Le principali novità del codice del processo amministrativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le principali novità del codice del processo amministrativo"

Transcript

1 Le principali novità del codice del processo amministrativo Ottobre 2010

2 Indice Introduzione 1 Le principali novità del codice del processo amministrativo 5 La disciplina dei termini processuali 9 Giudizio di cognizione primo grado 10 Giudizio di cognizione appello 12 Computo dei termini 14 Giudizio cautelare primo grado 15 Giudizio cautelare appello 16 Riti speciali: silenzio accesso ottemperanza 17 Istanza di fissazione di udienza e perenzione 18 Per ulteriori informazioni vi preghiamo di contattare: Prof. Avv. Marcello Clarich Piazza di Monte Citorio Roma T F E Avv. Chiara Carli Piazza di Monte Citorio Roma T F E Avv. Raffaele Cassano Piazza di Monte Citorio Roma T F E Avv. Giuseppe Urbano Piazza di Monte Citorio Roma T F E Le informazioni e valutazioni contenute nel presente documento non sono da considerarsi né un esame esaustivo, né un parere legale e non prescindono dalla necessità di ottenere pareri specifici in ordine alle singole fattispecie. Freshfields Bruckhaus Deringer LLP 2010

3 Introduzione 1 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

4 2 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

5 3 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

6 4 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

7 Le principali novità Gli atti processuali Le notificazioni e il contraddittorio Il giudice Le azioni Procura alle liti: La procura alle liti si intende conferita anche per proporre motivi aggiunti e ricorso incidentale, salvo che in essa sia diversamente disposto (art. 24). Sinteticità degli atti: Il giudice e le parti devono redigere gli atti in maniera chiara e sintetica (art. 3, comma 2). Contenuto del ricorso: Il ricorso deve contenere, tra l altro, l indicazione dei mezzi di prova (art. 40, comma 1 lett. c). Possibilità di rinnovare la notificazione in caso in cui questa dipenda da causa non imputabile al notificante: Se è nulla la notificazione e il destinatario non si costituisce in giudizio, il giudice, se ritiene che l esito negativo della notificazione dipenda da causa non imputabile al notificante, fissa al ricorrente un termine perentorio per rinnovarla. La rinnovazione impedisce ogni decadenza (art. 44, comma 4). del ricorso al beneficiario dell atto illegittimo in caso di azione risarcitoria autonoma: Qualora sia proposta azione di condanna, anche in via autonoma, il ricorso è notificato anche agli eventuali beneficiari dell atto illegittimo. Altrimenti il giudice provvede all integrazione del contradditorio (art. 41, comma 2). Questioni rilevabili d ufficio: E garantita una fase di contraddittorio sulle questioni che il giudice intende rilevare d ufficio (art. 73, comma 3). Inderogabilità della competenza territoriale: La competenza territoriale dei TAR è inderogabile (art. 13, comma 4). L incompetenza è rilevabile d ufficio in primo grado e in sede di impugnazione è rilevata solo se dedotta con specifico motivo avverso il capo di sentenza che in modo esplicito o implicito ha statuito sulla competenza (art. 15, comma 1). Quando è proposta domanda cautelare il TAR adito, ove non riconosca la propria competenza, non decide su tale domanda e, se non ritiene di indicare il TAR competente, richiede d ufficio, con ordinanza, il regolamento di competenza, indicando il TAR che reputa competente (art. 15, comma 5). L ordinanza viene trasmessa al Consiglio di Stato per la decisione in camera di consiglio (art. 15, comma 6). Nelle more il ricorrente può riproporre le istanze cautelari al TAR indicato nell ordinanza che ha richiesto il regolamento di competenza. Il TAR indicato decide sulle istanze cautelari riproposte, fermo restando che le pronunce sull istanza cautelare rese dal TAR dichiarato incompetente perdono comunque efficacia dopo 30 giorni dalla data di pubblicazione dell ordinanza che regola la competenza (art. 15, commi 7 e 8). Pluralità di domande soggette a riti diversi: E sempre possibile nello stesso giudizio il cumulo di domande connesse proposte in via principale o incidentale. Se le azioni sono soggette a riti diversi, si applica quello ordinario, salvo quanto previsto in relazione ai riti abbreviati relativi a determinate controversie (Capi I e II del Titolo V del Libro IV) (art. 32, comma 1). Azione risarcitoria pura: L azione risarcitoria può essere proposta senza chiedere il previo annullamento dell atto illegittimo entro il termine di decadenza di 120 giorni. Il termine decorre dal giorno in cui il fatto si è verificato ovvero dalla conoscenza del provvedimento se il danno deriva direttamente da questo (art. 30, comma 3). Nel determinare il risarcimento il giudice valuta tutte le circostanze di fatto e il comportamento complessivo delle parti e, comunque, esclude il risarcimento dei danni che si sarebbero potuti evitare usando l ordinaria diligenza, anche attraverso l esperimento degli strumenti di tutela previsti (cioè in pratica l azione di 5 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

8 Le principali novità annullamento) (art. 30, comma 3). Per il risarcimento del danno da ritardo, il termine di decadenza di 120 giorni non decorre fintanto che perdura l inadempimento. Il termine di decadenza di 120 giorni inizia comunque a decorrere dopo un anno dalla scadenza del termine per provvedere (art. 30, comma 4). Azione risarcitoria autonoma, ma connessa all azione di annullamento: Se è stata proposta l azione di annullamento, la domanda risarcitoria può essere formulata nel corso del giudizio (anche nel corso del giudizio di ottemperanza) o, comunque, sino a centoventi giorni dal passaggio in giudicato della relativa sentenza (art. 30, comma 5). Azione avverso il silenzio: Decorso il termine per la conclusione del procedimento, chi vi ha interesse può chiedere l accertamento dell obbligo dell amministrazione di provvedere (art. 31, comma 1). Il giudice può pronunciare sulla fondatezza della pretesa dedotta in giudizio solo quando si tratta di attività vincolata o quando risulta che non residuano ulteriori margini di esercizio della discrezionalità e non sono necessari adempimenti istruttori che debbano essere compiuti dall amministrazione (art. 31, comma 3). L azione può essere proposta fintanto che perdura l inadempimento e, comunque, non oltre un anno dalla scadenza del termine di conclusione del procedimento. (art. 31, commi 1 e 2). Azione di nullità: La domanda volta all accertamento delle nullità previste dalla legge si propone entro il termine di decadenza di 180 giorni. Il resistente può invece opporre la nullità degli atti in qualsiasi momento del giudizio e in ogni momento la nullità può essere rilevata d ufficio dal giudice. Questa disciplina non si applica alle nullità per violazione o elusione del giudicato dichiarate dal giudice dell ottemperanza per le quali si applicano le regole proprie del giudizio di ottemperanza (art. 31, comma 4). Domanda riconvenzionale: Nelle controversie che riguardano diritti soggettivi le domande riconvenzionali dipendenti da titoli già dedotti in giudizio sono proposte nei termini e con le modalità previste per il ricorso incidentale (art. 42, comma 5). Azioni giurisdizionali e poteri del giudice in materia di appalti: Con l annullamento dell aggiudicazione, il giudice può dichiarare l inefficacia del contratto che può essere retroattiva oppure ex nunc. Tale dichiarazione è condizione per accogliere la domanda di conseguire l aggiudicazione. Se il giudice non dichiara l inefficacia del contratto dispone il risarcimento del danno per equivalente. Il ricorrente deve formulare anche la domanda di conseguire l aggiudicazione e/o rendersi disponibile a subentrare nel contratto. Infatti, la condotta processuale della parte che, senza giustificato motivo, non ha proposto la domanda di conseguire l aggiudicazione, o non si è resa disponibile al subentro, è valutata dal giudice come concorso di responsabilità ai sensi dell articolo 1227 del codice civile (art. 121 e ss.). La tutela cautelare Misure cautelari collegiali: Se il ricorrente chiede l emanazione di misure cautelari, il collegio si pronuncia con ordinanza emessa in camera di consiglio (art. 55, comma 1). Il TAR adito può disporre misure cautelari solo se ritiene sussistente la propria competenza; altrimenti indica il TAR competente o richiede il regolamento di competenza (art. 55, comma 13). La domanda cautelare è improcedibile finché non è presentata l istanza di fissazione d udienza per il merito, salvo che essa debba essere fissata d ufficio (art. 55, comma 4). Misure cautelari monocratiche: In caso di estrema gravità ed urgenza, prima della trattazione della domanda cautelare da parte del collegio, il ricorrente può, con la domanda cautelare o con distinto ricorso notificato alle controparti, chiedere al presidente del TAR, o della sezione cui il ricorso è assegnato, di disporre misure 6 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

9 Le principali novità cautelari provvisorie (art. 56, comma 1). La domanda cautelare è improcedibile finché non è presentata l istanza di fissazione d udienza per il merito, salvo che essa debba essere fissata d ufficio (art. 56, comma 1). Il presidente decide solo se ritiene la competenza del TAR; altrimenti rimette le parti al collegio che indicherà il TAR competente o chiederà il regolamento di competenza (art. 56, comma 1). Tutela cautelare ante causam: In caso di eccezionale gravità e urgenza, tale da non consentire neppure la previa notificazione del ricorso, la parte può proporre istanza per l adozione delle misure interinali e provvisorie che appaiono indispensabili durante il tempo occorrente per la proposizione del ricorso di merito e della domanda cautelare in corso di causa (art. 61, comma 1). Definizione del giudizio in esito all udienza cautelare: In sede di decisione della domanda cautelare il collegio può definire il giudizio con sentenza in forma semplificata. Ciò alle seguenti condizioni (i) che siano trascorsi almeno 20 giorni dall ultima notificazione del ricorso; (ii) che il contraddittorio e l istruttoria siano completi; (iii) che siano state sentite le parti costituite; (iv) che le parti non intendano proporre motivi aggiunti, ricorso incidentale o regolamento di competenza, ovvero regolamento di giurisdizione (art. 60). Spese del procedimento cautelare: L ordinanza cautelare provvede anche sulle spese. La pronuncia sulle spese conserva efficacia anche dopo la sentenza che definisce il giudizio, salvo diversa statuizione espressa nella sentenza (art. 57). L istruzione probatoria La sentenza Il giudicato Istruttoria presidenziale e collegiale: Il presidente della sezione o un magistrato da lui delegato adotta, su istanza motivata di parte, i provvedimenti necessari per assicurare la completezza dell istruttoria (art. 65, comma 1). L istruttoria può essere disposta dal collegio con ordinanza. La decisione sulla consulenza tecnica e sulla verificazione è sempre adottata dal collegio (art. 65, comma 2). Il giudice può farsi assistere da uno o più verificatori e solo se indispensabile da uno o più consulenti (art. 19, comma 1). Ove l amministrazione non provveda al deposito del provvedimento impugnato e degli altri atti, il presidente o un magistrato da lui delegato ovvero il collegio ne ordinano, anche su istanza di parte, l esibizione (art. 65, comma 3). I provvedimenti necessari per assicurare la completezza dell istruttoria e l integrità del contraddittorio sono adottati dal collegio anche in sede di esame della domanda cautelare su istanza di parte (art. 55, comma 12). Prova testimoniale: è ammessa la prova testimoniale in forma scritta, su richiesta di parte (art. 63, comma 3). Fatti posti a fondamento della decisione: Il giudice deve porre a fondamento della decisione, oltre alle prove proposte, i fatti non specificatamente contestati dalle parti costituite, salvi i casi previsti dalla legge (art. 64, comma 2). Spese di giudizio: Nel pronunciare sulle spese, il giudice può condannare, anche d ufficio, la parte soccombente al pagamento in favore dell altra parte di una somma di denaro equitativamente determinata, quando la decisione è fondata su ragioni manifeste o orientamenti giurisprudenziali consolidati (art. 26, comma 2). Giudicato implicito: Il difetto di giurisdizione è rilevato in primo grado anche d ufficio. Nei giudizi di impugnazione è rilevato se dedotto con specifico motivo avverso il capo della pronuncia impugnata che, in modo implicito o esplicito, ha statuito sulla giurisdizione (art. 9). 7 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

10 Le principali novità Le impugnazioni Il giudizio di ottemperanza La giurisdizione esclusiva Onere di immediata riproposizione in appello delle questioni dichiarate assorbite o non esaminate nella sentenza di primo grado: Si intendono rinunciate le domande e le eccezioni dichiarate assorbite o non esaminate nella sentenza di primo grado, che non siano state espressamente riproposte nell atto di appello o, per le parti diverse dall appellante, con memoria depositata a pena di decadenza entro il termine per la costituzione in giudizio (art. 101, comma 2). Appello incidentale cd. tardivo: E possibile proporre appello incidentale cd. tardivo ai sensi dell art. 334 c.p.c. Le parti contro le quali è stata proposta impugnazione e quelle chiamate ad integrare il contraddittorio possono, cioè, proporre impugnazione incidentale anche quando per esse è decorso il termine o hanno fatto acquiescenza alla sentenza. Con tale mezzo possono essere impugnati anche capi autonomi della sentenza; tuttavia, se l impugnazione principale è dichiarata inammissibile, l impugnazione incidentale perde ogni efficacia (art. 96, commi 3, 4 e 5). Giudizio di ottemperanza senza diffida, ma con notifica a tutte le parti del giudizio di cognizione: L azione si propone, anche senza previa diffida, con ricorso notificato alla pubblica amministrazione e a tutte le altre parti del giudizio definito dalla sentenza o dal lodo della cui ottemperanza si tratta. Vale il termine di prescrizione di 10 anni dal passaggio in giudicato della sentenza per proporre l azione (art. 114, comma 1). Rivalutazione e interessi, azione risarcitoria e astreintes : In sede di ottemperanza può essere proposta anche azione di condanna al pagamento di somme a titolo di rivalutazione e interessi maturati dopo il passaggio in giudicato della sentenza, nonché l azione di risarcimento dei danni derivanti dalla mancata esecuzione, violazione o elusione del giudicato (art. 112, comma 3). In caso di ritardo nell esecuzione del giudicato o di violazione o inosservanza dello stesso, il giudice, su richiesta di parte, può condannare l amministrazione al pagamento di una somma di denaro, a meno che ciò non sia manifestamente iniquo o vi siano altre ragioni ostative. Azione risarcitoria autonoma, ma connessa all azione di annullamento: L azione risarcitoria connessa all azione di annullamento può essere proposta anche nel giudizio di ottemperanza. In tal caso il giudizio di ottemperanza si svolge nelle forme, nei modi e nei termini del processo ordinario (art. 30, comma 5 e art. 112, comma 4). Giurisdizione esclusiva sugli atti della Banca d Italia e della Consob: Sono devolute alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo i provvedimenti sanzionatori adottati dalla Banca d Italia e dalla CONSOB in precedenza affidati alla Corte d Appello (art. 133, comma 1, lett. l). 8 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

11 La disciplina dei termini processuali Le tabelle riportate di seguito indicano in modo schematico i principali termini del processo amministrativo, avendo particolare riguardo al giudizio di cognizione di primo grado e di secondo grado, al giudizio cautelare di primo e di secondo grado, ai riti c.d. speciali trattati in camera di consiglio (ottemperanza, accesso e silenzio) e al procedimento di perenzione. Il codice del processo amministrativo stabilisce in generale termini simili a quelli precedentemente vigenti, con alcune modifiche che tengono conto del rito per la materia dei contratti pubblici (c.d. rito appalti, disciplinato dagli artt. 120 ss.). In questa materia il termine per la proposizione del ricorso è di 30 giorni. Di particolare rilevo sono anche i nuovi termini per il deposito di atti e documenti. Il codice ha così stabilito che le parti possono produrre documenti fino a 40 giorni liberi prima dell udienza e memorie fino a 30 giorni liberi prima dell udienza, introducendo la possibilità di presentare memorie di replica fino a 20 giorni prima dell udienza (art. 73). Nel rito c.d. abbreviato (art. 119) e nel rito appalti (art. 120), tali termini sono dimezzati. Ancora da segnalare, nel giudizio cautelare, il nuovo termine per il deposito di atti e documenti pari a 2 giorni liberi prima dell udienza in camera di consiglio (1 giorno libero nel rito abbreviato e nel rito appalti). 9 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

12 Giudizio di cognizione primo grado Ricorso 60 giorni (art. 41) 60 giorni (art. 119) Ricorso incidentale (e domanda riconvenzionale) Memoria di costituzione Motivi aggiunti 30 giorni (art. 120) 30 giorni (art. 45) 15 giorni 60 giorni (art. 42) 60 giorni 30 giorni 15 giorni 60 giorni (art. 46) 30 giorni 60 giorni (art. 43) 60 giorni Intervento 30 giorni 30 giorni 15 giorni non è previsto un termine 30 giorni (art. 50) fino a 30 giorni prima dell udienza 15 giorni fino a 15 giorni prima dell udienza Abbreviazione dei termini Il Presidente può abbreviare i termini per la fissazione di udienza Sono proporzionalmente ridotti i termini per la difesa della fase (art. 53) 10 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

13 Comunicazione fissazione udienza pubblica 60 giorni prima dell udienza (art. 71) 30 giorni 45 giorni prima dell udienza in caso di rinuncia congiunta alla domanda cautelare 23 giorni prima dell udienza in caso di rinuncia congiunta alla domanda cautelare Documenti 40 giorni liberi prima dell udienza (art. 73) 20 giorni liberi Memorie 30 giorni liberi (art. 73) 15 giorni liberi Repliche 20 giorni liberi (art. 73) 10 giorni liberi 11 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

14 Giudizio di cognizione appello Ricorso in appello (art. 92) 60 giorni dalla notifica della sentenza o 6 mesi dal deposito della sentenza 30 giorni dalla notifica della sentenza o 3 mesi dal deposito della sentenza 30 giorni 15 giorni Appello su dispositivo di sentenza 30 giorni dal deposito del dispositivo (art. 119) 15 giorni Motivi aggiunti (art. 119) 30 giorni dalla notifica della sentenza o 3 mesi dal deposito della sentenza 15 giorni Appello incidentale (art. 96 e art. 333 c.p.c.) Appello incidentale tardivo (art. 96 e art. 334 c.p.c.) 60 giorni dalla notifica della sentenza o, se anteriore, dalla notifica del ricorso in appello 30 giorni dalla notifica della sentenza o, se anteriore, dalla notifica del ricorso in appello 30 giorni 15 giorni 60 giorni dalla notifica del ricorso in appello 30 giorni dalla notifica del ricorso in appello 10 giorni 5 giorni 12 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

15 Memoria di costituzione (art. 101) Intervento (art. 38 e art. 50) 60 giorni dalla notifica del ricorso in appello 30 giorni dalla notifica del ricorso in appello non è previsto un termine 30 giorni fino a 30 giorni prima dell udienza 15 giorni fino a 15 giorni prima dell udienza Abbreviazione dei termini (art. 38 e art. 53) Comunicazione fissazione udienza pubblica (art. 38 e art. 71) Il Presidente può abbreviare i termini per la fissazione di udienza Sono proporzionalmente ridotti i termini per la difesa della fase 60 giorni prima dell udienza 30 giorni 45 giorni prima dell udienza in caso di rinuncia congiunta alla domanda cautelare 23 giorni prima dell udienza in caso di rinuncia congiunta alla domanda cautelare Documenti (art. 38 e art. 73) 40 giorni liberi prima dell udienza Memorie Repliche 20 giorni liberi 30 giorni liberi 15 giorni liberi 20 giorni liberi 10 giorni liberi 13 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

16 Computo dei termini Se il giorno di scadenza è festivo, il termine fissato dalla legge o dal giudice per l adempimento è prorogato al primo giorno seguente non festivo (art. 52, co. 3). Si applica anche ai termini che scadono di sabato (art. 52, co. 5). Nei c.d. termini a ritroso (calcolati prima dell udienza): se il giorno di scadenza è festivo, il termine è anticipato al giorno antecedente non festivo (art. 52, co. 3); se il giorno di scadenza è il sabato, si può depositare sabato (art. 52, co. 5). I depositi nel giorno di scadenza devono essere effettuati entro le ore 12,00 (art. 4, co. 4, all. 2). Termini liberi: non deve computarsi né il giorno iniziale né quello finale. 14 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

17 Giudizio cautelare primo grado Misure cautelari ante causam (art. 61) Misure cautelari provvisorie monocratiche (art. 56) Istanza notificata Provvedimento di accoglimento è notificato alle altre parti entro 5 giorni Provvedimento di accoglimento può essere revocato/modificato su istanza di parte notificata Il ricorso deve essere notificato entro 15 giorni dal provvedimento di accoglimento e depositato nei successivi 5 giorni Provvedimento di accoglimento perde efficacia dopo 60 giorni se non confermato in corso di causa Proposizione contestuale o non al ricorso Il giudice può sentire le parti ove necessario Il giudice provvede con decreto monocratico non impugnabile e fissa la camera di consiglio Giudizio cautelare collegiale (art. 55 ss.) Proposizione contestuale o non al ricorso Fissazione udienza in camera di consiglio: non prima di 20 giorni dalla notifica del ricorso e 10 giorni dal deposito del ricorso 10 giorni dalla notifica del ricorso e 5 giorni dal deposito del ricorso memorie e documenti Costituzione delle parti 2 giorni liberi prima dell udienza 1 giorno libero prima dell udienza Anche in udienza Ordinanza Provvede anche sulle spese (art. 57) Revoca o modifica Esecuzione Abbreviazione dei termini Può essere chiesta con istanza motivata e notificata se si verificano mutamenti nelle circostanze (art. 58) Può essere chiesta con istanza motivata e notificata (art. 59) Il Presidente può abbreviare i termini per la fissazione di udienza Sono proporzionalmente ridotti i termini per la difesa della fase (art. 53) 15 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

18 Giudizio cautelare appello Misure cautelari provvisorie monocratiche (art. 38 e art. 56) Giudizio cautelare collegiale (art. 38 e art. 55 ss.) Proposizione contestuale o non al ricorso in appello Il giudice può sentire le parti ove necessario Il giudice provvede con decreto monocratico non impugnabile e fissa la camera di consiglio Proposizione contestuale o non al ricorso in appello Appello avverso ordinanza collegiale TAR (art. 62) 30 giorni dalla notifica dell ordinanza o 60 giorni dal deposito dell ordinanza tutti i riti 30 giorni 15 giorni Fissazione udienza in camera di consiglio: non prima di 20 giorni dalla notifica del ricorso e 10 giorni dal deposito del ricorso 10 giorni dalla notifica del ricorso e 5 giorni dal deposito del ricorso memorie e documenti 2 giorni liberi prima dell udienza 1 giorno libero prima dell udienza Costituzione delle parti Anche in udienza Ordinanza Provvede anche sulle spese (art. 57) Revoca o modifica Esecuzione Abbreviazione dei termini Può essere chiesta con istanza motivata e notificata se si verificano mutamenti nelle circostanze (art. 58) Può essere chiesta con istanza motivata e notificata (art. 59) Il Presidente può abbreviare i termini per la fissazione di udienza Sono proporzionalmente ridotti i termini per la difesa 16 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

19 Riti speciali: silenzio accesso ottemperanza Ottemperanza (art. 112) Primo grado (anche senza previa diffida) Si prescrive in 10 anni dal passaggio in giudicato della sentenza Appello 30 giorni dalla notifica della sentenza o tre mesi dal deposito della sentenza 15 giorni 15 giorni Tutti i termini processuali sono dimezzati (art. 87, co. 3) Accesso (art. 116) 30 giorni dal provvedimento o dal silenzio sull istanza 30 giorni dalla notifica della sentenza o tre mesi dal deposito della sentenza 15 giorni 15 giorni Tutti i termini processuali sono dimezzati (art. 87, co. 3) Silenzio (art. 117) Finché dura l inadempimento e non oltre 1 anno dalla scadenza del termine di conclusione del procedimento 30 giorni dalla notifica della sentenza o tre mesi dal deposito della sentenza 15 giorni 15 giorni Tutti i termini processuali sono dimezzati (art. 87, co. 3) Documenti Memorie Repliche 20 giorni liberi prima della camera di consiglio 15 giorni liberi prima della camera di consiglio 10 giorni liberi prima della camera di consiglio Idem Idem Idem 17 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

20 Istanza di fissazione di udienza e perenzione Istanza di fissazione di udienza (art. 71) Perenzione annuale (art. 81) Perenzione su ricorsi ultraquinquennali (art. 82) Opposizione a perenzione (art. 85) Perenzione in regime transitorio (art. 1, all. 3) Opposizione a perenzione in regime transitorio (art. 1, all. 3) 1 anno dal deposito del ricorso (rito ordinario) 6 mesi dal deposito del ricorso (rito abbreviato e rito appalti) In mancanza dell istanza di fissazione di udienza, il giudice provvede con decreto dopo 5 anni dal deposito del ricorso, la segreteria comunica apposito avviso alle parti entro 180 giorni, la parte deve depositare nuova istanza di fissazione di udienza, sottoscritta dalla parte e dal difensore 60 giorni dalla comunicazione del decreto di perenzione tutti i termini processuali sono dimezzati (art. 87, co. 3) entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore del Codice, il ricorrente deve presentare nuova istanza di fissazione di udienza, sottoscritta dalla parte e dal difensore in mancanza, il giudice provvede con decreto entro 180 giorni dalla comunicazione del decreto di perenzione, il ricorrente può depositare atto di dichiarazione di interesse, sottoscritto dalla parte e dal difensore, notificato alle altre parti il presidente revoca il decreto e dispone la reiscrizione della causa 18 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

21 ABU DHABI The Makeen Building Office 202 PO Box Abu Dhabi T F AMSTERDAM Strawinskylaan XZ Amsterdam T F Mailing address PO Box AG Amsterdam BAHRAIN Bahrain World Trade Centre East Tower, 37th floor PO Box Manama Bahrain T F BARCELONA Mestre Nicolau Barcelona T F BEIJING 3705 China World Office Two 1 Jianguomenwai Avenue Beijing T F BERLIN Potsdamer Platz Berlin T F BRUSSELS Bastion Tower Place du Champ de Mars/ Marsveldplein 5 B-1050 Brussels T F COLOGNE Im Zollhafen Cologne T F DUBAI The Exchange Building 5th floor Dubai International Financial Centre Sheikh Zayed Road PO Box Dubai T F DÜSSELDORF Feldmühleplatz Düsseldorf T F FRANKFURT AM MAIN Bockenheimer Anlage Frankfurt am Main T F HAMBURG Freshfields Haus Hohe Bleichen Hamburg T F Mailing address Postfach Hamburg HANOI #05-01 International Centre 17 Ngo Quyen Street Hanoi T F HO CHI MINH CITY #1108 Saigon Tower 29 Le Duan Boulevard District 1 Ho Chi Minh City T F HONG KONG 11th floor Two Exchange Square Hong Kong T F LONDON 65 Fleet Street London EC4Y 1HS T F MADRID Fortuny Madrid T F MILAN Via dei Giardini Milan T F MOSCOW Kadashevskaya nab 14/ Moscow T F MUNICH Prannerstrasse Munich T F NEW YORK 520 Madison Avenue 34th floor New York, NY T F PARIS 2 rue Paul Cézanne Paris T F ROME Piazza di Monte Citorio Rome T F SHANGHAI 34th floor Jinmao Tower 88 Century Boulevard Shanghai T F TOKYO Akasaka Biz Tower 36F Akasaka Minato-ku Tokyo T F VIENNA Seilergasse Vienna T F WASHINGTON 701 Pennsylvania Avenue, NW Suite 600 Washington, DC T F Freshfields Bruckhaus Deringer LLP is a limited liability partnership registered in England and Wales with registered number OC It is regulated by the Solicitors Regulation Authority. For regulatory information please refer to Any reference to a partner means a member, or a consultant or employee with equivalent standing and qualifications, of Freshfields Bruckhaus Deringer LLP or any of its affiliated firms or entities.

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000)

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) LA GIURISDIZIONE CFR. CORTE COSTITUZIONALE, 6 LUGLIO 2004, N. 204 (reperibile su www.cortecostituzionale.it ): illegittimità costituzionale dell

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

PROCESSO TRIBUTARIO NUOVI TERMINI

PROCESSO TRIBUTARIO NUOVI TERMINI PROCESSO TRIBUTARIO NUOVI TERMINI La riforma del processo civile (Legge n. 69 del 18 giugno 2009, in S.O. n. 95/L alla G.U. del 19 giugno 2009 n. 140), entrata in vigore sabato 04 luglio 2009, ha modificato

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ CIVILE DELL AMMINISTRAZIONE: GIURISDIZIONE E PROCESSO REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA. (Giugno 2011)

LA RESPONSABILITÀ CIVILE DELL AMMINISTRAZIONE: GIURISDIZIONE E PROCESSO REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA. (Giugno 2011) LA RESPONSABILITÀ CIVILE DELL AMMINISTRAZIONE: GIURISDIZIONE E PROCESSO REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Giugno 2011) Prof. Giandomenico FALCON Fulvio CORTESE Nell ordinamento italiano il sistema complessivo

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: La sospensione feriale dei termini processuali Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che, come ogni anno, anche questa estate la giustizia

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

INDICE SOMMARIO. pag. Prefazione alla settima edizione... Prefazione alla prima edizione...

INDICE SOMMARIO. pag. Prefazione alla settima edizione... Prefazione alla prima edizione... INDICE SOMMARIO Prefazione alla settima edizione............................ Prefazione alla prima edizione............................. pag. VII IX 1. IL PROCESSO DEL LAVORO: L AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Scuola Forense Vittorio Emanuele Orlando

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Scuola Forense Vittorio Emanuele Orlando Il ricorso per annullamento di atti, quale tipico ricorso giurisdizionale amministrativo, consta di quattro parti essenziali, oltre accessori ed eventuali: intestazione dell atto, premessa di fatto, motivi

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile Tribunale Civile e Penale di Bologna Seconda Sezione Civile Verbale dell udienza del 20 gennaio 2015 della causa iscritta al numero affari contenziosi del 2013, pendente del ruolo generale degli tra A.

Dettagli

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento di Pierluigi Rausei * La Sezione III del Capo III del DDL, contenente gli artt. da 16 a 21 del DDL, è interamente

Dettagli

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi CONNESSIONE cosa è? obiettivo Relazione tra rapporti giuridici oggetto di domande diverse Elemento in comune persone petitum causa petendi Non vi è identità, neppure parziale assicurare il simultaneus

Dettagli

Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156

Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156 Circolare 30 del 24 novembre 2015 Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156 INDICE 1 Premessa... 2 2 Difesa dell agente della riscossione... 2 3 Difesa delle agenzie fiscali...

Dettagli

ULTIMISSIMI CODICI di Roberto GAROFOLI

ULTIMISSIMI CODICI di Roberto GAROFOLI ULTIMISSIMI CODICI di Roberto GAROFOLI a cura di Valerio de GIOIA Giovanna SPIRITO CODICE DI PROCEDURA CIVILE annotato con la giurisprudenza più recente e significativa 2014-2015 SOMMARIO CODICE PROCEDURA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 43 del 30.06.2010 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n. 68 del 27.09.2010

Dettagli

CAPITOLO XXVI IL RIPARTO DI GIURISDIZIONE

CAPITOLO XXVI IL RIPARTO DI GIURISDIZIONE CAPITOLO XXVI IL RIPARTO DI GIURISDIZIONE 1. Inquadramento del problema della giurisdizione 2. Evoluzione storica dei criteri di riparto della giurisdizione e quadro normativo di riferimento 2.1 La legge

Dettagli

Lezione 16 novembre 2015. Modulo di Diritto e Procedura Civile

Lezione 16 novembre 2015. Modulo di Diritto e Procedura Civile Lezione 16 novembre 2015 Modulo di Diritto e Procedura Civile PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE introdotto dalla legge 69/09 (che ha aggiunto nel c.p.c. tre articoli dal 702 bis al quater) Procedimento

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE CONTRIBUTO UNIFICATO PER I GIUDIZI IN MATERIA CIVILE, DI LAVORO, AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA SCHEMA IMPORTI DOVUTI AL 27 Ottobre 2014 ATTENZIONE: 1. La presente Tabella non può ritenersi esaustiva di tutte

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA

PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA Il presente protocollo recepisce le indicazioni emerse all interno del gruppo di lavoro istituito all interno

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo del processo con pluralità di parti, in particolare, del litisconsorzio. Definizione

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LA SOSPENSIONE GIURISDIZIONALE DELL ESECUZIONE DELL ATTO IMPUGNATO Documento n. 7 del 1 marzo 2005 Nel processo tributario è previsto l istituto della sospensione giurisdizionale

Dettagli

LBO e fusione Avv. Leah Dunlop Avv. Paolo Tanoni. Milano, 2 Ottobre 2008

LBO e fusione Avv. Leah Dunlop Avv. Paolo Tanoni. Milano, 2 Ottobre 2008 LBO e fusione Avv. Leah Dunlop Avv. Paolo Tanoni Milano, 2 Ottobre 2008 Studio Legale LBO Contrattualistica Buy out: Contratto di acquisizione e/o investimento (equity) Leverage: Contratto di finanziamento

Dettagli

NSIGA Versione 3.0.1 Descrizione Aggiornamenti Introduzione

NSIGA Versione 3.0.1 Descrizione Aggiornamenti Introduzione Introduzione Questo documento descrive tutte le modifiche introdotte con la versione 3.0.1 di NSIGA. Le modifiche riguardano aggiornamenti relativi agli ambienti TAR e Consiglio di Stato Sezioni Giurisdizionali.

Dettagli

FNOMCeO. Svolgimento delle Funzioni di Medico Competente

FNOMCeO. Svolgimento delle Funzioni di Medico Competente FNOMCeO Svolgimento delle Funzioni di Medico Competente Tar Lazio Svolgimento delle funzioni di medico competente Il Collegio ha affermato che è manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 7 N. 01041/2014 REG.PROV.COLL. N. 00844/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna (Sezione Prima)

Dettagli

Il Caso della settimana

Il Caso della settimana N.18 del 10.05.2012 Il Caso della settimana A cura di Alessandro Borghese Reclamo su una ipotesi di ricostruzione indiretta di ricavi L art. 39, comma 9, del D.L. luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Autotutela e giudicato. Roma, 11 giugno 2013 Docente Prof. a c. Avv. Giuseppe Mazzuti

Autotutela e giudicato. Roma, 11 giugno 2013 Docente Prof. a c. Avv. Giuseppe Mazzuti Autotutela e giudicato Roma, 11 giugno 2013 Docente Prof. a c. Avv. Giuseppe Mazzuti Quesiti posti a fine giornata del 30 maggio 2013 -Art. 58 produzione documenti nuovi -Prescrizione spese processuali

Dettagli

contro per l'ottemperanza

contro per l'ottemperanza R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia Lecce - Sezione Prima ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso numero di registro

Dettagli

DIFENDERE L AZIENDA IN TRIBUNALE

DIFENDERE L AZIENDA IN TRIBUNALE DIFENDERE L AZIENDA IN TRIBUNALE COME AFFRONTARE L UDIENZA DI LAVORO Milano, 6 maggio 2013 Avv. Giorgio Scherini, partner Inquadramento e Principi Generali Il Diritto di Difesa e il Diritto al Giusto Processo

Dettagli

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio.

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Conseguenze dell istanza Conseguenze dell istanza 3. Conseguenze dell istanza. 3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Le conseguenze della presentazione dell istanza di mediazione possono

Dettagli

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS Il ritiro della notifica è atto processuale? E se coincide con il sabato è prorogato al primo giorno seguente non festivo? notifica e compiuta giacenza di Elena Loghà Diritto e processo.com Cassazione,

Dettagli

IL GIUDIZIO DI OTTEMPERANZA NEL PROCESSO TRIBUTARIO

IL GIUDIZIO DI OTTEMPERANZA NEL PROCESSO TRIBUTARIO IL GIUDIZIO DI OTTEMPERANZA NEL PROCESSO TRIBUTARIO Al fine di garantire la posizione del cittadinocontribuente, il legislatore ha mutuato, nel processo tributario, un istituto tipico di quello amministrativo

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE

MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE Strumento non giurisdizionale di risoluzione delle controversie mediazione > attività svolta per raggiungere un accordo tra le parti conciliazione > il risultato di siffatta

Dettagli

Roma, 12 aprile 2012. Prot. n. 2012/55377. OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative

Roma, 12 aprile 2012. Prot. n. 2012/55377. OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative CIRCOLARE N.12/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 aprile 2012 Prot. n. 2012/55377 OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative

Dettagli

LE MODIFCHE APPORTATE AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DALLA DIRETTIVA RICORSI

LE MODIFCHE APPORTATE AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DALLA DIRETTIVA RICORSI LE MODIFCHE APPORTATE AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DALLA DIRETTIVA RICORSI Brevi note a cura dell Ufficio Edilizia Universitaria e Contratti Febbraio 2011 1 A seguito della direttiva 2007/66/CE sul

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Bis) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Bis) SENTENZA N. 10661/2015 REG.PROV.COLL. N. 01760/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Bis) ha pronunciato

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

Diritto antidiscriminatorio

Diritto antidiscriminatorio Diritto antidiscriminatorio Catanzaro aprile 2013 avv. Alberto Guariso www.studiodirittielavoro.it Parte prima : come costruire l azione antidiscriminatoria L applicazione delle nozioni Come costruire

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N. 5628/2009 Reg. Dec. N. Reg. Ric. 3179 ANNO 2009 DECISIONE (resa

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

CODICI DA UDIENZA di Roberto GAROFOLI

CODICI DA UDIENZA di Roberto GAROFOLI CODICI DA UDIENZA di Roberto GAROFOLI GIULIA FERRARI IL NUOVO CODICE DEL PROCESSO AMMINISTRATIVO commento analitico al d.lgs. 2 luglio 2010, n. 104 ogni articolo è commentato dalla giurisprudenza Commento

Dettagli

INDICE. Prefazione...p.

INDICE. Prefazione...p. INDICE Prefazione...p. XV 1 Richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro subordinato. Rigetto per sopravvenuto provvedimento di espulsione... 1 Rigetto dell istanza di rinnovo del permesso

Dettagli

contro nei confronti di per l annullamento

contro nei confronti di per l annullamento N. 01908/2015 REG.PROV.COLL. N. 01111/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

Contenzioso tributario: cosa cambia? della Dott.ssa Roberta De Pirro

Contenzioso tributario: cosa cambia? della Dott.ssa Roberta De Pirro Contenzioso tributario: cosa cambia? della Dott.ssa Roberta De Pirro Approda in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. n. 156 del 24 settembre 2015, che dà attuazione alla delega fiscale in materia di revisione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. La Corte di Appello di Trento Sezione per le CONTROVERSIE DI

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. La Corte di Appello di Trento Sezione per le CONTROVERSIE DI REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte di Appello di Trento Sezione per le CONTROVERSIE DI LAVORO riunita in Camera di Consiglio nelle persone dei Signori Magistrati: 1. DOTT. MARIA GRAZIA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA Consiglio di Stato, sez. V, 3 giugno 2013, n. 3028 Edilizia e urbanistica - Diniego autorizzazione installazione di una insegna pubblicitaria - Ordine di rimozione della stessa - Legittimità - Limitazione

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Sent/Ord. 865/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Rappresentata ai sensi dell art.5 della legge 21 luglio2000 n. 205 dal

Dettagli

N O T I F I C A. Nel corso del procedimento, nel procedimento cautelare

N O T I F I C A. Nel corso del procedimento, nel procedimento cautelare Dopo la costituzione in giudizio tutte le notificazioni e le comunicazioni si fanno al procuratore costituito, salvo che la legge disponga altrimenti. E sufficiente la consegna di una sola copia dell atto,

Dettagli

CAPITOLO 2. GIURISDIZIONE E COMPETENZA (Artt. 10-11 e 13-16 c.p.a.)

CAPITOLO 2. GIURISDIZIONE E COMPETENZA (Artt. 10-11 e 13-16 c.p.a.) CAPITOLO 2. GIURISDIZIONE E COMPETENZA (Artt. 10-11 e 13-16 c.p.a.) Formule: 2.1. Ricorso per regolamento di giurisdizione proposto dalle parti in causa 2.2. Nota di deposito del ricorso per regolamento

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 112 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Varie Prima di impugnare una cartella esattoriale

Dettagli

LA DIFESA DEL CITTADINO NELL ESPROPRIAZIONE PER P.U.

LA DIFESA DEL CITTADINO NELL ESPROPRIAZIONE PER P.U. LA DIFESA DEL CITTADINO NELL ESPROPRIAZIONE PER P.U. 1 APPOSIZIONE DEL VINCOLO PREORDINATO ALL ESPROPRIO E COMUNICAZIONE DI AVVIO DEL PROCEDIMENTO La questione... 1 Analisi dello scenario... 2 Inquadramento

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

TRIBUNALE NAZIONALE DI ARBITRATO PER LO SPORT

TRIBUNALE NAZIONALE DI ARBITRATO PER LO SPORT TRIBUNALE NAZIONALE DI ARBITRATO PER LO SPORT FAQ Frequently Asked Questions Le FAQ non sono da considerarsi in alcun modo sostitutive delle norme contenute nel Codice dei giudizi innanzi al Tribunale

Dettagli

--www.minoriefamiglia.it -

--www.minoriefamiglia.it - &RUWHGLFDVVD]LRQHSULPDVH]LRQHFLYLOHVHQWHQ]DQGHOO 6YROJLPHQWRGHOSURFHVVR P.G. in data 27 settembre 2000, con il consenso della moglie, chiese al Tribunale per i minorenni di Roma l autorizzazione ad inserire

Dettagli

Aspetti operativi del nuovo processo tributario

Aspetti operativi del nuovo processo tributario di Armando Urbano Aspetti operativi del nuovo processo tributario L accertamento esecutivo Il contributo unificato La nuova nota di iscrizione a ruolo Le controversie minori: Reclamo e mediazione La chiusura

Dettagli

Autorità per le Garanzie Consiglio Regionale

Autorità per le Garanzie Consiglio Regionale Co.Re.Com. Cal/Ro DELIBERAZIONE N. 49 Oggetto: Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA c/ Vodafone Omnitel IL PRESIDENTE giorno 16.09.2011, nella sede del Consiglio Regionale, via Cardinale Portanova Reggio

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV Il Giudice, dott. Pier Paolo Lanni, a scioglimento della riserva assunta bel procedimento cautelare iscritto al n. 843 del ruolo degli affari contenziosi

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Annotazioni...» 9 Avvertenza...» 13

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Annotazioni...» 9 Avvertenza...» 13 INDICE SOMMARIO Presentazione..................................................... pag. 7 Annotazioni...» 9 Avvertenza........................................................» 13 Atti processuali 1. Ricorso

Dettagli

Autotutela ed annullamento della pretesa erariale. Corso in materia di accertamento e contenzioso tributario ODCEC Torino 12 febbraio 2014

Autotutela ed annullamento della pretesa erariale. Corso in materia di accertamento e contenzioso tributario ODCEC Torino 12 febbraio 2014 Autotutela ed annullamento della pretesa erariale Corso in materia di accertamento e contenzioso tributario ODCEC Torino 12 febbraio 2014 Definizione L autotutela è lo strumento attraverso il quale l Amministrazione

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L.

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L. Circolare informativa per la clientela n. 31/2011 del 6 ottobre 2011 CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO

Dettagli

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Sommario: 1. Liquidazione onorari a carico del soccombente - 2. Cause di particolare importanza - 3. Liquidazione onorari a carico del cliente. Prestazione

Dettagli

ART.4 VIOLAZIONI NON SANZIONABILI, TUTELA DELLA BUONA FEDE ED ESTINZIONE DI CREDITI TRIBUTARI DI MODESTO AMMONTARE

ART.4 VIOLAZIONI NON SANZIONABILI, TUTELA DELLA BUONA FEDE ED ESTINZIONE DI CREDITI TRIBUTARI DI MODESTO AMMONTARE REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE APPLICABILI NEI CASI DI VIOLAZIONI RELATIVE AL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO ART.1

Dettagli

contro nei confronti di per l'annullamento

contro nei confronti di per l'annullamento N. 00859/2011 REG.PROV.COLL. N. 00535/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia (Sezione Prima) ha pronunciato la

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 310 del 25 settembre 2014 Modificato con Delibera del 27 febbraio

Dettagli

Roma, 11 settembre 2009

Roma, 11 settembre 2009 PCIciicER CIRCOLARE POSTA ELETTRONICA N. 41/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 settembre 2009 OGGETTO: Decreto-legge 28 aprile 2009, n. 39 - Eventi sismici che hanno colpito l Abruzzo

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE Abstract. Il Tribunale ha rilevato la nullità dell ordine di acquisto di strumenti finanziari ad alto rischio (bonds argentini) in quanto sottoscritto prima del perfezionamento del contratto di intermediazione

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 5 Avvertenze...» 6

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 5 Avvertenze...» 6 INDICE SOMMARIO Presentazione..................................................... pag. 5 Avvertenze........................................................» 6 Parte I La costituzione del rapporto e la

Dettagli

DECISIONE. Eurotel Rapallo - SOGER s.r.l., rappresentata e difesa dall avv. Ludovico Villani, elettivamente domiciliata presso il medesimo.

DECISIONE. Eurotel Rapallo - SOGER s.r.l., rappresentata e difesa dall avv. Ludovico Villani, elettivamente domiciliata presso il medesimo. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N. 431/07 Reg.Sent Anno N.9134 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2005 ha pronunciato la seguente DECISIONE sul ricorso

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO UNIFICATO

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO UNIFICATO DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO UNIFICATO L art. 37 della manovra correttiva introduce all art. 13 del DPR n. 115/2002 il nuovo comma 6-quater che prevede il versamento del contributo unificato per i ricorsi

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO IL GIUDIZIO DI COGNIZIONE: 1) L AVVIO DEL PROCEDIMENTO PER CONVALIDA DI SFRATTO LA FASE SOMMARIA

Dettagli

CODICE DEL PROCESSO TRIBUTARIO

CODICE DEL PROCESSO TRIBUTARIO CODICE DEL PROCESSO TRIBUTARIO LIBRO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I DEI GIUDICI TRIBUTARI E DEI LORO AUSILIARI CAPO I DELLA GIURISDIZIONE TRIBUTARIA Articolo 1 (Gli organi della giurisdizione tributaria)

Dettagli

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. TRIOLA

Dettagli

TRIBUNALE DI NAPOLI SEZIONE FALLIMENTARE ORDINANZA. nel procedimento n. 17597/2009 RG, avente ad oggetto: accertamento tecnico preventivo, e vertente

TRIBUNALE DI NAPOLI SEZIONE FALLIMENTARE ORDINANZA. nel procedimento n. 17597/2009 RG, avente ad oggetto: accertamento tecnico preventivo, e vertente Tribunale di Napoli - Sez. Fallimentare 7 agosto 2009 (data decisione), ord. TRIBUNALE DI NAPOLI SEZIONE FALLIMENTARE ORDINANZA nel procedimento n. 17597/2009 RG, avente ad oggetto: accertamento tecnico

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 00411/2014 REG.PROV.COLL. N. 00507/2000 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Basilicata ha pronunciato la presente (Sezione

Dettagli

1) IL RICORSO Il ricorso è l atto introduttivo del processo tributario che deve essere proposto avanti la C.T.P. ad iniziativa del contribuente per

1) IL RICORSO Il ricorso è l atto introduttivo del processo tributario che deve essere proposto avanti la C.T.P. ad iniziativa del contribuente per 1) IL RICORSO Il ricorso è l atto introduttivo del processo tributario che deve essere proposto avanti la C.T.P. ad iniziativa del contribuente per istaurare il giudizio e pervenire alla pronuncia del

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Comune di Castelfranco Emilia REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO APPROVATO CON DELIB. C.C. 166 DEL 30.06.2010 Pagina 1 di 6 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Art. 1 Oggetto

Dettagli

1 - Trattazione di specifiche norme sul computo dei

1 - Trattazione di specifiche norme sul computo dei 1 1 - Trattazione di specifiche norme sul computo dei termini (ordinari e non) di impugnazione in tema di ricorsi tributari in concomitanza con la sospensione feriale che produce i suoi effetti anche sull

Dettagli

ITER CONTENZIOSO PRIMO GRADO

ITER CONTENZIOSO PRIMO GRADO ITER CONTENZIOSO PRIMO GRADO AVVISO DI ACCERTAMENTO, CARTELLE, RUOLI, IPOTECHE,FERMI 1) NOTIFICA AVVISO ACCERTAMENTO 2) SI HANNO 60 GIORNI PER IMPUGNARE L'AVVISO DI ACCERTAMENTO E NOTIFICARLO ALL UFFICIO

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo Primo LE FONTI E LE AZIONI

INDICE SOMMARIO. Capitolo Primo LE FONTI E LE AZIONI INDICE SOMMARIO Prefazione... Pag. XXI Capitolo Primo LE FONTI E LE AZIONI 1. Il diritto processuale civile internazionale: multigenesi delle fonti, ibridazione delle regole e flessibilità del sistema...

Dettagli

Tribunale Amministrativo Regionale della Sardegna. Guida teorico pratica. a cura della Dottoressa Anna Luisa Pisano

Tribunale Amministrativo Regionale della Sardegna. Guida teorico pratica. a cura della Dottoressa Anna Luisa Pisano a cura della Dottoressa Anna Luisa Pisano 2012 Filippo Figari-La casa T.a.r. Sardegna Presentazione del Segretario Generale del T.A.R. Sardegna La Guida Teorico-Pratica è stata predisposta al fine di illustrare

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 6/2013. OGGETTO: il ricorso dinanzi le Commissioni Tributarie Provinciali

NOTA OPERATIVA N. 6/2013. OGGETTO: il ricorso dinanzi le Commissioni Tributarie Provinciali NOTA OPERATIVA N. 6/2013 OGGETTO: il ricorso dinanzi le Commissioni Tributarie Provinciali - Introduzione La presente nota operativa tratta delle modalità di redazione dei ricorsi avanti le Commissioni

Dettagli

Tar Campania Napoli n. 1147 del 18.02.2015

Tar Campania Napoli n. 1147 del 18.02.2015 MASSIMA Obbligo di indicazione degli oneri per la sicurezza interferenziali. Offerta con ribasso di quasi 80%, offerta inattendibile. Tar Campania Napoli n. 1147 del 18.02.2015 N. 01147/2015 REG.PROV.COLL.

Dettagli

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504 Pagina 1 di 9 Non basta la mera disponibilità dei nonni a prendersi cura dei nipoti per scongiurarne l'adozione se non è provata la presenza di "rapporti significativi" Sommario: 1) Breve commento alla

Dettagli

contro ha pronunciato la presente sul ricorso in appello iscritto al numero di registro generale 938 del 2011, proposto da:

contro ha pronunciato la presente sul ricorso in appello iscritto al numero di registro generale 938 del 2011, proposto da: N. 01412/2012 REG.PROV.COLL. N. 00938/2011 REG.RIC. N. 00939/2011 REG.RIC. N. 01008/2011 REG.RIC. N. 02941/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale

Dettagli