LA DISTRIBUZIONE DEL GAS: LE GARE PER GLI AFFIDAMENTI E LE INIZIATIVE DELL AUTORITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DISTRIBUZIONE DEL GAS: LE GARE PER GLI AFFIDAMENTI E LE INIZIATIVE DELL AUTORITA"

Transcript

1 LA DISTRIBUZIONE DEL GAS: LE GARE PER GLI AFFIDAMENTI E LE INIZIATIVE DELL AUTORITA Milano, 13 novembre 2014 Giorgio Cisvento Unità Infrastrutture Locali Gas Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazioni 1

2 Questa presentazione non è un documento ufficiale dell Autorità 2

3 Agenda Quadro provvedimentale Provvedimenti dell Autorità in tema di valutazione dei Bandi di Gara e degli scostamenti VIR-RAB Sezione «Gare Distribuzione gas - Sito internet dell Autorità Accreditamento delle stazioni Appaltanti Il gruppo di lavoro interdipartimentale 3

4 Provvedimenti dell Autorità Con la deliberazione 8 marzo 2012, 77/2012/R/GAS l Autorità ha avviato un procedimento per l'attuazione degli adempimenti, posti in capo all'autorità, connessi al decreto 12 novembre 2011, n. 226 (di seguito: Regolamento) per i criteri di gara e per la valutazione dell'offerta del servizio della distribuzione del gas naturale. Con la deliberazione 18 maggio 2012, 202/2012/R/EFR l Autorità ha avviato un procedimento per la formazione di provvedimenti inerenti la definizione delle modalità operative per la valutazione delle offerte per l affidamento del servizio di distribuzione del gas naturale, con riferimento agli investimenti di efficienza energetica. 4

5 Provvedimenti dell Autorità Con la deliberazione 11 ottobre 2012, 407/2012/R/GAS l Autorità ha approvato i criteri per la determinazione del corrispettivo una tantum a copertura degli oneri sostenuti dalle stazioni appaltanti per la gestione delle gare nei nuovi ambiti territoriali minimi per il servizio di distribuzione del gas, in attuazione delle previsioni dell articolo 8, comma 1, del Regolamento. Con la deliberazione 30 maggio 2013, 230/2013/R/GAS l Autorità ha integrato le disposizioni introdotte con la deliberazione 407/2012/R/gas in materia di determinazione del corrispettivo una tantum per la copertura degli oneri di gara, prevedendo disposizioni specifiche per il calcolo del sopra citato corrispettivo nel caso di accorpamento di ambiti di dimensioni superiori a punti. 5

6 Provvedimenti dell Autorità Con la deliberazione 6 dicembre 2012, 514/2012/R/GAS l Autorità ha definito lo Schema di contratto di servizio tipo relativo all attività di distribuzione del gas, successivamente approvato con il decreto del Ministero dello Sviluppo economico 5 febbraio 2013, in relazione all attuazione delle previsioni dell articolo 9, comma 1, del Regolamento. Con la deliberazione 13 dicembre 2012, 532/2012/R/GAS l Autorità ha definito il formato del supporto informatico per la trasmissione dei dati relativi agli stati di consistenza delle reti di distribuzione del gas naturale, predisposto le schede tecniche per il loro invio in formato cartaceo, fissato il formato del supporto informatico e stabilito la data di decorrenza dell obbligo di utilizzo del medesimo formato informatico, in attuazione delle disposizioni dell articolo 4, comma 7, del Regolamento. Con la deliberazione 3 luglio 2014, 326/2014/R/GAS l Autorità ha definito le modalità per il rimborso, ai gestori uscenti, degli importi relativi al corrispettivo una tantum per la copertura degli oneri di gara per l affidamento del servizio di distribuzione del gas naturale. 6

7 Bandi di gara L articolo 9, comma 1, del Regolamento prevede che eventuali scostamenti del bando di gara tipo e del disciplinare di gara tipo, nonché la scelta dei punteggi utilizzati nei criteri di valutazione della gara, debbano essere giustificati in apposita nota. L articolo 9, comma 2 del medesimo decreto prevede che la stazione appaltante invii il bando di gara e il disciplinare di gara all Autorità, insieme alla nota giustificativa di cui al sopra citato comma. L Autorità può inviare proprie osservazioni alla stazione appaltante entro 30 giorni. 7

8 Deliberazione 113/2013/R/GAS L Autorità, con la deliberazione 21 marzo 2013, 113/2013/R/GAS, ha definito le modalità con cui esercitare le funzioni consultive di cui all articolo 9, comma 2 del Regolamento. Con la medesima deliberazione 113/2013/R/GAS l Autorità ha precisato e delimitato l ambito delle verifiche che intende condurre al fine della formulazione di eventuali osservazioni alla stazione appaltante. L Autorità verificherà: le motivazioni relative a eventuali scostamenti dal bando di gara tipo e dal disciplinare di gara tipo; il rispetto dei punteggi massimi attribuibili; le giustificazioni relative alla ripartizione dei punteggi tra le condizioni economiche; le motivazioni relative alla scelta degli indicatori relativi alla qualità del servizio; la scelta dei punteggi relativi ai sub-criteri (rif.: allegato 3 del disciplinare di gara tipo); la coerenza delle analisi costi-benefici e la congruità delle condizioni minime di sviluppo individuate nelle linee guida predisposte dalla stazione appaltante. 8

9 Determinazione n. 2/13 Con la determinazione del Direttore della Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione dell Autorità 7 giugno 2013, n. 2/13 è stato approvato, in relazione a quanto stabilito al punto 4 della deliberazione 113/2013/R/GAS: lo Schema di nota giustificativa (Allegato A alla determinazione n. 2/13); l Elenco dei documenti da trasmettere all Autorità (Allegato B alla determinazione n. 2/13). La determinazione n. 2/13 prevede che la documentazione sia trasmessa all Autorità su supporto informatico leggibile senza software aggiuntivo usando i più comuni sistemi operativi e le più comuni suite di office automation e per l invio di eventuali testi sia impiegato il formato PDF. 9

10 Deliberazione 155/2014/R/GAS Con deliberazione 3 aprile 2014, 155/2014/R/GAS, l Autorità ha disciplinato l'iter procedurale relativo all'analisi della documentazione di gara che le Stazioni Appaltanti devono inviare all'autorità, ai sensi dell'articolo 9, comma 2 del Regolamento. Il provvedimento prevede, tra l altro, che la documentazione di gara sia trasmessa dalle Stazioni Appaltanti all'autorità almeno sessanta giorni prima della scadenza del termine previsto per la pubblicazione del bando di gara. La deliberazione 155/2014/R/GAS prevede la pubblicazione, in apposita sezione dedicata del sito internet dell'autorità, di un apposito cruscotto, nel quale riportare, in forma sintetica, informazioni sullo stato dell'iter procedurale relativo agli adempimenti del sopra menzionato articolo 9, comma 2, del Regolamento. 10

11 Allegato A Cruscotto (Allegato A alla determinazione del Direttore DIUC 1 agosto 2014, n. 16/14) DATI IDENTIFICATIVI STAZIONE APPALTANTE DATA DI RICEVIMENTO DOCUMENTAZI ONE DI GARA E N. PROT. AUTORITA DATA DI RICHIESTA EVENTUALI INTEGRAZIONI DOCUMENTAZI ONE O INFORMAZIONI ALLA STAZIONE APPALTANTE E N. PROT. AUTORITA' DATA DI RISPOSTA STAZIONE APPALTANTE E N. PROT. AUTORITA' DATA PRESUNTA PER IL COMPLETAMENTO DELL'ITER DI ANALISI DELLA DOCUMENTAZION E DI GARA DA PARTE DELL'AUTORITA' INFORMAZIONI INERENTI GLI ESITI DELL'ANALISI DELLA DOCUMENTAZIONE DI GARA 11

12 Scostamenti VIR-RAB Il decreto-legge 21 giugno 2013, N. 69, ha stabilito, all articolo 4, comma 6, al fine di facilitare lo svolgimento delle gare e di ridurre i costi per gli enti locali e per le imprese, che il Ministero dello sviluppo economico possa emanare linee guida su criteri e modalità operative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale, in conformità con l'articolo 5 del Regolamento. Il decreto-legge 23 dicembre 2013, N. 145, ha stabilito all articolo 1, comma 16, che qualora il valore di rimborso risulti maggiore del 10 per cento del valore delle immobilizzazioni nette di località calcolate nella regolazione tariffaria, al netto dei contributi pubblici in conto capitale e dei contributi privati relativi ai cespiti di località, l ente locale concedente trasmette le relative valutazioni di dettaglio del valore di rimborso all Autorità per la verifica prima della pubblicazione del bando di gara. Con decreto Ministeriale 22 maggio 2014 sono state emanate le linee guida per la determinazione del VIR (Linee Guida 7 aprile 2014). 12

13 Deliberazione 310/2014/R/GAS L Autorità con deliberazione 26 giugno 2014, 310/2014/R/GAS, in seguito all emanazione del Decreto Ministeriale 22 maggio 2014, ha adottato disposizioni in materia di determinazione del valore di rimborso delle reti di distribuzione del gas naturale e in particolare ha provveduto a disciplinare le modalità di acquisizione e la documentazione che la stazione appaltante deve trasmettere all Autorità per la verifica dei casi di scostamento VIR-RAB maggiori del 10% e le modalità metodologiche di verifica di tali scostamenti. In particolare tali modalità prevedono le seguenti fasi di analisi: verifica formale di completezza della documentazione trasmessa; test parametrico di congruità del VIR; riallineamento vite utili e nuova verifica dello scostamento tra VIR e RAB; analisi per indici; verifica applicazione Linee Guida 7 aprile 2014; verifica formale sussistenza condizioni per non applicazione Linee Guida 7 aprile 2014; esame giustificazioni trasmesse dagli Enti locali concedenti. 13

14 Deliberazione 414/2014/R/GAS Con la deliberazione 7 agosto 2014, 414/2014/R/GAS l Autorità ha definito i valori di riferimento funzionali alla determinazione dei costi unitari benchmark da utilizzare nell'analisi per indici. a) costo medio costruzione condotte (euro/m); b) costo medio impianto derivazione d utenza (euro/impianto); c) costo medio impianto derivazione d utenza per punto di riconsegna (euro/pdr); d) costo per scavi (inclusa demolizione e smaltimento pavimentazione stradale) per metro di tubazione relativa a impianti di derivazione d utenza interrata relativa alla sezione di scavo tipo 1 e posa su strada asfaltata comunale (euro/m); e) costo per rinterri e rinfianco tubazione (fino a riempimento provvisorio cassonetto stradale) per metro di tubazione di impianto di derivazione d utenza interrata relativa alla sezione di scavo tipo 1 e posa su strada asfaltata comunale (euro/m); f) ripristino binder (inclusa asportazione e smaltimento dell inerte di riempimento provvisorio del cassonetto) per metro di tubazione di impianto di derivazione d utenza interrata relativa alla sezione di scavo tipo 1 e posa su strada asfaltata comunale (euro/m); g) ripristino tappeto di usura (inclusa eventuale fresatura pavimentazione) per metro di tubazione di impianto di derivazione d utenza interrata relativa alla sezione di scavo tipo 1 e posa su strada asfaltata comunale (euro/m). 14

15 Determinazione n. 17/14 Con la determinazione 8 agosto 2014, n. 17/2014, il Direttore della Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione ha previsto disposizioni transitorie in materia di acquisizione della documentazione relativa agli scostamenti tra VIR e RAB. MODALITA DI TRAMISSIONE DOCUMENTAZIONE ALL AUTORITA : PEC ALL INDIRIZZO DOCUMENTI DA TRASMETTERE: ARTICOLO 9 DELLA DELIBERAZIONE 310/2014/R/GAS, IN FORMATO PDF La determinazione n. 17/2014 ha inoltre disposto che siano disponibili, nella sezione Gare distribuzione gas del sito internet dell Autorità: una versione standard di fogli elettronici per la trasmissione dei dati rilevanti per le verifiche, che integri i dati relativi alla Tabella 18 delle Linee guida 7 aprile 2014 (Allegato A). le istruzioni per la compilazione dei fogli elettronici (Allegato B). 15

16 Determinazione n. 5/14 La determinazione del Direttore della Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione dell Autorità 14 marzo 2014, n. 5/2014 ha stabilito, in coerenza con quanto previsto dall articolo 9, comma 2 del Regolamento e con quanto stabilito dalla deliberazione 113/2013/R/gas, la pubblicazione nella sezione Gare distribuzione gas del sito internet dell Autorità dei dati relativi al valore degli asset utilizzato ai fini della fissazione delle tariffe 2013, con riferimento all insieme delle località appartenenti a ciascun ambito tariffario. Tra i dati che le medesime Stazioni Appaltanti devono rendere disponibili nell Allegato B al bando di gara sono compresi anche i valori dei cespiti ai fini regolatori e i valori relativi ai vincoli ai ricavi ammessi. I dati RAB sono stati forniti in modalità aggregata senza distinzione per soggetto proprietario. 16

17 Determinazione n. 13/14 In seguito, con la determinazione 25 luglio 2014, n. 13/14, il Direttore della Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione ha previsto di rendere disponibili alle Stazioni Appaltanti i dati RAB disaggregati e in particolare: i dati RAB risultanti al 31 dicembre 2012 riferiti all insieme delle località appartenenti a ciascun ambito tariffario in modalità aggregata senza distinzione per soggetto proprietario; i dati RAB risultanti al 31 dicembre 2012 di proprietà del gestore e soggetti a trasferimento a titolo oneroso, per le località appartenenti a ciascun ambito tariffario e per le quali il gestore ha fornito tale dettaglio La medesima determinazione ha previsto che i dati RAB di cui al precedente punto siano resi disponibili nell area dedicata, ad accesso riservato, disponibile nella sezione Gare distribuzione gas del sito internet dell Autorità. La medesima determinazione ha inoltre previsto: l aggiornamento dei dati pubblicati con cadenza almeno annuale; che l accesso all area dedicata avvenga secondo le modalità riportate nella determinazione del Direttore della Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione dell Autorità 5/14. 17

18 Sezione «Gare Distribuzione gas - Sito internet dell Autorità La sezione Gare distribuzione gas del sito internet dell Autorità è stata approntata nei primi mesi del 2014, in seguito a iniziativa della Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione e supporto della Direzione Comunicazione e Stampa (DCOS). Tale sezione ha assolto, nella prima fase di implementazione, a finalità informative, mediante la rappresentazione dei riferimenti alla produzione normativa dell Autorità relativa all attuazione delle disposizioni del Regolamento e offerto risposte a quesiti ricorrenti con apposite FAQ. Nella sezione è stato predisposto il link al sito internet del Ministero dello Sviluppo Economico. La sezione ora costituisce il portale di accesso per le stazioni appaltanti per l acquisizione dei dati relativi ai valori tariffari degli asset di località (c.d. RAB). 18

19 Sezione «Gare Distribuzione gas - Sito internet dell Autorità L accesso ai dati RAB da parte delle Stazioni appaltanti prevede l Accreditamento delle medesime stazioni appaltanti, attraverso fasi specificate nell apposito manuale di istruzioni operativo pubblicato nella sezione, sul sito internet dell Autorità. Ai fini dell accreditamento la Stazione Appaltante deve: compilare la scheda di registrazione con i propri dati; inviare tramite posta certificata, una mail all'indirizzo contenente: i riferimenti della Stazione appaltante stessa; i riferimenti della persona autorizzata all'accesso ai dati RAB cui sarà intestata la Smart Card: nome, cognome, indirizzo e indirizzo . In seguito la persona indicata riceve una mail contenente un link per il completamento della scheda di registrazione con i propri dati personali. Compilata la seconda parte della scheda di registrazione la persona accreditata riceve una mail di conferma e può accedere ai dati tramite smart card. 19

20 Il gruppo di lavoro interdipartimentale obiettivi e finalità Con deliberazione 31 luglio 2014, 381/2014/A l Autorità ha istituito un Gruppo di lavoro interdipartimentale. Obiettivi: ordinata e tempestiva gestione amministrativa: Il Gruppo: a. dell analisi degli scostamenti tra VIR e RAB eccedenti il 10%, disciplinata dalla deliberazione 310/2014/R/gas; b. dell analisi della documentazione di gara che le stazioni appaltanti devono trasmettere all Autorità ai sensi delle disposizioni del comma 9.2 del decreto 226/11, secondo quanto disposto dalle deliberazioni 113/2013/R/GAS e 155/2014/R/GAS. assicura il coordinamento delle diverse competenze interne e delle conoscenze richieste; adotta criteri omogenei di valutazione; garantisce una gestione efficiente e tempestiva e segnala con sollecitudine eventuali esigenze di adeguamento della regolazione o di svolgimento di controlli o ispezioni in relazione alla documentazione resa disponibile all Autorità per le verifiche. 20

Raccolta RAB gas Cespiti di proprietà del gestore. Milano, 10 luglio 2014

Raccolta RAB gas Cespiti di proprietà del gestore. Milano, 10 luglio 2014 Raccolta RAB gas Cespiti di proprietà del gestore Milano, 10 luglio 2014 1 Agenda Parte I Cenni sul sistema tariffario Deliberazione 310/2014/R/GAS: aspetti metodologici per l identificazione delle fattispecie

Dettagli

Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas I Comuni e le gare d ambito per la concessione delle reti gas Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas Milano, 6 giugno 2013 Marco Delpero Vice Direttore Direzione Infrastrutture Unbundling

Dettagli

Manuale d uso: Piattaforma informatica per l'acquisizione della documentazione relativa all'analisi degli scostamenti VIR - RAB

Manuale d uso: Piattaforma informatica per l'acquisizione della documentazione relativa all'analisi degli scostamenti VIR - RAB Manuale d uso: Piattaforma informatica per l'acquisizione della documentazione relativa all'analisi degli scostamenti VIR - RAB 25 novembre 2015 1 Indice 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Regole di compilazione...

Dettagli

Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione

Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione RAPPORTO RELATIVO ALL ATTIVITA DELL AUTORITÀ IN RELAZIONE ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE PER AMBITO TERRITORIALE MINIMO Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione

Dettagli

Il futuro della distribuzione del gas naturale in Italia: Le gare d ambito. 04 Dicembre 2012

Il futuro della distribuzione del gas naturale in Italia: Le gare d ambito. 04 Dicembre 2012 Il futuro della distribuzione del gas naturale in Italia: Le gare d ambito Uno sforzo comune per un servizio migliore 04 Dicembre 2012 Focus Quadro normativo Procedura di gara Preparazione Svolgimento

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 26 GIUGNO 2014 310/2014/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DEL VALORE DI RIMBORSO DELLE RETI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL

Dettagli

IL SERVIZIO DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ISTITUZIONE DEGLI ATEM - ambiti territoriali minimi -

IL SERVIZIO DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ISTITUZIONE DEGLI ATEM - ambiti territoriali minimi - IL SERVIZIO DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ISTITUZIONE DEGLI ATEM - ambiti territoriali minimi - Seminario promosso dal Comune di Tortona TORTONA Sala Consiliare 7 ottobre 2014 ARTICOLAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Giuseppe Sbarbaro Amministratore Unico utiliteam Il Valore di Rimborso

Giuseppe Sbarbaro Amministratore Unico utiliteam Il Valore di Rimborso calcolo Sommario eventuale manutenzione del contratto differenza tra VIR e RAB disaccordo tra Ente locale e gestore uscente sulla determinazione del valore di rimborso 2 Cos è? Valore di Rimborso (VR)

Dettagli

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE MASSA - CARRARA PER L ESPLETAMENTO DELLA

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE MASSA - CARRARA PER L ESPLETAMENTO DELLA CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE MASSA - CARRARA PER L ESPLETAMENTO DELLA PROCEDURA RELATIVA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

Le norme relative all indizione delle gare di ambito per la distribuzione del gas. Avv. Fabio Todarello Todarello & Partners

Le norme relative all indizione delle gare di ambito per la distribuzione del gas. Avv. Fabio Todarello Todarello & Partners Le norme relative all indizione delle gare di ambito per la distribuzione del gas Avv. Fabio Todarello Todarello & Partners Quadro normativo e regolamentare L'art. 46 bis, d.l. n. 159/2007, conv. in l.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale 7 Aprile 2014 Indice Parte I

Dettagli

Le gare per la distribuzione del servizio gas

Le gare per la distribuzione del servizio gas Le gare per la distribuzione del servizio gas Ing. F. Santini Direttore Area Mercato dell Energia Torino, 16 luglio 2013 NORMATIVA E REGOLAZIONE Documenti principali Decreto Letta (D.Lgs 164/200) Decreto

Dettagli

La distribuzione del gas naturale nel nuovo assetto normativo: i comuni verso gli ATEM. I principali fattori di cambiamento: gli elementi economici

La distribuzione del gas naturale nel nuovo assetto normativo: i comuni verso gli ATEM. I principali fattori di cambiamento: gli elementi economici La distribuzione del gas naturale nel nuovo assetto normativo: i comuni verso gli ATEM I principali fattori di cambiamento: gli elementi economici Ing. Silvio Bosetti Direttore Generale Fondazione EnergyLab

Dettagli

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE PATRIMONIO E ATTIVITA DI PIANO

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE PATRIMONIO E ATTIVITA DI PIANO COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE PATRIMONIO E ATTIVITA DI PIANO N. Proposta 1399 del 25/09/2015 OGGETTO: INDIVIDUAZIONE E AFFIDAMENTO ATTIVITA FINALIZZATE AL SUPPORTO ALLA STAZIONE

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 3 LUGLIO 2014 326/2014/R/GAS MODALITÀ PER IL RIMBORSO, AI GESTORI USCENTI, DEGLI IMPORTI RELATIVI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO RELAZIONE TECNICA CONSULTIVA, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 077 Reg. Delib. N. Reg. Pubbl.

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 077 Reg. Delib. N. Reg. Pubbl. ORIGINALE - COPIA Deliberazione di Giunta Comunale n. 077 del 03.09.2015 COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE N. 077 Reg. Delib. N. Reg.

Dettagli

58 Distribuzione di gas naturale. Distribuzione di gas naturale

58 Distribuzione di gas naturale. Distribuzione di gas naturale 58 Distribuzione di gas naturale Distribuzione di gas naturale Distribuzione di gas naturale 59 PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di e) 2012 2013 2014 Var.ass. Var.% Ricavi totali (*) (**)

Dettagli

Sergio Miotto Consorzio Concessioni Reti Gas

Sergio Miotto Consorzio Concessioni Reti Gas WORKSHOP Le gare d ambito per la concessione delle reti gas Count-down per la pubblicazione dei bandi RELAZIONE Sergio Miotto Consorzio Concessioni Reti Gas Roma, 30 GIUGNO 2015 ANCI Via dei Prefetti,

Dettagli

N. REP. 710894 del 05/08/2015 DETERMINAZIONE N. 921/260 del 05/08/2015 Pag. 1/8

N. REP. 710894 del 05/08/2015 DETERMINAZIONE N. 921/260 del 05/08/2015 Pag. 1/8 N. REP. 710894 del 05/08/2015 DETERMINAZIONE N. 921/260 del 05/08/2015 Pag. 1/8 OGGETTO: Appalto del servizio di supporto tecnico specialistico relativo alle funzioni proprie del Comune di Macerata in

Dettagli

Distribuzione di gas naturale

Distribuzione di gas naturale 56 Distribuzione di gas naturale PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di ) 2010 2011 2012 Var.ass. Var.% Ricavi della gestione caratteristica (*) 1.233 1.297 1.434 137 10,6 - di cui ricavi di

Dettagli

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE BERGAMO 2 NORD EST AL

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE BERGAMO 2 NORD EST AL CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE BERGAMO 2 NORD EST AL FINE DI DEMANDARE AL COMUNE DI LOVERE IL RUOLO DI STAZIONE APPALTANTE PER LA GESTIONE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: APPROVAZIONE LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO PUBBLICO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE IN FORMA ASSOCIATA NELL ATEM PISA DETERMINATO AI SENSI DEI DECRETI DEL MINISTERO

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI BARBATA

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI BARBATA Allegato n. 7) CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI BARBATA RELAZIONE TECNICA CONSULTIVA, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE SCHEDA Roma Capitale, Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana, il 10 settembre 2012, un anno dopo la pubblicazione del bando di gara, ha assegnato il contratto di concessione del servizio

Dettagli

Fornitura di gas naturale sui punti di riconsegna situati nei complessi delle stazioni ferroviarie gestite da Grandi Stazioni S.p.A.

Fornitura di gas naturale sui punti di riconsegna situati nei complessi delle stazioni ferroviarie gestite da Grandi Stazioni S.p.A. Allegato A Capitolato Tecnico Fornitura di gas naturale sui punti di riconsegna situati nei complessi delle stazioni ferroviarie gestite da Grandi Stazioni S.p.A. 1 1. OGGETTO. 1.1. Il presente Capitolato

Dettagli

Determina Sicurezza/0000001 del 06/05/2015

Determina Sicurezza/0000001 del 06/05/2015 Comune di Novara Determina Sicurezza/0000001 del 06/05/2015 Area / Servizio Servizio Sicurezza cantieri e luoghi di lavoro (19.UdO) Proposta Istruttoria Unità Servizio Sicurezza cantieri e luoghi di lavoro

Dettagli

settore Opere per il Territorio e l Ambiente

settore Opere per il Territorio e l Ambiente www.comune.paderno-dugnano.mi.it settore Opere per il Territorio e l Ambiente segreteria.llpp@comune.paderno-dugnano.mi.it OGGETTO: PROCEDURA APERTA SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE NEL TERRITORIO

Dettagli

Modifiche al D.M. 12 novembre 2011, n. 226 Regolamento Criteri

Modifiche al D.M. 12 novembre 2011, n. 226 Regolamento Criteri La distribuzione del gas: gli ATEM e le gare per gli affidamenti Modifiche al D.M. 12 novembre 2011, n. 226 Regolamento Criteri Bologna, 22 ottobre 2014 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Direzione Generale

Dettagli

CONFERENZA DI SERVIZI ATEM VERONA 2 PIANURE VERONESI

CONFERENZA DI SERVIZI ATEM VERONA 2 PIANURE VERONESI CONFERENZA DI SERVIZI ATEM VERONA 2 PIANURE VERONESI AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DELLA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE INDIVIDUAZIONE DELLA STAZIONE APPALTANTE 5 e 12 novembre 2013 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

Allegato A REGOLAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI RIGASSIFICAZIONE DI GAS NATURALE LIQUEFATTO PER IL PERIODO DI REGOLAZIONE 2014-2017 (RTRG)

Allegato A REGOLAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI RIGASSIFICAZIONE DI GAS NATURALE LIQUEFATTO PER IL PERIODO DI REGOLAZIONE 2014-2017 (RTRG) REGOLAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI RIGASSIFICAZIONE DI GAS NATURALE LIQUEFATTO PER IL PERIODO DI REGOLAZIONE 2014-2017 (RTRG) 1 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Articolo 1 Definizioni...

Dettagli

Deliberazione della giunta comunale n. 57 del 25.06.2014.

Deliberazione della giunta comunale n. 57 del 25.06.2014. Deliberazione della giunta comunale n. 57 del 25.06.2014. OGGETTO: Presa d atto delle modalità di espletamento della gara di assegnazione della concessione per la distribuzione del gas naturale nell ambito

Dettagli

D.M. 12 novembre 2011, n. 226. l'affidamento del servizio della distribuzione del gas naturale, in (1).

D.M. 12 novembre 2011, n. 226. l'affidamento del servizio della distribuzione del gas naturale, in (1). Ministero dello sviluppo economico D.M. 12-11-2011 n. 226 Regolamento per i criteri di gara e per la valutazione dell'offerta per l'affidamento del servizio della distribuzione del gas naturale, in attuazione

Dettagli

Regolamento per l organizzazione del Servizio Notifiche

Regolamento per l organizzazione del Servizio Notifiche Regolamento per l organizzazione del Servizio Notifiche Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 120 del 27/06/2013 INDICE Art. 1 Oggetto ed ambito di applicazione Art. 2 Gestione del servizio

Dettagli

Decorrenza: 01.01.2014

Decorrenza: 01.01.2014 LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE GAS Decorrenza: 01.01.2014 via dei Canonici 144, 61122 Pesaro C.F./P.IVA/Reg. Imprese PU 02059030417 Pagina 1 di 3 1 DEFINIZIONI...

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 4 DICEMBRE 2014 597/2014/R/COM AVVIO DI PROCEDIMENTO PER L ADOZIONE DI PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI METODOLOGIE E CRITERI PER LA DETERMINAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL

Dettagli

Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale

Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale Indice: Parte I Scopo, applicabilità e limitazione delle Linee Guida

Dettagli

Conferenza dei Comuni dell ATO della Provincia di Milano 14 maggio 2013

Conferenza dei Comuni dell ATO della Provincia di Milano 14 maggio 2013 Conferenza dei Comuni dell ATO della Provincia di Milano 14 maggio 2013 OGGETTO: Presentazione punto 2 dell ordine del Giorno Presa d atto delle determinazioni per l applicazione della Tariffa 2013 del

Dettagli

Distribuzione di gas naturale

Distribuzione di gas naturale Distribuzione di gas naturale 50 Snam Relazione Finanziaria Annuale 2011 / Distribuzione di gas naturale Principali indicatori di performance (milioni di ) 2009 (*) 2010 2011 Var.ass. Var.% Ricavi della

Dettagli

COMUNE DI CUTRO Provincia di Crotone Regolamento per l organizzazione del Servizio Notifiche

COMUNE DI CUTRO Provincia di Crotone Regolamento per l organizzazione del Servizio Notifiche COMUNE DI CUTRO Provincia di Crotone Regolamento per l organizzazione del Servizio Notifiche Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. del INDICE Art. 1 Oggetto ed ambito di applicazione Art.

Dettagli

Prot. n. 2098 /C14 Cologno al Serio, 28/05/2015

Prot. n. 2098 /C14 Cologno al Serio, 28/05/2015 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI COLOGNO AL SERIO Via Rosmini, 12-24055 COLOGNO AL SERIO (BG) Tel. e Fax 035896031-0354872415 e-mail ministeriale bgic89900p@istruzione.it e-mail

Dettagli

Fornitura di gas naturale sui punti di riconsegna situati nei complessi delle stazioni ferroviarie gestite da Grandi Stazioni S.p.A.

Fornitura di gas naturale sui punti di riconsegna situati nei complessi delle stazioni ferroviarie gestite da Grandi Stazioni S.p.A. Allegato A Capitolato Tecnico Fornitura di gas naturale sui punti di riconsegna situati nei complessi delle stazioni ferroviarie gestite da Grandi Stazioni S.p.A. 1 1. OGGETTO. 1.1. Il presente Capitolato

Dettagli

CONVENZIONE RECANTE LE MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE TECNICA PER LA DEFINIZIONE DELL INDENNITÀ SPETTANTE AL GESTORE USCENTE, IL CUI

CONVENZIONE RECANTE LE MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE TECNICA PER LA DEFINIZIONE DELL INDENNITÀ SPETTANTE AL GESTORE USCENTE, IL CUI Allegato B CONVENZIONE RECANTE LE MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE TECNICA PER LA DEFINIZIONE DELL INDENNITÀ SPETTANTE AL GESTORE USCENTE, IL CUI IMPORTO SARÀ INDICATO NEL FUTURO BANDO DI GARA.

Dettagli

AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delibera VIS 80/09 Controlli tecnici della qualità del gas per il periodo 1 ottobre 2009 30 settembre 2010

AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delibera VIS 80/09 Controlli tecnici della qualità del gas per il periodo 1 ottobre 2009 30 settembre 2010 AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delibera VIS 80/09 Controlli tecnici della qualità del gas per il periodo 1 ottobre 2009 30 settembre 2010 L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

l.r.39/2005) - Vigilanza e verifiche sugli attestati di certificazione Capo II Sistema informativo regionale sull efficienza energetica

l.r.39/2005) - Vigilanza e verifiche sugli attestati di certificazione Capo II Sistema informativo regionale sull efficienza energetica 3.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 12 Assegnata alla 1^ Commissione consiliare Messaggio della Commissione in data 3 febbraio 2010 Approvata in data 9 febbraio 2010 Divenuta legge

Dettagli

Adozione del regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas (deliberazione n. 40/04)

Adozione del regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas (deliberazione n. 40/04) (testo coordinato con le integrazioni e modifiche apportate dalle delibere n. 129/04, n. 43/05, n. 192/05, n. 47/06, n. 87/06, n. 147/06 e ARG/gas n. 27/08) Deliberazione 18 marzo 2004 Adozione del regolamento

Dettagli

ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE. La presente deliberazione è stata affissa all'albo comunale in data odierna e vi rimarrà per quindici

ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE. La presente deliberazione è stata affissa all'albo comunale in data odierna e vi rimarrà per quindici Letto, confermato e sottoscritto Il Sindaco f.to dr.ssa Elisabetta Pian Il Segretario Comunale f.to dr.ssa Ivana Bianchi Copia conforme all originale ad uso amministrativo. Addì, 15 febbraio 2013 dr. Francesca

Dettagli

La distribuzione del gas naturale. Guida Pratica. Il percorso per l indizione della gara d Atem

La distribuzione del gas naturale. Guida Pratica. Il percorso per l indizione della gara d Atem La distribuzione del gas naturale Guida Pratica Il percorso per l indizione della gara d Atem www.regione.lombardia.it www.energylabfoundation.org Regione Lombardia, Milano 2014 Fondazione EnergyLab, Milano

Dettagli

Delibera n. 5/04 - Relazione tecnica

Delibera n. 5/04 - Relazione tecnica Delibera n. 5/04 - Relazione tecnica TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE, MISURA E VENDITA DELL

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 17 novembre 2011 - VIS 104/11 Avvio di procedimenti nei confronti di AGSM Verona S.p.A., AGSM Distribuzione S.p.A. e AGSM Energie S.p.A. per l accertamento di violazioni della disciplina

Dettagli

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE GAS ANNO 2014

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE GAS ANNO 2014 Pag. di 0 LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE GAS ANNO 204 Azienda Energetica Valtellina Valchiavenna S.p.A. Via S. Agostino, 3 23037 Tirano (SO) Stato delle

Dettagli

D.L. 12 settembre 2014 n. 133

D.L. 12 settembre 2014 n. 133 D.L. 12 settembre 2014 n. 133 Misure urgenti per l apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, la digitalizzazione del Paese, la semplificazione burocratica, l emergenza del dissesto

Dettagli

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2015 INDICE INDICE... 2 1 PREMESSA... 4 2 ELENCO PREZZI... 5 2.1 ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA (A01-A40)... 5 2.2 DISATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO DISCIPLINARE DELLE

COMUNE DI AVELLINO DISCIPLINARE DELLE COMUNE DI AVELLINO DISCIPLINARE DELLE Attività preliminari, necessarie all avvio della gara per il servizio di distribuzione del gas naturale nell'ambito territoriale -ATEM AVELLINO E PROVINCIA a mezzo

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 54 O G G E T T O SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO SUL TERRITORIO COMUNALE. ATEM VERONA 2 PIANURE

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Attuazione del decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare 6 agosto 2010, ai fini dell incentivazione della produzione

Dettagli

rete mobile con costi a carico dell utente secondo il piano tariffario del gestore di telefonia mobile utilizzato.

rete mobile con costi a carico dell utente secondo il piano tariffario del gestore di telefonia mobile utilizzato. CAPITOLATO D'ONERI per la gestione del Servizio di Call Center informativo e di ricezione, trattamento, registrazione e trasmissione segnalazioni di disservizi C.I.G. n. 354552649C ***** Art. 1 Oggetto

Dettagli

ART. 3 INDIVIDUAZIONE E COMPITI DELLA STAZIONE APPALTANTE ART. 5 DELEGA ALLA STAZIONE APPALTANTE DELL ATTIVITA DI VALUTAZIONE DEGLI IMPIANTI

ART. 3 INDIVIDUAZIONE E COMPITI DELLA STAZIONE APPALTANTE ART. 5 DELEGA ALLA STAZIONE APPALTANTE DELL ATTIVITA DI VALUTAZIONE DEGLI IMPIANTI ATEM BRESCIA 4 SUD-OVEST CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO IN FORMA ASSOCIATA DELLA PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE E LA SUCCESSIVA GESTIONE DEL CONTRATTO

Dettagli

Pag 1. Approvato con la deliberazione della Giunta Comunale n. 19 del 11/02/2015

Pag 1. Approvato con la deliberazione della Giunta Comunale n. 19 del 11/02/2015 COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE (articolo 24 c. 3 bis del D.L. 90/2014, convertito

Dettagli

DELIBERA DEI COMUNI GARA UNICA

DELIBERA DEI COMUNI GARA UNICA 1/9 DELIBERA DEI COMUNI GARA UNICA ATEM 1 E 2 2/9 Oggetto: Approvazione dell'accorpamento degli ATeM Bologna 1 e Bologna 2 con conseguente delega delle funzioni di Stazione Appaltante al Comune di Bologna

Dettagli

GAS PIU DISTRIBUZIONE S.R.L. SEDE OPERATIVA DI ROZZANO PREZZIARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE e OPZIONALI AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE 1 INDICE pag. 2 PREMESSA pag. 4 PRESTAZIONJI TECNICHE

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 11 luglio 1980, n. 382; VISTA la legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTA la legge 24 dicembre 1993, n. 537 recante «Interventi correttivi di finanza pubblica»

Dettagli

Testo coordinato con le integrazioni apportate dalla deliberazione 31 ottobre 2013, 473/2013/R/gas

Testo coordinato con le integrazioni apportate dalla deliberazione 31 ottobre 2013, 473/2013/R/gas Testo coordinato con le integrazioni apportate dalla deliberazione 31 ottobre 2013, 473/2013/R/gas Disposizioni per l assicurazione dei clienti finali contro i rischi derivanti dall uso del gas distribuito

Dettagli

Pag 1. Approvato con la deliberazione della Giunta Comunale n. 21 del 10/02/2014

Pag 1. Approvato con la deliberazione della Giunta Comunale n. 21 del 10/02/2014 COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO Provincia di Brescia PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE (articolo 24 c. 3 bis del D.L. 90/2014,

Dettagli

LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua)

LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua) LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua) PREZZI STANDARD NON COMPRESI NELLA TARIFFA GESTORE DEL SII : Marche Multiservizi S.p.A. Via dei Canonici,144 60122 PESARO (PU) C.F., P. IVA N IVA 02059030417 Approvato

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO IN MERITO AGLI OBBLIGHI DI SEPARAZIONE CONTABILE (UNBUNDLING CONTABILE) PER LE IMPRESE OPERANTI NEI SETTORI

Dettagli

ALLEGATO 3 SCHEDA DI OPERAZIONE

ALLEGATO 3 SCHEDA DI OPERAZIONE ALLEGATO 3 SCHEDA DI OPERAZIONE AZIONI 4.2.2 E 4.4.2 (LETTERE E-F) DEL PPA ASSE IV POR FESR PUGLIA 2007-2013 A Notizie generali Denominazione del SAC Beneficiario dell operazione [Denominazione, indirizzo]

Dettagli

COMUNE DI CENGIO. PROVINCIA DI SAVONA C.A.P. 17056 - Piazza Martiri Partigiani, 8 Lavori Pubblici

COMUNE DI CENGIO. PROVINCIA DI SAVONA C.A.P. 17056 - Piazza Martiri Partigiani, 8 Lavori Pubblici COMUNE DI CENGIO PROVINCIA DI SAVONA C.A.P. 17056 - Piazza Martiri Partigiani, 8 Lavori Pubblici Prot. n 6294 N Reg. Pubbl. 83 1. BANDO PROCEDURA APERTA: Il giorno 21/09/2010 alle ore 9,00 si terrà presso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REGISTRAZIONE DELLE TRANSAZIONI BILATERALI DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI)

REGOLAMENTO PER LA REGISTRAZIONE DELLE TRANSAZIONI BILATERALI DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) REGOLAMENTO PER LA REGISTRAZIONE DELLE TRANSAZIONI BILATERALI DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) Approvato dall Autorità per l energia elettrica e il gas, con deliberazione 14 febbraio

Dettagli

Società consortile Ass.For.SEO a r.l. Organismo Intermedio

Società consortile Ass.For.SEO a r.l. Organismo Intermedio Società consortile Ass.For.SEO a r.l. Organismo Intermedio per la gestione della Sovvenzione Globale finalizzata allo sviluppo e al consolidamento delle imprese cooperative del Lazio a valere sul P.O.R.

Dettagli

REGIONE CALABRIA AVVISO PUBBLICO

REGIONE CALABRIA AVVISO PUBBLICO REGIONE CALABRIA DIPARTIET 9 Infrastrutture - Lavori Pubblici - Politiche della Casa - E.R.P. A.B.R. Risorse Idriche Ciclo Integrato delle Acque SETTRE 2 AVVISO PUBBLICO INTERVENTI DI ADEGUAMENTO STRUTTURALE

Dettagli

(in G.U. n. 71 del 26.03.07- Suppl. Ord. n. 84 )

(in G.U. n. 71 del 26.03.07- Suppl. Ord. n. 84 ) Autorità per l'energia elettrica e il gas Deliberazione n. 294 del 18.12.06 Disposizioni in materia di standard di comunicazione tra i soggetti operanti nel settore del gas ai sensi dell'articolo 2, comma

Dettagli

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA.

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA. NT-3 Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA Abstract Questo documento contiene le modalità di collaudo tecnico degli impianti in fibra ottica di Infratel. Tale documento sarà il riferimento

Dettagli

Comune di Cagliari Area Gestione del Territorio ASSESSORATO AI SERVIZI TECNOLOGICI

Comune di Cagliari Area Gestione del Territorio ASSESSORATO AI SERVIZI TECNOLOGICI Comune di Cagliari Area Gestione del Territorio ASSESSORATO AI SERVIZI TECNOLOGICI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA FORNITURA ANNUALE DI ENERGIA ELETTRICA PER LE UTENZE RELATIVE A TUTTI GLI EDIFICI

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 7 MAGGIO 2015 207/2015/S/GAS CHIUSURA DI PROCEDIMENTO AVVIATO PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI MISURA DEL GAS NATURALE PRESSO PUNTI DI RICONSEGNA DELLA RETE REGIONALE DI TRASPORTO L AUTORITÀ

Dettagli

MODELLO DI CONTROLLO

MODELLO DI CONTROLLO MODELLO DI CONTROLLO - Adeguamento alla Convenzione per l affidamento ed al Disciplinare Tecnico aggiornati con DEL. AC n. 8 del 03/06/2008; - Adeguamento al Piano d Ambito, alla Carta del S.I.I. ed al

Dettagli

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf 22 19 CHE COS È IL PROJECT FINANCING? Per Project Financing (PF Finanza di Progetto) si intende il finanziamento di un progetto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESECUZIONE DI LAVORI IN SEDI STRADALI E AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESECUZIONE DI LAVORI IN SEDI STRADALI E AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESECUZIONE DI LAVORI IN SEDI STRADALI E AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione di C.C. n. 27 del 27/04/2010 1 I N D I C E Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Competenze Art.

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA 1 Art. 1 DEFINIZIONI Ai fini del presente Capitolato si applicano le seguenti definizioni: AEEG: Autorità per l Energia Elettrica, istituita ai

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Comune di Mede Piazza Repubblica, 37-27035 Mede (Pv)

Comune di Mede Piazza Repubblica, 37-27035 Mede (Pv) Comune di Mede Piazza Repubblica, 37-27035 Mede (Pv) DISCIPLINARE DI INCARICO Disciplinare di incarico di prestazioni professionali inerenti la: Determinazione del valore delle reti ed impianti gas nel

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 252-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come sostituito dall articolo 4, comma

Dettagli

Deliberazione dell Autorità per l'energia elettrica e il gas 2 agosto 2012

Deliberazione dell Autorità per l'energia elettrica e il gas 2 agosto 2012 Deliberazione dell Autorità per l'energia elettrica e il gas 2 agosto 2012 Definizione dei contenuti informativi e delle procedure di raccolta dati in materia di servizio idrico integrato. (Deliberazione

Dettagli

Deliberazione 18 marzo 2004, n. 40/04 Adozione del regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas.

Deliberazione 18 marzo 2004, n. 40/04 Adozione del regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas. Deliberazione 18 marzo 2004, n. 40/04 Adozione del regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas. Emanata da: Autorità per l energia elettrica e il gas Pubblicata

Dettagli

L anno duemiladodici, addì del mese di presso il Palazzo Comunale di Dalmine, TRA

L anno duemiladodici, addì del mese di presso il Palazzo Comunale di Dalmine, TRA CONVENZIONE TRA I COMUNI APPARTENENTI ALL AMBITO BERGAMO 3 PER LA DELEGA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI STAZIONE APPALTANTE SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO *** L anno duemiladodici, addì del mese di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato PROTOCOLLO D INTESA TRA Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato E Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture PREMESSO CHE la legge 31

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI DI CONVENZIONE PER ESECUZIONE LAVORI ATTIVAZIONE IMPIANTO ANNO 1992 REVISIONE DAL 1993 COMUNE DI CONTURSI TERME Periodo di validità: I corrispettivi indicati

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico FESR 2007-2013

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Definizione delle modalità per il ritiro, da parte del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. - GSE, dell energia elettrica immessa in

Dettagli

CRITERI PER IL CONGUAGLIO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DI STOCCAGGIO

CRITERI PER IL CONGUAGLIO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DI STOCCAGGIO DCO 19/11 CRITERI PER IL CONGUAGLIO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DI STOCCAGGIO Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti nell ambito del procedimento avviato con deliberazione

Dettagli

Premessa. 2 La metodologia di valutazione. Allegato B

Premessa. 2 La metodologia di valutazione. Allegato B METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEL CAPITALE INVESTITO NELLE RETI DI DISTRIBUZIONE ELETTRICA NEL CASO DI INDISPONIBILITA DEI COSTI STORICI ORIGINARI E DELLE VITE UTILI RILEVANTI AI FINI DEL REGIME DI PEREQUAZIONE

Dettagli

Esiti consultazione telematica Commissione. Roma, 9 luglio 2014

Esiti consultazione telematica Commissione. Roma, 9 luglio 2014 Esiti consultazione telematica Commissione Roma, 9 luglio 2014 La Commissione Infrastrutture, Mobilità e Governo del Territorio, a seguito di consultazione svolta per via telematica, si è pronunciata sul

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE. Periodo di regolazione 2012-2015

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE. Periodo di regolazione 2012-2015 TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE Periodo di regolazione 2012-2015 1 INDICE TESTO INTEGRATO... 1 PARTE I DEFINIZIONE E AMBITO DI APPLICAZIONE... 4

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ E FINANZA

REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ E FINANZA REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ E FINANZA Approvato dal C.d.A. nella seduta del 13/03/2008 Il presente regolamento disciplina l ordinamento contabile dell Azienda Speciale Multiservizi ed è redatto nel rispetto

Dettagli

PREMESSO CHE: DATO ATTO CHE PRESO ATTO

PREMESSO CHE: DATO ATTO CHE PRESO ATTO ACCORDO ex art. 15 legge 241/90 e s.m.i fra i comuni di BALZOLA, CAMAGNA MONFERRATO, CONZANO, CUCCARO MONFERRATO, FRASSINELLO MONFERRATO, LU, MIRABELLO MONFERRATO, MORANO SUL PO, OCCIMIANO, OLIVOLA, OTTIGLIO,

Dettagli

PROCEDURA WEB CATASTO IMPIANTI TERMICI E DI RAFFRESCAMENTO

PROCEDURA WEB CATASTO IMPIANTI TERMICI E DI RAFFRESCAMENTO PROCEDURA WEB CATASTO IMPIANTI TERMICI E DI RAFFRESCAMENTO 1 IL CATASTO IMPIANTI: la fase transitoria Nel 2015 verrà avviata una fase transitoria durante la quale verrà data la possibilità ai manutentori

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 9 MAGGIO 2013 191/2013/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEI CLIENTI FINALI DEL GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI GASDOTTI LOCALI E DI RETI DI TRASPORTO, PER IL PERIODO 1 GENNAIO

Dettagli

Allegato A alla deliberazione 570/2012/R/eel Versione integrata e modificata dalle deliberazioni 578/2013/R/EEL, 614/2013/R/EEL e 612/2014/R/EEL

Allegato A alla deliberazione 570/2012/R/eel Versione integrata e modificata dalle deliberazioni 578/2013/R/EEL, 614/2013/R/EEL e 612/2014/R/EEL Allegato A alla deliberazione 570/2012/R/eel Versione integrata e modificata dalle deliberazioni 578/2013/R/EEL, 614/2013/R/EEL e 612/2014/R/EEL TESTO INTEGRATO DELLE MODALITÀ E DELLE CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE

Dettagli

ELENCO PREZZI STANDARD PER ATTIVITÀ TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI STANDARD PER ATTIVITÀ TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE ELENCO PREZZI STANDARD PER ATTIVITÀ TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2014 Allegato al Codice di Rete della Distribuzione Locale INDICE GENERALE DEFINIZIONI pag. 5 1 OGGETTO E APPLICABILITÀ

Dettagli