Nel mondo pag.2 In Italia pag.6

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nel mondo pag.2 In Italia pag.6"

Transcript

1 II TRIMESTRE 2014 numero 3/14 7 agosto 2014 IN SINTESI Nel mondo pag.2 In Italia pag.6 Inizio positivo per le esportazioni di kiwi della Nuova Zelanda. Nel secondo trimestre 2014, le esportazioni di kiwi sono ammontate a circa 176mila t (+10% rispetto allo stesso trimestre del 2013). L incremento dei volumi è avvenuto sulla base di prezzi in aumento (+15% e di conseguenza gli introiti sono aumentati del 27%. L Ue si conferma il primo mercato di sbocco, seguito dal Giappone e da altri paesi del Far East (Cina, Taiwan, Corea del Sud, Hong Kong) e dagli Usa. Campagna non felicissima per le esportazioni di uve del Sudafrica. Infatti, nei primi sei mesi del 2014 le spedizioni sono ammontate a circa 236mila tonnellate, in calo del 4% rispetto al primo semestre I listini medi hanno mostrato una riduzione del 3%. Nei primi quattro mesi del 2014, le esportazioni italiane di mele sono cresciute del 14% a fronte di una riduzione del prezzo medio del 12%. Invariati gli incassi. Bene le spedizioni verso Germania (+26% rispetto al primo quadrimestre 2013), Egitto (che decuplica le importazioni) e la Russia (+31%). In particolare, crescono le esportazioni verso l Africa settentrionale con l Egitto che si attesta al terzo posto tra i mercati di sbocco, seguito dalla Libia al quarto posto e dall Algeria al sesto. Calano del 6% gli acquisti domestici di pesche e nettarine, rispetto al Il dato si riferisce agli acquisti in volume realizzati in maggio e giugno. In questa fase della stagione, sul mercato italiano, è presente prevalentemente il prodotto spagnolo. La riduzione è evidente anche rispetto al 2011, altro annus horribilis per la commercializzazione di pesche e nettarine. IN EVIDENZA Nell Ue In Italia Importazioni di banane dell Ue (in volume e in valore) Importazioni di banane ed ananas dell Italia (in 000 t) Fonte: Eurostat su dati Istat 1

2 1. Nell UE 1.1 La produzione Tab. 1.1 Produzione di frutta nell UE (000 t) * var. % Frutta ,1 - angurie ,1 - pesche ,3 - meloni ,4 - nettarine ,8 - fragole ,2 - albicocche ,7 - altra frutta ,6 * dati provvisori Fonte: Eurostat, Ismea Le prime stime relative alla produzione di frutta del 2014 nei paesi dell Unione europea indicano una produzione stabile rispetto al 2013 ed un incremento dell 1,1% rispetto al dato medio del triennio Il dato previsionale del 2014 supera di poco 31,3 milioni di tonnellate, con una crescita in termini assoluti di circa 43mila tonnellate, rispetto al A breve, la stima dovrà essere aggiornata alla luce delle previsioni di produzione di mele, pere e kiwi. Per il momento, i maggiori incrementi della produzione di frutta rispetto al 2013 sono stati registrati da pesche, nettarine ed albicocche. Per quanto riguarda i principali paesi produttori, prevalgono i segni positivi mentre è atteso un calo dell offerta in Polonia, Francia e Ungheria. 1.2 Gli scambi Nel primo trimestre del 2014, è stato registrato un aumento del passivo relativo agli scambi commerciali di frutta fresca dell Ue con i Paesi terzi, rispetto al primo trimestre del Infatti, nel trimestre in esame, il deficit di bilancio si è attestato a milioni di euro, con un incremento del 2,8% su base annua, a causa dell aumento delle importazioni dai paesi extra Ue, cresciute sia in volume (+6%), sia in valore (+3,3%). Il contemporaneo aumento delle esportazioni (+6% in volume e +2,8% in valore) ha mitigato l effetto negativo delle importazioni sul saldo della bilancia commerciale. Fig. 1.1 Import-export di frutta dell UE (mln ) Fig. 1.2 Import-export di mele dell UE (000 t) Fonte: Eurostat Fonte: Eurostat Le importazioni dell Ue dai Paesi terzi, nel primo trimestre 2014 sono risultate concentrate su banane (58% dei volumi importati nel complesso), ananas ed uve da tavola (9%) e meloni (5%). In particolare, le importazioni di banane sono ammontate a 1,3 milioni di tonnellate e sono cresciute dell 8% rispetto al primo trimestre dell anno precedente. Sempre su base tendenziale, sono aumentate le importazioni in volume di ananas (+16%), mango (+10%), meloni (+0,2%) e mele (+9%). Di contro, si sono ridotte le importazioni in volume di 2

3 uve da tavola (-4%), pere (-21%), susine (-21%) ed angurie (-3%). Nel trimestre in esame, i principali mercati di approvvigionamento dell Ue sono stati Costarica (che copre il 20% delle importazioni in volume extra Ue), Ecuador (18%), Colombia (14%) e Repubblica Sudafricana (8%). Con riferimento all esborso dell Ue per le importazioni di frutta, la situazione è differente ed è la Repubblica Sudafricana che guida la graduatoria con 375 milioni di euro ed una quota del 17% della spesa complessiva. A seguire si piazzano Costarica (14% in volume), Ecuador (11%), Colombia (+10%) e Cile (9%). Il confronto con il primo trimestre del 2013, fa emergere l aumento delle importazioni in volume da tutti i principali fornitori: Costarica (+11%), Colombia (+13%) ed Ecuador (+5%), mentre le importazioni dalla Repubblica Sudafricana sono diminuite dell 11%. Per quanto concerne le esportazioni dell Ue, il 63% dei volumi spediti ai Paesi Terzi nel primo trimestre del 2014 sono costituiti dalle mele, che in termini di volume hanno fatto registrare una flessione dello 0,8% rispetto al primo trimestre del A seguire, si collocano le pere con una quota del 18% ed un incremento su base annua dei volumi spediti del 70% grazie alla ripresa dell offerta europea rispetto all anno precedente. Le esportazioni di kiwi, nelllo stesso periodo, sono diminuite dell 11%, ma comunque costituiscono il 10% delle spedizioni di frutta fresca dell Ue. Per quanto riguarda gli sbocchi di mercato extra Ue, nel trimestre in esame, la Russia è al primo posto della graduatoria con una quota del 42% delle esportazioni in volume e del 35% in termini di valore. A molta distanza si piazzano Norvegia (con una quota del 4% delle esportazioni Ue in volume e 9% in valore), Bielorussia (14% in volume e 8% in valore) e Svizzera (2% in quantità e 7% in valore). Seguono Algeria, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Brasile, Usa, Arabia Saudita e Libia. L Ucraina perde molte posizioni a causa della guerra civile in atto. Il confronto con il primo trimestre del 2013, evidenzia l aumento delle esportazioni in volume verso molti mercati di sbocco, tra i quali spiccano Bielorussia (+72%), Egitto (+338%), Algeria (+27%), Brasile (+151%) e Svizzera (+4%). Di contro, hanno registrato una flessione le spedizioni di frutta verso la Russia (-18%) e l Ucraina (- 36%). Tab. 1.2 Import di frutta dall UE (tonnellate) I trim 2013 I trim 2014 var % Tab. 1.3 Export di frutta dall UE (tonnellate) I trim 2013 I trim 2014 var % Frutta ,9 Banane ,7 Uve da tavola ,4 Meloni ,2 Mango ,6 Avocado ,6 Pere ,0 Mele ,4 Angurie ,9 Altra frutta ,6 Frutta ,0 Mele ,8 Pere ,3 Kiw i ,9 Fragole ,0 Uve da tavola ,2 Ananas ,0 Altra frutta tropicale ,2 Avocado ,6 Altra frutta ,2 Fonte: elaborazioni Ismea su dati Eurostat Fonte: elaborazioni Ismea su dati Eurostat 1.3 Il mercato spagnolo Nel secondo trimestre del 2014 ha avuto inizio la campagna di commercializzazione della frutta a nocciolo. Le operazioni di raccolta sono cominciate con circa giorni di anticipo sui normali calendari. La produzione grazie al clima favorevole che ha accompagnato le colture in tutte le principali fasi fenologiche si è attesta su livelli decisamente superiori a quelli raggiunti nel L offerta posizionata sui mercati ha incontrato, fin dalle prime battute, generali difficoltà: come alcuni operatori hanno sostenuto, il prodotto è arrivato sul mercato prima dei consumatori, che si sono mantenuti cauti e poco inclini al consumo a causa di una stagione che ha ritardato il suo ingresso. In questo contesto il mercato ha risposto con continui ribassi di prezzo attestandosi su livelli decisamente inferiori a quelli del I cali di prezzo maggiori sono stati registrati per susine, seguite da pesche, cocomeri e nettarine. In controtendenza meloni e fragole, prodotti che mostrano variazioni positive su base annua. Per le fragole tuttavia la stagione 2013/2014 è stata secondo gli operatori del tutto deludente. Il settore oltre ad aver accusato una minore superficie investita ed una minore produzione rispetto almeno ai tre anni precedenti è stata anche interessata da quotazioni più basse compromettendo di fatto il rendimento per l agricoltore. Il prodotto spagnolo ha, infatti, trovato difficoltà a penetrare i mercati esteri tradizionali acquirenti, soprattutto quelli del nord Europa come Germania e regno Unito, nonché l Italia. Paesi, questi ultimi, nei quali la produzione autoctona è risultata in crescita e quantitativamente idonea a soddisfare la domanda interna. 3

4 Tab. 1.4 Prezzi medi f.co magazzino ( /kg) Fig. 1.3 Consumi di mele e banane (.000 t) II trim 2013 II trim 2014 var % albicocche 2,07 1,24-39,8 ciliegie 2,84 2,66-6,1 cocomeri 3,80 3,12-17,9 fragole 1,08 1,18 9,6 meloni 0,53 0,55 4,8 nettarine 1,56 1,36-12,8 pesche 1,78 1,46-18,1 susine 1,50 1,00-33,0 mele 0,89 0,73-17,5 Fonte: elaborazioni Ismea su dati Marm Fonte: elaborazioni Ismea su dati Marm Nel 2013 i consumi di frutta fresca delle famiglie spagnole, agrumi esclusi, sono risultati in calo del 2,6% su base annua attestandosi intorno a 3,3 milioni di tonnellate. Sul fronte della spesa si è assistito di contro ad un maggior esborso monetario che ha superato i 5 miliardi di Euro, crescendo del 4,2% su base annua. Da ciò si evince una lievitazione dei prezzi medi unitari, aumentati del 6,9% rispetto al Ad imprimere il segno negativo ai consumi in quantità hanno contribuito, fra i principali prodotti, mele (-6,9%), pere (-13,4%), pesche (-5,2%) e meloni (-2,0%); prodotti che nell insieme rappresentano circa il 40% dei consumi totali di frutta e che hanno visto ridurre la proprio quota sul totale. Buona la tenuta dei consumi di banane, kiwi e cocomeri mentre si è registrato un aumento per alcuni prodotti della stagione primaverile-estiva, come fragole, albicocche e ciliegie. All aumento della spesa delle famiglie spagnole hanno invece contribuito tutti i prodotti frutticoli, con l eccezione di fragole e susine il cui valore è diminuito rispettivamente dell 1,4% e 4,4%, su base tendenziale. Tra i prodotti che hanno visto una crescita a due cifre percentuali svettano albicocche (+21,4%) e ciliegie (15,5%). Analizzando l andamento del prezzo medio unitario emerge una generale tendenza al rialzo, ad eccezione di ciliegie e fragole, i cui prezzi diminuiscono del 7,2% e dell 1,3%. Consistenti gli incrementi registrati per pere (22,4%), mele (16,6%) e susine (18,8%). Tab. 1.5 Acquisti di frutta fresca per anno (quantità, spesa e var.%) Tab. 1.6 Acquisti di frutta fresca nel secondo trimestre (quantità, spesa e var.%) Var. % II trim 2012 II trim 2013 Var. % Frutta fresca (000 t),di cui: 3.329, ,37 3,2 banane 505,95 525,46 3,9 mele 547,78 534,13-2,5 Frutta fresca (mln ) 4.827, ,01 1,1 banane 773,68 753,02-2,7 mele 683,94 671,67-1,8 Frutta fresca ( /kg) 1,45 1,42-2,0 banane 1,53 1,43-6,3 mele 1,25 1,26 0,7 Fonte: elaborazioni Ismea su dati Marm Frutta fresca (000 t),di cui: 891,93 833,49-6,6 banane 143,16 149,65 4,5 mele 140,68 134,57-4,3 Frutta fresca (mln ) 1.341, ,63 3,6 banane 201,40 213,72 6,1 mele 175,25 196,82 12,3 Frutta fresca ( /kg) 1,50 1,67 10,9 banane 1,41 1,43 1,5 mele 1,25 1,46 17,4 Fonte: elaborazioni Ismea su dati Marm Nel primi cinque mesi del 2014 l andamento dei consumi in quantità è risultato, su base annua, in aumento del 4,4%. I prodotti responsabili dell incremento sono risultati essere quelli minori, ossia quelli con una quota in volume meno significativa. Sono cresciuti, infatti, tutti i prodotti della stagione primaverile estiva, escluso i meloni e le pere. In calo si sono confermate le mele mentre hanno tenuto i consumi di banane. In termini di spesa, le famiglie spagnole hanno sborsato un valore inferiore al 2013, con un calo dell 1,7%. I 4

5 prime cinque prodotti che rappresentano quasi il 70% della spesa totale di frutta hanno evidenziato una generale flessione. Infatti, rispetto al 2013, è diminuita la spesa per acquistare mele, fragole, pere, banane e kiwi. Prodotti per i quali si è assistito contemporaneamente ad un deciso calo del prezzo medio unitario. Nel secondo trimestre del 2014, limitando l analisi ai soli mesi di aprile e maggio, si conferma l andamento dei primi cinque mesi, ovvero si registra un aumento dei consumi pari al 7,2% ed un calo seppur più contenuto della spesa (-0,8%). I prezzi medi unitari sono diminuiti complessivamente del 7,5%. A tale tendenza hanno contribuito tutte le principali specie frutticole, con la sola eccezione del kiwi in aumento di circa dieci punti percentuali su base annua. 5

6 2. In Italia Tab. 2.1 Tendenze in Italia nel ) stime 2) dati cumulati fino a giugno a) 2010=100 b) 2000=100 Tab. 2.2 Tendenze in Italia nel 2014 Legenda: +++ forte crescita, ++ crescita, + lieve crescita, = stabilità, - lieve riduzione, -- riduzione, --- forte riduzione var. % Produzione (000 t) (1) ,6 Import (000 t) ,3 Export (000 t) ,5 Indici Prezzi alla produzione (2) a) 129,4 108,7-16,0 Prezzi mezzi di produzione (2) b) 139,4 140,7 1,0 Consumi domestici (2) - - 0,1 I trim14 / I trim13 II trim14/ II trim13 Offerta Prezzi alla produzione Costi di produzione + = Import Export Consumo delle famiglie = = Le stime di produzione relative al 2014 indicano un offerta di frutta fresca in ripresa rispetto all anno precedente (+2,6%). Con riferimento al secondo trimestre del 2014, il mercato è stato caratterizzato dall offerta di mele, pere, kiwi e fragole; nella seconda metà del trimestre è iniziata la commercializzazione di meloni, albicocche, pesche e nettarine. Nel trimestre in esame, i prezzi all origine delle varie specie di frutta hanno registrato variazioni molto negative a confronto con i prezzi del secondo trimestre 2013, con picchi particolarmente bassi per pere (-26,5%), mele (-5,8%), fragole (-8,8%), meloni (-30,8%), nettarine (-32,6%) e pesche (-20,4%). L aumento dei prezzi è stato determinato dall aumento dell offerta rispetto allo stesso periodo del Gli scambi con l estero dell Italia nel primo trimestre 2014 indicano rispetto al 2013 un discreto aumento dei volumi esportati ed una marcata flessione dei listini medi della frutta. Le importazioni sono stabili e realizzate sulla base di prezzi in flessione. Sul fronte dei prezzi dei mezzi correnti di produzione, nel primo semestre del 2014 si registra un lieve incremento (+1,0%) rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. Per quanto concerne gli acquisti domestici di frutta fresca, nel primo semestre, si registra una stagnazione rispetto al primo semestre del 2013 (+0,1%). I primi due trimestri del 2014 hanno avuto un andamento contrastato. Infatti, nel primo c è stato un incremento degli acquisti dello 0,8%, mentre nel secondo c è stata una flessione dello 0,6%, sempre su base annua. 6

7 2.1 La produzione La produzione agricola Tab. 2.3 Produzione di frutta in Italia (000 t) * var. % Frutta fresca ** ,6 - nettarine ,8 - pesche ,1 - albicocche ,5 - percoche ,1 - altra frutta ,5 * dati provvisori ** escluso frutta in guscio ed agrumi Fonte: Istat, Assomela, Cso Le stime di produzione relative al 2014 indicano un offerta nazionale di frutta fresca che ammonta a poco più di 7,8 milioni di tonnellate, in aumento di circa 200mila tonnellate rispetto al 2013 (+2,6%). Si tratta di una stima preliminare che dovrà essere confermata alla luce dei dati di produzione di mele, pere, uve da tavola e kiwi. Le stime relative alle drupacee indicano una ripresa dell offerta di nettarine rispetto al 2013 ed un lieve calo per quella di percoche La produzione industriale Fig. 2.1 Indice del clima di fiducia per l industria ortofrutticola Fig. 2.2 Andamento delle componenti del clima di fiducia per l industria ortofrutticola +0,8 +16, I trim 12 II III IV I trim 13 II III IV I trim 14 II Scorte Ordini Attese Produz. Legenda: freccia scura trimestre di riferimento, freccia chiara trimestre precedente (max: +100, min: -100) 1) previsioni; 2) stime Nel secondo trimestre del 2014, si è verificato un netto miglioramento dell indice del clima di fiducia dell industria ortofrutticola, che ha guadagnato terreno, attestandosi a +16,8 punti. La performance positiva dell indice è da ascrivere alla ripresa degli ordini ed alle positive attese della produzione industriale. L indicatore delle scorte di magazzino resta su livelli bassi anche se in leggero rialzo rispetto al trimestre precedente, segnale di una ripartenza degli ordini meno celere di quanto atteso in un primo momento. 2.2 Gli scambi Nel primo trimestre del 2014, la bilancia commerciale con l estero della frutta fresca ha chiuso con un attivo di circa 307 milioni di euro, in aumento del 13% rispetto al primo trimestre Il miglioramento del saldo è stato determinato dall aumento delle esportazioni, che in media sono cresciute dell 11,5% rispetto al primo trimestre del 2013, generando un incremento delle entrate del 5,6%, nonostante, la flessione del 5,2% del valore medio unitario. Per quanto concerne le importazioni, nel trimestre in esame, i volumi in ingresso sono aumentati dell 1,3% rispetto al primo trimestre 2013, sulla base di prezzi in calo in media del 4,5%. In conseguenza di ciò, l esborso per le importazioni si è ridotto del 3,2% su base annua. 7

8 Tab. 2.4 Bilancia commerciale della frutta nel primo trimestre 2014 (var. %) (var. %) I trim I trim 2014/ I trim I trim 2014/ I trim I trim 2013 I trim 2013 mln quant. valore val.un. mln quant. valore val.un. mln quant. valore export import saldo (var. %) I trim 2014/ I trim 2013 totale 525,9 11,5 5,6-5,2 218,9 1,3-3,2-4,5 307,0 25,1 13,0 - UE 370,5 3,6-0,3-3,8 90,5 3,9-6,9-4,2 280,0 6,1 2,0 - Paesi terzi 155,4 34,3 23,2-8,3 128,4-5,2-0,5-1,7 26,9-45, ,8 L analisi dei dati per prodotto evidenzia come nel primo trimestre 2014, il 94% degli introiti sia generato dalle esportazioni di mele (la cui quota in valore è pari al 47% delle esportazioni di frutta), kiwi (36%) e pere (11%). Il trimestre in esame è stato caratterizzato dalla flessione, su base annua, del prezzo medio di pere (-21%) e mele (-12%) e dall aumento del prezzo medio del kiwi (+13%). Per mele e pere, nonostante la flessione del prezzo medio, si è verificato un aumento degli introiti rispetto allo scorso anno grazie all aumento dei volumi spediti, rispettivamente +15% e +39%. Le spedizioni di kiwi, invece, sono diminuite del 3%, ma l incremento del prezzo medio ha determinato un aumento delle entrate del 9%. Nel trimestre in esame si registra una buona performance delle esportazioni di fragole le cui spedizioni sono cresciute del 68%, rispetto al primo trimestre 2013, e gli introiti del 38%. Sul fronte delle importazioni, gli incrementi più consistenti in termini di volume hanno riguardato banane (+2%), pere (+9%), uve (+33%) ed ananas (+1%). Il valore medio unitario dei prodotti importati ha registrato una lieve flessione su base annua (-4,5%). In particolare, è diminuito il prezzo medio di banane ed ananas (-5%), mele e pere (-20%) e fragole (-11%). Con riferimento alla spesa sostenuta per le importazioni di frutta, il 46% del totale è appannaggio delle banane che insieme a fragole (10%), ananas (9%) e pere (8%) cumulano circa i tre quarti dell esborso complessivo. Fig. 2.3 Dinamica dell export nazionale di kiwi e mele (000 t) Fig. 2.4 Dinamica dell import nazionale di kiwi e pere (000 t) La destinazione e l origine degli scambi Nel primo trimestre del 2014, le esportazioni italiane di frutta fresca verso l Ue area a cui sono riconducibili il 70% degli introiti - hanno registrato, rispetto allo stesso trimestre del 2013, un aumento dei volumi spediti (+4%), ma la flessione di pari entità dei listini medi ha lasciato sostanzialmente invariati gli introiti. Tra i Paesi membri dell Ue, l andamento delle esportazioni in valore è risultato contrastato. In particolare, sono cresciuti gli introiti derivanti dalle spedizioni verso Germania (+12%), Polonia (+6%) ed Austria (+16%), mentre sono diminuiti quelli generati dalle esportazioni verso Spagna (-12%), Francia (-22%), Regno Unito (-7%), Paesi Bassi (-7%), Svezia (-18%) e Danimarca (-12%). Nello stesso periodo, la tendenza delle esportazioni verso i paesi extra Ue è risultata molto positiva. La flessione dei listini medi (-8%) ha favorito l aumento delle spedizioni in termini di volume (+34%) e ciò ha avuto 8

9 un impatto positivo sugli introiti che sono cresciuti del 23%. In particolare, si segnala la ripresa delle esportazioni verso l Egitto che si attesta al primo posto tra i clienti extra Ue dell Italia. A seguire si piazza la Libia che aumenta le quantità di frutta importate dall Italia (+2%), ma riduce l esborso grazie alla flessione dei listini. Notizie molto positive provengono dalle spedizioni verso la penisola arabica (Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti) ed il Brasile. Prendono quota anche le spedizioni verso la Cina e gli Usa. In controtendenza le esportazioni di frutta verso la Russia che si sono ridotte sia in volume (-4%), sia in valore (-14%). Tab. 2.5 Paesi di destinazione dell export di frutta (milioni di ) I trim 2013 I trim 2014 var.% Export totale 497,8 525,9 5,6 - Germania 132,4 148,4 12,1 - Spagna 57,5 50,5-12,1 - Francia 34,2 26,9-21,5 - Regno Unito 21,6 20,1-6,9 - Egitto 2,8 18,4 546,7 - Paesi Bassi 17,1 15,9-6,8 - Libia 18,4 15,1-17,7 - altri paesi 213,7 230,5 7,8 Tab. 2.6 Paesi di origine dell import di frutta (milioni di ) I trim 2013 I trim 2014 var.% Import totale 226,2 218,9-3,2 - Ecuador 40,9 40,2-1,6 - Costarica 41,0 37,3-9,2 - Spagna 33,4 35,0 4,7 - Francia 22,6 21,7-3,8 - Colombia 15,9 19,0 20,1 - Paesi Bassi 17,7 16,9-4,5 - Belgio 9,3 7,2-23,1 - altri paesi 45,4 41,6-8,3 Fonte: elaborazione Ismea su dati Istat Fonte: elaborazione Ismea su dati Istat Per quanto riguarda le importazioni, nel primo trimestre 2014, quelle dall area extra Ue rappresentavano il 59% del totale in termini di valore ed il 74% in volume. Rispetto al primo trimestre 2013, le importazioni sono risultate in aumento (+4% in volume), mentre la riduzione dei listini medi ha determinato una lieve flessione della spesa (-0,5%). In particolare, sono diminuiti gli esborsi monetari per le forniture da Costarica (-9%), Ecuador (-2%), Cile (-32%). Al contrario sono aumentati gli approvvigionamenti da Colombia (+20%), Repubblica Sudafricana (+102%), Messico (+150%). Con riferimento agli approvvigionamenti dai paesi dell Unione europea, nel periodo in esame si è verificata una riduzione 5% dei volumi importati e del 7% della relativa spesa. In particolare, è aumentata la spesa per gli approvvigionamenti dalla Spagna (+5%) mentre è diminuita quella relativa alle importazioni da Francia (- 2%), Paesi Bassi (-5%) e Belgio (-23%). 2.3 La domanda La domanda delle famiglie Tab. 2.7 Dinamica degli acquisti domestici di frutta fresca (var.%), panel famiglie Gfk-Eurisko II trim 2014 / II trim 2013 I sem 2014 / I sem 2013 Frutta escl. agrumi -0,6 0,1 - mele 1,7-0,02 - pere 0,9 0,8 - kiw i -7,1-4,1 - banane 0,6 0,3 - uve da tavola -14,5 0,4 I dati Ismea-GfK-Eurisko relativi agli acquisti domestici di frutta fresca evidenziano, per il primo semestre 2014, una situazione di stabilità dei volumi acquistati (+0,1%), rispetto allo stesso periodo del Nel secondo trimestre 2014, la flessione degli acquisti domestici rispetto allo stesso trimestre del è stata dello 0,6%. Il dato relativo al secondo trimestre 2014 è la sintesi di andamenti di segno opposto che hanno caratterizzato le vendite delle principali specie di frutta. Infatti, la frutta tropicale, banane ed ananas in particolare, hanno registrato un incremento delle vendite su base annua, confermando la tendenza positiva registrata già nel primo trimestre del Tendenza positiva anche per le mele, che nel secondo trimestre di quest anno hanno recuperato il ritardo accumulato nel primo trimestre. Per questo prodotto si è interrotta una serie negativa che andava avanti da quasi tre anni. Le vendite di pere inanellano 9

10 un altro trimestre positivo dopo l incremento registrato nel primo trimestre. Del resto, nel 2013 era stata la carenza dell offerta a penalizzare i volumi di vendita di questo prodotto. Risultati positivi anche per le vendite di angurie e fragole. D altro canto, nel secondo trimestre sono calate le vendite di kiwi, uve da tavola, ciliegie, albicocche, susine, meloni, pesche e nettarine. 2.4 Il mercato I prezzi alla produzione Fig. 2.5 Indice dei prezzi alla produzione della frutta fresca (2010=100) Tab. 2.8 Prezzi a confronto: nettarine a polpa gialla cal. A/B ( /kg)* giu 2013 giu 2014 var % Italia Forlì 1,30 0,90-30,8 Francia Languedoc-provence 1,80 1,77-1,9 Spagna Murcia 1,70 1,23-27,9 *Prezzi f.co magazzino partenza IVA esclusa Fonte: Elaborazioni Ismea su dati Agreste, d'après FranceAgriMer- SNM(Francia); Ismea (Italia); Marm (Spagna). L indice dei prezzi all origine del secondo trimestre 2014 ha mostrato su base tendenziale un significativo arretramento, confermando quanto già accaduto nel trimestre precedente. Tale situazione riflette l andamento flessivo delle quotazioni che, per la frutta tipicamente invernale, ha investito le mele, a partire dal mese di maggio, e le pere, le cui disponibilità di magazzino risultavano decisamente più elevate rispetto alla stagione precedente, a causa di un mercato che si è confermato lento sia sul fronte interno, sia su quello estero. Il kiwi, invece, ha mostrato ancora un andamento in controtendenza: la campagna di commercializzazione ha visto la sua conclusione con listini in rialzo grazie alla fluidità degli scambi avvenuti soprattutto sul circuito estero. Tab. 2.9 Prezzi medi alla produzione per le principali specie/varietà di frutta fresca ( /kg e var. %) *variazione percentuale rispetto al prezzo medio del secondo trimestre nel periodo Il trimestre ha dato l avvio alla commercializzazione della frutta estiva, registrato tra maggio e giugno. Fra le var % I trim 14/ media II trim 13 triennio Mele 0,61 0,59 0,75 0,70-5,8 8,1 di cui Golden Delicious 0,56 0,54 0,70 0,69-1,7 14,4 Pere 0,81 0,57 1,14 0,84-26,5 7,8 di cui II trim 11 II trim 12 II trim 13 II trim 14 Conference 0,79 0,61 1,15 0,85-25,9 10,5 Fragole 1,86 1,87 1,79 1,63-8,8-11,3 Meloni 0,63 0,74 1,05 0,73-30,8-7,5 Pesche 0,63 0,70 0,80 0,63-20,4-8,2 Nettarine 0,66 0,72 0,95 0,64-32,6-16,0 10

11 drupacee solo le ciliegie hanno chiuso il trimestre con prezzi in rialzo su base annua; nonostante una produzione stimata superiore all anno passato, il mercato ha riconosciuto prezzi più alti rispetto al Ciò che ha reso possibile il recupero dei listini è stata la qualità del prodotto, risultata decisamente migliore dell anno precedente, e tale da attirare l interesse della domanda finale. Per le restanti specie del gruppo, invece, sono stati registrati significativi cali di prezzo. L offerta, risultata lievemente superiore all anno passato in Italia, ma decisamente in aumento a livello comunitario unitamente ad una stagione climatica del tutto sfavorevole al consumo, hanno impresso al mercato una connotazione particolarmente negativa. Le produzioni spagnole, inoltre, arrivate sui mercati con netto anticipo e con prezzi bassi, hanno tracciato la linea invalicabile entro cui si è mosso il mercato. In questa cornice sono state soprattutto pesche e nettarine a risentire pesantemente delle difficoltà commerciali. Altri fattori, inoltre, hanno giocato un ruolo negativo, quali la qualità del prodotto sia in termini di calibro, risultato per lo più medio e medio-piccolo, sia la scarsa capacità di tenuta dei frutti. Le intense e frequenti precipitazioni registrate in tutta la penisola hanno, infatti, compromesso lo standard qualitativo rendendo spesso difficile il collocamento presso i mercati finali. Le scarse garanzie offerte dal livello qualitativo hanno talvolta indotto gli operatori a limitarsi nell attività di esportazione, nel tentativo di arginare le problematiche legate alle possibili e verosimili contestazioni dei buyer esteri. Il difficile contesto ha indotto le organizzazioni agricole a chiedere alle istituzioni preposte un intervento in ambito UE, al fine di trovare strumenti adeguati per limitare i danni di questa critica campagna di commercializzazione. L analisi dei prezzi per filiera mostra un andamento coerente rispetto al 2013 per tutti i prodotti monitorati. Le quotazioni risultano in generale calo su base annua, con flessioni marcate e di pari entità tra origine e ingrosso per le pesche. Nella fase origine il deprezzamento maggiore è stato registrato per i meloni. Rispetto allo stesso periodo del triennio precedente, emerge un diffuso calo dei listini per la fase ingrosso e, fatta eccezione per le mele Golden Delicious, si registra una comune tendenza tra le diverse fasi della commercializzazione. I prezzi dalla Golden Delicious, nel secondo trimestre, si attestano su livelli superiori al triennio precedente nella fase origine mentre risultano inferiori all ingrosso. Tab Prezzi nelle diverse fasi di scambio ( /kg e var. %) Mele Golden Delicious * f.co magazzino partenza ** f.co azienda produttore. (1) prodotto di calibro A. var % II trim 14/ media II trim II trim Origine* 0,56 0,54 0,70 0,69-1,7 14,4 Ingrosso 1,12 0,98 1,22 1,03-15,5-8,0 Fragole Origine** 1,86 1,87 1,79 1,63-8,8-11,3 Ingrosso 2,74 2,37 2,15 2,01-6,3-23,5 Pesche Origine* 0,63 0,70 0,80 0,63-20,4-8,2 Ingrosso (1) 2,45 1,93 2,08 1,70-18,3-28,9 Meloni II trim 11 II trim 12 II trim 13 II trim 14 Origine* 0,63 0,74 1,05 0,73-30,8-7,5 Ingrosso 2,11 1,48 1,62 1,53-5,5-25, I prezzi dei mezzi di produzione Nel corso del secondo trimestre 2014, l indice dei prezzi dei mezzi correnti di produzione della frutta fresca è rimasto stabile rispetto al trimestre precedente. La stabilità dell indice è la risultante di variazioni di segno opposto osservate per i prezzi degli antiparassitari e dei prodotti energetici aumentati dello 0,5% e le quotazioni dei concimi in flessione dello 0,8%. Su base annua, l indice ha evidenziato un incremento +0,7% quale conseguenza dell aumento dei prezzi dei prodotti energetici +1,1%, ed in particolar modo dell energia elettrica +5,5%, cui è corrisposto un calo del prezzo dei concimi (-2%). Anche in questo trimestre, così come nel precedente, l indice dei costi relativo al comparto della frutta fresca si è posizionato ad un livello inferiore a quello registrato dal totale coltivazioni che pressoché stabile su base congiunturale, ha evidenziato un +0,2% su base tendenziale. 11

12 Fig. 2.7 Indice dei prezzi dei mezzi di produzione della frutta fresca (2000=100) Fig. 2.8 Indice dei prezzi dei mezzi di produzione della frutta fresca (2000=100) Area Mercati Responsabile di redazione: Giovanna Maria Ferrari Redazione a cura di: Mario Schiano lo Moriello, Patrizia Nocella e Antonia Maria Pignataro 12

Il mercato della frutta in Italia. Frutta: Indice dei prezzi all origine (2010=100)

Il mercato della frutta in Italia. Frutta: Indice dei prezzi all origine (2010=100) Il mercato della frutta in Italia Nelle ultime settimane il mercato della frutta è stato contraddistinto dai prodotti tipici del periodo estivo ed in particolare: pesche, nettarine, percoche, albicocche,

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

IL MERCATO DEL MELONE TENDENZE RECENTI. Ismea. a cura di Mario Schiano lo Moriello

IL MERCATO DEL MELONE TENDENZE RECENTI. Ismea. a cura di Mario Schiano lo Moriello IL MERCATO DEL MELONE TENDENZE RECENTI AGGIORNAMENTO PER LA RIUNIONE DEL COMITATO DI PRODOTTO DELL ORGANISMO INTERPROFESSIONALE «ORTOFRUTTA ITALIA» BRESCELLO, 7 SETTEMBRE 2015 a cura di Mario Schiano lo

Dettagli

Il mercato della frutta in Italia

Il mercato della frutta in Italia Il mercato della frutta in Italia Indice dei prezzi all origine Nelle ultime settimane il mercato della frutta è stato caratterizzato dall esordio di prodotti tipici del periodo primaverile ed estivo ed

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale Il commercio con l estero dell Italia: I vini Doc-Docg e PREVISIONI Igt nel 2014 di PRODUZIONE Il commercio con l estero dell Italia 14 aprile 2015 L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro:

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Situazione produttiva e commercio estero dei Paesi del Bacino del Mediterraneo

Situazione produttiva e commercio estero dei Paesi del Bacino del Mediterraneo Situazione produttiva e commercio estero dei Paesi del Bacino del Mediterraneo Tomas Bosi Cesena, 22 settembre 2015 Melone, superfici e produzione Francia Superficie: meno di 15.000 ha Produzione: 280.000

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie Federazione Nazionale Fonderie XXXI Congresso di Fonderia Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro Roma 4-5 Ottobre 2012 PRESIDENTE : Enrico Frigerio 1 La Fonderia in Italia

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME. Patrocinato da SAIE E PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME. Patrocinato da SAIE E PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME Patrocinato da SAIE E PROMOSSO DA FEDERCOSTRUZIONI Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa- ANIMA EXPORT

Dettagli

MERCATO LATTIERO CASEARIO

MERCATO LATTIERO CASEARIO MERCATO LATTIERO CASEARIO Scenario mondiale e nazionale Treviso, 10 giugno 2011 1 LA PRODUZIONE MONDIALE DI LATTE Nel 2010 la produzione mondiale di latte è aumentata, grazie all incremento dell offerta

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche EUROPA Il mercato delle autovetture Aprile 2012 Nell Europa27+EFTA 1 sono state registrate complessivamente 1,06 milioni di vetture nel mese di aprile 2012, con una flessione del 6,5 % rispetto allo stesso

Dettagli

UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4%

UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4% UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4% Unaitalia - l Associazione che rappresenta la quasi totalità delle aziende del comparto

Dettagli

BILANCIO ANNO 2014. MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%)

BILANCIO ANNO 2014. MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%) 01/2015 Mercato Mercati nazionali 5.1.11 di Cosmino Giovanni Basile BILANCIO ANNO 2014 MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%) Nel 2014, il prezzo medio dei suini da industria

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE Sintesi per la stampa Roma, 11 settembre 2014 Sintesi per la Stampa L attività produttiva del settore metalmeccanico, dopo la fase recessiva protrattasi

Dettagli

IL PUNTO SULLA PRODUZIONE DI PROGETTI APPROFONDIMENTI E PROSPETTIVE

IL PUNTO SULLA PRODUZIONE DI PROGETTI APPROFONDIMENTI E PROSPETTIVE CSO - ALBICOCCHE UE / ALBICOCCHE: trend della produzione A livello generale la produzione di albicocche nella UE è sostanzialmente stabile e si aggira, recentemente, sulle 650.000 tonnellate annue ma è

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Le esportazioni di Vicenza e la dinamica del cambio nei mercati del made in Vicenza Tra i primi 20 mercati di destinazione dei prodotti

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

La Lombardia e il commercio internazionale IL SETTORE DELLA MECCANICA. A cura di:

La Lombardia e il commercio internazionale IL SETTORE DELLA MECCANICA. A cura di: La Lombardia e il commercio internazionale IL SETTORE DELLA MECCANICA A cura di: per: Unioncamere Lombardia Informazione economica per lo sviluppo locale Ottobre 2009 ii INDICE Introduzione... 5 1. La

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

IL MERCATO DELLE ARANCE

IL MERCATO DELLE ARANCE IL MERCATO DELLE ARANCE tendenze recenti e dinamiche attese Catania, 11 luglio 2013 QUALI ELEMENTI DI CRITICITÀ dimensione aziendale medio-bassa, impianti poco moderni, problemi fitosanitari (virosi) filiera

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Rapporto n. 485 del 10 Settembre 2010. Osservatorio Economico sulla Patata. Borsa Patate

Rapporto n. 485 del 10 Settembre 2010. Osservatorio Economico sulla Patata. Borsa Patate Rapporto n. 485 del 10 Settembre 2010 Osservatorio Economico sulla Patata Borsa Patate 10 Settembre 2010 b o r s a p a t a t e q u a d r o g e n e r a l e Primi dati da rilevazioni ufficiali da alcuni

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO Maggio 2012 In sintesi Il quadro internazionale dell agricoltura biologica Nel 2010, secondo gli ultimi dati disponibili, l agricoltura biologica a livello mondiale ha sostanzialmente confermato l estensione

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

REPORT IKO 2012. Settembre 2012

REPORT IKO 2012. Settembre 2012 Settembre 2012 L incontro annuale dell IKO (International Kiwifruit Organization) si è tenuto quest anno in California (USA), ad Healdsburg, dal 23 al 25 settembre. Erano presenti le delegazioni di Italia,

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

IN SINTESI. Nel mondo pag.2 In Italia pag.5 IN EVIDENZA. II TRIMESTRE 2012 numero 3/12 06 agosto 2012

IN SINTESI. Nel mondo pag.2 In Italia pag.5 IN EVIDENZA. II TRIMESTRE 2012 numero 3/12 06 agosto 2012 II TRIMESTRE 2012 numero 3/12 06 agosto 2012 IN SINTESI Nel mondo pag.2 In Italia pag.5 Boom delle esportazioni Ue di mele verso i paesi terzi. Nel primo quarto del 2012, sono ammontate a 616mila tonnellate

Dettagli

LA FILATURA ITALIANA NEL 2014-2015

LA FILATURA ITALIANA NEL 2014-2015 LA FILATURA ITALIANA NEL 2014-2015 Nota a cura di: Per: Federazione Tessile e Moda Centro Studi Pitti Immagine 1. Il bilancio settoriale del 2014 Nel 2014, per il terzo anno consecutivo, l industria italiana

Dettagli

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014 Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze Maggio 2014 1 Sommario 1. IL CONSUMO DI VINO 3 2. TENDENZE DEL COMMERCIO MONDIALE DI VINO NEL 2013 6 3. PRINCIPALI ESPORTATORI NEL 2013 8 4. PRINCIPALI IMPORTATORI

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 Trieste, 19 febbraio 2016 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

Rapporto n. 514 del 05 Aprile 2013. B o r s a Patat e

Rapporto n. 514 del 05 Aprile 2013. B o r s a Patat e Rapporto n. 514 del 05 Aprile 2013 O s s e r vat o r i o Economico sull a Patata B o r s a Patat e 05 aprile 2013 Quadro Generale L andamento meteorologico continua ad essere sfavorevole alle coltivazioni

Dettagli

STIMA PRELIMINARE DEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE

STIMA PRELIMINARE DEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE 22 giugno 211 Maggio 211 STIMA PRELIMINARE DEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE A maggio 211 entrambi i flussi commerciali registrano una flessione congiunturale, più marcata per le importazioni (-2,2%) rispetto

Dettagli

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL ARTIGIANATO E LA PICCOLA IMPRESA IN LIGURIA L Osservatorio Congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa in Liguria

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 2. L agricoltura italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, secondo i conti economici dell agricoltura pubblicati da Eurostat, il reddito agricolo italiano

Dettagli

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Gennaio 2010 LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FA- SI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Indice 1. LA DINAMICA DEI PREZZI NELLA

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Ghisa non legata in pani

Ghisa non legata in pani SCHEDA PREZZOMETRO ULISSE Commodity Famiglia: Ghisa Codice Commodity: FIS13R Ghisa non legata in pani Luglio 2015 PER CONOSCERE I MERCATI ESTERI DI VENDITA E DI APPROVVIGIONAMENTO Il Prezzometro Ulisse

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 luglio 2008 1 IL SETTORE DELLA ROBOTICA NEL 2007 1.1 L andamento del settore nel 2007 Il 2007 è stato un anno positivo per

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

Le previsioni di produzione di mele per la stagione 2015/2016

Le previsioni di produzione di mele per la stagione 2015/2016 Le previsioni di produzione di mele per la stagione 2015/2016 - Comunicato stampa di Assomela Giovedì 06 agosto 2015 La situazione nell Unione Europea Come ogni anno, i produttori di mele europei si sono

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali

La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali Il sistema dei viaggi organizzati nel mondo e verso l Italia Il sistema dei

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011 SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE COMUNICATO STAMPA CRESCE DEL 4,3 PER CENTO IL RISPARMIO GESTITO IN IMMOBILI TOTALE MONDIALE A 1.450 MILIARDI DI EURO OBIETTIVO 100 MILIARDI

Dettagli

Il mercato del vino in Germania

Il mercato del vino in Germania Il mercato del vino in Germania Baccelle Enrico Aprile 212 milioni di euro milioni di litri Mercato del vino imbottigliato in Germania (GTI, Istituto Spagnolo Commercio Estero -ICEX-, Euromonitor, Aprile

Dettagli

Nel mondo pag.2 In Italia pag.5

Nel mondo pag.2 In Italia pag.5 TRIMESTRE 20 Numero 2/ 5 agosto 20 IN SINTESI Nel mondo pag.2 In Italia pag.5 Poche le notizie sulla produzione del prossimo autunno. Per adesso solo qualche indicazione che arriva dalla Spagna porterebbe

Dettagli

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo CONGIUNTURA AREA PELLE Servizio Economico 2015 I TRIMESTRE Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo SINTESI MATERIA PRIMA PREZZI L andamento dei listini nel primo trimestre

Dettagli

Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo

Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo Nota congiunturale Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo L indagine congiunturale di previsione per il primo trimestre 2016 di Confindustria Cuneo evidenzia

Dettagli

Il mercato spagnolo del riciclaggio

Il mercato spagnolo del riciclaggio Nota settoriale Il mercato spagnolo del riciclaggio Agenzia ICE Ufficio di Madrid Data di realizzazione: aprile 2013 Agenzia ICE ufficio di Madrid Il settore del riciclaggio 1 CENNI SUL MERCATO SPAGNOLO

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

L internazionalizzazione del trasporto: la posizione dell impresa italiana

L internazionalizzazione del trasporto: la posizione dell impresa italiana FEDERTRASPORTO L internazionalizzazione del trasporto: la posizione dell impresa italiana I dati dell interscambio con l estero e le tendenze delle M&A e degli Accordi sul mercato globale e nazionale DATI

Dettagli

Le esportazioni di Parmigiano-Reggiano nel 2011

Le esportazioni di Parmigiano-Reggiano nel 2011 Le esportazioni di Parmigiano-Reggiano nel 2011 (Elaborazione Si P-R, aggiornamento 17 ottobre 2012) I dati raccolti dai produttori e dalle aziende di confezionamento e commercializzazione inserite nell'elenco

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

IN SINTESI. Nel mondo pag.2 In Italia pag.5 IN EVIDENZA. I TRIMESTRE 2013 numero 2/2013 6 maggio 2013

IN SINTESI. Nel mondo pag.2 In Italia pag.5 IN EVIDENZA. I TRIMESTRE 2013 numero 2/2013 6 maggio 2013 I TRIMESTRE 20 numero 2/20 6 maggio 20 IN SINTESI Nel mondo pag.2 In Italia pag.5 A campagna di raccolta ormai in dirittura di arrivo si confermano le pessimistiche previsini di produzione già formulate

Dettagli

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero (in gestione transitoria - ex Legge 214 del ) Gli imballaggi nel commercio estero Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento

Dettagli

LA MODA FEMMINILE ITALIANA NEL 2014-2015

LA MODA FEMMINILE ITALIANA NEL 2014-2015 LA MODA FEMMINILE ITALIANA NEL 2014-2015 Nota a cura di SMI SISTEMA MODA ITALIA Il commercio con l estero nei primi dieci mesi del 2014 Secondo i dati ISTAT ad oggi disponibili, relativi al periodo gennaio-ottobre

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015 I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO Milano, 6 ottobre 2015 INFORMAZIONI GENERALI Export Il settore agroalimentare ha continuato a registrare negli ultimi anni una costante crescita

Dettagli

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE Mario Schiano lo Moriello Cesena, 7 ottobre 2011 Report Economico Finanziario Gli obiettivi dell analisi ISMEA IPSOA Il REF è

Dettagli

confetra - nota congiunturale sul trasporto merci

confetra - nota congiunturale sul trasporto merci confetra - nota congiunturale sul trasporto merci a cura del Centro Studi Confetra Periodo di osservazione gennaio-dicembre 2002 Anno VI - n 1 febbraio 2003 La nota congiunturale Confetra sul trasporto

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Il mercato tedesco del vino

Il mercato tedesco del vino Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Berlino Nota Settoriale Il mercato tedesco del vino Berlino, marzo 2013 2 INDICE 1. Importanza del mercato

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report I DATI DELLA BANCA D ITALIA CONFERMANO LA SITUAZIONE DI CRITICITA PER IL COMPARTO DELLE COSTRUZIONI. ANCE SALERNO: EDILIZIA, CREDITO SEMPRE DIFFICILE Le sofferenze sui crediti totali

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

L industria alessandrina della gioielleria: il commercio internazionale Osservatorio Internazionale del Distretto di Valenza e del settore orafo Rocco Paradiso Valenza, 31.01.2008 1 Internazionalizzazione.

Dettagli