Gli strumenti derivati: opzioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli strumenti derivati: opzioni"

Transcript

1 Gli strumenti derivati: opzioni

2 Definizione (1) L opzione è un contratto che conferisce al suo sottoscrittore un diritto e non un obbligo, ad acquistare (per una call) o a vendere (per una put) al venditore una determinata attività sottostante, finanziaria o reale, ad un prezzo concordato denominato prezzo d esercizio (strike price) entro una data prefissata chiamata scadenza (expiration date).

3 Attività sottostante Definizione (2) azioni, indici azionari, valuta estera, beni di consumo, contratti future e strumenti di debito (obbligazioni) Utilizzo Copertura Speculazione Esercizio Esplicitazione del diritto di acquisto/vendita entro la data di scadenza del contratto (Opzioni americane) Alla scandenza (Opzioni europee)

4 Definizione (3) Utilizzo per copertura dal rischio di andamenti sfavorevoli dei prezzi Future Obbligo di esercizio Nessun premio alla stipula Relazione rischio/rendimento simmetrica per le due controparti Opzioni Diritto di esercizio Pagamento di un premio alla stipula Relazione rischio/rendimento asimmetrica per le due controparti

5 Definizione (4) Profilo rischio rendimento Future Guadagno illimitato Perdita (quasi) illimitata Profilo rischio rendimento Opzione Il premio costituisce la perdita massima per l acquirente di un opzione a fronte di un profitto teorico illimitato (call o quasi illimitato put) il premio indica il profitto massimo realizzabile dal venditore contro una perdita potenzialmente illimitata, che dipende dal valore massimo (o minimo) che l attività sottostante può assumere fino alla data di esercizio

6 Terminologia (1) Sottostante (S) l attività finanziaria su cui si esercita il diritto di acquisto/vendita Strike price (K) Il prezzo di esercizio, precedentemente concordato, a cui acquistare/vendere il sottostante L opzione può essere: in-the-money cash flow positivo at-the-money cash flow nullo out-the-money cash flow negativo Unica condizione di esercizio

7 Terminologia (2) Relazione prezzo sottostante-strike price call put in-the-money se S > X se S < X at-the-money se S = X se S = X out-of-themoney se S < X se S > X Payoff risultato alla scadenza

8 Il payoff (1) Posizione Long su una Call Option Obiettivo: massimizzare il guadagno e contemporaneamente minimizare le perdite Profitto premio = 5 strike = 140 break even point (b.e.p.) = Underlying Max(S T -X,0) Perdita massima (premio) Perdita compresa tra premio e B.E.P.

9 Il payoff (2) Posizione Short su una Call Option Profitto Obiettivo: minimizzare le perdite premio = 5 (guadagno massimo) strike = 140 break even point (b.e.p) = Underlying Min(0,X-S T ) Guadagno massimo (premio) Guadagno compreso tra premio e B.E.P.

10 Il payoff (3) Profitto Posizione Long su una Put Option premio= 7 (perdita massima) strike = 90 break even point b.e.p. = 83 Obiettivo: massimizzare il guadagno S T Underlying Max(X- S T,0) -7 Perdita massima (premio) Perdita compresa tra premio e b.e.p.

11 Il payoff (4) Posizione Short su una Put Option Obiettivo: massimizzare il guadagno 7 Profitto premio = 7 (guadagno massimo) strike = 90 break even point = Underlying Min(0, S T -X) Guadagno massimo (premio) Guadagno compreso tra premio e b.e.p.

12 Valore intrinseco vs. Valore temporale Definizione di premio (Valore totale dell opz.) il costo che deve sostenere l'acquirente per garantirsi il diritto di acquistare o vendere l'attività sottostante il contratto; allo stesso tempo, rappresenta il compenso che riceverà il writer dalla vendita dell'opzione Valore intrenseco l'entrata di cassa derivante dall'esercizio immediato di un'opzione Val.Int. = Prezzo corrente-prezzo esercizio Valore temporale misura l impatto del trascorrere del tempo sul valore dell opzione Val. Temp. = premio Val.Int.

13 Valore intrinseco vs. Valore temporale (1) In the money option Val.Int 0 At of the money option Val.Int=0 Val.Temp.= premio Out of the money option Val.Int=0 Val.Temp.= premio

14 Valore intrinseco vs. Valore temporale (2) Premio per una call option in funzione di S Premio Z Y XY = Valore intrinseco VZ = Premio dell'opzione X = S = At the money V 0 X S In the money Out of the money + = Valore temporale

15 Valore intrinseco vs. Valore temporale (3) Premio per una put option in funzione di S Premio Y Z VZ = Premio dell'opzione X = S = At the money 5V 0 Out of the money X In the money S + = Valore temporale

16 Valore intrinseco vs. Valore temporale (4) Premio di un opzione in funzione della scadenza Il premio cresce al crescere di T Valore temporale in funzione della scadenza Val. Temp. (T-t) 1/2

17 Valore intrinseco vs. Valore temporale (5) Premio dell'opzione Valore Temporale Giorni di scadenza Durata dell'opzione in mesi

18 Effetto leva Leverage il rapporto tra il premio dell'opzione ed il prezzo strike : C/X (P/X) misura il livello di rischiosità legato all'opzione: se il premio dell'opzione è in percentuale molto basso rispetto al prezzo strike, allora l'effetto leva sarà maggiore; un leverage basso implica una piccola probabilità che alla scadenza l'opzione sarà in-the-money e che venga esercitata

19 Proprietà del prezzo dell opzione I fattori determinanti il prezzo corrente dell attività sottostante; il prezzo strike; la vita residua dell opzione; la volatilità dell attività sottostante; il tasso risk-free; il dividendo distribuito durante la vita dell'opzione

20 Il modello di Black, Scholes e Merton La formula e l equazione di Black e Scholes sono derivate facendo una serie di assunzioni, che costituiscono il modello di Black, Scholes e Merton (BSM). La valutazione del prezzo c(t 0 ) al tempo t 0 di un opzione call europea a scadenza al tempo T, scritta su un azione S(t), basata su di una strategia che non permetta mai arbitraggi su V, si fa nel tempo continuo. Il vantaggio di un modello a tempo continuo è che nel caso di risolvibilità si ottiene una formula chiusa, detta formula di Black e Scholes, da cui avere informazioni dirette sul ruolo dei parametri usati..

21 Le assunzioni del modello sono Il prezzo dell azione segue un moto geometrico browniano. Sono consentite vendite allo scoperto. Non esistono costi di transazione (commissioni sulla compravendita di azioni ecc..) L azione non paga dividendi. Non esistono possibiltà di arbitraggio prive di rischio. I titoli vengono negoziati continuamente. Il tasso istantaneo r è uguale per tutte le scadenze. Seguono dei commenti per ogni punto.

22 1) Un moto browniano è descritto dall equazione stocastica ds=µ dt + σ dz, mentre un moto geometrico browniano è descritto da ds S = μ dt σ dz d ln S/S 0 = μ - σ2 2 dt σ dz (dove si è usato il lemma di Ito).

23 Aver usato una equazione stocastica di Ito implica aver assunto un processo di prezzo S markoviano. In un processo markoviano, tutta l informazione necessaria e sufficiente per costruire il prezzo in t+dt è presente in t. In finanza questa è detta ipotesi del mercato efficiente : ad ogni istante, tutta l informazione disponibile al mondo (al tempo t) sul particolare titolo S viene usata per definire il prezzo a t+dt.

24 Indice Dow Jones Industrial Average (DJ-IA) Se il modello BSM è corretto, stimando µ e σ da questi dati si può trovare il modello geometrico che sta dietro questo comportamento. Questa particolare serie storica rappresenta allora una particolare storia dell equazione ds= μ S dt σ S dz

25 Normale è anche la dipendenza temporale della variabile incremento di prezzo logs(t+s)-logs(t) (cioè delle probabilità di transizione). La variabile log S (logaritmo del prezzo) è distribuita in maniera normale, con la dipendenza temporale di una normale: p t logs t =N logs t t t 0, t t 0 La media di questa normale è log s 0 +(µ σ 2 /2) (t-t 0 ), la sua varianza è σ 2 (t-t 0 ) (come per il processo di Wiener, dove però la media è zero).

26 La distribuzione p t (s) di S(t) è lognormale (t 0 =0): p t s ; s 0 = 1 2π 1 s 1 t exp ln s 0 s σ2 μ 2 t 2 2 σ 2 t Distribuzione di S ad un certo istante t fissato. Con questa distribuzione, il prezzo delle azioni non è mai negativo. p t (s) s

27 Inoltre se S è lognormale E p [S t ]=s 0 exp μ t E Q [ S t ]=s 0 exp r t nel calcolo di BSM per il non arbitraggio che ha la forma del tasso di interesse istantaneo delle obbligazioni, dove µ gioca il ruolo di r. La differenza principale è però che questa è una aspettazione sul valore di S al tempo t, non il valore (stocastico) di S a t. µ è quindi un tasso istantaneo atteso.

28 2) La costruzione ed il ribilanciamento del portafoglio di replica richiedono vendite allo scoperto. 3) Se non ci sono costi di gestione del portafoglio si dice che il mercato è senza frizione. Se ci sono costi si rischia di violare la possibilità di un portafoglio autofinanziante, e quindi di tutta la strategia antiarbitraggio. 4) I dividendi possono essere poi inclusi modificando la formula di base

29 5) Il prezzo dell opzione è trovato proprio imponendo l assenza di arbitraggio, e questa richiesta è alla radice del modello. 6) La possibilità di vendere e comprare deve essere continua. Il portafoglio deve essere continuamente ribilanciato. Un mercato che permette compravendita continua si dice fluido. Se il mercato non è fluido il modello non vale. 7) Di solito il tasso istantaneo di mercato varia (tipicamente per intervento delle banche centrali), ma se la vita dell opzione è sufficientemente breve (molto spesso un anno) il tasso di mercato si può assumere costante.

30 Equazione e formula di Black e Scholes La formula di B&S può essere derivata senza usare l equazione, ed ha un uso limitato a pochi tipi di claim. E però più immediata da usare rispetto all equazione. La derivazione diretta si può fare col metodo delle martingale. L equazione ha validità in più casi, e si può risolvere in alcuni casi analiticamente ed in altri numericamente (come un equazione alle derivate parziali). Ora si deriverà prima l equazione (in maniera non rigorosa) poi la formula come caso particolare. La derivazione rigorosa dell equazione richiede l uso del metodo delle martingale. Nell applicazione di formula ed equazione bisogna tenere sempre presente che le due sono valide solo all interno delle ipotesi del modello di BSM.

31 La formula di Black e Scholes per le opzioni europee vale solo per alcuni tipi di claim. I claim più comuni sono quello per la call C(S,T) = max(s K, 0) e quello per la put P(S,T) = max(k S, 0) dove K è lo strike e S è il prezzo dell azione al tempo finale. Da notare che i due claim sono variabili stocastiche (funzioni di S).

32 Possiamo valutare la call in maniera naïve richiedendo che in media il valore di un portafoglio composto dal provento della vendita di una call sia in media zero E Q [ t ]=E Q [c S t e r T t 0 max 0, S T K ]=0 rispetto ad una misura di probabilità risk-neutral c S 0, K,T t 0, r, =e r T t 0 E Q [max 0, S T K ] dove si è tenuto conto della attualizzazione del flusso di cassa alla scadenza dell'opzione.

33 La valutazione del prezzo di una call o di una put europea si fa applicando la formula di B&S c S 0, K,T t 0, r, =S 0 d 1 K exp[-r T-t 0 ] d 2 al tempo t 0 iniziale, per il valore di mercato s 0 dell azione in quel momento. Oltre al valore di s 0 bisogna immettere in c: 1) Il tempo T-t 0 residuo, cioè il tempo che manca da t 0 ad arrivare alla scadenza T. 2) Il valore del tasso istantaneo r. 3) Il valore della volatilità. 4) Nel caso di claim a strike, lo strike K. Come si è già notato, non compare µ.

34 La valutazione del prezzo di una call o di una put europea si fa applicando la formula di B&S c S 0, K,T t 0, r, =S 0 d 1 K exp[-r T-t 0 ] d 2 dove è definito d 1 = x = 1 x 2 log S 0 K r 2 2 T t 0 T t 0 d 2 = d y e 1 2 y 2 log S 0 K r 2 2 T t 0 T t 0 Come si è già notato, non compare µ ma r perché si usa una distribuzione risk-neutral.

35 All inizio del contratto (t=t 0 ), si rilevano prezzo S 0 e gli altri parametri, e li si inserisce nella formula. Il valore di non arbitraggio del contratto ad un tempo successivo a t=t 0 ed anteriore a t=t è dato da c(t). A questo tempo t si possono presentare diversi prezzi per s sul mercato. Si disegna f per tutti i valori di s e si sceglie f(s) corrispondente all s del momento: Es.:call, K= t molto lontano da T, c=s c(s) valore di s s t=t, c=claim

36 All inizio del contratto (t=t 0 ), se T è molto lontano, il valore della call è uguale al valore dell azione (è impossibile prevedere come andrà a finire): curva blu. Verso il tempo finale, il valore dell opzione si avvicina sempre più al valore del claim: se s<k l opzione vale 0, se s>k l opzione vale s-k: curva rossa. Se ad un certo istante il valore dell azione è sotto lo strike si dice che la call è out-of-the-money, se è sopra si dice che è in-the-money.

37 La funzione c(s,t) rappresenta una superficie sul piano (s,t). Es: prezzo call con s=[0,10], t=[0,10], K=5, σ =0.25, r=0.1, T=10 c(s,t) 10 t=t, c=claim 5 s 10 0 t molto lontano da T, c=s t

38 Per un particolare cammino s(t) la funzione c(s) rappresenta il cammino corrispondente della variabile stocastica F(t)=c(S(t)). Es: call con K=100, σ =0.8, r=0.1, T=1, azione con s 0 =3, µ =4, σ =0.8. Il prezzo B&S di questa call è (!). c(t) 100 c 0 = c(t) c T =s T -K=40 s T =140 s 0 =

39 Usiamo il seguente lemma per dimostrare la formula di BS: dato V distribuito log-normale log E[V ] K E [max V K,0 ]=E [V ] log E[V ] K K dove Φ è la distribuzione normale cumulata e la media è data E [V ]=e 1 2 2

40 Tanti altri contratti finanziari di tipo opzione sono però possibili, e quindi tanti tipi di claim. In alcuni casi, quando il claim tiene conto solo del valore di S al tempo finale (e non prima), la soluzione dell equazione di B&S per le opzioni europee si sostituisce alla formula di B&S. La valutazione per le opzioni con claim che non sono di tipo B&S è fatta invece col modello discreto CRR. Per esempio, nel caso delle opzioni americane il diritto di opzione si può esercitare ad ogni istante tra t 0 e T. In altri casi, il claim dipende anche dai valori che s(t) ha avuto durante il periodo del contratto (opzioni asiatiche). Il nome generico per opzioni non europee o non americane è opzioni esotiche.

41 Perché questo modo? Perché posso usare la valutazione dell'aspettazione di max(s-k,0) per una call ma non posso usare la valutazione dell'aspettazione di S-F per valutare un future/forward?

42 Perché questo modo? (1) Perché posso usare la valutazione dell'aspettazione di max(s-k,0) per una call ma non posso usare la valutazione dell'aspettazione di -F+S per valutare un future/forward? In effetti posso anche prezzare un forward/future come fatto con una call se si usa una probabilità risk-neutral. E Q [ T ]=E Q [ F S T ]=F E Q [S T ]=F s 0 e r T t0 =0 F=s 0 e r T t 0 Il fatto che debba usare una misura risk-neutral sta nelle strategie di hedging che posso mettere in atto per cancellare o meno il rischio.

43 Perché questo modo? (2) Consideriamo l'evoluzione di un portafoglio di bond ed azioni n = n S n B n t=n t dove φ n è il numero di azioni dal valore S n numero che cambia col tempo a seguito della strategia. L'evoluzione temporale è data n 1 n = n S n 1 S n B n B n 1 = 1 B n S n 1 n 1 n =r t l'ultima equazione può esser risolta come B n = 1 n B 0 k =1 n S k k k 1 1 n k

44 Perché questo modo? (3) Quindi possiamo scrivere n = 1 n 0 k =1 Ora consideriamo il caso del forward/future con prezzo F n =F S n 1 n 0 k =1 n 1 k 1 n k 1 S k 1 1 S k n 1 k 1 n k 1 S k 1 1 S k =F 1 n 0 s 0 k=1 ed il caso della vendita di un'opzione call C n 1 k 1 1 n k 1 S k 1 1 S k n = 1 n 0 C max S n K, 0 k =1 n 1 k 1 n k 1 S k 1 1 S k

45 Perché questo modo? (4) Vediamo che nel caso del forward/future posso trovare una strategia che mi garantisca un risultato NON casuale =1 n =F 1 n 0 s 0 per il non arbitraggio il mio portafoglio deve valere n = 1 n 0 quindi deduco F =s 0 1 n ~s 0 e r T t 0

46 Perché questo modo? (5) Nel caso dell'opzione call non posso genericamente trovare una strategia che mi permetta di avere un risultato certo a causa della non linearità dell'equazione e quindi posso cercare di chiedere che in media il mio portafoglio renda tanto quello risk-free E Q [ n 1 n 0 ]=0

47 Perché questo modo? (6) Da E Q [ n 1 n 0 ]=0 troviamo che C= 1 n E Q [max S n K,0 ] k =1 n 1 1 n k 1 E Q [ k S k 1 1 S k ] = 1 n n 1 E Q [max S n K,0 ] k=1 E Q [ k ] E Q [ S k 1 1 S k ] = 1 n E Q [max S n K,0 ] la strategia è scelta al tempo k ed è indipendente dal return non vi è return certo sopra il risk free

48 Portafoglio con azioni e obbligazioni Si decide di replicare il claim con un portafoglio composto di azioni e obbligazioni Π di valore π (t) = ϕ S(t) + B(t) D ora in poi, il prezzo dell opzione è indicato con V invece che con c, per conformarsi alla maggior parte della letteratura. Assumendo che V dipenda da S come V=V(S), si può usare il lemma di Ito per scrivere il generico differenziale di V rispetto a S: dv = V t 1 2 σ2 S 2 2 V S μs 2 V S dt σ S V S dz

49 Il differenziale di π si assume (in analogia alla discussione fatta col tempo discreto per il future) essere d = ds db da cui, sostituendo le espressioni di ds e db: d = Sdt Sdz r B dt= r B S dt S dz

50 Perché sia possibile la replica, si richiede che il valore del portafoglio sia proprio uguale a quello dell opzione, cioè V(S,B)=π (S,B) da cui dv=dπ. Perché questo avvenga, i rispettivi coefficienti di dt e dz a destra e a sinistra devono essere uguali nel tempo. V t 1 2 σ2 S 2 2 V S μs 2 V S dt σ S V S dz = r B φ μ S dt φ σ S d z

51 Di conseguenza, { φ= V S V t 1 2 σ2 S 2 2 V S =r B 2 Queste due equazioni definiscono la strategia di bilanciamento, definendo il valore istantaneo di ϕ e di Β. Da notare che trovato ϕ segue Β, cioè la prima condizione è fondamentale.

52 La scelta di ϕ come φ= V S elimina automaticamente la componente stocastica V t 1 2 σ2 S 2 2 V S μs 2 V S dt ϕ σ S d z= r B φ μ S dt φ σ S d z lasciando la sola componente deterministica, cioè senza rischio: µ sparisce dall equazione.

53 Quello che rimane dopo la scelta di ϕ è V t 1 2 σ2 S 2 2 V dt= r B dt= db 2 S La seconda condizione V t = 1 2 σ2 S 2 2 V S 2 r B consiste quindi nel chiedere che l evoluzione non rischiosa di V(t) segua quella di un titolo obbligazionario (appunto non rischioso) di tasso di interesse r. Questa due condizione richiedono l assenza di possibilità di arbitraggio.

54 Sostituendo l espressione di B = V ϕ S in V t = 1 2 σ2 S 2 2 V S 2 r B si ottiene un equazione differenziale per V(S,t) V t = 1 2 σ2 S 2 2 V S r V V 2 S S Questa equazione non contiene più variabili casuali, non avendo termini stocastici. L origine stocastica di questa equazione rimane però esplicita nella presenza di σ.

55 Portafoglio con azioni e opzioni Si costruisce un portafoglio Π costituito da un opzione V(S) e dalla vendita di una quantità di azioni S di valore π = V S (portafoglio lungo di V e corto di S). In questo caso si assume che il differenziale valga dπ = dv ds

56 Usando il lemma di Ito: d =[ V t 1 2 σ2 S 2 2 V S 2 μ S V Δ ] dt S S σ V Δ dz S quando si pone V S =Δ significa eliminare la dipendenza da dz e da µ contemporaneamente. A questo punto si fa la seconda richiesta, cioè che questo portafoglio cresca senza rischio, come un obbligazione al tasso r: d =r dt Uguagliando le due espressioni per dπ, tutt e due ora dipendenti da dt, si ottiene l equazione di Black e Scholes.

57 Sostituendo l espressione =V V S S in V t 1 2 σ2 S 2 2 V S =r 2 si ottiene un equazione differenziale per V(S,t) V t = 1 2 σ2 S 2 2 V S r V V 2 S S Questa equazione non contiene più variabili casuali, non avendo termini stocastici. L origine stocastica di questa equazione rimane però esplicita nella presenza di σ.

58 Questa è l equazione di Black e Scholes, un equazione differenziale non stocastica alle derivate parziali e lineare per la funzione V(s,t). La soluzione V(s,t) è una funzione delle due variabili deterministiche s (valori possibili della variabile stocastica S(t)) e t (tempo): V t r s V s 1 2 σ2 s 2 2 V r V=0 2 s La condizione al contorno per l equazione è la condizione che al tempo finale t=t il valore V(s,T) della call sia uguale al valore del claim C(s(T)): V s,t =C s,t

59 L equazione di Black e Scholes con la condizione finale per il claim porta alla formula di Black e Scholes, che ne è la soluzione. La derivazione dell equazione dipende dalla scelta di replicare il valore di un risk free con un portafoglio di opzioni e azioni.

60 Nota: l assunzione che da π = V Δ S segua dπ = dv Δ ds implica che Δφ non vari sotto la differenziazione, cioè d(δ S)= ΔdS. La motivazione di questa assunzione è piuttosto complicata per il caso continuo ma semplice (e vista) nel caso discreto, dove si è visto che In questa derivazione dell equazione di Black e Scholes, e meglio assumere da subito che il portafoglio sia formato come =V V s S così da poter proseguire trattando V/ s derivare n 1 n = n S n 1 S n r t B n come una costante, e

61 Nella procedura di replica è stata critica la scelta della quantità = V S Nel portafoglio con azioni e opzioni il bilanciamento è fatto variando la sola componente azionaria. Il bilanciamento si chiama anche delta hedging.

62 Soluzione dell equazione di B&S L equazione alle derivate parziali di Black e Scholes con la sua condizione al contorno si può risolvere in più modi. Quello che segue è uno dei modi possibili. Consiste in 4 passi: 1) cambio di scala delle variabili indipendenti s e t e dipendente V 2) cambio di variabile dipendente 3) soluzione dell equazione ottenuta col metodo delle funzioni di Green per tenere conto della condizione al contorno 4) valutazione dell integrale finale

63 Si prenda come condizione al contorno un claim con strike K per una call al tempo t=t di forma max(s(t)-k,0). Per ottenere una soluzione bisogna imporre 3 condizioni di bordo e lasciare l ultimo bordo libero. La soluzione all interno della striscia determina unicamente il valore V(s,t 0 ): s s t=t { t =T: V s,t =max s T K,0 s=0: V 0,t =0 s= V s,t s s=0 t 0 t

64 Il cambio di scala delle variabili V, s e t in { s=k e x V =K f x, τ τ t=t- σ 2 /2 trasforma l equazione in f τ = 2 f x 2 r 2 σ 1 f 2 x 2 r σ f 2 Se κ=2 r f τ = 2 f f κ 1 2 σ x x κ f 2 si riconosce che l equazione dipende da un solo parametro.

65 Le condizioni al contorno diventano: t=t s=0 s= { τ=0: f x,0 =max e x 1,0 x= : f x,τ 0 x =+ f x, τ e x La trasformazione di variabili ha trasportato i contorni in x x f exp x 0 x τ 0 τ f 0

66 Si fa ora una trasformazione di variabile dipendente da f a g: f x,τ =exp a x b τ g x,τ dove a e b sono costanti libere, da scegliere per semplificare ulteriormente l equazione: g τ = 2 g g [ 2a κ 1 ] 2 x x [a2 a κ 1 κ -b ] f Conviene quindi scegliere a= 1 2 κ - 1, b= κ 1 2 per liberarsi del secondo e terzo termine di destra.

67 Si ottiene un equazione molto più semplice: g τ = 2 g x 2 Questo rivela che l equazione di Black e Scholes non è altro che l equazione del calore (o equazione di Fourier) mascherata, definita sulla striscia di piano tra 0 e τ. Essa NON e' invariante per l'inversione del tempo!

68 Questa equazione è lineare, del secondo ordine, di tipo parabolico, ed ammette soluzioni se la condizione al contorno è ben posta. La sua soluzione fondamentale (che non rispetta la condizione al contorno) è g x,τ = 1 τ4π e x 2 4τ 0 Come si vede, questa soluzione diverge a τ =0, per poi mantenersi limitata.

69 Per trovare una soluzione g all equazione del calore con delle condizioni al contorno si usa la tecnica delle funzioni di Green. Data la condizione g(x,0) al tempo iniziale τ =0 l idea è di scrivere la soluzione g(x,τ ) al tempo finale τ come un integrale g x,τ = g y,0 G x, τ ; y, 0 dy cercando un equazione differenziale per G che sia facile da risolvere, inserendo questa relazione nell equazione del calore.

70 Anticipando il risultato, si vedrà che una soluzione che tenga conto della condizione al contorno g(x,0) è data da g x,τ 0 = 1 τ4π e x-y 2 4τ g y,0 dy Quindi per essere ben posta la condizione iniziale g(x,0) deve soddisfare al criterio di integrabilità x : g x,τ e - α x 2 0, α 0, τ 0

71 Dopo le precedenti trasformazioni, le condizioni al contorno sono diventate (τ =0 è l istante finale del claim, e l istante iniziale è ora posteriore 0): { τ=0: g x,0 =max e κ 1 x / 2 e κ 1 x / 2,0 x = : g x,τ e κ 1 x / 2 - κ 1 2 τ / 4 Come si vede, la condizione iniziale è quindi ben posta per ogni τ >0, perché x : g x,τ e - α x 2 0, α 0, τ 0

72 Ritornando alla g, soluzione dell equazione del calore non modificata, con condizione al contorno g(x,0), g è data da g x,τ = 1 4π τ g y,0 exp x-y 2 4 τ dy Questa è la soluzione dell equazione del calore con condizione iniziale specificata. E quindi anche la soluzione dell equazione di Black e Scholes smascherata, che tiene conto della condizione al contorno cioè del claim.

73 Il problema originale era la soluzione dell equazione di Black e Scholes. Seguendo al contrario la successione delle varie trasformazioni fatte e specializzando g(y,0) al caso di una call, si ottiene la formula di Black e Scholes: V s 0,t 0 =s 0 d 1 K exp[-r T-t 0 ] d 2 dove z = 1 2π z exp z' 2 2 dz' ln s 0 K d 1 = σ T t 0 d 2 =d 1 σ T t 0 r σ2 2 T t 0

74 Nel caso di claim g(y,0) diversi da call e put europee, l integrale g x,τ = 1 4π τ g y,0 exp x-y 2 4 τ dy si può risolvere con metodi numerici. In questo senso, l equazione di B&S è più generale della formula di B&S. Se si vuole estendere il modello di BSM a casi in cui il tasso di interesse o la volatilità non siano costanti, si può pensare di derivare altre equazioni alle derivate parziali, che potranno essere risolte analiticamente o con procedure numeriche di discretizzazione su reticolo.

75 Montecarlo Oltre alla formula di Black e Scholes, c è la possibilità di valutare direttamente l aspettazione, che è un integrale. Per questo si usa il metodo Montecarlo: 1) Si simula un cammino temporale per z(t) e quindi per S(t), nel mondo neutrale al rischio (r sostituito a µ ). 2) Si calcola il valore finale a t=t del claim C(S T ). 3) Si simula un intera collezione di N cammini e quindi di N valori finali. 4) Si stima, come valore atteso dell opzione E Q(T) [C(S T )], la semplice media aritmetica dei valori finali a t=t dell opzione sui vari cammini. 5) Si determina il valore presente a t=0 attualizzando a t=0 (al tasso privo di rischio r) il valore a t=t dell opzione, come exp(-rt) E Q(T) [C(S T )].

76 Operativamente, bastano non troppi cammini per avere una buona stima di E Q(T) [C(S T )]. Il metodo Montecarlo si usa soprattutto nel caso continuo quando l opzione non è di tipo europeo. Per esempio, il claim di un opzione asiatica è del tipo C(S,T) = max(s av (T) K, 0) dove S av (T) è la media temporale presa tra t 0 e T dei valori di S(t). L equazione per S(t) si discretizza, sostituendo r a µ, come: S=r S t S z =r S t S t ~N 0,1

77 Il metodo Montecarlo è efficiente soprattutto quando si ha a che fare con integrazioni su spazi pluridimensionali. Infatti per uno spazio a 10 dimensioni, usando l'approssimazionione discreta all'integrale riemmanniano con soli 10 intervalli per dimensione si otterrebbero 10^10 ipercubi!! Col Montecarlo si ottiene un risultato approssimato con un errore tipo N^(-1/2) dove N è il numero di estrazioni

78 L'idea principale del metodo Montecarlo e' di interpretare I f = a b come una media rispetto alla distribuzione costante c e quindi usare lo stimatore statistico per calcolare la media I. Questo stimatore ha errore f x d x I f =E c [ b a f x ] N S f = 1 N i=1 b a f xi E c [ S f I f 2 ]= 1 N b a 2 E c [ f X 1 2 b a I f ]=O 1 N

79 Es.: call con T=1, K=100, σ =0.8, r=0.1, s 0 =3, 200 punti per cammino, 5000 cammini. Opzione europea e opzione asiatica. Rosso: distribuzione lognormale di S T. Blu: distribuzione montecarlo di S T. Blu: distribuzione montecarlo della media temporale S av di S(t) su ogni cammino s

80 Una parte del programma Matlab/Octave usato per generare i plot è y(1)=initial; for j=1:nmonte % ciclo molti cammini average(j)=y(1); for i=1:n % ciclo singolo cammino: y prende N+1 valori y(i+1)=y(i)+rate*y(i)*h+y(i)*s*sqrt(h)*randn; average(j)=average(j)+y(i+1); end; % fine ciclo singolo cammino tail(j)=y(n+1); average(j)=average(j)/(n+1); end; % fine ciclo molti cammini

81 N(x,0,1) è la normale con media 0 e varianza 1 Le greche Come dipende il prezzo di una call dalle variabili sottostanti? S 0 2 S 0 T-t r ν (vega) = C S 0 = d 1 = 2 C S 0 2 = N d 1,0,1 S 0 T t 0 = C T = S N d 1,0,1 2 T t 0 r K e r T t 0 d 2 = C r =K T t 0 e r T t 0 d 2 = C =S 0 T t 0 N d 1, 0,1

82 Strategie elementari Le strategie elementari: spread straddle strangle butterfly seagull

83 Strategie elementari Spread La strategia spread consiste nell assunzione di due posizioni opposte (acquisto e vendita) relative ad opzioni dello stesso tipo.

84 Strategie elementari Bull spread strategy: Profilo del payoff di una spread Call 1 Call 2 Spread Underlying

85 Strategie elementari Aquirente Prospettiva: moderatamente bullish Rischio: limitato Guadagno: limitato Nota: deprezzamento temporale limitati Anche lo bear spread è possibile.

86 Strategie elementari Straddle La strategia straddle consiste nell assunzione di due posizioni: una call e una put relative ad uno stesso underlying con lo stesso prezzo di esercizio

87 Strategie elementari Straddle strategy: Profilo del payoff di una spread Call 1 Put 2 Straddle Underlying

88 Strategie elementari Acquirente Prospettiva: molto volatile nel breve Rischio: limitato Guadagno: illimitato Nota: deprezzamento temporale importante

89 Strategie elementari Strangle La strategia strangle consiste nell assunzione di due posizioni: una call e una put relative ad uno stesso underlying, ma con strike maggiore per la call

90 Strategie elementari Strangle strategy: Profilo del payoff di una strangle Call 1 Put 1 Stangle Underlying

91 Strategie elementari Acquirente Prospettiva: molto volatile nel breve Rischio: limitato minore dello straddle Guadagno: illimitato Nota: deprezzamento temporale importante

92 Strategie elementari Butterfly strategy La strategia butterfly è costituita dall assunzione di due posizioni lunghe su una opzione call caratterizzate da stesso nominale ma diverso livello di strike e da una posizione corta sulla stessa opzione con nominale doppio e con strike compreso tra quello delle due precedenti.

93 Strategie elementari Butterfly strategy: Profilo del payoff di una butterlfy Call 1 Call 2 Call 3 Butterly Underlying

94 Strategie elementari Acquirente Prospettiva: non volatile nel breve Rischio: limitato Guadagno: illimitato Nota: può esser difficile da implementare

95 Strategie elementari Seagull strategy La strategia seagull consiste nell assunzione delle seguenti posizioni lunga su una put corta su una put con strike inferiore alla precedente e superiore allo strike della call corta su una call con strike inferiore ai due strike precedenti

96 Strategie elementari Seagull strategy: Profilo del payoff di una Seagull Put 1 Call Put 2 Seagull Underlying

97 La realtà Nella realtà i prezzi non sono quelli di BS e si presenta il fenomeno dello VOLATILITY SMILE Le opzioni non sono prezzate colla stessa volatilità al variare di K e la funzione di BS viene usata per calcolare la volatilità implicita delle opzioni da confrontare con la volatilità storica. Il volatility smile è nato dopo il black monday (23/10/1987) quando il DOW perse il 22.6%. Inoltre si trova la violazione della put-call parity

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ABSTRACT PRINCIPI SULLE OPZIONI!A cura di Mauro Liguori!Seminario del 7 giugno 2003!V. delle Botteghe Oscure, 54 -Roma DEFINIZIONE DI OPZIONE OPZIONE DIRITTO DI ACQUISTARE

Dettagli

Il modello binomiale ad un periodo

Il modello binomiale ad un periodo Opzioni Un opzione dà al suo possessore il diritto (ma non l obbligo) di fare qualcosa. Un opzione call (put) europea su un azione che non paga dividendi dà al possessore il diritto di comprare (vendere)

Dettagli

Valore equo di un derivato. Contingent claim

Valore equo di un derivato. Contingent claim Contingent claim Ci occuperemo ora di determinare il prezzo equo di un prodotto derivato, come le opzioni, e di come coprire il rischio associato a questi contratti. Assumeremo come dinamica dei prezzi

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

Introduzione alberi binomiali

Introduzione alberi binomiali Introduzione alberi binomiali introduzione L albero binomiale rappresenta i possibili sentieri seguiti dal prezzo dell azione durante la vita dell opzione Il percorso partirà dal modello a uno stadio per

Dettagli

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012 ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA 1 OPZIONI 2 LE OPZIONI Le opzioni sono contratti che forniscono al detentore il diritto di acquistare o vendere una certa quantità del bene sottostante a una certa

Dettagli

Metodi Stocastici per la Finanza

Metodi Stocastici per la Finanza Metodi Stocastici per la Finanza Tiziano Vargiolu vargiolu@math.unipd.it 1 1 Università degli Studi di Padova Anno Accademico 2012-2013 Indice 1 Mercati finanziari 2 Arbitraggio 3 Conseguenze del non-arbitraggio

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

Black-Scholes: le Greche

Black-Scholes: le Greche Black-Scholes: le Greche R. Marfé Indice 1 Delta 2 2 Gamma 4 3 Theta 6 4 Vega 7 5 Rho 8 6 Applicazione in VBA 9 1 1 Delta Il delta di un opzione (o di un portafoglio di opzioni) indica la sensibilità del

Dettagli

FINANZA AZIENDALE AVANZATO. Le opzioni e l option theory. Lezioni 14 e 15

FINANZA AZIENDALE AVANZATO. Le opzioni e l option theory. Lezioni 14 e 15 FINANZA AZIENDALE AVANZATO Le opzioni e l option theory Lezioni 14 e 15 I derivati asimmetrici ono contratti/prodotti che fissano le condizioni a cui POTRA aver luogo la compravendita futura dell attività

Dettagli

T I P S T R A P S. La prezzatura di Opzioni Call e Put Europea con il metodo Montecarlo

T I P S T R A P S. La prezzatura di Opzioni Call e Put Europea con il metodo Montecarlo La prezzatura di Opzioni Call e Put Europea con il metodo Montecarlo In un mercato finanziario le opzioni a comprare (Call) o a vendere (Put) un titolo costituiscono il diritto, in un determinato periodo

Dettagli

MODELLO DI BLACK SCHOLES

MODELLO DI BLACK SCHOLES MODELLO DI BLACK SCHOLES 1 Greche della Put Dalla put-call parity: C P = S Ke P = SN(d 1 ) Ke N(d ) S + Ke P = Ke (1 N(d )) S(1 N(d 1 )) quindi la FORMULA DI BLACK SCHOLES PER LA PUT è P = Ke N( d ) SN(

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni Introduzione alle opzioni Tipi di Opzioni La call è un opzione di acquisto La put è un opzione di vendita Le opzioni europee possono essere esercitate solo alla scadenza Le opzioni americane possono essere

Dettagli

Il calore nella Finanza

Il calore nella Finanza Il calore nella Finanza Franco Moriconi Università di Perugia Facoltà di Economia Perugia, 12 Novembre 2008 Quotazioni FIAT Serie giornaliera dal 6/11/2007 al 6/11/2008 F. Moriconi, Il calore nella Finanza

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

I modelli della fisica e la finanza, ovvero perchè i fisici lavorano nelle banche

I modelli della fisica e la finanza, ovvero perchè i fisici lavorano nelle banche I modelli della fisica e la finanza, ovvero perchè i fisici lavorano nelle banche Mediobanca (Milano, 11 luglio 2003) Indice 1. Perché i fisici in finanza? 2. Il problema 3. I modelli della fisica in finanza

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

Volatilità implicita. P(t) = S(t)Φ(d 1 ) e r(t t) K Φ(d 2 ) con. d 1 = d 2 + σ T t. d 2 =

Volatilità implicita. P(t) = S(t)Φ(d 1 ) e r(t t) K Φ(d 2 ) con. d 1 = d 2 + σ T t. d 2 = Volatilità implicita Abbiamo visto come sia possibile calcolare la volatilità di un titolo attraverso la serie dei log-return. In teoria però la volatilità di un sottostante può essere determinata dal

Dettagli

Greche. Fondamenti dei Mercati di Futures e Opzioni, 5 a Edizione, Copyright John C. Hull 2004 15.1

Greche. Fondamenti dei Mercati di Futures e Opzioni, 5 a Edizione, Copyright John C. Hull 2004 15.1 Greche Problema per i trader è di gestire il rischio di posizioni su mercati over the counter e in borsa Ogni greca corrisponde a una misura di rischio Quindi i traders dovranno gestire le greche per gestire

Dettagli

19-2 Argomenti trattati

19-2 Argomenti trattati Principi di finanza aziendale Capitolo 19-20 IV Edizione Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri Introduzione alle opzioni e cenni al problema della valutazione 19-2 Argomenti trattati Call,

Dettagli

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

Opzioni americane. Opzioni americane

Opzioni americane. Opzioni americane Opzioni americane Le opzioni di tipo americano sono simili a quelle europee con la differenza che possono essere esercitate durante tutto l intervallo [0, T ]. Supponiamo di avere un opzione call americana

Dettagli

L opzione puo essere esercitata - alla sola data di scadenza ( opzione europea) - in qualsiasi istante entro la data di scadenza (opzione americana)

L opzione puo essere esercitata - alla sola data di scadenza ( opzione europea) - in qualsiasi istante entro la data di scadenza (opzione americana) 1 USO CALL PUT Opzioni (e terminologia) Le opzioni sono dei contratti in cui sono (implicitamente o esplicitamente) contenuti - il nome di chi si impegna alla vendita o acquisto ( WRITER) - il prezzo di

Dettagli

Finanza Aziendale. Teoria delle opzioni, metodologie di valutazione e implicazioni per la finanza aziendale. BMAS Capitolo 20

Finanza Aziendale. Teoria delle opzioni, metodologie di valutazione e implicazioni per la finanza aziendale. BMAS Capitolo 20 Finanza Aziendale Teoria delle opzioni, metodologie di valutazione e implicazioni per la finanza aziendale BMAS Capitolo 20 1 Le opzioni nei mercati reali e finanziari Si dicono opzioni i contratti finanziari

Dettagli

Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Derivati: principali vantaggi e utilizzi Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni QUIZ CAPITOLO 19 Introduzione alle opzioni 1. La Figura 19.13a rappresenta un venditore dell opzione call; la Figura 19.13b un acquirente dell opzione call. 2. a. Il prezzo di esercizio dell opzione put

Dettagli

Strategie Operative mediante Opzioni

Strategie Operative mediante Opzioni Strategie Operative mediante Opzioni Una posizione su: l opzione e il sottostante è detta hedge 2 o più opzioni dello stesso tipo è detta spread una miscela di calls e puts è detta combinazione Posizioni

Dettagli

Ambiente di riferimento

Ambiente di riferimento Ambiente di riferimento Cosideriamo un mercato finanziario di una sola azione (investimento a rischio), un titolo obbligazionario (investimento senza rischio) e un contingent claim. La dinamica dei prezzi

Dettagli

STRATEGIE DI TRADING CON LE OPZIONI. 8 maggio 2002

STRATEGIE DI TRADING CON LE OPZIONI. 8 maggio 2002 STRATEGIE DI TRADING CON LE OPZIONI 8 maggio 2002 LE STRATEGIE... Strategie di trading utilizzando: un opzione e l azione sottostante due o più opzioni sulla stessa azione Nelle tabelle che seguono verranno

Dettagli

studi e analisi finanziarie LA PUT-CALL PARITY

studi e analisi finanziarie LA PUT-CALL PARITY LA PUT-CALL PARITY Questa relazione chiarisce se sia possibile effettuare degli arbitraggi e, quindi, guadagnare senza rischi. La put call parity è una relazione che lega tra loro: il prezzo del call,

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta Le opzioni (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta 1 Disclaimer La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio da parte di Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione 1 PROBLEMI DI SCELTA Problemi di Scelta Campo di Scelta Funzione Obiettivo Modello Matematico Scelte in condizioni di Certezza Scelte in condizioni di Incertezza Effetti Immediati Effetti Differiti Effetti

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Modelli matematici per la valutazione dei derivati: dalla formula CRR alla formula di Black-Scholes

Modelli matematici per la valutazione dei derivati: dalla formula CRR alla formula di Black-Scholes Capitolo 4 Modelli matematici per la valutazione dei derivati: dalla formula CRR alla formula di Black-Scholes Quanto è ragionevole pagare per entrare in un contratto d opzione? Per affrontare questo problema

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Opzioni Le opzioni offrono agli investitori la possibilità di creare

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo Danilo unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS Definizione Modalità di utilizzo Elementi di valutazione: valore minimo e valore temporale Relazione di parità Copyright SDA

Dettagli

VI Esercitazione di Matematica Finanziaria

VI Esercitazione di Matematica Finanziaria VI Esercitazione di Matematica Finanziaria 2 Dicembre 200 Esercizio. Verificare la proprietà di scindibilità delle leggi del prezzo { v(t, s) = exp } 2 (s2 t 2 ) e v(t, s) = e t(s t) Soluzione. Possiamo

Dettagli

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Prefazione XV Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Capitolo 2 Il mercato delle opzioni azionarie 11 2.1 Le opzioni sui singoli titoli azionari 11 2.2 Il mercato telematico delle

Dettagli

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Francesca Querci Università di Genova Strumenti derivati e copertura dei rischi finanziari d impresa nel nuovo contesto di

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Il modello di Black-Scholes- Merton. Giampaolo Gabbi

Il modello di Black-Scholes- Merton. Giampaolo Gabbi Il modello di Black-Scholes- Merton Giampaolo Gabbi Premessa Fra le equazioni utilizzate in finanza ne esiste una estremamente semplice. Il contributo di Black e Scholes allo sviluppo della teoria e della

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Gli strumenti finanziari derivati 2 Gli strumenti

Dettagli

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Teoria delle opzioni e struttura finanziaria Valutazione opzioni Non posso usare le formule di attualizzazione in quanto non riesco a trovare un accettabile tasso a

Dettagli

Nuove strategie di trading con le opzioni del mercato IDEM

Nuove strategie di trading con le opzioni del mercato IDEM Nuove strategie di trading con le opzioni del mercato IDEM Gabriele VILLA Responsabile Business Development Investitori Privati Stefania FAIELLA Derivatives Markets Products and Indices Borsa Italiana

Dettagli

Indice. Notazioni generali

Indice. Notazioni generali Indice Notazioni generali XIII 1 Derivati e arbitraggi 1 1.1 Opzioni 1 1.1.1 Finalità 3 1.1.2 Problemi 4 1.1.3 Leggi di capitalizzazione 4 1.1.4 Arbitraggi e formula di Put-Call Parity 5 1.2 Prezzo neutrale

Dettagli

Finanza matematica - Lezione 01

Finanza matematica - Lezione 01 Finanza matematica - Lezione 01 Contratto d opzione Un opzione è un contratto finanziario stipulato al tempo, che permette di eseguire una certa transazione, d acquisto call o di vendita put, ad un tempo

Dettagli

OptionCube Educational

OptionCube Educational OptionCube Educational Derivatives & Consulting Srl Via Martiri della Libertà 244 30174 Mestre (VE) Sommario Sommario... 2 La descrizione di OptionCube... 3 OptionCube Educational... 3 OptionCube Educational

Dettagli

- il grafico di payout alla scadenza e alla data odierna per acquisto/vendita di opzioni call e put;

- il grafico di payout alla scadenza e alla data odierna per acquisto/vendita di opzioni call e put; GUIDA OPTION PRICER SOMMARIO Che cos è 3 Dati e orari di disponibilità 3 Modalità di accesso al tool 4 Sezione Pricer 5 Cronologia utilizzo sezione Pricer 8 Sezione Strategia 9 Cronologia utilizzo sezione

Dettagli

Volatilità Implicita, Covered Warrant e Scelta degli Investitori

Volatilità Implicita, Covered Warrant e Scelta degli Investitori Marcello Minenna Volatilità Implicita, Covered Warrant e Scelta degli Investitori Orienta Finanza 22 febbraio 2002 Rimini Covered Warrant Volumi Scambiati 62.000 56.000 Controvalori Scambiati (milioni

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

call europea viene esercitata, consentendo un guadagno pari a

call europea viene esercitata, consentendo un guadagno pari a INTRODUZIONE Un opzione è un contratto derivato che conferisce al proprio detentore il diritto di disporre del titolo sottostante ad esso. Più precisamente, l acquisto di un opzione call (put) conferisce

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale 2) Opzioni 3) Valutazione delle aziende 4) Finanziamento tramite debiti 5) Risk management Introduzione alle opzioni 6) Temi speciali di finanza aziendale

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6 EQUAZIONI DIFFERENZIALI.. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x log t (d) x = e t x log x (e) y = y 5y+6 (f) y = ty +t t +y (g) y = y (h) xy = y (i) y y y = 0 (j) x = x (k)

Dettagli

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 2 IL MKT DEI CAMBI E il mkt nel quale si vendono ed acquistano valute estere. Funzioni del mkt dei cambi 1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale

Dettagli

Jacopo Ceccatelli Partner JC Associati L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio. Milano, 12 aprile 2008

Jacopo Ceccatelli Partner JC Associati L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio. Milano, 12 aprile 2008 Jacopo Ceccatelli Partner JC Associati L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio Milano, 12 aprile 2008 Operare con strumenti derivati per la copertura dei rischi di portafoglio Gli strumenti derivati

Dettagli

Funzioni. Funzioni /2

Funzioni. Funzioni /2 Funzioni Una funzione f è una corrispondenza tra due insiemi A e B che a ciascun elemento di A associa un unico elemento di B. Si scrive: f : A B l'insieme A si chiama il dominio della funzione f, l'insieme

Dettagli

SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE

SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE Titolo SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.24option.com/it ATTENZIONE: tutti i diritti sono riservati

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

1.Compro Azioni. 2.Vendo Azioni

1.Compro Azioni. 2.Vendo Azioni 1.Compro Azioni Question #1: Cos' è una Azione (un titolo azionario)? A) E' un Titolo rappresentativo della quota di una società B) E' una ricevuta per investire C) E' una assicurazione Question #2: Perchè

Dettagli

Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE

Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Sommario I Goldman Sachs 4 II Introduzione 6 Che cosa sono i covered

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa Struttura Cilindrica

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa struttura

Dettagli

Financial Trend Analysis

Financial Trend Analysis Financial Trend Analysis Analisi relativa a MIB Elaborata il giorno 25/01/2013 Financial Trend Analysis srl L'autorizzazione all'accesso alle presenti informazioni è strettamente riservata ad uso personale

Dettagli

Modelli finanziari per i tassi di interesse

Modelli finanziari per i tassi di interesse MEBS Lecture 3 Modelli finanziari per i tassi di interesse MEBS, lezioni Roberto Renò Università di Siena 3.1 Modelli per la struttura La ricerca di un modello finanziario che descriva l evoluzione della

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

I modelli fondati sul mercato dei capitali

I modelli fondati sul mercato dei capitali I modelli fondati sul mercato dei capitali Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA L approccio basato sugli spread

Dettagli

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA anno accademico 2007/2008 modulo n. 1 Lezioni 6 Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Teoria delle opzioni e struttura finanziaria LE OPTION Contratto a termine mediante

Dettagli

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio BORSA ITALIANA S.p.A. Derivatives Markets Private Investors Business Development Relatore: Gabriele Villa Disclaimer La pubblicazione del presente

Dettagli

Mattia Zanella mattia.zanella@unife.it www.mattiazanella.eu

Mattia Zanella mattia.zanella@unife.it www.mattiazanella.eu mattia.zanella@unife.it www.mattiazanella.eu Department of Mathematics and Computer Science, University of Ferrara, Italy Ferrara, 1 Maggio 216 Programma della lezione Seminario II Equazioni differenziali

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse Giugno 2003 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE Documento Aristeia n. 26 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE SOMMARIO: 1. Introduzione 2.

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 009 A.A. 008-009 Agenda 1. Introduzione ai concetti di rendimento e rischio. Il rendimento delle obbligazioni

Dettagli

Strategie con le opzioni

Strategie con le opzioni 1 Strategie con le opzioni Maria Letizia Guerra 2 Aprile 2008 Strategie con le opzioni 3 1 Strategie con le opzioni 1.1 Hedge Si chiama copertura una qualsiasi transazione volta alla rimozione totale o

Dettagli

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Il valore dell impresa come una torta Debito Capitale Azionario 2 Struttura Finanziaria

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali La modalità di determinazione dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 1.0 Sommario Premessa... 3 1. Tipologie di Margini Iniziali... 3 2. Il Calcolo dei Margini Iniziali Ordinari... 4 3. La Determinazione

Dettagli

Introduzione. Per cominciare. Conoscere i propri obiettivi. Raggiungere i propri obiettivi. Idoneità al trading. Preparazione al trading.

Introduzione. Per cominciare. Conoscere i propri obiettivi. Raggiungere i propri obiettivi. Idoneità al trading. Preparazione al trading. 1/ 33 Indice Indice... 2 Introduzione... 3 Per cominciare... 3 Conoscere i propri obiettivi... 3 Raggiungere i propri obiettivi... 3 Idoneità al trading... 3 Preparazione al trading... 3 I margini... 3

Dettagli

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE.

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. Lezione 5 Castellanza, 17 Ottobre 2007 2 Summary Il costo del capitale La relazione rischio/rendimento

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU DIVISE OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa

Dettagli

Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione

Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione Versione 11/03/2004 Contenuto e scopo esercitazione Contenuto esempi di problema di programmazione

Dettagli

WHS opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX. Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX.

WHS opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX. Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX WHS opzioni FX Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX. Affina il tuo stile di trading e la visione dei mercati. Impara ad

Dettagli

Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting

Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting di Giuseppe Zillo (*) e Elisabetta Cecchetto (**) La definizione del cambio obiettivo nell azienda industriale non è solo

Dettagli

Financial Trend Analysis

Financial Trend Analysis Financial Trend Analysis Analisi relativa a S&P 500 INDEX Elaborata il giorno 22/02/2013 L'autorizzazione all'accesso alle presenti informazioni è strettamente riservata ad uso personale con il tassativo

Dettagli

Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO. di Stefano Cenna [Certificate Journal]

Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO. di Stefano Cenna [Certificate Journal] Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO di Stefano Cenna [Certificate Journal] Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO Introduzione; Idem vs Sedex; Breve introduzione

Dettagli

Dato il Mercato, è possibile individuare il valore e la duration del portafoglio:

Dato il Mercato, è possibile individuare il valore e la duration del portafoglio: TEORIA DELL IMMUNIZZAZIONE FINANZIARIA Con il termine immunizzazione finanziaria si intende una metodologia matematica finalizzata a neutralizzare gli effetti della variazione del tasso di valutazione

Dettagli

FINANZA AZIENDALE AVANZATO

FINANZA AZIENDALE AVANZATO FINANZA AZIENDALE AVANZATO L impresa vista in termini di opzioni: le opzioni implicite Lezione 15 Università Ca' Foscari di Venezia Prof. Giorgio Bertinetti 1 Richiamo Le opzioni sono degli strumenti finanziari

Dettagli

LEZIONE n. 5 (a cura di Antonio Di Marco)

LEZIONE n. 5 (a cura di Antonio Di Marco) LEZIONE n. 5 (a cura di Antonio Di Marco) IL P-VALUE (α) Data un ipotesi nulla (H 0 ), questa la si può accettare o rifiutare in base al valore del p- value. In genere il suo valore è un numero molto piccolo,

Dettagli

La diffusione e il moto Browniano

La diffusione e il moto Browniano La diffusione e il moto Browniano 0. La diffusione La prima legge di Fick afferma che: ϕ = DA dx (0..) dove D è il coefficiente di diffusione con [D] = m2 s, ϕ è la corrente di massa con [ϕ] = N s dove

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa

Dettagli

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI Le due principali categorie in cui si dividono le opzioni sono: opzioni call, assegna la facoltà di acquistare o non acquistare l'attività sottostante

Dettagli