Prime stime dell annata agraria 2015 in Lombardia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prime stime dell annata agraria 2015 in Lombardia"

Transcript

1 Prime stime dell annata agraria 2015 in Lombardia Il contributo del Prof. Roberto Pretolani è sviluppato in collaborazione con la DG Agricoltura nell ambito dei lavori relativi al progetto di ricerca regionale, affidato ad Éupolis Lombardia, con il quale viene divulgato il rapporto Il sistema agro-alimentare della Lombardia Le prime valutazioni sull annata agraria in Lombardia indicano un andamento caratterizzato da significativi cambiamenti rispetto all anno precedente. Il valore della produzione presenta una evidente flessione (stimabile nell ordine del 6-7%), derivante da lievi decrementi nelle quantità prodotte e da una generalizzata riduzione dei prezzi; anche sul versante dei costi si è verificato un consistente decremento (circa l 8%), dovuto al calo dei prezzi degli alimenti per il bestiame e dei prodotti energetici. Le dinamiche di ricavi e consumi intermedi, se confermate, porterebbero ad un calo del valore aggiunto della branca agricoltura rispetto al 2014 stimabile attorno al 4-5%. L andamento dell agricoltura lombarda nel 2015 ha risentito di numerosi fattori, che hanno modificato le superfici, influenzato le rese e, conseguentemente, le produzioni. L avvio della riforma PAC, con gli obblighi della diversificazione e delle aree ecologiche, ha provocato uno spostamento delle scelte colturali. La continua oscillazione dei prezzi di mercato, caratterizzata da dinamiche differenti per settori, ha portato anch essa a significativi mutamenti nel valore delle produzioni. Per quanto riguarda le superfici investite (tab.1), nel 2015 in Lombardia è proseguito lo spostamento di investimenti dai cereali verso le colture foraggere e quelle destinate ad usi industriali. Le superfici a cereali sono scese complessivamente di quasi ettari (-3,9% sul 2014), come risultato di dinamiche contrastanti: l obbligo di diversificazione ha portato ad un forte calo per il mais da granella ( ettari, -15,2%) e ad un lieve decremento per il frumento tenero (-1%), mentre sono cresciuti frumento duro, orzo e riso. I ettari in meno coltivati a cereali rispetto al 2014, cui occorre aggiungere il calo degli erbai (stimabile in ettari), sono stati investiti a oleaginose ( ettari, tutti a soia), a patate e ortaggi (+2.200) e a prati avvicendati ( ettari, con forte aumento dell erba medica). Circa ettari in più sono stati destinati a riposo per rispettare gli obblighi delle aree ecologiche. I seminativi rimangono quindi costanti, come le superfici destinate a coltivazioni arboree da frutto, mentre il calo di oltre ettari di foraggere permanenti, risultante da un affinamento delle stime dei reali utilizzi, conduce ad una corrispondente riduzione della SAU. La stima delle rese (tab.2) evidenzia generalizzate diminuzioni, dovute all andamento climatico sfavorevole. Tre i cereali le rese del grano tenero hanno perso circa il 5%, quelle dell orzo oltre il 10%, quelle del mais quasi il 13%; in controtendenza il riso (+3,6%); inoltre si riscontrano bassi livelli qualitativi specie per il mais. Cali rilevanti anche per le rese delle colture industriali e delle foraggere. Stazionarie, invece, le rese degli ortaggi e della frutta; lieve calo per la vite e ritorno verso condizioni migliori per l olivo. 1

2 La dinamica combinata di variazioni delle superfici e delle rese ha portato ad un significativo calo delle produzioni cerealicole lombarde, pari a -16,2% sul 2014 (tab.4). Le oleaginose e le orticole hanno manifestato una crescita significativa. Le dinamiche dei diversi settori, sulla base dei dati disponibili portano ad un calo complessivo quantitativo delle produzioni vegetali circa del 7%. Le produzioni animali hanno manifestato, invece, una sostanziale stabilità (-0,7%). Sulla base dei dati desunti dall anagrafe zootecnica (tab.3), si può stimare che la produzione di carni bovine e suine sia rimasta quasi invariata, mentre le produzioni avicole sono in flessione. La produzione di latte bovino sembra aver mantenuto il livello raggiunto nel 2014, risultante da un significativo incremento nei mesi primaverili e da una successiva frenata nei mesi estivi dovuta al caldo e nei mesi autunnali per l aggravarsi della crisi dei prezzi. Il patrimonio di bestiame mostra un lieve calo per i bovini da carne, stabilità per quelli da latte e, per il settimo anno consecutivo, una contrazione dei suini. In lieve calo anche gli ovini. Le rese apparenti di latte per vacca (calcolate rispetto al totale delle vacche in allevamenti da latte ed in strutture miste) sono lievemente cresciute. La contrazione delle strutture di allevamento è stata più forte di quella dei capi e prosegue, quindi, l aumento delle consistenze medie, con l eccezione dei suini e degli ovini. L attività dei servizi connessi è stimata in lieve crescita, come negli anni precedenti, e anche le attività secondarie (agriturismo, trasformazione, ecc.) sono stimate in incremento quantitativo sulla base dei dati amministrativi e del trend degli anni più recenti. Nel 2015 la produzione agricola lombarda sembrerebbe, quindi, essere calata in quantità rispetto al 2014, ma con dinamiche differenti tra i settori. A partire dalle informazioni disponibili sulle produzioni si può giungere alla stima del valore della produzione (PPB) e del valore aggiunto (VA) 2015 dell agricoltura lombarda, moltiplicando tali dati per i valori medi dei prezzi. La stima dei valori unitari dei prodotti e dei fattori di produzione variabili è stata effettuata utilizzando le informazioni desunte dai listini prezzi dei mercati lombardi, laddove disponibili, o le variazioni degli indici dei prezzi all origine calcolate da Ismea e da Istat per i beni non quotati. Proseguendo la analisi degli ultimi anni, sono state effettuate due diverse stime per i prezzi dei principali prodotti vegetali (cereali, industriali e foraggere). La prima ricalca la metodologia utilizzata da Istat che impiega i prezzi medi annui di mercato, mentre le stime DEMM sono costruite paragonando le medie dei prezzi dei primi mesi seguenti la raccolta per i seminativi. Per le produzioni vegetali intensive e per quelle animali, invece, sono state utilizzate le medie annue. Con la prima metodologia si dovrebbe ottenere una stima pienamente paragonabile a quella che Istat effettuerà nei prossimi mesi, mentre la seconda metodologia consente di stimare il più probabile valore dei prodotti realizzati nel corso della campagna. Ad esempio, se si considerano i prezzi medi annui del mais da granella (rispettivamente 176,51 /t nel 2014 e 151,59 /t nel 2015) si ottiene un valore stimato della produzione 2015 pari a 242 milioni di euro, mentre usando i prezzi medi dei tre mesi seguenti alla raccolta (rispettivamente 163,65 /t nel 2014 e 159,17 /t nel 2015) si ottiene un valore di 270 milioni di euro. Analoghe considerazioni valgono per il riso, il cui prezzo appare costantemente sottostimato da Istat, per i cereali vernini, per le foraggere e per le carni. Tra i dati Istat e quelli utilizzati per la stima DEMM vi sono anche alcune differenze sulle quantità prodotte, ed in particolare sul latte bovino, per il quale sono impiegati in questa sede i dati delle consegne degli allevamenti diffusi da AGEA. 2

3 Il calo delle quotazioni medie annue ha riguardato sia le produzioni vegetali sia quelle zootecniche. In particolare tra i cereali sono calati i prezzi di grano tenero, orzo, mais mentre sono in crescita quelli del riso. Cali anche per la soia e le colture floricole. Aumenti di quotazioni vi sono state per quasi tutte le colture orticole e per le legnose. Il calo dei prezzi delle produzioni animali è invece generalizzato, con livelli elevati per il latte bovino (-9%), le carni suine (-8%) e le uova (-14%). Effettuando l attribuzione dei prezzi alle quantità realizzate in Lombardia si ottengono quindi due diverse stime (tab.5). Secondo i dati elaborati con metodologia analoga a quella Istat, la PPB lombarda sarebbe passata da milioni di euro del 2014 a milioni nel 2015, con un calo significativo pari al 7,1%, dovuto per oltre il 70% alla dinamica negativa dei prezzi. Con la metodologia DEMM la PPB sarebbe diminuita del 5,6%, passando da a milioni di euro. Entrambe le stime concordano, quindi, su una importante riduzione del valore della produzione, mentre le differenze tra i valori assoluti dipendono da quali quantità e quali prezzi si considerano. La PPB di origine animale, che costituisce circa il 60% di quella totale, sarebbe scesa di circa il 7,5%, come risultato di una lieve riduzione quantitativa e di un calo rilevante dei prezzi. Il valore della produzione vegetale avrebbe subito un decremento secondo entrambe le stime, ma con entità diversificate (-11,4% con la metodologia Istat e -3,6% con quella DEMM). A fronte di un calo quantitativo del 7% la differenza dei valori deriva dalla dinamica dei prezzi, stimata in calo del 5,1% tenendo conto delle medie annue (metodo Istat) e in aumento del 4% considerando solo i prezzi post raccolta (metodo DEMM). Vi sarebbe stato, invece, un incremento del peso delle attività di servizio e di quelle secondarie che, assieme, pesano per il 16% sul valore totale dalla branca agricoltura. Alla contrazione della PPB ha corrisposto nel 2015 un decremento del valore dei consumi intermedi (sementi, concimi, mangimi, carburanti, ecc.) stimabile nell 8% circa, in gran parte attribuibile al calo dei prezzi di mangimi, foraggi e prodotti energetici. Le dinamiche del valore dei prodotti agricoli e dei mezzi di produzione avrebbero portato ad un sostanziale calo del valore aggiunto 2015 rispetto a quello 2014 (stimabile tra -3,9% con la metodologia DEMM e -5,5% secondo quella Istat). I dati correnti di valore aggiunto stimati risultano inferiori a quelli degli ultimi quattro anni e segnano un brusco arretramento rispetto ai livelli dell ultimo triennio. Inoltre il segno negativo lombardo contrasta con quello positivo stimato da Istat a livello nazionale nei primi tre trimestri 2015, pari a +2,7% a prezzi correnti. Tale differenza appare dovuta alla prevalenza in Lombardia delle produzioni cerealicolo-zootecniche, quasi tutte contrassegnate da variazioni negative, mentre a livello nazionale pesano molto le produzioni vegetali intensive, contrassegnate quasi sempre da incrementi quantitativi e/o di prezzo. 3

4 Tab.1 - Superfici coltivate in Lombardia (ettari) SAU STIMATA ,4% -0,2% -0,6% SEMINATIVI (primo raccolto) ,4% 0,1% 0,0% Cereali (1 e 2 raccolto) ,8% -3,2% -3,9% Frumento tenero ,6% -8,7% -1,0% Frumento duro ,4% -9,8% 105,7% Orzo ,8% -12,8% 25,5% Riso ,6% 5,0% 5,1% Granoturco ibrido ,0% -3,8% -15,2% Altri cereali ,6% -3,2% -15,6% Legumi secchi ,6% 7,9% 31,9% Patate e ortaggi (1 e 2 raccolto) ,1% 9,7% 12,7% Barbabietola da zucchero ,1% 54,4% -33,7% Oleaginose (1 e 2 raccolto) ,2% 10,0% 39,7% Prati avvicendati ,0% -0,8% 4,0% Erba medica ,0% 1,2% 4,3% Altri monofiti ,5% 1,8% 5,8% Polifiti ,7% -6,2% 2,8% Erbai (1 e 2 raccolto) ,4% 5,3% -3,7% Mais ceroso ,1% 5,0% -3,2% Loietto ,3% 6,1% 4,5% Altri monofiti ,1% -0,6% -18,7% Polifiti ,3% 17,3% -4,9% Superfici a riposo ,0% -27,1% 130,3% FORAGGERE PERMANENTI ,6% -0,9% -2,7% Prati permanenti ,9% -3,4% -2,1% Pascoli ,2% 2,0% -3,3% LEGNOSE AGRARIE ,3% -1,8% 0,3% Vite ,8% -1,7% 0,2% Olivo ,0% 0,2% 0,0% Fruttiferi ,4% -3,3% 1,2% Melo ,4% -4,6% -0,1% Pero ,3% -0,9% -1,3% Frutta a nocciolo ,4% -7,3% -0,2% Tab.2 - Rese medie delle principali colture in Lombardia (100 kg/ha) Frumento tenero 50,7 61,0 46,1 57,3 54,3-24,3% 24,2% -5,2% Orzo 47,6 52,4 43,6 52,2 46,6-16,7% 19,7% -10,6% Riso 60,7 65,2 65,6 62,8 65,0 0,6% -4,3% 3,6% Granoturco ibrido 118,8 105,4 90,5 119,4 104,2-14,1% 32,0% -12,8% Soia 40,4 34,4 32,6 40,8 38,2-5,3% 25,2% -6,3% Barbabietola zucchero ,9% 34,6% -10,0% Pomodoro industria ,9% 12,4% 2,0% Melone pieno campo ,9% 0,1% -0,2% Melo ,7% 3,9% -0,7% Pero ,3% 1,8% -1,2% Uva da vino 88,0 83,7 101,6 96,2 92,9 21,4% -5,3% -3,5% Olive da olio 19,4 19,6 24,7 8,6 13,6 26,0% -64,9% 57,5% Mais ceroso ,6% 30,4% -9,2% Loietto ,5% 24,9% -3,4% Erba medica ,6% 1,3% -3,3% 4

5 Tab.3 - Consistenze e produttività del bestiame in Lombardia Bovini allevamenti ,8% -1,7% -1,9% Bovini da latte allevamenti ,9% -2,1% -2,7% Bovini da carne allevamenti ,0% -1,4% -1,4% Ovini e caprini allevamenti ,0% 0,7% 1,7% Suini allevamenti ,7% 0,1% 1,2% Bovini capi totali ,3% 0,8% -0,3% in allevamenti da latte ,1% 0,3% 0,0% - di cui vacche ,0% 0,9% -0,9% in allevamenti da carne ,9% 2,1% -1,1% - di cui vacche ,1% 5,7% 4,1% Resa latte (kg/vacca/anno) ,9% 2,6% 0,7% Bovini macellati ,4% -2,7% -0,1% Ovini capi ,3% 0,1% -2,7% Caprini capi ,1% -2,4% 0,0% Suini capi ,4% -1,5% -0,2% Ovini e caprini capi ,5% -0,5% -1,0% Bovini consistenza media 89,3 91,2 93,5 95,9 97,4 2,5% 2,6% 1,6% Bovini da latte media 149,8 155,5 161,6 165,6 170,1 4,0% 2,5% 2,7% - vacche da latte consistenza media 70,4 72,4 76,1 78,4 79,8 5,1% 3,1% 1,8% Bovini da carne consistenza media 46,6 46,7 47,2 48,9 49,1 1,1% 3,6% 0,3% Ovini e caprini consistenza media 15,8 16,0 16,0 15,9 15,4 0,5% -1,1% -2,7% Suini consistenza media ,1% -1,6% -1,4% Fonte: elaborazioni DEMM su dati Anagrafe Zootecnica Tab.4 - Principali produzioni agricole lombarde (migliaia di tonnellate) Cereali ,1% 19,0% -16,2% Frumento ,9% 13,3% 5,1% Riso ,0% 0,6% 8,9% Granoturco ibrido ,2% 27,0% -26,1% Altri ,0% 3,9% -15,9% Soia ,8% 40,2% 36,6% Patate e ortaggi ,2% 23,2% 11,9% Foraggere ,3% 21,6% -10,2% Mais insilato ,9% 36,9% -12,1% Prati avvicendati ,8% 4,3% -4,0% Erba medica ,8% 2,8% 0,9% Frutta ,0% -0,4% -3,4% Vino (.000 hl) ,7% -5,0% -2,3% Carni bovine ,3% -2,7% -0,1% Carni suine ,4% -1,5% -0,2% Pollame ,1% 6,8% -5,0% Latte bovino e bufalino Istat (.000 hl) ,9% 3,8% 0,1% Latte bovino consegne (.000 t) ,9% 3,8% 0,1% Uova (milioni di pezzi) ,7% -1,7% 0,0% 5

6 Tab 5 - Dinamica del valore delle produzioni ai prezzi di base in Lombardia Metodologia ISTAT Metodologia DEMM Valori correnti in milioni di euro Var%PPB Var%PPB Coltivazioni agricole ,4% ,6% Erbacee ,9% ,7% - Cereali ,7% ,3% - Legumi secchi ,3% ,3% - Patate e ortaggi ,2% ,6% - Industriali ,5% ,3% - Fiori e piante da vaso ,3% ,3% Foraggere ,6% ,8% Legnose ,6% ,8% - Prodotti vitivinicoli ,2% ,1% - Prodotti dell'olivicoltura 1,4 2,8 102,9% 4,0 8,0 102,9% - Frutta ,0% ,7% - Altre legnose ,8% ,3% Allevamenti zootecnici ,3% ,7% Carni ,4% ,3% -bovine ,2% ,2% -suine ,5% ,5% -avicole ,3% ,3% Latte ,0% ,0% Altri zootecnici ,1% ,2% Prodotti zootecnici non alimentari 0,2 0,2 0,0% 0,2 0,2 0,0% Attività dei servizi connessi ,3% ,3% Totale produzione beni e servizi agricoli ,8% ,1% + attività secondarie (agriturismo,trasformazi ,8% ,8% - attività secondarie (imprese commerciali) ,2% ,2% Totale produzione branca agricoltura ,1% ,6% - Consumi intermedi ,5% ,4% Valore aggiunto ai prezzi di base ,5% ,9% Fonte: elaborazioni e stime DEMM su dati Istat e DGA Regione Lombardia 6

7 Tab.6 Quadro riassuntivo delle variazioni di quantità, prezzi e valori 2015/2014 Dati quantitativi Metodologia ISTAT Metodologia DEMM Superfici Rese Quantità Prezzi PPB Prezzi PPB CEREALI -3,9% -12,8% -16,2% -4,1% -19,7% 5,8% -11,3% Frumento tenero -1,0% -5,2% -6,2% -6,4% -12,2% 6,0% -0,5% Orzo 25,5% -10,6% 12,1% -8,3% 2,9% -4,3% 7,3% Riso 5,1% 3,6% 8,9% 9,0% 18,7% 1,0% 10,0% Granoturco ibrido -15,2% -12,8% -26,1% -14,2% -36,6% -2,7% -28,1% LEGUMI SECCHI 31,9% 0,3% 32,3% 0,0% 32,3% 0,0% 32,3% COLT. INDUSTRIALI 33,6% -5,6% 26,1% -10,8% 12,5% 0,7% 22,3% Soia 45,8% -25,1% 36,6% -11,5% 20,9% 1,5% 38,6% PATATE E ORTAGGI 12,7% -0,7% 11,9% 7,5% 20,2% 7,8% 20,6% Patate -19,9% -7,0% -25,8% -8,2% -31,9% 12,6% -16,5% Lattuga 93,8% -23,2% 50,2% 15,6% 73,7% 15,6% 72,1% Pomodori 12,6% 1,9% 14,7% 14,6% 31,4% 14,6% 31,4% Cocomero 0,4% 0,0% 0,4% 78,9% 79,6% 78,9% 79,6% Meloni 13,6% 0,0% 13,6% -31,6% -22,3% -24,7% -14,4% FORAGGERE -2,2% -8,5% -10,5% -15,7% -24,6% -3,6% -13,8% VINO 0,2% -4,2% -4,0% 0,9% -3,1% 0,9% -3,1% OLIO 0,0% 57,2% 57,2% 29,0% 102,9% 3,4% 102,9% FRUTTA 1,2% -4,5% -3,4% 39,7% 35,0% 32,3% 24,7% Mele -0,1% -0,9% -1,0% 48,4% 46,9% 48,4% 46,9% Pere -1,3% -1,7% -3,0% 66,8% 61,8% 66,8% 61,8% Actinidia 11,4% -11,3% -1,2% 27,3% 25,8% 27,3% 25,8% CARNI Capi Rese -1,3% -4,2% -5,4% -5,1% -6,3% Carni bovine -0,1% -0,1% -1,0% -1,2% -1,0% -1,2% Carni suine -0,2% -0,2% -8,4% -8,5% -8,4% -8,5% Pollame -5,0% -1,3% -6,3% 0,0% -1,0% LATTE -0,6% 0,7% 0,1% -9,1% -9,0% -9,1% -9,0% UOVA 0,0% -13,8% -13,8% -13,8% -13,8% MIELE -30,0% 1,9% -28,7% 1,9% -28,7% 7

ALLEGATO: AZIENDE BIOLOGICHE

ALLEGATO: AZIENDE BIOLOGICHE ALLEGATO: AZIENDE BIOLOGICHE Fonte: Pro.b.er. Associazione degli Operatori Biologici e Biodinamici dell'emilia Romagna SUPERFICIE (Ha) E COLTURE CERTIFICATE IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA - ANNO 2005 Fonte:

Dettagli

Il mercato delle produzioni biologiche in Italia

Il mercato delle produzioni biologiche in Italia biologiche in Italia Ismea Bologna, 1 Evoluzione dell agricoltura biologica in Italia: numero aziende 1997-2001 (fonte: dati MiPAF e FIAO) 25000 20000 15000 10000 5000 0 nord centro sud isole 1997 1998

Dettagli

Tabella regionale dei valori medi di impiego di manodopera

Tabella regionale dei valori medi di impiego di manodopera Tabella regionale dei valori medi di impiego di manodopera ai 1. CEREALI Autunno-vernini da granella e da insilato 6 11 4 7 39 71,5 26 45,5 Mais e sorgo da granella e da insilato 6 12 6 12 39 78 39 78

Dettagli

ALLEGATO B METODOLOGIA DI CALCOLO DEI PARAMETRI CONTRIBUTIVI

ALLEGATO B METODOLOGIA DI CALCOLO DEI PARAMETRI CONTRIBUTIVI ALLEGAO B MEODOLOGIA DI CALCOLO DEI PARAMERI CONRIBUIVI A. Parametri con soglia La metodologia per il calcolo dei parametri contributivi proposta è basata sulla valutazione puntuale dei diversi fattori

Dettagli

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA ED IN EMILIA- ROMAGNA DAL 2000 AL 2012

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA ED IN EMILIA- ROMAGNA DAL 2000 AL 2012 SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA ED IN EMILIA- ROMAGNA DAL 0 AL 2012 L Istat ha recentemente pubblicato i dati relativi alla rilevazione delle separazioni e dei divorzi condotta nel 2012 presso le cancellerie

Dettagli

Evoluzione del clima in Veneto nell ultimo cinquantennio

Evoluzione del clima in Veneto nell ultimo cinquantennio DIPARTIMENTO PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO Centro Meteorologico di Teolo Evoluzione del clima in Veneto nell ultimo cinquantennio Il Veneto si colloca in una zona di transizione confinante a Nord con

Dettagli

Scenario di medio periodo del mercato dei cereali e prospettive per la campagna di commercializzazione 2012/13

Scenario di medio periodo del mercato dei cereali e prospettive per la campagna di commercializzazione 2012/13 Scenario di medio periodo del mercato dei cereali e prospettive per la campagna di commercializzazione 212/13 Premessa marzo 212 La campagna di commercializzazione 21/11 ha replicato la tensione dei prezzi

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA nel II trimestre 2009

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA nel II trimestre 2009 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA nel II trimestre 2009 Il volume di erogazioni per l acquisto di abitazioni da parte delle famiglie italiane registra, nel secondo trimestre del 2009, una flessione rispetto

Dettagli

La Pac, criticità e punti da migliorare

La Pac, criticità e punti da migliorare La Pac, criticità e punti da migliorare Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Cremona, 22 aprile 2016 Situazione attuale della PAC

Dettagli

CEREALI PREZZI ATTUALI E ASPETTATIVE DEGLI OPERATORI OTTOBRE 2012. 1. Frumento duro 2. Frumento tenero 3. Mais 4. Farina di soia nazionale

CEREALI PREZZI ATTUALI E ASPETTATIVE DEGLI OPERATORI OTTOBRE 2012. 1. Frumento duro 2. Frumento tenero 3. Mais 4. Farina di soia nazionale CEREALI PREZZI ATTUALI E ASPETTATIVE DEGLI OPERATORI OTTOBRE 2012 1. Frumento duro 2. Frumento tenero 3. Mais 4. Farina di soia nazionale 1. Frumento duro 24 28 settembre 2012* Frumento duro nazionale

Dettagli

RICERCA DI MARKETING SUI CENTRI ESTETICI ITALIANI

RICERCA DI MARKETING SUI CENTRI ESTETICI ITALIANI RICERCA DI MARKETING SUI CENTRI ESTETICI ITALIANI La situazione attuale e le tendenze evolutive nel mondo dei centri estetici In collaborazione con: sintesi 1 IL MODELLO DI RICERCA INTEGRATA Ricerca Integrata

Dettagli

Il settore agro-alimentare in Italia. Focus sul lattiero caseario. Direzione Studi e Ricerche

Il settore agro-alimentare in Italia. Focus sul lattiero caseario. Direzione Studi e Ricerche Il settore agro-alimentare in Italia. Focus sul lattiero caseario Direzione Studi e Ricerche Milano, 30 Marzo 2016 Agenda 1 Importanza e specificità dell agroalimentare italiano 2 Il lattiero caseario

Dettagli

IL MERCATO DELLE CARNI

IL MERCATO DELLE CARNI OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO N 12 EDIZIONE OTTOBRE 2014 Di Cosmino Giovanni Basile IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE PRODUZIONE E CONSUMO ANNO 2013 IL MERCATO DELLE

Dettagli

della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016

della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016 Indicatori del mercato del lavoro della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016 Principali indicatori del mercato del lavoro provinciale Fonti disponibili Inps

Dettagli

LA BIODIVERSITA FRUTTICOLA NEL PARMENSE: un patrimonio da conservare e valorizzare

LA BIODIVERSITA FRUTTICOLA NEL PARMENSE: un patrimonio da conservare e valorizzare ITAS F. Bocchialini Parma, 20 Ottobre 2005 LA BIODIVERSITA FRUTTICOLA NEL PARMENSE: un patrimonio da conservare e valorizzare Dott. Mauro Carboni Prof. Enzo Melegari Biodiversità BIO + DIVERSITA Vita Nel

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2014

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2014 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2014 1. IL QUADRO MACROECONOMICO L attività economica mondiale nel primo trimestre del 2014 è cresciuta ad un ritmo graduale, subendo un lieve indebolimento

Dettagli

Come cambierà il sistema dei pagamenti diretti con la riforma della PAC

Come cambierà il sistema dei pagamenti diretti con la riforma della PAC Incontro tecnico Come cambierà il sistema dei pagamenti diretti con la riforma della PAC Riforma del primo pilastro della PAC I possibili effetti nella filiera del bovino da carne Giovedì 27 marzo 2014

Dettagli

CAPITOLO III: I FATTORI PRODUTTIVI. 1. Il mercato fondiario

CAPITOLO III: I FATTORI PRODUTTIVI. 1. Il mercato fondiario Rapporto sull annata agraria della provincia di Bologna Anno 25 1. Il mercato fondiario CAPITOLO III: I FATTORI PRODUTTIVI Per l annata agraria 2-25, a causa del perdurare della crisi nel settore che ha

Dettagli

della produzione di vino IGT (Indicazione Geografica Tipica). La quantità di vino prodotta nella regione, nonostante i miglioramenti qualitativi

della produzione di vino IGT (Indicazione Geografica Tipica). La quantità di vino prodotta nella regione, nonostante i miglioramenti qualitativi 13 AGRICOLTURA Nel corso dell annata agraria novembre 2006 ottobre 2007 sono state rilevate in Sicilia circa 237 mila aziende agricole (4,7% in meno rispetto al corrispondente dato del 2005) con una superficie

Dettagli

Procedura gestione nitrati 2012 nel portale delle Aziende agricole nota sui metodi di calcolo

Procedura gestione nitrati 2012 nel portale delle Aziende agricole nota sui metodi di calcolo Procedura gestione nitrati 2012 nel portale delle Aziende agricole nota sui metodi di calcolo Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali Elementi per la classificazione azienda Conformità

Dettagli

Guido Corbetta. Irene Dagnino. Mario Minoja. Giovanni Valentini

Guido Corbetta. Irene Dagnino. Mario Minoja. Giovanni Valentini Il settore farmaceutico in Italia: Posizionamento e fattori di crescita Guido Corbetta Irene Dagnino Mario Minoja Giovanni Valentini Centro di Ricerca Imprenditorialità e Imprenditori (EntER) Università

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale I semestre 2015 Pubblicato in data 30 luglio 2015 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

TAVOLO DI CONFRONTO SULLA TRASPARENZA DELLE DINAMICHE DEI PREZZI

TAVOLO DI CONFRONTO SULLA TRASPARENZA DELLE DINAMICHE DEI PREZZI Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la Sorveglianza dei Prezzi Dipartimento per l Impresa e l internazionalizzazione TAVOLO DI CONFRONTO SULLA TRASPARENZA DELLE DINAMICHE DEI PREZZI 8 Novembre

Dettagli

L occupazione delle camere nelle strutture ricettive liguri nel trimestre gennaio-marzo

L occupazione delle camere nelle strutture ricettive liguri nel trimestre gennaio-marzo Occupazione camere gennaio-marzo 2012-2013 per tipologia ricettiva (%) Alberghiero 29,8 29,7 32,5 Open air 24,3 24,6 28,0 Altro extralberghiero 19,9 18,0 24,4 Variazione 2012- Alberghiero -1,9-2,5-3,7

Dettagli

PRODUZIONE INDUSTRIALE

PRODUZIONE INDUSTRIALE 10 marzo 2014 Gennaio 2014 PRODUZIONE INDUSTRIALE A gennaio 2014 l indice destagionalizzato della produzione industriale aumenta, rispetto a dicembre 2013, dell 1,0%. Nella media del trimestre novembregennaio

Dettagli

I prezzi industriali dei carburanti Enrico D Elia (ISAE), Giancarlo Fiorito (IPI)

I prezzi industriali dei carburanti Enrico D Elia (ISAE), Giancarlo Fiorito (IPI) I prezzi industriali dei carburanti Enrico D Elia (ISAE), Giancarlo Fiorito (IPI) Nel corso del 2008, i prezzi alla pompa dei carburanti italiani sono rimasti sostanzialmente in linea con quelli europei,

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economico-Agrarie ed Estimative (DISEAE) dell Università degli Studi di Catania.

Dipartimento di Scienze Economico-Agrarie ed Estimative (DISEAE) dell Università degli Studi di Catania. Parte quinta Gli scambi commerciali dei prodotti della filiera del grano duro in Italia G. Chinnici - B. Pecorino Dipartimento di Scienze Economico-Agrarie ed Estimative (DISEAE) dell Università degli

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TD03U ATTIVITÀ 15.61.1 MOLITURA DEL FRUMENTO ATTIVITÀ 15.61.2 MOLITURA DI ALTRI CEREALI ATTIVITÀ 15.61.3 LAVORAZIONE DEL RISONE

STUDIO DI SETTORE TD03U ATTIVITÀ 15.61.1 MOLITURA DEL FRUMENTO ATTIVITÀ 15.61.2 MOLITURA DI ALTRI CEREALI ATTIVITÀ 15.61.3 LAVORAZIONE DEL RISONE STUDIO DI SETTORE TD03U ATTIVITÀ 15.61.1 MOLITURA DEL FRUMENTO ATTIVITÀ 15.61.2 MOLITURA DI ALTRI CEREALI ATTIVITÀ 15.61.3 LAVORAZIONE DEL RISONE ATTIVITÀ 15.61.4 ALTRE LAVORAZIONI DI SEMI E GRANAGLIE

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

LA FILIERA AGRO-ENERGETICA DA COLTURE DEDICATE: ANALISI TERMO-ECONOMICA DI SISTEMI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA. Mirko Morini, Ph.D.

LA FILIERA AGRO-ENERGETICA DA COLTURE DEDICATE: ANALISI TERMO-ECONOMICA DI SISTEMI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA. Mirko Morini, Ph.D. Biomasse: prospettive di uso energetico in Emilia-Romagna e sistemi di calcolo e monitoraggio su GIS 25 Novembre 2010, Bologna LA FILIERA AGRO-ENERGETICA DA COLTURE DEDICATE: ANALISI TERMO-ECONOMICA DI

Dettagli

numero 2/13 7 agosto 2013 LE TENDENZE DEL 2013

numero 2/13 7 agosto 2013 LE TENDENZE DEL 2013 numero 2/13 LE TENDENZE DEL 2013 Le stime ISMEA su dati Istat prevedono per il 2013 un aumento delle esportazioni agroalimentari in valore di oltre il 6%, trainate da quelle dei prodotti dell industria

Dettagli

Comunicato Stampa I Rapporto sul Mercato Immobiliare 2009 Bologna, 20 Marzo 2009

Comunicato Stampa I Rapporto sul Mercato Immobiliare 2009 Bologna, 20 Marzo 2009 Comunicato Stampa Bologna, 20 Marzo 2009 L ulteriore peggioramento dell intonazione economica nell ultima parte del 2008 ha avuto pesanti ripercussioni sul mercato immobiliare, soprattutto in relazione

Dettagli

Indagine Ismea sulla vendita diretta di prodotti biologici

Indagine Ismea sulla vendita diretta di prodotti biologici Indagine Ismea sulla vendita diretta di prodotti biologici Marzo 2012 Prodotti biologici Indagine Ismea sulla vendita diretta di prodotti biologici Indagine Ismea sulla vendita diretta di prodotti biologici...

Dettagli

Scenari di emissione SRES (Special Report on Emission Scenarios) e proiezioni globali

Scenari di emissione SRES (Special Report on Emission Scenarios) e proiezioni globali Scenari di emissione SRES (Special Report on Emission Scenarios) e proiezioni globali Informazioni e grafici tratte dal IV rapporto IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change): Climate Change 2007:

Dettagli

La statistica per la programmazione pubblica. Direzione generale. L attività dell Ufficio di statistica della Regione si concentra su:

La statistica per la programmazione pubblica. Direzione generale. L attività dell Ufficio di statistica della Regione si concentra su: Al servizio di gente unica La statistica per la L attività dell Ufficio di statistica della Regione si concentra su: Rilevazioni Elaborazioni Supporto alla programmazione Il Programma statistico regionale

Dettagli

Quotazioni della Borsa Merci Telematica Italiana riferite al periodo 26/05/2016-01/06/2016

Quotazioni della Borsa Merci Telematica Italiana riferite al periodo 26/05/2016-01/06/2016 Quotazioni della Borsa Merci Telematica Italiana riferite al periodo 26/05/2016-01/06/2016 Comunicazione Prezzi Regionale Le quotazioni delle singole regioni si riferiscono ai diversi contratti conclusi

Dettagli

I mutamenti del clima in Italia

I mutamenti del clima in Italia I mutamenti del clima in Italia Come tutti i Paesi ad economia avanzata, l Italia è soggetta, a partire dagli anni ottanta, ad un sensibile mutamento del clima caratterizzato dal generalizzato aumento

Dettagli

I costi di produzione e redditività del latte 2002-2010

I costi di produzione e redditività del latte 2002-2010 Assemblea Aprolav 10 Giugno 2011 I costi di produzione e redditività del latte 2002-2010 Alberto Menghi Centro Ricerche Produzioni Animali (CRPA) Reggio Emilia (www.crpa.it) a.menghi@crpa.it Il campione

Dettagli

Aiuto all avviamento di imprese per giovani agricoltori 2014-2020. Piano aziendale

Aiuto all avviamento di imprese per giovani agricoltori 2014-2020. Piano aziendale Aiuto all avviamento di imprese per giovani agricoltori 2014-2020 Piano aziendale Capo dell azienda Codice azienda Nome del maso Partita IVA n. Via / Frazione, n. Comune Telefono/Cellulare Fax E-mail Indirizzo

Dettagli

OSSERVATORIO SULLE COMUNICAZIONI N. 1/2016. Servizio Economico Statistico

OSSERVATORIO SULLE COMUNICAZIONI N. 1/2016. Servizio Economico Statistico OSSERVATORIO SULLE COMUNICAZIONI N. 1/2016 Servizio Economico Statistico Indice 1. Comunicazioni elettroniche 1.1 Rete fissa: accessi diretti complessivi 1.2 Rete fissa: accessi diretti degli altri operatori

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 4 APRILE 2016 L indice del commercio mondiale è leggermente calato a gennaio 2016 a seguito della contrazione dell export dei paesi sviluppati e dei paesi emergenti. La

Dettagli

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 8 gennaio 2016 III trimestre 2015 REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ Nel terzo trimestre del 2015 il reddito disponibile delle famiglie consumatrici in valori correnti è aumentato

Dettagli

8 ottobre. Export italiano di agroalimentare

8 ottobre. Export italiano di agroalimentare 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione

Dettagli

Simona Rubbi Resp. legislazione e progettazione CSO - Centro Servizi Ortofrutticoli

Simona Rubbi Resp. legislazione e progettazione CSO - Centro Servizi Ortofrutticoli , I MERCATI EUROPEI CSO - Centro I punti dell intervento Le regole relative agli scambi ortofrutticoli internazionali I Case History più significativi Alcune considerazioni Le regole relative agli scambi

Dettagli

La riforma della PAC

La riforma della PAC La riforma della PAC Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agroalimentare e Ambientale Dipartimento di Economia, Management e Metodi Quantitativi Università degli Studi di Milano

Dettagli

Convegno di presentazione dei prezzi degli immobili di Milano e provincia

Convegno di presentazione dei prezzi degli immobili di Milano e provincia Convegno di presentazione dei prezzi degli immobili di Milano e provincia 9 febbraio 2016 Palazzo Turati - Milano Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa 2 Fattori POSITIVI CRITICITA CLIMA

Dettagli

Le proposte di assistenza tecnica per la valorizzazione del allevamento della Piemontese

Le proposte di assistenza tecnica per la valorizzazione del allevamento della Piemontese L allevamento semibrado della razza Piemontese: un allevamento ecosostenibile Asti, 14 novembre 215 Le proposte di assistenza tecnica per la valorizzazione del allevamento della Piemontese Daniele Giaccone

Dettagli

SCHEDA ILLUSTRATIVA DELL ATTIVITA AGRITURISTICA

SCHEDA ILLUSTRATIVA DELL ATTIVITA AGRITURISTICA SCHEDA ILLUSTRATIVA DELL ATTIVITA AGRITURISTICA DENOMINAZIONE DITTA O RAGIONE SOCIALE NOMINATIVO TITOLARE O LEGALE RAPPRESENTANTE INDIRIZZO TITOLARE O SEDE LEGALE Via/Fraz.: n Comune di CAP RECAPITO TELEFONICO

Dettagli

Angelo Frascarelli è docente di Economia e Politica Agraria nella Facoltà di Agraria dell Università di Perugia. Direttore del Centro per lo Sviluppo

Angelo Frascarelli è docente di Economia e Politica Agraria nella Facoltà di Agraria dell Università di Perugia. Direttore del Centro per lo Sviluppo OATA Liberi Professionisti Novi Ligure, 6 dicembre 2013 La Pac 2014-2020. 2020. I contenuti della riforma approvata il 20 novembre 2013 Angelo Frascarelli è docente di Economia e Politica Agraria nella

Dettagli

11 COMMERCIO INTERNO ED ESTERO

11 COMMERCIO INTERNO ED ESTERO 11 COMMERCIO INTERNO ED ESTERO Le tavole della presente sezione forniscono il quadro regionale dell organizzazione commerciale interna in base ai dati disponibili del settore della distribuzione in Sicilia,

Dettagli

REPORT VINO Scambi internazionali 2013

REPORT VINO Scambi internazionali 2013 REPORT VINO Scambi internazionali 2013 Il punto del 2013 sul commercio internazionale 5 maggio 2014 Battuta d arresto per gli scambi in volume ma cresce il valore Secondo dati ancora provvisori il 2013

Dettagli

Costi di conformità alle normative. sul costo totale del latte

Costi di conformità alle normative. sul costo totale del latte Costi di conformità alle normative (ambiente, benessere animale e sicurezza alimentare) sul costo totale del latte 4 febbraio 2016 - Fieragricola, Verona Obbiettivi Descrizione e valutazione dello studio,

Dettagli

Friuli-Venezia Giulia

Friuli-Venezia Giulia Presentazione dei dati definitivi Friuli-Venezia Giulia Vengono diffusi oggi i risultati definitivi del 5 Censimento dell agricoltura in Friuli- Venezia Giulia. I dati qui presentati riguardano, in particolare,

Dettagli

MEDIOLANUM AMERIGO VESPUCCI

MEDIOLANUM AMERIGO VESPUCCI MEDIOLANUM AMERIGO VESPUCCI RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 92 MEDIOLANUM AMERIGO VESPUCCI NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

1.3 Andamento produttivo e di mercato delle produzioni animali

1.3 Andamento produttivo e di mercato delle produzioni animali Fig 3 - Ripartizione delle produzioni vegetali 1.3 Andamento produttivo e di mercato delle produzioni animali 18 1.3.1 Bovini Continua la tendenza alla flessione della consistenza nel settore bovino. Il

Dettagli

I dati Import-Export II Trimestre 2015

I dati Import-Export II Trimestre 2015 In collaborazione con il Consorzio Mantova Export Comunicato stampa Mantova, 22 settembre I dati Import-Export II Trimestre Nel primo semestre dell anno, secondo i dati Istat, si conferma la ripresa del

Dettagli

A cura di: A nome del gruppo di studio INRAN-SCAI 2005-06:

A cura di: A nome del gruppo di studio INRAN-SCAI 2005-06: A cura di: Raffaela Piccinelli, Davide Arcella, Pasquale Buonocore, Marisa Capriotti, Laura D Addezio, Cinzia Le Donne, Lorenza Mistura, Antonella Pettinelli, Stefania Sette, Aida Turrini, Catherine Leclercq

Dettagli

Energia: da aprile in forte riduzione le bollette italiane, elettricità -5%, quasi -10% il calo del gas

Energia: da aprile in forte riduzione le bollette italiane, elettricità -5%, quasi -10% il calo del gas COMUNCATO Energia: da aprile in forte riduzione le bollette italiane, elettricità -5%, quasi -10% il calo del gas Milano, 30 marzo 2016 Dopo i ribassi già registrati per i primi tre mesi dell anno, dal

Dettagli

Investimenti nelle Aziende Agricole

Investimenti nelle Aziende Agricole Investimenti nelle Aziende Agricole newsletter Agenzia regionale toscana per le erogazioni in agricoltura n. 9 - giugno 2005 Riforma PAC sostegno allo sviluppo rurale Regolamento CE n. 817/2004 Piano di

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE DEL CREDITO E BANCA D ITALIA: UN ANALISI QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL RAPPORTO BANCHE IMPRESE

OSSERVATORIO REGIONALE DEL CREDITO E BANCA D ITALIA: UN ANALISI QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL RAPPORTO BANCHE IMPRESE OSSERVATORIO REGIONALE DEL CREDITO E BANCA D ITALIA: UN ANALISI QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL RAPPORTO BANCHE IMPRESE Dai dati diffusi dalla Banca d Italia permangono sintomi di sofferenza nei finanziamenti

Dettagli

FOCUS ottobre 2014. L agricoltura pugliese attraverso i dati delle rilevazioni censuarie PREMESSA. Fonti: Istat - data warehouse Censimento Generale

FOCUS ottobre 2014. L agricoltura pugliese attraverso i dati delle rilevazioni censuarie PREMESSA. Fonti: Istat - data warehouse Censimento Generale generale, alla direzione dell unità agricola, iii) in altra forma di condizione esempio compartecipanti quando individualmente alcuni soggetti si obbligano a coltivare in compartecipazione un terreno altrui

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 31 agosto 2011 Agosto 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di agosto, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei

Dettagli

INVESTIETICO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO ALTERNATIVO CHIUSO IMMOBILIARE RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015

INVESTIETICO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO ALTERNATIVO CHIUSO IMMOBILIARE RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 INVESTIETICO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO ALTERNATIVO CHIUSO IMMOBILIARE RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede legale: Bastioni di Porta Nuova, 21

Dettagli

I giovani e il lavoro. in provincia di Padova. Dati 2010

I giovani e il lavoro. in provincia di Padova. Dati 2010 I giovani e il lavoro in provincia di Padova Dati 2010 A cura di Anna Basalisco Nota metodologica: I dati esposti sono di fonte CO Veneto SILL Veneto, elaborati dall Osservatorio sul Mercato del Lavoro

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Ottobre - Dicembre 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Ottobre - Dicembre 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Ottobre - Dicembre 2015 Euro/dollaro L ultimo trimestre dell anno ha evidenziato, relativamente al cross euro/dollaro,

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLE DIMENSIONI AZIENDALI

DETERMINAZIONE DELLE DIMENSIONI AZIENDALI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE Allegato 1 alla Determinazione n. 15737/706 DETERMINAZIONE DELLE DIMENSIONI AZIENDALI del 04.08.2009 Si ricorda che

Dettagli

PARTE PRIMA. Elementi e caratteristiche dei piccoli impianti

PARTE PRIMA. Elementi e caratteristiche dei piccoli impianti Dipartimento di Economia e Ingegneria agrarie Marco Arruzza Alessandro Ragazzoni Convenienza economica e fattibilità tecnica di piccoli impianti: alcuni casi di studio PARTE PRIMA Elementi e caratteristiche

Dettagli

REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA FINCALABRA S.P.A. REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 6 SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI

REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA FINCALABRA S.P.A. REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 6 SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 6 SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI FONDO UNICO PER L OCCUPAZIONE E LA CRESCITA (FUOC) FONDO PER L OCCUPAZIONE Avviso Pubblico per il finanziamento

Dettagli

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO DIPARTIMENTO DIPENDENZE Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO PREVO.MAT Executive Summary Novembre 2009 1 Responsabile Ricerca-Studio: Gruppo di Direzione: Riccardo

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE

INDAGINE CONGIUNTURALE Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro Direttore responsabile: Edi Sommariva Numero 09-2010 INDAGINE CONGIUNTURALE SULLA RISTORAZIONE COMMERCIALE I trimestre 2010 Ufficio studi A cura di

Dettagli

CENTRALE TERMOELETTRICA MERCURE PIANO APPROVVIGIONAMENTO BIOMASSE

CENTRALE TERMOELETTRICA MERCURE PIANO APPROVVIGIONAMENTO BIOMASSE CENTRALE TERMOELETTRICA MERCURE PIANO APPROVVIGIONAMENTO BIOMASSE Aggiornamento della relazione presentata il 28/01/2008 1. VOLUMI E QUALITA DELLA BIOMASSA Il volume di biomassa stimato per il funzionamento

Dettagli

13. Consumi di energia elettrica

13. Consumi di energia elettrica 13. Consumi di energia elettrica Il processo di sviluppo dei cosiddetti Paesi industrializzati tende a promuovere in misura sempre maggiore comportamenti di consumo energivori; in un tale contesto, l Italia

Dettagli

ASSALZOO ANNUARIO 2014. Associazione Nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici ANNUARIO

ASSALZOO ANNUARIO 2014. Associazione Nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici ANNUARIO 1 09/06/14 10:34 ANNUARIO 2014 CopertinaAnnuario2014_versione2.pdf ASSALZOO Associazione Nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici ANNUARIO Via Lovanio, 6 00198 Roma Tel. +39 06.8541641 Fax +39

Dettagli

Valle d'aosta. Presentazione dei dati definitivi

Valle d'aosta. Presentazione dei dati definitivi Presentazione dei dati definitivi Valle d'aosta Vengono diffusi oggi i risultati definitivi, relativi alla Valle d'aosta, del 5 Censimento generale dell agricoltura. Le informazioni presentate riguardano

Dettagli

Sommario. Introduzione... 1. 1. Analisi dei flussi di olio Extravergine... 1. 2. Analisi dei flussi di olio vergine... 8

Sommario. Introduzione... 1. 1. Analisi dei flussi di olio Extravergine... 1. 2. Analisi dei flussi di olio vergine... 8 Sommario Introduzione... 1 1. Analisi dei flussi di olio Extravergine... 1 2. Analisi dei flussi di olio vergine... 8 Introduzione Nel presente elaborato sono esposte le risultanze dell analisi dei flussi

Dettagli

DIREZIONE SERVIZI AI CITTADINI E IMPRESE SETTORE POLITICHE AGRICOLE, PARCHI E FORESTE

DIREZIONE SERVIZI AI CITTADINI E IMPRESE SETTORE POLITICHE AGRICOLE, PARCHI E FORESTE DIREZIONE SERVIZI AI CITTADINI E IMPRESE SETTORE POLITICHE AGRICOLE, PARCHI E FORESTE Annata agraria 2011 Andamento delle produzioni agricole e dei mercati in Provincia di Cuneo AGGIORNATO AL 2012 Gli

Dettagli

Torino, 7 Aprile 2011 IL RUOLO DEI BIOCARBURANTI NELLA LOTTA ALL INQUINAMENTO DELLE CITTA. Dott. Gennaro Ferrante

Torino, 7 Aprile 2011 IL RUOLO DEI BIOCARBURANTI NELLA LOTTA ALL INQUINAMENTO DELLE CITTA. Dott. Gennaro Ferrante Torino, 7 Aprile 2011 IL RUOLO DEI BIOCARBURANTI NELLA LOTTA ALL INQUINAMENTO DELLE CITTA Dott. Gennaro Ferrante Assocostieri è l associazione italiana della logistica energetica, aderisce a Confindustria

Dettagli

IL MERCATO DELLE DOP E IGP IN ITALIA

IL MERCATO DELLE DOP E IGP IN ITALIA Direzione Mercati e Supporto alle Decisioni IL MERCATO DELLE DOP E IGP IN ITALIA Estratto dalla relazione ISMEA nell ambito del Convegno Dop, Igp, Stg: i numeri della qualità Settembre 2010 Introduzione

Dettagli

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Bollettino

Dettagli

Report 2013 (esercizio contabile RICA 2011)

Report 2013 (esercizio contabile RICA 2011) L AGRICOLTURA IN PUGLIA CARATTERISTICHE STRUTTURALI E RISULTATI AZIENDALI Report 2013 (esercizio contabile RICA ) INEA Sede regionale per la Puglia a cura di Donato Carone Giacomo Casiello Anna Maria Lapesa

Dettagli

Fidia SpA: il CdA approva la Relazione Trimestrale al 31 marzo 2007

Fidia SpA: il CdA approva la Relazione Trimestrale al 31 marzo 2007 comunicato stampa Fidia SpA: il CdA approva la Relazione Trimestrale al 31 marzo 2007 Il fatturato consolidato è di 6,5 milioni di euro rispetto ai 7,5 milioni di euro del 31 marzo 2006 L EBITDA passa

Dettagli

6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA IN LOMBARDIA Risultati definitivi

6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA IN LOMBARDIA Risultati definitivi 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA IN LOMBARDIA Risultati definitivi SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI L Istat diffonde oggi un approfondimento sui principali aspetti strutturali e sull evoluzione del

Dettagli

Relazione del Tesoriere

Relazione del Tesoriere Relazione del Tesoriere Il bilancio chiuso al 31 dicembre 2007 evidenzia un disavanzo di gestione di 6.064, con un decremento di 26.487 rispetto al bilancio consuntivo relativo al 2006. Tale variazione

Dettagli

L AGRICOLTURA NELLA CAMPANIA IN CIFRE 2012. Assessorato Agricoltura

L AGRICOLTURA NELLA CAMPANIA IN CIFRE 2012. Assessorato Agricoltura L AGRICOLTURA NELLA CAMPANIA IN CIFRE 2012 Assessorato Agricoltura Coordinamento: Rossella Ugati La stesura delle singole parti si deve a: Economia e agricoltura: Concetta Menna e Tonia Liguori (Impiego

Dettagli

Il turismo in provincia di Treviso nel primo semestre del 2010

Il turismo in provincia di Treviso nel primo semestre del 2010 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 14 Settembre 2010 Il turismo in provincia di Treviso nel primo semestre del 2010 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale Il turismo in provincia

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VG41U ATTIVITÀ 73.20.00 RICERCHE DI MERCATO E SONDAGGI DI OPINIONE Giugno 2013 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore UG41U Ricerche di mercato e sondaggi

Dettagli

Occupati - Totale economia livello, migliaia

Occupati - Totale economia livello, migliaia VALLE D AOSTA Le previsioni al 215: impiego di lavoro Nel corso del periodo 28-215 1, la Valle d Aosta sperimenterà una dinamica occupazionale positiva. L incremento medio annuo sarà dello.9 per cento,

Dettagli

Stima dei costi di produzione delle olive da olio (Indagine ISMEA 2011-2012)

Stima dei costi di produzione delle olive da olio (Indagine ISMEA 2011-2012) I.S.I.S.S. FIANI-LECCISOTTI A.S. 2015/2016 Documento elaborato dalla classe 3^A AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Tutor di progetto prof. Nicola Napolitano Stima dei costi di produzione delle olive da

Dettagli

Indicatori congiunturali del settore delle costruzioni in provincia di Padova

Indicatori congiunturali del settore delle costruzioni in provincia di Padova Indicatori congiunturali del settore delle costruzioni in provincia di Padova Anno 2015 Indicatori congiunturali del settore delle costruzioni in provincia di Padova - Anno 2015 In questa nota vengono

Dettagli

XVIII Rapporto AlmaLaurea sul Profilo e la Condizione occupazionale dei laureati UNIVERSITA E LAVORO, UN PAESE A DUE VELOCITA

XVIII Rapporto AlmaLaurea sul Profilo e la Condizione occupazionale dei laureati UNIVERSITA E LAVORO, UN PAESE A DUE VELOCITA XVIII Rapporto AlmaLaurea sul Profilo e la Condizione occupazionale dei laureati UNIVERSITA E LAVORO, UN PAESE A DUE VELOCITA Napoli, - Il XVIII Rapporto AlmaLaurea sul Profilo e la Condizione occupazionale

Dettagli

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 03 Febbraio 2015. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 03 Febbraio 2015. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 03 Febbraio 2015 Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa 2 POSITIVI NEGATIVI STABILI Aumento costante della domanda di mutui Aumento

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG42U ATTIVITÀ 74.40.2 AGENZIE DI CONCESSIONE DEGLI SPAZI PUBBLICITARI

STUDIO DI SETTORE TG42U ATTIVITÀ 74.40.2 AGENZIE DI CONCESSIONE DEGLI SPAZI PUBBLICITARI STUDIO DI SETTORE TG42U ATTIVITÀ 74.40.2 AGENZIE DI CONCESSIONE DEGLI SPAZI PUBBLICITARI Luglio 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore TG42U Agenzie di concessione degli spazi pubblicitari,

Dettagli

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici Corso del Popolo 30 05100 Terni Tel +39 0744.549.742-3-5 statistica@comune.tr.it INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ

Dettagli

ALFID. Associazione Laica Famiglie in Difficoltà

ALFID. Associazione Laica Famiglie in Difficoltà ALFID Associazione Laica Famiglie in Difficoltà Separazione e Divorzio: alcuni dati a confronto sui principali recenti cambiamenti in Provincia di Trento e nel resto d Italia a cura di Marco Brusegan Il

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione COSTRUZIONI Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nell ultimo decennio le costruzioni hanno prodotto mediamente circa il 5.9 del Pil italiano. Negli ultimi anni si è assistito

Dettagli

Le retribuzioni medie si sono invece mantenute più o meno stabili intorno ai 2.400 euro mensili.

Le retribuzioni medie si sono invece mantenute più o meno stabili intorno ai 2.400 euro mensili. INTRODUZIONE La presente analisi si propone di approfondire l andamento economico che ha caratterizzato la città di Roma negli ultimi anni attraverso un quadro dei dati amministrativi INPS riguardanti

Dettagli

Il settore delle cave a Carrara

Il settore delle cave a Carrara Associazione Industriali Massa Carrara Il settore delle a Carrara Note redatte in base alle stime del Comune di Carrara sui valori medi delle produzioni nelle singole (2012) Premessa Alcuni quotidiani

Dettagli

IL TURISMO IN CIFRE NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA GENNAIO

IL TURISMO IN CIFRE NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA GENNAIO G ENNAIO 2010 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma Proseguono anche nel mese di Gennaio nella provincia di Roma i segnali di ripresa della domanda turistica, che ha registrato

Dettagli

Comunicato stampa. 14 Salute N. 0352-0903-10. Tassi di mortalità ancora in leggero calo. Cause di morte nel 2007. Embargo: 23.03.

Comunicato stampa. 14 Salute N. 0352-0903-10. Tassi di mortalità ancora in leggero calo. Cause di morte nel 2007. Embargo: 23.03. Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 23.03.2009, 9:15 14 Salute N. 0352-0903-10 Cause di morte nel 2007 Tassi di mortalità ancora in leggero

Dettagli

Statistica Applicata all edilizia Lezione 3: i numeri indice

Statistica Applicata all edilizia Lezione 3: i numeri indice Lezione 3: i numeri indice E-mail: orietta.nicolis@unibg.it 24 marzo 2009 Programma Programma Operazioni statistiche elementari Vengono utilizzate per confrontare fenomeni nel tempo (nello stesso luogo

Dettagli