Procura della Repubblica presso il Tribunale di Velletri. CCBRTAMENTI TECl\ìJCllVOjVRlPETIBIIJ ~ -...,.,..,.,.=~... I t. residente in. a--a--'- _...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procura della Repubblica presso il Tribunale di Velletri. CCBRTAMENTI TECl\ìJCllVOjVRlPETIBIIJ ~ -...,.,..,.,.=~... I t. residente in. a--a--'- _..."

Transcript

1 4 i5 l t] jj* 1 1l f i ttl' "i J. j 1 J 1r!. j', i., i s.t-é;..,-; 13 R:G. bodizie di reato/modo 21 -:..G.:"' :53 Pal: 1/3 j Procura della Repubblica presso il Tribunale di Velletri CCBRTAMENT TECl\ìJCllVOjVRlPETBJ u - art. 360 c;-p. - ' l l Pubblico 1\.1inis b- l ,.,..,.,.=... - :.:r=-.. ::ez::z:::::eo.===i in telaz1?ne al proce±lt() penale indicato :U1cpigrsie nei confeonti di: t() a. Roma il \., - """ e1ettivament domiciììato in Roma in piazza - A "" difeso dì fiducia dallj\'v. -, - del Foro di Roma, con 5tuo in Roma via ()..-.. r. <.", -! + "..', nata a Rorna il.", etnv. ente domiciliara itvia p-- - -;.-,, difesa di fiducia <ialìay"u p.. _ con sttido in CassiQ,Q. '.. "--l/ae avy. "',...,-:.; con studioin Rotlain via delle "3.'.[. t, -' -"- -,.'..--nata a elett:i:amen dmia_ oa clo lo studio \..Le 5duc)...,,.. _.. _ <1lfens difesa dì fiducia cia.p' - ".--._ con studio in Roma via.rd " Q t. residente in, difeso d'ufficio dall'avv, _ =.:;1 foro di Velletri, con sn» Velletri, in -r- - - A...'d!::.!:'.-: -:..' rata a Roma il ' "':"" 'tfl3. t". difesa d'ufficio dall':!),... :;.cl foro -di Velletri, con studio in ".'- :ì, in vicolo,t per il team previsto e '. unito dall':.m, 589 c.p, dovendo pioceder:a. accertamento teccico non ripetibile relativo all'indagine di quali o state l'epo le cause ed i mezzi del decesso di.. '",,-.:.-;.. nato W a--a--'- _... AVVSA lepctsone soreo defunto.così.corne sara dell'incarico ed CV félihi'aio 2014 ç)re '311 Ìn Velletri. Palazzo di Giusti2ria.. Procura!della Repubblica, piano. e che le persol1: sottoposte alle indagini e le partì offese hanno facoltà di nominare un proprio rnsul.etecnico.. ì.:.. ;) ';c) " 1\' 'rr),

2 SEG mvjerd Pag: 2/3 ssati 11. cura della P.G: operante con facoltà di suh{1clega.. O..BFONO 'L'UR n....'. '.L.. L PROCURATORE LLA REPUBBUOA "">

3 Avv',Anselmode Studio L le BOrQD. WW' W'.. 1ft.'q.d.if:Sb.ntl%lc.h Cataldo r f frocura PElLAREPUBBUCA '-RESsa il TRBUNALE D VEllETR l sottoscritto, difensore di Andrea.' neì p.p. RGNR{allegatanomina}formula riserva di promuovere incidente probatorio, contestualmente nominando quale consulente tecnico dì parte il dott. Leonardo - i} medico chirurgo specialista in medicina legale e delle assicurazioni {con studio in Roma, via :-te.- -tal{ - -eenardo )fastwehnetjt Roma, 28 febbraio "j ț i 28 F;& 1614 \\': l.'.,eroi, 0:lD tlpostlelq '. _\..r. :'..' u,qz;onano / \: /. i ----.:- \:." -.' l -,-',-." d-rf t'wj& 1- - t

4 .ffi0curadella REPUBBUCA t sòttoscritt nato o residente in via - in relazione al p.p.!j- --..,GNR nomina l'aw. Anselmo de Cataldo difensore di fiducia, conferendogli ogni più ampia facoltà, ivi compresa quella di esprimere riserva di incidente probatorìo e di nominare consulenti tecnici, Roma, 25 febbraio 2014_ ( ìasottoscnzìone è autential

5 , '"_<$ ' ":"'_-;::. ' _ - - "'. ' 'r. - '':_.' "-- _ ': - _'>_' :_. -- _ -ar- =- _.:. : l Procura della Repubblica presso iltribunale di Velletri VERBALE D CONFERMENTO DELL 'NCARCO PER CONSULENZA TECNCA - artt. 359 e 360 l'pp., 116 e 117 D.Lv. 271/8.9 Jj li giorno 28 Febbraio 2014 alle ore 13OOin Velletri - Palazzo di Giustizia, piano 6, stanza n. 609, nel procedimento di cui in epigrafe nei ccnfrontidi: _ nato.- - t:>-.'"'''''' --. il, elettivamenre domìciliato in Roma in piazza.-. -'" difeso di fiducia dall'avv. del Foro dì Roma, con studio in Roma via ,'o f, nata a Roma-il - domieiliata in via difesa di fiducia dagli av\ x.l. e avv. Paola Va.- '-1 h-"ì elettivamente, con studio in, con studio in Roma.in 1\. s- nata a. _>._ elettivamente domiciliata in Roma c/o lo studio del difensore di fiducia avv. Paolo _ difesa difiducla dall'avv. Paolo _, con studio in Roma via l. j residente in Roma ' via difeso di fiducia dall' avv. Anselmo De Cataldo del foro di Roma, con studio in Roma, -'.._.- "'.. : contesrualmente deposita riserva d'incidente probatorìoscritta, l1 nata 1, residente in fu difesa di fiducia dall'avv. Simone J del foro di Roma, con studio in Roma,via per il reato previsto e punito dall'art. 589 c.p. innanzi al Pubblico Ministero dotto Antonio.-...in l'assistenza per la redazione del presente verbale del cancelliere, Francesca Cl. sono comparsi..._.. e l'avv. ';e, l'avvocato avv..- per l'indagata l., avvocato Anselmo DE CATALDO, per l'indagato Alessandra - e l'avvocato di fiducia. oimòne f- - si dà atto che sono presenti: ' -

6 per la persona offesa sono presenti il dotr, e il Dott. nominato consulente tecnico del Pubblico Ministero con il presente atto, il quale, richiesto delle generalità, ha così risposto: S0110 e mi chiamo Savena, nato a Roma n1 gennaio l, domiciliato presso l'università di Roma,a, medico legale, conosciuto all'ufficio Sono e mi chiamo.- lh_, domiciliato presso il proprio studio sito in Nettuno, '. A domanda se si trovi in una delle condizioni previste dall'art. 222 c.p.p. il. consulente risponde: NO n Pubblico Ministero quindi, informa il consulente tecnico dell'oggetto dell'incarico e formula il seguente quesito: accerti il consulente, previo esame autoptico del cadavere di ( _.- -} nato i _.,.. _ -7 le eause ed i mezzi che hanno provocato :ildecesso dello stesso e quant'altro elemento utile ai fini di giustizia. Vista la complessità dei quesiti e l'impossibilità di procedere seduta stante al compimento degli accertamenti richiesti, il consulente tecnico chiede un termine per potervì provvedere e per rispondere per iscritto a quanto richiesto gli, termine che il Pubblico Ministero gli concede nella misura di giorni 60 a partire dalla data di inizio delle operazìonì peritali, ' l consulente tecnico chiede dì essere autorizzato a: eventuali rilievi fotografìci utilizzo del mezzo proprio prelievi per esame istologico. l Pubblico Ministero autorizza quanto sopra richiesto dal consulente tecnico, l consulente tecnico dichiara che le operazioni avranno inizio in data 18/3/2014 ore 9,30 presso la camera mortuaria dell'ospedale di Anzio Alessia nomina CTP ildott.., con studio inanzio via La dott.ssa. "i sì riporta alla nomina di CTPìn atti, riservandosi la nomina di altro specialista fino all'inizio delle operazioni peritalì deposita nomina CTP come in atti, depositata prima dell'odierno mcanco. si riserva la nomina di CTPf1no all'inizio delle operazioni petimlì si riporta alla nomina di CTP in atti.. Letto e sottoscritto alle ore 12,30 _ \.-... '\ L CONSULENTE 1ECN.JCO.:_-+ j... N. t ". 81'\.. GL.l\.LTRl PRESENTl';-\T'i;?V /1 r J l't 1\,r-' li UBL)O Mn'f7T l\ j H"

7 Cataldo..'.. ',',- -,',, TRAS:MESSO VA FAX_ TRASVESSO VA E"MAL: S'3D <i, PROCURA DELLA REPJBBLCA l.resso L TUBUNALE D VELLETR DOT 11 sottoscritto, difensore di J nel p,p " RGN'R (nomina già in atti) insiste nella riserva di incidente probetorio, rappresemando come la tipolegia dell 'accertamento disposto dalla S.V. - visti anche il tempo comunque già trascorso dal decesso e le modalitànempistiche di deterioramento dei corpi - non impongono di procedervi con una urgenza tale da dover elidere le esigenze di formazione della prova nel contraddittorio tra le parti. L'attività ex art,360 e.p.p, che ci si appresta a porre in essere appare allo stato UÌvalida e tanto si rileva sin d'ora; purtuttavia non si rinuncia a farvi partecipare il CT di parte già nominato, senza che tantopossa e debba intendersi come acquiescenza o rinuncia all'esercizio delle prerogative e dei diritti della difesa. Roma, 17 marzo 2014 "_t,.. i l y -: "

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXVI - Numero 1 Roma, 15 gennaio 2015 Pubblicato il 15 gennaio 2015 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA CONCORSI E COMMISSIONI DIPARTIMENTO

Dettagli

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 T.U. delle disposizioni legislative regolamentari in materia di spese di

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO DELL INTERESSATO AI PROPRI DATI PERSONALI

DISCIPLINARE TECNICO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO DELL INTERESSATO AI PROPRI DATI PERSONALI INDICE DISCIPLINARE TECNICO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO DELL INTERESSATO AI PROPRI DATI PERSONALI 1. PREMESSA 1.1 Le disposizioni del Codice della privacy : D.lgs. 196/2003 - artt. 7, 8, 9,

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

Capo II - Degli esami per la professione di procuratore

Capo II - Degli esami per la professione di procuratore R.D. 22 gennaio 1934, n. 37. Norme integrative e di attuazione del R.D.L. 27 novembre 1933, n. 1578, sull'ordinamento della professione di avvocato e di procuratore. TITOLO I Delle iscrizioni nei registri

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE TRENDCOM

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE TRENDCOM REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE TRENDCOM A Disposizioni generali 1. Oggetto e principi informatori 1.1 Il regolamento disciplina l organizzazione ed il funzionamento dell Organismo di Mediazione

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

GUIDA CTU DALL INCARICO ALLA PERIZIA IL CONSULENTE TECNICO D UFFICIO ISCRIZIONE ALL ALBO PRESSO IL TRIBUNALE LE OPERAZIONI PERITALI

GUIDA CTU DALL INCARICO ALLA PERIZIA IL CONSULENTE TECNICO D UFFICIO ISCRIZIONE ALL ALBO PRESSO IL TRIBUNALE LE OPERAZIONI PERITALI GUIDA CTU DALL INCARICO ALLA PERIZIA IL CONSULENTE TECNICO D UFFICIO ISCRIZIONE ALL ALBO PRESSO IL TRIBUNALE LE OPERAZIONI PERITALI OBBLIGHI E RESPONSABILITÀ A CURA DI PAOLO FREDIANI PREMESSA La figura

Dettagli

Approvazione del testo unico delle leggi per la disciplina dell'elettorato

Approvazione del testo unico delle leggi per la disciplina dell'elettorato D.P.R. 20 marzo 1967, n. 223 (1). Approvazione del testo unico delle leggi per la disciplina dell'elettorato attivo e per la tenuta e la revisione delle liste elettorali. (1) Pubblicato nella Gazz. Uff.

Dettagli

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Largo Luigi Daga, 2 00164 ROMA Tel.06/665911 fax 06/66165233 C.F.

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Largo Luigi Daga, 2 00164 ROMA Tel.06/665911 fax 06/66165233 C.F. ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Largo Luigi Daga, 2 00164 ROMA Tel.06/665911 fax 06/66165233 C.F. 96154220584 BANDO PER ISTITUZIONE ELENCO IMPRESE DA INVITARE ALLE

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Il Presidente del Consiglio dei Ministri Vista la legge 8 luglio 1998, n. 230, recante Nuove norme in materia di obiezione di coscienza, e successive modificazioni ed integrazioni; Vista la legge 6 marzo

Dettagli

LA DISCIPLINA DELLA RESTITUZIONE NEL TERMINE TRA ISTANZE SOPRANAZIONALI E LEGISLAZIONE ITALIANA

LA DISCIPLINA DELLA RESTITUZIONE NEL TERMINE TRA ISTANZE SOPRANAZIONALI E LEGISLAZIONE ITALIANA PAOLA SPAGNOLO LA DISCIPLINA DELLA RESTITUZIONE NEL TERMINE TRA ISTANZE SOPRANAZIONALI E LEGISLAZIONE ITALIANA SOMMARIO: 1. Premessa. - 2. Le nuove ipotesi di restituzione nel termine. - 3. Termini e modalità

Dettagli

Messa alla prova per gli adulti: una prima lettura della L. 67/14

Messa alla prova per gli adulti: una prima lettura della L. 67/14 LA DIALETTICA DIBATTIMENTALE: CONFRONTO A PIU VOCI Villa di Castel Pulci, Scandicci 9-11 giugno 2014 Messa alla prova per gli adulti: una prima lettura della L. 67/14 a cura di Valeria Bove Giudice del

Dettagli

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Rev. 2 del 05.11.2014 Sommario PARTE PRIMA Protesti e relativa cancellazione 4 1. Titoli di credito e protesti 5 1.1 Titoli di credito 5 1.2

Dettagli

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo così come modificata dai Protocolli nn. 11 e 14 Protocolli nn. 1, 4, 6, 7, 12 e 13 Il testo della Convenzione è presentato

Dettagli

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento per le Politiche di Gestione e di Sviluppo delle Risorse Umane DIPRU 3 Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture Vol. 3 - Il contratto

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTÙ E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Ufficio per il servizio civile nazionale Bando per la selezione di n.18.793 volontari da impiegare in progetti

Dettagli

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto Guida al Reclamo Indice Premessa 1 La fase del reclamo 3 Il ricorso all Arbitro Bancario Finanziario (ABF) 3 L Associazione Conciliatore BancarioFinanziario 7 L Ombudsman - Giurì bancario 7 La Mediazione

Dettagli

Codice di procedura civile Aggiornato alla Legge di Stabilità 2013 (L. n. 228/2012) e alla Riforma del condominio (L. n. 220/2012)

Codice di procedura civile Aggiornato alla Legge di Stabilità 2013 (L. n. 228/2012) e alla Riforma del condominio (L. n. 220/2012) C O D I C I Codice di procedura civile Aggiornato alla Legge di Stabilità 2013 (L. n. 228/2012) e alla Riforma del condominio (L. n. 220/2012) INDICE GENERALE CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Legge 23 agosto 1988, n.400. Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Legge 23 agosto 1988, n.400. Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri Legge 23 agosto 1988, n.400 Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 12 settembre, n. 214 S.O.) [come modificato

Dettagli

Dopo la presentazione della domanda per il riconoscimento dell handicap/invalidità e la convocazione a visita medica seguirà l accertamento sanitario.

Dopo la presentazione della domanda per il riconoscimento dell handicap/invalidità e la convocazione a visita medica seguirà l accertamento sanitario. La visita medica Dopo la presentazione della domanda per il riconoscimento dell handicap/invalidità e la convocazione a visita medica seguirà l accertamento sanitario. La visita sarà effettuata dalla Commissione

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli