All interno delle ZTM Vengono utilizzati cartelli d indicazione per garantire il collegamento del percorso verde. La promiscuità tra i vari utenti è possibile solo attraverso un adeguata progettazione degli spazi pubblici che preveda dispositivi puntuali di moderazione del traffico per la riduzione delle velocità dei mezzi motorizzati, garantendo velocità inferiori ai 30 km/h più compatibili con gli utenti delle vie verdi. Per realizzare le zone 30 e le zone residenziali si devono creare varchi di ingresso e di uscita che fungono da porta alla zona; le soluzioni infrastrutturali che permettono di garantire una velocità inferiore ai 30Kmh sono principalmente chicane, restringimenti della carreggiata,,

15 attraversamenti pedonali rialzati, mini rotatorie. È inoltre possibile consentire il transito delle biciclette contromano con soluzioni di segnaletica e piccoli interventi nei punti più pericolosi. Di seguito sono elencati i principi di una ZTM: - gli ingressi e le uscite devono essere chiaramente riconoscibili e segnalati con appositi cartelli - il percorso verde deve essere indicato con la segnaletica apposita d indicazione usata per tutto l itinerario in modo da garantire la continuità del percorso - il traffico proveniente da destra alle intersezioni ha sempre la precedenza piante di una stazione tipo - la sosta lungo le strade è consentita solo negli spazi indicati da segnaletica gli utenti non motorizzati possono muoversi ovunque sulla strada - le auto devono viaggiare a passo d uomo - le automobili, i ciclomotori e i ciclisti non devono intralciare i pedoni, e i pedoni non devono intralciare inutilmente i veicoli 720 0,40 3, "))' ((:C(:(>* %)5DA 100 L integrazione modale a favore del turismo in bici, ha come obiettivo principale il trasporto della bicicletta su tutti i mezzi pubblici (come avviene già in gran parte dell Europa), in modo da estendere il territorio da esplorare e da conoscere praticando il cicloturismo. pianta primo piano Sarà importante quindi permettere il trasporto della bicicletta sui mezzi pubblici cittadini, sui treni, sulle navi, sui traghetti e anche sugli aerei. Potranno essere introdotte facilitazioni tariffarie per il trasporto pubblico combinate con ingresso a mostre, musei, aree archeologiche, palazzi storici ,40 0,00 Considerando le notevoli distanze tra i luoghi d interesse, è importante l organizzazione del 820 servizio d interscambio locale (anche a chiamata), in corrispondenza delle ex fermate o ex stazioni, delle fermate ferroviarie in funzione, delle stazioni del trasporto pubblico su gomma, in prossimità di luoghi d interesse storico o turistico, all inizio e alla fine del percorso. È 120 necessario inoltre, predisporre dei parcheggi di interscambio per auto - bicicletta, bus- bicicletta con noleggio bici e con assistenza tecnica. pianta piano terra 1 + ))*) *+>* %)59A Le vecchie stazioni ferroviarie i caselli e altri manufatti annessi ( servizi igienici o piccoli forni ) possono essere convertiti e usati come strutture integrative al percorso verde. Usi possibili sono punti di ristoro, ostelli, punti d informazione, museo, noleggio per biciclette, punto di assistenza. I fabbricati recuperati sono possibilmente affiancati anche da parcheggio che funge d interscambio auto piedi, auto bicicletta, auto cavallo 6

16 % )' ) )' * +>* %)6A La strategia progettuale proposta è quella di valorizzare il percorso attraverso la realizzazione di una opportuna segnaletica informativa e di segnalazione che comprenderà: - cartelli informativi: contenenti la mappa del percorso con le altimetrie, i punti di ristoro e di interscambio, di noleggio biciclette, le risorse presenti nel territorio, luoghi di ritrovo, agriturismo, maneggi, musei, castelli, e gli indirizzi utili. Questi cartelli dovranno essere posti in corrispondenza dei centri abitati e delle aree d interscambio. - Cartelli di indicazione di direzione: contenenti la direzione, le distanze e le pendenze (quando sono superiori del 5%). Quest ultimi dovranno essere posizionati alle intersezioni. - Cartelli informativi sugli elementi d interesse storico culturale e naturalistico. Posizionati davanti gli elementi di maggior interesse. Né il Codice della Strada, né il Regolamento di Attuazione forniscono indicazioni relative alla segnaletica per itinerari ciclabili. Recentemente la FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta), in attesa di una normativa nazionale, ha proposto una segnaletica compatibile con quella del Codice della Strada. In allegato alcuni esempi di cartelli studiati per la via verde di progetto. Di seguito esempi di segnaletica informativa straniera e italiana:?

17 %+:+ L ex -tracciato ferroviario Soverato - Chiaravalle è stato progettualmente diviso in 8 tratte che si distinguono per omogeneità territoriali, per morfologia del terreno, per interesse ambientale e stato di conservazione del tracciato. Nelle aree urbanizzate si tiene conto della continuità del percorso, della funzione svolta nel tessuto viario, della presenza di piste ciclabili esistenti, della presenza di strade che hanno occupato la strada ferrata dimessa, delle recinzioni o degli ostacoli che ne impediscono il Dati di progetto della via verde ex- tracciato ferroviario percorso verde alternativo all'ex - tracciato ferroviario allungamento tracciato totale percorso verde % tracciato ex ferrovia % tracciato nuovo costi costo/m omogeneità del percorso comuni interessati stabilizzato o (m) asfalto (m) strada bianca (m) Tratto 1: Soverato - Martelli (1800 mt) % 30% ,04 206, Soverato - Satriano Tratto 2: Martelli - Bivio Turriti (2200 mt) % 0% ,26 97, Satriano Tratto 3: Bivio Turriti - Satriano (2500 mt) % 78% ,47 68, Satriano Tratto 4: Satriano - Pietà (4000 mt) % 0% ,56 59, Satriano - Gagliato - Petrizzi Tratto 5: Pietà - Farnia (3100 mt) % 0% ,80 92, Petrizzi Tratto 6: Farnia - San Vito (3500 mt) % 3% ,28 42, Petrizzi - San Vito sullo Ionio - Chiaravalle Tratto 7: San Vito - Pirivoglia (3900 mt) % 0% ,32 102, San Vito sullo Ionio - Chiaravalle Tratto 8: Pirivoglia - Chiaravalle (2600 mt) % 0% ,80 152, Chiaravalle TOTALI % 14% ,53 102,

18 passaggio. Nella tabella sono riportati i dati di progetto ed in particolare le lunghezze delle tratte dello stato di fatto dell ex tracciato e la differenza di lunghezza qualora il progetto della via verde preveda l allungamento / riduzione per questioni di sicurezza o per interruzioni di difficile ripristino. In questo caso il progetto prevede una riduzione del percorso rispetto ex tracciato ferroviario di 455 m, per un totale di m. L 86% del percorso verde sfrutta il tracciato dell ex ferrovia mentre per il 14% è ricavato su strade alternative sterrate o in asfalto, trattate con dispositivi di moderazione delle velocità per garantire la continuità in sicurezza del percorso stesso. Nella tabella sono indicate anche i costi per singole tratte e il costo medio per metro lineare per ciascuna tratta. Il costo totale del percorso è di ,53 euro di lavori, per una media di 102,60 euro al metro lineare. Sono inoltre indicate le lunghezze per omogeneità di materiali distinguendo i tratti di via verde in asfalto e i tratti in strada bianca o stabilizzato. Ben il 35% del precorso verde è su strada asfaltata. Sono stati elencati i comuni interessati in relazione alle singole tratte di percorso verde da realizzare. Ogni amministrazione ha la possibilità di ricavare i costi del percorso verde insistente sul proprio territorio comunale. Di seguito le descrizioni per singole tratte. Tratto 1: stazione di Soverato frazione di Martelli Il percorso verde inizia in corrispondenza della ex stazione ferroviaria esistente di Soverato (oggi diventata stazione del trasporto pubblico su gomma) e si sviluppa verso ovest lungo una nuova strada fino alla frazione di Martelli. Da questa, prosegue verso Sud fino all incrocio con la SS.182 e quindi si ricollega con l ex tracciato della ferrovia per mezzo di un attraversamento ciclo-pedonale sicuro. Questo tratto, lungo circa mt. 1270, viene previsto con riserva ciclabile mono-direzionale su ambo i lati della strada. Come partenza del percorso, ma anche per la vicina fermata sulla linea ferroviaria Catanzaro- Reggio Calabria, la stazione di Soverato dovrà diventare un nodo d interscambio fondamentale. Il progetto prevede che la fermata sia fornita di tutti i servizi di ristoro, sosta moto ed auto, noleggio e custodia bici. Il collegamento tra la fermata e il centro di Soverato con l area balneare avverrà attraverso il sottopasso stradale esistente grazie ad un allargamento del marciapiede. Tratto 2: frazione di Martelli bivio Turriti Il percorso verde prosegue lungo la strada in direzione Satriano fino al Bivio Turriti (lunghezza mt. 2135) sfruttando in parte dei tratti di strade bianche e in parte il marciapiede esistente sul lato Sud della strada, passando per la fermata di Laganosa attualmente abitata. Il progetto prevede una sistemazione superficiale in misto granulare per le strade bianche, mentre per il marciapiede è previsto la realizzazione della segnaletica verticale ed orizzontale. Tratto 3: bivio Turriti stazione di Satriano Il tratto che va dal ponte presso il Bivio Turriti e la stazione di Satriano, lungo circa mt e con un dislivello di mt. 72, prevede un percorso bi-direzionale sul lato sud della strada a causa dell interruzione dell ex tracciato dovuto alla frana presente sull argine del fiume Ancinale. Il nuovo percorso viene previsto in misto granulare con nuova fondazione stradale. Vengono inoltre sostituite le balaustre del ponte con dei parapetti più alti e a noma di legge. La fermata di Satriano, in ottimo stato (attualmente abitata), si trova lungo la strada per il paese di Satriano all imbocco della prima galleria e si presta a nodo d interscambio per tutte le attività ricreative-turistiche utili al percorso verde. Un attraversamento sicuro con isole spartitraffico insormontabili viene previsto lungo la statale in prossimità della fermata di Satriano. Tratto 4: stazione di Satriano fermata Pietà Il tratto in salita compreso tra la fermata di Satriano e la fermata Pietà lungo circa mt con un dislivello mt. 134, sfrutta la massicciata in buono stato presente lungo il percorso. Si prevede quindi la sistemazione superficiale della pavimentazione con materiali naturali sia per le parti in galleria che per le parti a cielo aperto, l illuminazione delle tre gallerie e il ripristino del tracciato interrotto in due punti a causa di smottamenti o frane. A metà di questo tratto, dopo circa mt di salita, viene recuperato un casello per dare la possibilità di un ristoro agli utenti. Tratto 5: fermata Pietà fermata Farnia Tra la fermata Pietà e la fermata Farnia ex Petrizzi Gagliato (attualmente entrambi abitate), di circa mt. 3100, il percorso si sviluppa in salita con un dislivello di circa mt Il tratto, molto suggestivo, si snoda attraverso una serie di ponti, e gallerie con splendide viste verso il mare. Il progetto prevede una sistemazione del fondo stradale e la posa di misto granulare lungo tutto il percorso. La sistemazione dei parapetti di alcuni ponti e la realizzazione dell illuminazione nelle gallerie completano le opere. Le due fermate, in discreto stato manutentivo, si prestano a diventare nodi d interscambio a servizio del percorso verde, con parcheggi aree di ristoro e di pernottamento. Per quanto riguarda la fermata Farnia attualmente occupata esiste la possibilità di sistemare un fabbricato disabitato nelle vicinanze, libero ma da restaurare. Tratto 6: fermata Farnia fermata di San Vito Il tratto tra la fermata Farnia ex Petrizzi Gagliato e la fermata San Vito sullo Ionio, privo di dislivelli significativi è lungo circa mt Il tratto presenta due interruzioni di facile soluzione: la prima in prossimità della fermata Farnia per la presenza di un campo sportivo 9

19 agevolmente superabile da una strada asfaltata già presente lungo il suo perimetro, l altro per una frana in località Ponte Vaccarizzo dove i lavori riguarderanno il consolidamento del tratto e il ripristino del tracciato interrotto. In questa parte della tratta Soverato-Chiaravalle, la sistemazione del percorso porta un beneficio non solo agli utenti, ma anche ai proprietari dei terreni coltivati per l accesso dei fondi agricoli presenti in questa zona. Tratto 7: fermata di San Vito fermata Pirivoglia Tra la fermata di San Vito sullo Ionio e la fermata Pirivoglia il tracciato procede in salita con un dislivello di oltre mt. 100 per una lunghezza di mt Per motivi legati alla presenza di edifici rurali, il tratto verso Chiaravalle, per oltre la metà della sua lunghezza è stato asfaltato e di fatto trasformato in strada, mentre per l altra metà è rimasta strada bianca a servizio dei fondi agricoli. Il progetto per la parte bitumata, vista la presenza di veicoli, prevede la moderazione del traffico attraverso sistemi puntuali (restringimenti, platee rialzate ecc.) e la realizzazione di una riserva ciclabile attraverso una fascia di colore rosso. Per quanto riguarda la parte in ghiaia i lavori prevedono la sistemazione delle parti sconnesse con la posa di materiale inerte. Per la sicurezza degli attraversamenti sulle strade principali il progetto prevede la realizzazione d isole spartitraffico, asfalto colorato e nuova illuminazione. Tratto 8: fermata Pirivoglia stazione di Chiaravalle Il tratto tra la fermata di Pirivoglia e la stazione di Chiaravalle Centrale lungo mt e con un dislivello di mt. 50 (a quota m. 518 sul livello del mare) porta il percorso verde al termine del suo tragitto. Si può osservare che la densità di abitazioni di tipo rurale tende ad aumentare avvicinandosi a Chiaravalle in cui si trova la stazione conclusiva della ferrovia dismessa e dove il progetto indica un nodo d interscambio importante, fornito di tutti i servizi di ristoro, sosta moto ed auto, noleggio e custodia bici. Da Chiaravalle partono una serie di strade, percorsi e sentieri che si snodano verso il Parco Naturale Regionale delle Serre con un grande patrimonio paesaggistico naturale e con tantissime testimonianze storiche come la Cattolica di Stilo o la più vicina Certosa di Serra San Bruno. Il progetto prevede la realizzazione di una riserva ciclabile attraverso una fascia di colore rosso e una serie di dispositivi di moderazione del traffico in corrispondenza delle intersezioni stradali. :

20 Nella tabella sono riportati i dati di progetto ed in particolare le lunghezze delle tratte dello 1($$2$2 stato di fatto dell ex tracciato e la differenza di lunghezza qualora il progetto della via verde preveda l allungamento / riduzione per questioni di sicurezza o per interruzioni di difficile L ex -tracciato ferroviario Vibo-Pizzo-Maierato-Mileto è stato progettualmente diviso in 7 ripristino. tratte che si distinguono per omogeneità territoriali, per morfologia del terreno, per interesse In questo caso il progetto prevede una riduzione del percorso rispetto ex tracciato ferroviario di ambientale e stato di conservazione del tracciato. 230 m, per un totale di m. Nelle aree urbanizzate si tiene conto della continuità del percorso, della funzione svolta nel L 85% del percorso verde sfrutta il tracciato dell ex ferrovia mentre per il 15% è ricavato su tessuto viario, della presenza di piste ciclabili esistenti, della presenza di strade che hanno strade alternative sterrate o in asfalto, trattate con dispositivi di moderazione delle velocità per occupato la strada ferrata dimessa, delle recinzioni o degli ostacoli che ne impediscono il Dati di progetto della via verde ex- tracciato ferroviario percorso verde alternativo all'ex - tracciato ferroviario allungamento tracciato totale percorso verde % tracciato ex ferrovia % tracciato nuovo costi costo/m omogeneità del percorso comuni interessati stabilizzato o strada bianca (m) asfalto (m) (m) Tratto 1: st. Vibo Marina - primo casello % 86% ,97 106, Vibo Valentia Tratto 2: primo casello - st. di Pizzo % 0% ,43 65, Vibo Valentia - Pizzo Tratto 3: st. di Pizzo - st. Longobardi % 12% ,06 80, Pizzo - Vibo Valentia Tratto 4: st. Longobardi - Vibo Valentia % 0% ,23 67, Vibo Valentia Tratto 5: st. Vibo Valentia - Cessaniti Jonadi % 3% ,44 101, Vibo Valentia - Jonadi Tratto 6: Cessaniti Jonadi - Costantino Calabro % 0% ,86 67, Tratto 7: Costantino Calabro - Mileto % 4% ,15 103, Jonadi - San Costantino Calabro San Costantino Calabro - Mileto TOTALI % 15% ,14 84, passaggio. garantire la continuità in sicurezza del percorso stesso. >

REGIONE CALABRIA Dipartimento Trasporti. I principali aspetti progettuali delle Greenways di Calabria. arch. Paola Zoccarato

REGIONE CALABRIA Dipartimento Trasporti. I principali aspetti progettuali delle Greenways di Calabria. arch. Paola Zoccarato REGIONE CALABRIA Dipartimento Trasporti I principali aspetti progettuali delle Greenways di Calabria arch. Paola Zoccarato Ferrovie Calabro Lucane La Società Mediterranea per le Ferrovie Calabro - Lucane

Dettagli

Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA

Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA Geografia regionale La Calabria è una regione meridionale di oltre 2.000.000 di abitanti, con capoluogo Reggio Calabria. Costituisce la punta dello stivale italiano,

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

SCALE MOBILI PER LE CITTÀ

SCALE MOBILI PER LE CITTÀ PER LE CITTÀ L utilizzo di scale mobili e ascensori per facilitare la mobilità delle persone nelle città d arte o in luoghi difficilmente accessibili vede oggi una significativa accelerazione, e dopo il

Dettagli

La Ciclabile Adriatica

La Ciclabile Adriatica a Porto S.Giorgio un percorso ad ostacoli o un opportunità per il territorio? AP 10/2015 L associazione FIAB Ascoli Piceno ha realizzato questo dossier per sollecitare le istituzioni (Regione Marche, Provincia

Dettagli

ESCURSIONI: la costa. Strada dei Sapori Medio Tirreno Cosentino

ESCURSIONI: la costa. Strada dei Sapori Medio Tirreno Cosentino ESCURSIONI: la costa Cetraro Paese (3 km) Belvedere Paese (10 km) Uno dei paesi più popolosi della costa le cui origini sono circa del 13 secolo. Di grande interesse è il castello Aragonese originariamente

Dettagli

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva Municipio 1 Centro Est Caserma Gavoglio, una rigenerazione urbana di interesse del quartiere e della città: esame delle principali tematiche 20 giugno 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:30, Scuola Duca

Dettagli

STRUTTURA UNICA PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO POLITICHE COMUNITARIE E PROGRAMMI DI SVILUPPO DEI COMUNI DI

STRUTTURA UNICA PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO POLITICHE COMUNITARIE E PROGRAMMI DI SVILUPPO DEI COMUNI DI STRUTTURA UNICA PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO POLITICHE COMUNITARIE E PROGRAMMI DI SVILUPPO DEI COMUNI DI COMUNE DI CINQUEFRONDI Provincia di Reggio Calabria Regione Calabria Assessorato Urbanistica

Dettagli

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche)

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI IDROLOGICHE, IDRAULICHE, GEOTECNICHE, SISMICHE E ARCHEOLOGICHE

Dettagli

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

Territorio POSIZIONI E CONFINI. Italia: meridionale Sud: Mar Ionio Nord:Basilicata Est: Mar Ionio Ovest: Mar Tirreno

Territorio POSIZIONI E CONFINI. Italia: meridionale Sud: Mar Ionio Nord:Basilicata Est: Mar Ionio Ovest: Mar Tirreno POSIZIONI E CONFINI Italia: meridionale Sud: Mar Ionio Nord:Basilicata Est: Mar Ionio Ovest: Mar Tirreno PAESAGGIO Montuoso (41%) Collinare(50%) Pianeggiante(9%) Territorio montuoso pianeggiante collinare

Dettagli

AD01 - L'Adda e il naviglio di Paderno

AD01 - L'Adda e il naviglio di Paderno AD01 - L'Adda e il naviglio di Paderno Partenza Arrivo Lunghezza totale Categoria Tipo di bicicletta consigliato Tempo di percorrenza in bici Dislivello in salita Dislivello in discesa Quota massima Difficoltà

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano

RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano prima edizione gennaio 2006 ultimo aggiornamento 14-06-2011 1 La mobilità ciclistica Tutti, a ragione, ritengono che l

Dettagli

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume.

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Gruppo di lavoro diretto da Ado Franchini. Con Andrea

Dettagli

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA COMUNE DI GENOVA Progetto Integrato PRA MARINA 1 Obiettivo Restituire agli abitanti di Prà l accesso alla Fascia di Rispetto. A questo si legano le esigenze di alleviare il peso di un traffico eccessivo

Dettagli

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO.

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LA TUA OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LAINO CASTELLO Praia a Mare Parco Nazionale del Pollino UBICAZIONE UN LUOGO UNICO L antico borgo di

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO PREMESSA Su incarico del Comune di Rosarno (Comunicazione del 24.09.2012 prot. n.17914 con riferimento alla Determinazione del 3^ U.O.C. n 525 del

Dettagli

Mesagne vivibile a piedi e in bicicletta. Studio di fattibilità a cura di Antonio Licciulli, Cosimo Dadorante, Alberto Marescotti

Mesagne vivibile a piedi e in bicicletta. Studio di fattibilità a cura di Antonio Licciulli, Cosimo Dadorante, Alberto Marescotti Mesagne vivibile a piedi e in bicicletta Studio di fattibilità a cura di Antonio Licciulli, Cosimo Dadorante, Alberto Marescotti L Associazione CICLOAMICI FIAB Vision Mesagne e il suo territorio Pianura

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA Premessa In anticipazione rispetto al progetto complessivo, e analogamente

Dettagli

Picenengo Via Sesto Via Milano

Picenengo Via Sesto Via Milano Inquadramento cartografico Picenengo Via Sesto Via Milano Descrizione/introduzione L itinerario principale è radiale e collega il quartiere di Picenengo e relativa zona industriale e il quartiere di via

Dettagli

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Principali obbiettivi: - creare nell area metropolitana un sistema di trasporto pubblico integrato; - migliorare la

Dettagli

COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503)

COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503) PIANO DI LOTTIZZAZIONE DELLA ZONA C1 - RESIDENZIALE DI ESPANSIONE COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503) Il progetto

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE 17/04/2009 1 PROGETTO PRELIMINARE D. Lgs. 163/2006; DM 05.11.2001 Tavola E.3 del Progetto Preliminare delle Opere di Urbanizzazione -Strada di circa 900 m con andamento Nord Sud, parallela a Via Unità

Dettagli

Progetto RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA. Descrizione del progetto

Progetto RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA. Descrizione del progetto Progetto A Descrizione del progetto RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA I fattori che hanno determinato la posizione del nuovo ponte: sezione di alveo inferiore rispetto a quella al ponte crollato prolungamento

Dettagli

via Calzolai via Malpasso

via Calzolai via Malpasso Nel corso del 2015 il Comune di Ferrara ha realizzato un grosso intervento di ricucitura di un percorso ciclo-pedonale che nel suo complesso attraversa i centri abitati di Francolino, Malborghetto di Boara,

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

Lavori di realizzazione Nuovi percorsi pedonali e ciclabili dall incrocio di via Sardegna / via Cagliari alla fermata metropolitana Assemini

Lavori di realizzazione Nuovi percorsi pedonali e ciclabili dall incrocio di via Sardegna / via Cagliari alla fermata metropolitana Assemini RELAZIONE GENERALE DESCRIZIONE DEL PROGETTO Nonostante nel Comune di Assemini siano presenti tre fermate della linea metropolitana, la zona più densamente popolata è anche quella meno servita dal collegamento

Dettagli

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO La collina degli Erzelli, occupata in precedenza da attività di deposito e movimentazione container, è interessata oggi da un progetto volto

Dettagli

1. La costruzione delle linee guida

1. La costruzione delle linee guida 1. La costruzione delle linee guida La costruzione delle linee guida per la qualità paesaggistica e ambientale delle infrastrutture segue il riconoscimento, all interno del PPTR, di due macro sistemi di

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

Sviluppo Rete Stradale. Condividiamo. 20 marzo 2012. I percorsi ciclabili quale mezzo per valorizzare il patrimonio culturale del territorio 1

Sviluppo Rete Stradale. Condividiamo. 20 marzo 2012. I percorsi ciclabili quale mezzo per valorizzare il patrimonio culturale del territorio 1 Sviluppo Rete Stradale Condividiamo 20 marzo 2012 I percorsi ciclabili quale mezzo per valorizzare il patrimonio culturale del territorio 1 Cos è una pista ciclabile Infrastruttura dedicata ad una circolazione

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

9. SCHEDE DEI PERCORSI SUB-AREA SANDONATESE

9. SCHEDE DEI PERCORSI SUB-AREA SANDONATESE 9. SCHEDE DEI PERCORSI SUB-AREA SANDONATESE Il progetto di fattibilità presenta 9 percorsi nella sub-area sandonatese: Percorso 1 Piave Vecchia e fiume Sile - Comune di Musile di Piave Percorso di completamento

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

Pianificazione della ciclabilità

Pianificazione della ciclabilità Pianificazione della ciclabilità Planning of cycling Enrico Goberti Provincia di Ferrara 22 ottobre 2010 PREMESSA PISTE CICLABILI: Sono strade definite e normate dal Codice della Strada (Ministero dei

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità Linea d intervento: 5.4 - Adeguamento e potenziamento delle ferrovie locali Titolo intervento: Adeguamento ferroviario dell

Dettagli

Villa Guicciardini. Comune di Cantagallo. Invest in Prato: Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO. Scheda di valutazione. Comune di Cantagallo

Villa Guicciardini. Comune di Cantagallo. Invest in Prato: Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO. Scheda di valutazione. Comune di Cantagallo Invest in Prato: il progetto di Marketing territoriale della Provincia di Prato Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO Comune di Cantagallo Scheda di valutazione Sezione 1 - Sommario Mappa dell area

Dettagli

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 SCHEDA RILEVAMENTO PROGETTO (in attuazione della Legge regionale del 20 gennaio 2004 n. 2 Legge

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia PREMESSA Il tema della mobilità sostenibile è divenuto ormai oggetto quotidiano di confronto e di impegno istituzionale. Il Nuovo Codice della

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO

APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO INDICE 1 NODO STRADALE ED AUTOSTRADALE DI GENOVA Adeguamento del Nodo di San Benigno... 3 1.1 Descrizione progetto... 3 1.2 Opere d arte... 9 1 NODO

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DELLA CARTA TECNICA REGIONALE NUMERICA LOTTO 21

SPECIFICHE TECNICHE DELLA CARTA TECNICA REGIONALE NUMERICA LOTTO 21 SPECIFICHE TECNICHE DELLA CARTA TECNICA REGIONALE NUMERICA LOTTO 21 Codice Descrizione entità grafica 100L LI07LI07 Simbologie varie 101A LI01LI01 Strada asfaltata 101I LI04LI01 Strada asfaltata inv. 101L

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Le cinte daziarie di Torino di Alessandro Ravina Relatore: Giovanni Maria Lupo L istituzione

Dettagli

Da Brescia a Paratico Km.30

Da Brescia a Paratico Km.30 Da Brescia a Paratico Km.30 Lunghezza: Km 30 Tempo di percorrenza: Circa due ore e trenta Andamento: Aperto Fondo: Asfalto e sterrato Tipo di bicicletta:: City bike, da strada, Mtb Grado di difficoltà:

Dettagli

Vecchio Ordinamento 15 giugno 2011 Busta 1

Vecchio Ordinamento 15 giugno 2011 Busta 1 Tema 1 ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ARCHITETTO Vecchio Ordinamento 15 giugno 2011 Busta 1 Su un promontorio roccioso a 80 m. sul mare, piano in sommità orientato NS,

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti

Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti Le analisi poste alla base della carta della rete viaria, ferroviaria, porti, aeroporti ed eliporti 5, rappresentano nel Piano di Emergenza un importanza

Dettagli

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA 1 INTRODUZIONE La realizzazione delle opere della nuova linea ad alta velocità Torino-Lione (N.L.T.L.) interessa a cielo aperto la piana delle Chiuse tra la pk 83+003, imbocco Ovest del Tunnel dell Orsiera

Dettagli

SEGRETERIA PROVINCIALE CATANZARO TEL. 347/5909826 EMAIL: MARTINO.VERGATA@FASTFERROVIE.IT

SEGRETERIA PROVINCIALE CATANZARO TEL. 347/5909826 EMAIL: MARTINO.VERGATA@FASTFERROVIE.IT SEGRETERIA PROVINCIALE CATANZARO TEL. 347/5909826 EMAIL: MARTINO.VERGATA@FASTFERROVIE.IT Il Segretario Provinciale Ing. Martino Vergata Prot. 12/2012 Trasmessa a mezzo email Alla c.a. Sergio Abramo SINDACO

Dettagli

SERVIZI OFFERTI. Sempre aperto. Area giochi per bambini. Servizio di concierge 24 ore. Vasto parco con querce. Piscina 20 x 8 metri

SERVIZI OFFERTI. Sempre aperto. Area giochi per bambini. Servizio di concierge 24 ore. Vasto parco con querce. Piscina 20 x 8 metri Villaggio Le Querce All interno del Parco Archeologico-Naturale delle Città del Tufo, nella Maremma Toscana si trova il Villaggio Le Querce, situato ai margini del borgo medioevale di Sorano immerso in

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

INDICE 1. PREMESSE... 1 2. STATO DI FATTO... 1

INDICE 1. PREMESSE... 1 2. STATO DI FATTO... 1 INDICE 1. PREMESSE... 1 2. STATO DI FATTO... 1 3. STATO DI PROGETTO... 2 3.1 VIABILITA AUTORIMESSA MARCO POLO...3 3.2 VIABILITA PARCHEGGIO SPEEDY PARK...4 3.3 VIABILITA ZONA DARSENA...5 3.4 SEZIONI TIPO

Dettagli

STUDIO GEOLOGICO DI SUPPORTO AL PROGETTO PER L ACCESSIBILITÀ E LA SOSTA DELLA CERTOSA DI CALCI. Luglio 2013

STUDIO GEOLOGICO DI SUPPORTO AL PROGETTO PER L ACCESSIBILITÀ E LA SOSTA DELLA CERTOSA DI CALCI. Luglio 2013 STUDIO GEOLOGICO DI SUPPORTO AL PROGETTO PER L ACCESSIBILITÀ E LA SOSTA DELLA CERTOSA DI CALCI Luglio 2013 Dott. Geol. Alessandra Buscemi Dott. Geol. Roberto Balatri PDF created with pdffactory Pro trial

Dettagli

PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE. La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO

PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE. La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO Raccolta dei dati sulla mobilità scolastica Gli obiettivi della raccolta dei dati sulla mobilità

Dettagli

Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia

Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia Inquadramento cartografico Descrizione/introduzione Itinerario radiale che collega Piazza Risorgimento con la zona periferica ovest di Cremona nei pressi del Quartiere

Dettagli

Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale

Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale Ing. Enrico Chiarini Premessa Questo documento, redatto in forma personale, raccoglie alcune richieste di parere e alcune richieste di chiarimento

Dettagli

Ing. Marco Passigato Gruppo tecnico FIAB 25/02/2012

Ing. Marco Passigato Gruppo tecnico FIAB 25/02/2012 San Donà di Piave 2 marzo 2012 Seminario Il cicloturismo, opportunità per il turismo rurale del Veneto Orientale I manuali Infrastrutture a servizio del cicloturismo 2 Le reti Eurovelo e Bicitalia i cicloturisti

Dettagli

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.2 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 78 Art.27 Progetto Strategico Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto Il Progetto

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

Il programma escursionistico del 2012 ha inizio lungo i sentieri del "Cammino di S.Carlo"

Il programma escursionistico del 2012 ha inizio lungo i sentieri del Cammino di S.Carlo Il programma escursionistico del 2012 ha inizio lungo i sentieri del "Cammino di S.Carlo" Il "Cammino" è un itinerario a ricordo di S.Carlo Borromeo, che in dodici tappe porta da Arona, sul Lago Maggiore,

Dettagli

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente Comune Siti RN2000 Santa Maria Maggiore ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande PRGC vigente Varchi SM1 INCONTRO CON IL COMUNE Comune di Santa Maria Maggiore 21/12/2010 L espansione edilizia

Dettagli

FDA international. urbanistica, architettura di Marco Facchinetti e Marco Dellavalle Via Gaetana Agnesi, 12 20135, Milano www.fdainternational.

FDA international. urbanistica, architettura di Marco Facchinetti e Marco Dellavalle Via Gaetana Agnesi, 12 20135, Milano www.fdainternational. ABACO Provincia di Como urbanistica, architettura di Marco Facchinetti e Marco Dellavalle Via Gaetana Agnesi, 12 20135, Milano www.fdainternational.it - collaboratori Battistessa Arch.Pt. Sara Gianatti

Dettagli

COMUNE DI PADOVA SETTORE MOBILITÀ E TRAFFICO Codice Fiscale 00644060287

COMUNE DI PADOVA SETTORE MOBILITÀ E TRAFFICO Codice Fiscale 00644060287 2010-03 - biciplan - regolamento viario mobilità ciclistica.doc 1/62 BICIPLAN PADOVA 2010 2015 1 LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ CICLISTICA.........3 1.1 Premessa...3 1.2 Definizioni...4 2 SPAZIO PEDONALE

Dettagli

Istituto Comprensivo Giovanni XXIII Terrasini V.le G. Consiglio, 1-90049 Terrasini (PA) UNA PISTA CICLABILE A TERRASINI

Istituto Comprensivo Giovanni XXIII Terrasini V.le G. Consiglio, 1-90049 Terrasini (PA) UNA PISTA CICLABILE A TERRASINI Istituto Comprensivo Giovanni XXIII Terrasini V.le G. Consiglio, 1-90049 Terrasini (PA) Settimana Unesco di Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2010 LA MOBILITA 8 14 novembre 2010 UNA PISTA CICLABILE

Dettagli

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina Dott. Ing. Marco Sacchetti Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione in Laterina - Comune di Laterina RELAZIONE PAESAGGISTICA Ai sensi del D.P.R. 09.Luglio.2010 n. 139 Proprietà:

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Progetto di riqualificazione funzionale ed architettonica area muro paraonde Molo Generale Malta - Banchina Cortese del Porto di Vibo Marina per

Progetto di riqualificazione funzionale ed architettonica area muro paraonde Molo Generale Malta - Banchina Cortese del Porto di Vibo Marina per Progetto di riqualificazione funzionale ed architettonica area muro paraonde Molo Generale Malta - Banchina Cortese del Porto di Vibo Marina per escursionismo, turismo nautico e crocieristico Credere

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO Premessa La presente relazione paesaggistica è redatta secondo le indicazioni della Deliberazione Giunta Regionale 15 marzo 2006 n. 8/2121: Criteri

Dettagli

DAI GONZAGA AGLI ESTENSI PASSANDO PER IL PO 5 GIORNI/4 NOTTI

DAI GONZAGA AGLI ESTENSI PASSANDO PER IL PO 5 GIORNI/4 NOTTI DAI GONZAGA AGLI ESTENSI PASSANDO PER IL PO Mantova Ostiglia Stellata Ferrara Lombardia, Emilia Romagna 5 GIORNI/4 NOTTI La scoperta di due città d arte, Mantova e Ferrara, tra i più importanti esempi

Dettagli

VIA PAPA GIOVANNI XXIII E VIA PASCOLI. Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili

VIA PAPA GIOVANNI XXIII E VIA PASCOLI. Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili Comune di Endine Gaiano n.16 Località: VIA PAPA GIOVANNI XXIII E VIA PASCOLI Piangaiano CARATTERISTICHE TIPOLOGICHE Collegamento tra Via Nazionale e Via Monte Santo Tipologia collegamento: Collegamento

Dettagli

Progettazione di percorsi ecoturistici e valorizzazione urbanistica del Fiume Piave

Progettazione di percorsi ecoturistici e valorizzazione urbanistica del Fiume Piave Progetto Drava Piave Fiumi e Architetture nr.3241 del 25/11/08 Concorso di Idee Progettazione di percorsi ecoturistici e valorizzazione urbanistica del Fiume Piave Relazione Descrittiva Descrizione generale

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEI NAVIGLI NEL QUADRO DELL IDROVIA LOCARNO-MILANO-VENEZIA

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEI NAVIGLI NEL QUADRO DELL IDROVIA LOCARNO-MILANO-VENEZIA LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEI NAVIGLI NEL QUADRO DELL IDROVIA LOCARNO-MILANO-VENEZIA LA MOBILITÀ DELLE PERSONE E DELLE MERCI SULLE VIE D'ACQUA IN LOMBARDIA Milano - Palazzo Lombardia- 9 dicembre 2015

Dettagli

Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri)

Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri) Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri) Splendida escursione, fra vedute mozzafiato su Firenze, sulle pendici di Montececeri, la montagna della "pietra forte" e della "pietra

Dettagli

Alcune proposte per una stazione intermodale

Alcune proposte per una stazione intermodale Reggio Emilia, 21 gennaio 2009 Comune di Reggio Emilia Unità di Progetto Alta Velocità Alcune proposte per una stazione intermodale Una stazione ferroviaria è tanto più frequentata quanto più forti sono

Dettagli

Complesso Residenziale Alberghiero a Montalcino (SI)

Complesso Residenziale Alberghiero a Montalcino (SI) Complesso Residenziale Alberghiero a Montalcino (SI) Il lotto e situato a Torrenieri, una frazione del comune di Montalcino (Si). I terreni risultano all interno delle zone definite d.o.c. per la produzione

Dettagli

DISPOSITIVI PER MIGLIORARE L ACCESSIBILITÀ ALLO SPAZIO STORICO DI PIAZZA DANTE

DISPOSITIVI PER MIGLIORARE L ACCESSIBILITÀ ALLO SPAZIO STORICO DI PIAZZA DANTE Workshop in Comunità Montana Valle Seriana Superiore 26/10/2004 e 03/11/2004 GROMO DISPOSITIVI PER MIGLIORARE L ACCESSIBILITÀ ALLO SPAZIO STORICO DI PIAZZA DANTE Piazza Dante a Gromo (anni 20) Gromo I

Dettagli

Da sasso a eremo di San Valentino

Da sasso a eremo di San Valentino Da sasso a eremo di San Valentino Escursioni e Trekking intorno al lago di Garda: all'eremo di San Valentino. Da Gargnano (m. 65 s.l.m.) o da Sasso (m. 546), in una balconata sul lago di garda. Tenendo

Dettagli

UBICAZIONE Il Comune di Legnano

UBICAZIONE Il Comune di Legnano Ex Fonderia LEGNANO UBICAZIONE Il Comune di Legnano Il Comune di Legnano ha 60.000 abitanti ed è situato a circa 20 km a nord ovest di Milano. L area della Ex Fonderia, inserita in un contesto prettamente

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

Aspetti gestionali. Superfici di impalcato

Aspetti gestionali. Superfici di impalcato Aspetti gestionali Superfici di impalcato A) trincea ferroviaria tra corso Turati e corso Vittorio Emanuele II - circa mq 60.000 B) trincea ferroviaria di corso Lione tra via Bobbio e via Millio - circa

Dettagli

CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO

CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO INDICE CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO... 1 1. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO... 3 1.1 METODOLOGIA DI ANALISI... 3 1.2 LE COMPONENTI DELLA GRIGLIA

Dettagli