Bruxelles, 21 novembre 2001

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bruxelles, 21 novembre 2001"

Transcript

1 Bruxelles, 21 novembre 2001 A seguito di un indagine avviata nel maggio 1999 la Commissione europea ha appurato che 13 imprese europee e non europee hanno preso parte a cartelli volti ad eliminare la concorrenza nei mercati delle vitamine A, E, B1, B2, B5, B6, C, D3, della biotina (H), dell acido folico (M), del betacarotene e dei carotenoidi. Salta agli occhi, in tale complesso di infrazioni, il ruolo centrale svolto da Hoffmann-La Roche e BASF, i due principali produttori di vitamine, in praticamente tutti i cartelli, mentre gli altri operatori erano coinvolti solo per un numero limitato di prodotti vitaminici. - Sono state inflitte ammende alle seguenti otto imprese: - F. Hoffmann-La Roche AG (Svizzera): - BASF AG (Germania): - Aventis SA (Francia): - Solvay Pharmaceuticals BV (Paesi Bassi): - Merck KgaA (Germania): - Daiichi Pharmaceutical Co Ltd (Giappone): - Eisai Co Ltd (Giappone): - Takeda Chemical Industries Ltd (Giappone):

2 Alle altre cinque imprese coinvolte, Lonza AG (Germania), Kongo Chemical Co Ltd (Giappone), Sumitomo Chemical Co Ltd (Giappone), Sumika Fine Chemicals Ltd (Giappone) e Tanabe Saiyaku Co Ltd (Giappone) non state inflitte ammende perché i cartelli cui avevano partecipato, per la vitamina H o l acido folico, avevano cessato di esistere cinque anni prima che la Commissione avviasse l'indagine o ancora prima. Conformemente alla legislazione dell'ue tali casi cadono in prescrizione. Cadono in prescrizione anche i cartelli per le vitamine B1 e B6. I partecipanti a ciascuno dei cartelli hanno fissato i prezzi per i diversi prodotti vitaminici, hanno assegnato quote di vendita, hanno concordato ed applicato aumenti di prezzi e hanno annunciato gli aumenti di prezzo conformemente ai loro accordi. Inoltre essi hanno stabilito un meccanismo per controllare e far rispettare i loro accordi nonché partecipato a riunioni regolari ai fini dell'attuazione dei loro piani. Il modus operandi dei diversi cartelli era nella sostanza lo stesso o era addirittura identico (prezzi "obiettivo "e "minimi"; mantenimento dello status quo per le quote di mercato e compensazioni), in particolare esso comprendeva: - la creazione di una struttura formale e di una gerarchia ai vari livelli dirigenziali, spesso composta dalle identiche persone ai massimi livelli direttivi, per garantire il funzionamento dei cartelli; - lo scambio di informazioni sui valori e volumi delle vendite e sui prezzi a scadenze trimestrali o mensili sulla base di riunioni regolari; - nel caso dei cartelli più grandi, la preparazione, l approvazione e l applicazione, nonché il controllo di un piano economico annuale seguito dall'adeguamento delle vendite effettive per conformarsi alle quote assegnate. Gli accordi di cartello generalmente seguivano lo stesso schema sperimentato per le vitamine A ed E, con alcune varianti per certi prodotti. Hoffmann-La Roche agiva come rappresentante dei produttori europei nelle riunioni e trattative svolte in Giappone e in Estremo Oriente. La contemporanea esistenza di accordi collusivi per diverse vitamine non è stato un fenomeno spontaneo o casuale, ma è stata concepita e diretta dalle stesse persone ai massimi livelli delle imprese interessate. Il motore principale (e maggiore beneficiario) di tali piani era Hoffmann-La Roche, il più grande produttore di vitamine del mondo, che detiene circa il 50% del mercato globale. Gli accordi di cartello riguardavano la gamma completa dei suoi prodotti vitaminici. Il coinvolgimento di alcuni dei suoi dirigenti di livello più elevato conferma che gli accordi facevano parte di una piano strategico ideato ai massimi livelli per controllare in maniera illegale il mercato mondiale delle vitamine. BASF, il secondo maggiore produttore a livello mondiale, ha assunto un ruolo importante nel seguire la guida di Hoffmann-La Roche. I due principali fabbricanti europei hanno effettivamente formato un fronte comune nell ideazione ed attuazione degli accordi con i produttori giapponesi coinvolti. Congiuntamente, ad esempio, si sono assicurati l adesione di Eisai al loro Club nel settore della vitamina E. 2

3 Takeda, uno dei maggior produttori mondiali di vitamine non condizionate, era pienamente coinvolto negli accordi di cartello relativi alle vitamine B1, B2, B6, C e all acido folico. Infatti l implicazione di Takeda negli accordi relativi a ciascuno di tali prodotti vitaminici era funzionale ai disegni di Hoffmann-La Roche tesi a garantire il coordinamento illecito dei mercati delle vitamine in cui quest ultima operava, compresi quelli relativi alla gamma di prodotti che essa ripartiva con Takeda. Gli altri produttori di vitamine erano tutti membri attivi degli accordi di cartello nei rispettivi mercati dei prodotti vitaminici in cui operavano. I cartelli riguardavano le sostanze sintetiche non condizionate appartenenti ai seguenti gruppi di vitamine e di prodotti ad esse strettamente collegati: A, E, B1, B2, B5, B6, C, D3, biotina (H), acido folico (M), betacarotene e carotenoidi. Le vitamine sono elementi vitali per la nutrizione umana ed animale. Esse sono essenziali per una crescita normale, lo sviluppo e il sostentamento. Vi sono circa 15 vitamine principali. Ciascuna svolge funzioni metabolizzanti specifiche e pertanto non è intercambiabile con le altre. Inoltre, i vari gruppi di vitamine esercitano un azione sinergica e complementare, allorché sono utilizzati in associazione. Le vitamine vengono aggiunte ai prodotti alimentari destinati all'uomo e agli animali. Le vitamine destinate a scopi farmaceutici sono vendute al pubblico come integratori alimentari sotto forma di compresse o capsule. Nell industria cosmetica, le vitamine sono aggiunte nei prodotti per la cura della pelle e della salute. La Commissione calcola che nel 1998 il mercato dello Spazio economico europeo (SEE) per i prodotti oggetto della decisione sia stato di circa 800 milioni di euro. In tale cifra sono compresi il mercato della vitamina E che nel 1998 era di circa 250 milioni di euro nel SEE e quello della vitamina A che rappresentava circa 150 milioni di euro. Colpisce il fatto che gli introiti per la vitamina C si siano più che dimezzati passando da 250 milioni di euro nell'ultimo anno in cui gli accordi di cartello erano in funzione (1995) a 120 milioni di euro tre anni più tardi (1998). Le ammende inflitte dalla Commissione a seguito di infrazioni delle norme di concorrenza dell'ue vengono iscritte nel bilancio generale dell'unione europea una volta che sono diventate definitive. Il bilancio globale dell'ue è predefinito e dunque qualsiasi introito non programmato viene dedotto dai contributi versati dagli Stati membri al bilancio dell'ue e a beneficiarne in ultima istanza sono i contribuenti europei. Data la continuità e la similarità del metodo, la Commissione ha ritenuto opportuno trattare in un unico procedimento il complesso degli accordi relativi alle diverse vitamine. Un'unica decisione della Commissione ricomprende quindi le diverse infrazioni. Nel fissare le ammende la Commissione tiene conto della gravità dell'infrazione, della sua durata, delle eventuali circostanze aggravanti o attenuanti e della collaborazione fornita dall'impresa. Inoltre tiene conto della quota di mercato dell'impresa nel mercato del prodotto in questione e della sua dimensione complessiva. 3

4 Le ammende non possono superare il 10% del fatturato annuale totale di un impresa. Le imprese dispongono di un periodo di tre mesi per pagare le ammende che sono state loro inflitte. La Commissione ritiene che nel caso in questione ogni cartello costituisca un infrazione molto grave delle norme di concorrenza dell UE. Inoltre la maggior parte dei partecipanti al cartello ha commesso infrazioni di lunga durata, per un periodo cioè superiore ai cinque anni (si veda la tabella). La Commissione ritiene che Hoffmann-La Roche e BASF fungessero insieme da leader e da istigatori degli accordi collusivi relativi alla gamma comune dei loro prodotti vitaminici e che quindi il loro ruolo nei diversi cartelli costituisca un fattore aggravante. L'associazione del potere di mercato detenuto dai principali partecipanti nei singoli mercati delle vitamine ha accresciuto la loro capacità complessiva di applicare e mantenere gli accordi contrari alla concorrenza. Ad Aventis (ex Rhône-Poulenc) è stata accordata la completa immunità riguardo alla sua partecipazione ai cartelli per le vitamine A ed E perché è stata la prima società a collaborare con la Commissione e ha fornito prove decisive per questi due prodotti. È la prima volta che la Commissione concede una riduzione del 100% di un'ammenda conformemente alla comunicazione sul trattamento favorevole. Un'ammenda, tuttavia, è stata inflitta ad Aventis per la sua partecipazione passiva all'infrazione relativa alla vitamina D3 sulla quale non ha fornito alcuna informazione alla Commissione. ha detto il commissario Mario Monti. Sia Hoffmann-La Roche che BASF hanno collaborato con la Commissione in una fase iniziale dell'indagine fornendo informazioni determinanti su tutti i cartelli per le vitamine cui hanno partecipato. La Commissione ha accordato a ciascuna impresa una riduzione del 50% delle ammende. Tutte le altre imprese a cui sono state inflitte ammende hanno collaborato con la Commissione nel corso dell'indagine e le loro ammende sono state ridotte in funzione del livello della loro collaborazione. Nel 1999 i principali partecipanti ai cartelli oggetto della decisione della Commissione avevano ammesso di aver adottato un analogo comportamento contrario alla concorrenza negli Stati Uniti e hanno pagato forti ammende: 500 milioni di USD per Hoffmann-La Roche, 225 milioni di USD per BASF e 72 milioni di USD per Takeda. 4

5 Vitamina A Vitamina E Roche, BASF, Rhône-Poulenc (Aventis) Roche, BASF, Rhône-Poulenc (Aventis), Eisai settembre 1989 febbraio 1999 settembre 1989 febbraio 1999 Vitamina B1 (Tiamina) Roche, Takeda, BASF gennaio 1991 giugno 1994 Vitamina (Riboflavina) B2 Vitamina B5 (calcio pantotenato) Roche, BASF, Takeda gennaio 1991 settembre 1995 Roche, BASF, Daiichi gennaio 1991 febbraio 1999 Vitamina B6 Roche, Takeda, Daiichi gennaio 1991 giugno 1994 Acido folico (M) Roche, Takeda, Kongo, Sumika gennaio 1991 giugno 1994 Vitamina C Roche, BASF, Takeda, Merck gennaio 1991 agosto 1995 Vitamina D3 Vitamina H (biotina) Roche, BASF, Solvay Pharm, Rhône-Poulenc (Aventis) Roche, Merck, Lonza, Sumitomo, Tanabe, BASF gennaio 1994 giugno 1998 ottobre 1991 aprile 1994 Betacarotene Roche, BASF settembre 1992 dicembre 1998 Carotenoidi Roche, BASF maggio 1993 dicembre 1998 * la durata non è necessariamente la stessa per tutti i partecipanti

6 2&+( 9(17,6 21=$ 2/9$< +$50 (5&. $,,&+,,6$, 21*2 80,.$ 80,7202 $.('$ $1$%(

7 Fines imposed on participants by product (in millions of euro) Vit B1 Vit B6 N A Folic Acid Vit H N A N A N.A.: Non applicable *fines reduced by Court judgments 2001 Vitamins TACA Graphite Electrodes Cartonboard* Cement* Amino acids Seamless steel tubes Preinsulated pipes Steel beams* Polypropylene*

Bruxelles, 20 dicembre 2001

Bruxelles, 20 dicembre 2001 Bruxelles, 20 dicembre 2001 Dopo un indagine approfondita iniziata nel 1996 la Commissione europea ha scoperto che le società Arjo Wiggins Appleton Plc e Carrs Paper Ltd (Regno Unito), Mitsubishi HiTech

Dettagli

Come aderire alla voluntary disclosure

Come aderire alla voluntary disclosure Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 56 21.02.2014 Come aderire alla voluntary disclosure La regolarizzazione spontanea di attività e investimenti all estero può essere richiesta

Dettagli

Workshop Biotech Processes Overview February 16, 2006 Milan, Italy

Workshop Biotech Processes Overview February 16, 2006 Milan, Italy Workshop Biotech Processes Overview February 16, 2006 Milan, Italy Worldwide Biotech Process Overview on Industrial Biotechnology presented by Aurelio Viglia & Maurizio Anastasio 1 st st Part: Pharma Industry

Dettagli

MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI

MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI AZIONE 6.5.D PROGETTI PILOTA LOCALI LEGALITÀ BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE DEI PROGETTI PILOTA LOCALI

Dettagli

QUALI PROSPETTIVE PER IL SETTORE FARMACEUTICO IN ITALIA?

QUALI PROSPETTIVE PER IL SETTORE FARMACEUTICO IN ITALIA? QUALI PROSPETTIVE PER IL SETTORE FARMACEUTICO IN ITALIA? Indagine comparativa internazionale sulle capacità competitive del settore farmaceutico in Italia UNIVERSITA BOCCONI Ricerca a cura di: Maurizio

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 05/12/2007

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 05/12/2007 IT 38629 IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 05/12/2007 C(2007) 5910 final DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 05/12/2007 relativa ad un procedimento ai sensi dell'articolo 81 del trattato

Dettagli

Antitrust: la Commissione infligge ammende banche 1710000000 per la partecipazione a cartelli nel settore dei derivati su tassi di interesse

Antitrust: la Commissione infligge ammende banche 1710000000 per la partecipazione a cartelli nel settore dei derivati su tassi di interesse RSS Antitrust: la Commissione infligge ammende banche 1710000000 per la partecipazione a cartelli nel settore dei derivati su tassi di interesse Commissione europea - IP/13/1208 2013/04/12 Altre lingue

Dettagli

Varese, 3 novembre 2015 CIRCOLARE N. 5/2015

Varese, 3 novembre 2015 CIRCOLARE N. 5/2015 R E G G I O R I E A S S O C I A T I Via Cavour n. 8 200 - Varese Varese, 3 novembre 205 CIRCOLARE N. 5/205 Con la presente circolare segnaliamo le principali novità introdotte in materia di riscossione

Dettagli

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE D.Lgs. n. 74/2000 Artt. da 1 a 14, D.Lgs. n. 158/2015 Con la pubblicazione sulla G.U. del Decreto attuativo della

Dettagli

Biotecnologia: la salute nel portafoglio

Biotecnologia: la salute nel portafoglio Biotecnologia: la salute nel portafoglio Chi siamo J. LAMARCK Fondata nel 1996, è una Società specializzata nella consulenza finanziaria su aziende biotech ed offre assistenza professionale a clienti retail

Dettagli

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri. L 314/36 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.12.2009 REGOLAMENTO (CE) N. 1170/2009 DELLA COMMISSIONE del 30 novembre 2009 che modifica la direttiva 2002/46/CE del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE L 114/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 26.4.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE del 25 aprile 2012 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento

Dettagli

Operatori S.O.A. del territorio ferrarese. Angela Soriani Ferrara, 28 ottobre 2014

Operatori S.O.A. del territorio ferrarese. Angela Soriani Ferrara, 28 ottobre 2014 Operatori S.O.A. del territorio ferrarese Angela Soriani Ferrara, 28 ottobre 2014 di cosa parliamo:il Reg. CE n. 1069/2009 i consideranda...i sottoprodotti di origine animale costituiscono una potenziale

Dettagli

Legge federale sulla riduzione delle emissioni di CO 2

Legge federale sulla riduzione delle emissioni di CO 2 Legge federale sulla riduzione delle emissioni di CO 2 (Legge sul CO 2) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 74 e 89 della Costituzione federale 1 ; visto

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Bellinzona, 30 giugno 2014

Bellinzona, 30 giugno 2014 Bellinzona, 30 giugno 2014 Nuova Legge sugli aiuti allo studio (LASt) Il Consiglio di Stato ha approvato il messaggio che propone la nuova Legge sugli aiuti allo studio (LASt). 1. Alcuni dati in breve

Dettagli

MONOPROTEICO. PRESENTAZIONE della NUOVA LINEA SAFARI

MONOPROTEICO. PRESENTAZIONE della NUOVA LINEA SAFARI MONOPROTEICO PRESENTAZIONE della NUOVA LINEA SAFARI Alimento completo per gatti in accrescimento, in gravidanza e allattamento Caratterizzato da un elevata energia metabolizzabile: attività e crescita

Dettagli

sia Abrasives La soluzione di levigatura

sia Abrasives La soluzione di levigatura sia Abrasives La soluzione di levigatura L azienda Il Gruppo sia, con sede a Frauenfeld, in Svizzera, è una delle aziende leader a livello mondiale nella fornitura di sistemi di levigatura innovativi.

Dettagli

COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con delibera del C.C. n. 14 del 30/03/2007 INDICE FINALITA Articolo 1 DISCIPLINA

Dettagli

Relazione 2015 sullo stato attuale della contraffazione nell UE

Relazione 2015 sullo stato attuale della contraffazione nell UE Relazione 2015 sullo stato attuale della contraffazione nell UE Aprile 2015 Premessa I diritti di proprietà intellettuale (DPI) contribuiscono a garantire che gli innovatori e i creatori ottengano una

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI EMERSIONE CAPITALI ESTERI, ULTIMA OCCASIONE PER REGOLARIZZARE LE PROPRIE POSIZIONI ESTERE La disciplina cosiddetta della Voluntary disclosure (Emersione e rientro di capitali dall'estero) è stata approvata

Dettagli

Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale

Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 319 22.11.2013 Ritenute su royalties corrisposte a non residenti Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale Categoria: Imposte dirette

Dettagli

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa CLORELLA Contenuto 1 8 0 c o m p r e s s e d a 5 0 0 m g d i Chlorella Pyrenoidosa frantumata Clorella Bio con marchio di produzione Biologica della Comunità Europea Indicazioni Disintossicante, stai di

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunitàeuropee

Gazzetta ufficiale delle Comunitàeuropee 12.7.2002 L 183/51 DIRETTIVA 2002/46/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 10 giugno 2002 per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative agli integratori alimentari (Testo

Dettagli

Direttive d aggiudicazione (DAAP)

Direttive d aggiudicazione (DAAP) Organo intercantonale per gli appalti pubblici (OiAp) Direttive d aggiudicazione (DAAP) relative al Concordato intercantonale sugli appalti pubblici (CIAP) del 5 novembre 994/5 marzo 00 (visto l art del

Dettagli

Come risultato, tutte le banche che intendono note commercio, devono ottenere l'autorizzazione della Commissione.

Come risultato, tutte le banche che intendono note commercio, devono ottenere l'autorizzazione della Commissione. Il sistema bancario Shvetsarii caratterizzato da regole severe. Tutte le banche e gli istituti finanziari coinvolti in attività bancaria, devono registrarsi presso la Commissione federale delle banche,

Dettagli

OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015

OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015 OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015 VOLUNTARY DISCLOSURE La collaborazione volontaria (detta anche voluntary disclosure, in seguito "VD") consente entro la data del 30 settembre 2015 la regolarizzazione:

Dettagli

Modulo per l annuncio di una limitazione della concorrenza potenzialmente illecita

Modulo per l annuncio di una limitazione della concorrenza potenzialmente illecita Modulo per l annuncio di una limitazione della concorrenza potenzialmente illecita del 20 dicembre 2004 I. Considerazioni generali 1 Base e scopo All impresa che partecipa a un accordo illecito secondo

Dettagli

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 Gentile Cliente, le ricordiamo che il versamento dell acconto IVA dovuto per l anno 2015 deve essere effettuato entro il 28.12.2015 (in quanto il 27.12.2015, scadenza naturale

Dettagli

Export e certificazione nella piccola e media impresa agroalimentare Atti del Convegno

Export e certificazione nella piccola e media impresa agroalimentare Atti del Convegno Export e certificazione nella piccola e media impresa agroalimentare Atti del Convegno 7 aprile 2006 Pantalla di Todi (PG) EXPORT E CERTIFICAZIONE NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA AGROALIMENTARE GUIDA ALL

Dettagli

(pubbl. in Gazz. Uff. delle Comunità Europee n. L 183 del 12 luglio 2002). IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA,

(pubbl. in Gazz. Uff. delle Comunità Europee n. L 183 del 12 luglio 2002). IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA, Direttiva 2002/46/CE del 10 giugno 2002. Direttiva 2002/46/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 10 giugno 2002 per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative agli integratori

Dettagli

Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi

Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Corso Integrato Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Scienze Tecniche Dietetiche Anno Accademico 2011-12 Le Vitamine Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Le Vitamine Conosciamo le vitamine dall 800;

Dettagli

Indagine sul tasso di cambio: conseguenze dell apprezzamento del franco e reazioni delle imprese

Indagine sul tasso di cambio: conseguenze dell apprezzamento del franco e reazioni delle imprese Indagine sul tasso di cambio: conseguenze dell apprezzamento del franco e reazioni delle imprese Rete regionale di contatti della BNS Rapporto sottoposto alla Direzione generale della Banca nazionale svizzera

Dettagli

Ordinanza sull agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente

Ordinanza sull agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente Ordinanza sull agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente (Ordinanza sull agricoltura biologica) Modifica del 29 ottobre 2014 Il Consiglio federale

Dettagli

Domande e risposte sulla distribuzione parallela in Italia

Domande e risposte sulla distribuzione parallela in Italia Domande e risposte sulla distribuzione parallela in Italia Che cosa è la distribuzione parallela? L'economia europea è costruita e sostenuta dalla creatività degli imprenditori che operano cogliendo le

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI. Prof. Paola Minghetti Facoltà di Farmacia Università degli Studi di Milano

INTEGRATORI ALIMENTARI. Prof. Paola Minghetti Facoltà di Farmacia Università degli Studi di Milano INTEGRATORI ALIMENTARI Prof. Paola Minghetti Facoltà di Farmacia Università degli Studi di Milano Regolamento Claim Alimento Sicurezza per tradizione Novel Food Integratori alimentari Regolamento Claim

Dettagli

FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA

FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA CONFINDUSTRIA ALLE AZIENDE ASSOCIATE ALLE ASSOCIAZIONI TERRITORIALI Loro Sedi Milano, 14 dicembre 2007 AP/fb Circolare IND n. 194/07 OGGETTO: Accordo per il rinnovo contrattuale di secondo biennio del

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Trade in Counterfeit and Pirated Goods MaPPinG The economic impact Contents Trade in Counterfeit Commercio di merci contraffatte

Trade in Counterfeit and Pirated Goods MaPPinG The economic impact Contents Trade in Counterfeit Commercio di merci contraffatte Trade Commercio in Counterfeit di merci contraffatte and e di merci Pirated usurpative: Goods MaPPinG UNA MAPPA The DELL IMPATTO economic ECONOMICO impact Aprile 2016 SINTESI Questo studio analizza l impatto

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26.7.2011 SEC(2011) 959 definitivo C7-0212/11 IT DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO che accompagna il documento Proposta

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 252-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come sostituito dall articolo 4, comma

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE UFFICIALI DI GARA

STATUTO ASSOCIAZIONE UFFICIALI DI GARA UFFICIALI DI GARA a.s.d. Tel. 328 6386550/ 348 5343538 CF. e PI.03860650237 STATUTO ASSOCIAZIONE UFFICIALI DI GARA Articolo 1 Denominazione, sede e durata Ai sensi e per gli effetti dell art. 18 della

Dettagli

Regolamento corso di rianimazione cardiopolmonare e di defibrillazione automatica esterna (Regolamento corso base CPR/DAE) 1

Regolamento corso di rianimazione cardiopolmonare e di defibrillazione automatica esterna (Regolamento corso base CPR/DAE) 1 19.01.2008 OC 359 Regolamento corso di rianimazione cardiopolmonare e di defibrillazione automatica esterna (Regolamento corso base CPR/DAE) 1 1. Obiettivo e oggetto del corso Il corso di rianimazione

Dettagli

http://www1.ilsole24ore.com/fc?cmd=art&artid=160251&chid=7&arttype=articolo&back=0

http://www1.ilsole24ore.com/fc?cmd=art&artid=160251&chid=7&arttype=articolo&back=0 Monti multa il SuperMario di Nintendo Pagina 1 di 2 Giovedì 31 Ottobre 2002 ore 11:48 Il Quotidiano in edicola - Accesso libero > Finanza e Mercati Edizione odierna Europa Finanza e Mercati Italia-Economia

Dettagli

In tale occasione essi hanno preso atto delle seguenti dichiarazioni unilaterali:

In tale occasione essi hanno preso atto delle seguenti dichiarazioni unilaterali: VERBALE DI FIRMA DELLA CONVENZIONE RELATIVA ALL'ADESIONE DELLA REPUBBLICA CECA, DELLA REPUBBLICA DI ESTONIA, DELLA REPUBBLICA DI CIPRO, DELLA REPUBBLICA DI LETTONIA, DELLA REPUBBLICA DI LITUANIA, DELLA

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE. Sistema di Gestione della Responsabilità Amministrativa (Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex Dlgs 231/01) Pagina

SISTEMA DISCIPLINARE. Sistema di Gestione della Responsabilità Amministrativa (Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex Dlgs 231/01) Pagina (Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex Dlgs 231/) 1 di 16 16/12/23 REVISIONE ex Dlgs 231/ (Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex Dlgs 231/) 2 di 16 16/12/23 REVISIONE Indice 1.

Dettagli

POSIZIONE DEL COPA E DELLA COGECA SUI SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ NELL AMBITO DELLA CATENA ALIMENTARE

POSIZIONE DEL COPA E DELLA COGECA SUI SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ NELL AMBITO DELLA CATENA ALIMENTARE Comitato delle Organizzazioni Professionali Agricole dell'ue Confederazione Generale delle Cooperative Agricole dell UE PR(06)249F1 6 dicembre 2006 P(06)222F1 POSIZIONE DEL COPA E DELLA COGECA SUI SISTEMI

Dettagli

ART.4 VIOLAZIONI NON SANZIONABILI, TUTELA DELLA BUONA FEDE ED ESTINZIONE DI CREDITI TRIBUTARI DI MODESTO AMMONTARE

ART.4 VIOLAZIONI NON SANZIONABILI, TUTELA DELLA BUONA FEDE ED ESTINZIONE DI CREDITI TRIBUTARI DI MODESTO AMMONTARE REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE APPLICABILI NEI CASI DI VIOLAZIONI RELATIVE AL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO ART.1

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITA AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI ISTITUZIONE DELLA DE.CO. (Denominazione Comunale)

REGOLAMENTO PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITA AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI ISTITUZIONE DELLA DE.CO. (Denominazione Comunale) REGOLAMENTO PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITA AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI ISTITUZIONE DELLA DE.CO. (Denominazione Comunale) ARTICOLO 1 Istituzione del Marchio Il Comune di Zibello

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) L 129/52 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 28.5.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 461/2010 DELLA COMMISSIONE del 27 maggio 2010 relativo all applicazione dell articolo 101, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento

Dettagli

Orientamenti dell Unione europea per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale 2014-2020

Orientamenti dell Unione europea per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale 2014-2020 Allegato alla Delib.G.R. n. 13/11 del 31.3.2015 Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione. 1. Quadro normativo Orientamenti

Dettagli

La Voluntary Disclosure in Italia

La Voluntary Disclosure in Italia La Voluntary Disclosure in Italia Verso la regolarizzazione dei capitali illecitamente detenuti all estero Aggiornamento del 7 novembre 2013 LO SCENARIO Stando a stime ufficiali almeno 200 miliardi di

Dettagli

COMUNICAZIONE AI MEMBRI

COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per le petizioni 27.2.2013 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 142/2009, presentata da R.A.J., cittadino italiano, corredata di due firme, sull'intervento

Dettagli

3URSRVWDGLGHFLVLRQHGLILQDQ]LDPHQWRDLVHQVLGHOODUWLFROR%GHO ELODQFLR 3URJUDPPDGLERUVHGLVWXGLR8(&LQD

3URSRVWDGLGHFLVLRQHGLILQDQ]LDPHQWRDLVHQVLGHOODUWLFROR%GHO ELODQFLR 3URJUDPPDGLERUVHGLVWXGLR8(&LQD IB/1043/99IT (EN) COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE I RELAZIONI ESTERNE: POLITICA COMMERCIALE, RELAZIONI CON L AMERICA SETTENTRIONALE, L ESTREMO ORIENTE, L AUSTRALIA E LA NUOVA ZELANDA Direzione F

Dettagli

2.2 Lo scopo del controllo del rilascio di lotti è pertanto quello di:

2.2 Lo scopo del controllo del rilascio di lotti è pertanto quello di: COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE IMPRESE Mercato unico : attuazione e legislazione relativa ai beni di consumo Prodotti farmaceutici : ambiente legislativo e autorizzazioni alla commercializzazione

Dettagli

CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI

CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI

Dettagli

L 368/74 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 23.12.2006

L 368/74 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 23.12.2006 L 368/74 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 23.12.2006 REGOLAMENTO (CE) N. 1975/2006 DELLA COMMISSIONE del 7 dicembre 2006 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1698/2005

Dettagli

Assicurazioni secondo la LAMal

Assicurazioni secondo la LAMal Assicurazioni secondo la LAMal Regolamento Edizione 01. 2015 Indice I Disposizioni comuni 1 Validità 2 Adesione / ammissione 3 Sospensione della copertura del rischio d infortunio 4 Effetti giuridici della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1343/2013 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1343/2013 DEL CONSIGLIO 17.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 338/11 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1343/2013 DEL CONSIGLIO del 12 dicembre 2013 che istituisce un dazio antidumping definitivo sulle importazioni

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Varianti di Finanziamento per Immobili all estero e Immobili di Golf

Varianti di Finanziamento per Immobili all estero e Immobili di Golf Varianti di Finanziamento per Immobili all estero e Immobili di Golf Principi Le banche svizzere concedono solitamente le ipoteche solo sugli immobili in Svizzera, eventualmente nei paesi limitrofi. Se

Dettagli

2.1.2 Identità dei valori ai quali applicare le sanzioni ridotte

2.1.2 Identità dei valori ai quali applicare le sanzioni ridotte AMBITO DI APPLICAZIONE OGGETTIVO 87 dove è stata costituita la società che ne è intestataria 22 ; ne costituiscono esempio le norme dell art. 5-quinquies, co. 4 e 7, D.L. 167/1990, appena ricordate, che

Dettagli

VITAMINE E MINERALI CONSENTITI NELLA FABBRICAZIONE DI INTEGRATORI ALIMENTARI (DL.169/2004) Acido pantotenico. Cloro Fosforo

VITAMINE E MINERALI CONSENTITI NELLA FABBRICAZIONE DI INTEGRATORI ALIMENTARI (DL.169/2004) Acido pantotenico. Cloro Fosforo VITAMINE E MINERALI CONSENTITI NELLA FABBRICAZIONE DI INTEGRATORI ALIMENTARI (DL.169/2004) VITAMINE Vitamina A Vitamina D Vitamina E Vitamina K Vitamina B1 Vitamina B2 Niacina Acido pantotenico Vitamina

Dettagli

Accordi generali di credito del Fondo monetario internazionale

Accordi generali di credito del Fondo monetario internazionale Traduzione 1 Accordi generali di credito del Fondo monetario internazionale 0.941.15 Conchiusi in Washington nel 1962, emendati nel 1983 Approvati dall Assemblea federale il 14 dicembre 1983 2 Adesione

Dettagli

817.022.32 Ordinanza del DFI sull aggiunta di sostanze essenziali o fisiologicamente utili a derrate alimentari

817.022.32 Ordinanza del DFI sull aggiunta di sostanze essenziali o fisiologicamente utili a derrate alimentari Ordinanza del DFI sull aggiunta di sostanze essenziali o fisiologicamente utili a derrate alimentari del 23 novembre 2005 (Stato 1 novembre 2010) Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visto l articolo

Dettagli

Alimentare Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa

Alimentare Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa Alimentare Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa Roma, 2 marzo 2010 Presidenza Cna Alimentare Circolare n. 5 Consiglio Cna Alimentare Referenti Provinciali e Regionali

Dettagli

Legge 186 del 15 dicembre 2014 Voluntary Disclosure

Legge 186 del 15 dicembre 2014 Voluntary Disclosure Legge 186 del 15 dicembre 2014 Voluntary Disclosure Premessa Dopo la falsa partenza del D.L. 4 del 2014 promosso dal governo Letta, provvedimento che durante l iter parlamentare venne epurato degli articoli

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 22.7.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 22.7.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.7.2014 C(2014) 5087 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 22.7.2014 che modifica l'allegato II del regolamento (UE) n. 978/2012 relativo all'applicazione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU4 29/01/2015

REGIONE PIEMONTE BU4 29/01/2015 REGIONE PIEMONTE BU4 29/01/2015 Codice DB0506 D.D. 28 novembre 2014, n. 235 D.P.R. 22.09.1988, n. 448 e D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i., C.I.G. n. ZCA11E000B. Seconda edizione del corso di specifica qualificazione

Dettagli

Modalità attuative per la concessione delle agevolazioni

Modalità attuative per la concessione delle agevolazioni DOCUMENTO A) Modalità attuative per la concessione delle agevolazioni Il presente documento disciplina le modalità e le condizioni di accesso ai contributi previsti ai sensi della l.r. n. 1/2010 e s.m.i.

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DECISIONE DELLA COMMISSIONE. Del [1 ottobre 2008]

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DECISIONE DELLA COMMISSIONE. Del [1 ottobre 2008] COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, DECISIONE DELLA COMMISSIONE Del [1 ottobre 2008] relativa ad un procedimento ai sensi dell'articolo 81 del trattato CE e dell'articolo 53 dell'accordo SEE

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

Caduta dei capelli? Il comeback per i vostri capelli.

Caduta dei capelli? Il comeback per i vostri capelli. Caduta dei capelli? Il comeback per i vostri capelli. I capelli sani danno risalto alla bellezza A prima vista i capelli non sembrerebbero avere effettivamente alcuna rilevanza sostanziale sotto il profilo

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO. Provincia di Catania. Regolamento per la disciplina degli interventi di assistenza economica

COMUNE DI RIPOSTO. Provincia di Catania. Regolamento per la disciplina degli interventi di assistenza economica COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per la disciplina degli interventi di assistenza economica Adottato con deliberazione C.C. n 86 del 13/07/1999 Modificato con deliberazione C.C. n 056

Dettagli

Il REACH in 16 punti. federchimica.it

Il REACH in 16 punti. federchimica.it Il REACH in 16 punti federchimica.it Il REACH in 16 punti Cos è il REACH? 1. Il REACH - Registration, Evaluation, Authorisation of Chemicals - è l acronimo con cui si indica il nuovo Regolamento europeo

Dettagli

MODELLO di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

MODELLO di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO MODELLO di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Decreto Legislativo n 231 del 8 giugno 2001 ed aggiornamenti Responsabilità amministrativa delle Società Rev Data Descrizione Redatto Approvato 3 11.01.10

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Allegato 1 Principali caratteristiche delle polizze Rc professionali (testi base) a confronto

Allegato 1 Principali caratteristiche delle polizze Rc professionali (testi base) a confronto Allegato 1 Principali caratteristiche delle polizze Rc professionali (testi base) a confronto Garanzie e Limiti Lloyd s 1 Lloyd s 2 Lloyd s 4 Aon Marsh Broker Gava Broker AEC 1 Master Broker Link Broker

Dettagli

Istituto federale di metrologia METAS Indagine conoscitiva relativa all ordinanza del DFGP sui tassametri (OTam)

Istituto federale di metrologia METAS Indagine conoscitiva relativa all ordinanza del DFGP sui tassametri (OTam) Istituto federale di metrologia METAS Indagine conoscitiva relativa all ordinanza del DFGP sui tassametri (OTam) Rapporto esplicativo 28 marzo 2013 Indice 1 Situazione iniziale... 3 2 Obiettivo ed elementi

Dettagli

WORKSHOP PER I DELEGATI

WORKSHOP PER I DELEGATI WORKSHOP PER I DELEGATI IL WELFARE INTEGRATO: FONDO FUTURA, ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA E LONG TERM CARE Dott.ssa Gera Valenti ROMA, 20 FEBBRAIO 2014 WELFARE INTEGRATO PERCHE RISCHI DI UNA VITA LUNGA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 725/2011 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 725/2011 DELLA COMMISSIONE 26.7.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 194/19 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 725/2011 DELLA COMMISSIONE del 25 luglio 2011 che stabilisce una procedura di approvazione e certificazione di

Dettagli

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT EMISSIONE DELLA FATTURA PER I SERVIZI EXTRATERRITORIALI - MODALITA D INTEGRAZIONE DELLE FATTURE ESTERE PER I SERVIZI GENERICI RESI AD OPERATORI

Dettagli

Impianti sprinkler LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTI- NCENDIO. 01.06.2011 / 10001-11it

Impianti sprinkler LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTI- NCENDIO. 01.06.2011 / 10001-11it Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTI-

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE [PIÙ BENEFICIARI] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione

Dettagli

Unione Europea Repubblica Italiana

Unione Europea Repubblica Italiana Unione Europea Repubblica Italiana Regione Siciliana Dipartimento Cooperazione, Commercio e Artigianato Dipartimento Pesca via degli Emiri, 45 90135 Palermo Servizio Credito Tel. 091 70 79 427 / Fax 091

Dettagli

Legge federale sulla riduzione delle emissioni di CO 2

Legge federale sulla riduzione delle emissioni di CO 2 Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Legge federale sulla riduzione delle emissioni di CO 2 (Legge sul CO 2) del 23 dicembre 2011 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE AREE PER LE POLITICHE DI SVILUPPO

DEFINIZIONE DELLE AREE PER LE POLITICHE DI SVILUPPO DEFINIZIONE DELLE AREE PER LE POLITICHE DI SVILUPPO DEL CENTRO-NORD: BREVE CRONISTORIA Zonizzazione obiettivo 2 In base alle decisioni assunte al vertice di Berlino (24 e 25 marzo 1999), gli interventi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 129/E

RISOLUZIONE N. 129/E RISOLUZIONE N. 129/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 maggio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Rimborsi IVA a soggetti non residenti Articolo

Dettagli

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA REGOLAMENTO PER INTERVENTI DI SOLIDARIETÀ E MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DELLE VITTIME DEI REATI ESTORSIONE E DI USURA. (Approvato con deliberazione

Dettagli

Milano Roma. News fiscali e societarie

Milano Roma. News fiscali e societarie Milano Roma News fiscali e societarie Luglio 2011 FISCALITA PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI La Manovra correttiva 2011 Il Decreto Legge 6 luglio 2011, n. 98, la c.d. Manovra correttiva, da convertire in legge

Dettagli

La Commissione dà il via libera alla fusione tra Stream e Telepiù, subordinatamente al rispetto di alcune condizioni

La Commissione dà il via libera alla fusione tra Stream e Telepiù, subordinatamente al rispetto di alcune condizioni IP/03/478 Bruxelles, 2 aprile 2003 La Commissione dà il via libera alla fusione tra Stream e Telepiù, subordinatamente al rispetto di alcune condizioni La Commissione europea ha autorizzato la proposta

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO

ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO REGOLAMENTO DELLE COMMISSIONI DI STUDIO SULLE MATERIE OGGETTO DELLA PROFESSIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 6.11.2012

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 6.11.2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 6.11.2012 C(2012) 7759 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 6.11.2012 che integra il regolamento (UE) n. 510/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 983/2009 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 983/2009 DELLA COMMISSIONE 22.10.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 277/3 REGOLAMENTO (CE) N. 983/2009 DELLA COMMISSIONE del 21 ottobre 2009 relativo all autorizzazione e al rifiuto di autorizzazione di talune indicazioni

Dettagli

Verso il futuro con un parco di produzione ampio e solido

Verso il futuro con un parco di produzione ampio e solido Esercizio 2010 Fa fede la versione orale Verso il futuro con un parco di produzione ampio e solido Relazione di Hermann Ineichen, direttore del settore d attività Energia Svizzera, alla conferenza stampa

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE 1 INDICE 1. PRINCIPI GENERALI... 3 2. CONDOTTE SANZIONABILI... 3 3. IL TITOLARE DEL POTERE SANZIONATORIO...

Dettagli