VITAMINA C. Parole chiave. Abbreviazioni. Concetti guida. Vitamina C, Acido L-ascorbico, L-ascorbato, Acido L-deidroascorbico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VITAMINA C. Parole chiave. Abbreviazioni. Concetti guida. Vitamina C, Acido L-ascorbico, L-ascorbato, Acido L-deidroascorbico"

Transcript

1 VITAMINA C Parole chiave Vitamina C, Acido L-ascorbico, L-ascorbato, Acido L-deidroascorbico Abbreviazioni AI assunzione adeguata AR fabbisogno medio E00 additivo: acido ascorbico GLUT trasportatore di glucosio HIF fattore di trascrizione indotto dall ipossia LDL lipoproteine a bassa densità NAD nicotinammide adenin dinucleotide NADP nicotinammide adenin dinucleotide fosfato PRI assunzione raccomandata per la popolazione ROS specie reattive dell ossigeno SVCT1, SCVT (sodium-dependent vitamin C transporter) trasportatore sodio-dipendente per la vitamina C UL livello massimo tollerabile di assunzione Concetti guida - La vitamina C partecipa a reazioni enzimatiche, catalizzate da mono e diossigenasi (coinvolte nella biosintesi del collagene, della carnitina, della noradrenalina) e a reazioni non enzimatiche, tra cui la neutralizzazione delle specie reattive dell ossigeno (ROS). - I gruppi di alimenti Verdura e Ortaggi e Frutta rappresentano le fonti principali di vitamina C nella dieta italiana, fornendo il % dell assunzione totale. Un ulteriore 1% deriva dal gruppo Acqua e bevande analcoliche, in quanto in tale gruppo sono presenti i succhi di frutta. - La carenza grave si manifesta con lo scorbuto, una patologia che può avere esito fatale. Questa condizione è rara nei paesi industrializzati dove invece esiste il rischio di carenza marginale (categorie a rischio: fumatori, soggetti con obesità centrale, diabetici). Bassi livelli plasmatici sono stati associati a patologie cardiovascolari e neoplastiche. - I fabbisogni corrispondono all assunzione necessaria per mantenere la concentrazione di vitamina C dei neutrofili vicina alla saturazione - valore corrispondente ad un adeguata protezione antiossidante - con la minima escrezione urinaria. - I livelli di assunzione di riferimento sono espressi nella fascia - mesi come assunzione adeguata (AI) e negli altri gruppi come fabbisogno medio (AR) e assunzione raccomandata per la popolazione (PRI). - Non viene stabilito un livello massimo tollerabile di assunzione a causa della mancanza di un sufficiente numero di studi sulla tossicità. Tuttavia, in accordo con l EFSA, si raccomanda di non superare l assunzione di 1 g/die.

2 Introduzione La vitamina C (acido L-ascorbico) è una molecola a sei atomi di carbonio, che presenta un anello lattonico (è il γ-lattone della forma enolica dell'acido α-chetogulonico); la forma enantiomera D non è biologicamente attiva. A ph fisiologico, è presente nella forma dissociata anione ascorbato (pka =,). Il termine vitamina C fa riferimento sia all acido L-ascorbico (la forma ridotta, di seguito indicata come acido ascorbico) sia al suo derivato ossidato, l acido L-deidroascorbico (di seguito indicato come acido deidroascorbico), poiché entrambi i composti possiedono un attività anti-scorbutica. Quasi tutti i mammiferi sintetizzano l acido ascorbico a partire dal glucosio; per l uomo è un nutriente essenziale in seguito alla mutazione della gulonolattone ossidasi, enzima terminale della via biosintetica. Le funzioni biologiche dell acido ascorbico sono collegate al suo forte potere riducente. Nell esplicare la sua azione riducente verso molti sistemi biologici, l acido ascorbico si ossida, in due successive tappe monoelettroniche, dapprima a radicale ascorbile e quindi ad acido deidroascorbico. Il radicale ascorbile è relativamente stabile e previene la formazione di radicali più reattivi e dannosi. L acido ascorbico è facilmente ossidabile in presenza di ossigeno e metalli. L acido deidroascorbico è instabile e, in ambiente anche debolmente alcalino, subisce l idrolisi irreversibile dell anello lattonico con conseguente perdita dell attività vitaminica. Le prime ricerche sulla vitamina C si concentrarono soprattutto nell individuare l eziologia, il trattamento e la prevenzione dello scorbuto, una malattia con sintomi a carico di ossa, cartilagine e tessuto connettivo. La patologia era tipica dei marinai che per lunghi periodi non consumavano vegetali freschi ed aveva esito fatale; nel 1 il Dr. James Lind scoprì che la somministrazione giornaliera di circa 0 g di succo di limone preveniva la comparsa dello scorbuto. Nel 1, la vitamina C venne isolata e cristallizzata dall ungherese Albert Szent-Gyorgyi al quale, nel 1, fu assegnato il Premio Nobel per la Medicina. Metabolismo La vitamina C si trova principalmente negli alimenti di origine vegetale dove è presente sia la forma ridotta (0-0% del totale) che la forma ossidata. Sia l acido ascorbico sia l acido deidroascorbico sono assorbiti lungo tutto l intestino tenue. L assorbimento dell acido ascorbico avviene attraverso un meccanismo di trasporto attivo sodio-dipendente mediato dal trasportatore SVCT1 (sodium-dependent vitamin C transporter 1) posto sulla membrana apicale delle cellule intestinali; a dosi di 0-10 mg si calcola che sia assorbito più dell 0% della vitamina. Studi in vitro dimostrano che i livelli del trasportatore sono sensibili alle concentrazioni di acido ascorbico, diminuendo in presenza di elevate concentrazioni e aumentando in presenza di basse concentrazioni. A dosi elevate una quota può essere assorbita per diffusione passiva; con l assunzione di 1 g di acido ascorbico l assorbimento intestinale è pari a circa il 0%. L acido deidroascorbico viene assorbito tramite un sistema di trasporto facilitato, che utilizza i trasportatori del glucosio GLUT1, GLUT e GLUT (Wilson, 00); all interno dell enterocita l acido deidroascorbico è ridotto ad acido ascorbico dal glutatione e da differenti sistemi enzimatici (Wilson, 00). È stato ipotizzato che l acido ascorbico sia esportato dall enterocita attraverso canali anionici volume-sensibili presenti sulla membrana basolaterale. La matrice alimentare sembra non influenzare significativamente la biodisponibilità della vitamina C; infatti, l acido ascorbico presente nel succo di arancia, nell arancia intera, in broccoli cotti e in supplementi sembra essere ugualmente biodisponibile (Mangels et al.,1). Studi in vitro e su modelli animali indicano che il glucosio e alcuni flavonoidi inibiscono la captazione della vitamina C interferendo con l attività dei trasportatori SVCT1 e GLUT, ma non è chiaro se questo effetto sia significativo nell uomo (Wilson, 00).

3 La biodisponibilità dell acido ascorbico può essere ridotta in seguito a trattamento farmacologico con acido acetilsalicilico (Schulz et al., 00). Nel plasma, la vitamina C è presente quasi totalmente come acido ascorbico. La concentrazione plasmatica media in individui sani è di circa 0-0 µmol/l (Schleicher et al., 00). Studi di farmacocinetica, condotti su individui sani, hanno dimostrato che vi è una relazione sigmoidale tra la quantità assunta e la concentrazione plasmatica. La parte lineare della curva corrisponde a dosi di acido ascorbico comprese tra 0 e 0 mg/die; la massima concentrazione plasmatica (~ 0 µmol/l) viene raggiunta con dosi di 00 mg/die. La stessa dose di 00 mg/die determina anche la massima concentrazione all interno nelle cellule ematiche (linfociti e piastrine,-, mmol/l; monociti,0 mmol/l; granulociti neutrofili 1, mmol/l) (Levine et al., 1; Levine et al., 001). Alla regolazione delle concentrazioni plasmatiche contribuisce anche il riassorbimento renale tramite il trasportatore SVCT1; a dosi superiori agli 0 mg/die, si supera la capacità di riassorbimento, l acido ascorbico compare nelle urine e l escrezione aumenta proporzionalmente all assunzione. L acido ascorbico viene accumulato dai vari tessuti, in concentrazioni millimolari, tramite i trasportatori SVCT1 (fegato, rene) e SVCT (isoforma ubiquitaria); i livelli più elevati sono presenti nell ipofisi, nel surrene e nel cristallino (Savini et al., 00). I livelli tissutali di acido ascorbico sono mantenuti anche da meccanismi di rigenerazione dalle forme ossidate, radicale ascorbile e acido deidroascorbico, tramite il glutatione e sistemi enzimatici NADH/NADPH dipendenti (Wilson, 00); i sistemi di rigenerazione rivestono particolare importanza in caso di bassi apporti con la dieta. Se non è riciclato, l acido deidroascorbico è irreversibilmente idrolizzato ad acido dichetogulonico che è ulteriormente degradato ad ossalato, il principale catabolita della vitamina C. La riserva corporea di vitamina C è di 0 mg/kg di peso corporeo, pari a circa 0-0 mg nell adulto; riserve corporee inferiori a 00 mg sono associate ai segni di scorbuto. L emivita media della vitamina è di -0 giorni ed è inversamente proporzionale alle riserve (Kallner et al., 1). Ruolo nutrizionale La vitamina C svolge molteplici funzioni nell organismo grazie al suo potere riducente. L acido ascorbico è coinvolto in reazioni enzimatiche catalizzate da monoossigenasi e diossigenasi ferro dipendenti o rame dipendenti (tali enzimi incorporano uno od entrambi gli atomi dell ossigeno molecolare nel substrato); il ruolo dell acido ascorbico è mantenere nella forma ridotta funzionale i cofattori metallici. Questi enzimi, mediante reazioni di idrossilazione, partecipano alla biosintesi del collagene, della carnitina e della noradrenalina, al metabolismo della tirosina e alla maturazione di ormoni peptidici. Substrato di diossigenasi è anche il fattore di trascrizione indotto dall ipossia (HIF), fattore sensibile ai livelli dell ossigeno tissutale (Mandl et al., 00). 1 1 NOTA PIÈ DI PAGINA: In condizioni di ipossia il fattore trascrizionale HIF è un eterodimero (HIF-1α, subunità regolata /HIF-1, subunità costitutiva); il dimero è in grado di legare il DNA promuovendo la trascrizione di geni coinvolti in numerosi processi quali angiogenesi, proliferazione cellulare, glicolisi, eritropoiesi, omeostasi del ferro (ad esempio promuove la sintesi dell eritropoitina). In condizioni di normossia, tramite la diossigenasi prolil--idrossilasi, la subunità HIF-1α viene idrossilata e quindi degradata dal sistema proteolitico ubiquitina-proteasoma. Basse concentrazioni intracellulari di acido ascorbico potrebbero causare risposte simili a quella osservate in condizioni di ipossia (Mandl et al., 00). La vitamina C partecipa anche a importanti reazioni non enzimatiche. Nell apparato digerente ha una azione protettiva in quanto impedisce la trasformazione dei nitriti presenti negli alimenti in nitrosammine, composti potenzialmente cancerogeni. Inoltre favorisce l assorbimento intestinale del ferro non-eme, in quanto riduce il ferro ferrico (Fe + ) a ferro ferroso (Fe + ), forma solubile e biodisponibile. A livello intracellulare la vitamina C previene l ossidazione di acidi nucleici e proteine (Mandl et al., 00). A livello ematico la coppia redox radicale ascorbile/acido ascorbico previene l ossidazione delle lipoproteine e la perossidazione lipidica; questo meccanismo protettivo si basa sulla neutralizzazione di specie reattive

4 dell ossigeno e dell azoto e sulla rigenerazione della vitamina E dalla sua forma radicalica tocoferile (Aguirre e May, 00). La vitamina C infine è coinvolta nella sintesi dell ossido nitrico, importante vasodilatatore, da parte delle cellule endoteliali (Huang et al.,000). Valutazione dello status nutrizionale La concentrazione urinaria o la concentrazione plasmatica di vitamina C non sono considerati dei parametri soddisfacenti per valutare lo stato di nutrizione poiché risentono dell assunzione a breve termine con la dieta. Tuttavia, la concentrazione plasmatica è spesso utilizzata negli studi di popolazione per la sua praticità ed economicità. Concentrazioni di vitamina C < µmol/l sono considerate indice di uno stato carenziale, concentrazioni - µmol/l vengono considerate sub-ottimali mentre valori > µmol/l vengono considerati adeguati. La concentrazione di vitamina C nei granulociti neutrofili è un indicatore più attendibile perché rappresentativo delle riserve presenti nell organismo; valori < 0, mm sono indice di carenza vitaminica (questo indicatore viene utilizzato prevalentemente in studi clinici a causa della maggiore laboriosità della metodica) (Levine et al., 1; Levine et al., 001). Carenza La carenza di vitamina C è principalmente dovuta ad apporti inadeguati. La carenza grave causa lo scorbuto; un assunzione di vitamina C < mg/die provoca inizialmente astenia, perdita di peso, artralgie e sanguinamento delle gengive; successivamente, induce la formazione di ematomi (soprattutto negli arti inferiori), alterata cicatrizzazione, perdita dei denti, ecchimosi ed emorragie in molti organi. I sintomi dello scorbuto, latenti per - mesi, compaiono quando i valori plasmatici sono < µmol/l. Attualmente, tale malattia è raramente riscontrabile nei paesi sviluppati; tuttavia, carenze marginali possono essere presenti in caso di diete con scarso apporto di frutta e verdura fresca. Una categoria a rischio di carenza grave è quella dei pazienti anziani ospedalizzati; uno studio condotto in Francia riporta che il 1 % dei pazienti anziani in lunga degenza presenta i sintomi dello scorbuto(raynaud-simon et al., 0). Un altra categoria a rischio di carenza è quella dei soggetti con un basso status socio-economico probabilmente a causa delle errate preferenze alimentari indotte da fattori culturali ed economici (FAO/WHO, 00). Negli Stati Uniti, lo studio National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES 00-00) riporta uno stato carenziale (livelli serici <, µmol/l) nel % della popolazione totale; la percentuale di soggetti in carenza risulta marcatamente più elevata nei soggetti a basso reddito (circa volte superiori) e nei fumatori (circa volte superiori) (Schleicher et al., 00). Nel Regno Unito, uno stato carenziale è presente nel % degli uomini e nel 1% delle donne a basso reddito, livelli serici sub-ottimali (- mol/l) sono presenti nel 0% della stessa popolazione (Mosdøl et al., 00). In India, uno studio condotto su soggetti di età superiore ai 0 anni evidenzia che la carenza di vitamina C è presente sia al nord ( %) che al sud ( %) del paese; tale condizione è più frequente negli uomini, con l'aumentare dell'età e nei fumatori (Ravindran et al., 0). Carenze marginali sono state anche riscontrate in soggetti con obesità centrale (Canoy et al., 00) e in soggetti diabetici (Will et al, 1) (vedi paragrafo Gruppi a rischio ). Numerosi studi prospettici di popolazione indicano che livelli plasmatici sub-ottimali di vitamina C sono associati ad un aumento del rischio di malattie associate ad alterazione dello stato redox (Ginter, 00). Sia negli uomini che nelle donne la concentrazione plasmatica di acido ascorbico è inversamente correlata alla mortalità per malattie cardiovascolari, infarto e cancro; il rischio di mortalità si dimezza a valori plasmatici di vitamina C > 0 M/L (Khaw et al., 001. Il rischio relativo di infarto si riduce del % per ogni incremento di 0 μmol/l di vitamina C plasmatica (ottenuto con un apporto di circa 0 g/die di frutta e verdura) (Pfister et al., 0). Elevati livelli plasmatici di vitamina C sono anche associati a più bassi livelli di pressione sistolica (Myint et al., 0). Lo studio multicentrico European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition (EPIC) evidenzia che i livelli plasmatici di vitamina C sono inversamente correlati al rischio di cancro dello stomaco. Concentrazioni plasmatiche < mol/l sono associate ad un significativo

5 aumento del rischio; questa relazione è maggiormente evidente nei consumatori di carni rosse e carni conservate (Gonzalez et al., 0). Tossicità Dosi elevate di vitamina C possono causare disturbi gastrointestinali e diarrea osmotica, a causa del suo mancato assorbimento. Effetti avversi non sono stati riportati per dosi giornaliere fino ad un grammo mentre compaiono per dosi superiori (- g) (EFSA, 00). Un eccessiva assunzione porta ad aumentata escrezione di urato ed ossalato. E stato suggerito che questo effetto possa aumentare il rischio di formazione di calcoli renali di ossalato di calcio; tuttavia le evidenze sono contrastanti. E da notare che ad elevate assunzioni (> 1 g/die), la maggior parte della vitamina viene eliminata come tale e soltanto l 1% sotto forma di ossalato; per cui, ad alte dosi di vitamina, la quantità di questo catabolita non aumenta proporzionalmente all assunzione. E stato suggerito che la vitamina C, a causa del potere pro-ossidante in presenza di metalli (ferro, rame) possa funzionare da agente genotossico, generando basi puriniche ossidate con conseguente danno al DNA. Podmore e colleghi (1) hanno indicato un possibile effetto pro-ossidante della supplementazione, in soggetti sani, con vitamina C (00 mg/die per settimane) analizzando le modificazioni al DNA in linfociti ex-vivo: gli effetti riportati possono tuttavia essere interpretati sia come pro-ossidanti (aumento della - ossiadenina) che come anti-ossidanti (diminuzione dell -ossiguanina). L eventuale azione pro-ossidante in vivo non stata supportata da successive evidenze scientifiche. Dosi elevate possono aggravare situazioni in cui si ha un alterato metabolismo del ferro, quale l emocromatosi. Questa patologia, che porta a un aumentato assorbimento e ad un progressivo accumulo del metallo, è una condizione ereditaria frequente in Europa (- malati su individui e -1 portatori su 0). La vitamina C, oltre a favorire ulteriormente l assorbimento del metallo, ha anche un azione proossidante, promuovendo la riduzione della forma ferrica Fe + a quella ferrosa Fe + ; il Fe + reagisce con l ossigeno molecolare con formazione di radicali e conseguente danno ossidativo; questo può provocare la comparsa di patologie gravi quali la cirrosi epatica. La supplementazione può avere effetti avversi in altre condizioni associate ad accumulo di ferro, quali frequenti trasfusioni (talassemia, anemia falciforme). Supplementazioni vitamina C sono anche sconsigliate a persone con predisposizione all emolisi, ad esempio, deficienza di glucosio fosfato deidrogenasi; tali soggetti non devono comunque evitare l assunzione di vitamina da frutta e verdura. Fonte dei nutrienti nella popolazione italiana Contenuto nei singoli alimenti Il contenuto di vitamina C negli alimenti è comunemente riportato come la somma dei contenuti di acido ascorbico e acido deidroascorbico. Tra gli alimenti, quelli più ricchi di vitamina C sono la verdura fresca e la frutta, in particolare i peperoni (1-1 mg/0 g), i kiwi (- mg/0 g), gli agrumi (- mg/0 g), le fragole ( mg/0 g), i pomodori (1- mg/0 g) e gli ortaggi a foglia verde (1 mg/0 g nella cicoria di campo, 0 mg/0 g nella rughetta e nei broccoletti) (Carnovale e Marletta, 000). La concentrazione di vitamina C varia molto in relazione alla varietà e alla cultivar (una rapida crescita, in genere, implica un contenuto maggiore di vitamina C), all esposizione alla luce e al grado di maturazione. La conservazione dopo la raccolta e i trattamenti tecnologici implicano sempre perdite di vitamina C più o meno rilevanti. Con la cottura viene perso mediamente il % di vitamina C, con percentuali più limitate se la cottura viene effettuata rapidamente, in poca acqua e in recipienti chiusi; il trattamento di blanching (sbollentamento) che precede la surgelazione, l inscatolamento, l essiccamento e la liofilizzazione determinano mediamente una perdita del % di vitamina C. Perdite cospicue, dovute all'ossidazione, si hanno quando gli alimenti vengono esposti all aria per lunghi periodi o quando vengono conservati in recipienti di rame o in ambienti alcalini. L acido ascorbico viene aggiunto come additivo antiossidante (E00) a molti prodotti alimentari trasformati, proprio per la sua capacità di ossidarsi facilmente mantenendo stabili le altre vitamine (A, E,

6 acido folico e tiamina). La vitamina C si trova aggiunta come ingrediente in molte bevande a base di succhi di frutta. Livelli di assunzione Dai dati dell indagine INRAN-SCAI 00-0 (Leclercq et al., 00) risulta che il livello medio di assunzione di vitamina C è di 1 mg/die (mediana mg/die): tale stima proviene dal consumo sia di alimenti che di supplementi (Sette et al., 0). Nella Tabella 1 sono riportati i valori mediani di assunzione di vitamina C espressi in mg/die e in mg/00 kcal distinti per sesso e classi di età (dati non pubblicati, elaborazione di Stefania Sette su INRAN-SCAI 00-0). Queste stime non prendono in considerazione le perdite di vitamina C che avvengono durante il processo di conservazione e cottura degli alimenti a livello casalingo e costituiscono pertanto una lieve sovrastima degli effettivi livelli di assunzione. Quantificazioni delle fonti Dall elaborazione dei dati dell indagine INRAN-SCAI 00-0 (Leclercq et al., 00) emerge che i gruppi Verdura e Ortaggi e Frutta rappresentano le fonti principali di vitamina C nella dieta italiana e forniscono insieme il % dell assunzione totale, di cui il % da Pomodori e il 1% da Agrumi (dati non pubblicati, elaborazione di Stefania Sette su INRAN-SCAI 00-0). Un ulteriore 1% deriva dal gruppo Acqua e bevande analcoliche, in quanto in questo gruppo sono presenti i succhi di frutta. I maschi di età superiore a anni derivano una proporzione minore di vitamina C dal gruppo Frutta rispetto alle femmine. Questa differenza è in parte bilanciata nei maschi adulti e anziani da una leggera maggior proporzione di vitamina C derivata dal gruppo Verdure ed ortaggi. Circa il % dei bambini (- anni) e degli adolescenti (-1 anni) hanno consumato Succhi di frutta fortificati con vitamina C nei tre giorni dell indagine e questi prodotti hanno contribuito al % dell assunzione totale di vitamina C in questi gruppi di età. Dai dati dell indagine INRAN-SCAI 00-0 emerge che i supplementi contribuiscono solo per il % dell assunzione totale di vitamina C nel campione totale, mentre nel campione che assume supplementi tale contributo sale al % (Sette et al., 0). Livelli di assunzione di riferimento Nei documenti di riferimento i fabbisogni per l adulto sono stati determinati secondo differenti criteri e pertanto i livelli di assunzione raccomandati per il maschio adulto variano in un intervallo compreso tra mg/die, nelle raccomandazioni Australia-Nuova Zelanda (NRV, Nutrient Reference Values for Australia and New Zealand, 00) e WHO/FAO (00), e 0 mg/die, nelle raccomandazioni Germania-Austria-Svizzera (D-A-CH, 00) I documenti NRV e WHO/FAO si basano sul mantenimento delle riserve corporee di vitamina C ed indicano per il sesso maschile in età adulta un fabbisogno medio di 0 mg/die. Questo valore è stato calcolato assumendo un contenuto corporeo totale di 00 mg (valore medio fra 0 mg, corrispondente alla saturazione tissutale, e 00 mg, valore soglia sotto il quale compare lo scorbuto), un catabolismo giornaliero del,% (Baker et al., 11) ed una biodisponibilità dell %; pertanto il fabbisogno medio è di 00 (,/0) (0/) = 0. Il livello di assunzione di riferimento di mg/die è stato stabilito applicando il doppio di un coefficiente di variazione del 0%. Il documento Danimarca-Norvegia-Finlandia-Svezia (NNR, Nordic Nutrition Recommendations, 00) basa le raccomandazioni sull attività antiossidante, correlata alla diminuzione del rischio di malattia cardiovascolare. Il documento NNR, basandosi su studi osservazionali, indica la concentrazione plasmatica di µmol/l quale valore di cut-off per un basso rischio. Questa concentrazione è raggiungibile con l assunzione di 0 mg/die di vitamina C, come indicato da studi di farmacocinetica (Levine et al., 1). Il

7 livello di assunzione di riferimento di mg/die viene calcolato applicando il doppio di un coefficiente di variazione del 1,%. Nel documento Stati Uniti-Canada (DRI, Food and Nutrition Board, 000), il criterio utilizzato per stabilire la raccomandazione è l attività antiossidante. Il fabbisogno medio è stato stabilito sulla base di uno studio in vivo di deplezione-replezione condotto su maschi adulti (Levine et al., 1) e da studi in vitro condotti su granulociti neutrofili. Lo studio in vivo dimostra che le concentrazioni di vitamina C nel plasma e nei granulociti neutrofili sono direttamente correlate agli apporti con la dieta nell intervallo tra 0 e 0 mg/die (Levine et al., 1). Gli studi in vitro dimostrano che la vitamina C è in grado di inibire la produzione di superossido da parte dei granulociti neutrofili attivati senza influenzare la loro capacità battericida; tale effetto è lineare con concentrazioni extracellulari di ascorbato corrispondenti ai normali valori plasmatici (- µmol/l) (Anderson et al., 1). Sulla base di queste osservazioni è stato stabilito un fabbisogno medio di mg/die corrispondente alla quantità di vitamina C necessaria per mantenere la concentrazione nei granulociti neutrofili vicina alla saturazione (1,0 mmol/l) con la minima escrezione urinaria (Levine et al., 1). Il livello di assunzione di riferimento di 0 mg/die è stato calcolato applicando il doppio di un coefficiente di variazione del %. Il documento Germania-Austria-Svizzera (D-A-CH, 00) utilizza lo stesso criterio dei DRI ma per stabilire il fabbisogno medio utilizza il valore corrispondente alla quantità di vitamina C necessaria per ottenere la completa saturazione dei neutrofili (1, mmol/l). Il livello di assunzione di riferimento di 0 mg/die è stato calcolato applicando il doppio di un coefficiente di variazione del %. I livelli di assunzione di riferimento sono uguali per entrambi i sessi nei diversi documenti, ad eccezione dei DRI, dove per le femmine viene indicato un valore di mg/die, sulla base del minor peso corporeo. In tutti i documenti i valori nelle fasce di età > 1 anni non sono modificati rispetto a quelli per gli adulti. I livelli di assunzione di riferimento DRI, WHO/FAO, NNR e NRV per i bambini 1- anni presentano differenze, dovute anche alla diversa definizione delle classi di età; i D-A-CH indicano livelli di assunzione tendenzialmente più alti. I valori indicati per gli adolescenti nei documenti DRI, NNR e D-A-CH (0-0 mg/die) sono più elevati rispetto ai valori NRV e WHO/FAO (0 mg/die). Tutti i documenti indicano un incremento di mg/die dei livelli di assunzione per la donna in gravidanza rispetto alla donna adulta. In allattamento, WHO/FAO e NNR suggeriscono un incremento di mg/die dell apporto di vitamina C, NRV di 0 mg/die, DRI di mg/ die e D-A-CH di 0 mg/die. Criteri In questa revisione del LARN, gli apporti raccomandati per la vitamina C sono espressi nella fascia - mesi come assunzione adeguata (AI) e negli altri gruppi come fabbisogno medio (AR) e assunzione di riferimento per la popolazione (PRI). Nell attuale revisione dei LARN si ritiene di adottare il criterio utilizzato nel documento DRI 001 (dose di vitamina C necessaria per mantenere la concentrazione nei granulociti neutrofili vicina alla saturazione con minima escrezione urinaria), integrato da un successivo studio di deplezione-replezione condotto su femmine adulte (Levine et al., 001). Questo studio indica un fabbisogno medio di 0 mg/die per le femmine adulte, confermando il valore precedentemente indicato nel documento DRI, calcolato per estrapolazione dal fabbisogno medio per il maschio. II documento DRI stabiliva i livelli di assunzione di riferimento applicando un coefficiente di variazione del %; lo studio di deplezione-replezione (Levine et al., 001) indica una maggior variabilità interindividuale suggerendo l uso di un coefficiente di variazione del 0%. Pertanto, il PRI è calcolato aumentando l AR del doppio di un coefficiente di variazione del 0%. Attualmente, i dati in letteratura non consentono di valutare in modo inequivocabile gli effetti della vitamina C sulla prevenzione delle patologie cronico-degenerative e di indicare i fabbisogni sulla base di questo criterio. Comunque, numerosi studi prospettici indicano che il mantenimento di uno stato vitaminico

8 ottimale (ottenuto con apporti dietetici di circa 0 mg /die) è associato ad una notevole diminuzione del rischio di patologie cronico-degenerative in uomini e donne non-fumatori (Carr e Frei, 1). Lattanti (- mesi) Per tale fascia di età è indicato l AI, stabilito con due differenti procedure. Con un metodo, l'ai viene estrapolato dal valore per i lattanti 0- mesi - calcolato sulla base del contenuto vitaminico (0 mg/l) del latte materno (0, L/die) di madri con adeguato stato nutrizionale (WHO/FAO 00) - e corretto per il peso corporeo e per uno specifico fattore di aggiustamento. Con il secondo metodo l'ai viene estrapolato dal valore per l'adulto, utilizzando come fattori di correzione il peso corporeo e uno specifico fattore di crescita (Appendice XXX). L AI di mg/die rappresenta il valore più elevato ottenuto con i due metodi. Bambini e adolescenti (1-1 anni) Data la scarsità di informazioni disponibili per tale fascia di età, l AR (e da esso il PRI) è stato stimato sulla base dei dati dell AR per gli adulti, con una correzione per peso corporeo e uno specifico fattore di crescita (Appendice XXX). Nella fascia di età 1 1 anni si indicano i valori per l'età adulta. Adulti (1- anni) I dati disponibili non sono sufficienti per definire eventuali variazioni dell AR in funzione dell età. Gli AR sono differenziati per sesso: sulla base di quanto riportato nei DRI, viene indicato un AR di mg/die (PRI = mg/die) per i maschi e di 0 mg/die (PRI = mg/die) per le femmine. Età geriatrica ( 0 anni) Non sono riportate differenze nel metabolismo della vitamina C con l invecchiamento; pertanto si ritiene di mantenere lo stesso valore di AR dell adulto. Gravidanza Non è nota la quantità di vitamina trasferita al feto durante la gravidanza; è invece noto che per prevenire lo scorbuto nei neonati sono necessari mg/die. Pertanto si ritiene opportuno incrementare l AR per le donne in gravidanza di mg/die; viene pertanto indicato un AR di 0 mg/die (PRI = 0 mg/die). Allattamento Si ritiene opportuno aumentare l AR per la femmina adulta di 0 mg/die al fine di assicurare una concentrazione vitaminica pari a 0 mg/l nel latte materno. Viene pertanto indicato un AR di 0 mg/die (PRI = mg/die). Livello massimo tollerabile di assunzione (UL) negli adulti Generalmente la massima quantità di vitamina C che può essere assunta con il consumo di alimenti ricchi in vitamina è di 00 mg/die; dosi superiori vengono raggiunte tramite l uso di supplementi. La vitamina C ha una bassa tossicità acuta, come indicato da studi sugli animali e esseri umani. I principali effetti negativi legati a elevati consumi (> g/die), sono i disturbi gastrointestinali acuti (distensione addominale, flatulenza, diarrea, coliche transitorie) ma ci sono pochi dati sulla relazione dose-risposta per gli adulti o per gruppi come i bambini e gli anziani. L'assunzione abituale di 1, g / die di vitamina C non

9 aumenta il rischio di calcoli renali. I DRI indicano un UL di g/die per gli adulti per la vitamina C assunta sotto forma di alimento e supplemento; tale valore è basato sulla comparsa di disturbi gastro-intestinali. L EFSA (00), considerando il limitato numero di studi disponibili, non ritiene invece di poter stabilire un livello massimo tollerabile di assunzione (UL); tuttavia suggerisce di non superare la dose di 1 g/die considerando che a dosi più elevate l incremento dei depositi corporei è trascurabile (l'assorbimento intestinale di vitamina C è già saturo) mentre aumenta il rischio degli effetti avversi gastrointestinali. In accordo con l EFSA, questa revisione dei LARN, pur non stabilendo un UL, indica la quota di 1 g/die come assunzione da non superare. GRUPPI A RISCHIO E ALTRE OSSERVAZIONI Un recente studio analizza l adeguatezza della dieta nei paesi europei (Viñas et al., 0). La popolazione adulta maschile a rischio di carenza di vitamina C (assunzione < 0 mg/die) varia tra il 1 % in Portogallo (studio EPI Porto 1-00) fino al 0 % in Irlanda (studio ISLAN 00); la popolazione femminile è in generale a minor rischio di carenza. In Italia (studio INN-CA 1-) i maschi adulti con apporti inadeguati sono il 1 %, mentre le femmine sono il 1 %. Fumatori A parità di assunzione di vitamina C, i livelli plasmatici di vitamina sono generalmente più bassi nei fumatori rispetto ai non-fumatori. Questa condizione è probabilmente dovuta ad maggior consumo di vitamina causato dallo stress ossidativo indotto dalle sostanze tossiche inalate (Schleicher et al., 00). Nei soggetti che fumano più di 0 sigarette al giorno il metabolismo della vitamina C aumenta di oltre il 0 %: questi soggetti necessitano di mg/die di vitamina C per raggiungere livelli plasmatici e riserve corporee simili a quelle dei non fumatori che assumono 0 mg/die (Kallner et al., 11). I fumatori dovrebbero pertanto assumere una ulteriore quota vitaminica di mg/die. Obesi I soggetti obesi presentano livelli di vitamina C plasmatici mediamente più bassi rispetto a quelli dei soggetti normopeso; tale osservazione è particolarmente evidente nei soggetti con adiposità addominale (Canoy et al., 00). L analisi di 1.0 soggetti (- anni) ha dimostrato che un incremento della circonferenza addominale di, cm nei maschi e di, cm nelle femmine è associato ad una diminuzione della concentrazione plasmatica rispettivamente di, mol/l e di, mol/l (dopo normalizzazione per l indice di massa corporea); tale correlazione è evidente anche dopo normalizzazione per l apporto dietetico di vitaminica (Canoy et al., 00). Diabetici I pazienti diabetici sono una popolazione a rischio di carenza di vitamina C; differenti studi riportano che i livelli plasmatici di questa popolazione sono in media inferiori del 0% rispetto a quelli della popolazione sana (Will et al, 1). Tale condizione può essere dovuta sia ai bassi apporti dietetici sia ad un aumento del consumo di vitamina indotto dallo stress ossidativo (Victor et al., 0). Il rischio di diabete si riduce notevolmente in presenza di elevati livelli plasmatici di vitamina C; un incremento di 0 M/L è associato ad una riduzione del rischio del % (Harding et al, 00). Patologie cronico-degenerative Numerosi studi osservazionali di coorte dimostrano che lo stato vitaminco e l assunzione con la dieta di alimenti ricchi in vitamina C sono inversamente associati al rischio di malattie cardiovascolari, neoplastiche e neurodegenerative ((Bazzano et al., 00; Steffen et al., 00; Harrison, 01). Nonostante ciò, i risultati degli studi di intervento condotti mediante supplementazione di vitamina C sono contrastanti (Sesso et al., 00; Lin et al., 00; Bjelakovic et al., 01; Harrison, 01). Va sottolineato che gli alimenti ricchi in vitamina C sono anche ricchi in altri composti fitochimici (tra cui, vitamina E, carotenoidi, composti fenolici), con potenziale azione protettiva sulle malattie cronico-degenerative; per cui è difficile dimostrare con certezza lo specifico ruolo preventivo di questa vitamina.

10 Una recente meta-analisi di 1 studi di coorte ha evidenziato che l assunzione di vitamina C con la dieta, ma non da supplementi, è inversamente correlata al rischio di malattia coronarica (Ye et al., 00). La vitamina C, a concentrazioni fisiologiche, protegge le LDL dalle modificazioni ossidative ostacolando la formazione della placca aterosclerotica (Aguirre e May, 00). Altri meccanismi, quali la regolazione della funzionalità piastrinica e la riduzione dell ipertensione (Juraschek et al., 01), potrebbero essere alla base di questa azione protettiva (Mandl et al., 00). Studi di popolazione condotti in Europa, Regno Unito, Stati Uniti, Finlandia, Cina e Giappone indicano un minor rischio di malattia coronarica associato ad una maggiore assunzione di vitamina C da frutta, verdura e cereali integrali (Ginter, 00). Una dieta ricca in vitamina C svolge un ruolo protettivo nella prevenzione dei tumori della bocca, della laringe, dell'esofago e dello stomaco (Gonzalez et al., 0). La carenza di vitamina C è stata riscontrate in pazienti affetti da varie forme di gastrite (autoimmune, correlata ad infezione da Helicobacter Pylori, indotta da sostanze chimiche). Tale carenza può essere dovuta a vari fattori quali calo della biodisponibilità (per aumentata distruzione a livello gastrico), aumento del fabbisogno, assunzione insufficiente legata alla dietoterapia. La biodisponibilità della vitamina viene ulteriormente compromessa dalla terapia con farmaci inibitori della pompa protonica mentre viene normalizzata dall eradicazione dell Helicobacter Pylori (Aditi e Graham, 01). Tra i meccanismi proposti nella protezione dai tumori vi sono l inibizione della formazione di sostanze cancerogene nello stomaco (ad esempio nitrosammine), l attenuazione della cascata infiammatoria indotta dall Helicobacter Pylori (Aditi e Graham, 01) e la modulazione del sistema immunitario (Jariwalla e Harakeh, 1) Livelli plasmatici sub-ottimali di vitamina C sono associati ad un aumento del rischio di declino cognitivo legato all età o alla malattia di Alzheimer mentre elevate assunzioni di vitamina C con la dieta (e non da supplementi) sembrano svolgere un azione protettiva (Harrison, 01) Alcune evidenze scientifiche indicano un azione protettiva della vitamina C verso patologie da danno ossidativo dell occhio (ad esempio cataratta); gli studi di intervento riportano risultati contrastanti (Christen et al., 0). Infezioni delle vie respiratorie Una funzione da lungo tempo attribuita alla vitamina C è quella di modulare la risposta immunitaria soprattutto per quanto riguarda il raffreddore (Hemila, 0). La vitamina C stimola la produzione e l attività dei leucociti; inoltre, attraverso le sue funzioni antiossidanti, è in grado di inibire la produzione di superossido da parte dei granulociti neutrofili senza interferire con la loro la capacità battericida; in questo modo eserciterebbe un azione protettiva sui leucociti proteggendoli dai danni indotti dalle specie reattive dell ossigeno (Jariwalla e Harakeh, 1). I dati in letteratura non supportano però l uso di supplementi di vitamina C per la riduzione del rischio di infezioni delle vie respiratorie e un apporto con la dieta di 0 mg/die è ritenuto sufficiente per ridurre il rischio di infezioni (Fondell et al., 0). L assunzione regolare di vitamina C può ridurre leggermente la durata della malattia sia negli adulti che nei bambini, ma non la gravità dei sintomi (Fondell et al., 0). Calcoli biliari Studi epidemiologici indicano un associazione tra i livelli plasmatici di vitamina C e prevalenza di calcoli biliari (Simon e Hudes, 000). Bassi livelli di vitamina portano ad una riduzione dell attività dell enzima colesterolo -idrossilasi con conseguente diminuzione del catabolismo del colesterolo in acidi bilari; questo può avere ripercussioni sui livelli di colesterolo ematico e sull incidenza dei calcoli biliari. Attività fisica La vitamina C può svolgere un ruolo critico nel tessuto muscolare e nell attività fisica non solo per il suo ruolo nella biosintesi della carnitina ma anche per la sua azione antiradicalica; pertanto gli sportivi potrebbero avere necessità di un fabbisogno più elevato rispetto ai sedentari. Gli studi disponibili dimostrano che la supplementazione porta ad un miglioramento degli indici di stress ossidativo, ma non esercita un azione protettiva nei confronti del danno muscolare (McGinley et al., 00). L esercizio fisico strenuo è spesso associato a una diminuzione delle difese immunitarie; una recente meta-analisi condotta per valutare

11 1 1 la modulazione nutrizionale dell immunodepressione indotta dall'esercizio fisico ha dimostrato che non vi sono sufficienti dati a sostegno della supplementazione con vitamina C (Moreira et al., 00). Polimorfismi Una recente meta-analisi di studi indipendenti condotti nel Regno Unito ha dimostrato che i livelli plasmatici di vitamina C sono influenzati da polimorfismi del gene SLCA1 che codifica per il trasportatore SVCT1. Delle quattro varianti genetiche identificate, la mutazione missenso A G sul cromosoma nella posizione 1.1.0, che comporta la sostituzione di una valina con una metionina, è associata ad una riduzione significativa delle concentrazioni plasmatiche di vitamina C (riduzione di mol/l per allele modificato). Tale polimorfismo è stato riscontrato nel,% della popolazione esaminata (circa soggetti) (Timpson et al., 0).

12 Riferimenti bibliografici Aditi A, Graham DY. Vitamin C, Gastritis, and Gastric Disease: A Historical Review and Update. Dig Dis Sci. 01;Apr [Epub ahead of print] Aguirre R, May JM. Inflammation in the vascular bed: importance of vitamin C. Pharmacol Ther 00; : -. Anderson R, Lukey PT, Theron AJ, Dippenaar U. Ascorbate and cysteine-mediated selective neutralisation of extracellular oxidants during N-formyl peptide activation of human phagocytes. Agents Actions 1;0:-. Australian and New Zealand Governments. Nutrient Reference Values for Australia and New Zealand Including Recommended Dietary Intakes, Canberra, ACT: Commonwealth, Attorney- General's Department, 00. Baker EM, Hodges RE, Hood J, Sauberlich HE, March SC. Metabolism of 1 C and H labelled L- ascorbic acid in human scurvy. Am J Clin Nutr 11; :. Bazzano LA, He J, Ogden LG, Loria CM, Vupputuri S, Myers L, Whelton PK. Fruit and vegetable intake and risk of cardiovascular disease in US adults: the first National Health and Nutrition Examination Survey Epidemiologic Follow-up Study. Am J Clin Nutr 00; :. Bjelakovic G, Nikolova D, Gluud LL, Simonetti RG, Gluud C. Antioxidant supplements for prevention of mortality in healthy participants and patients with various diseases. Cochrane Database Syst Rev. 01;:CD001. Canoy D, Wareham N, Welch A, Bingham S, Luben R, Day N, Khaw KT. Plasma ascorbic acid concentrations and fat distribution in 1.0 British men and women in the European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition Norfolk cohort study. Am J Clin Nutr 00; : -. Carnovale E e Marletta L. Tabelle di composizione degli alimenti. Aggiornamento 000. Istituto Nazionale della Nutrizione. Milano: EDRA, 000. Carr AC, Frei B. Toward a new recommended dietary allowance for vitamin C based on antioxidant and health effects in humans. Am J Clin Nutr. 1;:-. Christen WG, Glynn RJ, Sesso HD, Kurth T, MacFadyen J, Bubes V, Buring JE, Manson JE, Gaziano JM. Age-related cataract in a randomized trial of vitamins E and C in men. Arch Ophthalmol 0;1:1-. D-A-CH. German Nutrition Society, Austrian Nutrition Society, Swiss Society for Nutrition Research, Swiss Nutrition Association. Reference Values for Nutrient Intake. 1st edition, 00:-1. European Food Safety Authority (EFSA) - Scientific Committee on Food Scientific Panel on Dietetic Products, Nutrition and Allergies. Tolerable Upper Intake Levels for Vitamins and Minerals. Scientific Committee on Food, 00:-0. Fondell E, Bälter O, Rothman KJ, Bälter K. Dietary intake and supplement use of vitamins C and E and upper respiratory tract infection. J Am Coll Nutr 0;0:-. Food and Nutrition Board, Institute of Medicine. Dietary Reference Intakes for vitamin C, vitamin E, selenium, and carotenoids, Washington, DC: Nat ional Academy Press, 000: - 1. Ginter E. Chronic vitamin C deficiency increases the risk of cardiovascular diseases. Bratisl Lek Listy 00; : 1-1.

13 Gonzalez CA, Riboli E. Diet and cancer prevention: Contributions from the European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition (EPIC) study. Eur J Cancer. 0;:-. Harding AH, Wareham NJ, Bingham SA, Khaw K, Luben R, Welch A, Forouhi NG. Plasma vitamin C level, fruit and vegetable consumption, and the risk of new-onset type diabetes mellitus: the European prospective investigation of cancer--norfolk prospective study. Arch Intern Med 00;1:1-1. Harrison FE. A critical review of vitamin C for the prevention of age-related cognitive decline and Alzheimer's disease. J Alzheimers Dis 01;:-. Hemilä H. The effect of vitamin C on the common cold. J Pharm Pract. 0;:1 -. Huang A, Vita JA, Venema RC, Keaney JF Jr. Ascorbic acid enhances endothelial nitric -oxide synthase activity by increasing intracellular tetrahydrobiopterin. J Biol Chem 000; : Jariwalla RJ, Harakeh S. Antiviral and immunomodulatory activities of ascorbic acid.subcell Biochem 1;:1-1. Juraschek SP, Guallar E, Appel LJ, Miller ER rd. Effects of vitamin C supplementation on blood pressure: a meta-analysis of randomized controlled trials. Am J Clin Nutr. 01;:-. Kallner A, Hartmann D, Hornig D. Steady-state turnover and body pool of ascorbic acid in man. Am J Clin Nutr 1; : 0-. Kallner AB, Hartmann D, Hornig DH. On the requirements of ascorbic acid in man: steady -state turnover and body pool in smokers. Am J Clin Nutr 11;:1-. Khaw KT, Bingham S, Welch A, Luben R, Wareham N, Oakes S, Day N. Relation between plasma ascorbic acid and mortality in men and women in EPIC-Norfolk prospective study: a prospective population study. European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition. Lancet 001;:-. Leclercq C, Arcella D, Piccinelli R, Sette S, Le Donne C, Turrini A, INRAN-SCAI 00-0 Study Group. The Italian National Food Consumption Survey INRAN-SCAI 00-0: main results in terms of food consumption. Public Health Nutr 00; 1: 0-. Levine M, Conry-Cantilena C, Wang Y, Welch RW, Washko PW, Dhariwal KR, Park JB, Lazarev A, Graumlich JF, King J, Cantilena LR. Vitamin C pharmacokinetics in healthy volunteers: evidence for a recommended dietary allowance. Proc Natl Acad Sci USA 1; : 0 0. Levine M, Wang Y, Padayatty SJ, Morrow J. A new recommended dietary allowance of vitamin C for healthy young women. Proc Natl Acad Sci U S A 001; : -. Lin J, Cook NR, Albert C, Zaharris E, Gaziano JM, Van Denburgh M, Buring JE, Manson JE. Vitamins C and E and beta carotene supplementation and cancer risk: a randomized controlled trial. J Natl Cancer Inst 00;1:1-. Mandl J, Szarka A, Bánhegyi G. Vitamin C: update on physiology and pharmacology. Br J Pharmacol 00; 1: -. Mangels AR, Block G, Frey CM, Patterson BH, Taylor PR, Norkus EP, Levander OA. The bioavailability to humans of ascorbic acid from oranges, orange juice and cooked broccoli is similar to that of synthetic ascorbic acid. J Nutr 1; 1: -1. McGinley C, Shafat A, Donnelly AE. Does antioxidant vitamin supplementation protect against muscle damage? Sports Med 00; : -. Myint PK, Luben RN, Wareham NJ, Khaw KT.Association between plasma vitamin C concentrations and blood pressure in the European prospective investigation into cance r- Norfolk population-based study. Hypertension 0; :-.

14 Moreira A, Kekkonen RA, Delgado L, Fonseca J, Korpela R, Haahtela T. Nutritional modulation of exercise-induced immunodepression in athletes: a systematic review and meta-analysis. Eur J Clin Nutr 00; 1: -0. Mosdøl A, Erens B, Brunner EJ. Estimated prevalence and predictors of vitamin C deficiency within UK's low-income population. J Public Health (Oxf). 00;0:-0. Nordic Nutrition Recommendations (NNR). Integrating nutrition and physical activity. th edition. Vitamin C. Nordic Council of Ministers, Copenhagen 00: 0-. Nutrient Reference Values for Australia and New Zealand, Australian Government, Department of Health and Ageing, National Health and Medical Research Council, 00: -1. Pfister R, Sharp SJ, Luben R, Wareham NJ, Khaw KT. Plasma vitamin C predicts incident heart failure in men and women in European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition - Norfolk prospective study. Am Heart J 0;1:-. Podmore ID, Griffiths HR, Herbert KE, Mistry N, Mistry P, Lunec J. Vitamin C exhibits pro - oxidant properties. Nature 1;:. Raynaud-Simon A, Cohen-Bittan J, Gouronnec A, Pautas E, Senet P, Verny M, Boddaert J. Scurvy in hospitalized elderly patients. J Nutr Health Aging 0;1:0-. Ravindran RD, Vashist P, Gupta SK, Young IS, Maraini G, Camparini M, Jayanthi R, John N, Fitzpatrick KE, Chakravarthy U, Ravilla TD, Fletcher AE. Prevalence and risk factors for vitamin C deficiency in north and south India: a two centre population based study in people aged 0 years and over. PLoS One 0;:e. Savini I, Rossi A, Pierro C, Avigliano L, Catani MV. SVCT1 and SVCT: key proteins for vitamin C uptake. Amino Acids 00;:-. Schleicher RL, Carroll MD, Ford ES, Lacher DA. Serum vitamin C and the prevalence of vitamin C deficiency in the United States: National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES). Am J Clin Nutr 00;0:1-1. Schulz HU, Schürer M, Krupp S, Dammann HG, Timm J, Gessner U.Effects of acetylsalicylic acid on ascorbic acid concentrations in plasma, gastric mucosa, gastric juice and urine --a double-blind study in healthy subjects Int J Clin Pharmacol Ther. 00, :1-. Sesso HD, Buring JE, Christen WG, Kurth T, Belanger C, MacFadyen J, Bubes V, Manson JE, Glynn RJ, Gaziano JM. Vitamins E and C in the prevention of cardiovascular disease in men: the Physicians Health Study II randomized controlled trial. JAMA 00;00:1-1. Sette S, Le Donne C, Piccinelli R, Arcella D. Turrini A e Leclercq C. On behalf of the INRAN - SCAI 00 0 Study Group. The third Italian National Food Consumption Survey, INRAN- SCAI 00-0 Part 1: Nutrient intakes in Italy, Nutr Metab Cardiovasc Dis 0; 1: -. Simon JA, Hudes ES. Serum ascorbic acid and gallbladder disease prevalence among US adults: the Third National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES III). Arch Intern Med 000; : 1-. Steffen LM, Jacobs DR Jr, Stevens J, Shahar E, Carithers T, Folsom AR. Associations of wholegrain, refined-grain, and fruit and vegetable consumption with risks of all-cause mortality and incident coronary artery disease and ischemic stroke: the Atherosclerosis Risk in Communities (ARIC) Study. Am J Clin Nutr 00; : 0. Timpson NJ, Forouhi NG, Brion MJ, Harbord RM, Cook DG, Johnson P, McConnachie A, Morris RW, Rodriguez S, Luan J, Ebrahim S, Padmanabhan S, Watt G, Bruckdorfer KR, Wareham NJ, Whincup PH, Chanock S, Sattar N, Lawlor DA, Davey Smith G. Genetic variation at the SLCA1 locus is associated with circulating concentrations of L -ascorbic acid (vitamin C): evidence from independent studies with >1,000 participants. Am J Clin Nutr. 0;:-. Victor VM, Rocha M, Herance R, Hernandez-Mijares A. Oxidative stress and mitochondrial dysfunction in type diabetes. Curr Pharm Des. 0;1:-. Viñas BR, Barba LR, Ngo J, Gurinovic M, Novakovic R, Cavelaars A, de Groot LC, van't Veer P, Matthys C, Majem LS. Projected prevalence of inadequate nutrient intakes in Europe. Ann

15 Nutr Metab 0;:-. Will JC, Ford ES, Bowman BA. Serum vitamin C concentrations and diabetes: findings from the Third National Health and Nutrition Examination Survey, 1-1. Am J Clin Nutr 1;0:-. Wilson JX. Regulation of vitamin C transport. Annu Rev Nutr 00; : -1. Wilson JX. The physiological role of dehydroascorbic acid. FEBS Lett 00; : -. World Health Organization (WHO) and Food and Agriculture Organization of the United Nations (FAO). Vitamin and mineral requirements in human nutrition. Vitamin C. Second edition, 00:-1. Ye Z, Song H. Antioxidant vitamins intake and the risk of coronary heart disease: meta -analysis of cohort studies. Eur J Cardiovasc Prev Rehabil 00;1:-. 1

16 TABELLA 1 Assunzione mediana*, dai solo alimenti (inclusi prodotti fortificati), della vitamina C nella popolazione italiana distinta per sesso e classi d età (dati INRAN-SCAI 00-0). Maschi Femmine Classe di età * mediana dei consumi medi giornalieri N Vitamina C (mg/die) Vitamina C (mg/00 kcal) 1- anni 0 - anni -1 anni 0 1- anni >=0 anni -1 anni 1 1- anni >=0 anni

17 Tabella. LARN - Livelli di assunzione di riferimento per la vitamina C (mg/die ) LATTANTI AR PRI AI UL Assunzione di Livello riferimento adeguato di per la assunzione popolazione Fabbisogno Medio Livello massimo tollerabile di assunzione - mesi nd BAMBINI e ADOLESCENTI 1- anni 0 nd - anni 0 nd - anni nd Maschi -1 anni nd 1-1 anni nd Femmine -1 anni nd 1-1 anni 0 nd ADULTI Maschi 1- anni nd 0- anni nd 0- anni nd anni nd Femmine 1- anni 0 nd 0- anni 0 nd 0- anni 0 nd anni 0 nd GRAVIDANZA 0 0 nd ALLATTAMENTO 0 nd

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Biochimica della Nutrizione

Biochimica della Nutrizione Università di Roma Tor Vergata - Scienze della Nutrizione Umana Biochimica della Nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano 2011 VITAMINA C VITAMINA E VITAMINA C: FUNZIONA DA AGENTE RIDUCENTE Donatore monoelettronico

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Come detto, i meccanismi precisi della

Come detto, i meccanismi precisi della LA VITAMINA C La vitamina C (acido ascorbico) è una vitamina idrosolubile che presenta per l'uomo caratteristiche di essenzialità, il che significa che deve essere obbligatoriamente fornita dall'esterno:

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione Pietro Santoianni Professore Emerito di Dermatologia Docente nel Dottorato di Ricerca in Dermatologia Sperimentale Dipartimento di Patologia sistematica, Sezione di Dermatologia Università di Napoli Federico

Dettagli

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Giuseppe Realdi, Sandro Giannini Prof. Giusppe Realdi Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Clinica medica

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

VITAMINE IDROSOLUBILI

VITAMINE IDROSOLUBILI VITAMINE IDROSOLUBILI VITAMINA B1 o TIAMINA formula di struttura Stabile in soluzione acida Sensibile al calore, alle basi e alla luce UV VITAMINA B1 assorbimento Sito di assorbimento: duodeno tramite

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Meccanismi di azione degli antiossidanti

Meccanismi di azione degli antiossidanti Meccanismi di azione degli antiossidanti Materiali rganici Sistemi biologici Lipidi, Proteine, Acidi Nucleici Alimenti Polimeri Materiali plastici, Gomme Lubrificanti Idrocarburi Carburanti Degradazione

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

TIAMINA (VITAMINA B1)

TIAMINA (VITAMINA B1) TIAMINA (VITAMINA B1) La tiamina è chimicamente costituita da un anello pirimidinico collegato ad un anello tiazolico; la sua forma biologicamente attiva è l estere pirofosforico (TPP), che occupa un ruolo

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

LA VITAMINA C. Perché abbiamo bisogno dei prodotti naturali (integratori alimentari) per la salute?

LA VITAMINA C. Perché abbiamo bisogno dei prodotti naturali (integratori alimentari) per la salute? LA VITAMINA C Rispetto ai decenni passati c è un crescente interesse nei confronti dei rimedi naturali che vengono preferiti ai farmaci, ciò è dovuto alle molte interazioni, effetti collaterali e alti

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari MORTALITA Mortalità generale o grezza = numero di morti per tutte le cause registrati nella popolazione Mortalità specifica = numero di morti per tipologia

Dettagli

e i bambini? La maggior vulnerabilità dell'età pediatrica

e i bambini? La maggior vulnerabilità dell'età pediatrica e i bambini? La maggior vulnerabilità dell'età pediatrica Monica Pierattelli Pediatra di Famiglia & Federico Vassanelli 16 anni Possiamo finire così: per l età pediatrica vale tutto quello che abbiamo

Dettagli

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE Dott.ssa M.Pasquali VITAMINA K K1 fillochinone K2 menachinone (Carl Peter) Henrik Dam (1895-1976) Glutammato Proteina noncarbossilata

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

Vitamina D. Pro-ormoni di natura lipidica. - VITAMINA D 2 (ergocalciferolo) di origine vegetale - VITAMINA D 3 (colecalciferolo) di origine animale

Vitamina D. Pro-ormoni di natura lipidica. - VITAMINA D 2 (ergocalciferolo) di origine vegetale - VITAMINA D 3 (colecalciferolo) di origine animale LA SUPPLEMENTAZIONE DI VITAMINE ED INTEGRATORI ALLA DIMISSIONE Dott.ssa Federica Mignone Vitamina D Pro-ormoni di natura lipidica - VITAMINA D 2 (ergocalciferolo) di origine vegetale - VITAMINA D 3 (colecalciferolo)

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

Welcome. D: vitamina/ormone essenziale per la salute

Welcome. D: vitamina/ormone essenziale per la salute Welcome D: vitamina/ormone essenziale per la salute 1. Farmacologia della vitamina D 1. Produzione e metabolismo 1. Apporto dietetico 2. Produzione endogena 2. Meccanismi d azione 1. Recettori nucleari

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli