Design Patterns. Introduzione 2. Introduzione 3

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Design Patterns. Introduzione 2. Introduzione 3"

Transcript

1 Design Patterns Introduzione Design patterns: factory, singleton, adapter, composite, decorator, observer Introduzione I Design Patterns sono stati applicati per la prima volta nell architettura Per costruire una casa non si parte dalle leggi fisiche, ma si utilizzano soluzioni già consolidate I Design Patterns cercano di applicare ad un nuovo problema una soluzione classica La soluzione classica è disponibile e può essere applicata senza troppi sforzi Introduzione 2 I Design Patterns vennero applicati per la prima nel campo dell informatica da Gamma, Helm, Vlissides e Johnson Un Design Pattern è formato da: Contesto in cui si presenta il problema che vogliamo risolvere classica per il problema che stiamo affrontando Introduzione 3 I Design Patterns vengono classificati in funzione del problema che risolvono Creazionali, creazione di oggetti Strutturali, organizzazione degli oggetti e loro composizione Comportamentali, come cambiare il comportamento dell applicazione con minime modifiche del codice

2 Design Patterns Creazionali Factory, Singleton Strutturali Adapter, Composite, Decorator Comportamentali Observer Osservazioni Non vengono presentati tutti i Design Patterns, ma solo quelli più conosciuti ed utilizzati Alcuni Design Patterns verranno definiti utilizzando interfacce. In questo caso, le interfacce potranno eventualmente essere sostituite da classi astratte. Factory : Voglio creare degli oggetti con caratteristiche comuni La creazione degli oggetti non deve essere controllata direttamente dall applicazione : L applicazione delega la creazione degli oggetti ad una classe detta Factory Factory - Esempio Un applicazione gestisce documenti I documenti possono essere di due tipi Solo testo Testo con figure I documenti esportano un interfaccia comune Quando l applicazione recupera un vecchio documento, delega la sua creazione a DocumentFactory DocumentFactory si occuperà di stabilire se il documento è solo testo o testo con figure e, di conseguenza, creerà il documento

3 Esempio Class Diagram Application Document DocumentFactoryInterface TextDocument FigureDocument DocumentFactory Singleton Una classe può essere istanziata solo una volta L applicazione utilizza questa istanza in diversi punti dell applicazione Ottengo la reference all oggetto tramite il metodo statico getinstance Il costruttore della classe è privato, quindi nessun oggetto può istanziare questa classe. L unica istanza di questa classe viene creata all interno di getinstance Esempio public class SingletonEsempio { private SingletonEsempio x; private SingletonEsempio() { public static SingletonEsempio getinstance() { if (x==null) { x= new SingletonEsempio(); return x; Adapter Voglio utilizzare la classe X già disponibile all interno della mia applicazione La classe X utilizza un interfaccia non compatibile con la mia applicazione Al posto di riscrivere o modifica la classe X, definisco una nuova classe, detta Adapter, che modifica l interfaccia esporta dalla classe X

4 Esempio La mia applicazione visualizza a video delle figure geometriche e del testo Le figure geometriche esportano la stessa interfaccia. L applicazione può accedere a queste figure sempre nello stesso modo Tradurre un testo come un immagine è un compito fatico Decido di utilizzare una classe che trasforma un testo in un immagine Questa classe però non esporta l interfaccia desiderata Definisco una classe, detta Adapter, che modifica l interfaccia esportata Esempio Class Diagram Shape Line Box TextViewAdapter TextView Composite -1 Un oggetto della mia applicazione può contenere al suo interno un numero indefinito di oggetti a lui simili. A sua volta, gli oggetti contenuti possono contenere altri oggetti La struttura degli oggetti cosi creata è ad albero Questa struttura può essere ripetuta infinite volte Quando invoco un operazione su un oggetto, voglio che questa sia invocata a cascata su tutti gli oggetti contenuti La struttura ad albero degli oggetti è dinamica e non statica Composite - 2 Tutti gli oggetti esportano la stessa interfaccia Quando viene chiamato un metodo su un oggetto, lo stesso metodo viene chiamato anche su tutti gli oggetti contenuti Individuo due tipi di oggetti: Composite, possono contenere altri oggetti Leaf, non possono contenere altri oggetti Leaf Component Composite

5 Esempio AWT di Java Component Label Button Container Add() Decorator Voglio aggiungere dinamicamente delle funzioni ad una classe con ereditarietà Ad ogni ereditarietà definisco una nuova funzione L ordine con cui vengono applicare le funzioni è cablato all interno del codice e non può essere modificato Decorator con Design Pattern Le funzionalità di una classe vengono estese in maniera trasparente usando una sotto classe che delega le proprie operazioni alla classe originaria ConcreateComponent ConcreateDecoratorA Component Decorator ConcreateDecoratorB Esempio InputStream Voglio applicare diverse funzioni ad un flusso di dati in ingresso Decriptazione Controllo sulla correttezza dei dati Bufferizzare i dati in ingresso La sorgente dei dati può essere di diverso tipo File Socket

6 Esempio Class Diagram Esempio FileInputStream ChiperInputStream InputStream FilterInputStream CheckedInputStream InputStream in; in = FileInputStream( c:/prova.txt ); in = new CheckedInputStream(in, ); in= new ChiperInputStream(in, ); in= new BufferedInputStream(in); BufferedInputStream Observer Voglio ricevere una notifica quando cambia un oggetto o un insieme di oggetti Definisco due classi astratte Observer è colui che osserva Observable è l oggetto osservato Quando un Observable viene modificato, chiama un metodo della classe Observer per notificare il cambiamento Esempio Trasferimento Canzoni Observer Observable update( ) add( ) Transfer Stream

Il pattern decorator. L21_DecoratorPattern 1

Il pattern decorator. L21_DecoratorPattern 1 Il pattern decorator L21_DecoratorPattern 1 Il pattern decorator Problema affrontato: aggiungere comportamenti e caratteristiche dinamicamente ad una classe, in maniera alternativa all'ereditarietà, non

Dettagli

Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software Design Patterns

Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software Design Patterns TITLE Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software Design Patterns Valentina Presutti (A-L) Riccardo Solmi (M-Z) 1 Indice degli argomenti Tipi di Design Patterns Creazionali Strutturali Comportamentali

Dettagli

Esercitazione sui Design Pattern. lunedì 29 aprile 13

Esercitazione sui Design Pattern. lunedì 29 aprile 13 Esercitazione sui Design Pattern Pattern Creazionali Singleton Permette la creazione di una sola istanza della classe all interno dell applicazione Fornisce un metodo con cui ottenere l istanza Il costruttore

Dettagli

Design Principle. immagini da SOLID Motivational Posters, by Derick Bailey

Design Principle. immagini da SOLID Motivational Posters, by Derick Bailey Design Pattern Design Principle immagini da SOLID Motivational Posters, by Derick Bailey Single Responsibility Principle Single Responsibility Principle A class should have only one reason to change. Open

Dettagli

Esercitazione sui Design Pattern

Esercitazione sui Design Pattern Esercitazione sui Design Pattern Pattern Creazionali Singleton Permette la creazione di una sola istanza della classe all interno dell applicazione Fornisce un metodo con cui ottenere l istanza Il costruttore

Dettagli

Il pattern FACTORY è un pattern di tipo Creazionale secondo la classificazione della GoF I pattern di tipo creazionali si occupano della costruzione

Il pattern FACTORY è un pattern di tipo Creazionale secondo la classificazione della GoF I pattern di tipo creazionali si occupano della costruzione Il pattern Factory Il pattern FACTORY è un pattern di tipo Creazionale secondo la classificazione della GoF I pattern di tipo creazionali si occupano della costruzione degli oggetti e delle problematiche

Dettagli

11. Riuso del software e CBSE

11. Riuso del software e CBSE 11. Riuso del software e CBSE Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 11. Riuso del software e CBSE 1 / 38 Sommario 1 Riuso 2 Approcci 3 CBSE Componenti

Dettagli

INGEGNERIA DEL SOFTWARE

INGEGNERIA DEL SOFTWARE INGEGNERIA DEL SOFTWARE UML Avvertenza: gli appunti si basano sul corso di Ingegneria del Software tenuto dal prof. Picco della facoltà di Ingegneria del Politecnico di Milano (che ringrazio per aver acconsentito

Dettagli

SOMMARIO DESIGN PATTERN

SOMMARIO DESIGN PATTERN INTRODUZIONE AI DESIGN PATTERN INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2014 2015 rcardin@math.unipd.it 2 DESIGN PATTERN

Dettagli

L ambizione dei design pattern (letteralmente schemi di programmazione) è quella di offrire soluzioni a problemi ricorrenti che facilitano lo

L ambizione dei design pattern (letteralmente schemi di programmazione) è quella di offrire soluzioni a problemi ricorrenti che facilitano lo Design Pattern L ambizione dei design pattern (letteralmente schemi di programmazione) è quella di offrire soluzioni a problemi ricorrenti che facilitano lo sviluppo dei programmi, il loro mantenimento,

Dettagli

DESIGN PATTERN CREAZIONALI INGEGNERIA DEL SOFTWARE INTRODUZIONE SINGLETON. Scopo dei design pattern creazionali

DESIGN PATTERN CREAZIONALI INGEGNERIA DEL SOFTWARE INTRODUZIONE SINGLETON. Scopo dei design pattern creazionali DESIGN PATTERN CREAZIONALI DESIGN PATTERN CREAZIONALI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2013 2014 rcardin@math.unipd.it

Dettagli

10. Design Patterns. Andrea Polini. Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica. (Ingegneria del Software) 10. Design Patterns 1 / 36

10. Design Patterns. Andrea Polini. Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica. (Ingegneria del Software) 10. Design Patterns 1 / 36 10. Design Patterns Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 10. Design Patterns 1 / 36 Problemi Ci focalizziamo nelle problematiche riguardanti la

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Design Pattern: Storia Parte b versione 2.1 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

SOMMARIO DESIGN PATTERN INTRODUZIONE AI DESIGN PATTERN INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Introduzione. Cos è un design pattern. Cos è un design pattern

SOMMARIO DESIGN PATTERN INTRODUZIONE AI DESIGN PATTERN INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Introduzione. Cos è un design pattern. Cos è un design pattern INTRODUZIONE AI DESIGN PATTERN INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2011 2012 2 rcardin@math.unipd.it DESIGN PATTERN

Dettagli

Esempi al calcolatore su: 1) Costruttori ed ereditarietà 2) Subtyping e polimorfismo

Esempi al calcolatore su: 1) Costruttori ed ereditarietà 2) Subtyping e polimorfismo Esempi al calcolatore su: 1) 2) Subtyping e polimorfismo 1 Esempio 1: 2 Introduzione Java prevede due automatismi legati ai costruttori: Se una classe non ha costruttori viene creato automaticamente il

Dettagli

Esercitazione n 2. Obiettivi

Esercitazione n 2. Obiettivi Esercitazione n 2 Obiettivi Progettazione di una applicazione Java Utilizzo di classi come schemi Utilizzo di costruttori Utilizzo di stringhe Uguaglianza tra oggetti Utilizzo di classi come componenti

Dettagli

Il pattern ABSTRACT FACTORY

Il pattern ABSTRACT FACTORY Il pattern ABSTRACT FACTORY Abstract Factory L intento è quello di fornire una interfaccia per creare famiglie di oggetti in relazione o dipendenti tra loro, senza dovere specificare le loro classi concrete.

Dettagli

La classe java.lang.object

La classe java.lang.object La classe java.lang.object In Java: Gerarchia di ereditarietà semplice Ogni classe ha una sola super-classe Se non viene definita esplicitamente una super-classe, il compilatore usa la classe predefinita

Dettagli

Corso di Algoritmi e Strutture dati Programmazione Object- Oriented in Java (Parte I)

Corso di Algoritmi e Strutture dati Programmazione Object- Oriented in Java (Parte I) Corso di Algoritmi e Strutture dati Programmazione Object- Oriented in Java (Parte I) Ing. Gianluca Caminiti Sommario ( OOP ) Programmazione Object-Oriented Incapsulamento, Ereditarietà, Polimorfismo Richiami

Dettagli

INGEGNERIA DEL SOFTWARE

INGEGNERIA DEL SOFTWARE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA ELETTRONICA E INFORMATICA Corso di laurea magistrale in Ingegneria informatica Anno accademico 2016/2017-1 anno INGEGNERIA DEL SOFTWARE 9 CFU - 1 semestre Docente titolare

Dettagli

Il problema è trovare un modo nel quale gli eventi dell oggetto di riferimento, siano comunicati a tutti gli altri interessati.

Il problema è trovare un modo nel quale gli eventi dell oggetto di riferimento, siano comunicati a tutti gli altri interessati. Observer 129 19. Observer (GoF pag. 293) 19.1. Descrizione Consente la definizione di associazioni di dipendenza di molti oggetti verso di uno, in modo che se quest ultimo cambia il suo stato, tutti gli

Dettagli

Progettazione : Design Pattern Creazionali

Progettazione : Design Pattern Creazionali Progettazione : Design Pattern Creazionali Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 30 Novembre 2010 Progettazione : Design Pattern Creazionali Aspetti generali dei Design Pattern Creazionali

Dettagli

Catia Trubiani. Laboratorio di Ingegneria del Software a.a

Catia Trubiani. Laboratorio di Ingegneria del Software a.a Università degli Studi dell Aquila Laboratorio di Ingegneria del Software a.a. 2013-2014 Catia Trubiani Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell'informazione e Matematica (DISIM) - Università degli Studi

Dettagli

Oggetti e classi. Cos è un oggetto

Oggetti e classi. Cos è un oggetto Oggetti e classi Cos è un oggetto Basta guardarsi intorno per scoprire che il mondo reale è costituito da oggetti: libri, biciclette, giocattoli, ma anche ragazzi, bambini, fiori, gatti, cani, fiumi, montagne,

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti Classi astratte e interfacce

Programmazione orientata agli oggetti Classi astratte e interfacce Programmazione orientata agli oggetti Classi astratte e interfacce Fondamenti di Informatica L-B 1 Classi astratte Java ci consente di definire classi in cui uno o più metodi non sono implementati, ma

Dettagli

oggetti, permettono di ridurre i costi di sviluppo, poiché cercano di riusare insiemi di classi e di produrre sistemi più facili da evolvere.

oggetti, permettono di ridurre i costi di sviluppo, poiché cercano di riusare insiemi di classi e di produrre sistemi più facili da evolvere. Lo sviluppo di sistemi orientati agli oggetti mira a descrivere un software nelle sue diverse fasi (analisi, progettazione, codifica) in termini di classi. Tali sistemi sono documentati focalizzando sulle

Dettagli

Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software UML per Design Patterns e Refactoring

Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software UML per Design Patterns e Refactoring TITLE Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software UML per Design Patterns e Refactoring Valentina Presutti (A-L) Riccardo Solmi (M-Z) 1 Indice degli argomenti Introduzione alla notazione UML I diagrammi

Dettagli

Design patterns in Java

Design patterns in Java tesi di laurea Anno Accademico 2012/13 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Luciano Amitrano Matr. 534/2042 Progettare SW a oggetti è difficoltoso I progettisti devono cercare di far coesistere

Dettagli

Model View Controller (MVC)

Model View Controller (MVC) (MVC) in sintesi è una applicazione del pattern alle interfaccie utente (GUI ma non necessariamente) lunga tradizione in smalltalk non è propriamente un design patter ma un architectural pattern perché

Dettagli

Ingegneria del Software. Introduzione ai pattern

Ingegneria del Software. Introduzione ai pattern Ingegneria del Software Introduzione ai pattern 1 Definizione di pattern [dal [dal vocabolario vocabolario Garzanti] Garzanti] Alcuni esempi: Pattern architetturale Pattern di circuito stampato Pattern

Dettagli

INSEGNAMENTO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE B (5 CFU) CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA a.a

INSEGNAMENTO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE B (5 CFU) CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA a.a INSEGNAMENTO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE B (5 CFU) CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA a.a. 2010-2011 Docenti Marina Zanella Orario ricevimento (S2): martedì 11:30-12:45 venerdì 9:45-10:30

Dettagli

PROVA FINALE Ingegneria del software

PROVA FINALE Ingegneria del software PROVA FINALE Ingegneria del software Jody Marca jody.marca@polimi.it Laboratorio N 2 Cosa faremo oggi 2 Javadocs Uso del debugger Input Output Serializzazione degli oggetti Javadoc 3 Javadoc è uno strumento

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti Oggetti Composti. Oggetti composti

Programmazione orientata agli oggetti Oggetti Composti. Oggetti composti Programmazione orientata agli oggetti Oggetti Composti 1 - 1 Negli esempi che abbiamo visto finora gli attributi delle classi erano variabili di tipo primitivo E però possibile definire come attributi

Dettagli

Ereditarietà e Polimorfismo

Ereditarietà e Polimorfismo Ereditarietà e Polimorfismo Riusare il software A volte si incontrano classi con funzionalità simili In quanto sottendono concetti semanticamente vicini È possibile creare classi disgiunte replicando le

Dettagli

design pattern una soluzione progettuale generale a un problema ricorrente

design pattern una soluzione progettuale generale a un problema ricorrente DESIGN PATTERN DESIGN PATTERN Un design pattern può essere definito "una soluzione progettuale generale a un problema ricorrente". Esso non è una libreria o un componente di software riusabile, quanto

Dettagli

Design Pattern in Java

Design Pattern in Java Design Pattern in Java Claudio Di Ciccio, Massimiliano de Leoni (con la supervisione del docente Massimo Mecella) Università di Roma La Sapienza - Sede di Latina Corso di Progettazione del Software A.A.

Dettagli

18 - Classi parzialmente definite: Classi Astratte e Interfacce

18 - Classi parzialmente definite: Classi Astratte e Interfacce 18 - Classi parzialmente definite: Classi Astratte e Interfacce Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Software UML per Design Patterns e Refactoring

Laboratorio di Sistemi Software UML per Design Patterns e Refactoring TITLE Laboratorio di Sistemi Software UML per Design Patterns e Refactoring Luca Padovani (A-L) Riccardo Solmi (M-Z) 1 Indice degli argomenti Introduzione alla notazione UML I diagrammi Class Diagram Object

Dettagli

24 - Possibili approfondimenti

24 - Possibili approfondimenti 24 - Possibili approfondimenti Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Variabili e Metodi di classe Interfacce e Package Gestione di File in Java

Variabili e Metodi di classe Interfacce e Package Gestione di File in Java Fondamenti di Informatica Variabili e Metodi di classe Interfacce e Package Gestione di File in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Variabili di classe: Static Una variabile di classe

Dettagli

Modulo 16. Introduzione ai Design Patterns. Tutte le case assolvono alla medesima funzione: offrire uno spazio abitativo

Modulo 16. Introduzione ai Design Patterns. Tutte le case assolvono alla medesima funzione: offrire uno spazio abitativo Modulo 16 Introduzione ai Design Patterns Partiamo da un analogia Obiettivo: costruire una casa. Tutte le case sono simili, ma non uguali, cioè: Tutte le case assolvono alla medesima funzione: offrire

Dettagli

VirtualPiano Giada Gibertoni, Meshua Galassi e Lorenzo Valentini 30 maggio

VirtualPiano Giada Gibertoni, Meshua Galassi e Lorenzo Valentini 30 maggio VirtualPiano Giada Gibertoni, Meshua Galassi e Lorenzo Valentini 30 maggio 2016 1 Indice 1. Analisi 1.1. Idea 3 1.2. Requisiti 3 1.3. Miglioramenti futuri 3 2. Design 2.1. Architettura 4 2.2. Pattern utilizzati

Dettagli

Programmazione ad oggetti

Programmazione ad oggetti Programmazione ad oggetti OOP La programmazione orientata agli oggetti (Object Oriented Programming) ha l obiettivo di formalizzare gli oggetti del mondo reale e di costruire con questi un mondo virtuale.

Dettagli

C# delegates. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 1. Delegate

C# delegates. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 1. Delegate C# delegates Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 1 Delegate I delegati possono essere visti come definizioni di tipi per puntatori a funzione. Permettono di

Dettagli

Indice. Prefazione. 3 Oggetti e Java 53

Indice. Prefazione. 3 Oggetti e Java 53 Prefazione xv 1 Architettura dei calcolatori 1 1.1 Calcolatori e applicazioni 1 1.1.1 Alcuni esempi di applicazioni 3 1.1.2 Applicazioni e interfacce 4 1.2 Architettura dei calcolatori 7 1.2.1 Hardware

Dettagli

Programmazione Java Avanzata Programmazione Object- Oriented in Java

Programmazione Java Avanzata Programmazione Object- Oriented in Java Programmazione Java Avanzata Programmazione Object- Oriented in Java Ing. Gianluca Caminiti Testi di Riferimento (Java) Cay Horstmann Concetti di informatica e fondamenti di Java Apogeo, 2007 (Versione

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti La classe Object, metodi e classi final, this. Object

Programmazione orientata agli oggetti La classe Object, metodi e classi final, this. Object Programmazione orientata agli oggetti La classe, metodi e classi final, this 1 La classe Negli esempi fatti nella prima parte del corso abbiamo definito alcune classi, per esempio Counter e Orologio, senza

Dettagli

Java Classi wrapper e classi di servizio. Classi di servizio

Java Classi wrapper e classi di servizio. Classi di servizio Java Classi wrapper e classi di servizio 1 Ereditarietà - recap Una classe può derivare da un altra - extends Eredita metodi e attributi (non i costruttori) Aggiunge attributi e metodi, ma può anche ridefinire

Dettagli

Riassunto: cos è la OOP? classi astratte, interfacce, classi interne. Scaletta. Figura con area()? Figura senza area()? Stefano Mizzaro 1.

Riassunto: cos è la OOP? classi astratte, interfacce, classi interne. Scaletta. Figura con area()? Figura senza area()? Stefano Mizzaro 1. OO in Java: classi astratte, interfacce, classi interne Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione,

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Paradigma OO Oggetti e Classi Metodi Parametri Variabili di istanza Costruttori Esercizi Paradigma Object-Oriented Il paradigma OO

Dettagli

Software Engineering a.y " Introduzione ai pattern di design (parte 1)! Prof. Luca Mainetti! Università del Salento!

Software Engineering a.y  Introduzione ai pattern di design (parte 1)! Prof. Luca Mainetti! Università del Salento! Software Engineering a.y. 2015-2016" Introduzione ai pattern di design (parte 1)! Prof. Luca Mainetti! Università del Salento! Obiettivi della lezione" Introdurre il concetto di pattern di design! Comprendere

Dettagli

Java: Definire Classi e Creare Oggetti

Java: Definire Classi e Creare Oggetti Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Verona Corso di Programmazione per Bioformatica lezione del 21 marzo 2014 Introduzione Programmare con gli Oggetti Un programma Java è costituito

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi:

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi: Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 22 settembre 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli

Dettagli

Architetture di rete. 4. Le applicazioni di rete

Architetture di rete. 4. Le applicazioni di rete Architetture di rete 4. Le applicazioni di rete Introduzione L avvento di tecnologie (hw, sw, protocolli) di rete avanzate ha permesso la nascita di architetture software molto evolute che permettono lo

Dettagli

Architetture Software

Architetture Software Architetture Software Alessandro Martinelli 25 novembre 2014 Coesione e Accoppiamento Principi di Progettazione Design Pattern Creazionali Design Pattern Strutturali Design Pattern Comportamentali Fondamenti

Dettagli

Esempio Principio di sostituibilità

Esempio Principio di sostituibilità Ereditarietà E uno dei concetti chiave delle tecniche orientate agli oggetti Esprime le somiglianze tra le classi, semplificando la definizione di una classe e riducendola a una o più classi simili Rappresenta

Dettagli

Uguaglianza e copia di oggetti

Uguaglianza e copia di oggetti Uguaglianza e copia di oggetti Sommario 1. Classi Object e Class 2. Uguaglianza superficiale e uguaglianza profonda 3. Copia superficiale e copia profonda 4. Uguaglianza e copia in classi derivate 1 La

Dettagli

Programmazione Java Avanzata PATTERN

Programmazione Java Avanzata PATTERN Programmazione Java Avanzata PATTERN Anno 2011/2012 Pattern Una soluzione progettuale generale a un problema ricorrente Elementi per il riuso di software ad oggetti Vantaggiosi e obbligatori da usare Pattern

Dettagli

Esempio 2: Subtyping

Esempio 2: Subtyping Esempio 2: Subtyping 22 Subclassing e subtyping Fino ad ora abbiamo trattato l ereditarietà come strumento che consente il riuso flessibile di classi già esistenti mediante l aggiunta o la ridefinizione

Dettagli

OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO

OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO CENTRO STUDI ULISSE Via Buccino, n. 22 - C.a.p. 84018 - Scafati (SA) Tel. Fax. 081.19970299-339.2365416-349.4152010 E-mail: info@centrostudiulisse.it - www.centrostudiulisse.it OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER

Dettagli

OGGETTI COMPOSTI OGGETTI COMPOSTI - COSTRUZIONE

OGGETTI COMPOSTI OGGETTI COMPOSTI - COSTRUZIONE OGGETTI COMPOSTI Una classe può contenere riferimenti a altre classi (o anche a se stessa): public class { ore, minuti; L ( contenitore ) può usare gli oggetti ore e minuti..ma non può accedere ai loro

Dettagli

Fondamenti di Informatica C Esercitazioni di Laboratorio / 4 Outline

Fondamenti di Informatica C Esercitazioni di Laboratorio / 4  Outline Fondamenti di Informatica C Esercitazioni di Laboratorio / 4 http://polaris.ing.unimo.it/fic/laboratorio.html Ing. Francesco De Mola demola.francesco@unimore.it DII, Modena Via Vignolese (lab. Dottorandi

Dettagli

Ingegneria del Software. Introduzione al pattern

Ingegneria del Software. Introduzione al pattern Ingegneria del Software Introduzione al pattern 1 Esempio introduttivo (1/3) Si pensi ad un modello di oggetti che rappresenta gli impiegati (Employee) di una azienda. Tra gli impiegati esistono, ad esempio,

Dettagli

Ereditarietà e Polimorfismo. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni

Ereditarietà e Polimorfismo. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Ereditarietà e Polimorfismo Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Ereditarietà L ereditarietà è lo strumento che permette di costruire nuove classi utilizzando

Dettagli

public protected private private package

public protected private private package Java nascondere l implementazione G. Prencipe prencipe@di.unipi.it Introduzione Un fattore importante nella OOP è la separazione tra le cose che possono cambiare e quelle che non devono cambiare Questo

Dettagli

Java Gli array. Array

Java Gli array. Array Java Gli array 1 Gli array In generale un array è una sequenza di locazioni di memoria, che contengono entità dello stesso tipo, e a cui si può fare riferimento con un nome comune Le entità che compongono

Dettagli

Multithreading in Java I parte. Lorenzo Gallucci

Multithreading in Java I parte. Lorenzo Gallucci Multithreading in Java I parte Lorenzo Gallucci Java: un linguaggio ed un sistema predisposti per il multitasking È possibile creare e gestire Thread nativamente (senza dover ricorrere a librerie esterne)

Dettagli

Informatica I. Ingegneria Medica. Prof. Diego Salamon

Informatica I. Ingegneria Medica. Prof. Diego Salamon Informatica I Ingegneria Medica Prof. Diego Salamon Gestione I/O Prof. Diego Salamon Introduzione Nella creazione e gestione del software è necessario interagire con entità esterne a quelle del programma

Dettagli

Subtype Polymorphism. Conversioni di tipo. Conversioni di tipo. Subtyping. Conversioni di tipo. Interfacce e subtype polimorfismo

Subtype Polymorphism. Conversioni di tipo. Conversioni di tipo. Subtyping. Conversioni di tipo. Interfacce e subtype polimorfismo Subtype Polymorphism Interfacce e subtype polimorfismo Tipi, sottotipi e conversioni di tipo Polimorfismo e dinamic dispatch Conversioni di tipo Variabile: locazione con un tipo associato Tipo della variabile

Dettagli

Livelli del sottosistema di I/O

Livelli del sottosistema di I/O Input/Output 1 Livelli del sottosistema di I/O Software di I/O di livello utente Software di sistema indipendente dal dispositivo Driver dei dispositivi Gestori delle interruzioni Hardware Modo utente

Dettagli

Progettazione! Progettazione! Progettazione! Progettazione!

Progettazione! Progettazione! Progettazione! Progettazione! Creare un oggetto specificandone la classe esplicitamente! Orienta ad una particolare implementazione invece che ad una interfaccia! Può complicare i cambiamenti futuri! E meglio creare oggetti indirettamente!

Dettagli

Applicazioni distribuite e sistemi ad oggetti distribuiti. RPC RMI - Web Services 1

Applicazioni distribuite e sistemi ad oggetti distribuiti. RPC RMI - Web Services 1 Applicazioni distribuite e sistemi ad oggetti distribuiti RPC RMI - Web Services 1 Complessità delle applicazioni distribuite La scrittura di applicazioni distribuite basate sull utilizzo di protocolli

Dettagli

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali 1 Ereditarietà, polimorfismo e altri sporchi trucchi Facciamo un esempio che ci permette di comprendere come vengono utilizzate

Dettagli

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Lettura di dati da input In Java la lettura di dati da input

Dettagli

POO in JAVA e Robot EV3

POO in JAVA e Robot EV3 POO in JAVA e Robot EV3 1. Introduzione Dal procedurale agli oggetti La programmazione procedurale Per tutta la classe terza, abbiamo lavorato con un paradigma di programmazione che si chiama procedurale

Dettagli

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali. Esempio Animali

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali. Esempio Animali Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali 1 Ereditarietà, polimorfismo e altri sporchi trucchi Facciamo un esempio che ci permette di comprendere come vengono utilizzate

Dettagli

UML. Il linguaggio UML e ArgoUML. Ingegneria dei sistemi software 2009/ /09/2009

UML. Il linguaggio UML e ArgoUML. Ingegneria dei sistemi software 2009/ /09/2009 UML Il linguaggio UML e ArgoUML 30/09/2009 Ingegneria dei sistemi software 2009/2010 manuel.comparetti@iet.unipi.it UML Unified Modeling Language una famiglia di notazioni grafiche standardizzate* orientata

Dettagli

Lezione 16 programmazione in Java

Lezione 16 programmazione in Java Lezione 16 programmazione in Java Nicola Drago drago@sci.univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona Anteprima Approfondimenti della programmazione OO I FILE Sgli stream (flussi) I file ad

Dettagli

A. Lorenzi, A. Rizzi Java. Programmazione ad oggetti e applicazioni Android Istituto Italiano Edizioni Atlas

A. Lorenzi, A. Rizzi Java. Programmazione ad oggetti e applicazioni Android Istituto Italiano Edizioni Atlas Classi e oggetti A. Lorenzi, A. Rizzi Java. Programmazione ad oggetti e applicazioni Android Istituto Italiano Edizioni Atlas Oggetti La programmazione orientata agli oggetti, OOP (Object-Oriented Programming),

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori T

Corso di Reti di Calcolatori T Università degli Studi di Bologna Scuola di Ingegneria Corso di Reti di Calcolatori T Esercitazione 3 (proposta) Socket C senza e con connessione Luca Foschini Michele Solimando Anno accademico 2016/2017

Dettagli

INPUT OUTPUT Programmazione in rete e laboratorio. Le operazioni di I/O avvengono attraverso stream (sequenze di byte)

INPUT OUTPUT Programmazione in rete e laboratorio. Le operazioni di I/O avvengono attraverso stream (sequenze di byte) INPUT OUTPUT 2004-05 Le operazioni di I/O avvengono attraverso stream (sequenze di byte) programma stream in lettura sorgente Programmazione in rete e laboratorio programma stream in scrittura destinazione

Dettagli

Pattern GOF 2. Laboratorio di Ingegneria del Software. Andrea Bei

Pattern GOF 2. Laboratorio di Ingegneria del Software. Andrea Bei Pattern GOF 2 Laboratorio di Ingegneria del Software Andrea Bei Pattern Strutturali Nome Adapter Bridge Composite Decorator Facade Flyweight Proxy Descrizione Permette a una classe di supportare un'interfaccia

Dettagli

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Proprietà object-oriented di Java Definendo le caratteristiche e le operazioni di

Dettagli

Università degli Studi di Udine

Università degli Studi di Udine Università degli Studi di Udine Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali a.a. 2004/2005 Laboratorio di Progettazione ed Analisi di Software Orientato agli Oggetti Gianluca Demartini 70152 Indice

Dettagli

I modificatori di accesso regolano essenzialmente la visibilità e l accesso ad un componente Java. Vediamone alcuni nel seguito: public

I modificatori di accesso regolano essenzialmente la visibilità e l accesso ad un componente Java. Vediamone alcuni nel seguito: public Modificatori In questa lezione definiremo i modificatori del linguaggio JAVA, dove per modificatore intendo le parole chiave capaci di cambiare il gnificato di un componente di un applicazione Java. Si

Dettagli

GESTIONE DEGLI ERRORI

GESTIONE DEGLI ERRORI GESTIONE DEGLI ERRORI Spesso vi sono istruzioni critiche, che in certi casi possono produrre errori L approccio classico consiste nell inserire controlli (if else..) per cercare di intercettare a priori

Dettagli

Esempi in Java di program.ne O-O

Esempi in Java di program.ne O-O Esempi in Java di program.ne O-O Ereditarietà Polimorfismo statico e dinamico Esercitazione laboratorio Interfaccia Comparable e Comparator 1 Gerarchia di ereditarietà Persona IS_A Docente Studente Tecnico

Dettagli

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Proprietà object-oriented di Java Definendo le caratteristiche e le operazioni di

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti La classe Object, metodi e classi final, this. Object

Programmazione orientata agli oggetti La classe Object, metodi e classi final, this. Object Programmazione orientata agli oggetti La classe, metodi e classi final, this 1 La classe Negli esempi fatti nella prima parte del corso abbiamo definito alcune classi, per esempio Counter e Orologio, senza

Dettagli

Sul pattern Iterator

Sul pattern Iterator Sul pattern Iterator 1 Introduzione Capita spesso di aver a che fare con strutture dati complesse, come ad esempio, liste, code, ecc. È buona norma accedere a queste strutture senza esporre la loro organizzazione.

Dettagli

La programmazione ad oggetti (OOP)

La programmazione ad oggetti (OOP) Oggetti e Classi (CAP 10) Alberto Garfagnini, Marco Mazzocco Università degli studi di Padova 30 Novembre 2011 La programmazione ad oggetti (OOP) È un approccio concettuale alla programmazione (indipendente

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014 Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 11 luglio 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli esercizi

Dettagli

Metodi. Un metodo è una porzione di codice a cui si associa un nome. Un istruzione eseguita da un metodo può essere:

Metodi. Un metodo è una porzione di codice a cui si associa un nome. Un istruzione eseguita da un metodo può essere: Metodi Un metodo è una porzione di codice a cui si associa un nome. Un istruzione eseguita da un metodo può essere: invocazione: esecuzione di un metodo assegnamento: cambia lo stato di un campo ripetizione:

Dettagli

Approfondimento su PHP

Approfondimento su PHP Approfondimento su PHP UniversiBO www.universibo.unibo.it 9 maggio 2011 UniversiBO www.universibo.unibo.it Approfondimento su PHP 1 / 12 Outline OOP in PHP 1 OOP in PHP Introduzione Esempio di classe Class

Dettagli

Sul pattern Decorator

Sul pattern Decorator Sul pattern Decorator 1 Introduzione Consideriamo una famosa panineria fa tre tipi di panini: al prosciutto crudo, al prosciutto cotto, al tonno. A ciascuno di questi tre tipi corrisponde un costo. Figura

Dettagli

Oggetti Composti (1) Oggetti Composti (2)

Oggetti Composti (1) Oggetti Composti (2) Oggetti Composti () Negli esempi che abbiamo visto finora gli attributi delle classi erano variabili di tipo primitivo E però possibile definire come attributi dei riferimenti ad oggetti di qualche classe

Dettagli

Introduzione all uso degli oggetti in Java (parte II) Walter Didimo

Introduzione all uso degli oggetti in Java (parte II) Walter Didimo Introduzione all uso degli oggetti in Java (parte II) Walter Didimo Esercizio all uso di oggetti Nel corso viene fornita una classe i cui oggetti permettono di leggere dati immessi dalla tastiera la classe

Dettagli

Fondamenti di informatica T-1 (A K) Esercitazione 2: Linguaggio Java, basi e controllo del flusso

Fondamenti di informatica T-1 (A K) Esercitazione 2: Linguaggio Java, basi e controllo del flusso Fondamenti di informatica T-1 (A K) Esercitazione 2: Linguaggio Java, basi e controllo del flusso AA 2015/2016 Tutor: Vincenzo Lomonaco vincenzo.lomonaco@unibo.it Programma Introduzione al calcolatore

Dettagli

Implementazione dell albero binario in linguaggio C++

Implementazione dell albero binario in linguaggio C++ Implementazione dell albero binario in linguaggio C++ Costruire il programma per gestire le operazioni su un albero binario. Ogni nodo dell albero contiene un codice e una descrizione; il programma deve

Dettagli

STRUTTURE DATI: OLTRE GLI ARRAY LISTE

STRUTTURE DATI: OLTRE GLI ARRAY LISTE STRUTTURE DATI: OLTRE GLI ARRAY le strutture dati progettate per ospitare una collezione di elementi, sono variazioni di array Ma l'array ha dimensione fissa anche in Java determinata a priori, in linguaggi

Dettagli