Breve descrizione dell alunno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Breve descrizione dell alunno"

Transcript

1 Breve descrizione dell alunno M.F. è un bambino di 11 anni che frequenta la classe prima della scuola secondaria di I grado G. Mompiani. È affetto da Encefalopatia mitocondriale, una grave patologia progressiva con conseguenze funzionali relative all area motorio-prassica e alle aree cognitiva e del linguaggio. Ci è parso interessante, come gruppo di lavoro, confrontarci su questo caso in quanto la gravità della stuazione costringeva gli insegnanti ad uscire dall ottica pura dell apprendimento per individuare, soprattutto nelle aree dell autonomia e della socialità, obiettivi e strategie utili per la vita adulta di M. C e stato il continuo coinvolgimento della famiglia, del neuropsichiatra e della fisioterapista per l individuazione degli obiettivi e delle strategie utili al raggiungimento degli stessi e per la valutazione. Si è lavorato nei vari ambienti di vita del bambino: scuola, famiglia, oratorio, coinvolgendo insegnanti, bambini, genitori, educatori. I compagni di classe sono stati coinvolti progettando e partecipando ad alcune attività e sono stati guidati alla comprensione cognitiva ed emotiva del loro compagno attraverso: discussioni in classe relative all individuazione delle capacità, dei gusti e degli interessi di M. incontri con il neuropsichiatra per la comprensione del deficit di M. e delle sue potenzialità incontri con i genitori per avvicinarsi alla vita quotidiana e famigliare di M. 1

2 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BRESCIA PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO INTEGRATO CON IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE Cognome: F. Nome: M. Codice fiscale Solo per la scuola secondaria di II grado: PEI differenziato SI NO Istituzione scolastica: II Istituto Comprensivo di Brescia - Scuola Media G. Mompiani Indirizzo e recapiti telefonici: Via dei Mille 4/b - 030/ Anno scolastico: Classe/sezione: I a A 2

3 GRUPPO LAVORO HANDICAP OPERATIVO GLHO (per il singolo alunno/a) Dirigente scolastico Cognome e nome: Battagliola Angela Gruppo Docente/Consiglio di classe Cognome e nome Docente di A. S. sostegno I. A. Italiano, Storia, Geografia D. A. Matematica e Scienze D. D. Inglese G. A. Francese B. P. Tecnologia Informatica G. F. Musica G. G. Arte P. G. Educazione motoria S. M. Religione Genitori Cognome e nome F. F. L. D. Riferimenti telefonici Responsabile ASL/NPI (o suo delegato) Cognome e nome Dott. G. L. Riferimenti telefonici Altre figure Assistente per l autonomia/operatore per l integrazione, Assistente sociale del Comune, Tecnico tiflologo, Interprete LIS, Operatore psicopedagogico Cognome e nome 3 Figura e Ente di appartenenza C. G. Operatrice per l integrazione A. K. Operatrice per l integrazione G. D. Operatore psicopedagogico

4 Il GLHO nomina al suo interno un insegnante referente che costituisca il punto di riferimento organizzativo e garantisca la continuità: 1. nel rapporto con famiglie e altri servizi; 2. nel coordinamento delle attività; 3. nella tenuta della documentazione. PER L ANNO SCOLASTICO IN CORSO: Personale socio-sanitario di riferimento ( pubblici e privati ) Neuropsichiatria: Dott. G. L. Psicologo Terapista riabilitazione: Dott.ssa Z. S. Assistente sociale Altro 4

5 ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA GRUPPO CLASSE descrizione della classe: numero di alunni totale, n. alunni certificati con disabilità, altre problematiche (alunni con DSA o difficoltà particolari...), altri elementi di complessità La classe, composta da 24 alunni, si presenta molto variegata dal punto di vista etnico. Ci sono quest anno quattro alunni nuovi: due alunne sono da poco arrivate in Italia (seguono un corso di alfabetizzazione 0), un alunna è ripetente mentre un altro alunno si è trasferito da un altra scuola. I rapporti tra gli alunni e gli insegnanti sono positivi. In genere tutti i compagni, anche quelli che hanno conosciuto M. da poco, si rapportano con lui in modo spontaneo e affettuoso, lo esortano e lo incoraggiano durante le attività. LABORATORI: specificare quali, con che frequenza e a chi sono rivolti. Si ricorda che non è possibile attivare laboratori per soli alunni con disabilità. Laboratorio di cucina (2 ore settimanali) ALTRI PROGETTI Teatro in lingua inglese Progetto piscina (fino al mese di febbraio) Uscite con il gruppo sostegno 5

6 ORARIO DELLA CLASSE Vanno indicate anche le eventuali contemporaneità dei docenti curricolari, dei docenti di sostegno, degli assistenti ad personam ore Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato 8:00 Matematica Matematica Matematica Matematica Matematica CA 9:00 Francese CA - CS 10:00 Musica Matematica Francese Inglese CS Inglese CA CA CA Inglese CA Italiano CS Italiano CA Musica CA CA- CS 11:00 Ed. CA Italiano CA Italiano CS Arte CA Ed. CA Tecnica Motoria 12:00 Ed. CA Italiano CA Italiano CA Arte CA Italiano CA Tecnica 13:00 Mensa CA Mensa Mensa CA Mensa Mensa CA 14:00 Alternativa Laboratorio Musica CA Laboratorio Italiano CS CA- CS di 15:00 Motoria lettura Musica CA scientifico Italiano CS CA- CS CA= compresenza Assistente per l autonomia CC compresenza curricolare CS compresenza sostegno ORARIO SCOLASTICO DELL 'ALUNNO/A Per ogni attività va segnalato come si concretizza il PEI utilizzando le voci sotto elencate e inserendole nelle caselle ore Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato 8:00 9:00 Piscina *Inglese 10:00 Piscina *Italiano 11:00 *Italiano 12:00 13:00 14:00 Laboratorio cucina 15:00 Laboratorio cucina *Italiano *Italiano * Gli interventi saranno concretizzati soprattutto in classe. In alcuni momenti si effettueranno interventi nel piccolo gruppo, mentre si utilizzerà l attività individuale soprattutto per il perseguimento degli obiettivi riguardanti lo sviluppo della comunicazione attraverso le immagini. L utilizzo delle diverse modalità di intervento dipenderà dalla disciplina, dal contenuto e dall esigenza dell alunno in quel momento. 6

7 INTERVENTI RIABILITATIVI ED EDUCATIVI ANNUALI Interventi riabilitativi in orario scolastico (con uscita dalla scuola per recarsi c/o strutture specialistiche) Tipo di intervento: fisioterapia Operatore di riferimento: Dott.ssa S. Z. Modalità: una volta a settimana Tempi: Venerdi dalle 8:30 alle 10:30 Metodologia di raccordo: incontri per concordare obiettivi e strategie. Interventi riabilitativi in orario etra-scolastico Tipo di intervento: ippoterapia Operatore di riferimento: Tempi: una volta a settimana Modalità: martedì dalle 14:30 alle 15:30 Metodologia di raccordo: incontri per concordare obiettivi e strategie. Interventi educativi territoriali Tipo di intervento: Operatori di riferimento: Tempi: Modalità: Metodologia di raccordo: 7

8 RISORSE E VINCOLI RISORSE: sono quelle e dell alunno/a dell ambiente, sono umane (capacità, competenze, il nostro saper fare) materiali (strumenti, ambiente, terapie), organizzative (organizzazione scolastica, tempi degli interventi). Elencarle in modo dettagliato DELL ALUNNO: il desiderio di relazionare con tutti; il suo carattere affettuoso; la serenità che dimostra nell ambiente scolastico. UMANE: i compagni, gli insegnanti, le operatrici per l integrazione, la collaborazione della psicopedagogista dell istituto e del neuropsichiatra. ORGANIZZATIVE: Laboratori funzionali; uscite; progetto piscina; sussidi didattici; costante presenza dei compagni in tutte le attività svolte da M. (sia in classe che fuori). INTERESSI: è ciò che all alunno/a piace e che può essere utilizzato come stimolo o gratificazione per gli apprendimenti: Elencarli in modo dettagliato Stare con i compagni Ascoltare musica e suoni Giocare con il computer Ascoltare storie lette dai compagni o dagli insegnanti Ricevere consensi dai coetanei o dagli adulti BARRIERE: sono quelle dell ambiente, sia sociali che materiali e organizzative (persone, organizzazione del lavoro, spazi, barriere architettoniche, barriere culturali, tecnologiche, terapie). Elencarle in modo dettagliato e prevedere la possibilità di trasformarle in risorse - Sono quelle legate al deficit dell alunno: la deambulazione incerta; l assenza di comunicazione verbale; problemi di fissazione dello sguardo e di attenzione. - Barriere architettoniche nell ambiente scolastico. COMPORTAMENTI PROBLEMATICI Rilevare ed elencare i comportamenti problematici manifestati dall alunno/a in previsione di una progettazione per contenerli e/o ridurli - Manifesta disagio quando è stanco, soprattutto durante le ultime ore di lezione, o quando c è troppa confusione. - Urla quando vuole attirare l attenzione. 8

9 PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO OBIETTIVI BREVE TERMINE = MAX QUALCHE MESE MEDIO TERMIN E = ENTRO UN ANNO SCOLASTICO LUNGO TERMINE = Più ANNI SCOLASTICI AREA SOCIO- AFFETTIVA- RELAZIONA LE SITUAZIONE DI PARTENZA Dalla diagnosi funzionale, dall incontro congiunto con operatori e famiglia e dall osservazione PREVEDIBILI LIVELLI DI SVILUPPO DEFINITI IN OBIETTIVI OBIETTIVI - tempi lungo PDF medio breve STRATEGIE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI Rapporto con: Compagni Insegnanti Adulti in genere L alunno ricerca molto il contatto coi pari e si relaziona positivamente con tutti gli insegnanti e gli adulti in genere. Dimostra una certa predilezione per alcuni compagni della sua classe e riconosce alcuni insegnanti. - Riconoscere tutti i compagni e gli insegnanti. - Riconoscere gli adulti che operano nell ambito scolastico (personale Ata, assistenti ecc ). - Riconoscere di sostegno e le operatrici per l integrazione. Autostima - Creare delle situazioni in cui può avere una considerazione positiva di sé. Modalità di reazione a: Persone nuove Situazioni nuove Frustrazioni Difficoltà Gratificazione Costrizione Reagisce bene di fronte a persone e situazioni nuove. Dimostra di stare volentieri anche con compagni che non conosce, nonostante sia fondamentale la mediazione dell adulto. Richiede continuamente attenzioni allungando il braccio, salutando con la mano ed emettendo dei vocalizzi. - Limitare la richiesta di attenzioni. - Riuscire a stare per brevi momenti con i coetanei senza la mediazione dell adulto. Mostrare fotografie dei compagni e degli insegnanti. Fare in modo che l alunno si relazioni con compagni sempre diversi: cambiare i posti in classe e a mensa, stabilire dei turni durante i momenti ricreativi. Proporre semplici attività adeguate alle capacità dell alunno. Rinforzare e gratificate i risultati positivi. Giochi, attività di piscina, laboratori funzionali. 9

10 AREA SENSO- PERCETTIV A-MOTORIA SITUAZIONE DI PARTENZA Dalla diagnosi funzionale, dall incontro congiunto con operatori e famiglia e dall osservazione PREVEDIBILI LIVELLI DI SVILUPPO DEFINITI IN OBIETTIVI OBIETTIVI - tempi lungo PDF medio breve STRATEGIE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI Motricità globale Sta in posizione eretta e deambula in modo instabile per cui deve essere sostenuto dall adulto. Sta seduto sulla sedia per poco tempo, poi si lascia scivolare. Sale le scale alternando i piedi, mentre le scende, la maggior parte delle volte, saltellando da un gradino all altro. - Migliorare la sicurezza nella deambulazione; - Scendere le scale senza saltellare; - Mantenere per più tempo la corretta postura sulla sedia. Dare piccoli incarichi in cui si deve spostare da un luogo all altro per incrementare i momenti di deambulazione. Utilizzare maggiormente la sedia comune sollecitandolo verbalmente a riprendere la posizione corretta quando si lascia scivolare. Sollecitarlo ad iniziare con il piede sinistro quando scende le scale. Motricità fine Le abilità fini-motorie sono poco sviluppate. Dietro sollecitazione verbale prende alcuni oggetti di grandi e medie dimensioni con la mano sinistra. Tenta di eseguire semplici gesti funzionali (es. chiudere o aprire la porta ecc ), ma non sempre ci riesce. - Migliorare la prensione di oggetti più piccoli. - Riuscire ad aprire o a chiudere la porta con un semplice aiuto. - Fargli utilizzare qualche volta la mano destra. Fargli prendere e consegnare oggetti durante le varie attività didattiche. Stimolare attività che hanno lo scopo di rendere l alunno più autonomo e abile nell esecuzione di semplici gesti funzionali. 10

11 Funzione visiva Fissa con difficoltà lo sguardo su immagini, persone o oggetti fermi e li segue in modo sfuggente quando sono in movimento. - Fissare per poco tempo lo sguardo su oggetti fermi; - Seguire un oggetto o una persona durante un breve spostamento. Si cercherà di coinvolgere i compagni durante le attività proposte per aumentare la motivazione e l attenzione. Ha bisogno di aiuto nell abbinare colori, immagini e oggetti uguali o nel riconoscere un immagine richiesta. - Riconoscere e abbinare semplici oggetti e immagini di uso comune. Utilizzo di immagini chiare e semplici e di oggetti colorati di vario tipo e dimensioni. Percezione uditiva Sollecitato risponde al proprio nome battendo la mano sul petto. Orienta gli occhi al suono se stimolato. - Rispondere al proprio nome senza sollecitazioni. - Incrementare i momenti di ascolto. Proporre l appello in classe più volte durante la giornata. Mostrargli le sue foto pronunciando il suo nome. Attirare la sua attenzione supportando il linguaggio verbale con le immagini. Percezione tattile Altro E attratto dal quando spiega o legge un racconto. Nell esplorazione degli oggetti privilegia la via orale. - Ridurre il bisogno di mettere in bocca tutto ciò che ha in mano. Scoraggiare con sollecitazioni verbali l esigenza di mettere in bocca gli oggetti. 11

12 AREA DELLA AUTONO MIA SITUAZIONE DI PARTENZA Dalla diagnosi funzionale, dall incontro congiunto con operatori e famiglia e dall osservazione PREVEDIBILI LIVELLI DI SVILUPPO DEFINITI IN OBIETTIVI OBIETTIVI - tempi lungo PDF medio breve STRATEGIE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI (Le strategie individuate in quest area sono state concordate sia con la famiglia che con gli educatori che seguono M. all oratorio) Autonomia personale Igiene Abbigliament o Controllo sfinterico Spostamenti Riconoscime nto dei pericoli Organizzazio ne rispetto al compito Non controlla gli sfinteri. Si irrigidisce quando lo si vuole far sedere sul water. Toglie il cappello e lo consegna all adulto, ma non collabora nel togliersi la giacca. - Controllare gli sfinteri - Sedersi sul wc e iniziare ad usarlo per i bisogni. - Sedersi sul wc anche per pochi secondi. - Collaborare nell aprire la cerniera del giubbino. Portarlo in bagno ad orari fissi facendogli vivere questi momenti con serenità. Mostrargli delle immagini che ripropongono le azioni che lui dovrebbe svolgere (es. aprire la porta, sedersi sul wc, lavarsi le mani ecc..) prima di condurlo in bagno. Gratificarlo verbalmente o con rinforzi positivi (ad esempio dandogli una caramella o fargli ascoltare le sue canzoni preferite) ogni volta che si siede sul wc. Riproporre più volte al giorno le azioni di aprire o chiudere la cerniera del giubbino. Durante la ricreazione prende i pezzettini di cibo spezzettati dall adulto dietro sollecitazione verbale e a volte fisica. - Acquisire una maggiore autonomia durante il consumo della merenda. Sollecitare alcuni compagni a fare merenda con lui. Durante la mensa prende la forchetta dal piatto e la porta in bocca dopo che l adulto ha infilzato il cibo. Per bere utilizza una bottiglietta come biberon e la prende autonomamente ogni volta che ha sete. - Consolidare le pratiche del pasto diminuendo la guida verbale dell adulto. - Imparare a bere con il bicchiere. Sollecitare l alunno a compiere le azioni del pasto e insistere sull uso del bicchiere. 12

13 Esegue alcune semplici attività, sia individualmente che con i compagni, sollecitato verbalmente e fisicamente. - Aumentare l autonomia nelle varie attività svolte. Proporre giochi o semplici attività che possano incuriosirlo e divertirlo. Affidargli semplici consegne ( distribuire quaderni, fotocopie, comunicazioni e avvisi ai compagni ecc...) Autonomia sociale Orientamento a scuola e fuori gestione di sé rispetto al tempo e allo spazio Uso del telefono Uso del denaro Uso dell orologio Utilizzo di abilità sociali Ha bisogno di essere guidato per orientarsi nell edificio scolastico. - Aumentare la capacità di orientamento - Essere in grado di recarsi nelle aule che frequenta di solito con la sollecitazione verbale. Effettuare spostamenti per eseguire varie attività e semplici consegne. AREA COGNITIVA SITUAZIONE DI PARTENZA Dalla diagnosi funzionale, dall incontro congiunto con operatori e famiglia e dall osservazione PREVEDIBILI LIVELLI DI SVILUPPO DEFINITI IN OBIETTIVI OBIETTIVI - tempi lungo PDF medio breve STRATEGIE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI (Le strategie individuate in quest area sono state concordate con la famiglia e con la fisioterapista) Memoria - Potenziare il ricordo di alcuni eventi significativi delle sue giornate. Creare, in collaborazione con la famiglia, il libro dei resti, cioè un quaderno ad anelli, dove inserire gradualmente del materiale scelto da M. (foto, immagini, oggetti ecc ), sia a scuola che a casa, in modo da condividere le esperienze emotive vissute dal bambino. Libro dei resti 13

14 Attenzione L attenzione durante le fasi operative delle attività proposte è limitata. L alunno tende a spostare l attenzione verso stimoli periferici ed è, a volte, attratto dal computer. - Aumentare l attenzione durante le fasi operative delle attività proposte. Utilizzo di giochi, oggetti, immagini, disegni schede molto colorate e stimolanti per attirare maggiormente la sua attenzione. Utilizzo del computer con lo schermo tattile per interagire con i giochi. Strategie di apprendimen to L alunno sembra molto curioso nell esplorare gli ambienti che lo circondano. - Incrementare l osservazione degli ambienti circostanti. Sollecitare verbalmente l alunno nell osservazione di oggetti o ambienti che lo incuriosiscono. AREA COMUNICATIV O LINGUISTICA SITUAZIONE DI PARTENZA Dalla diagnosi funzionale, dall incontro congiunto con operatori e famiglia e dall osservazione PREVEDIBILI LIVELLI DI SVILUPPO DEFINITI IN OBIETTIVI OBIETTIVI - tempi lungo PDF medio breve STRATEGIE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI (Le strategie individuate in quest area sono state concordate con la famiglia e con la fisioterapista) Mezzi privilegiati Gestuale mimico Mimico facciale Verbale Grafico-pittorico Non comunica i propri bisogni fisiologici (mangiare, bere, andare in bagno). Utilizza brevi urli e piagnucolii ma soprattutto il linguaggio corporeo per esprimere desideri, intenzioni e rifiuti. Comunica in modo incerto con la scelta delle immagini. - Sviluppare la comunicazione attraverso le immagini Utilizzo dei simboli grafici Bliss e di altre immagini, disegni e foto per sollecitare l alunno nella scelta che corrisponda ad un suo bisogno o desiderio. 14

15 Comprensione del linguaggio Parole, frasi, periodi, racconti di varia complessità. in diversi contesti Manifesta più chiaramente il rifiuto rispetto all accettazione. Non mantiene lo sguardo con l interlocutore. - Utilizzare il sì e il no in modo più funzionale. - Mantenere anche per pochi secondi la condivisione dello sguardo. Modulare la voce in modo da attirare la sua attenzione. Fargli delle semplici domande alle quali può rispondere con il rifiuto o l accettazione. 15

16 AREA DELL APPRE NDIMENTO SITUAZIONE DI PARTENZA Dalla diagnosi funzionale, dall incontro congiunto con operatori e famiglia e dall osservazione PREVEDIBILI LIVELLI DI SVILUPPO DEFINITI IN OBIETTIVI OBIETTIVI - tempi lungo PDF medio breve STRATEGIE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI Competenze linguistiche Comprensione (consegne, informazioni.) Produzione (comunicazione di bisogni, costruzione frasi, resoconto di esperienze, spiegazioni..) Lettura (livelli raggiunti) Scrittura (livelli raggiunti) Impugna la matita o la penna con l aiuto dell adulto e fa spontaneamente dei tratti in modo molto leggero. Deve essere guidato nell azione del colorare anche se ritira la mano dopo poco tempo. - Aumentare il tempo del gesto guidato. Stimolare attività pratico-manipolative. Competenze matematiche quantificazione e numeri operazioni misura geometria osservazioni e ragionamenti Ha bisogno di aiuto nell associare due figure o oggetti uguali. Talvolta riconosce il numero 1 e 2. Vedi obiettivi disciplinari. 16

17 Competenze generali Lettura e produzione di immagini Acquisizione, ritenzione e organizzazione delle informazioni Abilità organizzative e manuali Ha bisogno di essere guidato nell utilizzo dei vari materiali. Utilizza quasi sempre la mano sinistra e solo raramente la destra. - Diminuire l aiuto fisico nella manipolazione dei vari materiali - Rafforzare l uso della mano sinistra - Iniziare ad utilizzare anche la mano destra. Partecipazione al laboratorio funzionale e ad attività di pittura e disegno. Altro 17

18 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE SPECIFICA Disciplina Obiettivi generali Per la classe Per l alun no Strategie per il raggiungimento (semplificazioni, riduzioni, strumenti, tempi diversificati, ausili ecc.) Raccordi con l attività della classe Con chi Italiano Comunicare attraverso le immagini Riconoscere alcune lettere dell alfabeto ( A; B; C; D ecc ) Riconoscere le lettere che compongono il suo nome. Riconoscere, attraverso le immagini, i protagonisti e gli ambienti di un brano o di un racconto ascoltato. Utilizzo dei simboli grafici Bliss o di altre immagini che corrispondano ai bisogni, oggetti o alle attività svolte. Associazione di immagini o disegni, che rappresentano oggetti di uso comune a lui noti, alle lettere dell alfabeto. Immagini dei personaggi e degli ambienti dei brani o racconti ascoltati. Si proporranno, dove possibile, gli stessi racconti o brani letti dai compagni ma semplificati e associati alle immagini. Si cercherà di supportare qualsiasi attività svolta in classe con immagini, disegni o foto che possano essere significativi per Matteo. Con di sostegno, le operatrici per l integrazio ne, della disciplina e i compagni di classe. Aumentare i momenti di ascolto 18

19 Storia e Geografia Sapersi orientare nell ambiente scolastico Riconoscere le aule da lui frequentate. Sapersi orientare nei vari momenti della giornata. Spostamenti durante il tempo scuola per compiere le diverse attività o per eseguire semplici consegne. Utilizzo di foto, immagini che rappresentano i luoghi dell ambiente scolastico, il tempo atmosferico e i vari momenti della giornata. Lavori nel piccolo gruppo per la realizzazione di disegni, mappe e/o cartelloni. Con di sostegno, le operatrici per l integrazio ne, della disciplina e i compagni di classe. Matematica e Scienze Associare due oggetti o due figure uguali Associare due oggetti dello stesso colore Riconoscere alcune figure geometriche (quadrato, cerchio, triangolo) ed abbinarli ad oggetti della stessa forma Utilizzo di vari oggetti da manipolare; numeri in colore, giochi in scatola, blocchi logici e software didattici. Immagini e disegni del corpo umano. Lavori nel piccolo gruppo per la costruzione di modelli con semplici materiali. Con di sostegno, le operatrici per l integrazio ne, della disciplina e i compagni di classe. Riconoscere alcuni numeri ( 1, 2, 3, ecc..) Riconoscere alcune parti del corpo umano. 19

20 Inglese e Francese Ascoltare i compagni, o le voci registrate Ascoltare filastrocche, dialoghi, canzoni Saper identificare immagini riferite ad oggetti reali della quotidianità (flashcards) Utilizzo di immagini e disegni di vari oggetti che rientrano nell uso quotidiano, di colori, vestiti, cibi ecc Ascolto di audiocassette e visione di filmati e DVD. Con di sostegno, le operatrici per l integrazio ne, della disciplina e i compagni di classe. Tecnologia Informatica Riconoscere alcuni strumenti del disegno tecnico: matita, riga, squadra, foglio da disegno. Riconoscere e associare alcune figure ad oggetti di uguale forma. Ritaglio di figure, foto; blocchi logici; riviste. Sollecitazioni fisiche e verbali da parte dei compagni nello svolgimento dei diversi lavori. Con le operatrici per l integrazio ne, della disciplina e i compagni di classe. Aumentare il tempo del gesto guidato nell impugnare la matita. 20

21 Musica Riconoscere i suoni e i rumori dell ambiente circostante Riconoscere chi emette il suono Utilizzo del corpo e di vari oggetti per produrre suoni. Stimolazione ad eseguire ritmi imitando i compagni e gli insegnanti. Ascoltare brani di musica con i compagni. Partecipazione ai brani prodotti dalla classe attraverso dei suoni prodotti dall alunno. Con le operatrici per l integrazio ne, della disciplina e i compagni di classe. Arte Riconoscere alcuni strumenti del disegno: matite colorate, pennarelli ecc.. Aumentare il tempo guidato nell azione del colorare Riconoscere i colori Colorare delle grandi immagini o riempirle con varie tecniche pittoriche e grafiche. Incollare, con aiuto, figure o immagini ritagliate dall adulto. Cartelloni, disegni, lavori vari con utilizzo di diversi materiali. Con le operatrici per l integrazio ne, della disciplina e i compagni di classe. Educazione Motoria Migliorare la sicurezza nella deambulazione Migliorare la prensione Utilizzare qualche volta la mano destra Esercizi di postura. Esercizi di prensione e lancio di piccoli oggetti. Sollecitazioni e stimolazioni verbali e fisiche. Attività ludiche, uso di piccoli attrezzi e del materassino. Presentazione dei diversi sport alla quale Matteo può partecipare mostrando alla classe le foto della sua attività di ippoterapia. Con le operatrici per l integrazio ne, della disciplina e i compagni di classe. 21

FASCICOLO PERSONALE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CHIUDUNO SCUOLA PRIMARIA DI SCUOLA SECONDARIA DI. Alunno.

FASCICOLO PERSONALE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CHIUDUNO SCUOLA PRIMARIA DI SCUOLA SECONDARIA DI. Alunno. UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CHIUDUNO SCUOLA PRIMARIA DI SCUOLA SECONDARIA DI FASCICOLO PERSONALE Alunno Classe Insegnanti e discipline insegnate Ass/educatore ANNO

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO ANNO SCOLASTICO

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO ANNO SCOLASTICO I s t i t u t o d i I s t r u z i o n e S u p e r i o r e A l e s s a n d r o V o l t a via Alessandro Volta 15 PESCARA www.iisvoltapescara.gov.it PEC peis00600b@pec.istruzione.it tel 085 4313848 fax 085

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO STATALE DARIO PAGANO ROMA PEI. a.s. 2010-20011

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO STATALE DARIO PAGANO ROMA PEI. a.s. 2010-20011 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO STATALE DARIO PAGANO ROMA PEI a.s. 2010-20011 Documento da allegare alla programmazione curricolare della classe... e al fascicolo personale dell alunn......... La programmazione,

Dettagli

P.E.I. PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

P.E.I. PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Scuola Secondaria Statale di Primo Grado Via Pascoli Via G. Pascoli, 256-47521 CESENA (FC) Tel. 0547/611134 - Fax. 0547/29163 E-mail: fomm03100p@istruzione.it - www.viapascolicesena.gov.it P.E.I. PIANO

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE "G. MARCONI" IPSIA

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. MARCONI IPSIA 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE "G. MARCONI" IPSIA I.T.E. - I.T.T. - I.P.S.E.O.A.

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Situazione diagnostica A scuola SerenaMente Il primo giorno di scuola non è lo stesso per tutti i bambini. Per alcuni, si tratta di ritornare in un posto lasciato solo

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE. ai sensi art. 3 Legge 104/92. Cognome Nome. Sesso M/F Nato/a a il. Residente in Via N. Comune Provincia CODICE FISCALE

DIAGNOSI FUNZIONALE. ai sensi art. 3 Legge 104/92. Cognome Nome. Sesso M/F Nato/a a il. Residente in Via N. Comune Provincia CODICE FISCALE ALLEGATO 3 LOGO REGIONALE Azienda DIAGNOSI FUNZIONALE ai sensi art. 3 Legge 104/92 Cognome Nome Sesso M/F Nato/a a il Residente in Via N Comune Provincia CODICE FISCALE DIAGNOSI CLINICA CODIFICAZIONE DIAGNOSI

Dettagli

TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali

TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali Struttura della personalità sociale Affettività sì no data sì no data mostra indifferenza per ciò che sperimenta

Dettagli

CURRICOLO di AREA o DISCIPLINARE

CURRICOLO di AREA o DISCIPLINARE Istituto Comprensivo di Buja CURRICOLO di AREA o DISCIPLINARE Scuola dell infanzia Dati identificativi Scuola primaria di Scuola secondaria di primo grado Campo/i: I DISCORSI E LE PAROLE Area: Disciplina/e:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICO EDUCATIVA INDIVIDUALIZZATA

PROGETTO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICO EDUCATIVA INDIVIDUALIZZATA Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Ufficio Scolastico Provinciale di Pesaro Urbino Ambiti Territoriali Sociali 1-2 -3-4 -5-6 - 7 Provincia di Pesaro Urbino Azienda Sanitaria Unica Regionale ZT.

Dettagli

P.E.I. (piano educativo individualizzato) alunno/a: nato/a a:

P.E.I. (piano educativo individualizzato) alunno/a: nato/a a: ( denominazione scuola) P.E.I. (piano educativo individualizzato) classe: sez. alunno/a: nato/a a: Ins. Specializzato/a Ins. Curricolari Operatori A.S.L. Genitori Anno Scolastico 20 20 NOTIZIE DELL ALUNNO/A

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO ISTITUTO COMPRENSIVO Giuseppe Fumasoni Via C. Valorsa n 70 23010 BERBENNO DI VALTELLINA (SO) Tel. 0342/492198 E-mail: soic801006@istruzione.it PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO COGNOME NOME LUOGO DI NASCITA

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore Pudente-Pantini Vasto (CH)

Istituto di Istruzione Superiore Pudente-Pantini Vasto (CH) Istituto di Istruzione Superiore Pudente-Pantini Vasto (CH) PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Anno Scolastico / Cognome Nome nato a in data residente a provincia Via Telefono Indirizzo Classe Sezione Sede

Dettagli

PIANO DI INTERVENTO IN MATERIA DI CONTINUITA EDUCATIVA TRA LA SCUOLA DELL INFANZIA di Fornace E LA SCUOLA PRIMARIA di Fornace

PIANO DI INTERVENTO IN MATERIA DI CONTINUITA EDUCATIVA TRA LA SCUOLA DELL INFANZIA di Fornace E LA SCUOLA PRIMARIA di Fornace PIANO DI INTERVENTO IN MATERIA DI CONTINUITA EDUCATIVA TRA LA SCUOLA DELL INFANZIA di Fornace E LA SCUOLA PRIMARIA di Fornace Direttive per la realizzazione della continuità educativa tra scuola dell infanzia

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO FREZZOTTI-CORRADINI SCUOLA DELL INFANZIA DI VIA QUARTO

Dettagli

REGISTRO DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO

REGISTRO DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO Scuola (denominazione) Indirizzo REGISTRO DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO ALUNNO CLASSE-SEZIONE MODULO/CLASSI ANNO SCOLASTICO / INDICE Intestazione Indice Agenda della scuola ai fini dell integrazione Operatori

Dettagli

http://www.ascuoladiguggenheim.it /home.php

http://www.ascuoladiguggenheim.it /home.php Arte come strategia educativa Segni e tracciati Un percorso sull arte del 900 http://www.ascuoladiguggenheim.it /work_details.php?id=187 http://www.ascuoladiguggenheim.it /home.php Arte come strategia

Dettagli

Quadro degli Interventi dell IC9 di Bologna per gli alunni con BES

Quadro degli Interventi dell IC9 di Bologna per gli alunni con BES Per ciascuna materia o ambito di studio sono state individuate le abilità e le conoscenze fondamentali che l allievo deve acquisire, affinché sia mantenuta la validità effettiva del corso di studi, ma

Dettagli

Allegato 10 INCLUSIONE L integrazione scolastica delle persone con Bisogni Educativi Speciali vede il nostro Paese in posizione di avanguardia rispetto agli altri e il supporto normativo sancisce in modo

Dettagli

PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE per un bambino di 3/4 anni

PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE per un bambino di 3/4 anni PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE per un bambino di 3/4 anni Profilo 3-4 anni Pagina 1 di 7 IL CORPO E IL MOVIMENTO IDENTITA CORPOREA Indica le parti fondamentali del corpo su

Dettagli

GRIGLIA DI RILEVAZIONE DEI PREREQUISITI IN INGRESSO PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI.

GRIGLIA DI RILEVAZIONE DEI PREREQUISITI IN INGRESSO PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. GRIGLIA DI RILEVAZIONE DEI PREREQUISITI IN INGRESSO PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. ALUNNO. ANNO SCOLASTICO.. CLASSE.. ABILITA PRESENTE EMERGENTE NON PRESENTE AUTONOMIA PERSONALE Si veste da solo Si sveste

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.)

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.) Integrazione Scolastica degli Alunni con Disabilità Istituzione Scolastica: PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.) di ANNO SCOLASTICO: Data compilazione: L insegnante coordinatore di classe: L insegnante/i

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

PEI. Annamaria PETITO

PEI. Annamaria PETITO PEI Annamaria PETITO 1 O.C. è un ragazzo di 19 anni, frequenta il 5 anno 5 del liceo socio-psico psico-pedagogico pedagogico di Foggia. E E affetto da una sindrome di Down con ritardo mentale medio-lieve.

Dettagli

attività preferite e desiderate

attività preferite e desiderate Esempio di Pei in cui l insegnante ha seguito le indicazioni di Dario Ianes: 1. ha iniziato dai bisogni educativi speciali del ragazzo (contrastare l aggressività e cominciare a parlare) 2. solo successivamente

Dettagli

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015 Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO Anno Scolastico 2014-2015 in uscita da tutti gli ordini di scuola PREMESSA 1) Riteniamo la COMPRENSIONE trasversale

Dettagli

Mappa delle attività e dei contenuti

Mappa delle attività e dei contenuti Prima Obiettivi di apprendimento ipotizzati Discipline Obiettivi di apprendimento * IT 1ᵃ - 2ᵃ 3ᵃ - 5ᵃ 6ᵃ - 7ᵃ 9ᵃ - 13ᵃ 14ᵃ - 15ᵃ 18ᵃ - 19ᵃ ING 1ᵃ - 3ᵃ 5ᵃ STO 3ᵃ - 4ᵃ 9ᵃ GEO 1ᵃ SC 1ᵃ - 4ᵃ 8ᵃ - 10ᵃ 10 b

Dettagli

I PROGETTI PROGETTO MUSICA

I PROGETTI PROGETTO MUSICA I PROGETTI I progetti di lavoro fanno parte dei programmi rivolti ai bambini da tre a sei anni. Progetto di lavoro per indicare gli studi approfonditi che, piccoli gruppi di bambini, portano avanti su

Dettagli

2 SEZIONE 4 ANNI. Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme

2 SEZIONE 4 ANNI. Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme 2 SEZIONE 4 ANNI CAMPO DI ESPERIENZA : IL SÉ E L ALTRO Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme Sviluppa il senso dell identità Accettazione positiva dell ambiente personale scuola (adulti,

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.)

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.) INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALBANELLA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Via Roma Tel. e Fax 0828/781120 e-mail saic887003@istruzione.it

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A BLA, BLA, BLA, ANNO SCOLASTICO 2008/2009 MOTIVAZIONE L età dei bambini della scuola dell infanzia è particolarmente feconda poiché, proprio in questo periodo, l interesse e la curiosità, se vengono alimentati,

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica Istituto Comprensivo di Battaglia Terme (PD) LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA La personalizzazione dell insegnamento Per realizzare il potenziamento delle competenze degli alunni rispetto alla situazione

Dettagli

Progetto educativo della Sezione primavera I cuccioli della San Vincenzo

Progetto educativo della Sezione primavera I cuccioli della San Vincenzo Progetto educativo della Sezione primavera I cuccioli della San Vincenzo Caratteristiche strutturali della scuola e della Sezione Primavera I cuccioli della San Vincenzo La scuola ha sede a Senigallia

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALITÀ EDUCATIVA DESCRITTORI DELLA IGIENE PERSONALE Intesa come gestione dei propri indumenti personali OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPORTAMENTI

Dettagli

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI.

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. CINEFORUM LABORATORIO DI CERAMICA LABORATORIO DI SCIENZE MOTORIE

Dettagli

per la classe/le classi

per la classe/le classi DIREZIONE DIDATTICA V CIRCOLO CHIOGGIA SCUOLA PRIMARIA B. CACCIN-DON MILANI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 CURRICOLO per la classe/le classi Docenti: Isabella Biasiato Elisabetta Boscolo Renato Oselladore 1^

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INSEGNANTI CURRICOLARI: DI BONAVENTURA LAURA MARAINI

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell infanzia Curriculum annuale Il se e l altro Contenuti Traguardi Giochi per imparare i nomi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIO POMODORO ORCIANO DI PESARO. PROGETTO: leggere

ISTITUTO COMPRENSIVO GIO POMODORO ORCIANO DI PESARO. PROGETTO: leggere ISTITUTO COMPRENSIVO GIO POMODORO ORCIANO DI PESARO Legger mente PROGETTO: leggere Prevenzione, potenziamento e sviluppo delle autonomie scolastiche nell apprendimento: dalla scuola dell infanzia alla

Dettagli

CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009

CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009 CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009 I Centri Ricreativi Estivi SPORT ESTATE 2009 si svolgeranno presso le nuove scuole medie di Saonara e le scuole elementari di Villatora. DESTINATARI: Tutti

Dettagli

PIANO EDUCATIVO PERSONALIZZATO A.S. 2014/2015

PIANO EDUCATIVO PERSONALIZZATO A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, UNIVERSITÀ E RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA LOMBARDIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI BERNAREGGIO PLESSO DI.. SCUOLA. VIA TEL/FAX. PIANO EDUCATIVO PERSONALIZZATO 2014/2015

Dettagli

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai. ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.it PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE GRANDI La sezione è composta da 21 bambini

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

Obiettivi di apprendimento Contenuti Tempi. formule di saluto

Obiettivi di apprendimento Contenuti Tempi. formule di saluto ISTITUTO COMPRENSIVO Da Vinci VILLAMASSARGIA PIANO DI STUDIO ANNUALE per le discipline Scuola Primaria - Scuola Secondaria di 1 grado - A.S. 2013-2014 Docente: Sais Marina Vincenza Scuola: Classe/i: 1

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

& ' ( () ( ' ) ) * ' ' ' () + +, -..( /0 + ) ) ) ' + +, ) ( ' -- + +'. + )+ " ' '. --' + ' +, 1 + 2 ' +

& ' ( () ( ' ) ) * ' ' ' () + +, -..( /0 + ) ) ) ' + +, ) ( ' -- + +'. + )+  ' '. --' + ' +, 1 + 2 ' + ! " # $% & ' ( () ( ' ) ) * ' ' ' () + +, -..( /0 + ) ) ) ' + + /0+ /0, ) ( ' -- + +'. + )+ " ' '. --' + ' +, 1 + 2 ' +,'' 1 +3 ',- ( + $4 44 ' ). #( +' % - --) + " ) + ' -- 5 ' 1 -- ( ( 1 - &-- 6, + -'

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA. Numeri e spazio, fenomeni e viventi (MATEMATICA)

LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA. Numeri e spazio, fenomeni e viventi (MATEMATICA) COMPETENZE EUROPEE INFANZIA CAMPO D ESPERIENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA E CONTENUTI LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA Numeri e spazio, fenomeni e viventi (MATEMATICA) Ha interiorizzato le nozioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE referente ins. MASCI LUANA 1 Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola

Dettagli

Istituto comprensivo. Publio Vibio Mariano. Via Vibio Mariano, 105 Roma. Educativo. Alunno classe. Scuola Plesso. Insegnante di sostegno

Istituto comprensivo. Publio Vibio Mariano. Via Vibio Mariano, 105 Roma. Educativo. Alunno classe. Scuola Plesso. Insegnante di sostegno Istituto comprensivo Publio Vibio Mariano Via Vibio Mariano, 105 Roma Progetto Educativo individualizzato Alunno classe Scuola Plesso Insegnante di sostegno Insegnanti di classe AEC Anno scolastico 20

Dettagli

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia Paola di Rosa Scuola Primaria San Giuseppe La vera educazione è apertura alla realtà nella sua ricchezza la scuola è

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SIANO VIA SPINELLI-84088 SIANO (SA) 081/5181021,081/5181355 C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DEGLI ALUNNI A RISCHIO BES E DSA

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DEGLI ALUNNI A RISCHIO BES E DSA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di CASAPESENNA SCUOLA DELL'INFANZIA GRIGLIA DI OSSERVAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DEGLI ALUNNI A RISCHIO BES E DSA ART. 3 comma 3 della Legge n. 170 del 2010: È compito della

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

PROGETTO. Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza. Titolo del progetto annuale 2015/ 2016. Giochiamo alla musica

PROGETTO. Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza. Titolo del progetto annuale 2015/ 2016. Giochiamo alla musica PROGETTO Istituto Comprensivo di San Stino di Livenza Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza Titolo del progetto annuale 2015/ 2016 Giochiamo alla musica Responsabile progetto:

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

Per l integrazione degli alunni in situazione di handicap ai sensi dell articolo 12L.104/92 Alunno: Classe: Sezione:

Per l integrazione degli alunni in situazione di handicap ai sensi dell articolo 12L.104/92 Alunno: Classe: Sezione: Per l integrazione degli alunni in situazione di handicap ai sensi dell articolo 2L.04/92 Alunno: Classe: Sezione: PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Anno Scolastico Circolo o Scuola Classe Sez. Tel. CURRICULUM

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO Piano Annuale per l Inclusione a.s.2015-2016 Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO OFFERTA FORMATIVA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO OFFERTA FORMATIVA 2015/2016 1 PREMESSA Come specificato nelle Nuove Indicazioni, la scuola primaria, insieme alla scuola secondaria

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO 4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO Il sistema scolastico deve essere efficace ed efficiente affinché l alunno raggiunga il successo formativo e sia in grado di decodificare ed interagire in modo

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA ISTITUTO COMPRENSIVO CARLOFORTE ANNO SCOLASTICO

SEZIONE PRIMAVERA ISTITUTO COMPRENSIVO CARLOFORTE ANNO SCOLASTICO PIANO DI LAVORO SEZIONE PRIMAVERA ISTITUTO COMPRENSIVO CARLOFORTE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA DELL'INFANZIA Statale Via Portopaglia 09014 Carloforte (CI) Tel. 0781 856501 1. INTRODUZIONE Il Piano

Dettagli

TRACCIA PER L ELABORAZIONE DEL PROGRAMMA EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO PER GLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP

TRACCIA PER L ELABORAZIONE DEL PROGRAMMA EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO PER GLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP TRACCIA PER L ELABORAZIONE DEL PROGRAMMA EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO PER GLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP 1) DATI RELATIVI ALLA FAMIGLIA Al fine di accogliere il maggior numero di informazioni sarà

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO CURRICOLO DI INGLESE elaborato dai docenti di scuola primaria Coordinatore Ins. Antonella Guerrini Nuclei fondanti Obiettivi di Obiettivi minimi di Comprendere singole

Dettagli

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio Relazione finale di Sonia Graziotto Migliorare la qualità dell insegnamento, avvalendosi delle

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE PROGETTAZIONE PERIODO: Settembre - Ottobre COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: competenze sociali e civiche comunicazione nella madrelingua imparare ad imparare

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011 GRIGLIA IPDA LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. Art. 2 Finalità f) favorire la diagnosi precoce e percorsi didattici riabilitativi;

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA V CIRCOLO CHIOGGIA. Anno Scolastico 2010-2011 CURRICOLO. per la classe/le classi. 2 A-B-C-D ( B. Caccin ) 2^ tp ( D.

DIREZIONE DIDATTICA V CIRCOLO CHIOGGIA. Anno Scolastico 2010-2011 CURRICOLO. per la classe/le classi. 2 A-B-C-D ( B. Caccin ) 2^ tp ( D. DIREZIONE DIDATTICA V CIRCOLO CHIOGGIA SCUOLA PRIMARIA_ B. CACCIN - DON MILANI Anno Scolastico 2010-2011 CURRICOLO per la classe/le classi 2 A-B-C-D ( B. Caccin ) 2^ tp ( D.Milani ) Docenti: Biasiato Isabella,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

LABORATORI POMERIDIANI PER I BAMBINI DI 5 ANNI

LABORATORI POMERIDIANI PER I BAMBINI DI 5 ANNI SCUOLA DELL INFANZIA STATALE MONUMENTO AI CADUTI CASSOLNOVO A. S. 2015-2016 LABORATORI POMERIDIANI PER I BAMBINI DI 5 ANNI Il laboratorio è una metodologia didattica che nasce, si sviluppa e si concretizza

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO 1

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO 1 Anno scolastico:. Classe sez.. n. alunni:. Alunno:... Consiglio di Classe: NOME MATERIA DATI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia Istituto Comprensivo di Sedegliano Tutti a scuola Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia gennaio 2009 Presentazione Istituto Comprensivo di Sedegliano Questo opuscolo contiene alcune informazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Ugo Betti - Piano dell Offerta Formativa

Istituto Comprensivo Ugo Betti - Piano dell Offerta Formativa SCUOLA DELL INFANZIA Dimensione didattico - pedagogica La scuola dell infanzia, liberamente scelta dalle famiglie, si rivolge a tutti i bambini dai 2,5 ai 6 anni di età ed è la risposta al loro diritto

Dettagli

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico Capitolo 14 - Sostegno Scolastico 14.1 Il diritto all istruzione Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa nazionale vigente, attraverso l integrazione scolastica,

Dettagli

Istituto di istruzione superiore Leonardo da Vinci Umbertide PROGETTO I CARE. Insieme per abbracciare la realtà

Istituto di istruzione superiore Leonardo da Vinci Umbertide PROGETTO I CARE. Insieme per abbracciare la realtà Istituto di istruzione superiore Leonardo da Vinci Umbertide PROGETTO I CARE Insieme per abbracciare la realtà RICERCA AZIONE: insieme per abbracciare la realtà Presentazione Antonio è un ragazzo di 17

Dettagli

Vademecum dell insegnante di sostegno a.s. 2015-16

Vademecum dell insegnante di sostegno a.s. 2015-16 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI GROSOTTO 23034 GROSOTTO (SO) - Via Roma, 4 Tel.0342/887192 c.f.: 92016170141 SOIC807005@istruzione.it sito: www.icgrosotto.gov.it Prot.n.5700/C27

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Formattato: Rientro: Sinistro: 0 cm, Prima riga: 0 cm CM n.24/2006; Direttiva MIUR del 27.12.2012; CM n.8/2013 Intestazione

Dettagli

QUESTIONARIO PRIMO COLLOQUIO CON I GENITORI Scuola Primaria Secondaria di 1 e 2 grado. Data Insegnante

QUESTIONARIO PRIMO COLLOQUIO CON I GENITORI Scuola Primaria Secondaria di 1 e 2 grado. Data Insegnante QUESTIONARIO PRIMO COLLOQUIO CON I GENITORI Scuola Primaria Secondaria di 1 e 2 grado Data Insegnante Genitore/i compilatore/i Alunno Nome Data di nascita Scuola di provenienza Cognome Età (anni e mesi

Dettagli

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012)

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012) LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Filastrocche / Canzoni / Giochi di Total Physical Response (TPR) Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE CON PINOCCHIO PER IMPARARE A STARE INSIEME PRODOTTI LIBRICINO COMPETENZE CHIAVE/COMPETENZE CULTURALI EVIDENZE OSSERVABILI Italiano -Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

Progetto Accoglienza. Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense

Progetto Accoglienza. Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense Progetto Accoglienza 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! P R E M E S S A I primi giorni di scuola segnano

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI EDOLO CURRICOLO DI LINGUA INGLESE - SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA. Conoscere alcuni vocaboli in inglese di uso comune.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI EDOLO CURRICOLO DI LINGUA INGLESE - SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA. Conoscere alcuni vocaboli in inglese di uso comune. ISTITUTO COMPRENSIVO DI EDOLO CURRICOLO DI LINGUA INGLESE - SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA NUCLEO FONDANTE COMPETENZE ATTESE CONOSCENZE E ABILITA' AMBIENTE DI APPRENDIMENTO (Quadro Comune Riferimento Europeo)

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA PROGETTAZIONE EDUCATIVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA

SCUOLA PRIMARIA PROGETTAZIONE EDUCATIVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA La scuola Primaria si propone di introdurre i bambini nel mondo della conoscenza, maturando in ciascuno la capacità di esprimere le proprie esperienze attraverso la lettura, la scrittura,

Dettagli

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina di riferimento LINGUA INGLESE Obiettivi formativi Competenze europee

Dettagli

LA SCUOLA PRIMARIA. Le parole insegnano, gli esempi trascinano solo i fatti danno credibilità alle parole. Sant Agostino

LA SCUOLA PRIMARIA. Le parole insegnano, gli esempi trascinano solo i fatti danno credibilità alle parole. Sant Agostino LA SCUOLA PRIMARIA Le parole insegnano, gli esempi trascinano solo i fatti danno credibilità alle parole. Sant Agostino 1 Istituto Comprensivo Savignano sul Panaro PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2014-2015

Dettagli

PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO

PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MARIA MATER MEA VIA PUSIANO, 57 MILANO Tel. 02/2722141 Fax 02/2722143 e-mail. Mariamatermea@ libero.it PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO Questo progetto

Dettagli