Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015"

Transcript

1 Relazione finanziaria 1 trimestre Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 3

2 Osservazioni sull andamento della gestione Vendite e consumi interni 1 trimestre Cemento e clinker Inerti* Calcestruzzo (milioni di tonnellate) (milioni di tonnellate) (milioni di m³) Variaz. % vs. Variaz. % vs. Variaz. % vs. Storico Perimetro omogeneo Storico Perimetro omogeneo Storico Perimetro omogeneo Europa centro-occidentale 3,1 (7,0) (7,0) 6,7 4,0 2,2 1,6 (5,7) (5,7) Nord America 0,6 0,0 0,0 0,2 30,3 30,3 0,1 (1,8) (1,8) Europa emergente, Nord Afric a e Medio oriente 3,3 (0,1) (0,1) 0,4 21,0 21,0 0,7 10,6 10,6 Asia 2,8 1,9 1,9 0,1 n.s. n.s. 0,2 (10,5) (10,5) Trading 0,7 (15,2) (15,2) n.s n.s. n.s. Eliminazioni (0,6) n.s. n.s Totale 10,0 (1,3) (1,3) 7,4 7,1 5,5 2,6 (2,1) (2,1) Europa centro-occidentale: Italia, Francia-Belgio, Spagna, Grecia - Nord America: U.S.A., Canada, Portorico - Europa emergente, Nord Africa e M edio oriente: Egitto, Marocco, Bulgaria, Kuwait, Arabia Saudita - Asia: Tailandia, India, Kazakistan I dati sono quasi totalmente relativi alle società consolidate con il metodo integrale; marginale l'apporto, pro-quota, delle società consolidate con il metodo proporzionale * escluse le uscite in cont o lavorazione n.s. non significativo L andamento del settore cemento e clinker ha risentito della generalizzata flessione dei volumi di vendita nell Europa centro-occidentale (con l impatto maggiore in Francia-Belgio) e nell attività di Trading. Una stabilità, rispetto al 1 trimestre, ha caratterizzato Nord America ed Europa emergente, Nord Africa e Medio oriente (calo in Egitto e crescita negli altri Paesi), mentre in progresso è risultata l Asia, con dinamiche positive in Tailandia e Kazakistan. Nel settore degli inerti, l aumento dei volumi di vendita (anche a parità di perimetro, escludendo l impatto di alcune acquisizioni in Francia) è riconducibile a un diffuso andamento positivo con incrementi sensibili in alcuni Paesi (Italia, Tailandia, Marocco e Nord America). Per contro, nel settore del calcestruzzo, la negativa performance dell Europa centrooccidentale (dovuta soprattutto a Francia-Belgio) ha condizionato l'andamento complessivo dei volumi di vendita, malgrado il buon progresso di Europa emergente, Nord Africa e Medio oriente cui hanno contribuito tutti i Paesi. 4

3 e risultati operativi (sub-consolidati per area) Europa centro-occidentale 453,6 (7,5) 28,8 (20,7) 32,3 (13,3) (11,5) (0,8) Nord America 76,9 25,3 (29,4) (28,2) (29,6) (29,4) (47,6) (21,4) Europa emergente, Nord Afric a e Medio oriente 266,8 12,1 57,4 (7,6) 57,4 (7,5) 33,0 (15,6) Asia 167,4 30,5 32,5 62,9 32,4 62,0 21,3 >100,0 Trading cemento e clinker 39,7 (11,6) 8,2 >100,0 7,9 >100,0 6,0 >100,0 Altri 90,0 13,8 (2,2) 8,3 (4,2) (73,9) (5,9) (43,2) Eliminazioni per scambi tra aree (113,9) n.s Totale 980,5 5,1 95,2 (0,4) 96,3 (0,3) (4,7) (13,0) n.s. non significativo I ricavi, pari a 980,5 milioni di euro (932,9 milioni di euro nel 1 trimestre ), hanno registrato, rispetto al pari periodo, un aumento del 5,1% determinato da un effetto cambi positivo del 7,5% e da una riduzione dell attività del 2,5%, in presenza di un effetto perimetro marginale (+0,1%). L andamento dei ricavi ha risentito del calo dei volumi di vendita e, in misura inferiore, dell andamento dei prezzi medi unitari, in calo nell Europa centro occidentale, ma in crescita nell insieme dei Paesi emergenti e in Nord America. A parità di cambi e perimetro, progressi dei ricavi sono stati registrati in diversi Paesi emergenti, in particolare India e Marocco, mentre i cali più significativi hanno riguardato l Europa centro-occidentale a causa di Francia Belgio e Italia. Il positivo effetto cambi, che ha interessato tutte le valute utilizzate nei Paesi dove opera il Gruppo, è stato significativo per lira egiziana, baht tailandese, dollaro USA e rupia indiana. Il margine lordo, pari a 95,2 milioni di euro, ha registrato una contenuta flessione (-0,4%) rispetto al 1 trimestre, beneficiando tuttavia del significativo contributo derivante dalla gestione dei diritti di emissione di CO2 (+21,2 milioni di euro rispetto allo stesso periodo ) e di un effetto cambi complessivamente positivo per 5,6 milioni di euro. Su questa dinamica hanno inciso la diminuzione dei ricavi (a parità di cambi e perimetro) e l aumento di alcuni costi operativi legato a specifiche situazioni (costi variabili in Egitto, anticipazione di interventi di manutenzione in Nord America). Queste dinamiche sono state in parte contrastate dai risultati dei piani di efficienza e risparmio tutt ora in atto. In relazione all andamento dei singoli Paesi, i progressi più significativi del rispetto al 1 trimestre, hanno riguardato, a parità di cambi e perimetro, l Italia (grazie tuttavia all effetto gestione dei diritti CO2), India (soprattutto per effetto dei prezzi di vendita) e Marocco (aumento dei ricavi e contenimento dei costi variabili), mentre i cali più importanti hanno interessato Francia-Belgio (diminuzione dei ricavi) ed Egitto (aumento dei costi variabili). 5

4 Il margine lordo, pari a 96,3 milioni di euro, ha beneficiato di proventi non ricorrenti netti di 1,1 milioni di euro (in linea con quelli del 1 trimestre ) e registra una lieve flessione (-0,3%) rispetto allo stesso periodo del passato esercizio. Il risultato è stato negativo per 4,7 milioni di euro, (-4,2 milioni di euro nel 1 trimestre ) dopo ammortamenti di 99,4 milioni di euro (98,9 milioni di euro nello stesso trimestre ) e svalutazioni di attività per 1,6 milioni di euro (1,8 milioni di euro). netto del periodo Il risultato ante imposte, negativo per 34,0 milioni di euro (-44,2 milioni di euro nel 1 trimestre ), sconta oneri finanziari netti di 29,8 milioni di euro, in calo del 24,3% rispetto a quelli dell omologo periodo (39,4 milioni di euro). A fronte di un modesto aumento degli oneri finanziari netti correlabili all indebitamento netto (da 28,9 milioni di euro nel 1 trimestre a 29,3 milioni di euro nel periodo in esame), si sono infatti registrati utili di cambio, al netto delle coperture, di 8,0 milioni di euro (perdite di cambio di 4,3 milioni di euro nel 1 trimestre ). Il risultato delle società valutate a patrimonio netto è stato positivo per 0,6 milioni di euro (valore negativo di 0,6 milioni di euro nel 1 trimestre ). Il carico stimato per imposte, pari a 22,8 milioni di euro, si confronta con imposte di 11,0 milioni di euro del 1 trimestre. L incremento apparente è dovuto alla registrazione di oneri fiscali normalmente riconosciuti nel 2 trimestre. La perdita del periodo è stata di 56,8 milioni di euro rispetto alla perdita di 55,2 milioni di euro del 1 trimestre. La perdita attribuibile al Gruppo è stata di 73,4 milioni di euro (perdita di 68,3 milioni di euro nel 1 trimestre ), mentre l utile di terzi è stato di 16,6 milioni di euro (13,1 milioni di euro). Totale conto economico complessivo Nel 1 trimestre le componenti che, partendo dal risultato di periodo, determinano il conto economico complessivo, hanno avuto un saldo positivo di 252,0 milioni di euro (saldo negativo di 11,3 milioni di euro nel 1 trimestre ) derivante principalmente da differenze di conversione per 235,3 milioni di euro e variazioni di fair value delle attività finanziarie disponibili per la vendita di 15,1 milioni di euro. Tenuto conto della perdita di 56,8 milioni di euro illustrata nel precedente paragrafo, il conto economico complessivo è stato positivo per 195,2 milioni di euro (125,4 milioni di euro attribuibili al Gruppo e 69,8 milioni di euro attribuibile a terzi) rispetto a un totale negativo di 66,5 milioni di euro del 1 trimestre (-80,5 milioni di euro attribuibili al Gruppo e +14,0 milioni di euro attribuibile a terzi). Valori e raffronti sono contenuti nello specifico Prospetto del conto economico complessivo, nella sezione Prospetti contabili. 6

5 Andamento della gestione per area geografica Europa centro-occidentale Italia 130,0 (4,1) 13,7 n.s. 17,6 >100,0 (1,1) 94,9 Francia / Belgio 299,4 (8,6) 16,3 (52,8) 16,2 (53,8) (5,2) n.s. Spagna 23,1 (7,1) (1,1) n.s. (1,1) n.s. (3,7) (>100,0) Altri 5,6 (13,2) (0,2) 60,2 (0,3) 25,4 (1,5) 8,4 Eliminazioni (4,6) n.s Totale 453,6 (7,5) 28,8 (20,7) 32,3 (13,3) (11,5) (0,8) n.s. non significativo In Italia, nel 1 trimestre del, contraddistinto da condizioni meteorologiche fortemente variabili, il consumo di cemento è da noi stimato in diminuzione. Nel corso del è attesa la prosecuzione della fase negativa del mercato, ma con un attenuazione del calo per il miglioramento dello scenario economico. In particolare, per la stabilizzazione del comparto delle opere pubbliche che dovrebbe beneficiare della maggiore flessibilità di bilancio e dell accelerazione nella spesa dei fondi strutturali europei. I nostri volumi complessivi di vendita di cemento e clinker sono diminuiti del 3,2% nei confronti dello stesso periodo dell anno precedente, con una dinamica più negativa rispetto al mercato, a causa di interventi selettivi basati sulla solvibilità della clientela. I prezzi continuano a risentire della perdurante conflittualità del mercato e, pur restando allineati ai valori del 4 trimestre, hanno registrato una forte flessione rispetto al 1 trimestre dello scorso esercizio. Nonostante gli andamenti negativi di prezzi e volumi, il del settore cemento ha evidenziato un deciso miglioramento rispetto al corrispondente periodo del. Ciò grazie all importante contributo derivante dalla vendita di diritti di emissione di CO2 (21,4 milioni di euro nel 1 trimestre del ) cui si sono aggiunti i risparmi nei costi variabili, in particolare per i fattori energetici e nei costi fissi in virtù della riorganizzazione attuata con il Progetto. Anche per il calcestruzzo, nel 1 trimestre del l andamento della domanda è stato negativo a causa della crisi economica e della stretta creditizia. Tuttavia emergono alcuni segnali positivi, in termini di numero di compravendite di unità immobiliari residenziali, di erogazioni di mutui alle famiglie e di bandi di gara per lavori pubblici. Le vendite di calcestruzzo del Gruppo sono diminuite dell 1,3% rispetto al 1 trimestre, a causa del calo riguardante le grandi opere, mentre le vendite nel mercato diffuso hanno registrato un modesto incremento. Per contro, sono risultati in forte crescita i volumi di inerti (+34,8%), principalmente per le maggiori vendite a terzi. Il del settore calcestruzzo e inerti, pur negativo, ha evidenziato un progresso rispetto al 1 trimestre del, grazie ai risparmi nei costi fissi, conseguiti con il piano di riorganizzazione, cui si è aggiunto il positivo effetto volume degli inerti. 7

6 In Francia e in Belgio, nel 1 trimestre, i consumi di cemento hanno registrato una significativa flessione confermando il negativo trend registrato nell ultimo trimestre del. I volumi di vendita di cemento e clinker del Gruppo in Francia sono diminuiti dell 8,4% (inclusi marginali quantitativi destinati all export), condizionati dal rallentamento degli investimenti pubblici, mentre in Belgio la diminuzione è stata più contenuta (-1,1% incluse le esportazioni). Come conseguenza di un contesto concorrenziale particolarmente inasprito, anche i prezzi di vendita hanno registrato una flessione. I volumi di vendita di calcestruzzo sono diminuiti del 6,5% in Francia e del 3,3% in Belgio, mentre nel settore inerti, l area Francia-Belgio ha mostrato un leggero incremento (+0,3%). Nel complesso i risultati di gestione hanno registrato una marcata flessione, penalizzati dai minori volumi di vendita e dall inasprito contesto concorrenziale, solo parzialmente compensati dalle azioni di contenimento dei costi operativi. In Spagna, si è registrato un aumento dei consumi di cemento rispetto ai primi mesi del, dopo le marcate flessioni degli anni precedenti. In questo contesto i volumi di cemento venduti dal Gruppo sul mercato nazionale hanno evidenziato un progresso dell 8,1%. Tuttavia i volumi di vendita complessivi di cemento e clinker hanno mostrato una flessione del 13,8%, penalizzati dalla rilevante diminuzione delle esportazioni. I volumi di vendita di calcestruzzo e inerti hanno consuntivato un aumento rispettivamente del 10,8% e del 5,8%. Il ha registrato una flessione a causa dei minori volumi di vendita complessivamente registrati nel settore cemento e del timing di alcuni interventi di manutenzione e spese fisse. Negli Altri Paesi, in Grecia, il mercato delle costruzioni appare ancora sostenuto da alcuni grandi progetti in infrastrutture partiti nei passati esercizi e dall avvio dei lavori autostradali nel nord del Paese. In un contesto che permane di grande incertezza, i volumi di vendita di cemento e clinker sono diminuiti dell 8,2% a causa del calo delle esportazioni. Le vendite di calcestruzzo e inerti hanno avuto una flessione rispettivamente del 71,9% e del 19,4%. Il è negativo, ma in miglioramento rispetto al 1 trimestre soprattutto per effetto del contenimento dei costi operativi. 8

7 Nord America Totale 76,9 25,3 (29,4) (28,2) (29,6) (29,4) (47,6) (21,4) In Nord America, nel 1 trimestre, i consumi di cemento nei mercati di attività del Gruppo hanno evidenziato un progresso nonostante la debolezza del mercato di Porto Rico. In tale contesto i nostri volumi di vendita di cemento sono stati in linea con il pari periodo mentre i ricavi unitari medi sono aumentati. I volumi di vendita di calcestruzzo hanno registrato una leggera flessione (-1,8%), mentre le vendite di inerti sono cresciute del 30,3%. Il margine lordo ha evidenziato una flessione rispetto al a causa del timing di alcuni importanti interventi di manutenzione il cui effetto è stato solo in parte compensato dalla favorevole dinamica dei prezzi. In presenza di un forte apprezzamento del dollaro, la rappresentazione in euro dell andamento del periodo enfatizza dinamiche (aumento dei ricavi e deterioramento dei risultati di gestione), decisamente più attenuate se espresse in valuta locale. Europa emergente, Nord Africa e Medio oriente Egitto 146,3 6,3 16,2 (42,3) 16,2 (42,0) 3,7 (76,9) Marocco 88,5 16,2 38,0 23,2 38,0 23,2 28,6 32,3 Altri (1) 32,0 32,0 3,2 (0,2) 3,2 (2,4) 0,7 (53,7) Eliminazioni Totale 266,8 12,1 57,4 (7,6) 57,4 (7,5) 33,0 (15,6) (1) Bulgaria, Kuwait, Arabia Saudita In Egitto, con la conferenza di Sharm el-sheikh, organizzata dal governo egiziano nel mese di marzo, è stata affermata la volontà del Paese di puntare sulle grandi opere e sugli investimenti esteri concentrati nei settori più importanti dell economia egiziana: estrazione di materie prime, produzione energetica, edilizia ed infrastrutture. Se il è stato caratterizzato da una pesante carenza di combustibili con evidenti ripercussioni sulle produzioni di clinker e cemento, così non è stato in questa prima parte di anno, nella quale anche i previsti aumenti del prezzo dei combustibili industriali ed energia elettrica non si sono ancora verificati. I consumi di cemento grigio sono diminuiti come già avvenuto nell ultimo trimestre del, ma con prospettive di crescita nel, favoriti sia dal mercato residenziale per 9

8 l avvio di nuovi grandi progetti gestiti soprattutto dall esercito, sia da quello non residenziale. I volumi complessivi di vendita di cemento e clinker del Gruppo hanno registrato un calo rispetto al 1 trimestre del 7,2% (-2,4% nel mercato domestico) imputabile soprattutto alla forte flessione dell export rispetto ai primi tre mesi del passato esercizio. Positivo è stato invece l andamento dei volumi di vendita nel settore calcestruzzo con una crescita del 10,6%. Il calo del, espresso in valuta locale, è dovuto alla crescita dei costi variabili (costi dei combustibili ed energia elettrica) che nei primi mesi del ancora non scontavano gli aumenti che hanno caratterizzato il prosieguo del passato esercizio. Impatti negativi sono stati anche determinati dal calo dei volumi di vendita di cemento e dall esaurirsi del rimborso per la tassa sull argilla pagata in eccesso. Le dinamiche sopra richiamate sono state solo lievemente attenuate da minori costi fissi (personale e manutenzioni). In Marocco, nel 1 trimestre, i consumi di cemento hanno evidenziato un lieve incremento rispetto allo stesso periodo del, nonostante il rallentamento degli investimenti privati nell edilizia sociale e del comparto dei lavori pubblici. In tale contesto di mercato, i volumi di vendita di cemento del Gruppo sul mercato nazionale hanno beneficiato del recupero dei volumi di vendita persi nello scorso mese di dicembre a seguito di alluvioni e dell effetto meteo particolarmente avverso, registrando un aumento del 6,3% (+6,7% nel complesso, incluse le esportazioni) e confermando la dinamica positiva dei prezzi medi di vendita già evidenziata nel corso del. I volumi di vendita di calcestruzzo e inerti hanno fatto registrare incrementi del 5,9% e del 21,0% rispettivamente. Il, anche a parità di tassi di cambio, è sensibilmente aumentato rispetto al 1 trimestre del, grazie ai maggiori volumi di vendita, alla positiva dinamica dei prezzi del cemento sul mercato domestico e alle efficienze sui costi variabili. Questi effetti positivi sono stati solo parzialmente attenuati da un aumento dei costi fissi, in particolare manutenzioni e personale. Relativamente agli Altri Paesi, in Bulgaria, nonostante aspettative di stabilità per il, nel 1 trimestre il mercato delle costruzioni ha registrato un calo per effetto delle avverse condizioni metereologiche, dei limitati fondi statali e della conferma dei fondi messi a disposizione dall Unione Europea avuta solo a fine marzo. I volumi di vendita di cemento del Gruppo sul mercato domestico sono diminuiti dell 8,5%, mentre le vendite complessive di cemento e clinker sono aumentate del 19,5% grazie alle esportazioni. Il è in linea con quello dei primi tre mesi del. In Kuwait, i consumi di cemento, sostenuti da investimenti in infrastrutture, sembrano destinati a ulteriori aumenti grazie al nuovo piano di Sviluppo quinquennale con progetti di partenariato pubblico - privato. I volumi di vendita di cemento del Gruppo sono cresciuti del 64,4% rispetto a un 1 trimestre fortemente penalizzato dai limiti operativi imposti dalle manutenzioni del bacino di carenaggio. I volumi di vendita di calcestruzzo sono aumentati del 12,2%. Nonostante il notevole aumento dei volumi di vendita, il è in linea con lo stesso periodo del a causa dei maggiori costi variabili. 10

9 Asia Tailandia 85,7 24,0 19,7 9,2 19,7 8,8 14,2 7,1 India 76,3 37,6 14,8 >100,0 14,8 >100,0 9,8 n.s. Altri (1) 5,3 45,1 (2,1) (23,8) (2,1) (23,8) (2,7) 13,6 Eliminazioni Totale 167,4 30,5 32,5 62,9 32,4 62,0 21,3 >100,0 (1) Kazakistan n.s. non significativo In Tailandia il mercato del cemento ha risentito del contesto economico generale (la ripresa economica è attesa per la seconda metà del ) registrando un calo rispetto al 1 trimestre dello scorso anno. I volumi di vendita di cemento del Gruppo sul mercato nazionale sono comunque aumentati dell 1,2% ma con prezzi in calo. Grazie al buon andamento delle esportazioni, le vendite di cemento e clinker sono aumentate complessivamente dell 11,8%. I volumi di calcestruzzo hanno invece registrato una flessione del 20,8% rispetto al 1 trimestre del. A causa dell impatto negativo dei prezzi, solo parzialmente compensato dai maggiori volumi di vendita, il in valuta locale registra una flessione. I risultati di gestione, nella loro rappresentazione in euro, beneficiano del sensibile apprezzamento del baht. In India, dopo due anni consecutivi di contrazione, si stima che anche nel 1 trimestre i consumi di cemento nel Sud del Paese (mercato di riferimento del Gruppo) siano in calo, pur mantenendo aspettative di una ripresa nella seconda parte dell anno. Anche i nostri volumi di vendita sul mercato nazionale hanno risentito dell andamento del mercato e hanno avuto una flessione del 17,2%, ma con prezzi in forte crescita rispetto al 1 trimestre dello scorso anno che aveva toccato livelli particolarmente modesti. L aumento del livello dei prezzi di vendita, dal mese di dicembre dello scorso anno, non può tuttavia ritenersi consolidato finché anche il mercato non riprenderà a crescere. Tenendo conto delle esportazioni di cemento e delle vendite di clinker, il calo dei volumi è stato dell 11,1% rispetto allo stesso periodo del. Grazie al positivo andamento dei prezzi, il, anche espresso in valuta locale, è in forte progresso rispetto al 1 trimestre dello scorso anno. Relativamente agli Altri Paesi, in Kazakistan è proseguita anche nel 1 trimestre del la crescita dei consumi di cemento con ripercussioni favorevoli sulle nostre vendite nazionali, in progresso del 22,7%, ma con prezzi in lieve calo, rispetto a un 1 trimestre attestato su livelli particolarmente modesti. Anche i, sia pur modesti, volumi di vendita di calcestruzzo hanno registrato un sensibile aumento (oltre il 100%). Nonostante 11

10 l incremento dei volumi di vendita, il espresso in valuta locale è inferiore a quello del 1 trimestre a causa della crescita dei costi operativi, in particolare di quelli fissi. Trading cemento e clinker Totale 39,7 (11,6) 8,2 >100,0 7,9 >100,0 6,0 >100,0 Nel corso del 1 trimestre i volumi di vendita di cemento e clinker, infragruppo e verso terzi, sono diminuiti del 15,2% rispetto all omologo periodo dell anno precedente. A fronte di un calo dell attività di Trading si è registrata una positiva performance dei terminali. I risultati gestionali sono aumentati rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, beneficiando anche del rimborso assicurativo di 4,5 milioni di euro in relazione ai danni subiti per rischio politico che hanno causato l abbandono della costruzione di un terminale in Libia. Indebitamento finanziario netto Al 31 marzo, l indebitamento finanziario netto era pari a 2.343,9 milioni di euro, in aumento di 187,2 milioni di euro nel confronto con il 31 dicembre in conseguenza soprattutto delle dinamiche stagionali del capitale d esercizio e delle differenze negative di conversione dovute all apprezzamento delle altre valute utilizzate dal Gruppo nei confronti dell euro. Indici finanziari (Valori assoluti in milioni di euro) 31 marzo 31 dicembre Indebitamento finanziario netto 2.343, ,7 Patrimonio netto consolidato 4.063, ,0 "Gearing"% 57,7 55,4 Indebitamento finanziario netto 2.343, ,7 648,8 649,1 648,8 649,1 Oneri finanziari netti* 120,3 128,6 * Oneri finanziari netti correlabili all'indebitamento netto "Leverage" "Coverage" Il leverage e il coverage sono stati calcolati su valori di conto economico anno mobile. 3,6 1 trimestre 5,4 3,3 Esercizio 5,0 12

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO RICAVI IN PROGRESSO, IN PARTICOLARE IN INDIA E MAROCCO SOSTANZIALE STABILITA DEI VOLUMI DI VENDITA DI CEMENTO: LA DEBOLEZZA

Dettagli

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I DATI SULLE VENDITE AL 31 DICEMBRE 2014

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I DATI SULLE VENDITE AL 31 DICEMBRE 2014 ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I DATI SULLE VENDITE AL 31 DICEMBRE Nel quarto trimestre il fatturato del Gruppo Italcementi è salito del 2,3% a 1.039,9 milioni di euro, sostenuto dal buon incremento

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE GRUPPO ITALMOBILIARE RICAVI: 4.908,1 MILIONI DI EURO (+5,4) UTILE NETTO TOTALE:

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ESAMINA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2012

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ESAMINA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2012 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ESAMINA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2012 Nei Paesi industrializzati si conferma nel semestre la ripresa nel Nord America e il recupero dei prezzi in alcuni mercati.

Dettagli

Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 31 marzo 2015

Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 31 marzo 2015 Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 31 marzo Ricavi a 204,7 milioni di Euro (206,6 milioni di Euro nel primo trimestre ) Margine operativo lordo a 24,2

Dettagli

ITALMOBILIARE Resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2010

ITALMOBILIARE Resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2010 Resoconto intermedio di gestione al 30 settembre Indice ORGANI SOCIALI OSSERVAZIONI SULL ANDAMENTO GESTIONALE Premessa 4 Informazioni sulla gestione 5 Sintesi situazione consolidata 8 Settore materiali

Dettagli

Indice. Resoconto intermedio di gestione

Indice. Resoconto intermedio di gestione Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo Indice Resoconto intermedio di gestione Osservazioni sull andamento gestionale Risultati e fatti significativi 7 Osservazioni sull andamento della gestione

Dettagli

Il Consiglio di amministrazione esamina i risultati dell esercizio 2007

Il Consiglio di amministrazione esamina i risultati dell esercizio 2007 Il Consiglio di amministrazione esamina i risultati dell esercizio GRUPPO ITALCEMENTI RICAVI CONSOLIDATI: 6.000,9 MILIONI DI EURO (+2,5%) MARGINE OPERATIVO LORDO CORRENTE: 1.403,9 MILIONI (-3%) RISULTATO

Dettagli

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo Attività del Gruppo Il Gruppo Bolzoni è attivo da oltre sessanta anni nella progettazione, produzione e commercializzazione di attrezzature per carrelli elevatori e per la movimentazione industriale. Lo

Dettagli

Relazione trimestrale al 30 settembre 2005

Relazione trimestrale al 30 settembre 2005 Relazione trimestrale al 30 settembre 2005 Buzzi Unicem S.p.A. Sede: Casale Monferrato (AL) Via Luigi Buzzi 6 Capitale sociale 118.265.497,80 Registro delle Imprese di Alessandria n. 00930290044 Indice

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2008

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2008 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2008 Parmalat consegue un EBITDA di 330,5 milioni di euro al lordo delle differenze cambio e 316,3 milioni di

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Indice. Relazione trimestrale. Osservazioni sull andamento gestionale. Prospetti contabili 17. Note di commento ai prospetti contabili 21

Indice. Relazione trimestrale. Osservazioni sull andamento gestionale. Prospetti contabili 17. Note di commento ai prospetti contabili 21 Relazione trimestrale consolidata al 31 marzo 2006 Indice Relazione trimestrale Osservazioni sull andamento gestionale Fatti significativi del periodo 6 Osservazioni sull andamento gestionale 7 Andamento

Dettagli

Organi sociali 2. Osservazioni sull andamento gestionale e sui fatti più significativi del periodo 3

Organi sociali 2. Osservazioni sull andamento gestionale e sui fatti più significativi del periodo 3 Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2007 Indice Relazione trimestrale Organi sociali 2 Osservazioni sull andamento gestionale e sui fatti più significativi del periodo 3 Sintesi dei risultati

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Risultati al 31 Marzo 2010

COMUNICATO STAMPA. Risultati al 31 Marzo 2010 COMUNICATO STAMPA Risultati al 31 Marzo 2010 Vendite di cemento e di calcestruzzo preconfezionato in diminuzione rispettivamente del 19,6% e del 14,1% La domanda debole e le avverse condizioni climatiche

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo 267,1 milioni di Euro di ricavi, in crescita del 26% rispetto al primo trimestre 2003 Crescita

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

ITALMOBILIARE Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015

ITALMOBILIARE Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo Indice ORGANI SOCIALI 2 OSSERVAZIONI SULL ANDAMENTO GESTIONALE Premessa 4 Informazioni sulla gestione 5 Sintesi dei dati economici e patrimoniali del Gruppo

Dettagli

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2014 (VS ESERCIZIO 2013)*: RICAVI NETTI: 426,1 MILIONI DI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Ai sensi della delibera Consob 11971/99 e successive modificazioni e integrazioni GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.P.A.

COMUNICATO STAMPA. Ai sensi della delibera Consob 11971/99 e successive modificazioni e integrazioni GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.P.A. COMUNICATO STAMPA Ai sensi della delibera Consob 11971/99 e successive modificazioni e integrazioni GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.P.A. Il Consiglio di Amministrazione esamina i risultati al 31 dicembre

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DEL PRIMO TRIMESTRE 2003 Scenario economico La crescita dell economia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel trimestre ricavi a 598 milioni di euro, in calo del 3,8% EBIT a 13,9 milioni di euro, rispetto ai 20,9 milioni del periodo 2012

COMUNICATO STAMPA. Nel trimestre ricavi a 598 milioni di euro, in calo del 3,8% EBIT a 13,9 milioni di euro, rispetto ai 20,9 milioni del periodo 2012 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Indesit Company ha esaminato i dati del primo trimestre 2013 e approvato il Resoconto Intermedio di Gestione In un contesto di arretramento del mercato

Dettagli

comunicato stampa PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2013 (VS ESERCIZIO 2012): IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA

comunicato stampa PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2013 (VS ESERCIZIO 2012): IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO SEPARATO AL 31 DICEMBRE 2013 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2013 (VS ESERCIZIO 2012): RICAVI NETTI:

Dettagli

Indice. Relazione trimestrale

Indice. Relazione trimestrale Relazione trimestrale consolidata al 31 marzo Indice Relazione trimestrale Osservazioni sull andamento gestionale 3 Fatti significativi del periodo 6 Osservazioni sull andamento gestionale 8 Andamento

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Cementir Holding SpA 200, corso di Francia 00191 Roma, Italia T +39 06 324931 cementirholding.it

Cementir Holding SpA 200, corso di Francia 00191 Roma, Italia T +39 06 324931 cementirholding.it RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE 31 MARZO 2011 Cementir Holding SpA 200, corso di Francia 00191 Roma, Italia T +39 06 324931 cementirholding.it Partita Iva 02158501003 REA C.C.I.A.A. Roma 160.498 Capitale

Dettagli

UBM SMALL CAPS CONFERENCE. Soluzioni sistemistiche innovative nel settore delle macchine automatiche INDUSTRIA MACCHINE AUTOMATICHE

UBM SMALL CAPS CONFERENCE. Soluzioni sistemistiche innovative nel settore delle macchine automatiche INDUSTRIA MACCHINE AUTOMATICHE UBM SMALL CAPS CONFERENCE 1 Soluzioni sistemistiche innovative nel settore delle macchine automatiche Milano, 22 novembre 2006 Scenario 2006 Il settore Tè 2 I ricavi del settore Tè nel periodo gennaio-settembre

Dettagli

Italcementi. Italcementi Group. Relazione trimestrale consolidata al 31 marzo 2000

Italcementi. Italcementi Group. Relazione trimestrale consolidata al 31 marzo 2000 Italcementi Italcementi Group Relazione trimestrale consolidata al 31 marzo 2000 Indice Contenuti della relazione trimestrale 3 Osservazioni sull andamento gestionale e sui fatti più significativi del

Dettagli

Cementir: il Cda approva i risultati al 31 dicembre 2006

Cementir: il Cda approva i risultati al 31 dicembre 2006 Cementir: il Cda approva i risultati al 31 dicembre Anticipati di due anni target del piano triennale /2008 Ricavi a 1,05 miliardi di euro, +23% Margine operativo lordo a 247,4 milioni di euro, +34% Reddito

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 Valore della produzione pari ad Euro 3,1 milioni in linea rispetto al corrispondente

Dettagli

Costruzioni, investimenti in ripresa?

Costruzioni, investimenti in ripresa? Costruzioni, investimenti in ripresa? Secondo lo studio Ance nelle costruzioni c'è ancora crisi nei livelli produttivi ma si riscontrano alcuni segnali positivi nel mercato immobiliare e nei bandi di gara

Dettagli

I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre

I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre Comunicato Stampa I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre Ricavi a 24,5 milioni (26,3 mln nel 2010) EBITDA 1 a -2,3 milioni (-4,0 mln

Dettagli

COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni)

COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni) COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Treviso, 31 luglio 2015 COMUNICATO STAMPA De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Il Consiglio di Amministrazione di De Longhi S.p.A. ha approvato i risultati consolidati del primo semestre

Dettagli

SEA: Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di Bilancio 2011

SEA: Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di Bilancio 2011 SEA: Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di Bilancio 2011 Risultati 2011 in crescita rispetto all esercizio 2010 Ricavi gestionali 1 : 579,3 milioni di Euro (+5,3%) EBITDA gestionale 1

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO

GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO Società per Azioni RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2002 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA

Dettagli

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili Cembre SpA Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale sociale euro 8.840.000 interamente versato Iscritta al Registro delle Imprese di Brescia al n.00541390175 Relazione trimestrale consolidata al 30

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2006 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2006 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE Montefibre SpA Via Marco d Aviano, 2 20131 Milano Tel. +39 02 28008.1 Contatti societari: Ufficio titoli Tel. +39 02 28008.1 E-mail titoli@mef.it Sito Internet www.montefibre.it IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

De Longhi S.p.A. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010

De Longhi S.p.A. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 De Longhi S.p.A. Organi societari * Consiglio di amministrazione GIUSEPPE DE'LONGHI FABIO DE'LONGHI ALBERTO CLÒ ** RENATO CORRADA ** SILVIA DE'LONGHI CARLO GARAVAGLIA DARIO MELO GIORGIO SANDRI SILVIO SARTORI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003

COMUNICATO STAMPA. Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003 COMUNICATO STAMPA Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003 Ricavi netti: +1,3% a 106,7 milioni di euro Ricavi netti dei primi nove mesi 2003: +2,6% a 384,5 milioni di euro In ottobre la crescita

Dettagli

Presentazione del Rapporto

Presentazione del Rapporto Presentazione del Rapporto Cremona, 5 giugno 5 L economia della Lombardia Paola Rossi Banca d Italia Sede di Milano Divisione Analisi e Ricerca economica territoriale Camera di Commercio di Cremona L economia

Dettagli

Resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2008

Resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2008 Resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2008 Indice Resoconto intermedio di gestione Osservazioni sull andamento gestionale 3 Sintesi della situazione economica consolidata 5 Fatti significativi

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Esercizio 2014. Numero dipendenti 3.053 3.170

Esercizio 2014. Numero dipendenti 3.053 3.170 Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati 2014 Il Gruppo ha chiuso il 2014 superando gli obiettivi di margine operativo lordo e indebitamento finanziario netto Ricavi a 948,0

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI 2015 (VS PRIMI NOVE MESI 2014)*: RICAVI NETTI: 334,8

Dettagli

COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni)

COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni) COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto Intermedio di gestione al 31 marzo

Dettagli

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Comunicato Stampa SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Il Gruppo: il fatturato consolidato, pari a Euro 2.054,4 milioni,

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB Consiglio di Amministrazione Gruppo Editoriale L Espresso: approvati i risultati consolidati del primo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RIVISTE PREVISIONI PER IL 2009 E APPROVATO PIANO INDUSTRIALE 2010/2015

COMUNICATO STAMPA RIVISTE PREVISIONI PER IL 2009 E APPROVATO PIANO INDUSTRIALE 2010/2015 COMUNICATO STAMPA RIVISTE PREVISIONI PER IL 2009 E APPROVATO PIANO INDUSTRIALE 2010/2015 IMPEGNI DELLA CONTROLLANTE MERIDIANA PER GARANTIRE LA CONTINUITA AZIENDALE ALLO STUDIO L INTEGRAZIONE CON LE ATTIVITA

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

M ONTEFIBRE S.P.A. RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2005

M ONTEFIBRE S.P.A. RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2005 M ONTEFIBRE S.P.A. RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2005 RELAZIONE TRIMESTRALE APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 3 NOVEMBRE 2005 P REMESSA Nei primi nove mesi del 2005 il risultato derivante

Dettagli

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA RIUNITO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CAMFIN SPA ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS APPROVATA LA RELAZIONE

Dettagli

ITALMOBILIARE Relazione trimestrale consolidata al 31 marzo 2006

ITALMOBILIARE Relazione trimestrale consolidata al 31 marzo 2006 ITALMOBILIARE Relazione trimestrale consolidata al 31 marzo 2006 ORGANI SOCIALI Consiglio di amministrazione scadenza: approvazione bilancio al 31 dicembre 2007 Giampiero Pesenti 1 Presidente Consigliere

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Solida redditività operativa Maggior utile netto

Solida redditività operativa Maggior utile netto Esercizio 2009 Fa stato il testo orale Solida redditività operativa Maggior utile netto Relazione di Beat Grossenbacher, responsabile Finanze e Servizi, in occasione della conferenza stampa annuale del

Dettagli

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009.

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Fatturato oltre le attese e marginalità in forte miglioramento. Il quarto trimestre è in forte

Dettagli

Situazione economica 1) consumo cemento

Situazione economica 1) consumo cemento Situazione economica 1) consumo cemento Dopo lo storico rallentamento del primo trimestre del 2012, causato anche da forti anomalie meteorologiche intervenute in particolare nel mese di febbraio, il mercato

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 21 ottobre 2009 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che

Dettagli

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA OSSERVATORIO SUL MERCATO IMMOBILIARE Comunicato stampa LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2012 Trimestre Bologna Numero di compravendite

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

Poligrafici Editoriale

Poligrafici Editoriale COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria semestrale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 31 MARZO 2008

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 31 MARZO 2008 COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 31 MARZO 2008 PRIMI 3 MESI DEL 2008 CONFERMANO IL POSITIVO RISULTATO OTTENUTO NEL PRIMO TRIMESTRE 2007, IN UN CONTESTO DI MERCATO

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

SALUGGIA, 8 NOVEMBRE 2013 IL CDA DI DIASORIN S.P.A

SALUGGIA, 8 NOVEMBRE 2013 IL CDA DI DIASORIN S.P.A Comunicato Stampa SALUGGIA, 8 NOVEMBRE 2013 IL CDA DI DIASORIN S.P.A. APPROVA I RISULTATI DEL 3 TRIMESTRE 2013: ACCELERAZIONE DELLE VENDITE A CAMBI COSTANTI E CONTINUA ESPANSIONE DELLA BASE INSTALLATA

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

DE' LONGHI SpA: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati trimestrali al 31 marzo 2007.

DE' LONGHI SpA: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati trimestrali al 31 marzo 2007. COMUNICATO STAMPA Treviso, 14 maggio 2007 DE' LONGHI SpA: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati trimestrali al 31 marzo 2007. ricavi consolidati in aumento del 5,5% a 291,2 milioni ( 276,2

Dettagli

Sintesi dei risultati consolidati del Gruppo

Sintesi dei risultati consolidati del Gruppo COMUNICATO STAMPA Gruppo Coin S.P.A.: Il Consiglio di Amministrazione riunitosi oggi a Venezia ha approvato i risultati del primo trimestre dell esercizio 2011 (1 febbraio 2011 30 aprile 2011). Vendite

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015

Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015 Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015 Data/Ora Ricezione 23 Ottobre 2015 14:23:44 MTA - Star Societa' : SOGEFI Identificativo Informazione Regolamentata : 64513 Nome utilizzatore : SOGEFIN01 - ALBRAND

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi di alcune cifre chiave della novestrale 2013

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi di alcune cifre chiave della novestrale 2013 Gruppi assicurativi quotati in borsa Analisi di alcune cifre chiave della novestrale 2013 Elaborazioni dai resoconti intermedi dei gruppi assicurativi quotati, dai dati di Borsa Italiana e di quelli di

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 21 L economia del Molise I prestiti bancari È proseguito il calo dei prestiti bancari,

Dettagli

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE 2 TRIMESTRE 2003

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE 2 TRIMESTRE 2003 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE 2 TRIMESTRE 2003 SNIA S.p.A. - Capitale Sociale Euro 590.117.322 - Sede Legale in Milano - Via Borgonuovo, 14 Registro delle Imprese di Milano

Dettagli

Milano, 24 marzo 2015. Approvato il rendiconto di gestione al 31 dicembre 2014 del Fondo immobiliare Investietico:

Milano, 24 marzo 2015. Approvato il rendiconto di gestione al 31 dicembre 2014 del Fondo immobiliare Investietico: AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede in Milano, Bastioni di Porta Nuova n. 21, capitale sociale Euro 5.500.000,00 sottoscritto e versato, R.E.A. Milano n. 239479, Numero Registro delle Imprese di Milano

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La

Dettagli

comunicato stampa Bologna, 20 marzo 2014 Highlight finanziari LINK UTILI MULTIMEDIA Highlight operativi CONTATTI -------------

comunicato stampa Bologna, 20 marzo 2014 Highlight finanziari LINK UTILI MULTIMEDIA Highlight operativi CONTATTI ------------- comunicato stampa Bologna, 20 marzo 2014 Il Gruppo Hera approva i risultati al 31/12/2013 L anno si chiude con valori in crescita, anche grazie dell aggregazione di AcegasAps. Dividendo confermato a 9

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009

2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009 I CONTI DEL SETTORE PUBBLICO 2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009 Il conto degli Enti previdenziali (Tabella 2.2-1) a tutto il terzo trimestre 2009 evidenzia

Dettagli

AMPLIFON: RICAVI E REDDITIVITÀ IN FORTE

AMPLIFON: RICAVI E REDDITIVITÀ IN FORTE AMPLIFON: RICAVI E REDDITIVITÀ IN FORTE CRESCITA IN TUTTE LE AREE GEOGRAFICHE IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE HA APPROVATO OGGI LA RELAZIONE FINANZIARIA TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2015, CHE VEDE IL PRIMO

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

Fatturato COMUNICATO STAMPA

Fatturato COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE HA APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2005 RICAVI CONSOLIDATI + 11,4% - UTILE NETTO CONSOLIDATO + 42,9% Dati consolidati

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013.

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. COMUNICATO STAMPA NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. Ricavi Operativi Consolidati pari a 15,1 milioni di Euro, +10% rispetto al primo trimestre 2012. EBITDA*

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli