Procedimento amministrativo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procedimento amministrativo"

Transcript

1 Procedimento amministrativo Una serie di atti e di operazioni preordinati all emanazione di un provvedimento che rappresenta la volontà dell amministrazione a cura di s. reverso 1

2 Il responsabile del procedimento, è la persona fisica cui viene affidata la direzione e la gestione del procedimento amministrativo Artt. 6 Legge 241/90 a cura di s. reverso 2

3 L art. 4 della legge 241/90 fa obbligo alle pubbliche amministrazioni di individuare l unità organizzativa responsabile del procedimento a cura di s. reverso 3

4 Il dirigente di ciascuna unità organizzativa provvede ad assegnare a sé o ad altro dipendente addetto all unità la responsabilità della istruttoria e di ogni altro adempimento inerente il singolo procedimento nonché, eventualmente, dell adozione del provvedimento finale Art. 5 L. 241/1990 a cura di s. reverso 4

5 l'individuazione del responsabile del procedimento, effettuata da ciascuna Pubblica Amministrazione deve essere portata a conoscenza degli interessati mediante forme di pubblicità idonee, stabilite dall'amministrazione medesima art. 8 L. 241/90 a cura di s. reverso 5

6 . nelle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado. l'unità organizzativa responsabile dell'istruttoria e di ogni altro adempimento procedimentale, è l'organo o l'ente stesso Art. 9 D.M , n. 190 a cura di s. reverso 6

7 Il responsabile dell'unità organizzativa può affidare ad altro dipendente addetto all'unità la responsabilità dell'istruttoria e di ogni altro adempimento inerente al singolo procedimento Art. 10 D.M , n. 190 a cura di s. reverso 7

8 La delega deve essere disposta in forma scritta in cui devono essere specificati i poteri conferiti ed i limiti di esercizio della delega stessa a cura di s. reverso 8

9 Il responsabile del procedimento esercita le attribuzioni contemplate dall'art. 6 della legge e dal regolamento e svolge tutti gli altri compiti indicati nelle disposizioni organizzative e di servizio Art. 10 D.M , n. 190 a cura di s. reverso 9

10 Il responsabile del procedimento valuta, ai fini istruttori, le condizioni di ammissibilità, i requisiti di legittimazione ed i presupposti che siano rilevanti per l emanazione di provvedimento Art. 6 L. 241/1990 a cura di s. reverso 10

11 accerta di ufficio i fatti, disponendo il compimento degli atti all uopo necessari, e adotta ogni misura per l adeguato e sollecito svolgimento dell istruttoria a cura di s. reverso 11

12 può chiedere il rilascio di dichiarazioni e la rettifica di dichiarazioni o istanze erronee o incomplete a cura di s. reverso 12

13 può esperire accertamenti tecnici ed ispezioni ed ordinare esibizioni documentali cura le comunicazioni, le pubblicazioni e le notificazioni previste dalle leggi e dai regolamenti a cura di s. reverso 13

14 Il responsabile del procedimento ha il potere di dirigere il procedimento dalla fase iniziale a quella conclusiva al fine di garantire l effettività del risultato e la tempestività dell azione della pubblica amministrazione a cura di s. reverso 14

15 adotta, ove ne abbia la competenza, il provvedimento finale, ovvero trasmette gli atti all organo competente per l adozione a cura di s. reverso 15

16 L organo competente per l adozione del provvedimento finale, ove diverso dal responsabile del procedimento, non può discostarsi dalle risultanze dell istruttoria condotta dal responsabile del procedimento, se non indicandone la motivazione nel provvedimento finale a cura di s. reverso 16

17 Per ogni singolo intervento da realizzarsi mediante un contratto pubblico, le amministrazioni aggiudicatrici nominano un responsabile del procedimento, unico per le fasi della progettazione, dell'affidamento e dell'esecuzione Art. 10 D. L.vo 163/2006 a cura di s. reverso 17

18 le norme relative alla materia del responsabile del procedimento contenute nel D. Lgs. 163/06 costituiscono disciplina speciale e svolgono una funzione integrativa rispetto alla Legge 241/90 a cura di s. reverso 18

19 Il responsabile del procedimento svolge tutti i compiti relativi alle procedure di affidamento dei contratti pubblici, compresi gli affidamenti in economia, e vigila sulla corretta esecuzione dei contratti, che non siano specificamente attribuiti ad altri organi o soggetti a cura di s. reverso 19

20 L incarico di R.U.P. può essere affidato a dipendenti di ruolo in servizio, titolari di posizioni di elevata responsabilità, muniti di poteri organizzativi, di direzione o coordinamento di risorse umane e di adeguata professionalità a cura di s. reverso 20

21 in caso di accertata carenza di una tale figura, il responsabile del procedimento può essere nominato tra gli altri dipendenti in servizio a cura di s. reverso 21

22 Il responsabile del procedimento svolge i propri compiti con il supporto dei dipendenti dell'amministrazione aggiudicatrice a cura di s. reverso 22

23 Il responsabile del procedimento e' un funzionario, anche di qualifica non dirigenziale, dell'amministrazione aggiudicatrice Art. 272 DPR 207/2010 a cura di s. reverso 23

24 Il responsabile del procedimento deve possedere titolo di studio e competenza adeguati in relazione ai compiti per cui è nominato Il regolamento determina i requisiti di professionalità Art. 10 Comma 7 D. L.vo 163/2006 a cura di s. reverso 24

25 Nel caso in cui nessun dipendente in servizio sia in possesso della specifica professionalità necessaria per lo svolgimento della funzione di RUP possono essere affidati a soggetti esterni compiti di supporto all attività del responsabile Art. 10 Comma 7 D. L.vo 163/2006 a cura di s. reverso 25

26 gli esperti esterni devono possedere le specifiche competenze di carattere tecnico, economico finanziario, amministrativo, organizzativo e legale, che abbiano stipulato adeguata polizza assicurativa a copertura dei rischi professionali a cura di s. reverso 26

27 La competenza va intesa non solo in senso tecnico ma anche in senso funzionale e cioè come poteri e funzioni di cui il responsabile del procedimento è titolare nella sua qualità di dipendente a cura di s. reverso 27

28 Il R.U.P., deve essere titolare dei poteri amministrativi necessari per ottemperare alle prescrizioni previste dalla legge per l affidamento di un appalto pubblico a cura di s. reverso 28

29 Se il responsabile del procedimento non avesse la titolarità dei poteri, si troverebbe impossibilitato a prendere le iniziative che l osservanza della legge gli impone a cura di s. reverso 29

30 l atto con il quale un dipendente viene nominato R.U.P. deve contenere la definizione dei poteri necessari per l espletamento dei compiti a cura di s. reverso 30

31 La nomina di R.U.P può prevedere solo funzioni e responsabilità correlate al profilo professionale di appartenenza previste nel contratto nazionale di lavoro a cura di s. reverso 31

32 La responsabilità per mancato adempimento dei compiti può essere addebitata al RUP solo subordinatamente all effettiva titolarità dei relativi poteri amministrativi (sia a rilevanza interna che esterna) a cura di s. reverso 32

33 La responsabilità del R.U.P. può sussistere solo a condizione che: il soggetto possa disporre, con la necessaria autonomia organizzativa, di mezzi e risorse per garantire l adeguata e completa istruttoria a cura di s. reverso 33

34 che abbia il potere di promuovere l iniziativa di altri organi e uffici; che abbia il potere di interagire in nome proprio e nell interesse della stazione appaltante con altre amministrazioni e con i privati coinvolti nel procedimento a cura di s. reverso 34

35 che il dipendente detenga i poteri discrezionali per scegliere le misure più opportune da adottare per garantire il sollecito, corretto e legittimo svolgimento del procedimento a cura di s. reverso 35

36 IL DSGA Svolge attività lavorativa di rilevante complessità ed avente rilevanza esterna a cura di s. reverso 36

37 Sovrintende, con autonomia operativa, ai servizi generali amministrativo-contabili e ne cura l'organizzazione svolgendo funzioni di coordinamento, promozione delle attività e verifica dei risultati conseguiti, rispetto agli obiettivi assegnati al personale ATA, posto alle sue dirette dipendenze a cura di s. reverso 37

38 Organizza autonomamente l attività del personale ATA nell ambito delle direttive del dirigente scolastico a cura di s. reverso 38

39 Svolge con autonomia operativa e responsabilità diretta attività di istruzione, predisposizione e formalizzazione degli atti amministrativi e contabili a cura di s. reverso 39

40 Il personale docente non può svolgere le funzioni di responsabile del procedimento a cura di s. reverso 40

41 Il nominativo del responsabile del procedimento e' indicato nel bando o avviso con cui si indice la gara per l'affidamento di lavori, servizi, forniture nelle procedure in cui non vi sia bando o avviso nell'invito a presentare un'offerta a cura di s. reverso 41

42 Il responsabile del procedimento, nell esercizio delle sue funzioni, ha responsabile amministrativa, civile e penale a cura di s. reverso 42

43 sul piano civilistico, il responsabile del procedimento risponderà, assieme alla P.A. di appartenenza, verso i terzi per i danni ad essi arrecati a causa dell'omesso o ritardato compimento degli atti o delle operazione cui era tenuto per legge o per regolamento a cura di s. reverso 43

44 Sotto il profilo penale il responsabile del procedimento può incorrere nel delitto previsto dall'art. 328 c.p. (rifiuto od omissione di atti di ufficio) a cura di s. reverso 44

45 Responsabilità amministrativa: Disciplinare contabile a cura di s. reverso 45

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno Copia Determinazione del responsabile del 8- Settore Avvocatura e Contenzioso del lavoro Num. determina: 190 Proposta n. 887 del 26/09/2013 Determina generale num.

Dettagli

Il RUOLO DEL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO. Arch. T. Certomà

Il RUOLO DEL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO. Arch. T. Certomà Il RUOLO DEL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO Arch. T. Certomà Per garantire la privacy, è stato impedito il download automatico di questa immagine esterna. Per scaricare e visualizzare l'immagine,

Dettagli

Il Dirigente Scolastico

Il Dirigente Scolastico - Al Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi - Agli atti Oggetto: Direttiva di massima per l a.s. 2016/2017. Il Dirigente Scolastico Viista la Legge 241/90; Visto il DPR 275/1999; Visto l art.

Dettagli

Nella riunione consiliare del 4 giugno 2008 il Consiglio notarile distrettuale ha approvato il seguente regolamento. Art. 1.

Nella riunione consiliare del 4 giugno 2008 il Consiglio notarile distrettuale ha approvato il seguente regolamento. Art. 1. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO NOTARILE DISTRETTUALE DI TRANI SUI TEMPI MASSIMI DI CHIUSURA DEI PROPRI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI IN APPLICAZIONE DELLA L.7 AGOSTO 1990 N.241 Vista la Legge 7 agosto 1990 n.241

Dettagli

IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO dalla l. 241/90 alla l. 15/05 Prof. Alessandra Pioggia (materiale didattico ad esclusivo uso interno) Le innovazioni nella gestione del procedimento I principi generali dell

Dettagli

IL DIRETTORE DELL ESECUZIONE DEL CONTRATTO NEL NUOVO CODICE E NELLE LINEE GUIDA ANAC

IL DIRETTORE DELL ESECUZIONE DEL CONTRATTO NEL NUOVO CODICE E NELLE LINEE GUIDA ANAC IL DIRETTORE DELL ESECUZIONE DEL CONTRATTO NEL NUOVO CODICE E NELLE LINEE GUIDA ANAC Vicenza, 27 ottobre 2016 Appaltiamo s.r.l.s. Dott. Michele Leonardi ART. 10 D.LGS. 163/2006 Per ogni singolo intervento

Dettagli

Il RUOLO DEL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO E LA VALIDAZIONE DEL PROGETTO

Il RUOLO DEL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO E LA VALIDAZIONE DEL PROGETTO Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà Il RUOLO DEL RESPONSABILE

Dettagli

I CANTIERI PER LA RIQUALIFICAZIONE DEGLI OSPEDALI SICUREZZA PER I LAVORATORI E SOSTENIBILITA PER L UTENZA

I CANTIERI PER LA RIQUALIFICAZIONE DEGLI OSPEDALI SICUREZZA PER I LAVORATORI E SOSTENIBILITA PER L UTENZA I CANTIERI PER LA RIQUALIFICAZIONE DEGLI OSPEDALI SICUREZZA PER I LAVORATORI E SOSTENIBILITA PER L UTENZA NEI CONTRATTI DI OPERE E LAVORI PUBBLICI (D.L.gs 163/06 e smi) Art. 10 D.Lgs. 163/06 e smi Responsabile

Dettagli

REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI CAPO I PRINCIPI, OGGETTO E TERMINI

REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI CAPO I PRINCIPI, OGGETTO E TERMINI REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI CAPO I PRINCIPI, OGGETTO E TERMINI Art. 1 (Principi) 1. L Alma Mater Studiorum Università di Bologna (d ora in avanti: Università ) informa la propria attività

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 89 del 29/05/2013

Decreto Dirigenziale n. 89 del 29/05/2013 Decreto Dirigenziale n. 89 del 29/05/2013 A.G.C. 14 Trasporti e viabilità Settore 1 Autolinee e Vie di comunicazione Oggetto dell'atto: SOCIETA' FIREMA TRASPORTI / ANSALDO BREDA. FORNITURA 12 UDT EX SEPSA.

Dettagli

Il Responsabile del procedimento negli appalti di beni e servizi (con particolare riferimento alle Aziende del S.S.N.)

Il Responsabile del procedimento negli appalti di beni e servizi (con particolare riferimento alle Aziende del S.S.N.) Il Responsabile del procedimento negli appalti di beni e servizi (con particolare riferimento alle Aziende del S.S.N.) Autore: Gurrieri Aldo In: Appalti e contratti Premessa L Art. 10/1 comma del D. Lgs.

Dettagli

La competenza nella fase della valutazione delle offerte anomale

La competenza nella fase della valutazione delle offerte anomale La competenza nella fase della valutazione delle offerte anomale Alcune recenti decisioni giudiziali hanno aperto una questione della quale si è, in effetti, fino ad ora poco dibattuto: la competenza nella

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 87 del 29/05/2013

Decreto Dirigenziale n. 87 del 29/05/2013 Decreto Dirigenziale n. 87 del 29/05/2013 A.G.C. 14 Trasporti e viabilità Settore 1 Autolinee e Vie di comunicazione Oggetto dell'atto: SOCIETA' FIREMA TRASPORTI. FORNITURA ELETTROTRENI EX METROCAMPANIA

Dettagli

LE COMPETENZE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO. Nella gestione della scuola

LE COMPETENZE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO. Nella gestione della scuola LE COMPETENZE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Nella gestione della scuola 1 NUOVO PROFILO passaggio dal ruolo direttivo al ruolo dirigenziale ( art. 25 del D. L.vo 165/2001 ) 2 Il Dirigente scolastico : Assicura

Dettagli

DECRETO DEL RESPONSABILE DI AREA AFFARI GENERALI N. 01 DEL 30/09/2014

DECRETO DEL RESPONSABILE DI AREA AFFARI GENERALI N. 01 DEL 30/09/2014 COMUNE DI CASAVATORE Provincia di Napoli DECRETO DEL RESPONSABILE DI AREA AFFARI GENERALI N. 01 DEL 30/09/2014 OGGETTO : Assegnazione di specifiche responsabilità ai dipendenti di ctg. D nell ambito dell

Dettagli

4 SETTORE LAVORI PUBBLICI

4 SETTORE LAVORI PUBBLICI Fasi rilevanti Programmazione dei lavori pubblici Programmazione Possibili eventi Anomalie Tempi di rischiosi significative prevenzione prevenzione attivazione Ricorso ad affidamenti diretti, proroghe,

Dettagli

Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale (sito internet)

Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale (sito internet) Decreto del Direttore amministrativo nr. 6 del 27/01/2017 Proponente: Paola Querci Direzione Amministrativa Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale (sito internet) Visto per la

Dettagli

TABELLA B2 PROCEDIMENTI DI GARA E APPALTI

TABELLA B2 PROCEDIMENTI DI GARA E APPALTI TABELLA B2 PROCEDIMENTI DI GARA E APPALTI Id. proc. Num ero arab o progr essiv o attrib uito al proce dime nto 1 Denominazione procedimento Identificazione sintetica del procedimento Procedure aperte di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL INDIVIDUAZIONE DEI RESPONSABILI DI PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL INDIVIDUAZIONE DEI RESPONSABILI DI PROCEDIMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL INDIVIDUAZIONE DEI RESPONSABILI DI PROCEDIMENTO INDICE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 2 DEFINIZIONE DI RESPONSABILE DI PROCEDIMENTO ART. 3 PARAMETRI DI VALUTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA :

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA : REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA : - DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE INTERNE AI SETTORI - DELLE UNITA ORGANIZZATIVE AUTONOME - DELLE UNITA DI PROGETTO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE Numero: 2018/DD/00524 Del: 23/01/2018 Esecutivo dal: 23/01/2018 Proponente: Direzione Risorse Umane,Posizione Organizzativa (P.O.) Acquisizione Risorse. OGGETTO: Affidamento

Dettagli

COMUNE DI NEGRAR Provincia di Verona

COMUNE DI NEGRAR Provincia di Verona COPIA COMUNE DI NEGRAR Provincia di Verona Area Lavori Pubblici Determinazione Lavori Pubblici/Manutenzione Numero 298 Del 19-12-13 - Reg. Generale 851 Oggetto: Z3F0D088E0 SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, DIREZIONE

Dettagli

SERVIZIO APPALTI E CONTENZIOSO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

SERVIZIO APPALTI E CONTENZIOSO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA SERVIZIO APPALTI E CONTENZIOSO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 807 DEL 30/09/2011 OGGETTO AGGIORNAMENTO DELL'ELENCO DELLE DITTE ISCRITTE ALL'ALBO PER GARE A PROCEDURA RISTRETTA

Dettagli

La Normativa Antiriciclaggio e sulla Trasparenza. I compiti dei Consigli Ordini Forensi Roma 27 maggio 2016

La Normativa Antiriciclaggio e sulla Trasparenza. I compiti dei Consigli Ordini Forensi Roma 27 maggio 2016 Roma 27 maggio 2016 Relatore: Avv. Francesco Tedeschi GENESI Sentenza Corte Cassazione 21226/2011. Natura indiscutibile di Ente Pubblico Non Economico attribuito agli Ordini Professionali Art. 24 L. 247/2012

Dettagli

MAGNIFICA COMUNITA DI FIEMME

MAGNIFICA COMUNITA DI FIEMME MAGNIFICA COMUNITA DI FIEMME C A V A L E S E ORDINAMENTO DEL PERSONALE DIRIGENZIALE DELLA MAGNIFICA COMUNITA DI FIEMME Approvato dal Comun Generale con delibera nr. 4 1/1996 assunta nella seduta del 24

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI SERVIZI E FORNITURE DI IMPORTO INFERIORE ALLA SOGLIA COMUNITARIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI SERVIZI E FORNITURE DI IMPORTO INFERIORE ALLA SOGLIA COMUNITARIA DIREZIONE DIDATTICA STATALE DI MIRANDOLA Via Giolitti,24-41037 Mirandola (MO) Tel: 0535-21034 0535-22568 Fax 0535/21955 MOEE040005@istruzione.it REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI SERVIZI E FORNITURE

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria CRITERI PER LA MOBILITA' VOLONTARIA Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 70 del 13/04/2010 e modificato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 37

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE. (art. 92 comma 5 Decreto Legislativo n. 163/2006)

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE. (art. 92 comma 5 Decreto Legislativo n. 163/2006) REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE (art. 92 comma 5 Decreto Legislativo n. 163/2006) Art. 1 Ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina la ripartizione degli

Dettagli

seguito Autorità), adottato con Deliberazione n del 26 novembre 2014; Art. 1 (Ambito di applicazione)

seguito Autorità), adottato con Deliberazione n del 26 novembre 2014; Art. 1 (Ambito di applicazione) REGOLAMENTO SULL ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA COLLABORATIVA IN MATERIA DI CONTRATTI PUBBLICI L AUTORITA VISTO il decreto legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito con modificazioni dalla legge 11

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento ed ambito di applicazione 1. Art. 2 Normativa di riferimento

Art. 1 Oggetto del regolamento ed ambito di applicazione 1. Art. 2 Normativa di riferimento Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria, ai sensi dell articolo 36, comma 8 del d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50.

Dettagli

Comune di Sammichele di Bari Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DELL INDENNITÀ PER SPECIFICHE RESPONSABILITÀ

Comune di Sammichele di Bari Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DELL INDENNITÀ PER SPECIFICHE RESPONSABILITÀ Comune di Sammichele di Bari Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DELL INDENNITÀ PER SPECIFICHE RESPONSABILITÀ Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 203 del 01/10/2014 1 INDICE

Dettagli

Infografica I compiti del Rup secondo il nuovo Codice appalti in 8 step!

Infografica I compiti del Rup secondo il nuovo Codice appalti in 8 step! Infografica I compiti del Rup secondo il nuovo Codice appalti in 8 step! Compiti del Rup, verifiche e controlli durante l esecuzione secondo il nuovo Codice appalti. Ecco tutto quello che occorre sapere

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI BELLINZAGO NOVARESE ORIGINALE DELIBERAZIONE N. 147 DEL 27.12.2016 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO : ATTIVAZIONE SERVIZI DI SUPPORTO AL RUP - ATTO DI INDIRIZZO. L anno duemilasedici,

Dettagli

COMUNE DI GAVARDO PROVINCIA DI BRESCIA. Telefax 0365/ Part.IVA

COMUNE DI GAVARDO PROVINCIA DI BRESCIA. Telefax 0365/ Part.IVA COMUNE DI GAVARDO PROVINCIA DI BRESCIA Tel. 0365/377411 Cod.fisc.00647290170 Telefax 0365/377417 Part.IVA 00574320982 E-mail: protocollo@pec.comune.gavardo.bs.it ORIGINALE N. 9/2014/Reg.Decr. Gavardo lì,

Dettagli

Il responsabile del procedimento

Il responsabile del procedimento Appalti pubblici di servizi e forniture Il responsabile del procedimento U.d.D. Sez. Bologna 13.06.2011 Elena Bortolotti 1 Responsabile unico del procedimento Le fasi in cui si articola ogni singola acquisizione

Dettagli

CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA TRA I COMUNI DI UMBERTIDE MONTONE LISCIANO NICCONE

CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA TRA I COMUNI DI UMBERTIDE MONTONE LISCIANO NICCONE CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA TRA I COMUNI DI UMBERTIDE MONTONE LISCIANO NICCONE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE Centrale Unica di Committenza tra i Comuni di Umbertide, Montone, Lisciano Niccone Determinazione

Dettagli

ANALISI DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO ANALISI SECONDO LA MATRICE PROBABILITA - IMPATTO

ANALISI DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO ANALISI SECONDO LA MATRICE PROBABILITA - IMPATTO ANALISI DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO ANALISI SECONDO LA MATRICE PROBABILITA - IMPATTO MACRO AREA A. Formazione professionale continua Processi Referente Fattori di Misure di prevenzione Probabilità Impatto

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA. Delibera del Direttore Generale n. 979 del 07/08/2017

REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA. Delibera del Direttore Generale n. 979 del 07/08/2017 Delibera del Direttore Generale n. 979 del 07/08/2017 OGGETTO: Procedura aperta ai sensi degli artt. 60 e 95, c. 3, l. b), del D.lgs. n. 50/2016 e s.m.i., da affidare con il criterio dell'offerta economicamente

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA A SCOMPUTO

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA A SCOMPUTO COMUNE DI PARMA DISCIPLINA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA A SCOMPUTO Approvata con deliberazione di Giunta comunale n. 357/19 in data

Dettagli

Art. 1. Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità

Art. 1. Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità Art. 1 Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità Il presente regolamento disciplina i criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi di

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE COMUNE DI SAN MARCELLINO. Provincia di Caserta INCARICO PROFESSIONALE DI SUPPORTO AL R.U.P.

SCHEMA DI CONVENZIONE COMUNE DI SAN MARCELLINO. Provincia di Caserta INCARICO PROFESSIONALE DI SUPPORTO AL R.U.P. SCHEMA DI CONVENZIONE COMUNE DI SAN MARCELLINO Provincia di Caserta INCARICO PROFESSIONALE DI SUPPORTO AL R.U.P. PER LA FORMAZIONE DEL PIANO URBANISTICO COMUNALE E PER L ATTUAZIONE DEL PIANO COMUNALE DI

Dettagli

DI ACI SPORT SPA DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE ESTERNA. Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10 febbraio 2014

DI ACI SPORT SPA DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE ESTERNA. Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10 febbraio 2014 ll REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER IL CONFERIMENTO DA PARTE DI ACI SPORT SPA DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE ESTERNA Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10 febbraio 2014 1

Dettagli

Al servizio di gente unica

Al servizio di gente unica Al servizio di gente unica IL CODICE DEGLI APPALTI ALLA LUCE DEL DECRETO CORRETTIVO L affidamento dei servizi di architettura e ingegneria secondo il D.Lgs. 50/2016 e le Linee Guida ANAC Udine, IL RUOLO

Dettagli

CITTA DI CORLEONE Provincia di Palermo Ufficio Tecnico - V Settore - Servizio LL.PP.

CITTA DI CORLEONE Provincia di Palermo Ufficio Tecnico - V Settore - Servizio LL.PP. CITTA DI CORLEONE Provincia di Palermo Ufficio Tecnico - V Settore - Servizio LL.PP. TRASPARENZA VALUTAZIONE E MERITO Art. 35 del 33 del 14/03/13 PERIODO DI RIFERIMENTO ANNO 13 N PROCEDIMENTO UNITA ORGANIZZATIVA

Dettagli

Responsabile del procedimento: Il Funzionario Amministrativo Dott.ssa Nicoletta Mangiapane

Responsabile del procedimento: Il Funzionario Amministrativo Dott.ssa Nicoletta Mangiapane COMUNE DI PALERMO SEGRETERIA GENERALE Ufficio di Staff del Segretario Generale Piazza Pretoria n. 1 Palermo Tel:091/7402354 fax:091/7402478 e-mail:segretariogenerale@comune.palermo Palermo 18/03/2016 prot.

Dettagli

Articolo 1. Oggetto. Articolo 2. Presupposti giuridici

Articolo 1. Oggetto. Articolo 2. Presupposti giuridici Allegato alla delibera G.C.n.85/2008 Approvazione limiti, criteri e modalità per l affidamento di incarichi di collaborazioni di studio, di ricerca e di consulenza a soggetti estranei all amministrazione.

Dettagli

DIRETTIVA IN MATERIA DI MODALITA DI PUBBLICAZIONE E DI ACCESSO ALLA BANCA DATI DEGLI ATTI AMMINISTRATIVI DELL IRPET

DIRETTIVA IN MATERIA DI MODALITA DI PUBBLICAZIONE E DI ACCESSO ALLA BANCA DATI DEGLI ATTI AMMINISTRATIVI DELL IRPET Allegato alla determinazione del Direttore n. 44 del 25.8.2008 DIRETTIVA IN MATERIA DI MODALITA DI PUBBLICAZIONE E DI ACCESSO ALLA BANCA DATI DEGLI ATTI AMMINISTRATIVI DELL IRPET Art. 1 La banca dati degli

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ATS- AREA SOCIO SANITARIA LOCALE CAGLIARI

SERVIZIO SANITARIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ATS- AREA SOCIO SANITARIA LOCALE CAGLIARI SERVIZIO SANITARIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ATS- AREA SOCIO SANITARIA LOCALE CAGLIARI..DI DETERMINAZIONE DIRETTORE ASSL Cagliari N DET8-2017-759 DEL 29/09/2017 Dott. Paolo Tecleme (firma digitale

Dettagli

SETTORE VI FINANZE E PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DETERMINAZIONE

SETTORE VI FINANZE E PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DETERMINAZIONE SETTORE VI FINANZE E PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DETERMINAZIONE Oggetto: Rinnovo alla dipendente a tempo indeterminato dott.ssa Francesca De Biasio - funzionario amministrativo contabile (categoria D) dell'incarico

Dettagli

INDICE. Schemi. Prefazione... p. XV

INDICE. Schemi. Prefazione... p. XV Prefazione... Schemi p. XV 1 La nozione di procedimento amministrativo... 3 2A I principi generali del procedimento amministrativo (art. 1)... 4 2B I principi sovranazionali... 5 2C I principi della C.E.D.U....

Dettagli

Città di Nichelino Provincia di Torino AREA TUTELA DEL CITTADINO, PROGR. FINANZ. E CONTROLLO DELLE ENTRATE. Polizia Locale.

Città di Nichelino Provincia di Torino AREA TUTELA DEL CITTADINO, PROGR. FINANZ. E CONTROLLO DELLE ENTRATE. Polizia Locale. Città di Nichelino Provincia di Torino AREA TUTELA DEL CITTADINO, PROGR. FINANZ. E CONTROLLO DELLE ENTRATE Polizia Locale Codice 36 Determinazione N 1064 del 31/12/2016 OGGETTO: Approvazione avviso pubblico

Dettagli

COMUNE DI MONTECICCARDO Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI MONTECICCARDO Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI MONTECICCARDO Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione di C.C. n. del 1 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art.

Dettagli

ATTO DI INVITO E DIFFIDA. L Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di

ATTO DI INVITO E DIFFIDA. L Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Prot. 1339/F1 Salerno, 29/11/2010 Trasmissione a mezzo fax Al n. 0828/974798 AL RESPONSABILE DELL AREA TECNICA DEL COMUNE DI SERRE AL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO ATTO DI INVITO E DIFFIDA L Ordine

Dettagli

REGOLAMENTO Disciplina per il conferimento di incarichi professionali ad esperti esterni all amministrazione

REGOLAMENTO Disciplina per il conferimento di incarichi professionali ad esperti esterni all amministrazione REGOLAMENTO Disciplina per il conferimento di incarichi professionali ad esperti esterni all amministrazione Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.216 del 13.10.2009 Art.1 (Oggetto, finalità,

Dettagli

Provincia di Verbania

Provincia di Verbania C O M U N E D I A R I Z Z A N O Provincia di Verbania D E T E R M I N A N. 105/U.T. DEL 26/09/2016 Oggetto: Affidamento di incarico professionale all Arch. Autilio D Andria di Verbania per Servizi di Supporto

Dettagli

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del 9.4.2003 CUP D41H16000030005 - CIG 66356675A2 SERVIZI L appalto rientra nel campo di applicazione

Dettagli

C I T T A D I A R I C C I A (CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE ) IL DIRIGENTE DELL AREA I ^

C I T T A D I A R I C C I A (CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE ) IL DIRIGENTE DELL AREA I ^ C I T T A D I A R I C C I A (CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE ) IL DIRIGENTE DELL AREA I ^ AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI ESPERTO A MMINISTRATIVO - CAT. C - A TEMPO

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA area manutenzione patrimonio edilizio e rete viaria provinciale Il Coordinatore

PROVINCIA DI VERONA area manutenzione patrimonio edilizio e rete viaria provinciale Il Coordinatore area manutenzione patrimonio edilizio e rete viaria provinciale Verona 20.04.2015 Pagina 1/3 Al responsabile del procedimento Maurizio Cason e per conoscenza alla p.o. del servizio edilizia Massimo Seneci

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STABIAE - SALVATI

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STABIAE - SALVATI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STABIAE - SALVATI VIA NOCERA, 85-80053 CASTELLAMMARE DI STABIA Codice meccanografico NAMM0AF00G Telefono 081.8711292 Fax 081.3903681 E-mail NAMM0AF00G@istruzione.it PEC

Dettagli

REGOLAMENTO n. 7del del 2 dicembre L IVASS (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni)

REGOLAMENTO n. 7del del 2 dicembre L IVASS (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni) REGOLAMENTO n. 7del del 2 dicembre 2014 REGOLAMENTO CONCERNENTE L INDIVIDUAZIONE DEI TERMINI E DELLE UNITÀ ORGANIZZATIVE RESPONSABILI DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DELL IVASS, AI SENSI DEGLI ARTICOLI

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana ORIGINALE Registro Generale n. 348 DETERMINAZIONE AREA AMMINISTRAZIONE E RISORSE UMANE n. 230 del 06/12/2017 OGGETTO: AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI SECURITY ASSESSMENT E GAP ANALYSIS ALLA DITTA SI.NET SERVIZI

Dettagli

UNIVERSITÀ DI FOGGIA. Cap FOGGIA - Via Gramsci Tel fax

UNIVERSITÀ DI FOGGIA. Cap FOGGIA - Via Gramsci Tel fax UNIVERSITÀ DI FOGGIA Cap 71100 FOGGIA - Via Gramsci 89-91 Tel. 0881 338331 - fax. 0881 338544 c.fiore@unifg.it Prot. n. 12727 I/9 Rep. Albo Ufficiale d Ateneo n. 222/2013 Foggia, 16/05/2013 BANDO DI GARA

Dettagli

COMUNE DI MODENA SETTORE LAVORI PUBBLICI PATRIMONIO E MANUTENZIONE URBANA ********* DETERMINAZIONE n. 2641/2017 del 07/12/2017

COMUNE DI MODENA SETTORE LAVORI PUBBLICI PATRIMONIO E MANUTENZIONE URBANA ********* DETERMINAZIONE n. 2641/2017 del 07/12/2017 COMUNE DI MODENA SETTORE LAVORI PUBBLICI PATRIMONIO E MANUTENZIONE URBANA Proposta n. 3455/2017 Esecutiva dal 07/12/2017 Protocollo n. 186387 del 07/12/2017 ********* DETERMINAZIONE n. 2641/2017 del 07/12/2017

Dettagli

Determinazione del Dirigente Scolastico. (Art. 11 del D. Lgs 163/2006) N del 4/11/2014

Determinazione del Dirigente Scolastico. (Art. 11 del D. Lgs 163/2006) N del 4/11/2014 Determinazione del Dirigente Scolastico (Art. 11 del D. Lgs 163/2006) N. 9450 del 4/11/2014 DETERMINA A CONTRARRE MEDIANTE PROCEDURA APERTA APPALTO INTEGRATO, AI SENSI DELL'ART. 168 DEL DPR 5/10/2010,

Dettagli

Comune di Siena DIREZIONE TERRITORIO

Comune di Siena DIREZIONE TERRITORIO Comune di Siena DIREZIONE TERRITORIO ATTO DIRIGENZIALE N 1903 DEL04/12/2015 OGGETTO: GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO AMMINISTRATIVO, ECONOMICO E LEGALE AL COMUNE DI SIENA AI FINI

Dettagli

DETERMINAZIONE N DEL 02/11/2016

DETERMINAZIONE N DEL 02/11/2016 Pratica n. 1390/2016 Settore 09 - Lavori Pubblici - Espropri - Demanio - Servizi Tecnici Servizio Affari Generali Lavori Pubblici, Ufficio Espropri ed Attività Amministrativa Dirigente: Resp. del Procedimento

Dettagli

Il Direttore Area Divisione servizi, beni economali e arredi

Il Direttore Area Divisione servizi, beni economali e arredi Il Direttore Area Divisione servizi, beni economali e arredi Su proposta del Direttore U.O.C Acquisizioni Economali e Arredi, Dott. Antonio Riccò, Dirigente proponente che con riferimento alla procedura

Dettagli

COMUNE DI PONZANO VENETO Provincia di Treviso

COMUNE DI PONZANO VENETO Provincia di Treviso COMUNE DI PONZANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER L AUTENTICAZIONE DI FIRME A DOMICILIO (Approvato con deliberazione di C.C. n. 8 del 27.02.1997) Art. 1 Finalità del regolamento 1. Il presente

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O A v v. A l e s s a n d r o S C I O L L A A v v. S e r g i o V I A L E

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O A v v. A l e s s a n d r o S C I O L L A A v v. S e r g i o V I A L E S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O A v v. A l e s s a n d r o S C I O L L A A v v. S e r g i o V I A L E C orso Monte vecchio n. 68-10129 TORINO T el. 011-5 80.85.80 - Fax: 011-50.17.44 Avviso di

Dettagli

IL NUOVO CODICE DEI CONTRATTI E L ESECUZIONE DEI CONTRATTI

IL NUOVO CODICE DEI CONTRATTI E L ESECUZIONE DEI CONTRATTI IL NUOVO CODICE DEI CONTRATTI Il nuovo codice dei contratti e l esecuzione dei contratti 2 dicembre 2016 Claudio Lucidi E L ESECUZIONE DEI CONTRATTI LUCIDI CLAUDIO LEGGE 28 gennaio 2016, n. 11 Deleghe

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (emanato con D.R. n. 699-2016, prot. n. 15950 I/13 del 30.05.2016) I termini relativi a persone che, nel presente

Dettagli

Tel.: Fax AREA TECNICA SETTORE AMBIENTE AVVISO PUBBLICO

Tel.: Fax AREA TECNICA SETTORE AMBIENTE AVVISO PUBBLICO C O M U N E D I G R I C I G N A N O D I A V E R S A P r o v i n c i a d i C a s e r t a Piazza Municipio, 17-81030 Gricignano di Aversa Tel.: 0815026513-0815026514 - Fax 0815026513 AREA TECNICA SETTORE

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI PISTOIA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI PISTOIA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI PISTOIA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI INDIVIDUALI CON CONTRATTI DI LAVORO AUTONOMO, DI NATURA OCCASIONALE O COORDINATA E CONTINUATIVA

Dettagli

Comune di Morsano al Tagliamento Provincia di Pordenone

Comune di Morsano al Tagliamento Provincia di Pordenone Comune di Morsano al Tagliamento Provincia di Pordenone Determinazione nr. 172 Del 11/08/2016 AREA GESTIONE DEL TERRITORIO OGGETTO: APPALTO PER LA FORNITURA DI N.RO 1 TRATTORE, 4 RUOTE MOTRICI DELLA POTENZA

Dettagli

COMUNE DI VICO DEL GARGANO (Provincia di Foggia)

COMUNE DI VICO DEL GARGANO (Provincia di Foggia) COMUNE DI VICO DEL GARGANO (Provincia di Foggia) www.comune.vicodelgargano.fg.it segreteria@comune.vicodelgargano.fg.it Pec vicodelgargano@postecert.it 1 Settore - Affari Generali REG. GEN. N.537 del 08.09.2016

Dettagli

CITTA di GARLASCO Provincia di Pavia. AREA FINANZIARIA Servizio Gestione Risorse Umane

CITTA di GARLASCO Provincia di Pavia. AREA FINANZIARIA Servizio Gestione Risorse Umane CITTA di GARLASCO Provincia di Pavia AREA FINANZIARIA Servizio Gestione Risorse Umane REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI INDIVIDUALI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA (Art. 3, commi 54, 55, 56 e 57 della

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Scuola Politecnica e delle Scienze di Base AREA DIDATTICA SCIENZE MFN A V V I S O

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Scuola Politecnica e delle Scienze di Base AREA DIDATTICA SCIENZE MFN A V V I S O UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Scuola Politecnica e delle Scienze di Base AREA DIDATTICA SCIENZE MFN A V V I S O Si rende noto che questa Scuola, per le esigenze didattiche dei TIROCINI FORMATIVI

Dettagli

COMUNE DI GROTTERIA - Provincia di Reggio Calabria -

COMUNE DI GROTTERIA - Provincia di Reggio Calabria - COMUNE DI GROTTERIA - Provincia di Reggio Calabria - Prot. n. 1459 del 09.03.2015 Ai Responsabili di Servizio E p.c. Al Sindaco Al Revisore dei Conti All Organismo Indipendente di Valutazione Direttiva

Dettagli

COMUNE DI FORIO Provincia di Napoli Stazione di cura, soggiorno e turismo estiva ed invernale Polizia Municipale 6 Settore

COMUNE DI FORIO Provincia di Napoli Stazione di cura, soggiorno e turismo estiva ed invernale Polizia Municipale 6 Settore AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO Oggetto: Avviso di indagine di mercato per la procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando ai sensi dell art. 36, comma 2, lett. b), e art. 63, mediante il criterio

Dettagli

ATTO DIRIGENZIALE ORIGINALE. Privacy No Pubblicazione integrale Si No. N. _514 di repertorio 01/07/2011 Codice Cifra 064/DIR/2011/0514

ATTO DIRIGENZIALE ORIGINALE. Privacy No Pubblicazione integrale Si No. N. _514 di repertorio 01/07/2011 Codice Cifra 064/DIR/2011/0514 REGIONE PUGLIA Area Politiche per la Riqualificazione, la Tutela e la Sicurezza Ambientale e per l Attuazione delle Opere Pubbliche Servizio Lavori Pubblici ATTO DIRIGENZIALE ORIGINALE Codifica adempimenti

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI DETERMINAZIONE n. 5 del 23 gennaio 2018 Struttura proponente: Servizio Idrico Integrato Oggetto: Nomina commissione giudicatrice

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FUNZIONAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI PER L'UTILIZZAZIONE DEL FONDO DI CUI ALL'ART. 113 d.lgs 50/2016. Approvato con Deliberazione

Dettagli

L affidamento può essere a titolo gratuito od oneroso per i professori di I e II fascia, sarà obbligatoriamente a titolo oneroso per i ricercatori.

L affidamento può essere a titolo gratuito od oneroso per i professori di I e II fascia, sarà obbligatoriamente a titolo oneroso per i ricercatori. Dipartimento di Scienze Regolamento per il conferimento di incarichi d insegnamento e di didattica integrativa ai sensi della legge 30 dicembre 2010 n. 240 per i Corsi di Studio approvato dal Consiglio

Dettagli

COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese

COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Giugno 2016 Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 28 luglio

Dettagli

Italia-Assago: Lavori di rifacimento di manto stradale 2013/S Bando di gara. Lavori

Italia-Assago: Lavori di rifacimento di manto stradale 2013/S Bando di gara. Lavori 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:439805-2013:text:it:html Italia-Assago: Lavori di rifacimento di manto stradale 2013/S 251-439805 Bando di gara Lavori Direttiva 2004/18/CE

Dettagli

C E N T R A L E U N I C A D I C O M M I T T E N Z A

C E N T R A L E U N I C A D I C O M M I T T E N Z A AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L'INDIVIDUAZIONE DELLE DITTE DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA PUBBLICAZIONE DI BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI DI STRALCIO PER RIQUALIFICAZIONE E

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI Delibera C.d. I del 01.03.2016 n. 16 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI SERVIZI E FORNITURE Redatto ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs 12 aprile 2006, n. 163 Codice

Dettagli

PROVINCIA DI PESCARA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SETTORE SETTORE VI - CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE.

PROVINCIA DI PESCARA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SETTORE SETTORE VI - CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE. CITTA' DI SPOLTORE PROVINCIA DI PESCARA SEGRETERIA GENERALE Registro Generale delle Determinazioni N. 1 del 01/01/2014 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SETTORE SETTORE VI - CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO

Dettagli

Il nuovo Codice dei Contratti la scelta del Governo

Il nuovo Codice dei Contratti la scelta del Governo Questa scelta non ha dato luogo ad un corpus iuris organizzato qualificabile come un vero e proprio testo unico Il nuovo Codice dei Contratti la scelta del Governo Recepimento delle Direttive Europee 23,

Dettagli

Regolamento per il conferimento di incarichi di collaborazione esterna

Regolamento per il conferimento di incarichi di collaborazione esterna Regolamento per il conferimento di incarichi di collaborazione esterna GESEM SRL Regolamento per il conferimento di incarichi di collaborazione esterna GeSeM Srl Sede Legale: Piazza Cinque Giornate, 20

Dettagli

Con riferimento poi, al punto 2) del quesito posto, si conferma che, come prescritto all'art 8.1.b

Con riferimento poi, al punto 2) del quesito posto, si conferma che, come prescritto all'art 8.1.b GARA CIG : 6628948CEE RISPOSTE AI QUESITI QUESITO N. 1 si chiedono due chiarimenti in merito ai requisiti minimi di capacità economico finanziaria di cui al Punto XII. Lettera b) del Bando di Gara. 1)

Dettagli

Il Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 novembre 1993 Regolamento interno del Consiglio dei Ministri (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 15 novembre 1993, n. 268.) ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Piano triennale della Trasparenza e Integrità (P.T.T.I.)

Piano triennale della Trasparenza e Integrità (P.T.T.I.) MANTOVA ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Piano triennale della Trasparenza e Integrità (P.T.T.I.) Anni 2015-2017 Predisposto dal Responsabile per la trasparenza Dott. Andrea

Dettagli

IL RUOLO DEGLI INGEGNERI E DEGLI ARCHITETTI NELL AMBITO DEI LAVORI PUBBLICI

IL RUOLO DEGLI INGEGNERI E DEGLI ARCHITETTI NELL AMBITO DEI LAVORI PUBBLICI CONVEGNO IL RUOLO DEGLI INGEGNERI E DEGLI ARCHITETTI NELL AMBITO DEI LAVORI PUBBLICI Luci e ombre nel nuovo quadro normativo Torino, 1 giugno 2012 Responsabilità nell esecuzione esecuzione dei servizi

Dettagli

STAZIONE UNICA APPALTANTE CISTERNA DI LATINA SEZZE SERMONETA - CORI (articolo 30 D. Lgs. 30 agosto 2000 n. 267)

STAZIONE UNICA APPALTANTE CISTERNA DI LATINA SEZZE SERMONETA - CORI (articolo 30 D. Lgs. 30 agosto 2000 n. 267) STAZIONE UNICA APPALTANTE (articolo 30 D. Lgs. 30 agosto 2000 n. 267) COPIA DETERMINAZIONE STAZIONE UNICA APPALTANTE N 6 del 12-04-2018 CIG: 7392696703 Oggetto: Comune di Cisterna di Latina: gara aperta

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 546 del O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 546 del O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 546 del 20-7-2016 O G G E T T O Criteri per la nomina dei componenti delle commissioni giudicatrici nelle procedure

Dettagli

REGOLAMENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

REGOLAMENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Allegato A Comune di Petrosino (Libero Consorzio Comunale di Trapani) V SETTORE REGOLAMENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Articolo 1 - Oggetto Il presente regolamento, nell'ambito dell'ordinamento generale

Dettagli

ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI PADOVA

ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI PADOVA ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEGLI ARTT. 2 E 4 DELLA LEGGE 7 AGOSTO 1990 n. 241 COME MODIFICATA E INTEGRATA DALLA LEGGE 11 FEBBRAIO

Dettagli

Responsabile per la trasparenza e piano triennale per la prevenzione della corruzione. a cura di prof. avv. Pierluigi Mantini

Responsabile per la trasparenza e piano triennale per la prevenzione della corruzione. a cura di prof. avv. Pierluigi Mantini Responsabile per la trasparenza e piano triennale per la prevenzione della corruzione a cura di prof. avv. Pierluigi Mantini Principali novità d. lgs. 97/2016 disciplina le funzioni dei diversi soggetti

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE INDICE

PROVINCIA DI UDINE INDICE PROVINCIA DI UDINE Regolamento provinciale per la concessione dei contributi e l attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati Testo modificato dal Consiglio

Dettagli