I tempi e le idee. il nuovo I tempi e le idee. La storia antica. Giuliano Gliozzi Ada Ruata Piazza Sergio Nicola

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I tempi e le idee. il nuovo I tempi e le idee. La storia antica. Giuliano Gliozzi Ada Ruata Piazza Sergio Nicola"

Transcript

1 Tempi_Idee_Nuovo-1storia pack_layout 1 29/06/11 10:02 Pagina 1 Giuliano Gliozzi Ada Ruata Piazza Sergio Nicola il nuovo I tempi e le idee La storia antica Gli avvenimenti e la vita materiale La trattazione è sistematicamente divisa in due percorsi, che consentono un uso differenziato del corso, a seconda delle specifiche esigenze della classe: Tempo e spazio, che contiene la narrazione degli avvenimenti nelle loro linee essenziali, con particolare attenzione al nesso causa-effetto e ai mutamenti di lungo periodo. Vita materiale, che ricostruisce usi, costumi e mentalità delle diverse epoche storiche e descrive meccanismi economici, tecniche produttive, conquiste scientifiche. La struttura Ogni singolo argomento è trattato nello spazio di una doppia pagina e concluso da un breve esercizio per fare il punto. Una Guida allo studio a margine del testo accompagna il ragazzo nel processo di apprendimento con puntualizzazioni lessicali e concettuali, chiarimenti, domande. Ciascun capitolo è seguito da una scheda di verifica. I Laboratori e i materiali on line Gli inserti di Laboratorio focalizzano le tematiche più interessanti, anche in chiave interdisciplinare, e propongono semplici lavori di indagine storica condotti sui documenti. Sul sito sono disponibili materiali per l approfondimento. Questo simbolo identifica i libri di testo realizzati in formato misto, ovvero cartaceo e digitale Il corso è disponibile nelle seguenti confezioni Volume 1 + La storia antica + Cittadinanza e Costituzione + CD-Rom Libro digitale ISBN Volume 2 + CD-Rom ISBN Volume + CD-Rom ISBN Opzioni di vendita per il primo anno Volume 1 + CD-Rom Libro digitale La storia antica Cittadinanza e Costituzione ISBN ISBN ISBN Guida per l Insegnante + CD-Rom delle verifiche ISBN il nuovo I tempi e le idee Volume 1 + CD-Rom Libro digitale 1 + La storia antica + Cittadinanza e Costituzione (4 elementi indivisibili) ISBN C o v o u n il I tempi e le idee La storia antica

2 La Casa Editrice è certificata da internet: In conformità alla norma UNI EN ISO 9001:2000 per l attività di «Progettazione e realizzazione di prodotti per l editoria scolastica» (certificato n ) Redazione: Coordinamento tecnico: Progetto grafico: Copertina: Impaginazione: Disegni: Ricerca iconografica: Art Direction: Rebecca Regli Simonetta Bettoni dmb/remoboscarin, Essegi Daniela Maieron, Nadia Maestri Essegi Grafica di Balbo Luciano Marcella Bertola, Laura Fiorenzo Nadia Maestri Proprietà letteraria riservata 2010 De Agostini Scuola SpA Novara 1ª edizione: gennaio 2010 Printed in Italy Gli autori ringraziano Luisa Menzio per i preziosi suggerimenti. Foto copertina: L Imperatore Augusto, 0-29 a.c., Dea Picture Library; Anfiteatro dell antica città di Palmira, Siria Kris Ubach/Marka. Le fotografie di questo volume sono state fornite da: De Agostini Picture Library; De Agostini Picture Library/J.E. Bullo 7; De Agostini Picture Library/W. Buss; De Agostini Picture Library/G.P. Cavallero; De Agostini Picture Library/A. Dagli Orti; De Agostini Picture Library/G. Dagli Orti; De Agostini Picture Library/A. De Gregorio; De Agostini Picture Library/G. Nimatallah;De Agostini Picture Library/Pedicini; De Agostini Picture Library/V. Picozzi; Fototeca Storica Nazionale Ando Gilardi; Parigi, Museo Carnavalet; Washington, Library of Congress; Madrid, El Prado; Michele Monetti; Versailles, Museo del Castello; Edimedia; Milano, Museo del Risorgimento; Londra, Museum of London; Roma, Museo Storico dei Bersaglieri; Genova, Archivio storico Ansaldo; Parigi, Musèe D Orsay; Firenze, Storia della Fotografia Fratelli Alinari; Roma, Fondazione Primoli; Milano, Civica raccolta stampe Bertarelli; Fabriano, Archivio Storico Cartiera Miliani; Collezione Loro Piana; Firenze, Galleria degli Uffizi; Parigi, AKG; Londra, British Museum; Napoli, Museo Nazionale di Capodimonte; Parigi, Biblioteca Nazionale; Washington, National Gallery of Art; Londra, Victoria and Albert Museum; Chantilly, Museo Condé; Madrid, Biblioteca Nazionale; Berlino, Museo di Stato; Londra, National Portrait Gallery; Napoli, Museo di San Martino; Mosca, Museo Storico Nazionale; Fototeca Gilardi/Leemage; Londra, National Gallery; Marsiglia, Archivio della Camera di Commercio; Parigi, Museo del Louvre; Londra, The Royal Collection; New York, The Granger Collection; Nantes, Museo del Castello dei Duchi di Bretagna; Taipei, Museo del Palazzo Nazionale; Parigi, Unione dei Musei Nazionali; Washington; Parigi, Biblioteca Nazionale/Edimedia; Parigi, Museo Carnavalet/Coll. Archives Labor; Edinburgo, National Gallery of Scotland; Parigi, Museo di Arte Africana e Oceanica; Vizille, Museo della Rivoluzione Francese; Liverpool, Walker Art Gallery; Versailles, Museo Nazionale del Castello; Jocelyn Art Museum; Norimberga, Germarisches Nationalmuseum. L Editore dichiara la propria disponibilità a regolarizzare eventuali omissioni o errori di attribuzione. Nel rispetto del DL 74/92 sulla trasparenza nella pubblicità, le immagini escludono ogni e qualsiasi possibile intenzione o effetto promozionale verso i lettori. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte del materiale protetto da questo copyright potrà essere riprodotta in alcuna forma senza l autorizzazione scritta dell Editore. Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, comma 4, della legge 22 aprile 1941 n. 6. Le riproduzioni ad uso differente da quello personale potranno avvenire, per un numero di pagine non superiore al 15% del presente volume/fascicolo, solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO Corso di Porta Romana, Milano e sito Nel sito è disponibile il Questionario Soddisfazione Cliente: La invitiamo a utilizzarlo per trasmetterci le Sue osservazioni. Eventuali segnalazioni di errori, refusi, richieste di chiarimento di funzionamento tecnico dei supporti multimediali del corso o spiegazioni sulle scelte operate dagli autori e dalla Casa Editrice possono essere inviate all'indirizzo di posta elettronica Stampa: DEAPRINTING - Novara Ristampa: Anno:

3 I N D I C E Il mondo antico 1 2 CAPITOLO 1 La Preistoria 6 TEMPO E SPAZIO Le origini dell uomo 6 Dai primati agli ominidi 6 Dall Australopiteco all Homo sapiens 7 Cronologia della Preistoria 7 VITA MATERIALE La vita nel Paleolitico 8 Le glaciazioni e la diffusione dell uomo 8 Raccolta e caccia 8 Le abitazioni, la religione e l arte 9 La vita nel Neolitico 10 La rivoluzione agricola 10 La diffusione dell agricoltura 10 L addomesticamento degli animali 11 L età del bronzo 12 4 La divisione del lavoro e il baratto 12 Le tecniche dell età del bronzo 12 La nascita delle città 1 VERIFICA CAPITOLO 2 Le prime civiltà 16 TEMPO E SPAZIO I popoli della Mezzaluna fertile 16 Sumeri, Accadi e Babilonesi 16 Ittiti e Assiri 17 Fenici ed Ebrei 18 I Fenici 18 Gli Ebrei 19 Gli Ebrei: religione e civiltà 20 Il popolo della Bibbia 20 Il culto e le sue regole 20 Gli Ebrei e la loro terra 21 La famiglia 21 Gli Egizi: una civiltà millenaria 22 La fertile Valle del Nilo 22 I regni 22 L Egitto dallo splendore alla decadenza 2 5 VITA MATERIALE La società egizia 24 Una rigida organizzazione sociale 24 Sacerdoti, scribi e soldati 25 Vivere nell antico Egitto 26 6 Artigiani e contadini 26 Cacciatori e pescatori 26 Grandi realizzazioni della civiltà egizia 26 La religione egizia 28 7 Potere e ricchezza dei sacerdoti 28 Una folla di dèi 28 Il culto dei morti 29 VERIFICA CAPITOLO La civiltà greca 2 TEMPO E SPAZIO Le antiche civiltà del Mar Egeo 2 I Cretesi: la prima civiltà mediterranea 2 I Micenei: la più antica civiltà greca La Grecia delle pòleis 4 Le città-stato e le colonie 4 Il governo della pòlis 4 Una cultura comune 5 Atene: la democrazia 6 Le istituzioni ateniesi 6 La formazione del cittadino ateniese 7 Sparta: l oligarchia 8 Le istituzioni spartane 8 La formazione del cittadino spartano 9 I Greci nel Mediterraneo 40 Lo scontro con l impero persiano 40 Il dominio di Atene e l età di Pericle 40 Alessandro Magno e l Ellenismo 41 VITA MATERIALE La società greca 42 La condizione femminile 42 Gli schiavi 42 Il teatro 4 Le Olimpiadi 4 La religione 44 Gli dei dell Olimpo 44 La divinazione e gli oracoli 45

4 I N D I C E 8 L arte 46 Artisti e artigiani 46 I templi 46 VERIFICA CAPITOLO 4 Roma e la sua civiltà 50 TEMPO E SPAZIO Le origini 50 I popoli italici e gli Etruschi 50 Roma, tra leggenda e storia 50 Il periodo della monarchia 51 Roma repubblicana 52 L espansione di Roma in Italia 52 Le lotte fra patrizi e plebei 52 L espansione nel Mediterraneo 5 L organizzazione politica e sociale 54 La repubblica e il senato 54 Le assemblee dei cittadini e i magistrati 54 Gli schiavi 55 Da Cesare ad Augusto 56 Il potere dei generali: Cesare dittatore 56 Augusto imperatore L impero di Roma dallo splendore al crollo 58 Roma capitale del mondo 58 La crisi dell impero 58 Il cristianesimo 59 VITA MATERIALE Roma, potenza militare 60 Il cittadino-soldato 60 La legione 60 L accampamento e le macchine da guerra 61 Vita quotidiana a Roma 62 7 La famiglia 62 L istruzione 62 L abbigliamento e il cibo 6 Case e strade a Roma 64 8 Le abitazioni dei ricchi 64 Quartieri popolari e negozi 64 Le strade 65 Le grandi costruzioni romane 66 9 L anfiteatro, il circo, le terme 66 Le tecniche di costruzione 66 Acqua e acquedotti 67 VERIFICA 68 L ESSENZIALE 70 4

5 Il mondo antico Il tempo Invenzione della scrittura circa 500 a.c. circa 2500 a.c. 75 a.c. Preistoria Storia In Egitto si costruiscono le grandi piramidi circa 1700 a.c. Massimo splendore dell impero babilonese Fondazione di Roma Muore Alessandro Magno Massima espansione dell impero romano a.c. Età di Pericle: massimo splendore della civiltà greca 2 a.c. 48 a.c. Giulio Cesare al potere 117 d.c. Nascita di Cristo Lo spazio La zona evidenziata sulla cartina rappresenta il «teatro degli avvenimenti» dell Unità. 5

6 CAPITOLO 1 Veduta aerea di un tratto della Rift Valley, dove si verificarono condizioni climatiche adatte alla comparsa dell uomo. La Preistoria 1 Le origini dell uomo Dai primati agli ominidi Le prime forme di vita sulla Terra comparvero in mare due miliardi e mezzo di anni fa; poi sulla terraferma, mezzo miliardo di anni fa. L evoluzione produsse esseri viventi sempre più complessi; circa 70 milioni di anni fa, quando si estinsero i grandi rettili e la Terra assunse un aspetto simile a quello attuale, comparvero i primati, cioè i mammiferi che comprendono le scimmie e gli antenati dell uomo. Soltanto circa 20 milioni di anni fa i primati si differenziarono in due tronconi: una parte continuò a camminare a quattro zampe, e diede origine alle grandi scimmie (gorilla, scimpanzè, orangutan). Un altra parte, abbandonati gli alberi, scese a terra e prese pian piano a camminare su due gambe: nacquero così i diretti antenati dell uomo, chiamati ominidi, e infine l uomo stesso. Le caratteristiche degli ominidi sono, in breve, le seguenti: 1. posizione eretta, che conferisce loro una visuale più ampia, utile specialmente nella caccia; 2. uso delle mani che, non più adoperate per muoversi, servono come strumento sempre a disposizione: con esse l ominide può trasportare oggetti e costruire utensili;. aumento del volume del cervello; questa è la caratteristica principale perché consente lo sviluppo dell intelligenza; 4. uso del linguaggio, perfezionatosi lentamente, man mano che gli ominidi imparavano a vivere insieme e a collaborare tra loro; 5. creazione di una cultura, cioè di un insieme di tecniche, conoscenze, credenze che si trasmettono di generazione in generazione. GUIDA ALLO STUDIO Lessico Primati: Sottolinea le caratteristiche degli animali cm cm cm 100 cm 1400 cm Durante le varie fasi dell evoluzione degli onimidi crebbero la capacità cranica e la dimensione del cervello; si affermò la postura eretta, mentre l uso delle mani portò alla costruzione di oggetti e utensili. 6 Australopiteco Homo habilis Homo erectus Homo sapiens Homo sapiens sapiens

7 T E M P O E S P A Z I O Dall Australopiteco all Homo sapiens Il più antico ominide che conosciamo è l Australopiteco, che visse in Africa tra 4 milioni e 1 milione e mezzo di anni fa. Era alto appena 1 metro e 0 centimetri, pesava circa 0 chilogrammi e aveva un cervello molto piccolo (tra i 400 e 500 cm, cioè circa un terzo di quello dell uomo attuale). Utilizzava pietre e ossa come strumenti rudimentali e camminava eretto: la separazione tra l uomo e la scimmia era già netta. Mentre gli Australopitechi si evolvevano in forme più robuste, nelle savane africane comparve, circa milioni di anni fa, un altro ominide: l Homo habilis (= Uomo abile), così chiamato per la sua capacità di costruire semplici attrezzi con pietre scheggiate. L Homo habilis aveva imparato anche a conservare il fuoco, ma non ancora ad accenderlo: la capacità di accendere il fuoco fu una conquista dell Homo erectus (= Uomo eretto), un ominide ormai decisamente umanizzato, comparso circa 2 milioni di anni fa, in grado di usare un linguaggio complesso e di costruirsi dei rudimentali ripari di rami intrecciati e di pelli. Circa anni fa in Europa apparve una diversa forma di Homo erectus, l Uomo di Neandertal (così chiamato dal nome della località della Germania in cui furono ritrovati i suoi resti). Per cacciare o raccogliere le radici e i frutti di cui si cibava, l Uomo di Neandertal si serviva di attrezzi abbastanza elaborati; utilizzava pelli di animali per coprirsi; seppelliva i morti. Circa anni fa l evoluzione dell uomo portò infine all apparizione dell Homo sapiens (= Uomo saggio), seguito dall Homo sapiens sapiens, la specie a cui noi tutti apparteniamo. Elenca in ordine cronologico i protagonisti dell evoluzione del genere umano: Cronologia della Preistoria Ciò che distinse in maniera definitiva l uomo dagli altri animali fu la creazione dei primi strumenti di pietra. Da allora gli uomini ebbero qualcosa che mancava alle bestie: una cultura da trasmettere alla generazione successiva (per esmpio, le conoscenze necessarie per costruire gli strumenti). Da allora la cultura umana ebbe uno sviluppo, dapprima molto lento, ma incessante. Da allora, insomma, gli uomini ebbero una storia. La parte più antica di questa storia è chiamata dagli studiosi Preistoria. La Preistoria ebbe inizio 2 milioni di anni fa e terminò anni fa, data approssimativa dell invenzione della scrittura. Da quel momento si fa iniziare la storia vera e propria. La Preistoria dell uomo è dunque enormemente più estesa della sua storia e per gran parte ebbe come protagonista non l Homo sapiens (comparso, come sappiamo, soltanto anni fa circa), ma gli ominidi che lo hanno preceduto. La Preistoria, a sua volta, è suddivisa dagli studiosi in età o ere. Le principali sono il Paleolitico o età paleolitica e il Neolitico o età neolitica. I resti (circa il 40%) dello scheletro di Lucy, una femmina di Australopithecus afarensis di oltre milioni di anni. Che cos è la Preistoria? PERFAREILPUNTO Indica con una crocetta se le seguenti affermazioni sono vere o false. 1. Gli ominidi discendono dalle grandi scimmie. 2. Le sole caratteristiche che contraddistinguono gli ominidi sono la posizione eretta e l uso delle mani. V V F F. L ominide più antico è l Homo habilis. V F 4. La specie a cui apparteniamo è quella dell Homo sapiens sapiens. V F 5. La Preistoria terminò con l invenzione della scrittura. V F 6. La Preistoria si suddivide in Paleolitico e Neolitico. V F 7

8 Capitolo 1 La Preistoria 2 La vita nel Paleolitico A destra: il disegno raffigura una scena di vita nel Paleolitico. Qui sopra: una pietra scheggiata, ricavata dalla selce, dalla tipica forma a mandorla. GUIDA ALLO STUDIO Lessico Paleolitico: Che cosa rese possibile la diffusione dell Homo sapiens su tutta la Terra? Sottolinealo nel testo. Le glaciazioni e la diffusione dell uomo La prima età della Preistoria, il Paleolitico o età paleolitica (= «età della pietra antica»), è chiamata così perché gli uomini usavano, come utensili e armi, pietre scheggiate. Essa durò circa due milioni di anni e i nostri lontani progenitori vi condussero un esistenza molto dura. Prima di tutto, essi dovettero affrontare grandi mutamenti climatici determinati dalle quattro glaciazioni che in quell età si susseguirono sul nostro pianeta. Con il termine glaciazione si indica un lunghissimo periodo durante il quale la temperatura sulla Terra si abbassò mediamente di gradi, facendo sì che gran parte del pianeta si ricoprisse di ghiacci. Fu proprio durante l ultima glaciazione che comparve l Homo sapiens, primo fra gli ominidi a popolare tutto il mondo. Ciò fu reso possibile grazie alla lingua di terra quasi ininterrotta che, emersa grazie all abbassamento del livello del mare, collegava l Australia all Asia, mentre un istmo permetteva di raggiungere a piedi l America dove oggi c è lo stretto di Bering. Intanto, la selezione naturale faceva sì che si affermassero, nelle diverse aree climatiche, gli uomini dotati di caratteristiche fisiche più adatte alla sopravvivenza: quelli con pelle più scura nelle zone più calde, quelli con pelle più chiara nelle zone più fredde. Si formarono così i quattro tipi fondamentali che caratterizzano il genere umano: i Neri, gli Orientali, i Caucasici e gli Aborigeni australiani. Di che cosa vivevano gli uomini del Paleolitico? 8 Raccolta e caccia Gli uomini paleolitici vivevano di raccolta, di caccia e di pesca, mangiavano direttamente ciò che raccoglievano (semi, bacche, frutti) e piccoli animali. Per un lungo

9 I L T EVMI TP A O ME ALTO E RSIPAALZE I O periodo gli uomini paleolitici vissero in caverne naturali, soffrendo il freddo e il buio, finché un gesto determinò una vera rivoluzione: il primo colpo fra due pietre. Fu l Homo habilis a capire che con un sasso poteva scheggiarne un altro, rendendolo appuntito e tagliente. Quando gli uomini impararono a scheggiare le pietre, le usarono come armi per uccidere gli animali, piccoli o grandi come i mammut. L uomo cacciatore scoprì che, se si associava con i suoi simili, otteneva dalla caccia maggiori risultati: ecco allora formarsi i clan, cioè gruppi di famiglie nomadi, che vivevano unite sotto la guida di un anziano particolarmente stimato. La scoperta del fuoco determinò, nella vita quotidiana dei nostri antenati preistorici, una vera rivoluzione: finalmente potevano scaldarsi, illuminare la caverna in cui vivevano, cuocere il cibo. Inizialmente essi non sapevano «creare» il fuoco e dovevano mantenere acceso quello che trovavano in natura. La capacità di accendere il fuoco fu una conquista dell Homo erectus. Lessico Nomade significa «che si sposta continuamente». Sottolinea nel testo le due scoperte fondamentali dell uomo nel Paleolitico. Una palafitta. Le palafitte erano unite alla terraferma per mezzo di ponticelli. Le abitazioni, la religione e l arte L addolcimento del clima indusse gli uomini ad abbandonare le caverne e a costruire abitazioni all aperto, sempre provvisorie perché la caccia obbligava al nomadismo, costruite con tronchi e rami. Quando la zona scelta per l insediamento era paludosa, o addirittura consisteva in un lago o in un fiume, sorgevano le palafitte, costruite su un intelaiatura di tronchi, che poggiava su pali appuntiti, infissi nel suolo. Relativamente tardi si affermò l abitudine di seppellire i morti. Spesso, accanto al cadavere, si ponevano oggetti usati nella vita quotidiana. Nasceva allora la speranza in una nuova vita, dopo la morte. L incertezza dell esito della caccia stimolò gli uomini preistorici anche a «inventare» l arte. Le pitture rupestri che decorano le pareti di molte grotte rappresentano specialmente animali: gli uomini primitivi infatti credevano che dipingere un cervo, un toro, un bue con una lancia conficcata nel cuore rendesse fortunata la caccia. PERFAREILPUNTO Rispondi alle seguenti domande. 1. Perché il primo periodo della Preistoria si chiama Paleolitico? Che cosa sono le glaciazioni?.... Quali sono i quattro tipi fondamentali del genere umano? Perché la scoperta del fuoco ebbe un importanza fondamentale?... Un particolare delle pitture rupestri della grotta di Lascaux (Francia): cavallo ferito. 9

10 Capitolo 1 La Preistoria La vita nel Neolitico Una scena di vita nel Neolitico. GUIDA ALLO STUDIO Lessico Neolitico significa: In che cosa consiste la rivoluzione agricola del Neolitico? La rivoluzione agricola Il Neolitico o età neolitica (= «età della pietra nuova»), così chiamato perché durante questo periodo l uomo cominciò a lavorare la pietra rendendola levigata, ebbe inizio circa anni fa e durò solo quattro millenni e mezzo: i progressi furono infatti molto più rapidi rispetto al Paleolitico e in breve tempo si arrivò all invenzione della scrittura. Il Neolitico determinò un cambiamento radicale nella vita degli uomini: la rivoluzione agricola. Finché era vissuto di raccolta, di caccia e di pesca, l uomo si era comportato come un parassita, consumando le risorse che la terra spontaneamente gli offriva. Con l invenzione dell agricoltura, incominciò a lavorare la terra per produrre egli stesso gli alimenti necessari al suo sostentamento. Quando gli uomini incominciarono a seminare, la loro vita cambiò rapidamente. Occorreva attendere il raccolto, restando quindi più tempo fermi nello stesso posto. Le abitudini nomadi dei gruppi umani, costretti a muoversi di frequente alla ricerca di nuovi terreni di caccia, col tempo divennero sedentarie. Lessico Sottolinea nel testo la definizione di civiltà. 10 La diffusione dell agricoltura L agricoltura comparve in alcune zone del mondo rese fertili dall abbondanza di acqua e dal clima particolarmente temperato: le popolazioni agricole trovarono soluzioni tanto nuove ai loro problemi di sussistenza da imprimere una svolta alla storia dell umanità. Questo avvenne in un ampia regione che va dal delta dei fiumi Tigri ed Eufrate alla vallata del Nilo; si usa denominare questa zona, a causa della sua forma, Mezzaluna fertile (vedi cartina a p. 16); nel bacino dell Indo (India) e, più tardi, lungo le rive del Fiume Giallo (Cina); ancora più tardi, nell America Centrale e nel Perú. Qui si svilupparono le prime civiltà della Terra. Ma che cosa significa «civiltà»? Il termine si usa per indicare l insieme della lingua, dei modi di vita, delle credenze religiose, dell organizzazione sociale e politica di

11 I L T EVMI TP A O ME ALTO E RSIPAALZE I O AMERICA SETTENTRIONALE EUROPA A S I A La diffusione dell agricoltura durante il Neolitico. Individua nella cartina la zona della Mezzaluna fertile (vedi anche la cartina a p. 16). C i n a OCEANO OCEANO A F R I C A i PACIFICO OCEANO PACIFICO AMERICA MERIDIONALE Equatore OCEANO INDIANO ATLANTICO AUSTRALIA Zone in cui comparvero i primi agricoltori (tra e anni fa) Zone coltivate anni fa un popolo, cioè di un gruppo più o meno numeroso di uomini che sono vissuti uniti e hanno fatto le stesse esperienze. Nella Mezzaluna fertile gli agricoltori, anziché continuare ad abbandonare le terre dopo averne sfruttate le risorse, adottarono un nuovo sistema: lo sfruttamento intensivo del terreno, ottenuto sia utilizzando strumenti sempre più perfezionati, sia costruendo canali per disciplinare le acque dei fiumi e irrigare terre sempre più vaste. La produzione agricola aumentò notevolmente: un terreno costantemente irrigato produceva 10 volte di più di una terra la cui fertilità dipendesse soltanto dalla pioggia. La diffusione dell agricoltura ebbe come conseguenza un rapido aumento della popolazione. Le ragioni sono abbastanza evidenti: i prodotti della coltivazione della terra consentivano infatti di sfamare un numero più elevato di persone. L addomesticamento degli animali Contemporaneamente all agricoltura si sviluppò l allevamento (dapprima si allevarono pecore e mucche, in seguito anche cavalli e cammelli). In un primo tempo pastori e contadini si contendevano le terre e spesso ne nascevano scontri violenti. Quando le tecniche agricole divennero più redditizie, si trovò conveniente riunire le due attività intorno allo stesso villaggio, che viveva di entrambe. La formazione di villaggi dove vivevano stabilmente decine di famiglie, fu un altra importante conseguenza della rivoluzione agricola. Nei villaggi nascevano nuove forme di vita sociale, nuove conoscenze, nuove tecniche. PERFAREILPUNTO Completa con le parole giuste. (Se non ricordi esattamente, controlla il testo). Durante l età (= età della ) da raccoglitore e cacciatore, l uomo divenne e... Egli imparò a la pietra anziché scheggiarla, rendendola... L agricoltura comparve in alcune zone del mondo rese dall abbondanza di e dal clima. La diffusione dell agricoltura e dell allevamento ebbe come conseguenza un rapido della polazione. Una pittura rupestre (trovata nel Sahara) che raffigura donne e bambini appartenenti a una delle prime comunità di allevatori. 11

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

QUATTRO TOPI NEL FAR WEST!

QUATTRO TOPI NEL FAR WEST! QUATTRO TOPI NEL FAR WEST! GERONIMO STILTON Testi di Geronimo Stilton. Coordinamento editoriale di Piccolo Tao. Editing di Certosina Kashmir e Topatty Paciccia. Coordinamento artistico di Gògo Gó in collaborazione

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

L invenzione della scrittura

L invenzione della scrittura 42 2 L invenzione della scrittura Preistoria Dal passato ci giungono solo documenti materiali. 3300 a.c. Storia Dal passato ci giungono sia documenti materiali, sia documenti scritti. 2 La scrittura nasce

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

L OLIVO E LA SUA STORIA

L OLIVO E LA SUA STORIA L OLIVO E LA SUA STORIA L olivo è una pianta che ancora oggi è presente nelle tradizioni e nella cultura dei popoli. Fin dalla antichità ha rappresentato un simbolo di pace e di prosperità ed è stata oggetto

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

PER UN PUGNO DI SEMI

PER UN PUGNO DI SEMI GREEN CROSS ITALIA Tel. 06.36004300-06.45597291 SEGRETERIA PERMANENTE DEL CONCORSO Immagini per la Terra Sito web www.immaginiperlaterra.i 00192 Roma Via dei Gracchi, 187 e-mail concorso@immaginiperlaterra.it

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

BUONE AZIONI PER RISPARMIARE

BUONE AZIONI PER RISPARMIARE BUONE AZIONI PER RISPARMIARE A cura del Servizio Socio Assistenziale della Comunità Alta Valsugana e Bersntol in collaborazione con i dipendenti delle Casse Rurali di Pergine Valsugana, Caldonazzo, Levico

Dettagli

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Marzio Barbero e Natasha Shpuza 1. 80 anni fa E il 28 febbraio 1929 quando due ingegneri, Alessandro Banfi Nota 1 e Sergio Bertolotti Nota 2, riescono

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO) Classe: 3 B ITALIANO LETTERATURA 9788822168191 SAMBUGAR MARTA / SALA' GABRIELLA LETTERATURA + / VOLUME 1 + GUIDA ESAME 1 + ANTOLOGIA DIVINA COMMEDIA + ESPANSIONE WEB 1 LA NUOVA ITALIA EDITRICE 32,80 No

Dettagli

by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. www.schiel.

by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. www.schiel. www.schiel.biz by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. Adios Ventilos! o Perché si sono estinte le valvole. Editore: Schiel

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

La preistoria e la sua divulgazione attraverso la sperimentazione interattiva

La preistoria e la sua divulgazione attraverso la sperimentazione interattiva Archeologia Divulgativa & Sperimentale La preistoria e la sua divulgazione Edoardo Ratti 2 La Preistoria e la sua divulgazione ARCHEOLINK e-mail: info@archeolink.it www.archeolink.it Prima edizione, La

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli Tácticas de Guerra Torneo Imperivm e Sfida Civitas Torneo Imperivm 1. Registrazione 2. Schermata principale 3. Livelli 4. Se lo vuoi, ti guidiamo passo passo Sfida Civitas Torneo Imperivm Questa modalità

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

5 %>"G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3"G: 63 & E"G& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& "34 7 / "3*D 83: & in & U 3 OP "

5 %>G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3G: 63 & EG& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& 34 7 / 3*D 83: & in & U 3 OP in U OP Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione.

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Esistono ancora moltissimi malintesi circa cos è un kahuna hawaiano. Scrivo questo articolo per

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli