L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE"

Transcript

1 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di: - ridotta ovulazione - difficoltà a consumare la quantità di cibo necessaria durante gravidanza e lattazione (minor peso dei cuccioli alla nascita e maggior mortalità neonatale) Se la femmina è fortemente sovrappeso aumenta la possibilità di: - ridotta ovulazione - maggior incidenza di distocie (feti di maggiori dimensioni e vie del parto più strette)

2 2 FABBISOGNI ENERGETICI DELLA CAGNA (multiplo del fabbisogno energetico di mantenimento; Meyer e Zentek, 1998) Numero cuccioli molto elevato = 12 Fabbisogno energetico elevato = 10 medio = 8 basso = 4 Gravidanza Lattazione Calore Parto Svezzamento Settimane QUANTITA DI ALIMENTO CHE DOVREBBE ESSERE ASSUNTO DALLA CAGNA DURANTE LA GRAVIDANZA IN RELAZIONE AL NUMERO E ALLO SVILUPPO DEI FETI (Meyer e Zentek, 1998) Quantità alimento (% di quella di mantenimento) Alto n feti: x 1,5 Basso n feti: x 1,3 Mantenimento Crescita fetale Sviluppo fetale (% del peso alla nascita) 1 a metà 2 a metà

3 3 FABBISOGNI GIORNALIERI DELLE CAGNE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Gravidanza (dalla 5 a sett.) Lattazione Peso corporeo (kg) EM (MJ/d) 4,1 11,8 7,7 24,2 PG dig. (g/d) Minerali Per kg peso Gravidanza Lattazione Vitamine Per kg peso Gravidanza + Lattazione Calcio mg Vit A UI 250 Fosforo mg Vit D UI 20 Magnesio mg Vit E mg 1-2 Sodio mg Vit B1 mg 0,06 Potassio mg Vit B2 mg 0,1-0,25 Cloro mg Vit B6 mg 0,06 Ferro mg 6,80 2,40 Vit B12 µg 1 Rame mg 0,16 0,67 A. pantotenico mg 0,40 Zinco mg 1,30 3,20 Niacina mg 0,45 Manganese mg 0,12 0,12 Biotina µg 4 Iodio µg A. folico µg 8 Selenio µg 5 5 A. linoleico mg 500 Colina mg 25 ALIMENTAZIONE DELLE CAGNE DURANTE LA GRAVIDANZA Durante le prime 4 settimane, la cagna continua a ricevere la stessa quantità della dieta di mantenimento Se la dieta di mantenimento non è di qualità elevata, dalla 5 a settimana si passa ad una nuova razione con graduale aumento della quantità di cibo somministrata giornalmente (in prossimità del parto questa sarà superiore del 25-50% a quella di mantenimento) Al momento del parto il peso corporeo della cagna dovrebbe essere il % del peso normale, subito dopo il parto circa il %

4 4 CARATTERISTICHE DELLA RAZIONE PER CAGNE IN GRAVIDANZA Il 20% dell energia dovrebbe provenire da carboidrati poiché i feti impiegano solo glucosio come fonte di energia In assenza di carboidrati è necessario raddoppiare il tenore proteico della razione per sostenere la gluconeogenesi La razione deve apportare almeno 10 g proteine digeribili/mj EM, corrispondente circa al 14% della s.s. (Zentek, 1998) Secondo altri autori, la razione deve contenere il 30% s.s. di proteine Qualora non si conoscano la quantità e/o la qualità delle proteine della dieta la si può integrare con: - 1 g/kg peso/d di fegato bovino oppure - 3 uova bollite/10 kg peso/settimana oppure - 20 ml/kg peso/d di latte vaccino intero IL RISCHIO DI COSTIPAZIONE NELLA CAGNA A FINE GRAVIDANZA Durante le ultime settimane è opportuno somministrare più piccoli pasti al giorno di una razione altamente digeribile. Per prevenire forme di costipazione intestinale nel corso dell ultima settimana si può ricorrere a: g/kg peso/d di fegato bovino, oppure ml/kg peso/d di latte, oppure - crusca di frumento o farina di medica (2-3%)

5 5 INTEGRAZIONE DELLA DIETA CON ACIDI GRASSI ESSENZIALI ω-3 La presenza nella dieta di gestazione e lattazione della gatta di fonti di EPA e DHA è essenziale per lo sviluppo del SNC e della retina dei gattini. Anche nella cagna, il DHA migliora numero di nati e peso della nidiata. L integrazione della dieta della cagna con acido α-linolenico non aumenta la presenza di DHA nel latte. Fonti ideali di EPA e DHA sono i pesci marini EFFETTI DELLA MALNUTRIZIONE NELLE CAGNE IN RIPRODUZIONE Carenza proteica Assenza di carboidrati nella dieta peso alla nascita dei cuccioli morbilità e mortalità neonatale difese immunitarie dei cuccioli peso alla nascita dei cuccioli morbilità e mortalità neonatale Carenza di acidi grassi essenziali numero e peso cuccioli Carenza di zinco Carenza di ferro, biotina e Vit B6 Ipervitaminosi A Ipervitaminosi D riassorbimento fetale cucciolate numericamente ridotte immunità ed efficacia delle vaccinazioni malformazioni congenite cucciolate numericamente ridotte calcificazioni dei tessuti molli

6 6 PARTO Ad uno o due giorni dal parto la cagna diviene inappetente; in ogni caso la quantità di cibo deve essere ridotta per evitare un eccessivo riempimento intestinale al momento del parto La temperatura corporea scende di 1 C ore prima dell inizio del travaglio Durante il parto la cagna deve avere a disposizione acqua fresca La cagna generalmente mangia le placente, in presenza di un elevato numero una parte di esse andrà allontanata Dopo il parto si può somministrare una zuppa costituita da farina d avena, semi di lino, latte, tuorlo d uovo, carne di buona qualità e sale da cucina GATTE Le gatte aumentano di peso già dalla 2 a settimana di gravidanza Si aumenta la quantità di cibo gradualmente dalla 2 a sett. fino a superare del 25-50% quella di mantenimento E possibile alimentare le gatte ad libitum, mantenendone sotto controllo il peso per evitare un eccessivo ingrassamento Vanno evitate diete fortemente acidogene (ph urinario ideale 6,2-6,5)! Dopo il parto la gatta perde solo il 40% dell incremento di peso avvenuto durante la gravidanza, il 60% è costituito da grasso corporeo necessario all allattamento

7 7 TENORI NUTRIZIONALI RACCOMANDATI IN DIETE PER GATTE IN RIPRODUZIONE Energia (kj ME/g) Proteine (%) Lipidi (%) Carboidrati (%) Fibra greggia (%) Calcio (%) Fosforo (%) Sodio (%) Cloro (%) Potassio (%) Magnesio (%) Rame (ppm) Taurina (ppm) Accoppiamento < 5 0,6-1 0,5-1 0,2-0,6 0,3 0,6-1 0,04-0, Gravidanza < 5 1-1,6 0,8-1,4 0,3-0,6 0,45 0,6-1,2 0,08-0, Lattazione < 5 1-1,6 0,8-1,4 0,3-0,6 0,45 0,6-1,2 0,08-0, CAGNE IN LATTAZIONE Durante la lattazione dobbiamo garantire una sufficiente produzione di latte evitando un eccessivo dimagrimento della femmina (non oltre il 5-10% del normale peso corporeo) La quantità di cibo dipende dal momento della lattazione (picco intorno alla 3 a -5 a sett.) e dal numero di cuccioli: % per ogni cucciolo oppure kcal per kg di cucciolata Dopo la 5 a -6 a sett. si comincia a ridurre la quantità di cibo

8 8 CAGNE IN LATTAZIONE La razione è caratterizzata da elevato livello energetico (1,8 MJ/100 g ss = 4300 kcal/kg) e proteico (12 g proteine digeribili/mj EM o 30-35% s.s.) Il 10-20% dell energia dovrebbe provenire da carboidrati (glucosio per la sintesi del lattosio) Fonti ideali di proteine sono carne (povera di connettivo), fegato, ricotta, uova bollite e latte intero TETANIA O ECLAMPSIA PUERPERALE Colpisce più frequentemente le cagne delle gatte le razze di piccola taglia le cagne primipare giovani (< 4 anni) allattanti molti cuccioli E caratterizzata da bassa calcemia (7 mg/dl o meno) e sintomi di natura tetanica, spesso preceduti da irrequietezza e aggressività, e compare generalmente nelle prime 4 settimane di lattazione La patologia è stata osservata anche in cagne normocalcemiche, così come cagne ipocalcemiche possono non manifestare alcun sintomo L eccitabilità muscolare è proporzionale al rapporto [Na + ] x [K + ] [Ca ++ ] x [Mg ++ ] x [H + ]

9 9 ECLAMPSIA PUERPERALE Deve essere trattata tempestivamente con calcio borogluconato al 10% per via endovenosa alla dose di 1-2 mg Ca/kg PV I cuccioli dovrebbero essere separati dalla madre durante le prime 24 h di terapia Se c è recidiva si procede alla separazione definitiva dei cuccioli dalla madre E importante evitare eccessi di calcio durante la gravidanza (feed-back negativo sul PTH) e garantirne un adeguato apporto dopo il parto per compensare le forti perdite dovute alla lattazione IPOGLICEMIA NEL PERIODO PERI-PARTUM Nel corso delle ultime 2-3 settimane di gestazione può comparire una ipoglicemia (glucosio < 45 mg/dl) clinicamente manifesta La sintomatologia è di natura prevalentemente nervosa e non sempre facilmente distinguibile da quella dell eclampsia Fattori predisponenti sono: cattive condizioni fisiche, malnutrizione e una dieta ricca di lipidi e priva di amido e zuccheri La terapia prevede l infusione per via endovenosa di un bolo di soluzione glucosata al 20 o al 50% seguito da infusione di glucosata al 5% alla dose di 2 ml/kg PV/h Successivamente ci si accerterà di somministrare una dieta ad alta densità energetica e contenente adeguate quantità di amido

10 10 ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE ALLO SVEZZAMENTO Lo svezzamento avviene in natura tra la 6 a e la 10 a settimana, gli allevatori svezzano intorno alla 7 a -8 a settimana Piano di razionamento della madre: giorno precedente l allontanamento dei cuccioli digiuno giorno dell allontanamento 25% della razione di mantenimento 1 giorno dopo l allontanamento 50% 2 giorno dopo l allontanamento 75% 3 giorno dopo l allontanamento 100% PRIME CURE AI CUCCIOLI Qualora non vi provveda la madre i cuccioli vanno liberati dagli invogli fetali ed asciugati Di estrema importanza è l assunzione del colostro entro h dal parto (immunità passiva). Se la madre non produce colostro si può ricorrere a colostro congelato, colostro di altre specie, iniezione di siero prelevato da soggetti adulti Ai cuccioli troppo deboli per poppare può essere somministrata mediante sonda gastrica sol. glucosata al 5 o 10% (circa il 2% del peso corporeo) fino a che essi saranno in condizione di poppare I gattini pesano mediamente alla nascita g I soggetti che pesano < 75 g hanno livelli di mortalità neonatale molto più alti

11 11 VALORI FISIOLOGICI DEL CUCCIOLO E TEMPERATURA AMBIENTALE IDEALE Età (gg) Freq. cardiaca Freq. resp. Temp. corporea C Temp. ideale ambiente C ,3-36, ,0-36, ,0-36, ,0-36, ,3-36, ,9-37, ,5-38, PREVENZIONE DELL IPOGLICEMIA NEL CUCCIOLO La comparsa di ipoglicemia e ipotermia dipende da mancata assunzione di colostro e da basse temperature ambientali L ipotermia grave è spesso associata ad assenza del riflesso di deglutizione ed ileo paralitico Rischio di polmonite ab ingestis e mancato assorbimento enterale dei nutrienti (con rischio di diarrea osmotica) Portare la temperatura del cucciolo > 35 C (incubatrice) e somministrare sol. glucosata SC

12 12 ALIMENTAZIONE DEI CUCCIOLI Nelle prime 2-3 settimane di vita i cuccioli si nutrono solo di latte materno: ml/100 g peso/d (fino a 25 nel gattino) A 3 o 4 settimane di età si procede all introduzione dell alimento solido, ad esempio impiegando il cibo della madre, mescolato con acqua calda (o latte nel caso dei gattini) La quantità di cibo va da 5-10 g/kg peso/d a allo svezzamento E bene alimentare i cuccioli di cane separatamente dalla madre Normale accrescimento corporeo: cani 2,2-4,4 g/kg peso adulto/d nelle prime 3-4 settimane gatti g/sett. fino a 5-6 mesi CURVA DI CRESCITA IN 12 RAZZE CANINE

13 13 ACCRESCIMENTO DEL CANE IN RELAZIONE AL PESO DA ADULTO (g/d) Peso adulto (kg) Mese di età % peso adulto al termine del mese /6 7/ SVEZZAMENTO Allo svezzamento il cucciolo deve essere in grado di assumere almeno 20 g ss/kg peso/d Nei primi 3-4 giorni dopo lo svezzamento è bene somministrare la stessa quantità dello stesso cibo che il cucciolo assumeva al termine del periodo di lattazione, poi si aumenta progressivamente in base a età e peso

14 14 FABBISOGNI GIORNALIERI DI ENERGIA E NUTRIENTI IN CANI IN ACCRESCIMENTO (PER KG PESO) Mesi di età EM MJ 0,6-0,7 0,4-0,6 0,3-0,4 PG digeribili g Calcio mg Fosforo mg Magnesio mg Sodio mg Potassio mg Cloro mg Ferro mg 3,5-4,8 3,0-3,7 1,7-1,9 Rame mg 0,3-0,5 0,2-0,3 0,1-0,2 Zinco mg 3,3-4,1 3,9-5,1 1,7-2,1 Manganese mg 0,08-0,10 0,07-0,08 0,07-0,08 Iodio µg Selenio µg Vit A UI 250 Vit B12 µg 1 Vit D UI 20 A. pantotenico mg 0,4 Vit E mg 2 Niacina mg 0,45 Vit B1 mg 0,06 Biotina µg 4 Vit B2 mg 0,1 A. folico µg 8 Vit B6 mg 0,06 A. linoleico mg 250 Colina mg 50 RAZIONI PER CUCCIOLI DI CANE ALLO SVEZZAMENTO (1-2) E PER SOGGETTI IN ACCRESCIMENTO (3-7): g/100 g alimento tal quale Omaso 49,5 Uova bollite 15 Carne magra 32 Farina di pollame 15 Cuore 61 Ritagli di carne 39 Abomaso 30 Rumine 47 Ricotta magra Farina di estrazione di soia 15 Latte intero 9 Fiocchi di avena 26 Patate bollite 25 Fiocchi di mais 29 Pasta scondita 40 Riso soffiato 29 Fiocchi di grano 59 Olio vegetale Strutto Carote 5,5 Crusca di grano 5 1,75 Integratore minerale/vitaminico 0, ,5 Carbonato di calcio 0, ,75 1,5 0,5 Fosfato di calcio 0,5 0,5 0,5 0,5 1 EM (MJ/100 g) 0,84 0,85 1,01 0,86 1,70 0,82 PG digeribili (g/100 g) 12,5 12,0 12,1 10,5 20,5 10,0 PG dig./em 14,9 14,1 12,0 12,2 12,1 12,2

15 15 ESEMPI DI RAZIONI PER GATTI ADULTI E IN ACCRESCIMENTO - 1 Dieta a base di tacchino 6 once (170 g) di tacchino macinato e cotto Mezzo uovo sodo 1 cucchiaino di olio di colza (4,5 g) 0,5 g di sale o di un suo sostituto (KCl) 3 compresse di farina d ossa (0,6 g l una) Integratore minerale-vitaminico Apporta 372 kcal, 34,1 g di proteine, 25,5 g di grassi. Dieta a base di pollo Mezza libbra (circa 230 g) di petto di pollo disossato Mezzo uovo sodo Mezza oncia (15 g) di vongole 4 cucchiaini di olio di colza (4,5 g) 0,5 g di sale o di un suo sostituto (KCl) 3 compresse di farina d ossa (0,6 g l una) Integratore minerale-vitaminico Apporta 471 kcal, 53,1 g di proteine, 27,4 g di grassi. ESEMPI DI RAZIONI PER GATTI ADULTI E IN ACCRESCIMENTO - 2 Dieta a base di pollo e riso Un terzo di libbra (circa 150 g) di petto di pollo disossato 1 uovo sodo Mezza oncia (15 g) di vongole Un terzo di tazza di riso (circa 60 g) bollito 4 cucchiaini di olio di colza (4,5 g) 0,5 g di sale o di un suo sostituto (KCl) 4 compresse di farina d ossa (0,6 g l una) Integratore minerale-vitaminico Apporta 503 kcal, 43,4 g di proteine, 28,6 g di grassi. Dieta a base di manzo Mezza libbra (circa 230 g) di manzo magro macinato Mezzo uovo sodo Mezza oncia (15 g) di vongole 3 compresse di farina d ossa (0,6 g l una) Integratore minerale-vitaminico Apporta 447 kcal, 46,2 g di proteine, 27,5 g di grassi.

16 16 ESEMPI DI RAZIONI VEGETARIANE PER CANI IN ACCRESCIMENTO Dieta a base di soia e riso 2 tazze di semi di soia (circa 340 g) bolliti 2 tazze di riso (circa 360 g) bollito 1 cucchiaino di olio di colza Un quarto di cucchiaino di KCl Un decimo di cucchiaino di NaCl 6 compresse di farina d ossa (0,6 g l una) Integratore min-vit (vit B 12 1 volta alla settimana) Apporta 1078 kcal, 67,8 g di proteine, 39,5 g di grassi. Dieta a base di tofu, piselli e riso 1 tazza di tofu (circa 250 g) crudo 1 tazza di piselli (circa 160 g) bolliti 1 tazza di riso (circa 180 g) bollito 1 cucchiaino di olio di colza Un quarto di cucchiaino di KCl Un decimo di cucchiaino di NaCl 4 compresse di farina d ossa (0,6 g l una) Integratore min-vit (vit B 12 1 volta alla settimana) Apporta 914 kcal, 58,5 g di proteine, 39 g di grassi. ESEMPI DI RAZIONI VEGETARIANE PER GATTI Dieta a base di tofu Mezza tazza di tofu (circa 125 g) crudo Un quarto di tuorlo d uovo sodo Mezza compressa di carbonato di calcio (200 mg di calcio) Integratore minerale-vitaminico 35 mg di taurina Questa razione apporta 198 kcal, 20,6 g di proteine, 12,3 g di grassi. Dieta a base di tofu e riso 1 tazza di tofu (circa 250 g) crudo Mezzo tuorlo d uovo sodo Un terzo di tazza di riso (circa 60 g) bollito 2 cucchiaini di olio di colza 2 compresse di farina d ossa (0,6 g l una) Integratore minerale-vitaminico 70 mg di taurina Questa razione apporta 407 kcal, 30,6 g di proteine, 22 g di grassi.

17 17 CAUSE DI MORTALITA NEI CUCCIOLI L incidenza di mortalità neonatale va dal 5-6% sino al 15-25% Il 30% dei casi si verifica alla nascita, il 25% durante la prima settimana di vita, il 10% durante la seconda sett., poi l incidenza cala ulteriormente con l eccezione della fase post-svezzamento Cuccioli nati morti 15% Problemi durante il parto 11% Ferite o schiacciamento 13% Ambiente e clima 16% Malattie 10% Incidenti 6% Eccessiva debolezza del cucciolo 5% Cannibalismo 3% Mancata o cessata produzione lattea 4% Parassiti 3% Leccamento eccessivo 3% Malformazioni 2% Altre cause 9% CUCCIOLI ORFANI Le cause che possono rendere un cucciolo orfano comprendono morte o malattia della madre, mancata produzione di latte o latte tossico, rifiuto del cucciolo da parte materna o da parte del proprietario I cuccioli orfani vanno mantenuti in ambiente caldo e pulito (l igiene è importantissima se il cucciolo non ha assunto colostro), alimentati con latte artificiale e regolarmente pesati

18 18 COMPOSIZIONE DEL LATTE Latte cagna Latte gatta Latte vacca Sostanza secca 22,0 16,0-22,0 13,0 Proteine 8,0 5,5-8,0 3,3 Lipidi 9,0 4,8-8,5 3,8 Lattosio 3,0 4,0 4,8 Acidi grassi nel latte di gatta, cagna e vacca da latte (Dobenecker et al., 1998)

19 19 LATTI ARTIFICIALI Sono reperibili in commercio diversi tipi di latte artificiale per cani e per gatti Una eventuale ricetta casalinga di latte artificiale per cuccioli di cane potrebbe consistere di: 300 ml di latte vaccino 50 g di tuorlo d uovo 40 g di olio di mais o soia 540 g di ricotta magra 10 g di integratore min-vit (Ca 20%) Il latte per cuccioli di cane deve avere un tenore energetico di circa 1300 kcal/l, quello per gattini circa 1000 kcal/l Il latte deve essere preparato giornalmente e non restare più di 1 h a temperatura ambiente PROBLEMI LEGATI ALL IMPIEGO DI LATTE VACCINO NELL ALIMENTAZIONE DEI CUCCIOLI Il latte vaccino rispetto al latte della cagna è caratterizzato da: basso tenore energetico (313 kj/100 g contro 600 nella cagna) contenuto di lattosio troppo elevato (4,8% contro 3%) basso tenore proteico (3,3% contro 8%) inadeguata composizione aminoacidica delle proteine: carenza di arginina e metionina episodi di cataratta) tendenza della caseina a formare grosse micelle: scarsa digeribilità e possibile ostruzione gastrica carenza di acidi grassi ω-3, Ca, P, Fe e Cu

20 20 ALIMENTAZIONE DEL CUCCIOLO ORFANO Nelle prime 3 sett. il cucciolo deve ricevere kcal/kg peso, poi kcal/kg peso Il latte deve essere somministrato caldo (30-35 C), con biberon, contagocce, siringa o sondino gastrico (2 mm di diametro) E opportuno suddividere la quantità giornaliera di latte in 5 o 6 pasti Dalla 3 a sett. si comincia a somministrare il latte in ciotola con aggiunta del primo cibo solido; tra la 6 a e la 10 a sett. si deve passare all alimentazione solida ALIMENTAZIONE DEL CUCCIOLO ORFANO CON BIBERON

21 21 ALIMENTAZIONE DEL CUCCIOLO ORFANO CON SONDINO GASTRICO ALIMENTAZIONE DEL CUCCIOLO ORFANO CON SONDINO GASTRICO

22 ALIMENTAZIONE DEL CUCCIOLO ORFANO CON SIRINGA 22

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

"Come, quando e perché integrare la dieta delle bovine da latte con microelementi, vitamine, acidi grassi

Come, quando e perché integrare la dieta delle bovine da latte con microelementi, vitamine, acidi grassi Conferenze di zootecnia, assistenza tecnica 2010/2011 Provincia di Novara 14 gennaio 2011 "Come, quando e perché integrare la dieta delle bovine da latte con microelementi, vitamine, acidi grassi Prof.Giovanni

Dettagli

LABOREST Italia S.p.A Via Vicinale di Parabiago 22 20014 Nerviano - Tel. 0331415253 info@laborest.com www.laborest.com

LABOREST Italia S.p.A Via Vicinale di Parabiago 22 20014 Nerviano - Tel. 0331415253 info@laborest.com www.laborest.com VISTA vista ALADIN 200 DHA 30 capsule Ingredienti: Olio di pesce titolato in DHA, gelatina alimentare, umidificanti: glicerolo, sorbitolo.agente rivestimento:gommalacca, coloranti:e171,e172; stabilizzanti:trietilcitrato,

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

La Vitamina A La Vitamina D

La Vitamina A La Vitamina D LE VITAMINE La Vitamina A La vitamina A o retinolo è una vitamina liposolubile che serve per la differenziazione delle cellule epiteliali, la spermatogenesi, regolazione dello sviluppo osseo, il sistema

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice pag. 1 / 20 Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione Indice Versione lunga / Novembre 2011 2 Piramide alimentare svizzera

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

Nutrire il vostro gatto: conoscere le basi della nutrizione felina.

Nutrire il vostro gatto: conoscere le basi della nutrizione felina. Nutrire il vostro gatto: conoscere le basi della nutrizione felina. Lisa A. Pierson, DVM www.catinfo.org Una dieta corretta è la base di una buona salute. Questa pagina web vuole sottolineare alcuni principi

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni)

Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni) PAGINA 1 DI 28 Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni) Glicemia PERIODO DI REFERTAZIONE SELEZIONATO Test 44% Sopra valore stabilito 41% Nel target 15% Sotto valore stabilito Deviazione standard

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH La Klamath è da preferire ad altre verdi-azzurre per la sua ricchezza di nutrienti completamente naturali e perfettamente bilanciati. Inoltre svolge un'azione stimolante

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta con il leone Guida all uso del conteggio dei carboidrati, e non solo! Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE

ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE COELIAC FORUM EDIZIONE NR 02_2010 IN PRIMO PIANO AGGIORNAMENTO RICERCA ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE La terapia nutrizionale è l unico trattamento universalmente accettato per la celiachia,

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica

Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica Sicurezza del Cibo Se rimanete senza corrente per meno di 2 ore, il cibo nel vostro frigorifero e congelatore si potrà consumare con sicurezza.

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Come ridurre il rischio di cancro Un informazione della Lega contro il cancro Un alimentazione equilibrata rafforza la salute 1 Indice Editoriale 5 Una sana

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

ggi sempre più persone danno molta importanza al peso e all'aspetto fisico.

ggi sempre più persone danno molta importanza al peso e all'aspetto fisico. ggi sempre più persone danno molta importanza al peso e all'aspetto fisico. O Infatti, viviamo in una società che sta attraversando una vera e propria rivoluzione nel mondo della salute. Ma nonostante

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Il cibo dell uomo. Franco Berrino. Dipartimento di Medicina Predittiva e per la Prevenzione

Il cibo dell uomo. Franco Berrino. Dipartimento di Medicina Predittiva e per la Prevenzione Il cibo dell uomo Franco Berrino Dipartimento di Medicina Predittiva e per la Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori MILANO Il cibo dell uomo2013 Pagina 2 Quale

Dettagli

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio Cinzia La Rocca Dip. Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Reparto di Tossicologia Alimentare

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli