BSTRACT BOOK PROGRAMM. Vitamin D. Vitamina D e Patalogie del Metabolismo Osseo. in Childhood. In Pediatria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BSTRACT BOOK PROGRAMM. Vitamin D. Vitamina D e Patalogie del Metabolismo Osseo. in Childhood. In Pediatria"

Transcript

1 Vitamina D e Patalogie del Metabolismo Osseo In Pediatria Update on Vitamin D & Bone Disease in Childhood Hotel Galilei, Pisa - 17 Maggio 2013 Presidente: Giuseppe Saggese PROGRAMM BSTRACT BOOK

2 PATROCINI Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale (Pisa) Società Italiana di Pediatria (SIP) Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (SIEDP) Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) Società Italiana di Medicina dell Adolescenza (SIMA) Società Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica (SIAIP) Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) Osservatorio Nazionale Specializzandi Pediatria (ONSP) SEGRETERIA SCIENTIFICA Giuseppe Saggese Martina Bizzi Margherita Fanos Francesco Vierucci Clinica Pediatrica Università di Pisa SEGRETERIA ORGANIZZATIVA Asti Incentives & Congressi srl Piazza San Uomobono, Pisa Tel Fax: PROVIDER GIBIS (n. 569) Piazza San Uomobono, Pisa Tel Fax:

3 RELATORI E MODERATORI R. Agostiniani (Pistoia) F. Antoniazzi (Verona) R. Bernardini (Empoli, Pisa) A. Boldrini (Pisa) A.M. Boot (The Netherlands) G. Buonocore (Siena) G. Cesaretti (Pisa) J. Czech-Kowalska (Poland) L. De Sanctis (Torino) N. Di Iorgi (Genova) D. Di Mauro (Parma) G. Di Mauro (Caserta) L. Fabbri (Pisa) G. Federico (Pisa) P. Ghirri (Pisa) M.F. Holick (Usa) S. Iuliano (Parma) R. Liguori (Aversa, Napoli) C. Marcocci (Pisa) E. Miraglia Del Giudice (Napoli) D. Peroni (Verona) D. Prosperi (Pisa) G. Saggese (Pisa) M. Scaglione (Pisa) N.J. Shaw (UK) F. Simi (Pisa) F. Vierucci (Pisa) G. Weber (Milano)

4 VITAMINA D E PATOLOGIE DEL METABOLISMO OSSEO IN PEDIATRIA Update on Vitamin D & Bone Disease in Childhood Pisa, 17 maggio 2013 Mattina Ore 08:15 Ore 08:30 Ore 09: Registrazioni Apertura dei Lavori con introduzione alle tematiche del Congresso Giuseppe Saggese (Pisa) LETTURA Introduce: Giuseppe Saggese (Pisa) Vitamin D: Beyond Bone Health Michael F. Holick (USA) Ore SESSIONE 1 Moderatori: Giovanni Federico (Pisa), Claudio Marcocci (Pisa) Ore 10:00 Ore 10:30 Ore 11:00 Rickets and Skeletal Consequences of Vitamin D Deficiency Nick J. Shaw (UK) Supplementazione con vitamina D nel bambino e nell adolescente Giuseppe Saggese (Pisa), Francesco Vierucci (Pisa) Coffee Break Ore SESSIONE 2 Moderatori: Roberto Bernardini (Empoli), Antonio Boldrini (Pisa) Ore 11:30 Ore 12:00 Ore 12:30 Ore 13: Ore Vitamin D: from Pregnancy to Newborn and Child Justyna Czech-Kowalska (Poland) Vitamina D e obesità Emanuele Miraglia Del Giudice (Napoli) Vitamina D, asma, allergie alimentari, infezioni Diego Peroni (Verona) Open Lunch VISITA GUIDATA DEI POSTER Moderatori: Paolo Ghirri (Pisa), Francesco Vierucci (Pisa)

5 VITAMINA D E PATOLOGIE DEL METABOLISMO OSSEO IN PEDIATRIA Update on Vitamin D & Bone Disease in Childhood Pisa, 17 maggio 2013 Pomeriggio Ore 14: SESSIONE 3 Moderatori: Rino Agostiniani (Pistoia), Giuseppe Buonocore (Siena) Ore 14:30 Ore 15:00 Ore 15: Bone Mass Acquisition and Determinants of Peak Bone Mass Annemieke M. Boot (The Netherlands) Rachitismi genetici Giovanna Weber (Milano) COMUNICAZIONI Moderatori: Graziano Cesaretti (Pisa), Roberto Liguori (Aversa) Vitamina D e malattie infiammatorie croniche intestinali Dora Di Mauro (Parma) Trattamento ortopedico dei rachitismi Michelangelo Scaglione (Pisa), Luca Fabbri (Pisa) Deficienza di vitamina D ed esofagite eosinofila Silvia Iuliano (Parma) GH e mineralizzazione ossea Francesca Simi (Pisa) Ore 16:10 Coffee Break SESSIONE 4 Moderatori: Giuseppe Di Mauro (Caserta), Donella Prosperi (Pisa) Ore 16:30 Ore 17:00 Ore 17:30 Ore 18: 00 Tecniche densitometriche in pediatria Natascia Di Iorgi (Genova) Osteoporosi in età pediatrica Franco Antoniazzi (Verona) Malattie del PTH Luisa De Sanctis (Torino) Questionario ECM e chiusura dei lavori

6

7

8 RELATORI/SPEAKERS THE D-LIGHTFUL VITAMIN D: EVIDENCED BASED HEALTH BENEFITS BEYOND BONE HEALTH M. F. Holick Boston University Medical Center The sunshine vitamin D has been produced on this earth for more than 500 million years and has evolved into having a wide variety of biologic functions. For humans it maintains calcium metabolism and bone health. Every tissue and cell in the body has a vitamin D receptor and many of the same tissues and cells have the capacity to activate vitamin D. Vitamin D deficiency is associated with the painful bone disease, osteomalacia, and muscle weakness as well as many chronic illnesses including cancer, autoimmune diseases, infectious diseases, cardiovascular disease and type 2 diabetes. A recent study in healthy adults revealed that vitamin D supplementation had marked effect on the expression of more than 200 genes that influence more than 80 metabolic pathways that regulate cellular proliferation, immune function, DNA repair, antioxidant activity among others. Vitamin D also can influence gene activity through Epigenetics. Vitamin D deficiency is one of the most common medical conditions worldwide and improvement in the world's vitamin D status could improve the overall health and well-being of children and adults thereby substantially reducing health costs. Children require IUs of vitamin D/d and adults require IUs of vitamin D/d.

9 RICKETS AND SKELETAL CONSEQUENCES OF VITAMIN D DEFICIENCY N. Shaw Department of Endocrinology & Diabetes, Birmingham Children s Hospital, UK Rickets is a condition only seen in growing children due to disorders that result in impaired apoptosis of hypertrophic cells and mineralisation of the growth plate and osteoid. Although there are a variety of causes of rickets vitamin D deficiency remains the commonest cause worldwide with evidence of a resurgence in some developed countries. There are several modes of presentation of vitamin D deficiency dependent on the age and growth rate of the child. A variety of aetiological factors are important in the potential development of rickets including reduced sunlight exposure, dark skin pigmentation, atmospheric pollution and prolonged exclusive breastfeeding. An additional important factor is poor dietary calcium intake with recent evidence suggesting this needs to be present in conjunction with vitamin D deficiency to cause the development of rickets. Finally another potential skeletal consequence of vitamin D deficiency on the growing skeleton is the impact of maternal vitamin D deficiency on subsequent bone mass in the child. This talk will review the clinical presentation of vitamin D deficiency in children and adolescents, discuss aetiological factors and subsequent treatment.

10 SUPPLEMENTAZIONE CON VITAMINA D NEL BAMBINO E NELL ADOLESCENTE G. Saggese, F. Vierucci, M. Fanos Clinica Pediatrica, Università di Pisa Il rachitismo rappresenta la conseguenza estrema della deficienza di vitamina D e colpisce oggi prevalentemente bambini a rischio, come gli adottati e gli immigrati (1). Numerosi studi hanno dimostrato che la prevalenza attuale della deficienza di vitamina D è elevata in tutto il mondo, potendosi instaurare in maniera subdola e non essere clinicamente evidente, soprattutto in età adolescenziale (2). Se non riconosciuta, la deficienza di vitamina D può avere ripercussioni negative sulla salute del bambino e dell adolescente, interferendo sui processi di mineralizzazione scheletrica e di accumulo della massa ossea (3). Il 90% dell approvvigionamento di vitamina D deriva dall esposizione casuale della cute all irradiazione solare, mentre gli alimenti rappresentano una fonte trascurabile di vitamina D. Oltre ad una scarsa esposizione alla luce solare, anche in relazione alla latitudine, altri importanti fattori di rischio di deficienza di vitamina D sono rappresentati da un elevata pigmentazione melanica della cute e da un allattamento materno prolungato (4, 5) La presenza, variamente combinata, di questi fattori di rischio, soprattutto in assenza di una corretta profilassi con vitamina D, rappresenta il principale motivo dell elevata prevalenza della deficienza di vitamina D attualmente registrata. Recentemente alla vitamina D sono state attribuite nuove azioni extra-scheletriche, in quanto sia l enzima attivante la vitamina D (1-alfa-idrossilasi) che il recettore della vitamina D sono espressi in numerosi organi ed apparati dell organismo. La vitamina D, infatti, contribuisce alla regolazione dell espressione genetica di oltre geni implicati in numerose funzioni, fra cui la risposta immunitaria, la regolazione dei processi di crescita e differenziazione cellulare, i processi metabolici etc (4). Diversi studi hanno dimostrato un associazione tra ipovitaminosi D ed aumentato rischio di sviluppare alcune patologie frequenti in età pediatrica, come le infezioni respiratorie ricorrenti, l asma, le allergie, patologie autoimmuni, in particolare il diabete mellito di tipo 1, la sindrome metabolica, etc. (6). Recentemente è stato inoltre dimostrato come la supplementazione con vitamina D sia effettivamente capace di modificare l espressione in vivo dei geni coinvolti in processi che si ritengono essere alla base delle azioni extrascheletriche della vitamina D (7). Seppure le azioni extrascheletriche della vitamina D necessitino sicuramente di una maggior caratterizzazione, le evidenze ad oggi disponibili suggeriscono di considerare l ipovitaminosi D come un fattore di rischio modificabile per diverse condizioni patologiche (8). A questo proposito, l analisi degli studi di associazione suggerisce che, per ottimizzare le azioni extrascheletriche della vitamina D, siano necessari livelli di 25-OH-D pari a ng/ml, superiori quindi a quelli consigliati per la prevenzione del rachitismo e dell osteomalacia (20-30 ng/ml) (9). Nel 2008 l American Academy of Pediatrics (AAP) ha emanato importanti raccomandazioni in merito alla profilassi con vitamina D in età pediatrica. L AAP consiglia di sottoporre a profilassi ogni bambino alimentato con allattamento al seno esclusivo o parziale che non assuma almeno 1 litro di latte formulato al giorno che contenga 400 UI/l di vitamina D (5). E stato dimostrato, infatti, che il latte umano contiene circa 50 UI/l di vitamina D (10). Pertanto, la profilassi con vitamina D deve essere effettuata in tutti i lattanti, indipendentemente dall allattamento. Infatti, i bambini allattati con formula non assumono gli apporti raccomandati fino a quando non raggiungono i 5-6 Kg di peso, cioè quando vengono divezzati e continuano con più di due pasti al giorno. Nel nato pretermine la profilassi con vitamina D riveste un ruolo rilevante perché può ottimizzare l assorbimento intestinale di calcio e fosforo del neonato. Negli ultimi anni diversi autori e società scientifiche come l European Society for Paediatric Gastroenterology Hepatology And Nutrition (ESPGHAN) hanno consigliato per i nati pretermine un apporto di vitamina D a dosi superiori rispetto a quelle abituali, pari a UI/die da somministrare fino ad un età post-concezionale pari a quella a termine (ad esempio in un nato pretermine di 34 settimane per 6 settimane di vita) (11, 12). Nel neonato la supplementazione con vitamina D deve iniziare sin dai primi giorni di vita, perché i nati da madri deficitarie hanno scorte ridotte di vitamina D e possono quindi sviluppare precocemente una condizione di deficienza, tenendo anche conto che sono necessarie circa tre settimane per raggiungere adeguati livelli ematici di vitamina D (25-OH-D). Per la profilassi è preferibile la somministrazione quotidiana di preparati in gocce, in quanto sono di semplice impiego e la dose da somministrare è ben controllabile (13). Nei bambini

11 più grandi (sopra i due anni di vita) e negli adolescenti è possibile utilizzare per la profilassi i prodotti in fiale da assumere periodicamente, ad esempio durante i mesi invernali come consigliato anche dalle raccomandazioni francesi (14). Alcune modalità possibili per la profilassi utilizzando prodotti in fiale sono: UI ogni 2 settimane x 6 somministrazioni, UI al mese x 3 somministrazioni, UI ogni 2-3 mesi x 2 somministrazioni. La profilassi si effettua somministrando vitamina D e non i suoi metaboliti, in quanto questi ultimi non sono in grado di mantenere e/o di restaurare le scorte di vitamina D ed inoltre espongono ad un rischio importante di ipercalcemia (15). Nel 2011 l Institute of Medicine (IOM) ha pubblicato i fabbisogni giornalieri di vitamina D, confermando un apporto di 400 UI/die per tutto il primo anno di vita ed aumentando il fabbisogno nelle fasi successive dell età pediatrica a 600 UI/die (16). Nel 2012 l AAP ha approvato i fabbisogni raccomandati dall IOM (17). Per quanto riguarda l Italia, sono attualmente in fase di pubblicazione i nuovi Livelli di Assunzione Raccomandati dei Nutrienti (LARN) che parimenti si allineano agli apporti giornalieri di vitamina D raccomandati dall IOM (18) (tabella 1). L AAP non pone un limite preciso di durata della profilassi (5). Appare ragionevole effettuare la profilassi con vitamina D alle dosi sopra indicate continuativamente fino al secondo anno di vita, periodo in cui i processi di accrescimento sono massimamente rappresentati. L Endocrine Society ha integrato le raccomandazioni dell IOM sottolineando come i bambini e gli adolescenti con fattori di rischio per lo sviluppo della deficienza di vitamina D (tabella 2) necessitino di apporti di vitamina D superiori ( UI/die nel primo anno di vita; UI/die nelle epoche successive) (19). Il riconoscimento dei fattori di rischio di deficienza di vitamina D è fondamentale per stabilire la durata della profilassi con vitamina D. In assenza di fattori di rischio, non è necessaria una supplementazione continuativa. In Italia, particolare attenzione deve essere rivolta al periodo invernale in cui l esposizione solare non è in grado di stimolare efficacemente la sintesi di vitamina D a livello cutaneo (20). Pertanto, può essere presa in considerazione l effettuazione della profilassi durante i mesi invernali, in particolare nei soggetti scarsamente esposti al sole durante l estate precedente e durante l adolescenza, periodo in cui sono ben rappresentati i processi di acquisizione della massa ossea. In presenza di fattori di rischio persistenti e non modificabili, al contrario, è opportuno consigliare una profilassi continuativa con vitamina D alle dosi raccomandate dall Endocrine Society. Alcuni paesi europei hanno emanato le proprie raccomandazioni riguardo la profilassi con vitamina D in età pediatrica. Si tratta di indicazioni importanti che tengono conto delle variazioni della latitudine nei vari paesi. Ad esempio in Francia è stato consigliato di sottoporre a profilassi tutti i bambini fino a 18 mesi di vita ( UI/die negli allattati al seno e negli allattati con formula non fortificata; UI/die negli allattati con formula fortificata con vitamina D). Gli autori francesi, inoltre, consigliano sistematicamente la profilassi nel periodo invernale: nei bambini tra 18 mesi e 5 anni alla dose di UI da assumere due volte in dose unica durante l inverno (Novembre e Febbraio) e negli adolescenti tra 10 e 18 anni secondo le modalità precedenti oppure in un'unica dose di UI (14). La profilassi con vitamina D durante i mesi invernali è consigliata anche dalle raccomandazioni polacche emanate nel 2010 (400 UI/die nei bambini e negli adolescenti tra i 2 ed i 18 anni durante il periodo compreso tra ottobre e marzo) (21). Nel box riassuntivo sono riportate schematicamente le raccomandazioni pratiche per una corretta profilassi con vitamina D. Ad oggi, sono scarsi gli studi che hanno analizzato l atteggiamento dei pediatri riguardo alla profilassi con vitamina D (22). Recentemente abbiamo condotto in Italia un questionario sulla profilassi con vitamina D rivolto ai pediatri di libera scelta. Dall analisi del campione reclutato (422 pediatri) sono emersi risultati incoraggianti: l 87% dei pediatri sottopone a profilassi con vitamina D tutti i lattanti, indipendentemente dall allattamento; l 11% ritiene, non correttamente, che la profilassi debba essere offerta esclusivamente ai bambini allattati al seno, mentre solo il 2% non raccomanda la profilassi con vitamina D (23). In conclusione, l ipovitaminosi D rappresenta una condizione di frequente riscontro in età pediatrica. Compito del pediatra è promuovere e verificare l effettiva esecuzione della profilassi con vitamina D durante i primi anni di vita; il pediatra deve inoltre identificare precocemente le condizioni associate a deficienza di vitamina D al fine di mettere in atto prontamente le adeguate strategie preventive.

12 Tabella 1. Fabbisogni giornalieri di vitamina D raccomandati durante l età pediatrica. Età Lattanti 0-6 mesi 6-12 mesi IOM 2011 UI/die AAP 2012 UI/die LARN 2012 UI/die End. Society 2011^ UI/die Bambini e adolescenti* 1-18 anni Adequate intake (AI): apporto considerato adeguato in base ai dati della letteratura. * Recommended dietary intake (RDI): apporto in grado di coprire i fabbisogni di oltre il 97,5 % della popolazione. ^ Fabbisogni consigliati per i soggetti a rischio di deficienza di vitamina D. Tabella 2. Condizioni a rischio di deficienza di vitamina D di possibile riscontro in età pediatrica. Rachitismo Ridotta esposizione solare Etnia non caucasica Allattamento al seno in assenza di profilassi Pretermine (fino ad un età post-concezione pari a quella a termine) Insufficienza epatica Insufficienza renale cronica Malassorbimento (fibrosi cistica, malattie infiammatorie croniche intestinali, celiachia alla diagnosi) Terapie croniche (antiepilettici, corticosteroidi) Obesità Tubercolosi Box riassuntivo. La profilassi con vitamina D in età pediatrica: indicazioni pratiche. La profilassi con vitamina D deve essere consigliata in ogni bambino che non assuma almeno 1 litro al giorno di latte formulato supplementato con 400 UI/l di vitamina D. La profilassi deve iniziare fin dai primi giorni di vita. Le dosi raccomandate per la profilassi in soggetti senza fattori di rischio di deficienza di vitamina D sono: UI/die nel primo anno di vita (indipendentemente dall allattamento) UI/die nel periodo compreso tra 1 e 18 anni. Le dosi raccomandate per la profilassi in soggetti con fattori di rischio di deficienza di vitamina D sono: UI/die nel primo anno di vita (indipendentemente dall allattamento) UI/die nel periodo compreso tra 1 e 18 anni. Non esiste un limite preciso alla durata della supplementazione con vitamina D. Nei soggetti senza fattori di rischio appare ragionevole effettuare la profilassi fino al secondo anno di vita, periodo in cui i processi di accrescimento sono massimamente rappresentati. Nelle epoche successive, la profilassi deve essere individualizzata sulla base dell esposizione solare del bambino e dell adolescente o sull eventuale presenta di condizioni a rischio di deficienza di vitamina D. In caso di presenza di fattori di rischio si consiglia una profilassi continuativa mentre nei soggetti con scarsa esposizione solare durante l estate si consiglia di somministrare la profilassi con vitamina D nel periodo compreso tra novembre ed aprile. Nei nati pretermine si consiglia una profilassi con vitamina D alla dose di UI/die fino ad un età post-concezionale pari a quella a termine, proseguendo successivamente con le dosi routinarie.

13 BIBLIOGRAFIA 1) Saggese G, Vierucci F. Il rachitismo carenziale. Area Pediatrica. Volume 3, Anno ) Van Schoor NM, Lips P. Worldwide vitamin D status. Best Pract Res Clin Endocrinol Metab 2011; 25: ) Winzenberg TM, Powell S, Shaw KA, Jones G. Vitamin D supplementation for improving bone mineral density in children. Cochrane Database Syst Rev 2010; 10: CD ) Holick MF. Vitamin D deficiency. N Engl J Med 2007; 357: ) Wagner CL, Greer FR, American Academy of Pediatrics Section on Breastfeeding, American Academy of Pediatrics Committee on Nutrition. Prevention of rickets and vitamin D deficiency in infants, children and adolescents. Pediatrics 2008; 122: ) Holick MF. Vitamin D: extraskeletal health. Rheum Dis Clin North Am 2012; 38: ) Hossein-Nezhad A, Spira A, Holick MF. Influence of vitamin D status and vitamin D3 supplementation on genome wide expression of white blood cells: a randomized double-blind clinical trial. PLoS One 2013; 8: e ) Haines ST, Park SK. Vitamin D supplementation: what's known, what to do, and what's needed. Pharmacotherapy 2012; 32: ) Holick MF. Vitamin D and health: evolution, biologic functions and recommended dietary intakes for vitamin D. In Vitamin D: physiology, molecular biology and clinical applications. 2 nd edition, Pag: ) Saggese G, Bertelloni S, Baroncelli GI et al. Determinazione della vitamina D e della 25-idrossivitamina D nel latte umano. Riv Ped Prev Soc 1989; 39: ) Bozzetti V, Tagliabue P. Metabolic Bone Disease in preterm newborn: an update on nutritional issues. Ital J Pediatr 2009; 35: ) Agostoni C, Buonocore G, Carnielli VP et al. Enteral nutrient supply for preterm infants: commentary from the European Society of Paediatric Gastroenterology, Hepatology and Nutrition Committee on Nutrition. J Pediatr Gastroenterol Nutr 2010; 50: ) Saggese G, Baroncelli GI, Bertelloni S. Profilassi con vitamina D in età pediatrica. Minerva Pediatr 1992; 44; ) Vidailhet M, Mallet E, Bocquet A et al. Vitamin D: still a topical matter in children and adolescents. A position paper by the Committee on Nutrition of the French Society of Paediatrics. Arch Pediatr 2012; 19: ) Van den Berg H. Bioavailability of vitamin D. Eur J Clin Nutr 1997; 51 (Suppl.1): S76-S79. 16) Institute of Medicine Committee to Review Dietary Reference Intakes for Vitamin D and Calcium. Dietary Reference Intakes for Calcium and Vitamin D. Washington (DC): National Academies Press; ) American Academy of Pediatrics. Dietary reference intakes for calcium and vitamin D. Pediatrics 2012; 130: e ) Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU). Livelli di assunzione di riferimento di nutrienti ed energia per la popolazione italiana. Revisione XXXV Congresso Nazionale SINU. Bologna, ottobre ) Holick MF, Binkley NC, Bischoff-Ferrari HA et al. Evaluation, treatment, and prevention of vitamin D deficiency: an Endocrine Society clinical practice guideline. J Clin Endocrinol Metab 2011; 96: ) Saggese G, Baroncelli GI, Bertelloni S et al. Effetto delle stagioni sulla sintesi della vitamina D3 a 43 latitudine nord. Riv Ital Pediatr 1992;18: ) Charzewska J, Chlebna-Sokół D, Chybicka A et al. Recommendations of prophylaxis of vitamin D deficiency in Poland (2009). Med Wieku Rozwoj 2010; 14: ) Perrine CG, Sharma AJ, Jefferds ME et al. Adherence to vitamin D recommendations among US infants. Pediatrics 2010; 125: ) Saggese G, Vierucci F, Mele G. La profilassi con vitamina D. Risultati del Questionario FIMP - Clinica Pediatrica dell Università di Pisa. Il Medico Pediatra 2012; 4:

14 VITAMIN D: FROM PREGNANCY TO NEWBORN AND CHILD J. Czech-Kowalska Department of Neonatology and Neonatal Intensive Care, The Children s Memorial Health Institute, Warsaw, Poland Vitamin D is crucial not only for calcium-phosphate homeostasis but also for many other physiological processes in the human body. Fetal vitamin D stores are exclusively dependet on maternal vitamin D status during pregnancy. There is a strong positive correlation between both. Vitamin D is transported through the placenta as 25-hydroxyvitamin D (25OHD), mainly during the third trimester of pregnancy. It means that a vitamin D deficient mother will pass on the vitamin D deficiency to the newborn. Vitamin D deficiency is seen commonly in pregnant women, even in sunny countries. Vitamin D status during pregnancy is a function of maternal sunlight exposure, latitude, degree of skin pigmentation, lifestyle, body mass index and the vitamin D intake from diet and supplements. Vitamin D consumption from diet is around 140 IU/d in Europe. Although prenatal supplements are generally used (30-80%), most of them ensure only IU/d of vitamin D. Such intakes are far too low to guarantee an optimal vitamin D status. The most important risk factor of vitamin D deficiency in pregnancy is a limited skin synthesis secondary to latitude, usage of sun blockers, indoor activity, covering most of the body (religious or cultural reasons), dark skin (origin outside Europe), prolonged hospitalization, air pollution and also obesity, low socio-economical status, multiple gestation and smoking. There is mounting evidence that vitamin D deficiency during pregnancy has a negative impact on women s health as well as a short term and long term consequence for the offspring s health. Meta analyses have shown an increased risk of gestational diabetes, bacterial vaginosis, pre-eclampsia and preterm delivery in vitamin D deficient women. Influence on the mode of delivery is controversial (one study has shown a higher rate of caesarian section, the other one no differences). Concerning the neonatal outcome, higher rate of small for gestational age, low birth weight, and hypocalcaemia in neonates have been reported. Maternal vitamin D deficiency leads to a demineralization of the skeletal system and enamel defects. Changes in fetal bone, similar to rickets, are seen as early as the 19 th week of gestation. The possibility of persistence of the lower bone mass and enamel defects later in life is alarming. The list of potential long term extraskeletal consequences for the offspring of vitamin D deficient mothers is mounting. Many studies have found an association between a maternal vitamin D deficiency and a increased risk of allergic diseases in childhood. Although, some reports have not found such association, and others have shown even a decreased risk of allergy. It seems that this association is not linear but U-shaped. Prenatal vitamin D deficiency may increased risk of immune -mediated disease such as multiple sclerosis, colitis ulcerosa, rheumatoid arthritis, systemic lupus erythematosus, and respiratory tract infections. Vitamin D is also essential for a normal brain development (animal studies). An impairment of mental and psychomotor development during infancy and language difficulties at 5 and 10 years of age have been reported in children. Achieving an optimal vitamin D status during pregnancy will have a beneficial effect on improvement of maternal and offspring s health. Supplementation of (at least) women with an increased risk of vitamin D deficiency is fundamental for public health. I declare no conflict of interest.

15 VITAMINA D E OBESITA E. Miraglia del Giudice, F. Di Mauro, L. Perrone Dipartimento della Donna, del Bambino e di Chirurgia Generale e Specialistica Seconda Università di Napoli, Napoli La definizione di sovrappeso e di obesità infantile è più complessa rispetto all'adulto, il cui peso ideale è calcolato in base al BMI (Body Mass Index o Indice di Massa Corporea), che è uguale al peso in Kg diviso l'altezza in metri elevata al quadrato. Il Ministero della Sanità Italiano definisce obeso un bambino il cui peso supera del 20% quello ideale, e in sovrappeso se lo supera del 10-20%. Utilizzando i percentili del BMI viene considerato in sovrappeso il bambino il cui peso si colloca tra l 85 e il 95 percentile, mentre dal 95 percentile viene definito obeso. L'obesità infantile è un problema di notevole rilevanza sociale che in Italia colpisce un bambino su quattro. La sua prevalenza si è accresciuta negli ultimi due decenni ed è attualmente il problema nutrizionale più comune e costoso. Nonostante un contributo genetico noto, tale aumento è stato in gran parte attribuito a cambiamenti dello stile di vita. La carenza di vitamina D rappresenta un altra problematica sempre più diffusa di salute pubblica sia nei Paesi in via di sviluppo che in quelli industrializzati. Recenti studi hanno dimostrato che l adiposità (obesità) influenza l azione ed il metabolismo di tale vitamina, essenziale per la salute del sistema muscolo scheletrico e di altre funzioni. E stato recentemente suggerito (Plos Medicine, Febbraio 2013), sulla base di un analisi randomizzata mendeliana bidirezionale, che sia un più alto BMI a favorire una più bassa concentrazione di 25(OH)D e non la carenza di tale vitamina a determinare l incremento del BMI. Tuttavia se sia l obesità stessa a contribuire alla riduzione dei livelli di vitamina D o se siano i bassi livelli di vitamina D a predisporre il bambino all obesità è un argomento ancora oggetto di studio. Esperimenti in vitro, condotti sui ratti, hanno dimostrato che alte dosi di vitamina D2 (ergocalciferolo, di provenienza vegetale), provocano un aumento di spesa energetica, interferendo con la fosforilazione ossidativa nei tessuti adiposi. Studi randomizzati e controllati (RCT) per verificare l effetto della supplementazione di vitamina D sulla perdita di peso nei soggetti obesi o in sovrappeso hanno, però, fornito risultati inconsistenti. E stato comunque osservato che la perdita di peso in genere è associata ad un miglioramento dei livelli ematici di vitamina D anche in assenza di supplementazione. E stato suggerito che il calo della sintesi della vitamina D nella pelle dovuta alla ridotta esposizione solare, possa contribuire all aumento della massa grassa durante i mesi freddi. Poiché la vitamina D viene immagazzinata nel tessuto adiposo, la spiegazione più probabile è riconducibile alla maggiore capacità di immagazzinamento di tale vitamina in individui obesi con conseguente aumento del volume di distribuzione e riduzione della biodisponibilità di 25(OH)D. Alcuni studi hanno inoltre evidenziato che vi è un rapporto tra carenza di vitamina D, sindrome metabolica e predisposizione al diabete. E stato dimostrato, infatti, che nella cellula muscolare striata la vitamina D aumenta la sensibilità all insulina attraverso la modulazione della fosforilazione del substrato del recettore di tale ormone. La carenza di vitamina D, che si può verificare come conseguenza dell obesità, predisporrebbe il bambino e l adolescente obeso ad un aumento della resistenza insulinica. Tale evento, a sua volta, è in grado di predisporre questi pazienti alla comparsa della sindrome metabolica (ipertensione e dislipidemia) e, nel lungo periodo, ad un aumento del rischio di ammalare di diabete.

16 RUOLO DELLA VITAMINA D NELLE PATOLOGIE ALLERGICHE D. Peroni Università di Verona - U.O. Di Pediatria Policlinico GB Rossi Verona L asma è una malattia complessa alla cui patogenesi contribuiscono fattori genetici legati allo sviluppo del polmone e del sistema immunitario, sui quali esercitano una pressione determinante le condizioni ambientali, quali dieta, esposizione ad allergeni, inquinanti e farmaci. Per ora si è visto che la terapia farmacologia non è in grado di modificare lo stato naturale della malattia. E abbastanza probabile che si possa ridurre la gravità dell asma mediante una ridotta esposizione agli allergeni e agli inquinanti dell ambiente domestico. Evitare il contatto con gli acari e la supplementazione dietetica con acidi grassi omega-3 non riduce il rischio di sviluppare allergia in età scolare ma abbassa le probabilità di avere asma scarsamente controllato (Toelle JACI 2010; 126:388). Una lunga durata del parto e la rottura prolungata delle membrane aumentano non solo il rischio d infezioni neonatali ma anche la successiva comparsa di respiro sibilante nel bambino (Keski-Nisula Allergy 2010; 65:1116). Il consumo di vitamina D in quantità sufficienti durante la gravidanza riduce sia il rischio di sviluppo di eczema e di asma (Miyake ERJ 2010; 35:1228). Inoltre nei bambini asmatici con difetto di vitamina D (<30ng/ml) e stato segnalato un rischio aumentato del 50% di riacutizzazioni d asma (Brehm JACI 2010; 126:52). Nell asma difficile aumenta il livello d isoprostani nell aria esalata a documentare che lo stress ossidativo, sempre presente nell asmatico, aumenta ulteriormente nelle forme più gravi di malattia (Carraro ERJ 2010; 35:1364). La dermatite atopica è più frequente nei bambini che nascono in autunno-inverno e cio e stato messo in relazione anche ai bassi livelli di vitamina D presenti nella madre gravida e nel neonato con aumento anche del rischio di sensibilizzazione allergica. Nei soggetti con dermatite attopica inoltre la severita della patologia (misurata con indice SCORAD) e inversamente proporzionale ai livelli di vitamina D nel siero (Peroni Br J Dermatol 2011).

17 BONE MASS ACQUISITION AND DETERMINANTS OF PEAK BONE MASS A.M. Boot Department of Pediatric Endocrinology, Beatrix Children s Hospital, University Medical Center Groningen, University of Groningen, Groningen, the Netherlands Research on peak bone mass (PBM) is important for the prevention of fractures. Bone mass increases with age during childhood and adolescence till PBM is achieved around the age of 18 years in females and 20 years in males. A higher PBM may lower the risk of osteoporosis in later life. Fractures are frequently observed during adolescence. Around 30 % of healthy young adults have had a fracture. Fractures are related to bone mineral density. PBM is affected by genetic, nutritional, lifestyle and hormonal factors. The heritability has been reported to be %. Puberty is an important period in the bone mass accretion. Low serum 25 hydroxyvitamin D (25OHD) as well as low calcium intake are associated with low bone mineral density in adolescents. Vitamin D interacts with calcium intake in the effect on bone. Activities with a high peak strain during adolescence are positively related to peak bone mineral density, especially in males. Bone and muscle adapt to the mechanical loads applied to it. Vitamin D status, adequate calcium intake and exercise are important for optimal bone health.

18 I RACHITISMI GENETICI G. Weber, M.A. Kalapurackal, V. Donghi U.O. di Pediatria Ospedale San Raffaele (MI) L incidenza del rachitismo carenziale è in aumento negli ultimi anni sia nei paesi industrializzati che in quelli in via di sviluppo. Flussi migratori, abitudini e stili di vita, alimentazione e supplementazione vitaminica, esposizione solare giocano un ruolo chiave nella patogenesi del rachitismo. Oltre alla forma più nota di rachitismo, quella carenziale, ne esistono altre di origine acquisita e genetica, spesso a rischio di essere misconosciute od erroneamente trattate. I rachitismi genetici sono patologie rare che determinano un difetto nel metabolismo della vitamina D o nella sua azione. Il rachitismo ipofosforemico, descritto per la prima volta dal Dr. Albright nel 1937, include un gruppo di disordini ereditari e acquisiti caratterizzati dalla perdita renale di fosfato, simili dal punto di vista clinico, ma differenti per quanto riguarda l aspetto genetico. Si tratta di malattie rare: la forma più comune di rachitismo ipofosforemico, a trasmissione X-linked dominante, ha una prevalenza di 1: Nelle principali forme di rachitismo ipofosforemico il meccanismo fisiopatologico è lo stesso: una riduzione del riassorbimento di fosfato nel tubulo renale prossimale che conduce ad aumentata fosfaturia e conseguente un ipofosfatemia, associate a livelli di calcitriolo inappropriatamente normali o bassi. Questo altera il metabolismo osseo portando allo sviluppo di rachitismo e/o osteomalacia. Nel corso dell ultimo decennio sono state acquisite notevoli conoscenze e sono stati individuati geni chiave nell omeostasi del fosfato: FGF23, PHEX, SLC34A3, ENPP1, DMP1, CLCN5. Le recenti acquisizioni sul ruolo di FGF23 come fosfatonina, ossia come mediatore nel riassorbimento del fosfato a livello dei tubuli renali e nella promozione della sintesi del calcitriolo hanno permesso di capire la patogenesi dei rachitismi ipofosforemici. Da un punto di vista clinico, alla nascita i bambini affetti da rachitismo ipofosforemico si presentano nella norma, sia come taglia che come struttura ossea. Le prime alterazioni a rendersi visibili sono solitamente quelle a carico degli arti inferiori (varismo, valgismo) in concomitanza con l inizio della deambulazione. Altri problemi riscontrabili nei pazienti affetti sono quelli dentari (dentizione ritardata, scarsa mineralizzazione della dentina e debolezza dentaria, ascessi), cardiaci (ipertensione e ipertrofia ventricolare sinistra), ipotonia e debolezza muscolare. Da un punto di vista radiografico le alterazioni sono quelle tipiche del rachitismo. La terapia del rachitismo ipofosforemico si basa sull utilizzo di fosfati e forme attive della vitamina D (calcitriolo o alfacalcidolo). La compliance risulta spesso difficile da ottenere a causa della necessità di somministrazioni ripetute di fosfati (circa 5/die) e del gusto spesso salato delle soluzioni galeniche in uso. Altre forme di rachitismi genetici sono quelle vitamina D dipendenti (VDDR), ancora più rare e caratterizzate da un difetto dell enzima responsabile dell attivazione renale della vit D (tipo I) o da un difetto del recettore per la vit D (tipo II). In questi casi la terapia si basa sull utilizzo di calcitriolo (spesso ad alte dosi) e calcio (nella forma di tipo II). Le alterazioni laboratoristiche sono tipiche e consentono, insieme alla scarsa riposta alla terapia con vitamina D nella forma 25OHD, di porre diagnosi di esclusione rispetto ad un rachitismo di tipo carenziale.

19 TECNICHE DENSITOMETRICHE IN PEDIATRIA N. Di Iorgi Department of Pediatrics, IRCCS Giannina Gaslini Hospital, University of Genoa Growing awareness that osteoporosis may have its antecedents in childhood has led to increasing interest in assessing bone mass in children and adolescents. The presentation will describe noninvasive imaging techniques currently available to measure properties of the growing skeleton, including bone mass, density, cross-sectional area and microarchitecture. Strengths and limitations of each technique will be considered. Dual-energy x-ray absorptiometry (DXA) is the most widely used technique, but it has several major limitations associated with its dependence on two-dimensional projections. Quantitative CT and peripheral quantitative CT allow three-dimensional imaging but are more costly and have higher radiation exposure. Quantitative ultrasound is simple and radiation free and appears to offer a low-cost alternative method to assess bone mass and fracture risk; however it can measure bone "quality" only at a single peripheral site. For all of these techniques, clinical interpretation of the bone measures obtained remains a significant challenge. Although bone mineral density is predictive of future fracture risk in adults, the evidence in children is less conclusive, and a diagnosis of osteoporosis in a child should not be made on densitometric findings alone. Developing a clearer understanding of how measures of bone mass and strength correlate with bone fracture in children will help target preventive strategies for those in greatest need.

20 OSTEOPOROSI IN ETÀ PEDIATRICA F. Antoniazzi Pediatria du, Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata, Dipartimento Scienze della Vita e della Riproduzione, Università di Verona, Verona L osteoporosi in età evolutiva è caratterizzata da valori di massa ossea, aggiustati in base alla taglia, inferiori a - 2DS rispetto alla media per sesso ed età (Z-score) e dal dato anamnestico di almeno una frattura all arto inferiore oppure due fratture degli arti superiori. La maggior parte della massa ossea riscontrabile in età adulta si stabilisce nelle prime due decadi di vita, fino al raggiungimento di un picco massimo tra i 25 e i 30 anni (Peak Bone Mass - PBM). Nella determinazione della massa ossea, i fattori genetici contribuiscono per circa l 80%, mentre per la rimanente quota, ossia circa il 20%, entrano in gioco fattori ambientali e ormonali. Qualsiasi condizione in grado di ostacolare la formazione ossea durante l accrescimento può portare allo sviluppo di osteoporosi, anche sintomatica, in età pediatrica oppure comportare un aumentato rischio fratturativo in età avanzata a causa del raggiungimento di un PBM inadeguato. Nel bambino e nell adolescente si riconoscono forme di osteoporosi primaria e secondaria. Esempi di osteoporosi primaria sono l Osteogenesi Imperfetta, con bassa statura, iperlassità legamentosa, sclere blu e altri segni di interessamento del tessuto connettivo, l Osteoporosi Idiopatica Giovanile e altre forme più rare (Ehler-Danlos, Marfan Bruck, etc). Una osteoporosi secondaria può essere sostenuta da una serie di fattori in grado di agire singolarmente o in combinazione sul regolare sviluppo dell osso in età evolutiva, come ridotta mobilità, malattie infiammatorie croniche, uso di corticosteroidi sistemici e basso peso alla nascita. Le metodiche attualmente più impiegate per la valutazione della massa ossea in età pediatrica sono la DXA e la QUS. Queste tecniche sono poco costose e facilmente impiegabili, ma non interscambiabili tra loro poiché forniscono riscontri complementari in base alle caratteristiche fisiche peculiari di ciascuna di esse. Lo studio del turnover osseo dovrebbe essere fatto al momento della diagnosi e all inizio di qualsiasi trattamento per avere un prospetto delle condizioni basali e monitorare al meglio il follow-up anche in corso di terapia. Oltre ai comuni esami di laboratorio per valutare il metabolismo osseo (calcemia, fosfatasi alcalina (ALP), 25-OH vitamina D, paratormone (PTH), calciuria e fosfaturia)si possono studiare i markers di apposizione ossea (ALP ossea, osteocalcina, peptidi C- e N-terminali del procollageno tipo I (P1CP e P1NP)) e i markers di riassorbimento osseo (deoxypyridinoline, telopeptidi C- e N-terminali (CTX e NTX) del collageno tipo I). Altri possibili markers utilizzabili sono le proteine di regolazione degli osteoclasti (catepsina K, osteoprotegerina, RANKL e fosfatasi acida tartrato resistente (TRACP) isoforma 5b) o fattori di regolazione del sistema WNT come sclerostina e DKK1. Per la prevenzione della osteoporosi è fondamentale assicurare un adeguato apporto di calcio e vitamina D nel corso dell età evolutiva e dedicare altrettanta attenzione all esercizio fisico. In questi ultimi anni si sta assistendo a un aumento del numero di casi di rachitismo su base carenziale, specie in alcuni gruppi etnici, ma è sempre più frequente il riscontro di valori bassi di vitamina D anche nella popolazione normale, in particolare negli adolescenti. Se a questo si aggiunge anche il dato di una sempre maggiore sedentarietà dei nostri ragazzi si ha una convergenza di fattori negativi che non fa ben sperare per il futuro. Il trattamento dell osteoporosi è finalizzato all aumento della densità ossea e quindi alla riduzione del rischio fratturativo e del dolore, nonché alla preservazione di una buona funzionalità dell apparato locomotore e al sostegno dell accrescimento. I bisfosfonati, in grado di inibire il riassorbimento osseo, vengono utilizzati nella terapia di un numero crescente di disordini associati a osteoporosi generalizzata o localizzata, malattie metaboliche ossee, calcificazioni eterotopiche e ipercalcemia resistente. Allo stato attuale, essi rappresentano l unica classe terapeutica che ha dimostrato buoni risultati nel trattamento dell osteoporosi primaria (osteogenesi imperfetta in particolare) o secondaria in età evolutiva.

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Giuseppe Realdi, Sandro Giannini Prof. Giusppe Realdi Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Clinica medica

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Welcome. D: vitamina/ormone essenziale per la salute

Welcome. D: vitamina/ormone essenziale per la salute Welcome D: vitamina/ormone essenziale per la salute 1. Farmacologia della vitamina D 1. Produzione e metabolismo 1. Apporto dietetico 2. Produzione endogena 2. Meccanismi d azione 1. Recettori nucleari

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

VITAMINA D: REVISIONE DELLA LETTERATURA E DATI NELLA POPOLAZIONE PEDIATRICA DI REGGIO EMILIA

VITAMINA D: REVISIONE DELLA LETTERATURA E DATI NELLA POPOLAZIONE PEDIATRICA DI REGGIO EMILIA VITAMINA D: REVISIONE DELLA LETTERATURA E DATI NELLA POPOLAZIONE PEDIATRICA DI REGGIO EMILIA Giorgia Di Fazzio, Valentina Alberghini, Sergio Amarri Pediatria Azienda Ospedaliera S.Maria Nuova - IRCCS Reggio

Dettagli

DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO SECONDARIO. Paola Franceschetti. Università degli Studi di Ferrara

DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO SECONDARIO. Paola Franceschetti. Università degli Studi di Ferrara PATOLOGIE ENDOCRINE E CHIRURGIA: INNOVAZIONI TECNOLOGICHE E TRATTAMENTI MINI-INVASIVI TIROIDE, PARATIROIDI, PANCREAS E SURRENI Ferrara, 7 dicembre 2012 Hotel Duchessa Isabella DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Vitamina D. Pro-ormoni di natura lipidica. - VITAMINA D 2 (ergocalciferolo) di origine vegetale - VITAMINA D 3 (colecalciferolo) di origine animale

Vitamina D. Pro-ormoni di natura lipidica. - VITAMINA D 2 (ergocalciferolo) di origine vegetale - VITAMINA D 3 (colecalciferolo) di origine animale LA SUPPLEMENTAZIONE DI VITAMINE ED INTEGRATORI ALLA DIMISSIONE Dott.ssa Federica Mignone Vitamina D Pro-ormoni di natura lipidica - VITAMINA D 2 (ergocalciferolo) di origine vegetale - VITAMINA D 3 (colecalciferolo)

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Le domande più frequenti su Vitamina D, Luce Solare e Allattamento al Seno

Le domande più frequenti su Vitamina D, Luce Solare e Allattamento al Seno Commento: "In questi tempi di bombardamento mediatico - mi riferisco alle pubblicazioni pediatriche - sulla necessità di vitamina D nei bambini allattati al seno, ecco un punto di visto altamente documentato,

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Con il termine di vitamina D si intendono 2 composti chimici derivati dal 7-deidro colesterolo, denominati colecalciferolo o vitamina D 3

Con il termine di vitamina D si intendono 2 composti chimici derivati dal 7-deidro colesterolo, denominati colecalciferolo o vitamina D 3 IL FABBISOGNO DI VITAMINA D NELL ADULTO Massimo Procopio Responsabile Editoriale AME: Vincenzo Toscano Divisione di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, Dipartimento di Medicina Interna, Azienda

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Linee guida su prevenzione e trattamento dell ipovitaminosi D con colecalciferolo

Linee guida su prevenzione e trattamento dell ipovitaminosi D con colecalciferolo Reumatismo, 2011; 63 (3): 129-147 Linee guida su prevenzione e trattamento dell ipovitaminosi D con colecalciferolo Guidelines on prevention and treatment of vitamin D deficiency S. Adami 1, E. Romagnoli

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Oltre l Osteoporosi...

Oltre l Osteoporosi... Oltre l Osteoporosi... Dr. Marco Valentini U.O. Reumatologia, Centro Osteoporosi Primus Forli Medical Center Metabolismo della vitamina D Sole ProD 3 PreD 3 Vitamina D 3 Cute ( 80%) Fegato Dieta (~20%)

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

NOVITA SULLA VITAMINA D DR. R. GIANNATTASIO D M I LIVELLO UOC MEDICINA NUCLEARE E CMM PSP ELENA D AOSTA ASL NA1 CENTRO

NOVITA SULLA VITAMINA D DR. R. GIANNATTASIO D M I LIVELLO UOC MEDICINA NUCLEARE E CMM PSP ELENA D AOSTA ASL NA1 CENTRO NOVITA SULLA VITAMINA D DR. R. GIANNATTASIO D M I LIVELLO UOC MEDICINA NUCLEARE E CMM PSP ELENA D AOSTA ASL NA1 CENTRO VITAMINA D3 E D2 Deriva dal colesterolo, sintetizzato dagli organismi animali Deriva

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

Si terrà il 29. e 30 giugno. incremento. pediatrica. Diabetico. via Salvatore Puglisi, 15

Si terrà il 29. e 30 giugno. incremento. pediatrica. Diabetico. via Salvatore Puglisi, 15 Si terrà il 29 e 30 giugno 2015, presso la Sala Magna di Palazzo Chiaramonte Steri, il convegno dal titolo La Rete diabetologica pediatrica in Sicilia. Novità Organizzative e assistenziali: le nuove lineee

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Funzioni del CALCIO Contrazione dei muscoli Tono vascolare Sintesi ed uptake di neurotrasmettitori Secrezioni di ormoni

Funzioni del CALCIO Contrazione dei muscoli Tono vascolare Sintesi ed uptake di neurotrasmettitori Secrezioni di ormoni Funzioni del CALCIO Contrazione dei muscoli Tono vascolare Sintesi ed uptake di neurotrasmettitori Secrezioni di ormoni Trasduzione intracellulare dei segnali Sintesi dell osso Coagulazione Fabbisogno

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni

Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni Cenƒsthesis... dalla Ricerca Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni A. Luciano, G. Zoppi, F. Bressani I Cattedra di Pediatria Università di Verona 8 Più di 40.000 soggetti sono

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

"LA SUPER VITAMINA" Le cose non sono così semplici, però.

LA SUPER VITAMINA Le cose non sono così semplici, però. "LA SUPER VITAMINA" La vitamina D in passato era nota praticamente solo per il suo ruolo essenziale nella salute delle ossa e la regolazione del calcio tramite l ormone paratiroideo (PTH). In seguito alla

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli