Le principali novità del codice del processo amministrativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le principali novità del codice del processo amministrativo"

Transcript

1 Le principali novità del codice del processo amministrativo Ottobre 2010

2 Indice Introduzione 1 Le principali novità del codice del processo amministrativo 5 La disciplina dei termini processuali 9 Giudizio di cognizione primo grado 10 Giudizio di cognizione appello 12 Computo dei termini 14 Giudizio cautelare primo grado 15 Giudizio cautelare appello 16 Riti speciali: silenzio accesso ottemperanza 17 Istanza di fissazione di udienza e perenzione 18 Per ulteriori informazioni vi preghiamo di contattare: Prof. Avv. Marcello Clarich Piazza di Monte Citorio Roma T F E Avv. Chiara Carli Piazza di Monte Citorio Roma T F E Avv. Raffaele Cassano Piazza di Monte Citorio Roma T F E Avv. Giuseppe Urbano Piazza di Monte Citorio Roma T F E Le informazioni e valutazioni contenute nel presente documento non sono da considerarsi né un esame esaustivo, né un parere legale e non prescindono dalla necessità di ottenere pareri specifici in ordine alle singole fattispecie. Freshfields Bruckhaus Deringer LLP 2010

3 Introduzione 1 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

4 2 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

5 3 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

6 4 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

7 Le principali novità Gli atti processuali Le notificazioni e il contraddittorio Il giudice Le azioni Procura alle liti: La procura alle liti si intende conferita anche per proporre motivi aggiunti e ricorso incidentale, salvo che in essa sia diversamente disposto (art. 24). Sinteticità degli atti: Il giudice e le parti devono redigere gli atti in maniera chiara e sintetica (art. 3, comma 2). Contenuto del ricorso: Il ricorso deve contenere, tra l altro, l indicazione dei mezzi di prova (art. 40, comma 1 lett. c). Possibilità di rinnovare la notificazione in caso in cui questa dipenda da causa non imputabile al notificante: Se è nulla la notificazione e il destinatario non si costituisce in giudizio, il giudice, se ritiene che l esito negativo della notificazione dipenda da causa non imputabile al notificante, fissa al ricorrente un termine perentorio per rinnovarla. La rinnovazione impedisce ogni decadenza (art. 44, comma 4). del ricorso al beneficiario dell atto illegittimo in caso di azione risarcitoria autonoma: Qualora sia proposta azione di condanna, anche in via autonoma, il ricorso è notificato anche agli eventuali beneficiari dell atto illegittimo. Altrimenti il giudice provvede all integrazione del contradditorio (art. 41, comma 2). Questioni rilevabili d ufficio: E garantita una fase di contraddittorio sulle questioni che il giudice intende rilevare d ufficio (art. 73, comma 3). Inderogabilità della competenza territoriale: La competenza territoriale dei TAR è inderogabile (art. 13, comma 4). L incompetenza è rilevabile d ufficio in primo grado e in sede di impugnazione è rilevata solo se dedotta con specifico motivo avverso il capo di sentenza che in modo esplicito o implicito ha statuito sulla competenza (art. 15, comma 1). Quando è proposta domanda cautelare il TAR adito, ove non riconosca la propria competenza, non decide su tale domanda e, se non ritiene di indicare il TAR competente, richiede d ufficio, con ordinanza, il regolamento di competenza, indicando il TAR che reputa competente (art. 15, comma 5). L ordinanza viene trasmessa al Consiglio di Stato per la decisione in camera di consiglio (art. 15, comma 6). Nelle more il ricorrente può riproporre le istanze cautelari al TAR indicato nell ordinanza che ha richiesto il regolamento di competenza. Il TAR indicato decide sulle istanze cautelari riproposte, fermo restando che le pronunce sull istanza cautelare rese dal TAR dichiarato incompetente perdono comunque efficacia dopo 30 giorni dalla data di pubblicazione dell ordinanza che regola la competenza (art. 15, commi 7 e 8). Pluralità di domande soggette a riti diversi: E sempre possibile nello stesso giudizio il cumulo di domande connesse proposte in via principale o incidentale. Se le azioni sono soggette a riti diversi, si applica quello ordinario, salvo quanto previsto in relazione ai riti abbreviati relativi a determinate controversie (Capi I e II del Titolo V del Libro IV) (art. 32, comma 1). Azione risarcitoria pura: L azione risarcitoria può essere proposta senza chiedere il previo annullamento dell atto illegittimo entro il termine di decadenza di 120 giorni. Il termine decorre dal giorno in cui il fatto si è verificato ovvero dalla conoscenza del provvedimento se il danno deriva direttamente da questo (art. 30, comma 3). Nel determinare il risarcimento il giudice valuta tutte le circostanze di fatto e il comportamento complessivo delle parti e, comunque, esclude il risarcimento dei danni che si sarebbero potuti evitare usando l ordinaria diligenza, anche attraverso l esperimento degli strumenti di tutela previsti (cioè in pratica l azione di 5 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

8 Le principali novità annullamento) (art. 30, comma 3). Per il risarcimento del danno da ritardo, il termine di decadenza di 120 giorni non decorre fintanto che perdura l inadempimento. Il termine di decadenza di 120 giorni inizia comunque a decorrere dopo un anno dalla scadenza del termine per provvedere (art. 30, comma 4). Azione risarcitoria autonoma, ma connessa all azione di annullamento: Se è stata proposta l azione di annullamento, la domanda risarcitoria può essere formulata nel corso del giudizio (anche nel corso del giudizio di ottemperanza) o, comunque, sino a centoventi giorni dal passaggio in giudicato della relativa sentenza (art. 30, comma 5). Azione avverso il silenzio: Decorso il termine per la conclusione del procedimento, chi vi ha interesse può chiedere l accertamento dell obbligo dell amministrazione di provvedere (art. 31, comma 1). Il giudice può pronunciare sulla fondatezza della pretesa dedotta in giudizio solo quando si tratta di attività vincolata o quando risulta che non residuano ulteriori margini di esercizio della discrezionalità e non sono necessari adempimenti istruttori che debbano essere compiuti dall amministrazione (art. 31, comma 3). L azione può essere proposta fintanto che perdura l inadempimento e, comunque, non oltre un anno dalla scadenza del termine di conclusione del procedimento. (art. 31, commi 1 e 2). Azione di nullità: La domanda volta all accertamento delle nullità previste dalla legge si propone entro il termine di decadenza di 180 giorni. Il resistente può invece opporre la nullità degli atti in qualsiasi momento del giudizio e in ogni momento la nullità può essere rilevata d ufficio dal giudice. Questa disciplina non si applica alle nullità per violazione o elusione del giudicato dichiarate dal giudice dell ottemperanza per le quali si applicano le regole proprie del giudizio di ottemperanza (art. 31, comma 4). Domanda riconvenzionale: Nelle controversie che riguardano diritti soggettivi le domande riconvenzionali dipendenti da titoli già dedotti in giudizio sono proposte nei termini e con le modalità previste per il ricorso incidentale (art. 42, comma 5). Azioni giurisdizionali e poteri del giudice in materia di appalti: Con l annullamento dell aggiudicazione, il giudice può dichiarare l inefficacia del contratto che può essere retroattiva oppure ex nunc. Tale dichiarazione è condizione per accogliere la domanda di conseguire l aggiudicazione. Se il giudice non dichiara l inefficacia del contratto dispone il risarcimento del danno per equivalente. Il ricorrente deve formulare anche la domanda di conseguire l aggiudicazione e/o rendersi disponibile a subentrare nel contratto. Infatti, la condotta processuale della parte che, senza giustificato motivo, non ha proposto la domanda di conseguire l aggiudicazione, o non si è resa disponibile al subentro, è valutata dal giudice come concorso di responsabilità ai sensi dell articolo 1227 del codice civile (art. 121 e ss.). La tutela cautelare Misure cautelari collegiali: Se il ricorrente chiede l emanazione di misure cautelari, il collegio si pronuncia con ordinanza emessa in camera di consiglio (art. 55, comma 1). Il TAR adito può disporre misure cautelari solo se ritiene sussistente la propria competenza; altrimenti indica il TAR competente o richiede il regolamento di competenza (art. 55, comma 13). La domanda cautelare è improcedibile finché non è presentata l istanza di fissazione d udienza per il merito, salvo che essa debba essere fissata d ufficio (art. 55, comma 4). Misure cautelari monocratiche: In caso di estrema gravità ed urgenza, prima della trattazione della domanda cautelare da parte del collegio, il ricorrente può, con la domanda cautelare o con distinto ricorso notificato alle controparti, chiedere al presidente del TAR, o della sezione cui il ricorso è assegnato, di disporre misure 6 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

9 Le principali novità cautelari provvisorie (art. 56, comma 1). La domanda cautelare è improcedibile finché non è presentata l istanza di fissazione d udienza per il merito, salvo che essa debba essere fissata d ufficio (art. 56, comma 1). Il presidente decide solo se ritiene la competenza del TAR; altrimenti rimette le parti al collegio che indicherà il TAR competente o chiederà il regolamento di competenza (art. 56, comma 1). Tutela cautelare ante causam: In caso di eccezionale gravità e urgenza, tale da non consentire neppure la previa notificazione del ricorso, la parte può proporre istanza per l adozione delle misure interinali e provvisorie che appaiono indispensabili durante il tempo occorrente per la proposizione del ricorso di merito e della domanda cautelare in corso di causa (art. 61, comma 1). Definizione del giudizio in esito all udienza cautelare: In sede di decisione della domanda cautelare il collegio può definire il giudizio con sentenza in forma semplificata. Ciò alle seguenti condizioni (i) che siano trascorsi almeno 20 giorni dall ultima notificazione del ricorso; (ii) che il contraddittorio e l istruttoria siano completi; (iii) che siano state sentite le parti costituite; (iv) che le parti non intendano proporre motivi aggiunti, ricorso incidentale o regolamento di competenza, ovvero regolamento di giurisdizione (art. 60). Spese del procedimento cautelare: L ordinanza cautelare provvede anche sulle spese. La pronuncia sulle spese conserva efficacia anche dopo la sentenza che definisce il giudizio, salvo diversa statuizione espressa nella sentenza (art. 57). L istruzione probatoria La sentenza Il giudicato Istruttoria presidenziale e collegiale: Il presidente della sezione o un magistrato da lui delegato adotta, su istanza motivata di parte, i provvedimenti necessari per assicurare la completezza dell istruttoria (art. 65, comma 1). L istruttoria può essere disposta dal collegio con ordinanza. La decisione sulla consulenza tecnica e sulla verificazione è sempre adottata dal collegio (art. 65, comma 2). Il giudice può farsi assistere da uno o più verificatori e solo se indispensabile da uno o più consulenti (art. 19, comma 1). Ove l amministrazione non provveda al deposito del provvedimento impugnato e degli altri atti, il presidente o un magistrato da lui delegato ovvero il collegio ne ordinano, anche su istanza di parte, l esibizione (art. 65, comma 3). I provvedimenti necessari per assicurare la completezza dell istruttoria e l integrità del contraddittorio sono adottati dal collegio anche in sede di esame della domanda cautelare su istanza di parte (art. 55, comma 12). Prova testimoniale: è ammessa la prova testimoniale in forma scritta, su richiesta di parte (art. 63, comma 3). Fatti posti a fondamento della decisione: Il giudice deve porre a fondamento della decisione, oltre alle prove proposte, i fatti non specificatamente contestati dalle parti costituite, salvi i casi previsti dalla legge (art. 64, comma 2). Spese di giudizio: Nel pronunciare sulle spese, il giudice può condannare, anche d ufficio, la parte soccombente al pagamento in favore dell altra parte di una somma di denaro equitativamente determinata, quando la decisione è fondata su ragioni manifeste o orientamenti giurisprudenziali consolidati (art. 26, comma 2). Giudicato implicito: Il difetto di giurisdizione è rilevato in primo grado anche d ufficio. Nei giudizi di impugnazione è rilevato se dedotto con specifico motivo avverso il capo della pronuncia impugnata che, in modo implicito o esplicito, ha statuito sulla giurisdizione (art. 9). 7 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

10 Le principali novità Le impugnazioni Il giudizio di ottemperanza La giurisdizione esclusiva Onere di immediata riproposizione in appello delle questioni dichiarate assorbite o non esaminate nella sentenza di primo grado: Si intendono rinunciate le domande e le eccezioni dichiarate assorbite o non esaminate nella sentenza di primo grado, che non siano state espressamente riproposte nell atto di appello o, per le parti diverse dall appellante, con memoria depositata a pena di decadenza entro il termine per la costituzione in giudizio (art. 101, comma 2). Appello incidentale cd. tardivo: E possibile proporre appello incidentale cd. tardivo ai sensi dell art. 334 c.p.c. Le parti contro le quali è stata proposta impugnazione e quelle chiamate ad integrare il contraddittorio possono, cioè, proporre impugnazione incidentale anche quando per esse è decorso il termine o hanno fatto acquiescenza alla sentenza. Con tale mezzo possono essere impugnati anche capi autonomi della sentenza; tuttavia, se l impugnazione principale è dichiarata inammissibile, l impugnazione incidentale perde ogni efficacia (art. 96, commi 3, 4 e 5). Giudizio di ottemperanza senza diffida, ma con notifica a tutte le parti del giudizio di cognizione: L azione si propone, anche senza previa diffida, con ricorso notificato alla pubblica amministrazione e a tutte le altre parti del giudizio definito dalla sentenza o dal lodo della cui ottemperanza si tratta. Vale il termine di prescrizione di 10 anni dal passaggio in giudicato della sentenza per proporre l azione (art. 114, comma 1). Rivalutazione e interessi, azione risarcitoria e astreintes : In sede di ottemperanza può essere proposta anche azione di condanna al pagamento di somme a titolo di rivalutazione e interessi maturati dopo il passaggio in giudicato della sentenza, nonché l azione di risarcimento dei danni derivanti dalla mancata esecuzione, violazione o elusione del giudicato (art. 112, comma 3). In caso di ritardo nell esecuzione del giudicato o di violazione o inosservanza dello stesso, il giudice, su richiesta di parte, può condannare l amministrazione al pagamento di una somma di denaro, a meno che ciò non sia manifestamente iniquo o vi siano altre ragioni ostative. Azione risarcitoria autonoma, ma connessa all azione di annullamento: L azione risarcitoria connessa all azione di annullamento può essere proposta anche nel giudizio di ottemperanza. In tal caso il giudizio di ottemperanza si svolge nelle forme, nei modi e nei termini del processo ordinario (art. 30, comma 5 e art. 112, comma 4). Giurisdizione esclusiva sugli atti della Banca d Italia e della Consob: Sono devolute alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo i provvedimenti sanzionatori adottati dalla Banca d Italia e dalla CONSOB in precedenza affidati alla Corte d Appello (art. 133, comma 1, lett. l). 8 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

11 La disciplina dei termini processuali Le tabelle riportate di seguito indicano in modo schematico i principali termini del processo amministrativo, avendo particolare riguardo al giudizio di cognizione di primo grado e di secondo grado, al giudizio cautelare di primo e di secondo grado, ai riti c.d. speciali trattati in camera di consiglio (ottemperanza, accesso e silenzio) e al procedimento di perenzione. Il codice del processo amministrativo stabilisce in generale termini simili a quelli precedentemente vigenti, con alcune modifiche che tengono conto del rito per la materia dei contratti pubblici (c.d. rito appalti, disciplinato dagli artt. 120 ss.). In questa materia il termine per la proposizione del ricorso è di 30 giorni. Di particolare rilevo sono anche i nuovi termini per il deposito di atti e documenti. Il codice ha così stabilito che le parti possono produrre documenti fino a 40 giorni liberi prima dell udienza e memorie fino a 30 giorni liberi prima dell udienza, introducendo la possibilità di presentare memorie di replica fino a 20 giorni prima dell udienza (art. 73). Nel rito c.d. abbreviato (art. 119) e nel rito appalti (art. 120), tali termini sono dimezzati. Ancora da segnalare, nel giudizio cautelare, il nuovo termine per il deposito di atti e documenti pari a 2 giorni liberi prima dell udienza in camera di consiglio (1 giorno libero nel rito abbreviato e nel rito appalti). 9 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

12 Giudizio di cognizione primo grado Ricorso 60 giorni (art. 41) 60 giorni (art. 119) Ricorso incidentale (e domanda riconvenzionale) Memoria di costituzione Motivi aggiunti 30 giorni (art. 120) 30 giorni (art. 45) 15 giorni 60 giorni (art. 42) 60 giorni 30 giorni 15 giorni 60 giorni (art. 46) 30 giorni 60 giorni (art. 43) 60 giorni Intervento 30 giorni 30 giorni 15 giorni non è previsto un termine 30 giorni (art. 50) fino a 30 giorni prima dell udienza 15 giorni fino a 15 giorni prima dell udienza Abbreviazione dei termini Il Presidente può abbreviare i termini per la fissazione di udienza Sono proporzionalmente ridotti i termini per la difesa della fase (art. 53) 10 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

13 Comunicazione fissazione udienza pubblica 60 giorni prima dell udienza (art. 71) 30 giorni 45 giorni prima dell udienza in caso di rinuncia congiunta alla domanda cautelare 23 giorni prima dell udienza in caso di rinuncia congiunta alla domanda cautelare Documenti 40 giorni liberi prima dell udienza (art. 73) 20 giorni liberi Memorie 30 giorni liberi (art. 73) 15 giorni liberi Repliche 20 giorni liberi (art. 73) 10 giorni liberi 11 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

14 Giudizio di cognizione appello Ricorso in appello (art. 92) 60 giorni dalla notifica della sentenza o 6 mesi dal deposito della sentenza 30 giorni dalla notifica della sentenza o 3 mesi dal deposito della sentenza 30 giorni 15 giorni Appello su dispositivo di sentenza 30 giorni dal deposito del dispositivo (art. 119) 15 giorni Motivi aggiunti (art. 119) 30 giorni dalla notifica della sentenza o 3 mesi dal deposito della sentenza 15 giorni Appello incidentale (art. 96 e art. 333 c.p.c.) Appello incidentale tardivo (art. 96 e art. 334 c.p.c.) 60 giorni dalla notifica della sentenza o, se anteriore, dalla notifica del ricorso in appello 30 giorni dalla notifica della sentenza o, se anteriore, dalla notifica del ricorso in appello 30 giorni 15 giorni 60 giorni dalla notifica del ricorso in appello 30 giorni dalla notifica del ricorso in appello 10 giorni 5 giorni 12 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

15 Memoria di costituzione (art. 101) Intervento (art. 38 e art. 50) 60 giorni dalla notifica del ricorso in appello 30 giorni dalla notifica del ricorso in appello non è previsto un termine 30 giorni fino a 30 giorni prima dell udienza 15 giorni fino a 15 giorni prima dell udienza Abbreviazione dei termini (art. 38 e art. 53) Comunicazione fissazione udienza pubblica (art. 38 e art. 71) Il Presidente può abbreviare i termini per la fissazione di udienza Sono proporzionalmente ridotti i termini per la difesa della fase 60 giorni prima dell udienza 30 giorni 45 giorni prima dell udienza in caso di rinuncia congiunta alla domanda cautelare 23 giorni prima dell udienza in caso di rinuncia congiunta alla domanda cautelare Documenti (art. 38 e art. 73) 40 giorni liberi prima dell udienza Memorie Repliche 20 giorni liberi 30 giorni liberi 15 giorni liberi 20 giorni liberi 10 giorni liberi 13 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

16 Computo dei termini Se il giorno di scadenza è festivo, il termine fissato dalla legge o dal giudice per l adempimento è prorogato al primo giorno seguente non festivo (art. 52, co. 3). Si applica anche ai termini che scadono di sabato (art. 52, co. 5). Nei c.d. termini a ritroso (calcolati prima dell udienza): se il giorno di scadenza è festivo, il termine è anticipato al giorno antecedente non festivo (art. 52, co. 3); se il giorno di scadenza è il sabato, si può depositare sabato (art. 52, co. 5). I depositi nel giorno di scadenza devono essere effettuati entro le ore 12,00 (art. 4, co. 4, all. 2). Termini liberi: non deve computarsi né il giorno iniziale né quello finale. 14 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

17 Giudizio cautelare primo grado Misure cautelari ante causam (art. 61) Misure cautelari provvisorie monocratiche (art. 56) Istanza notificata Provvedimento di accoglimento è notificato alle altre parti entro 5 giorni Provvedimento di accoglimento può essere revocato/modificato su istanza di parte notificata Il ricorso deve essere notificato entro 15 giorni dal provvedimento di accoglimento e depositato nei successivi 5 giorni Provvedimento di accoglimento perde efficacia dopo 60 giorni se non confermato in corso di causa Proposizione contestuale o non al ricorso Il giudice può sentire le parti ove necessario Il giudice provvede con decreto monocratico non impugnabile e fissa la camera di consiglio Giudizio cautelare collegiale (art. 55 ss.) Proposizione contestuale o non al ricorso Fissazione udienza in camera di consiglio: non prima di 20 giorni dalla notifica del ricorso e 10 giorni dal deposito del ricorso 10 giorni dalla notifica del ricorso e 5 giorni dal deposito del ricorso memorie e documenti Costituzione delle parti 2 giorni liberi prima dell udienza 1 giorno libero prima dell udienza Anche in udienza Ordinanza Provvede anche sulle spese (art. 57) Revoca o modifica Esecuzione Abbreviazione dei termini Può essere chiesta con istanza motivata e notificata se si verificano mutamenti nelle circostanze (art. 58) Può essere chiesta con istanza motivata e notificata (art. 59) Il Presidente può abbreviare i termini per la fissazione di udienza Sono proporzionalmente ridotti i termini per la difesa della fase (art. 53) 15 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

18 Giudizio cautelare appello Misure cautelari provvisorie monocratiche (art. 38 e art. 56) Giudizio cautelare collegiale (art. 38 e art. 55 ss.) Proposizione contestuale o non al ricorso in appello Il giudice può sentire le parti ove necessario Il giudice provvede con decreto monocratico non impugnabile e fissa la camera di consiglio Proposizione contestuale o non al ricorso in appello Appello avverso ordinanza collegiale TAR (art. 62) 30 giorni dalla notifica dell ordinanza o 60 giorni dal deposito dell ordinanza tutti i riti 30 giorni 15 giorni Fissazione udienza in camera di consiglio: non prima di 20 giorni dalla notifica del ricorso e 10 giorni dal deposito del ricorso 10 giorni dalla notifica del ricorso e 5 giorni dal deposito del ricorso memorie e documenti 2 giorni liberi prima dell udienza 1 giorno libero prima dell udienza Costituzione delle parti Anche in udienza Ordinanza Provvede anche sulle spese (art. 57) Revoca o modifica Esecuzione Abbreviazione dei termini Può essere chiesta con istanza motivata e notificata se si verificano mutamenti nelle circostanze (art. 58) Può essere chiesta con istanza motivata e notificata (art. 59) Il Presidente può abbreviare i termini per la fissazione di udienza Sono proporzionalmente ridotti i termini per la difesa 16 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

19 Riti speciali: silenzio accesso ottemperanza Ottemperanza (art. 112) Primo grado (anche senza previa diffida) Si prescrive in 10 anni dal passaggio in giudicato della sentenza Appello 30 giorni dalla notifica della sentenza o tre mesi dal deposito della sentenza 15 giorni 15 giorni Tutti i termini processuali sono dimezzati (art. 87, co. 3) Accesso (art. 116) 30 giorni dal provvedimento o dal silenzio sull istanza 30 giorni dalla notifica della sentenza o tre mesi dal deposito della sentenza 15 giorni 15 giorni Tutti i termini processuali sono dimezzati (art. 87, co. 3) Silenzio (art. 117) Finché dura l inadempimento e non oltre 1 anno dalla scadenza del termine di conclusione del procedimento 30 giorni dalla notifica della sentenza o tre mesi dal deposito della sentenza 15 giorni 15 giorni Tutti i termini processuali sono dimezzati (art. 87, co. 3) Documenti Memorie Repliche 20 giorni liberi prima della camera di consiglio 15 giorni liberi prima della camera di consiglio 10 giorni liberi prima della camera di consiglio Idem Idem Idem 17 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

20 Istanza di fissazione di udienza e perenzione Istanza di fissazione di udienza (art. 71) Perenzione annuale (art. 81) Perenzione su ricorsi ultraquinquennali (art. 82) Opposizione a perenzione (art. 85) Perenzione in regime transitorio (art. 1, all. 3) Opposizione a perenzione in regime transitorio (art. 1, all. 3) 1 anno dal deposito del ricorso (rito ordinario) 6 mesi dal deposito del ricorso (rito abbreviato e rito appalti) In mancanza dell istanza di fissazione di udienza, il giudice provvede con decreto dopo 5 anni dal deposito del ricorso, la segreteria comunica apposito avviso alle parti entro 180 giorni, la parte deve depositare nuova istanza di fissazione di udienza, sottoscritta dalla parte e dal difensore 60 giorni dalla comunicazione del decreto di perenzione tutti i termini processuali sono dimezzati (art. 87, co. 3) entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore del Codice, il ricorrente deve presentare nuova istanza di fissazione di udienza, sottoscritta dalla parte e dal difensore in mancanza, il giudice provvede con decreto entro 180 giorni dalla comunicazione del decreto di perenzione, il ricorrente può depositare atto di dichiarazione di interesse, sottoscritto dalla parte e dal difensore, notificato alle altre parti il presidente revoca il decreto e dispone la reiscrizione della causa 18 Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, ottobre 2010

21 ABU DHABI The Makeen Building Office 202 PO Box Abu Dhabi T F AMSTERDAM Strawinskylaan XZ Amsterdam T F Mailing address PO Box AG Amsterdam BAHRAIN Bahrain World Trade Centre East Tower, 37th floor PO Box Manama Bahrain T F BARCELONA Mestre Nicolau Barcelona T F BEIJING 3705 China World Office Two 1 Jianguomenwai Avenue Beijing T F BERLIN Potsdamer Platz Berlin T F BRUSSELS Bastion Tower Place du Champ de Mars/ Marsveldplein 5 B-1050 Brussels T F COLOGNE Im Zollhafen Cologne T F DUBAI The Exchange Building 5th floor Dubai International Financial Centre Sheikh Zayed Road PO Box Dubai T F DÜSSELDORF Feldmühleplatz Düsseldorf T F FRANKFURT AM MAIN Bockenheimer Anlage Frankfurt am Main T F HAMBURG Freshfields Haus Hohe Bleichen Hamburg T F Mailing address Postfach Hamburg HANOI #05-01 International Centre 17 Ngo Quyen Street Hanoi T F HO CHI MINH CITY #1108 Saigon Tower 29 Le Duan Boulevard District 1 Ho Chi Minh City T F HONG KONG 11th floor Two Exchange Square Hong Kong T F LONDON 65 Fleet Street London EC4Y 1HS T F MADRID Fortuny Madrid T F MILAN Via dei Giardini Milan T F MOSCOW Kadashevskaya nab 14/ Moscow T F MUNICH Prannerstrasse Munich T F NEW YORK 520 Madison Avenue 34th floor New York, NY T F PARIS 2 rue Paul Cézanne Paris T F ROME Piazza di Monte Citorio Rome T F SHANGHAI 34th floor Jinmao Tower 88 Century Boulevard Shanghai T F TOKYO Akasaka Biz Tower 36F Akasaka Minato-ku Tokyo T F VIENNA Seilergasse Vienna T F WASHINGTON 701 Pennsylvania Avenue, NW Suite 600 Washington, DC T F Freshfields Bruckhaus Deringer LLP is a limited liability partnership registered in England and Wales with registered number OC It is regulated by the Solicitors Regulation Authority. For regulatory information please refer to Any reference to a partner means a member, or a consultant or employee with equivalent standing and qualifications, of Freshfields Bruckhaus Deringer LLP or any of its affiliated firms or entities.

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale In vigore dal gennaio 0 Camera di Commercio Internazionale (ICC) Corte Internazionale di Arbitrato 8, Cours Albert er, 7008 Paris/Parigi,

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali

Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali CORSO n. 21 di Maurizio Villani e Daniela Lorenzo Avvocati tributaristi in Lecce IL TEMA Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali Il presente lavoro riprende quanto già trattato

Dettagli

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di sospensione automatica della stipulazione del contratto; riforma introdotta dal Decreto Legislativo n. 53/2010 di attuazione

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Aspetti critici e rimedi Avv. Giovanni Indirli Senior attorney +32 2 5515961 gindirli@mayerbrown.com 21 Maggio 2010 Mayer Brown is a

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Il Codice del processo amministrativo

Il Codice del processo amministrativo DIPRU 4 Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche di Gestione e di Sviluppo delle Risorse Umane Il Codice del processo amministrativo Il Codice del processo amministrativo lezioni

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

I mezzi di impugnazione

I mezzi di impugnazione 4 I mezzi di impugnazione SOMMARIO 1. L appello previsto dall art. 310 c.p.p. 2. Il ricorso per Cassazione previsto dall art. 311 c.p.p. 2.1. La impossibilità di scelta per la difesa del c.d. ricorso per

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali 1. Premessa. 2.La questione della vigenza dell art.23 della legge

Dettagli

Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore della Pretura circondariale di Monza

Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore della Pretura circondariale di Monza OPPOSIZIONE ALLE ORDINANZE-INGIUNZIONE DI PAGAMENTO DI SOMME A TITOLO DI SANZIONE AMMINISTRATIVA: PRINCIPALI QUESTIONI ORGANIZZATIVE, ORDINAMENTALI E PROCEDURALI Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

MAURO BOVE. Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c.

MAURO BOVE. Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c. MAURO BOVE Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c. SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Fase introduttiva e complicazioni oggettive e/o soggettive.

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Codice di procedura civile Aggiornato alla Legge di Stabilità 2013 (L. n. 228/2012) e alla Riforma del condominio (L. n. 220/2012)

Codice di procedura civile Aggiornato alla Legge di Stabilità 2013 (L. n. 228/2012) e alla Riforma del condominio (L. n. 220/2012) C O D I C I Codice di procedura civile Aggiornato alla Legge di Stabilità 2013 (L. n. 228/2012) e alla Riforma del condominio (L. n. 220/2012) INDICE GENERALE CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

IL RITO SPECIALE PER L IMPUGNAZIONE DEI LICENZIAMENTI

IL RITO SPECIALE PER L IMPUGNAZIONE DEI LICENZIAMENTI CAPITOLO TERZO IL RITO SPECIALE PER L IMPUGNAZIONE DEI LICENZIAMENTI VIRGINIA PETRELLA SOMMARIO: 3.1. Inquadramento e ratio del rito licenziamenti. 3.2. La conciliazione obbligatoria nei licenziamenti

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA DOPO LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE

IL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA DOPO LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE IL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA DOPO LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE Relatore: dr.ssa Antonella MAGARAGGIA pretore presso la Pretura circondariale di Venezia SOMMARIO: I. Introduzione. II. Disciplina del procedimento

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI CORSO AVVOCATI MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI OPPOSIZIONE SANZIONE AMMINISTRATIVA QUADERNO N. 6 1 Il procedimento di opposizione avverso sanzioni amministrative per violazioni al Codice della Strada

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana Francesco Castaldi Avvocato Sommario: 1. L art. 155 c.p.c. - 2. Il ricorso straordinario

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Roma - Mercoledì, 2 aprile 2014 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Roma - Mercoledì, 2 aprile 2014 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI SERIE GENERALE Spediz. abb. post. - art. 45% 1, - comma art. 2, 1 comma 20/b Legge 27-02-24, 23-12-1996, n. n. 46662 - Filiale - Filiale di Roma di Roma GAZZETTA Anno 155 - Numero 77 UFFICIALE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Insieme per crescere. La tutela del credito nei mercati internazionali. Rödl & Partner Padova

Insieme per crescere. La tutela del credito nei mercati internazionali. Rödl & Partner Padova Insieme per crescere La tutela del credito nei mercati internazionali Rödl & Partner Padova La tutela del credito nei mercati internazionali A cura di Avv. Eugenio Bettella Avv. Daniele Ferretti Avv. Giovanni

Dettagli

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI Incontro di studio in materia di diritto processuale civile in data 24 novembre 2001, presso l Aula Magna del Palazzo di Giustizia Bruno Caccia TORINO, intitolato L obiettivo sulla riforma processuale,

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA INTERO CONTRATTO Le presenti Condizioni Generali di vendita ed i termini e le obbligazioni in esse contenute sono le uniche e sole obbligazioni vincolanti

Dettagli