Diritti umani, diritto CORPO internazionale MILITARE umanitario C.R.I. e azione umanitaria in situazioni di emergenza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diritti umani, diritto CORPO internazionale MILITARE umanitario C.R.I. e azione umanitaria in situazioni di emergenza"

Transcript

1 Diritti umani, diritto CORPO internazionale MILITARE umanitario C.R.I. e azione umanitaria in situazioni di emergenza Padova, RUOLO DELLE COMPONENTI DELLA CROCE ROSSA: IL CORPO MILITARE Relatore: Magg. Med. Gabriele Lupini Ispettorato Nazionale Corpo Militare C.R.I. Direttore di Sanita Vice Presidente Commissione Nazionale C.R.I. Diritto Internazionale Umanitario Prof. a c. Universita Tor Vergata - Roma

2 STRUTTURA Ausiliario delle FF.AA. La C.R.I., in virtu delle convenzioni internazionali ed in forza delle leggi nazionali, dispone tra le sue componenti, per l assolvimento dei compiti di emergenza del tempo di pace e di guerra, di un Corpo Militare Ausiliario delle Forze Armate.

3 STRUTTURA Personale Il personale militare e costituito da un aliquota in servizio continuativo (SPE), costituente la prima linea di intervento e deputato in tempi ordinari al mantenimento ed aggiornamento delle strutture, e da personale richiamabile dal Congedo.

4 STRUTTURA Personale Il Corpo, al quale sia accede mediante arruolamento volontario, inquadra nei propri ruoli: Ufficiali Medici dei Servizi (Commissari e Contabili) Farmacisti Cappellani. Sottufficiali, graduati e militi: infermieri, portaferiti, automobilisti, servizi.

5

6 AIUTANTE di CAMPO Segreteria Ispettore Nazionale ISPETTORE NAZIONALE Capo Ufficio Coordinamento Rappresentanti Organi Statutari VICE ISPETTORI NAZIONALI COMANDANTI DI CORPO CAPO di STATO MAGGIORE DIRETTORE di SANITA

7

8 COMPITI In tempo di guerra:. Contribuire alla sgombero ed alla cura dei malati e feriti di guerra;. Organizzare ed eseguire la difesa sanitaria antiaerea;. Disimpegnare il servizio dei prigionieri di guerra, secondo il Diritto Internazionale Umanitario.

9 I MEZZI - IERI PMA

10 COMPITI Compiti in tempo di pace: Concorso a soccorsi di massa con l utilizzo di Unita Sanitarie Campali.

11 ISPETTORATO NAZIONALE OMIA DIREZIONE DI SANITA V REPARTO EMERGENZE NAZIONALI MISSIONI INTERNAZIONALI

12 - EMERGENZA P.S.O. KFOR BOSNIA TERREMOTO MARCHE-UMBRIA 1997/98 - ALLUVIONE SARNO - EMERGENZA BALCANI GIUBILEO 2000 Recenti attivazioni - ALLUVIONE CALABRIA ALLUVIONE PIEMONTE VALLE D AOSTA - MARATONA DI ROMA 1997/98/99/2000/01 - DISINNESCO BOMBA VICENZA G8 GENOVA 2001

13 -Eritrea ; -Irak ; -Pakistan Recenti attivazioni

14 EMERGENZE NAZIONALI PRESIDENZA CONSIGLIO MINISTRI DIPARTIMENTO P.C. CROCE ROSSA ITALIANA

15 CONCORSO FF.AA. MINISTERO DIFESA STATO MAGGIORE DIFESA COI Analisi/Coordinamento Operazioni Intervento Operativo C.R.I

16 ALTRE ATTIVITA CORPO MILITARE ATTIVITA ESTERNE ATTIVITA INTERNE DIFESA NBCR DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO ADDESTRAMENTO PERSONALE ATTIVITA DI P.C.

17 La Catena dei Soccorsi

18 Il Posto Medico Avanzato è la prima struttura sanitaria in grado di provvedere : al Triage secondario alla funzione di priorità di evacuazione alla stabilizzazione delle funzioni vitali

19 Collocazione del P.M.A. Zona sicura da rischi evolutivi ed incombenti Zona di facile accesso ai mezzi ed alle squadre di soccorso Area più prossima allo scenario del disastro

20 C.M.E. Centro Medico di Evacuazione Unita Sanitaria Provvisoria, collocata in posizione intermedia tra il P.M.A. E gli ospedali delle retrovie, in localita da cui e possibile l evacuazione delle vittime mediante la rete ferroviaria ed aero-eliporti. L attivazione di tale struttura e giustificabile solo in occasione di notevoli catastrofi coinvolgenti una grande superficie del territorio e le strutture sanitarie locali.

21 II centro medico di evacuazione rappresenta la struttura sanitaria intermedia tra un solo, o più, PMA e gli ospedali della zona arretrata. È costituito in corrispondenza di un settore, o di una zona in cui siano presenti svariati PMA.

22 Attivazione L'attivazione di un CME non può avvenire che in occasione di grandi catastrofi, ovvero: quando gli ospedali sono distrutti o inagibili; quando l'importanza del sinistro, quanto a numero di feriti, supera le capacità di risposta locali; quando, dovendo eseguire evacuazioni a lunga distanza, è necessario prevedere l'impiego di una struttura, in cui coesistano la possibilità di stazionamento e di trattamento per le vittime e di organizzazione delle evacuazioni. Nelle catastrofi meno estese, il CME può essere installato nell'ospedale più vicino alla zona colpita.

23 COMPITI: Analoghi a quelli del P.M.A., si diversificano unicamente per i mezzi diagnostici e di terapia in possesso di tale unita ed al maggior numero di pazienti assistiti; infatti, ogni C.M.E. e in grado di accogliere le vittime provenienti da piu P.M.A.. Nel C.M.E. possono essere effettuati anche gli interventi chirurgici indispensabili e non piu procrastinabili. Puo essere utilizzato come struttura di ausilio ai nosocomi locali.

24 UNITA CAMPALI CORPO MILITARE C.R.I. NUCLEO SANITARIO PRONTO IMPIEGO N.S.P.I. 73 NUCLEO CHIRURGICO AVIOTRASPORTABILE

25

26 NUCLEO SANITARIO PRONTO INTERVENTO Unità campale da impiegare in prossimità del luogo del disastro in area non a rischio evolutivo,deputata alla MEDICALIZZAZIONE DELLA ZONA AVANZATA

27

28

29 Shelter UEO 1 Tenda Triage Tenda Ricovero I Nuclei Sanitari sono articolati su: - n. 2 tende pneumatiche; - n. 1 shelter UEO 1 TLC o modulo operativo. Per la produzione di energia elettrica e per l illuminazione è dotato di un gruppo elettrogeno di potenza adeguata ai carichi di lavoro.

30 Il Nucleo, aviotrasportabile, è costituito da: -Tenda pneumatica climatizzata con funzioni di TRIAGE e RIANIMAZIONE; -Tenda pneumatica climatizzata con funzioni di ASTANTERIA (N. 10 posti letto); -Tende riscaldate di supporto per ricovero; -Modulo Comando e Radiocomunicazioni. AUTONOMIA DA 48 0RE A DUE SETTIMANE.

31

32 MEZZI: N. 1 Autocarro medio/pesante; N. 2 Autoambulanze 4x4; N. 1 Veicolo multiruolo; N. 1 Gruppo elettrogeno.

33

34 CME

35 73 Nucleo Chirurgico Aviotrasportabile Unità sanitaria di livello intermedio che accorpa le seguenti strutture di: TRIAGE; TRATTAMENTO; RICOVERO; CONTROLLO E GESTIONE DELLE EVACUAZIONI.

36

37 73 Nucleo Chirurgico Aviotrasportabile ATTIVAZIONE Quando: Le risorse locali ordinarie non sono sufficienti; Gli ospedali sono inagibili o distrutti

38 STRUTTURA L Unità, ad elevata flessibilità di impiego, è articolata nei seguenti moduli: Cellula ( n. 2 tende pneumatiche n. 1 Shelter); area chirurgica; area diagnostica (radiologia-laboratorio);

39 area anestesia e rianimazione; sezione ricovero medicina ( n. 24 posti letto); sezione ricovero chirurgia (n. 24 posti letto); sezione alloggi per il personale; sezione mensa e cucina; sezione logistica e dei servizi.

40

41

42

43

44

45 PIANO DI DIFESA NAZIONALE COI C.R.I. SOCCORSO SANITARIO DECONTAMINAZIONE VITTIME SOCCORRITORI BONIFICA MATERIALI E MEZZI INTERVENTO

46 Caratteristiche dei nuclei di decontaminazione e bonifica (NBD) Il Nucleo di Decontaminazione e Bonifica ha lo scopo di supportare i Nuclei Sanitari di Pronto Impiego in occasione di attivazione per eventi NBC. L insieme delle operazione di decontaminazione e di primo trattamento, effettuate nella zona calda o tiepida consentono agli operatori del Nucleo Sanitario, situati nella zona fredda, di poter ricevere le vittime per le relative cure. Presso il NDB viene, anche, effettuata la bonifica degli automezzi e delle attrezzature utilizzate per gli interventi NBC.

47 2. Esigenze Il Nucleo di Decontaminazione e Bonifica deve consentire la decontaminazione: - di un numero elevato di persone per ora ; - di persone abili e barellati. Deve inoltre assicurare: - una flessibilità del sistema e una rapidità di dispiegamento - una modularità del sistema in funzione delle necessità di impiego; - la possibilità di interfacciarsi con altre formazioni sanitarie del Corpo.

48 Il NBD dispone, nella formazione base, dei seguenti materiali: - n. 3 tende pneumatiche per impieghi in ambiente contaminato; - n. 1 stazione decontaminante (boneschi); - n. 1 apparato bonifica di grande capacità; - n. 1 apparato decontaminazione malati/feriti; - equipaggiamenti e attrezzature per la protezione individuale; - attrezzature per il rilevamento e controllo della contaminazione C.R.

49 Tende pneumatiche per ambienti contaminati

50 Stazioni docce campali Boneschi

51 Stazioni docce attendate

52 Apparato di bonifica di grande capacità Karcher SCS 1801 DE

53 Apparato di bonifica di grande capacità Karcher SCS 1801 DE

54 Apparato di bonifica di grande capacità Sanijet Scopo: serve per la bonifica di uomini, materiali, armi e mezzi contaminati da aggressivi N.B.C. Il SANIJET C 921 è in grado di produrre: - acqua a temperatura ambiente 90 bar - 18 lt/min; - acqua calda preselezionata fino a bar - 12,5 lt/min; - vapore umido bar hg/h; - vapore secco bar kg/h; - acqua calda per il funzionamento delle docce (termostato regolato a 70 ) 38-1,2 bar 45 lt/min; - aspirare liquidi decontaminanti.

55 Indumenti e dispositivi per la Protezione

56 Altre dotazioni INTENSIMETRO DI CONTAMINAZIONE RA 141 B Scopo: misura l'intensità di dose prodotta dalla presenza di radiazioni Alfa, Beta e Gamma. APPARATO DI BONIFICA DI PICCOLA CAPACITÀ Scopo: serve per la bonifica immediata, dopo eventuale contaminazione, di quelle parti del mezzo indispensabili per il suo impiego.

57

58 AREE D INTERVENTO CORPO NAZIONALE MILITARE DOPO C.R.I. L 11 SETTEMBRE

59 KUKES DURAZZO KAVAJE

60 CORPO MILITARE C.R.I. H

61

62

63

64

65 Interventi per il Kosovo

66 Finalità degli interventi Medicina preventiva e vaccinazioni: promozione dell'assistenza, preventiva e curativa, ambulatoriale e domiciliare pediatrica; profilassi delle malattie infettive: somministrazione delle vaccinazioni obbligatorie, promozione e somministrazione di quelle consigliate. Pediatria: sorveglianza del percorso perinatale dei nuovi nati; bilanci di salute dei bambini; controllo dello sviluppo fisico e psichico dei bambini, con particolare riguardo in età prescolare e scolare. Ostetricia - ginecologia: consulenza e sostegno alla donna ed alla coppia con problemi di infertilità e sterilità; consulenza mirata all individuazione precoce del rischio generico preconcezionale, prenatale e postnatale; assistenza sanitaria specialistica dell apparato riproduttivo, supportato anche da strumenti diagnostico-terapeutici (ecografo, colposcopio, DTC); controlli sanitari della gestante; prevenzione, diagnosi precoce e cura delle malattie sessualmente trasmesse; attività di informazione, educazione e prevenzione dell AIDS nel campo materno-infantile; realizzazione di programmi di screening del cancro della cervice uterina.

67 per il KOSOVO

68 per il KOSOVO Interventi realizzati: allestimento degli ambulatori di Ginecologia, Ostetricia e Pediatria

69 per il KOSOVO Interventi realizzati: Fornitura di attrezzature e allestimento di n.9 ambulatori dell Ospedale civile di Pec/Peje

70 per il KOSOVO Interventi realizzati: Allestimento di un ambulatorio nel villaggio di Pocesce (Peje)

71 Interventi realizzati: Potenziamento delle capacità di intervento degli ambulatori locali nel settore delle vaccinazioni per il KOSOVO

72 IL PROGETTO ERITREA ACCORDO FRA MINISTERO DELLA SALUTE ERITREA E CROCE ROSSA ITALIANA La missione UNMEE PERSONALE SANITARIO Ufficiali medici e Sottufficiali infermieri Corpo Militare C.R.I.

73 PROPOSTA ACCORDO TRA IL MINISTERO DELLA SANITA DELL'ERITREA E LA CROCE ROSSA ITALIANA

74 OBIETTIVI assistenza sanitaria di base alle popolazioni dei villaggi attraverso la valorizzazione delle risorse locali riduzione della mortalità e della morbilità infantile formazione del personale sanitario locale informazione, prevenzione, cura delle malattie dell'apparato riproduttivo e delle malattie sessualmente trasmesse e per l'hiv AIDS informazione su la scelta del metodo di contraccezione

75

76

77

78

79

80

81

82 NASSIRYAH OSPEDALE PRINCIPALE EX SADDAM HUSSEIN OSPEDALE PEDIATRICO FORNITURA DI: FARMACI MATERIALI SANITARI VIVERI PER DEGENTI INTERVENTI PER RIPARAZIONI TECNICHE (ACQUA ED ENERGIA ELETTRICA )

83

84

85 GLI INTERVENTI SANITARI ATTUATI NELLE COMUNITA SCOLASTICHE HANNO IDENTIFICATO I PICCOLI PAZIENTI AFFETTI DA GRAVI PATOLOGIE, SUCCESSIVAMENTE TRASFERITI E TRATTATI PRESSO I CENTRI SANITARI NAZIONALI

86

87 PAKISTAN 2005 Cimg2614.jpg

88

89

90

91

92

93

94

95

96

97 GRAZIE PER L ATTENZIONE

CROCE ROSSA ITALIANA. III CENTRO DI MOBILITAZIONE Lombardia CORPO MILITARE

CROCE ROSSA ITALIANA. III CENTRO DI MOBILITAZIONE Lombardia CORPO MILITARE CROCE ROSSA ITALIANA III CENTRO DI MOBILITAZIONE Lombardia CORPO MILITARE LEZIONE CORSO VOLONTARI Le Componenti Il Volontari del Soccorso Pionieri Componente Giovani Comitato Femminile Donatori del Sangue

Dettagli

Posto Medico Avanzato Centro Medico di Evacuazione

Posto Medico Avanzato Centro Medico di Evacuazione ARGOMENTI STRUTTURE MATERIALI PERSONALE Posto Medico Avanzato Centro Medico di Evacuazione Il Sistema operativo Nazionale: Posto Medico Avanzato di I livello Posto Medico Avanzato di I livello rinforzato

Dettagli

Esperienza del Nucleo Campale di Decontaminazione e Bonifica del Corpo Militare CRI

Esperienza del Nucleo Campale di Decontaminazione e Bonifica del Corpo Militare CRI Corpo Militare della Croce Rossa Italiana Ispettorato Nazionale Direzione di Sanità Esperienza del Nucleo Campale di Decontaminazione e Bonifica del Corpo Militare CRI Relatore: Ten. Col. Med. Romano Tripodi

Dettagli

Le strutture sanitarie campali

Le strutture sanitarie campali Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza OPEM Le strutture sanitarie campali Milano 2016-03-10 Alberto Radice 1 OPEM - Milano - 20160310 Definizione strutture sanitarie campali Strutture provvisorie

Dettagli

La riorganizzazione operativa del Corpo Militare CRI: Formazioni sanitarie e logistiche campali

La riorganizzazione operativa del Corpo Militare CRI: Formazioni sanitarie e logistiche campali Ispettorato Nazionale del Corpo Militare CRI 2 Reparto Ufficio Addestramento La riorganizzazione operativa del Corpo Militare CRI: Formazioni sanitarie e logistiche campali Marina di Massa 3 dicembre 2006

Dettagli

Prepariamo le Comunità e diamo risposta a emergenze e disastri

Prepariamo le Comunità e diamo risposta a emergenze e disastri Prepariamo le Comunità e diamo risposta a emergenze e disastri Obiettivo III - Prepariamo le comunità e diamo risposta a emergenza e disastri ARGOMENTI DELLA LEZIONE Obiettivi specifici dell Area III Attività

Dettagli

Il Corpo Militare della Croce Rossa Italiana e il volontariato Roma, 25 ottobre 2011

Il Corpo Militare della Croce Rossa Italiana e il volontariato Roma, 25 ottobre 2011 Il della Croce Rossa Italiana e il volontariato Roma, 25 ottobre 2011 Magg. Gen. CRI Gabriele LUPINI Ispettore Nazionale del C.R.I. circa 17.000 iscritti, oltre 1.300 medici e 1.200 infermieri Automezzi

Dettagli

TERREMOTO IN ABRUZZO: L EVENTO. L Ospedale da Campo nel post-sisma: aspetti logistico/organizzativi

TERREMOTO IN ABRUZZO: L EVENTO. L Ospedale da Campo nel post-sisma: aspetti logistico/organizzativi TERREMOTO IN ABRUZZO: L EVENTO L Ospedale da Campo nel post-sisma: aspetti logistico/organizzativi Ing. Susanna Balducci Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile

Dettagli

ALLESTIMENTO CAMPO DI ACCOGLIENZA

ALLESTIMENTO CAMPO DI ACCOGLIENZA ALLESTIMENTO CAMPO DI ACCOGLIENZA Individuazione dell area Verifica preliminare Esistenza eventuali Vincoli (destinazione uso) Tipo urbanizzazione esistente Accessibilità Tipo di terreno Certezza che l

Dettagli

PROTOCOLLO D' INTESA. tra COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA CROCE ROSSA ITALIANA SEZIONE DI VICENZA

PROTOCOLLO D' INTESA. tra COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA CROCE ROSSA ITALIANA SEZIONE DI VICENZA PROTOCOLLO D' INTESA tra COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA e CROCE ROSSA ITALIANA SEZIONE DI VICENZA Visti i seguenti riferimento normativi: - la legge 7 agosto 1990, n. 241 ed in particolare

Dettagli

Corpo Militare della Croce Rossa Italiana Ispettorato Nazionale

Corpo Militare della Croce Rossa Italiana Ispettorato Nazionale della Croce Rossa Italiana Ispettorato Nazionale Giornata di studio «La medicina legale nelle catastrofi» Le Missioni Internazionali del Ten. Col. CRI Vittorio BADALONE Operazioni all estero in ambito

Dettagli

INTERVENTO. dell Ispettore Nazionale del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. (Roma, 16 giugno 2011) presso il

INTERVENTO. dell Ispettore Nazionale del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. (Roma, 16 giugno 2011) presso il INTERVENTO dell Ispettore Nazionale del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana (Roma, 16 giugno 2011) presso il Senato della Repubblica 12^ Commissione Igiene e Sanità nell ambito della Indagine conoscitiva

Dettagli

Croce Rossa italiana. Corpo Militare CRI. I Servizi della CRI Ausiliari alle FF.AA. del Corpo Militare. Col. Fabio Strinati Capo Ufficio DIU

Croce Rossa italiana. Corpo Militare CRI. I Servizi della CRI Ausiliari alle FF.AA. del Corpo Militare. Col. Fabio Strinati Capo Ufficio DIU Croce Rossa italiana Corpo Militare CRI I Servizi della CRI Ausiliari alle FF.AA. del Corpo Militare Col. Fabio Strinati Capo Ufficio DIU Croce Rossa Italiana Ispettorato Nazionale del Corpo Militare ausiliario

Dettagli

Modello di Supporto alle Decisioni per la Progettazione di Ospedali da Campo

Modello di Supporto alle Decisioni per la Progettazione di Ospedali da Campo Bioingegneria Modello di Supporto alle Decisioni per la Progettazione di Ospedali da Campo Roberto Miniati Università degli Studi di Firenze e-mail: roberto.miniati@unifi.it tel : 0039 3286017001 Bioingegneria

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA PROVINCIALE

PIANO DI EMERGENZA PROVINCIALE PIANO DI EMERGENZA LE PER LA RISPOSTA ALLE EMERGENZE TERRITORIALI ALLEGATO 3 COMPOSIZIONE DEI MODULI OPERATIVI Comitato Provinciale della Spezia 1ª edizione Giugno 2012 Pagina 2 DEFINIZIONE E COMPOSIZIONE

Dettagli

SCHEDA CORSO. Operatore C.R.I. Attività Emergenza OP.EM.

SCHEDA CORSO. Operatore C.R.I. Attività Emergenza OP.EM. SCHEDA CORSO Denominazione Corso OPEM Operatore Attività Emergenza Obiettivi didattici Criteri di selezione dei partecipanti N.massimo partecipanti Requisiti di accesso Durata minima del corso Tempo massimo

Dettagli

PROPOSTA DI NUOVO SCHEMA ORGANIZZATIVO Allegato A alla delibera n. del ottobre 2017

PROPOSTA DI NUOVO SCHEMA ORGANIZZATIVO Allegato A alla delibera n. del ottobre 2017 PROPOSTA DI NUOVO SCHEMA ORGANIZZATIVO Allegato A alla delibera n. del ottobre 2017 1 Note Interpretative / ORGANI UNITA OPERATIVE COMPLESSE DIRETTORI DI AREA CONSIGLIO DEI SANITARI UNITA OPERATIVE SEMPLICI

Dettagli

PARADISO INFERNALE DEI CARAIBI

PARADISO INFERNALE DEI CARAIBI PARADISO INFERNALE DEI CARAIBI Emanuela DE CICCO UNICEF Cosenza Università della Calabria, Arcavacata di Rende (CS) III Corso Multidisciplinare di Educazione ai Diritti 11 maggio 2010 HAITI Nazione dell

Dettagli

PROPOSTE PER UN NUOVO PIANO SANITARIO Quale sanita' in quale welfare? Analisi, proposte e suggestioni per l'elaborazione di politiche

PROPOSTE PER UN NUOVO PIANO SANITARIO Quale sanita' in quale welfare? Analisi, proposte e suggestioni per l'elaborazione di politiche 25-06-2013 l'elaborazione di politiche RODOLFO VIGLIANO INQUADRAMENTO NORMATIVO ORGANI DELLA SANITA MILITARE COMPITI E ATTRIBUZIONI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA SETTORI D INTERESSE CONCLUSIONI 1 DECRETO

Dettagli

Unità Sanitarie della C.R.I. nella I Guerra Mondiale XVI Convegno Nazionale Ufficiali Medici e Personale sanitario - Viareggio (LU), 03 ottobre 2014

Unità Sanitarie della C.R.I. nella I Guerra Mondiale XVI Convegno Nazionale Ufficiali Medici e Personale sanitario - Viareggio (LU), 03 ottobre 2014 Unità Sanitarie della C.R.I. nella I Guerra Mondiale XVI Convegno Nazionale Ufficiali Medici e Personale sanitario - Viareggio (LU), 03 ottobre 2014 Col. com. C.R.I. Giampiero ALESSANDRO Comandante dell

Dettagli

CORSO Maxi Emergenze 2011

CORSO Maxi Emergenze 2011 CORSO Maxi Emergenze 2011 WWW.CALDINESOCCORSO.IT MAXIEMERGENZA È UN EVENTO DANNOSO, CHE VEDE COINVOLTO UN NUMERO MAGGIORE DI PERSONE E/O COSE RISPETTO AI MEZZI ED ALLE ATTREZZATURE DI SOCCORSO IMMEDIATAMENTE

Dettagli

Le esigenze del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco nella gestione delle emergenze che coinvolgono sostanze pericolose

Le esigenze del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco nella gestione delle emergenze che coinvolgono sostanze pericolose Le esigenze del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco nella gestione delle emergenze che coinvolgono sostanze pericolose I VV.F. come affrontano gli incidenti con presenza di sostanze pericolose? Organizzazione

Dettagli

L ASL2 SAVONESE E L ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI PROTEZIONE CIVILE. 26 novembre S.C. Comunicazione Sanitaria e Marketing.

L ASL2 SAVONESE E L ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI PROTEZIONE CIVILE. 26 novembre S.C. Comunicazione Sanitaria e Marketing. L ASL2 SAVONESE E L ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI PROTEZIONE CIVILE 26 novembre 2010 CONFERENZA STAMPA dell 26 novembrre 2010 SIGLATA UN INTESA TRA L ASL2 SAVONESE E L ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI PER

Dettagli

Azienda ULSS 20 di Verona DIRETTORE GENERALE DIRETTORE DEI SERVIZI SOCIALI E DELLA FUNZIONE TERRITORIALE DIRETTORE AMMINISTRATIVO DIRETTORE SANITARIO

Azienda ULSS 20 di Verona DIRETTORE GENERALE DIRETTORE DEI SERVIZI SOCIALI E DELLA FUNZIONE TERRITORIALE DIRETTORE AMMINISTRATIVO DIRETTORE SANITARIO Azienda ULSS 20 di Verona Accredited - Agréé DIRETTORE GENERALE DIRETTORE AMMINISTRATIVO DIRETTORE SANITARIO DIRETTORE DEI SERVIZI SOCIALI E DELLA FUNZIONE TERRITORIALE DIREZIONE GENERALE: Unità Organizzative

Dettagli

Chi siamo VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE A. MUSSI E G. AROSIO - LISSONE

Chi siamo VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE A. MUSSI E G. AROSIO - LISSONE 1 Chi siamo VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE A. MUSSI E G. AROSIO - LISSONE La nostra mascotte Obiettivi: - contribuire all opera di soccorso in occasione di calamità - studiare, realizzare e gestire strutture

Dettagli

NUCLEO NBCR. medicalizzazione del soccorso

NUCLEO NBCR. medicalizzazione del soccorso medicalizzazione del soccorso assistenza medica alle vittime organizzata direttamente sul luogo dell evento mediante una struttura provvisoria di ricovero e cura per stabilizzare rapidamente i feriti e

Dettagli

Strutture sanitarie e socio-sanitarie pubbliche e private in possesso dell'accreditamento Istituzionale al 16 settembre 2014.

Strutture sanitarie e socio-sanitarie pubbliche e private in possesso dell'accreditamento Istituzionale al 16 settembre 2014. Strutture Pubbliche di Diagnostica per Immagini e di Laboratorio 060 Perugia AO PG n. 563 Prestazioni di diagnostica per immagini e di laboratorio in regime ospedaliero come di seguito specificato: Area

Dettagli

Delegato Nazionale CRI per le attività di emergenza Roberto Antonini

Delegato Nazionale CRI per le attività di emergenza Roberto Antonini Delegato Nazionale CRI per le attività di emergenza Roberto Antonini Il nuovo regolamento nasce dalla necessità di disporre di una nuova disciplina che affronti i mille aspetti della preparazione e della

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROTEZIONE CIVILE. Comune di. Località ESERCITAZIONE DOCUMENTO DI IMPIANTO

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROTEZIONE CIVILE. Comune di. Località ESERCITAZIONE DOCUMENTO DI IMPIANTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROTEZIONE CIVILE Comune di Località ESERCITAZIONE DOCUMENTO DI IMPIANTO OBIETTIVI La realizzazione dell esercitazione si prefigge di: - testare la rispondenza degli

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL COMANDO VIGILI DEL FUOCO DI MATERA LA CROCE ROSSA ITALIANA DI MATERA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL COMANDO VIGILI DEL FUOCO DI MATERA LA CROCE ROSSA ITALIANA DI MATERA PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL COMANDO VIGILI DEL FUOCO DI MATERA E LA CROCE ROSSA ITALIANA DI MATERA VISTI i seguenti riferimenti normativi: - la legge 7 agosto 1990, n. 241 ed in particolare l art. 15,

Dettagli

IL TERREMOTO IN ABRUZZO E IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE

IL TERREMOTO IN ABRUZZO E IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE IL TERREMOTO IN ABRUZZO E IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Montesilvano (PE) 10 aprile 2010 Marco Leonardi Dipartimento della Protezione Civile Servizio Rischio Sanitario marco.leonardi@protezionecivile.it

Dettagli

L applicazione degli standard adottati dal Comitato LEA per l individuazione delle strutture complesse e semplici delle ASL:

L applicazione degli standard adottati dal Comitato LEA per l individuazione delle strutture complesse e semplici delle ASL: Macrostruttura Aziendale L applicazione degli standard adottati dal Comitato LEA per l individuazione delle strutture complesse e semplici delle ASL: STRUTTURE COMPLESSE OSPEDALIERE: POSTI LETTO PUBBLICI/STRUTTURE

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE DOTT.SSA MARGHERITA FRAGANZA

CURRICULUM PROFESSIONALE DOTT.SSA MARGHERITA FRAGANZA CURRICULUM PROFESSIONALE DOTT.SSA MARGHERITA FRAGANZA DATI PERSONALI COGNOME E NOME : FRAGANZA MARGHERITA CITTADINANZA : italiana STATO CIVILE: coniugata INDIRIZZO: via FBorbone n 3 - San Tammaro (ce)

Dettagli

ASST MELEGNANO E DELLA MARTESANA. L offerta dei servizi sanitari sul territorio della Martesana

ASST MELEGNANO E DELLA MARTESANA. L offerta dei servizi sanitari sul territorio della Martesana ASST MELEGNANO E DELLA MARTESANA L offerta dei servizi sanitari sul territorio della Martesana Le novità previste all ospedale Uboldo di Cernusco sul Naviglio 23 Settembre 2016 1 AZIENDA SOCIO SANITARIA

Dettagli

Legge 189/1959 ORDINAMENTO DEL CORPO DELLA GUARDIA DI FINANZA

Legge 189/1959 ORDINAMENTO DEL CORPO DELLA GUARDIA DI FINANZA Legge 189/1959 ORDINAMENTO DEL CORPO DELLA GUARDIA DI FINANZA Articolo 1 1. Il Corpo della Guardia di Finanza dipende direttamente e a tutti gli effetti dal Ministro per le finanze. 2. Esso fa parte integrante

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ISTRUZIONE. Nome / Cognome DOTT. FILIPPO BORRONI. Luogo / Data di nascita. Meina / 18 Agosto 1954

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ISTRUZIONE. Nome / Cognome DOTT. FILIPPO BORRONI. Luogo / Data di nascita. Meina / 18 Agosto 1954 CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome / Cognome Luogo / Data di nascita DOTT. FILIPPO BORRONI Meina / 18 Agosto 1954 ISTRUZIONE Sessione 1989 Idoneità Nazionale a Primario in Ostetricia e Ginecologia

Dettagli

Obiettivo Strategico 3

Obiettivo Strategico 3 Obiettivo Strategico 3 Prepariamo le comunità e diamo risposta a emergenze e disastri LA PROTEZIONE CIVILE A cura del Volontario CRI Marco Mazzanti DTL Area 3 C.R.I. Senigallia Agenda Cosa è Cosa fa Come

Dettagli

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di TORINO

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di TORINO Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di TORINO VISURA DI EVASIONE CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI SUSA DATI ANAGRAFICI Indirizzo Sede Susa (TO) Corso Stati Uniti 5 cap 10059

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DIPARTIMENTI OSPEDALIERI

ORGANIZZAZIONE DIPARTIMENTI OSPEDALIERI Allegato alla deliberazione n. 908 del 30 ottobre 2008 ORGANIZZAZIONE DIPARTIMENTI OSPEDALIERI Direzione Medica di Ospedale Servizio di Farmacia Ospedaliera Strutture semplici Direzione Medica del Presidio

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. II Commissario Straordinario ORDINANZA COMMISSARIALE N. DEL 0 9 FEB. 2010

CROCE ROSSA ITALIANA. II Commissario Straordinario ORDINANZA COMMISSARIALE N. DEL 0 9 FEB. 2010 CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE II Commissario Straordinario o 0 56 -. 1 0, ORDINANZA COMMISSARIALE N. DEL 0 9 FEB. 2010 VISTO il R.D. 10 febbraio 1936, n. 484 recante nonne per disciplinare 10

Dettagli

ASL VC VERCELLI PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE ORGANIGRAMMA

ASL VC VERCELLI PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE ORGANIGRAMMA ASL VC VERCELLI PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE ORGANIGRAMMA 1 ASL VC - VERCELLI LEGENDA AL PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DIREZIONE GENERALE FUNZIONE DIPARTIMENTO relazione gerarchica -----------------

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ATTIVITA DEL PRONTO SOCCORSO DI ADRIA:

COMUNICATO STAMPA L ATTIVITA DEL PRONTO SOCCORSO DI ADRIA: COMUNICATO STAMPA L ATTIVITA DEL PRONTO SOCCORSO DI ADRIA: accoglienza, triage, braccialetto elettronico, monitoraggio continuo dei tempi d attesa e osservazione breve intensiva L attenzione dell Azienda

Dettagli

COMUNE DI MONZA Protezione Civile

COMUNE DI MONZA Protezione Civile COMUNE DI MONZA Protezione Civile GESTIONE DEI SOCCORSI SANITARI IN CASO DI CATASTROFE Dott. Cristiano Cozzi La catastrofe è un evento dannoso per la collettività, con sconvolgimento dell ordine delle

Dettagli

NUOVO ASSETTO DEI PP.OO. EBOLI BATTIPAGLIA ROCCADASPIDE OLIVETO CITRA

NUOVO ASSETTO DEI PP.OO. EBOLI BATTIPAGLIA ROCCADASPIDE OLIVETO CITRA Direttore Generale: Dott. ANTONIO SQUILLANTE NUOVO ASSETTO DEI PP.OO. EBOLI BATTIPAGLIA ROCCADASPIDE OLIVETO CITRA Decreto Regione Campania n.82/2013 RIASSETTO DEI POSTI LETTO Nei PP.OO. Eboli, Battipaglia,

Dettagli

(omissis) IL DIRIGENTE (omissis) determina

(omissis) IL DIRIGENTE (omissis) determina REGIONE PIEMONTE BU39S1 29/09/2016 Codice A1410A D.D. 19 settembre 2016, n. 560 Approvazione nuovo bando per l'adesione all' "Unita' chirurgica" regionale di supporto alle missioni del Posto Medico Avanzato

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Allegato n. 2 alla delibera n. 1429 del 30 dicembre 2004 REGIONE DEL VENETO UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 8 via Forestuzzo, n. 41, Asolo (TV) L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE ASSETTO ORGANIZZATIVO UNITÀ LOCALE

Dettagli

Convegno Scientifico Aggiornamento in Medicina Aeronautica. MedEvac e StratEvac stato dell arte: Lezioni apprese

Convegno Scientifico Aggiornamento in Medicina Aeronautica. MedEvac e StratEvac stato dell arte: Lezioni apprese Convegno Scientifico Aggiornamento in Medicina Aeronautica MedEvac e StratEvac stato dell arte: Lezioni apprese Comando Operativo di vertice Interforze Roma, 27 ottobre 2014 MedEvac e StratEvac stato dell

Dettagli

Sorveglianza e controllo delle Malattie Sessualmente Trasmesse in Piemonte. Progetto IST-net. Costruzione della Rete IST in Piemonte

Sorveglianza e controllo delle Malattie Sessualmente Trasmesse in Piemonte. Progetto IST-net. Costruzione della Rete IST in Piemonte Sorveglianza e controllo delle Malattie Sessualmente Trasmesse in Piemonte Progetto IST-net Costruzione della Rete IST in Piemonte Razionale Le infezioni sessualmente trasmesse (MST) rappresentano un problema

Dettagli

GESTIONE DEI SOCCORSI SANITARI IN CASO DI CATASTROFE. Dott. Cristiano Cozzi Emergency Manager

GESTIONE DEI SOCCORSI SANITARI IN CASO DI CATASTROFE. Dott. Cristiano Cozzi Emergency Manager GESTIONE DEI SOCCORSI SANITARI IN CASO DI CATASTROFE Dott. Cristiano Cozzi Emergency Manager La catastrofe è un evento dannoso per la collettività,, con sconvolgimento dell ordine delle cose, ed è un avvenimento

Dettagli

Comune di Baragiano. VINCENZO IURA: l uomo, il soldato, il medico. Tenente Generale Federico MARMO Ispettore Generale della Sanità Militare

Comune di Baragiano. VINCENZO IURA: l uomo, il soldato, il medico. Tenente Generale Federico MARMO Ispettore Generale della Sanità Militare Comune di Baragiano VINCENZO IURA: l uomo, il soldato, il medico Tenente Generale Federico MARMO Ispettore Generale della Sanità Militare Occorrono solo poche parole per narrare con scusabile sintesi i

Dettagli

CONSULTORIO FAMILIARE E PERCORSO NASCITA

CONSULTORIO FAMILIARE E PERCORSO NASCITA Sono strutture preposte alla tutela della salute della donna, del bambino e della famiglia. Si caratterizzano per le attività di promozione, informazione e prevenzione. Comprende le seguenti macroaree

Dettagli

D.I.U. Origini della Croce Rossa

D.I.U. Origini della Croce Rossa D.I.U. Origini della Croce Rossa Origini della Croce Rossa BATTAGLIA DI SOLFERINO 24 giugno 1859: seconda guerra d'indipendenza esercito austriaco contro quello franco-piemontese 12 ore di combattimento

Dettagli

METODICHE DIDATTICHE

METODICHE DIDATTICHE Università degli Studi di Genova Facoltà di Medicina e Chirurgia - Dipartimento di Pediatria C.L. Triennale Infermieristica Pediatrica A.A.2007/2008 CORSO INTEGRATO SCIENZE UMANE PSICOPEDAGOGICHE METODICHE

Dettagli

CODICE DENOMINAZIONE STRUTTURA COLLOCAZIONE NOTE 22.2 Ambulatori dermatologia 1E1 Dermatologia Dip. Medico Specialistico si accorpa al cdc 22.

CODICE DENOMINAZIONE STRUTTURA COLLOCAZIONE NOTE 22.2 Ambulatori dermatologia 1E1 Dermatologia Dip. Medico Specialistico si accorpa al cdc 22. MODIFICHE AL PIANO CDC MODIFICHE A GENNAIO 2017 22.2 Ambulatori dermatologia 1E1 Dermatologia Dip. Medico Specialistico si accorpa al cdc 22.4 79.S Farmacia laboratorio UFA Galenica tradizionale e clinica

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 812 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori PERUZZOTTI, CECCATO e SERENA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 27 GIUGNO

Dettagli

ASL 11 VERCELLI LEGENDA AL PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

ASL 11 VERCELLI LEGENDA AL PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE ASL 11 VERCELLI LEGENDA AL PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE STRUTTURE IN STAFF ALLA DIREZIONE GENERALE DIREZIONE GENERALE FUNZIONI STRUTTURA COMPLESSA STRUTTURA SEMPLICE ARTICOLAZIONE DI STRUTTURA COMPLESSA

Dettagli

!!!!!!!! UNIVERSITA +DEGLI+STUDI+DI+PISA+

!!!!!!!! UNIVERSITA +DEGLI+STUDI+DI+PISA+ UNIVERSITA DEGLISTUDIDIPISA FACOLTA DIMEDICINAECHIRURGIA CORSODILAUREAININFERMIERISTICA (abilitanteallaprofessionesanitariadiinfermiere) Relatore: Prof.ssaAnnaFornari See & Treat una possibile soluzione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo FIORELLA CADORIA VIALE LANDI 5 SALÒ Telefono 0365 296611 Fax E-mail fiorella.cadoria@aslbrescia.it

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA

CROCE ROSSA ITALIANA CROCE ROSSA ITALIANA PRESENTAZIONE CAMPO SCUOLA NAZIONALE FORMAZIONE ATTIVITA IN EMERGENZA Considerata la sempre più intensa attività di risposta alle emergenze nelle quali CRI è chiamata ad intervenire

Dettagli

Emergency Global Consulting S.r.l.

Emergency Global Consulting S.r.l. ISTITUZIONE DEL SERVIZIO 118 DPR 27 MARZO 1992 Articolo 1 Il livello assistenziale di emergenza sanitaria 1. Ai sensi del comma 1 dell Articolo 4 della legge 30 dicembre 1991, n. 412, il livello assistenziale

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PLASTICO POLO UNICO OSPEDALIERO - UNIVERSITARIO

AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PLASTICO POLO UNICO OSPEDALIERO - UNIVERSITARIO AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PLASTICO POLO UNICO OSPEDALIERO - UNIVERSITARIO PARTE UNIVERSITARIA PET-TC ALA DX Area PS II STECCA I STECCA ALA SIN CORPO CENTRALE ALA CORTA SILVESTRINI PARTE B PIASTRA

Dettagli

Procedure di intervento in presenza di sostanze pericolose e NBC

Procedure di intervento in presenza di sostanze pericolose e NBC Procedure di intervento in presenza di sostanze pericolose e NBC Incontri con gli addetti delle sale operative e gli operatori sul territorio delle organizzazioni di soccorso www.vigilidelfuoco vigilidelfuoco.pisa.it/11x

Dettagli

Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate PROGETTO PER SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELL AREA EMERGENZA URGENZA DEL P.O. CARATE BRIANZA

Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate PROGETTO PER SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELL AREA EMERGENZA URGENZA DEL P.O. CARATE BRIANZA Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate PROGETTO PER SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELL AREA EMERGENZA URGENZA DEL P.O. CARATE BRIANZA Maggio 2013 Il presente progetto di Sviluppo e potenziamento dell area

Dettagli

ALLEGATOC alla Dgr n del 26 maggio 2009 pag. 1/5

ALLEGATOC alla Dgr n del 26 maggio 2009 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOC alla Dgr n. 1577 del 26 maggio 2009 pag. 1/5 Progetto ex Accordo Stato-Regioni 26 febbraio 2009 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli

Dettagli

Cosa sono i consultori? Chi trovi nei consultori? Quali servizi nei consultori? Con sultori familiari

Cosa sono i consultori? Chi trovi nei consultori? Quali servizi nei consultori? Con sultori familiari Cosa sono i consultori? Chi trovi nei consultori? Quali servizi nei consultori? Con sultori familiari Centro Consulenza Giovani Consultori immigrati Funzione di accoglienza Procreazione responsabile Percorso

Dettagli

DOCUMENTO D INTESA SULLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI E PERSONE IN SITUAZIONE DI EMARGINAZIONE SOCIALE IN TRENTINO

DOCUMENTO D INTESA SULLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI E PERSONE IN SITUAZIONE DI EMARGINAZIONE SOCIALE IN TRENTINO Società Italiana di Medicina delle Migrazioni DOCUMENTO D INTESA SULLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI E PERSONE IN SITUAZIONE DI EMARGINAZIONE SOCIALE IN TRENTINO Gruppo Immigrazione Salute GR.I.S. Trentino 1

Dettagli

Servizio Sanitario della Toscana. Quello che i cittadini devono sapere. Il Dipartimento Materno Infantile

Servizio Sanitario della Toscana. Quello che i cittadini devono sapere. Il Dipartimento Materno Infantile Servizio Sanitario della Toscana Quello che i cittadini devono sapere Il Dipartimento Materno Infantile Liceo Artistico Statale Artemisia Progetto Regionale per migliorare l informazione ed il rapporto

Dettagli

Piano di Organizzazione Aziendale Strategico P.O.A.S ORGANIGRAMMA

Piano di Organizzazione Aziendale Strategico P.O.A.S ORGANIGRAMMA Piano di Organizzazione Aziendale Strategico P.O.A.S. 2016-2018 ORGANIGRAMMA LEGENDA STRUTTURE RELAZIONI GESTIONALE STAFF FUNZIONALE DIPENDENZA GERARCHICA STRUTTURA COMPLESSA RELAZIONE FUNZIONALE STRUTTURA

Dettagli

INDICE GENERALE CAPITOLO I PRESENTAZIONE

INDICE GENERALE CAPITOLO I PRESENTAZIONE INDICE GENERALE CAPITOLO I PRESENTAZIONE L AZIENDA U.S.L DI RIETI pag. 2 Gli organi direzionali pag. 2 L ambito territoriale pag. 2 La superficie pag. 2 La popolazione pag. 2 Il personale dipendente pag.

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Ruolo ed Organizzazione della C.R.I.

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Ruolo ed Organizzazione della C.R.I. Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Ruolo ed Organizzazione della C.R.I. Argomenti della lezione Normativa C.R.I. nel settore emergenze. Organizzazione e compiti della C.R.I. nel settore emergenze.

Dettagli

La Catena di Comando Integrata Regionale

La Catena di Comando Integrata Regionale La Catena di Comando Integrata Regionale Marco Vigna Assessorato Politiche per la salute Regione Emilia - Romagna Terremoto del 20 maggio 2012 Alle 4.04 terremoto di magnitudo 5.9. Terremoto interessa

Dettagli

COMANDO SCUOLE A.M./3ª R.A.

COMANDO SCUOLE A.M./3ª R.A. COMANDO SCUOLE A.M./3ª R.A. martedì 14 marzo 2017 Col. AAran Antonio Evangelio Avvertenza LE INFORMAZIONI RIPORTATE ALL INTERNO DEL PRESENTE BRIEFING SONO CLASSIFICATE NON CLASSIFICATE TIFLIS -17 «GENERALITÀ»

Dettagli

Nuova area di day surgery, endoscopia, chirurgia ambulatoriale e poliambulatori. Ospedale Sant Anna Castelnovo ne Monti

Nuova area di day surgery, endoscopia, chirurgia ambulatoriale e poliambulatori. Ospedale Sant Anna Castelnovo ne Monti Nuova area di day surgery, endoscopia, chirurgia ambulatoriale e poliambulatori. Ospedale Sant Anna Castelnovo ne Monti 1 Nuova area di day surgery, endoscopia, chirurgia ambulatoriale I lavori di ristrutturazione

Dettagli

Esercitazione Rischio Sismico

Esercitazione Rischio Sismico Esercitazione Rischio Sismico Mugello - Val di Sieve 22 e 23 ottobre 2010 Provincia di Firenze premessa Il territorio provinciale è stato interessato da numerosi eventi sismici, alcuni dei quali disastrosi

Dettagli

Antonio Correra. Società Italiana di Pediatria

Antonio Correra. Società Italiana di Pediatria Antonio Correra Società Italiana di Pediatria PEDIATRI IN ITALIA ~12.500 Ricambio minimo 5 % / anno 800 ~ 600-700 n. Specializzandi 600 400 200-400/-500 Pediatri anno ~ 180 In 10 anni -5000 / -4000 0

Dettagli

IL NUOVO OSPEDALE UNICO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE VCO. 2 dicembre 2016

IL NUOVO OSPEDALE UNICO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE VCO. 2 dicembre 2016 IL NUOVO OSPEDALE UNICO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE VCO dicembre 016 I riferimenti normativi Dgr n. 1-600 del 19/11/014 e dgr. n. 1-94 del 3/01/015 Indirizzi per la riorganizzazione della rete ospedaliera:

Dettagli

Cont Con e t nuti de lla lezion lla

Cont Con e t nuti de lla lezion lla Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Le aree di emergenza I materiali di emergenza Contenuti della lezione 1. Definizione aree di emergenza 2. Distinzione campo profughi campo accoglienza (standard

Dettagli

Strutture pubbliche AO PG 30/12/ dic-16 Prestazioni di diagnostica per immagini e di laboratorio in regime

Strutture pubbliche AO PG 30/12/ dic-16 Prestazioni di diagnostica per immagini e di laboratorio in regime : Immagini e di Laboratorio Strutture pubbliche AO PG 30/12/2013 29-dic-16 Prestazioni di diagnostica per immagini e di laboratorio in regime 08/01/2014 PO 10563 ospedaliero come di seguito specificato:

Dettagli

Il welfare è di casa Incontri di presentazione e ascolto sul decreto Case della Salute e proposta di legge regionale sui servizi sociali

Il welfare è di casa Incontri di presentazione e ascolto sul decreto Case della Salute e proposta di legge regionale sui servizi sociali Il welfare è di casa Incontri di presentazione e ascolto sul decreto Case della Salute e proposta di legge regionale sui servizi sociali CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO Teresa Petrangolini 23 giugno 2014

Dettagli

Nuovi orientamenti organizzativi del Pronto Soccorso Pediatrico

Nuovi orientamenti organizzativi del Pronto Soccorso Pediatrico Nuovi orientamenti organizzativi del Pronto Soccorso Pediatrico Nicola Pirozzi DEA-ARCO Premessa Ruolo del PS Pediatrico nella rete regionale Nella Rete Regionale Pediatrica, la gestione dell emergenza

Dettagli

INFORMAZIONI. Nome SILVIA SANTORO Indirizzo VIA PANORAMICA DELLO STRETTO MESSINA Telefono Fax

INFORMAZIONI. Nome SILVIA SANTORO Indirizzo VIA PANORAMICA DELLO STRETTO MESSINA Telefono Fax F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SILVIA SANTORO Indirizzo VIA PANORAMICA DELLO STRETTO 480 98168 MESSINA Telefono 3489201644 Fax E-mail silvia904@virgilio.it

Dettagli

TELEFONO ACCETTAZIONE ACCETTAZIONE 8243 OSPEDALE PT-C-037 ACCETTAZIONE BACK OFFICE 8242 OSPEDALE PT-C-037 ACCETTAZIONE 8256 OSPEDALE PT-C-040

TELEFONO ACCETTAZIONE ACCETTAZIONE 8243 OSPEDALE PT-C-037 ACCETTAZIONE BACK OFFICE 8242 OSPEDALE PT-C-037 ACCETTAZIONE 8256 OSPEDALE PT-C-040 ACCETTAZIONE ACCETTAZIONE 8243 OSPEDALE PT-C-037 ACCETTAZIONE BACK OFFICE 8242 OSPEDALE PT-C-037 ACCETTAZIONE 8256 OSPEDALE PT-C-040 ADISCO ADISCO 8621 OSPEDALE P1-G-053 AMBULATORI Ambulatorio - CARDIOLOGIA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PROPOSTA DI RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA DI BORDIGHERA E SANREMO

COMUNICATO STAMPA PROPOSTA DI RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA DI BORDIGHERA E SANREMO PROPOSTA DI RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA DI BORDIGHERA E SANREMO Considerando i presupposti storici relativi ai presidi dell Asl è intenzione dell Azienda individuare in ogni stabilimento ospedaliero

Dettagli

Aggiornamento del

Aggiornamento del . Sequenza sismica Emergenza sisma maggio 202 2. Assistenza alla popolazione 3. Verifiche agibilità schede AeDES Emilia Romagna 4. Forze in campo AGENZIA PROTEZIONE CIVILE Aggiornamento del 30.08.202 5.

Dettagli

Ruolo e coordinamento delle componenti e delle strutture di protezione civile

Ruolo e coordinamento delle componenti e delle strutture di protezione civile Corso Applicativo di Protezione Civile per Infermiere Volontarie C.R.I. Polo Didattico Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo Bergamo 2 ottobre 2000 Ruolo e coordinamento delle componenti e delle

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 1382 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori AGOSTINI, TAVIANI e ROBOL COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 SETTEMBRE

Dettagli

Progetto Sapienza. Prof. Roberto Caronna. Dipartimento di Scienze Chirurgiche UOC Chirurgia Generale N Prof. P. Chirletti.

Progetto Sapienza. Prof. Roberto Caronna. Dipartimento di Scienze Chirurgiche UOC Chirurgia Generale N Prof. P. Chirletti. Progetto Sapienza Prof. Roberto Caronna Dipartimento di Scienze Chirurgiche UOC Chirurgia Generale N Prof. P. Chirletti. Risorse umane del progetto Sapienza Università di Roma (Policlinico Umb. I + Sant

Dettagli

SERVIZI SEDE TEL/FAX. Viale Don Minzoni 1. Giarre Corso Sicilia 121. Giarre. Viale Don Minzoni 1. Giarre. Viale Don Minzoni 1.

SERVIZI SEDE TEL/FAX. Viale Don Minzoni 1. Giarre Corso Sicilia 121. Giarre. Viale Don Minzoni 1. Giarre. Viale Don Minzoni 1. Distretto Sanitario di Direttore Distretto Dott.Giacomo Benenati Registro Trapianti Punti di accettazione e Referenti Ufficio Educazione alla salute SERVIZI SEDE TEL/FAX Consulenza per la progettazione

Dettagli

Ripasso Principi Fondamentali, Componenti e Obiettivo Strategico 5. Gualandrini Giancarlo Croce Rossa Italiana

Ripasso Principi Fondamentali, Componenti e Obiettivo Strategico 5. Gualandrini Giancarlo Croce Rossa Italiana Ripasso Principi Fondamentali, Componenti e Obiettivo Strategico 5 Gualandrini Giancarlo Croce Rossa Italiana Quali e quanti sono i Principi fondamentali della Croce Rossa???? Unica Imparzialità Statale

Dettagli

SANITARIO INFERMIERE CAT. D. SANITARIO ESPERTO INFERMIERE CATEGORIA DS.

SANITARIO INFERMIERE CAT. D. SANITARIO ESPERTO INFERMIERE CATEGORIA DS. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SPADONI MARIA GRAZIA Indirizzo VIA MONTEFELTRESCA 112 VILLAGRANDE DI MONTECOPIOLO 61014 PROV. PESARO E URBINO

Dettagli

AREE DI RICOVERO O ACCOGLIENZA AREE DI AMMASSAMENTO

AREE DI RICOVERO O ACCOGLIENZA AREE DI AMMASSAMENTO IL CAMPO BASE CAMPO BASE = AREE DI EMERGENZA SPECIFICHE DIRETTIVE DEL D.P.C. AREE DI ATTESA sono luoghi di primo ritrovo per la popolazione, che riceverà le informazioni sull evento e sui comportamenti

Dettagli

Università Politecnica delle Marche CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Polo didattico di Ancona. a.a

Università Politecnica delle Marche CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Polo didattico di Ancona. a.a Università Politecnica delle Marche CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Polo didattico di Ancona a.a. 2016-2017 Direttori ADP Canale A: Dott. Sandro Ortolani Tel. 071/2206160 e-mail: s.ortolani@univpm.it

Dettagli

Le Cure Palliative erogate in Rete

Le Cure Palliative erogate in Rete Le Cure Palliative erogate in Rete La normativa nazionale e regionale Codigoro - 29 settembre 2012 Mauro Manfredini Focus sulla Rete No Terapia del dolore No Cure Palliative Pediatriche LEGGE n. 39 26

Dettagli

Interventi per Strutture polifunzionali socioassistenziali per la popolazione PSR SPESA AMMISSIBILE CONTRIBUTO CONCESSO

Interventi per Strutture polifunzionali socioassistenziali per la popolazione PSR SPESA AMMISSIBILE CONTRIBUTO CONCESSO Interventi per Strutture polifunzionali socioassistenziali per la popolazione PSR 2014-2020 N. ordine graduatoria BENEFICIARIO SEDE DELL'IMMOBILE OGGETTO DI FINANZIAMENTO IMPORTO TOTALE DEL PROGETTO SPESA

Dettagli

IL CASO DEL DIPARTIMENTO ATTIVITA SOCIO-SANITARIE

IL CASO DEL DIPARTIMENTO ATTIVITA SOCIO-SANITARIE IL CASO DEL DIPARTIMENTO ATTIVITA SOCIO-SANITARIE Caso a cura di Andrea Martone Le situazioni descritte non intendono rappresentare un paradigma di comportamento, né l autore vuole formulare giudizi sulle

Dettagli

Agenzia Regionale di Protezione Civile. Progettazione di tendopoli e centri di accoglienza

Agenzia Regionale di Protezione Civile. Progettazione di tendopoli e centri di accoglienza Agenzia Regionale di Protezione Civile Progettazione di tendopoli e centri di accoglienza! " Contenuti Logistica e colonna mobile (concetto ed elementi fondamentali) Aree di accoglienza/tendopoli (materiali,

Dettagli

LA VITA IN EMERGENZA

LA VITA IN EMERGENZA LA VITA IN EMERGENZA - Corso di Base per Volontari di Protezione Civile - PERCORSO UNIFICATO Argomenti della Lezione: - Le aree di - Le tendopoli - I PMA e i PASS - Gli eventi - L attività dei volontari

Dettagli