Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato"

Transcript

1 Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Edizione 2010 con il supporto tecnico-scientifico di

2 Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Il presente studio sul mercato del caciocavallo silano DOP è stato realizzato dall Unioncamere Molise con il supporto tecnico scientifico di Borsa Merci Telematica Italiana S.C.p.A. Unioncamere Molise Presidente: Paolo di Laura Frattura Direttore: Lorella Palladino Borsa Merci Telematica Italiana S.C.p.A. Presidente: Francesco Bettoni Direttore: Annibale Feroldi Gruppo di lavoro BMTI Gianluca Pesolillo (responsabile studio), Giampaolo Nardoni, Antonella Guzzon, Ilaria Romano, Maria Carmela Somma, Carla Bologna. Ricercatore esterno: Carmela Mennella

3 2 Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato

4 Sommario Prefazione... 5 Introduzione Il formaggio: storia e classificazione Definizione e aspetti storici Classificazione del formaggio Struttura del comparto I formaggi DOP Il mercato del Caciocavallo Silano DOP Il Caciocavallo Silano DOP: Consorzio di tutela, aspetti legislativi e Disciplinare di Produzione Il Consorzio Aspetti Legislativi Disciplinare di Produzione Il processo produttivo Caratteristiche merceologiche Organizzazione ed analisi della filiera Struttura della filiera Allevamento e alimentazione Raccolta del latte e Caseifici I canali di vendita Approfondimento. I Marchi di Qualità I Marchi di Qualità I Marchi di Origine I Marchi di Origine Europei Marchio DOP Marchio IGP Marchio STG Marchi di Origine Italiana Marchi DOC e DOCG Marchio IGT L applicabilità della Borsa Merci Telematica Italiana al mercato del Caciocavallo Silano DOP

5 6.1 La Borsa Merci Telematica Italiana I servizi di Borsa Merci Telematica Italiana: le opportunità per S.A.I. ed operatori Criticità del mercato del Caciocavallo Silano DOP e applicabilità delle negoziazioni telematiche su BMTI Conclusioni Allegato Bibliografia Sitografia

6 Prefazione La regione Molise è un territorio ricco di bellezze naturali, di luoghi di interesse storico, ma è soprattutto apprezzata per il suo variegato patrimonio di tipicità agro alimentari e di eccellenze enogastronomiche. L Unioncamere Molise, al fine di valorizzare i prodotti tipici e promuovere la trasparenza dei prezzi dei beni scambiati sul mercato, ha stipulato una convenzione con la Borsa Merci Telematica Italiana S.c.p.a., per l apertura in piattaforma telematica del mercato del Caciocavallo Silano DOP. L ente ha puntato su questo prodotto in quanto, non solo si caratterizza per avere importanti qualità nutritive, ma è considerato a tutti gli effetti uno dei prodotti d eccellenza che contraddistingue il patrimonio agro alimentare molisano. Patrimonio caratterizzato da una tradizione economica di tipo agricolo e pastorale. Ancora oggi il Molise conserva una significativa testimonianza della vita pastorale dei suoi abitanti, identificata dalla presenza di centinaia di chilometri di vie d erba che contraddistinguono i nostri Tratturi. Grazie alla collaborazione con la Borsa Merci Telematica Italiana S.c.p.a., società del sistema camerale che si occupa del mercato telematico dei prodotti agricoli, agroalimentari ed ittici, il sistema camerale molisano, da sempre sensibile al settore agro alimentare, darà la possibilità agli operatori del settore di usufruire di uno strumento innovativo volto a favorire l incontro tra la domanda e l offerta attraverso un meccanismo che rispecchia le reali dinamiche del mercato. In questo contesto la BMTI S.c.p.a. contribuisce ad incrementare la trasparenza dei prezzi dei beni che vengono scambiati nella stessa e realizza una banca dati dei prezzi all ingrosso dei prodotti agricoli, agro alimentari ed ittici articolata in listini omogenei in base alle specifiche di prodotto. Paolo di Laura Frattura Presidente Unioncamere Molise 5

7 6 Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato

8 Introduzione Nell ultimo decennio, il settore agricolo ed agroalimentare italiano ha posto sempre maggiore attenzione sulla valorizzazione e commercializzazione dei prodotti tipici. Ne è dimostrazione il fatto che l Italia detiene il primato europeo per quanto riguarda il numero di prodotti con marchio di tutela riconosciuto (DOP, DOC, DOCG, IGP e STG), primato consolidato anche dal boom economico che negli ultimi anni ha riguardato le produzioni certificate. Tali produzioni, conosciute da moltissimi anni ed associate a legami culturali ed a tradizioni dei territori di cui sono originari, sono prelibate dal punto di vista culinario grazie alle loro caratteristiche organolettiche che gli conferiscono eccezionale qualità. Rientra in questa categoria il Caciocavallo Silano DOP, un formaggio semiduro a pasta filata, prodotto con latte vaccino, dalla forma ovale o tronco conica, la cui denominazione silano deriva dalle origini antiche del prodotto legate all altopiano della Sila. Il Caciocavallo Silano, acquisiti i caratteri ottimali della stagionatura, grazie al clima delle zone di produzione (aree interne dell Appennino meridionale), è indicato per la dieta dei bambini e degli anziani visto l alto valore nutritivo. Il Caciocavallo Silano si caratterizza però anche per avere una produzione limitata, il che contribuisce anche alla ridotta conoscenza del prodotto all interno del territorio nazionale. Altro elemento da sottolineare è la mancanza di vendite all estero. Attraverso il presente studio, quindi, oltre a fornire un analisi del mercato in esame e della struttura della filiera commerciale, si vuole valutare se sia possibile commercializzare telematicamente il Caciocavallo Silano DOP, cercando di mettere in evidenza le criticità del settore emerse dall analisi e le opportunità rappresentate dal mercato telematico. Inizialmente si è proceduto a dare informazioni circa la storia e le caratteristiche merceologiche dei formaggi, soffermandosi sui parametri utili a classificare gli stessi, soffermandosi poi a valutare gli aspetti economici principali del settore dei formaggi DOP, IGP, STG e del Caciocavallo Silano DOP. Nella seconda parte dello studio l attenzione è stata posta su tutte le caratteristiche che specificano meglio il prodotto, in particolare tutti gli aspetti riguardanti la normativa ed il disciplinare di produzione, l organizzazione della filiera, il significato dei marchi di qualità. Infine, nell ultima parte, dopo una breve introduzione sul ruolo, le caratteristiche e le funzioni svolte dalla Borsa Merci Telematica Italiana, si è proceduto ad analizzare le criticità presenti nel mercato del Caciocavallo Silano DOP, valutando se e come lo strumento telematico possa offrire al mercato in esame, e ai suoi operatori, dei vantaggi. 7

9 8 Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato

10 1. Il formaggio: storia e classificazione 9

11 1.1 Definizione e aspetti storici Il formaggio è un alimento dalle origini remote e rappresenta una delle prime trasformazioni biotecnologiche messe in atto dall uomo. Dal punto di vista normativo (Regio Decreto n. 2033/25 e Regio Decreto n. 261/33), il nome formaggio o cacio è riservato al prodotto ottenuto dal latte intero, parzialmente scremato o scremato, oppure dalla crema, in seguito a coagulazione acida o presamica, anche facendo uso di fermenti e cloruro di sodio. Il formaggio, in altri termini, potrebbe essere definito come il risultato delle trasformazioni operate sul latte dall azione enzimatica del caglio e da quella fermentante dei microrganismi lattici. La composizione chimica rispecchia quella del latte di partenza, in particolare, riguardo al contenuto in grassi e proteine che si ritrovano poi concentrati nel formaggio. La stessa dipende però anche da altri fattori quali: qualità della flora microbica, procedimenti di lavorazione, grado di stagionatura. Il formaggio è un prodotto vivo che ospita molteplici specie microbiche operanti su di un substrato ricco di sostanze nutritive ed il cui metabolismo dà luogo a composti chimici che evolvono continuamente. La composizione chimica e le caratteristiche organolettiche cambiano dal momento della preparazione, durante la maturazione, fino a raggiungere un livello qualitativo ottimale e poi decadere. Il processo di caseificazione è fondamentalmente unico ed i componenti principali sono in ogni caso acqua, protidi, lipidi, in qualche caso sale da cucina, ma le varietà differiscono, oltre che per le diverse percentuali di questi composti, per l aspetto, la tessitura, il sapore, l odore che il prodotto acquisisce in seguito alle diverse tecnologie di preparazione e alla presenza di metaboliti microbici (sostanze aromatiche, gas, ecc.) Le origini del formaggio sono antichissime; le prime tracce giungono dall Oriente, fino ad arrivare agli antichi greci. Il formaggio più utilizzato in quel periodo era prodotto da latte caprino a volte misto a quello ovino. Il latte vaccino non veniva quasi mai adoperato, e presso alcuni popoli era addirittura considerato nocivo. Successivamente la tecnica di produzione del formaggio giunse ai Romani, i quali perfezionarono la tecnica casearia. Infatti, i Romani cominciarono a vendere il formaggio in eccedenza, a utilizzare altri tipi di latte quali quello vaccino e bufalino e a migliorare le pratiche di stagionatura, introducendo la pressatura delle forme. Con la fine dell Impero Romano, cui segue un periodo di forte instabilità sociale e politica, i monasteri acquisirono un ruolo predominante, grazie alle loro abilità e alla capacità di saper introdurre nella pastorizia un nuovo concetto di allevamento, quello che si potrebbe definire una zootecnia moderna. Nell applicazione su larga scala della rotazione agraria, che prevede l alternanza dei cereali alle colture da foraggio, trova stimolo determinante l allevamento bovino stanziale (in luogo dell allevamento brado) e di riflesso la produzione casearia. Nascono così formaggi storici, il Montasio, la Mozzarella di Bufala, il Grana, solo per citarne alcuni. Fuori da questo ambito prevale però ancora la zootecnia ovina, sostenuta dall industria laniera che fa la ricchezza di Signorie e Comuni italiani. 10

12 Bisogna aspettare il Settecento perché il burro sostituisca il lardo come condimento e il formaggio acquisti il ruolo di portata autonoma oltre che di ingrediente della cucina aristocratica. La vera svolta, però, si verifica nell Ottocento in concomitanza con la Rivoluzione Industriale. La costruzione di ferrovie e l infittirsi del reticolo dei trasporti, in una spirale di cambiamenti dettati anche dalla crescita a dismisura della città, ha avuto come conseguenza un fenomeno definito di delocalizzazione alimentare ; il commercio delle derrate deperibili non era più attività a breve raggio, ma si allargava raggiungendo mercati fino ad allora preclusi ai formaggi. In tempi più o meno brevi, a seconda delle nazioni, la dieta degli europei fino ad allora basata sui cereali, si arricchirà di proteine, animali, apportate in gran parte dal latte e dai suoi derivati. 11

13 1.2 Classificazione del formaggio I parametri per definire le caratteristiche di un formaggio sono diversi: la composizione, la consistenza, la tecnologia di produzione, il periodo di stagionatura. La classificazione dei formaggi viene effettuata quindi in base alle diverse caratteristiche organolettiche degli stessi, grazie alle quali è possibile suddividerli in varie categorie. In particolare i formaggi possono essere classificati sulla base dei parametri di seguito descritti. Origine del latte In base al tipo di animale da cui viene raccolto il latte, i formaggi possono essere suddivisi in: Ovini; Caprini; Vaccini, Bufalini, Misti. Consistenza della pasta La consistenza della pasta è regolata dalla quantità di acqua contenuta nel formaggio. E cosi possibile suddividere i formaggi in: A pasta molle ( dal 45 al 70% di acqua); A pasta semidura (dal 40% al 45% di acqua); A pasta dura (umidità minore al 40%). Tra i formaggi a pasta molle ricordiamo la crescenza, lo stracchino e alcuni DOP quali la Casatella Trevigiana ed il Murazzano. Tra i formaggi a pasta semidura i più importanti sono l Asiago, il Castelmagno, il Caciocavallo Silano, il Montasio, la Fontina, il Bitto, tutti formaggi DOP. Tra quelli a pasta dura vanno sicuramente menzionati il Parmigiano Reggiano ed il Grana Padano. Tempo di maturazione Le caratteristiche organolettiche dei formaggi stagionati dipendono essenzialmente dai processi chimici cui viene sottoposto il prodotto cagliato grazie alla salatura; il prodotto subisce, infatti, un trattamento di messa in salamoia. Questo, con il passare del tempo, modifica il sapore del formaggio. Esso acquisisce inoltre una consistenza diversa: più alto è il tempo di maturazione cui è soggetto, più duro sarà il formaggio. Il processo di maturazione comporta infatti una progressiva perdita di liquidi che avviene proprio grazie al sale, che assorbe acqua in eccesso, rilasciando le sue sostanze nella forma casearia su cui viene sparso. 12

14 Man mano poi che i liquidi in eccesso vengono eliminati, avvengono anche dei mutamenti cromatici nel prodotto, che acquisisce una tonalità diversa rispetto all aspetto originale, in genere più scura. La stagionatura è un parametro essenziale per descrivere le caratteristiche organolettiche e nutrizionali di un formaggio e dipende dal momento in cui il prodotto caseario viene lasciato a maturare dai produttori. Ovviamente, non si tratta della sola attesa di maturazione di un prodotto, quanto anche di un particolare trattamento ambientale cui tali derivati del latte (vaccino, ovino o caprino) vengono sottoposti durante la loro lavorazione. Essi vanno, infatti, fatti maturare in determinate condizioni, con una certa temperatura e umidità, i cui tassi vengono tenuti costantemente sotto controllo. Durante questo periodo il formaggio viene salato attraverso la salamoia secondo parametri prestabiliti, e viene costantemente spazzolato. Nel momento in cui il formaggio è maturato tanto da poter essere messo in vendita, si definisce stagionato. Il tempo di maturazione o stagionatura dei formaggi consente di fare un ulteriore suddivisione in: Freschissimi (dalle 48 alle 72 ore di maturazione); Freschi (fino a 15 giorni di maturazione); Semistagionati (da 40 giorni a 6 mesi di stagionatura); Stagionati ( da 6 mesi ad 1 anno di maturazione); Molto stagionati (oltre 1 anno di stagionatura). Tra i formaggi freschissimi merita si annoverano la Mozzarella di Bufala, la Provola ed il Fior di latte. Tra i formaggi freschi o a maturazione breve, i più importanti sono il Mascarpone, la Robiola, la Crescenza e lo Stracchino. Tra i formaggi semistagionati o a maturazione media, ricordiamo il Caciocavallo Silano, il Pecorino Sardo, il Castelmagno oltre alle varie tipi di caciotta. Tra i formaggi Stagionati più importanti ci sono il Provolone, il Gorgonzola, il Taleggio, la Fontina, il Pecorino Romano, ecc. Tra i formaggi molto stagionati o a maturazione lenta, ci sono il Parmigiano Reggiano, il Grana Padano, le caciotte stagionate. Tenore in grassi In passato, in base alla legge 396 del 1939, i formaggi si classificavano seguendo dei parametri fissi, in grassi se avevano massa grassa pari o superiore al 42%; semi grassi, se la sostanza grassa era compresa fra il 20% e il 42%; magri se scendeva sotto la quota del 20%. La massa grassa era calcolata sul prodotto secco, cioè privato dell acqua. Oggi questa classificazione rigida non esiste più, ma restano comunque dei parametri simili per schedare i formaggi in base al grasso che contengono. Diciamo quindi che un formaggio magro, ha un contenuto di grassi inferiore al 20%. 13

15 Esiste poi anche il formaggio denominato leggero : si tratta di prodotti con un contenuto di materia grassa compresa fra il 20 e il 35%. Oltre questa soglia, i formaggi diventano grassi. In realtà, di formaggi magri ne esistono solo due: la ricotta e i fiocchi di latte. Sono detti formaggi ma in senso improprio poiché sono prodotti solo a partire dal siero del latte o latticello e non dai grassi del latte. Tutti gli altri formaggi, compresa la mozzarella, sono da intendersi alimenti grassi. Passando ad analizzare i formaggi più comunemente consumati, è possibile fare un breve elenco di formaggi suddivisi in base al tenore in grassi: Cagliate magre, latticini da latte totalmente scremato: hanno una massa grassa inferiore al 20%; Ricotta di vacca, quark, formaggio di grana o di montagna fatti con latte parzialmente scremato, sono chiamati leggeri e hanno una materia grassa compresa fra 20 e 35%; I caprini, il Bra e l Asiago d Allevo sono formaggi leggeri, ma leggermente più grassi dei precedenti: il grasso oscilla fra il 36 e il 43%; I formaggi più comuni, quelli che si consumano con più frequenza, come caciocavallo, mozzarella, fontina, provoloni, scamorze sono a tutti gli effetti formaggi grassi. In altre parole, la materia grassa si aggira intorno al 44 47%. Temperatura della cagliata La lavorazione del formaggio prevede, tra le varie fasi, la cottura della cagliata. Durante questa fase, in relazione al tipo di formaggio, la cagliata può essere cotta, aumentando la temperatura del siero in cui è immersa. Possiamo quindi distinguere vari tipi di formaggi: A pasta cruda (la cagliata non viene cotta); A pasta semicotta (la cagliata viene cotta a temperature comprese tra 38 e 40 C); A pasta cotta (la cagliata viene cotta a temperature comprese tra 40 e 60 C). Durante la lavorazione dei formaggi a pasta cruda, la cagliata viene rotta con l attrezzo apposito in modo da separarla dal siero, e viene ridotta in pezzi di dimensioni diverse a seconda del formaggio che si vuole ottenere. La cagliata sminuzzata, lasciata riposare per un breve periodo, si contrae spontaneamente con spurgo di siero. La massa solida viene estratta dalla caldaia con l aiuto di un telo e quindi ripartita nelle forme. Di questa categoria fanno parte formaggi quali la Mozzarella di Bufala, il Caprino, la Robiola, il Castelmagno. La produzione di formaggi a pasta semicotta e cotta, prevede dopo la rottura della cagliata, un trattamento termico di minuti. La cottura, con continua agitazione della cagliata, ha lo scopo di disidratare la cagliata stessa in modo da favorire la saldatura dei granelli di coagulo con conseguente indurimento della pasta. Questo trattamento, inoltre, favorisce lo sviluppo di determinati microrganismi termofili che entreranno in azione durante la maturazione. Tra i formaggi a pasta semicotta vi sono l Asiago, la Fontina, il Pecorino Sardo ed il Pecorino Siciliano, tra quelli a pasta cotta i più importanti sono il Parmigiano Reggiano, il Grana Padano, il Bitto ed il Montasio. 14

16 Tecnologie particolari Un ulteriore classificazione dei formaggi si può fare in base alla tecnologia di produzione adoperata. Come già detto, in genere, la lavorazione del formaggio, è pressoché identica per tutti i tipi di prodotti caseari; esistono però casi in cui una fase del processo può risultare particolare, in quanto permette di ottenere formaggi peculiari dal punto di vista organolettico. Distinguiamo quindi diversi tipi di formaggi: A pasta filata; Fusi; Mascarpone; Formaggi erborinati. Durante la lavorazione dei formaggi a pasta filata, la caratteristica fondamentale del processo è la filatura della cagliata maturata nel siero caldo (85 90 C) ed acido per alcune ore. Si ottiene una pasta plastica che può essere manipolata ed opportunamente lavorata per dare luogo a forme caratteristiche che potranno eventualmente essere anche sottoposte a stagionatura. Tra questi troviamo formaggi tradizionali quali la mozzarella vaccina, e formaggi DOP come la Mozzarella di Bufala Campana, il Caciocavallo Silano e il Provolone Valpadana. I formaggini, le fette per toast, e i preparati per pizza che riportano la dicitura formaggio fuso si ottengono mescolando formaggi di varia natura e componenti del latte, con aggiunta di sostanze fondenti, o sali di fusione, ed emulsionanti (citrati, fosfati di sodio, polifosfati). Rispetto alle produzioni tradizionali, i prodotti fusi evidenziano un elevato contenuto in acqua e una ridotta percentuale di calcio. Il mascarpone si ottiene dalla lavorazione della crema di latte vaccino o panna. Una volta arrivata la panna in caseificio, questa viene riscaldata fino alla temperatura di 90 C ed acidificata con acido citrico, con conseguente precipitazione delle proteine e separazione del mascarpone dal siero. I due composti vengono separati completamente mediante l ausilio di ultrafiltratori: la miscela viene fatta passare attraverso un filtro che separa il mascarpone dal permeato. Il mascarpone durante questa fase si trova ad una temperatura di C, essa viene mantenuta fino al confezionamento, questo perché le ciotole che conterranno il formaggio non sono sterili, quindi vengono pastorizzate mediante il confezionamento a caldo. Il mascarpone viene poi stoccato a temperature comprese tra 0 e 6 C. I formaggi erborinati, cui appartengono il Castelmagno ed il Gorgonzola, sono formaggi cui viene inoculata nel latte o nella cagliata una muffa nobile (Penicillium roqueforti), che in fase di maturazione dà luogo alle classiche striature blu o verdi e che conferisce l aroma caratteristico di questi prodotti. Tipo di Crosta In base al tipo di crosta, i formaggi si possono dividere in: A crosta fiorita (formaggi relativamente freschi, stagionati in luoghi in cui l alto tasso di umidità, circa il 90%, sviluppa una muffa nobile di colore bianco); A crosta lavata (formaggi relativamente freschi, stagionati in luoghi con alta umidità e lavati con una soluzione di acqua e sale); A crosta dura (formaggi più o meno stagionati, la cui parte esterna viene trattata con sostanze oleose tipo olio di semi, olio di oliva o grassi animali, onde evitare spaccature o crepe della crosta). 15

17 Tra i formaggi a crosta fiorita i più importanti sono la Robiola di Mondovì, la Paglierina piemontese, il Brie, il Camembert, il Pecorino sardo a crosta fiorita, lo Scimudin della Valtellina. I più importanti formaggi a crosta lavata sono invece il Taleggio, la Fontina, il Val di Fassa. Tra i formaggi a crosta dura un posto d onore meritano il Parmigiano Reggiano, il Grana Padano ed il Bra, tutti formaggi DOP. 16

18 2. Struttura del comparto 17

19 2.1 I formaggi DOP I formaggi DOP costituiscono l eccellenza qualitativa della produzione casearia italiana, rappresentando al tempo stesso un vero e proprio punto di riferimento per la filiera lattiero casearia anche in termini produttivi, con circa tonnellate prodotte nel 2008, pari al 40% dell offerta casearia nazionale. I formaggi a denominazione di origine devono sottostare a regole rigidissime; devono infatti essere fabbricati in determinate zone, come prescrive la legge, usando latte fresco proveniente da una o da due mungiture, secondo il tipo di formaggio e il disciplinare che ne regola la produzione (vedi Allegato 1). In genere, ogni forma deve avere un marchio impresso a fuoco oppure un contrassegno con il simbolo particolare del formaggio, in base al quale il consumatore ne può riconoscere l autenticità. A volte il marchio è completato dal numero di riconoscimento del caseificio, dalla sigla della provincia in cui è fatto il formaggio e dalla data di fabbricazione. I formaggi a denominazione d origine venduti in porzioni preconfezionate riportano il simbolo o contrassegno di identificazione sull involucro. Per ogni formaggio DOP c è un consorzio che tutela la produzione e vigila sul rispetto delle condizioni e dei requisiti stabiliti dalla legge. I produttori devono inoltre attenersi a un regolamento che, oltre a quelli del formaggio, fissa anche i requisiti del latte; per tale motivo la vigilanza si estende, di solito, anche agli allevatori che conferiscono il latte ai caseifici, con prescrizioni che riguardano l alimentazione delle vacche, il divieto di mungitura durante le cure veterinarie, le istruzioni per la corretta mungitura, l igiene degli animali, delle attrezzature e delle stalle, il modo migliore per conservare il latte prima della consegna al caseificio. All interno del settore agroalimentare, il comparto dei prodotti di qualità tutelati dal marchio DOP, IGP e STG costituisce senza dubbio la punta più elevata dal punto di vista della qualità, rappresentando, al tempo stesso, una realtà produttiva ormai ben affermata, con una produzione che nel 2008 ha raggiunto quasi i 2 milioni di tonnellate (+2% rispetto al 2007), a fronte di un fatturato al consumo di quasi 10 miliardi di euro (+4% circa rispetto al 2007) (Fondazione Qualivita 2009). Tali dati, uniti ad un sistema produttivo che coinvolge quasi 100mila aziende agricole ed allevamenti (a cui occorre aggiungere quasi 8mila strutture di trasformazione artigianali ed industriali), confermano dunque l importanza crescente che questo comparto riveste all interno del settore agricolo ed agroalimentare italiano. In particolare, tre sono gli aspetti che caratterizzano attualmente il comparto italiano dei prodotti di qualità: in primo luogo, il rafforzamento da parte dell Italia del suo primato europeo quale paese con maggior numero di DOP e IGP, (194 produzioni al ; Fondazione Qualivita); in secondo luogo, la contrazione dei consumi interni, effetto principale e più visibile della crisi economica in atto a livello mondiale nel 2009; infine, la crescita delle esportazioni, che, oltre a confermarsi come il vero motore del comparto, testimoniano il crescente apprezzamento dei prodotti agroalimentari italiani di qualità all estero. Dei 194 prodotti italiani riconosciuti e attivi come DOP, IGP e STG circa il 90% è riferibile alle seguenti quattro categorie: ortofrutta, primo comparto con 36%, oli (20%), formaggi (19%) e prodotti a base di carne (16%). Il restante 10% è rappresentato da altri comparti, tra cui carni fresche (e frattaglie), altri prodotti di origine animale (uova, miele, prodotti lattiero caseari ad eccezione del burro, ecc.), pesci, molluschi, crostacei freschi e prodotti derivati, altri prodotti dell allegato I del trattato (spezie, ecc.); prodotti di 18

20 panetteria, pasticceria, confetteria e biscotteria, oli essenziali (v. grafico 2.1; dati aggiornati al ). Rispetto al 2008 il numero di prodotti a marchio è cresciuto di 19 unità; il comparto che ha fatto registrare la maggior crescita è stato quello dell ortofrutta, con 12 nuove produzioni. Grafico 2.1: Ripartizione percentuale per comparto merceologico dei prodotti DOP, IGP e STG italiani nel 2009 Altri prodotti; 10% Oli; 20% Prodotti a base di carne; 16% Formaggi; 19% Ortofrutta; 36% Fonte: Elaborazione BMTI su dati Fondazione Qualivita Sul versante della domanda di prodotti DOP, IGP e STG, nel 2008 si è riscontrata una contrazione dei consumi interni, pari al 4% circa in volume, mentre in termini di valore si è rilevato un incremento del 2% circa, imputabile alla crescita dei prezzi al consumo (Ismea 2010). La contrazione dei volumi è ascrivibile senza dubbio agli effetti della crisi sulle famiglie in termini di ridotto potere d acquisto. Dal lato delle esportazioni, invece, nel 2008 si è registrato un aumento sia dal punto di vista delle quantità esportate (+5% rispetto al 2007) che in valore (+3% rispetto al 2007). Tra i diversi comparti, i risultati migliori in termini di produzione certificata destinata all export si sono riscontrati per gli oli (+37% rispetto al 2007) (Ismea 2010). Concentrando l attenzione sui soli prodotti DOP, come si può notare nel grafico 2.2, l Italia, con 122 prodotti DOP attivi (Fondazione Qualivita, dati aggiornati al ) mantiene la leadership a livello europeo, a conferma della fiducia e apprezzamento che l intero sistema agroalimentare ripone nei confronti dello strumento comunitario di tutela dell origine dei prodotti. Più staccati, seguono paesi quali la Francia, con 76 DOP riconosciute, la Spagna con 67, la Grecia con 63 e il Portogallo con 58. Dei 470 prodotti DOP registrati in Unione Europea, quelli appartenenti ai cinque paesi precedentemente citati rappresentano l 80% del paniere europeo complessivo, evidenziando con ciò la tendenza prevalente nei paesi del Mediterraneo a valorizzare il loro notevole patrimonio agroalimentare. Rispetto al 2008, inoltre, sono proprio questi paesi ad aver registrato gli incrementi maggiori del numero delle denominazioni; al tempo stesso, però, occorre segnalare che anche i paesi entrati di recente nella UE mostrano interesse per le denominazioni tutelate: è il caso per esempio della Repubblica Ceca, che, al 19 dicembre 2009 può vantare 7 produzioni DOP. 19

21 Grafico 2.2: Numero di DOP riconosciute nell UE per paese di provenienza. Irlanda Lussemburgo Ungheria Polonia Repubblica Ceca Regno Unito Portogallo Spagna Italia Fonte: Elaborazione BMTI su dati Fondazione Qualivita Il compartoo dei formaggi rappresenta storicamente uno dei punti di forza del made in Italy in campo alimentare, rispecchiando in ciò l importanza che il settore lattiero caseario riveste quale primo settoree alimentare italiano (14,5 miliardi di fatturato complessivo, pari ad oltre il 12% del fatturato complessivo; Assolatte 2009). Nel 2009 i formaggi DOP, IGP e STG sono diventati 34, poiché ai 33 già precedentemente riconosciuti si è aggiunta la Casatella Trevigiana. Nel cartogramma 2.1 è riportata la distribuzione nazionale dei formaggi DOP, IGP e STG italiani (aggiornamento agosto 2009). Cartogramma 2.1: Distribuzione dei formaggi DOP, IGP e STG sul territorio nazionale Fonte: Elaborazione BMTI su dati MIPAAF 20

22 Come si evince dal cartogramma, le regioni con il maggior numero di formaggi DOP, IGP e STG sono situate al Nord, ovvero in quei territori dove è maggiore l attitudine all allevamento di animali da latte. Discorso simile va fatto per regioni quali la Sardegna ed il Lazio dove, però, c è maggiore predisposizione all allevamento di ovini e caprini. Dal punto di vista delle quantità prodotte di formaggi DOP, IGP e STG, i dati della Fondazione Qualivita relativi al 2008 mettono in evidenza un deciso calo ( 16,7%, tabella 2.1) rispetto al Tabella 2.1: Produzione (t) annuale dei formaggi DOP, IGP e STG italiani ( ) e variazione percentuale tra 2008 e 2007 Formaggio DOP % 2008/07 Grana Padano ,4% Parmigiano Reggiano ,0% Gorgonzola ,3% Mozzarella di Bufala Campana ,3% Pecorino Romano ,9% Asiago ,9% Provolone Valpadana ,4% Taleggio ,2% Montasio ,3% Fontina ,3% Caciocavallo Silano ,6% Altri formaggi ,0% Totale ,7% Fonte: Elaborazione BMTI su dati Fondazione Qualivita Tra i principali formaggi DOP, IGP e STG il Grana Padano (+3,4%) e l Asiago (+2,9%) sono gli unici che fanno segnare nel 2008 un incremento della produzione certificata rispetto all anno precedente, attestandosi rispettivamente sulle 163mila e 23mila tonnellate prodotte. In linea con il 2007 la produzione di Parmigiano Reggiano e Gorgonzola ( 0,3%). Tra i principali formaggi certificati ad accusare il calo più forte sono il Pecorino Romano ( 11,9%) e la Mozzarella di Bufala Campana ( 10,3%), con quest ultima scesa anche sotto il livello produttivo raggiunto nel Per quanto riguarda il Caciocavallo Silano, dopo che nel 2006 e 2007 la produzione si era mantenuta poco sopra le tonnellate, nel 2008 si è registrata una flessione di circa 250 tonnellate ( 25,6%). Tale riduzione è stata la più alta tra tutti i formaggi DOP presi in esame. Osservando l andamento delle singole produzioni, colpisce particolarmente la forte flessione registrata dai formaggi con produzioni minori, che, secondo i dati della Fondazione Qualivita, evidenziano un calo dell 83% rispetto al A tale dato si contrappone la forte incidenza delle cinque principali produzioni DOP (Grana Padano, Parmigiano Reggiano, Gorgonzola, Mozzarella di Bufala Campana e Pecorino Romano) sul totale, pari all 85%, a conferma del ruolo trainante di questi prodotti nei confronti di tutto il comparto dei formaggi DOP, IGP e STG. 21

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

Mozzarella di Bufala Campana DOP Studio di mercato

Mozzarella di Bufala Campana DOP Studio di mercato Mozzarella di Bufala Campana DOP Studio di mercato edizione 2008 Mozzarella di Bufala Campana DOP Studio di Mercato Il presente studio sul mercato della Mozzarella di Bufala Campana DOP è stato realizzato

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

TENDENZE RECENTI DEL MERCATO DELLE DOP E IGP

TENDENZE RECENTI DEL MERCATO DELLE DOP E IGP TENDENZE RECENTI DEL MERCATO DELLE DOP E IGP Introduzione Il mercato dei prodotti Dop e Igp, pur contrassegnato da luci ed ombre, è in continua crescita negli ultimi anni sia come numero di denominazioni

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta ( DOP ) SALVA CREMASCO è riservata esclusivamente al formaggio che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA I T A L I A N O EXPO 2015 I marchi DOP e IGP sono marchi di qualità che vengono assegnati dalla Commissione Europea. I requisiti per il riconoscimento

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 LA PREMESSA L INDICE LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 INIZIATIVE DELL UNIONE EUROPEA 6 TUTELA DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI TRADIZIONALI 7 SITUAZIONE ITALIANA

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Composizione di formaggi DOP italiani

Composizione di formaggi DOP italiani Composizione di formaggi DOP italiani Manzi P., Marconi S., Di Costanzo M.G., Pizzoferrato L. Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, Via Ardeatina 546, 00178 Roma Tel. +3906514941

Dettagli

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Elena Bortolazzo, CRPA Incontro tecnico: Vitamina B12 nei sottoprodotti della lavorazione del Parmigiano Reggiano: siero e

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Reg. CE 1234/07 Assessorato Agricoltura Centro Agrochimico Regionale G.L. Marcazzan CRA-API di Bologna M. Stefàno A.S.S.A.M. Regione

Dettagli

Giugno 2009. L etichettatura nel confezionamento del miele

Giugno 2009. L etichettatura nel confezionamento del miele Giugno 2009 L etichettatura nel confezionamento del miele Il Decreto Legislativo n. 181 del 23 giugno 2003: Attuazione della direttiva 2000/13/CE concernente l'etichettatura e la presentazione dei prodotti

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI RACCOLTA NORMATIVA PER GLI ADDETTI AL CONTROLLO UFFICIALE E GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI Parte Generale Dott. Mauro Bardelli Tecnico della prevenzione nell ambiente

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

La contraffazione alimentare

La contraffazione alimentare disp_alimentari 2-07-2012 12:59 Pagina 1 La contraffazione alimentare Vademecum per il consumatore Conoscere il problema per affrontarlo meglio disp_alimentari 2-07-2012 12:59 Pagina 2 Le due tipologie

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Regolamento per la determinazione dei criteri per il calcolo del valore di mercato degli animali abbattuti

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 Codice DB2017 D.D. 15 novembre 2012, n. 799 Applicazione art. 6 Regolamento (CE) n. 852/2004 e D.G.R. n. 16-4910 del 14.11.2012. Definizione della modulistica per la notifica

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA

GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA GIUGNO 2010 Il presente Manuale è stato realizzato con il contributo tecnico-scientifico di Dintec Scrl Consorzio per l Innovazione

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG Regolamento per l attestazione di conformità REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG REV. DATA PREPARATO Responsabile qualità 0 31/8/99 1 10/11/99 2 17/9/01 3 20/01/03

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Guida ai prodotti DOP, IGT, etc. Proposta per la realizzazione di una App

Guida ai prodotti DOP, IGT, etc. Proposta per la realizzazione di una App Guida ai prodotti DOP, IGT, etc Proposta per la realizzazione di una App Introduzione Abbiamo iniziato a ragionare per voi così Abbiamo immaginato una App che possa essere utilizzata come guida nella scelta

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE

PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE REV. DATA REDATTO Il Responsabile Tecnico VERIFICATO Responsabile di Certificazioni di prodotti Agroalimentari 00

Dettagli

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo.

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Progetto di tutela e rafforzamento

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

LA FORMAGGELLA DEL LUINESE

LA FORMAGGELLA DEL LUINESE LA FORMAGGELLA DEL LUINESE CENNI STORICI Testimonianze storiche comprovano come la formaggella di capra sia da sempre presente nella tradizione gastronomica dell Alto Varesotto, a partire da la nota della

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Atlante dei prodotti tipici e tradizionali

Atlante dei prodotti tipici e tradizionali Atlante dei prodotti tipici e tradizionali Presentazione La Lombardia può vantare una grande storia nella produzione e trasformazione di prodotti agroalimentari, che deriva dalla particolare conformazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA a cura di ANNA MARIA CIUFFA Giuseppe Vadalà, responsabile della Divisione Sicurezza Agroalimentare e Agroambientale del Corpo forestale

Dettagli