VITAMINA D E AUTOIMMUNITA A. ANTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VITAMINA D E AUTOIMMUNITA A. ANTICO"

Transcript

1 VITAMINA D E AUTOIMMUNITA A. ANTICO

2 Produzione di vitamina D 2 e vitamina D 3 VITAMINA D gruppo di pro-ormoni ormoni liposolubili derivati del ciclopentanoperidrofenantrene. due sono le forme principali con attività biologica simile: radiazione solare ultravioletta B colecalciferolo (D 3 ) (lunghezza d'onda fra 290 e 315 nm) forma naturale, sintetizzato negli animali dal 7-deidrocolesterolo per esposizione alla luce del sole ergocalciferolo (D 2 ) Deriva da ergosterolo (lieviti e piante), forma sintetica della vitamina D2 utilizzata per vitaminizzare gli alimenti. Bikle, D. J Clin Endocrinol Metab 2009 Copyright 2009 The Endocrine Society

3 VITAMINA D D 2 + D 3 25-idrossilasi epatiche CYP27A1 CYP2R1 CYP3A4 calcifediolo - 25(OH)D 3 CYP2J3 anche in altri tessuti come paratiroide rene, e nei cheratinociti è stata dimostrata l attività delle 25- idrossilasi.

4 REGOLAZIONE SISTEMA ORMONALE VITAMINA D Meccanismo di trasporto 1alfa-idrossilazione renale calcitriolo Interazione con il recettore specifico calcifediolo Dusso AS et al. Am J Physiol Renal Physiol 2005

5 MECCANISMO DI TRASPORTO Vitamin D Binding Protein (DBP) glicoproteina circolante 5% dei siti di legame accolgono vit D e i suoi metaboliti svolge un ruolo di tamponamento dei livelli ematici di vit D con sottrazione della stessa dal catabolismo e/o dall azione azione Megalina è localizzata nel tubulo renale prossimale riassorbe il complesso 25(OH)D-DBP DBP filtrato dal rene conserva i livelli circolanti di 25(OH)D favorisce l attivazione l dello stesso da parte di 1-alfa 1 idrossilasi renale

6 Ruolo della Megalina e DBP-3 intracellulare nella consegna e idrossilazione di 25(OH)D 25(OH)D legato alla DBP è filtrata dal rene e captata dalle cellule dei tubuli prossimali attraverso endocitosi Megalina mediata. La DBP è degradata e 25(OH)D rilasciato è consegnato a 1 alfa-idrossilasi da IDBP-3 o reimmesso in circolazione legato a DBP Dusso AS et al. Am J Physiol Renal Physiol 2005

7 BIOATTIVAZIONE VITAMINA D 1α-idrossilasi renale garantisce il ristretto range di concentrazione normale del calcitriolo: è controllata da ipocalcemia restrizione dietetica di fostati PTH Calcitonina GH IGF1 regolatori positivi regolatori negativi fibroblast growth factor 23 (FGF 23) frizzled-related protein 4 (FRP-4) matrix extracellular phosphoglycoprotein (MEPE) prodotto del gene Klotho 1,25(OH)2D3

8 BIOATTIVAZIONE VITAMINA D Dusso AS et al. Am J Physiol Renal Physiol 2005

9 BIOATTIVAZIONE VITAMINA D Siti di produzione extrarenale di 1,25(OH) 2 D Colon Cellule dendritiche Cellule endoteliali Cervello Ghiandola mammaria Insule pancreatiche Ghiandole paratiroidee Placenta Prostata Cute il gene che controlla l espressione l e l attivitl attività di 1α-idrossilasi 1 negli altri tessuti o cellule è identico a quello renale (locus cromosomiale 12q13.1-q13.3) q13.3) in essi l enzima l è regolato molto diversamente in base alle funzioni autocrine/paracrine di 1,25(OH) 2 D 3 prodotto localmente

10 BIOATTIVAZIONE VITAMINA D l espressione e attivazione di 1α-idrossilasi extrarenale è controllata da fattori locali (citochine e fattori di crescita) Nei macrofagi è stimolata da INFgamma, LPS e infezioni virali. Nelle DC è associata allo stadio di maturazione delle stesse cellule. nei macrofagi e in DC non è soggetta a un feedback negativo 1,25(OH) 2 D 3 -mediato La sintesi di 1,25(OH) 2 D 3 dipende dai livelli dei precursori circolanti

11 Sistema endocrino della Vitamina D Norman, A. W Am J Clin Nutr 2008

12 Distribuzione tessutale di VDR 1. Adiposo 2. Surrene 3. Osso 4. Midollo osseo 5. Cervello 6. Ghiandola mammaria 7. Cellule neoplastiche 8. Cartilagine 9. Colon 10. Ovaio 11. Epididimo 12. Follicolo pilifero 13. Intestino 14. Rene 15. Fegato 16. Polmone 17. Linfociti T e B 18. Muscolo cardiaco 19. Muscolo embrionale 21. Osteoblasto 22. Cellule pancreatiche β 23. Ghiandole paratiroidee 24. Parotide 25. Ipofisi 26. Placenta 27. Prostata 28. Retina 29. Cute 30. Stomaco 31. Testicolo 32. Timo 33. Tiroide 34. Utero

13 INTERAZIONE COL RECETTORE SPECIFICO: VDR Gli effetti biologici di 1,25(OH) 2 D 3 sono mediati da VDR: appartiene alla superfamiglia dei recettori ormonali nucleari modulanti l espressione genica delle cellule bersaglio È composto da una singola catena polipeptidica di 427 aa e 3 domini funzionali: C-terminale che lega l ormone La parte DNA legante N-terminale per i processi di trascrizione Dusso, A. S. et al. Am J Physiol Renal Physiol 2005

14 Legame VDR-1,25(OH) 2 D 3 Dusso, A. S. et al. Am J Physiol Renal Physiol 2005

15 BIOAZIONI GENOMICHE NON CLASSICHE Inibizione della crescita cellulare Regolazione dell apoptosi Controllo della differenziazione cellulare Prevenzione della trasformazione neoplastica Controllo del sistema renina-angiotensina angiotensina Controllo della secrezione dell insulina Controllo della funzione muscolare Controllo del sistema nervoso Modulazione della risposta immune

16 Legame VDR-1,25(OH) 2 D 3 Norman A W Endocrinology 2006

17 Aspetti strutturali di 1,25(OH) 2 D 3 Norman A W Endocrinology 2006

18 MODULAZIONE DELLA RISPOSTA IMMUNE 1,25(OH) 2 D 3 agisce interferendo su fattori di trascrizione nucleare NF-AT e NF-kB direttamente legandosi a elementi che rispondono alla Vitamina D (VDRE) nelle regioni promotrici dei geni delle citochine Esercita effetti prodifferenziativi su: Antigen Presenting Cells (APC) Cellule dendritiche monociti macrofagi Linfociti T e B Cellule NK

19 REGOLAZIONE DELLA RISPOSTA IMMUNE immunità innata La risposta immune innata coinvolge l attivazione l di Toll Like Receptor (TLR) nei PMN, monociti, macrofagi, nelle cellule epiteliali (epidermiche, gengive, intestino, vagina, vescica e polmone) L attivazione di TLR induce la produzione di peptidi antimicrobici, la catelicidina e molecole O 2 reattive che uccidono il microrganismo L espressione di catelicidina è indotta da 1,25(OH)D sia nelle cellule della linea mieloide sia nelle cellule epiteliali Bikle, D. J Clin Endocrinol Metab 2009

20 REGOLAZIONE DELLA RISPOSTA IMMUNE immunità adattativa Induzione di DC tolleranti che aumentano Treg CD4+ CD25+ Foxp3 e inibiscono Th1/Th17 APC (monociti, macrofagi, cellule dendritiche) Arresto differenziazione e maturazione delle DC e loro capacità di produrre mediatori proinfiammatori (IL-12p40( che eterodimerizza per formare sia IL-12 sia IL-23 ) Aumento secrezione IL-10 e espressione ILT3 Soppressione dell espressione espressione delle molecole MHC di classe II su APC Soppressione dell espressione espressione delle molecole costimolatorie (CD40,CD80, CD86)

21 Cutolo, M. Rheumatology 2008 REGOLAZIONE DELLA RISPOSTA IMMUNE immunità adattativa Linfociti T Inibizione della proliferazione antigene-stimolata dei Th1 e della secrezione di citochine di tipo Th1 (,IFN-γ,IL,IL-2) IL-12, e IL-17 da parte di Th17 Aumento della produzione di IL-4, IL-5, IL-10 e dello sviluppo di Th2 attraverso un effetto diretto su CD4+ nativi Aumento della frequenza dei Treg La sintesi attiva di 1,25 (OH) 2 D 3 Modula funzione e fenotipo di APC Inibisce lo sviluppo dei Th1 Induce Treg e T NK Linfociti B Induzione di apoptosi e inibizione di proliferazione, generazione di B memoria, differenziazione in plasmacellule e produzione di immunoglobuline T NK Stimolazione delle funzioni regolatorie

22 Livelli decisionali 1,25(OH) 2 D 3, forma attiva dell ormone, non è il composto ideale da dosare per valutare lo stato della vitamina D: livelli circolanti circa mille volte più bassi di quelli di 25(OH)D 3 vita media di sole ore carenza di vitamina D aumenta i livelli di PTH che normalizza i livelli 1,25(OH) 2 D 3, rendendo il dosaggio inutile per valutare lo stato della vit D 25(OH)D 3 è il metabolita usato per stabilire lo stato della vitamina D: È la forma circolante più predittiva in quanto non attiva e scarsamente regolata ha una emivita di circa settimane

23 Livelli decisionali 25(OH)D < 20 ng/ml : carenza ng/ml : insufficienza > 30 ng/ml : valori auspicabili Sono stabiliti sulla base dell osservazione che: L assorbimento del calcio intestinale nelle donne in menopausa è massimo se si portano i livelli di 25(OH)D a 32ng/mL La concentrazione di PTH negli adulti raggiunge il nadir quando i valori di vitamina D sono > 32ng/mL I bambini hanno lo stesso fabbisogno degli adulti L intossicazione da vitamina D si definisce la concentrazione > 150 ng/ml associata a ipercalcemia, ipercalciuria e spesso iperfosfatemia Holick MF, Chen TC, Am J Clin Nutr 2008

24 Test clinici per il dosaggio di 25(OH)D If the medical community is to make progress in correcting widespread hypovitaminosis D, 25OHD measurement must be standardized. Binkley N et al, J Clin Endocrinol Metab 2004 Alto grado di variabilità tra metodi e tra laboratori che usano lo stesso metodo dovute alle diverse tecnologie utilizzate, alcune delle quali prevedono purificazione del campione prima della quantificazione finale alla mancanza di materiali di riferimento su cui realizzare la standardizzazione Roth HJ et al, Ann Clin Biochem 2008

25 Test clinici per il dosaggio di 25(OH)D Radioimmunoassay (RIA) Cromatografia liquida ad alta prestazione (HPLC) Cromatografia liquida-spettroscopia di massa (LC-MS) Chemiluminescenza (CLIA) Enzyme ImmunoAssay (EIA) HPLC è considerato un metodo di riferimento ma è indaginoso e scarsamente standardizzato LC-MS si sta affermando come procedura standardizzata, strumento costoso, procedura richiede tempi lunghi CLIA e EIA sono i più utilizzati nei laboratori di medie dimensioni

26 Assay method on LIAISON (CLIA) 25 OH Vitamin D TOTAL è un CLIA per la determinazione quantitativa di 25(OH)D Metodo diretto, competitivo 1 st incubation, OH Vitamin D è dissociata da DBP e si lega ad uno specifico anticorpo in fase solida 2 nd incubation, 10 Tracer 25 OH vitamin D è aggiunto legato a isoluminolo Gli anticorpi policlonali usati sono gli stessi impiegati per the DiaSorin RIA assays, la specificità anticorpale è simile Il totale riconoscimento dei metaboliti idrossilati D 2 and D 3 assicura un reale follow-up per la terapia The 25 OH Vitamin D antibody shows no reactivity to the 3-epi 3 form of 25 hydroxyvitamin D 3 Singh RJ et al, J Clin Endocrin Metabol 2006

27 Correlazione con RIA LIAISON 25 OH Vitamin D Total (ng/ml A total of 109 samples was Vitamin D TOTAL and by a tested by LIAISON 25 OH radioimmunoassay method (RIA). The resulting regression equation was: LIAISON = 1.19 (RIA) ; R = RIA (ng/ml)

28

29 Carenza di Vitamina D Aumenta l insorgenza l e la mortalità per cancro Garland CF et al. Am J Public Health 2006 Aumenta l insorgenza l di malattie cardio-vascolari Krause R et al. Lancet 1998 Aumenta il rischio di sviluppare disturbi del SNC McGrath J et al. Schizophr Res 2002 Aumenta il rischio di insorgenza di malattie autoimmuni Ponsonby AL et al. Toxicology 2002

30 Carenza di Vitamina D e MAI aumentato rischio per Diabete tipo I, S. M., A.R., LES - Stene LC et al, Diabetologia Ponsonby A et al, Toxicology 2002 Bambini trattati con vitamina D nel primo anno di vita, seguiti per 31 anni, mostrano una riduzione di insorgenza di Diabete tipo I del 78% rispetto a coetanei non trattati - Hypponen E et al, Lancet 2001 Donne trattate con > 400 UI di vitamina D/die mostrano una diminuzione del rischio di sviluppare S.M. e A.R. > 40% - Munger KL et al, Neurology Merlino LA et al, Arthritis Rheum 2004

31 Diabete autoimmune tipo I macrofagi e T citotossici CD8+ regolati dai Th1 IL-12 dipendenti 1,25 (OH) 2 D 3 da sola riduce l incidenza l dell insulite e previene lo sviluppo del Diabete se somministrata ai topi NOD da 3 settimane di età; a 8 settimane è efficacie solo associata a IS Mathieu C et al, Academic Press 1997 NOD Analogo 1,25(OH) 2-16,23Z-diene-26,27-6fluoro-19-nor D 3 (BXL-219) capace da solo di bloccare il decorso della malattia diabetica nei NOD adulti per la sua aumentata stabilità metabolica: arresta la maturazione di DC inibisce la produzione di IL-12 e l infiltrazione l Th1 aumenta la frequenza dei Treg nei linfonodi pancreatici che inibisce la risposta Th1 vs IA-2 ristabilisce la capacità di Th1 di rispondere ai segnali che inducono apoptosi Gregori G et al, Diabetes 2002 arresta la progressione immunologica e previene l insorgenza l clinica del Diabete sopprimendo la produzione di chemochine da parte delle cellule beta capaci di richiamareth1 effettori nelle n insule pancreatiche Giarratana et al, J Immunol 2004

32 GASTRITE AUTOIMMUNE Th-1 effettori patogenetici CD4+ CD25- riconoscono un epitopo sulle subunità dell ATPase Hanno capacità citolitiche, perforina e Fas- Fas ligando mediate, regolate da restrizione genica MHC indotta Causano citolisi e apoptosi di APC: le cellule parietali possono agire come APC (aumento molecole MHC, espressione CD 80 CD86) Stimolano la produzione di autoanticorpi da parte dei B presenti nella mucosa D Elios MM, Gastroenterol 2001

33 GASTRITE AUTOIMMUNE ATPase MHC Rilascio di ATPase nel turn-over cellulare Disegno dello studio:? Mimetismo molecolare tra Hp e ATPase e/o spreading epitopico Determinare la prevalenza dello stato di 25(OH)D nei pazienti con GAI diagnosticata istologicamente ATPase T cells ATPase B cells confrontarlo con 25(OH)D di una popolazione di riferimento delineata sulla nostra realtà confrontarlo con 25(OH)D di pazienti che presentano patologie gastriche correlate FI B cells Anti ATPase Anti-FI

34 Metodo indiretto di Kairisto Modello statistico per la stima dell intervallo di riferimento che elabora dati derivanti da soggetti non di riferimento ipotizzando che gran parte dei fino a 50 risultati provenienti da pazienti non ricoverati derivano da accertamenti di Orig. distr. tutti Femmine Maschi anni >50 anni screening e si riferiscono a individui senza patologia correlata Observations: Rappresenta Mean: un approccio 21,30 interessante 21,27 nella 21,24 stima dell intervallo 24,35 di 20,75 riferimento quando è possibile utilizzare campioni molto numerosi SD: 12,76 12,44 14,13 13,74 12,52 Lower ref. limit: 5,3 5,3 Vantaggi4,9 6,4 5,2 Underl. La percentile: procedura è semplice 2,72% ed economica 2,70% 2,52% 2,59% 2,69% Upper ref. I limiti limit: sono derivati 45 da dati ottenuti 47,4 nelle stesse 40,3 condizioni 44,5preanalitiche, 41,7 con le stesse Underl. modalità analitiche e nella stessa popolazione in cui saranno utilizzati percentile: 97,50% 97,50% 97,54% 97,54% 97,53% È possibile ripartire i risultati sulla base di variazioni biologiche (età, sesso )

35 Metodo indiretto di Kairisto Distribuzione di riferimento osservazioni Cittadella (PD) 45,39 Vicenza 45,33 Latisana 45,47 Udine 46,04 Lower ref. limit: 5.42 Underl. percentile: 2.70 Upper ref. limit: Underl. percentile: 97.5 Mean: 21,78 SD: 13.12

36 % 30.0 Vit. D ng/ml Media % 75% 50% % tutti Femmine Maschi fino a 50 anni >50 anni 10% percentili tutti Femmine Maschi fino a 50 anni >50 anni 90% 36,0 35,8 37,0 40,4 35,1 75% 26,6 26,6 26,6 31,2 25,9 50% 17,1 17,3 16,5 21,0 16,5 25% 8,7 8,8 8,3 12,9 8,1 10% 3,0 3,0 3,0 7,4 3,0

37 Gruppo di controllo Range età (n soggetti) patologia Media (ng/ml) DS (ng/ml) < 10 anni (49) controllo anni (79) Controllo 25,3 12, anni (84) anni (163) Controllo Controllo Nessuna terapia e/o malattia metabolica Soggetti living indoor Media percentile 67.1% 73.5% 58.0% 62.9% Paratormone nei limiti di norma

38 100.0% 90.0% 80.0% rachitsmo percentili 70.0% 60.0% 50.0% 40.0% 30.0% osteoporosi 20.0% 10.0% 0.0% < 10 anni età Media ± DS ng/ml Media percentile 1 < 10 anni 22.9 ± % 35.3% 89% ± % 39.6% 92% ± % 10.0% 89% ± % 27.2% 88% da a

39 Casistica Cittadella concentrazione media vitamina D Range età (n soggetti) patologia Media (ng/ml) DS (ng/ml) Media percentile anni (163) Controllo 21,3 12,2 62.8% anni (54) anni (42) Flogosi linfocitaria aspecifica 22,2 13,5 APCA + 40% 65.4% tiroide 21% Hp+ Gastrite autoimmune 9,8 5,6 29.5% anni (21) Gastrite atrofica multifocale ,4 34.3%

40 100.0% 90.0% 80.0% 70.0% percentili 60.0% 50.0% 40.0% 30.0% 20.0% 10.0% 0.0% control APCA+ GAI HP+ patologia media ± DS ng/ml Media percentile controllo (20-80) 21.3 ± % 27.2% 88% Apca+ (20-80) 22.2 ± % 26.0% 91% GAI (37-80) 9.8 ± % 11.6% 46% Gastrite Hp+ (20-80) 11.3 ± % 10.0% 59% da a

41 Interazioni batterio-ospite nella patogenesi dell infezioni da H. pylori

42 VITAMINA D La vitamina D, liposolubile, viene inglobata nelle micelle formate dall'incontro dei lipidi idrolizzati con la bile,, entra nell'epitelio epitelio intestinale per diffusione passiva dove viene incorporata nei chilomicroni i quali entrano nella circolazione linfatica. La quantità di calciferolo proveniente dagli alimenti è molto bassa e la maggior parte di vitamina D viene sintetizzata a livello cutaneo per azione della luce ultravioletta.

43 Holick M F Mayo Clin Proc CONCLUSIONI

44 CONCLUSIONI La concentrazione media di 25(OH)D nella nostra popolazione selezionata è 21.3 ng/ml (63% percentile) La concentrazione media di 25(OH)D nei pazienti con gastrite autoimmune è 9.8 ng/ml (30% percentile) La concentrazione media di 25(OH)D nei pazienti con gastrite da Hp è 11.3 ng/ml (34% percentile)

45 Ipotesi speculativa Soggetti geneticamente predisposti con Carenza/insufficienza cronica AZIONE Standardizzazione metodi livelli di 25(OH)D necessari per l omeostasi l immunologica negli adulti e bambini Aggressione autoimmune Vitamina D repleting Previene aggressione AZIONE Sperimentazione degli agonisti di VDR nell uomo Vitamina D repleting Non blocca aggressione Malattia autoimmune

46 PROBLEMI APERTI?

47 RINGRAZIAMENTI Davide Giavarina Antonio Fortunato Giuliano Soffiati Graziano Kodermaz

48 RINGRAZIAMENTI professione.. Amici

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

NOVITA SULLA VITAMINA D DR. R. GIANNATTASIO D M I LIVELLO UOC MEDICINA NUCLEARE E CMM PSP ELENA D AOSTA ASL NA1 CENTRO

NOVITA SULLA VITAMINA D DR. R. GIANNATTASIO D M I LIVELLO UOC MEDICINA NUCLEARE E CMM PSP ELENA D AOSTA ASL NA1 CENTRO NOVITA SULLA VITAMINA D DR. R. GIANNATTASIO D M I LIVELLO UOC MEDICINA NUCLEARE E CMM PSP ELENA D AOSTA ASL NA1 CENTRO VITAMINA D3 E D2 Deriva dal colesterolo, sintetizzato dagli organismi animali Deriva

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA. Effetti della Vitamina D sul sistema immunitario: reazione di fase acuta dopo somministrazione di Acido Zoledronico

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA. Effetti della Vitamina D sul sistema immunitario: reazione di fase acuta dopo somministrazione di Acido Zoledronico UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dottorato di Ricerca in Malattie Osteometaboliche e Disordini del Metabolismo Idroelettrolitico e Acido-Base Ciclo XXIV Effetti della Vitamina D sul sistema immunitario:

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Welcome. D: vitamina/ormone essenziale per la salute

Welcome. D: vitamina/ormone essenziale per la salute Welcome D: vitamina/ormone essenziale per la salute 1. Farmacologia della vitamina D 1. Produzione e metabolismo 1. Apporto dietetico 2. Produzione endogena 2. Meccanismi d azione 1. Recettori nucleari

Dettagli

Vitamina D: Produzione, Metabolismo, Meccanismo di Azione e Requisiti Clinici. American society for bone and Mineral Research

Vitamina D: Produzione, Metabolismo, Meccanismo di Azione e Requisiti Clinici. American society for bone and Mineral Research Vitamina D: Produzione, Metabolismo, Meccanismo di Azione e Requisiti Clinici American society for bone and Mineral Research Vitamina D La vitamina D è una sostanza che può essere considerata a tutti gli

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO SECONDARIO. Paola Franceschetti. Università degli Studi di Ferrara

DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO SECONDARIO. Paola Franceschetti. Università degli Studi di Ferrara PATOLOGIE ENDOCRINE E CHIRURGIA: INNOVAZIONI TECNOLOGICHE E TRATTAMENTI MINI-INVASIVI TIROIDE, PARATIROIDI, PANCREAS E SURRENI Ferrara, 7 dicembre 2012 Hotel Duchessa Isabella DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO

Dettagli

Con il termine di vitamina D si intendono 2 composti chimici derivati dal 7-deidro colesterolo, denominati colecalciferolo o vitamina D 3

Con il termine di vitamina D si intendono 2 composti chimici derivati dal 7-deidro colesterolo, denominati colecalciferolo o vitamina D 3 IL FABBISOGNO DI VITAMINA D NELL ADULTO Massimo Procopio Responsabile Editoriale AME: Vincenzo Toscano Divisione di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, Dipartimento di Medicina Interna, Azienda

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Giuseppe Realdi, Sandro Giannini Prof. Giusppe Realdi Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Clinica medica

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Caleidoscopio. Fisiologia della Vitamina D: Trattamento dell osteoporosi post-menopausale. I t a l i a n o. Ranuccio Nuti ISSN 0394 3291

Caleidoscopio. Fisiologia della Vitamina D: Trattamento dell osteoporosi post-menopausale. I t a l i a n o. Ranuccio Nuti ISSN 0394 3291 ISSN 0394 3291 Caleidoscopio I t a l i a n o Ranuccio Nuti Fisiologia della Vitamina D: Trattamento dell osteoporosi post-menopausale 17 Direttore Responsabile Sergio Rassu Via Rio Torbido, 40 - Genova

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

Funzioni del CALCIO Contrazione dei muscoli Tono vascolare Sintesi ed uptake di neurotrasmettitori Secrezioni di ormoni

Funzioni del CALCIO Contrazione dei muscoli Tono vascolare Sintesi ed uptake di neurotrasmettitori Secrezioni di ormoni Funzioni del CALCIO Contrazione dei muscoli Tono vascolare Sintesi ed uptake di neurotrasmettitori Secrezioni di ormoni Trasduzione intracellulare dei segnali Sintesi dell osso Coagulazione Fabbisogno

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF Dr. Vincenzo Piazza La Sindrome da resistenza agli ormoni tiroidei,descritta per la prima volta da Refetoff, è una patologia molto

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

VITAMINA D: REVISIONE DELLA LETTERATURA E DATI NELLA POPOLAZIONE PEDIATRICA DI REGGIO EMILIA

VITAMINA D: REVISIONE DELLA LETTERATURA E DATI NELLA POPOLAZIONE PEDIATRICA DI REGGIO EMILIA VITAMINA D: REVISIONE DELLA LETTERATURA E DATI NELLA POPOLAZIONE PEDIATRICA DI REGGIO EMILIA Giorgia Di Fazzio, Valentina Alberghini, Sergio Amarri Pediatria Azienda Ospedaliera S.Maria Nuova - IRCCS Reggio

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Oltre l Osteoporosi...

Oltre l Osteoporosi... Oltre l Osteoporosi... Dr. Marco Valentini U.O. Reumatologia, Centro Osteoporosi Primus Forli Medical Center Metabolismo della vitamina D Sole ProD 3 PreD 3 Vitamina D 3 Cute ( 80%) Fegato Dieta (~20%)

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1 1 13. Anticorpi I edizione (vedi singoli sottocapitoli) 13. Anticorpi...1 13.1. STRUTTURA DEGLI ANTICORPI ED I GENI DELLE IMMUNOGLOBULINE...3 13.1.1. Struttura/funzione degli anticorpi...4 13.1.2. Dominii

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS LA MOLECOLA Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit 1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit Per la determinazione in vitro della 1,25 (OH) 2 Vitamina D in plasma e siero Gültig ab/valid from 17.03.2008 +8 C IMM-K 2112 +2 C 48 1. APPLICAZIONE Il kit ELISA (Enzyme-Linked-Immuno-Sorbent-Assay)

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Che cosa occorre sapere sull alopecia.

Che cosa occorre sapere sull alopecia. 01/ 2014 Sandoz Pharmaceuticals S.A. Suurstoffi 14 Casella postale 6343 Rotkreuz Tel. 0800 858 885 Fax 0800 858 888 www.generici.ch Che cosa occorre sapere sull alopecia. Struttura dei capelli 4 Ciclo

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione Stime di rischio stocastico e detrimento sanitario G. Trenta, AIRM, Roma L IPOTESI PORTANTE: LNT Ancorché ci siano riconosciute eccezioni, per i

Dettagli

Vitamina D. Pro-ormoni di natura lipidica. - VITAMINA D 2 (ergocalciferolo) di origine vegetale - VITAMINA D 3 (colecalciferolo) di origine animale

Vitamina D. Pro-ormoni di natura lipidica. - VITAMINA D 2 (ergocalciferolo) di origine vegetale - VITAMINA D 3 (colecalciferolo) di origine animale LA SUPPLEMENTAZIONE DI VITAMINE ED INTEGRATORI ALLA DIMISSIONE Dott.ssa Federica Mignone Vitamina D Pro-ormoni di natura lipidica - VITAMINA D 2 (ergocalciferolo) di origine vegetale - VITAMINA D 3 (colecalciferolo)

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Linee guida su prevenzione e trattamento dell ipovitaminosi D con colecalciferolo

Linee guida su prevenzione e trattamento dell ipovitaminosi D con colecalciferolo Reumatismo, 2011; 63 (3): 129-147 Linee guida su prevenzione e trattamento dell ipovitaminosi D con colecalciferolo Guidelines on prevention and treatment of vitamin D deficiency S. Adami 1, E. Romagnoli

Dettagli

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it IPOTALAMO-FUNZIONI Termoregolazione Nel corpo, il calore viene prodotto dalla contrazione muscolare, dall assimilazione degli alimenti e da tutti i processi vitali che contribuiscono al metabolismo basale.

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione Pietro Santoianni Professore Emerito di Dermatologia Docente nel Dottorato di Ricerca in Dermatologia Sperimentale Dipartimento di Patologia sistematica, Sezione di Dermatologia Università di Napoli Federico

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli