Una Medaglia Dop per il Ficodindia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una Medaglia Dop per il Ficodindia"

Transcript

1 Il ficodindia ha recentemente ottenuto il marchio di Denominazione di Origine Protetta, un riconoscimento per la qualità ottenuta e l innovazione applicata in una delle tradizioni agricole siciliane Due marginalità si sono incontrate alla periferia ultima della Provincia di Catania: San Cono e il ficodindia. Assolutamente periferico il paese (incuneato com è tra le tre province di Enna, Caltanissetta e Catania e con un popolo migrante) e cultura secondaria il frutto del ficodindia (usato da sempre per delimitare i confini tra i terreni e pure per contenere le frane) ma insieme hanno stretto una robusta alleanza e hanno scalato i mercati e con essi la notorietà, non solo territoriale ma anche all estero dove ormai entrambi principeggiano fieri dei risultati ottenuti, in una sorta di indissolubile simbiosi. E così da qualche decennio San Cono è comunemente chiamato La Capitale della ficodindicoltura italiana grazie alla lungimiranza dei suoi contadini e alla loro caparbia volontà di non lasciare le terre incolte, di sfidare la sirena dell emigrazione, sfruttando la vocazione dei loro appezzamenti per la cactacea, la famosa opuntia ficus indica Miller, cosicché oggi questo solo straordinario paese coltiva oltre la metà dell intera produzione ficodindicola italiana, superando perfino il Messico da dove navigò verso l Europa subito dopo la scoperta delle Americhe. Un risultato ambizioso e forse unico nel panorama agricolo siciliano perché i sanconesi hanno Una Medaglia Dop per il Ficodindia saputo utilizzare e valorizzare economicamente un frutto che, se per un verso ha rappresentato il colore e il simbolo della Sicilia, per l altro non ha attirato interessi commerciali in grado di produrre ricchezza da parte di altre zone magari altrettanto vocate. Da solo qualche mese tuttavia, grazie al lavoro instancabile dell agronomo sanconese, Cataldo Firrarello, il ficodindia ha pure ottenuto il marchio DOP, denominazione di origine protetta, con cui si intende proprio premiare e, soprattutto, proteggere la specifica produzione di San Cono, non solo da facili mistificazioni ma anche da frutti non corrispondenti alla effettiva rispondenza organolettica del fiorone sanconese. Come infatti è noto il fiorone (un tempo comunemente chiamato bastandone ) si ottiene dalla scozzolatura del primo fiore che appare sui cladodi in primavera ma che se vi è lasciato produce il classico agostano di più scarsa consistenza, molliccio e di non ottimo sapore. L antica sapienza contadina col ficodindia agostano usava fare la mostarda che in ogni caso ancora oggi raccoglie l interesse di molti estimatori mentre in alcune zone della Sicilia di questo particolare dolce si è creata una sorta di industria in ambiziosa espansione. Se fra l altro la scozzolatura viene fatta con scadenze temporali precise e dilazionate nel tempo secondo un calendario preciso, si potranno avere seconde fioriture distanziate a cominciare da fine settembre cosicché fino a dicembre si potranno raccogliere fioroni da immettere sui mercati e soprattutto senza eccedenze produttive che rappresentano uno degli assilli più pesanti per i contadini. Ma il fiorone può essere pure di tre qualità oltre che di diversa grandezza. In ordine alla qualità si hanno ficodindia: bianche, gialle e sanguigne; alla grandezza si può arrivare anche all extra e a San Cono si sono raccolti singoli frutti anche di 450 grammi. E stata proprio questa consapevolezza produttiva, la concorrenza spesso 12

2 ingloriosa di altre zone che arbitrariamente hanno sfruttato il nome del paese del Calatino ai propri fini commerciali e di immagine, la commistione di prodotti non del tutto adeguati alla richiesta e al prezzo comprese le facili speculazioni a indurre il dott. Firarello, che è stato anche uno dei primi a studiare la possibilità di colture intensive simili per sesti, irrigazione e concimazioni agli agrumeti, a fare in modo di rendere identificabile il frutto sanconese col marchio di origine protetta. Dice infatti il nostro agronomo che avendo constato che negli ultimi decenni i consumatori tendono a privilegiare la qualità anziché la quantità si è cercato di rispondere a questa domanda con prodotti agricoli aventi un origine geografica ben determinata. Da qui la necessità da parte dell Unione Europea di disciplinare, con propri provvedimenti legislativi, la tutela dei prodotti tipici di determinate aree geografiche in modo che questi prodotti abbiano un riconoscimento europeo di tipicità e specificità e siano allo stesso tempo tutelati da imitazioni e contraffazioni. Per poter accedere al DOP, continua ancora Firrarello, bisogna rispettare un disciplinare di produzione redatto secondo le normative comunitarie in materia di ambiente, di trattamenti antiparassitari, di concimazioni e di tecniche colturali appropriate in modo che il consumatore sappia esattamente con quali modalità di coltivazione sia stato prodotto l alimento. Attraverso il rispetto del disciplinare si ha l esatta configurazione della genuinità del prodotto, del suo grado di salubrità e delle caratteristiche organolettiche. In questo modo si ottengono due gradi di tutela: il primo è quello del prodotto stesso e delle specificità in essa contenute; il secondo è quello nei confronti del consumatore che così riesce ad avere il quadro completo delle caratteristiche del prodotto e un alto grado di sicurezza alimentare. Un riconoscimento DOP è quindi un riconoscimento prestigioso ed ambito nei confronti di un frutto, come il fiorone, dotato di ottime caratteristiche organolettiche e capace di tutelare l immagine e la specificità non solo del prodotto stesso ma dell intera area geografica che diventa così sinonimo di garanzia, di serietà e di pieno rispetto dei metodi di produzione. Un utilizzo appropriato del DOP può avere dunque una ricaduta enorme sul territorio di appartenenza, sia di immagine, per il valore che assume nel settore sociale, economico e commerciale, sia di mercato, in quanto sfrutta l influsso positivo del riconoscimento internazionale, e sia occupazionale perché non si può selezionare e confezionare il prodotto DOP. in altre località al di fuori del comprensorio delimitato dal disciplinare di produzione. Ma c è pure una ricaduta sulle aziende perché un comprensorio che si fregia del marchio DOP subisce una rivalutazione fondiaria positiva sul valore delle aziende stesse. Rispettare il disciplinare significa garantire la produzione perché viene selezionata, confezionata e commercializzata solo quella con il marchio DOP. Il consumatore, quindi, ha una percezione istantanea della provenienza, della bontà e della genuinità del prodotto senza timori e senza dubbi sulle modalità di produzione con cui è stato realizzato e con quali tecniche e sia stato coltivato, selezionato e confezionato. Pasquale Almirante Per il ficodindia si aprono nuove prospettive di mercato, non solo in Europa Agrumi da Rilanciare La politica regionale deve dare tutto il proprio sostegno agli agricoltori siciliani, per evitare che l applicazione della riforma dell Ocm (Organizzazione comune di mercato) ortofrutta in Italia crei situazioni di evidenti svantaggi per le nostre produzioni. Lo sostiene Salvo Torrisi, assessore provinciale all Agricol- tura, che ritiene sia necessario rivedere il decreto di attuazione con particolare riferimento alle modalità di individuazione dell aiuto al reddito. Vogliamo che la Sicilia, principale produttrice di agrumi in Italia -sottolinea Torrisi- riceva la sua giusta valorizzazione e possa trarre vantaggio dalla riforma. 13

3 Sole dell Etna Qualità al 100 L eccellenza agroalimentare della provincia etnea sulle nostre tavole Il meglio della produzione agroalimentare della provincia di Catania, questo è Qualità di Sicilia al 100%, il nuovo brand di mercato lanciato dall agenzia Sole dell Etna, la società per azioni di cui la Provincia Regionale di Catania, possiede il 70% del capitale. La società mista pubblico-privato, sorta con l obiettivo di promuovere le eccellenze alimentari del distretto etneo e di commercializzarle attraverso le catene distributive medio-grandi, fornisce inoltre ai produttori e agli operatori della filiera, strategie di marketing mirato perché incentrato sullo studio attento del binomio prodotto-mercato. In particolare il marchio Qualità di Sicilia 100% che campeggia all interno di un bollino rosso, sarà al centro alcune sessioni di degustazione e promozione tematica, che proporrà ai consumatori siciliani di volta in volta, le decine di prodotti agroalimentari ed enogastronomici autoctoni, favorendone anche l inserimento all interno della catena distributiva attraverso accordi già sottoscritti con cinque trai maggiori distributori alimentari che operano in Sicilia. In particolare gli appuntamenti contrassegnati dal bollino Qualità di Sicilia al 100% saranno legati dalla condotta catanese Slow Food, garanzia di qualità e simbolo di un modo nuovo di mangiare strettamente connesso al benessere e alla genuinità. Occorre intervenire per imprimere un inversione di tendenza all andamento negativo del comparto agroalimentare siciliano, - commenta così Raffaele Lombardo, Presidente della Provincia di Catania, il lancio dell iniziativa, proseguendo la strategia del Fermers market s place, cioè la vendita diretta da parte del produttore, è solo un primo passo, occorre creare una rete di diffusione capillare del prodotto nell intera isola. Sole dell Etna, nasce con questo obiettivo, attraverso la filiera compartecipata, permette da una parte ai produttori di collocare sul mercato i loro prodotti ad un prezzo più vantaggioso, e dall altra, mettendoli al riparo da speculazioni commerciali, consente ai consumatori siciliani, in un momento di congiuntura dell economia, l acquisto di prodotti di qualità e più convenienti nei supermercati delle grandi catene di distribuzione. Attraverso Sole dell Etna, finalmente i prodotti siciliani potranno essere acquistati prima di tutto dai siciliani, raggiungendo attraverso il circuito distributivo le tavole oltre di consumatori. 14

4 I Sapori del Vulcano Sicilia terra di sole, mare, colori e luce. È la Sicilia dei luoghi comuni? Quella delle cartoline da mandare agli amici che abitano latitudini normalmente immerse nelle nebbie? Non sempre. Quella raccontata in queste righe è la Sicilia dei luoghi sempre più reali e sempre meno comuni. È la Sicilia della positività che, al di fuori dei suoi confini, oltre ad esportare immagini, vuole fare conoscere i propri sapori, i propri odori, la sua essenza. È la terra del patrimonio enogastronomico dell Etna. Luoghi di produzioni tipiche, per lungo tempo sottovalutate, che vogliono e trovano spazi nei mercati nazionali ed internazionali. I vini prodotti attorno al vulcano più alto d Europa, i liquori dalle essenze uniche, la frutta secca, gli agrumi e le tradizioni popolari fanno di questo territorio, incastonato tra Europa ed Africa, un luogo unico. Non un luogo comune. Etna in Vetrina 2007 è il nome della manifestazione itinerante, organizzata dall assessorato provinciale alle Politiche di valorizzazione dell Etna e Comunità montana, retto da Orazio Pellegrino, che ha avuto luogo nei comuni di Randazzo e Castiglione di Sicilia. Obiettivo: promuovere il prodotto Etna. Un prodotto fatto da vini doc, dal patrimonio artistico e culturale unico al mondo, dalle peculiarità degli antichi borghi di Randazzo e Castiglione e dalle risorse ambientali che solo il cuore del Mediterraneo può offrire. Un attento e ricco programma di degustazioni, spettacoli, visite guidate nei centri storici, corsi di enologia e tante altre iniziative a tema ha reso possibile, specialmente ai tanti turisti che hanno avuto modo di partecipare alle varie iniziative, la promozione dell Etna e delle sue tipicità, a trecentosessanta gradi. Una vetrina, dunque, rivolta a quel crescente segmento turistico che privilegia l arte, la natura e l enogastronomia. Appuntamento tra i più attesi della manifestazione è stato il convegno Sviluppo del turismo etneo: investimenti mirati e incoming di qualità tenutosi nelle Cantine Patria di Passopisciaro, frazione di Castiglione di Sicilia. Due le tematiche affrontate durante il convegno: la prima dedicata a Le politiche degli investimenti: il rapporto fra pubblico e privato ; la seconda incentrata su Le scelte per un incoming di qualità: dove insistere e dove rinunziare. I lavori, coordinati dall assessore Orazio Pellegrino e moderati dal giornalista RAI Carlo Ravanello, hanno visto gli interventi del presidente della Provincia regionale di Catania, On. Raffaele Lombardo, dell assessore provinciale alle Politiche agricole, Salvo Torrisi, di quello all Ambiente, Angelo Sicali, e dei sindaci di Randazzo e Castiglione di Sicilia, Salvatore Agati e Claudio Scavera. Tra i relatori anche l Assessore regionale ai Beni Culturali, On. Lino Leanza, il presidente di Confindustria Catania, Fabio Scaccia, e l imprenditore del settore enologico Franco Di Miceli. Questa è una delle tante iniziative sottolinea l assessore Orazio Pellegrino che la Provincia regionale di Catania attua per la promozione del proprio territorio. È necessario favorire la collaborazione tra pubblico e privato affinchè possa esserci davvero sviluppo per questo settore e crescita per il territorio. Un settore verso cui la provincia etnea è naturalmente vocata e sul quale un sempre maggior numero di imprenditori sta decidendo di scommettersi. Michele Massimiliano Patanè Vini, frutta secca, agrumi: un patrimonio del gusto da esportare in tutto il mondo e un territorio da valorizzare L assessore Orazio Pellegrino, durante il suo intervento. Accanto a lui il vicepresidente della Regione Siciliana, Lino Leanza 15

5 Etna Rosso Tu vuò fà l Americano Grande apprezzamento per i nostri Vini esportati negli Stati Uniti Due momenti della degustazione dei rossi di Sicilia a Los Angeles e Phoenix Tra Los Angeles e Phoenix una linea rosso Etna si prepara a colorare i bicchieri dei più rinomati ristoranti ed enoteche. L Etna Rosso è pronto a sbarcare nella terra di Cristoforo Colombo con tutti gli onori riservati ad un ospite di riguardo. Dalla sua, il nettare del Vulcano ha una sorta di inconfondibile unicità: eleganza nel gusto e bevibilità che pochi altri vini di qualità hanno. L Etna Rosso, in pratica, vuol fare l americano ed è per questo che la Camera di Commercio di Catania ha organizzato, nelle settimane scorse, una missione a stelle e strisce per promuovere il vino e il territorio dell Etna. Un binomio inimitabile grazie al quale la trasferta si è rivelata più che fruttuosa visti i risultati ottenuti. Alla scoperta dell America, grazie all iniziativa della Camera di Commercio di Catania, sono andate ben 80 etichette di aziende catanesi: Antichi Vinai, Capirossa, Coop. Patria, (tutte e tre di Castiglione di Sicilia), Tenuta Chiuse del Signore (Linguaglossa), Barone di Villagrande (Milo), Rocca d Api (Zafferana Etnea), Russo Vincenzo (Giarre), Gruppo Nicosia (Trecastagni) e Dimore di Giurfo (Licodia Eubea, area Cerasuolo). Della delegazione catanese, oltre ai rappresentanti delle 9 aziende vinicole, facevano parte il vice presidente della Camera di Commercio di Catania, Francesco Costanzo, il segretario generale, Alfio Pagliaro, il funzionario del Centro pro mozione e sviluppo, Orazio Sciacca, l enologa e assaggiatrice dell Onav Isabella La Rosa, e il dirigente dell Azienda provinciale al turismo di Catania Daniela Lo Cascio. Quest ultima si è occupata della promozione del territorio con i tour operator americani. A Phoenix (Arizona) e Los Angeles (California) i produttori dell Etna Rosso hanno avuto modo di incontrare oltre 50 buyer professionali: importatori, distributori (negli Stati Uniti, per la normativa anti-trust, le due figure devono essere distinte) e i titolari dei ristoranti ed enoteche più famosi delle due città. L accoglienza è stata a dir poco calorosa: per personalità, struttura e prezzo competitivo, l Etna Rosso si è rivelato un vino ideale per i gusti dei più esigenti consumatori americani. Nelle città americane dove il vino rosso dell Etna è stato presentato spiega il presidente della camera di Commercio di Catania, Piero Agen è stata attivata una serie di contatti che, c è da sperare, prelude ad un prossimo rapporto commerciale di lunga durata. Una bella esperienza -osserva Salvo Castorina, titolare dell azienda Etna Rocca d Api- è stato significativo parlare di Etna e specificità del nostro territorio a persone nuove e competenti: in questo senso tutti noi produttori abbiamo colto l interesse degli importatori. Siamo agli inizi e siamo sulla buona strada. Al ritorno in Italia -commenta Carmelo Marletta, direttore commerciale del Gruppo Nicosia- abbiamo già ricevuto richieste via mail di acquisto di vino rosso dell Etna da parte di alcuni importatori americani da noi incontrati. E la conferma della bontà della missione americana. Ad attirare l interesse degli esperti è stata la diversità del nostro vino. E proprio su questa specificità che dobbiamo lavorare per entrare nel mercato statunitense in maniera autorevole. Nicola Savoca 16

6 L asino, il Miglior Amico dell Uomo Mens sana in corpore sano. Effettivamente mai come oggi questo detto risulta attuale. Una verità calata in una realtà ben delineata dove, a volte, è necessario fare i conti con situazioni gravi di alimentazione. E in modo particolare mi riferisco ai tantissimi casi di lattanti che soffrono di allergia alle proteine del latte vaccino e di intolleranze alimentari. Ed ecco che, tra mille difficoltà, in contrada Miscarello Aranci (Giarre), ha sede una singolare azienda agricola, l Asilat, la cui vocazione è per l appunto quella di allevare asini per la produzione del latte. L Asilat,come ci illustra una delle fautrici di questo importante centro, Daniela Franchina, è un Azienda agricola nata circa 7 anni fa. Siamo quattro professionisti che hanno unito le loro competenze per creare e recuperare un attività da tanto tempo abbandonata. L idea, nata per risolvere un problema personale di Ketty Torrisi, veterinaria, è stata successivamente realizzata con la mia collaborazione in quanto farmacista e specializzata in scienza dell alimentazione, con Saro Torrisi, dottore in economia e commercio, e Ivan Stefio, chimico. Oggi l Asilat possiede circa 80/90 asine, per il 90% di razza ragusana, nostra razza autoctona, e per il restante 10% indigene siciliane: le cosiddette Ferrantine. - Perché un allevamento di asine? Per la produzione del latte che è il più simile a quello materno. Questo pur senza studi scientifici, era noto fin dai tempi dei nostri bisnonni, che spesso usavano il latte di asina quando la mamma non poteva allattare. Inoltre era molto utile nei casi di pertosse, tanto che allora questa patologia veniva chiamata tosse asinina. Oggi alla luce di tanta esperienza, e supportati da diversi studi sia universitari sulla qualità chimico qualitativa del latte, sia da studi ed esperienze dirette in campo pediatrico, con tabelle esplicative possiamo affermare che è veramente molto simile al latte materno, con il quale differisce per il contenuto in grassi, minore nel latte di asina e per la maggiore quantità di eisotema in esso contenuto. Finalmente anche le Istituzioni cominciano a rivolgere attenzione questo nostro antico prodotto naturale, così utile, ed in al- cuni casi indispensabile alimento che quasi sempre risolve allergie e intolleranze alle proteine del latte vaccino. Nel contempo abbiamo creato un associazione Asilandia che si propone di promuovere e divulgare la conoscenza verso questo animale, così bistrattato, abbandonato, soprattutto, nell ultimo trent ennio, con la meccanizzazione avvenuta in agricoltura. Asilandia ha creato per le scuole (Fattoria didattica) un percorso dall asina alla bottiglia. Programma corsi, seminari e visite guidate per famiglie, facendo loro riscoprire antiche nostre tradizioni, e recuperando insieme un nostro patrimonio zootecnico che altrimenti rischiava l estinzione. Abbiamo attivato con l aiuto del presidente della Kinesiologia italiana, dottor Roi, corsi di brain gym sull asinello. Il brain gym, tradotto letteralmente ginnastica della mente, venne riconosciuto ufficialmente nel 1991 (Paul Dennison), è una particolare tecnica che attraverso una serie di movimenti attiva le connessioni cerebrali, migliorandone funzioni e capacità. Noi con l aiuto dell asino come coterapeuta, rendiamo piacevole, divertente come un gioco quello che altrimenti sarebbe vissuto dai bambini, che già hanno problemi, come un obbligo, una medicina. In effetti il contatto e il gioco con gli animali, permette di sviluppare l autocontrollo di movimenti ed emozioni, la capacità di stare in gruppo, l autostima. Gianvito De Salvo Riscoperte le qualità nutrizionali del latte d asina, grazie all intraprendenza di un coraggioso gruppo di imprenditori etnei 17

DIARIODELWEB.it Pubblicata il 26/09/2011 Camere di Commercio lombarde, Regione Lombardia e Consorzio di Tutela Grana Padano Progetto Gusta la qualità 2011 Promuove verso il consumatore finale i prodotti

Dettagli

Provincia di Pordenone

Provincia di Pordenone Provincia di Pordenone Iniziativa di promozione turistica del territorio provinciale SERVIZIO TURISMO E POLITICHE EUROPEE 11/06/2013 Il progetto Pordenone Wine & Food Love nasce nel 2011 con l intento

Dettagli

INFORMATIVA PROGETTO

INFORMATIVA PROGETTO INFORMATIVA PROGETTO WWW.UNMONDOBIOLOGICO.COM PRESENTAZIONE PROGETTO UN MONDO BIOLOGICO AGRICOLTURA E NATURA SI INCONTRANO, PER CREARE SINERGIA! Buongiorno a tutti, chi vi scrive queste righe di presentazione

Dettagli

Con il patrocinio delle

Con il patrocinio delle Con il patrocinio delle MassiMe istituzioni Le Virtù d abruzzo La promozione delle eccellenze enogastronomiche abruzzesi in Italia e all estero. Nuovi sbocchi commerciali per le produzioni d alta qualità

Dettagli

Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA

Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA 21, 22, 23 Giugno 2013 FIERA DEL LIBRO E DEL TURISMO ENOGASTRONOMICO L editoria enogastronomica da alcuni anni registra una crescita notevole. I media hanno dato e continuano

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO ENOTECA LOCALE DELLA STRADA DEL VINO DELL ETNA

REGOLAMENTO ENOTECA LOCALE DELLA STRADA DEL VINO DELL ETNA REGOLAMENTO ENOTECA LOCALE DELLA STRADA DEL VINO DELL ETNA Comune di Ragalna Approvato con deliberazione consiliare n. 13 del 28.03.2012. Pagina 1 Art. 1 1. È istituita l Enoteca locale della Strada del

Dettagli

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI ***

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** 1. Soggetti Promotori Dipartimento di Scienze Ambientali e Facoltà di Scienze e Tecnologie dell Università di Camerino (UNICAM-DSA e UNICAM-FST)

Dettagli

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra Progetto rivolto alle classi della scuola primaria dell Emilia Romagna per l anno scolastico 2010-2011 COLDIRETTI Coldiretti, con un milione

Dettagli

FOCUS GROUP: LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ATTRAVERSO LE FILIERE CORTE E MODALITA DI COMMERCIALIZZAZIONE

FOCUS GROUP: LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ATTRAVERSO LE FILIERE CORTE E MODALITA DI COMMERCIALIZZAZIONE FOCUS GROUP: LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ATTRAVERSO LE FILIERE CORTE E MODALITA DI COMMERCIALIZZAZIONE Progettiamo insieme il piano di azione locale leader verso il 2020: partecipa anche tu!

Dettagli

SCUOLA DI COMUNICAZIONE. Proposta di MASTER di Primo livello in. MANAGEMENT e COMUNICAZIONE DEL MADE IN ITALY:

SCUOLA DI COMUNICAZIONE. Proposta di MASTER di Primo livello in. MANAGEMENT e COMUNICAZIONE DEL MADE IN ITALY: SCUOLA DI COMUNICAZIONE Proposta di MASTER di Primo livello in MANAGEMENT e COMUNICAZIONE DEL MADE IN ITALY: Promozione enogastronomica e valorizzazione delle eccellenze del territorio A.A.2014-15 Premessa

Dettagli

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani DIPARTIMENTO POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Viale Vincenzo Verrastro, 10-85100 Potenza ass_agricoltura@regione.basilicata.it tel. 0971668710 fax 0971668731 L ASSESSORE Potenza lì 05/05/2014 MATERA 2019

Dettagli

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO CORERAS IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO La Sicilia sulle tavole italiane Legge Regionale N 25 del 2011, Art. 10 VETRINE PROMOZIONALI E PUNTI MERCATALI Allarghiamo gli orizzonti, accorciamo

Dettagli

Dai cereali alla birra agricola, come trasformare un azienda

Dai cereali alla birra agricola, come trasformare un azienda Dai cereali alla birra agricola, come trasformare un azienda Due giovani imprenditori agricoli puntano sull innovazione per rendere la loro azienda più competitiva La Masseria è nata nel 1940 quando i

Dettagli

PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA

PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA LEADER + SICILIA 2000-2006 PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA 1 1. Dati di base del GAL Terre dell Etna e dell Alcantara TERRITORIO Il territorio in cui ricade

Dettagli

Napoli, LHC, 1L. Prot.n.29975/A Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via S. Lucia, n. 81 NAPOLI

Napoli, LHC, 1L. Prot.n.29975/A Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via S. Lucia, n. 81 NAPOLI Consiglio Regionale (Iella Cani pan io Prot.n.29975/A Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via S. Lucia, n. 81 NAPOLI Al Presidente della VIII e li Commissione Consiliare Permanente

Dettagli

CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07

CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07 CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07 IL PROGETTO Il progetto SiciliaDOC continente del vino nasce da un idea della Cooperativa Agricola Valdibella. Lo scopo è quello di promuovere

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE MADEEXPO - MILANO 5-8 OTTOBRE 2011 PRESENTAZIONE EVENTO BORGHI&CENTRISTORICI OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DEI BORGHI E CENTRI STORICI ITALIANI Intervento dell Ing. Francesco

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

Prot.n. AI Presidente del Consiglio regionale della Campania. Dott. Paolo Romano SEDE. Oggetto: Trasmissione proposta di legge.

Prot.n. AI Presidente del Consiglio regionale della Campania. Dott. Paolo Romano SEDE. Oggetto: Trasmissione proposta di legge. / Prot.n. AI Presidente del Consiglio regionale della Campania Dott. Paolo Romano SEDE Oggetto: Trasmissione proposta di legge. Si trasmette, in allegato, Campana ad iniziativa Caldoro Presidente. la proposta

Dettagli

CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA

CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA SEPTEMBRE 2005 CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA Troverete delle risposte alle seguenti domande : Perché una Carta europea sui prodotti

Dettagli

1 APRILE 2014 FEED THE FOOD

1 APRILE 2014 FEED THE FOOD Qualche breve informazione sull Università che ospiterà l evento... L'Università IULM è il polo di eccellenza per la formazione nei settori di lingue, comunicazione, turismo e valorizzazione dei beni culturali.

Dettagli

Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis.

Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis. ALLEGATO 1 Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis Relazione 1 PREMESSA Il settore turistico rappresenta per il

Dettagli

Turismolio: dall Olivo all Olio. L Olio Extravergine di Oliva dalla A alla Z

Turismolio: dall Olivo all Olio. L Olio Extravergine di Oliva dalla A alla Z REGIONE PUGLIA Assessorato alle Risorse Agroalimentari COMUNE DI OSTUNI Assessorato alle Attività Produttive Turismolio: dall Olivo all Olio L Olio Extravergine di Oliva dalla A alla Z L Oleificio Cooperativo

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE www.istvap.it 1 ISTVAP ha quattro anni di vita ISTVAP sta per compiere quattro anni di vita. Anni di attività che hanno portato alla scoperta dell importanza del concetto di

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI

LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI Premessa La Regione Piemonte considera la qualità delle produzioni uno degli strumenti fondamentali per favorire il consolidamento

Dettagli

Inaugurazione della manifestazione ed apertura degli spazi: Salotto enogastronomico e dei prodotti tipici a cura del Club di Papillon

Inaugurazione della manifestazione ed apertura degli spazi: Salotto enogastronomico e dei prodotti tipici a cura del Club di Papillon PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA UFFICIO STAMPA Via Nuovaluce Tel. 095 4011643-4-6 Fax 095 4011754 http//www.provincia.ct.it E-mail: ufficio.stampa@provincia.ct.it Programma della manifestazione: SABATO

Dettagli

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni culturali e delle attività culturali. Noi Dottori Commercialisti

Dettagli

- POP 94/ 99- REGIONE SICILIA Questionari

- POP 94/ 99- REGIONE SICILIA Questionari - POP 94/ 99- REGIONE SICILIA Questionari INDICE QUESTIONARIO PER I CITTADINI... pag. 2 QUESTIONARIO PER GLI IMPRENDITORI... pag. 3 QUESTIONARIO PER GLI OPINION LEADER... pag. 4 QUESTIONARIO PER I PUBBLICI

Dettagli

IMPRENDITORIALITÀ & INNOVAZIONE DI MARKETING: IL CASO D ARAPRÌ

IMPRENDITORIALITÀ & INNOVAZIONE DI MARKETING: IL CASO D ARAPRÌ IMPRENDITORIALITÀ & INNOVAZIONE DI MARKETING: IL CASO D ARAPRÌ San Severo, 30 Settembre 2006 Convegno Vino & Marketing: proposte per un distretto spumantistico della Capitanata D Araprì case history 1

Dettagli

PROGETTO. Festival del Giornalismo Alimentare International Food Journalism Festival. Torino 25-26-27 febbraio 2016

PROGETTO. Festival del Giornalismo Alimentare International Food Journalism Festival. Torino 25-26-27 febbraio 2016 PROGETTO Festival del Giornalismo Alimentare International Food Journalism Festival Torino 25-26-27 febbraio 2016 Aggiornamento 28 settembre 2015 SCENARIO In Italia, manca una manifestazione di respiro

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria

Provincia di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria Sett.1 Segreteria /Direzione Generale Giunta Contratti- Assistenza Giuridica/Amministrativa ai Comuni MAR.TE. PIANO DI MARKETING TERRITORIALE ANNO 2013 Reggio Calabria, MAGGIO

Dettagli

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Newsletter n.2 La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Presentazione In questa seconda newsletter che accompagna il percorso formativo della nostra Comunità montana sulle opportunità offerte

Dettagli

Trasporto di Qualità per Alimenti Sicuri

Trasporto di Qualità per Alimenti Sicuri 25/26/27 Settembre 2015 Con il Patrocinio di Food n Motion è il primo evento nel panorama nazionale delle manifestazioni legate al food&beverage che parla di cibo trattando uno degli anelli vitali della

Dettagli

Il mondo del vino ha un nuovo standard di qualità

Il mondo del vino ha un nuovo standard di qualità Il mondo del vino ha un nuovo standard di qualità CanalI alternativi di CommerCIalIZZaZIone Privilege Wine è un innovativo ed esclusivo progetto di shop online creato da Euroteam, con la collaborazione

Dettagli

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM INTERVENTO DELL'ASSESSORE REGIONALE ALLE POLITICHE DEL TURISMO E DELLA MONTAGNA DELLA REGIONE

Dettagli

Tipologia X Impresa. Cantina di Calasetta Via Roma, 134 09011 Calasetta. Tel. 0781 88413 Fax 0781 88876- e-mail info@cantinacalasetta.

Tipologia X Impresa. Cantina di Calasetta Via Roma, 134 09011 Calasetta. Tel. 0781 88413 Fax 0781 88876- e-mail info@cantinacalasetta. Soggetto Proponente Ragione Sociale: Società Cooperativa Agricola Cantina Sociale di Calasetta Indirizzo: Via Roma, 134 09011 Calasetta Telefono 0781/88413 Fax 0781/88871 E-mail info@cantinacalasetta.com

Dettagli

ESPERIENZE DELLE IMPRESE NEI PROCESSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

ESPERIENZE DELLE IMPRESE NEI PROCESSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE ESPERIENZE DELLE IMPRESE NEI PROCESSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Il Gal Città di Castel del Monte ha avuto l incarico di individuare dei casi studio per imprese del settore agroalimentare in relazione ai

Dettagli

VISO Viticoltura sostenibile e valorizzazione delle risorse territoriali nella filiera vitivinicola tra l Italia e la Slovenia

VISO Viticoltura sostenibile e valorizzazione delle risorse territoriali nella filiera vitivinicola tra l Italia e la Slovenia VISO Viticoltura sostenibile e valorizzazione delle risorse territoriali nella filiera vitivinicola tra l Italia e la Slovenia Il comparto viticolo è una componente dinamica e remunerativa del settore

Dettagli

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Per dare evidenza dell'efficace gestione organizzativa dell'azienda. Sistema di gestione ambientale - ISO 14001:2004 Per

Dettagli

LE FATTORIE DIDATTICHE

LE FATTORIE DIDATTICHE LE FATTORIE DIDATTICHE La Comunità europea ha incoraggiato lo sviluppo di attività di servizio e didattiche all interno delle aziende agricole attraverso l applicazione dell articolo 33 del regolamento

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2448. Disposizione per la tutela della qualità della ristorazione italiana nel mondo

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2448. Disposizione per la tutela della qualità della ristorazione italiana nel mondo Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2448 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore PICHETTO FRATIN COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 11 NOVEMBRE 2010 Disposizione per la tutela della qualità della ristorazione

Dettagli

COOKING MANIA. PROGRAMMA CORSI DI CUCINA Anno 2015/2016

COOKING MANIA. PROGRAMMA CORSI DI CUCINA Anno 2015/2016 COOKING MANIA PROGRAMMA CORSI DI CUCINA Anno 2015/2016 La Sicilia ha un patrimonio gastronomico unico al mondo e la nostra Accademia ha come obiettivo principale quello di valorizzare tutti i prodotti

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. Vanta, inoltre, una varietà e una ricchezza di produzioni e tipicità enogastronomiche difficilmente riscontrabile

Dettagli

DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità

DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità L importanza della certificazione del vino biologico la garanzia di qualità, sicurezza e autenticità () Alessandro Barbieri - Antonio

Dettagli

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana)

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) FICTION DI PROTOTIPI Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) Le location ed i poli produttivi della serialità televisiva in Italia: un sistema romanocentrico

Dettagli

PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT

PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT 1. QUADRO CONOSCITIVO 1.1 Soggetto attuatore dell intervento: Novamont S.p.A.

Dettagli

L EDUCAZIONE AGROALIMENTARE

L EDUCAZIONE AGROALIMENTARE VENETO AGRICOLTURA E L EDUCAZIONE AGROALIMENTARE Attraverso l attività dei propri Centri Sperimentali ed Aziende Pilota, promuove la ricerca applicata alle produzioni agro-alimentari studiando sistemi

Dettagli

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico.

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Nocera Torinese ( Cz ) Intervento di Luigi Sbarra Segretario Generale Cisl Calabria. Quando si osservano i dati statistici riguardanti la

Dettagli

promozione ospitalità formazione sviluppo + 120 + 2000 + 4000 comuni realtà ristorative imprese posti letto ENTI & MUNICIPALITÀ

promozione ospitalità formazione sviluppo + 120 + 2000 + 4000 comuni realtà ristorative imprese posti letto ENTI & MUNICIPALITÀ V E R S O BENVENUTI DA NOI - RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO - 16 comuni + 120 realtà ristorative + 2000 imprese + 4000 posti letto ENTI & MUNICIPALITÀ RISTORANTI E AGRITURISMI AZIENDE & ARTIGIANI

Dettagli

Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO

Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO ELENCO CANDIDATI Candidato alla carica di Presidente Fabio Colaiacomo nato a Roma il 14 marzo 1969 residente a Campagnano

Dettagli

P.Iva: 05974470964 Tel e Fax: (0039) 02.82.40.321 - Mobile: (0039) 338.45.34.114 www.e-ventimediterranei.it - info@e-ventimediterranei.

P.Iva: 05974470964 Tel e Fax: (0039) 02.82.40.321 - Mobile: (0039) 338.45.34.114 www.e-ventimediterranei.it - info@e-ventimediterranei. LA STORIA, I PROFUMI, I COLORI, I SAPORI DELLE NOSTRE TERRE RICERCHIAMO LE MIGLIORI PRODUZIONI ENO E AGRO ALIMENTARI ITALIANE OFFRIAMO SUPPORTO ALLE AZIENDE AGRICOLE E ARTIGIANE DI ECCELLENZA REALIZZIAMO

Dettagli

EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO

EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO 5144-01:07:15/13:05 - milano, (agra press) - nel 2014 per l'agroalimentare le esportazioni, pari a circa 35 miliardi di euro, sono

Dettagli

LE(g)ALI AL SUD: UN PROGETTO PER LA LEGALITÀ IN OGNI SCUOLA

LE(g)ALI AL SUD: UN PROGETTO PER LA LEGALITÀ IN OGNI SCUOLA Programma Operativo Nazionale Obiettivo C Azione C.3 Annualità 2010/2011 LE(g)ALI AL SUD: UN PROGETTO PER LA LEGALITÀ IN OGNI SCUOLA Obiettivo C- Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani"

Dettagli

BREND. COS È E PERCHÉ È UTILE ALLA TUA AZIENDA?

BREND. COS È E PERCHÉ È UTILE ALLA TUA AZIENDA? BREND. COS È E PERCHÉ È UTILE ALLA TUA AZIENDA? BREND. COS È E PERCHÉ È UTILE ALLA TUA AZIENDA? BREND è un nuovo polo multiespositivo, che nasce in stretta correlazione con Padiglione Italia Expo2015,

Dettagli

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità La globalizzazione Il mondo si fa sempre più piccolo e la globalizzazione è il nuovo ordine che accomuna le popolazioni all inter-dipendenza.

Dettagli

VIII Edizione del Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio TAVOLO DEL TURISMO

VIII Edizione del Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio TAVOLO DEL TURISMO VIII Edizione del Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio TAVOLO DEL TURISMO Intervento del Dott. Michele De Vita Segretario Generale Forum 1 Attività svolte dal tavolo del turismo

Dettagli

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Benito Campana Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Itinerario Programmare le politiche aziendali per la qualità in relazione alla normativa, alle esigenze dei mercati e alle

Dettagli

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VANTAGGI DELLA... 2 3. ORGANIZZAZIONE DELLA... 2 4. BIOLOGICA... 2 5. MATERIALI DI CONFEZIONAMENTO... 3 6. I LUOGHI DELLA... 3 6.1. VENDITA DIRETTA... 3 6.2. MERCATI

Dettagli

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DI FABBISOGNI/PROBLEMI AZIENDALI

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DI FABBISOGNI/PROBLEMI AZIENDALI SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DI FABBISOGNI/PROBLEMI AZIENDALI Progetto GAIA Strumento innovativo per l efficienza economica delle imprese vitivinicole Mis. 124 Cooperazione per lo sviluppo

Dettagli

PROVINCIA DI MILANO Sportello Itinerante Agroambientale Rozzano, 4 Aprile 2008. Prof. Alberto Pirani Dott.ssa Martina Licitra Pedol

PROVINCIA DI MILANO Sportello Itinerante Agroambientale Rozzano, 4 Aprile 2008. Prof. Alberto Pirani Dott.ssa Martina Licitra Pedol PROVINCIA DI MILANO Sportello Itinerante Agroambientale Rozzano, 4 Aprile 2008 Prof. Alberto Pirani Dott.ssa Martina Licitra Pedol Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agroalimentare e Ambientale

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Calabria antica-autentica-accogliente Coldiretti Calabria Campagna Amica settimana della Calabria agricola e agroalimentare Expo Milano

Calabria antica-autentica-accogliente Coldiretti Calabria Campagna Amica settimana della Calabria agricola e agroalimentare Expo Milano Calabria antica-autentica-accogliente, è questo il tema del programma di eventi ideato da Coldiretti Calabria, in collaborazione con la fondazione Campagna Amica, per la settimana della Calabria agricola

Dettagli

Associazione Provinciale Cuochi Etnei in collaborazione con Federazione Italiana Cuochi Vice Presidenza Area Sud. organizzano.

Associazione Provinciale Cuochi Etnei in collaborazione con Federazione Italiana Cuochi Vice Presidenza Area Sud. organizzano. Associazione Provinciale Cuochi Etnei in collaborazione con Federazione Italiana Cuochi Vice Presidenza Area Sud organizzano 1 Raduno Gastronomico Interegionale Zafferana Etnea 6-7 - 8 Novembre 2011 SEGRETRIA

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA *

SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA * SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA * 1. Premessa Fin dalla fase di ideazione e elaborazione del Piano di Azione Locale Alta Tuscia il tema della qualità, intesa non solo

Dettagli

M079 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE (1999)

M079 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE (1999) (1999) CORSO DI NUOVO ORDINAMENTO Per il nostro Paese il turismo è una delle attività più importanti dal punto di vista economico. Con il passare del tempo e con le profonde modificazioni sociali, culturali

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI PRIMA STESURA Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI Approvato con Decreto Commissariale n. 127/C del 20.07.2011 INDICE 1. Finalità ed obiettivi 2.

Dettagli

Protagonista: il Vino. Protagonista: il Vino. Presentazione Tour Operator e descrizione dei nostri servizi di intrattenimento per gruppi aziendali

Protagonista: il Vino. Protagonista: il Vino. Presentazione Tour Operator e descrizione dei nostri servizi di intrattenimento per gruppi aziendali Protagonista: il Vino Protagonista: il Vino Presentazione Tour Operator e descrizione dei nostri servizi di intrattenimento per gruppi aziendali chi siamo Delitaly è il primo tour operator italiano specializzato

Dettagli

Percorsi fra vino e grandi architetture Un progetto unico in Italia

Percorsi fra vino e grandi architetture Un progetto unico in Italia TOSCANA WINE ARCHITECTURE TOSCANA WINE ARCHITECTURE Percorsi fra vino e grandi architetture Un progetto unico in Italia Un circuito di 25 cantine d autore e di design, contemporanee per le loro lo spirito

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

Rete dei Ristoratori a tutela della Antiche Varietà Colturali del Parco

Rete dei Ristoratori a tutela della Antiche Varietà Colturali del Parco AVVISO PUBBLICO PER DICHIARAZIONE DI INTERESSE ALLA PARTECIPAZIONE ALLA Rete dei Ristoratori a tutela della Antiche Varietà Colturali del Parco Premesse Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio

Dettagli

La filiera erboristica: aspetti della coltivazione delle erbe e relazione con il mercato.

La filiera erboristica: aspetti della coltivazione delle erbe e relazione con il mercato. SEMINARIO Convegno Espositivo Erboristeria Parma 22 13 settembre 2012 La filiera erboristica: aspetti della coltivazione delle erbe e relazione con il mercato. Andrea Primavera Agronomo Presidente FIPPO

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Fondazione per l Università a Brindisi

Fondazione per l Università a Brindisi Fondazione per l Università a Brindisi Una Fondazione gestita dagli Enti pubblici e privati del territorio brindisino per il coordinamento e la promozione dell offerta formativa universitaria che altre

Dettagli

Carta di qualità per la rete d imprese

Carta di qualità per la rete d imprese Carta di qualità per la rete d imprese L esposizione internazionale EXPO è un opportunità unica ed irripetibile per l economia dei nostri comuni che da secoli sono protagonisti nella produzione del patrimonio

Dettagli

1 Sono molti anni che collaboro con aziende che si occupano di stampa, Tre storie che ci raccontano

1 Sono molti anni che collaboro con aziende che si occupano di stampa, Tre storie che ci raccontano Tre storie che ci raccontano 1 Sono molti anni che collaboro con aziende che si occupano di stampa, 2 3 un graphic designer di esperienza racconta l incontro con Botticelli La Stampa. La nostra azienda

Dettagli

Servizi per i distributori. Servizi per i produttori

Servizi per i distributori. Servizi per i produttori Servizi per i distributori Servizi per i produttori THINK QUALITY S.r.l. Innovazione e valore nell agroalimentare PRESENTAZIONE STORIA Think Quality nasce nel 2001 quando, Fabrizio Stecca e Paolo Masoero,

Dettagli

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani.

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. 1 PREMESSA Molti avvenimenti in questi

Dettagli

CERIMONIA DI CONSEGNA DI QUATTRO DEFIBRILLATORI ALLE SCUOLE FERRARESI

CERIMONIA DI CONSEGNA DI QUATTRO DEFIBRILLATORI ALLE SCUOLE FERRARESI CERIMONIA DI CONSEGNA DI QUATTRO DEFIBRILLATORI ALLE SCUOLE FERRARESI Per gli studenti del Liceo Scientifico Roiti e del Liceo Artistico Dosso Dossi, per quelli delle scuole medie Dante Alighieri e Matteo

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

Prodotti a Km 0 e Gruppi d'acquisto Solidali (G.A.S.)

Prodotti a Km 0 e Gruppi d'acquisto Solidali (G.A.S.) Prodotti a Km 0 e Gruppi d'acquisto Solidali (G.A.S.) Il viaggio dei prodotti del supermercato La globalizzazione e le attuali logiche di mercato stanno distanziato sempre più i produttori dai consumatori.

Dettagli

INDUSTRIAL DESIGN AS A TOOL FOR INNOVATION AND SOCIO-

INDUSTRIAL DESIGN AS A TOOL FOR INNOVATION AND SOCIO- DIPARTIMENTO IMPRESA ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI INDUSTRIAL DESIGN AS A TOOL FOR INNOVATION AND SOCIO- ECONOMIC GROWTH:

Dettagli

IRPINIANEWS 22 GIUGNO Expo 2015 Le ricette della tradizione Irpina in scena a Milano di Redazione online 22 giugno 2015 Preservare e rilanciare la memoria del territorio irpino attraverso la salvaguardia

Dettagli

Treno Verde 2015. A.A.A. #tipicongusto cercasi

Treno Verde 2015. A.A.A. #tipicongusto cercasi Treno Verde 2015 Un edizione tutta speciale quella del Treno Verde 2015: dal 18 febbraio all 11 aprile, 15 tappe dalla Sicilia alla Lombardia per raccogliere e portare a Expo Milano, l esposizione universale

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Newsletter n.10 La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Un iniziativa a sostegno delle aree rurali Con questa decima Newsletter siano giunti alla fase delle considerazioni finali

Dettagli

Guido Baragli, Piatto di merluzzi nervosi. Cultura e Comunicazione del Gusto BUONO DA PENSARE

Guido Baragli, Piatto di merluzzi nervosi. Cultura e Comunicazione del Gusto BUONO DA PENSARE Guido Baragli, Piatto di merluzzi nervosi Cultura e Comunicazione del Gusto BUONO DA PENSARE Le specie naturali non vengono scelte perché buone da mangiare ma perché buone da pensare. (Claude Lévi-Strauss)

Dettagli

Costruendo valore per il turismo in Lombardia

Costruendo valore per il turismo in Lombardia Costruendo valore per il turismo in Lombardia Chi siamo Explora S.C.p.A. ha il compito di promuovere la Lombardia e Milano sul mercato turistico nazionale ed internazionale. La società opera esattamente

Dettagli

Le arance. della Cooperativa

Le arance. della Cooperativa Kit didattico : Pensa al Clima! // l incredibile viaggio di 4 prodotti Le arance della Cooperativa Quale storia nascosta può avere una semplice arancia? Cosa vuol dire creare una rete di acquisto e scegliere

Dettagli

FIG. 2.3 $QGDPHQWRGHOOHYHQGLWHGLROLG ROLYDFRQIH]LRQDWLW

FIG. 2.3 $QGDPHQWRGHOOHYHQGLWHGLROLG ROLYDFRQIH]LRQDWLW ,&2168,',2/,2',2/,9,1,7/, E importante, prima di tutto, fare una macro distinzione tra due aree principali: quella a tradizionale produzione e consumo di olio di oliva, e quella a non tradizionale produzione

Dettagli

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Intervento di Fabio Beltram, Direttore eletto Scuola Normale Superiore (in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Signor Presidente della Repubblica mi permetta di unire la mia personale gratitudine

Dettagli

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP a cura di Stefano Petrucci, Arnaldo Peroni La filiera dell olio nel territorio sabino si è evoluta notevolmente dopo l ottenimento, nel 1996,

Dettagli

Start-up. Vino75: e la app accompagna la scelta

Start-up. Vino75: e la app accompagna la scelta Mercoledì, 12 Marzo 2014 12:30 Start-up. Vino75: e la app accompagna la scelta A cura di Annalisa Zordan Scegliere il vino per la cena non sarà più così difficile. Genere, caratteristiche organolettiche,

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli