Stretching di Anderson, S.G.A. - P.N.F. C.R.A.C. - Lavori eccentrici.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stretching di Anderson, S.G.A. - P.N.F. C.R.A.C. - Lavori eccentrici."

Transcript

1 Stretching di Anderson, S.G.A. - P.N.F. C.R.A.C. - Lavori eccentrici.

2 P.N.F. Facilitazione Neuromuscolare Propriocettiva E una metodica per lo più analitica con l obiettivo di allungare un distretto muscolare per volta. Si basa sui principi del metodo di riabilitazione motoria ideato da Kabat nel 1950.

3 P.N.F. Principio Neurofisiologico Oltre a non attivare il riflesso di stiramento dei fusi, ha come obiettivo sfruttare i benefici del riflesso inverso di stiramento o inibizione autogena tramite una contrazione isometrica. In pratica lo scopo della contrazione isometrica è quello di ingannare i recettori muscolo- tendinei del Golgi, per favorire il rilassamento del tendine.

4 P.N.F. Principio Neurofisiologico

5 P.N.F. Principio Neurofisiologico La contrazione isometrica provoca un accorciamento del muscolo che v i e n e c o m p e n s a t o dall allungamento del tendine. La causa di questo allungamento risiede nel riflesso inverso da stiramento.

6 P.N.F. Si svolge in 4 fasi: Raggiungere la posizione di allungamento in 6 e mantenerla per 20 Contrarre isometricamente i muscoli interessati per 3/5 Raggiungere la posizione di massimo allungamento per 20 Rilasciare i muscoli contratti in espirazione per 2/3

7 P.N.F. La compliance dell unità muscolo tendinea è la capacità di complicità che hanno queste strutture di assorbire lo stress in azioni eccentriche; I tendini rispondono allo stretching con un nuovo orientamento delle fibre collagene e con una ridotta elasticità per troppa estensibilità che può portare a sollecitazioni eccessive a carico del ventre muscolare (creaping effect) con rischio di lesioni.

8 P.N.F. e le sue varian2 C.R.S. e C.R.A.C. Principio Neurofisiologico Esistono altre due tecniche sempre appartenenti alla famiglia del PNF: Il C.R.S. (Contrazione, Rilassamento e Allungamento) e C.R.A.C. (Contrazione, Rilassamento e Contrazione dei muscoli Antagonisti). La prima (CRS) sfrutta il principio fisiologico dell innervazione o inibizione reciproca secondo il quale la contrazione di un muscolo favorisce il rilassamento dell antagonista. La seconda (CRAC) invece è una forma sintetica delle tecniche precedenti, in quanto ne sfrutta i principi fisiologici (riflesso inverso da stiramento e inibizione reciproca).

9 C.R.S. Contract Relax Stretching La differenza sostanziale nell esecuzione nei confronti del PNF è che l azione isometrica presente sarà eseguita dai muscoli antagonisti (a quelli che si vuole allungare). C.R.A.C. Contract Relax Antagonist Contract Ha una durata maggiore poiché presenta più fasi (6) dove si susseguono azioni isometriche prima dei muscoli agonisti e poi di quelli antagonisti.

10 C.R.S. Contract Relax Stretching Raggiungere la posizione in 6 e mantenerla per 20 Contrarre isometricamente i muscoli antagonisti per 6/8 Posizione di massimo allungamento per 20 Rilassare i muscoli per 2/3 con espirazione

11 C.R.A.C. Contract Relax Antagonist Contract Raggiungere la posizione in 6 e mantenerla per 20 Contrarre isometricamente i muscoli agonisti per 3/5 Rilassare i muscoli per 2/3 con espirazione Contrarre isometricamente i muscoli antagonisti per 6-8 Rilassare i muscoli contratti per 2/3 con espirazione senza perdere la posizione di max allungamento Posizione di massimo allungamento per 20

12 C.R.S. e C.R.A.C. VANTAGGI Ø È molto efficace e utile in quelle attività che necessitano ampio R.O.M. di azione. Ø È molto efficace per muscoli corti e posturali. Ø Estremamente utile anche come terapia in certi tipi di infortuni c h e c a u s a n o d i s f u n z i o n i propriocettive e cinestetiche. SVANTAGGI Ø Di non facile esecuzione e per una maggiore efficacia richiede la presenza di un assistente. Ø Svolto dopo esercitazioni di forza esplosiva e reattiva, si ha un decremento della prestazione per diminuzione della stifness muscolare. Ø Rischio di lesioni muscolo- tendinee per diminuita compliance se seguito da azioni eccentrico- concentriche.

13 LAVORO ECCENTRICO Altra metodica che sta riscuotendo successo in questi ultimi tempi è la contrazione eccentrica che come obiettivo ha quello di rinforzare un muscolo ottenendone in contemporanea un suo allungamento.

14 LAVORO ECCENTRICO Principio Neurofisiologico Un muscolo debole proprio in virtù della sua poca efficienza si pone nella posizione di lavoro ovvero con leva più vantaggiosa e la resistenza più vicino possibile al fulcro, cioè il centro dell articolazione. Fondamentale dunque è eseguire le esercitazioni eccentriche in angoli massimi di apertura in modo tale da rinforzare il muscolo proprio dove la sua debolezza è più marcata.

15 LAVORO ECCENTRICO La metodica di esecuzione si attua sia da soli che con l aiuto di un operatore. Nel primo caso vengono utilizzati serie di esercizi funzionali con l ausilio degli elastici. Nel secondo caso: o sarà l operatore che vince la resistenza del soggetto che contrae il muscolo in direzione concentrica o verranno utilizzati dei manubri per la fase eccentrica con l operatore che facilita la fase concentrica. Si eseguono generalmente 2/3 serie di 5/6 ripetizioni della durata di 5 sec.

16 LAVORO ECCENTRICO VANTAGGI Ø Risoluzione di retrazioni posturali Ø Rinforzo muscolare Ø Efficacia in patologie croniche a carico dei tendini Ø Può essere utilizzato anche all interno di esercizi funzionali SVANTAGGI Ø Richiede un esecuzione precisa e controllata e coordinata. Ø Per alcuni esercizi richiede la presenza di un operatore

17 QUANDO svolgere le sedute?... E importante così come per qualunque mezzo di allenamento, saper utilizzare le varie metodiche avendo chiaro il loro effetto, la loro efficacia e il GIUSTO COLLOCAMENTO

18 PRIMA DI UN ALLENAMENTO O COMPETIZIONE PNF, CRS e CRAC NO LAVORI ECCENTRICI OK ü Se sono presenti azioni eccentrico- concentrico intense con rischio di lesioni (creeping UMT, effetto antalgico) ü Diminuzione della prestazione (diminuita stifness muscolare, abbassamento tono gamma in esercizi a terra o seduti) ü Nessuna utilità per la finalità di riscaldare il corpo Solo in discipline senza azioni particolarmente intense e dove si richieda ampiezze articolari estreme Soprattutto se inseriti in esercizi funzionali

19 DOPO DI UN ALLENAMENTO O COMPETIZIONE PNF CRS e CRAC Per far riacquistare alla muscolatura e ai tendini la lunghezza precedente all attività M a c o n e s t r e m a attenzione se svolto dopo un attività molto intensa p e r n o n s o m m a r e ulteriori microlesioni a quelle già esistenti N o n h a c o m u n q u e n e s s u n a e ffi c a c i a nell accellerare il recupero facilitando il drenaggio del sangue

20 LONTANO COME SEDUTA DI ALLENAMENTO OK Da preferire perché svolto in una situazione contingente migliore (maggior tempo, miglior predisposizione e concentrazione), eliminando gli effetti negativi acuti (metodiche del PNF) e sfruttando quelli positivi. Miglioramento del rom articolare, riduzione ed eliminazione delle retrazioni e dolori miofasciali Aiuto nel prevenire e nel ristabilire un equilibrio posturale Miglioramento della percezione propriocettiva.

21 Tecnica Principio fisiologico operante Zona anatomica coinvolta Tempi d esecuzione Efficacia Difficoltà esecuava Collocazione della seduta PNF A4vazione del riflesso inverso da s2ramento (rece;ori muscolo tendinei del Golgi) Zona tendinea del muscolo 6 raggiungimento posizione; 20 mantenimento posizione; 3/5 contrazione isometrica; 2/3 rilascio; ** ** Lontano da a4vità spor2va o prima di a4vità senza azioni eccentrico- concentriche intense 20 max allungamento. CRS Inibizione reciproca Zona tendinea del muscolo 6 raggiungimento posizione; 20 mantenimento posizione; 6/8 contrazione isometrica antagonis2; ** ** Lontano da a4vità spor2va o prima di a4vità senza azioni eccentrico- concentriche intense 2/3 rilascio; 20 max allungamento. CRAC A4vazione del riflesso inverso da s2ramento (rece;ori muscolo tendinei del Golgi) + inibizione reciproca Zona tendinea del muscolo 6 raggiungimento posizione; 20 mantenimento posizione; 3/5 contrazione isometrica; 2/3 rilascio; 20 max allungamento; 2/3 rilascio mantenendo l allungamento; 6/8 contrazione isometrica antagonis>. ** ** Lontano da a4vità spor2va o prima di a4vità senza azioni eccentrico- concentriche intense Lavori Eccentrici?? 5/6 ripe2zioni di 5 *** *** Prima dell allenamento anche all interno di esercizi funzionali

22 Tecnica Principio fisiologico operante Zona anatomica coinvolta Tempi d esecuzione Efficacia Difficoltà esecuava Collocazione della seduta Anderson Annullamento del riflesso da s2ramento (fusi neuromuscolari) e abbassamento del tono muscolare Unità contra4le del muscolo 6 raggiungimento della posizione; 20/25 allungamento; 6 ritorno in posizione di partenza. * * Lontano da a4vità spor2va o post allenamento S.G.A. Allungamento contemporaneo delle catene muscolari; può u2lizzare: annullamento del riflesso da s2ramento; a4vazione del riflesso inverso e dell inibizione reciproca Fasce conne4vali; zona tendinea del muscolo 5-10 prima dell allenamento; 10/12 post allenamento; 20 come seduta di allenamento. **** **** Prima dell allenamento (posture in carico, semicarico), post allenamento (posture in scarico); come seduta di allenamento (tu;e)

2 corso per preparatori fisici di pallavolo

2 corso per preparatori fisici di pallavolo 2 corso per preparatori fisici di pallavolo norcia 20/26-06-05 Titolo della relazione: Principi del lavoro di instabilità Relatore: Prof.Roberto Benis Il movimento è la prima strategia preventiva Esercizi

Dettagli

IL CIRCUIT TRAINING PER IL PODISTA

IL CIRCUIT TRAINING PER IL PODISTA IL CIRCUIT TRAINING PER IL PODISTA In questo periodo dell anno si cerca di potenziare la muscolatura e migliorare la forza muscolare, sia generale e sia specifica. In questo articolo analizzeremo il miglioramento

Dettagli

La Quotidianità nella Sclerosi Multipla

La Quotidianità nella Sclerosi Multipla La Quotidianità nella Sclerosi Multipla Nozioni di Ginnastica del Pavimento Pelvico Strambino 4/10/2014 La Continenza La capacità di mingere in tempi e luoghi socialmente appropriati Avvertire lo stimolo

Dettagli

Allenamento con sovraccarichi nella fascia post-giovanile, anche in presenza di paramorfismi. Prof Roberto Calcagno

Allenamento con sovraccarichi nella fascia post-giovanile, anche in presenza di paramorfismi. Prof Roberto Calcagno Allenamento con sovraccarichi nella fascia post-giovanile, anche in presenza di paramorfismi Prof Roberto Calcagno Le fasi di crescita Quando possiamo iniziare un allenamento con sovraccarichi? Può l allenamento

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE R. VALTURIO RIMINI ANNO SCOLATICO 2014/2015

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE R. VALTURIO RIMINI ANNO SCOLATICO 2014/2015 ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE R. VALTURIO PROGRAMMA SVOLTO EDUCAZIONE FISICA Classe 5 B Amministrazione Finanze e Marketing Promozione di una maggior consapevolezza dell importanza di un corretto

Dettagli

NUOVE FRONTIERE NEL CALCIO

NUOVE FRONTIERE NEL CALCIO NUOVE FRONTIERE DELL ALLENAMENTO FISICO NEL CALCIO A.I.A.C. Prof. Adelio DIAMANTE VICENZA 07 maggio 2012 FIGC PARTITA come MODELLO di RIFERIMENTO Il RENDIMENTO del GIOCATORE da cosa è determinato? 1-Lettura

Dettagli

49.00 al mese LUN MAR MER GIO VEN

49.00 al mese LUN MAR MER GIO VEN CORPO LIBERO Un unico obiettivo: star bene con se stessi ed il proprio corpo, tutto grazie alla professionalità dei nostri istruttori, alle ampie sale climatizzate e alle attività adatte a tutte le età.

Dettagli

Be active, healty and happy!

Be active, healty and happy! PERSONAL TRAINER PROJECT lavoriamo per il tuo benessere Be active, healty and happy! Promuovere l attività fisica sul posto di lavoro Mantenersi in forma restando in azienda. Non è uno slogan pubblicitario,

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI IN EDILIZIA IL SOVRACCARICO DEGLI ARTI SUPERIORI

LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI IN EDILIZIA IL SOVRACCARICO DEGLI ARTI SUPERIORI LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI IN EDILIZIA IL SOVRACCARICO DEGLI ARTI SUPERIORI Presupposti e situazione DISTURBI E PATOLOGIE SONO CAMBIATI: - 33 % mal di schiena - 28 % stress - 17 % arti superiori,

Dettagli

Il taping neuromuscolare applicato ai nuotatori di alto livello

Il taping neuromuscolare applicato ai nuotatori di alto livello Il taping neuromuscolare applicato ai nuotatori di alto livello Il tnm è una tecnica basata sui processi naturali di guarigione naturale del corpo infatti favorisce una migliore circolazione sanguigna

Dettagli

corso per preparatori fisici di pallavolo Lo stretching Titolo della relazione: Roma 3 Settembre 2010 Relatore: Prof.Roberto Benis

corso per preparatori fisici di pallavolo Lo stretching Titolo della relazione: Roma 3 Settembre 2010 Relatore: Prof.Roberto Benis corso per preparatori fisici di pallavolo Roma 3 Settembre 2010 Titolo della relazione: Lo stretching Relatore: Prof.Roberto Benis 1 La Condizione fisica CAPACITA' DI FORZA CAPACITA' DI RAPIDITA' CAPACITA'

Dettagli

I traumi nei lanci: come prevenirli

I traumi nei lanci: come prevenirli I traumi nei lanci: come prevenirli Maria Marello maria.marello@alice.it Lucca, 25 febbraio 2012 I TRAUMI NELLO SPORT Eventi improvvisi e violenti Squilibri muscolari conseguenti a gesti specifici dello

Dettagli

preparazione condizionale/coordinativa lo stretching nella scuola calcio marchi ernesto

preparazione condizionale/coordinativa lo stretching nella scuola calcio marchi ernesto consulenza categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: autore / docente / tutor: codice prodotto: scuola calcio preparazione condizionale/coordinativa lo stretching nella scuola calcio marchi ernesto

Dettagli

MOBILITÀ ARTICOLARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

MOBILITÀ ARTICOLARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo MOBILITÀ ARTICOLARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Aspetti generali - Stretching - Facilitazione Neuromuscolare Propriocettiva (P.N.F.) - Contrazione-Rilasciamento-Contrazione dei muscoli agonisti

Dettagli

L ALLENAMENTO DA SVOLGERE PER EVITARE LA RECIDIVITA DELLA LESIONE MUSCOLARE

L ALLENAMENTO DA SVOLGERE PER EVITARE LA RECIDIVITA DELLA LESIONE MUSCOLARE L ALLENAMENTO DA SVOLGERE PER EVITARE LA RECIDIVITA DELLA LESIONE MUSCOLARE A cura di: ANDREA CUTRUPI Gli infortuni pregressi costituiscono uno dei principali fattori predisponenti ad un successivo infortunio.

Dettagli

L'ALLENAMENTO DEI MUSCOLI DELLA REGIONE LOMBARE

L'ALLENAMENTO DEI MUSCOLI DELLA REGIONE LOMBARE L'ALLENAMENTO DEI MUSCOLI DELLA REGIONE LOMBARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo Il mantenimento della stazione eretta è garantita soprattutto dalle catene muscolari posteriori dell'apparato scheletrico

Dettagli

LESIONI MUSCOLO-TENDINEE

LESIONI MUSCOLO-TENDINEE LESIONI MUSCOLO-TENDINEE Alberto Ventura Istituto Ortopedico G. Pini Milano MUSCOLO CARATTERISICHE FORZA RESISTENZA PRONTEZZA VELOCITA ESTENSIBILITA 1 STRUTTURA BIOMECCANICA (FIBRE DI ACTINA E MIOSINA

Dettagli

ITCS Gaetano Salvemini di Casalecchio di Reno (BO) SCIENZE MOTORIE PER LE CLASSI PRIME. A cura di Andrea Pajetti

ITCS Gaetano Salvemini di Casalecchio di Reno (BO) SCIENZE MOTORIE PER LE CLASSI PRIME. A cura di Andrea Pajetti ITCS Gaetano Salvemini di Casalecchio di Reno (BO) SCIENZE MOTORIE PER LE CLASSI PRIME A cura di Andrea Pajetti PAROLE CHIAVE Ossa Lunghe, piatte, corte Cartilagine di coniugazione Sostegno, protezione,

Dettagli

STRUTTURA DELL ALLENAMENTO DI UN ATLETA EVOLUTO E DI ALTO LIVELLO

STRUTTURA DELL ALLENAMENTO DI UN ATLETA EVOLUTO E DI ALTO LIVELLO Luciano Gigliotti STRUTTURA DELL ALLENAMENTO DI UN ATLETA EVOLUTO E DI ALTO LIVELLO ESPERIENZE CON BALDINI E GUIDA BERGAMO 21 GIUGNO 2003 ALLENAMENTO MARATONA CONCETTI FONDAMENTALI SPECIALITA ESTENSIVA

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DELL ALLENAMENTO DEL VELOCISTA CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE FASCE GIOVANILI

LA PROGRAMMAZIONE DELL ALLENAMENTO DEL VELOCISTA CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE FASCE GIOVANILI LA PROGRAMMAZIONE DELL ALLENAMENTO DEL VELOCISTA CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE FASCE GIOVANILI Firenze, 29 gennaio 2011 Prof. Presacane Andrea QUESTE BREVI NOTE SONO UNA PROPOSTA RIGUARDANTE I PERCORSI

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: EDUCAZIONE ALLA POSTURA

TITOLO DEL PROGETTO: EDUCAZIONE ALLA POSTURA TITOLO DEL PROGETTO: EDUCAZIONE ALLA POSTURA TEMATICA: prevenzione e cura delle alterazioni morfo-funzionali dell eta evolutiva (scoliosi,dorso curvo, piede piatto etc.) ; ANALISI DEL CONTESTO PIANIFICAZIONE

Dettagli

Preparazione fisica 2 livello. Mezzi e metodi di allenamento in uno sport individuale a cura di Pasquale Piccardo

Preparazione fisica 2 livello. Mezzi e metodi di allenamento in uno sport individuale a cura di Pasquale Piccardo Preparazione fisica 2 livello Mezzi e metodi di allenamento in uno sport individuale a cura di Pasquale Piccardo Finalità della preparazione fisica Prevenire infortuni dovuti principalmente al sovraccarico

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ALLENATORI 2 Anno LA PREPARAZIONE FISICA NEL BASKET

CORSO DI FORMAZIONE ALLENATORI 2 Anno LA PREPARAZIONE FISICA NEL BASKET CORSO DI FORMAZIONE ALLENATORI 2 Anno LA PREPARAZIONE FISICA NEL BASKET DIAGNOSTICA DELLA PRESTAZIONE COSA ALLENARE: modello funzionale del BASKET. COME ALLENARE: metodologia dell allenamento...tanto più

Dettagli

Test di Contrazione Muscolare Cosa è e come funziona

Test di Contrazione Muscolare Cosa è e come funziona Test di Contrazione Muscolare Cosa è e come funziona INTRODUZIONE IMPORTANTE: Visita www.metodomc.it/test per un approfondimento completo sul Test di Contrazione Muscolare. Nei video allegati si fa accenno

Dettagli

Gruppo Area Vasta Prevenzione Patologie Muscoloscletriche. Ergonomia: La prevenzione delle patologie muscoloscheletriche

Gruppo Area Vasta Prevenzione Patologie Muscoloscletriche. Ergonomia: La prevenzione delle patologie muscoloscheletriche Gruppo Area Vasta Prevenzione Patologie Muscoloscletriche Ergonomia: La prevenzione delle patologie muscoloscheletriche Applicazione dei principi ergonomici nella progettazione/riprogettazione del lavoro:

Dettagli

Generalità sui traumi

Generalità sui traumi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Scienze Motorie Corso di Laurea Magistrale in: Scienze motorie per la Prevenzione e la Salute Rieducazione a secco GENERALITA SUL TRATTAMENTO RIEDUCATIVO

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE

PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE Classe: 5D insegnante: Borgia Alessandra insegnante di potenziamento motorio: Stuppia Sergio la corsa di resistenza a ritmo aerobico nella prima parte dell anno scolastico e qualche ripetuta a ritmo anaerobico

Dettagli

NIKE RED&FUNCTION: nuovo programma di tonificazione muscolare basato sul concetto di allenamento funzionale a tempo di musica.

NIKE RED&FUNCTION: nuovo programma di tonificazione muscolare basato sul concetto di allenamento funzionale a tempo di musica. STUDIO ACTIVE IN TWO: È un corso dove ci si allena in coppia. Il corpo rappresenta il vero mezzo per raggiungere tutti gli obiettivi di funzionalità, forza e mobilità. Allenarsi insieme in un clima divertente

Dettagli

Le Tecniche di Stretching

Le Tecniche di Stretching Lo Stretching Scioltezza muscolare a mobilità articolare sono estremamente importanti per chi pratica sport. Con lo stretching si possono migliorare considerevolmente il movimento e le prestazioni sportive

Dettagli

Introduzione alle macchine a stati (non definitivo)

Introduzione alle macchine a stati (non definitivo) Introduzione alle macchine a stati (non definitivo) - Introduzione Il modo migliore per affrontare un problema di automazione industriale (anche non particolarmente complesso) consiste nel dividerlo in

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SPORT 13/11/2012

PSICOLOGIA DELLO SPORT 13/11/2012 PSICOLOGIA DELLO SPORT 13/11/2012 La vittoria non dipende solo dalla prestanza fisica, ma anche da caratteristiche proprie dell atleta. 1925: Coleman Griffit istituisce il primo laboratorio di psicologia

Dettagli

LO STRETCHING. Flessibilità: Dipende dalla mobilità articolare e della estensibilità ed è influenzata dai seguenti fattori:

LO STRETCHING. Flessibilità: Dipende dalla mobilità articolare e della estensibilità ed è influenzata dai seguenti fattori: LO STRETCHING Lo Stretching è un tipo di allenamento che consiste sostanzialmente nell allungamento e nella contrazione dei muscoli, comprende un insieme di esercizi, finalizzati sia alla preparazione

Dettagli

Premessa 11. 1. La palestra incorporata 15 Fare moto: la sensazione più bella del mondo 15 Piedi miracolosi 15 La corsa nella storia 17

Premessa 11. 1. La palestra incorporata 15 Fare moto: la sensazione più bella del mondo 15 Piedi miracolosi 15 La corsa nella storia 17 Pag. Premessa 11 INTRODUZIONE 1. La palestra incorporata 15 Fare moto: la sensazione più bella del mondo 15 Piedi miracolosi 15 La corsa nella storia 17 2. Tenete lontane le malattie 21 Subito le affermazioni

Dettagli

IL NUOTO IN CARTELLA. Progetto nuoto per la scuola per l Europa. Rif. Multisport Ilaria Pirelli tel. 0521257040 ilaria.pirelli@multisport-parma.

IL NUOTO IN CARTELLA. Progetto nuoto per la scuola per l Europa. Rif. Multisport Ilaria Pirelli tel. 0521257040 ilaria.pirelli@multisport-parma. IL NUOTO IN CARTELLA Progetto nuoto per la scuola per l Europa Divisione in gruppi: 1. Ambientamento Socializzazione; Rilassatezza; Educazione respiratoria. 2. Prime forme propulsive Sviluppo coordinazione;

Dettagli

MOBILITA FUNZIONALE PER LA CANOA CANADESE

MOBILITA FUNZIONALE PER LA CANOA CANADESE MOBILITA FUNZIONALE PER LA CANOA CANADESE a cura di ELISABETTA INTROINI COORDINATRICE SETTORE JUNIORES VELOCITA FICK con la collaborazione di ANTONIO CANNONE SOMMARIO 1. Cosa è la mobilità funzionale e

Dettagli

Il dolore alla spalla. www.fisiokinesiterapia.biz

Il dolore alla spalla. www.fisiokinesiterapia.biz Il dolore alla spalla www.fisiokinesiterapia.biz La complessità delle sue strutture la predispone a problemi di origine degenerativo, infiammatori. Può causare proiezioni a distanza (frenico dolore riflesso).

Dettagli

LA TECNICA NEL MINI- TENNIS APPRENDIMENTO TECNICO RACCHETTA AZZURRA

LA TECNICA NEL MINI- TENNIS APPRENDIMENTO TECNICO RACCHETTA AZZURRA LA TECNICA NEL MINI- TENNIS APPRENDIMENTO TECNICO RACCHETTA AZZURRA LA TECNICA NEL MINI- TENNIS 2 LA TECNICA NEL MINI- TENNIS 3 APPRENDIMENTO TECNICO APPRENDIMENTO TECNICO UTILIZZANDO RACCHETTE ADATTE

Dettagli

ASSISTENZA RIABILITATIVA IN FASE ACUTA

ASSISTENZA RIABILITATIVA IN FASE ACUTA ASSISTENZA RIABILITATIVA IN FASE ACUTA Katiuscia Rullo (Fisioterapista) Chiara Cocconcelli (Fisioterapista) Dinetta Bianchini (Medico Fisiatra) Azienda Ospedaliera Santa Maria Nuova S.C. di Medicina Fisica

Dettagli

CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Primaria CLASSE 1 ^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ

CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Primaria CLASSE 1 ^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Primaria CLASSE 1 ^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ COMPETENZA 1 CONOSCERE E RICONOSCERE LE VARIE PARTI DEL CORPO, LA LORO FUNZIONALITÀ E POTENZIALITÀ

Dettagli

SEZIONE DI MONZA RINALDO BARACCHETTI

SEZIONE DI MONZA RINALDO BARACCHETTI AIA Sez. Monza R. Baracchetti - Stagione agonistica 2012-2013 Programma di Preparazione atletica estiva - Arbitri Carissimo, in quanto segue troverai le linee guida utili per poter costruire la tua condizione

Dettagli

LOMBALGIA E SCIATICA CRONICA TRATTAMENTO

LOMBALGIA E SCIATICA CRONICA TRATTAMENTO LOMBALGIA E SCIATICA CRONICA TRATTAMENTO TERAPIA NON FARMACOLOGICA M.VAN TULDER, B. KOES Lombalgia e sciatica cronica Ital J Rehab Med MR 2005,19:141-53 MANIPOLAZIONI RIACUTIZZAZIONI SOSPENDERE DOPO 4

Dettagli

TFA A029-A030 Laboratorio BES

TFA A029-A030 Laboratorio BES UNITÀ DI APPRENDIMENTO LA COORDINAZIONE TFA A029-A030 Laboratorio BES AUTISMO Grave disturbo neurologico cronico dello sviluppo che compare prima dei 3 anni d'età; attualmente classificato nel DSM-V fra

Dettagli

PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-CAMPIONATO. Arbitri- stagione sportiva 2011/2012

PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-CAMPIONATO. Arbitri- stagione sportiva 2011/2012 PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-CAMPIONATO Arbitri- stagione sportiva 2011/2012 Tutto il periodo di allenamento previsto dal programma di pre - raduno, rappresenta una fase fondamentale per creare i presupposti

Dettagli

Informazioni di fisioterapia. per i pazienti con la. protesi totale al ginocchio

Informazioni di fisioterapia. per i pazienti con la. protesi totale al ginocchio Informazioni di fisioterapia per i pazienti con la protesi totale al ginocchio Il team d ortopedia e di fisioterapia dell Ospedale Alta Engadina Le dà il benvenuto! Con queste informazioni La vogliamo

Dettagli

PATTO DI ACCOGLIENZA FINALITA

PATTO DI ACCOGLIENZA FINALITA PATTO DI ACCOGLIENZA FINALITA Il Patto di Accoglienza è un documento destinato all integrazione degli alunni disabili all interno del nostro Istituto. Contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti

Dettagli

la prevenzione degli infortuni e le patologie da sovraccarico AL FEMMINILE

la prevenzione degli infortuni e le patologie da sovraccarico AL FEMMINILE Cavalese, 7 giugno 16 la prevenzione degli infortuni e le patologie da sovraccarico AL FEMMINILE Moreno Mascheroni Fisioterapista Club Italia femminile Nazionale U20 femminile contenuto del corso caratteristiche

Dettagli

LE CAPACITA CONDIZIONALI

LE CAPACITA CONDIZIONALI Scienze Motorie e Sportive Appunti lezioni 2010-2011 LE CAPACITA CONDIZIONALI Prof. Samuele Dalla Valle CAPACITA CONDIZIONALI Le CAPACITA CONDIZIONALI sono quelle capacità che necessitano di essere condizionate

Dettagli

Progetto DSA: Guida al metodo di studio

Progetto DSA: Guida al metodo di studio Progetto DSA: Guida al metodo di studio CESPD - Centro Studi e Ricerche per la Disabilità Scuola di Psicologia Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia Scuola di Ingegneria Dipartimento di

Dettagli

Già disponibile su www.cgems.it; www.riabilitazionespalla.it; www.davidecarli.com

Già disponibile su www.cgems.it; www.riabilitazionespalla.it; www.davidecarli.com Già disponibile su www.cgems.it; www.riabilitazionespalla.it; www.davidecarli.com Sfogliando pagina dopo pagina del volume PREPARAZIONE ATLETICA E RIABILITAZIONE - Fondamenti del movimento umano - Scienza

Dettagli

Il lavoro e l energia

Il lavoro e l energia Il lavoro e l energia 1. La forza e il lavoro Che cos è il lavoro in Fisica Ogni lavoro richiede uno sforzo e quindi l impegno di una forza. Il lavoro fisico e quello intellettuale richiedono il primo

Dettagli

CAPITOLO 3 ADATTAMENTI NEUROMUSCOLARI INDOTTI DALL ALLENAMENTO CON SOVRACCARICHI

CAPITOLO 3 ADATTAMENTI NEUROMUSCOLARI INDOTTI DALL ALLENAMENTO CON SOVRACCARICHI CAPITOLO 3 ADATTAMENTI NEUROMUSCOLARI INDOTTI DALL ALLENAMENTO CON SOVRACCARICHI 1 1 Obiettivi di apprendimento Saper distinguere tra i termini forza (strength) muscolare, potenza, resistenza (endurance).

Dettagli

La distalizzazione molare con l ausilio del Treppiedi

La distalizzazione molare con l ausilio del Treppiedi La distalizzazione molare con l ausilio del Treppiedi Dott. Paolo Pasquali Libero professionista a Macerata Il Treppiedi, ideato nel novembre del 98 dal sottoscritto e realizzato presso il laboratorio

Dettagli

Riabilitazione perineale e coni vaginali

Riabilitazione perineale e coni vaginali Claudio Paganotti Riabilitazione perineale e coni vaginali La ginnastica intima della donna Prefazione Attilio Gastaldi Phasar Edizioni Il controllo del muscolo pubococcigeo è una facoltà di grande importanza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Definizione Si definisce capacità aerobica la capacità dell individuo

Dettagli

1. FISIOLOGIA DELLO STRETCHING 2. FLESSIBILITÀ 3 TIPI DI STRETCHING 4. COME FARE LO STRETCHING INTRODUZIONE DISCONOSCIMENTO

1. FISIOLOGIA DELLO STRETCHING 2. FLESSIBILITÀ 3 TIPI DI STRETCHING 4. COME FARE LO STRETCHING INTRODUZIONE DISCONOSCIMENTO INTRODUZIONE DISCONOSCIMENTO 1. FISIOLOGIA DELLO STRETCHING 1.1 IL SISTEMA MUSCOLO SCHELETRICO 1.2 COMPOSIZIONE DEL MUSCOLO 1.2.1 COME SI CONTRAGGONO I MUSCOLI 1.2.2 FIBRE MUSCOLARI RAPIDE E LENTE 1.3

Dettagli

SAPER ASCOLTARE CON ATTENZIONE SAPER ANALIZZARE/CONFRONTARE I SUONI IN RELAZIONE AI PRINCIPALI PARAMETRI

SAPER ASCOLTARE CON ATTENZIONE SAPER ANALIZZARE/CONFRONTARE I SUONI IN RELAZIONE AI PRINCIPALI PARAMETRI UAD N. 1 SAPER ASCOLTARE CON ATTENZIONE SAPER ANALIZZARE/CONFRONTARE I SUONI IN RELAZIONE AI PRINCIPALI PARAMETRI Riferimento OSA: 2-4(conoscenza) e D E F- G (abilità) Il silenzio e il suono. Suono e rumore

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI PIANO di LAVORO di EDUCAZIONE FISICA Introduzione L Educazione Fisica è una delle materie obbligatorie presenti in tutti gli indirizzi di studio e si pone la finalità di agire con tutte le altre discipline

Dettagli

UISP PALLAVOLO REGIONALE. ATTIVAZIONE MOTORIA o RISCALDAMENTO

UISP PALLAVOLO REGIONALE. ATTIVAZIONE MOTORIA o RISCALDAMENTO ATTIVAZIONE MOTORIA o RISCALDAMENTO L ATTIVAZIONE MOTORIA E QUELL INSIEME DI ESERCIZI ATTI A PORTARE IL CORPO AD UNA TEMPERATURA OTTIMALE PER POTER LAVORARE AL MEGLIO IN PALESTRA. Fin dalle fasi iniziali

Dettagli

Premessa e obiettivi. dell individuo nella loro pienezza e totalità. ORGANIZZAZIONE STRATEGICA. Risorse Umane POTENZIALE

Premessa e obiettivi. dell individuo nella loro pienezza e totalità. ORGANIZZAZIONE STRATEGICA. Risorse Umane POTENZIALE Premessa e obiettivi La valutazione del potenziale rappresenta una metodologia ben precisa che genera diversi strumenti, schematizzati e di facile lettura, per la gestione del potenziale delle persone

Dettagli

Un Aiuto con l'energia rinnovabile fa bene alla salute e al cuore...

Un Aiuto con l'energia rinnovabile fa bene alla salute e al cuore... Energia e Beneficenza insieme nel futuro... Un Aiuto con l'energia rinnovabile fa bene alla salute e al cuore... Work For Us nasce dalla voglia di rinnovare, come per l'energia, la vita. Ristabilire e

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Immagini in movimento 2 Immagini in movimento Memorizzazione mediante sequenze di fotogrammi.

Dettagli

L esercizio terapeutico. G. Iolascon

L esercizio terapeutico. G. Iolascon L esercizio terapeutico G. Iolascon L esercizio terapeutico Prescrizione di contrazioni muscolari e di movimenti corporei al fine di migliorare la funzionalità generale e specifica di un individuo per

Dettagli

LA CLASSIFICAZIONE CLINICA DELL INCONTINENZA URINARIA Dalle diverse classificazioni riportate in letteratura, in questa trattazione, si preferisce

LA CLASSIFICAZIONE CLINICA DELL INCONTINENZA URINARIA Dalle diverse classificazioni riportate in letteratura, in questa trattazione, si preferisce LA CLASSIFICAZIONE CLINICA DELL INCONTINENZA URINARIA Dalle diverse classificazioni riportate in letteratura, in questa trattazione, si preferisce far riferimento ad una tipizzazione dell incontinenza

Dettagli

Corso per tecnici dell attività giovanile. a cura di SERGIO GENOVESE

Corso per tecnici dell attività giovanile. a cura di SERGIO GENOVESE Corso per tecnici dell attività giovanile a cura di SERGIO GENOVESE - Dirigente Scolastico, Laurea Specialistica in Scienze Motorie, Diploma ISEF, preparatore atletico di squadre professionistiche e dilettantistiche

Dettagli

TENDINOPATIA CALCIFICA DELLA SPALLA PAZIENTE

TENDINOPATIA CALCIFICA DELLA SPALLA PAZIENTE DOTT. MICHELE A. VERDANO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA TENDINOPATIA CALCIFICA DELLA SPALLA PAZIENTE COS È LA TENDINOPATIA CALCIFICA DELLA SPALLA? La tendinopatia calcifica è una patologia caratterizzata

Dettagli

ALLEGATO B Bando di attivazione Corso di Perfezionamento in Tecnico specializzato in Fitness e Wellness A.A. 2011/2012

ALLEGATO B Bando di attivazione Corso di Perfezionamento in Tecnico specializzato in Fitness e Wellness A.A. 2011/2012 INDICAZIONI GENERALI ALLEGATO B Bando di attivazione Corso di Perfezionamento in Tecnico specializzato in Fitness e Wellness A.A. 2011/2012 Lo studente dovrà partecipare con successo a due fra i quattro

Dettagli

PREVENZIONE DEI TRAUMATISMI NELLA PRATICA DELL ATLETICA LEGGERA. Maria Marello marello.maria@gmail.com

PREVENZIONE DEI TRAUMATISMI NELLA PRATICA DELL ATLETICA LEGGERA. Maria Marello marello.maria@gmail.com PREVENZIONE DEI TRAUMATISMI NELLA PRATICA DELL ATLETICA LEGGERA Maria Marello marello.maria@gmail.com Cambiano (TO), 19 marzo 2016 I TRAUMI NELLO SPORT EVENTI IMPROVVISI E VIOLENTI SQUILIBRI MUSCOLARI

Dettagli

GOIP Oncofertilità Conservazione della fertilità

GOIP Oncofertilità Conservazione della fertilità GOIP Oncofertilità Conservazione della fertilità 1 2 Conservazione della fertilità UOMO Prescrizioni PRIMO INCONTRO 1) PRESCRIZIONE NUOVI ESAMI Esami richiesti: Marcatori Epatite B Marcatori Epatite C

Dettagli

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Reggio Emilia LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Relatore Prof. Nicola Piccinini www.volleyballproject.it La

Dettagli

centro polivalente di attività, trattamenti, consulenze naturali e di medicina non convenzionale

centro polivalente di attività, trattamenti, consulenze naturali e di medicina non convenzionale Amida centro centro polivalente di attività, trattamenti, consulenze naturali e di medicina non convenzionale COS È AMIDA E un centro polivalente di attività, trattamenti, consulenze naturali e medicina

Dettagli

Synergy Mat. A piedi nudi verso il controllo del tuo corpo. synergymat.it

Synergy Mat. A piedi nudi verso il controllo del tuo corpo. synergymat.it Synergy Mat A piedi nudi verso il controllo del tuo corpo synergymat.it INDICE 06 08 11 12 14 16 17 18 A PIEDI NUDI VERSO IL CONTROLLO DEL TUO CORPO IL PIEDE, UN INTERPRETE TRA NOI E IL MONDO SYNERGY MAT

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO IN AUTOGRILL. Allegato a) 1. TITOLO DEL PROGETTO 2. DATI DELL ISTITUTO CHE PRESENTA IL PROGETTO

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO IN AUTOGRILL. Allegato a) 1. TITOLO DEL PROGETTO 2. DATI DELL ISTITUTO CHE PRESENTA IL PROGETTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

CORSI PROGRAMMA DATE

CORSI PROGRAMMA DATE PERSONAL TRAINER CORSI DATE STEP/AEROBIC BASIC Corso completo, strutturato in modo tale da fornire quelle conoscenze e quei strumenti necessari tali da dare all utente la preparazione necessaria per operare

Dettagli

SOMMARIO SEZIONE IV. Cantiere: Completamento spartitraffico in Via Nazioni Unite Seregno (MB)

SOMMARIO SEZIONE IV. Cantiere: Completamento spartitraffico in Via Nazioni Unite Seregno (MB) SOMMARIO SEZIONE IV 6 Prescrizioni operative, misure preventive e protettive ed i dispositivi di protezione individuale in riferimento alle interferenze tra le lavorazioni (Allegato XV punto 2.1.2 lettera

Dettagli

DEMOLIZIONI DECOSTRUZIONI

DEMOLIZIONI DECOSTRUZIONI DECOSTRUZIONI Manuali Meccanizzate Con esplosivo Riferimento normativo D.Lgs 81/08 s.m.i. Capo II SEZIONE VIII DEMOLIZIONI (da art. 150 a art. 155) SEZIONE VIII DEMOLIZIONI Art. 150 - Rafforzamento delle

Dettagli

massaggio Livello Avanzato PRE-GARA, POST-GARA BENDAGGIO FUNZIONALE C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale 1 week end (16 ore totali)

massaggio Livello Avanzato PRE-GARA, POST-GARA BENDAGGIO FUNZIONALE C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale 1 week end (16 ore totali) PRE-GARA, POST-GARA BENDAGGIO FUNZIONALE C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale Livello Avanzato 1 week end (16 ore totali) Ente NO-PROFIT di Formazione Professionale Associazione di Promozione

Dettagli

La tecnica colturale per il ciliegio ad alta densità in Germania

La tecnica colturale per il ciliegio ad alta densità in Germania La tecnica colturale per il ciliegio ad alta densità in Germania Martin Balmer DLR - Rheinpfalz Kompetenzzentrum Gartenbau Walporzheimer Str. 48 D-53474 Bad Neuenahr-Ahrweiler Mail: martin.balmer@dlr.rlp.de

Dettagli

Club Alpino Italiano. Commissione Lombarda Materiali e Tecniche

Club Alpino Italiano. Commissione Lombarda Materiali e Tecniche Club Alpino Italiano Commissione Lombarda Materiali e Tecniche L ASSICURAZIONE IN PARETE: L IMPORTANZA DELL ALTEZZA DELLA PRIMA PROTEZIONE E DI UNA CORRETTA ASSICURAZIONE PER RIDURRE I RISCHI DI IMPATTO

Dettagli

Tecniche di rilassamento ipnotico TRAINING AUTOGENO

Tecniche di rilassamento ipnotico TRAINING AUTOGENO Tecniche di rilassamento ipnotico TRAINING AUTOGENO IL TRAINING AUTOGENO SEC. SHULTZ Schultz J.H. (1968). Trad it. Il training autogeno I esercizi inferiori, Feltrinelli, Milano. Schultz J.H. (1968). Trad

Dettagli

CDR ALLENARSI PER MIGLIORARSI, PER DIVERTIRSI E PER LA SICUREZZA

CDR ALLENARSI PER MIGLIORARSI, PER DIVERTIRSI E PER LA SICUREZZA CDR L E D ISPENSE DEL C ORSO D I R OCCIA ALLENARSI PER MIGLIORARSI, PER DIVERTIRSI E PER LA SICUREZZA Tutti i metodi rivolti all incremento delle prestazioni fisiche si basano sulla capacità del nostro

Dettagli

Scale portatili. Le scale portatili sono di 3 tipi: - Semplici - Ad elementi innestati - Doppie (o a sfilo)

Scale portatili. Le scale portatili sono di 3 tipi: - Semplici - Ad elementi innestati - Doppie (o a sfilo) SCALE PORTATILI Scale portatili DEFINIZIONE Attrezzatura di lavoro costituita da due montanti paralleli, collegati tra loro da una serie di pioli trasversali incastrati ai montanti e distanziati in uguale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA - FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA - CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLE ATTIVITA MOTORIE E SPORTIVE Tesi Sperimentale in BIOMECCANICA ANALISI CINEMATICA DEGLI ESERCIZI PER

Dettagli

Fase. orale. Fase orofaringea

Fase. orale. Fase orofaringea DIAGNOSTICA E TRATTAMENTO DELLE PATOLOGIE LARINGEE (DISFAGIE DISFONIE ECC) LE DISFAGIE DI ORIGINE NEUROLOGICA - Sono raramente un sintomo isolato - Si distinguono in acute, subacute e croniche - Spesso

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. Facoltà di Scienze Motorie. Corso di Laurea Magistrale in: Scienze motorie per la Prevenzione e la Salute

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. Facoltà di Scienze Motorie. Corso di Laurea Magistrale in: Scienze motorie per la Prevenzione e la Salute Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Scienze Motorie Corso di Laurea Magistrale in: Scienze motorie per la Prevenzione e la Salute Rieducazione a secco LA SPALLA Prof.ssa Florence Di Muro

Dettagli

LA MEDICINA DELLO SPORT E LA FISIOTERAPIA GIAPPONESE ACQUISISCONO LA METODICA TECAR ACTIVE MOTION.

LA MEDICINA DELLO SPORT E LA FISIOTERAPIA GIAPPONESE ACQUISISCONO LA METODICA TECAR ACTIVE MOTION. LA MEDICINA DELLO SPORT E LA FISIOTERAPIA GIAPPONESE ACQUISISCONO LA METODICA TECAR ACTIVE MOTION. Sono iniziati i lavori di formazione e di addestramento dei tecnici giapponesi TECAR. Presentate al Congresso

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

MASSAGGIO MIOFASCIALE

MASSAGGIO MIOFASCIALE MASSAGGIO MIOFASCIALE Tale massaggio viene utilizzato sia a scopo preventivo, che per il trattamento delle rigidità e delle contratture della muscolatura. Questa tecnica agisce sulla fascia (tessuto connettivale

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

TECNICHE PIÚ ADEGUATE PER FASCE DI ETÀ

TECNICHE PIÚ ADEGUATE PER FASCE DI ETÀ LE TNF TNF ETA TECNICHE PIÚ ADEGUATE PER FASCE DI ETÀ O - 2 anni Contatto fisico: toccare, accarezzare, cullare Musica, giocattoli sopra la culla 2 4 anni Giocare con pupazzi, raccontare storie, leggere

Dettagli

Associazione sportiva dilettantistica. Atletica leggera e non solo... www.saflaives.it. Programma stagione 2014-15

Associazione sportiva dilettantistica. Atletica leggera e non solo... www.saflaives.it. Programma stagione 2014-15 Associazione sportiva dilettantistica Atletica leggera e non solo... www.saflaives.it Programma stagione 2014-15 CORSI DI ATLETICA LEGGERA Per esordienti e ragazzi dagli 8 ai 13 anni Le lezioni saranno

Dettagli

Figura 1 Distrofia simpatico riflessa:

Figura 1 Distrofia simpatico riflessa: I conografia Figura 1 istrofia simpatico riflessa: alterazioni radiografiche.,. Quest uomo di 65 anni ha presentato dolore e tumefazione alla mano dopo un lieve trauma. Nella prima radiografia () si rileva

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Laurea magistrale in ingegneria meccanica Corso di costruzione di macchine e affidabilità PRIMA ESERCITAZIONE Analisi FEM applicata alla ricerca della sezione maggiormente

Dettagli

Implicazioni Propriocettive nella Riabilitazione

Implicazioni Propriocettive nella Riabilitazione Implicazioni Propriocettive nella Riabilitazione La Capsula Articolare Rigidità Vs Patolassità Roma 23 Febbraio 2008 M. Bertoni,, M.D. Sport Clinic Center Università di Firenze Propriocettiva 1 Hall of

Dettagli

Ritorno all attività sportiva dopo intervento di protesi. La spalla Il punto di vista del fisiatra

Ritorno all attività sportiva dopo intervento di protesi. La spalla Il punto di vista del fisiatra Università degli Studi del Piemonte Orientale Scuola di Medicina Cattedra di Medicina Fisica e Riabilitativa A.O.U. Maggiore della Carità Novara S.C. Medicina Fisica e Riabilitativa (Direttore: prof Carlo

Dettagli

7 Disegni sperimentali ad un solo fattore. Giulio Vidotto Raffaele Cioffi

7 Disegni sperimentali ad un solo fattore. Giulio Vidotto Raffaele Cioffi 7 Disegni sperimentali ad un solo fattore Giulio Vidotto Raffaele Cioffi Indice: 7.1 Veri esperimenti 7.2 Fattori livelli condizioni e trattamenti 7.3 Alcuni disegni sperimentali da evitare 7.4 Elementi

Dettagli

Lettini per fisioterapia Lettino De Lux (FX) Un eccellente lettino per manipolazioni e trattamenti con design e funzionalità imbattibili

Lettini per fisioterapia Lettino De Lux (FX) Un eccellente lettino per manipolazioni e trattamenti con design e funzionalità imbattibili Lettini per fisioterapia Lettino De Lux (FX) Un eccellente lettino per manipolazioni e trattamenti con design e funzionalità imbattibili Lettino De Lux (FX) A tre o cinque sezioni, poggia braccia che possono

Dettagli

REGOLAMENTO DI NEGOZIAZIONE DELLE AZIONI ORDINARIE DELLA BANCA POPOLARE DI CIVIDALE

REGOLAMENTO DI NEGOZIAZIONE DELLE AZIONI ORDINARIE DELLA BANCA POPOLARE DI CIVIDALE REGOLAMENTO DI NEGOZIAZIONE DELLE AZIONI ORDINARIE DELLA BANCA POPOLARE DI CIVIDALE Approvato dall Assemblea dei Soci del 26 aprile 2015 1. Obiettivi e finalità del regolamento Con il presente regolamento

Dettagli

ALCUNE CONSIDERAZIONI SUL CICLO ECONOMICO

ALCUNE CONSIDERAZIONI SUL CICLO ECONOMICO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 ALCUNE CONSIDERAZIONI SUL CICLO ECONOMICO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

TERAPIA DEL DOLORE IN CONTINUITA ASSISTENZIALE

TERAPIA DEL DOLORE IN CONTINUITA ASSISTENZIALE TERAPIA DEL DOLORE IN CONTINUITA ASSISTENZIALE S.C. Medicina di Base e Specilistica S.C. Centro di Terapia del Dolore e Cure Palliative Nella diagnosi del dolore cronico si distinguono i seguenti punti:

Dettagli