riduzioni di disagio L Associazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "riduzioni di disagio L Associazione"

Transcript

1 ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali riduzioni di reddito negli anni antecedenti alla maturazione del diritto alla prestazione pensionistica di base, secondoo la normativa vigente 1. Premessa Assoprevidenza da tempo conduce un approfondita riflessione tecnica sul possibile atteggiarsi del modello di welfare del Paese, in funzione del mutato quadro economico e strutturale, nella consapevolezza che le iteratee misure di contenimento della spesa pubblica - troppo spesso lineari e aselettive - colpirannoo largamente anche la spesa sociale. I tagli alle risorse disponibili lasceranno inevitabilmente senza copertura una parte del bisogni dei lavoratori/cittadini, conn particolare riferimento a situazioni di disagio derivanti dalle modifiche della legislazione pensionistica di base, operata dalla l. n. 201/2011 (cd Riforma Fornero ). L Associazione ritiene, pertanto, prioritario approfondi re il ruolo che gli istituti della previdenza e dell assistenza complementare, fondi pensione e casse di assistenza, potranno/ dovranno sosteneree nel prossimo futuro nella costruzionec e di un sistema di welfare integrato. Ciò, in primo luogo, con riferimento alle possibilità di intervento consentitee dalla legislazione che allo stato li disciplina, ma anche con una visione di più lungo termine, che ipotizzi delle necessarie modifiche al quadro normativo di riferimento, per renderlo più duttile e favorevole allo sviluppo del comparto. Per un organico approfondimento della materia, inn ambito associativo è stato costituito un Working Group (di seguito WG) a cui, alloo stato, partecipano, oltre ad Assoprevidenza, il Fondo Pensioni del Personale del Gruppo BNL/BNP Paribas Italia e lo Studio Attuariale Orrù & Associati. Sono peraltro in via di perfezionamento iniziative di

2 coordinamento con altre significative realtà, con le quali è emerso un comune interesse sull argomento. Il primo focus condotto dal WG ha riguardato le soluzioni praticabili all interno di un fondo pensione volte a realizzare una copertura dall eventuale riduzione/assenza di reddito lavorativo negli anni antecedenti alla maturazione del diritto alla prestazione pensionistica INPS, tenendo conto del significativo spostamento in avanti dei requisiti di età previsto dalla riforma Fornero. A tal fine, con specifico riferimento al bacino di utenza del Fondo Pensioni del Personale del Gruppo BNL/BNP Paribas Italia, si è provveduto a classificare i bisogni previdenziali ed assistenziali degli iscritti, studiando poi alcune possibili soluzioni di copertura dei bisogni stessi, individuati con riferimento a casi tipo. Nel corpo di questa breve nota sono presentati i primi risultati conseguiti dal WG, dei quali si era data un anticipazione a Milano, nel corso dell ultima edizione della Giornata nazionale della Previdenza (maggio 2013). Nelle fasi successive dell operare del WG è stato programmato un approfondimento circa la praticabilità normativa, a legislazione invariata, di operare un anticipazione di una parte della prestazione del Fondo pensione sotto forma di rendita temporanea, nonché l identificazione di eventuali mirate modifiche dell ordinamento di settore, volte a favorire e rendere più agevole l ipotizzato intervento di anticipazione, senza che ne derivi uno strvolgimento della finalità comunque pensionistica del Fondo stesso.. 2. Principali caratteristiche del Fondo Pensione del Personale del Gruppo BNL/BNP Paribas Il Fondo Pensioni del Personale del Gruppo BNL/BNPP Italia fu costituito nel 1957 dalla Banca Nazionale del Lavoro e dalle Organizzazioni Sindacali aziendali. Ha natura giuridica di associazione riconosciuta ed è iscritto all Albo tenuto dalla COVIP, quale forma preesistente. Scopo del Fondo in passato operante in regime tecnico di prestazione definita, ma da tempo trasformato in forma a contribuzione definita - è quello di consentire agli aderenti di disporre, all atto del pensionamento, di prestazioni pensionistiche complementari del sistema obbligatorio. Il Fondo ha recentemente variato il proprio Statuto, onde consentire l adesione a tutti i dipendenti delle società dei Gruppi BNL e BNP Paribas in Italia e ai loro familiari fiscalmente a carico. Il Fondo, ad altissimo tasso di adesione, gestisce i contributi versati dai lavoratori, dal datore di lavoro e l eventuale TFR e vanta un patrimonio complessivo di circa 90 milioni di euro. 3. Analisi dei bisogni previdenziali e assistenziali della popolazione del Fondo al fine della costruzione di un sistema di welfare integrato Il primo passo compiuto dal WG è stato l analisi dei bisogni previdenziali ed assistenziali dei lavoratori iscritti al Fondo, con l obiettivo di pervenire alla loro suddivisione in classi omogenee. I bisogni di welfare integrato presi in considerazione sono stati: 2

3 prestazione previdenziale complementare; riduzione dell orario di lavoro in prossimità del raggiungimento del requisito anagrafico previsto per la prestazione pensionistica di vecchiaia; inoccupazione; assistenza sanitaria; non autosufficienza da iscritto attivo e da pensionato; anticipazioni. Alla luce dei bisogni identificati, sono state individuate le classi di bisogno rappresentate nella Tabella 1. All interno di ogni classe sono state individuate le possibili prestazioni, tenendo conto delle necessità corrispondenti, distinte nelle due componenti, previdenziale e assistenziale. Infine sono state ipotizzate le possibili fonti di finanziamento. I risultati dell analisi sono presentati nella Tabella 2. Tabella 1 Classe di bisogni Identificazioni di classi omogenee di età per bisogni di welfare integrato Definizione Caratteristiche Età di ingresso Età di uscita I Ingresso in attività Periodo di apprendistato o di contratto a tempo determinato 20/30 anni 25/35 anni II Lavoratore standard Contratto a tempo indeterminato 25/35 anni 60/62 Riduzione delle ore di lavoro o uscita III Lavoratore anziano dall attività SENZA il diritto alla 60/62 66/67 prestazione pensionistica di base IV Pensionato giovane Percezione della pensione INPS 66/67 76/78 V Pensionato anziano Probabile minore autonomia 76/78 3

4 Tabella 2 Possibili prestazioni di welfare integrato per classi di età omogenee, distinte per classi di età omogenee per bisogni di welfare integrato Classe di bisogno I II III IV V Bisogno legato alla previdenza integrativa Bisogno legato all assistenza integrativa Prestazione Finanziamento Prestazione Finanziamento Acquisto I casa Spese studi figli Anticipi Pensione temporanea Nessuna prestazione integrativa Pensione integrativa vitalizia azienda (1) TFR (1) azienda TFR (ridotto) azienda (2) TFR (2) dall attività SENZA il diritto a prestazione pensionistica di base Nessun contributo Nessun contributo (1) Non obbligatorio, ma inserito in un accoro fra le parti. (2) Il contributo potrebbe essere previsto anche in misura ridotta. LTC da attivo Copertura previdenziale per periodi di disoccupazione (es. 6 mesi di contributo) LTC da attivo Copertura previdenziale per periodi di disoccupazione (es. 6 mesi di contributo) LTC da attivo LTC da pensionato Maggiorazione ulteriore della pensione integrativa per LTC azienda azienda azienda azienda azienda. Si evidenzia che nello schema presentato nella Tabella 2 le anticipazioni e i riscatti intervenuti prima del termine sono stati inseriti solo per alcune casistiche e solo in alcune classi, poiché da una prima analisi si ritiene che il miglior funzionamento di un welfare integrato escluda l utilizzo generalizzato di questi istituti, da considerare quindi come interventi eccezionali e non ordinari. Il WG ha convenuto di procedere all analisi delle possibilità di copertura dei singoli bisogni per passi successivi, valutando volta per volta singole soluzioni. In merito all ordine degli argomenti da considerare si è convenuto di analizzare in via prioritaria i bisogni delle generazioni vicine all età del pensionamento (Classe III) e, successivamente, l intero sistema di welfare. 4. Approfondimento circa le coperture destinate ai lavoratori anziani (Classe III) Il primo approfondimento effettuato dal WG ha evidenziato interessanti elementi in merito alle possibili soluzioni praticabili all interno di un fondo pensione per l erogazione di una prestazione in rendita temporanea, per far fronte con immediatezza all eventuale 4

5 riduzione/assenza di reddito lavorativo negli anni antecedenti alla maturazione del diritto alla prestazione pensionistica INPS. Il finanziamento della suddetta prestazione è realizzato tramite l utilizzo di parte del montante individuale accumulato presso il Fondo: a tal fine sono state considerate due diverse ipotesi di utilizzo di parte del montante predetto, legate alla possibile aspettativa di reddito dell iscritto in conseguenza di una riduzione totale o parziale dell orario di lavoro: - 30% montante (questa scelta tiene conto della possibilità offerta dalla normativa di ottenere l anticipazione dopo 8 anni di permanenza nel Fondo); - 50% del montante. Le soluzioni intermedie sono peraltro facilmente calcolabili riproporzionando i risultati relativi alle due ipotesi considerate. Allo scopo di rafforzare la funzione del Fondo complementare quale risorsa cui rivolgersi per la copertura dei bisogni individuali e tenendo conto della circostanza che, anche per effetto della riforma Fornero, le prestazioni pensionistiche di base saranno comunque sufficienti per gli appartenenti alla classe IV (pensionato giovane ), si è inoltre studiata, al raggiungimento del diritto pensionistico e, quindi, della possibilità di utilizzare il montante residuo, una soluzione alternativa alla rendita vitalizia immediata. Si è pertanto valutata la possibilità di un differimento ulteriore dell erogazione della rendita erogata da parte del Fondo pensione, al fine di ottenere un maggiore importo della rendita stessa, anche in funzione delle possibili future esigenze connesse all ingresso nella Classe V, pensionato anziano. Le valutazioni sono state condotte su alcuni casi-tipo individuati fra quelli più rappresentativi della collettività degli iscritti al Fondo Pensioni considerato. 4.1 Principali caratteristiche dei casi tipo individuati Per individuare i casi tipo, su cui effettuare le valutazioni, la popolazione degli iscritti al Fondo è stata suddivisa in 3 gruppi (generazioni), tenendo conto della distanza dal pensionamento: generazione 1: attivi che usciranno dalla collettività dei lavoratori per maturazione dei diritti alla prestazione INPS nei prossimi 10/12 anni; generazione 2: attivi che usciranno dalla collettività dei lavoratori per maturazione dei diritti alla prestazione INPS dopo i prossimi 10/12 anni, ma entro i prossimi 20/25 anni; generazione 3: attivi che usciranno dalla collettività dei lavoratori per maturazione dei diritti alla prestazione INPS successivamente ai prossimi 20/25 anni. Per ciascuna generazione sono quindi stati individuati i seguenti casi-tipo, per i quali è stata calcolata la prestazione: Generazione di Età ad Età per il Montante accumulato Reddito attivi oggi pensionamento INPS ad oggi 1 Quadro ,00 Impiegato ,00 2 Quadro ,00 Impiegato ,00 3 Quadro (nuovo ingresso) Impiegato (nuovo ingresso) 5

6 4.2 Il quadro di ipotesi Le ipotesi demografiche ed economico-finanziarie adottate per le elaborazioni sono le seguenti: - requisito anagrafico per il conseguimento della pensione di vecchiaia previsto dalla legge n. 214/2011; aggiornato come previsto dalla normativa tenendo conto dei miglioramenti della speranza di vita a 65 anni riscontrati nelle tavole di mortalità proiettate predisposte dall ISTAT per gli anni (scenario centrale); - tasso annuo reale di rendimento dei montati: 2%; - contributo futuro al Fondo: 2% iscritto, 4% azienda, 100% TFR - coefficienti di trasformazione per la rendita temporanea calcolati utilizzando la formula della rendita temporanea certa (da corrispondere certamente anche agli eredi) al tasso tecnico del 2,5%; - coefficienti di trasformazione per la rendita vitalizia calcolati utilizzando le tavole di mortalità proiettate e selezionate IPS55 al tasso tecnico 2,5%; - anni di corresponsione della rendita temporanea: 4; - percentuale del montante considerata per il calcolo della rendita temporanea: a) 30% in caso di riduzione del reddito lavorativo (per esempio in caso di riduzione dell orario di lavoro) ; b) 50% - tasso annuo di inflazione: nullo. Le valutazioni sono state realizzate senza considerare un ipotesi inflativa; tutti i risultati sono quindi espressi a moneta costante. Si precisa che è stato ipotizzato certo il raggiungimento del requisito di vecchiaia. L analisi è stata completata con l inserimento della prestazione pensionistica derivante dal montante residuo in due ipotesi: - all epoca della maturazione del diritto alla prestazione INPS - in caso di differimento del momento di percezione della rendita vitalizia del Fondo di 7 anni dalla maturazione del diritto alla prestazione INPS. I valori ottenuti sono esposti nelle tabelle che seguono. - IPOTESI a): 30% di anticipo Come primo risultato, per valutare la consistenza del possibile supporto del Fondo in caso di riduzione dell orario di lavoro nei quattro anni antecedenti al raggiungimento del requisito per la pensione INPS, è stato calcolato il possibile ammontare di una rendita temporanea percepita per 4 anni utilizzando il 30% del montante accumulato fino a quel momento. Nella Tabella 3 si riporta il valore della rendita e il rapporto con l ultima retribuzione (tasso di sostituzione). Come si evince dalla Tabella 3, il valore della rendita del Fondo è sicuramente più congruo per gli iscritti con una età di uscita maggiore (per effetto dello spostamento del requisito di età per la pensione di vecchiaia) e un periodo maggiore di permanenza nel Fondo. Ciò nondimeno anche le rendite previste per i lavoratori più anziani sono comunque interessanti per la copertura del bisogno considerato. 6

7 A completamento dell analisi, si riporta nella Tabella 4 il possibile valore della rendita residua erogabile dal Fondo complementare all atto della maturazione del diritto alla pensione di base. Anche in questo caso per gli iscritti più vicini all età, al pensionamento la rendita risulta di importo più contenuto. Per proseguire nell esame della possibile funzione del Fondo come ausilio per coprire bisogni di welfare integrato, si è ipotizzando di posticipare la prestazione complementare all ingresso nella classe di bisogno V. La qual cosa, al fine di pervenire all erogazione di una prestazione più consistente e proteggere il maggior bisogno dovuto alla parziale perdita di autonomia prevedibile in quella classe. Il differimento considerato è di 7 anni dalla percezione della prestazione pensionistica INPS: al termine del periodo di differimento è stata valutata la rendita integrativa vitalizia erogabile dal Fondo. I risultati sono riportati nella Tabella 5 e dimostrano come un differimento della rendita porta a prestazioni del Fondo estremamente interessanti per la copertura di eventuali bisogni legati alla non autosufficienza, in tutti i casi analizzati. - IPOTESI b): 50% di anticipo I valori delle rendite e i relativi tassi di sostituzione sono stati calcolati anche in caso di anticipo del 50% del montante accumulato alla data ipotizzata di inizio della riduzione dell orario lavorativo, 4 anni prima del raggiungimento del requisito per la prestazione pensionistica base di vecchiaia. Il valore della rendita temporanea percepita per 4 anni utilizzando il 50% del montante accumulato fino a quel momento è riportato nella Tabella 6, mentre la Tabella 7 riporta il possibile valore della rendita residua percepita alla maturazione del diritto alla pensione INPS. Anche in questo caso si è valutato il valore della rendita ottenibile posticipando di 7 anni la prestazione complementare, al momento di ingresso dell iscritto nella classe di bisogno V. Nella Tabella 8 è riportata la rendita integrativa vitalizia erogabile dal Fondo. Dal confronto fra le due ipotesi operative analizzate, considerando in particolare i casi degli iscritti più anziani, vicini al pensionamento, emerge come la rendita calcolata con un anticipazione del 30% del montante potrebbe non essere sufficiente ai fini della garanzia di reddito complessivo necessaria. Al riguardo va peraltro considerato come le generazioni in questione siano più garantite sotto il profilo della pensione pubblica e quindi ragionevolmente avranno necessità più contenute in termini di rendita di secondo pilastro. Da ultimo va sottolineato come poter prevedere l utilizzo di parte del montante per coperture di welfare potrebbe rappresentare un disincentivo alla richiesta di anticipazione per motivi non connessi ad un effettivo bisogno coerentemente con i principi ispiratori di un sistema di previdenza complementare. 7

8 IPOTESI a): 30% di anticipo Tabella 3 Rendita temporanea finanziata con il 30% del montante assicurato Età ad Età di percezione della Rendita annua erogata Rapporto con oggi pensione temporanea (12 rate mensili valore annuale) ultima retribuzione Quadro % Impiegato % Quadro % Impiegato % Quadro % Impiegato % Tabella 4 Rendita vitalizia del Fondo pensione da erogare al raggiungimento del requisito per il diritto a pensione INPS (Classe di bisogno IV) Età ad Età di percezione della Rendita annua erogata Rapporto con ultima oggi pensione temporanea (12 rate mensili valore annuale) retribuzione Quadro % Impiegato % Quadro % Impiegato % Quadro % Impiegato % Tabella 5 Rendita vitalizia differita del Fondo pensione da erogare ad un pensionato anziano (Classe di bisogno V) Età ad Età di percezione della Rendita erogata Rapporto con ultima oggi pensione temporanea (12 rate mensili valore annuale) retribuzione Quadro % Impiegato % Quadro % Impiegato % Quadro % Impiegato % 8

9 IPOTESI b): 50% di anticipo Tabella 6 Rendita temporanea finanziata con l utilizzo del 50% del montante assicurato Età ad Età di percezione della Rendita erogata Rapporto con oggi pensione temporanea (12 rate mensili valore annuale) ultima retribuzione Quadro % Impiegato % Quadro % Impiegato % Quadro % Impiegato % Tabella 7 Rendita vitalizia del Fondo pensione da erogare al raggiungimento del requisito per il diritto a pensione INPS (Classe di bisogno IV) Età ad Età di percezione della Rendita erogata Rapporto con oggi pensione temporanea (12 rate mensili valore annuale) ultima retribuzione Quadro % Impiegato % Quadro % Impiegato % Quadro % Impiegato % Tabella 8 Rendita vitalizia differita del Fondo pensione da erogare ad un pensionato anziano (Classe di bisogno V) Età ad Età di percezione della Rendita erogata Rapporto con oggi pensione temporanea (12 rate mensili valore annuale) ultima retribuzione Quadro % Impiegato % Quadro % Impiegato % Quadro % Impiegato % 9

Studio di un progetto di welfare integrativo

Studio di un progetto di welfare integrativo Associazione Italiana per la Previdenza e Assistenza Complementare PREVIDENZA E ASSISTENZA: PROPOSTE PER UN APPROCCIO INTEGRATO Studio di un progetto di welfare integrativo Attuario Attuario Indice Di

Dettagli

WELFARE INTEGRATO: QUALCOSA PIÙ DI UN IDEA

WELFARE INTEGRATO: QUALCOSA PIÙ DI UN IDEA Associazione Italiana per l Previdenza e Assistenza Complementare Giornata Nazionale della Previdenza Milano, Palazzo Mezzanotte 15 maggio 2015 WELFARE INTEGRATO: QUALCOSA PIÙ DI UN IDEA Indice Di cosa

Dettagli

PROGETTO ESEMPLIFICATIVO FEELGOOD

PROGETTO ESEMPLIFICATIVO FEELGOOD PROGETTO ESEMPLIFICATIVO FEELGOOD Feelgood realizza una forma di previdenza per l erogazione di un trattamento pensionistico complementare, che potrà essere erogato all aderente in base a quanto disposto

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM STIMA DELLA PENSIONE COMPLEMENTARE (PROGETTO ESEMPLIFICATIVO STANDARDIZZATO)

FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM STIMA DELLA PENSIONE COMPLEMENTARE (PROGETTO ESEMPLIFICATIVO STANDARDIZZATO) FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1070 STIMA DELLA PENSIONE COMPLEMENTARE (PROGETTO ESEMPLIFICATIVO STANDARDIZZATO) (AGGIORNAMENTO DEL 19 DICEMBRE 2014)

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Il 1 gennaio 2007 è entrato in vigore il d. lgs. 252/05 e i lavoratori, compresi i soci delle cooperative di lavoro, avranno 6 mesi

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 31 gennaio 2008 Istruzioni per la redazione del Progetto esemplificativo: stima della pensione complementare LA COVIP Visto il decreto

Dettagli

La Previdenza Complementare

La Previdenza Complementare La Previdenza Complementare Il sistema previdenziale italiano pagina 1 Indice Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare L adesione a previdenza complementare Le prestazioni della previdenza

Dettagli

aderente a ICEM ITGLWF EMCEF ETUF TCL

aderente a ICEM ITGLWF EMCEF ETUF TCL aderente a ICEM ITGLWF EMCEF ETUF TCL LA PREVIDENZA dopo la RIFORMA MONTI in pillole I SISTEMI PENSIONISTICI VIGENTI Il sistema contributivo Soggetti assicurati dall 1.1.96. Il sistema misto Soggetti con

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

Riforma pensionistica e fondi pensione: un nuovo sistema di welfare. Università degli Studi di Milano Bicocca 14/05/2013

Riforma pensionistica e fondi pensione: un nuovo sistema di welfare. Università degli Studi di Milano Bicocca 14/05/2013 Riforma pensionistica e fondi pensione: un nuovo sistema di welfare Università degli Studi di Milano Bicocca 14/05/2013 Il sistema previdenziale italiano SISTEMA PREVIDENZIALE I PILASTRO II PILASTRO III

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

Docente: Alessandro Bugli

Docente: Alessandro Bugli Docente: Alessandro Bugli Rapporto patrimonio / PIL dei fondi pensione Paesi OCSE anno 2012 Fonte: OECD Global Pension Statistics - 2012 Rapporto patrimonio / PIL dei fondi pensione Paesi OCSE anno 2012

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Premessa: perché la previdenza complementare? 2. La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2. I fondi pensione 4

Premessa: perché la previdenza complementare? 2. La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2. I fondi pensione 4 GUIDA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Premessa: perché la previdenza complementare? 2 La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2 I fondi pensione 4 Il funzionamento dei fondi pensione 5 Come si finanziano

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare www.logicaprevidenziale.it A Albo (delle forme pensionistiche complementari): Elenco ufficiale tenuto dalla COVIP cui le forme pensionistiche

Dettagli

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza Bisogn0 di gestione dei rischi puri Assicurazione previdenza Bisogni e prodotti BISOGNI PRODOTTI Assicurazione (unità in surplus) Previdenza (unità in surplus) Assicurazione (unità in deficit) Polizze

Dettagli

STIMA DELLA PENSIONE COMPLEMENTARE FONDO PENSIONE APERTO AVIVA

STIMA DELLA PENSIONE COMPLEMENTARE FONDO PENSIONE APERTO AVIVA STIMA DELLA PENSIONE COMPLEMENTARE FONDO PENSIONE APERTO AVIVA Il Progetto esemplificativo è uno strumento che fornisce agli Aderenti delle indicazioni sulla possibile evoluzione della Posizione individuale

Dettagli

I v a v n a t n a t gg g i i de d l e l l a l p ev e i v d i e d n e z n a c m o pl p e l m e en e t n a t r a e

I v a v n a t n a t gg g i i de d l e l l a l p ev e i v d i e d n e z n a c m o pl p e l m e en e t n a t r a e I vantaggi della previdenza complementare 1 Oggi dimostreremo al di là di ogni ragionevole dubbio che i fondi pensione contrattuali sono Necessari Convenienti Da diffondere 2 L evoluzione del sistema pensionistico

Dettagli

COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE. Informazioni di approfondimento

COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE. Informazioni di approfondimento COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE Informazioni di approfondimento Come vengono gestiti i versamenti ai fondi pensione complementare? Prima dell adesione

Dettagli

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico Fondo Pensione (iscrizione all Albo COVIP n.5005) Stima della pensione complementare Progetto

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico Fondo Pensione (iscrizione all Albo COVIP n.5005) Stima della pensione complementare Progetto VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico Fondo Pensione (iscrizione all Albo COVIP n.5005) Stima della pensione Progetto esemplificativo standardizzato Pagina 2 di 6 - Pagina Stima della bianca

Dettagli

Progetto esemplificativo: stima della pensione complementare

Progetto esemplificativo: stima della pensione complementare Progetto esemplificativo: stima della pensione complementare Fondo Pensione Aperto Aureo a contribuzione Definita - iscrizione albo covip n 53 S.G.R.p.A. Stima della Pensione Complementare PROGETTO ESEMPLIFICATIVO

Dettagli

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP)

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) LO SCOPO Il FIP qui descritto è una forma pensionistica complementare individuale di tipo assicurativo, ché ha lo scopo di consentire all aderente di attivare un piano

Dettagli

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione 1 L ADESIONE L adesione alle forme pensionistiche complementari è libera e volontaria 2 L ADESIONE SI PUO ADERIRE A FONTEMP: IN MANIERA

Dettagli

FONDO PENSIONE CARIVE

FONDO PENSIONE CARIVE FONDO PENSIONE CARIVE OGNI INVESTITORE DEVE DECIDERE SE PREFERISCE MANGIARE BENE O DORMIRE BENE Documentazione ad esclusivo uso interno Vietata la riproduzione anche parziale S O M M A R I O 1. Prestazioni

Dettagli

UNICREDIT PREVIDENZA P.I.P. CRV PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE

UNICREDIT PREVIDENZA P.I.P. CRV PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE UNICREDIT PREVIDENZA P.I.P. CRV PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE DI CREDITRAS VITA S.P.A. STIMA DELLA PENSIONE COMPLEMENTARE Il Progetto Esemplificativo è uno strumento

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

FONDI INTERNI ASSICURATIVI

FONDI INTERNI ASSICURATIVI Aviva top pension - PIANO INDIVIDU ALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE TARIFFA PX4 - PC1 STIMA DELLA PENSIONE COMPLEMENTARE Il Progetto esemplificativo è uno strumento che fornisce

Dettagli

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria LIBERA Confederazione Sindacale Li.Co.S. Sede nazionale Via Garibaldi, 45-20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.: 02 / 39.43.76.31. Fax: 02 / 39.43.75.26. e-mail: sindacatolicos@libero.it IL NUOVO TFR, GUIDA

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede Legale: Viale A. Marchetti, 111 00148 Roma Uffici: Piazza Fernando de Lucia, 37 00139 Roma Telefono: 06/88291308 Telefax: 06/8803298

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare

Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare Agenda La funzione della previdenza complementare Caratteristiche e modalità di funzionamento Tipologia di forme pensionistiche complementari

Dettagli

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni La nuova Previdenza: riforma e offerta Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni Previdenza: situazione attuale 140 Alcuni fattori rilevanti: 120 100 80 22 2015 pensionamento persone nate

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE CIPAG IL FONDO PENSIONE FUTURA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE CIPAG IL FONDO PENSIONE FUTURA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE CIPAG IL FONDO PENSIONE FUTURA Problem Setting Perché è importante disporre in vecchiaia di un assegno pensionistico adeguato? Come garantire nel tempo agli iscritti un dignitoso

Dettagli

Roberto Alazraki, Presidente di Europa Benefits Srl TFR, FONDO PENSIONE E WELFARE Soluzioni efficaci Starhotel Ritz Milano 12/04/2007

Roberto Alazraki, Presidente di Europa Benefits Srl TFR, FONDO PENSIONE E WELFARE Soluzioni efficaci Starhotel Ritz Milano 12/04/2007 1 2 automatica deducibilità dal reddito di impresa del 4% (6% per le aziende con meno di 50 dipendenti) del TFR conferito, il che equivale a circa 0,28% - 0,42% del monte retributivo; risparmio dello 0,20%

Dettagli

Stima della pensione complementare

Stima della pensione complementare Stima della pensione complementare Progetto Esemplificativo Standardizzato Modello ISPP-IMDPES - Ed. 10/2014 Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 84 Istituito da Intesa Sanpaolo Previdenza Sim

Dettagli

37.000 NUCLEI FAMILIARI ASSISTITI, DIPENDENTI E COLLABORATORI EURO 96.000.000,00 DI CONTRIBUTI ANNUI A FONDI PENSIONE E CASSE SANITARIE

37.000 NUCLEI FAMILIARI ASSISTITI, DIPENDENTI E COLLABORATORI EURO 96.000.000,00 DI CONTRIBUTI ANNUI A FONDI PENSIONE E CASSE SANITARIE 1 I NOSTRI 242 CLIENTI IL NOSTRO TURN OVER (IN MIGLIAIA DI EURO) 72 Banche italiane 15 Banche estere 98 Società espressione di Banche 2 Sindacati/Associazioni 40 Aziende non bancarie 13 Studi associati/professionali

Dettagli

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa, autorizzate e

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti SISTEMI PENSIONISTICI A RIPARTIZIONE I contributi lavoratore versati servono oggidal pagare oggile pensioni a essere

Dettagli

DOCUMENTO SULLE RENDITE FONDO PENSIONE FONDENERGIA

DOCUMENTO SULLE RENDITE FONDO PENSIONE FONDENERGIA DOCUMENTO SULLE RENDITE FONDO PENSIONE FONDENERGIA Redatto in conformità allo schema di Nota Informativa deliberato dalla Covip in data 31.10.06 Allegato Nota Informativa depositata presso la Covip in

Dettagli

CONFEDERAZIONE GENERALE UNITARIA CGU - CISAL. Segreteria Regionale Friuli Venezia Giulia. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni.

CONFEDERAZIONE GENERALE UNITARIA CGU - CISAL. Segreteria Regionale Friuli Venezia Giulia. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni. Premessa Perseo è il Fondo Nazionale pensione complementare destinato a tutti i lavoratori delle Regioni, delle Autonomie Locali e della Sanità. Nasce con l obiettivo

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Life Insurance Italia S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto SCHEDA SINTETICA La presente Scheda Sintetica costituisce parte integrante della Nota Informativa. Essa è redatta al fine di facilitare

Dettagli

Formazione Laborfonds

Formazione Laborfonds Formazione Laborfonds Giorgio Valzolgher Direttore Generale 11.03.2010 1 + + + + Temi + Il sistema previdenziale + Laborfonds + Contribuzione + Gestione finanziaria + Rendimenti + Prestazioni + Comunicazione

Dettagli

GENERAFUTURO Piano individuale pensionistico Fondo Pensione (iscrizione all Albo COVIP n. 5095) Stima della pensione complementare Progetto

GENERAFUTURO Piano individuale pensionistico Fondo Pensione (iscrizione all Albo COVIP n. 5095) Stima della pensione complementare Progetto GENERAFUTURO Piano individuale pensionistico Fondo Pensione (iscrizione all Albo COVIP n. 5095) Stima della pensione Progetto esemplificativo standardizzato Pagina 2 di 6 - Pagina Stima sulla bianca pensione

Dettagli

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli. Centro Studi Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 5/2007 Napoli, lì 9 marzo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti a DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Regime fiscale dei contributi (applicabile anche ai soggetti iscritti alla data del

Dettagli

PIP - OBIETTIVO PENSIONE

PIP - OBIETTIVO PENSIONE PIP - OBIETTIVO PENSIONE Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo-fondo pensione (Iscritto all Albo Covip al n 5035) Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Dettagli

"La rendita nella previdenza complementare Mercoledì 24 ottobre 2012. Gender Directive: impatti sui fondi pensione (l anomalia del caso italiano)

La rendita nella previdenza complementare Mercoledì 24 ottobre 2012. Gender Directive: impatti sui fondi pensione (l anomalia del caso italiano) CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI "La rendita nella previdenza complementare Mercoledì 24 ottobre 2012 Gender Directive: impatti sui fondi pensione (l anomalia del caso italiano) Ordine degli Attuari Indice

Dettagli

DOCUMENTO SULLE RENDITE

DOCUMENTO SULLE RENDITE DOCUMENTO SULLE RENDITE Redatto in conformità allo schema di Nota Informativa deliberato dalla Covip in data 31.10.06 Avvertenza: questo documento ha lo scopo di fornire elementi idonei a facilitare l

Dettagli

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 4 Cara lavoratrice, caro lavoratore come certamente saprai, dal primo gennaio è

Dettagli

Nota informativa per i potenziali aderenti

Nota informativa per i potenziali aderenti Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1241 Nota informativa per i potenziali aderenti La presente Nota informativa si compone delle seguenti quattro sezioni: Scheda sintetica Caratteristiche della

Dettagli

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PERSEO, il Fondo pensione complementare dei dipendenti delle Regioni, Autonomie locali e della Sanità Chi può aderire PERSEO può contare su una platea di potenziali

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese 23 domande 23 risposte Oggi un progetto per il futuro Avvertenza: Il presente opuscolo ha carattere divulgativo e non

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (A) Regime fiscale applicabile agli iscritti a partire dal 1 gennaio 2007ed ai contributi versati dal 1 gennaio 2007dai lavoratori già iscritti 1. I Contributi 1.1 Il regime

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

13 lezione il sistema della previdenza

13 lezione il sistema della previdenza 13 lezione il sistema della previdenza Legislazione sociale del lavoro Legislazione sociale preventiva PREVIDENZA assistenza Statuto dei lavoratori Privacy Sicurezza 1 La previdenza sociale è una branca

Dettagli

SCHEDA SINTETICA (dati aggiornati al 30-4-2015)

SCHEDA SINTETICA (dati aggiornati al 30-4-2015) FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE DEI GIORNALISTI ITALIANI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DEL SETTORE DEI GIORNALISTI PROFESSIONISTI,PUBBLICISTI E PRATICANTI SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA

Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA * " &$ #+ ( " ', & $ - "$. /$!& /$!& /$!& /$!& + $$!&$ #,!& '!! " #$ %& $ ' ( )( & &$ )($$&! " )( $ )( gennaio 2007 2 Normativa di riferimento:

Dettagli

Stima della pensione complementare. (Progetto esemplificativo standardizzato)

Stima della pensione complementare. (Progetto esemplificativo standardizzato) Iscritto all Albo dei Fondi Pensione - I Sezione Speciale - Fondi Pensione Preesistenti - numero 1417 Premessa La redazione del presente Progetto esemplificativo trae origine da una deliberazione della

Dettagli

Fondo pensione aperto iscritto all'albo COVIP al n. 153. Stima della pensione complementare (Progetto esemplificativo standardizzato)

Fondo pensione aperto iscritto all'albo COVIP al n. 153. Stima della pensione complementare (Progetto esemplificativo standardizzato) UBI PREVIDENZA Relativo alle Adesioni collettive ricadenti nell ambito di applicazione dell Art. 30-Bis del Decreto Legislativo 11 Aprile 2006, N. 198 (Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a

Dettagli

NOTA INFORMATIVA AI LAVORATORI

NOTA INFORMATIVA AI LAVORATORI NOTA INFORMATIVA AI LAVORATORI LA RIFORMA DEL TFR informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 8, comma 8 del D.Lgs. 252/2005 Egregio dipendente, con la presente vogliamo informarla che a partire

Dettagli

DOCUMENTO SULLE RENDITE Aggiornato al 23/06/2015

DOCUMENTO SULLE RENDITE Aggiornato al 23/06/2015 DOCUMENTO SULLE RENDITE Aggiornato al 23/06/2015 Per l erogazione della rendita COMETA ha stipulato, al termine della selezione prevista dalla normativa, una convenzione assicurativa, in vigore fino al

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

PROGETTO ESEMPLIFICATIVO FONDO PENSIONE APERTO TESEO (Fondo pensione aperto iscritto all'albo COVIP al n. 17)

PROGETTO ESEMPLIFICATIVO FONDO PENSIONE APERTO TESEO (Fondo pensione aperto iscritto all'albo COVIP al n. 17) PROGETTO ESEMPLIFICATIVO FONDO PENSIONE APERTO TESEO (Fondo pensione aperto iscritto all'albo COVIP al n. 17) Il Fondo Pensione Aperto TESEO realizza una forma di previdenza per l erogazione di un trattamento

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al Fondo Pensione Fondo Pensione Gruppo Cariparma Crédit Agricole. Il Fondo Pensione Gruppo

Dettagli

LA SCELTA SULLA DESTINAZIONE DEL TFR

LA SCELTA SULLA DESTINAZIONE DEL TFR Ai lavoratori dipendenti della Cooperativa Sociale Terr.A. Idee e servizi di animazione nel territorio Prot. Padova, MODULISTICA ED INFORMATIVA PER L INDICAZIONE ALLA COOPERATIVA DELLA SCELTA SULLA DESTINAZIONE

Dettagli

Stima della pensione complementare

Stima della pensione complementare Stima della pensione complementare Progetto Esemplificativo Standardizzato Modello ISPP-PSPES - Ed. 10/2014 Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 10 Istituito da Intesa Sanpaolo Previdenza Sim

Dettagli

Stima della pensione complementare

Stima della pensione complementare Stima della pensione complementare Progetto Esemplificativo Standardizzato Modello ISPP-IMPPES - Ed. 10/2014 Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 14 Istituito da Intesa Sanpaolo Previdenza Sim

Dettagli

L applicazione generalizzata del metodo contributivo: problematiche tecnico attuariali

L applicazione generalizzata del metodo contributivo: problematiche tecnico attuariali FONPREVIDENZA Associazione Italiana per la Previdenza e Assistenza Complementare Fondazione di Studi per la Previdenza e l Assistenza Complementare La nuova riforma delle pensioni: analisi e Prospettive

Dettagli

Previdenza Complementare

Previdenza Complementare Previdenza Complementare I GEOMETRI SONO PRONTI CONVEGNO LUOGO, GIORNO MESE ANNO GIORNATA NAZIONALE DELLA PREVIDENZA MILANO, 11 MAGGIO 2012 PROBLEM SETTING Perché è importante disporre in vecchiaia di

Dettagli

Il tuo Fondo per la tua pensione complementare

Il tuo Fondo per la tua pensione complementare Il tuo Fondo per la tua pensione complementare PRINCIPALI CARATTERISTICHE Fondo Nazionale Pensione Complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori

Dettagli

L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative e proposte di soluzione: aspetti attuariali

L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative e proposte di soluzione: aspetti attuariali Associazione Italiana per la Previdenza e Assistenza Complementare LA SOLVIBILITÀ DEI FONDI PENSIONE: NORMATIVA ITALIANA E SITUAZIONE IN AMBITO UE L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al Fondo Pensione per il Personale delle Società Parabancarie e Interbancarie del Gruppo

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

La riforma delle pensioni

La riforma delle pensioni La riforma delle pensioni A partire dal 1 gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo. Il

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR 1 SISTEMA PENSIONISTICO ATTUALE 1^ PILASTRO: previdenza obbligatoria (Inps,Inpdap,Casse professionali ecc ) ASSICURA LA PENSIONE BASE 2^ PILASTRO

Dettagli

Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica. SCHEDA SINTETICA Informazioni chiave per gli aderenti (in vigore dal ******)

Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica. SCHEDA SINTETICA Informazioni chiave per gli aderenti (in vigore dal ******) Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica OMEGA FONDO P E N S I O N E N E G O Z I A L E P E R I L A V O R A T O R I D E L S E T T O R E ALFA ( O M E G A ) iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA

FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA MI MANCANO POCHI ANNI DI LAVORO AL PENSIONAMENTO. MI CONVIENE ISCRIVERMI AD UNA FORMA PENSIONSITICA COMPLEMENTARE? Non esistono reali controindicazioni all'adesione

Dettagli

Helvetia Pensione Completa Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione - iscritto all Albo COVIP al n. 5.

Helvetia Pensione Completa Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione - iscritto all Albo COVIP al n. 5. Helvetia Pensione Completa Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione - iscritto all Albo COVIP al n. 5.061 Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Dettagli

SCHEDA SINTETICA (dati aggiornati al 30/04/2014)

SCHEDA SINTETICA (dati aggiornati al 30/04/2014) FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE DEI GIORNALISTI ITALIANI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DEL SETTORE DEI GIORNALISTI PROFESSIONISTI,PUBBLICISTI E PRATICANTI SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti.

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti. Fondo Pensione CAIMOP Via C.Pavese 360 00144 Roma Tel.065022185 Fax 065022190 www.caimop.it A seguito dell entrata in vigore del Dlgs. 5 dicembre 2005 n.252, dal 1 gennaio 2007 ciascun lavoratore dipendente

Dettagli

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE Informazioni generali Lo scopo La costruzione della pensione complementare Il modello di governance La contribuzione Il TFR La quota a carico dell

Dettagli

Comunicazione e promozione della Previdenza Complementare

Comunicazione e promozione della Previdenza Complementare Comunicazione e promozione della Previdenza Complementare INCA PERCHE? Per una maggiore responsabilizzazione ai fini previdenziali Non dimostrarsi neutrale rispetto alla convenienza COME? Quanto mi costa

Dettagli

Tecnica bancaria programma II modulo

Tecnica bancaria programma II modulo Tecnica bancaria programma II modulo Università degli Studi di Trieste Facoltà di Economia e Commercio Deams Dipartimento di Economia Aziendale Matematica e Statistica Tecnica Bancaria 520EC Marco Galdiolo

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

Nel TUO. scoprilo adesso. c è un DIRITTO in più: contratto di lavoro FOND

Nel TUO. scoprilo adesso. c è un DIRITTO in più: contratto di lavoro FOND FOND PERSEO SIRIO Il Fondo pensione complementare dei lavoratori della P.A. e della Sanità Nel TUO contratto di lavoro c è un DIRITTO in più: scoprilo adesso PERSEO SIRIO è il Fondo pensione complementare

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

PROGETTO ESEMPLIFICATIVO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo pensione. (iscritto all'albo COVIP al n. 5053)

PROGETTO ESEMPLIFICATIVO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo pensione. (iscritto all'albo COVIP al n. 5053) PROGETTO ESEMPLIFICATIVO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo pensione (iscritto all'albo COVIP al n. 5053) Feelgood realizza una forma di previdenza per l erogazione di un trattamento

Dettagli

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche 2 modulo Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche Riferimento bibliografico: capitolo 1 A cura di Luca Santamaria 1 I principali riferimenti della lezione I diversi sistemi pensionistici

Dettagli

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE Via di S. Croce in Gerusalemme, 63 00185 Roma Tel. +039 06 77205055 Fax 06 77591946 www.artifond.it FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE a) GENERALITÀ SUL FONDO CHE COS È UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE?

Dettagli

Stima della pensione complementare

Stima della pensione complementare Stima della pensione complementare Progetto Esemplificativo Standardizzato Modello ISPP-GIUPES - Ed. 10/2014 Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 70 Istituito da Intesa Sanpaolo Previdenza Sim

Dettagli

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali 2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali RIFORMA TFR E PREVIDENZA INTEGRATIVA Sarebbero dovute entrare in vigore il prossimo anno, il 2008. Con un anno di anticipo,

Dettagli