La Vitamina D come farmaco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Vitamina D come farmaco"

Transcript

1 17 Congresso Società Italiana Neonatologia Sorrento ottobre 2011 La Vitamina D come farmaco Prof. Franco Bagnoli Direttore UO TIN Direttore DAI Materno Infantile, AOUS Siena Dott.ssa Casucci Martina Dott. Coriolani Gianni 1

2 IPOVITAMINOSI D UN PROBLEMA GLOBALE!!! 2

3 Fraser DR Vitamin D-deficiency in Asia J Steroid Biochem Mol Biol May;89-90(1-5):

4 4

5 FATTORI CHE POSSONO DETERMINARE ALTERAZIONI DELL OMEOSTASI CALCICA E DEI LIVELLI DI VITAMINA D Intolleranza al glutine Enteropatie croniche Somministrazione farmaci anticonvulsivanti Dieta vegetariana Anoressia/Bulimia Droghe Insufficienza renale o patologie renali Patologie delle paratiroidi Alterazioni congenite della idrossilazione della vitamina D Resistenza alla vitamina D Obesità (il grasso trattiene vitamina D) 5

6 Ma PERCHE è un problema globale? Alimentazione Stile di vita Allattamento materno 6

7 ALIMENTAZIONE 7

8 La dieta che la maggior parte delle persone consuma apporta solo minime quantità di vitamina D! LA SINTESI E ATTIVAZIONE DELLA VITAMINA D INIZIANO NELLA PELLE, NON NELLA BOCCA! 8

9 STILE DI VITA EVOLUZIONE DELLA SPECIE.. 9

10 ORA INVECE.. 10

11 ORA INVECE.. 11

12 DOVE VIVEVAMO.. ORA INVECE 12

13

14 14

15 15

16 ALLATTAMENTO MATERNO Vitamina D nel latte materno While breastfeeding is the recommended method of infant feeding and provides infants with necessary nutrients and immune factors, breast milk alone does not provide infants with an adequate intake of vitamin D. Human milk typically contains a vitamin D concentration of 25 IU per liter or less. Therefore, a supplement of 400 IU per day of vitamin D is recommended for all breastfed infants. 16

17 Per tutti questi motivi abbiamo molti più casi di rachitismo ma probabilmente anche l aumento di patologie non ossee.. 17

18 FUNZIONI EXTRASCHELETRICHE IMMUNITA Promuove la differenziazione dei monocitia macrofagi, immunomodulatore SzodaryP etal AbeE. etal AZIONE PROTETTIVA EPITELIO BRONCHIALE Devereux G 2007 Camargo CA 2007 STIMOLAZIONE ERITROPOIESI MIOCARDIO Migliora la contrattilità cardiaca AchingerSG etal AZIONE ANTIPERTENSIVA SNC (sintesi NGF) WionD etal APPARATO ENDOCRINO Stimola la secrezione di: INSULINA (diminuzione diabete tipo 1) TSH PRL ChiuKC etal Smith MA etal RIDUZIONE RISCHIO TUMORALE 18

19 Bassi livelli di vitamina D NELLA DONNA IN GRAVIDANZA sono associati a AUMENTO DI PRE- ECLAMPSIA Norman P etal AUMENTO TC Merewood A etal ALTERAZIONI DELLO SVILUPPO DELL APPARATO CARDIOVASCOLARE E DELLA MORFOLOGIA CEREBRALE che possono pers is tere anche nell età adulta Morris GS etal. 1995; Eyles D et al. 2003; Ko P etal. 2004; Feron F etal AUMENTO INCIDENZA IUGR Mannion CA etal AUMENTO INCIDENZA DI PREMATURITA Gillie O etal. 2009

20 The recent discovery from a metaanalysis* of 18 randomized controlled trials that supplemental cholecalciferol (vitamin D) significantly reduces allcause mortality (SRR 0.93; 95% CI, ) emphasizes the medical, ethical, and legal implications of promptly diagnosing and adequately treating vitamin D deficiency Use of vitamin D in clinical practice. Cannell JJ et al. Alternative Medicine review Volume 13, Number 1, 2008 * Vitamin D Supplementation and Total Mortality. A meta-analysis of Randomized Controlled Trials. P. Autier. Arch Intern Med 2007; 167(16):

21 Claims that vitamin D may help prevent such a wide variety of diseases seems incredible until one realizes vitamin D is not a vitamin; rather, it is the only known substrate for a potent, pleiotropic, repair and maintenance, seco-steroid hormone with a single endocrine function, but multiple autocrine functions Use of vitamin D in clinical practice. Cannell JJ et al. Alternative Medicine review Volume 13, Number 1,

22 E recente la scoperta che MOLTI ORGANI E TESSUTI PELLE CERVELLO PROSTATA MAMMELLA COLON E CELLULE DEL NS ORGANISMO, COMPRESE QUELLE DEL SISTEMA IMMUNITARIO PRESENTANO IL RECETTORE PER LA VITAMINA D (VDR) PRESENTANO IL SISTEMA ENZIMATICO NECESSARIO PER CONVERTIRE LA 25(OH)D NELLA FORMA ATTIVA 1,25(OH)2D VITAMIN D DEFICIENCY. Holick MF. N Engl J Med 2007; 357:

23 CONTROLLO AUTOCRINO AUTONOMO 23 Cannell JJ 2008

24 I VDR e l enzima (25 OH)D3-1α-idrossilasi che converte la 25(OH)D in 1,25(OH)2D nel rene sono presenti anche nelle cellule del sistema immunitario adattativo: Cellule dendritiche Monociti Cellule B Cellule T Cellule NK Regulation of 25-OH-vitamin D3-1 α -hydroxylase and production of 1 α -25dihydroxyvitamin D3 by human dendritic cells.fritsche J.et al. Blood 102, , 2003 Identification of 25-OH-vitamin D3-1 α -hydroxylase gene expression in macrophages Monkawa T. et al. Kidney Int 58, ,

25 Tuttavia, contrariamente a quanto avviene nelle cellule renali, IN QUESTE CELLULE l attività di tale enzima non è regolata dai valori calcemici e soppressa dal PTH, ma è incrementata da citochine come l IFN-γ Differential regulation of vitamin D receptor and its ligand in human monocytederived dendritic cells. Hewison M. et al. J. Immunol. 170,

26 Circa il 3 % del genoma del topo e dell uomo è regolato attraverso la via metabolica della vitamina D La vitamina D controlla oltre 200 geni: Riduce la proliferazione cellulare (cellule normali e cancerose) Induce la differenziazione Induce l apoptosi Previene l angioneogenesi TUTTI POSSIBILI FATTORI FAVOREVOLI NEL TRATTAMENTO DEI TUMORI Non calcemic actions of vitamin D receptor ligands.nagpal S. et al. Endocr rev 2005; 26:

27 E implicata nella prevenzione di malattie infettive, autoimmuni quali sclerosi multipla e artrite reumatoide, alcuni tumori (mammario, ovarico, colonrettale, prostatico) e DM tipo II Vi sono anche evidenze che sia coinvolta nelle attuali epidemie di asma e autismo NON VI SONO sostenibili meccanismi d azione per spiegare il ruolo della vit D in queste patologie, ma vi sono crescenti evidenze epidemiologiche che ne suggeriscono una connessione 27

28 28

29 DALLA VITAMINA D DIPENDE LA PRODUZIONE DEGLI AMPs (Peptidi AntiMicrobici) sia nelle cellule epiteliali che nei macrofagi Plasma 25-hydroxyvitamin D levels in young children undergoing placement of tympanostomy tubes Linday et al

30 30

31 Possiamo considerare gli AMPs quali effettori dell IMMUNITA INNATA, con un attività antimicrobica ad ampio spettro contro batteri, funghi e virus Gli AMPs (in particolare la catelicidina) agiscono danneggiando rapidamente le lipoproteine di membrana dei microbi, compresi i virus incapsulati dell influenza. Nel macrofago inoltre, la vit D inibisce le citochine proinfiammatorie come l interferon γ, il TNF α e l IL 12 31

32 32

33 VITAMINA D ED APPARATO RESPIRATORIO Recenti studi suggeriscono che la vit D attraverso l immunità innata svolge un ruolo importante nella prevenzione delle infezioni del tratto respiratorio Molti studi hanno riportato che bambini affetti da rachitismo incorrono frequentemente in infezioni respiratorie; un associazione relativamente consistente è stata trovata tra bassi livelli (NON RACHITICI) di 25(OH)D e aumentato rischio di infezioni respiratorie In particolare, i livelli sierici di 25(OH)D sono inversamente correlati alla percentuale di infezioni a carico del tratto respiratorio superiore 33

34 Cannell JJ et al. Alternative Medicine review Volume 13, Number 1, 2008 Alcuni AA hanno anche presentato un esauriente evidenza epidemiologica che la stagionalità della carenza di vit D possa spiegare la stagionalità delle epidemie di influenza 34

35 35

36 VITAMINA D ED INFLUENZA IU/Kg di peso corporeo al giorno, per 3 giorni sono state proposte per TRATTARE le infezioni virali respiratorie (Cannel et al., 2008)

37 Coughing and cilia mechanically remove inhaled debris and microorganisms entrapped in mucus, a mechanism called mucociliary clearance. Multiple substances with proinflammatory and anti-inflammatory as well as antimicrobial activities are secreted by epithelial and inflammatory cells and function as effector substances of the innate immune system. Natural killer cells, dendritic cells, neutrophils, and macrophages represent the cellular components of innate immunity. Cells of the respiratory epithelium (1=ciliated cell, 2=goblet cell, 3=basal cell,4=mucous and serous gland cells) are not passive bystanders of an inflammatory process but secrete effector molecules including antimicrobial peptides. The adaptive immune response with its T cells and B cells (siga=secretory immunoglobulin A) is triggered by innate mechanisms 37

38 VITAMINA D E TBC Impiegati nel TRATTAMENTO della TBC già nel lontano 1800 (Niels Ryberg Finsen, Premio Nobel nel 1903)

39 VITAMINA D E TBC

40 Il sistema immunitario innato viene attivato dai TLRs sui Macrofagi che inducono il CYP27b1. Questa via autocrina necessita di adeguate quantità di vitamina D nella forma di 25(OH)D quale substrato per la formazione di vit D attivata. Quest ultima > la sintesi di catelicidina che a sua volta > l attività antimicrobica VS TBC. La vit D induce anche l uccisione dei batteri con NO

41 VITAMINA D E DIABETE TIPO 1 Vari studi suggeriscono che vi sia un legame tra il deficit di vit D e malattie autoimmuni come il DM tipo 1 (Misra et al., 2008) Bassi livelli di 25(OH)D 3 in circolo sono stati riportati in adolescenti al momento della diagnosi di DM tipo I e Harris et al. hanno documentato i benefici effetti della supplementazione di vit D nella protezione VS DM tipo 1 Negli anni 60 è stata raccomandata l assunzione di 2000 IU/die di vitamina D a bambini Finlandesi nel corso del loro primo anno di vita. Al follow-up di 31 anni dopo è stato evidenziato che coloro che hanno seguito tale raccomandazione avevano un rischio ridotto dell 88% di sviluppare DM tipo I mentre coloro che mostravano deficit di vit D avevano un > rischio di sviluppare DM I (Hippönen et al., 2001)

42 VITAMINA D E DIABETE TIPO 1 Vitamin D supplementation in early childhood and risk of type 1 diabetes: a systematic review and meta-analysis C S Zipitis. Arch Dis Child 2008 Meta-analysis of data from the case-control studies showed that the risk of type 1 diabetes was significantly reduced in infants who were supplemented with vitamin D compared to those who were not supplemented (pooled odds ratio 0.71, 95% CI 0.60 to 0.84).There was also some evidence of a dose-response effect, with those using higher amounts of vitamin D being at lower risk of developing type 1 diabetes. Finally, there was a suggestion that the timing of supplementation might also be important for the subsequent development of type 1 diabetes Conclusion: Vitamin D supplementation in early childhood may offer protection against the development of type 1 diabetes. The evidence for this is based on observational studies

43 VITAMINA D E PSORIASI Nel 1908 è stato evidenziato che i cheratinociti, la principale fonte di 7-deidrocolesterolo nella pelle, possedevano il recettore per la vit D (VDR) ed erano capaci di convertire il 25(OH)D a 1,25(OH) 2 D 3 1,25(OH) 2 D 3 è un potente inibitore della proliferazione cheratinocitaria in vitro e può essere impiegato nel trattamento della malattia psoriasica iperproliferativa non maligna. L applicazione topica riduce lo spessore delle placche, la desquamazione e l eritema Una simile attività è stata riscontrata in diversi analoghi dell 1,25(OH) 2 D 3. Ad oggi questi costituiscono il trattamento di prima linea della psoriasi

44

45 VITAMINA D E PSORIASI In touch with psoriasis: topical treatments and current guidelines. G Murphy. JEADV,2011. Newer therapies offer greater convenience and fewer sideeffects. Of the more recently available therapies, vitamin D analogues and topical corticosteroids are the two with the greatest proven efficacy in randomized clinical trials. A recent Cochrane review showed the highest efficacy overall with the fixed combination vitamin D analogue (calcipotriol) and corticosteroid (betamethasone dipropionate). Indeed, clinical trials have shown that two-compound calcipotriol/betamethasone dipropionate traitment has higher efficacy than calcipotriol or betamethasone dipropionate alone. With regard to safety, two-compound calcipotriol/betamethasone dipropionate was shown to be suitable for intermittent long-term treatment of mild-tomoderate psoriasis.

46 VITAMINA D E PSORIASI

47 VITAMINA D E MALATTIA DI CROHN Diversi studi correlano le alterazioni dei livelli ematici della vitamina D alla disregolata risposta immune che si ritrova nella malattia di Crohn Studi in vivo indicano che l 1,25(OH) 2 D 3 gioca un ruolo cruciale nelle forme indotte di IBD ed è stato riscontrato che pazienti affetti da Crohn hanno BASSI livelli sierici di 1,25(OH) 2 D 3 (Lim et al. 2005; Wang et al.,2010)

48 SUPPLEMENTAZIONE VITAMINA D ATTIVAZIONE DELL IMMUNITA INNATA SOPPRESSIONE DELL IMMUNITA ADATTATIVA RIDUZIONE DELL INFIAMMAZIONE NELLA MALATTIA DI CROHN

49 DIAGNOSI DI DEFICIT DI VITAMINA D L esame fisico in genere è normale ma una dolorabilità alla pressione sullo sterno e/o sulle tibie è indice di deficit severo! ANAMNESI: frequenti infezioni, malattie autoimmuni, diabete, malattie cardiache, depressione maggiore, debolezza muscolare, senso di pesantezza alle gambe, dolore cronico muscoloscheletrico, facile affaticabilità tumori 49

50 DIAGNOSI DEL DEFICIT DI VITAMINA D I livelli sierici di 1,25(OH) 2 D NON rivestono alcun ruolo nella diagnosi del deficit di Vitamina D Un paziente con normali o alti valori di 1,25(OH) 2 D ma bassi livelli di 25(OH)D è vitamino-d carente NONOSTANTE gli alti livelli sierici dell ormone attivo La valutazione della 25(OH)D dovrebbe essere effettuata almeno 2 volte l anno nei pazienti a rischio, uno in primavera per il nadir e uno in tarda estate per il livello massimo 50

51 Ma quali sono i livelli di 25(OH)D considerati NORMALI? E quali invece quelli INSUFFICIENTI? 51

52 Livelli di 25(OH)D compresi tra ng/ml sono da considerare NORMALI La dose di mantenimento per un adulto è pari a 1000 UI/die di 25(OH)D mentre per la popolazione pediatrica è di UI/die NB!! IN CASO DI PATOLOGIA I DOSAGGI TERAPEUTICI DEVONO ESSERE PIU ELEVATI PER OTTENERE UN RISULTATO!! Molti autori sostengono che livelli plasmatici di 25(OH)D < ng/ml sono da considerare INSUFFICIENTI ma non determinanti manifestazioni cliniche Se i livelli nel sangue risultano < 10 ng/ml si determinano quadri di RACHITISMO/OSTEOMALACIA 52

53 Use of vitamin D in clinical practice. Cannell JJ et al. Alternative Medicine review Volume 13, Number 1,

54 QUAL E IL LIVELLO EMATICO IDEALE DI 25(OH)D? Livelli necessari per ottimizzare l assorbimento intestinale di calcio: 34ng/Ml (Heaney,2003) Livelli necessari per ottimizzare la performance neuromuscolare: 38ng/mL (Bischoff- Ferrari,2004) Livelli necessari per indurre una RIDUZIONE del 50% dell incidenza del K al seno: 52ng/mL (Garland,2007) 54

55 In un recente studio, il 52-77% della popolazione adulta presentava livelli plasmatici di 25(OH)D < 30 ng/ml, mentre il 18-36% < 20 ng/ml 55

56 QUANDO INCORRE IL RISCHIO DI IPERVITAMINOSI D? L IPERVITAMINOSI D è caratterizzata da ipercalciuria ed ipercalcemia e la sua incidenza è relativamente bassa. Sono considerati SICURI livelli di: UI/die per il NEONATO!! UI/die per il BAMBINO!! UI/die per l ADULTO!! SI CONSIDERANO PERICOLOSI LIVELLI EMATICI >100 ng/ml!!! (Hathcock et al.,2007; Cannell 2008) 56

57 CHI NON TRATTARE? L unica controindicazione ASSOLUTA al trattamento con supplementi di Vitamina D è l eventuale tossicità. Controindicazioni all esposizione ai raggi UV Controindicazioni all esposizione ai raggi UV comprendono Porfirie, Xeroderma pigmentoso, Albinismo, pregresso Melanoma oltre a assunzione di farmaci fotosensibilizzanti (sulfonamide, fenotiazine, tetracicline, psoraleni)

58 IPERSENSIBILITA ALLA VIT D Compare quando i tessuti extra-renali producono 1,25(OH) 2 D in quantità disregolata, causando ipercalcemia Viene diagnosticata con elevati livelli di calcio sierico, normale o bassa 25(OH)D e 1,25(OH) 2 D elevata Può insorgere in alcune malattie granulomatose (specialmente sarcoidosi e TBC) o in alcuni tipi di tumori (linfoma non Hodgkin)

59 VITAMINA D COME FARMACO NELLE PATOLOGIE SCHELETRICHE DEL BAMBINO 59

60 1. OSTEOPENIA DEL PRETERMINE Riserve Ca, P e Vit.D Richiesta minerali Assorbimento intestinale di Ca Funzionalità renale 60

61 I NOSTRI STUDI 143 bambini (72 soggetti con peso alla nascita <1000 gr e 71 con peso gr),ricoverati presso il reparto TIN di Siena fra il 2000 ed il 2008 con età compresa tra 2 e 10 anni sono stati sottoposti ad esame ultrasuonografico per la valutazione del BTT e del SOS 61

62 TRA 4 E 7 ANNI Il 23% dei soggetti presenta valori di BTT 10 ct ct BTT bambini 4 anni<7 % 3 ct 6,25% 4 ct 10 16,67% 11 ct 25 25% 26 ct 75 39,58% 76 ct95 12,50% 62

63 Tra 7 e 10 anni il 27% presenta valori di BTT 10 ct ct BTT bambini %bambini 7 anni 10 3 ct 10,91% 4 ct 10 16,36% 11 ct 25 21,82% 26 ct 75 40% 76 ct 95 10,91% 63

64 l 84% dei soggetti con BTT inferiore al 10 centile, presentano deficit di vitamina D Calcemia Fosforemia Fosfatasi Alcalina Isoenzima Osseo Fosfatasi Alcalina Nella norma in tutti i soggetti 30,46% 7,69% 100% Osteocalcina 100% Vitamina D PTH Calciuria 24 h Fosfaturia 24 h 61,53% deficienza 23,07% insufficienza 15,38% 53,84% 15,39% 84,6% 64

65 FOLLOW UP POST TERAPIA Attualmente hanno completato il trattamento 14 soggetti EG 28,4±2,6W 8 ELBW e 6 VLBW TERAPIA EFFETTUATA Vitamina D3 ( UI ogni 15 gg per 3 volte seguita da 800 UI/die per 6 mesi) Calcio Gluconato 1 gr/die per 6 mesi E stato eseguito nuovo esame QUS e valutazione del metabolismo calcio-fosforico dopo circa 6-12 mesi 65

66 P=0,014 Ad-Sos PRIMA della terapia Ad-Sos DOPO terapia RISULTATI 0,6 0,55 0,5 P=0,01 0,45 0,4 0,35 0,3 BTT PRIMA della terapia BTT DOPO terapia 66

67 P=0, (OH)D PRIMA della terapia 25(OH)D DOPO terapia P=0, PTH PRIMA della terapia PTH DOPO terapia 67

68 2.CRANIOTABE Dati recenti della letteratura indicano che la craniotabe: -non deve essere considerata una condizione fisiologica -deve necessariamente essere trattata -nella maggior parte dei casi è da mettere in relazione ad una deficienza di vitamina D sia del neonato sia della madre stessa. La carenza materna di vitamina D determina infatti una deficienza che si stabilisce già in utero, con conseguenze nel neonato che perdurano anche nella vita extrauterina.. 68

69 I NOSTRI STUDI.. Abbiamo valutato lo stato minerale osseo mediante esame ultrasuonografico (QUS) e ricercato un eventuale correlazione fra livelli di Vit. D del neonato e craniotabe 69

70 RISULTATI CRANIOTABE NEONATI CRANIOTABE NEONATI 1-7gg SANI1-7gg p 1-2 mese SANI p 1-2 mese n EG (sett) 39,2±1,2 39,67±1,04 39,6±1,27 40,05±1,07 Pnascita 3135± ± ± ±524 (gr) Ad-Sos 1660,6±58,7 1679,5±23,03 <0, ,8±34,2 1636,12±10 NS,8 mcbtt 0,71±0,25 0,74±0,09 NS 0,60±0,16 0,74±0,09 <0,04 25(OH)D (ng/ml) 9 soggetti esaminati affetti da craniotabe: 12,24±5,05. v.n. (30-100) 70

71 1690 P<0, mcsos CRANIOTABE 1-7 GG NEONATI SANI 1-7 GG 1640 P= NS mcsos CRANIOTABE 1-2 mesi NEONATI SANI 1-2 mesi 71

72 P=NS 0,75 0,7 0,65 0,6 0,55 0,5 0,45 0,4 0,35 0,3 CRANIOTABE 1-7 gg NEONATI SANI 1-7 gg mcbtt 0,75 0,7 0,65 0,6 0,55 0,5 0,45 0,4 0,35 0,3 P<0,04 CRANOTABE 1-2 mesi NEONATI SANI 1-2 mesi mcbtt 72

73 TERAPIA DEL RACHITISMO RACHITISMO DA DEFICIT DI VITAMINA D Somministrazione di UI/die di vitamina D per 4/6 settimane e monitorare i parametri ormonali RACHITISMO DA DEFICIT DI IDROSSILAZIONE RENALE O DA ALTERAZIONE RECETTORIALE: Dose iniziale: 1-2 µg/die di 1,25(OH)2D Mantenimento: 0,5-1 µg/die di 1,25(OH)2D Ogni 1-2 mesi controllo dei livelli ematici di 1,25(OH)2D, calciuria e fosfaturia RACHITISMO VITAMINA D RESISTENTE: UI/die di vitamina D µg/die di 25(OH)D µg/die di 1,25(OH)2D Qualora la terapia con vit.d sia inefficace: Calcio ad alte dosi per os Calcio e.v. a lungo termine se coesiste alterazione nell assorbimento intestinale di calcio causato da mutazione VDR 73

74 IPOCALCEMIA PRECOCE: Trattare soltanto con CALCIO e.v. Se coesiste IPOPARATIROIDISMO: CALCIO + vit. D3 Se c è deficit di vitamina D: CALCIO + vit. D TARDIVA: E più prudente trattare il neonato subito con CALCIO + vitamina D od uno dei suoi metaboliti attivi 74

75 VITAMINA D COME FARMACO PER LE PATOLOGIE RENALI Nel 70-80% di soggetti con patologie renali croniche si riscontrano: 1. Ridotti livelli di 25(OH)D 2. Riduzione del substrato per la conversione di 1,25(OH)2D 3. Riduzione GFR 4. Decremento della massa renale QUINDI PERDITA DEL SUBSTRATO PER L ATTIVITA DELL 1 -idrossilasi TERAPIA: Metaboliti attivi della vitamina 75 D

76 TRATTAMENTO DEL DEFICIT DI VITAMINA D ESISTONO 3 OPZIONI: IRRADIAZIONE SOLARE RADIAZIONI UVB ARTIFICIALI SUPPLEMENTI DI VITAMINA D Un esposizione dell intero corpo per minuti sotto al sole estivo o ai raggi UVB artificiali incrementerà di oltre IU il livello di vitamina D nella circolazione sistemica della maggior parte degli adulti con fototipo chiaro 76

77 Una o due esposizioni a settimana dovrebbero mantenere livelli di 25(OH)D in un range ideale Attenzione al MELANOMA! IL TRATTAMENTO DI SCELTA PER IL DEFICIT DI VITAMINA D E PERCIO : trattamento orale con COLECALCIFEROLO (VIT D3) 77

78 RICORDARE CHE.. Sono necessarie elevate dosi di vit D per ottenere adeguati livelli sierici di 25(OH)D La quantità di Vit D necessaria varia in base al peso corporeo, al grasso corporeo, all età, al colore della pelle, alla stagione, alla latitudine e all abitudine a prendere il sole Sono possibili effetti tossici (seppur di rara osservazione) La vitamina A antagonizza l azione della vit D (Rohde, 2005) perciò alcuni AA consigliano di NON assumere Vit D associata a Vit A Supplementi di IU al giorno comportano un incremento di 10ng/mL del 25(OH)D se dati per 3-4 mesi negli adulti 78

79 LA VITAMINA D E UNA PANACEA?

80 CONCLUSIONI La carenza di vitamina D è un problema che coinvolge tutte le popolazioni del mondo La carenza di vitamina D è associata ad una maggior mortalità causata da varie patologie La somministrazione di vitamina D ad alte dosi (2.000 UI per 3-4 mesi) sembra avere effetti protettivi sia contro malattie dell apparato respiratorio che verso altre patologie In caso di patologie o assunzione di farmaci che alterino il metabolismo della vitamina D e nelle accertate deficienze, la supplemenntazione con colecalciferolo deve essere effettuata fino a normalizzazione dei livelli di 25(OH)D (~40ng/mL)

81 CONCLUSIONI La vitamina D può essere adoperata per lunghi periodi ad alti dosaggi con rischi trascurabili di tossicità In considerazione dell attività positiva della vitamina D sul sistema immunitario sarebbe consigliabile l uso nei primi anni di vita La somministrazione di vitamina D e calcio in dosi adeguate in età infantile è probabilmente il sistema migliore per prevenire l osteoporosi TUTTAVIA

82 LA VITAMINA D NON E UNA PANACEA anche se in certe patologie è un vero e proprio farmaco! Ad eccezione delle patologie scheletriche, la vitamina D dovrebbe sempre essere considerato come un trattamento adiuvante e MAI SOSTITUIRE IL TRATTAMENTO TRADIZIONALE Ancora numerosi studi sono necessari per valutare più approfonditamente dosi e utilizzo di questo ormone 82

83 83

84 84

85

86

87

88 VITAMINA A e D, RISCHI DELLA CO-SOMMINISTRAZIONE L olio di fegato di merluzzo contiene una discreta quantità di vitamina D ma di solito contiene anche elevate dosi di vit A 88

89 Colecalciferolo è disponibile in compresse da 400, 1.000, 2.000, 5.000, e IU (1.000 IU sembrano molto ma corrispondono a 25 microgrammi!) Perciò adulti sani, di normale peso, con un livello iniziale di 10ng/mL necessiteranno di circa IU al giorno per ottenere un livello di 30ng/mL in assenza di esposizione agli UVB 89

90 Gli enzimi del Citocromo P-450 sono responsabili sia del metabolismo iniziale che del successivo catabolismo della vit D Perciò farmaci che dipendono dal CYP-450 possono alterare il metabolismo della vit D: ANTICONVULSIVANTI CORTCOSTEROIDI CIMETIDINA ANTI-TBC LIVELLI di 25(OH)D TEOFILLINA ORLISTAT DIURETICI TIAZIDICI STATINE 90

91

92 L esposizione solare può indurre la produzione di IU di vit D in un periodo di tempo relativamente breve Uno studio recente mostra che l impiego di IU di vit D3 al giorno in aggiunta agli antibiotici comporta la negativizzazione dell escreato del 100% VS 77% in coloro che utilizzano i soli antibiotici, dopo 1 anno Un trial randomizzato controllato con l impiego di IU nel primo mese, a 5 e 8 mesi non ha mostrato alcuna differenza tra il gruppo dei trattati e quello dei controlli

93 93

94 60,00 50,00 40,00 r= -0,41 p=0,02 VIT D 30,00 20,00 10,00 0,00 0,00 10,00 20,00 30,00 40,00 50,00 60,00 70,00 80,00 PTH 94

95 Come stabilire la necessità di Ca, P e vitamina D? Valori di Fosfatasi Alcalina > UI/l dovrebbero essere evitati. Rischio di fratture, a breve e lungo termine è associato a tali valori. Oltre ai valori di Fosfatasi Alcalina valutare: Fosfatasi Alcalina Isoenzima Fosfatasi alcalina ossea P Calcio totale e Ca ++ Calciuria Fosfaturia Vit D, osteocalcina e PTH 95

96 RISULTATI Ad-Sos PRIMA della terapia Ad-Sos DOPO terapia p BTT PRIMA della terapia BTT DOPO terapia p 1801± ,8±28 0,014 0,46±0,1 0,57±0,1 0,01 25(OH)D 25(OH)D DOPO PTH PRIMA della PTH DOPO PRIMA della terapia terapia terapia terapia 28,3±11 34,3±10 0,25 28,8±11 25,3±8 0,41 96

97 DIAGNOSI DI DEFICIT DI VITAMINA D L esame fisico in genere è normale ma una dolorabilità alla pressione sullo sterno e/o sulle tibie è indice di deficit severo! ANAMNESI: frequenti infezioni, malattie autoimmuni, diabete, malattie cardiache, depressione maggiore, debolezza muscolare, senso di pesantezza alle gambe, doloe cronico muscoloscheletrico, facile affaticabilità tumori 97

98 98

99 99

100 Circa l effetto sui linfociti, la vit D ha un effetto diretto sia sui T che sui B linfociti In particolare inibisce la proliferazione dei linfociti Th1 (implicati nelle malattie autoimmunitarie) e la produzione di citochine Th1-mediata La vit D inoltre induce la differenziazione del monocita in macrofago maturo, ma inibisce il rilascio da parte loro di citochine infiammatorie e chemochine Negli ultimi anni un deficit di vitamina D è stato correlato a diverse malattie a patogenesi autoimmune come le mal infiammatoriecroniche intestinali, la sclerosi multipla, LES,DM tipo I,AR 100

101 101

102 102

103 103

104 104

105 105

106 106

107 107

108 Antimicrobial peptides as drugs The intriguing idea of developing antimicrobial peptides as innovative antibiotics has been followed up by several biotechnological companies. With the use of protein-biochemical methods and recombinant DNA technology, the structures of naturally occurring peptides serve as starting points for the development of new drugs. Several derivatives of antimicrobial peptides have been through the pharmaceutical process, including human phase I III studies. The use of human antimicrobial peptides as drugs is restricted so far by the still unknown biological function of these molecules and the high costs of the generation of sufficient amounts. On the basis of their functions that commentary review reports primary research have been elucidated so far, antimicrobial peptides might not serve only as antibiotics, but also as modulators of inflammation or anti-lps medication. Epithelial antimicrobial peptides in host defense against infection. Robert Bals Respir Res 2000,

109 109

110 110

111 111

112 112

113 Altro aspetto importante.. I tassi di incidenza di queste stesse malattie non sono diminuiti. Non è stata trovata una correlazione con le dosi dei supplementi di vitamina D anche se nella maggior parte dei trials il range di dose giornaliera era relativamente stretto ( IU) Ciononostante i risultati sono comunque più che incoraggianti 113

114 114

115 QUANDO RACCOMANDARE LA VITAMINA D? QUANTA PRESCRIVERNE? QUALE FORMA USARE? QUANTA NE NECESSITANO I BAMBINI? QUANTA NE NECESSITANO LE DONNE IN GRAVIDANZA O DURANTE L ALLATTAMENTO? E APPROPRIATO IMIPEGARE DOSI PIU ALTE DI VITAMINA D COME TRATTAMENTO ADIUVANTE PER LE SOPRACITATE CONDIZIONI? COME INTERPRETARE I TESTS EMATICI SULLA VIT.D E QUALI RICHIEDERE? QUAL E IL RISCHIO DI TOSSICITA? 115

116 Hollis et al. hanno dimostrato che quando si ottengono livelli >40ng/mL, il composto di origine inizia a essere rintracciabile nel sangue e la reazione (di sintesi epatica di 25-OH-D) diventa saturabile e controllata. Pertanto appare verosimile considerare 40ng/mL come limite inferiore dei normali livelli di 25(OH)D. 116

117 Gli autori raccomandano la supplementazione delle madri che allattano con almeno 800 IU di vit D al giorno e dei bambini nutriti con latti-formula con 400 IU al giorno 117

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

L 80% del fabbisogno di vitamina D è garantito dall irradiazione solare in quanto il contenuto di vitamina D nei comuni alimenti è scarso.

L 80% del fabbisogno di vitamina D è garantito dall irradiazione solare in quanto il contenuto di vitamina D nei comuni alimenti è scarso. Premessa La vitamina D è un gruppo di pro-ormoni liposolubili costituito da 5 diverse vitamine: vitamina D1, D2, D3, D4 e D5. Le due più importanti forme nella quale la vitamina D si può trovare sono la

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Report Congressuale. Ruolo centrale del calcifediolo, 25(OH)D 3. . Importanza dello status D vitaminico in ambito clinico. Bruno Farmaceutici

Report Congressuale. Ruolo centrale del calcifediolo, 25(OH)D 3. . Importanza dello status D vitaminico in ambito clinico. Bruno Farmaceutici CORSO DI AGGIORNAMENTO ECM Programma Nazionale per la Formazione Continua degli Operatori della Sanità Ruolo centrale del calcifediolo, 25(OH) Importanza dello status D vitaminico in ambito clinico Bruno

Dettagli

Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K

Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K Università di Roma Tor Vergata Scienze della Nutrizione umana Biochimica della nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano A.A. 2009-2010 Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K VITAMINA D FONTI dieta: necessita

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di

Dettagli

Poppi 06 Dicembre 2014 Marcello Grifagni

Poppi 06 Dicembre 2014 Marcello Grifagni Poppi 06 Dicembre 2014 Marcello Grifagni Metabolismo della vitamina D La luce solare penetra nella cute e converte il precursore 7-deidrocolesterolo in colecalciferolo (o vitamina D3). Esiste anche una

Dettagli

Attività fisica e stile di vita nella prevenzione e nel trattamento dell osteoporosi

Attività fisica e stile di vita nella prevenzione e nel trattamento dell osteoporosi Attività fisica e stile di vita nella prevenzione e nel trattamento dell osteoporosi Dr. Alessandro Valent Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione Membro International Society of Physical and Rehabilitation

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati.

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati. DIABETE E RISCHIO CANCRO: RUOLO DELL INSULINA Secondo recenti studi sono più di 350 milioni, nel mondo, gli individui affetti da diabete, numeri che gli regalano il triste primato di patologia tra le più

Dettagli

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA Documento approvato nella seduta della Commissione PTR del 18.04.07 assorbimento L assorbimento di alcuni farmaci può La ridotta acidità intragastrica Alterazioni

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO. STUDIO DELLE SECREZIONI ORMONALI DEL NEONATO AGA E SGA DALLA 23ª ALLA 42ª SETTIMANA DI ETA GESTAZIONALE.

PROTOCOLLO DI STUDIO. STUDIO DELLE SECREZIONI ORMONALI DEL NEONATO AGA E SGA DALLA 23ª ALLA 42ª SETTIMANA DI ETA GESTAZIONALE. PROTOCOLLO DI STUDIO. STUDIO DELLE SECREZIONI ORMONALI DEL NEONATO AGA E SGA DALLA 23ª ALLA 42ª SETTIMANA DI ETA GESTAZIONALE. PREMESSE. 1) Il progressivo sviluppo delle conoscenze e delle tecniche assistenziali

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Omeostasi del calcio. Ca 2+ totale. Ca 2+ plasmatico. Kg 1.0-1.3 99% osso. 8.5-10.4 mg/dl (2.1-2.6 mm) 50% libero 50% legato

Omeostasi del calcio. Ca 2+ totale. Ca 2+ plasmatico. Kg 1.0-1.3 99% osso. 8.5-10.4 mg/dl (2.1-2.6 mm) 50% libero 50% legato Omeostasi del calcio Ca 2+ totale Kg 1.0-1.3 99% osso Cristalli con fosforo: idrossiapatite Ca 2+ plasmatico 8.5-10.4 mg/dl (2.1-2.6 mm) 50% libero 50% legato Albumina Citrato, fosfato Ruolo fisiologico

Dettagli

Anemia dell infiammazione

Anemia dell infiammazione Anemia dell infiammazione Sant Angelo Lodigiano Novembre 2012 Contesto clinico Anemia dell infiammazione o anche anemia della malattia cronica Può insorgere in corso di infezioni di ogni tipo In corso

Dettagli

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze.

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. Le malattie autoimmuni e gli ormoni femminili. La maggior parte delle malattie autoimmuni (artrite reumatoide, sindrome di Sjogren, sclerodermia,

Dettagli

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE GIACOMO FALDELLA Dip. Scienze Ginecologiche, Ostetriche e Pediatriche - Università di Bologna Nutrizione infantile 1 EFFETTI IMMEDIATI 2 EFFETTI A LUNGO

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO Cosa sono le paratiroidi? Le paratiroidi sono ghiandole situate nel collo, posteriormente alla tiroide. Generalmente in numero di

Dettagli

Dora Di Mauro. Clinica Pediatrica Università degli Studi di Parma

Dora Di Mauro. Clinica Pediatrica Università degli Studi di Parma Dora Di Mauro Clinica Pediatrica Università degli Studi di Parma Per tal motivo le forme carenziali erano molto diffuse E solo nel 1645 che Daniel Whistler, studente di medicina inglese, fa una prima

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Welcome. D: vitamina/ormone essenziale per la salute

Welcome. D: vitamina/ormone essenziale per la salute Welcome D: vitamina/ormone essenziale per la salute 1. Farmacologia della vitamina D 1. Produzione e metabolismo 1. Apporto dietetico 2. Produzione endogena 2. Meccanismi d azione 1. Recettori nucleari

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A. TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.A 2007/2008 LE TERAPIE BIOLOGICHE: possono avere una maggiore efficacia terapeutica;

Dettagli

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano LATTE E DERIVATI E TUMORE Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano MEDIE (g/die) DI CONSUMO DI LATTICINI IN ITALIA: INDAGINE INRAN-SCAI 2005

Dettagli

Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT

Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT I nuovi agenti biologici offrono un alternativa importante nel della psoriasi; spesso però, il profilo rischio-beneficio non è bene

Dettagli

NOVITA SULLA VITAMINA D DR. R. GIANNATTASIO D M I LIVELLO UOC MEDICINA NUCLEARE E CMM PSP ELENA D AOSTA ASL NA1 CENTRO

NOVITA SULLA VITAMINA D DR. R. GIANNATTASIO D M I LIVELLO UOC MEDICINA NUCLEARE E CMM PSP ELENA D AOSTA ASL NA1 CENTRO NOVITA SULLA VITAMINA D DR. R. GIANNATTASIO D M I LIVELLO UOC MEDICINA NUCLEARE E CMM PSP ELENA D AOSTA ASL NA1 CENTRO VITAMINA D3 E D2 Deriva dal colesterolo, sintetizzato dagli organismi animali Deriva

Dettagli

Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo

Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo La regolazione dei livelli plasmatici di calcio è un evento critico per una normale funzione cellulare, per la trasmissione nervosa,

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Riassunto delle caratteristiche del prodotto

Riassunto delle caratteristiche del prodotto Riassunto delle caratteristiche del prodotto 1 DENOMINAZIONE DELLA SPECIALITÀ MEDICINALE Calcio Carbonato + vitamina D3 ABC 1000 mg/880 U.I. granulato effervescente 2 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA

Dettagli

Il sole. Come ci si abbronza

Il sole. Come ci si abbronza IL SOLE TI FA BENE? Il sole I quattro elementi fondamentali per la nostra vita e il nostro benessere sono l aria, l acqua, la terra e il sole. Se uno di questi elementi venisse a mancare, allora molto

Dettagli

Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici. Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola

Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici. Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola Finalità dell alimentazione del neonato prematuro Crescita adeguata Soddisfacente

Dettagli

DA MADRE. Èla madre che -

DA MADRE. Èla madre che - DA MADRE a figlio 2 Èla madre che - durante la gravidanza e l allattamento - dona al figlio tutto il calcio necessario a formare lo scheletro. Durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, il

Dettagli

Dott.ssa Ilaria Barchetta

Dott.ssa Ilaria Barchetta Dott.ssa Ilaria Barchetta Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Sapienza Università di Roma Diverse evidenze sperimentali hanno dimostrato una influenza diretta della vitamina D non solo

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Esposizione ed effetto

Esposizione ed effetto Esposizione ed effetto In epidemiologia, si è spesso interessati a conoscere quale sia l effetto di una determinata esposizione. - Es. 1. qual è l effetto di una dieta vegetariana sulla salute? La dieta

Dettagli

Le terapie avanzate nella cura delle malattie rare

Le terapie avanzate nella cura delle malattie rare Le terapie avanzate nella cura delle malattie rare Alessandro Aiuti Dipartimento Pediatrico Universitario Ospedaliero,OPBG, Università di Roma Tor Vergata Istituto San Raffaele Telethon per la Terapia

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

Teofillina: meccanismo d azione 1

Teofillina: meccanismo d azione 1 Teofillinici Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze Bernard B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa Maria Del Zompo 1 Teofillina 3 HC N

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE)

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ORMONI FEMMINILI Altri effetti Gli estrogeni hanno inoltre importanti effetti metabolici: ad alte concentrazioni riducono

Dettagli

Consensus. Vitamina D in età pediatrica ORGANO UFFICIALE DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI PEDIATRIA PREVENTIVA E SOCIALE

Consensus. Vitamina D in età pediatrica ORGANO UFFICIALE DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI PEDIATRIA PREVENTIVA E SOCIALE Supplemento al numero 3 - ANNO X - 2015 - ISSN 1970-8165 ORGANO UFFICIALE DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI PEDIATRIA PREVENTIVA E SOCIALE Poste Italiane s.p.a.- Spedizione in Abbonamento Postale- 70% - LO/MI

Dettagli

28-07-2014 32 1. Quotidiano. Data Pagina Foglio. Codice abbonamento:

28-07-2014 32 1. Quotidiano. Data Pagina Foglio. Codice abbonamento: Quotidiano Data Pagina Foglio 28-07-2014 32 1 Codice abbonamento: 097156 Settimanale Data Pagina Foglio 28-07-2014 2 1 Codice abbonamento: 097156 Quotidiano Data Pagina Foglio 28-07-2014 9 1 Codice abbonamento:

Dettagli

L'allattamento in Italia

L'allattamento in Italia XXXIX congresso dell Associazione Italiana di Epidemiologia Alimentazione e salute nell era della globalizzazione SEMINARIO SATELLITE 27 ottobre 2015 Allattamento e alimentazione infantile come strategia

Dettagli

PARATORMONE, CALCITONINA, CALCITRIOLO, MELATONINA

PARATORMONE, CALCITONINA, CALCITRIOLO, MELATONINA PARATORMONE, CALCITONINA, CALCITRIOLO, MELATONINA OMEOSTASI DEL CALCIO E SUA REGOLAZIONE TRE ORMONI: PARATORMONE /PTH CALCITRIOLO CALCITONINA Klinke cap 11.7 Le paratiroidi L ormone paratiroideo o PTH

Dettagli

1,25VITD: PREVALENZA, FATTORI ASSOCIATI E POSSIBILI RISVOLTI CLINICI DELL IPERVITAMINOSI D

1,25VITD: PREVALENZA, FATTORI ASSOCIATI E POSSIBILI RISVOLTI CLINICI DELL IPERVITAMINOSI D 1,25VITD: PREVALENZA, FATTORI ASSOCIATI E POSSIBILI RISVOLTI CLINICI DELL IPERVITAMINOSI D dott.ssa Laura Carenzi prima divisione malattie infettive ospedale L. Sacco, Milano Introduzione Vescini F et

Dettagli

Shift work and chronic disease: the epidemiological evidence

Shift work and chronic disease: the epidemiological evidence Shift work and chronic disease: the epidemiological evidence X-S. Wang, M. E. G. Armstrong, B. J. Cairns, T. J. Key and R. C. Travis Cancer Epidemiology Unit, University of Oxford, Oxford, UK. Occupational

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO Versione: 001392_005259_RCP.doc Documento reso disponibile da AIFA il 10/06/2016 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Calcium Sandoz 1000 mg granulato effervescente

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

2. EFFETTI EXTRA-SCHELETRICI DELLA VITAMINA D: DIABETE MELLITO TIPO 1

2. EFFETTI EXTRA-SCHELETRICI DELLA VITAMINA D: DIABETE MELLITO TIPO 1 11 2. EFFETTI EXTRA-SCHELETRICI DELLA VITAMINA D: DIABETE MELLITO TIPO 1 Claudio Marcocci, Silvia Chiavistelli, Fabrizio Campi, Luisella Cianferotti Dipartimento di Endocrinologia e Metabolismo, Università

Dettagli

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie Nelle ultime decadi la prevalenza delle malattie allergiche dell apparato respiratorio (asma bronchiale e rinite allergica) è progressivamente aumentata.

Dettagli

VITAMINA D IN ETÀ PEDIATRICA

VITAMINA D IN ETÀ PEDIATRICA VITAMINA D IN ETÀ PEDIATRICA GRUPPO DI LAVORO Coordinatori Giuseppe di Mauro Presidente Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) Segretario Nazionale FIMP alle Attività Scientifiche ed

Dettagli

Sindrome metabolica e terapie antitumorali

Sindrome metabolica e terapie antitumorali Sindrome metabolica e terapie antitumorali SCDU Endocrinologia Oncologica AO Città della Salute e della Scienza di Torino Molinette - COES Sopravvivenza complessiva a 5 anni tutti i tumori, pazienti adulti:

Dettagli

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno A PESCARA NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno LILT La LILT è l unico ente pubblico su base associativa impegnato nella lotta contro i tumori dal 1922 e operante sul territorio

Dettagli

L approccio vaccinale al cancro*

L approccio vaccinale al cancro* L approccio vaccinale al cancro* La vaccinazione è una tecnica mirata a stimolare una reazione immunologica dell organismo verso l'antigene o gli antigeni contenuti nel vaccino somministrato. Oggi i vaccini

Dettagli

Università di Pisa. Dipartimento di Farmacia. Corso di Basi biochimiche dell azione dei farmaci

Università di Pisa. Dipartimento di Farmacia. Corso di Basi biochimiche dell azione dei farmaci Università di Pisa Dipartimento di Farmacia Corso di Basi biochimiche dell azione dei farmaci A.A. 2014/2015 Applicazioni terapeutiche delle cellule staminali mesenchimali alla SLA Borsò Marco Sclerosi

Dettagli

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Giuseppe Realdi, Sandro Giannini Prof. Giusppe Realdi Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Clinica medica

Dettagli

Fase efferente Meccanismi effettori Anticorpi

Fase efferente Meccanismi effettori Anticorpi Fase efferente Meccanismi effettori Anticorpi I termini gamma globuline o immunoglobuline e anticorpi NON sono sinonimi In questa frazione delle proteine del siero è contenuta la maggior parte degli anticorpi

Dettagli

La vaccinazione contro il papillomavirus

La vaccinazione contro il papillomavirus Conegliano, 9 maggio 2013 La vaccinazione contro il papillomavirus Dott.ssa Ester Chermaz Responsabile U.O. Profilassi delle Malattie Infettive Servizio Igiene e Sanità Pubblica ULSS 7 Pieve di Soligo

Dettagli

OSTEOPOROSI perdita di massa ossea microarchitettura tendenza alle fratture

OSTEOPOROSI perdita di massa ossea microarchitettura tendenza alle fratture OSTEOPOROSI DEFINIZIONE: Malattia scheletrica sistemica caratterizzata dalla perdita di massa ossea e dalla distruzione della microarchitettura del tessuto osseo con conseguente aumento della fragilità

Dettagli

La fototerapia. Giovanni Ghigliotti. Clinica Dermatologica Genova

La fototerapia. Giovanni Ghigliotti. Clinica Dermatologica Genova La fototerapia Giovanni Ghigliotti Clinica Dermatologica Genova Penetrazione dei raggi UV nella cute Varia in base alla lunghezza d onda UV 300 nm (UVB): 6 µm (assorbimento 95% epidermide) UV 350 nm (UVA):

Dettagli

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la Dott.ssa Ventriglia. Potrai ricevere una dieta personalizzata e bilanciata con i consigli per dimagrire

Dettagli

La sclerosi multipla in età pediatrica: una malattia prevenibile?

La sclerosi multipla in età pediatrica: una malattia prevenibile? La sclerosi multipla in età pediatrica: una malattia prevenibile? Roberto Bergamaschi Centro di Ricerca Interdipartimentale per la Sclerosi Multipla (CRISM) Istituto Neurologico Nazionale Casimiro Mondino

Dettagli

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA L 80% degli eventi cardiovascolari che insorgono prima dei 75 anni è prevenibile Nel 2011 diminuisce del -3,1% l aderenza alle terapie per l ipertensione: i liguri i meno assidui;

Dettagli

VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009

VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009 VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009 1. Quando sarà disponibile il vaccino pandemico per il nuovo virus A(H1N1)? Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL Meroni Unità di Allergologia, Immunologia Clinica & Reumatologia IRCCS Istituto Auxologico Italiano Dipartimento

Dettagli

TRATTAMENTO DELLO SHOCK SETTICO PER IL TRAMITE DI GLICEROFOSFOINOSITOLI. Mariangela Vessichelli, PhD CNR, Istituto di Biochimica delle Proteine

TRATTAMENTO DELLO SHOCK SETTICO PER IL TRAMITE DI GLICEROFOSFOINOSITOLI. Mariangela Vessichelli, PhD CNR, Istituto di Biochimica delle Proteine TRATTAMENTO DELLO SHOCK SETTICO PER IL TRAMITE DI GLICEROFOSFOINOSITOLI Mariangela Vessichelli, PhD CNR, Istituto di Biochimica delle Proteine Sepsi e shock settico Lo shock settico rappresenta lo stadio

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

L integrazione in gravidanza

L integrazione in gravidanza L integrazione in gravidanza Dr. Italo Guido Ricagni Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari in gravidanza

Dettagli

Tumori della tiroide. Eziopatogenesi, diagnosi e terapia

Tumori della tiroide. Eziopatogenesi, diagnosi e terapia Tumori della tiroide Eziopatogenesi, diagnosi e terapia - PRIMITIVI benigni maligni -SECONDARI Tumori primitivi maligni Origine dalla cellula follicolare Differenziati (papillifero( e follicolare) Indifferenziati

Dettagli

LO STUDIO DELLA CAUSALITÀ

LO STUDIO DELLA CAUSALITÀ LO STUDIO DELLA CAUSALITÀ Nesso di Causalità E ciò che mette in relazione le cause con gli effetti che esse producono La gran parte dell epidemiologia consiste nello studio dei nessi di causalità E importante

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Ornella Gottardi - U.O. Oncologia I.R.C.C.S. Multimedica Sesto S. Giovanni Epidemiologia dei tumori Disciplina

Dettagli

Caffè tumore del pancreas e altri tumori: dai risultati epidemiologici alla divulgazione. Alessandra Tavani

Caffè tumore del pancreas e altri tumori: dai risultati epidemiologici alla divulgazione. Alessandra Tavani Caffè tumore del pancreas e altri tumori: dai risultati epidemiologici alla divulgazione Alessandra Tavani Scopo della epidemiologia Principali tipi di studi per epidemiologia analitica Tipi di analisi

Dettagli

Question 1. 2) In una paziente in post menopausa, naive agli antiretrovirali con CD4= 250 mm3 e HIV RNA <100.000 cp/ml quale approccio seguiresti?

Question 1. 2) In una paziente in post menopausa, naive agli antiretrovirali con CD4= 250 mm3 e HIV RNA <100.000 cp/ml quale approccio seguiresti? Question 1 1) In un paziente HIV di 50 anni con osteoporosi e in terapia antiretrovirale con TDF/FTC/DRV/r con successo virologico quale intervento adotteresti? 2) In una paziente in post menopausa, naive

Dettagli

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza FARMACOVIGILANZA FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza Le modifiche agli stampati sono conseguenti alla Determinazione

Dettagli

Applied Nutritional Medicine

Applied Nutritional Medicine Glossario del corso di Medicina Nutrizionale Acidi Grassi: sono delle molecole a catena lunga che formano la quasi totalità dei lipidi complessi e dei grassi sia animali e vegetali. Se non attaccati ad

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore TerapiE PER L OSTEOPOROSI Reggio Emilia, MARZO 2015 L artrite reumatoide CALCIO E VITAMINA D Nessun dato

Dettagli

PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO

PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO DR.ANTONELLO ARRIGHI Specialista in Pediatria Professore a Contratto Università di Parma, Facoltà di Medicina Docente A.I.O.T. Associazione Medica

Dettagli

Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012

Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012 Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012 DIFESA DELL ORGANISMO IMMUNITA INNATA IMMUNITA ACQUISITA Immunità innata IMMUNITA ACQUISITA IMMUNITA CELLULO-MEDIATA IMMUNITA UMORALE

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Laurea Magistrale in Scienze Motorie - Programma di Endocrinologia -

Laurea Magistrale in Scienze Motorie - Programma di Endocrinologia - Laurea Magistrale in Scienze Motorie - Programma di Endocrinologia - Attività fisica nell anziano: benefici e problematiche Alterazioni nell adattamento ormonale all esercizio fisico nell anziano sano

Dettagli

CHECK UP TIROIDE (Valutazione dell'equilibrio ormonale) ORMONI E TIROIDE ORMONI TIROIDEI TSH FT3 FT4 GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST CONSIGLI UTILI

CHECK UP TIROIDE (Valutazione dell'equilibrio ormonale) ORMONI E TIROIDE ORMONI TIROIDEI TSH FT3 FT4 GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST CONSIGLI UTILI Paziente: Mario Rossi Cod. Prodotto: 00000 Codice Accettazione: 00000 CCV: 000 Data: 24/12/2015 CHECK UP TIROIDE (Valutazione dell'equilibrio ormonale) ORMONI E TIROIDE ORMONI TIROIDEI TSH FT3 FT4 GUIDA

Dettagli

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano Timing e outcome della gravidanza dopo carcinoma Inquadramento ed Entità

Dettagli

Sempre in salute in bici

Sempre in salute in bici Sempre in salute in bici Giorgio Pasetto Dottore in Scienze Motorie Consigliere Comunale del Comune di Verona La nostra società ha visto nell arco degli ultimi dieci/quindici anni una evoluzione continua

Dettagli

Raffaella Michieli Venezia

Raffaella Michieli Venezia Le malattie infettive in gravidanza: quando è indicato il Taglio Cesareo? Raffaella Michieli Venezia Trasmissione verticale delle infezioni in gravidanza Contagio intrauterino ( infezioni congenite) Contagio

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

ATTIVITA DI RICERCA 1

ATTIVITA DI RICERCA 1 ATTIVITA DI RICERCA 1 A) RELAZIONE TRA PROFILO PRESSORIO E NAFLD IN PAZIENTI IPERTESI Premesse. E noto come la mancata caduta notturna della pressione arteriosa sia un indice prognostico indipendente,

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Integratori e vitamine

Integratori e vitamine Integratori e vitamine Una cosa sono i cibi e un altra gli integratori. Non è per nulla detto che la carenza di un nutriente perchè non si consumano certi cibi, possa essere supplementata da un integratore

Dettagli

Nutrizione, una strategia di salute

Nutrizione, una strategia di salute Nutrizione, una strategia di salute Dr. M. Giannotti Lucca ottobre 2015 Il Centro Donna è una struttura dove si concentrano le attività sanitarie rivolte alle donne per la prevenzione, diagnosi e terapia

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia?

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia? Dott.ssa Paola Coco Struttura Semplice Trattamento Medico Sarcomi Adulto, Dott. Daniele Morelli, Responsabile Medicina di Laboratorio Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Sintesi della

Dettagli