STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI:"

Transcript

1 STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: - RETINOLO PURO - RETINOLO IN LIPOSOMI - RETINOLO IN LIPOSYSTEM COMPLEX - RETINOLO IN CYCLOSYSTEM COMPLEX - VITAMINA C PURA - VITAMINA C IN LIPOSOMI - VITAMINA C IN LIPOSYSTEM COMPLEX - VITAMINA C IN CYCLOSYSTEM COMPLEX - VITAMINA E PURA - VITAMINA E IN LIPOSOMI - VITAMINA E IN LIPOSYSTEM COMPLEX - VITAMINA E IN CYCLOSYSTEM COMPLEX File: Biodisp2.Doc

2 INDICE INTRODUZIONE...3 Vitamine...3 Inclusione in complessi...3 Sistemi di veicolazione a rilascio controllato...3 Liposomi...4 Liposystem Complex...5 Ciclodestrine...6 Cyclosystem Complex...7 Scopo dello studio...9 Biodisponibilità...9 Razionale dello studio...9 Somministrazione di vitamine a volontari...9 Metodi di determinazione...10 Vitamina E...10 Vitamina C...11 Risultati vitamina E...13 Risultati vitamina C...16 Penetrazione nella pelle...20 Razionale dello studio...20 Preparazione della pelle...20 Celle di diffusione...20 Prodotti da testare...20 Metodo di determinazione...21 Vitamina E...21 Vitamina C...22 Retinolo...23 Procedura...24 Risultati...24 Conclusioni

3 INTRODUZIONE Le vitamine La correlazione tra vitamine e buona salute è nota da tempo. Tuttavia, fino a poco tempo fa le vitamine erano poco utilizzate in cosmetica perchè si pensava non fossero in grado di penetrare la pelle e perchè il metabolismo di quest ultima non era adeguatamente conosciuto. Attualmente, con l approfondimento della conoscenza della fisiologia della pelle e con le nuove tecnologie nel campo dei veicoli biologici, l interesse per l applicazione topica delle vitamine è cresciuto. In termini di bellezza e funzionalità, studi recenti hanno dimostrato che alcune vitamine ed i loro derivati sono in grado di migliorare l efficacia dei prodotti cosmetici. Inoltre, studi clinici e di laboratorio hanno fornito evidenze che queste vitamine, a livelli appropriati, giocano un ruolo importante nella protezione e nei processi di rinnovamento di capelli, pelle e unghie. Alcuni studi hanno dimostrato per le vitamine applicate topicamente un ruolo utile nel combattere diverse disfunzioni della pelle, soprattutto nell aiutare la prevenzione, il rallentamento o l arresto di alcuni processi degenerativi associati all invecchiamento, quali la pelle secca o squamosa e la formazione di rughe. Infine, uno stimolo all utilizzo delle vitamine in creme e lozioni per mantenere la pelle morbida e liscia è stato dato dal fatto che le vitamine sono sostanze naturali. Inclusione in complessi Sistemi di veicolazione a rilascio controllato Negli ultimi anni sono stati fatti numerosi sforzi per ricercare e sviluppare sistemi che ottimizzassero l applicazione e la biodisponibilità dei prodotti cosmetici. Incrementare la biodisponibilità di un principio attivo significa sfruttare al massimo le sue potenzialità e i benefici che si possono trarre dal suo utilizzo. In questo modo è possibile usare concentrazioni inferiori dei principi attivi con ovvi vantaggi economici e una riduzione degli effetti collaterali. 3

4 I sistemi di veicolazione a rilascio controllato usati in cosmetica sono in continua evoluzione, ed è stato dimostrato che è molto vantaggioso scegliere il sistema più adeguato. Nel formulare un prodotto cosmetico bisogna considerare non solo l aspetto sensoriale legato al suo utilizzo, ma anche una serie di fattori tecnici ed economici. Da un punto di vista tecnico è fondamentale avere: a) Compatibilità tra il sistema di veicolazione a rilascio controllato scelto e il principio attivo selezionato. b) Il meccanismo di rilascio più adeguato per l utilizzo in prodotti cosmetici c) Un calcolo della quantità di principio attivo rilasciata dal sistema di veicolazione d) Una costante sicurezza del consumatore Economicamente è molto importante considerare: a) Il costo del sistema di veicolazione a rilascio controllato scelto b) La percentuale di principio attivo contenuta nel sistema c) La facilità di complessazione del principio attivo nel sistema scelto Dopo aver controllato attentamente questi aspetti, è possibile scegliere il sistema di veicolazione a rilascio controllato più efficiente, in modo da ottimizzare l effetto e l efficacia del prodotto cosmetico. Liposomi Il sistema di veicolazione a rilascio controllato più recente è rapresentato dai LIPOSOMI. Il termine liposoma viene dal Greco "lipos" (grasso) e "soma" (corpo). Quindi letteralmente significa "corpo grasso". La scoperta dei liposomi risale al 1961 e fu fatta dallo scienziato inglese Alec D. Bangham, il quale stava studiando la funzione dei fosfolipidi nella coagulazione del sangue. I fosfolipidi sono tra i principali costituenti delle membrane biologiche. Consistono in una coda idrofobica, costituita da una coppia di acidi grassi, e una testa polare idrofilica, che corrisponde al gruppo fosfato. Quando vengono dispersi in un mezzo acquoso, i fosfolipidi si dispongono in micelle sferiche o in strutture a foglietti bimolecolari, i liposomi. Da un punto di vista strutturale i liposomi possono essere classificati in unilamellari e multilamellari. 4

5 Possono inoltre essere suddivisi in liposomi semplici e complessi. Nei liposomi semplici i compartimenti intralamellari ed il compartimento centrale contengono solo acqua o acqua con sostanze idrosulubili in essa disciolte. Nei liposomi complessi si instaurano specifiche interazioni chimico/fisiche reversibili tra le molecole fosfolipidiche dello strato lipidico e gli ingredienti attivi. L interazione tra un liposoma e una membrana cellulare può avvenire in diversi modi: il liposoma può essere assorbito sulla superficie della cellula oppure può essere incorporato per endocitosi. I liposomi inoltre possono scambiare lipidi con la membrana cellulare o fondere la propria membrana con quella cellulare. Qualunque sia il meccanismo, il risultato finale non cambia, perchè in generale i liposomi aumentano l assorbimento dei principi attivi incrementandone così la biodisponibilità. Ciò fondamentalmente deriva dalle loro propretà chimiche e dall alta affinità con le membrane biologiche. Un ulteriore progresso potrebbe essere rappresentato dalla produzione di liposomi con fosfolipidi modificati biotecnologicamente per migliorarne l affinità biologica e l efficienza. Inoltre, si ritiene che i fosfolipidi aiutino la naturale idratazione della pelle e dei capelli. I liposomi generalmente sono costituiti da fosfolipidi, ma possono contenere anche componenti di membrana differenti, come gli Ufasomi (costituiti da acidi grassi e acidi insaturi), i Niosomi (costituiti da poliossietilene alchil eteri e alcoli grassi o da poliossietilene alchil eteri e acidi grassi) e gli Sfingosomi (costituiti da sfingolipidi). Liposystem Complex I.R.A., Istituto Ricerche Applicate, ha sviluppato una forma modificata di liposoma chiamata LIPOSYSTEM COMPLEX. Il LIPOSYSTEM COMPLEX è un sistema brevettato che permette di ottenere rapidamente liposomi con una grande capacità di incapsulare diversi tipi di ingredienti attivi e titolati in fosfolipidi e ingredienti attivi. Il LIPOSYSTEM COMPLEX si basa sull idea di formare un complesso tra l ingrediente attivo e i fosfolipidi prima di assemblarli in un liposoma. A seconda della sua natura idrofilica o idrofobica, e nelle condizioni adeguate, l ingrediente attivo è attratto, tramite interazioni elettrostatiche, dalla corrispondente porzione dei fosfolipidi. Una volta che l ingrediente attivo è catturato e complessato dai fosfolipidi, viene 5

6 completamente integrato come parte del liposoma finale. Il complesso si comporta come un unità stabile, in cui il componente attivo è saldamente tenuto dai fosfolipidi nella membrana liposomiale. Il prodotto quindi è un liposoma attivo più stabile, con un rilascio spontaneo del componente attivo quasi nullo. Partendo dal gel del LIPOSYSTEM COMPLEX, è possibile ottenere la formazione spontanea di liposomi aggiungendo un eccesso di acqua. Le quantità relative dei diversi componenti del gel sono accuratamente controllate cosicchè tramite una semplice diluizione si può ottenere una riorganizzazione dei fosfolipidi così come la formazione spontanea dei liposomi. Il prodotto è estremamente semplice da preparare, essenzialmente puro, senza bisogno di aggiungere conservanti, e con la possibilità di titolare il componente attivo secondo le esigenze. Ciclodestrine Il primo riferimento alle ciclodestrine in letteratura risale al L interesse per le ciclodestrine e le loro applicazioni è cresciuto rapidamente negli ultimi 10 anni, soprattutto nell industria farmaceutica ed alimentare. Il settore cosmetico invece ha iniziato ad interessarsi alle ciclodestrine soltanto pochi anni fa. Le ciclodestrine costituiscono una famiglia di oligosaccaridi ciclici ottenuti tramite degradazione dell amido da parte di un enzima specifico, la glucosiltransferasi (GCT). Il prodotto di reazione primario, in assenza di acqua, va incontro ad una reazione intermolecolare per produrre composti 1-4 ciclici, le ciclodestrine. All interno di questa famiglia si possono distinguere diversi gruppi, tre di questi sono conosciuti particolarmente bene e vengono prodotti industrialmente. Sono chiamati -, -, -ciclodestrine e sono formati rispettivamente da 6, 7, 8 subunità di glucopiranosio. La molecola della ciclodestrina ha forma toroidale, è un piccolo cilindro con una superficie esterna idrofilica ed una cavità centrale idrofobica di dimensioni ben definite. La stabilità di questa struttura è dovuta alla presenza di numerosi legami idrogeno intramolecolari tra le molecole di glucopiranosio. Le ciclodestrine sono in grado di formare complessi di inclusione con una varietà di specie ioniche e molecolari. Quando sono coinvolte nella formazione di un complesso di inclusione le molecole di ciclodestrina assumono una forma a tronco di cono piuttosto che cilindrica. Le dimensioni approssimative delle ciclodestrine sono direttamente proporzionali al numero di unità di glucosio, e la loro 6

7 conformazione in soluzione è praticamente identica a quella nello stato cristallizzato. L arrangiamento delle molecole di ciclodestrina all interno della struttura cristallina può essere di due tipi differenti: le molecole possono disporsi a formare una struttura a "gabbia" o una struttura a "canale". Nelle strutture a canale, le molecole sono allineate una sopra l altra, così come monete in un rotolo. Le molecole incluse, quindi, sono contenute in canali "infiniti", formati dall allineamento lineare di cavità. Tale allineamento può essere sia "testa-coda" sia "testa-testa". Nelle strutture a gabbia, la cavità di ciascuna molecola di ciclodestrina è bloccata su entrambi i lati dalle molecole di ciclodestrina adiacenti, cosicchè le singole cavità sono isolate. In questo tipo di struttura cristallina, le ciclodestrine possono essere disposte a croce, a spina di pesce o a mattonelle. Le cavità delle ciclodestrine cristallizzate da acqua non sono vuote, ma contengono delle molecole d'acqua. I complessi di inclusione in ciclodestrine sono ottenuti sostituendo le molecole d acqua con le molecole opportune. Dopo il processo di inclusione, le dimensioni e la forma della cavità delle ciclodestrine rimangono praticamente inalterate. Tra le ciclodestrine e le molecole incluse ci sono interazioni stabili, principalmente legami di tipo elettrostatico. L incapsulamento molecolare in ciclodestrine presenta diversi vantaggi considerando che : - la sostanza inserita è totalmente o parzialmente inclusa nella cavità e quindi isolata dall ambiente esterno e protetta contro quei processi ossidativi e degradativi che potrebbero danneggiarla - dal momento che la reazione di inclusione è reversibile e i complessi risultanti possono avere una struttura cristallina, non sono esposti a stress di pressione - l inclusione inibisce la decomposizione naturale delle sostanze attive incluse - incapsulando provvisoriamente certi principi attivi, questi mostrano proprietà di "rilascio controllato" che ne migliorano la biodisponibilità - le molecole incluse presentano una tossicità ridotta. Cyclosystem Complex Il CYCLOSYSTEM COMPLEX è un sistema studiato per la preparazione di complessi di inclusione di diversi componenti attivi con le ciclodestrine. Anche in 7

8 questo caso, come per il LIPOSYSTEM COMPLEX, si instaurano interazioni stabili di tipo elettrostatico tra la molecola ospite e le molecole ospitanti. Il CYCLOSYSTEM COMPLEX è utilizzato per aumentare la solubilità di un componente attivo, per proteggerlo dalla degradazione, dalla luce, dal calore, dall ossidazione e per prolungarne la shelf life. Rappresenta un sistema versatile adatto a veicolare svariati tipi di molecole. Risultati eccellenti sono già stati ottenuti con vitamine, acidi grassi insaturi, enzimi, derivati vegetali e derivati naturali in generale. 8

9 Scopo dello studio I dati riportati in questo studio descrivono la differenza nella biodisponibilità di alcune vitamine quando sono nella forma libera o incluse in LIPOSYSTEM COMPLEX, in CYCLOSYSTEM COMPLEX, o in LIPOSOMI e la loro capacità di penetrare nella pelle. E stato condotto un esperimento in vivo su volontari umani sani dando loro, per somministrazione orale, vitamine complessate in liposomi, liposystem complex e cyclosystem complex, per verificare la differenza in termini di biodisponibilità. La capacità delle vitamine, incluse in differenti complessi, di penetrare nella pelle è stata testata mediante un sistema in vitro costituito da celle di diffusione e dischi di pelle. BIODISPONIBILITA Razionale dello studio La disponibilità nel sangue di tutti i componenti somministrati per via orale dipende sia dal grado di estrazione epatica sia dalla quantità che raggiunge il fegato attraverso il sangue portale. Ciò significa che l idofilicità o l idrofobicità di un componente influenza la sua estrazione dal fegato e la sua disponibilità nel sangue. Per questa ragione la valutazione della biodisponibilità è stata fatta comparando le quantità di vitamina nella forma libera e nella forma complessata rilevate nel sangue. Inoltre, per alcune molecole, come ad esempio la vitamina E, la distinzione tra componente endogena ed esogena risulta difficile. Pertanto, per evitare di sovrastimare le vitamine nel sangue, sono stati utilizzati dei volontari non trattati come controllo. La quantità di vitamine trovata nel loro sangue ai tempi di controllo è stata considerata come vitamina prodotta endogenamente. Somministrazione delle vitamine ai volontari Lo studio è stato effettuato su un campione di sei volontari in buona salute (quattro maschi e due femmine) di età compresa tra i 22 e i 55 anni e del peso di

10 kg. Pastiglie di complessi di vitamine e di vitamine libere sono state somministrate per via orale a ciascun soggetto a intervalli di 3 giorni e in ordine casuale. Le pastiglie venivano assunte dai volontari la mattina a digiuno con liquidi (150 ml di acqua e una tazza di caffè). Contenuto delle pastiglie somministrate ai volontari: a) complessi di inclusione senza vitamine (primo controllo) b) 1 g di vitamina pura (secondo controllo) c) 0,5 g di vitamina complessata in LIPOSYSTEM COMPLEX d) 0,5 g di vitamina complessata in CYCLOSYSTEM COMPLEX e) 0,5 g di vitamina complessata in LIPOSOMI Data l elevata tossicità del retinolo, non è stato possibile studiare la sua biodisponibilità seguendo questo protocollo. Campioni di sangue sono stati prelevati a diversi tempi: dopo 20, 40, 60, 80, 100, 120, 180, 210 e 240 minuti. Il contenuto di vitamine è stato determinato tramite HPLC. Metodo di determinazione La quantità totale di vitamina C ed E nel sangue è stata determinata mediante HPLC. Ad ogni tempo di analisi, campioni di sangue sono stati prelevati da ogni soggetto. I campioni sono stati tenuti a 37 C per 30 minuti. Dopo coagulazione del sangue, i campioni sono stati centrifugati ed è stato raccolto il plasma. Per ottenere il siero, ai campioni di plasma è stato aggiunto EDTA a una concentrazione finale dello 0,1% e sono stati centrifugati. I campioni di siero sono stati concentrati 10 volte sotto vuoto per aumentare la concentrazione delle vitamine in modo da avere una maggior sensibilità nell analisi HPLC. I campioni sono stati conservati a -20 C. Vitamina E Materiali: - Hypersil ODS, 3, Shandon, Southern Products, Cadwick Road Astmoore. - Etanolo assoluto - Metanolo 10

11 - Vitamina E standard di riferimento Procedura: Soluzione standard Pesare accuratamente 0,01 g (Wst) di Vitamina E in una fiasca volumetrica da 200 ml. Sciogliere in etanolo e portare al volume di 100 ml. La concentrazione di questa soluzione standard (c) dovrebbe essere di circa 5 ì/ml e viene calcolata come segue: c= p x Wst / 0,2 p= Potenza della vitamina E in % Wst= Peso standard (ca. 0,01 g) Soluzione campione Trasferire 0,5 ml di siero concentrato in una fiasca volumetrica da 100 ml. Diluire con 50 ml di etanolo e sonicare per 10 minuti. La soluzione campione per l iniezione è rappresentata dal surnatante ottenuto dopo centrifugazione. Condizioni cromatografia: - Fase mobile: 98% metanolo + 2% acqua - Fase stazionaria: Hypersil ODS 3 - Velocità di flusso: ca. 1,2 ml/min - Pressione: ca bar - Volume di iniezione: 20 l - Determinazione: determinazione UV, a 285 nm - Valutazione: tramite area dei picchi Calcolo: Vitamina E g/kg = Fs x c x 2 / Fst x Ws Fs = Area del picco della soluzione campione Fst = Area del picco della soluzione standard c = Concentrazione della soluzione standard in ìg/ml Ws = Peso del campione 11

12 Vitamina C Materiali: - Adsorbosil C18, 10 m, 300 x 4,6 mm - Metanolo - Vitamina C standard di riferimento Procedura: Soluzione standard Pesare accuratamente 0,01 g (Wst) di Vitamina C in una fiasca volumetrica da 200 ml. Sciogliere in metanolo e portare al volume di 100 ml. La concentrazione di questa soluzione standard (c) dovrebbe essere di circa 5 ì/ml e viene calcolata come segue: c= p x Wst / 0,2 p= Potenza della vitamina C in % Wst= Peso standard (ca. 0,01 g) Soluzione campione Trasferire 0,5 ml di siero concentrato in una fiasca volumetrica da 100 ml. Diluire con 50 ml di metanolo e sonicare per 10 minuti. La soluzione campione per l iniezione è rappresentata dal surnatante ottenuto dopo centrifugazione. Condizioni cromatografia: - Fase mobile: 100% methanol - Fase stazionaria: Adsorbosil C18 10 m - Velocità di flusso: ca. 1 ml/min - Pressione: ca bar - Volume di iniezione: 20 l - Determinazione: determinazione UV, a 254 nm - Valutazione: tramite area dei picchi 12

13 Calcolo: Vitamina C g/kg = Fs x c x 2 / Fst x Ws Fs = Area del picco della soluzione campione Fst = Area del picco della soluzione standard c = Concentrazione della soluzione standard in ìg/ml Ws = Peso del campione Risultati con la vitamina E Le concentrazioni di vitamina nel siero di ciascun volontario dopo la somministrazione orale delle pastiglie contenenti il complesso di inclusione (con o senza vitamina) o la vitamina in forma libera, sono riportate nella Tabella I. Ciascun punto è stato calcolato come media dei campioni prelevati da sei volontari. 13

14 TABELLA I. CONCENTRAZIONE VITAMINA E ( g/ml) NEL SANGUE TEMPO (min) VITAMINA E LIBERA VITAMINA E IN CYCLO SYSTEM COMPLEX VITAMINA E IN LIPOSYSTEM COMPLEX VITAMINA E IN LIPOSOMI 0 1,0 0,18 0,9 0,20 1,0 0,11 1,1 0, ,0 0,13 2,5 0,12 2,7 0,10 3,0 0, ,5 0,14 3,1 0,10 4,8 0,11 3,7 0, ,3 0,11 3,5 0,10 3,8 0,12 4,1 0, ,8 0,12 3,9 0,12 3,6 0,10 3,2 0, ,5 0,13 3,6 0,11 2,9 0,13 2,7 0, ,1 0,15 3,4 0,10 2,8 0,11 2,5 0, ,8 0,10 3,0 0,11 2,5 0,10 2,0 0, ,5 0,12 2,1 0,13 2,1 0,11 1,5 0, ,3 0,12 1,8 0,11 1,3 0,12 1,1 0,12 Come riportato in Tabella I, la concentrazione di vitamina E nel siero al tempo zero (primo controllo) è circa 1,1 g/ml e rappresenta la componente endogena di vitamina E. I dati riportati in Tabella I sono illustrati nel grafico I. 14

15 Grafico I: BIODISPONIBILITA' DI VITAMINA E 5,50 CONCENTRAZIONE DI VITAMINA E (ìg/ml) 4,50 3,50 2,50 1,50 vit. libera c.c. vit. l.c. vit. lip. vit. controllo 0,50-0, TEMPO (min) 15

16 Dati di cinetica: C0 = concentrazione di vitamina E nel siero al tempo zero = 1,1 g/ml T/2 = emivita (min): Vitamina E libera c.a. 190 min Vitamina E in Cyclosystem Complex c.a. 240 min Vitamina E in Liposystem Complex c.a. 230 min Vitamina E in Liposomi c.a. 200 min C(max) = concentrazione massima (picco): Vitamina E libera Vitamina E in Cyclosystem Complex Vitamina E in Liposystem Complex Vitamina E in Liposomi Tmax (min) = tempo per raggiungere la Cmax: Vitamina E libera Vitamina E in Cyclosystem Complex Vitamina E in Liposystem Complex Vitamina E in Liposomi 4,3 g/ml 3,9 g/ml 4,8 g/ml 4,1 g/ml 60 min 80 min 40 min 60 min I risultati dimostrano che, sebbene si sia ottenuto un modello simile per i 4 gruppi, si è potuto osservare un comportamento migliore per la VITAMINA E in CYCLOSYSTEM COMPLEX e la VITAMINA E in LIPOSYSTEM COMPLEX. Per stabilire la biodisponibilità relativa dei diversi gruppi, i parametri farmacocinetici sono stati valutati basandosi sulle concentrazioni di vitamina nel plasma. La concentrazione al tempo zero (C0), la concentrazione massima (Cmax) e il loro rapporto sono simili per i 4 gruppi testati. Tuttavia, sia il tempo necessario a raggiungere la concentrazione massima (Tmax) sia l emivita della vitamina E (T1/2) sono diverse. Infatti, c è un ritardo nel picco della concentrazione nel sangue della 16

17 Vitamina E in CYCLOSYSTEM COMPLEX rispetto a quella in LIPOSYSTEM COMPLEX e alla vitamina libera. Tuttavia, sia la VITAMINA E in CYCLOSYSTEM COMPLEX che la VITAMINA E in LIPOSYSTEM COMPLEX mostrano un emivita della vitamina maggiore rispetto alla VITAMINA E in LIPOSOMI e ancora più elevata rispetto alla vitamina E libera. Questo risultato potrebbe riflettere un più rapido assorbimento della vitamina E libera ma anche un metabolismo più veloce. Al contrario, a dispetto dell iniziale ritardo nell assorbimento della Vitamina E in CYCLOSYSTEM COMPLEX, la sua concentrazione nel plasma rimane più elevata per un tempo maggiore. Un comportamento differente può essere osservato per la Vitamina E veicolata dal LIPOSYSTEM COMPLEX, dove non c è un ritardo e la concentrazione nel plasma rimane più elevata rispetto alla vitamina libera. Dai dati riportati si può supporre che la permanenza più prolungata nel flusso sanguigno della vitamina veicolata da complessi ne aumenti la biodisponibilità. Risultati con la Vitamina C Le concentrazioni di vitamina nel siero di ciascun volontario dopo la somministrazione orale delle pastiglie contenenti il complesso di inclusione (con o senza vitamina) o la vitamina in forma libera, sono riportate nella Tabella II. Ciascun punto è stato calcolato come media dei campioni prelevati da sei volontari. 17

18 TABELLA II. CONCENTRAZIONE VITAMINA C ( g/ml) NEL SANGUE TEMPO (min) VITAMINA C LIBERA VITAMINA C in CYCLO SYSTEM COMPLEX VITAMINA C in LIPOSYSTEM COMPLEX VITAMINA C in LIPOSOMI ,8 0,13 2,5 0,12 2,7 0,10 3,0 0, ,8 0,14 3,1 0,10 5,3 0,11 4,0 0, ,3 0,11 3,5 0,10 4,6 0,12 5,0 0, ,9 0,12 5,0 0,12 4,5 0,10 4,2 0, ,0 0,13 4,6 0,11 3,9 0,11 3,5 0, ,6 0,15 4,0 0,10 3,6 0,11 2,8 0, ,2 0,10 3,5 0,11 2,7 0,10 2,0 0, ,0 0,12 2,1 0,13 2,0 0,11 1,5 0, ,9 0,12 1,8 0,11 1,3 0,13 1,2 0,11 Come riportato in Tabella II, la concentrazione di vitamina C nel siero al tempo zero (primo controllo) è 0 g/ml. I dati riportati in Tabella II sono illustrati nel grafico II. 18

19 Grafico II: BIODISPONIBILITA' DI VITAMINA C 6,50 5,50 CONCENTRAZIONE DI VITAMINA C (ìg/ml) 4,50 3,50 2,50 1,50 vit. libera c.c. vit. l.c. vit. lip. vit. 0,50-0, TEMPO (min) 19

20 Dati di cinetica: T/2 = emivita (min): Vitamina C libera c.a. 95 min Vitamina C in Cyclosystem Complex c.a. 200 min Vitamina C in Liposystem Complex c.a. 160 min Vitamina C in Liposomi c.a. 140 min C(max) = concentrazione massima (picco): Vitamina C libera Vitamina C in Cyclosystem Complex Vitamina C in Liposystem Complex Vitamina C in Liposomi Tmax (min) = tempo per raggiungere la Cmax: Vitamina C libera Vitamina C in Cyclosystem Complex Vitamina C in Liposystem Complex Vitamina C in Liposomi 5,3 g/ml 5,0 g/ml 5,8 g/ml 5,0 g/ml 60 min 80 min 40 min 60 min I risultati mostrano un comportamento molto simile per la Vitamina E e la Vitamina C quando sono complessate in CYCLOSYSTEM COMPLEX e in LIPOSYSTEM COMPLEX. Infatti, anche nel caso della Vitamina C, sebbene per i 4 gruppi sia stato ottenuto un modello simile, si è potuto osservare un comportamento migliore per la VITAMINA C in CYCLOSYSTEM COMPLEX e la VITAMINA C in LIPOSYSTEM COMPLEX. Per stabilire la biodisponibilità relativa dei diversi gruppi sono stati valutati i parametri farmacocinetici basandosi sulle concentrazioni di vitamina nel siero. La concentrazione al tempo zero (C0), la concentrazione massima (Cmax) e il loro rapporto sono simili per i 4 gruppi testati. Tuttavia, sia il tempo necessario a raggiungere la concentrazione massima (Tmax) sia l emivita della vitamina C (T1/2) sono diverse. Infatti, c è un ritardo nel picco della 20

21 concentrazione nel sangue della Vitamina C in CYCLOSYSTEM COMPLEX rispetto a quella in LIPOSYSTEM COMPLEX e alla vitamina libera. Tuttavia, sia la VITAMINA C in CYCLOSYSTEM COMPLEX che la VITAMINA C in LIPOSYSTEM COMPLEX mostrano un emivita della vitamina maggiore rispetto alla VITAMINA C in LIPOSOMI ed ancora più elevata rispetto alla vitamina C libera. Questo risultato potrebbe riflettere un più rapido assorbimento della vitamina C libera ma anche un metabolismo più veloce. Al contrario, a dispetto dell iniziale ritardo nell assorbimento della Vitamina C in CYCLOSYSTEM COMPLEX, la sua concentrazione nel plasma rimane più elevata per un tempo maggiore. Un comportamento differente può essere osservato per la Vitamina C veicolata dal LIPOSYSTEM COMPLEX, dove non c è un ritardo e la concentrazione nel plasma rimane più elevata rispetto alla vitamina libera. Dai dati riportati si può supporre che la permanenza più prolungata nel flusso sanguigno della vitamina veicolata da complessi ne aumenti la biodisponibilità. 21

22 PERMEAZIONE DELLA PELLE Razionale dello studio Con questo protocollo, è possibile testare in vitro la capacità di ingredienti cosmetici di permeare la pelle umana. L assorbimento/penetrazione nella pelle dei prodotti viene valutata utilizzando campioni di pelle umana isolati da donatori tramite operazione chirurgica e posti in celle di diffusione. Preparazione della pelle Partendo dalla pelle è possibile preparare un campione di membrana epiteliale. La pelle viene lasciata in un bagno di acqua calda (58-60 C) per 60 secondi, quindi lo strato epidermico è accuratamente prelevato utilizzando bisturi e pinze. La membrana epiteliale così ottenuta viene poi tagliata adattandola all area della cella di diffusione e viene posta tra la camera superiore e quella inferiore della cella. Celle di diffusione Ad ogni tempo di misurazione sono state utilizzate due celle di diffusione per testare ciascun prodotto. In ogni cella è stato posto un campione di pelle tra le due camere di diffusione. La pelle è stata mantenuta ad una temperatura di 32 1 C in un bagno termico. Un ora prima di iniziare l esperimento il comparto superiore della cella è stato riempito con un tampone fosfato e la pelle è stata controllata al microscopio. Prodotti da testare I prodotti testati sono i seguenti: a) 1% vitamina libera c) 1% vitamina in LIPOSYSTEM COMPLEX d) 1% vitamina in CYCLOSYSTEM COMPLEX e) 1% vitamina in LIPOSOMI Le vitamine usate sono: Retinolo, Vitamina C e Vitamina E. 22

23 2 mg di ciascun prodotto sono stati applicati sulla superficie della pelle. Metodo di determinazione Ad ogni tempo di determinazione, il materiale applicato è stato recuperato dalla superficie della pelle. La quantità totale di Vitamina E, Vitamina C e Retinolo è stata determinata tramite HPLC utilizzando il seguente metodo. Vitamina E Materiali: - Hypersil ODS, 3, Shandon, Southern Products, Cadwick Road Astmoore. - Etanolo assoluto - Metanolo - Vitamina E standard di riferimento Procedura: Soluzione standard Pesare accuratamente 0,01 g (Wst) di Vitamina E in una fiasca volumetrica da 200 ml. Sciogliere in etanolo e portare al volume di 100 ml. Diluire 10 volte con etanolo. La concentrazione di questa soluzione standard (c) dovrebbe essere di circa 0,5 ì/ml e viene calcolata come segue: c= p x Wst / 0,2 p= Potenza della vitamina E in % Wst= Peso standard (ca. 0,01 g) Soluzione campione Trasferire in una fiasca volumetrica da 50 ml il materiale recuperato. Diluire con 10 ml di etanolo e sonicare per 10 minuti. Il surnatante ottenuto dopo centrifugazione e filtrazione rappresenta il campione per l iniezione. 23

24 Condizioni cromatografia: - Fase mobile: 98% metanolo + 2% acqua - Fase stazionaria: Hypersil ODS 3 - Velocità di flusso: ca. 1,2 ml/min - Pressione: ca bar - Volume di iniezione.: 20 l - Determinazione: determinazione UV, a 285 nm - Valutazione : tramite area dei picchi Calcolo: Vitamina E g/kg = Fs x c x 2 / Fst x Ws Fs = Area del picco della soluzione campione Fst = Area del picco della soluzione standard c = Concentrazione della soluzione standard in ìg/ml Ws = Peso del campione Vitamina C Materiali: - Adsorbosil C18, 10 m, 300 x 4,6 mm - Metanolo - Vitamina C standard di riferimento Procedura: Soluzione standard Pesare accuratamente 0,01 g (Wst) di Vitamina C in una fiasca volumetrica da 200 ml. Sciogliere in metanolo e portare al volume di 100 ml. Diluire 10 volte con metanolo. La concentrazione di questa soluzione standard (c) dovrebbe essere di circa 0,5 ì/ml e viene calcolata come segue: c= p x Wst / 0,2 p= Potenza della vitamina C in % 24

25 Wst= Peso standard (ca. 0,01 g) Soluzione campione Trasferire in una fiasca volumetrica da 50 ml il materiale recuperato. Diluire con 10 ml di metanolo e sonicare per 10 minuti. Il surnatante ottenuto dopo centrifugazione e filtrazione rappresenta il campione per l iniezione. Condizioni cromatografia: - Fase mobile : 100% metanolo - Fase stazionaria: Adsorbosil C18 10 m - Velocità di flusso: ca. 1 ml/min - Pressione: ca bar - Volume di iniezione: 20 l - Determinazione: determinazione UV, a 254 nm - Valutazione : tramite area dei picchi Calcolo: Vitamina C g/kg = Fs x c x 2 / Fst x Ws Fs = Area del picco della soluzione campione Fst = Area del picco della soluzione standard c = Concentrazione della soluzione standard in ìg/ml Ws = Peso del campione Retinolo Materiali: - LiChrospher 60, RP-Select B, 5U, 250 x 3 mm. - Acetonitrile - Acqua deionizzata - 2,6-di-tert, butyl-p-cresol (BHT) - Retinolo standard di riferimento 25

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

ESPERIENZE DI LABORATORIO

ESPERIENZE DI LABORATORIO ESPERIENZE DI LABORATORIO Determinazione dello zinco nei capelli..1 Determinazione di anioni inorganici presenti in acque potabili 4 Determinazione degli acidi grassi in lipidi di origine naturale..6 Determinazione

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE L analisi chimica delle sostanze presenti all interno di un composto organico fornisce informazioni sulla loro natura e sulla loro quantità, ma non è in grado di definirne la vitalità. Se infatti consideriamo

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Gli scambi tra cellula ed ambiente

Gli scambi tra cellula ed ambiente Gli scambi tra cellula ed ambiente Equilibrio osmotico Squilibrio chimico Squilibrio elettrico Equilibrio dinamico Lo scopo dell omeostasi è mantenere l equilibrio dinamico dei compartimenti corporei.

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Meccanismi di azione degli antiossidanti

Meccanismi di azione degli antiossidanti Meccanismi di azione degli antiossidanti Materiali rganici Sistemi biologici Lipidi, Proteine, Acidi Nucleici Alimenti Polimeri Materiali plastici, Gomme Lubrificanti Idrocarburi Carburanti Degradazione

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI scopo del lavoro: Confronto tra oli EVO addizionati con estratti di capperi campionati

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit 1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit Per la determinazione in vitro della 1,25 (OH) 2 Vitamina D in plasma e siero Gültig ab/valid from 17.03.2008 +8 C IMM-K 2112 +2 C 48 1. APPLICAZIONE Il kit ELISA (Enzyme-Linked-Immuno-Sorbent-Assay)

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto Percentuale in peso = g soluto / g soluzione x 100 H 2 O 2 al 3% Percentuale

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Biochimica della Nutrizione

Biochimica della Nutrizione Università di Roma Tor Vergata - Scienze della Nutrizione Umana Biochimica della Nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano 2011 VITAMINA C VITAMINA E VITAMINA C: FUNZIONA DA AGENTE RIDUCENTE Donatore monoelettronico

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Prelievo e Trapianto di Cornee

Prelievo e Trapianto di Cornee Prelievo e Trapianto di Cornee Protocollo operativo Edizione giugno 2014 http://www.piemonte.airt.it/documenti/protocolli.html Regione Piemonte e Valle d Aosta Centro Regionale Trapianti Coordinamento

Dettagli

L'applicazione dei nanomateriali alle superfici esterne e nelle camere del profilo in PVC: finalità e obiettivi. info@novares.org

L'applicazione dei nanomateriali alle superfici esterne e nelle camere del profilo in PVC: finalità e obiettivi. info@novares.org L'applicazione dei nanomateriali alle superfici esterne e nelle camere del profilo in PVC: finalità e obiettivi Enrico Boccaleri, Ph.D.,, Leonardo Maffia, Ing., Ph.D.,, Giuseppe Rombolà, Ph.D. info@novares.org

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli