VADEMECUM DELLA GARANZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VADEMECUM DELLA GARANZIA"

Transcript

1 VADEMECUM DELLA GARANZIA Il contributo sul tema della garanzia è rappresentato da: - una relazione del nostro consulente Avv. Roberto Spreafico Studio legale Spreafico - un estratto da Il Sole 24 Ore del 22 novembre indirizzi utili per approfondimenti: o su una guida alla garanzia e il modello per le segnalazioni; o Autorità garante della concorrenza e del mercato P. zza Verdi, 6/a Roma, numero verde (lun. ven ), fax: 06/ ; o Su una guida alle garanzie post vendita. Il progetto è finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico e realizzato da sei associazioni: Assoutenti, Cittadinanzattiva, Confconsumatori, Movimento Consumatori, Movimento difesa del cittadino, Unione Nazionale Consumatori.

2 A cura del nostro consulente Avv. Roberto Spreafico Studio Legale Spreafico LA GARANZIA BIENNALE DEL CONSUMATORE E LA SUA APPLICAZIONE NEI RAPPORTI TRA DEALER E PRODUTTORE (IL DIRITTO DI REGRESSO) 1. Introduzione; 2. La normativa in materia di garanzia. 3 Le condizioni: 3.1 i soggetti, 3.2 i contratti, 3.3 il bene di consumo e le esclusioni. 4. La non conformità. 5 I termini. 6. I rimedi per il consumatore. 7. Il diritto di regresso del dealer nei confronti di produttore e distributore: 7.1 La legittimazione passiva, 7.2 L oggetto dell azione di regresso, 7.3 Il termine per l esercizio dell azione di regresso, 7.4 La derogabilità. 1. Introduzione: Il D. Lgs. N. 24/2002 ha stabilito l obbligo di assicurare al consumatore una garanzia biennale sui prodotti ceduti allo stesso consumatore. Ma quali sono le condizioni per l applicazione di tale garanzia e tale garanzia può essere utilizzata anche nei rapporti tra dealer e produttore / distributore? E cosa succede se la merce acquistata dal dealer rimane in deposito per alcuni mesi e poi viene ceduta al cliente finale: da quando decorreranno i due anni e per quali soggetti? A queste ed altre domande cercheremo di dare una risposta in questo breve scritto, senza ovviamente pretendere di affrontare in modo esaustivo tutte le problematiche inerenti l applicazione del Decreto La Normativa in materia di garanzia. Le norme contenute in questo paragrafo sono state introdotte con il D.lgs , n. 24, con il quale il legislatore italiano ha dato attuazione alla direttiva della Comunità Europea 1999/44. Questa disciplina, insieme ad altre, rientra a pieno titolo in quello che viene definito diritto europeo del consumatore, intendendosi in tal modo quell insieme di norme di origine perlopiù comunitaria teso a tutelare il consumatore, considerato soggetto debole. 2 1 Non verranno affrontate in questo scritto le problematiche di diritto internazionale privato e quelle relative alla garanzia convenzionale aggiuntiva di cui all art septies. La garanzia convenzionale è definibile come quella ulteriore garanzia che preveda l obbligo del venditore o del produttore verso l'acquirente a rimborsare il prezzo pagato o sostituire il bene o ripararlo o eseguire qualsivoglia altra operazione idonea a ripristinare la funzionalità del bene, per il caso in cui il bene concretamente consegnato non sia rispondente a quanto era stato dichiarato nel contratto o nella dichiarazione di garanzia o, ancora, nelle relative pubblicità G. Bonilini, Commentario al codice civile. 2 La discussione sulla debolezza del consumatore quale elemento che giustifica un intervento protettivo è in realtà molto più complessa, essendo parte della dottrina arrivata a sostenere che al consumatore debbano

3 La scelta del legislatore italiano è stata quella di non emanare una Legge speciale, ma di aggiungere 8 nuovi articoli nel codice civile, rubricati all interno della Vendita di cose mobili con numerazione dal 519-bis al 519-novies. Nessun intervento è stato, però, eseguito sulle vecchie norme relative alla garanzia per vizi (artt e 1497 cc), lasciando qualche dubbio su un eventuale abrogazione tacita di tali norme. 3. Le condizioni: a) i soggetti; b) i contratti; c) il bene di consumo e le esclusioni Ma cosa dice in sintesi tale norma? La stessa prevede la possibilità per il consumatore-acquirente che abbia ricevuto dal venditore professionista un bene di consumo non conforme al contratto di chiedere alcuni rimedi. In sostanza se il venditore professionista consegna al consumatore acquirente un bene non conforme, allora il consumatore può chiedere la riparazione o la sostituzione o la riduzione del prezzo o la risoluzione del rapporto. Tale tutela del consumatore non può, inoltre, essere preventivamente fatta oggetto di rinuncia (l eventuale patto sarebbe nullo). Esaminiamo ora nel dettaglio tutti gli elementi sopra descritti. 3.1 L acquirente consumatore: La garanzia biennale è stabilita solo a favore di consumatori, cioè clienti finali che agiscano al di fuori della propria attività imprenditoriale o professionale 3. La garanzia biennale non potrà mai, quindi, valere a favore di aziende o professionisti. E importante sottolineare che lo stesso soggetto persona fisica potrebbe agire in talune occasioni in veste di consumatore in altre in veste di professionista. Così se acquisto un pc da utilizzare nel mio studio starò agendo in veste di professionista e non avrò diritto alla garanzia biennale; se invece acquistassi lo stesso pc per utilizzarlo a casa per attività extra professionali avrei diritto alla garanzia biennale, agendo quale consumatore A quali contratti si applica essere equiparati ad es. l artigiano o il piccolo imprenditore rispetto alla media e grande impresa. Tale condivisibile opinione non ha avuto purtroppo alcun riconoscimento giurisprudenziale, almeno finora. In tal senso si richiama la pronuncia della Corte Costituzionale (Ord n. 469). 3 L art. 519 bis definisce consumatore qualsiasi persona fisica che, nei contratti di cui al comma primo, agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta. 4 Ovviamente questo potrà comportare qualche problema di qualificazione dell acquisto, anche se nel primo caso suindicato avrò richiesto al venditore la fattura per poter scaricare l acquisto. In alcuni contratti standard viene spesso inserita una clausola dove viene specificato che l acquisto viene effettuato per fini professionali: ovviamente conterà la situazione reale, rispetto a quanto indicato, magari simulatamene, nel contratto.

4 Tale disciplina si applica innanzitutto ai contratti di vendita 5. L art bis la estende esplicitamente anche ad altri contratti, che ai fini della applicazione della presente disciplina, vengono assimilati alla vendita: si tratta dei casi di permuta, somministrazione, appalto e contratto d'opera. Viene, inoltre specificato che la disciplina si applica anche "a tutti gli altri contratti comunque finalizzati alla fornitura di beni di consumo da fabbricare o da produrre". La garanzia biennale non si applicherà, quindi, ai contratti di fornitura di servizi o ai casi di locazione o di noleggio. 3.3 Il bene di consumo e le esclusioni: Ai fini della presente legge sono considerati beni di consumo tutti i "beni mobili anche da assemblare", sia materiali, che immateriali (ad es.il software). Sono, invece, escluse 3 ipotesi: a) i beni oggetto di vendita forzata (es. esecuzioni mobiliari, vendite fallimentari ecc.); b) la fornitura di acqua e gas; c) la fornitura di energia elettrica. 4. La non conformità: La conformità è il concetto essenziale su cui si fonda la garanzia, in quanto la garanzia scatta in caso di consegna di bene non conforme. Ma cosa si intende per bene non conforme? La nozione di conformità viene spiegata nell'art ter, che prevede 4 circostanze che devono tutte coesistere perché il bene sia conforme a quanto ceduto Art ter: Si presume che i beni di consumo siano conformi al contratto se, ove pertinenti, coesistono le seguenti circostanze: a) sono idonei all'uso al quale servono abitualmente beni dello stesso tipo; b) sono conformi alla descrizione fatta dal venditore e possiedono le qualità del bene che il venditore ha presentato al consumatore come campione o modello; c) presentano la qualità e le prestazioni abituali di un bene dello stesso tipo, che il consumatore può ragionevolmente aspettarsi, tenuto conto della natura del bene e, se del caso, delle dichiarazioni pubbliche sulle caratteristiche specifiche dei beni fatte al riguardo dal venditore, dal produttore o dal suo agente o rappresentante, in particolare nella pubblicità o sull'etichettatura; d) Sono altresì idonei all'uso particolare voluto dal consumatore e che sia stato da questi portato a conoscenza del venditore al momento della conclusione del contratto e che il venditore abbia accettato anche per fatti concludenti 6. 5 E irrilevante che la vendita venga poi caratterizzata da specifiche clausole quale vendita con riservato dominio, o a campione ecc. 6 In dottrina si ritiene che le circostanze indicate siano da considerarsi presunzioni relative e non assolute. Questo significa che nel caso concreto sarà possibile provare che anche in presenza di tutte tali circostanze non vi sia la conformità.

5 4.1 Sulla circostanza a): è richiesto che il bene sia idoneo all'uso al quale servono beni dello stesso tipo. L inidoneità deriva dall'esistenza di imperfezioni attinenti al processo di formazione, fabbricazione, produzione o conservazione del bene. 4.2 Sulla circostanza b): è necessario che i beni consegnati siano conformi alla descrizione fatta dal venditore. E evidente che maggiore sarà il dettaglio della descrizione, tanto maggiore sarà lo standard qualitativo che il consumatore potrà esigere. Inoltre il bene deve possedere le qualità del bene che il venditore ha presentato come modello o campione. Questa circostanza presuppone che il venditore abbia mostrato al compratore un bene come campione o come tipo. campione. 4.3 Sulla circostanza c): Il bene deve presentare qualità e prestazioni di beni dello stesso tipo. Questa circostanza non è molto diversa da quella già sperimentata dal legislatore nella norma che disciplina l'ipotesi della mancanza di qualità della cosa venduta. Il legislatore precisa che deve aversi riguardo alla ragionevole attese del consumatore, tenuto conto: 1) della natura del bene, 2) alle eventuali dichiarazioni pubbliche sulle caratteristiche specifiche dei beni rese dal venditore - produttore o da suo rappresentate o agente (pubblicità ed etichettatura). 4.4 Sulla circostanza d): E, infine, necessario che il bene sia idoneo all'uso particolare voluto dal consumatore. Ovviamente è necessario che tale uso particolare stato portato a conoscenza del venditore al momento della conclusione del contratto e dal venditore accettato anche per fatti concludenti. Si tratta, quindi, di una specifica clausola contrattuale che rileva solo se inserita, anche verbalmente, nel contratto di vendita. Il difetto di conformità è in ogni caso escluso se il consumatore aveva una conoscenza effettiva o legale della difformità del bene al contratto, ossia della non rispondenza del bene alle circostanze indicate all'art ter L imperfetta istallazione. La legge consente di applicare la disciplina sulle garanzie a favore del consumatore anche nel caso in cui il difetto di conformità dipenda dalla imperfetta installazione del bene, in presenza dei seguenti requisiti: a) l'installazione sia compresa nel contratto di vendita, per impegno espresso del venditore/produttore; b) l'installazione sia stata direttamente eseguita dal venditore o da suo responsabile. 5. I termini Quali sono innanzitutto i termini da rispettare per potere esercitare la garanzia? 5.1 I due anni: il difetto di conformità deve manifestarsi entro due anni dalla consegna del bene 7 e deve riferirsi a difetti esistenti al momento della consegna. 7 Il termine può essere ridotto in caso di vendita di beni usati, ma comunque per u periodo non inferiore all anno.

6 La legge presume, poi, salvo prova contraria che dovrà essere data dal venditore, che i difetti di conformità manifestatisi entro sei mesi dalla consegna del bene, si considerano già esistenti al momento della consegna. 5.2 La decadenza del consumatore: il consumatore deve denunciare il difetto di conformità al venditore entro due mesi dalla scoperta del difetto, pena la decadenza dello stesso consumatore dai diritti di garanzia. Non sussiste tale onere di denunzia se il venditore abbia riconosciuto l'esistenza del vizio o se il venditore ha nascosto l'esistenza del difetto. 5.3 la prescrizione dell'azione: indipendentemente da quanto sopra indicato, l'azione per far valere i difetti di conformità non dolosamente occultati si prescrive nel termine di ventisei mesi dalla consegna del bene. Questo significa che trascorsi 26 mesi dalla consegna il consumatore non potrà più rivolgersi ad un giudice per ottenere la condanna del venditore, salvo ovviamente l eventuale interruzione del termine di prescrizione8. 6. I rimedi per il consumatore L art quater stabilisce, che in caso di consegna di bene non conforme il consumatore ha la possibilità di scegliere tra tre opzioni: a) il diritto al ripristino; b) il diritto ad ottenere la riduzione del prezzo; c) la risoluzione del contratto 9. Tali rimedi accordati al consumatore sono esperibili anche in assenza di colpa da parte del venditore/produttore/ importatore. 6.1 Il ripristino: la riparazione e la sostituzione del bene non conforme. La riparazione e la sostituzione sono i primi rimedi che il legislatore ha posto a tutela del consumatore acquirente. Qualora il difetto fosse di tipo quantitativo (ad es. viene consegnata una quantità di merce inferiore) il ripristino avverrà tramite un integrazione della consegna. La riparazione dovrà avvenire senza alcuna spesa per il consumatore (es. spedizione, manodopera, materiali), a fronte, invece, di una prassi che prevede spesso il ripristino collegato a spese di vario tipo. Quanto alla scelta tra riparazione e sostituzione il consumatore dovrà in ogni caso optare per il rimedio meno oneroso per il venditore. Il rimedio dovrà considerarsi eccessivamente oneroso per il venditore quando gli imponga di sostenere spese irragionevoli, con riguardo ad una serie di elementi (il valore del bene, in assenza del difetto di conformità; l'entità del difetto di conformità ecc.). Riguardo ai tempi di ripristino la norma precisa che la sostituzione e la riparazione debbano essere effettuiate entro un congruo termine dalla richiesta, 8 La legislazione italiana, a differenza di altri paesi europei, prevede in generale che il termine di prescrizione possa essere interrotto con una semplice lettera raccomandata. Dalla ricezione di tale lettera decorrerà un nuovo termine di prescrizione e così via. 9 Si discute in dottrina se l elencazione comporti anche una gerarchia nell esperimento dei 3 rimedi.

7 anche stragiudiziale, e, comunque, in modo da non arrecare al consumatore notevoli inconvenienti La riduzione del prezzo Il legislatore consente al consumatore acquirente, in alternativa alla richiesta di ripristino, il ricorso agli strumenti della riduzione del prezzo e della risoluzione del contratto, ma solo in presenza di un lieve difetto di conformità. Tali rimedi, inoltre, possono essere esperiti in via subordinata rispetto al ripristino e solo in presenza di almeno una delle seguenti circostanze: a) la riparazione o la sostituzione sono impossibili o eccessivamente onerosi, b) il consumatore ha chiesto la sostituzione o la riparazione e il professionista non vi ha provveduto entro un congruo termine; c) la sostituzione o la riparazione già effettuata dal venditore ha provocato notevoli inconvenienti al consumatore. 7. Il diritto di regresso Il legislatore riconosce al venditore la possibilità di agire a sua volta contro il precedente anello della catena per ottenere il rimborso di quanto riconosciuto all acquirente consumatore, ma sempre nei limiti di tutela previsti dalla normativa qui commentata. Così il dealer potrà a sua volta, purché sussistano le condizioni che di seguito vengono descritte, esercitare l azione di regresso 10 verso il produttore o il distributore che gli abbia fornito i beni difettosi. E necessario, però, che il consumatore abbia lamentato un difetto di conformità, che possa essere imputabile ad un altro anello della medesima catena contrattuale. Così vi sarà responsabilità del produttore nel caso di un difetto di fabbricazione; oppure la responsabilità potrà essere quella di un precedente venditore in caso di un errata conservazione del bene (es. esposizione a temperature eccessive). E, inoltre, necessario che il venditore sia obbligato a rimediare al difetto di conformità: questo significa che, ad es., qualora il consumatore non abbia denunciato il difetto entro i termini previsti dall art sexies decadendo così dalla garanzia, l eventuale intervento ripristinatorio del venditore (magari effettuato per motivi commerciali) non potrebbe essere oggetto di una rivalsa sul produttore o sui precedenti venditori La legittimazione passiva: ma contro quali soggetti il venditore finale può esercitare la rivalsa? Come sopra anticipato i soggetti legittimati passivi sono il produttore, il precedente venditore della medesima catena contrattuale distributiva o qualsiasi altro intermediario. Per produttore viene identificato il 10 Più correttamente l azione dovrebbe qualificarsi come rivalsa e non come regresso.

8 soggetto che fabbrichi il bene di consumo, o che si limiti ad importare il bene all'interno di uno dei paesi rientranti nella Unione europea o che venga identificato dal consumatore come produttore per avere apposto sul bene il proprio nome o marchio o segno distintivo. 7.2 L oggetto dell azione di regresso: il venditore potrà richiedere in regresso (rectius: rivalsa) nei confronti dei soggetti suindicati la reintegrazione di quanto dallo stesso prestato a favore del consumatore in ottemperanza ai rimedi previsti dalla legge. Quindi qualora abbia concesso un rimedio ripristinatorio o risarcitorio maggiore rispetto a quanto previsto dagli artt bis e segg. tale differenza non potrà essere richiesta ad uno dei precedenti anelli della catena distributiva. 7.3 Il termine per l esercizio dell azione di regresso: quanto al termine per l esercizio di tale regresso il venditore avrà tempo un anno dalla data di esecuzione della prestazione a favore del consumatore (ripristino o riduzione prezzo), come chiaramente recita l art quinquies secondo comma: Il venditore finale che abbia ottemperato ai rimedi esperiti dal consumatore, può agire, entro un anno dall'esecuzione della prestazione, in regresso nei confronti del soggetto o dei soggetti responsabili per ottenere la reintegrazione di quanto prestato. Diventa, quindi, irrilevante un eventuale sfasamento temporale tra la consegna del bene dal produttore o dal distributore al dealer e la vendita del bene stesso al consumatore. Addirittura si potrebbe arrivare ad ipotizzare che il venditore possa agire nei confronti del produttore o del distributore molto tempo dopo il rapporto di fornitura. Così, ad es., se il venditore finale tenga in magazzino merci acquistate per 4 anni prima di rivenderle, l acquirente consumatore potrebbe far valere eventuali difetti fino a due anni dopo la consegna, mentre il venditore potrebbe agire in regresso contro produttore o distributore entro un anno da quando ha posto rimedio ai difetti denunciati. In questo esempio saranno trascorsi fino a 7 anni dal contratto di fornitura. E evidente il difetto della norma, che lascia il produttore o il distributore per parecchio tempo nell incertezza su un eventuale azione di regresso del venditore finale La derogabilità: è permessa la derogabilità dell azione di regresso, tramite rinuncia o tramite accordo, costituito da apposita clausola contrattuale. Questa possibilità rende in concreto di difficile attuazione il regresso, in quanto è facile attendersi la predisposizione di clausole di deroga da parte di produttori o distributori dotati di maggiore forza contrattuale rispetto al singolo dealer. 11 Non tutte le leggi che hanno dato esecuzione alla Direttiva hanno adottato la stessa soluzione del legislatore italiano. Per esempio il legislatore tedesco, al 479, comma 2 del BGB, ha previsto per l azione di regresso un termine di prescrizione di 5 anni dalla data di consegna del bene.

9 Ovviamente qualora la clausola di rinuncia al diritto di regresso sia contenuta in condizioni generali di contratto o in moduli e formulari, essa dovrà essere sottoscritta separatamente ex art c.c 12 (la c.d. doppia sottoscrizione ). 12 Un forma di tutela del dealer, quale contraente più debole potrebbe essere ottenuta con l applicazione dell art. 9 della L. 192/1998 (subfornitura), che punisce l abuso della situazione di dipendenza economica.

10 IL VADEMECUM DELLA GARANZIA STOP ALLE SCORRETTEZZE IN SEI MOSSE Fonte: Il Sole 24 Ore del 22/11/2010 DISCIPLINA PROTEZIONE DURATA E PROVE RUOLO DEL VENDITORE RIPARAZIONE RIMBORSO 1) IL PRINCIPIO 2) DA SAPERE La garanzia legale sui beni di consumo si applica ai contratti fra consumatore e venditore: il primo è la persona fisica che agisce per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale eventualmente scolta ; il secondo è la persona fisica o giuridica che agisce nell esercizio della propria attività imprenditoriale o professionale La garanzia legale di conformità tutela il consumatore nel caso di acquisti di prodotti difettosi oppure non conformi al contratto di vendita: è il caso, per esempio, di quei prodotti che presentino vizi di funzionamento o non rispondano all uso dichiarato dal venditore oppure alla funzione alla quale quel bene è generalmente destinato La garanzia legale dura due anni dalla consegna del bene e deve essere fatta valere entro due mesi dalla scoperta del difetto: in totale dura quindi 26 mesi. Passati i primi sei mesi dall acquisto, è però il consumatore che deve fornire prova dell esistenza del vizio, salvo che il venditore non lo riconosca spontaneamente Il consumatore deve rivolgersi al venditore. Questi dovrà prendere in consegna il prodotto per verificare se il difetto o il malfunzionamento dipendano da un vizio di conformità e provvedere a mettere in atto i rimedi previsti dalla disciplina sulla garanzia, senza oneri a carico del consumatore e in un tempo ragionevole Il primo rimedio che il venditore deve offrire, a scelta del consumatore, è quello della riparazione o della sostituzione del bene che presenti il difetto di conformità. Qualunque sia la scelta del consumatore, questi non deve vedersi addebitato alcun onere. Inoltre, il rimedio va attuato in un congruo termine dalla richiesta. Qualora riparazione o sostituzione non siano possibili, il consumatore potrà chiedere in alternativa: a) la risoluzione del contratto di acquisto, con restituzione dell importo pagato e del bene stesso; b) la riduzione del prezzo, proporzionata all uso fatto della cosa. Esclusa la risoluzione per difetti lievi. La garanzia legale di conformità è disciplinata dal Codice del consumo, ossia il decreto legislativo 206 del settembre 2005 che, agli articoli , ha assorbito la legge (Dlgs 24/2002) con cui era stata recepita la relativa direttiva comunitaria (la 1999/44/Ce) Anche i prodotti acquistati in saldo o durante le vendite promozionali rientrano nella disciplina della garanzia legale, così come i beni usati (per difetti non derivanti dall uso normale e tenendo conto del tempo di utilizzo precedente). Sull usato la garanzia può essere ridotta a un anno con espresso accordo fra le parti Cruciali per fare valere la garanzia sono le prove dell acquisto effettuato. Occorre quindi conservare sempre lo scontrino (magari in fotocopia, visto che le carte termiche tendono a scolorirsi nel tempo) o la fattura. In mancanza, può valere anche la ricevuta del bancomat La garanzia si estende anche ai contratti di vendita in cui sia compresa l installazione: il venditore sarà perciò responsabile anche nel caso di imperfetta installazione (anche da parte di terzi sotto la sua responsabilità) o nel caso di installazione fai-da-te, qualora le istruzioni di montaggio siano carenti oppure fuorvianti Attenzione alle illecite limitazioni imposte da alcuni venditori per evitare di impegnarsi nell assicurare le tutele previste dalla garanzia: per esempio, il tempo minimo necessario per la riparazione, l indicazione di rivolgersi al centro assistenza o alla casa produttrice, tempi inferiori per la validità della garanzia legale La garanzia legale è prevista dalla legge ed è gratuita. Accanto a essa esistono le garanzie convenzionali, gratuite o a pagamento, che sono offerte del venditore o dal produttore e prevedono ulteriori coperture e prestazioni. Non sostituiscono la garanzia legale e chi le offre deve spiegarlo all acquirente.

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

La garanzia legale in Italia ed in altri Paesi dell UE

La garanzia legale in Italia ed in altri Paesi dell UE La garanzia legale in Italia ed in altri Paesi dell UE A cura del Centro Europeo Consumatori Italia Ufficio di Bolzano Via Brennero, 3 I-39100 Bolzano Tel. +39-0471-980939 Fax +39-0471-980239 www.euroconsumatori.org

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli,

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, 1) OPERE EDILI MAL ESEGUITE Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, dal 1667 al 1673 (vedi di seguito), proprio al problema della "difformità

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli