Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?"

Transcript

1 Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato e modificato da M. Di Benedetto 2 1 Department of Animal & Poultry Science, University of Guelph, Guelph, Ontario, Canada N1G 2W1 2 DVM, Consulenze Aziendali Zootecniche studio associato Nel corso degli ultimi 40 anni ci sono state poche ricerche volte a stimare i fabbisogni vitaminici delle specie avicole, e così, di conseguenza, i valori NRC (1994) fungono ancora da standard. tab. 1: Fabbisogni vitaminici secondo NRC (1994) comparati alle raccomandazioni commerciali e di campo (Leeson, 2007) Galline ovaiole Broiler Starter (ingestione 100gr/capo/gg) Vitamina NRC Leeson and Summers 1 DSM 2 NRC Leeson and Summers 1 DSM 2 A (UI) D3 (UI) E (mg) K (mg) 0, , B12 (µg) Biotina (µg) Colina (mg) ac.folico (mg) 0,25 1 0,5-1 0, PP (mg) ac.pantot.(mg) B6 (mg) 2, , B2 (mg) 2, , B1 (mg) 0,7 2 1,5-3 1, Leeson and Summers (2005) 2 DSM (2006) Biotina per diete a base Mais

2 I FABBISOGNI VITAMINICI NRC 1994 Questi fabbisogni appaiono molto lontani dagli attuali, commercialmente utilizzati, perché: La loro elaborazione è lontana nel tempo, essendo datata al periodo compreso tra il 1990 ed il E basata su lavori apparsi su libri e riviste referenziate pubblicati negli ultimi 40 anni, non tenendo quindi conto degli enormi progressi effettuati dalla genetica, dalla nutrizione e dalle tecniche di allevamento nel corso degli ultimi anni. Molti esperimenti tra quelli presi in considerazione sono stati effettuati utilizzando delle diete purificate o semipurificate, caratterizzate da digeribilità decisamente superiori a quelle commerciali (ad es. proteina isolata di soja o caseina come fonte proteica ed amminoacidica, e destrosio, amido e saccarosio come fonte di energia). Data la difficoltà che le suddette diete presentano alla pellettatura, la forma fisica dei mangimi utilizzati per queste prove era essenzialmente in farina, con caratteristiche non omogenee in termini di granulometria, colore e consistenza. Oltre a questo, occorre considerare che la quasi totalità dei mangimi per avicoli è oggi prodotto in forma pellettata o sbriciolata, indispensabile per il raggiungimento delle performance previste dai produttori di genetica. La maggior parte degli studi presi in esame da NRC (1994) sui fabbisogni vitaminici sono basati sull osservazione della presenza/assenza di stati carenziali e/o parametri produttivi di base quali numero e peso di uova, accrescimento ed indice di conversione, senza tener conto dei dati sanitari, dei dati di macellazione e delle caratteristiche organolettiche del prodotto finale. Una revisione di queste informazioni indica che numerosi valori sono frutto di stima, o estrapolati da specie simili o, come per i riproduttori di broiler, semplicemente non disponibili. I CAMBIAMENTI NEL POTENZIALE GENETICO L interesse attuale per la formulazione dei livelli vitaminici nelle diete per avicoli deriva dalla constatazione che i miglioramenti nel potenziale genetico di ovaiole ed animali da carne impongono una rivalutazione dei fabbisogni in quanto il miglioramento degli indici di conversione (diminuzione della quantità di mangime ingerito per unità di prodotto) ha comportato un continuo declino di ingestione di vitamine rapportato al peso di uova o carne prodotte. Questa diminuzione è stimabile intorno all 1% per le ovaiole ed allo 0,6-0,8% per gli animali da carne.

3 La seguente tabella (tab. 2) mostra questo fenomeno nel corso degli ultimi 20 anni su ovaiole (bianche), polli e tacchini prendendo come esempio la vitamina E: tab. 2: Ingestione di vit. E per unità di produzione, diete contenenti 20 UI di vit. E/Kg (Leeson, 2007) /anno Ovaiole (1Kg) Broiler (2Kg) Tacchini (14Kg) 2,7 UI/uovo 2,1 UI/uovo -1,1% 40 UI/Kg incremento 55 UI/Kg incremento 34 UI/Kg incremento 48 UI/Kg incremento -0,8% -0,6% Questa ridotta ingestione di vitamine costituisce la base dei miglioramenti nelle performance quando vengono somministrati mangimi contenenti livelli di vitamine più alti del normale. Per molte vitamine, quello che era descritto nel 1993 come alto livello di supplementazione è ora descritto in maniera più appropriata come moderato o basso livello. Per le galline ovaiole, la maturità più precoce raggiunta ad un peso corporeo più basso impone una ulteriore variabile sulle specifiche dietetiche delle vitamine. La maggior parte dei mangimi da ovaiole oggi vengono formulati basandosi sull ingestione giornaliera. Data la previsione di ingestioni ridotte, il livello di nutrienti nella dieta quali amminoacidi e calcio vengono invariabilmente aumentati. Comunque, l adeguamento dei livelli vitaminici sulla base dell ingestione rimane inusuale. Ad ogni stadio di produzione, l ingestione di vitamina D 3 rappresenta un fattore critico per il raggiungimento e l ottenimento della qualità del guscio e dell integrità scheletrica. La tabella 3 mostra come l ingestione di vitamina D 3 venga influenzata dall ingestione di mangime al debutto della fase di produzione: tab. 3: Specifiche del mangime per Ca, P dig. e vitamina D 3 necessarie per mantenere ingestioni giornaliere di: Ca 4g, P dig. 0,4g, vit. D UI su galline bianche ad inizio produzione (Leeson, 2007) Età Produzione (%) Ingestione (g/gg) Ca (%) P dig. (%) vit.d 3 (UI/Kg mangime) ,30 0, ,00 0, ,70 0, ,40 0, ,20 0,

4 VARIAZIONE DELL IMPORTANZA DEI PARAMETRI UTILIZZATI PER VALUTARE I FABBISOGNI VITAMINICI Nel corso del tempo le nostre aspettative relative al ruolo dei diversi nutrienti sono cambiate. Come detto in precedenza, la maggior parte dei fabbisogni vitaminici espressi da NRC (1994) sono valutati con criteri legati a parametri produttivi che oggi appaiono onestamente semplicistici. Oggi questi criteri di valutazione sono stati estesi, ed il ruolo del nutrizionista è di valutare le necessità per raggiungere questi nuovi obiettivi nella maniera più proficua in termini di costo/beneficio. La tabella 4 sottolinea i criteri di valutazione che sono ora spesso applicati ai fabbisogni di vitamine e di altri nutrienti: tab. 4: Criteri di valutazione per le vitamine(leeson, 2007) NRC (1994) Criteri aggiunti correnti Ovaiole n uova composizione uova peso uova parte solida qualità guscio effetto immunità benessere Broiler peso caratteristiche carcassa indice conversione resa in petto mortalità qualità microbiologica effetto immunità Oggi è di grande importanza la capacità potenziale dei nutrienti come le vitamine ad agire come sostanze nutraceutiche, in termini di benessere e salute degli avicoli ed in particolare di capacità di risposta immunitaria. In particolare c è il sospetto che virtualmente tutti i dati usati nella raccolta dei fabbisogni vitaminici di NRC (1994) derivino da studi nei quali gli animali erano in stato di salute ottimale e non sotto stress immunitario. Infatti, in molti di questi classici studi non era stato necessario effettuare alcuna vaccinazione sugli animali sottoposti ai test.

5 FABBISOGNI A SOSTEGNO DELLA SALUTE GENERALE DEGLI ANIMALI L effetto delle vitamine sulla salute ed in particolare sulla risposta immunitaria degli animali è uno degli elementi di più grande impatto sulla rivalutazione dell addizione vitaminica alla dieta. Sell ed al. (1997) sostengono che i livelli di vitamina E di NRC (1994) sono probabilmente sufficienti per tacchini in accrescimento esenti da patologie, ma basandosi su studi precedenti (Soto-Salanova e Sell, 1996) dimostrano che i depositi di α-tocoferoli nei tacchinotti sono bassi e declinano precipitosamente nei primi 14 giorni di vita. La somministrazione di vit. E per via parenterale o aggiunta al mangime (150mg/Kg), pur non eliminando il fenomeno lo attenuò in maniera sensibile. La riduzione del tenore di vit. E nel fegato dei tacchinotti non soggetti a stress non ha determinato effetti sul loro stato di salute, ma dopo somministrazione di vit. E è stata evidenziata una minore suscettibilità dei globuli rossi all emolisi. Alti livelli di vitamina E nel mangime sono in grado di sostenere la produzione di uova in galline sottoposte a stress termico. Inducendo uno stress termico con temperature pari a 32 C Bollengier-Lee et al. (1998) hanno dimostrato una produzione di uova più elevata in ovaiole alimentate con 500 vs. 10 mg di vitamina E/Kg. In altri test l effetto, seppur meno pronunciato, è stato sempre confermato, sotto forma di aumento, nel plasma degli animali sottoposti al test, di calcio, vitellogenino e VLDL. Questi animali, inoltre, hanno sempre recuperato più velocemente da stress termici di breve durata. Questi autori conclusero che l extra vitamina E aiutò questi animali stressati attraverso il miglioramento dell integrità della membrana degli epatociti e/o attraverso la modulazione dell attività o della concentrazione dello Estradiolo. Risultati simili sono stati ottenuti da Whitehead et al. (1998) utilizzando gli stessi livelli di vitamina E (500 mg/kg mangime); il livello di vitamina E nel plasma era linearmente correlato a quello della dieta, e ritornò ai livelli di base quattro settimane dopo la rimozione dell extra vitamina E dalla dieta. Questi autori suggeriscono che la funzione di antiossidante che in generale la vitamina E esplica abbia un effetto sul livello di vitellogenino (che rappresenta il più importante precursore del tuorlo) circolante. Il controllo dei livelli di vitellogenino nel plasma e nel fegato suggeriscono che lo stress da caldo non pregiudichi la produzione in sé di quest ultimo, ma comprometta il suo rilascio nella circolazione generale. Numerose ricerche sono state condotte recentemente anche sulla vitamina D 3 : uno studio condotto da Atencio et al. ha evidenziato nei broiler alimentati con mangimi contenenti 3200 UI di vitamina D 3 pesi più alti quando nati da riproduttori che avevano ricevuto almeno 4000 UI di vitamina D 3 /Kg di mangime. Whitehead et al. (2004) suggerisce che il fabbisogno per i moderni broiler sia notevolmente superiore rispetto a quello suggerito da NRC (1994) ed anche superiore ai limiti legali stabiliti dall UE. In due prove, alimentando gli animali con mangimi contenenti UI di vitamina D 3 sono stati ottenuti accrescimenti migliori rispetto ad altri alimentati con diete contenenti un pur alto livello pari a UI. La robustezza della tibia è risultata proporzionale al livello alimentare di vitamina D 3, mentre l incidenza della discondroplasia tibiale è stata ridotta con UI ed si è azzerata con UI.

6 FABBISOGNI PER FAVORIRE LA RISPOSTA IMMUNITARIA Sono stati condotti numerosi studi sull effetto di un supplemento vitaminico (specialmente delle vitamine A, D, E, e C) sulla risposta immunitaria di broiler, galline riproduttrici ed ovaiole. In generale, qualsiasi risposta alla somministrazione di vitamine si registra ad un livello di almeno 10 volte superiore rispetto a quello suggerito da NRC (1994), e spesso pari a 2-3 volte quello usato commercialmente. La vitamina E ed il suo dosaggio ha riguardato la maggior parte degli studi più recenti. Sijben et al. (2002), partendo dalla constatazione dell effetto degli ac.grassi poliinsaturi (PUFA) sul sistema immunitario, hanno indagato il possibile sinergismo tra PUFA e vitamina E sul sistema immunitario. Utilizzando un mangime contenente 80mg/Kg di vitamina E ed il 10% di PUFA non ha riscontrato apparenti interazioni od effetti benefici sulla accumulazione dei PUFA nei tessuti o sulla loro attività (a questo proposito è opportuno rilevare come il sinergismo tra vitamina E e PUFA documentato in numerosi lavori sia probabilmente legato all effetto più propriamente antiossidante della vitamina, e quindi si verifichi solo in caso di ossidazione degli ac. grassi MDB). Puthpongsiriporn et al. (2001) hanno studiato l effetto della vitamina E sulla proliferazione di linfociti e sullo status ossidativo in galline sottoposte a stress da caldo ed alimentate con mangimi contenenti livelli di vitamina E fino a 65 mg/kg. Lo stress da caldo è stato simulato attraverso fluttuazioni giornaliere della temperatura da 21 a 35 C o attraverso temperature costanti pari a 35 C. Il livello dei 65 mg ha aumentato la massa di uova prodotta negli animali sottoposti a stress termico, ma non in quelli di controllo. E stato altresì verificato un incremento nella proliferazione di linfociti in seguito a somministrazione di S. typhimurium nei gruppi alimentati con 45 e 65 mg rispetto a quello con 25 mg. Tabella 5: effetto di diversi livelli di vitamina E sulla massa di uova prodotta da galline ovaiole sottoposte a stress da caldo (Puthpongsiriporn et al., 2001).

7 E stato inoltre verificato un effetto su alcune delle caratteristiche qualitative delle uova: Tabella 6: effetto di diversi livelli di vitamina E sulla qualità di uova prodotte da galline ovaiole sottoposte a stress da caldo (Puthpongsiriporn et al., 2001). I valori riportati dalla tabella precedente confermano l ipotesi che in condizioni di stress da caldo livelli poco più che commerciali di vitamina E aggiunti al mangime aumentano il peso del tuorlo attraverso un incremento di vitellogenino circolante. In un secondo studio gli stessi ricercatori, oltre a confermare i rilievi precedenti, hanno evidenziato un effetto sinergico (o addizionale) tra vitamina E e vitamina C sia sul numero che sulla massa di uova prodotte.

8 Tabella 7: effetto di diversi livelli di vitamina E in combinazione o meno con vitamina C sui parametri produttivi di galline ovaiole sottoposte a stress da caldo (Puthpongsiriporn et al., 2001). Dal punto di vista della produzione anticorpale, Leshchinsky (2001) al termine di numerosi studi ha evidenziato che il livello di vitamina E più efficace si posiziona a 50 mg/kg di mangime, livello oltre il quale la risposta immunitaria non è più lineare. Una causa di variabilità nella risposta del sistema immunitario a vari dosaggi di vitamina E (e probabilmente di altre vitamine) va ricercata nella differente risposta da parte di differenti tipi genetici. Boa-Amponsen et al. (2000) hanno utilizzato tre diverse linee di broiler in purezza per studiare la risposta a due diete caratterizzate da un diverso contenuto in vitamina E (10 vs. 300 UI/Kg). In due delle tre linee il livello più alto di vitamina E ha contribuito a mantenere più alta la risposta di anticorpi primari e secondari dopo iniezione di globuli rossi eterologhi, mentre nella terza linea genetica la risposta è stata addirittura negativa. Anche l effetto sulle IgF e le IgM ha avuto lo stesso andamento linea-dipendente. Gli autori concludono che la vitamina E migliora la capacità fagocitarla del sistema immunitario, nonostante abbia un limitato effetto sull immunità cellulo-mediata. Comunque, tutti gli effetti sembrano avere una componente legata alla genetica, e questo può spiegare la variabilità delle risposte immunitarie alla vitamina E. L attività della vitamina D 3 è ben nota sui processi di ossificazione, ma è stata studiata anche per le sue implicazioni sul sistema immunitario. Aslam et al. (1998) hanno mostrato che livelli inadeguati di questa vitamina nella dieta compromettono la risposta immunitaria. Infatti, la risposta ad una dieta inadeguata è stata una ridotta attività dei basofili in risposta a delle emoagglutinine cutanee. Anche il peso del timo per unità di peso corporeo nonché l attività dei macrofagi sono risultati depressi. Gli autori concludono che la deficienza di vitamina D 3 interferisce negativamente sulla risposta immunitaria di tipo cellulo-mediata. Una altra serie di studi sono stati condotti sulla risposta immunitaria indotta dalla vitamina D 3 in comparazione con la vitamina 25-OH D 3.

9 Questi studi non hanno evidenziato un effetto legato alla fonte di vitamina D, ma hanno chiarito che livelli di (galline ovaiole) e di (broiler e tacchini) UI/Kg di mangime sono indispensabili per un normale funzionamento del sistema immunitario. SUGGERIMENTI NEOFARMA PER OTTIMIZZARE L APPORTO VITAMINICO (Seleziona link su rassegna stampa)

STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH

STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH Management gestionale Metodo di gestione 4.5.1 STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH I suinetti lattanti e svezzati hanno un potenziale

Dettagli

Nuovo approccio alla gestione TECNICO-ECONOMICO-COMMERCIALE dell allevamento del suino destinato agli autoproduttori di mangime. www.deatechsrl.

Nuovo approccio alla gestione TECNICO-ECONOMICO-COMMERCIALE dell allevamento del suino destinato agli autoproduttori di mangime. www.deatechsrl. Nuovo approccio alla gestione TECNICO-ECONOMICO-COMMERCIALE dell allevamento del suino destinato agli autoproduttori di mangime Contesto Il rispetto dei fabbisogni e degli equilibri nutrizionali in gestazione

Dettagli

Alimentazione Fabbisogni 4.8

Alimentazione Fabbisogni 4.8 08/2000 Alimentazione Fabbisogni 4.8 IL FOSFORO P di Cosmino Giovanni Basile Lo scheletro è la parte più ricca di fosforo di tutto l organismo. Nel tessuto osseo il P si trova sotto forma di fosfato tricalcico

Dettagli

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI di Andrea Formigoni Universita degli Studi di Bologna Facolta di Medicina Veterinaria Introduzione Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione

Dettagli

ALLEVAMENTO AVICOLO. Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne

ALLEVAMENTO AVICOLO. Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne ALLEVAMENTI AVICOLI ALLEVAMENTO AVICOLO Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne Possono essere di tipo: -Tradizionale - Intensivo

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

CoMpoNENTI ANALITICI. Umidità 82,0 %; Proteina grezza 9,6 %; Oli e grassi grezzi 4,5 %; Ceneri grezze 3,0 %; Fibra grezza 0,3 %.

CoMpoNENTI ANALITICI. Umidità 82,0 %; Proteina grezza 9,6 %; Oli e grassi grezzi 4,5 %; Ceneri grezze 3,0 %; Fibra grezza 0,3 %. ALIMENTO COMPLETO MONOPROTEICO PER CANI professional pets Codice Art.: DOGS001 Articolo: ALIMENTO CANE 400 G. CONIGLIO CON CAVOLFIORE Codice EAN: 8033993951549 pz. per cartone: 12 150 g. - 400 g. coniglio

Dettagli

- Mangime accrescimento: 4-10 settimane (5-10/11 climi caldi) - Mangime pollastre: 10-15/16 settimane

- Mangime accrescimento: 4-10 settimane (5-10/11 climi caldi) - Mangime pollastre: 10-15/16 settimane Pollo012-3 -PUNTI ESSENZIALI OBIETTIVO Rispetto norme di accrescimento e di omogeneità es. g xxxx±xx ( vedi ISABrown) Sviluppo apparato digerente Condizioni di svezzamento densità ad età dello sfoltimento

Dettagli

Incidenza del COSTO ALIMENTARE sul prezzo di realizzo carne suina

Incidenza del COSTO ALIMENTARE sul prezzo di realizzo carne suina NUOVI CONCETTI PER LA LINEA INGRASSO 2015-2016 Incidenza del COSTO ALIMENTARE sul prezzo di realizzo carne suina 70 60 50 40 30 % 20 10 0 1999 2001 2008 2010 2012 EVOLUZIONE dell I.C. degli ALLEVAMENTI

Dettagli

L alimentazione del cane e del gatto anziano

L alimentazione del cane e del gatto anziano L alimentazione del cane e del gatto anziano Età alla quale cani e gatti sono da ritenersi anziani Cani di taglia piccola Cani di taglia media Cani di taglia grande Cani di taglia gigante Gatti Peso (kg)

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni Catalogo 2015 Pet-Food Alimentazione completa e bilanciata Centro è una linea di prodotti di successo per animali d affezione formulati, secondo le

Dettagli

Provincia di Forlì - Cesena

Provincia di Forlì - Cesena 1 Il settore avicolo si presenta Marzo 2013 Introduzione: il settore avicunicolo in carni avicole 19% carni ovicaprine 3% La produzione avicola italiana si compone per oltre il 57% da carne di pollo, per

Dettagli

L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI. Gestazione Allattamento Accrescimento

L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI. Gestazione Allattamento Accrescimento L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI Gestazione Allattamento Accrescimento LARN 1996 GESTAZIONE Il fabbisogno aggiuntivo è in funzione del IMC pre-gravidanza gravidanza. Per un corretto esito della gravidanza,

Dettagli

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Commissione Allergie Alimentari della SIAIP Dott. Alberto Martelli (Responsabile Scientifico) Dott.ssa Loredana Chini Dott.ssa Iride

Dettagli

www.oasy.com Servizio Consumatori Numero Verde 800 555040 Grandi novita per noi amici dell uomo...

www.oasy.com Servizio Consumatori Numero Verde 800 555040 Grandi novita per noi amici dell uomo... www.oasy.com Servizio Consumatori Numero Verde 800 555040 Grandi novita per noi amici dell uomo... NO CRUELTY NATURAL QUALITY LOVE OGM & SOIA Pochi legami sono così forti: mentre il tuo cane non ti abbandona

Dettagli

Benessere per il tuo cane. prodotto italiano

Benessere per il tuo cane. prodotto italiano Benessere per il tuo cane prodotto italiano I prodotti La formula migliore dopo il tuo amore Per far crescere e mantenere un cane sano ed attivo nel tempo è importante scegliere un alimentazione di alta

Dettagli

Galline Ovaiole Commerciali - Sistemi Alternativi. Seconda Edizione

Galline Ovaiole Commerciali - Sistemi Alternativi. Seconda Edizione Galline Ovaiole Commerciali - Sistemi Alternativi Seconda Edizione W-36 BROWN Performance Manuale Standard Standards di Performance Manual Raccomandazioni Gestionali Generali Il potenziale genetico delle

Dettagli

La nutrizione nello sport

La nutrizione nello sport La nutrizione nello sport Una corretta alimentazione deve coprire in modo ottimale il fabbisogno energetico e plastico di un individuo, tenendo conto della fase di accrescimento, dell attività muscolare

Dettagli

Progetto ALAPAS. Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia

Progetto ALAPAS. Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia Progetto ALAPAS Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia Obiettivi del progetto Supportare e attuare la normativa europea sull agricoltura biologica Identificare e caratterizzare

Dettagli

LA CARNE ROSSA: FONTE DI NUTRIENTI, RISCHIO DI PATOLOGIE, IMPATTO AMBIENTALE

LA CARNE ROSSA: FONTE DI NUTRIENTI, RISCHIO DI PATOLOGIE, IMPATTO AMBIENTALE LA CARNE ROSSA: FONTE DI NUTRIENTI, RISCHIO DI PATOLOGIE, IMPATTO AMBIENTALE Laura Rossi, Ph.D. Is0tuto Nazionale di Ricerca per gli Alimen0 e la Nutrizione, Roma Roma, 11 Dicembre 2012 Una alimentazione

Dettagli

Curve di crescita di alcune razze di cani. Età di raggiungimento delle dimensioni. Crescita

Curve di crescita di alcune razze di cani. Età di raggiungimento delle dimensioni. Crescita I cuccioli hanno un fabbisogno nutrizionale più elevato: non devono solo preoccuparsi del buon funzionamento del loro organismo e di mantenere la giusta temperatura corporea, ma devono anche sviluppare

Dettagli

AviagenBrief. Sommario. Persistenza post picco nelle femmine Gestione fertilità e produzione. Maggio 2013

AviagenBrief. Sommario. Persistenza post picco nelle femmine Gestione fertilità e produzione. Maggio 2013 AviagenBrief Maggio 2013 Persistenza post picco nelle femmine Gestione fertilità e produzione Michael Longley, Global Technical Transfer Manager Sommario Introduzione Il numero dei pulcini risulta spesso

Dettagli

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion SUPER PREMIUM PREMIUM Flavor & Passion Flavor & Passion Con oltre 35 anni di esperienza nella nutrizione animale, Adragna Pet Food offre da sempre alimenti di alta qualità per cani e gatti. Riprendendo

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI Fabbisogno energetico dei cani a diversi stati fisiologici (kcal/em). PESO CORPOREO (kg) MANTENIMENTO (kcal/em) TARDA GRAVIDANZA

Dettagli

Cuccioli 2/12 mesi. Caratteristiche nutrizionali

Cuccioli 2/12 mesi. Caratteristiche nutrizionali Catalogo Prodotti Cuccioli 2/12 mesi Pollo primo ingrediente Alto contenuto di riso Ricco di Calcio e Vitamine Corretto rapporto Calcio/Fosforo Lievito di birra Fructo oligosaccaridi Formula Vitamin Plus

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

sono numero a questo rintracciabile UOVA: ISTRUZIONI PER L USO UNA GUIDA ALL ACQUISTO E AL CONSUMO GARANTITI

sono numero a questo rintracciabile UOVA: ISTRUZIONI PER L USO UNA GUIDA ALL ACQUISTO E AL CONSUMO GARANTITI sono rintracciabile a questo numero 3IT006RG 1 1 6 UOVA: ISTRUZIONI PER L USO GUIDA ALL ACQUISTO E AL CONSUMO GARANTITI CAMPAGNA FINANZIATA CON IL CONTRIBUTO DELLA COMUNITÀ EUROPEA E DELLO STATO ITALIANO

Dettagli

Una corretta nutrizione é estremamente importante in gravidanza: bambini nato sottopeso (<2-2.4 kg) malattie gravi durante l infanzia.

Una corretta nutrizione é estremamente importante in gravidanza: bambini nato sottopeso (<2-2.4 kg) malattie gravi durante l infanzia. Fabbisogno energetico in gravidanza Una corretta nutrizione é estremamente importante in gravidanza: bambini nato sottopeso (

Dettagli

VITAMINE. Classificazione Liposolubili e idrosolubili (la solubilità influenza il loro modo di essere assorbite, accumulate ed escrete).

VITAMINE. Classificazione Liposolubili e idrosolubili (la solubilità influenza il loro modo di essere assorbite, accumulate ed escrete). VITAMINE Definizione Composti organici che agiscono in piccolissime quantità nell organismo animale promuovendo e regolando numerose funzioni metaboliche. Classificazione Liposolubili e idrosolubili (la

Dettagli

Molti allevamenti sono

Molti allevamenti sono Indice di conversione alimentare Così produrre costa meno Oltre la metà delle spese di allevamento è costituita dall alimentazione Una gestione efficiente consente di risparmiare ottenendo risultati migliori

Dettagli

GRANCAT ALIMENTI PET FOOD. Linea Vigordog. GRANDOG Alimenti Professionali per Cani Professionisti

GRANCAT ALIMENTI PET FOOD. Linea Vigordog. GRANDOG Alimenti Professionali per Cani Professionisti ALIMENTI PET FOOD La linea PET FOOD VITAVERDE è composta da varie linee di crocchette, da paste, riso, alimenti umidi e sabbie per offrire al cliente una gamma completa. Tale linea è mirata, come nostra

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

HEPATIC PATOLOGIE EPATICHE

HEPATIC PATOLOGIE EPATICHE HEPATIC PATOLOGIE EPATICHE È il cibo studiato appositamente per il tuo cane se ha un fegato molto sensibile ed è di conseguenza soggetto al rischio di epatiti. Con Hepatic puoi evitare problemi a questo

Dettagli

Controllo del peso dell uovo nei Riproduttori

Controllo del peso dell uovo nei Riproduttori Ottobre 2014 Controllo del peso dell uovo nei Riproduttori Ali Yavuz, Senior Technical Service Manager and Dr. Antonio Kalinowski, Nutritionist Sommario Il controllo del peso dell uovo nella fase tardiva

Dettagli

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole ALIMENTAZIONE BENESSERE BELLESSERE Le proprietà farmacologiche, salutistiche, estetiche del cibo La mancanza di equilibrio tipica dell alimentazione moderna è spesso correlata al determinismo di molte

Dettagli

Con oltre 35 anni di esperienza nella nutrizione animale, Adragna Pet food offre da sempre alimenti di alta qualità per cani e gatti.

Con oltre 35 anni di esperienza nella nutrizione animale, Adragna Pet food offre da sempre alimenti di alta qualità per cani e gatti. Catalogo 2012 Con oltre 35 anni di esperienza nella nutrizione animale, Adragna Pet food offre da sempre alimenti di alta qualità per cani e gatti. Partendo dall impiego di materie prime di prima scelta

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista Fontane di Villorba 25.06.2005 I COMPONENTI DI UN LATTE

Dettagli

BROILER. Manuale Broiler Ross

BROILER. Manuale Broiler Ross BROILER Manuale Broiler Ross 2009 Informazioni Generali su questo Manuale L obiettivo di questo manuale è fornire assistenza ai clienti Aviagen per ottimizzare la performance degli animali. La sua finalità

Dettagli

E s p e r i e n z a e Te c n o l o g i e A l i m e n t a r i per BELLEZZA, PRESTAZIONI da VINCENTE, VITA SANA e LUNGA

E s p e r i e n z a e Te c n o l o g i e A l i m e n t a r i per BELLEZZA, PRESTAZIONI da VINCENTE, VITA SANA e LUNGA Formulazione Super Premium Sviluppata e testata per la salute e benessere del cane Gamma completa e differenziata per Taglia e Funzione nutrizionale Carni selezionate e pesce come ingredienti principali

Dettagli

Ferro funzionale: mioglobina, enzimi i respiratori Ferro di deposito: ferritina, emosiderina Ferro di trasporto: transferrina

Ferro funzionale: mioglobina, enzimi i respiratori Ferro di deposito: ferritina, emosiderina Ferro di trasporto: transferrina L anemia sideropenica (cause ed effetti) FERRO (Fe) TIPOLOGIE NELL ORGANISMO Ferro funzionale: emoglobina, mioglobina, enzimi i respiratori i Ferro di deposito: ferritina, emosiderina Ferro di trasporto:

Dettagli

L alimentazione della scrofa

L alimentazione della scrofa L alimentazione della scrofa Evoluzione del peso della scrofa nel corso della carriera produttiva (da: Deans Grove, 1996) Alimentazione della scrofa in gestazione Il piano alimentare deve essere tale da

Dettagli

7 Minutes Project Manager

7 Minutes Project Manager 7 Minutes Project Manager Alimentazione 7 regole d oro per un alimentazione corretta Un alimentazione corretta è la base per far si che tutta l attività motoria svolta da un soggetto si traduca in reali

Dettagli

Tabelle di composizione degli alimenti: guida all uso

Tabelle di composizione degli alimenti: guida all uso La nutrizione del paziente con IRC GIORNATA DI STUDIO EDTNA/ERCA - ANDID Tabelle di composizione degli alimenti: guida all uso Maria Pia Chiuchiù Laboratorio di Nutrizione -DIMI Università degli Studi

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

ZOSMA PREMISCELA ALIMENTARE DI ADDITIVI PER MANGIMI

ZOSMA PREMISCELA ALIMENTARE DI ADDITIVI PER MANGIMI ZOSMA PREMISCELA ALIMENTARE DI ADDITIVI PER MANGIMI VITALIZZANTE SPECIFICO DEL MANTELLO DEGLI ANIMALI CARATTERISTICHE Come è noto lo sviluppo del bulbo pilifero soggiace a numerose influenze endogene ed

Dettagli

La nutrizione azotata del suino e il bilancio dell'azoto in stalla

La nutrizione azotata del suino e il bilancio dell'azoto in stalla LIFE09 ENV/IT/000208 - AQUA Achieving good water quality status in intensive animal production areas La nutrizione azotata del suino e il bilancio dell'azoto in stalla Deroga nitrati cosa fare nel 2014

Dettagli

NATURA VERA MALDERA SRL. Titolo Progetto Valorizzazione del farinaccio di grano duro. tecniche mangimistiche innovative

NATURA VERA MALDERA SRL. Titolo Progetto Valorizzazione del farinaccio di grano duro. tecniche mangimistiche innovative NATURA VERA MALDERA SRL Titolo Progetto Valorizzazione del farinaccio di grano duro nell alimentazione li i delle specie avicole mediante tecniche mangimistiche innovative Denominazione/Ragione sociale:

Dettagli

Esperienze sull impiego di olio di girasole alto oleico nell alimentazione del suino pesante

Esperienze sull impiego di olio di girasole alto oleico nell alimentazione del suino pesante nell alimentazione dei suini e problematiche inerenti produzioni DO Cremona, 18 aprile 200 Esperienze sull impiego di olio di girasole alto oleico nell alimentazione del suino pesante Giacinto Della Casa

Dettagli

La qualità del latte passa dalle proteine

La qualità del latte passa dalle proteine La qualità del latte passa dalle proteine Il prezzo pagato agli allevatori in Italia si basa su formule per calcolare un eventuale premio, rispetto a una qualità stabilita. La gestione dell alimentazione,

Dettagli

LINEE PROFESSIONALI DEDICATE AGLI ALLEVATORI P DIUM BREEDER. Prodotto italiano

LINEE PROFESSIONALI DEDICATE AGLI ALLEVATORI P DIUM BREEDER. Prodotto italiano LINEE PROFESSIONALI DEDICATE AGLI ALLEVATORI P DIUM BREEDER O Prodotto italiano 1 PODIUM BREEDER È UNA LINEA DI ALIMENTI COMPLETI PER CANI STUDIATA PER SODDISFARE LE ESIGENZE DELL ALLEVAMENTO PROFESSIONALE

Dettagli

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes La rimonta è il futuro di un azienda, rappresenta un investimento per la redditività a lungo termine. Particolare attenzione

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

L UOVO, UN ALIMENTO FONDAMENTALE

L UOVO, UN ALIMENTO FONDAMENTALE L UOVO, UN ALIMENTO FONDAMENTALE Silvia Gaggiani Assicurazione Qualità OVITO Convegno Associazione Giuseppe Dossetti I Valori Alimentazione è Prevenzione Roma 23-05-2008 FATTORIA NOVELLI-OVITO Produzione

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

Scopo del lavoro è. Studio dell Istituto zooprofilattico di Brescia Rapporto tra acidi grassi saturi e insaturi nel latte bovino

Scopo del lavoro è. Studio dell Istituto zooprofilattico di Brescia Rapporto tra acidi grassi saturi e insaturi nel latte bovino Un valore che influenza la qualità nutrizionale, tecnologica e soprattutto organolettica dei prodotti finiti di Giuseppe Delle Donne, Antonio Marcolini, Giorgio Zanardi, Giuseppe Bolzoni Studio dell Istituto

Dettagli

PROGRAMMA SUINI LINEE SCROFE E SUINETTI

PROGRAMMA SUINI LINEE SCROFE E SUINETTI PROGRAMMA SUINI LINEE SCROFE E SUINETTI BIVIT produce mangimi completi, premiscele ed altre soluzioni innovative per l industria mangimistica, distinguendosi per un approccio indipendente, creativo e innovativo

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo Centro Veterinario S. Martino Dr. Marmiroli Mauro Obiettivi per un buon sistema di gestione della vitella Costruire il Sistema

Dettagli

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Giornata di Studio "Progetto Extravalore" Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Maria Federica Trombetta Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Università Politecnica

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA Il calore totale risulta dalla quantità di calore a cui l organismo è esposto (ambiente esterno) più il calore che esso stesso genera (processi metabolici). Esistono dei

Dettagli

MONOPROTEICO. PRESENTAZIONE della NUOVA LINEA SAFARI

MONOPROTEICO. PRESENTAZIONE della NUOVA LINEA SAFARI MONOPROTEICO PRESENTAZIONE della NUOVA LINEA SAFARI Alimento completo per gatti in accrescimento, in gravidanza e allattamento Caratterizzato da un elevata energia metabolizzabile: attività e crescita

Dettagli

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano LATTE E DERIVATI E TUMORE Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano MEDIE (g/die) DI CONSUMO DI LATTICINI IN ITALIA: INDAGINE INRAN-SCAI 2005

Dettagli

Qui potete trovare una guida fotografica passo-passo e un video sulla preparazione del cibo.

Qui potete trovare una guida fotografica passo-passo e un video sulla preparazione del cibo. Ricette Qui potete trovare una guida fotografica passo-passo e un video sulla preparazione del cibo. NOTA BENE: Queste ricette sono sconsigliate per gatti affetti da IRC (insufficienza renale cronica).

Dettagli

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO Presentazione di Luca dr. Valerani NORMATIVA SUI MANGIMI Dal 01/09/2010 è entrato in applicazione il regolamento Ce n. 767/2009 sull immissione sul

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1

Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1 Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1 Gian Luca Bagnara consulente Mercato Avicolo di Forlì Gli ultimi anni sono stati segnati da frequenti problemi nella produzione zootecnica europea, i quali

Dettagli

Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR)

Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR) Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR) Sommario Colostro e colostratura Il passaggio dall alimentazione lattea a quella solida:

Dettagli

Mantenere la Produttività nei mesi Estivi

Mantenere la Produttività nei mesi Estivi Mantenere la Produttività nei mesi Estivi «Poiché la produttività rappresenta il 36% del margine degli allevamenti di suini, in relazione al 25% che rappresenta il prezzo dei mangimi, appare indispensabile,

Dettagli

Masoero: quale nutrizione azotata

Masoero: quale nutrizione azotata Le posizioni del docente piacentino sulla nutrizione azotata della bovina da latte e sull efficienza di utilizzazione amminoacidica. Da un recente convegno Crpa Alimentazione Masoero: quale nutrizione

Dettagli

30.5/11.3 FIRST DAY S Alimento completo per cuccioli in fase di svezzamento. First Day s è un alimento completo e bilanciato di qualità superiore, integrato con principi fitoterapici ad attività immunostimolante

Dettagli

Allevali con le tue mani e sai cosa mangi

Allevali con le tue mani e sai cosa mangi Allevali con le tue mani e sai cosa mangi Linea Agri PRODOTTI LINEA AGRI Sani si cresce, gustosi si diventa Dichiarazione per i consumatori dei prodotti tutti i mangimi ZOOTECNICI e PETFOOD sono prodotti

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014 ESPOSIZIONE UNIVERSALE (EXPO) EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014 CENNI STORICI Cos è EXPO: EXPO = Esposizione Universale EXPO = esposizione a carattere INTERNAZIONALE. Ogni EXPO

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI)

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) Sono i composti chimici dei viventi. Sono formate da Carbonio (C), Idrogeno (H), Ossigeno (O), Azoto (N), Fosforo (P) e Zolfo (S).

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SULLO SVILUPPO SCHELETRICO DEL DOGUE DE BORDEAUX

RELAZIONE TECNICA SULLO SVILUPPO SCHELETRICO DEL DOGUE DE BORDEAUX RELAZIONE TECNICA SULLO SVILUPPO SCHELETRICO DEL DOGUE DE BORDEAUX Dottor Thomas Karl Roth Del Dogue de Bordeaux oltre le tipiche forme del molossoide molto vistosa è la sua forte e caratteristica struttura

Dettagli

UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4%

UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4% UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4% Unaitalia - l Associazione che rappresenta la quasi totalità delle aziende del comparto

Dettagli

PROFILO TECNICO COMPOSIZIONE

PROFILO TECNICO COMPOSIZIONE Cereali (riso 5,1%), carni e derivati (anatra 11,3%), oli e grassi, pesci e sottoprodotti dei pesci, sottoprodotti di origine vegetale, sostanze minerali, semi (semi di lino 0,5%), uova e prodotti a base

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

I colori della salute

I colori della salute I colori della salute Trainer Natural e l alimentazione funzionale Il concetto di alimento funzionale è nato in Giappone negli anni 80 dalla necessità delle autorità sanitarie di incrementare l aspettativa

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Digestione ruminale della fibra L ottimizzazione della digestione della fibra nei ruminanti inizia dal substrato I batteri fibrolitici hanno infatti necessità

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

Lo svezzamento è l evento più significativo

Lo svezzamento è l evento più significativo STRATEGIE PER MIGLIORARE LA FUNZIONALITÀ INTESTINALE Da vari studi emergono indicazioni per ridurre il più possibile lo stress di tipo nutrizionale, immunologico e psicologico a cui sono soggetti i suinetti

Dettagli

I tuoi amici sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Alimenti per Cani e Gatti

I tuoi amici sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Alimenti per Cani e Gatti I tuoi amici sempre al CENTRO delle nostre attenzioni Alimenti per Cani e Gatti Alimentazione completa e bilanciata Centro è una linea di prodotti di successo per animali d affezione formulati, secondo

Dettagli

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI.

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI. CARBOIDRATI. I carboidrati rappresentano la principale fonte di energia delle cellule. Essi fungono da combustibile di pronto e facile impiego e di maggior rendimento. I CARBOIDRATI possono essere divisi

Dettagli

Più forza nella vita

Più forza nella vita parte del sistema Più forza nella vita Ostacola la perdita di massa magra e favorisce il recupero della funzionalità muscolare Nutrition La Sarcopenia è la perdita progressiva della massa magra MEDIA DELLA

Dettagli

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento L o l i o d i c a n a p a n e l l a l i m e n t a z i o n e L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

Dettagli

L 80% del fabbisogno di vitamina D è garantito dall irradiazione solare in quanto il contenuto di vitamina D nei comuni alimenti è scarso.

L 80% del fabbisogno di vitamina D è garantito dall irradiazione solare in quanto il contenuto di vitamina D nei comuni alimenti è scarso. Premessa La vitamina D è un gruppo di pro-ormoni liposolubili costituito da 5 diverse vitamine: vitamina D1, D2, D3, D4 e D5. Le due più importanti forme nella quale la vitamina D si può trovare sono la

Dettagli

Forever young. Per sempre giovane.

Forever young. Per sempre giovane. Forever young. Per sempre giovane. Siamo nati lo stesso giorno, cresceremo insieme e ti starò vicino ogni cambiamento tu farai... Oggi sei un duro che sogna di diventare pilota e poi... chissà? Acrobata?

Dettagli

COMPONENTI ANALITICI *

COMPONENTI ANALITICI * Nucleo GP Nostrale Preparato secondo il regolamento (UE) N. 584/2011 - Grana Padano. Nucleo GP Nostrale della linea Nostrale Vacche da Latte è un mangime complementare per vacche in lattazione ideale per

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA Tutti i gruppi alimentari (carboidrati, grassi, proteine) sono importanti per lo svolgimento dell attività sportiva, ma è utile fare alcuni distinguo sul tipo di alimenti

Dettagli