Microcredito Under 35

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Microcredito Under 35"

Transcript

1 Microcredito Under 35 Modello Operativo Mission La Fondazione Welfare Ambrosiano ha sottoscritto una Convenzione con il Comune di Milano per la costituzione di un apposito Fondo di Garanzia per consentire anche attraverso l erogazione di servizi ausiliari, la concessione del microcredito a favore degli imprenditori con meno di 35 anni. Lo scopo è evitare che i giovani imprenditori ricorrano al mercato del credito e degli strumenti di pagamento e debito con modalità non coerenti con una corretta cultura del risparmio e non idonei a garantire una sana attuazione del business-plan imprenditoriale. 1

2 L intervento della Fondazione FWA, interagendo con la rete dei Soggetti abilitati a fine percorso con esito positivo fornirà una garanzia fideiussoria finalizzata a consentire l accesso ai finanziamenti di microcredito erogati dalla banca aderente al Protocollo e che partecipa con FWA al rischio connesso al microcredito. Finanziamento concedibile dalla banca: importo min ,00 max ,00 (50% Fondi BPM e 50% Fondi Fei) con durata min. 19 mesi max 48 mesi (compreso preammortamento di max 6 mesi) FWA interviene mediante la concessione di garanzia nella misura del 50% della quota messa a disposizione dalla banca. Gli enti accreditati dalla Fondazione erogheranno i servizi ausiliari di assistenza personalizzata, accompagnamento all avvio dell impresa, tutoraggio e mentoring, sia prima dell avvio dell impresa che nei mesi successivi. 2

3 Destinatari L ammissibilità ai servizi di FWA è riservata a: Giovani imprenditori entro i 35 anni di età che intendono avviare o hanno avviato un attività economica (entro i 24 mesi di attività) nell ambito del Comune di Milano. I finanziamenti prevedono obbligatoriamente un percorso di accompagnamento ai servizi ausiliari per l accesso al microcredito. Tale percorso e relativa certificazione consentiranno a FWA la conseguente emissione di garanzia a favore del richiedente. 3

4 Modello Operativo di FWA in sintesi L attività di microcredito di FWA si articola in più fasi in ciascuna delle quali opera in prevalenza un diverso soggetto. L azienda richiedente dovrà accedere al portale di FWA per scaricare i documenti (questionario, lettera di presentazione ecc.) da compilare e inviare tramite mail ad FWA. La FWA svolge una preistruttoria formale per il rilascio del credito e successivamente indirizza al referente di BPM. Il referente a sua volta indirizza il richiedente presso la filiale prescelta dove inizia l iter preistruttorio. L iter prosegue in modo differenziato per aziende già avviate e start up. AZIENDA GIA AVVIATA: in presenza di idoneità BPM comunica a FWA il nominativo. START UP: Fwa, verificata tramite banca l esistenza delle condizioni necessarie, provvederà mediante operatori accreditati, a garantire il percorso di accompagnamento. mediante operatori accreditati. Decisione Finale sul singolo intervento La banca verificata l assenza di pregiudizievoli o altre evidenze negative comunica l esito al richiedente ed a FWA, tramite la struttura BPM di coordinamento. Fwa invia il richiedente all ente prescelto per l erogazione dei servizi post-erogazione (requisito obbligatorio e necessario per poter accedere alla garanzia.) Il richiedente si recherà presso la struttura prescelta per iniziare il percorso di accompagnamento (requisito obbligatorio e necessario per poter accedere alla garanzia.) In caso di esito positivo il richiedente consegna la documentazione completa al gestore della Banca per il prosieguo dell iter istruttorio. In entrambe le casistiche, a fronte di esito positivo della delibera Banca, FWA segnala al Gestore la concessione della garanzia e a BPM invia tramite mail la garanzia medesima. Erogazione del credito La Banca eroga il finanziamento richiesto e ne dà comunicazione a FWA. 4

5 La rete di soggetti abilitati La Fondazione Welfare Ambrosiano in attuazione del Testo Unico Bancario art. 111 e successive modifiche e integrazioni che prevede che l erogazione di microcredito debba essere accompagnata dalla prestazione di servizi ausiliari ha pubblicato sul B.U.R.L idonea manifestazione di interessi atta a creare un elenco di soggetti no profit idonei a prestare i suddetti servizi. Si prevede che i richiedenti, possano rivolgersi a uno degli operatori iscritti in apposito elenco disponibile sul sito della Fondazione, per usufruire delle prestazioni previste. Gli operatori selezionati potranno erogare i seguenti servizi ausiliari: Fornire supporto nel costruire il business plan; Accompagnare l imprenditore con il tutoraggio nella fase di start-up e di prima gestione d impresa; Costruire la bancabilità dell imprenditore attraverso la valorizzazione della rete di relazioni personali e la partecipazione attiva al progetto. 5

6 Elenco soggetti abilitati Elenco Operatori ammessi alla fornitura dei servizi ausiliari dedicati al progetto "Microcredito under 35" OPERATORE SEDE OPERATIVA CONTATTI Formaper Milano Via Santa Marta, 18 Tel Fax mail Planet Finance Italia Milano Viale Zara, 100 Tel Cell mail Mag2 Finance Soc. Coop. Milano Via Angera, 3 Tel Fax mail 6

7 Servizi Ausiliari Creazione iniziale della struttura operativa Servizi pre-erogazione per Start up Accompagnamento alla creazione di impresa Screening e prima accoglienza: analisi del profilo, verifica della fattibilità e cantierabilità del progetto, analisi dei fabbisogni dei giovani aspiranti o neo imprenditori Orientamento e formazione all imprenditorialità: focus ed incontri di gruppo per lo sviluppo della cultura di impresa, analisi delle attitudini imprenditoriali, acquisizione delle informazioni e conoscenze di base per la predisposizione del progetto imprenditoriale. Servizi di assistenza personalizzata per accompagnare i beneficiari nella stesura e/o revisione del Business Plan finalizzato all analisi della fattibilità del progetto imprenditoriale. Accompagnamento all avvio dell impresa. Valutazione del finanziamento da richiedere. Servizi di informazione e indirizzo per la fase di espletamento corretto e tempestivo delle procedure per l iter burocratico-autorizzativo per la creazione d impresa. Tutoraggio e monitoraggio Servizi post-erogazione per start up e neo imprese Servizi di assistenza all avvio dell attività economica e tutoraggio nella prima fase di gestione ordinaria dell attività con visite personalizzate presso l impresa e il monitoraggio degli indici di rischiosità e problematicità. Azione fondamentale in quanto in queste criticità sono sempre presenti nelle start up e occorre, con le azioni sopra descritte, prevedere conoscere e risolvere in tempo utile, evitando la mortalità della neo impresa. Azioni di sistema Costruire la bancabilità del soggetto attraverso la valorizzazione della rete di relazioni e la partecipazione attiva. 7

8 Servizi Pre-erogazione Aree decisionali Scelte strategiche CHE COSA OFFRIRE Sistema prodotto Proiezioni economico /finanziarie RIDEFINIZIONE DEL PROGETTO IDEA A CHI E COME VENDERE Mercato obiettivo Politiche di comunicazione Sistema competitivo COME ORGANIZZARSI PROGETTO TRASFORMAZIONE DELL IDEA IN PROGETTO Potenziali ricavi Capitale occorrente verifica della fattibilità economico-finanziaria PIANO DI FATTIBILITÀ O BUSINESS- PLAN Struttura aziendale Sviluppo dell idea Politiche di informazione e orientamento Formazione su tempi economici finanziari ed operativi Pre-valutazione dell idea imprenditoriale Tutoring per l elaborazione dell idea progettuale Assistenza personalizzata per la stesura del business-plan Attività di orientamento per la predisposizione della documentazione amministrativa necessaria 8

9 Servizi Post-Erogazione Accompagnamento alla corretta realizzazione degli investimenti e supporto su temi di gestione aziendale fra cui: Politiche operative di marketing Utilizzo dei social media e marketing digitale Contrattualistica commerciale con clienti e fornitori Contrattualistica del lavoro Aspetti fiscali e tributari Controllo dei costi di gestione Controllo dei flussi di cassa e della liquidità Organizzazione e gestione del tempo Gestione delle risorse umane e/o dei rapporti fra i soci Piano temporale di sviluppo delle attività Tutoring atto a verificare e monitorare l attività economica Attività di mentoring e coaching 9

10 Come accedere (I FASE) ITER UNIFICATO per START UP e NEO IMPRESE Accedere al portale della FONDAZIONE ( sezione «COSA FACCIAMO MICROCREDITO UNDER 35» scaricare la modulistica dall apposito spazio (questionario idea imprenditoriale, consenso monitoraggio, autorizzazione al trattamento dei dati, autocertificazione di residenza, dichiarazione sostitutiva di atto notorio (solo in caso di società accompagnata da fotocopia della visura di iscrizione alla Camera di Commercio) ) e lettera di presentazione. N.B. i moduli di autorizzazione al trattamento dei dati e l autocertificazione di residenza devono essere compilati a cura di ogni componente della compagine sociale e accompagnati dalla fotocopia non autenticata di un documento di identità del dichiarante. Compilare ed inviare a mezzo mail a FWA i moduli riportanti l indicazione dell agenzia della banca prescelta e dell operatore selezionato dall elenco dei soggetti abilitati presso cui fruire dei servizi per l accompagnamento. Il gestore dell agenzia della banca preavvisato da FWA, incontra l interessato e avvia l iter pre-istruttorio di verifica di assenza di elementi ostativi. N.B. La documentazione predisposta ed inserita sul sito deve essere integralmente completata e inviata alla mail indicata. Il mancato/parziale invio della stessa o l incompleta compilazione renderà INVALIDATA la richiesta. AL TERMINE DI QUESTO PRIMO PERCORSO, IN PRESENZA DI ESITO POSITIVO, L ITER PROSEGUE IN MODO DIFFERENZIATO FRA START UP O NEO IMPRESE GIÀ AVVIATE (entro i 24 mesi di attività). 10

11 Come accedere (II FASE DIFFERENZIATA) ITER per START UP 1. Il richiedente si reca, su appuntamento, presso l operatore prescelto (indicato nella lettera di presentazione) per effettuare le attività di screening, valutazione dell idea imprenditoriale e di prima accoglienza; 2. In caso di esito positivo, continua le attività di orientamento, formazione e assistenza per la redazione del business-plan e la verifica di fattibilità del progetto; 3. Il richiedente avvia l impresa e completa la documentazione da consegnare al gestore della banca per l istruttoria; 4. Il gestore dell agenzia della banca, ricevuto il business-plan e la documentazione, effettua l istruttoria fino alla delibera, comunicandone l esito al richiedente e ad FWA; 5. Se la valutazione di merito creditizio della banca è positiva, FWA rilascia la garanzia del 50% sulla quota banca (secondo le modalità stabilite nella convenzione) ; 6. Il gestore della banca, dopo il perfezionamento della garanzia, eroga il finanziamento (dandone comunicazione al richiedente e ad Fwa); 7. La start up prosegue con l operatore prescelto per le attività di accompagnamento posterogazione. 11

12 Come accedere (II FASE DIFFERENZIATA) ITER per AZIENDA già AVVIATA 1. Il richiedente si reca, su appuntamento, presso l operatore prescelto (indicato nella lettera di presentazione) per effettuare le attività di screening e prima accoglienza pre- erogazione per completare la documentazione da consegnare al gestore della banca per l istruttoria; 2. Il gestore dell agenzia della banca, ricevuta la documentazione, effettua l istruttoria fino alla delibera (comunicandone l esito al richiedente e ad Fwa) 3. Se la valutazione di merito creditizio della banca è positiva, FWA rilascia la garanzia a copertura del 50% sulla quota banca (secondo le modalità stabilite nella apposita convenzione) ; 4. Il gestore della banca, dopo il perfezionamento della garanzia, eroga il finanziamento (dandone comunicazione al richiedente e ad Fwa); 5. L impresa prosegue con l operatore prescelto per le attività di accompagnamento posterogazione. Rosa Cioffi Resp. progetto 12

FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO AVVISO PUBBLICO ELENCO OPERATORI NO-PROFIT SERVIZI AUSILIARI MICROCREDITO UNDER 35

FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO AVVISO PUBBLICO ELENCO OPERATORI NO-PROFIT SERVIZI AUSILIARI MICROCREDITO UNDER 35 FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO AVVISO PUBBLICO ELENCO OPERATORI NO-PROFIT SERVIZI AUSILIARI MICROCREDITO UNDER 35 1 INDICE 1. PREMESSA pag. 3 2. OBIETTIVI pag. 3 3. MANIFESTAZIONI D INTERESSE pag. 4 4.

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP

DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP AVVISO START MILANO DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP 1 INDICE 1. FINALITA DELL INTERVENTO 2. AMBITI DI INTERVENTO 3 DOTAZIONE FINANZIARIA 4. MISURA : SUPPORTO ALLA CREAZIONE

Dettagli

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Versione 2.0 PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Qualsiasi ipotesi di crescita e di sviluppo non può prescindere dal considerare il valore del capitale umano. Ormai ogni ricerca in merito, sottolinea che la

Dettagli

Microcredito. La soluzione di Intesa Sanpaolo per il microcredito imprenditoriale

Microcredito. La soluzione di Intesa Sanpaolo per il microcredito imprenditoriale Microcredito La soluzione di Intesa Sanpaolo per il microcredito imprenditoriale Gennaio 2016 Normativa relativa al Microcredito in Italia. Il Microcredito è stato oggetto negli anni di continue evoluzioni

Dettagli

BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA DELLA CCIAA DI CHIETI PER LA NUOVA MICRO IMPRENDITORIALITA

BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA DELLA CCIAA DI CHIETI PER LA NUOVA MICRO IMPRENDITORIALITA BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA DELLA CCIAA DI CHIETI PER LA NUOVA MICRO IMPRENDITORIALITA Chieti, 14 Novembre 2014 La Camera di Commercio di Chieti, attraverso la creazione di un Fondo di Garanzia,

Dettagli

IL PUNTO NUOVA IMPRESA

IL PUNTO NUOVA IMPRESA 1 IL PUNTO NUOVA IMPRESA Aree di competenza Lo Sportello Punto Nuova Impresa offre informazione sulla costituzione di nuove imprese; eroga informazioni sulle procedure burocratiche, amministrative e legislative

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DI 10 IDEE IMPRENDITORIALI

AVVISO PER LA SELEZIONE DI 10 IDEE IMPRENDITORIALI CITTÀ DI RAGUSA CENTRO RISORSE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE INCUBATORE D IMPRESA 2011 AVVISO PER LA SELEZIONE DI 10 IDEE IMPRENDITORIALI RIVOLTO AD ASPIRANTI IMPRENDITORI/IMPRENDITRICI PER ESSERE AMMESSI

Dettagli

DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY. PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale)

DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY. PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale) 5 DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale) 1. FINALITA Torino Social Innovation (di seguito TSI) è un programma che

Dettagli

Bando Start. Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa. www.start.lombardia.it

Bando Start. Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa. www.start.lombardia.it Bando Start Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa www.start.lombardia.it Finalità dell intervento Promuovere e sostenere la diffusione di cultura imprenditoriale per

Dettagli

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015 AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE Percorsi integrati per la creazione d imprese innovative spin off della ricerca pubblica estesi anche alle imprese innovative che intendono avviare

Dettagli

REQUISITI SOGGETTIVI DI AMMISSIBILITA AL PRESTITO. 1.Possono essere ammessi ai finanziamenti concessi dalla Banca ai sensi della Convenzione:

REQUISITI SOGGETTIVI DI AMMISSIBILITA AL PRESTITO. 1.Possono essere ammessi ai finanziamenti concessi dalla Banca ai sensi della Convenzione: Allegato A) REQUISITI SOGGETTIVI DI AMMISSIBILITA AL PRESTITO 1.Possono essere ammessi ai finanziamenti concessi dalla Banca ai sensi della Convenzione: Persone fisiche e famiglie che versino in situazione

Dettagli

Regione Puglia. Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE

Regione Puglia. Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE Regione Puglia Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE N. 133 di repertorio OGGETTO: Progetto Seconda fase del Progetto ILO2 - Creare impresa e diffondere tecnologia a

Dettagli

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli

Progetto INTEP Innovazione tecnologica e di processo per il Settore Manifatturiero

Progetto INTEP Innovazione tecnologica e di processo per il Settore Manifatturiero Bando Start Intep PER LA SELEZIONE DI IDEE IMPRENDITORIALI PER LA FRUIZIONE DI SERVIZI DI ASSISTENZA TECNICA FINALIZZATI ALLA COSTITUZIONE DI IMPRESE START UP Premessa La presente procedura viene bandita

Dettagli

Bando per la selezione di nuove attività imprenditoriali da insediare presso

Bando per la selezione di nuove attività imprenditoriali da insediare presso Bando per la selezione di nuove attività imprenditoriali da insediare presso l Incubatore Knowbel del Tecnopolo di Modena presso l Unione Terre di Castelli. Articolo 1 Obiettivi La Fondazione Democenter-Sipe

Dettagli

Bando per la selezione di nuove attività imprenditoriali da insediare presso l Incubatore di Mirandola

Bando per la selezione di nuove attività imprenditoriali da insediare presso l Incubatore di Mirandola Bando per la selezione di nuove attività imprenditoriali da insediare presso l Incubatore di Mirandola -PROROGA- Articolo 1 Premesse e obiettivi La Fondazione Democenter-Sipe ha indetto un Bando finalizzato

Dettagli

Centro Servizi del Distretto

Centro Servizi del Distretto Centro Servizi del Distretto Idea progettuale Progetto integrato per il rilancio e lo sviluppo del Distretto dell Abbigliamento Valle del Liri Il Centro Servizi del Distretto Idea progettuale 1 Premessa

Dettagli

IMPRONTE SOCIALI Concorso di idee LA MIGLIORE IDEA IMPRENDITORIALE

IMPRONTE SOCIALI Concorso di idee LA MIGLIORE IDEA IMPRENDITORIALE IMPRONTE SOCIALI Concorso di idee LA MIGLIORE IDEA IMPRENDITORIALE ART. 1 PREMESSA La Cooperativa Sociale Studio e Progetto 2 ONLUS, con il contributo di UniCredit Foundation, nell ambito del Progetto

Dettagli

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE INDICE Direttore di Filiale Imprese... 3 Coordinatore... 4 Gestore Imprese... 5 Addetto Imprese... 6 Specialista Estero Merci... 7 Specialista Credito

Dettagli

IL SISTEMA CAMERALE MILANESE

IL SISTEMA CAMERALE MILANESE IL SISTEMA CAMERALE MILANESE L impresa al centro Siamo un istituzione al servizio delle imprese. Oltre alle funzioni anagrafiche e certificative, ci occupiamo di promuovere la crescita del sistema imprenditoriale

Dettagli

Regione Puglia. Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE

Regione Puglia. Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE Regione Puglia Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE N. 041 di repertorio OGGETTO: Progetto Seconda fase del Progetto ILO2 - Creare impresa e diffondere tecnologia a

Dettagli

Regione Puglia. Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE

Regione Puglia. Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE Regione Puglia Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione N. 096 di repertorio DECRETO PRESIDENZIALE OGGETTO: Progetto Seconda fase del Progetto ILO2 - Creare impresa e diffondere tecnologia a

Dettagli

Bando per la selezione di nuove attività imprenditoriali presso l incubatore del Tecnopolo di Modena nell Unione Terre di Castelli

Bando per la selezione di nuove attività imprenditoriali presso l incubatore del Tecnopolo di Modena nell Unione Terre di Castelli Bando per la selezione di nuove attività imprenditoriali presso l incubatore del Tecnopolo di Modena nell Unione Articolo 1 Obiettivi La Fondazione Democenter-Sipe promuove un bando per selezionare, secondo

Dettagli

Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità

Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità MISURE 1. Sviluppo aziendale basato su processi di ammodernamento e ampliamento produttivo 2. Innovazione di prodotto e di processo 3. Applicazione

Dettagli

Bando per la selezione di nuove attività imprenditoriali da insediare presso

Bando per la selezione di nuove attività imprenditoriali da insediare presso Bando per la selezione di nuove attività imprenditoriali da insediare presso l Incubatore Knowbel del Tecnopolo di Modena presso l Unione Terre di Castelli. Articolo 1 Obiettivi La Fondazione Democenter-Sipe

Dettagli

Servizi di - Informazione e orientamento. sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese. - Formazione - Credito

Servizi di - Informazione e orientamento. sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese. - Formazione - Credito 2009 per immigrati di Milano e provincia Servizi di - Informazione e orientamento sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese - Formazione - Credito ASIIM - Associazione per lo Sviluppo dell

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza Settore Tutela dei Consumatori e degli Utenti Politiche di Genere e di Promozione delle Pari Opportunità INIZIATIVE REGIONALI

Dettagli

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 PRESENTAZIONE Gruppo R è una cooperativa sociale di tipo A, costituita ai sensi della legge 381/91. Come tale è quindi un soggetto in continua

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE

Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE I servizi del sistema camerale emiliano romagnolo per il sostegno alla creazione e allo start up di impresa» Bologna, 14 dicembre 2015 L iniziativa Creazione e start-up

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE FONDO STARTER

GUIDA ALLA COMPILAZIONE FONDO STARTER Pag. 1 di 6 GUIDA ALLA COMPILAZIONE FONDO STARTER PREMESSA La domanda può essere presentata, nel periodo di apertura dello sportello, attraverso modalità online con firma digitale. Per accedere alla piattaforma

Dettagli

INVITALIA S.P.A. FRANCHISING Misure a favore dell autoimpiego

INVITALIA S.P.A. FRANCHISING Misure a favore dell autoimpiego Agevolazioni Pagina 1 di 6 INVITALIA S.P.A. FRANCHISING Misure a favore dell autoimpiego FONTI NORMATIVE D.Lgs 21/04/2000, n.185 G.U. 06/07/ 2000, n. 156 Decreto 28/05/2001, n. 295 G.U. 19/07/2001 n. 166

Dettagli

Regione Puglia. Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE

Regione Puglia. Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE Regione Puglia Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE N. 135 di repertorio OGGETTO: Progetto Seconda fase del Progetto ILO2 - Creare impresa e diffondere tecnologia a

Dettagli

FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO

FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO MICROCREDITO MILANO Report dicembre 2014 Responsabile del progetto Rosa Cioffi 1 Fondazione Welfare Ambrosiano Costituzione: 14/09/2009 Compagine Sociale: Comune di Milano,

Dettagli

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 2 MILIARDI PER IL RILANCIO 2 miliardi di euro di investimenti per le imprese agroalimentari italiane. Queste le risorse del Piano 2015-2017 messo

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Il presente Allegato è parte integrante del bando di concorso Giovani e Idee di Impresa 3 e non può essere modificato nella composizione delle sue parti. Ogni componente del gruppo

Dettagli

Regolamento di ammissione e di funzionamento dell Incubatore Universitario d Impresa di Sassari

Regolamento di ammissione e di funzionamento dell Incubatore Universitario d Impresa di Sassari Allegato al punto E3) Regolamento di ammissione e di funzionamento dell Incubatore Universitario d Impresa di Sassari REGOLAMENTO Art. 1 Premesse L Università degli Studi di Sassari (di seguito l Università

Dettagli

Fondo Ingenium REGISTRATION FORM Richiedente (da compilare in caso d imprese non ancora costituite)

Fondo Ingenium REGISTRATION FORM Richiedente (da compilare in caso d imprese non ancora costituite) 1 Cognome e nome Luogo e data di nascita Fondo Ingenium REGISTRATION FORM Richiedente (da compilare in caso d imprese non ancora costituite) Residenza (specificare l indirizzo) Telefono/Fax Indirizzo e-mail

Dettagli

PROGETTO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE COOPERATIVE

PROGETTO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE COOPERATIVE PROGETTO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE COOPERATIVE 1. Descrizione e obiettivo Il Progetto CoopLiguria Startup è una iniziativa di Coop Liguria, svolta in collaborazione con Legacoop Liguria e Coopfond,

Dettagli

Un patto per promuovere l export Accordo Sistema Moda Italia Intesa Sanpaolo

Un patto per promuovere l export Accordo Sistema Moda Italia Intesa Sanpaolo Un patto per promuovere l export Accordo Sistema Moda Italia Intesa Sanpaolo Maggio 2012 I punti chiave dell Accordo Creare valore e competitività per le imprese del settore tessile e moda attraverso un

Dettagli

INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE

INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE IN MATERIA DI ALTERNANZA, COMPETENZE E ORIENTAMENTO Regolamento per la selezione

Dettagli

Start Cup Bologna-Progettando 2008

Start Cup Bologna-Progettando 2008 Start Cup Bologna-Progettando 2008 dedicato ad aspiranti imprenditori della Provincia di Bologna per l assegnazione di 5.000,00 sottoforma di contributo a fondo perduto Bando 9 1. DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI

Dettagli

TABELLA D ESPERIENZA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO L ACCREDITAMENTO. di cui all art. 6

TABELLA D ESPERIENZA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO L ACCREDITAMENTO. di cui all art. 6 TABELLA D ESPERIENZA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO L ACCREDITAMENTO di cui all art. 6 1 Tabella D: ESPERIENZA - SERVIZI PER IL LAVORO GENERALI OBBIGATORI Aree Funzionali I, II, III e IV Documenti da presentare

Dettagli

Le informazioni necessarie per l istruttoria Le informazioni e la documentazione che la banca chiede riguardano principalmente: Soggetto richiedente

Le informazioni necessarie per l istruttoria Le informazioni e la documentazione che la banca chiede riguardano principalmente: Soggetto richiedente La valutazione del merito creditizio dei soggetti richiedenti finanziamenti di Microcredito assistiti dal Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese. Questo documento rappresenta, in modo schematico

Dettagli

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali Incubatore d impresa Per sostenere le nuove idee imprenditoriali PRESENTAZIONE DELLA BUONA PRATICA L alta mortalità delle imprese nei primi anni di vita è spesso dovuta a una scarsa programmazione prospettica

Dettagli

SEMINARIO LEASING E NOLEGGIO OPERATIVO: SERVIZI FINANZIARI DI COMPAGNIA DELLE OPERE DI MILANO. Milano, 11 marzo 2015

SEMINARIO LEASING E NOLEGGIO OPERATIVO: SERVIZI FINANZIARI DI COMPAGNIA DELLE OPERE DI MILANO. Milano, 11 marzo 2015 SEMINARIO LEASING E NOLEGGIO OPERATIVO: SERVIZI FINANZIARI DI COMPAGNIA DELLE OPERE DI MILANO Milano, 11 marzo 2015 Premessa: Il ruolo di Compagnia delle Opere, i servizi finanziari Bisogno a cui risponde

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali

Articolo 1 Finalità generali Allegato A Deliberazione della G.R. n. 104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie, private e degli

Dettagli

La valorizzazione della ricerca e la costituzione di imprese innovative

La valorizzazione della ricerca e la costituzione di imprese innovative La valorizzazione della ricerca e la costituzione di imprese innovative Agenda Approccio al processo innovativo Spin Off della ricerca e Start Up innovative Il Business Plan (analisi critica di un idea

Dettagli

SCATTO. il prestito partecipativo di Fidi Toscana

SCATTO. il prestito partecipativo di Fidi Toscana SCATTO il prestito partecipativo di Fidi Toscana FINALITA BENEFICIARI SETTORI AMMISSIBILI PROGRAMMA D ATTIVITA Anticipare all impresa, alle migliori condizioni del mercato e sulla base di un programma

Dettagli

Fondo di garanzia per il MICROCREDITO Istruzioni per l'uso

Fondo di garanzia per il MICROCREDITO Istruzioni per l'uso Fondo di garanzia per il MICROCREDITO Istruzioni per l'uso Il fondo di garanzia Microcredito Il fondo di Garanzia per le PMI è costituito presso il Ministero dello Sviluppo Economico Microcredito Ha lo

Dettagli

SCADENZA 7 DICEMBRE 2015. Art. 1 Finalità

SCADENZA 7 DICEMBRE 2015. Art. 1 Finalità AVVISO DI SELEZIONE PER INDIVIDUARE N. 20 ASPIRANTI IMPRENDITORI DA AMMETTERE AL PERCORSO GRATUITO DI ACCOMPAGNAMENTO ALL IMPRENDITORIALITA TALENT DRESSAGE SCADENZA 7 DICEMBRE 2015 Art. 1 Finalità La Camera

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE INCUBATORE D IMPRESA

BANDO DI SELEZIONE INCUBATORE D IMPRESA BANDO DI SELEZIONE INCUBATORE D IMPRESA Premessa Bergamo Sviluppo - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Bergamo - nell intento di supportare aspiranti e nuovi imprenditori nella progettazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO PRESENTAZIONE OPERATORE CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO La Cooperativa Sociale Conedia è stata costituita a maggio 2011, come emanazione dell Associazione F.L.E.G. Formazione Lavoro e Gioventù. Ha come oggetto

Dettagli

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari Chi Siamo Il progetto Obiettivamente nasce con lo scopo di offrire una pronta risposta alle mutevoli richieste di credito da parte delle imprese, garantendo un servizio di consulenza sempre attento, innovativo

Dettagli

CENTRO SERVIZI PER LE COOPERATIVE ASSOCIATE A LEGACOOP LAZIO LEGACOOP LAZIO RISORSE

CENTRO SERVIZI PER LE COOPERATIVE ASSOCIATE A LEGACOOP LAZIO LEGACOOP LAZIO RISORSE Legacoop Lazio Risorse CENTRO SERVIZI PER LE COOPERATIVE ASSOCIATE A LEGACOOP LAZIO LEGACOOP LAZIO RISORSE Il CENTRO SERVIZI LEGACOOP LAZIO RISORSE gestito in convenzione da Service Lazio 2000, in collaborazione

Dettagli

SCHEDA DI RICHIESTA DI PARTECIPAZIONE ANNO 2012

SCHEDA DI RICHIESTA DI PARTECIPAZIONE ANNO 2012 SCHEDA DI RICHIESTA DI PARTECIPAZIONE ANNO 2012 Corsi e seminari gratuiti per AVVIO E SVILUPPO DI NUOVE IMPRESE E DI LAVORO AUTONOMO Aspiranti, neo imprenditori e lavoratori autonomi Fotocopiare, compilare

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E L UNIONE ITALIANA DELLE CAMERE DI COMMERCIO

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E L UNIONE ITALIANA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ACCORDO DI PROGRAMMA TRA IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E L UNIONE ITALIANA DELLE CAMERE DI COMMERCIO PROTOTIPO PROGETTUALE RELATIVO ALL ARTICOLO 3 - LETTERA B) I SERVIZI INTEGRATI PER LA NUOVA

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di:

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: 1. Interventi socio educativi finalizzati al sostegno di minori in affido e/o famiglie affidatarie; 2. Interventi socio educativi

Dettagli

Carta dei Servizi Articolo 1 Soluzioni HR Servizi al tuo Servizio.

Carta dei Servizi Articolo 1 Soluzioni HR Servizi al tuo Servizio. Carta dei Servizi Articolo 1 Soluzioni HR Servizi al tuo Servizio. Articolo 1 Srl Soluzioni HR - Aut. Min. Lav. Prot. N. 1118 del 26/11/04 CARTA DEI SERVIZI INDICE Presentazione di Articolo 1 Srl Carta

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE Finalità Gli obiettivi specifici

Dettagli

Anticipo export. 80% del valore della fattura al netto IVA. Può essere in euro o in moneta estera. Fascia A (RT 1-3) 1,50%

Anticipo export. 80% del valore della fattura al netto IVA. Può essere in euro o in moneta estera. Fascia A (RT 1-3) 1,50% Anticipo export L anticipo all esportazione rende disponibili all azienda i mezzi finanziari necessari per la predisposizione della fornitura da vendere all estero, oppure reintegrare i mezzi finanziari

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia

Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia Che cos è Smart&Start Italia? Smart&Start Italia è l incentivo che supporta le start-up innovative che operano su tutto il territorio nazionale L obiettivo

Dettagli

Coopstartup FarmAbility

Coopstartup FarmAbility Coopstartup FarmAbility Bando per la selezione di idee di impresa cooperativa innovativa nell agroalimentare Art. 1 Contesto e obiettivi Coopstartup FarmAbility è un progetto sperimentale per favorire

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Allegato 3 UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Programma Sviluppo Rurale FEASR 2007 2013 Art. 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) 1698/05 Allegato

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

EQM è la vostra soluzione per i Servizi di Finanza Agevolata.

EQM è la vostra soluzione per i Servizi di Finanza Agevolata. Gentile Cliente, EQM Consulting è una società che svolge attività di: Consulenza Formazione Valutazione per diffondere cultura imprenditoriale e manageriale, ponendosi l obiettivo strategico di creare

Dettagli

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN Idee e metodologie per la direzione d impresa Ottobre 2003 Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. REALIZZARE UN

Dettagli

COFITER. Microcredito e Credito diretto.

COFITER. Microcredito e Credito diretto. COFITER Microcredito e Credito diretto. INDICE COFITER «I nostri valori» Micro credito FEI Micro credito FCG Credito Diretto 2 Cofiter è uno dei principali confidi italiani iscritto all elenco degli Intermediari

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari) L.R. 01 Settembre 1999, n. 19 Istituzione del prestito d'onore (1) Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina la concessione di finanziamenti a favore di soggetti inoccupati e disoccupati per la

Dettagli

PREMIO START UP SOCIALI. Giovani idee per il social business. Patrignano e Banca Prossima nell ambito della convenzione tra di esse in essere con

PREMIO START UP SOCIALI. Giovani idee per il social business. Patrignano e Banca Prossima nell ambito della convenzione tra di esse in essere con PREMIO START UP SOCIALI Giovani idee per il social business ARTICOLO 1 - L INIZIATIVA Il Premio Start up sociali (di seguito solo Premio) è organizzato da Fondazione San Patrignano e Banca Prossima nell

Dettagli

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE INDICE Direttore di Filiale... 3 Modulo Famiglie... 4 Coordinatore Famiglie... 4 Assistente alla Clientela... 5 Gestore Famiglie... 6 Ausiliario... 7 Modulo Personal

Dettagli

Accesso al Micro Credito per Immigrati Modena 16/03/2011

Accesso al Micro Credito per Immigrati Modena 16/03/2011 Progetto co-finanziato dall Unione Europea Ministero dell Interno Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Accesso al Micro Credito per Immigrati Modena 16/03/2011 Finalità sperimentare

Dettagli

Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE

Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE I servizi del sistema camerale emiliano romagnolo per il sostegno alla creazione e allo start up di impresa» Bologna, 18 gennaio 2016 L iniziativa Creazione e start-up

Dettagli

Regolamento del concorso PREMIO START UP SOCIALI. Giovani idee per il social business

Regolamento del concorso PREMIO START UP SOCIALI. Giovani idee per il social business Regolamento del concorso PREMIO START UP SOCIALI Giovani idee per il social business ARTICOLO 1 - L INIZIATIVA Il Premio Start up sociali Giovani idee per il social business (di seguito solo Premio) è

Dettagli

Progetto SVI.S.PO. Intervento integrato di sviluppo e innovazione del sistema pontino. POR Obiettivo 2 FSE 2007-2013 Regione Lazio

Progetto SVI.S.PO. Intervento integrato di sviluppo e innovazione del sistema pontino. POR Obiettivo 2 FSE 2007-2013 Regione Lazio Progetto SVI.S.PO. Intervento integrato di sviluppo e innovazione del sistema pontino POR Obiettivo 2 FSE 2007-2013 Regione Lazio Agenda dell incontro Anagrafica del progetto Soggetto attuatore Valore

Dettagli

CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE

CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE PMI IN PARTICOLARE Dott. Bernardino Bottalico Corporate Finance Manager www.fabfinance.eu info@fabfinance.eu +39 080 4421007 PREMESSA

Dettagli

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa 1. DESCRIZIONE E OBIETTIVO Coopstartup Puglia è un progetto di Legacoop Puglia per la nascita di nuove idee di impresa improntate

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE COOPERATIVE CON PREVALENZA DI SOCI UNDER 40

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE COOPERATIVE CON PREVALENZA DI SOCI UNDER 40 BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE COOPERATIVE CON PREVALENZA DI SOCI UNDER 40 1. Descrizione e obiettivo Il Progetto Coop Liguria Startup è un iniziativa di Coop Liguria, attuata con la collaborazione

Dettagli

Company Profile. Ideare Progettare Crescere

Company Profile. Ideare Progettare Crescere Company Profile Ideare Progettare Crescere La tua guida per l'accesso al mercato globale e per la gestione di modelli orientati al business internazionale P&F Technology nasce nel 2003 dall esperienza

Dettagli

START: PERCORSO PER LA CREAZIONE DI IMPRESA BANDO

START: PERCORSO PER LA CREAZIONE DI IMPRESA BANDO Regione del Veneto Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Sezione Formazione POR FSE 2007-2013 Fondo Sociale Europeo in sinergia con il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Avviso pubblico Imprendiamo?

Dettagli

OPPORTUNITA IN ROSA PARTECIPAZIONE GRATUITA

OPPORTUNITA IN ROSA PARTECIPAZIONE GRATUITA OPPORTUNITA IN ROSA CHECK UP ECONOMICO FINANZIARIO DELLE IMPRESE FEMMINILI PARTECIPAZIONE GRATUITA La Camera di Commercio Industria e Artigianato di Verona, in collaborazione con il Comitato per la Promozione

Dettagli

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO INCENTIVI PER I GIOVANI E LE DONNE CHE VOGLIO AVVIARE UNA MICRO O PICCOLA IMPRESA

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO INCENTIVI PER I GIOVANI E LE DONNE CHE VOGLIO AVVIARE UNA MICRO O PICCOLA IMPRESA NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO INCENTIVI PER I GIOVANI E LE DONNE CHE VOGLIO AVVIARE UNA MICRO O PICCOLA IMPRESA COS E NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO A CHI È RIVOLTA GLI INCENTIVI COSA SI PUÒ FARE "Nuove imprese

Dettagli

Ruolo e attività del punto nuova impresa

Ruolo e attività del punto nuova impresa SISTEMA DOTALE E CULTURA D IMPRESA: UNA RETE DI SERVIZI PER IL TERRITORIO MANTOVANO a cura di Alessandra Ligabue PROMOIMPRESA Ruolo e attività del punto nuova impresa PromoImpresa, in qualità di Azienda

Dettagli

Guida alla compilazione dell Atto d Impegno

Guida alla compilazione dell Atto d Impegno P O R F E S R L A Z I O 2 0 0 7-2013 A V V I S O P U B B L I C O I N S I E M E X V I N C E R E Guida alla compilazione dell Atto d Impegno (Art. 15, co. 1 dell Avviso Pubblico Insieme per Vincere approvato

Dettagli

Regolamento Premio ROTARY STARTUP Edizione 2014-15

Regolamento Premio ROTARY STARTUP Edizione 2014-15 Regolamento Premio ROTARY STARTUP Edizione 2014-15 Il Premio ROTARY STARTUP è promosso dal Rotary Club Distretto 2072 Emilia Romagna e San Marino. Il Premio ROTARY STARTUP Edizione 2014-15 (d ora in poi

Dettagli

PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO 1. Sintesi della proposta Assicurare continuità, per l anno 2015, alle attività di qualificazione di punti

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE. - ENPAPI (di seguito anche Ente) E......

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE. - ENPAPI (di seguito anche Ente) E...... SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA - ENPAPI (di seguito anche Ente) E...... (di seguito Istituto bancario) PER IL FINANZIAMENTO DELL AVVIO

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità.

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011 2013 II parte INTERVENTI testo approvato dalla Commissione provinciale per l impiego con deliberazione n. 373 del 26 luglio 2011 ed adottato dalla

Dettagli